Indice del Database dei Sistemi Informativi, Studi e Ricerche e basi dati per attività presso le Direzioni Regionali Anno 2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice del Database dei Sistemi Informativi, Studi e Ricerche e basi dati per attività presso le Direzioni Regionali Anno 2012"

Transcript

1 Indice del Database dei Sistemi Informativi, Studi e Ricerche e basi dati per attività presso le Direzioni Regionali Anno 2012 Sistema Statistico Regionale 1

2 Il database dei sistemi informativi, studi e ricerche disponibili è stato realizzato dall ufficio Sistema Statistico Regionale e dal Tavolo Tecnico per l attività Statistica Regionale. L ufficio Sistema Statistico Regionale fa parte dell area Innovazione tecnologica, gestione sistemi informativi e statistici della Direzione Regionale Attività della Presidenza ed è stato costituito con legge regionale 30 ottobre 1998, n. 47, che gli attribuisce un duplice ruolo : quello di Ufficio di Statistica, in attuazione dell art. 5 del D.Lgs. n. 322/89, quale componente del SIstema STAtistico Nazionale (SISTAN) e quello di coordinamento e indirizzo del SIstema STAtistico Regionale (SISTAR), istituito con la medesima legge regionale. Il Tavolo Tecnico per l attività Statistica Regionale è stato istituito con D.G.R. n. 605 del 27/07/2009 e si compone dei referenti individuati dai rispettivi Direttori Regionali e, ove necessario, dai referenti delle Agenzie e degli Enti dipendenti dalla Regione, per il conseguimento dei seguenti obiettivi : monitoraggio dell attività statistica regionale; individuazione delle esigenze conoscitive a carattere trasversale e gli specifici bisogni informativi settoriali; condivisione dei criteri omogenei di organizzazione dei flussi informativi e modalità di gestione e scambio dati armonizzare e razionalizzare l attività statistica regionale; supporto alla programmazione in materia statistica; ottimizzazione del rapporto tra la Regione ed il livello sia nazionale che delle Autonomie Locali del Lazio. Nella ricerca delle attività da segnalare nelle schede dell anno 2012 è stata posta un attenzione particolare per tutte quegli archivi e basi dati esistenti presso le varie Direzioni che contengono anche dati personali e/o sensibili tali da dover essere trattati secondo la stringente disciplina del D.Lgs 196/03 noto come codice di Tutela della Privacy. Il coordinamento generale per la realizzazione del database è stato seguito dell ufficio Sistema Statistico Regionale supportato dalla Società Lazioservice s.p.a.. L applicativo informatico per il popolamento è stato realizzato e gestito dall Area Contenuti Portale della Società LA.i.t. s.p.a. Un particolare ringraziamento a tutti i referenti del Tavolo Tecnico per la preziosa e fattiva collaborazione alla realizzazione dell iniziativa. 2

3 Sommario Direzione Organizzazione, Personale, Demanio e Patrimonio... 4 Direzione Politiche Sociali e Famiglia... 5 Direzione Protezione Civile... 6 Direzione Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi... 8 Direzione Turismo... 9 Agenzia Regionale del Turismo Direzione Formazione e Lavoro Direzione Programmazione e Risorse del Servizio Sanitario Regionale Direzione Piani e Programmazione di Edilizia Residenziale, Terzo Settore, Servizio Civile e Tutela dei Consumatori Direzione Attività Produttive e Rifiuti Direzione Infrastrutture Direzione Cultura Arte e Sport Direzione Trasporti Direzione Ambiente Direzione Territorio e Urbanistica Direzione Attività della Presidenza Agenzia Sanità Pubblica Direzione Istruzione, Programmazione dell Offerta Scolastica e Formativa, Diritto allo Studio e Politiche Giovanili Direzione Agricoltura

4 Direzione Organizzazione, Personale, Demanio e Patrimonio Registro infortuni dei dipendenti della Giunta regionale. Statistiche sulla valutazione di risultato del personale della Giunta Regionale. Gestione giuridica del rapporto di lavoro dei dipendenti, di ruolo, a tempo determinato e in comando, della regione Lazio (consiglio, giunta, ex parchi) dall'immatricolazione alla fine del rapporto di lavoro. Sistema di gestione della formazione dei dipendenti della regione lazio. Gestione economica del rapporto di lavoro dei dipendenti di ruolo e a tempo determinato della Regione Lazio (consiglio, giunta, ex parchi). Rilevazione delle presenze/assenze dei dipendenti della Giunta Regionale. Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) Annarita La Ruffa Registrazione degli infortuni occorsi ai dipendenti regionali nei luoghi di lavoro durante l'orario di servizio attraverso la compilazione di schede informatizzate individuali in cui vengono annotate tutte le generalità dell'infortunio, le modalità e la prognosi. ( intervistato Piero Palumbo - dell'area datore di lavoro,promozione del benessere org.vo e servizi al personale) I prospetti elaborati raccolgono le valutazioni di tutti i dipendenti regionali per fasce di punteggio ( per unità che per incidenza sul totale) e per categoria per il personale del comparto, mentre per i dirigenti avviene per strutture apicali (direzioni regionali e dipartimenti) ( Pierfrancesco Andrei - -Ufficio Organizzazione e Valutazione) Attività che riguarda prevalentemente l'inserimento dei dati giuridici nel sistema informativo del personale inerenti tutta la vita lavorativa del dipendente di ruolo e non, dall'immatricolazione alla fine del rapporto di lavoro e ciò comprende qualsiasi modifica sia delle assegnazioni c/o le strutture che le applicazioni contrattuali Il sistema di gestione della formazione è un progetto che mira a rilevare la partecipazione dei dipendenti regionali ai corsi di formazione evidenziando presenze/assenze e i risultati ottenuti. (area formazione sig.ra Simonetta Sicilia - e Massimiliano Mura - L'attività riguarda la gestione economica del rapporto di lavoro di tutto il personale che presta servizio presso la Regione Lazio. In particolare si predispongono, attraverso l'applicazione dei diversi istituti disciplinati dai Contratti Collettivi di lavoro nazionale e decentrati, gli stipendi, le missioni, il TFR, le pensioni e liquidazioni, gli adempimenti fiscali e contributivi dei modelli 770 e 730. Rilevazione delle presenze e assenze dei dipendenti della giunta regionale con riferimento a tutti gli istituti che disciplinano le diverse tipologie di assenza.( Alessia Paplomatas dirigente area datore di lavoro promozione del benessere organizzativo e servizi al personale 4

5 Direzione Politiche Sociali e Famiglia Cartella Sociale-Sanitaria integrata e raccolta dati SINA Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato Albo Regionale delle Cooperative Sociali Registro Associazionismo Anagrafica delle strutture e dei servizi socio-assistenziali nella Regione Banca dati Piani di Zona Banca dati Bonus Bebè Claudio Cimmino Piattaforma software unica per il territorio per la gestione delle prese in carico degli utenti dei Segretariati sociali e dei PUA, per la sola parte sociale. I dati per il progetto SINA sono integrati nelle informazioni raccolte. La regione ha accesso solo alla reportistica, mentre gli operatori sul territorio hanno l'accesso ai dati. Il Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato viene aggiornato in tempo reale e pubblicato annualmente sul BURL e sul sito web della Regione L'Albo Regionale delle Cooperative Sociali viene aggiornato in tempo reale e pubblicato annualmente sul BURL e sul sito web della Regione Il Registro dell'associazionismo viene aggiornato in tempo reale e pubblicato annualmente sul BURL e sul sito web della Regione Anagrafica a livello regionale di tutte le strutture e i servizi socio-assistenziali presenti sul territorio. Per informazioni rivolgersi Luca Colosimo La Banca dati dei Piani di Zona è uno strumento che permette ai Comuni di immettere in formato elettronico i documenti che compongono i Piani di Zona, e permette alla Regione la revisione e il controllo dell'andamento della realizzazione del Piano Elenco Beneficiari Bonus Bebè divisi per Comune 5

6 Direzione Protezione Civile Referente della Direzione per l attività statistica Carla Leo Monitoraggio e pubblicazione dei dati meteoclimatici del Lazio e supporto alla decisione per attività di protezione civile per la gestione del rischio idrogeologico ed idraulico La gestione del rischio idrogeologico ed idraulico è organizzata come un sistema di interventi gestionali e strutturali ed interventi di monitoraggio ed allertamento, oggetto di costante integrazione e miglioramento. Gli interventi di monitoraggio e allertamento competono alla rete dei Centri Funzionali, costituita dai Centri Funzionali regionali (CF regionali) e da un Centro Funzionale Centrale (CFC) presso il Dipartimento della Protezione Civile nazionale (DPC). In particolare, ai sensi della DPCM e ss.mm.ii., il CFR svolge tre tipi di attività: 1. attività previsionale; 2. attività di monitoraggio e sorveglianza in tempo reale; 3. attività di analisi e studio, in tempo differito. Il CFR in dettaglio integra i dati, rilevati in tempo reale ad intervalli di 15 minuti dalla rete meteo-pluvio-idrometrica della Regione Lazio attraverso ponti radio, relativi ai principali parametri meteorologici (temperatura e umidità dell aria, pressione atmosferica, vento, ecc.), pluviometrici (altezza ed intensità di pioggia) e idrometrici (livello dei corsi d'acqua e portata), con la raccolta di dati provenienti da altre reti di rilevamento in base ad intese o accordi tra amministrazioni diverse, e con le informazioni relative alla gestione delle opere infrastrutturali presenti lungo i corsi d acqua quali dighe, sbarramenti, impianti idrovori, fornite dai vari gestori e dall ARDIS. Il servizio svolto dal CFR comprende sia la gestione della rete della Regione Lazio e il continuo controllo della sua corretta operatività, tanto nel tempo reale quanto nel tempo differito, sia un attività di progettazione e realizzazione degli adeguamenti e degli ampliamenti necessari. Per il Tevere la serie storica è iniziata nel Responsabile dell'attività: Ing. Mele Francesco Telefono:

7 Direzione Protezione Civile Gestione ed archiviazione informatizzata dei contenziosi derivanti dalle attività delle Aree della Direzione Protezione Civile. Carla Leo La necessità di avere una visione organica e completa del contenzioso che coinvolge la Direzione Regionale Protezione Civile ha portato all enucleazione dell obiettivo di creare un archivio informatico riportante tutti i procedimenti pendenti di cui fosse parte la Direzione stessa. Nell inserimento in archivio, i procedimenti vengono catalogati e contraddistinti in base a: tipologia (amministrativo, civile o penale), area di competenza, n. prot. nota di trasmissione, parti in causa ed, eventualmente, ruolo generale del Tribunale e n. fascicolazione Avvocatura Regionale. Ciò permette diversi criteri di ricerca di uno stesso procedimento. Il file viene costantemente aggiornato sino alla conclusione definitiva del procedimento, annotando eventuali particolarità o anomalie. La finalità generale di tale archivio è un costante monitoraggio del contenzioso derivante dalle attività delle Aree della Direzione, lo studio del quale offre dei dati importanti, non solo ai fini di una buona difesa dell operato dell Amministrazione Regionale in sede giudiziale, ma anche per eventuali azioni correttive dell azione amministrativa. Responsabile dell attività: Dott.ssa Roberta Del Roscio Tel.: Monitoraggio delle procedure amministrative svolte dalle Province del Lazio ai fini del rilascio dell autorizzazione unica (art. 12 del D.Lgs. 387/2003) per gli impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili. L attività prevede la rilevazione di una serie di dati che consentono di monitorare le procedure amministrative svolte dalle Province ai fini del rilascio dell autorizzazione unica di cui all art. 12 del Decreto Legislativo 387/2003. Il procedimento di autorizzazione è stato delegato dalla Regione alle Province con Legge Regionale n. 18/2006. In particolare, vengono rilevati: il numero delle richieste di autorizzazione ricevute; il numero delle richieste di autorizzazione concluse con esito positivo e con esito negativo; il tempo medio per la conclusione del procedimento con riferimento a ciascuna fonte; i dati circa la potenza degli impianti con riferimento a ciascuna fonte; i dati sulle emissioni evitate di CO2, SO2, NOX, polveri e TEP. Responsabile dell attività: Arch. Antonietta Piscioneri - telefono:

8 Direzione Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi Referente della Direzione per l attività statistica Daniela Marzia L'applicazione permette alle strutture competenti di gestire il bilancio, la ragioneria, gli atti S.I.R.I.P.A. Sistema Informativo amministrativi e il protocollo. Le restanti strutture possono accedere al sistema per la sola Regionale Integrato Procedimenti visualizzazione delle informazioni. Fra le informazioni più rilevanti vi sono gli impegni, le Amministrativi richieste di mandato e i mandati di pagamento in favore del creditori della Regione Lazio. 8

9 Direzione Turismo RaDaR (Raccolta Dati Regionali) per la trasmissione telematica dei dati sui movimenti turistici Elenco Regionale delle Agenzie Sicure Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) Elisabetta Calabri La Regione Lazio ha realizzato, nell'ambito dell'osservatorio regionale per il Turismo (LR n. 13/2007, art. 20) e messo a disposizione di tutti i soggetti titolari di autorizzazione o gestori di esercizio ricettivo il RaDaR (Raccolta Dati Turismo) per l'acquisizione e la gestione dei dati sui movimenti turistici giornalieri e mensili nel territorio regionale. Tale Sistema, realizzato da LaIT spa e disponibile gratuitamente on line sul sito consente a tutte le strutture ricettive e extraricettive di effettuare le seguenti operazioni: registrazione nell'area dedicata del Portale e compilazione della scheda anagrafica della struttura; compilazione del Modello Istat C/59 oppure, in alternativa, importazione dei dati dal programma gestionale della struttura, ove esistente. La trasmissione dei dati sui movimenti turistici per via telematica, attraverso un unico, di supporto all Osservatorio regionale per il Turismo, è rivolta all acquisizione, alla gestione, all elaborazione e alla futura divulgazione delle informazioni sui flussi turistici nel territorio laziale, nonché a una migliore conoscenza dell andamento del settore ai fini della programmazione turistica regionale. Al fine di garantire un alto livello di organizzazione e sicurezza dei servizi offerti dalle Agenzie di viaggio e turismo, nonché il rispetto e la diffusione dei principi del "turismo etico", ai sensi dell'art. 37 della Legge Regionale n. 13/2007 e il relativo Regolamento Regionale n. 19 del 24/10/2008 e s.m.i. è stato istituito, con Determinazione n. A06291 del 19/6/2012, presso la Direzione Regionale Turismo della Regione Lazio, l'elenco regionale delle Agenzie Sicure. Tale elenco è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 27 del 10/7/2012 e verrà aggiornato annualmente. Le Agenzie che fossero interessate ad un futuro inserimento possono contattare per informazioni la Direzione Regionale Turismo della Regione - Assessorato Turismo e Marketing del Made in Lazio - Area Tutela dei Diritti del Turista. 9

10 Direzione Turismo Albo regionale delle concessioni demaniali con finalità turistico ricreative della Regione Lazio (dati in via di acquisizione) Banca dati dei servizi turistici operanti sul territorio regionale Progetti di Cooperazione Territoriale Europea con partner nel territorio laziale Elisabetta Calabri Scopo dell Albo è quello di creare un elenco regionale delle Concessioni Demaniali con finalità turistico ricreative della Regione Lazio, che potrebbe diventare georeferenziato. Per informazioni: Dirigente Area Sviluppo dell'impresa turistica e utilizzazione del demanio marittimo per finalità turistica, Dott.ssa Grazia Maria Iadarola, E.mail Tel La Banca dati, consultabile nell'ambito del Portale del Turismo e del Made in Lazio (www.ilmiolazio.it), raccoglie i dati identificativi e di contatto delle strutture e dei servizi turistici della regione (ricettività, ristorazione, autonoleggi, agenzie turistiche e tour operator, etc.). Il Data Base, in corso di costante implementazione, contiene circa strutture ricettive (alberghiere e extra-alberghiere), 6000 ristoranti, agenzie di viaggio e tour operator, oltre a stabilimenti balneari, agenzie di noleggio auto, scuole di formazione turistica, informazioni su trasporti, meteo, consigli utili e faq. La navigazione all interno del Portale è sia tematica che territoriale. Ogni singolo contenuto del sito è georeferenziato e visualizzabile su mappa Google secondo la categoria di appartenenza. Sulla mappa è pertanto possibile evidenziare informazioni e servizi di rilevanza turistica in senso lato (a carattere culturale, ambientale, enogastronomico, etc.) in base alla tipologia e alla distanza da un determinato punto di interesse, individuato dall utente (marketing di prossimità). L Area Cooperazione Territoriale della Direzione regionale Turismo garantisce le modalità di funzionamento del sistema di rilevazione dei dati riguardanti i programmi di cooperazione territoriale e l organizzazione dei flussi informativi con lo Stato, nel rispetto delle normative comunitarie e nazionali, come stabilito dalla deliberazione CIPE di attuazione del QSN - Obiettivo di Cooperazione Territoriale Europea - approvata in data 21 dicembre

11 Agenzia Regionale del Turismo Ersilia Maffeo Classificazione strutture ricettive turistiche e tabella prezzi Archiviazione dei dati riguardanti le strutture ricettive alberghiere ed extraalberghiere ai fini della classificazione della loro attività e raccolta tabella prezzi 11

12 Direzione Formazione e Lavoro MobOnLine Applicativo/Banca Dati per la gestione delle domande di mobilità individuale ex. L. 236/1993 Referenti della Direzione per l attività statistica Maria Chiara De Camillis;Emanuele Noviello Gestione delle istanze individuali di richiesta iscrizione alla lista di mobilità con gestione in cooperazione applicativa con i Centri per l impiego che inviano le istanze on line lavorate come positive o negative o problematiche. Il personale regionale fa le opportune verifiche delle istanze problematiche per passarle fra le positive o le negative. A seguito di questa validazione vengono compilate le liste degli ammessi o non ammessi alla Mobilità e queste liste vengono inviate ai CPI e all INPS per gli adempimenti di competenza. NetLabor - Applicativo/Banca Dati per la gestione delle domande di mobilità collettiva ex. L. 223/1991 Nodo regionale del Sistema informativo lavoro Osservatorio Regionale Permanente sulla formazione continua Statistiche derivate o rielaborazioni (SDE) Gestione delle istanze aziendali di collocamento in mobilità dei lavoratori in occasione di licenziamenti collettivi. A seguito della ricezione delle domande il personale regionale verifica i requisiti soggettivi del lavoratori e la coerenza delle modalità di licenziamento rispetto a quanto previsto dalle norme e in caso positivo produce le liste di mobilità che vengono inviate ai centri per l impiego ed all INPS. Gestione delle comunicazioni obbligatorie datoriali di assunzione, licenziamento, trasformazione de rapporto di lavoro e della ragione sociale delle aziende che vengono inviate dai datori ai nodi provinciali e da questi a quello regionale. Il nodo regionale a sua volta invia a quello nazionale che inoltre ad INPS e INAIL. Inoltre, il nodo regionale riceve le comunicazioni proveniente da altre regioni per quei lavoratori che pur lavorando fuori dal Lazio hanno mantenuto nel Lazio la loro residenza. Queste comunicazioni sono inviate ai nodi provinciali. Dal Nodo regionale è possibile effettuare estrazioni di dati relative a tutte le comunicazioni intermediate dal Nodo regionale. Monitoraggio delle iniziative di formazione continua rivolte ai lavoratori delle aziende del Lazio anche al fine di: - sviluppare un sistema partecipato di governance e di intervento della formazione continua; - Ampliare le opportunità di formazione continua per tutte le categorie di lavoratori. di Gestione delle istanze aziendali di collocamento in mobilità dei lavoratori in occasione di licenziamenti collettivi. Dal capitolato di gara. 12

13 Direzione Formazione e Lavoro Referenti della Direzione per l attività statistica Maria Chiara De Camillis;Emanuele Noviello Monitoraggio prestazioni Servizi Pubblici per l impiego SIMON Sistema Informativo di Monitoraggio Rilevazione del nr. di prestazioni effettuate in un periodo definito (6 mesi) dai Centri per l impiego dislocati nel territorio regionale delle prestazioni effettuate a determinate categorie di soggetti (disoccupati ed inoccupati). Gestione amministrativa dei finanziamenti FSE e Regionali attraverso il conferimento di documentazione da parte dei beneficiari, il controllo di tale documentazione finalizzato a verificare la corretta utilizzazione del finanziamento ricevuto ed il successivo monitoraggio realizzato sia attraverso estrazioni di dati che attraverso rapporti periodici. Dati e Rapporti vengono inviati alle competenti strutture regionali, nazionali ed europee. Rapporto Annuale di Esecuzione 2011 del POR FSE Informativa sulle azioni di politica attiva del lavoro svolte nell'ambito dell'operazione Anticrisi Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) Il Rapporto, che viene presentato e approvato annualmente nel corso del Comitato di Sorveglianza (l'ultimo si è tenuto nel mese di giugno 2012), illustra lo stato di avanzamento fisico, procedurale e finanziario del Programma Operativo Regionale FSE, con riferimento all'insieme dei progetti attivati secondo gli obiettivi specifici dei 6 Assi (Adattabilità. Occupabilità, Inclusione sociale, Capitale umano, Trasnazionalità, Assistenza tecnica) di cui si compone il Programma. Sono riportate le informazioni relative agli interventi attivati, con riferimenti a: tipologie di azione, soggetti attuatori, destinatari, localizzazioni territoriali. Per l'annualità in corso (2012) sono stati prodotti tre report statistici che illustrano lo stato di avanzamento delle misure anticrisi rivolte ai lavoratori in Cassa integrazione guadagni o Mobilità in droga, attivate con le risorse del Fondo Sociale europeo. Il sistema informativogestionale SPAL (sistema politiche attive del lavoro, creato per la realizzazione degli interventi, archivia le informazione relative alle aziende ed ai lavoratori del Lazio colpiti dai processi di crisi e ristrutturazione ed alle azioni di riqualificazione professionale e di reinserimento lavorative attivate. In particolare i report offrono elaborazioni statistiche dei dati personali dei lavoratori coinvolti. Le elaborazioni statistiche, prodotte con cadenza mensile, sono sospese a partire dal mese di aprile 2012, sono comunque disponibili i dati prodotti dal sistema gestionale 13

14 Direzione Formazione e Lavoro Tirocini online S.APP - Sistema regionale per l'attuazione della formazione degli Apprendisti Referenti della Direzione per l attività statistica Maria Chiara De Camillis;Emanuele Noviello Il Tirocinio è un istituto di formazione e inserimento al lavoro, Tirocini-online è il sistema operativo regionale che permette la comunicazione online da parte del soggetto promotore del tirocinio e del relativo progetto formativo, la registrazione della convenzione tra soggetto promotore e soggetto ospitante (ente, azienda); è collegato al sistema delle Comunicazioni Obbligatorie tramite il Sistema Informativo Lavoro. Il sistema operativo elabora in tempo reale, sulla base delle informazioni contenute nelle comunicazioni online che pervengono alla Regione, le statistiche su: caratteristiche dei tirocinanti, analisi dei soggetti ospitanti e dei soggetti promotori, analisi del tirocinio (durata, competenze/conoscenze oggetto del progetto formativo) S.APP è il sistema informativo gestionale della Regione Lazio - istituito a seguito dell'approvazione delle normative regionali del 2006 e del 2011, in materia di Apprendistato Professionalizzante - in grado di supportare l'insieme degli operatori pubblici e privati nel compimento delle azioni necessarie allo sviluppo del processo che porta alla realizzazione della formazione prevista dal contratto. Il sistema, attraverso sezioni dedicate alle imprese, agli enti di formazione ed alle province e la presenza del catalogo dell'offerta formativa, permette l'iscrizione dell'apprendista ai moduli formativi, il monitoraggio delle attività e degli esiti finali. S.APP è collegato al Sistema Informativo Lavoro, da cui acquisisce informazioni anagrafiche e contrattuali provenienti dalle comunicazioni obbligatorie ed è in grado di restituire informazioni ed elaborazioni statistiche, articolate per territori provinciali, relative a: caratteristiche degli apprendisti convolti nelle azioni formative, tipologie dei moduli formativi attivati, aziende che hanno stipulato i contratti di apprendistato 14

15 Direzione Programmazione e Risorse del Servizio Sanitario Regionale Flussi dati economici e gestionali della Aziende Sanitarie del Lazio NSIS - Nuov Sanitario Fabrizio Di Vona 15

16 Referente della Direzione per Direzione Piani e Programmazione di Edilizia Residenziale, Terzo Settore, Servizio Civile e Tutela dei Consumatori l attività statistica Giuseppe Lombardi Banca dati per la gestione del Programma sperimentale di edilizia residenziale "20000 abitazioni in affitto" Progetto per il finanziamento ad imprese e cooperative per la costruzione in edilizia agevolata di alloggi da assegnare in regime di locazione Secondo Bando di concorso per il recupero ed il risanamento delle abitazioni nei centri storici del lazio Banca dati dei certificati energetici delle abitazioni Gestione codici CUP (Codice Unico di Progetto) Banca Dati per la gestione dei finanziamenti relativi al bando 355 del 2004 Gestione Requisiti soggettivi Banca Dati sanatorie occupazioni senza titolo Il progetto è volto al finanziamento dei Comuni del Lazio con un numero di abitanti inferiori a 5000 unità per il risanamento delle abitazioni ricadenti nel centro storico Il progetto risponde all'esigenza di gestire i certificati energetici delle abitazioni presenti sul territorio della Regione Lazio Progetto per la gestione e la comunicazione al CIPE dei codici CUP (Codice Unico di Progetto) per tutti i progetti gestiti e finanziati dalla Direzione Realizzazione di n.5997 alloggi in proprietà nelle province di Frosinone, Latina, Rieti, Roma e Viterbo Realizzazione di 5765 alloggi nel Comune di Roma, di cui 1157 in proprietà riservati a Cooperative di Forze Armate e Forze dell Ordine e 4608 in locazione a Cooperative edilizie e Imprese di Costruzione. Banca dati dei soggetti aventi diritto agli alloggi di edilizia agevolata Gestione delle domande di sanatoria per gli anni 2007 e 2008 relativamente all'occupazione senza diritto di alloggi di edilizia sovvenzionata 16

17 Direzione Attività Produttive e Rifiuti Percentuali di raccolta differenziata dei Comuni del Lazio Statistiche su cave e miniere Nucleo tecnico dell'osservatorio regionale sul Commercio Statistiche sulle acque minerali e termali Monitoraggio SUAP- Sportello Unico Attività Produttive - attivati sul territorio Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) Jessica Carmen Fischetti Necessità di adottare una metodologia uniforme per la certificazione delle percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti urbani e la quantificazione dei risultati raggiunti all interno del territorio regionale. Jessica C. Fischetti Raccolta ed elaborazione dati relativi a: produzione vari materiali estratti da cave e miniere, n occupati all'interno delle aziende operatrici del settore, infortuni verificatisi sul lavoro e consumo carburante ed energia elettrica delle macchine di produzione necessarie per l'attività estrattiva. Cesare Scacco Monitoraggio annuale dell'offerta strutturale del commercio regionale: analisi, approfondimenti, analisi comparative. Assistenza tecnico legislativa all'area commercio. Consulenza giuridico amministrativa settoriale. Enrico Rumboldt Raccolta ed elaborazione dati relativi alla produzione di acque minerali e termali e relativo mercato di destinazione, occupazione ed infortuni nelle aziende operatrici del settore, consumo di carburante ed energia elettrica necessari per l'attività estrattiva. Rosa Maria Pollara Monitoraggio SUAP attivati sul territorio regionale al fine di rilevare gli interventi effettuati dagli enti locali in osservanza delle norme di legge per la semplificazione dei procedimenti amministrativi per il rilascio delle autorizzazioni di attività imprenditoriali. Avv. Daria Luciani

18 Direzione Infrastrutture Gestione dati attività ed interventi per opere pubbliche di interesse locale e sociale in ambito regionale gestione dati, istanze pareri tecnico amministrativi, su progetti per interventi edilizi in zone sismiche Gestione dati e attività tecnico amministrativa su istanze di concessione contributi regionali per opere di viabilità locale e impianti pubblica illuminazione Loretta Antonelli Attuazione interventi relativi alle opere sociali ed adempimenti connessi con il pronto intervento di cui alla legge 1010/48 e la legge regionale 55/84 per l'edilizia scolastica. Pianificazione e programmazione di interventi in materia edilizia pubblica o degli enti locali, recupero edifici pubblici, edifici di culto, edifici aventi carattere storico culturale all'interno dei centri storici, adempimenti tecnici ed amministrativi per dare attuazione ai suddetti piani e programmi. Attività ed adempimenti connessi con il pronto intervento. Istruttoria ed emissione dei pareri tecnico amministrativi sui progetti inseriti in piani e programmi finalizzati alla realizzazione di opere pubbliche, in generale di competenza diretta della Regione Lazio dei Comuni e loro Consorzi e di altri enti pubblici finanziati con fondi regionali, nazionali e comunitari: Cura gli adempimenti connessi con le emergenze sismiche e di protezione civile. Rilascia le autorizzazioni e gli attestati di deposito progetti per gli interventi edilizi in zone sismiche. Gestione informatica dei dati relativi. Programmazione e concessione di contributi regionali per la realizzazione di impianti di pubblica illuminazione e infrastrutture viarie di interesse locale, su istanza degli enti locali. Inoltre gestisce ogni forma di cooperazione ed attività finalizzata alla realizzazione e gestione di opere di interesse pubblico 18

19 Direzione Cultura Arte e Sport Lucia Sentinelli Rilevazione dati progettazione europea nell'ambito regionale Elaborazione di ricerche a tema attraverso attivazione di network. Valorizzazione del territorio attraverso lo sviluppo delle politiche di coesione. Indagini storici territoriali Usi Civici Indagine di storia della collettività EU con particolare riferimento alla regione Lazio. Monitoraggio Musei e Biblioteche Monitoraggio Beni storico-artistici Monitoraggio Beni Archeologici Monitoraggio Beni Architettonici Monitoraggio Beni Demoetnoantropologici BDI - BDM Monitoraggio contributi per lo spettacolo dal vivo (L.R. 32/78) Censimento sul finanziamento degli Archivi Storici sul territorio regionale Funzionamento e Sviluppo Sistemi Archivistici Monitoraggio impianti sportivi Programmazione Integrata Territoriale Monitoraggio Musei e Biblioteche inseriti nelle rispettive organizzazioni Regionali OMR (Org.ne Musei Regionali) e OBR (Org.ne Biblioteche Regionali) Monitoraggio e rilevamento dati statistici Beni Storico-Artistici: Opera e Oggetto d'arte - Stampa. Monitoraggio e rilevazione statistica Beni Archeologici - Monumenti Archeologici - Reperti Archeologici - Sito - Tab. Materiale Archeologico. Monitoraggio territoriale dei beni culturali - Centro Regionale di Documentazione. Beni Architettonici Monitoraggio Beni Demo-etno-Antropologici - BDI - Beni DEA Immateriali - BDM - Beni DEA Materiali. Attività di Promozione Culturale della R.L. per lo spettacolo dal vivo. APQ - Censimento sul finanziamento degli Archivi Storici sul territorio regionale. Funzionamento e Sviluppo dei Sistemi Archivisti - Interventi di didattica della storia negli Archivi Storici del Lazio. Monitoraggio impianti sportivi e spazi attività presenti sul territorio regionale. Area di Programmazione Integrata Territoriale - Portale della Cultura L.R. n Valorizzazione ambientale, culturale e turistica del territorio. 19

20 Direzione Cultura Arte e Sport Lucia Sentinelli SIT - Sistema Informativo Rilevazione schede di catalogo per Beni Architettonici, Archeologici, Storico Artistici, Demoterritoriale catalogazione Beni Etnoantropologici. Culturali Archivio riproduzioni mappe catastali e cartografia parcellizzata Rilevazione dati Mediateca e Fototeca del CRD Riproduzione mappe catastali e Cartografia parcellizzata. Rilevazione dati statistici Archivio Mediateca e Fototeca CRD 20

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti DIREZIONE GENERALE SICUREZZA 626 Datore di lavoro DIRETTORE GENERALE SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E QUALITA TOTALE COORDINAMENTO DEI DIRIGENTI FORMAZIONE E CONTRATTI COLLETTIVI

Dettagli

Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo

Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo ALLEGATO A Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo MODALITÀ ATTUATIVE E INDIRIZZI OPERATIVI La Regione,

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007 SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Il team di progetto Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale

Dettagli

COMUNE DI CARBONE (PROVINCIA DI POTENZA)

COMUNE DI CARBONE (PROVINCIA DI POTENZA) COMUNE DI CARBONE (PROVINCIA DI POTENZA) REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSISIBILI E GIUDIZIARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 21.06.2007 IL SINDACO IL SEGRETARIO

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI MAURIZIO PERON

CURRICULUM VITAE DI MAURIZIO PERON DI MAURIZIO PERON INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Maurizio Peron Telefono 0746 287300 E-mail Nazionalità maurizio.peron@comune.rieti.it Italiana Data di nascita 29.05.1957 ISTRUZIONE E FORMAZIONE

Dettagli

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Dipartimento per gli Affari Generali e della Contabilità : Svolge le attività di autoamministrazione dell Agenzia, funzionali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO.

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO. REGIONE: PIEMONTE LEGGE REGIONALE 17 APRILE 1990, n. 33 (G.U. n. 040 SERIE SPECIALE N. 3 del 13/10/1990 - BU n. 017 del 24/04/1990) INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA COME MEZZO DI TRASPORTO,

Dettagli

COMPETENZE DI CONTESTO (Capacità)

COMPETENZE DI CONTESTO (Capacità) DENOMINAZIONE POSIZIONE: CODICE POSIZIONE: TIPO DI POSIZIONE: STRUTTURA ORGANIZZATIVA DI APPARTENENZA: AREA SETTORIALE DI APPARTENENZA: FAMIGLIA PROFESSIONALE DI APPARTENENZA: GRADUAZIONE POSIZIONE: FINALITÀ

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS Titolo: Dal Censimento dei consumi energetici degli edifici pubblici all attuazione dei PAES della Provincia della Spezia Arch. Paola Giannarelli 18 marzo 2011 ISOLA DI SAN SERVOLO - VENEZIA DAL CENSIMENTO

Dettagli

f)tirocini formativi e di orientamento

f)tirocini formativi e di orientamento Tirocini Formativi f)tirocini formativi e di orientamento DEFINIZIONE è una misura di politica attiva finalizzata al contatto diretto tra azienda e tirocinante, con lo scopo di acquisire conoscenze e competenze

Dettagli

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI Rag. Roberta Cesana Segreteria-affari istituzionali Organi istituzionali Ufficio di supporto agli organi di direzione politica Archivio messi

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE MANUTENZIONI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE MANUTENZIONI COMUNE DI TERNI DIREZIONE MANUTENZIONI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 671 del 24/03/2011 OGGETTO: costituzione dell unità Team Energy Management ESERCIZIO 2011 Comune di Terni Direzione Manutenzioni

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome D ANDREA PEPPINO Indirizzo PIAZ.LE FERDINANDO MARTINI N.1, 20137 - MILANO Telefono 02/5512354 Fax 02/50313402 E-mail peppino.dandrea@unimi.it

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 07 MARZO 2011 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MARCHETTI FABIO Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X FALESCHINI

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio tavola rotonda su L INNOVAZIONE POSSIBILE: DEMATERIALIZZAZIONE

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE SERVIZI DI INFRASTRUTTURA Vista d'insieme Questo documento definisce la visione d insieme del nuovo Sistema Informativo Lavoro ed è teso ad illustrare le caratteristiche

Dettagli

Settore Formazione e Lavoro Servizio Occupazione Disabili. SOTTOCOMITATO DISABILI 16 aprile 2013

Settore Formazione e Lavoro Servizio Occupazione Disabili. SOTTOCOMITATO DISABILI 16 aprile 2013 Settore Formazione e Lavoro Servizio Occupazione Disabili SOTTOCOMITATO DISABILI 16 aprile 2013 PROGETTO DI GESTIONE INFORMATIZZATA DEGLI ESONERI (PROGETTO MAV) L art. 5 della legge 68/99 disciplina l

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA Allegato alla Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 8 del 15 settembre 2010 AREA AFFARI GENERALI Compiti di segreteria del Direttore Attività di segreteria

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756. standard professionali, intesi come caratteristiche

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756. standard professionali, intesi come caratteristiche 30334 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 113 del 21 08 2014 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756 P.O. PUGLIA F.S.E. 2007/2013 Asse V TRANSNA ZIONALITÀ

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTIVAZIONE DI N. 3 TIROCINI NON CURRICULARI PRESSO I SERVIZI DEMOGRAFICI, EDILIZIA PRIVATA E CONTROLLO DI GESTIONE

AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTIVAZIONE DI N. 3 TIROCINI NON CURRICULARI PRESSO I SERVIZI DEMOGRAFICI, EDILIZIA PRIVATA E CONTROLLO DI GESTIONE AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTIVAZIONE DI N. 3 TIROCINI NON CURRICULARI PRESSO I SERVIZI DEMOGRAFICI, EDILIZIA PRIVATA E CONTROLLO DI GESTIONE In esecuzione della determinazione n. 62 del 13-05-2015 il

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Tipo di controllo. Criteri di controllo

Tipo di controllo. Criteri di controllo Settore Normativa di riferimento L. 68/99 art. 3 L. 133/2008 Decreto direttoriale n. 345 del 17/09/2013 Tipo di procedimento Verifica dell ottemperanza all obbligo di assunzione disabili Genere di impresa

Dettagli

COD. PRATICA: 2014-001-595. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014

COD. PRATICA: 2014-001-595. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014 OGGETTO: Disposizioni regionali per la gestione degli impianti termici. Adozione. PRESENZE Marini Catiuscia Presidente

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Bertinoro Provincia di Forlì-Cesena PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3 Avviso Interventi a favore dei Comuni finalizzati allo sviluppo del sistema dei SUAP nella Regione Calabria Indagine

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici Settore Segreteria Generale Segretario Generale: Giulio Nardi e-mail: giulio.nardi@provincia.siena.it Telefono: 0577 241360 Fax: 0577 241321 Orario di ricevimento: su appuntamento Settore Servizi Amministrativi

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE COMUNE DI SENIGALLIA AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE U F F I C I O DIRIGENTE AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 29 del 23/01/2014 Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese SERVIZI SOCIALI n. 119 del 29.07.2015 Oggetto: approvazione bando pubblico per l erogazione di contributi agli inquilini morosi incolpevoli, titolari di

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A 10122 Torino Via Sant Agostino, 12 10024 Moncalieri (TO) Via Real Collegio, 6 Tel. +39 011 4366646/6404991 - Fax +39 011 2274327 AGOSTO 2010 Pur essendo posta la massima cura nello studio e nella redazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: ZINZUL USAMI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore D 03 Valorizzazione storie e culture locali OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generali:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI INFORMAZIONI, ATTI E DATI PERSONALI SUL SITO INTERNET COMUNALE...1

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI INFORMAZIONI, ATTI E DATI PERSONALI SUL SITO INTERNET COMUNALE...1 REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI INFORMAZIONI, ATTI E DATI PERSONALI SUL SITO INTERNET COMUNALE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI INFORMAZIONI, ATTI E DATI PERSONALI SUL SITO INTERNET COMUNALE...1

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012 Il sito web della scuola Efficiente strumento del CAD CAD Codice dell'amministrazione digitale Dlgs 7 marzo 2005, n. 82 Dlgs 30 dicembre 2010, n. 235 Testo vigente al 22/12/2011 Testo redatto al solo fine

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA 4 dicembre 2014, n.136

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA 4 dicembre 2014, n.136 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA 4 dicembre 2014, n.136 Aggiornamento del Piano attuativo del Piano Regionale dei Trasporti per

Dettagli

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE Responsabile: Istruttore Direttivo Luciana Saggini Servizi: 1. Contabilità e bilancio 2. Personale 3. Tributi - Economato OBIETTIVI ANNO 2015 Codice:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O.

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: LAVORO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. G14777 del 20/10/2014 Proposta n. 16625 del 30/09/2014 Oggetto: Presenza annotazioni contabili D.G.R. 3 febbraio 2012,

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 9 INTERVENTO DI RECUPERO FINALIZZATO ALL ABITAZIONE DEL RICHIEDENTE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 9 INTERVENTO DI RECUPERO FINALIZZATO ALL ABITAZIONE DEL RICHIEDENTE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 9 Mod. C Lavori pubblici, edilizia residenziale, politica della casa, autorità di bacino U.O.A. Politica della Casa, Edilizia Residenziale Pubblica, Riqualificazione e Recupero

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

CITTÀ DI BATTIPAGLIA - STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE GIUNTA COMUNALE SINDACO CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO GENERALE SPORTELLO CONTRATTI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Gare Controllo strategico

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE URP E TUTTE LE ALTRE UNITA ORGANIZZATIVE DEL COMUNE Visione atti e rilascio di copie atti e provvedimenti:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26 Assessorato alla Scuola, Formazione Professionale, Università, Lavoro. Istruzione. Formazione. Lavoro. DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Nota informativa: Il Programma Ponte Generazionale in Lombardia

Dettagli

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio Etichette di riga nuovo progetto vecchio progetto ESPROVV FPV Totale Missione-programma 101 1172 Spese per il personale del programma Organi istituzionali 1172 121.330,02 121.330,02 1372 Spese per il personale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

DIRETTORE AREA. Promocommercializzazione

DIRETTORE AREA. Promocommercializzazione ALLEGATO A - Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del direttore AREA Contabile-amministrativa AREA Promocommercializzazione AREA Studi, Innovazione e Statistica ALLEGATO

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000. DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n.

L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000. DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n. L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n. 215 Unità organizzative di livello direzionale della Segreteria

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli