Castiglione delle Stiviere (Mn)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Castiglione delle Stiviere (Mn)"

Transcript

1 Castiglione delle Stiviere (Mn)

2 Sommario 1 Piano dell Offerta Formativa pag. 3 2 Storia pag. 4 3 Contesto pag. 8 4 Mission pag Indirizzi pag Ampliamento dell offerta formativa pag Risorse umane Formazione pag Risorse strutturali pag Valutazione pag La scuola in rete pag. 52 ~ 2 ~

3 Il Piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell ambito della loro autonomia. (art.3 DPR 275/99 link) Il POF è coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi e indirizzi di studi (art.2 DPR 275/99) e con le Indicazioni nazionali ( riferimenti normativi) periodicamente aggiornate, riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento. Esso riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale, tenendo conto della programmazione territoriale dell offerta formativa. ~ 3 ~

4 Storia dell Istituto Francesco Gonzaga La secolare tradizione di Castiglione-Città degli studi 1 affonda le proprie radici nella presenza della Compagnia di Gesù. La città che aveva dato i natali a Luigi Gonzaga, beneficiò dell intenso programma educativo promosso dai Gesuiti nel A partire dal 1608 Castiglione delle Stiviere vide realizzarsi, accanto alla chiesa dedicata all allora Beato Luigi, il Collegio delle Vergini di Gesù e il Collegio dei Padri Gesuiti. La solidità dell impianto dei corsi di studi e l alto profilo professionale dei docenti consentirono alla città di divenire un punto di riferimento per le istituzioni scolastiche e culturali di un vasto territorio. Il Collegio dei Padri Gesuiti rimase attivo fino al decreto pontificio di scioglimento della Compagnia che nel 1775 vide l allontanamento da Castiglione dei Gesuiti e la dispersione del patrimonio della biblioteca del Collegio. Dopo la proclamazione del Regno d Italia venne istituito nel 1880 il Ginnasio, con annesse le scuole tecniche (prima denominate Regia scuola tecnica e successivamente trasformate nella Scuola d avviamento professionale ). 1 La definizione appartiene a Manlio Paganella, autore del saggio Istituto di Istruzione Superiore Francesco Gonzaga Profilo storico di Castiglione dai Gesuiti ai laboratori informatici, edito nel Dicembre 2011 a cura dello stesso IIS Gonzaga. A tale approfondimento si rimanda per un dettagliato excursus delle Istituzioni scolastiche dal 1600 ai giorni nostri 2 E di quest anno la Ratio atque Institutio Studiorum Societatis Iesu, documento che formalmente stabilì delle regole relativamente alla formazione dei gesuiti. ~ 4 ~

5 Il Ginnasio inizia l attività didattica a partire dall a.s e nel 1892 ottiene il pareggiamento da parte del Ministero. Con l a.s i corsi furono estesi al triennio liceale e il nuovo ginnasio-liceo venne intitolato a Giuseppe Bellini e Alceo Pastore che avevano promosso la rinascita degli studi umanistici a Castiglione. La sede storica fu quella dell ex Collegio dei Gesuiti. Dopo aver registrato, negli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, una crescita progressiva nel prestigio e nella quantità degli iscritti, il Ginnasio-Liceo registrò, nei decenni successivi, una flessione quantitativa dovuta all ampliamento esterno dell offerta scolastica e alla liberalizzazione dell accesso universitario. ~ 5 ~

6 Nell anno scolastico era stato infatti istituito, quale sede distaccata del Belfiore di Mantova, il Liceo Scientifico di Castiglione delle Stiviere la cui sede fu posta, fin dall inizio, nel Palazzo Zappaglia in via Zanardelli. Dopo un decennio, con decreto del Presidente della Repubblica del 20 agosto del 1980, il Liceo Scientifico divenne autonomo e scelse, qualche anno più tardi, di intitolarsi alla scienziata Marie Curie, unica donna insignita di due Nobel (per le fisica nel 1903 e per la chimica nel 1911). A metà degli anni Ottanta maturò sempre più la convinzione sia della necessità di trovare una nuova sistemazione edilizia per il Liceo Scientifico (in forte crescita) sia dell opportunità di unire le forze delle due Istituzioni. La Legge Falcucci del 1984 e il favore dell Amministrazione provinciale contribuirono a creare un terreno fertile per la fusione dei Licei Bellini-Pastore e Curie in un unico Istituto di Istruzione Superiore e per la realizzazione del progetto edilizio di una nuova sede. L anno scolastico vide l aggregazione del Liceo Classico e dello Scientifico, mentre il trasloco nella nuova sede di via Lodrini, 32 si realizzò durante le vacanze del Natale Il neonato Istituto Superiore, nel primo Collegio Docenti del 1993, scelse di darsi il nome di Francesco Gonzaga in omaggio al fatto che il primo Principe del casato gonzaghesco castiglionese era ~ 6 ~

7 stato anche il primo promotore della tradizione scolastica castiglionese. Inizia così la storia più recente del Gonzaga durante la quale si può individuare, quale linea direttiva, la costante attenzione dell Istituzione ad adeguare l offerta formativa alle esigenze dei tempi e del territorio. In questa direzione deve collocarsi l istituzione dell Istituto Tecnico Commerciale con indirizzo Ragioneria. Risponde poi all esigenza di un adeguamento alle direttive europee, l istituzione nell anno scolastico dell indirizzo Linguistico. Da notare infine che per alcuni anni dall a.s al 2000 l Istituto Statale D Arte di Guidizzolo diventò sezione distaccata del Gonzaga. Dall a.s , nell ottica del nuovo ordinamento, hanno inizio i Licei delle Scienze Applicate e delle Scienze Umane e prendono corpo all interno dell Istituto tecnico gli indirizzi di Costruzione-Ambiente-Territorio e del Turismo che si aggiungono ad Amministrazione, Finanza e Marketing e all articolazione di Sistemi Informativi Aziendali. ~ 7 ~

8 CASTIGLIONE E L ALTO MANTOVANO Il contesto territoriale Il Comune di Castiglione delle Stiviere, situato nel territorio delle Colline Moreniche Gardesane, si trova ai confini delle tre province di Mantova, Brescia e Verona e delle due regioni Lombardia e Veneto. Mentre fino agli anni Cinquanta del secolo scorso la popolazione lavorativa era impiegata principalmente nei settori serico, agro-alimentare e ospedaliero-sanitario, dagli anni Sessanta la felice posizione geografica lungo l asse Milano- Venezia, le agevolazioni economiche favorevoli agli insediamenti produttivi e la presenza di vari indirizzi di scuole superiori indussero varie attività, diversificate nella produzione, a scegliere l alto mantovano quale sede di centri artigianali e industriali: ~ 8 ~

9 iniziò un significativo sviluppo economico per Castiglione che si pose alla guida di uno dei poli economici principali del mantovano. Nel passato e anche nell attuale fase recessiva, le crisi che hanno investito diversi settori hanno toccato in maniera marginale il territorio castiglionese, caratterizzato da una elevata diversificazione delle imprese. E avvenuto così che l economia plurisettoriale castiglionese, oltre a conoscere fino ad oggi un processo evolutivo senza grosse fratture, ha promosso anche una molteplicità di relazioni con differenti identità territoriali, amministrative e produttive. Tra le principali indichiamo i sistemi economici di Brescia, Verona e Mantova, il distretto della calza di Castel Goffredo, l agroindustria della bassa pianura lombarda, il sistema turistico gardesano. Dagli anni 70 la solidità del settore industriale trainante e lo sviluppo di un indotto di notevole ampiezza hanno generato significativi fenomeni immigratori sia di operai sia di quadri dirigenziali. Da quest ultimo punto di vista emerge il doppio riscontro dell alto livello di specializzazione in alcuni settori accanto all alto numero di laureati (nel 2005 erano a Castiglione il 6,39 % rispetto al 4,59 % dell alto mantovano e al 6,05 % di Mantova). Dai 8815 abitanti del 1961 ai abitanti del 31 dicembre 2011 la popolazione è aumentata di quasi il 60 % e parallelamente è cresciuta la popolazione scolastica degli Istituti Superiori che hanno attinto sia dal bacino dell alto mantovano che della bassa bresciana. ~ 9 ~

10 Grafico Popolazione di Castiglione d/stiviere Sul piano della politica scolastica incidono le caratteristiche delle identità produttive (quali la diversificazione settoriale, l ampia rete -nazionale ed europea- di relazioni, la necessità di formazione sia di quadri impiegatizi che di più alto livello, ecc.) e le peculiarità dell identità culturale castiglionese e dell alto mantovano. Vale la pena sottolineare, da questo punto di vista, il doppio binario sul quale tendono a muoversi le istituzioni culturali: un primo binario si ripromette di tutelare (e rafforzare) l identità culturale locale, un secondo binario pone costante attenzione all integrazione di culture non autoctone ma numericamente ben rappresentate nel territorio. La tradizione culturale locale si fonda, da una parte, sull eredità aloisiana con il patrimonio religioso-culturale legato a San Luigi Gonzaga e alla presenza dei gesuiti, dall altra nell idea della Croce Rossa, avendo Castiglione ospitato il suo fondatore, Henry Dunant, ed essendo divenuta la sede del suo Museo ~ 10 ~

11 Internazionale. Questa forte identità locale deve coniugarsi con un ampia parte della popolazione la cui presenza in loco non va oltre la seconda generazione e in cui si trovano a convivere una settantina di etnie (gli stranieri residenti nel comune raggiungono il 20,6 % della popolazione). L Istituto Francesco Gonzaga si trova, quindi, al centro di una realtà complessa e articolata. Per fornire agli studenti gli strumenti atti a muoversi adeguatamente in questa realtà, non basta affidarsi ad un sapere nozionistico ma è necessario raggiungere competenze diversificate, offrire percorsi concreti di inserimento in un mondo lavorativo e produttivo in evoluzione, affiancare le altre istituzioni culturali e sociali per promuovere la crescita globale, culturale e professionale, della persona. Tabella Popolazione scolastica TIPI DI SCUOLA 2008/ / / / /2013 Primaria. C. Battisti Primaria Belvedere Primaria S.Pietro Primaria Gozzolina Secondaria di I P.C. Beschi Secondaria di I Don Milani Liceo Classico Liceo Scientifico Liceo Linguistico Ist. Tec. Commerciale IGEA Ist. Tec. Comm. MERCURIO Ist. Tec. Ec. Ammin. Finanza e Marketing Ist. Tec. Sett. Econom. Turismo Liceo Scient. Opzione Scienze Applicate Liceo Scienze Umane Istituto Tecnico Sett. Tecnologico Costruzioni- Ambiente- Territorio Istituto Tecnico Sett. Ec. Sistemi 23 Informativi Totale ~ 11 ~

12 La Mission La Mission dell Istituto Gonzaga è di integrare la vocazione umanistica e scientifica che tradizionalmente caratterizza le antiche istituzioni scolastiche castiglionesi con i saperi linguistici e tecnici, per rispondere con un offerta formativa plurale alla pluralità delle intelligenze e delle culture diffuse nelle giovani generazioni e alle sollecitazioni di un contesto socio- economico articolato e dinamico. ~ 12 ~

13 GLI INDIRIZZI Le indicazioni nazionali per le diverse discipline vengono tradotte in percorsi curriculari deliberati e periodicamente aggiornati dal Collegio Docenti, su proposta delle commissioni dipartimentali. Sul sito dell Istituto sono pubblicati i percorsi curriculari adottati contestualmente all introduzione della riforma (a.s ). ~ 13 ~

14 LICEI: INDIRIZZO CLASSICO CLASSE I II III IV V MATERIA ITALIANO LATINO GRECO INGLESE STORIA E GEOGRAFIA STORIA FILOSOFIA MATEMATICA* FISICA SCIENZE ** ST. d. ARTE SC. MOTORIE RELIGIONE/AA TOT. ORE * con informatica al primo biennio ** Biologia, Chimica, Scienze della Terra NB. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori. Il percorso del LICEO CLASSICO è indirizzato allo studio della civiltà classica e umanistica. Favorisce una formazione letteraria, storica e filosofica idonea a comprenderne il ruolo nello sviluppo della civiltà e della tradizione occidentali e nel mondo contemporaneo sotto un profilo simbolico, antropologico e di confronto di valori. Favorisce l acquisizione dei metodi propri degli studi classici e umanistici in un quadro culturale che, riservando attenzione anche alle scienze matematiche, fisiche e naturali, consente di cogliere le intersezioni fra i saperi e di rielaborare una visione problematica e critica della realtà. ~ 14 ~

15 LICEI: INDIRIZZO SCIENZE UMANE MATERIA CLASSE I II III IV V ITALIANO LATINO INGLESE STORIA E GEOGRAFIA STORIA FILOSOFIA SCIENZE UMANE * DIRITTO E ECONOMIA MATEMAT.** FISICA SCIENZE *** ST. ARTE SC. MOTORIE RELIGIONE/AA TOT. ORE * Antropologia, Pedagogia,Psicologia e Sociologia ** con Informatica al primo biennio *** Biologia, Chimica, Scienze della Terra NB. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori. Il percorso del liceo delle SCIENZE UMANE è indirizzato allo studio delle teorie esplicative dei fenomeni collegati alla costruzione dell identità personale e delle relazioni umane e sociali. Guida lo studente a sviluppare conoscenze e abilità e a maturare le competenze necessarie per cogliere la complessità e la specificità dei processi formativi. Assicura la padronanza dei linguaggi, delle metodologie e delle tecniche di indagine nel campo delle scienze umane. ~ 15 ~

16 LICEI: INDIRIZZO LINGUISTICO MATERIA CLASSE I II III IV V ITALIANO LATINO LINGUA * STRANIERA 1 LINGUA * STRANIERA 2 LINGUA * STRANIERA 3 STORIA E GEOGRAFIA STORIA FILOSOFIA MATEMAT. ** FISICA SCIENZE *** STORIA ARTE SC. MOTORIE RELIG./ATT.A TOT. ORE * Sono comprese 33 ore annuali di conversazione con docente di madrelingua ** con Informatica al primo biennio *** Biologia, Chimica, Scienze della Terra NB: dal primo anno del secondo biennio è previsto l insegnamento in lingua straniera di una disciplina non linguistica. Dal secondo anno del secondo biennio è previsto l insegnamento, in una diversa lingua straniera, di una disciplina non linguistica. PROFILO IN USCITA DELL ALUNNO Il percorso, indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali, consente di acquisire la padronanza comunicativa di tre lingue oltre l italiano e di comprendere criticamente l identità storica e culturale di tradizioni e civiltà diverse. ~ 16 ~

17 LICEI: INDIRIZZO SCIENTIFICO CLASSE I II III IV V MATERIA ITALIANO LATINO INGLESE STORIA E GEOGRAFIA STORIA FILOSOFIA MATEMAT.* FISICA SCIENZE ** DISEGNO ST. d. ARTE SC. MOTORIE RELIG/ATT.A TOT. ORE * con Informatica al primo biennio ** Biologia, Chimica, Scienze della Terra NB. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori. Il percorso del LICEO SCIENTIFICO è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Promuove la maturazione delle competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica, per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale. ~ 17 ~

18 LICEI: INDIRIZZO SCIENTIFICO opzione Scienze Applicate CLASSE I II III IV V MATERIA ITALIANO INGLESE STORIA E GEOGRAFIA STORIA FILOSOFIA MATEMATICA INFORMATIC FISICA SCIENZE * DIS/ST. ARTE SC. MOTORIE RELIG./ATT.A TOT. ORE * Biologia, Chimica, Scienze della Terra NB. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori. L opzione SCIENZE APPLICATE fornisce allo studente competenze particolarmente avanzate negli studi afferenti alla cultura scientifico-tecnologica, con particolare riferimento alle scienze matematiche, fisiche, chimiche, biologiche, all informatica e alle loro applicazioni ~ 18 ~

19 ISTITUTI TECNICI settore economico AMMINISTRAZIONE-FINANZA-MARKETING MATERIA CLASSE I II III IV V ITALIANO INGLESE LINGUA STORIA MATEMATICA DIRITTO ECONOMIA SCIENZE INTEGRATE * FISICA CHIMICA GEOGRAFIA INFORMATICA EC.AZIENDAL DIRITTTO ECONOMIA POLITICA SC. MOTORIE RELIG./ATT.A TOT. ORE * Scienze della Terra e Biologia PROFILO IN USCITA DELL ALUNNO Il diplomato in AMMINISTRAZIONE,FINANZA, MARKETING ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali e internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali, degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze specifiche con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema operativo dell azienda e per migliorarne l ambito organizzativo e tecnologico. ~ 19 ~

20 MATERIA ISTITUTI TECNICI settore economico SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CLASSE I II III IV V ITALIANO INGLESE LINGUA STORIA MATEMAT ** 3** 3** DIRITTO ECONOMIA SCIENZE INTEGRATE * FISICA CHIMICA GEOGRAFIA INFORMATIC EC.AZIEND DIRITTTO ECONOMIA POLITICA SC. MOTORIE RELIG/ATT.A TOT. ORE * Scienze della Terra e Biologia ** E prevista la compresenza con l insegnante tecnico-pratico per l attività di laboratorio PROFILO IN USCITA DELL ALUNNO Il profilo del diplomato in AMMINISTRAZIONE, FINANZA, MARKETING -articolazione Sistemi informativi aziendali -, si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. ~ 20 ~

21 ISTITUTI TECNICI settore economico TURISMO CLASSE I II III IV V MATERIA * Scienze della Terra e Biologia ITALIANO INGLESE LINGUA COM LINGUA STORIA GEOGRAFIA MATEMATICA FISICA 2 CHIMICA 2 INFORMATICA 2 2 ECONOMIA AZIENDALE 2 2 DIRITTO ECONOMIA 2 2 DIRITTO LEGISLAZIONE TURISTICA SCIENZE INTEGRATE * 2 2 DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI PROFILO IN USCITA DELL ALUNNO GEOGRAFIA TURISTICA ARTE e TERRIT SC. MOTORIE RELIG./ ATT.A TOT. ORE Il diplomato in TURISMO ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico e competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali e internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali. Interviene nella valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, artistico ed ambientale. Integra le competenze specifiche con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda turistica. ~ 21 ~

22 MATERIA * Scienze della Terra e Biologia ISTITUTI TECNICO settore tecnologico COSTRUZIONI-AMBIENTE-TERRITORIO CLASSE I II III IV V ITALIANO INGLESE STORIA MATEMAT COMPLEMENTI MATEMATICA 1 1 SCIENZE INTEGRATE * 2 2 FISICA 3 3 CHIMICA 3 3 DIRITTO ECONOMIA TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZ GRAFICA TECNOLOGIE INFORMATICHE 3** - SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE 3 GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA PROGETTAZ. COSTRUZIONI GEOPEDOLOGIA ECONOMIA ESTIMO TOPOGRAFIA SC. MOTORIE RELIG./ATT.A TOT. ORE ** E prevista la compresenza con l insegnante tecnico-pratico per l attività di laboratorio PROFILO IN USCITA DELL ALUNNO Il diplomato in Costruzioni, Ambiente e Territorio ha competenze nel campo dei materiali, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie di costruzioni, nell impiego degli strumenti per il rilievo, nell uso dei mezzi informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo, nella valutazione tecnica ed economica dei beni del territorio. Possiede competenze grafiche e progettuali, di stima di terreni e fabbricati con le connesse operazioni catastali, di amministrazione di immobili. ~ 22 ~

23 Ampliamento dell Offerta formativa Progetti finalizzati all approfondimento di tematiche curriculari e/o rispondenti ad interessi specifici degli studenti N REFERENTE NOME PROGETTO CLASSE/I 1 ANGHINONI corso di photoshop varie classi 2 ARTONI giardino varie classi 3 ARTONI storia e critica del cinema tutte le classi 4 ARTONI ciack your time concorso video opzionale 5 BONOMINI orientamento e alternanza scuola-lavoro e business game triennio 6 BONOMINI -PINI principi base di economia aziendale classi quinte 7 CARNEVALI viaggi d istruzione e visite guidate tutte le classi 8 CAVALLARIN progetto biblioteca grup.di interes. 9 CAVALLARIN progetto teatro 2012/2013 tutte le classi 10 DI CLAUDIO progetto teatro-musica tutte le classi 11 FRANCESCHETTI orientamento alunni classi seconde itc itc 12 FROLDI - NICOLOSI orientamento in uscita per l a.s quarte e quinte 13 GRANDI scienze motorie in inglese terze liceo 14 GUIDUCCI bancarella del libro di testo usato 15 GUIDUCCI progetto patentino classi prime 16 LEGGERI progetto martina classi quarte 17 LEGGERI la mia vita in te triennio 18 LEGGERI educazione alimentare varie classi 19 LEGGERI croce rossa italiana prime e terze 20 LEGGERI intervento di educazione sanitaria e di prevenzione sull uso di sostanze classi seconde 21 MANTI percorsi di geografia umana biennio 22 MOROCUTTI concorso goethe institut classe quarta a r 23 NICOLOSI quotidiano in classe classi varie 24 PASETTI progetto lingue grup.di interes. 25 PERONI leggere la poesia cl seconde 26 POLIMENO - TURGANTI qualificazione laboratorio di fisica 27 ROSSI concorso letterario opzionale 28 SIGURTA' progetto stage 1 e 2 29 SPITTI soggiorno studio opzionale 30 SPITTI certificazione linguistica opzionale 31 TONELLI la grecia antica e moderna grup.di interes. 32 TONELLI orientamento in entrata alunni medie ~ 23 ~

24 RISORSE UMANE Personale docente Docenti 84 Docenti a tempo pieno 50 Docenti a tempo parziale (part-time o scavalco con altri istituti) 34 Personale ATA DSGA 1 Assistenti Amministrativi 6 Assistenti Tecnici 3 Collaboratori Scolastici 11 Studenti n complessivo studenti 780 n classi 35 ~ 24 ~

25 FUNZIONIGRAMMA Coordinatori di Dipartimento Funzioni Strumentali Collegio Docenti Comitato di Valutazione Comitato Tecnico- Scientifico Responsabili di Progetto Consigli di Classe Dirigente Scolastico Prof. Fabrizio Quadrani Collaboratori del DS Coordinatori di classe + verbalizzatori Direttore Servizi Amministrativi Staff di Presidenza Consiglio di Istituto Collaboratori Scolastici Staff Tecnico Amministrativo Giunta Esecutiva ~ 25 ~

26 Direttore Servizi Gestione Amministrativa (DSGA) Staff Cura la parte amministrativa e coordina il servizio del personale ATA Provvede alla esecuzione delle delibere degli organi collegiali Elabora progetti per la funzionalità dei servizi amministrativi Cura l'attività istruttoria relativa alla stipulazione di accordi, contratti e convenzioni con enti e soggetti esterni Personale ATA : supporta a vari livelli tutte le attività dell Istituto consentendone il regolare svolgimento Segreteria Coordina il personale per ottimizzare la presenza in base alle esigenze dell Istituto Consente la pianificazione delle attività, fornendo supporto a livello contabile e ne esegue le rendicontazione Affianca e coadiuva i docenti nell organizzazione della vita scolastica per tutto quello che riguarda il rapporto con gli alunni Personale assistente tecnico Collabora col personale docente anche nell ambito di molte attività e progetti e garantisce le soluzioni dei tanti problemi ed inconvenienti tecnici che quotidianamente si presentano Collaboratori scolastici Garantiscono la sorveglianza anche durante le attività pomeridiane, rendendo al tempo stesso fruibili i locali necessari al loro svolgimento ~ 26 ~

27 FORMAZIONE L Istituto organizza ogni anno attività di formazione del personale docente che si svolgono in sede e sono finalizzate a fornire occasioni di approfondimento dei saperi disciplinari o di abilità connesse alla didattica, nonché di ampliamento di esperienze in materia di sicurezza, nuove tecnologie, educazione alla cittadinanza e alla salute. Per l a.s sono previsti i seguenti corsi di formazione: Abilità di studio e strategie metacognitive organizzato e realizzato dal Centro Studi Erickson, della durata di 12 ore. Adeguamento alle nuove normative in materia di sicurezza. I docenti, inoltre, sono impegnati in attività di autoformazione attraverso corsi on line o partecipazione ad incontri e/o attività attinenti al loro ambito disciplinare. ~ 27 ~

28 ORGANIGRAMMA DIRIGENTE SCOLASTICO COLLABORATORI DEL DS STAFF DI DIRIGENZA DSGA Orientamento in entrata Orientamento in uscita Integrazione alunni stranieri Supporto alla partecipazione studentesca ed educazione alla cittadinanza e alla legalità: PROF. FABRIZIO QUADRANI PROF. BRUNO CAVALLARIN (vicario) PROF. ROBERTO CASARI DS PROF. FABRIZIO QUADRANI, COLLABORATORI DEL DS, PROF.SSA MARTA FRANCESCHETTI BARBARA DALL OMO FUNZIONI STRUMENTALI Prof.ssa Nadia Tonelli proff.sse M. Carla Nicolosi e Laura Froldi Prof.ssa Fiammetta Costanzo proff. Giuseppe Artoni prof. Angelo Di Francesco Gestione Registro Elettronico, Dominio e Prof.ssa Leontina Di Claudio Sito Valutazione (1/2 funzione): prof.ssa Roberta Grandi Viaggi di Istruzione (1/2 funzione) Prof.ssa Nadia Carnevali INCARICHI Coordinamento ITC Prof.ssa Marta Franceschetti Lingue 2000 Prof.ssa Carla Pasetti COORDINATORI DI DIPARTIMENTO Lettere Prof. Pier Vittorio Rossi Lingue Straniere Prof. Roberto Casari Matematica & Fisica Prof.ssa Ada Gallina Scienze & Chimica Prof. Emanuele Menegardi Storia e Filosofia Prof.ssa Giuliana Confalonieri Scienze Motorie Prof.ssa Daniela Guiducci Economia Aziendale, Diritto e Geografia Prof.ssa Mirella Bonomini Matematica Applicata e Informatica Prof. Cornelio Terreni Sostegno Prof.ssa Leontina Di Claudio I.R.C. Prof. Giuseppe Artoni COORDINATORI DI CLASSE CLASSE COORDINATORE SEGRET. VERBALIZZATORE 1FM GIANFRANCO TURGANTI MAURIZIO BOLZONI 2FM GIOVANNA MENOZZI ENNIO COTTI 3FM GABRIELLA PINI MARIATERESA MOROCUTTI 4AR CORNELIO TERRENI ILARIA PERONI 5AR MARTA FRANCESCHETTI DANIELA BIN 1TU DANIELA GUIDUCCI CRISTINA REMELLI 2TU PAOLA LEGGERI GIORDANO FORNASARI 3SI EBE ZANI BARBARA SECCHI 4BR CARLA SIGURTA DAVIDE ARCARI 5BR MIRELLA BONOMINI FULVIO LEONE 1CA/SI LAURA FROLDI ROBERTO BERLATO ~ 28 ~

29 2CA/FB ENRICA GUIDETTI FULVIO LEONE 1AN LAURA DESTRO GIUSEPPINA LUDINI 2AN LAURA DESTRO ADELE PIAZZA 3AN ANGELA POLIMENO MARIA GRAZIA PEZZINI 4AN ADA GALLINA CARLO BUFFOLI 5AN PAOLA MARI GIULIANA CONFALONIERI 1SA EMANUELE MENEGARDI CINZIA ANGHINONI 2SA NADIA CARNEVALI EMANUELE MENEGARDI 3SA SERAFINA LA MATTINA SARA FELICETTI 1SU SARA FELICETTI FIAMMETTA COSTANZO 2SU MADDALENA CAVALIERI GIOVANNI CANTADORI 3SU MARIA CARLA NICOLOSI GRAZIELLA BELLINI 4CI MARISA ARIETI ROBERTA GRANDI 5CI ROBERTA GRANDI ROBERTO CASARI 1LC CATERINA MANTI NADIA TONELLI 2LC NADIA TONELLI CATERINA MANTI 3LC GIULIANA CONFALONIERI LAURA FROLDI 4LC GRAZIELLA BELLINI ANGELO POLIMENO 5LC PIERVITTORIO ROSSI ARMANDO TRAZZI 1AL PATRIZIA SPITTI GIANFRANCO TURGANTI 2AL FIAMMETTA COSTANZO MARIATERESA MOROCUTTI 3AL CARLA PASETTI ANTONELLA LORENTI 4AL ANNA DEROBERTIS FAUSTO PIERRI 5AL BRUNO CAVALLARIN MARIA GRAZIA PEZZINI Responsabili dei laboratori Laboratorio di Fisica Prof. Carlo Buffoli Laboratorio di Informatica Prof.ssa Barbara Secchi Laboratorio di Chimica Prof. Emanuele Menegardi Biblioteca di Istituto Prof. Bruno Cavallarin Commissione Accoglienza Commissione pausa didattica Commissione POF COMMISSIONI Proff. Casari, Tonelli, Destro, Manti, Costanzo, Prati, Menozzi, Peroni, Froldi Dirigente Scolastico, proff. Cavallarin, Casari, Franceschetti, Grandi, Di Claudio, Artoni. DS, Collaboratori DS, proff.sse Franceschetti, Grandi, Pasetti, Tonelli. Commissione per la formazione Commissione per l educazione alla legalità Commissione viaggi Commissione elettorale Comitato di Valutazione proff. Roberta Grandi e Nadia Tonelli proff. Giuliana Confalonieri e Carla Sigurtà Prof.ssa Nadia Carnevali, Barbara Dall Omo (DSGA), sig. Alfonso Marazia (ATA) Prof.ssa Maddalena Cavalieri, prof. Giordano Fornasari, Lucrezia Mazzola (studente) proff.sse Marta Franceschetti, Laura Froldi, Marisa Arieti e Maddalena Cavalieri ~ 29 ~

30 FUNZIONI DEGLI ORGANI COLLEGIALI Il Consiglio d Istituto E l organo principale dell organizzazione scolastica. Raccoglie le rappresentanze di tutte le categorie che operano nell Istituto e fatte salve le competenze e le proposte che attengono al Collegio dei docenti e ai Consigli di Classe - ha potere deliberante circa la pianificazione e la programmazione della vita e dell'attività della scuola (espressa nel Pof) nei limiti delle disponibilità di bilancio (art. 10 del D.Lgs. 16/04/1994 n. 297 e dagli art. 2/3/4/5 del DPR 275/99 come modificato dai DPR 156/99 e 105/01, nonché, per la parte contabile, dal D.I.44/2001). IL COLLEGIO DEI DOCENTI Il collegio dei docenti è composto da tutti gli insegnanti in servizio in un Istituto Scolastico ed è presieduto dal Dirigente scolastico. Quest'ultimo si incarica anche di dare esecuzione alle delibere del Collegio. Al collegio dei docenti competono le decisioni relative alla didattica. In particolare: o definisce annualmente la programmazione didattico-educativa, con particolare cura per le iniziative multi o interdisciplinari o formula proposte al Dirigente scolastico per la formazione e la composizione delle classi, per la formulazione dell'orario delle lezioni o per lo svolgimento delle altre attività scolastiche, tenuto conto dei criteri generali indicati dal Consiglio di Istituto o delibera la suddivisione dell'anno scolastico in trimestri o quadrimestri o valuta periodicamente l'efficacia complessiva dell'azione didattica in rapporto agli orientamenti e agli obiettivi programmati proponendo, ove necessario, opportune misure per il suo miglioramento o provvede all'adozione dei libri di testo, sentiti i Consigli di classe e, nei limiti delle disponibilità finanziarie indicate dal Consiglio di Istituto, alla scelta dei sussidi didattici o adotta e promuove, nell'ambito delle proprie competenze, iniziative di sperimentazione o promuove iniziative di aggiornamento rivolte ai docenti dell'istituto o elegge i suoi rappresentanti nel Consiglio di Istituto o elegge al proprio interno i docenti che fanno parte del Comitato per la valutazione del servizio del personale insegnante o programma e attua le iniziative per il sostegno agli alunni disabili o delibera, su proposta dei Consigli di classe, le attività di integrazione e recupero (IDEI) o delibera, per la parte di propria competenza, i progetti e le attività paraextrascolastiche miranti all'ampliamento dell'offerta formativa dell'istituto. ~ 30 ~

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli