Indice del Database dei Sistemi Informativi, Studi e Ricerche e basi dati per attività presso le Direzioni Regionali Anno 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice del Database dei Sistemi Informativi, Studi e Ricerche e basi dati per attività presso le Direzioni Regionali Anno 2012"

Transcript

1 Indice del Database dei Sistemi Informativi, Studi e Ricerche e basi dati per attività presso le Direzioni Regionali Anno 2012 Sistema Statistico Regionale 1

2 Il database dei sistemi informativi, studi e ricerche disponibili è stato realizzato dall ufficio Sistema Statistico Regionale e dal Tavolo Tecnico per l attività Statistica Regionale. L ufficio Sistema Statistico Regionale fa parte dell area Innovazione tecnologica, gestione sistemi informativi e statistici della Direzione Regionale Attività della Presidenza ed è stato costituito con legge regionale 30 ottobre 1998, n. 47, che gli attribuisce un duplice ruolo : quello di Ufficio di Statistica, in attuazione dell art. 5 del D.Lgs. n. 322/89, quale componente del SIstema STAtistico Nazionale (SISTAN) e quello di coordinamento e indirizzo del SIstema STAtistico Regionale (SISTAR), istituito con la medesima legge regionale. Il Tavolo Tecnico per l attività Statistica Regionale è stato istituito con D.G.R. n. 605 del 27/07/2009 e si compone dei referenti individuati dai rispettivi Direttori Regionali e, ove necessario, dai referenti delle Agenzie e degli Enti dipendenti dalla Regione, per il conseguimento dei seguenti obiettivi : monitoraggio dell attività statistica regionale; individuazione delle esigenze conoscitive a carattere trasversale e gli specifici bisogni informativi settoriali; condivisione dei criteri omogenei di organizzazione dei flussi informativi e modalità di gestione e scambio dati armonizzare e razionalizzare l attività statistica regionale; supporto alla programmazione in materia statistica; ottimizzazione del rapporto tra la Regione ed il livello sia nazionale che delle Autonomie Locali del Lazio. Nella ricerca delle attività da segnalare nelle schede dell anno 2012 è stata posta un attenzione particolare per tutte quegli archivi e basi dati esistenti presso le varie Direzioni che contengono anche dati personali e/o sensibili tali da dover essere trattati secondo la stringente disciplina del D.Lgs 196/03 noto come codice di Tutela della Privacy. Il coordinamento generale per la realizzazione del database è stato seguito dell ufficio Sistema Statistico Regionale supportato dalla Società Lazioservice s.p.a.. L applicativo informatico per il popolamento è stato realizzato e gestito dall Area Contenuti Portale della Società LA.i.t. s.p.a. Un particolare ringraziamento a tutti i referenti del Tavolo Tecnico per la preziosa e fattiva collaborazione alla realizzazione dell iniziativa. 2

3 Sommario Direzione Organizzazione, Personale, Demanio e Patrimonio... 4 Direzione Politiche Sociali e Famiglia... 5 Direzione Protezione Civile... 6 Direzione Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi... 8 Direzione Turismo... 9 Agenzia Regionale del Turismo Direzione Formazione e Lavoro Direzione Programmazione e Risorse del Servizio Sanitario Regionale Direzione Piani e Programmazione di Edilizia Residenziale, Terzo Settore, Servizio Civile e Tutela dei Consumatori Direzione Attività Produttive e Rifiuti Direzione Infrastrutture Direzione Cultura Arte e Sport Direzione Trasporti Direzione Ambiente Direzione Territorio e Urbanistica Direzione Attività della Presidenza Agenzia Sanità Pubblica Direzione Istruzione, Programmazione dell Offerta Scolastica e Formativa, Diritto allo Studio e Politiche Giovanili Direzione Agricoltura

4 Direzione Organizzazione, Personale, Demanio e Patrimonio Registro infortuni dei dipendenti della Giunta regionale. Statistiche sulla valutazione di risultato del personale della Giunta Regionale. Gestione giuridica del rapporto di lavoro dei dipendenti, di ruolo, a tempo determinato e in comando, della regione Lazio (consiglio, giunta, ex parchi) dall'immatricolazione alla fine del rapporto di lavoro. Sistema di gestione della formazione dei dipendenti della regione lazio. Gestione economica del rapporto di lavoro dei dipendenti di ruolo e a tempo determinato della Regione Lazio (consiglio, giunta, ex parchi). Rilevazione delle presenze/assenze dei dipendenti della Giunta Regionale. Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) Annarita La Ruffa Registrazione degli infortuni occorsi ai dipendenti regionali nei luoghi di lavoro durante l'orario di servizio attraverso la compilazione di schede informatizzate individuali in cui vengono annotate tutte le generalità dell'infortunio, le modalità e la prognosi. ( intervistato Piero Palumbo - dell'area datore di lavoro,promozione del benessere org.vo e servizi al personale) I prospetti elaborati raccolgono le valutazioni di tutti i dipendenti regionali per fasce di punteggio ( per unità che per incidenza sul totale) e per categoria per il personale del comparto, mentre per i dirigenti avviene per strutture apicali (direzioni regionali e dipartimenti) ( Pierfrancesco Andrei - -Ufficio Organizzazione e Valutazione) Attività che riguarda prevalentemente l'inserimento dei dati giuridici nel sistema informativo del personale inerenti tutta la vita lavorativa del dipendente di ruolo e non, dall'immatricolazione alla fine del rapporto di lavoro e ciò comprende qualsiasi modifica sia delle assegnazioni c/o le strutture che le applicazioni contrattuali Il sistema di gestione della formazione è un progetto che mira a rilevare la partecipazione dei dipendenti regionali ai corsi di formazione evidenziando presenze/assenze e i risultati ottenuti. (area formazione sig.ra Simonetta Sicilia - e Massimiliano Mura - L'attività riguarda la gestione economica del rapporto di lavoro di tutto il personale che presta servizio presso la Regione Lazio. In particolare si predispongono, attraverso l'applicazione dei diversi istituti disciplinati dai Contratti Collettivi di lavoro nazionale e decentrati, gli stipendi, le missioni, il TFR, le pensioni e liquidazioni, gli adempimenti fiscali e contributivi dei modelli 770 e 730. Rilevazione delle presenze e assenze dei dipendenti della giunta regionale con riferimento a tutti gli istituti che disciplinano le diverse tipologie di assenza.( Alessia Paplomatas dirigente area datore di lavoro promozione del benessere organizzativo e servizi al personale 4

5 Direzione Politiche Sociali e Famiglia Cartella Sociale-Sanitaria integrata e raccolta dati SINA Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato Albo Regionale delle Cooperative Sociali Registro Associazionismo Anagrafica delle strutture e dei servizi socio-assistenziali nella Regione Banca dati Piani di Zona Banca dati Bonus Bebè Claudio Cimmino Piattaforma software unica per il territorio per la gestione delle prese in carico degli utenti dei Segretariati sociali e dei PUA, per la sola parte sociale. I dati per il progetto SINA sono integrati nelle informazioni raccolte. La regione ha accesso solo alla reportistica, mentre gli operatori sul territorio hanno l'accesso ai dati. Il Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato viene aggiornato in tempo reale e pubblicato annualmente sul BURL e sul sito web della Regione L'Albo Regionale delle Cooperative Sociali viene aggiornato in tempo reale e pubblicato annualmente sul BURL e sul sito web della Regione Il Registro dell'associazionismo viene aggiornato in tempo reale e pubblicato annualmente sul BURL e sul sito web della Regione Anagrafica a livello regionale di tutte le strutture e i servizi socio-assistenziali presenti sul territorio. Per informazioni rivolgersi Luca Colosimo La Banca dati dei Piani di Zona è uno strumento che permette ai Comuni di immettere in formato elettronico i documenti che compongono i Piani di Zona, e permette alla Regione la revisione e il controllo dell'andamento della realizzazione del Piano Elenco Beneficiari Bonus Bebè divisi per Comune 5

6 Direzione Protezione Civile Referente della Direzione per l attività statistica Carla Leo Monitoraggio e pubblicazione dei dati meteoclimatici del Lazio e supporto alla decisione per attività di protezione civile per la gestione del rischio idrogeologico ed idraulico La gestione del rischio idrogeologico ed idraulico è organizzata come un sistema di interventi gestionali e strutturali ed interventi di monitoraggio ed allertamento, oggetto di costante integrazione e miglioramento. Gli interventi di monitoraggio e allertamento competono alla rete dei Centri Funzionali, costituita dai Centri Funzionali regionali (CF regionali) e da un Centro Funzionale Centrale (CFC) presso il Dipartimento della Protezione Civile nazionale (DPC). In particolare, ai sensi della DPCM e ss.mm.ii., il CFR svolge tre tipi di attività: 1. attività previsionale; 2. attività di monitoraggio e sorveglianza in tempo reale; 3. attività di analisi e studio, in tempo differito. Il CFR in dettaglio integra i dati, rilevati in tempo reale ad intervalli di 15 minuti dalla rete meteo-pluvio-idrometrica della Regione Lazio attraverso ponti radio, relativi ai principali parametri meteorologici (temperatura e umidità dell aria, pressione atmosferica, vento, ecc.), pluviometrici (altezza ed intensità di pioggia) e idrometrici (livello dei corsi d'acqua e portata), con la raccolta di dati provenienti da altre reti di rilevamento in base ad intese o accordi tra amministrazioni diverse, e con le informazioni relative alla gestione delle opere infrastrutturali presenti lungo i corsi d acqua quali dighe, sbarramenti, impianti idrovori, fornite dai vari gestori e dall ARDIS. Il servizio svolto dal CFR comprende sia la gestione della rete della Regione Lazio e il continuo controllo della sua corretta operatività, tanto nel tempo reale quanto nel tempo differito, sia un attività di progettazione e realizzazione degli adeguamenti e degli ampliamenti necessari. Per il Tevere la serie storica è iniziata nel Responsabile dell'attività: Ing. Mele Francesco Telefono:

7 Direzione Protezione Civile Gestione ed archiviazione informatizzata dei contenziosi derivanti dalle attività delle Aree della Direzione Protezione Civile. Carla Leo La necessità di avere una visione organica e completa del contenzioso che coinvolge la Direzione Regionale Protezione Civile ha portato all enucleazione dell obiettivo di creare un archivio informatico riportante tutti i procedimenti pendenti di cui fosse parte la Direzione stessa. Nell inserimento in archivio, i procedimenti vengono catalogati e contraddistinti in base a: tipologia (amministrativo, civile o penale), area di competenza, n. prot. nota di trasmissione, parti in causa ed, eventualmente, ruolo generale del Tribunale e n. fascicolazione Avvocatura Regionale. Ciò permette diversi criteri di ricerca di uno stesso procedimento. Il file viene costantemente aggiornato sino alla conclusione definitiva del procedimento, annotando eventuali particolarità o anomalie. La finalità generale di tale archivio è un costante monitoraggio del contenzioso derivante dalle attività delle Aree della Direzione, lo studio del quale offre dei dati importanti, non solo ai fini di una buona difesa dell operato dell Amministrazione Regionale in sede giudiziale, ma anche per eventuali azioni correttive dell azione amministrativa. Responsabile dell attività: Dott.ssa Roberta Del Roscio Tel.: Monitoraggio delle procedure amministrative svolte dalle Province del Lazio ai fini del rilascio dell autorizzazione unica (art. 12 del D.Lgs. 387/2003) per gli impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili. L attività prevede la rilevazione di una serie di dati che consentono di monitorare le procedure amministrative svolte dalle Province ai fini del rilascio dell autorizzazione unica di cui all art. 12 del Decreto Legislativo 387/2003. Il procedimento di autorizzazione è stato delegato dalla Regione alle Province con Legge Regionale n. 18/2006. In particolare, vengono rilevati: il numero delle richieste di autorizzazione ricevute; il numero delle richieste di autorizzazione concluse con esito positivo e con esito negativo; il tempo medio per la conclusione del procedimento con riferimento a ciascuna fonte; i dati circa la potenza degli impianti con riferimento a ciascuna fonte; i dati sulle emissioni evitate di CO2, SO2, NOX, polveri e TEP. Responsabile dell attività: Arch. Antonietta Piscioneri - telefono:

8 Direzione Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi Referente della Direzione per l attività statistica Daniela Marzia L'applicazione permette alle strutture competenti di gestire il bilancio, la ragioneria, gli atti S.I.R.I.P.A. Sistema Informativo amministrativi e il protocollo. Le restanti strutture possono accedere al sistema per la sola Regionale Integrato Procedimenti visualizzazione delle informazioni. Fra le informazioni più rilevanti vi sono gli impegni, le Amministrativi richieste di mandato e i mandati di pagamento in favore del creditori della Regione Lazio. 8

9 Direzione Turismo RaDaR (Raccolta Dati Regionali) per la trasmissione telematica dei dati sui movimenti turistici Elenco Regionale delle Agenzie Sicure Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) Elisabetta Calabri La Regione Lazio ha realizzato, nell'ambito dell'osservatorio regionale per il Turismo (LR n. 13/2007, art. 20) e messo a disposizione di tutti i soggetti titolari di autorizzazione o gestori di esercizio ricettivo il RaDaR (Raccolta Dati Turismo) per l'acquisizione e la gestione dei dati sui movimenti turistici giornalieri e mensili nel territorio regionale. Tale Sistema, realizzato da LaIT spa e disponibile gratuitamente on line sul sito consente a tutte le strutture ricettive e extraricettive di effettuare le seguenti operazioni: registrazione nell'area dedicata del Portale e compilazione della scheda anagrafica della struttura; compilazione del Modello Istat C/59 oppure, in alternativa, importazione dei dati dal programma gestionale della struttura, ove esistente. La trasmissione dei dati sui movimenti turistici per via telematica, attraverso un unico, di supporto all Osservatorio regionale per il Turismo, è rivolta all acquisizione, alla gestione, all elaborazione e alla futura divulgazione delle informazioni sui flussi turistici nel territorio laziale, nonché a una migliore conoscenza dell andamento del settore ai fini della programmazione turistica regionale. Al fine di garantire un alto livello di organizzazione e sicurezza dei servizi offerti dalle Agenzie di viaggio e turismo, nonché il rispetto e la diffusione dei principi del "turismo etico", ai sensi dell'art. 37 della Legge Regionale n. 13/2007 e il relativo Regolamento Regionale n. 19 del 24/10/2008 e s.m.i. è stato istituito, con Determinazione n. A06291 del 19/6/2012, presso la Direzione Regionale Turismo della Regione Lazio, l'elenco regionale delle Agenzie Sicure. Tale elenco è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 27 del 10/7/2012 e verrà aggiornato annualmente. Le Agenzie che fossero interessate ad un futuro inserimento possono contattare per informazioni la Direzione Regionale Turismo della Regione - Assessorato Turismo e Marketing del Made in Lazio - Area Tutela dei Diritti del Turista. 9

10 Direzione Turismo Albo regionale delle concessioni demaniali con finalità turistico ricreative della Regione Lazio (dati in via di acquisizione) Banca dati dei servizi turistici operanti sul territorio regionale Progetti di Cooperazione Territoriale Europea con partner nel territorio laziale Elisabetta Calabri Scopo dell Albo è quello di creare un elenco regionale delle Concessioni Demaniali con finalità turistico ricreative della Regione Lazio, che potrebbe diventare georeferenziato. Per informazioni: Dirigente Area Sviluppo dell'impresa turistica e utilizzazione del demanio marittimo per finalità turistica, Dott.ssa Grazia Maria Iadarola, E.mail Tel La Banca dati, consultabile nell'ambito del Portale del Turismo e del Made in Lazio (www.ilmiolazio.it), raccoglie i dati identificativi e di contatto delle strutture e dei servizi turistici della regione (ricettività, ristorazione, autonoleggi, agenzie turistiche e tour operator, etc.). Il Data Base, in corso di costante implementazione, contiene circa strutture ricettive (alberghiere e extra-alberghiere), 6000 ristoranti, agenzie di viaggio e tour operator, oltre a stabilimenti balneari, agenzie di noleggio auto, scuole di formazione turistica, informazioni su trasporti, meteo, consigli utili e faq. La navigazione all interno del Portale è sia tematica che territoriale. Ogni singolo contenuto del sito è georeferenziato e visualizzabile su mappa Google secondo la categoria di appartenenza. Sulla mappa è pertanto possibile evidenziare informazioni e servizi di rilevanza turistica in senso lato (a carattere culturale, ambientale, enogastronomico, etc.) in base alla tipologia e alla distanza da un determinato punto di interesse, individuato dall utente (marketing di prossimità). L Area Cooperazione Territoriale della Direzione regionale Turismo garantisce le modalità di funzionamento del sistema di rilevazione dei dati riguardanti i programmi di cooperazione territoriale e l organizzazione dei flussi informativi con lo Stato, nel rispetto delle normative comunitarie e nazionali, come stabilito dalla deliberazione CIPE di attuazione del QSN - Obiettivo di Cooperazione Territoriale Europea - approvata in data 21 dicembre

11 Agenzia Regionale del Turismo Ersilia Maffeo Classificazione strutture ricettive turistiche e tabella prezzi Archiviazione dei dati riguardanti le strutture ricettive alberghiere ed extraalberghiere ai fini della classificazione della loro attività e raccolta tabella prezzi 11

12 Direzione Formazione e Lavoro MobOnLine Applicativo/Banca Dati per la gestione delle domande di mobilità individuale ex. L. 236/1993 Referenti della Direzione per l attività statistica Maria Chiara De Camillis;Emanuele Noviello Gestione delle istanze individuali di richiesta iscrizione alla lista di mobilità con gestione in cooperazione applicativa con i Centri per l impiego che inviano le istanze on line lavorate come positive o negative o problematiche. Il personale regionale fa le opportune verifiche delle istanze problematiche per passarle fra le positive o le negative. A seguito di questa validazione vengono compilate le liste degli ammessi o non ammessi alla Mobilità e queste liste vengono inviate ai CPI e all INPS per gli adempimenti di competenza. NetLabor - Applicativo/Banca Dati per la gestione delle domande di mobilità collettiva ex. L. 223/1991 Nodo regionale del Sistema informativo lavoro Osservatorio Regionale Permanente sulla formazione continua Statistiche derivate o rielaborazioni (SDE) Gestione delle istanze aziendali di collocamento in mobilità dei lavoratori in occasione di licenziamenti collettivi. A seguito della ricezione delle domande il personale regionale verifica i requisiti soggettivi del lavoratori e la coerenza delle modalità di licenziamento rispetto a quanto previsto dalle norme e in caso positivo produce le liste di mobilità che vengono inviate ai centri per l impiego ed all INPS. Gestione delle comunicazioni obbligatorie datoriali di assunzione, licenziamento, trasformazione de rapporto di lavoro e della ragione sociale delle aziende che vengono inviate dai datori ai nodi provinciali e da questi a quello regionale. Il nodo regionale a sua volta invia a quello nazionale che inoltre ad INPS e INAIL. Inoltre, il nodo regionale riceve le comunicazioni proveniente da altre regioni per quei lavoratori che pur lavorando fuori dal Lazio hanno mantenuto nel Lazio la loro residenza. Queste comunicazioni sono inviate ai nodi provinciali. Dal Nodo regionale è possibile effettuare estrazioni di dati relative a tutte le comunicazioni intermediate dal Nodo regionale. Monitoraggio delle iniziative di formazione continua rivolte ai lavoratori delle aziende del Lazio anche al fine di: - sviluppare un sistema partecipato di governance e di intervento della formazione continua; - Ampliare le opportunità di formazione continua per tutte le categorie di lavoratori. di Gestione delle istanze aziendali di collocamento in mobilità dei lavoratori in occasione di licenziamenti collettivi. Dal capitolato di gara. 12

13 Direzione Formazione e Lavoro Referenti della Direzione per l attività statistica Maria Chiara De Camillis;Emanuele Noviello Monitoraggio prestazioni Servizi Pubblici per l impiego SIMON Sistema Informativo di Monitoraggio Rilevazione del nr. di prestazioni effettuate in un periodo definito (6 mesi) dai Centri per l impiego dislocati nel territorio regionale delle prestazioni effettuate a determinate categorie di soggetti (disoccupati ed inoccupati). Gestione amministrativa dei finanziamenti FSE e Regionali attraverso il conferimento di documentazione da parte dei beneficiari, il controllo di tale documentazione finalizzato a verificare la corretta utilizzazione del finanziamento ricevuto ed il successivo monitoraggio realizzato sia attraverso estrazioni di dati che attraverso rapporti periodici. Dati e Rapporti vengono inviati alle competenti strutture regionali, nazionali ed europee. Rapporto Annuale di Esecuzione 2011 del POR FSE Informativa sulle azioni di politica attiva del lavoro svolte nell'ambito dell'operazione Anticrisi Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) Il Rapporto, che viene presentato e approvato annualmente nel corso del Comitato di Sorveglianza (l'ultimo si è tenuto nel mese di giugno 2012), illustra lo stato di avanzamento fisico, procedurale e finanziario del Programma Operativo Regionale FSE, con riferimento all'insieme dei progetti attivati secondo gli obiettivi specifici dei 6 Assi (Adattabilità. Occupabilità, Inclusione sociale, Capitale umano, Trasnazionalità, Assistenza tecnica) di cui si compone il Programma. Sono riportate le informazioni relative agli interventi attivati, con riferimenti a: tipologie di azione, soggetti attuatori, destinatari, localizzazioni territoriali. Per l'annualità in corso (2012) sono stati prodotti tre report statistici che illustrano lo stato di avanzamento delle misure anticrisi rivolte ai lavoratori in Cassa integrazione guadagni o Mobilità in droga, attivate con le risorse del Fondo Sociale europeo. Il sistema informativogestionale SPAL (sistema politiche attive del lavoro, creato per la realizzazione degli interventi, archivia le informazione relative alle aziende ed ai lavoratori del Lazio colpiti dai processi di crisi e ristrutturazione ed alle azioni di riqualificazione professionale e di reinserimento lavorative attivate. In particolare i report offrono elaborazioni statistiche dei dati personali dei lavoratori coinvolti. Le elaborazioni statistiche, prodotte con cadenza mensile, sono sospese a partire dal mese di aprile 2012, sono comunque disponibili i dati prodotti dal sistema gestionale 13

14 Direzione Formazione e Lavoro Tirocini online S.APP - Sistema regionale per l'attuazione della formazione degli Apprendisti Referenti della Direzione per l attività statistica Maria Chiara De Camillis;Emanuele Noviello Il Tirocinio è un istituto di formazione e inserimento al lavoro, Tirocini-online è il sistema operativo regionale che permette la comunicazione online da parte del soggetto promotore del tirocinio e del relativo progetto formativo, la registrazione della convenzione tra soggetto promotore e soggetto ospitante (ente, azienda); è collegato al sistema delle Comunicazioni Obbligatorie tramite il Sistema Informativo Lavoro. Il sistema operativo elabora in tempo reale, sulla base delle informazioni contenute nelle comunicazioni online che pervengono alla Regione, le statistiche su: caratteristiche dei tirocinanti, analisi dei soggetti ospitanti e dei soggetti promotori, analisi del tirocinio (durata, competenze/conoscenze oggetto del progetto formativo) S.APP è il sistema informativo gestionale della Regione Lazio - istituito a seguito dell'approvazione delle normative regionali del 2006 e del 2011, in materia di Apprendistato Professionalizzante - in grado di supportare l'insieme degli operatori pubblici e privati nel compimento delle azioni necessarie allo sviluppo del processo che porta alla realizzazione della formazione prevista dal contratto. Il sistema, attraverso sezioni dedicate alle imprese, agli enti di formazione ed alle province e la presenza del catalogo dell'offerta formativa, permette l'iscrizione dell'apprendista ai moduli formativi, il monitoraggio delle attività e degli esiti finali. S.APP è collegato al Sistema Informativo Lavoro, da cui acquisisce informazioni anagrafiche e contrattuali provenienti dalle comunicazioni obbligatorie ed è in grado di restituire informazioni ed elaborazioni statistiche, articolate per territori provinciali, relative a: caratteristiche degli apprendisti convolti nelle azioni formative, tipologie dei moduli formativi attivati, aziende che hanno stipulato i contratti di apprendistato 14

15 Direzione Programmazione e Risorse del Servizio Sanitario Regionale Flussi dati economici e gestionali della Aziende Sanitarie del Lazio NSIS - Nuov Sanitario Fabrizio Di Vona 15

16 Referente della Direzione per Direzione Piani e Programmazione di Edilizia Residenziale, Terzo Settore, Servizio Civile e Tutela dei Consumatori l attività statistica Giuseppe Lombardi Banca dati per la gestione del Programma sperimentale di edilizia residenziale "20000 abitazioni in affitto" Progetto per il finanziamento ad imprese e cooperative per la costruzione in edilizia agevolata di alloggi da assegnare in regime di locazione Secondo Bando di concorso per il recupero ed il risanamento delle abitazioni nei centri storici del lazio Banca dati dei certificati energetici delle abitazioni Gestione codici CUP (Codice Unico di Progetto) Banca Dati per la gestione dei finanziamenti relativi al bando 355 del 2004 Gestione Requisiti soggettivi Banca Dati sanatorie occupazioni senza titolo Il progetto è volto al finanziamento dei Comuni del Lazio con un numero di abitanti inferiori a 5000 unità per il risanamento delle abitazioni ricadenti nel centro storico Il progetto risponde all'esigenza di gestire i certificati energetici delle abitazioni presenti sul territorio della Regione Lazio Progetto per la gestione e la comunicazione al CIPE dei codici CUP (Codice Unico di Progetto) per tutti i progetti gestiti e finanziati dalla Direzione Realizzazione di n.5997 alloggi in proprietà nelle province di Frosinone, Latina, Rieti, Roma e Viterbo Realizzazione di 5765 alloggi nel Comune di Roma, di cui 1157 in proprietà riservati a Cooperative di Forze Armate e Forze dell Ordine e 4608 in locazione a Cooperative edilizie e Imprese di Costruzione. Banca dati dei soggetti aventi diritto agli alloggi di edilizia agevolata Gestione delle domande di sanatoria per gli anni 2007 e 2008 relativamente all'occupazione senza diritto di alloggi di edilizia sovvenzionata 16

17 Direzione Attività Produttive e Rifiuti Percentuali di raccolta differenziata dei Comuni del Lazio Statistiche su cave e miniere Nucleo tecnico dell'osservatorio regionale sul Commercio Statistiche sulle acque minerali e termali Monitoraggio SUAP- Sportello Unico Attività Produttive - attivati sul territorio Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) Jessica Carmen Fischetti Necessità di adottare una metodologia uniforme per la certificazione delle percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti urbani e la quantificazione dei risultati raggiunti all interno del territorio regionale. Jessica C. Fischetti Raccolta ed elaborazione dati relativi a: produzione vari materiali estratti da cave e miniere, n occupati all'interno delle aziende operatrici del settore, infortuni verificatisi sul lavoro e consumo carburante ed energia elettrica delle macchine di produzione necessarie per l'attività estrattiva. Cesare Scacco Monitoraggio annuale dell'offerta strutturale del commercio regionale: analisi, approfondimenti, analisi comparative. Assistenza tecnico legislativa all'area commercio. Consulenza giuridico amministrativa settoriale. Enrico Rumboldt Raccolta ed elaborazione dati relativi alla produzione di acque minerali e termali e relativo mercato di destinazione, occupazione ed infortuni nelle aziende operatrici del settore, consumo di carburante ed energia elettrica necessari per l'attività estrattiva. Rosa Maria Pollara Monitoraggio SUAP attivati sul territorio regionale al fine di rilevare gli interventi effettuati dagli enti locali in osservanza delle norme di legge per la semplificazione dei procedimenti amministrativi per il rilascio delle autorizzazioni di attività imprenditoriali. Avv. Daria Luciani

18 Direzione Infrastrutture Gestione dati attività ed interventi per opere pubbliche di interesse locale e sociale in ambito regionale gestione dati, istanze pareri tecnico amministrativi, su progetti per interventi edilizi in zone sismiche Gestione dati e attività tecnico amministrativa su istanze di concessione contributi regionali per opere di viabilità locale e impianti pubblica illuminazione Loretta Antonelli Attuazione interventi relativi alle opere sociali ed adempimenti connessi con il pronto intervento di cui alla legge 1010/48 e la legge regionale 55/84 per l'edilizia scolastica. Pianificazione e programmazione di interventi in materia edilizia pubblica o degli enti locali, recupero edifici pubblici, edifici di culto, edifici aventi carattere storico culturale all'interno dei centri storici, adempimenti tecnici ed amministrativi per dare attuazione ai suddetti piani e programmi. Attività ed adempimenti connessi con il pronto intervento. Istruttoria ed emissione dei pareri tecnico amministrativi sui progetti inseriti in piani e programmi finalizzati alla realizzazione di opere pubbliche, in generale di competenza diretta della Regione Lazio dei Comuni e loro Consorzi e di altri enti pubblici finanziati con fondi regionali, nazionali e comunitari: Cura gli adempimenti connessi con le emergenze sismiche e di protezione civile. Rilascia le autorizzazioni e gli attestati di deposito progetti per gli interventi edilizi in zone sismiche. Gestione informatica dei dati relativi. Programmazione e concessione di contributi regionali per la realizzazione di impianti di pubblica illuminazione e infrastrutture viarie di interesse locale, su istanza degli enti locali. Inoltre gestisce ogni forma di cooperazione ed attività finalizzata alla realizzazione e gestione di opere di interesse pubblico 18

19 Direzione Cultura Arte e Sport Lucia Sentinelli Rilevazione dati progettazione europea nell'ambito regionale Elaborazione di ricerche a tema attraverso attivazione di network. Valorizzazione del territorio attraverso lo sviluppo delle politiche di coesione. Indagini storici territoriali Usi Civici Indagine di storia della collettività EU con particolare riferimento alla regione Lazio. Monitoraggio Musei e Biblioteche Monitoraggio Beni storico-artistici Monitoraggio Beni Archeologici Monitoraggio Beni Architettonici Monitoraggio Beni Demoetnoantropologici BDI - BDM Monitoraggio contributi per lo spettacolo dal vivo (L.R. 32/78) Censimento sul finanziamento degli Archivi Storici sul territorio regionale Funzionamento e Sviluppo Sistemi Archivistici Monitoraggio impianti sportivi Programmazione Integrata Territoriale Monitoraggio Musei e Biblioteche inseriti nelle rispettive organizzazioni Regionali OMR (Org.ne Musei Regionali) e OBR (Org.ne Biblioteche Regionali) Monitoraggio e rilevamento dati statistici Beni Storico-Artistici: Opera e Oggetto d'arte - Stampa. Monitoraggio e rilevazione statistica Beni Archeologici - Monumenti Archeologici - Reperti Archeologici - Sito - Tab. Materiale Archeologico. Monitoraggio territoriale dei beni culturali - Centro Regionale di Documentazione. Beni Architettonici Monitoraggio Beni Demo-etno-Antropologici - BDI - Beni DEA Immateriali - BDM - Beni DEA Materiali. Attività di Promozione Culturale della R.L. per lo spettacolo dal vivo. APQ - Censimento sul finanziamento degli Archivi Storici sul territorio regionale. Funzionamento e Sviluppo dei Sistemi Archivisti - Interventi di didattica della storia negli Archivi Storici del Lazio. Monitoraggio impianti sportivi e spazi attività presenti sul territorio regionale. Area di Programmazione Integrata Territoriale - Portale della Cultura L.R. n Valorizzazione ambientale, culturale e turistica del territorio. 19

20 Direzione Cultura Arte e Sport Lucia Sentinelli SIT - Sistema Informativo Rilevazione schede di catalogo per Beni Architettonici, Archeologici, Storico Artistici, Demoterritoriale catalogazione Beni Etnoantropologici. Culturali Archivio riproduzioni mappe catastali e cartografia parcellizzata Rilevazione dati Mediateca e Fototeca del CRD Riproduzione mappe catastali e Cartografia parcellizzata. Rilevazione dati statistici Archivio Mediateca e Fototeca CRD 20

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

L accesso all abitazione rimane infatti un servizio insostituibile, che deve essere garantito ad ogni cittadino.

L accesso all abitazione rimane infatti un servizio insostituibile, che deve essere garantito ad ogni cittadino. La riforma federalista ha accresciuto le responsabilità e i compiti delle Regioni e dei Comuni. Con la riforma del regime delle locazioni (L. 431/98) è stato istituito l Osservatorio Nazionale sulla Condizione

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE 1.1 - SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE - Partecipazione con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni di Consiglio e Giunta - Segreteria Giunta

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini I risultati della misurazione nazionale nel settore edilizia L attività di misurazione degli oneri nel settore dell edilizia è stata realizzata nel 2012

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Data 24.03.2011 Atto n 807 OGGETTO: Approvazione Organizzazione Interna della Direzione Generale. IL DIRETTORE GENERALE Premesso

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

L INNOVAZIONE DEI SERVIZI COMUNALI ON LINE PROGETTO INNOVA@SC.ONLINE

L INNOVAZIONE DEI SERVIZI COMUNALI ON LINE PROGETTO INNOVA@SC.ONLINE L INNOVAZIONE DEI SERVIZI COMUNALI ON LINE PROGETTO INNOVA@SC.ONLINE Avviso per il cofinanziamento di progetti proposti dalle Alleanze Locali per l Innovazione (ALI) pubblicato sulla G.U. n 31 del 7/2/2007

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

COMPETENZE DI CONTESTO (Capacità)

COMPETENZE DI CONTESTO (Capacità) DENOMINAZIONE POSIZIONE: CODICE POSIZIONE: TIPO DI POSIZIONE: STRUTTURA ORGANIZZATIVA DI APPARTENENZA: AREA SETTORIALE DI APPARTENENZA: FAMIGLIA PROFESSIONALE DI APPARTENENZA: GRADUAZIONE POSIZIONE: FINALITÀ

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

A relazione dell'assessore Quaglia:

A relazione dell'assessore Quaglia: REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 11 dicembre 2013, n. 8-6870 Iniziativa volta a garantire maggiore equita' nell'erogazione delle agevolazioni nell'ambito dell'edilizia

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI MAURIZIO PERON

CURRICULUM VITAE DI MAURIZIO PERON DI MAURIZIO PERON INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Maurizio Peron Telefono 0746 287300 E-mail Nazionalità maurizio.peron@comune.rieti.it Italiana Data di nascita 29.05.1957 ISTRUZIONE E FORMAZIONE

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio tavola rotonda su L INNOVAZIONE POSSIBILE: DEMATERIALIZZAZIONE

Dettagli

GIS Turistico della Valdaso Venerdì 23 gennaio 2015 - Ortezzano - Sala Savini

GIS Turistico della Valdaso Venerdì 23 gennaio 2015 - Ortezzano - Sala Savini GIS Turistico della Valdaso Venerdì 23 gennaio 2015 - Ortezzano - Sala Savini Ing. Roberto Capancioni GEOSERVICE srl PORTALE TERRITORIALE TURISTICO PER LA PROMOZIONE DEL PATRIMONIO: storico-culturale enogastronomico

Dettagli

CITTÀ DI BATTIPAGLIA - STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE GIUNTA COMUNALE SINDACO CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO GENERALE SPORTELLO CONTRATTI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Gare Controllo strategico

Dettagli

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI)

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) Servizi per gli uffici del comune Gestione accertamento edilizia privata con catasto storico Supporto alla attività amministrativa per

Dettagli

GABINETTO DELLA PRESIDENZA

GABINETTO DELLA PRESIDENZA FUNZIONIGRAMMA GABINETTO DELLA PRESIDENZA GABINETTO DELLA PRESIDENZA Comunicazione e URP Servizi culturali e Valorizzazione Beni del Territorio Unità Operativa Comunicazione e URP Supporto alle attività

Dettagli

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative ALLEGATO Sub.B ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 015 IN DATA 03.04.2012 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE dott. Roberto Varisco IL SEGRETARIO GENERALE dott.ssa Carmen Cirigliano Comune di

Dettagli

CILA - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA PER INTERVENTI DI

CILA - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA PER INTERVENTI DI Pratica edilizia Al Comune di SUAP SUE ALZANO LOMBARDO PEC / Posta elettronica CILA CILA con richiesta contestuale di atti presupposti Protocollo CILA - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA PER INTERVENTI

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE A far data 01/03/2015 la struttura organizzativa dell Ente viene articolata in 5 macroaree suddivise in 9 Servizi, ai quali sono preposti i Responsabili individuati

Dettagli

Allegato 1. Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche

Allegato 1. Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche Allegato 1 Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DATI DA detenere e TRASMETTERE ALLA BANCA DATI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE...

Dettagli

Settore: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali. La domanda di informazione statistica. Programma 2011-2013 Aggiornamento 2012-2013

Settore: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali. La domanda di informazione statistica. Programma 2011-2013 Aggiornamento 2012-2013 Settore: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali La domanda di informazione statistica L area dei settori economici include un insieme vasto e articolato di domini statistici che, per

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del IL SINDACO Proposta N. 10 del 31/01/2014 SERVIZIO --Pianificazione Urbanistica Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O.

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: LAVORO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. G14777 del 20/10/2014 Proposta n. 16625 del 30/09/2014 Oggetto: Presenza annotazioni contabili D.G.R. 3 febbraio 2012,

Dettagli

FAQ Domande più frequenti Procedimento regionale CIGS e Mobilità in deroga

FAQ Domande più frequenti Procedimento regionale CIGS e Mobilità in deroga Agenzia regionale Lazio Lavoro FAQ Domande più frequenti Procedimento regionale CIGS e Mobilità in deroga Allegato a Linee guida per le gestione delle domande di CIGS e mobilità in deroga alla Regione

Dettagli

Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo

Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo ALLEGATO A Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo MODALITÀ ATTUATIVE E INDIRIZZI OPERATIVI La Regione,

Dettagli

Comune di Positano Monitoraggio tempi dei procedimenti 31 dicembre 2013. Settore Procedimento tipico Tempo previsto Tempo medio

Comune di Positano Monitoraggio tempi dei procedimenti 31 dicembre 2013. Settore Procedimento tipico Tempo previsto Tempo medio Comune di Positano Monitoraggio tempi dei procedimenti 31 dicembre 2013 Settore Procedimento tipico Tempo previsto Tempo medio Servizi Attestazione regolarità di soggiorno Giorni 30 Giorni 30 Demografici

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CERMENATE (CO) anno 2014

COMUNE DI CERMENATE (CO) anno 2014 COMUNE DI CERMENATE (CO) anno 2014 BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A PERSONE E FAMIGLIE IN PERIODI DI FORTE DISAGIO LAVORATIVO Il Comune di Cermenate, nell'ambito dei programmi

Dettagli

DIRITTI DI SEGRETERIA SOGGETTI A RIPARTO (non modificabile) CAP. 560. (Legge n. 604/62 Tab. D)

DIRITTI DI SEGRETERIA SOGGETTI A RIPARTO (non modificabile) CAP. 560. (Legge n. 604/62 Tab. D) DIRITTI DI SEGRETERIA SOGGETTI A RIPARTO (non modificabile) CAP. 560 (Legge n. 604/62 Tab. D) 1. Avvisi d asta per alienazioni, locazioni, appalti di cose e di opere, per l originale 0,52 concessioni di

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E PER LA TUTELA DEI DATI SENSIBILI approvato con deliberazione C.P. n. 88 del 26.10.2001

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni; DGR 391 del 22 maggio 2009 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e occupazione Attuazione dell Attività III.2 Promozione di trasporti urbani puliti. Approvazione della Scheda

Dettagli

COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Adottato dalla Giunta Municipale con deliberazione n. 6 del 30.01.2014, dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto

Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto LEGGE REGIONALE 29 settembre 2003, N. 17 Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto (BURL n. 40, 1º suppl. ord. del 03 Ottobre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-09-29;17

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA 4 dicembre 2014, n.136

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA 4 dicembre 2014, n.136 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA 4 dicembre 2014, n.136 Aggiornamento del Piano attuativo del Piano Regionale dei Trasporti per

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute

Le iniziative del Ministero della Salute Ondate di calore e impatto sulla salute Interventi di monitoraggio e prevenzione Le iniziative del Ministero della Salute Annamaria de Martino Direzione Generale Prevenzione Sanitaria, Roma Ondate di calore

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

NOTA. - la promozione di finanziamenti agevolati per la bonifica di edifici con presenza di manufatti contenenti amianto;

NOTA. - la promozione di finanziamenti agevolati per la bonifica di edifici con presenza di manufatti contenenti amianto; L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 venerdì 7 settembre, 2012 NOTA E stata pubblicata sul B.U.R.L. 3 agosto 2012 n. 31 ed è in vigore dal 4 agosto, la legge con la quale la Regione Lombardia ha inteso

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2 Numero : 01 Settore: AFFARI GENERALI E PIANIFICAZIONE SEGRETERIA E ORGANI COLLEGIALI Predisposizione informatizzata e relativa trasmissione agli uffici competenti delle proposte di delibere di giunta e

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione POR Obiettivo 3 F.S.E. 2000-2006

REGIONE LAZIO. Assessorato Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione POR Obiettivo 3 F.S.E. 2000-2006 ALLEGATO A Regione Lazio REGIONE LAZIO Assessorato Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione POR Obiettivo 3 F.S.E. 2000-2006 AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI BORSE DI STUDIO PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

nel Registro Unico delle Fatture (RUF)

nel Registro Unico delle Fatture (RUF) PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO oggi LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO (L.R. n. 8/2014) UFFICIO GESTIONE RETI E APPLICATIVI Linee guida per la registrazione delle fatture nel Registro Unico delle Fatture

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve

Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve (Approvato con Deliberazione della Giunta n. 8 del 30/12/2010) (Modificato con Deliberazioni della

Dettagli

L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14

L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 venerdì 7 settembre, 2012 NOTA E stata pubblicata sul B.U.R.L. 3 agosto 2012 n. 31 ed è in vigore dal 4 agosto, la legge con la quale la Regione Lombardia ha inteso

Dettagli

La tabella è finalizzata alla rilevazione di un set minimo di informazioni anagrafiche che consentono di definire alcune caratteristiche dell opera,

La tabella è finalizzata alla rilevazione di un set minimo di informazioni anagrafiche che consentono di definire alcune caratteristiche dell opera, 2 DATI DA DETENERE E TRASMETTERE ALLA BANCA DATI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 2.1 ANAGRAFICA DEI PROGETTI L inserimento dei dati anagrafici, finalizzato ad identificare le singole opere pubbliche, rappresenta

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

ALLEGATO B1 MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA PROGETTI PORTANTI

ALLEGATO B1 MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA PROGETTI PORTANTI ALLEGATO B1 MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA PROGETTI PORTANTI PROCEDURA VALUTATIVA A SPORTELLO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DELLA FILIERA TURISTICA - LINEA D INTERVENTO

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 CITTÀ DI MESAGNE ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO UFFICIO DEL PIANO URBANISTICO GENERALE INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 e ss.mm.ii. recante Norme per

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Siena

Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Siena Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Siena Osservatorio della mobilità: registrazione e statistica incidenti 1 IL SIT DEL COMUNE DI SIENA assolve alle seguenti funzioni: 1. gestisce, nell

Dettagli

VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA DI SALA GIOCHI

VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA DI SALA GIOCHI VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA DI SALA GIOCHI La normativa in materia di sale giochi e apparecchi da gioco è estremamente complessa in quanto le fonti normative sono variegate e in

Dettagli

Enti locali Area Amministrazione Generale - Attività Produttive Categoria professionale "D"

Enti locali Area Amministrazione Generale - Attività Produttive Categoria professionale D Enti locali Area Amministrazione Generale - Attività Produttive Categoria professionale "D" Apprendimento generale: Specializzazione professionale: Stage: metodi e strumenti di lavoro di tipo generale

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE URP E TUTTE LE ALTRE UNITA ORGANIZZATIVE DEL COMUNE Visione atti e rilascio di copie atti e provvedimenti:

Dettagli

31 del D.Lgs. 267/00..

31 del D.Lgs. 267/00.. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE UN SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE TRA I COMUNI DI MEZZANE DI SOTTO, SAN GIOVANNI LUPATOTO E SAN MARTINO BUON ALBERGO Premesso che i comuni di Mezzane di Sotto

Dettagli

PARAMETRI B1 ELENCO DEI 51 PROCEDIMENTI SEMPLIFICATI NEL 2012

PARAMETRI B1 ELENCO DEI 51 PROCEDIMENTI SEMPLIFICATI NEL 2012 PARAMETRI B1 ELENCO DEI 51 PROCEDIMENTI SEMPLIFICATI NEL 2012 PROGR AREA DGeDC TITOLO SINTETICO DESCRIZIONE2 DGeDC COINVOLTE TIPOLOGIA INTERVENTO BENEFICIARIO PRINCIPALE DEMATERIALIZZAZIONE 1 ISTITUZIONALE

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

Sistema delle soluzioni Statistico Gestionali e dei servizi di interoperabilità statistica

Sistema delle soluzioni Statistico Gestionali e dei servizi di interoperabilità statistica Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Sistema delle soluzioni Statistico Gestionali e dei servizi di interoperabilità statistica Il sistema servizistatistici è stato realizzato per consentire agli operatori

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

Comune di Treviglio ESITO RISULTATI OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO ANNO 2012 27/02/2013

Comune di Treviglio ESITO RISULTATI OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO ANNO 2012 27/02/2013 Dirigente Fase /NO Ufficio responsabile realizzazione indicatori/risultati attesi NOTE Acquisto e posizionamento in area baricentrica presso una decina di parchi urbani di contenitori dedicati per la raccolta

Dettagli

DOTE SPORT 2015-2016

DOTE SPORT 2015-2016 DOTE SPORT 2015-2016 E attiva la procedura per l ottenimento della cosiddetta DOTE SPORT - A.S. 2015/2016 di Regione Lombardia, contributo volto a ridurre i costi per lo svolgimento di attività sportive

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

Comune di Scarperia. Settore Gestione del Territorio RESPONSABILE PAOLO BINI INDIVIDUAZIONE PROCEDIMENTI/ATTIVITÀ DEGLI UFFICI DEL SETTORE

Comune di Scarperia. Settore Gestione del Territorio RESPONSABILE PAOLO BINI INDIVIDUAZIONE PROCEDIMENTI/ATTIVITÀ DEGLI UFFICI DEL SETTORE Comune di Scarperia Settore Gestione del Territorio RESPONSABILE PAOLO BINI INDIVIDUAZIONE PROCEDIMENTI/ATTIVITÀ DEGLI UFFICI DEL SETTORE Unità operative del settore Servizi Gestione del Territorio: Ufficio

Dettagli

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015

Dettagli

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia N.15 30 LUGLIO 2013 Analisi delle principali novità e prime indicazioni operative Ravenna, 26 settembre 2013 Sala D Attorre Art 1 Principi generali In coerenza con il titolo V costituzione e con i principi

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

COD. PRATICA: 2014-001-595. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014

COD. PRATICA: 2014-001-595. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014 OGGETTO: Disposizioni regionali per la gestione degli impianti termici. Adozione. PRESENZE Marini Catiuscia Presidente

Dettagli

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2.

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2. BANDO 2011 - PROGETTO STRATEGICO NEL SETTORE DEL COMMERCIO, IN ATTUAZIONE DEL D.M. 17 APRILE 2008 (L. 266/1997, ART. 16, COMMA 1), DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE 1842/2008. AZIONE 2 - PROGETTI

Dettagli

Visti il D.Lgs. 4/2008 e il D.Lgs. 128/2010 recanti modifiche ed integrazioni al D.lgs. 152/2006, di seguito denominato D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii.

Visti il D.Lgs. 4/2008 e il D.Lgs. 128/2010 recanti modifiche ed integrazioni al D.lgs. 152/2006, di seguito denominato D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii. Anno Prop. : 2014 Num. Prop. : 1979 Determinazione n. 1788 del 07/10/2014 OGGETTO: COMUNE DI GABICCE MARE - PROVVEDIMENTO FINALE DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A VAS - ART. 12 D.LGS. 152/2006 S.M.I.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2591 Seduta del 31/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2591 Seduta del 31/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2591 Seduta del 31/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Scheda n. 1. Riferimenti normativi e organizzativi inerenti l attuazione del procedimento

Scheda n. 1. Riferimenti normativi e organizzativi inerenti l attuazione del procedimento Scheda n. 1 Iscrizione elenco anagrafico ex DPR 442/2000 e acquisizione stato di disoccupazione mediante sottoscrizione della DID Dichiarazione di Immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Comune di Pontassieve

Comune di Pontassieve Comune di Pontassieve PIANO TRIENNALE 2013-2015 PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA. PRIME MISURE ALLEGATO 1 MAPPATURA DEI RISCHI Legenda Rischio 1: Basso Rischio 2: Medio basso Rischio

Dettagli

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework SINTESI RAPPORTO LIGURIA A cura di ELISABETTA BECCARIA Salerno, 04 novembre 2009 Chi siamo Agenzia

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA AREA: USO ASSETTO TERRIT. UFFICIO: URBANISTICA Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO DEL 05-08-14 N.75 O G G E T T O APPROVAZIONE

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AFFARI GENERALI Protocollo - Notifiche Centralino telefonico - Vice Segreteria Generale Deliberazioni e Determine - URP Informazione Albo Online Presidenza del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013 Comune di San Gemini AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive proposti

Dettagli

IL PORTALE REGIONALE IN MATERIA DI RISCHIO SISMICO

IL PORTALE REGIONALE IN MATERIA DI RISCHIO SISMICO Giunta Regionale della Campania A.G.C. 15 - Lavori Pubblici, Opere Pubbliche, Attuazione, Espropriazione IL PORTALE REGIONALE IN MATERIA DI RISCHIO SISMICO (D.P.R. n. 380/01 - L.R. n. 9/83 smi R.R. n.

Dettagli

S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO. 22 ottobre 2008

S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO. 22 ottobre 2008 S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO 22 ottobre 2008 S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO Ruolo di S.PR.I.G nell elaborazione

Dettagli

Regione Toscana. PROTOCOLLI DI INSEDIAMENTO Avviso per la manifestazione d'interesse

Regione Toscana. PROTOCOLLI DI INSEDIAMENTO Avviso per la manifestazione d'interesse ALLEGATO A N Marca da bollo: Data Marca da bollo: Regione Toscana PROTOCOLLI DI INSEDIAMENTO Avviso per la manifestazione d'interesse Alla Regione Toscana Direzione Generale Competitività del sistema regionale

Dettagli

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. N. 1449 IN 30/11/2012 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA RICHIAMATI: il

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli