DIPARTIMENTO DI DIRITTO ED ECONOMIA PIANO DI STUDI DI DIRITTO ECONOMIA POLITICA. TRIENNIO Amministrazione, finanza e marketing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO DI DIRITTO ED ECONOMIA PIANO DI STUDI DI DIRITTO ECONOMIA POLITICA. TRIENNIO Amministrazione, finanza e marketing"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n BRESCIA tel. 030/ fax 030/ DIPARTIMENTO DI DIRITTO ED ECONOMIA PIANO DI STUDI DI DIRITTO ECONOMIA POLITICA TRIENNIO Amministrazione, finanza e marketing ANNO MONTE- ORE ORE SET. diritto ORE SET. Ec.Pol

2 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il triennio con riferimento alle indicazioni nazionali per l adempimento dell obbligo di istruzione di cui al regolamento emanato con decreto del Ministro della Pubblica istruzione n. 139/2007 e ai risultati di apprendimento - allegati B) e C) del regolamento d.p.r. n. 88/2010. Disciplina: DIRITTO Il docente di Diritto concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale: agire in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione, a partire dai quali saper valutare fatti e ispirare i propri comportamenti personali e sociali; riconoscere la varietà e lo sviluppo storico delle forme economiche, sociali e istituzionali attraverso le categorie di sintesi fornite dall economia e dal diritto; riconoscere l interdipendenza tra fenomeni economici, sociali, istituzionali, culturali e la loro dimensione locale/globale; orientarsi nella normativa pubblicistica, civilistica e fiscale; analizzare i problemi scientifici, etici, giuridici e sociali connessi agli strumenti culturali acquisiti; analizzare i problemi scientifici, etici, giuridici e sociali connessi agli strumenti culturali acquisiti; utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare. Triennio I risultati di apprendimento sopra riportati in esito al percorso quinquennale costituiscono il riferimento delle attività didattiche della disciplina nel secondo biennio e quinto anno. La disciplina, nell ambito della programmazione del Consiglio di classe, concorre in particolare al raggiungimento dei seguenti risultati di apprendimento, relativi all indirizzo, espressi in termini di competenza: # analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio; # individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento; # individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. # individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane; # orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose; # analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. Nell organizzare i percorsi di apprendimento il docente contestualizza la disciplina attraverso la simulazione e lo studio di casi reali. L insegnamento della Costituzione Italiana, afferente a Cittadinanza e Costituzione, è affidato ai docenti di Storia e di Diritto e si realizza in rapporto alle linee metodologiche ed operative autonomamente definite dalle istituzioni scolastiche in attuazione della legge 30/10/2008, n. 169, che ha rilanciato la prospettiva della promozione di specifiche conoscenze e competenze per la formazione dell uomo e del cittadino (art. 1), e ulteriormente specificate nella Circ. Min. n. 86 del 27/10/2010. L articolazione dell insegnamento di Diritto in conoscenze e abilità è di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nell ambito della programmazione collegiale del Consiglio di classe 2 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

3 Dipartimento di Diritto ed Economia SECONDO BIENNIO Diritti reali: proprietà e usufrutto. Obbligazioni. Conoscenze Contratti tipici e atipici, inerenti l imprenditore e la sua attività. Imprenditore e azienda. Disciplina della concorrenza. Forme giuridiche d impresa: costituzione e gestione. Schema di bilancio. Bilancio sociale e ambientale. Caratteristiche giuridiche, economiche del mercato del lavoro. Struttura, contenuto e aspetto economico dei contratti di lavoro anche in relazione alle situazioni locali. Aspetti giuridici delle operazioni di intermediazione finanziaria, bancarie e non bancari. Normativa nazionale e comunitaria sulla sicurezza e sul trattamento dei dati personali. Abilità Reperire autonomamente le norme nel sistema civilistico nazionale e comunitario. Ricercare le norme relative ad una categoria di argomenti e individuare le parti che afferiscono ad una precisa fattispecie. Applicare le disposizioni normative a situazioni date. Analizzare, interpretare e utilizzare schemi contrattuali. Riconoscere la normativa riguardante l informativa di bilancio e la tutela dei diritti dell impresa e applicarla a casi specifici. Individuare caratteri strutturali, aspetti normativi e fiscali, vincoli e opportunità del mercato del lavoro con riferimento a specifiche situazioni ambientali e produttive. Raffrontare tipologie diverse di rapporti di lavoro e indicare criteri di scelta in relazione ad economicità, efficienza, contesto sociale e territoriale. Redigere documenti e relazioni riguardanti la gestione delle risorse umane. Riconoscere le caratteristiche giuridiche dei principali prodotti dei mercati finanziari indicare criteri di scelta in relazione al contesto, alle risorse, agli obiettivi aziendali. Riconoscere le modalità con cui l azienda opera in relazione alla normativa in materia di sicurezza. Descrivere il ruolo sociale dell impresa ed esaminare il bilancio sociale e ambientale quale strumento di informazione e comunicazione verso la comunità. QUINTO ANNO Conoscenze Abilità Compiti e funzioni delle istituzioni locali, nazionali e internazionali con particolare riferimento ai rapporti con l impresa. Principi e organizzazione della Pubblica Amministrazione. Caratteristiche degli atti amministrativi con particolare riferimento all attività contrattuale della PA. Caratteristiche delle imprese internazionali e multinazionali. Individuare le interrelazioni tra i soggetti giuridici che intervengono nello sviluppo economico, sociale e territoriale. Individuare nella normativa nazionale e comunitaria le opportunità di finanziamento e investimento fornite dagli enti locali, nazionali e internazionali. Individuare e utilizzare la normativa amministrativa e tributaria più recente. I.T.C. Abba-Ballini di Brescia 3

4 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing I.T.C. Abba-Ballini Brescia Obiettivi formativi Come previsto dalle linee guida ministeriali, l insegnamento del diritto contribuisce alla formazione educativa culturale e professionale dello studente per consentirgli di raggiungere, al termine del percorso di studi, i seguenti obiettivi formativi: riconoscere la varietà e lo sviluppo storico delle forme economiche, sociali e istituzionali attraverso le categorie di sintesi fornite dall economia e dal diritto; riconoscere l interdipendenza tra fenomeni economici, sociali, istituzionali, culturali e la loro dimensione locale/globale; orientarsi nella normativa pubblicistica, civilistica e fiscale; analizzare i problemi scientifici, etici, giuridici e sociali connessi agli strumenti culturali acquisiti; Negli indirizzi AFM e SIA saranno curate con particolare attenzione la capacità agire in base ad un sistema di valori coerente con i principi della Costituzione, a partire dai quali gli studenti impareranno a valutare i fatti e ad ispirare i propri comportamenti personali e sociali. Nell indirizzo AFM sarà prestata particolare attenzione alla capacità di utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, di ricerca e di approfondimento disciplinare. Competenze Gli studenti raggiungeranno gli obiettivi indicati attraverso un percorso di apprendimento volto a consolidare, nel corso del secondo biennio e del quinto anno di studi, le seguenti competenze: individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio selezionare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. 4 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

5 Dipartimento di Diritto ed Economia analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane I corsi AFM e SIA dedicheranno inoltre particolare attenzione alla capacità di orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, mentre nel corso RIM sarà dedicata particolare attenzione: alla capacità di valutare fatti ed orientare i propri comportamenti in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione e con le carte internazionali dei diritti umani, a utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare e redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali Tutti gli indirizzi, dal punto di vista metodologico daranno particolare attenzione alla simulazione e allo studio di casi reali. Secondo quanto previsto dalla legge 30/10/2008 e dalla Circ. Min. n. 86 del 27/10/2010, l insegnamento della Costituzione Italiana e delle conoscenze e competenze relative, sarà condiviso con l insegnante di Storia. Conoscenze e abilità Per accedere al quinto anno di studio, l allievo deve avere raggiunto le seguenti conoscenze e abilità: Conoscenze 1. Concetti introduttivi: le norme giuridiche, le fonti del diritto e i principi che le regolano i soggetti del diritto, I beni 2. I diritti reali: il diritto di proprietà e i relativi modi di acquisto; I.T.C. Abba-Ballini di Brescia 5

6 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing il possesso i diritti reali minori con particolare attenzione all usufrutto 3. Le obbligazioni: il rapporto obbligatorio e le sue fonti; l adempimento e l inadempimento dell obbligazione; la responsabilità e le garanzie. 4. Il contratto: il contratto e l autonomia contrattuale; i requisiti del contratto con particolare riferimento alla forma; I casi di invalidità del contratto 5. Il fatto illecito e il principio di responsabilità 6. L imprenditore e l attività di impresa 7. L imprenditore e il sistema economico: L imprenditore e la libertà di iniziativa economica; La disciplina comunitaria della concorrenza L imprenditore e l azienda: i contratti aziendali e la cessione dell azienda 8. Le forme giuridiche dell a ttività di impresa: il contratto di società nell ordinamento italiano, caratteristiche delle società di persone e delle società di capitali. 9. Le società di persone: la società semplice e la società in nome collettivo: costituzione e gestione; la società in accomandita semplice: caratteri generali 10. La società per azioni: costituzione, conferimenti, azioni; organi e funzioni della s.p.a nei tre sistemi di governance il controllo esterno della società. le norme che regolano le principali operazioni sul capitale sociale. 11. Aspetti giuridici delle operazioni di intermediazione finanziaria 6 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

7 Dipartimento di Diritto ed Economia DIPARTIMENTO DI DIRITTO ED ECONOMIA PIANO DI STUDI DI DIRITTO TERZO ANNO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA I quattro moduli sono i seguenti. MONTE ORE ANNUO : 99 Md ARGOMENTI ore Collegamenti al POF 1 Principi generali: la norma giuridica e il rapporto giuridico 18 2 La proprietà e gli altri diritti reali 15 3 Le obbligazioni 28 4 Il contratto 38 Modulo 1 - Principi generali: la norma giuridica e il rapporto giuridico Modulo 2 - La proprietà e gli altri diritti reali Modulo 3 - Le obbligazioni Modulo 4 - Il contratto. Per quanto riguarda la consistenza temporale dei moduli, considerato che l orario standard a disposizione peri docenti è di 99 ore annue, la previsione potrebbe essere la seguente. Modulo 1-18 ore Modulo 2-15 ore Modulo 3-28 ore Modulo 4-38 ore Vediamo ora l organizzazione dei singoli moduli. Modulo 1 - Principi generali: la norma giuridica e il rapporto giuridico (18 h) Articolazione in unità didattiche U.d. 1 - Il diritto e la norma (1 h) U.d. 2 - Le fonti del diritto (2 h) U.d. 3 - L interpretazione (2 h) U.d. 4 - L efficacia della norma nel tempo e nello spazio (1 h) U.d. 5 - Il rapporto giuridico (1 h) U.d. 6 - La persona fisica: capacità giuridica e capacità di agire (2 h) U.d. 7 - I diritti della personalità (2 h) U.d. 8 - Le organizzazioni collettive (2 h) U.d. 9 - Gli oggetti del diritto (1h) U.d La prescrizione e la decadenza (1h) I.T.C. Abba-Ballini di Brescia 7

8 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing Obiettivi/competenze Individuare le funzioni del diritto e riconoscerne l importanza per il funzionamento della società civile. Distinguere nell ambito dell ordinamento giuridico le diverse classificazioni del diritto. Riconoscere e definire le norme giuridiche, individuarne i caratteri, collocando la loro efficacia nel tempo e nello spazio. Riconoscere e definire le fonti del diritto, classificandole sia secondo il criterio di gerarchia, sia secondo quello di competenza. Definire il concetto d interpretazione della norma e riconoscerne l importanza soprattutto in relazione alla certezza del diritto. Definire il rapporto giuridico, individuando nel suo interno le situazioni attive e passive. Riconoscere e classificare gli oggetti del diritto. Riconoscere e classificare i soggetti del diritto, individuando le loro caratteristiche, la tutela, i diritti e i limiti posti per loro dall ordinamento giuridico. Definire gli istituti di prescrizione e decadenza riconoscerne le differenze e individuare la ratio alla base della scelta del legislatore. Prerequisiti Trattandosi di un modulo di raccordo con il biennio e utile soprattutto per l omogeneizzazione delle competenze degli studenti, i prerequisiti necessari ad affrontarlo sono veramente pochi: consapevolezza della necessità di regole per l esistenza della società; riconoscere i vari aspetti della vita sociale che necessitano di regolamentazione giuridica. Descrittori delle competenze Vengono ipotizzati una serie dettagliata di descrittori indispensabili ai fini della predisposizione di un adeguata prova di verifica e utili anche al confronto del lavoro svolto da diversi docenti. A ogni descrittore possono corrispondere uno o più item della prova di verifica. Obiettivo 1 1. Individuare le funzioni del diritto di fronte alla presentazione di problematiche concrete. 2. Ipotizzare situazioni conflittuali risolvibili con opportune norme giuridiche. Obiettivo 2 1. Classificare i diversi rami del diritto. 2. Riconoscere situazioni in cui trovano applicazione norme di diritto pubblico e norme di diritto privato. Obiettivo 3 1. Definire la norma giuridica. 2. Riconoscere le norme giuridiche tra i diversi tipi di norme. 3. Riconoscere i caratteri della norma giuridica. 4. Definire il concetto di norma retroattiva. 5. Individuare i limiti alla retroattività delle norme. 6. Definire il concetto di abrogazione della norma e i diversi modi in cui essa può avvenire. 7. Riconoscere i limiti all applicabilità di una norma nello spazio. 8. Definire il concetto di diritto internazionale privato. Obiettivo 4 1. Definire le fonti del diritto. 2. Riconoscere le diverse fonti del diritto. 3. Classificare le fonti secondo il criterio di gerarchia. 4. Classificare le fonti secondo il criterio di competenza. 5. In un caso concreto riconoscere la norma applicabile, rispetto ai criteri sopra descritti. Obiettivo 5 1. Definire l espressione interpretazione delle norme. 2. Classificare i vari criteri di interpretazione. 3. Valutare l importanza dell interpretazione nell applicazione delle norme e quindi nella certezza del diritto. 4. Definire il concetto di analogia. 8 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

9 Dipartimento di Diritto ed Economia Obiettivo 6 1. Definire il rapporto giuridico. 2. Distinguere situazioni attive e passive nel rapporto giuridico. 3. Riconoscere le diverse situazioni attive e passive del rapporto giuridico in situazioni concrete. Obiettivo 7 1. Definire il bene in senso giuridico. 2. Classificare i beni secondo i diversi punti di vista. Obiettivo 8 1. Definire l espressione soggetto di diritto. 2. Riconoscere i soggetti del diritto nelle situazioni concrete. 3. Distinguere la capacità giuridica dalla capacità di agire. 4. Individuare i limiti posti alla capacità di agire. 5. Riconoscere le diverse figure di incapace di agire, incapace assoluto e incapace relativo. 6. Individuare la tutela predisposta per queste figure dall ordinamento giuridico. Obiettivo 9 1. Definire il concetto di prescrizione. 2. Riconoscere gli istituti di sospensione e interruzione della prescrizione e individuarne le finalità. 3. Definire il concetto di decadenza. 4. Individuare la ratio comune ai due istituti e le loro differenze. Modulo 2 - La proprietà e gli altri diritti reali (15 h) Articolazione in unità didattiche U.d. 1 - L evoluzione storica del diritto di proprietà (1 h) U.d. 2 - La disciplina attuale del diritto di proprietà (2 h) U.d. 3 - La proprietà immobiliare (1 h) U.d. 4 - I modi di acquisto della proprietà. (1 h) U.d. 5 - I diritti reali di godimento: nozioni generali (1 h) U.d. 6 - La comunione e il condominio (1 h) U.d. 7- Il possesso: natura e disciplina giuridica (2 h) U.d. 8 - Gli effetti del possesso: la regola possesso vale titolo, l usucapione (2 h) U.d. 9 - Le azioni petitorie e possessorie (1 h) Obiettivi/competenze Cogliere la storicità del diritto di proprietà, individuandone le sue caratteristiche nelle varie epoche e nelle diverse forme di Stato. Individuare il contenuto del diritto di proprietà nel nostro ordinamento giuridico, riconoscendone i limiti nell interesse pubblico e in quello privato. Riconoscere i diversi diritti reali, cogliendo le differenze fondamentali dei rispettivi contenuti e le caratteristiche che li contraddistinguono rispetto al diritto di proprietà. Distinguere, nell ambito dei diritti reali, le situazioni di diritto da quelle di fatto e comprendere le ragioni della rilevanza giuridica e della tutela di queste ultime. Riconoscere le caratteristiche del possesso, individuandole attraverso l analisi della sua disciplina giuridica e confrontarle con quelle della detenzione. Analizzare gli effetti del possesso al fine di individuare i motivi delle scelte del legislatore. Individuare la funzione e le caratteristiche delle azioni a tutela del diritto di proprietà e degli altri diritti reali, confrontandole con quelle a tutela del possesso. Prerequisiti Mettere in rapporto gerarchico le fonti del nostro ordinamento giuridico. Definire e classificare i diritti soggettivi. Individuare le caratteristiche dei diritti patrimoniali assoluti. Descrittori delle competenze I.T.C. Abba-Ballini di Brescia 9

10 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing Obiettivo 1 1. Descrivere i caratteri del diritto di proprietà nelle diverse epoche storiche. 2. Collocare i diversi modi di intendere la proprietà nei periodi storici corrispondenti. 3. Collegare i diversi modi di intendere la proprietà al suo contenuto anche economico. Obiettivo 2 1. Descrivere il contenuto del diritto di proprietà delineato dal codice civile. 2. Individuare i limiti posti al diritto di proprietà anche in situazioni concrete. 3. Distinguere i limiti posti nell interesse privato da quelli posti nell interesse pubblico. Obiettivo 3 1. Descrivere i diversi diritti reali di godimento. 2. Individuare le differenti caratteristiche che li contraddistinguono. 3. Individuare la funzione dei diversi diritti reali di godimento. Obiettivo 4 1. Distinguere le situazioni di fatto da quelle di diritto. 2. Distinguere la portata delle diverse situazioni di fatto. 3. Individuare le ragioni della loro rilevanza giuridica e della loro tutela. Obiettivo 5 1. Distinguere il possesso dalla detenzione. 2. Individuare gli elementi fondamentali della disciplina del possesso. 3. Riconoscere il possesso di buona fede da quello di mala fede. 4. Riconoscere il possesso titolato. Obiettivo 6 1. Descrivere gli effetti del possesso. 2. Metterli in relazione con le diverse tipologie di possesso. 3. Individuare le ragioni che hanno indotto il legislatore ad attribuire al possesso quegli effetti. Obiettivo 7 1. Descrivere le azioni petitorie. 2. Mettere le diverse azioni petitorie in relazione con le differenti situazioni che esse tutelano. 3. Descrivere le azioni possessorie. 4. Metterle in relazione con le diverse situazioni che esse tutelano. 5. Confrontare azioni petitorie e azioni possessorie. 6. Individuare di fronte a una situazione concreta l azione più opportuna da proporre. Modulo 3 - Le obbligazioni (28 h) Articolazione in unità didattiche U.d. 1 - Il rapporto obbligatorio e vari tipi di obbligazione (3 h) U.d. 2 - L adempimento dell obbligazione (4 h) U.d. 3 - L inadempimento e la mora del debitore (4 h) U.d. 4 - Il risarcimento del danno (1 h) U.d. 5 - Gli altri modi di estinzione delle obbligazioni (1 h) U.d. 6 - Le modificazioni dei soggetti delle obbligazioni (2 h) U.d. 7 - Le fonti non contrattuali delle obbligazioni (2 h) U.d. 8 - La responsabilità patrimoniale del debitore (1 h) U.d. 9 - Le garanzie reali e personali (3 h) U.d I mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale (1 h) U.d La responsabilità civile e gli atti illeciti (2 h) U.d I casi di responsabilità aggravata (1 h) Verifica di fine modulo 3 h (2 + 1) Obiettivi/competenze Definire il rapporto obbligatorio, distinguendone i caratteri e individuandone gli elementi costitutivi. Riconoscere i vari tipi di obbligazione, individuando la disciplina che li caratterizza. 10 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

11 Dipartimento di Diritto ed Economia Definire l adempimento, riconoscendo la disciplina giuridica che gli è propria. Definire l inadempimento e la mora, individuandone le conseguenze giuridiche. Definire e riconoscere i diversi modi di estinzione delle obbligazioni. Individuare gli effetti delle modificazioni dei soggetti nel rapporto obbligatorio. Comprendere il concetto di responsabilità patrimoniale del debitore, individuando le garanzie poste a tutela del creditore e i mezzi di conservazione delle garanzie patrimoniali. Riconoscere e definire le fonti non contrattuali delle obbligazioni e i loro effetti. Prerequisiti Riconoscere i soggetti del diritto e la disciplina giuridica che li caratterizza. Definire e identificare il rapporto giuridico. Definire il diritto soggettivo. Distinguere le caratteristiche dei diritti di obbligazione rispetto ai diritti reali. Descrittori delle competenze Obiettivo 1 1. Definire il rapporto obbligatorio. 2. Individuare i caratteri del rapporto obbligatorio. 3. Riconoscere e descrivere gli elementi del rapporto obbligatorio. Obiettivo 2 1. Classificare le obbligazioni attraverso l analisi dei diversi elementi costitutivi. 2. Definire le obbligazioni solidali e distinguere gli effetti che esse implicano. 3. Individuare i caratteri delle obbligazioni pecuniarie. 4. Riconoscere i diversi tipi di obbligazione e metterli in relazione con la loro disciplina giuridica. Obiettivo 3 1. Definire l esatto adempimento. 2. Individuare gli elementi che qualificano l esattezza dell adempimento. 3. Applicare a casi concreti la normativa relativa al tempo e al luogo dell adempimento. 4. Individuare gli effetti dell adempimento. Obiettivo 4 1. Definire l inadempimento. 2. Individuare i casi di esonero di responsabilità del debitore in caso di inadempimento. 3. Descrivere gli effetti dell inadempimento. 4. Definire la mora del debitore. 5. Individuare gli effetti della costituzione in mora. 6. Individuare gli elementi del risarcimento del danno. Obiettivo 5 1. Definire e descrivere i diversi modi di estinzione delle obbligazioni. Obiettivo 6 1. Descrivere i diversi casi di variazione dei soggetti dell obbligazione. 2. Individuare le differenze tra le modifiche del soggetto attivo e di quello passivo. 3. Distinguere la disciplina giuridica di ciascun specifico caso. Obiettivo 7 1. Definire il concetto di responsabilità patrimoniale. 2. Distinguere la responsabilità contrattuale da quella extracontrattuale. 3. Distinguere la garanzia generale cui il debitore è obbligato dalle garanzie specifiche. 4. Distinguere i caratteri delle garanzie reali da quelli delle garanzie personali. 5. Definire l ipoteca e le sue caratteristiche. 6. Individuare i modi in cui l ipoteca si costituisce e si estingue. 7. Definire il pegno e i suoi caratteri. 8. Individuare i modi in cui il pegno si costituisce e si estingue. 9. Riconoscere gli effetti delle garanzie reali. 10. Descrivere l azione surrogatoria e quella revocatoria, individuandone le differenze. I.T.C. Abba-Ballini di Brescia 11

12 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing 11. Individuare gli effetti dell azione surrogatoria e di quella revocatoria. Obiettivo 8 1. Riconoscere e descrivere le fonti non contrattuali delle obbligazioni. 2. Individuare gli effetti delle diverse fonti delle obbligazioni. Modulo 4 - Il contratto (38 h) Articolazione in unità didattiche U.d. 1 - Il contratto: nozione e funzione (2 h ) U.d. 2 - La formazione e conclusione del contratto (3 h) U.d. 3 - Oggetto, causa e forma del contratto (4 h) U.d. 4 - Gli elementi accidentali (3 h) U.d. 5 - L interpretazione del contratto (1 h) U.d. 6 - Gli effetti del contratto tra le parti e nei confronti dei terzi (2 h) U.d. 7 - La rappresentanza (2 h) U.d. 8 - L invalidità del contratto (5 h) U.d. 9 - La divergenza tra la volontà e la dichiarazione (2 h) U.d La rescissione e la risoluzione del contratto (2 h) U.d La compravendita (3 h) U.d La locazione (3 h) U.d Il comodato, il mutuo e il mandato (3 h) Verifica di fine modulo 3 h (2 + 1) Obiettivi/competenze Definire il contratto attraverso l analisi della disciplina del codice civile. Individuare gli elementi costitutivi del contratto e i loro caratteri. Riconoscere gli elementi accidentali del contratto e analizzarne gli effetti. Distinguere efficacia e inefficacia del contratto, evidenziando gli effetti del contratto nei confronti delle parti e dei terzi. Definire il concetto di rappresentanza volontaria, individuandone gli effetti. Individuare i casi di invalidità dei contratti e riconoscerne gli effetti, sia nell ipotesi di nullità che di annullabilità. Riconoscere i casi di rescissione e di risoluzione del contratto. Analizzare i singoli contratti tipici allo scopo di individuarne i soggetti, il contenuto e gli effetti. Prerequisiti Riconoscere i soggetti del diritto e la disciplina giuridica che li caratterizza. Definire il rapporto giuridico obbligatorio. Descrittori delle competenze Obiettivo 1 1. Definire il contratto. 2. Individuare la funzione giuridica ed economica del contratto. 3. Classificare i contratti dai diversi punti di vista. 4. Riconoscere nel concreto rapporti di tipo contrattuale. Obiettivo 2 1. Individuare i requisiti essenziali del contratto. 2. Riconoscere i soggetti del rapporto contrattuale. 3. Individuare i momenti di formazione dell accordo delle parti. 4. Riconoscere le fasi precontrattuali da quelle contrattuali vere e proprie. 5. Individuare i casi di responsabilità precontrattuale. 6. Definire la causa e descriverne i caratteri indispensabili. 7. Definire l oggetto e individuarne i caratteri essenziali. 8. Definire la forma e metterla in relazione con la validità del contratto. 9. Distinguere i diversi tipi di forma. 12 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

13 Dipartimento di Diritto ed Economia Obiettivo 3 1. Definire il termine e metterlo in relazione con l efficacia del contratto. 2. Definire la condizione e metterlo in relazione con l efficacia del contratto. 3. Definire il modo e collegarlo con i casi di inefficacia del contratto che da esso dipendono. Obiettivo 4 1. Definire il concetto di efficacia contrattuale. 2. Riconoscere gli effetti del contratto tra le parti. 3. Definire il recesso unilaterale e individuare i limiti che a esso la legge pone. 4. Individuare gli effetti del contratto nei confronti dei terzi. Obiettivo 5 1. Definire la rappresentanza volontaria distinguendola da quella legale. 2. Individuare gli effetti della rappresentanza. 3. Definire la procura. 4. Individuare gli effetti dei limiti alla procura. 5. Definire la ratifica e riconoscerne gli effetti. Obiettivo 6 1. Definire il concetto di invalidità del contratto. 2. Distinguere il concetto di validità da quello di efficacia. 3. Distinguere i caratteri della nullità da quelli dell annullabilità. 4. Individuare le cause della nullità del contratto. 5. Individuare gli effetti della nullità. 6. Individuare i casi di annullabilità del contratto. 7. Individuare gli effetti dell annullabilità. 8. Distinguere i diversi vizi della volontà. Obiettivo 7 1. Definire il concetto di rescissione del contratto. 2. Individuare i casi in cui la rescissione è ammessa. 3. Verificare gli effetti della rescissione 4. Definire il concetto di risoluzione contrattuale. 5. Individuare i diversi casi che rendono possibile la risoluzione contrattuale. 6. Individuare gli effetti della risoluzione. Obiettivo 8 1. Definire i contratti tipici. 2. Riconoscere i diversi contratti tipici. 3. Individuare i soggetti di uno specifico contratto tipico. 4. Individuare e descrivere il contenuto dello specifico contratto. 5. Individuare gli obblighi e i diritti dei soggetti contrattuali. Metodologie didattiche.: - Lezione frontale, lezione interattiva, lavoro di gruppo. Strumenti. - Libro di testo, Codice civile, articoli di quotidiani e riviste, ricorso ad esperti esterni. Testo utilizzato.: - G. Zagrebelsky Diritto civile- Ed. Le Monnier Criteri di verifica, misurazione e valutazione. -Come concordato nella programmazione del consiglio di classe. ( Vedi documento di programmazione allegato al verbale del Consiglio di Classe) Tipologie di prove utilizzate: - Interrogazioni orali. - Test oggettivi (a risposta chiusa) - Questionari a domande aperte. I.T.C. Abba-Ballini di Brescia 13

14 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing DIPARTIMENTO DI DIRITTO ED ECONOMIA PIANO DI STUDI DI DIRITTO QUARTO ANNO MONTE ORE ANNUO : 99 Md ARGOMENTI ore Collegamenti al POF 14 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

15 Dipartimento di Diritto ed Economia DIPARTIMENTO DI DIRITTO ED ECONOMIA PIANO DI STUDI DI DIRITTO QUINTO ANNO MONTE ORE ANNUO : 99 Md ARGOMENTI ore Collegamenti al POF I.T.C. Abba-Ballini di Brescia 15

16 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il triennio con riferimento alle indicazioni nazionali per l adempimento dell obbligo di istruzione di cui al regolamento emanato con decreto del Ministro della Pubblica istruzione n. 139/2007 e ai risultati di apprendimento - allegati B) e C) del regolamento d.p.r. n. 88/2010. Disciplina: ECONOMIA POLITICA Il docente di Economia politica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale: analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino a spiegare i comportamenti individuali e collettivi in chiave economica; riconoscere la varietà e lo sviluppo storico delle forme economiche, sociali e istituzionali attraverso le categorie di sintesi fornite dall economia e dal diritto; riconoscere l interdipendenza tra fenomeni economici, sociali, istituzionali, culturali e la loro dimensione locale/globale; analizzare, con l ausilio di strumenti matematici e informatici, i fenomeni economici e sociali; analizzare i problemi scientifici, etici, giuridici e sociali connessi agli strumenti culturali acquisiti; utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare Triennio I risultati di apprendimento sopra riportati in esito al percorso quinquennale costituiscono il riferimento delle attività didattiche della disciplina nel secondo biennio e quinto anno. La disciplina, nell ambito della programmazione del Consiglio di classe, concorre in particolare al raggiungimento dei seguenti risultati di apprendimento, relativi all indirizzo, espressi in termini di competenza: # riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo; # identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti; # redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali; # riconoscere e interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; - i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; - i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse; # riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date; # inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato; # orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose; # analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. Nell organizzare i percorsi di apprendimento il docente contestualizza la disciplina attraverso la simulazione e lo studio di casi reali. L articolazione dell insegnamento di Economia politica in conoscenze e abilità è di seguito indicata quale o- rientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nell ambito della programmazione collegiale del Consiglio di classe. 16 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

17 Dipartimento di Diritto ed Economia SECONDO BIENNIO Conoscenze Trasformazioni storiche dei sistemi economici e tendenze attuali Funzionamento del sistema economico Sistema economico locale Principali fonti di informazioni economiche, anche in lingua straniera Strumenti e modalità di rappresentazione e comunicazione delle informazioni economiche Strumenti e modalità di comunicazione dei fenomeni economicofinanziari in ambito aziendale Politiche di mercato Politiche di intervento dello Stato nell economia Soggetti, mercati, prodotti e organi del sistema finanziario Scambi internazionali e caratteristiche del mercato globale Ruolo dell impresa etica nel sistema economico Principi di responsabilità sociale dell impresa Bilancio sociale e ambientale Abilità Tracciare le macrotrasformazioni dei sistemi economici nel tempo fino alle tendenze attuali Reperire la documentazione relativa ad un settore economico e/o al territorio ed elaborarne i contenuti in funzione di specifici obiettivi Riconoscere le diverse tipologie di sviluppo economico sul territorio Individuare e riconoscere le interdipendenze tra sistemi economici e le conseguenze che esse determinano in un dato contesto Identificare e giustificare le scelte di localizzazione del sistema azienda Ricercare e descrivere le caratteristiche di elementi conoscitivi dei mercati di beni o servizi Individuare il comportamento dei consumatori e dei concorrenti in un dato contesto Riconoscere le regole e le caratteristiche dei mercati finanziari e definirne ruolo, funzioni, patologie Distinguere le attività di mercati regolamentati e non Riconoscere le caratteristiche dei prodotti dei mercati finanziari in relazione al contesto, alle risorse, agli obiettivi aziendali Individuare e commentare i cambiamenti che il mercato globale ha prodotto sulla struttura aziendale e sulla sua operatività Analizzare le problematiche di localizzazione e delocalizzazione produttiva in riferimento alle situazioni aziendali e al contesto economico internazionale Individuare e interpretare il ruolo svolto dall impresa etica Analizzare la responsabilità sociale dell impresa soprattutto riguardo all utilizzo delle risorse umane e naturali e all impatto dell attività economica sul territorio QUINTO ANNO Conoscenze Abilità Strumenti e funzioni di politica economica Bilancio dello Stato Sistema tributario italiano Finanza locale e bilancio degli enti locali Processo di determinazione del reddito contabile, fiscale e imponibile Ricercare ed analizzare rapporti, previsioni e studi economici di settore Riconoscere il tipo di politiche economico-finanziarie poste in essere per la governance di un settore o di un intero paese Riconoscere il ruolo del Bilancio dello Stato come strumento di politica economica Analizzare le imposte e le tasse a carico delle imprese I.T.C. Abba-Ballini di Brescia 17

18 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing I.T.C. Abba-Ballini Brescia Obiettivi formativi Come previsto dalle linee guida ministeriali, l insegnamento di Economia Politica e di Relazioni Internazionali contribuisce alla formazione educativa culturale e professionale dello studente e gli consente di raggiungere, al termine del percorso di studi, i seguenti obiettivi formativi: analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino a spiegare i comportamenti individuali e collettivi in chiave economica; riconoscere la varietà e lo sviluppo storico delle forme economiche, sociali e istituzionali attraverso le categorie di sintesi fornite dall economia e dal diritto; riconoscere l interdipendenza tra fenomeni economici, sociali, istituzionali, culturali e la loro dimensione locale/globale; analizzare, anche con l ausilio di strumenti matematici e informatici, i fenomeni economici e sociali; analizzare i problemi scientifici, etici, giuridici e sociali connessi agli strumenti culturali acquisiti; utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare. In particolare, nel corso RIM sarà dedicata attenzione alla capacità di individuare e analizzare le problematiche del processo di internazionalizzazione delle imprese; Competenze Nel corso del secondo biennio e del quinto anno di studi gli studenti raggiungeranno gli obiettivi indicati attraverso un percorso di apprendimento volto a consolidare le seguenti competenze: Competenza Comuni ai tre indirizzi riconoscere gli aspetti dell a mbiente naturale ed antropico, le relative connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo riconoscere e interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; - i macrofenomeni economici nazionali e internazionali; 18 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

19 Dipartimento di Diritto ed Economia - i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse; inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita del prodotto e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. In particolare, i corsi AFM e SIA dedicheranno attenzione alle capacità di: identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali; riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. Nel corso RIM sarà invece dedicata particolare attenzione alla capacità di: stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento padroneggiare la lingua inglese e, ove prevista, un altra lingua comunitaria per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali, al livello b2 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue ( QCER ) Conoscenze e abilità Per accedere al quinto anno di studio, l allievo deve avere raggiunto le seguenti conoscenze e abilità: Conoscenze 1. Introduzione all economia politica: analisi dei temi legati alla natura della scienza economica e del il sistema economico Aspetti fondamentali del pensiero economico degli autori della scuola classica 2. La teoria neoclassica della domanda: la teoria dell utilità I.T.C. Abba-Ballini di Brescia 19

20 Piano di Studi - Triennio. Amministrazione, finanza e marketing la funzione di domanda e i relativi spostamenti nel piano la relazione della la domanda di beni con il reddito e con il prezzo degli altri beni 3. La teoria della produzione cenni relativi alla Rivoluzione industriale e al principio della divisione del lavoro l impresa e le sue caratteristiche la funzione di produzione l analisi dei costi dell impresa 4. Le forme di mercato e il problema dell equilibrio: nei mercati di concorrenza perfetta nei mercati imperfettamente concorrenziali 5. Cenni di contabilità nazionale: il Prodotto interno lordo e gli indici di distribuzione del reddito analisi dei problemi legati alla distribuzione internazionale della ricchezza 6. Analisi degli aspetti reali del sistema economico La struttura della domanda aggregata Le funzioni del Consumo e del risparmio Il problema dell equilibrio: Il principio della domanda effettiva, reddito di equilibrio e reddito di pieno impiego Le fluttuazioni cicliche e il ruolo dello Stato e gli obiettivi di politica economica Gli investimenti e la loro determinazione con particolare riferimento al ruolo delle aspettative e al tasso di interesse 7. Analisi degli aspetti monetari del sistema economico Cenni sulla storia alla moneta; l euro: le istituzioni e le regole che lo governano il mercato della moneta e il ruolo della banca Centrale L equilibrio del mercato della moneta e la politica monetaria Caratteri e funzioni del sistema finanziario 8. Analisi del mercato del lavoro I caratteri del mercato del lavoro e la realtà italiana l equilibrio del mercato del lavoro nella teoria neoclassica analisi del mercato dei mercati del lavoro regolamentati 9. L inflazione L inflazione e i suoi effetti sul sistema; l inflazione alla luce dalle diverse scuole di pensiero; Il trade off tra inflazione e disoccupazione 10. Il commercio e i sistemi di pagamento internazionali Elementi essenziali della teoria ricardiana dei costi comparati; La bilancia dei pagamenti i tassi di cambio: significato e misura, effetti e tipologia L equilibrio del reddito in economia aperta Crescita, sviluppo, sottosviluppo e sviluppo sostenibile nell era della globalizzazione dei mercati 20 I.T.C. Abba-Ballini di Brescia

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli