Avv. ROBERTO BERNOCCHI professore a contratto e dottore di ricerca in diritto degli alimenti Università di Parma

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avv. ROBERTO BERNOCCHI professore a contratto e dottore di ricerca in diritto degli alimenti Università di Parma"

Transcript

1 Avv. ROBERTO BERNOCCHI professore a contratto e dottore di ricerca in diritto degli alimenti Università di Parma IL PROCESSO PENALE Dispensa per la Scuola di Specializzazione in Legislazione Veterinaria Università di Parma Sommario: 1. Nozione di procedimento penale; 2. Le indagini preliminari; 3. L informazione di garanzia; 4. I mezzi di ricerca della prova; 5. I provvedimenti restrittivi della libertà personale; 6. L incidente probatorio; 7. La conclusione delle indagini preliminari; 8. L udienza preliminare; 9. Il patteggiamento; 10. Il giudizio abbreviato; 11. Il giudizio direttissimo; 12. Il giudizio immediato; 13. Il procedimento per decreto; 14. La formazione del fascicolo per il dibattimento; 15. Il dibattimento; 16. Le impugnazioni. 1. Nozione di procedimento penale Il procedimento penale rappresenta l insieme delle attività volte all accertamento dei fatti che costituiscono reato, alla determinazione della responsabilità del soggetto imputato e alla eventuale irrogazione della pena. Esso si divide in due fasi ben distinte e con finalità proprie. La prima fase riguarda le indagini preliminari, condotte dal Pubblico Ministero, che sono finalizzate a raccogliere gli elementi di fatto che depongono a carico o a discarico della persona che si presume coinvolta nel reato come responsabile (detta indagato), allo scopo di decidere se promuovere o meno l azione penale. La seconda fase, detta giudizio, è affidata al giudice e si apre quando gli elementi raccolti sono ritenuti sufficienti per sostenere l accusa contro la persona inquisita, che per effetto di ciò prende il nome di imputato. Essa è finalizzata alla formazione delle prove attraverso il contraddittorio tra le parti e si conclude con una sentenza di condanna o di proscioglimento. Pertanto la verifica delle modalità della condotta tenuta dall imputato, della capacità di intendere e di volere del soggetto, del nesso di causalità tra condotta ed evento, della colpa o del dolo, dell assenza di cause di giustificazione e di quant altro la legge penale presuppone per l irrogazione della pena o per la sua quantificazione, sono oggetto di ricerca ad opera del Pubblico Ministero e di accertamento ad opera del Giudice. 2. Le indagini preliminari Il procedimento penale ha inizio con l acquisizione della notitia criminis (art.330 c.p.p.), cioè di un fatto che astrattamente si configura come violazione di un precetto penale. La notizia può pervenire ai soggetti preposti alle indagini preliminari, Pubblico Ministero (P.M.) e organi di Polizia Giudiziaria (P.G.), o per conoscenza diretta, in qualunque modo acquisita, o per segnalazione: denuncia (artt. 331 e 333 c.p.p.), referto (334 c.p.p.), querela (art.336 c.p.p.).

2 2 La denuncia e la querela hanno la stessa funzione, cioè di dare impulso alle indagini, ma si distinguono in quanto la prima ha carattere impersonale (chiunque può segnalare un reato), mentre la seconda è riservata alla persona offesa dal reato (parte lesa); per taluni reati infatti, come ad es. le ingiurie, in cui non vi è un diretto e preminente interesse dello Stato alla punizione del colpevole, la legge subordina l esercizio della azione penale alla volontà dell offeso (reati procedibili a querela). Il referto è soltanto una particolare forma di denuncia posta a carico dei soggetti esercenti una professione sanitaria, qualora abbiano prestato assistenza od opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto perseguibile d ufficio (ad esempio lesioni gravi volontarie o omicidio). Le indagini preliminari non servono a formare le prove a carico del sottoposto alle indagini, ma hanno l unica ed esclusiva funzione di raccogliere gli elementi (o fonti) di prova, che risultano necessari per consentire all organo dell accusa di decidere se l azione penale debba o meno essere coltivata (art.326 c.p.p.). La direzione e il coordinamento delle indagini preliminari compete al Pubblico Ministero (art.327 c.p.p.). A tale fine egli può impartire direttive agli organi di polizia giudiziaria perchè in sua vece compiano atti di accertamento e di acquisizione di fonti di prova. I suoi poteri però sono regolati dalla legge e sottoposti al controllo di un organo che si pone come terzo ed imparziale rispetto alle esigenze contrapposte dell accusa e della difesa dell indagato: il Giudice per le indagini preliminari (GIP). La funzione del GIP è di decidere, sulle richieste avanzate dal P.M., dalla persona indagata e dalla parte offesa (art.328 c.p.p.). In particolare sono di competenza del GIP: i provvedimenti che comportano restrizioni alla libertà personale (quali la sottoposizione ad arresto, fermo, custodia cautelare in carcere, arresti domiciliari) o alla libera disponibilità dei beni (sequestro conservativo sul patrimonio dell indagato o sequestro preventivo di cose che potrebbero servire per commettere altri reati). 3. L informazione di garanzia L informazione di garanzia (art.369 c.p.p.) consiste in quell atto con il quale il P.M. deve informare l indagato che si sta procedendo contro di lui. Essa deve contenere le norme di legge che si assumono violate dall indagato, la data e il luogo del fatto e l invito a nominare un difensore. L informazione di garanzia non deve essere inviata fin dall inizio delle indagini o dal momento in cui queste sono indirizzate nei suoi riguardi, ma soltanto se occorre compiere un atto al quale il difensore dell indagato abbia diritto di assistere (accertamento tecnico non ripetibile, perquisizione, sequestro, interrogatorio, ispezione, confronto). Infatti da una parte la legge ha inteso salvaguardare le indagini, consentendo al P.M. di svolgerle senza che l indagato ne sia a conoscenza, così da impedirgli qualsiasi attività di ostacolo o di inquinamento degli elementi di prova, dall altro però - in una logica di salvaguardia dei diritti della persona - ha voluto prescrivere, per il compimento da parte del P.M. di alcuni atti particolarmente invasivi nella sfera soggettiva dell indagato, la presenza del difensore che ne garantisca il rispetto dei diritti. 4. I mezzi di ricerca della prova Come si è detto, funzione delle indagini preliminari è quella di consentire la ricerca e la raccolta degli elementi a carico o anche a discarico del sottoposto alle indagini. Per fare questo il Pubblico Ministero e la Polizia Giudiziaria si servono di diversi strumenti previsti e disciplinati dalla legge (artt. 244 e 348 ss. c.p.p.), fra cui sono da ricordare: 2

3 3 - Le sommarie informazioni testimoniali: il P.M. e la P.G. possono ascoltare persone in grado di riferire circostanze utili ai fini delle indagini per la ricostruzione del fatto o l individuazione del colpevole. Le notizie così raccolte verranno fatte oggetto di verifica in sede di giudizio, attraverso l esame dei testi in contraddittorio fra il P.M. e le parti private, e si trasformeranno così in prove testimoniali. - L interrogatorio: se l indagato lo chiede o vi consente (art.65 c.p.p.), il P.M., previa contestazione del fatto di reato ipotizzato, lo invita ad esporre quanto ritiene utile alla sua difesa e gli rivolge direttamente le domande utili ai fini investigativi. Nella successiva fase del giudizio l interrogatorio prende il nome di esame dell imputato, e diventa un vero e proprio mezzo di prova. - Le ispezioni: consistono nell attività di accertamento e rilevazione delle tracce e degli altri effetti materiali del reato su persone, luoghi e cose (art.244 e ss. c.p.p.). - Le perquisizioni: consistono nell attività diretta a ricercare il corpo del reato o cose pertinenti al reato su persone o in luoghi determinati (art.274 e ss. c.p.p.). - Il sequestro probatorio: consiste nella materiale acquisizione del corpo del reato o di cose a questo pertinenti (art.253 c.p.p), per impedire che possano essere alterati o dispersi. Questa figura - che ricade fra i mezzi di ricerca della prova - non va confusa né col sequestro preventivo (art.321 c.p.p.), che ha la finalità di interrompere o prevenire l attività criminosa (es. sequestro di stupefacente per impedire che divenga oggetto di spaccio), né col sequestro conservativo (art.316 c.p.p.), che ha la finalità di impedire la dispersione del patrimonio con cui l indagato sarà chiamato a rispondere per eventuali rimborsi o risarcimenti. - Le intercettazioni: consistono nella rilevazione di telecomunicazioni (attraverso il telefono o altre forme di trasmissione) e di colloqui tra presenti (cosiddette intercettazioni ambientali, art. 266 c.p.p.). - Gli accertamenti tecnici: sono le operazioni che, richiedendo particolari competenze tecniche, vengono affidate ad esperti. Nella fase del giudizio anche gli accertamenti tecnici possono essere utilizzati come mezzi di prova; in tal caso si parla di perizia quando all esperto viene demandata la risoluzione di questioni tecniche, e di esperimento giudiziale quando si vuole riprodurre la situazione in cui si sarebbe verificato il reato. - L individuazione di persone o cose: è l operazione di riconoscimento di persone o cose che il PM può richiedere ad un soggetto che ne abbia avuto diretta percezione (art.361 c.p.p.). Nel corso del giudizio tale operazione prende il nome di ricognizione. Occorre infine aggiungere che l attività di indagine non è esclusivamente riservata agli organi inquirenti; anche l imputato o la parte offesa possono compiere, attraverso il difensore, l investigatore privato e il consulente tecnico, e nel rispetto di specifiche regole, atti di investigazione difensiva (artt.391 bis e ss. c.p.p.), finalizzati ad assumere informazioni, acquisire dichiarazioni scritte (art.392 bis c.p.p.), chiedere documenti alla Pubblica Amministrazione (art.391 quater c.p.p.), documentare lo stato di luoghi o di cose, o compiere su di essi rilievi tecnici (art.391 sexies c.p.p.). 5. I provvedimenti restrittivi della libertà personale: Nelle indagini preliminari la Polizia Giudiziaria e il Pubblico Ministero possono limitare la libertà personale dell indagato con l arresto o il fermo (in entrambi i casi il soggetto viene tradotto in carcere). L arresto è applicabile a carico di chi sia colto nell atto o subito dopo la commissione di un reato di una certa gravità (artt.380 e 381 c.p.p.), cioè in flagranza di reato (art.382 c.p.p.). Il fermo invece viene adottato nei confronti di chi sia indiziato di un reato di una certa gravità e sussista un concreto pericolo di sua fuga (art.384 c.p.p.). 3

4 4 Entrambi possono avere una durata non superiore alle 96 ore, entro le quali, (al più tardi), devono essere convalidati da GIP; in tal caso, quando si ritiene che il soggetto debba essere mantenuto in uno stato di limitazione della libertà, si applica una misura cautelare; diversamente l indagato deve essere rimesso in libertà (art.391 c.p.p.). Le misure cautelari possono essere disposte dal GIP quando sussistono a carico dell indagato gravi indizi di colpevolezza (art.273 c.p.p.) e sussiste altresì il pericolo che questi ostacoli l acquisizione delle prove o ne comprometta la genuinità o si dia alla fuga o commetta altri reati (art.274 c.p.p.); in tali casi il soggetto potrà essere sottoposto alla misura della custodia in carcere (art.280 c.p.p.), o del divieto di espatrio (art.281 c.p.p.) o degli arresti domiciliari (art.284 c.p.p.), etc.. Dette misure, essendo irrogate in assenza di un giudizio che abbia accertato definitivamente la responsabilità penale del soggetto, non possono essere mantenute oltre i tempi stabiliti dalla legge: ciò al fine di contemperare la necessità di salvaguardare la sicurezza della collettività e la genuinità delle indagini, con quella di non comprimere oltre misura la libertà individuale della persona sottoposta a procedimento penale, che è presunta innocente fino a condanna irrevocabile. Per contrastare i provvedimenti cautelari, si può fare ricorso al Tribunale del Riesame (detto anche Tribunale della Libertà ) e chiederne la revoca (art.309 c.p.p.), sia per ragioni di fatto (dimostrando ad esempio la propria estraneità all ipotesi di reato) che per ragioni di diritto (ad esempio per mancanza dei presupposti stabiliti dalla legge per l applicazione della misura cautelare). In caso di conferma della misura cautelare è possibile fare ricorso in Cassazione, ma soltanto per ragioni di diritto (art.311 c.p.p.). 6. L incidente probatorio Durante le indagini preliminari il P.M. o la persona sottoposta alle indagini possono chiedere che si proceda in via anticipata all assunzione di una prova attraverso il cosiddetto incidente probatorio (art.392 c.p.p.). La richiesta deve essere rivolta al Gip. Si tratta di una procedura eccezionale, in quanto nell ambito di un attività preliminare, destinata alla ricerca e all acquisizione delle fonti di prova, e preordinata unicamente a che il P.M. decida se promuovere o meno l azione penale, si consente di procedere all assunzione di una vera e propria prova con le forme del dibattimento. L eccezionalità è giustificata dall urgenza di cristallizzare una prova che, se ritardata fino al dibattimento, rischierebbe di deteriorarsi o disperdersi (ad es. nel caso di persona moribonda o esposta a pericolo di minacce o di deperibilità dell oggetto su cui verte la prova). Gli atti assumibili tramite incidente probatorio sono: la testimonianza, l esame dell indagato, l esame di imputati in procedimenti connessi, il confronto, la ricognizione, la perizia e l esperimento giudiziale. L udienza per l assunzione della prova nelle forme dell incidente probatorio si svolge dinanzi al GIP e segue le forme dibattimentali, per cui la prova viene assunta in contraddittorio tra P.M. e difensori (esaminando il testimone, interrogando l indagato etc.). I verbali che ne seguono andranno a rifluire direttamente nel fascicolo del dibattimento e avranno la valenza di prova dei fatti in essi descritti e riportati. 7. La conclusione delle indagini preliminari La durata delle indagini preliminari è fissata per legge in sei mesi (o in un anno per taluni reati che richiedono indagini più complesse), ma su richiesta del P.M. i termini possono essere prorogati dal GIP fino ai limiti massimi previsti dalla legge (art.407 c.p.p.). Quando il P.M. ritiene di avere raccolto sufficienti elementi di prova deve sottoporli 4

5 5 al giudice con le conclusioni a cui è pervenuto, che potranno consistere nella richiesta di archiviazione del procedimento, quando gli elementi emersi inducono a ritenere infondata la notizia di reato (art.408 c.p.p.), oppure, in caso contrario, nella richiesta di rinvio a giudizio. In tal caso il P.M. ha l obbligo (art.415 bis c.p.p.) di notificare all indagato un avviso contenente l enunciazione del fatto per cui si procede, con indicazione delle norme di legge violate, della data e del luogo del reato commesso, nonchè l informazione che gli atti delle indagini sono depositati nella cancelleria del P.M.. A seguito della notifica l indagato ha diritto di estrarre copia degli atti, di presentare memorie, documenti e documentazione relativa alle investigazioni difensive, di chiedere di essere sottoposto ad interrogatorio, di chiedere al P.M. lo svolgimento di ulteriori indagini in grado di fare emergere elementi a suo favore. 8. L udienza preliminare A seguito della richiesta di rinvio a giudizio, il Pubblico Ministero e l indagato devono presentarsi davanti al Giudice in camera di consiglio (cioè in seduta che non è aperta al pubblico) per l udienza preliminare. La funzione dell udienza preliminare è duplice: in primo luogo sottoporre ad un preventivo sommario esame del giudice detto Giudice per l udienza preliminare (GUP) la valutazione della fondatezza dell azione penale proposta dal P.M.; in secondo luogo consentire una deflazione del dibattimento attraverso proscioglimenti anticipati, o l eventuale celebrazione dei riti speciali del patteggiamento o del giudizio abbreviato. Esaminiamo dunque brevemente entrambe le possibilità che possono ricorrere nell udienza preliminare. Se l indagato propone richiesta di riti alternativi, il GUP procede nelle forme previste per essi. In caso contrario, a seguito di discussione (art.421 c.p.p.) compiuta dal P.M. e dai difensori sugli elementi di indagine, esamina tutti gli atti fino a quel momento raccolti e decide se gli stessi sono sufficienti e idonei a sostenere l accusa nel giudizio. In caso affermativo emette il decreto di rinvio a giudizio della parte, che da questo momento prende il nome di imputato; diversamente emette sentenza di non luogo a procedere (art.424 c.p.p.). Nel primo caso il procedimento proseguirà davanti ad un nuovo giudice (giudice del dibattimento), nel secondo caso risulterà chiuso. La riforma del processo penale operata dalla Legge 479/99, ha però introdotto una terza possibilità: qualora il GUP ritenga che le indagini preliminari siano insufficienti, può raccogliere in udienza elementi di prova integrativi (art.422 c.p.p.) oppure ordinare al P.M. di svolgere ulteriori attività di indagine (art.421 bis c.p.p.). 9. Il patteggiamento Il patteggiamento - o come definito dal codice, l applicazione della pena su richiesta (art.444 e ss. c.p.p.), - consiste nell accordo tra indagato e P.M. sulla pena da applicare. Se l indagato ritiene, in relazione agli elementi raccolti a suo carico, di avere scarse possibilità di proscioglimento, può concordare la pena con il P.M. in una misura ridotta fino ad un terzo rispetto a quella cui potrebbe andare incontro se affrontasse il giudizio. Questa procedura consente di abbreviare notevolmente il procedimento. Il patteggiamento però è ammissibile soltanto per i reati per i quali risulta applicabile una pena in concreto non superiore a due anni di detenzione (inclusa la diminuzione fino ad un terzo prevista dal rito). 5

6 6 Il Giudice cui viene sottoposto l accordo può accogliere la richiesta, se la ritiene conforme al diritto, oppure rigettarla. Qualora, anche in presenza dell accordo delle parti, ritenga emergere dagli atti elementi che conducono al proscioglimento dell indagato (artt.444 II comma e 129 c.p.p.), dovrà decidere in tal senso; il legislatore infatti ha espressamente richiamato anche nella disciplina del patteggiamento il principio generale secondo cui il giudice deve sempre dichiarare il proscioglimento qualora ne ricorrano i presupposti. 10. Il giudizio abbreviato Questo giudizio è caratterizzato dal fatto che le parti (P.M. e parti private) accettano di utilizzare come prove gli atti di indagine raccolti nel corso delle indagini preliminari nello stato in cui risultano (art.438 c.p.p.). In questo caso il GUP emette una sentenza di condanna o di proscioglimento fondata sull esame degli stessi. Qualora condanni l imputato, la pena ritenuta congrua per la fattispecie realizzata dovrà essere diminuita di un terzo. Anche in questo caso la natura premiale è giustificata dal fatto che la legge vuole incentivare la scelta di tale rito, perchè consente la definizione del procedimento senza che si svolga il dibattimento, con un notevole risparmio di tempo, energie e denaro pubblico. 11. Il giudizio direttissimo Quando una persona è arrestata in flagranza di reato o ha confessato di avere commesso il fatto, il P.M. può presentarla direttamente al giudice per il dibattimento (art.449 e ss. c.p.p.). La specialità di questo rito risiede nella soppressione quasi totale dell intera fase preliminare e nell assenza dell udienza preliminare, giustificate dall evidenza del fatto contestato come reato. I testimoni, stante la semplificazione e celerità del rito, possono essere presentati direttamente nel dibattimento, senza preventiva indicazione e citazione. L imputato sottoposto a questo rito conserva la facoltà di chiedere il giudizio abbreviato o il patteggiamento, che potrà esercitare prima che sia dichiarato aperto il dibattimento (art.451 e 446 c.p.p.). 12. Il giudizio immediato Quando dalle indagini preliminari risulta evidente la prova della colpevolezza dell indagato, il P.M. può chiedere al GIP che disponga immediatamente il giudizio senza passare attraverso l udienza preliminare (art.453 c.p.p.). La specialità di questo rito risiede proprio nell assenza di tale fase. Unica condizione necessaria è che l indagato sia stato preventivamente posto in grado di esporre le proprie ragioni attraverso l interrogatorio. Come nel rito direttissimo l imputato sottoposto a giudizio immediato conserva la facoltà di chiedere il giudizio abbreviato o il patteggiamento. 13. Il procedimento per decreto La procedura è limitata ai reati per i quali il P.M. ritiene che si debba applicare soltanto una pena pecuniaria. In tal caso può presentare al GIP il fascicolo contenente le fonti di prova con richiesta di emissione del decreto penale di condanna, indicando la 6

7 7 misura della pena che ritiene congrua (che può essere diminuita fino alla metà del minimo previsto dalla legge). Se il GIP accoglie la richiesta emette il decreto che viene notificato al condannato e questi potrà opporvisi nel termine di 15 giorni dal ricevimento della comunicazione, ottenendo di essere sottoposto a giudizio immediato o abbreviato o di potere patteggiare la pena (art.459 c.p.p.). La caratteristica di questo rito, in cui mancano sia l udienza preliminare sia il dibattimento, è l irrogazione della pena in assenza di contraddittorio tra accusa e difesa, al quale si fa luogo soltanto in caso di opposizione. Allo scopo di disincentivare l opposizione al decreto di condanna (che vanificherebbe lo scopo di celerità cui è preordinato), sono previsti, oltre allo sconto di pena, altri specifici benefici a vantaggio del condannato, quali l estinzione degli effetti penali della condanna col decorso del tempo, l'esenzione dal pagamento delle spese processuali etc. (art.460 c.p.p.). I diritti di difesa del condannato non risultano violati in quanto possono rivivere in misura integrale attraverso l opposizione. 14. La formazione del fascicolo per il dibattimento A seguito del decreto di rinvio a giudizio, il procedimento prosegue con la fase del dibattimento, che è preceduta dalla formazione del cosiddetto fascicolo del dibattimento. A questo riguardo si deve porre l attenzione su un aspetto molto importante: nelle indagini preliminari si raccolgono elementi di accusa, ma è soltanto nel dibattimento che si forma la prova dell innocenza o della colpevolezza del soggetto sottoposto al procedimento. A tal fine si vuole che il Giudice del dibattimento sia estraneo alle attività investigative che sono state compiute nelle fasi precedenti, in modo che possa giudicare con assoluta imparzialità, senza preconcetti e prevenzioni, i mezzi di prova che accusa e difesa sottopongono a lui sulle varie circostanze. Perché ciò accada è necessario che sul banco del giudice sia collocato un fascicolo quasi completamente vuoto, che soltanto nel corso dell udienza o delle udienze che si svolgeranno davanti a lui si riempirà progressivamente dei vari verbali contenenti le dichiarazioni che si vanno assumendo, nonché dei documenti che le parti producono, delle relazioni tecniche esperite, etc.. A tal fine la legge (art.431 c.p.p.) prevede che il fascicolo per il dibattimento contenga (in principio) soltanto: - gli atti introduttivi dell azione penale (querela, decreto di rinvio a giudizio, costituzione di parte civile); - i verbali degli atti non ripetibili compiuti dalla polizia giudiziaria e dal P.M. (in questo caso si ha una deroga alla formazione della prova in dibattimento, giustificata dal fatto che certi accertamenti sono per natura irripetibili, e devono per forza confluire direttamente nel fascicolo del dibattimento, pena l irreparabile perdita di importanti elementi di prova); - i verbali degli atti assunti nell incidente probatorio (in questo caso è evidente che essi devono confluire nel fascicolo perchè sono stati assunti nelle forme del dibattimento); - il certificato del casellario giudiziale, cioè in parole povere l elenco di tutte le condanne definitive a carico dell imputato; - il corpo del reato e le cose pertinenti al reato. Tutti gli altri atti raccolti nel corso delle indagini preliminari, salvo diverso accordo tra le parti, rimangono nel fascicolo del P.M. (art.431 c.ii cpp.). 15. Il dibattimento 7

8 8 Sette giorni prima dell udienza fissata per il dibattimento il Pubblico Ministero, il difensore dell imputato e i difensori dalle altre parti private hanno l onere, a pena di inammissibilità, di indicare i testimoni e i consulenti tecnici, precisando le circostanze su cui intendono esaminarli in giudizio. Questo sistema risponde al rispetto di un principio fondamentale su cui si basa il nostro processo: evitare l introduzione di prove a sorpresa, che comprometterebbero i diritti di accusa e difesa. Nelle prime fasi dell udienza le parti discutono sull ammissione dei mezzi di prova richiesti. Il giudice, sentite le loro ragioni, decide quali mezzi ammettere e da questo momento in poi ha inizio l istruttoria dibattimentale. L istruttoria si svolge attraverso l esame e il controesame dei testimoni, dei periti e delle parti. Se gli stessi a seguito delle domande loro rivolte rifiutano di rispondere o rispondono in modo difforme rispetto a quanto dichiarato nelle indagini preliminari (anche in sede di investigazioni difensive), è possibile procedere alla contestazione. Questa ha luogo attraverso la lettura delle dichiarazioni precedentemente rese che, per effetto di ciò, potranno essere valutate ai fini della credibilità del soggetto che viene esaminato (art.500 c.p.p.). Quindi mentre le dichiarazioni rese nel corso del dibattimento valgono sempre come prova dei fatti in esse affermati, quelle rese durante le indagini preliminari possono emergere nel dibattimento solo per effetto delle contestazioni e servire al giudice soltanto per valutare la credibilità di chi depone. Chiusa l istruttoria dibattimentale, si apre la discussione. Il PM., che prende la parola per primo, potrà insistere nell accusa, sulla base degli elementi emersi, chiedendo la condanna dell imputato ad una determinata pena, ma potrà anche essersi accorto della insussistenza degli elementi a carico e chiedere l assoluzione. Nel caso che insista per la condanna è a suo carico l onere di fornire la prova della colpevolezza dell imputato; un analogo onere di fornire la prova della propria innocenza non grava invece sull imputato; infatti per principio costituzionale (art.27 Cost.) vi è presunzione di innocenza. Interviene successivamente la parte civile, proponendo le ragioni a sostegno delle proprie richieste risarcitorie, e da ultimo la parola spetta all imputato, che potrà contestare le ragioni svolte dal P.M. e dalla parte civile e svolgere le proprie ragioni e difese. Il processo si conclude con una sentenza di proscioglimento o di condanna. 16. Le impugnazioni Anche nel procedimento penale, come in quello civile, la parte soccombente può impugnare la sentenza e sottoporre alla valutazione di un diverso Giudice quanto è emerso nel corso del dibattimento. Di regola contro le sentenze di primo grado è ammesso l appello che può riguardare l intero giudizio o singole questioni di fatto o di diritto. Contro le sentenze d appello è ammesso il ricorso in cassazione che però è limitato alle sole questioni di diritto. Le impugnazioni possono essere proposte sia dall imputato che ha subito la condanna, sia dal P.M. che non ha visto accolte le proprie domande, sia dal Procuratore Generale presso la Corte d Appello, nel caso in cui non condivida la posizione presa dal P.M.. Se l appello viene proposto soltanto dall imputato si applica la regola per cui la nuova sentenza non può risultare peggiorativa della precedente. La previsione dei tre gradi ordinari non ha carattere cogente ed indefettibile, giacché la Costituzione si limita a garantire soltanto il doppio grado di giudizio, che può essere soddisfatto anche tramite il solo ricorso per cassazione (art.111 Cost.). Così ad esempio le sentenze emesse a seguito di giudizio abbreviato sono appellabili solo in determinate ipotesi (art.443 c.p.p.), mentre le sentenze emesse a seguito di patteggiamento sono del tutto inappellabili (art.448 c.p.p.). 8

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

Capitolo II Tariffa penale

Capitolo II Tariffa penale Capitolo II Tariffa penale Art. 1 - Criteri generali - 1. Per la determinazione dell'onorario di cui alla tabella deve tenersi conto della natura, complessità e gravità della causa, delle contestazioni

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri)

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) INDICE SOMMARIO Premessa... vii Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) Capitolo I DALLA RIFORMA DELL ART. 111 DELLA COSTITUZIONE ALLA LEGGE N. 63/2001 1.1. Premessa... 3 1.2. La

Dettagli

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE 1. L udienza penale dibattimentale inizia alle ore 9.30, subito dopo la trattazione dei procedimenti

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016 Programma strutturato per aree tematiche e materie, ciascuna delle quali sarà sviluppata in una o più lezioni dedicate. Il corso, in conformità alla vigente normativa, avrà la durata di diciotto mesi,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Come inizia un procedimento per malpractice?

Come inizia un procedimento per malpractice? Come inizia un procedimento per malpractice? Quando si affronta il tema della responsabilità medica, si intercettano problemi e questioni di natura diversa. Nel presente contesto osserveremo taluni aspetti

Dettagli

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE Roma, 8 aprile 2010 Cap. Sergio Tirrò Roma, 8 aprile 2010 Cap. Sergio Tirrò La verbalizzazione Legge di depenalizzazione 24/11/1981 nr. 689 Modifiche al sistema

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento.

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento. Italia 1. È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un'autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un'autorità giudiziaria dello Stato

Dettagli

Il libero convincimento

Il libero convincimento Il libero convincimento Prof. Tonino Di Bona Mezzi di prova Per "mezzi di prova" si intendono gli istituti giuridicoprocessuali preordinati per introdurre nel processo i dati di ricostruzione del fatto.

Dettagli

APPUNTI PER LEZIONE CORSO DIFESA D UFFICIO DEL 24.1.2012 DOTT.SSA CLAUDIA FINOCCHIARO

APPUNTI PER LEZIONE CORSO DIFESA D UFFICIO DEL 24.1.2012 DOTT.SSA CLAUDIA FINOCCHIARO APPUNTI PER LEZIONE CORSO DIFESA D UFFICIO DEL 24.1.2012 DOTT.SSA CLAUDIA FINOCCHIARO IMPUTATO All imputato è dedicato il titolo IV del libro I del cpp, artt. 60-73 L art. 61 del cpp stabilisce che si

Dettagli

ASSOCIATO: Divisione Indagini Penali Difensive. www.pp-indaginipenali.it

ASSOCIATO: Divisione Indagini Penali Difensive. www.pp-indaginipenali.it ASSOCIATO: Divisione Indagini Penali Difensive www.pp-indaginipenali.it chi siamo P & P INVESTIGAZIONI S.r.l. è un agenzia investigativa legalmente autorizzata dalla Prefettura competente ai sensi dell

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE IN MATERIA PENALE

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE IN MATERIA PENALE SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE IN MATERIA PENALE L anno, il giorno del mese di. in.. nello Studio dell avv., sono presenti: A) il sig., nato in. il (C.F.:,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da:

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: TRIBUNALE DI TRIESTE I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: Camera Penale di Trieste Responsabili della ricerca: Elisabetta Burla, Mariapia Maier Hanno partecipato al monitoraggio

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

INDICE. Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI

INDICE. Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI Indice VII INDICE Presentazione.... V Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI Capitolo Primo LE FONTI NORMATIVE DELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 1. Generalità....

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

La Polizia Giudiziaria: Compiti Funzioni Attività

La Polizia Giudiziaria: Compiti Funzioni Attività La Polizia Giudiziaria: Compiti Funzioni Attività ART. 55 cpp 1. La polizia giudiziaria deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori,

Dettagli

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo Carta dei Servizi Tribunale di Salerno Ed. marzo 2012 Sezione GIP-GUP INDICE 0. La Carta dei Servizi 3 1. Il processo penale e il ruolo del GIP 4 1.1 La Sezione GIP-GUP del Tribunale di Salerno e i servizi

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE TECNICA E DEONTOLOGICA DEL DIFENSORE PENALE ANNO 2013 PROGRAMMA

CORSO DI FORMAZIONE TECNICA E DEONTOLOGICA DEL DIFENSORE PENALE ANNO 2013 PROGRAMMA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Brescia e La Scuola territoriale della Camera Penale della Lombardia Orientale (Bergamo, Brescia, Crema, Cremona, Mantova) CORSO DI FORMAZIONE TECNICA E DEONTOLOGICA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI...

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI... Formula 79 Difensore 149 FORMULA 79 VERBALE DI ASSUNZIONE DI INFORMAZIONI DA PERSONE INFORMATE SUI FATTI (artt. 327 bis e 391 bis c.p.p.) R.G. n.... ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL

Dettagli

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali. Linee guida per l'applicazione dei parametri previsti dal D.M. n. 55 del 10 marzo 2014 Premessa: Che con la legge 31 dicembre

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari Trib. Avellino, Sez. GIP, ud. 18 maggio 2011 Proc. pen. n. 2146/2011 R. GIP Proc. pen. n. 2851/2011 RGNR TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari ORDINANZA DI NON CONVALIDA

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI Indice ART. 1: Finalita ART. 2: Patrocinio legale ART. 3: Conflitto di interessi ART. 4: Assunzione diretta ed indiretta degli oneri

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

SCUOLA FORENSE DI ROVIGO. Programma Didattico per il biennio 2012-2013

SCUOLA FORENSE DI ROVIGO. Programma Didattico per il biennio 2012-2013 SCUOLA FORENSE DI ROVIGO Programma Didattico per il biennio 2012-2013 A seguito della riunione congiunta del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Tecnico Scientifico della Scuola Forense di Rovigo,

Dettagli

Corso di deontologia e tecnica di base del penalista. Anno 2011. Martedì 1 marzo 2011 ore 14.30

Corso di deontologia e tecnica di base del penalista. Anno 2011. Martedì 1 marzo 2011 ore 14.30 Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Brescia e La Scuola territoriale della Camera Penale della Lombardia Orientale (Bergamo, Brescia, Crema, Cremona, Mantova) Corso di deontologia e tecnica di base

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA VII INDICE-SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni.... pag. XV Capitolo Primo PREMESSA 1. Premessa.... pag. 1 2. Evoluzione storica. Appalti urbanistica edilizia....» 2 3. Le norme applicabili....»

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

Tutela degli animali: applicazione pratica delle normative per gli organi di Polizia Giudiziaria.

Tutela degli animali: applicazione pratica delle normative per gli organi di Polizia Giudiziaria. Tutela degli animali: applicazione pratica delle normative per gli organi di Polizia Giudiziaria. Seriate 28 febbraio 2013 con il patrocinio degli assessorati al commercio e all ambiente ambiente del Comune

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

DIRITTO PROCESSUALE. mansa

DIRITTO PROCESSUALE. mansa 1 DIRITTO PROCESSUALE LE INDAGINI PRELIMINARI. Nel codice di procedura penale, gli articoli che interessano le indagini preliminari vanno dall articolo 326 in poi. Art. 326. - Finalità delle indagini preliminari.

Dettagli

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso SENTENZA N. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI ROMA I SEZIONE PENALE DIBATTIMENTALE Il Giudice di Pace dott.ssa CHIASSAI Cristina Alla pubblica udienza del 16.06.2011 SENTENZA

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI

RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE DI CITTADINO ITALIANO MAGGIORENNE INDAGATO 10068 10037 10035 10001/10006 PIETRO CUSTODI-VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE se fotosegnalato

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL UNICO ARGOMENTO DI PARTE STRAORDINARIA

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL UNICO ARGOMENTO DI PARTE STRAORDINARIA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL UNICO ARGOMENTO DI PARTE STRAORDINARIA Modificazione della clausola in materia di requisiti di onorabilità e connesse cause di ineleggibilità e decadenza

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI

SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI LE FONTI DIRETTE: CIO CHE IL CRONISTA VEDE (O APPRENDE DIRETTAMENTE: testimonianze, documenti...) INDIRETTE: CIO CHE IL GIORNALISTA APPRENDE (PER

Dettagli

Il Pubblico Ministero e La Polizia Giudiziaria

Il Pubblico Ministero e La Polizia Giudiziaria 1 Avv. Alessandro Ippoliti Il Pubblico Ministero e La Polizia Giudiziaria Particolarmente indicato per la preparazione degli operatori di Polizia Giudiziaria 2 Il Pubblico Ministero Il pubblico ministero

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

Vademecum per il Testimone nel processo civile

Vademecum per il Testimone nel processo civile Vademecum per il Testimone nel processo civile 10 regole da conoscere per non sbagliare 1 1) A ciascuno di noi può capitare di essere citato davanti al Giudice per rendere testimonianza di un fatto conosciuto.

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA Aggiornamento del prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti ammessi al patrocinio a spese

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA

TRIBUNALE DI BRESCIA TRIBUNALE DI BRESCIA Sezione Riesame N. 81/10 mod. 18 N. 1470/10 RGNR N. 9839/10 RG GIP A carico di G. N. F. Il Tribunale di Brescia, Sezione per il riesame dei provvedimenti restrittivi della libertà

Dettagli

Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti

Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti (adottato con D.R. n. 877 del 25 giugno 2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione 2 Art. 2 - Illecito disciplinare 2 Art. 3

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita'

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' In via del tutto preliminare, osservo che il procedimento penale è una serie di attivita e di attidocumenti susseguentisi nel tempo. Ovviamente,

Dettagli

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1.

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66 NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. 1. Il capo I del Titolo IX del libro secondo e gli articoli 530,

Dettagli

ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

SCUOLA TERRITORIALE. C A M E R A P E N A L E di Busto Arsizio CORSO DI DEONTOLOGIA E TECNICA DEL PENALISTA

SCUOLA TERRITORIALE. C A M E R A P E N A L E di Busto Arsizio CORSO DI DEONTOLOGIA E TECNICA DEL PENALISTA SCUOLA TERRITORIALE C A M E R A P E N A L E di Busto Arsizio CORSO DI DEONTOLOGIA E TECNICA DEL PENALISTA I - Introduzione al corso La figura ed il ruolo del difensore d ufficio Attività dell U.C.P.I.

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE.

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. *********************** Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di

Dettagli

Udienza preliminare. Integrazione delle indagini ed integrazione probatoria. La modificazione dell imputazione

Udienza preliminare. Integrazione delle indagini ed integrazione probatoria. La modificazione dell imputazione Udienza preliminare 117 fiducia o d ufficio), a meno che l imputato sia difeso da due difensori e l impedimento riguardi solo uno di essi ovvero sia lo stesso imputato a chiedere che si proceda all udienza

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

INDICE. Prefazione... pag. XI. Introduzione... CAPITOLO I

INDICE. Prefazione... pag. XI. Introduzione... CAPITOLO I V Prefazione... pag. XI Introduzione...» XV CAPITOLO I LA DRAMMATICA TESTIMONIANZA DEGLI AVVOCATI PENALISTI SUI DIRITTI DELLA DIFESA 1. Premessa... pag. 1 2. Assenza di controlli sull attività investigativa

Dettagli

Vincenzo Stancanelli Presidente Nazionale Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani

Vincenzo Stancanelli Presidente Nazionale Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani Le trasformazioni del mondo moderno hanno investito anche la sanità che è andata incontro ad un radicale cambiamento, per una serie di motivi, tra i quali mi piace ricordare: la sua estensione a tutti

Dettagli

INDICE SOMMARIO IL DIRITTO PROCESSUALE PENALE E IL PROCESSO PENALE: LINEE INTRODUTTIVE (G. TRANCHINA - G. DI CHIARA)

INDICE SOMMARIO IL DIRITTO PROCESSUALE PENALE E IL PROCESSO PENALE: LINEE INTRODUTTIVE (G. TRANCHINA - G. DI CHIARA) Prefazione.............................................. XXV IL DIRITTO PROCESSUALE PENALE E IL PROCESSO PENALE: LINEE INTRODUTTIVE (G. TRANCHINA - G. DI CHIARA) SISTEMA PENALE E DIRITTO PROCESSUALE PENALE

Dettagli

Proposta per Copertura ROLAND Top Manager per Responsabile Sicurezza

Proposta per Copertura ROLAND Top Manager per Responsabile Sicurezza Proposta per Copertura ROLAND Top Manager per Responsabile Sicurezza Numero partner:120.000.347 Da contattare: Manuela Falconi Disposizioni che regolano il contratto Condizioni Generali di Assicurazione

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Premessa. Le principali riforme dell anno trascorso.......................... XXI Avvertenze e abbreviazioni....................................... XXVII Parte Prima EVOLUZIONE STORICA

Dettagli

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia ALCUNI ELEMENTI GIURIDICI La segnalazione: chi la effettua La segnalazione all Autorità

Dettagli

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

informatica 30 maggio 2011

informatica 30 maggio 2011 L informatica Forense: profili critici i della prova informatica 30 maggio 2011 volatilità modificabilità alterabilità Nuove Reti e nuovi strumenti Legge n. 48 del 2008 Ratifica della convenzione di Budapest

Dettagli

INDICE INDICE. Premessa...p.

INDICE INDICE. Premessa...p. INDICE Premessa...p. XV I I REATI CONTRO IL MATRIMONIO E LA MORALE FAMILIARE 1 La bigamia: configurabilità del reato nell ipotesi di inefficacia del precedente matrimonio contratto all estero... 3 Introduzione...

Dettagli

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico I. R. C. C.S. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DELLA BASILICATA Rionero in Vulture (PZ) C. R. O. B. 85028 Rionero in Vulture (PZ) Via Padre Pio, 1 P.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL 1. È vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell'uso di bevande alcooliche. 2. Chiunque guida in stato di ebbrezza è punito, ove il fatto non

Dettagli

Disposizione per. Assicurazione Universale per la tutela legale penale. per la Società ASI Insurance Brokers Srl. Polizza No. 82.

Disposizione per. Assicurazione Universale per la tutela legale penale. per la Società ASI Insurance Brokers Srl. Polizza No. 82. Disposizione per Assicurazione Universale per la tutela legale penale per la Società ASI Insurance Brokers Srl Polizza No. 82.0006567 Disposizioni che regolano il contratto Contraente Assicuratore Persone

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

SCHEDA TECNICA. contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive

SCHEDA TECNICA. contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive SCHEDA TECNICA contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive 1) CONVENZIONE PER LA SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELL UOMO E DELLE LIBERTA FONDAMENTALI Art.

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE ALLE MISURE CAUTELARI

INDICE INTRODUZIONE ALLE MISURE CAUTELARI INDICE Capitolo I INTRODUZIONE ALLE MISURE CAUTELARI 1.1. Misure cautelari personali e reali: premessa........... 1 1.2. La collocazione delle misure cautelari nel codice di procedura penale..................................

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI INDICE ART.1: ART.2: ART.3: ART.4: ART.5: ART.6: ART.7: ART.8: ART.9: Finalita Patrocinio

Dettagli