Gestione e governo. delle SALE OPERATORIE 4 A EDIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione e governo. delle SALE OPERATORIE 4 A EDIZIONE"

Transcript

1 Gestione e governo CREDITI ECM per Medici e Infermieri delle SALE OPERATORIE 18 autorevoli Professionisti Medici e Infermieri compongono il prestigioso panel di Relatori Claudio Sileo Direttore Sanitario A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo Andrea Cambieri Direttore Sanitario Maria Elena D Alfonso Dirigente Medico Responsabile dei Servizi Operatori Policlinico Universitario Agostino Gemelli Tommasangelo Petitti Ricercatore, Vice-Direttore Sanitario Università Campus Bio-Medico di Roma Flavio Girardi Direttore Medico Ospedale di Bolzano Stefano Maestrelli Direttore Area Tecnica Agenzia USL 12 Viareggio Daniela Pedrini Responsabile Coordinamento Attività Tecniche Integrate e Direzione Progettazione Sviluppo e Investimenti - Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola Malpighi e Presidente S.I.A.I.S. Società Italiana dell Ingegneria e dell Architettura per la Sanità Mariateresa Iannuzzo Responsabile UOS Epidemiologia Statistica e Risk Management Direzione Sanitaria Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli Anne Destrebecq Ricercatore Scienze Infermieristiche Generali, Cliniche e Pediatriche Università degli Studi di Milano Dirigente Infermieristico Responsabile Corso di Laurea in Infermieristica A.O. San Paolo di Milano Erica Adrario Dirigente Medico SOD Cl. Anestesia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Ancona Dip.Neuroscienze Università Politecnica delle Marche Antonio Iadeluca Infermiere, Sala Operatoria dell Unità Strutturale Complessa di Cardiochirurgia Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo Ada Giampà Coordinatore Infermieristico Servizio Sterilizzazione Ospedale I.R.C.S.S. Policlinico S. Matteo, Pavia Lucia Pederzini Referente di Direzione per il Dipartimento di Chirurgia Generale Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena David Lazzari Responsabile - Servizio di Psicologia Ospedaliera Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni Presidente Associazione Italiana di Psicologia Sanitaria e Ospedaliera Docente Psicologia Medica Università di Perugia Sergio Pierdominici Responsabile UOS Gruppo Operatorio II Maria Pia Coppola Coordinatrice infermieristica Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata, Roma Vito Salamone Medico Legale Azienda Sanitaria di Merano Maria Caputo Coordinatrice Blocco Operatorio Centro Trapianti Azienda Ospedaliera Policlinico di Bari Tutti gli elementi utili per il management delle surgery room Per Medici e Infermieri delle équipe chirurgiche Roma, NH Leonardo Da Vinci Hotel 21 e 22 aprile A EDIZIONE Un prestigioso appuntamento atteso da Medici e Infermieri come occasione di confronto e arricchimento professionale su: Programmazione, organizzazione delle attività e ottimizzazione delle risorse Valutazione delle performance Gestione delle liste operatorie e coordinamento delle urgenze Ricomposizione del conflitto tra Professionalità diverse Implementazione di una strategia di risk management e utilizzo delle check list Gestione delle infezioni e sterilizzazione Sviluppo dei profili di competenza degli infermieri di S.O. Profili legali di responsabilità Impianti e modelli strutturali / architettonici efficienti per sale operatorie Gestione del paziente chirurgico: aspetti organizzativi e psicorelazionali WORKSHOP PRE-CONVEGNO Martedì 20 Aprile 2010 Come gestire la comunicazione, l integrazione e i conflitti in sala operatoria e tra sala operatoria e altri reparti A cura di: Maria Caputo WORKSHOP POST-CONVEGNO Venerdì 23 Aprile 2010 Come tutelare la sicurezza sul lavoro negli Ospedali A cura di: Vito Salamone In collaborazione con Trasmettere a: Direttore Sanitario Responsabile Blocco Operatorio Direttore Anestesia e Rianimazione Coordinatore Infermieristico Responsabile Organizzazione e Qualità Risk Manager Direttore Professioni Sanitarie Per iscriversi: Tel Fax Sito:

2 Gentile Dottoressa, Egregio Dottore, Gestire un blocco operatorio in maniera efficiente significa impostarne il governo in modo da conciliare la massima efficacia terapeutica con il maggiore contenimento possibile dei costi, realizzando significative economie di scala, e valorizzando il contributo umano - sia nei rapporti tra colleghi che con il Paziente. dellesale O Un simile approccio al management delle sale operatorie, si traduce in: migliore qualità dell assistenza migliore capacità di programmazione degli interventi migliore gestione dei tempi chirurgici e dei materiali più snella gestione logistica e delle risorse umane più fluida condivisione delle conoscenze Da 4 anni, Istituto Internazionale di Ricerca dedica un convegno all approfondimento di queste tematiche, di interesse sia per i Medici che per gli Infermieri a vario titolo coinvolti nelle attività chirurgiche. Di anno in anno, attraverso una serie case history mirate, l evento è l occasione per illustrare le modalità di applicazione di un modello di gestione manageriale dei blocchi operatori, che passa attraverso la corretta applicazione di misure relative a: sicurezza di pazienti e operatori, processo di sterilizzazione, protezione da rischi biologici programmazione degli interventi, turn-over dei pazienti e limitazione dei tempi morti percorso chirurgico del paziente disegno del layout architettonico tracciabilità degli strumenti management delle risorse umane Questi, come tutti gli elementi utili allo sviluppo di una strategia efficace e sicura delle unità di surgery, troveranno spazio nel programma del convegno, che si svolgerà a Roma il 21 e 22 aprile Inoltre, per chi desidera approfondire due temi molto critici nell ambito del dibattito sul management delle sale operatorie, suggeriamo l iscrizione a due workshop integrativi: Workshop pre-convegno - 20 aprile 2010 Come gestire la comunicazione, l integrazione e i conflitti in sala operatoria e tra sala operatoria e altri reparti Workshop post-convegno - 23 aprile 2010 Come tutelare la sicurezza sul lavoro negli Ospedali Approfitti di questa preziosa occasione di arricchimento professionale: se compilerà subito la scheda di iscrizione potrà beneficiare della linea di prezzo più conveniente!! Augurandomi di poterla conoscere personalmente in convegno, Le invio i miei migliori saluti, D.ssa Laura Dell Elce Senior Conference Manager

3 Gestione e governo PERATORIE Martedì 21 aprile 2010 Chairman della giornata: Mariateresa Iannuzzo Responsabile UOS Epidemiologia Statistica e Risk Management Direzione Sanitaria Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli Registrazione dei Partecipanti Apertura dei lavori a cura del Chairman Il Blocco Operatorio: una realtà complessa. La gestione delle risorse, umane, strutturali e tecnologiche in un contesto dinamico e conflittuale L evoluzione ospedaliera e la Chirurgia moderna: orizzonti tecnologici, strutturali, organizzativi Struttura, logistica e organizzazione verso l integrazione progettuale e operativa L utilizzo condiviso delle risorse e la necessità di un coordinamento Il conflitto tra specialità e professionalità diverse: obiettivi degli operatori non omogenei, punti di vista differenti. Il ruolo e le skills del coordinatore del blocco operatorio Le variabili esterne che influenzano l attività di Sala: dalle Urgenze chirurgiche all assenza non programmata di personale, dalle complicanze intraoperatorie all indisponibilità improvvisa di apparecchiature Pianificazione dell attività di elezione e gestione delle emergenze organizzative Andrea Cambieri Direttore Sanitario Policlinico Universitario Agostino Gemelli Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università Cattolica di Roma, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva ed in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva. Nel 1984 entra nella Direzione Sanitaria del Policlinico Universitario A. Gemelli, di cui dal 2006 è Direttore Sanitario. Professore a contratto di gestione dei processi nel Corso di Laurea Interfacoltà in Economia e Gestione delle Aziende e dei Servizi Sanitari (Università Cattolica) e in diverse scuole di specializzazione, masters e corsi di perfezionamento, è autore o co-autore di circa 150 monografie, pubblicazioni e relazioni tecnico scientifiche nel campo dell organizzazione sanitaria e dell igiene e tecnica ospedaliera, tra cui il Trattato di Igiene e Tecnica Ospedaliera edito dal Pensiero Scientifico di Roma. Ha interessi professionali specifici nell organizzazione dei blocchi operatori, nello sviluppo del governo clinico e nel clinical risk management. Maria Elena D Alfonso Dirigente Medico Responsabile dei Servizi Operatori Policlinico Universitario Agostino Gemelli Specializzata in Anestesia e Rianimazione. Dal 1989 è in Servizio presso la Direzione Sanitaria del Policlinico Agostino Gemelli di Roma in qualità di Dirigente Medico. Nel corso di questi anni ha espletato la propria attività nell ambito della Direzione Sanitaria in diversi settori (Pronto soccorso ed Accettazione; Ambulatori e Servizi di Diagnosi e Cura; Servizi Operatori). Attualmente è titolare della Struttura Semplice di organizzazione dei servizi operatori ed è responsabile, per la Direzione Sanitaria della organizzazione e della programmazione delle attività operatorie della Nuova piastra tecnologica polifunzionale e dei Servizi Operatori del Policlinico L esperienza di tre anni di attività dell azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata nella gestione settimanale delle liste operatorie dei pazienti elettivi Il meeting settimanale per la programmazione: degli interventi, ricoverati e da ricoverare, sulla base delle sedute assegnate riempire gli spazi operatori disponibile con pazienti in lista d attesa formulare l ordine delle liste operatorie sulla base di una scala di priorità programmare i posti letto intensivi sulla base della valutazione di preospedalizzazione, o del videat anestesiologico programmare i materiali necessari con la richiesta in farmacia per tutta la settimana Gli aggiustamenti quotidiani per le inevitabili variazioni di programma Sergio Pierdominici Responsabile UOS Gruppo Operatorio II Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata, Roma Specialista in Anestesia e Rianimazione Dal 1997 in servizio presso l Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata di Roma in qualità è di Dirigente Medico. Attualmente è responsabile di UOS gruppo operatorio II, dove nel corso di questi anni ha espletato la propria attività professionale in ambito anestesiologico di organizzazione del lavoro. È stato ed è docente in diverse Scuole di Specializzazione, e Corsi di Perfezionamento universitari ed autore di numerose pubblicazioni e articoli Coffee break Gestire l organizzazione delle sale operatorie nella logica della clinical governance. Un opportunità per coniugare efficienza operativa e sicurezza nell interesse dei malati e degli operatori operatoria Quali sono i fattori di complessità che rendono le sale operatorie un settore dell Ospedale ad alta complessità organizzativa e ad alta difficoltà gestionale: i conflitti di interesse dei vari stakeholders Principi di organizzazione, basati sui valori della clinical governance, che prevedono il coinvolgimento attivo dei clinici, dei sanitari e dei malati: le regole per il buon funzionamento delle sale operatorie Gli indicatori di risorse, processo ed esito per valutare l organizzazione correggere le criticità monitorare nel tempo i risultati e consolidare la buona organizzazione La valorizzazione del fattore umano nella scelta dei professionisti nell attribuzione delle responsabilità nella valutazione nel sistema incentivante e premiante La trasparenza nella gestione delle liste d attesa e delle liste operatorie nel rispetto dei bisogni dei malati e delle priorità cliniche, ma anche dei diritti degli operatori: coniugare eticità ed efficienza Claudio Sileo Direttore Sanitario A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Pavia, specializzato in Ortopedia e Traumatologia presso l Università degli Studi di Milano ed in Igiene e medicina preventiva presso l Università degli Studi di Pavia. Dopo aver svolto, dal 1987 al 1991 attività di assistente medico inizialmente nel Servizio di pronto soccorso e successivamente nella Divisione di Ortopedia e Traumatologia, nel 1991 inizia l attività di medico presso la Direzione Sanitaria degli Ospedali Riuniti di Bergamo, dapprima con la qualifica di Ispettore Sanitario poi, dal 1996, con la qualifica di Vice Direttore Sanitario. Dal 2000 al 2003 ha svolto attività di Direttore Medico di Presidio Dal 2003 al 2007 ha ricoperto l incarico di Direttore Sanitario Aziendale dell ASL della Provincia di Bergamo, con incarico anche di Presidente del locale Comitato di bioetica. Ha collaborato, in qualità di consulente, con l Assessorato alla Sanità della Regione Lombardia, Servizio Epidemiologia e Statistica, e con il Servizio Centrale della Programmazione Sanitaria del Ministero della Sanità (dal 1992 al 1995) e componente del Nucleo di valutazione di varie Aziende Ospedaliere nazionali. Ha ricoperto Informazioni e iscrizioni: tel fax

4 12.00 l incarico di professore a contratto presso varie sedi universitarie dal 1996 ed attualmente è professore a contratto presso l Università degli studi di Milano Bicocca. Valutazione della performance di un blocco operatorio Introduzione sul tema della raccolta dati in sala operatoria Classificazione dei dati Finalità interne ed esterne (benchmarking) Dati di struttura Dati di organizzazione Dati di performance in elezione Dati di performance in urgenza Dati di costo Dati di qualità organizzativa Esperienze nazionali di benchmarking Flavio Girardi Direttore Medico Ospedale di Bolzano Laureato in medicina a Bologna nel 1983, inizia la carriera come medico di base. Dal 1989 è in servizio presso la Direzione Sanitaria dell Ospedale Generale Regionale di Bolzano, fino al 1993 come Assistente successivamente come Vicedirettore Sanitario, poi come Direttore Medico del presidio ospedaliero. Nel 1993 ottiene la Specializzazione in Igiene e Organizzazione dei Servizi Ospedalieri. È autore di 34 pubblicazioni e membro di vari gruppi di lavoro in tema di accreditamento, gestione e sviluppo della qualità Colazione di lavoro CON ESERCITAZIONE FINALE La gestione del paziente chirurgico: dalla lista d attesa all intervento. Esperienza del Campus Bio-Medico di Roma La programmazione sala seduta operatoria in un blocco multidisciplinare I dati necessari al Medico I dati necessari alla strumentista I dati necessari all anestesista Strumenti condivisi di raccolta dei dati necessari In fase di inserimento del paziente in lista di attesa In Fase di Pre-ricovero In fase di prenotazione della sala operatoria La verifica della sostenibilità di un programma operatorio Vincoli interni Equipe chirurgica Equipe infermieristica Vincoli esterni Disponibilità di tecnologie particolari Disponibilità di materiali specifici La gestione del ciclo della sala operatoria Dalla chiamata del paziente nel blocco Alla dimissione dal blocco La gestione della rilevazione dei tempi operatori La gestione dell attribuzione dei materiali utilizzati La gestione dei dati clinici pre-operatori e peri-operatori Tommasangelo Petitti Ricercatore, Vice-Direttore Sanitario Università Campus Bio-Medico di Roma Medico chirurgo, specialista in Igiene e Medicina preventiva è Vice Direttore Sanitario e Ricercatore Universitario in Igiene presso l Università Campus Bio-Medico di Roma. Si è occupato, fin dai tempi della sua formazione specialistica, di strumenti informativi al supporto dell attività sanitaria, sia per quanto attiene agli aspetti strettamente clinici che per quanto attiene agli aspetti organizzativi e gestionali. Fra le altre attività, coordina il team multidisciplinare di professionisti sta gestendo il processo di informatizzazione del Policlinico dell Università Campus Bio-Medico, percorso che sta portando il Policlinico ad una gestione totalmente paperless e filmless della documentazione clinica. Come gestire il rischio biologico e prevenire le infezioni in sala operatoria I controlli ambientali nelle sale operatorie (SO) sono di primaria importanza nel processo di prevenzione delle infezioni nosocomiali della ferita chirurgica, problema che comporta conseguenze, anche gravi, per la salute dei pazienti e costi aggiuntivi per il sistema sanitario. Il monitoraggio in continuo della pressione differenziale è stato effettuato per rilevare, in modo tempestivo, eventuali condizioni di depressione ambientale, fattore di rischio della contaminazione microbiologica. L installazione di un impianto per il monitoraggio in continuo della pressione differenziale presso le SO dell AOU Policlinico di Modena ha permesso di mettere in evidenza alcune criticità di sistema che determinavano basse pressioni. A fronte di tali rilevazioni sono stati effettuati interventi correttivi per raggiungere livelli pressori ottimali secondo le più recenti linee guida internazionali (UNI EN ISO 14644). I dati di pressione differenziale forniti dal sistema di monitoraggio ambientale, registrati su un terminale collegato da remoto, sono stati raccolti e valutati mediante anche l elaborazione di report periodici (mensili) al fine di rilevare eventuali valori inferiori al livello minimo accettabile ed attuare azioni correttive. Lucia Pederzini Referente di Direzione per il Dipartimento di Chirurgia Generale Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena Laureata in Medicina e Chirurgia, specialista in Igiene e Medicina Preventiva. Negli anni ha partecipato al gruppo di progetto per la costruzione e l apertura del Nuovo Ospedale di Modena- Baggiovara. Dal 2007 lavora presso la Direzione Medica di Presidio dell Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico di Modena. È referente di Direzione per il Dipartimento di Chirurgia Generale, col quale collabora a livello gestionale per l implementazione di modelli organizzativi e strategici che consentano miglioramenti nella cura e nell assistenza al paziente, in un ottica di maggiore sicurezza e garanzia del percorso chirurgico ospedaliero Tea break Come implementare una strategia di risk management per la sala operatoria La sicurezza nelle sale operatorie è tra gli obiettivi fondamentali del risk management e deve necessariamente valutare un insieme di aspetti nella definizione del livello di rischio per gli utenti e gli operatori. Nella prospettiva sistemica del risk management gestire la sicurezza non consiste nell eliminare l evenienza di errori umani ma analizzare e rimuovere le condizioni del sistema che ostacolano una corretta interazione tra tutte le sue componenti per cui si svilupperanno i seguenti temi. Concetti generali sull analisi del rischio clinico Metodi di analisi reattiva del rischio: utilizzo dei dati desunti dalla documentazione clinica gli eventi sentinella incident reporting in sala operatoria Metodi di analisi proattivi del rischio la FMEA in sala operatoria tecniche di Audit Le Raccomandazione ministeriali per la prevenzione del rischio in Chirurgia come implementare le raccomandazioni e diffondere la cultura della gestione del rischio Mariateresa Iannuzzo Responsabile UOS Epidemiologia Statistica e Risk Management Direzione Sanitaria Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli La Dott.ssa Iannuzzo, Responsabile del Servizio Verifica e Revisione della Qualità e dell Unità Operativa di Epidemiologia Statistica e Risk Management svolge attività epidemiologiche-statistiche inerenti: monitoraggio qualitativo e quantitativo delle attività ospedaliere con valutazione di indicatori di attività delle unità di degenza, degli ambulatori, dei servizi nonché delle attività operatorie attraverso la produzione di report mensili; analisi di fenomeni epidemiologici ospedalieri (sorveglianza delle infezioni nosocomiali attraverso studi di prevalenza, follow up del rischio occupazionale, programmi vaccinali, individuazione xdi eventi sentinella nel risk management); valutazione della qualità dell assistenza sanitaria in termini sia di esiti dell intervento assistenziale, sia di appropriatezza del livello e delle prestazioni erogate anche attraverso azioni di integrazione con il Servizio Informazioni e iscrizioni: tel fax

5 16.30 Informativo; attività di supporto per medicina basata sulle prove ( evidence-based medicine ) attraverso la produzione e validazione di protocolli e linee guida. Sicurezza in chirurgia: la check list di sala operatoria Migliorare la qualità e la sicurezza degli interventi chirurgici eseguiti attraverso la diffusione di raccomandazioni e standard di sicurezza dei processi pre-operatori, intraoperatori e post-operatori e l implementazione degli standard di sicurezza tramite l applicazione della checklist per la sicurezza in sala operatoria nel corso di tutte le procedure chirurgiche La checklist è stata oggetto di sperimentazione in un recente studio prospettico, condotto su un campione di otto ospedali di diversi paesi, con un disegno dello studio di tipo before after; dallo studio è emerso che l implementazione della checklist è associata ad una concomitante riduzione del tasso di mortalità e delle complicanze post-operatorie. Sulla base delle indicazioni WHO, il Ministero del Lavoro, della Salute e delle politiche Sociali ha adattato la checklist alla propria realtà nazionale ed ha aggiunto ai 19-item dell OMS un ulteriore item riguardante il controllo del piano per la profilassi del tromboembolismo venoso La checklist include 3 fasi (Sign In, Time Out, Sign Out), 20- item con i controlli da effettuare nel corso dell intervento chirurgico e le relative caselle da contrassegnare ( ) soltanto dopo l avvenuto controllo. Erica Adrario Dirigente Medico SOD Cl. Anestesia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Ancona Dip. Neuroscienze Università Politecnica delle Marche Laureata in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Ancona nel Specialista in Anestesia e Rianimazione. Assistente Anestesista presso USL 9-Falconar. Ricercatore Universitario presso l Istituto Emergenze Medico Chirurgiche - Università di Ancona dal Docente presso il Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentale e presso il Corso di laurea in Medicina e Chirurgia. Titolare di insegnamento presso le Scuole di Specializzazione in Anestesia e Rianimazione, Urologia, Chirurgia generale, Chirurgia toracica, Chirurgia vascolare. Titolare di insegnamento nelle lauree triennali. Autore di oltre 150 lavori editi a stampa su riviste nazionali ed internazionali. Componente di alcuni gruppi di studio e commissioni in seno alla SIAARTI (Società Italiana Anestesia Analgesia Rianimazione Terapia Intensiva). Con l intento di individuare strumenti in grado di ridurre l incidenza di eventi avversi in ambito anestesiologico ha costituito nel 2004 con colleghi di varie regioni il Gruppo di Lavoro Errore in Medicina, ambito anestesiologico e rianimatorio che ha portato all elaborazione di due check list da utilizzare in sala operatoria nella prevenzione del rischio Chiusura dei lavori del primo giorno Coordinatrice infermieristica Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata, Roma Dal 1982 svolge la propria attività infermieristica in sala operatoria. Inizialmente come strumentista, poi come Coordinatrice di una sala operatoria Urologica. Nel 2006 ha organizzato, avviato e coordinato la Day Surgery Multidisciplinare, entità autonoma strutturata con tre sale operatorie, propri letti di degenza e poltrone. La Day Surgery dell Azienda Ospedaliera San Giovanni -Addolorata ha rappresentato nel 2006 la prima struttura chirurgica autonoma della capitale. Oggi, ricopre l incarico di Coordinatrice infermieristica di venticinque sale operatorie in una delle Posizioni Organizzative che costituiscono il Servizio Infermieristico aziendale (DAIORT). Questo specifico ruolo le consente di gestire ed organizzare le risorse umane e tecnologiche all interno dei gruppi operatori. Tra gli altri obiettivi che le sono stati affidati riveste particolare importanza quello della standardizzazione e sicurezza dell attività operatoria e dal 2008 sta contribuendo alla piena e globale gestione, tracciabilità e ottimizzazione dello strumentario chirurgico fornito in kit sterili da società esterna all Azienda Ospedaliera (completa esternalizzazione del servizio). La gestione del Personale dedicato al trattamento dello strumentario chirurgico Lo scopo di questo intervento è quello di affrontare aspetti fondamentali di una strategia manageriale orientata all appropriata gestione delle risorse umane, consapevole delle notevoli influenze che questa può comportare sull attività chirurgica in termini di efficacia ed efficienza La gestione del personale dedicato alla sterilizzazione Le condizioni della domanda La definizione del fabbisogno quali/quantitativo di Personale La procedura di inserimento, La formazione continua e la gestione dell errore La sicurezza La valutazione La gestione dei rapporti con il personale del comparto operatorio L inserimento del Personale di S. O. nella Centrale di Sterilizzazione La comunicazione formale La socializzazione e la comunicazione informale Il potenziale generativo dello spazio: il passaggio dall organizzazione al processo dell organizzare (localizzazione, setting, artefatti) Ada Giampà Coordinatore Infermieristico Servizio Sterilizzazione Ospedale I.R.C.S.S. Policlinico S. Matteo, Pavia Ha conseguito il diploma di Infermiere Professionale nel 1989 presso la scuola per IP dell Ospedale I.R.C.S.S. Policlinico S. Matteo di Pavia. Ha acquisito nel 1994 il titolo di Abilitazione a Funzioni Direttive e nel 2009 la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche presso l Università di Pavia. Presta servizio nel Policlinico San Matteo dal 1989 e dal 1994 lavora presso il Servizio Sterilizzazione in cui tutt ora opera in qualità di Infermiere Coordinatore Mercoledì 22 aprile 2010 Chairman della giornata: Vito Salamone Medico Legale Azienda Sanitaria di Merano Riapertura dei lavori a cura del Chairman Esperienza nella tracciabilità dello strumentario chirurgico Perché si va alla ricerca del migliore modo per arrivare alla tracciabilità dello strumentario chirurgico? La tracciabilità come mezzo, tra gli altri, per standardizzare e fornire garanzie di una corretta procedura Esperienze sulla tracciabilità La realtà di un gruppo operatorio con 25 sale La percezione del fenomeno dal punto di vista infermieristico La sicurezza per il paziente Maria Pia Coppola Coffee break Lo sviluppo dei profili di competenza degli infermieri di sala operatoria, come implementazione dei sistemi di qualità delle aziende sanitarie e dei programmi formativi avanzati La competenza: espressione concettuale e contingente del professionista Competenze di base Competenze trasversali Competenze tecnico professionali Metacompetenze Gli stadi della competenza e le sette aree di pratica infermieristica: From novice to expert. Excellence and power in clinical nursing practice (Patricia Benner 2003). Le competenze di base e avanzate per gli infermieri di sala operatoria: dalla formazione universitaria di base alle scuole di perfezionamento. Situazione europea Realtà italiana La costruzione dei profili di competenza come necessità per lo Informazioni e iscrizioni: tel fax

6 11.45 sviluppo professionale e punto di partenza per la valutazione. Inquadramento normativo di riferimento Gli infermieri in sala operatoria: ruoli specifici per un assistenza infermieristica di qualità e adeguata ai bisogni della persona assistita. Il profilo di competenza: un esempio italiano I sistemi di valutazione come possibilità di sviluppo e valorizzazione delle risorse umane: esperienze europee a confronto. La mappa personalizzata dei bisogni formativi: strumento indispensabile per focalizzare gli interventi formativi. Anne Destrebecq Ricercatore Scienze Infermieristiche Generali, Cliniche e Pediatriche Università degli Studi di Milano e Dirigente Infermieristico Responsabile Corso di Laurea in Infermieristica A.O. San Paolo di Milano Ricercatore universitario per il settore scientifico-disciplinare MED/45 Scienze Infermieristiche Generali, Cliniche e Pediatriche presso l Università degli Studi di Milano svolge anche le funzioni di Dirigente Infermieristico Responsabile (Coordinatore Didattico) della Sezione di Corso di Laurea in Infermieristica dell A.O. San Palo di Milano. Docente nel corso di laurea in Infermieristica, nel corso di laurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche dell Università degli Studi di Milano, in vari corsi integrati in particolare management infermieristico e metodologia della ricerca e numerosi corsi elettivi. Docente in numerosi corsi di perfezionamento e master universitari. Componente e Coordinatrice di diversi progetti di ricerca e autore di numerose pubblicazioni su riviste di settore a diffusione nazionale. L attività di ricerca è compresa nei seguenti ambiti: la definizione di bisogni formativi del personale sanitario non laureato; la valutazione della qualità dell assistenza e dell organizzazione in sanità; la gestione del personale; prevenzione degli eventi avversi. È Co-autrice di 4 libri di clinica e/o di management infermieristici. Antonio Iadeluca Infermiere, Sala Operatoria dell Unità Strutturale Complessa di Cardiochirurgia Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo È infermiere dal gennaio 2003 presso la sala operatoria di cardiochirurgia dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo. Impegnato nella formazione e nell aggiornamento professionale, soprattutto per la parte che riguarda l inserimento degli infermieri novizi all interno del contesto operativo. In tale setting ha partecipato come relatore a numerosi eventi formativi per l incremento delle competenze nei comparti operatori e nell assistenza infermieristica del trapianto. Sta sviluppando un progetto di ricerca per procedere all analisi organizzativa dei dipartimenti operatori secondo moderni standard in collaborazione con AICO, della quale è socio dal Come si configurano i profili legali di responsabilità per gli operatori di sala operatoria Quali sono le diverse tipologie di errori della sala operatoria e quali i riflessi medico legali Le responsabilità degli operatori sanitari, medici, coordinatori e della direzione di sanità dalla responsabilità extracontrattuale alla contrattuale e infine alla responsabilità a contratto sociale Il nuovo modello di responsabilità a contratto sociale L onore della prova e la sostenibilità in sede processuale (analisi dei contenuti, protocolli, raccomandazioni, direttive e cartelle sanitarie) Obbligo di risultato vs obbligo di mezzi Diligenza professionale vs diligenza organizzativa Il concetto di colpa declinato nelle organizzazioni sanitarie Dalle sentenze giudiziarie verso una deriva di responsabilità oggettiva degli errori di sala operatoria Dal trasferimento del rischio clinicoverso una gestione clinica dei percorsi diagnostici terapeutici Quali soluzioni organizzative per la riduzione del contenzioso medico legale per le complicazioni in sala operatoria Vito Salamone Medico Legale Azienda Sanitaria di Merano Dal 2000 lavora presso il settore di medicina legale dell ASL di Merano e cura progetti di Risk Management e sicurezza sul lavoro in ambito del D.Lgs. 626/94. Negli ultimi anni inoltre collabora in qualità di medico fiduciario con diverse aziende. Nel 2006 ha conseguito il Master Emmas V presso l università Bocconi Colazione di lavoro Impiantistica in sala operatoria: dalla sterilizzazione dell ambiente alla valutazione dell efficacia degli impianti tecnici Le sale operatorie come zone ad alta intensità impiantistica meccanica ed elettrica Quali tipologie di impianti tecnologici a servizio della qualità e dell efficacia terapeutica delle aree operatorie La conduzione e la gestione degli impianti per la garanzia del comfort dei pazienti e degli operatori La sicurezza impiantistica in sala operatoria: aspetti strutturali, gestionali e d uso La qualità dell aria nei blocchi operatori e nei reparti speciali come presidio medico chirurgico Una problematica del governo delle sale operatorie: comportamenti versus tecnologia? La necessità della certificazione delle sale operatorie: facciamo entrare le norme ISO in sala operatoria. Stefano Maestrelli Direttore Area Tecnica Agenzia USL 12 Viareggio L Ingegner Stefano Maestrelli ha svolto le sue prime attività professionali nello Studio Associato Città Futura di Lucca, progettando strutture per la collettività sportivo-ricreative, centri civici e distretti socio-sanitari. Da queste prime esperienze ha potuto confrontarsi con la progettazione e realizzazioni di edifici a destinazione pubblica in cui massimizzare gli aspetti di un architettura attenta agli aspetti energetici e gestionali. Dal 1987 è Direttore dell Area Tecnica della Azienda Sanitaria della Versilia e dal 1996 ha ricoperto il ruolo di Project Manager per la realizzazione del Nuovo Ospedale della Versilia, maturando una elevata conoscenza ed esperienza diretta sulle costruzione e gestione edilizia ed impiantistica di un ospedale moderno e tecnologicamente evoluto. Dal 1994 al 2003 è stato Presidente del Parco Naturale Migliarino-S.Rossore-Massaciuccoli. Modelli strutturali e architettonici efficienti per sale operatorie Tipologie e dimensionamento del comparto operatorio Tipologie degli spazi accessori di supporto Tipologie dei percorsi esterni e interni Requisiti strutturali e impiantistici Caratteristiche impiantistiche microclimatiche, illuminotecniche Impianti vari e speciali Organizzazione degli spazi per una migliore vivibilità Efficienza energetica nei comparti operatori Integrazione spazi architettonici, impianti, attrezzature ed ergonomia Daniela Pedrini Responsabile Coordinamento Attività Tecniche Integrate e Direzione Progettazione Sviluppo e Investimenti Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola Malpighi e Presidente S.I.A.I.S. Società Italiana dell Ingegneria e dell Architettura per la Sanità Laureata in Ingegneria, è attualmente Responsabile del Coordinamento Attività Integrate dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Policlinico S.Orsola Malpighi. Presidente Nazionale della S.I.A.I.S. - Società Italiana dell Architettura e dell Ingegneria per la Sanità. Dal 1990 al 1997 ha ricoperto incarichi presso l Azienda USL di Modena con funzioni di Responsabile del Settore Attuazione, Gestione e Manutenzione del Servizio Tecnico Aziendale. Dal 1997 presso l Azienda Ospedaliera di Parma con funzioni di Responsabile del Servizio Attività Tecniche e Logistiche. Dal 2004 al 2006 ha svolto funzioni di Responsabile dell Unità Operativa Patrimonio e Tecnologie Impiantistiche e di Responsabile Informazioni e iscrizioni: tel fax

7 Unico del Procedimento per l ampliamento dell Ospedale Civile di Imola. Docente a contratto per la Facoltà di Architettura dell Università degli Studi di Parma e relatrice in numerosi corsi di aggiornamento e convegni. La gestione degli aspetti psicorelazionali del paziente chirurgico Inquadramento generale: stress, dolore e relazione Il paziente in chirurgia maggiore: fase di preparazione all intervento fase di ingresso e gestione in area sale operatorie Il paziente in chirurgia locoregionale: la preparazione del paziente assistenza in corso di intervento Un esempio: il protocollo di ricerca-intervento per la gestione dello stress del pz chirurgico dell Azienda Ospedaliera di Terni David Lazzari Responsabile - Servizio di Psicologia Ospedaliera Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni Presidente Associazione Italiana di Psicologia Sanitaria e Ospedaliera Docente Psicologia Medica Università di Perugia e Docente Psicologia Medica Università di Perugia Dirige il Servizio di Psicologia dell Azienda Ospedaliera S.Maria di Terni ed insegna Psicologia Medica presso l Università di Perugia; si è specializzato in Psicosomatica con il Prof. F.Antonelli ed in Psicologia della Salute con il Prof.M.Bertini all Università di Roma. Svolge attività clinica, di ricerca e formazione nel campo dello stress e degli aspetti psicologici della malattia e della gestione dei processi di cura. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni, tra cui i libri Mente & Salute (F.Angeli 2007) e La Bilancia dello Stress (Liguori 2009). È presidente della Associazione Italiana di Psicologia Sanitaria ed Ospedaliera (PSISA) e membro del Consiglio di Presidenza della Società Italiana di Psiconeuroendocrinoimmunologia (SIPNEI). Dibattito, compilazione dei questionari finalizzati all erogazione dei crediti ECM e chiusura dei lavori 5 Buoni motivi per cui diventare Sponsor: Best in class: il convegno è promosso da IIR, leader nell organizzazione di eventi per il mercato di riferimento Promotion: il database IIR non ha rivali nell industria degli eventi Top management: il programma si rivolge ai decision maker che non incontrereste in una fiera Communication: un team di professionisti dedicato al progetto vi garantirà la massima visibilità prima, durante e dopo l evento Tailored solutions: la vostra partecipazione risponderà esattamente ai vostri obiettivi di business Contatta: Eleonora Pagliuso Tel Non puoi partecipare al Convegno Gestione e governo delle SALE OPERATORIE? Arricchisci comunque le tue conoscenze acquistando gli Atti dell evento, una esaustiva raccolta degli interventi dei nostri relatori. Contatta il nostro Customer Service al numero Fax Inoltre visitando il nostro sito troverai l elenco degli Atti delle Conferenze già disponibili per l acquisto. Potrai utilizzare questa preziosa documentazione come materiale formativo e come opportunità di aggiornamento per te e per i tuoi colleghi! Workshop Pre-Convegno Martedì 20 aprile 2010 Come gestire la comunicazione, l integrazione e i conflitti in sala operatoria e tra sala operatoria e altri reparti La comunicazione efficace e la gestione delle relazioni La comunicazione come strumento terapeutico, comunicare per assistere Concetto di organizzazione che apprende La Mindfulness per la professione infermieristica La comunicazione in sanità L ascolto in sanità L importanza della comunicazione in sala operatoria proposta di un progetto comunicativo in un blocco operatorio plurispecialistico L azienda sanitaria: un organizzazione conflittuale A cura di: Maria Caputo Coordinatrice Blocco Operatorio Centro Trapianti Azienda Ospedaliera Policlinico di Bari Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche (2006), diploma di Laurea di Infermiere (2005), diploma di Caposala (1988), oltre a numerose altre qualifiche conseguite nell ambito dell assistenza infermieristica. Dal 2006 è responsabile della gestione e dell organizzazione delle sale operatorie e del personale infermieristico, Ota, ed ausiliario del Policlinico di Bari. Dal 1992, prima di tale ruolo, ha ricoperto la funzione di Infermiera strumentista e perfusionista nella stessa Azienda, mentre in precedenza è stata Coordinatrice del reparto di chirurgia, del servizio di endoscopia, ambulatori di medicina e chirurgia, responsabile del personale infermieristico ed ausiliario presso la Casa di Cura S.Giovanni di Bari. Ha lavorato anche presso la Casa di cura La Madonnina (BA) e il Centro Ortopedico e fisioterapico (CO). È Docente presso numerosi corsi per Infermieri, Vice presidente AICO e Consigliere dell Ordine Professionale Infermieri del Collegio di Bari. Agenda Workshop Agenda Workshop Registrazione dei partecipanti Inizio dei lavori Chiusura dei lavori Workshop Post-Convegno Venerdì 23 aprile 2010 Come tutelare la sicurezza sul lavoro negli Ospedali Quali sono i rischi in ambiente ospedaliero ai sensi del Dlgs 81/08. Logiche, strumenti e valutazioni Gli attori della sicurezza: datore di lavoro, RSPP, Medico Competente, RLS. Responsabilità e limiti Le criticità in alcuni reparti: sala operatoria, laboratorio analisi, pronto soccorso e rianimazione Il giudizio d idoneità alla mansione specifica I giudizi difficili : valutazione del lavoratore affetto da malattie psichiatriche, da malattie correlate all abuso di sostanze psicoattive o da patologie suscettibili di aggravamento tramite lavoro notturno Valutazione del rischio stress lavoro-correlato in ambiente ospedaliero Modelli di promozione della sicurezza e della qualità dei percorsi diagnostici terapeutici A cura di: Vito Salamone Medico Legale Azienda Sanitaria di Merano 9.00 Registrazione dei partecipanti 9.15 Inizio dei lavori Coffee Break Colazione di lavoro Chiusura dei lavori

8 Gestione e governo delle SALE OPERATORIE Quota di iscrizione per Partecipante + 20% Iva SI, DESIDERO PARTECIPARE A: CONVEGNO 21 e 22 aprile 2010 cod. D4438C WORKSHOP A PRE-CONVEGNO 20 aprile 2010 cod. D4438WA Gestione comunicazione e conflitti WORKSHOP B POST-CONVEGNO 23 aprile 2010 cod. D4438WB Sicurezza sul lavoro in Ospedale ISCRIZIONE CONVEGNO Entro il 21/2/2010 Entro il 21/3/2010 Dopo il 21/3/2010 RISPARMI 300 RISPARMI SOLO WORKSHOP 790 IN ABBINAMENTO AL CONVEGNO 600 RISPARMI 190 Speciale iscrizioni multiple al solo convegno 2 persone % Iva SCONTO 800! 3 persone % Iva SCONTO 1.350! È necessario l invio di una scheda per ogni Partecipante. Offerta NON cumulabile con altre promozioni in corso. Per circostanze imprevedibili, IIR si riserva il diritto di modificare il programma e le modalità didattiche, e/o cambiare i relatori e i docenti. IIR si riserva la facoltà di operare eventuali cambiamenti di sede dell evento. SCHEDA DI ISCRIZIONE Priority code: SKD4438 FAX WEB POSTA TEL via Forcella, Milano DATI DEL PARTECIPANTE (è necessario l invio di una scheda per ogni partecipante) Nome Cognome Funzione Tel: Cell: Sì, desidero ricevere informazioni su altri eventi via (segnalare eventuale preferenza): Fax DATI DELL AZIENDA Ragione Sociale Settore Merceologico Indirizzo Città Cap. Prov. Consenso alla partecipazione dato da: Funzione Partita IVA Tel. Fax Indirizzo di fatturazione (se diverso) Città Cap. Prov. Fatturato in Euro Mil Mil Mil Mil Mil Mil N dipendenti: G 1-10 F E D C B A OLTRE MODALITÁ DI PAGAMENTO Il pagamento è richiesto a ricevimento fattura e in ogni caso prima della data di inizio dell evento. Copia della fattura/contratto di adesione verrà spedita a stretto giro di posta. versamento sul ns. c/c postale n assegno bancario - assegno circolare bonifico bancario (Banca Popolare di Sondrio, Agenzia 10 Milano) c/c x07 ABI 5696, CAB 01609, CIN Z intestato a Istituto Internazionale di Ricerca; IBAN IT29 Z X07, Swift POSOIT22, indicando il codice prescelto carta di credito: Eurocard / Mastercard American Express Diners Club Visa CartaSì DOVE NH Leonardo Da Vinci Hotel Via Dei Gracchi Roma Tel TUTELA DATI PERSONALI - INFORMATIVA Ai partecipanti saranno riservate particolari tariffe per il pernottamento Si informa il Partecipante ai sensi del D.Lgs. 196/03: (1) che i propri dati personali riportati sulla scheda di iscrizione ( Dati ) saranno trattati in forma automatizzata dall Istituto Internazionale di Ricerca (I.I.R.) per l adempimento di ogni onere relativo alla Sua partecipazione alla conferenza, per finalità statistiche e per l invio di materiale promozionale di I.I.R. I dati raccolti potranno essere comunicati ai partner di I.I.R. e a società del medesimo Gruppo, nell ambito delle loro attività di comunicazione promozionale; (2) il conferimento dei Dati è facoltativo: in mancanza, tuttavia, non sarà possibile dar corso al servizio. In relazione ai Dati, il Partecipante ha diritto di opporsi al trattamento sopra previsto. TITOLARE E RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO è l Istituto Internazionale di Ricerca, via Forcella 3, Milano nei cui confronti il Partecipante potrà esercitare i diritti di cui al D.Lgs. 196/03 (accesso, correzione, cancellazione, opposizione al trattamento, indicazione delle finalità del trattamento). La comunicazione potrà pervenire via: fax: telefono: n scadenza / Titolare Firma del Titolare MODALITÁ DI DISDETTA L eventuale disdetta di partecipazione al convegno dovrà essere comunicata in forma scritta all Istituto Internazionale di Ricerca entro e non oltre il 10 giorno lavorativo precedente la data d inizio dell evento. Trascorso tale termine, sarà inevitabile l addebito dell intera quota d iscrizione. Saremo comunque lieti di accettare un Suo collega in sostituzione purché il nominativo venga comunicato via fax almeno un giorno prima della data dell evento. Timbro e Firma Stampa

Gestione e governo. delle SALE OPERATORIE 4 A EDIZIONE

Gestione e governo. delle SALE OPERATORIE 4 A EDIZIONE Gestione e governo CREDITI ECM per Medici e Infermieri, per iscrizioni al Convegno delle SALE OPERATORIE 18 autorevoli Professionisti compongono il prestigioso panel di Relatori Claudio Sileo Direttore

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA IN SALA OPERATORIA

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA IN SALA OPERATORIA PER PERSONALE INFERMIERISTICO LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA IN SALA OPERATORIA 7 OTTOBRE 2009, Milano RICHIESTO ACCREDITAMENTO NAZIONALE ECM ORARI: 9:00 13:00; 14:00 18:00 SEDE: MIP Politecnico di

Dettagli

Un occasione imperdibile per: Organizzazione e Programmazione delle attività. Check list. Liste d attesa. Procedure di sterilizzazione

Un occasione imperdibile per: Organizzazione e Programmazione delle attività. Check list. Liste d attesa. Procedure di sterilizzazione Un panel di testimonianze irripetibile: F. Girardi, Direttore Medico dell'ospedale AZIENDA SANITARIA DI BOLZANO Presidente Sez. Alto Adige ANMDO - Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere

Dettagli

Legionella in Ambienti Sanitari

Legionella in Ambienti Sanitari 4 edizione Rinnovata nei contenuti Conoscere le misure tecniche e impiantistiche per prevenire e controllare il rischio Legionella in Ambienti Sanitari 8 Crediti ECM ECM per Medici, Infermieri, Biologi

Dettagli

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ROSARIA CACCO Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

Come gestire la rete di ASSISTENZA TECNICA

Come gestire la rete di ASSISTENZA TECNICA Come gestire la rete di ASSISTENZA TECNICA per razionalizzare i costi e aumentare le vendite Milano, UNA Hotel Mediterraneo 18 e 19 giugno 2013 MODULO 1 - RETE DIRETTA Strutturare e impostare un servizio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Destrebecq Anne Lucie Indirizzo Via Dante n.3/13 cap. 20068 Peschiera Borromeo (Milano) Italy Telefono

Dettagli

HR Audit. Come valutare la produttività del personale per ottimizzare i costi e migliorare le performance aziendali NUOVO CORSO

HR Audit. Come valutare la produttività del personale per ottimizzare i costi e migliorare le performance aziendali NUOVO CORSO NUOVO CORSO Come valutare la produttività del personale per ottimizzare i costi e migliorare le performance aziendali 2 giorni di formazione operativa per: I docenti del corso: Individuare le metodologie

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Claudio Vito Sileo Telefono Abitazione +39-035360007 Via Tito Legrenzi 2 24124 Bergamo Telefono Ufficio +39 0285782032-0285782036 Fax Ufficio +39 0285782039 cellulare

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

Checklist per la sicurezza in sala operatoria

Checklist per la sicurezza in sala operatoria INNOVAZIONE Checklist per la sicurezza in sala operatoria Il progetto presentato dall ASL TA al Forum del Risk management di Arezzo Dr. M. Chironi Resp U.O. Rischio Clinico - Medicina Legale ASL Ta Dott.ssa

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI FIAMMINGHI MERIS telefono 0516225173 ( segret. SATER Bellaria ) Fax 0516225312 E-mail Meris.fiamminghi@ausl.bo.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 28 gennaio 1964

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 28 gennaio 1964 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome GASTI Marcello Data di nascita 28 gennaio 1964 Qualifica Dirigente Sanitario Amministrazione Servizio Sanitario Regionale - Centro Servizi Condivisi

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it KETTI OTTOLITRI INFORMAZIONI PERSONALI KETTI OTTOLITRI Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 31/03/1971 Nazionalità

Dettagli

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO Informazioni personali Nome PIANA TIZIANA Comune di residenza VIGEVANO (Pavia) E-mail sitra@aogallarate.it Nazionalità Italiana Luogo e Data di nascita Vigevano, 02-03-1963

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome LA MELIA AURELIO Indirizzo VIA COLLE FIORITO 31 GENZANO DI ROMA 00045 Telefono 069398231 3283140797 Fax E-mail aurelio.lamelia@libero.it

Dettagli

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro Edilizia/tecnologia Logistica ( intensità di cura) Percorsi dei Pazienti Le nuove professioni sanitarie Responsabilità

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome REGONASCHI NADIA E-mail Nazionalità nad.reg@alice.it italiana Data di nascita 26/10/1963 Luogo di nascita

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Energy Derivatives ENERGY FUTURES ENERGY SWAPS ENERGY OPTIONS

Energy Derivatives ENERGY FUTURES ENERGY SWAPS ENERGY OPTIONS CORSO Come valutare le diverse tipologie di Derivati e impostare una corretta gestione dei rischi per operare in sicurezza nel mercato energetico Energy Derivatives ENERGY FUTURES ENERGY SWAPS ENERGY OPTIONS

Dettagli

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari 38 giugno 2015 corso di perfezionamento in HTA ISSN 2038-4238 Mensile - Anno VII - Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 - DCB Roma contiene

Dettagli

19.08.1955 AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DIRETTORE USC DIREZIONE MEDICA PRESIDIO OSPEDALIERO

19.08.1955 AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DIRETTORE USC DIREZIONE MEDICA PRESIDIO OSPEDALIERO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Nome FABIO PEZZOLI Telefono 0352675175 E-mail Nazionalità Fax 0352674971 fpezzoli@hpg23.it ITALIANA Data di nascita Amministrazione Incarico

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Curriculum vitae Europass

Curriculum vitae Europass Curriculum vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome(i) / Cognome(i) GIROTTO CHIARA ] Indirizzo Telefono casa 0425/27721 Telefono ufficio 0442/622016 Telefono mobile 3472966653 Fax 0442622721 E-mail Viale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono. E-mail Nazionalità Data di nascita MELIS ELEONORA Italiana 17/10/1983 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome LA MELIA AURELIO Indirizzo VIA COLLE FIORITO 31 GENZANO DI ROMA 00045 Telefono 069398231 3283140797 Fax E-mail aurelio.lamelia@libero.it

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CECCARINI ELIO Telefono 348.7705431 Fax 075.5784090 E-mail elio.ceccarini@ospedale.perugia.it ESPERIENZA

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

Scheda Curriculum Vitae

Scheda Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ferrari Ermanno Data di nascita 17/03/1963 Qualifica Collaboratore Sanitario Infermiere Esperto Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell Ufficio/U.O./Servizio

Dettagli

SPERIMENTAZIONE CLINICA

SPERIMENTAZIONE CLINICA SPERIMENTAZIONE CLINICA E RUOLO DELL INFERMIERE 12 CREDITI ECM - ID: 1585-23178 DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO COSTO: 48,80 (40,00 + 22% IVA) OBIETTIVI FORMATIVI Apprendere i concetti di

Dettagli

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO N 151 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Workshop & Corsi di aggiornamento TITOLO: Facility Management SOTTOTITOLO:

Dettagli

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo 2. Campo applicazione 3. Modalità applicative e Responsabilità 4. Bibliografia e Webgrafia 6. Distribuzione ALLEGATO A rev. Data Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI 1 CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI Diploma di Maturità Tecnica (1988) Istituto Tecnico Margherita di Savoia di Roma TITOLI PROFESSIONALI

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO Telefono 3389688974 Fax E-mail chiara.boggiogilot@tin.it

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ANTONIO BATTISTA VIA NICOLA FORNELLI,33 71121, FOGGIA (FG), ITALIA Telefono 3479086169 Fax E-mail

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna.

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Parenti Mita mparenti@regione.emilia-romagna.it Pagina 1 - Curriculum vitae di Parenti Mita ESPERIENZA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BRUNELLI VALENTINA Telefono 0372 405737 Fax 0372 405524 E-mail Nazionalità v.brunelli@ospedale.cremona.it Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Esperienza lavorativa Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Categoria DS3

Esperienza lavorativa Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Categoria DS3 FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome Tricanico Cesare Indirizzo Via macchia di mare 14, 87022 Cetraro ( CS) Telefono 3355397819 E-mail tricanico@tiscali.it Nazionalità Italiana

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FUGGETTA LEONARDO Telefono Cell. 335 777 3704 Fax Uff. 011 2402067 E-mail leonardo.fuggetta@unito.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - 008- SEDE PIETRA LIGURE. FORMAZIONE UNIVERSITARIA L attività riguardante la Formazione Universitaria prevede principalmente che il Centro

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

Luogo di nascita: Zafferana Etnea (CT) Residenza: Vittorio Emanuele 144 Zafferana Etnea CAP 95019

Luogo di nascita: Zafferana Etnea (CT) Residenza: Vittorio Emanuele 144 Zafferana Etnea CAP 95019 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Carmelo Russo INFORMAZIONI PERSONALI Stato civile: coniugato Nazionalità: italiana Data di nascita: 25/04/1960 Luogo di nascita: Zafferana

Dettagli

Stoccaggio del Gas. Conoscere le modalità operative dello. per una corretta valutazione economico finanziaria di approvvigionamento

Stoccaggio del Gas. Conoscere le modalità operative dello. per una corretta valutazione economico finanziaria di approvvigionamento Corso Programma Aggiornato Conoscere le modalità operative dello Stoccaggio del Gas per una corretta valutazione economico finanziaria di approvvigionamento 2 giorni di approfondimento per: Conoscere la

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

La Pianificazione Strategica e i riflessi sul Budget Annuale

La Pianificazione Strategica e i riflessi sul Budget Annuale Percorso formativo specifico per il Settore Gas & Power La Pianificazione Strategica e i riflessi sul Budget Annuale 14 Settembre ANALISI STRATEGICA Nuove logiche per definire e monitorare efficacemente

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo 57/31, VIA VOLTA, 20049, CONCOREZZO (MI) Telefono 02/64488149 Fax 039/2332576 E-mail stefania.dimauro@unimib.it

Dettagli

ASL AVELLINO Commissario Straordinario dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante TITOLO DEL PROGETTO SVILUPPO DEGLI STRUMENTI DEL GOVERNO CLINICO E DELAL VALUTAZIONE DELLA QUALITA E DSELAL SICUREZZA DELEL PRESTAZIOINI

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Dott.ssa Chiara Maria ANDRISANI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. pag. 1 FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. Chiara Maria ANDRISANI

Dott.ssa Chiara Maria ANDRISANI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. pag. 1 FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. Chiara Maria ANDRISANI FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE Dott.ssa Chiara Maria ANDRISANI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Chiara Maria ANDRISANI Indirizzo Via Lucana, 236 Telefono 0835 253533 FAX 0835 253533 E-mail Nazionalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

MODELLI di ORGANIZZAZIONE, GESTIONE CONTROLLO INTERNO

MODELLI di ORGANIZZAZIONE, GESTIONE CONTROLLO INTERNO Come impostare i Con ben 6 esperienze a confronto MODELLI di ORGANIZZAZIONE, GESTIONE CONTROLLO INTERNO e Stampa propagandistica n. 161 - Novembre 2002 - Spedizione in abbonamento postale vendita per corrispondenza

Dettagli

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO q Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO D A T I P E R S O N A L I Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza Nicoletta Scavino 6 settembre 1959, Alba (CN) C.so Francia 103/a 10098 RIVOLI Tel. 011-9572601

Dettagli

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F.

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E D I A N T O N I A D E M A R C H I DATI ANAGRAFICI Nome Antonia Demarchi Indirizzo Telefono 3355793716 E-mail ademarc@policlinico.mi.it

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Giuseppe Marmo marmogiuseppe@tiscali.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Eleonora Gravina Indirizzo Via Milo, 5 Telefono 06/20908109 Fax 06/20903669 E-mail eleonora.gravina@ptvonline.it Nazionalità italiana

Dettagli

Settore Formazione Universitaria Az.Ospedaliero-Universitaria di Parma, via Gramsci 14, Parma 0521 703235 elisa.vetti@unipr.it

Settore Formazione Universitaria Az.Ospedaliero-Universitaria di Parma, via Gramsci 14, Parma 0521 703235 elisa.vetti@unipr.it INFORMAZIONI PERSONALI Vetti Elisa Settore Formazione Universitaria Az.Ospedaliero-Universitaria di Parma, via Gramsci 14, Parma 0521 703235 elisa.vetti@unipr.it POSIZIONE RICOPERTA ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nicolini Fausto Indirizzo c/o Azienda USL, via Amendola 2 42100 Reggio Emilia Telefono 0522.335563 Fax 0522.335200 E-mail info.direzionegenerale@ausl.re.it

Dettagli

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail.

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome e Cognome Indirizzo 232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980;

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. DE ROSA CRISTINA Data di nascita 20/01/1964

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. DE ROSA CRISTINA Data di nascita 20/01/1964 INFORMAZIONI PERSONALI Nome DE ROSA CRISTINA Data di nascita 20/01/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO - INFERMIERE

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Bando di selezione per infermieri

Bando di selezione per infermieri Bando di selezione per infermieri 1. Obiettivo generale del corso Il progetto formativo regionale sulle Cure Palliative, ai sensi del D.A. 21911 dell 11 aprile 1997, istituito con D.D.G. 8849 del 17/10/2006

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE COMPETENZE ESPERTE

CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE COMPETENZE ESPERTE CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE COMPETENZE ESPERTE L INFERMIERE CON COMPETENZE ESPERTE NEL PERCORSO CHIRURGICO E NELLE TECNICHE DI SALA OPERATORIA INDICE PREMESSA...3 PROGETTO FORMATIVO...4 Obiettivo generale

Dettagli

Corso di approfondimento Gestione dell emergenza e prove di evacuazione nelle strutture sanitarie: metodologia, organizzazione e criticità (8 ore).

Corso di approfondimento Gestione dell emergenza e prove di evacuazione nelle strutture sanitarie: metodologia, organizzazione e criticità (8 ore). Corso di approfondimento Gestione dell emergenza e prove di evacuazione nelle strutture sanitarie: metodologia, organizzazione e criticità (8 ore). Valido per l aggiornamento quinquennale di ASPP/RSPP

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MANCINO PAOLA ASL AL VIA RAGGIO 12, 15067 NOVI LIGURE (AL) Telefono 0143/332912 2363-2465 Fax 0143/332919

Dettagli

Medico Specialista di Pneumologia

Medico Specialista di Pneumologia F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Cinti, Cristina, Indirizzo via Nazionale Toscana 8b, 40068 San Lazzaro di Savena, Bologna Telefono 051 477771;

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax DARIA BETTONI - CASA: VIA FAMIGLIA BOCCACCI N 25, 25123 BRESCIA - UFFICIO: Azienda

Dettagli

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail.

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail. FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Il sottoscritto Tommaso Saporito nato a Petilia Policastro(KR) il 01 dicembre 1958 residente a Lissone in Via Monte Grappa 33, consapevole

Dettagli

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961 CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Nome Poletti Massimo Data di nascita 03 Settembre 1961 Codice fiscale Qualifica Amministrazione PLT MSM 61P03 D921 M Incarico attuale Assegnatario di posizione organizzativa

Dettagli

Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani

Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani Lo scrivente Ivano Giuliani, nato a Terracina il 22/02/1963, ed ivi residente in via Arene n 158, tel. 0773/723069, dichiara nel seguente curriculum

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE E DELLE IMMAGINI MORFOLOGICHE E FUNZIONALI **************** MASTER DI I LIVELLO IN INFERMIERISTICA FORENSE Aspetti giuridici, bioetici,

Dettagli

Bando di selezione per psicologi

Bando di selezione per psicologi Bando di selezione per psicologi 1. Obiettivo generale del corso Il progetto formativo regionale sulle Cure Palliative, ai sensi del D.A. 21911 dell 11 aprile 1997, istituito con D.D.G. 8849 del 17/10/2006

Dettagli

LEAN MANUFACTURING E APPLICAZIONI DEL WORLD CLASS MANUFACTURING NELL INDUSTRIA AUTOMOTIVE IL CASO IVECO

LEAN MANUFACTURING E APPLICAZIONI DEL WORLD CLASS MANUFACTURING NELL INDUSTRIA AUTOMOTIVE IL CASO IVECO LEAN MANUFACTURING E APPLICAZIONI DEL WORLD CLASS MANUFACTURING NELL INDUSTRIA AUTOMOTIVE IL CASO IVECO Workshop organizzato presso il Plant IVECO di Brescia AREA Production Planning LEAN MANUFACTURING

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57.

CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57. CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57. Il sottoscritto dopo le scuole dell obbligo il 16/08/1970 si è arruolato nella Marina Militare.

Dettagli

Sicurezza in sala operatoria: scheda perioperatoria Aou di Sassari

Sicurezza in sala operatoria: scheda perioperatoria Aou di Sassari Sicurezza in sala operatoria: scheda perioperatoria Aou di Sassari Data Revisione Redazione Autorizzazione e Approvazione Aprile 2010 Aprile 2014 Dott.ssa Antonella Virdis CPSI Antonella Sassu Dott Giovanni

Dettagli

Azienda Sanitaria territoriale pubblica del Sistema sanitario Nazionale. Governo Economico dell Azienda..

Azienda Sanitaria territoriale pubblica del Sistema sanitario Nazionale. Governo Economico dell Azienda.. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail SALVATORE DE PAOLA Nazionalità Data di nascita Italiana 1 LUGLIO 1955 IN COSENZA

Dettagli

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali.

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail

Dettagli

Tecnica Ospedaliera dal Risk Management alla Clinical Governance in Ospedale

Tecnica Ospedaliera dal Risk Management alla Clinical Governance in Ospedale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Laboratorio di Programmazione ed Organizzazione dei Servizi Sanitari CORSO ALTA FORMAZIONE Tecnica Ospedaliera dal Risk Management alla

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GALEAZZO MARILENA Indirizzo VIA L. PELLIZZO 39 Telefono Fax E-mail marilena.galeazzo@sanita.padova.it Nazionalità

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle Cuneo QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO COORDINATORE INFERMIERISTICO SIG.RA VIGLIONE FRANCA Settembre 2009 Inaugurazione del nuovo Blocco Operatorio ubicato

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 INDICE: 1. Premessa 3 1.1. Linea guida di prevenzione delle cadute accidentali del paziente ricoverato 3 1.2. Progetto di Gestione dei rischi in sala operatoria 4 1.3.

Dettagli