INVESTIRE ED OPERARE IN RUSSIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INVESTIRE ED OPERARE IN RUSSIA"

Transcript

1 INVESTIRE ED OPERARE IN RUSSIA Investire ed operare in Russia (2007) 1

2 Investire ed operare in Russia (2007) 2

3 SOMMARIO RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI 5 INFORMAZIONI UTILI 6 Il Paese 6 Lingua ufficiale e commerciale 6 Festività ufficiali e orari 7 Passaporti, visti e regolamentazioni sanitarie 7 L ECONOMIA RUSSA 8 Settori produttivi 8 Prospettive future 8 Interscambio 8 Principali trattati 9 NORMATIVA DOGANALE 10 Documenti di spedizione 10 Assicurazione trasporto 10 Trattamento degli imballaggi in legno 10 Controllo delle merci: Certificato di conformità 10 Spedizioni Temporanee: Carnet ATA 11 Visto d affari sul passaporto 11 APPENDICE 12 Premessa 12 Allegato - Export verso la Federazione Russa 13 Investire ed operare in Russia (2007) 3

4 FONTI: elaborazione Camera di commercio di Torino e Centro Estero Camere Commercio Piemontesi su dati The Economist, World Bank, ICE, Mondimpresa, Unioncamere, QSA NB: Le informazioni contenute in questo volume sono tratte da fonti ritenute attendibili. Tuttavia, non potendo garantirne l esattezza, si precisa che le stesse non hanno carattere di ufficialità, bensì valore meramente orientativo. Pertanto, il loro utilizzo da parte del lettore nello svolgimento della propria attività professionale richiede una puntuale verifica presso le Autorità e gli organismi istituzionalmente competenti nella/e materia/e cui le informazioni stesse ineriscono. Investire ed operare in Russia (2007) 4

5 RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI Consolato Onorario a Nizhnji Novgorod Kremli Korp. 5 Tel.: / Fax: / Consolato Onorario a Novosibirsk Gheodesiceskaia 23 pb 248 Tel.: / Fax: RUSSIA IN ITALIA Ambasciata della Federazione Russa Roma Cancelleria Via Gaeta, 5 Tel.: / 81 / 49 Fax: Web: Consolato di Roma Roma Via Nomentana, 116 Tel.: / 4149 Fax: Web: Consolato Generale di Milano Milano Via S. Aquilino, 3 Tel.: / Fax: Web: Consolato Generale di Palermo Palermo Via Salvatore Meccio, 16 - int. 4 Tel.: Fax: Camera di Commercio Italo-Russa a Milano Milano Via Silvio Pellico, 8 Tel.: Fax: ITALIA IN RUSSIA Ambasciata d Italia a Mosca Mosca G-2 Denezhny per. 5 Tel.: Fax: Telex: ITADI SU Web: Consolato Generale a San Pietroburgo Tetralnaya Ploshad 10 Tel.: / / Fax: Telex : ICONS SU Web: Camera di Commercio Italo-Russa a Mosca Malyj Snamenskij per. 8, built 1 Tel.: Fax: Ufficio ICE Mosca Krasnopresnenskaja Naberezhnaja 12 Off Mosca Tel.: / 77 / 78 Fax: / 79 Web: Ufficio ICE Ekaterinburg Ul. Studencheskaja Ekaterinburg Tel.: Fax: Web: Ufficio ICE Novosibirsk Krasnij Prospekt 29 Off Novosibirsk Tel.: / Fax: Web: Ufficio ICE S. Pietroburgo Teatralnaja Ploshad S. Pietroburgo Tel.: / / Tel. Sat.: Fax: Web: Ufficio ICE Vladivostok Svetlanskaia Ul 115 Off. 47 recapito postale: Pushkinskaja 50 Kv Vladivostok Tel.: / Fax: Investire ed operare in Russia (2007) 5

6 INFORMAZIONI UTILI Il Paese La Federazione Russa fa parte della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) che comprende, oltre a questi paesi, i seguenti stati: Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Kazakhstan, Kirghizstan, Moldavia, Ouzbekistan, Tadjikistan, Turkmenistan, Ukraina e Georgia. Un accordo di partenariato e di cooperazione è stato firmato il 24/06/94, tra l Unione Europea e la Russia. L accordo è entrato in vigore il 01/10/97. L UE e la Russia hanno deciso di realizzare quattro tematiche comuni di cooperazione (economia, libertà, sicurezza e giustizia, ricerca e istruzione) per migliorare le relazioni economiche dopo l allargamento dell UE. RUSSIA ITALIA Superficie: kmq kmq Popolazione: 142,4 milioni di abitanti 57,3 milioni di abitanti Capitale: Mosca Roma Lingua: Russo Italiano Moneta: Rublo (RUB) Euro Cambio (dicembre 2006): 1 Euro = 34,798 Rubli 1 Euro = 1 Euro Sistema di governo: Repubblica Repubblica Fuso orario: + 4 h; + 12 h + 0 h Prodotto Interno Lordo, PIL (in miliardi di $): 581, ,0 Esportazioni (in miliardi di $): 183,2 354,0 Importazioni (in miliardi di $): 75,6 355,0 Diversificazione produttiva (% del PIL): Agricoltura (5,0) Agricoltura (2,2) Industria (36,0) Industria (28,7) Servizi (58,9) Servizi (69,1) Indice di libertà economica 1 : 3,50 2,50 Spesa per la sanità (% del PIL): 5,6 8,4 Spesa per l istruzione (% del PIL): 9,8 4,7 Abitanti sopra i 60 anni (valore %): 17,1 25,6 Abitanti sotto i 15 anni (valore %): 15,3 14,0 Età media (in anni): 37,3 42,3 Alfabetizzazione degli adulti (%): 99,4 98,4 Frequentazione universitaria (%): 69,0 57,0 Linee telefoniche e cellulari per abitanti: Host internet per abitanti: 11,4 195,9 Computer per 1000 abitanti: Lingua ufficiale e commerciale La lingua ufficiale del Paese è il russo, tuttavia, la Costituzione federale riconosce alle Repubbliche il diritto di utilizzare le proprie lingue accanto a quella ufficiale. Infatti esistono numerosi gruppi linguistici: indoeuropeo; ungro-finnico; turco-mongolo; caucasico. Le lingue e i dialetti sono oltre 150, quelle insegnate nelle scuole sono 10. Per le attività economico-commerciali viene utilizzato anche l inglese. 1 Riferito alla capacità del Governo di regolamentare i rapporti economici tra gli individui. Gli indicatori sono, tra gli altri, la politica commerciale e monetaria, il sistema di tassazione e bancario, le norme per gli investimenti esteri, i diritti di proprietà e i controlli su stipendi e prezzi. 1=max; 5=min. Investire ed operare in Russia (2007) 6

7 Festività ufficiali e orari Festività: 01 e 02/01 Capodanno 07 e 08/01 Natale della Chiesa Ortodossa Russa 08/03 Festa Internazionale della Donna 01/05 Festa dei lavoratori e Festa di Primavera 09/05 Anniversario della Vittoria della 2 Guerra Mondiale 12/06 Festa dell Indipendenza della Federazione Russa 07/11 Ex-Anniversario della Rivoluzione di Ottobre 12/12 Giorno della Costituzione Orari: Uffici: Lunedì Venerdì, Banche: Lunedì Venerdì, Negozi: Lunedì Sabato, 10.00/ /21.00 Grandi magazzini: Lunedì Sabato, Passaporti, visti e regolamentazioni sanitarie Per l ingresso nel paese è necessario il passaporto con almeno sei mesi di validità ed il visto rilasciato dall Ambasciata Russa a Roma, o presso i Consolati Generali. Si raccomanda di non giungere in Russia sprovvisti di visto poiché in loco è praticamente impossibile regolarizzare la propria posizione nei confronti delle Autorità locali, con conseguente respinta alla frontiera e ritorno in Italia a proprie spese, previo pagamento di una forte multa. Investire ed operare in Russia (2007) 7

8 L ECONOMIA RUSSA Settori produttivi L eredità del passato e la specializzazione nei settori dell industria pesante e della difesa continuano ad influire in misura rilevante sulla struttura economica del Paese. Solo negli ultimi anni, con la riconversione di numerose industrie pesanti verso produzioni civili, si è assistito ad una rinascita dell industria manifatturiera. Se nel complesso la struttura industriale della Federazione Russa appare oggi sufficientemente diversificata, essa ha attraversato alcuni periodi di grave recessione legata alla forte contrazione dei consumi ed alla disgregazione del sistema sovietico di scambi, con conseguente interruzione di forniture di componenti di ricambio, materie prime e semilavorati. Prospettive future L eccessiva dipendenza del sistema politico dalla figura personale di Putin potrebbe rappresentare una fonte di instabilità, soprattutto in vista delle elezioni previste per il 2008 nelle quali Putin non potrà ricandidarsi. Nel lungo periodo l assenza di una alternativa politica potrebbe avere un effetto negativo sulla crescita economica. Le relazioni russe con l UE e gli Stati Uniti continueranno ad essere contraddistinte dalle numerose divergenze presenti in diverse aree; tra queste il disagio russo manifestato nei confronti dell allargamento NATO e UE, la competizione per l influenza nella Comunità di Stati Indipendenti (CSI) e il crescente atteggiamento critico dell Occidente sulle tendenze politiche autoritarie in Russia. Tuttavia gli impegni economici impongono oggi un ampia cooperazione reciproca. L economia politica russa, mix di tendenze stataliste e misure liberali, dovrebbe continuare ad inviare segnali contraddittori agli investitori sia interni che stranieri. Il governo dovrebbe continuare i suoi sforzi per mantenere il controllo sul settore delle risorse naturali (in particolare petrolio e gas naturale), e nello stesso tempo cercare di creare uno spazio maggiore per le forze di mercato in altri settori. Nel periodo in esame il prezzo del petrolio dovrebbe diminuire gradualmente ma rimanere elevato. La lentezza con cui avvengono le riforme strutturali ed istituzionali intralcia la crescita economica; in particolare la mancata riforma del sistema finanziario impedisce un effettivo incanalamento dei risparmi nella direzione degli investimenti produttivi. Gli investimenti diretti esteri (IDE) non dovrebbero superare il 10% del PIL prima del 2010, ben al di sotto delle reali possibilità. La crescita del PIL dovrebbe rallentare al 6% nel 2006 e al 5,5% nel Il pericolo di un aumento del tasso d inflazione dovrebbe portare ad una politica fiscale meno espansiva; tuttavia l inflazione, alimentata dalla crescita economica, dovrebbe rallentare solo moderatamente. Le partite correnti dovrebbero registrare un surplus destinato a ridursi dal 10% del PIL previsto nel 2006 al 7,5% previsto nel 2007; l eccessiva dipendenza russa dalla volatilità dei prezzi internazionali delle commodities potrebbe continuare a rappresentare una fonte di rischio. Interscambio L interscambio commerciale dell Italia con la Federazione russa registra tradizionalmente un saldo negativo per il nostro paese, che risulta prevalentemente un acquirente netto di prodotti energetici. Nel corso degli ultimi anni questa tendenza è stata confermata: le importazioni superano ormai del 50% le esportazioni, ampliando notevolmente il deficit. Sotto il profilo della composizione merceologica dell interscambio commerciale, petrolio grezzo, gas naturale e prodotti petroliferi raffinati, insieme ai metalli e alle loro leghe e ai prodotti chimici, dominano le importazioni italiane dalla Russia. Le esportazioni italiane verso la Russia sono invece dominate dall abbigliamento, dai mobili, dai prodotti dell industria meccanica e dalle calzature. I dati ufficiali devono, comunque, tenere conto di alcuni fenomeni particolari che tendono a sottostimare la posizione dell Italia nel mercato russo. Investire ed operare in Russia (2007) 8

9 In primo luogo i dati statistici ufficiali non tengono conto delle importazioni di beni di consumo (abbigliamento, calzature, articoli per casa, piccoli elettrodomestici, ecc.), da parte di privati che effettuano i cosiddetti «viaggi navetta» per acquistare piccole partite di beni. Soprattutto per quanto riguarda l abbigliamento e le calzature, è probabile che questo fenomeno incida per l Italia in misura maggiore rispetto ad altri paesi. Occorre, inoltre, sottolineare che molte operazioni riguardanti le forniture di prodotti italiani, avvengono attraverso intermediari commerciali di Paesi terzi e, di conseguenza, non sono registrate dalle dogane russe come importazioni provenienti dall Italia (e dalle dogane italiane come esportazioni dirette in Russia). Per alcuni settori, quali la meccanica strumentale, l abbigliamento e le calzature, risulta rilevante l attività di intermediazione delle società di trading svizzere e austriache, mentre per i prodotti alimentari italiani, una buona parte delle forniture al mercato russo avviene attraverso società tedesche e olandesi. Principali trattati Convenzione per evitare la doppia imposizione: Convenzione conclusa nell aprile del 1996, l accordo è diretto a evitare la doppia imposizione e a prevenire evasioni fiscali in materia di imposte sul reddito. Accordo in materia di promozione e reciproca protezione degli investimenti: Accordo concluso nell aprile Investire ed operare in Russia (2007) 9

10 NORMATIVA DOGANALE Documenti di spedizione Oltre alla dichiarazione doganale usualmente richiesta per qualunque spedizione (salvo all'interno dell'unione europea), le spedizioni de stinate alla Russia devono essere accompagnate dai documenti di seguito riportati: a) Fattura commerciale: Redatta in russo o inglese e in 5 esemplari, deve riportare la nomenclatura del prodotto, le coordinate del destinatario e il numero del terminal doganale. b) Certificato di origine: Su richiesta dell importatore deve essere stabilito sul formulario comunitario. d) Certificato fitosanitario: Per la frutta, i legumi, le sementi e altri vegetali 2. e) Certificato sanitario: Per le carni 3. f) Attestato di libera vendita: Per i cosmetici. Redatto sulla base delle informazioni fornite dall'esportatore, attesta che i prodotti sono conformi alla normativa italiana e in libera e corrente vendita sul territorio nazionale. E' richiesta per la registrazione dei prodotti 4. g) Documenti di trasporto e lista dei colli. Assicurazione trasporto Non richiesta. Trattamento degli imballaggi in legno La Russia non ha ancora adottato la normativa NIMP n 15. È comunque richiesto l impiego di materiale sano. Controllo delle merci Per l importazione delle merci (prodotti alimentari,prodotti chimici, beni di consumo, beni strumentali, compresi i campioni ) suscettibili di arrecare un danno per la salute della popolazione o dell ambiente, è necessario presentare un certificato di conformità alle norme russe (GOST-R) 5. 2 I certificati fitosanitari, sono rilasciati dal servizio fitosanitario delle Regioni di appartenenza (su richiesta dell'interessato). La Russia esige che gli esportatori europei utilizzino un certificato fitosanitario armonizzato, obbligatorio a partire dal 1 luglio I certificati sanitari per le carni sono rilasciati dalle ASL di appartenenza - Servizio veterinario. A partire dal mese di gennaio 2005, l`ue sotto la pressione delle autorità russe, ha introdotto un certificato veterinario armonizzato per le esportazioni di prodotti animali in Russia. Molti paesi tra cui la Russia hanno deciso di sospendere le loro importazioni di animali provenienti dall`unione europea a causa dei rischi di contaminazione da EBS (malattia della mucca pazza). È utile quindi, rivolgersi agli uffici veterinari della propria regione e al proprio importatore. 4 Per i prodotti cosmetici può essere richiesto sia il certificato di libera vendita, sia l'attestato di libera vendita. Il certificato di libera vendita va richiesto al Ministero della Sanità (la richiesta va fatta alla sede centrale di Roma, 30 giorni prima della spedizione delle merci e per conoscenza all'assessorato della sanità locale - sito web: L'attestato di libera vendita va richiesto alle Camere di commercio di competenza. 5 In Italia gli organismi accreditati al rilascio dei certificati di conformità sono: - la società SGS - Ufficio GOST 1/A Milano, tel / 298; - la società QSA srl piazza Matteotti 2, Genova, tel , fax: , Investire ed operare in Russia (2007) 10

11 È importante notare che esistono delle altre certificazioni ed essendo la lista dei prodotti soggetta a modifiche, prima dell esportazione della merce si suggerisce di contattare le società accreditate dalla Goststandard. Spedizioni temporanee È possibile esportare temporaneamente verso la Russia secondo la procedura del carnet ATA che permette l ammissione temporanea di: merci destinate ad essere presentate a fiere, esposizioni e altre manifestazioni; materiale professionale; I carnet non possono essere utilizzati: per le operazioni di transito e di traffico postale; per le merci non accompagnate. A causa delle restrizioni che coinvolgono l impiego dei carnet ATA per la Russia, è preferibile chiamare gli uffici Commercio estero delle Camere di Commercio. Visto d affari sul passaporto I documenti necessari per il visto d affari sul passaporto sono: Invito in originale dal Ministero Affari Esteri della Federazione Russa o dalla sua rappresentanza (il Ministero può anche mandare all Ufficio Consolare l invito per una persona tramite fax o ); Passaporto in originale; Una foto formato tessera; Modulo consolare; Questionario (anketa) compilato e firmato dall interessato; Polizza di assicurazione medica e il modulo compilato. Il costo del visto varia secondo i tempi di richiesta da un minimo di 26 euro per il rilascio in 7 giorni a 129 euro per il rilascio in giornata. Per una informazione sui costi e tempi di rilascio del visti è comunque consigliabile rivolgersi al Consolato o visionare il sito dell ambasciata della Federazione russa: Investire ed operare in Russia (2007) 11

12 APPENDICE Premessa I documenti che vengono presentati in questa sezione sono costituiti dalle presentazioni dei relatori che sono intervenuti ai convegni Vendere in Russia, tenutisi a Torino il 28 aprile ed il 27 ottobre 2005, organizzati dalla Camera di commercio di Torino, in collaborazione con il Consorzio Piemontese di Formazione per il Commercio Estero ed il Centro Estero Camere Commercio Piemontesi. La documentazione è stata inserita nella presente guida, allo scopo di fornire degli approfondimenti su tematiche specifiche, trattate nel corso delle iniziative organizzate dalla Camera di commercio di Torino. I testi vengono dunque riportati come essi sono stati presentati dai rispettivi autori indicati in calce. Allegato: Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica A cura della società QSA Srl, organismo accreditato al rilascio dei certificati di conformità per la Russia Investire ed operare in Russia (2007) 12

13 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 1/13 Export verso la Federazione Russa Certificazione & Attestazione Tecnica QSA Organization for Quality Obiettivo Informare sulle modalità di attestazione di certificazione dei prodotti e degli impianti destinati al mercato interno della Federazione Russa e dell unione doganale del CIS (Russia, Ucraina, Kazakistan, Bielorussia) QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 13

14 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 2/13 Prassi Commerciali QSA Organization for Quality Contratto Nella maggior parte delle transazioni internazionali di beni, viene spesso utilizzata una forma contrattuale ibrida, molto simile per struttura e contenuti a quella in vigore nel paese del venditore, talvolta introducendo formalismi o semplificazioni eccessive. e qualora i termini contrattuali non siano puntualmente rispettati, in caso di ispezione (Dogana, Banca, Autorità Locali) od in occasione di un contenzioso, queste farraginosità o imprecisioni generano problematiche a volte irrisolvibili e che fanno perdere la fiducia nel mercato QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 14

15 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 3/13 Venditore A fronte degli accordi contrattuali, il Venditore, si impegna a cedere le merci od i servizi specificati nel contratto, alle condizioni previste da Incoterms, specificando le clausole di garanzia e/o limitazioni di responsabilità. Il concetto di conformità del venditore è legato alla sua esperienza e spesso non coincide con le aspettative del cliente, come nel caso della Federazione Russa QSA Organization for Quality Documenti accessori Molti contratti possono essere coperti da assicurazione sul rischio paese / credito (SACE), o legati ad un credito documentario ( L/C irrevocabile e confermata dalla banca italiana ) o richiedenti Certificati e attestazioni specifiche.. Introducendo vincoli e criticità aggiuntive QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 15

16 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 4/13 Certificati Tipologie ricorrenti: GOST Obligatory Certification GOST Voluntary Certification GOSSTROY Building GGTN ( Gosgortekhnadzor ) license & registration Certificate of Fire Safety Sanitary-epidemiologic conclusion Certificato di prodotto / Verbale di collaudo Passaporto Tecnico QSA Organization for Quality Difesa del consumatore Nella Federazione Russa, in base alla legge del 1992, sulla difesa dei diritti dei consumatori, la maggior parte dei prodotti destinati alla commercializzazione, devono essere certificati in accordo agli schemi di riferimento ( nomenklatura ). Il sistema Gost R è il più diffuso QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 16

17 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 5/13 La Certificazione La certificazione assicura al consumatore che il prodotto risponde ai requisiti minimi di legge (Qualità, Sicurezza, Classificazione Doganale). La certificazione di prodotto deresponsabilizza il produttore o l importatore russo, in accordo alle prassi di giudizio locali. La certificazione è anche un requisito doganale QSA Organization for Quality La Certificazione Norme di riferimento Legislazione Documentazione Test Report Certificato Batch / Annuale / Triennale QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 17

18 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 6/13 La Certificazione È buona norma, prima di firmare un contratto, anche dopo aver siglato il protocollo d intenti, definire in un allegato tecnico, eventualmente asseverato dagli organismi competenti, che definisce le modalità ed limiti di attestazione dei prodotti e degli impianti: Sicurezza del prodotto ( marchio IMQ / BRC / ecc. ) Conformità del prodotto ( EN 71-1 Giocattoli ) Messa in esercizio ( Licenza GGTN ) Capacità produttiva ( Contrattuale ) QSA Organization for Quality Fasi Certificazione 1. Identificazione modalità di certificazione 2. Presentazione della domanda 3. Istruttoria documentale 4. Campionamento e Testing ( se previsto ) 5. Valutazione Processo Produttivo ( se previsto ) 6. Rilascio certificato + doc. accessoria 7. Sorveglianze ( se previsto ) QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 18

19 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 7/13 Fasi Certificazione 1. Identificazione modalità di certificazione Un prodotto, impianto che deve essere esportato nella Federazione Russa deve essere classificato in base ai codici armonizzai per poter stabilire se il prodotto / servizio è assoggettato a certificazione obbligatoria, dichiarazione di conformità, o atra forma di attestazione. In caso contrario sarà necessaria una Letter in Custom Office a supporto dell operazione doganale QSA Organization for Quality 1. Identificazione codice HS Fasi Certificazione Gusci Vuoti per Bignè QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 19

20 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 8/13 1. Identificazione codice HS Fasi Certificazione QSA Organization for Quality 1. Identificazione codice HS Fasi Certificazione QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 20

21 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 9/13 Fasi Certificazione 1. Identificazione modalità di certificazione Sulla base delle informazioni acquisite, sarà identificato il processo di certificazione ed i soggetti accreditati per l emissione dei certificati. I certificati sono emessi a nome dell Importatore se rilasciati per una singola spedizione; I certificati sono emessi a nome del produttore se rilasciati per uno o tre anni. Il mercato o gli importatori possono richiedere certificazioni ed attestazioni accessorie anche se non sono formalmente richieste QSA Organization for Quality 2. Presentazione della domanda Fasi Certificazione Il richiedente deve presentare tramite l ufficio di riferimento dell OdC od il broker la domanda di certificazione ( in lingua Russa ) sottoscrivendo alcune clausole, incluse quelle legate al rispetto delle normativa Russa nelle fasi di produzione e di commercializzazione. È bene assicurarsi ed avere confermate per iscritto le responsabilità acquisite dall ufficio di riferimento dell OdC o dal broker a fronte dell accettazione dell incarico e del compenso pattuito ( esito negativo dei test, visite di ispettori, ritardi, rinnovi, ecc.) QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 21

22 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 10/13 3. Istruttoria documentale Fasi Certificazione In questa fase il produttore, direttamente o tramite l importatore, deve fornire evidenza di come rispetta gli standard di prodotto, così come definiti dalla nomenclatura: Documentazione Fascicoli tecnici Altri certificati equivalenti Test report interni Sono documenti essenziali per la definizione o meno della necessità di eseguire prove sul prodotto QSA Organization for Quality Fasi Certificazione 4. Campionamento & Testing ( se previsto ) Il produttore negozia con l ufficio di riferimento dell O.d.C. od il broker i prodotti da testare e le modalità di invio al laboratorio ( in Italia o in Russia ). Alla fine dell attività il richiedente deve ricevere un Test Report Ufficiale, che deve essere tenuto agli atti. In questa fase è bene assicurarsi se il laboratorio opera come seconda o terza parte e cosa succede se il prodotto non supera le prove o se i campioni vengono smarriti ( o rubati ) QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 22

23 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 11/13 Fasi Certificazione 5. Valutazione Processo Produttivo ( se previsto ) A fronte di una certificazione complessa o triennale, l O.d.C. invia un Auditor per valutare il processo produttivo. Alla fine dell attività il richiedente deve ricevere un Audit Report Ufficiale, che deve essere tenuto agli atti a disposizione delle autorità giudiziarie QSA Organization for Quality 6. Rilascio del certificato Fasi Certificazione Al completamento dell iter l O.d.C. emette un certificato e la documentazione accessoria inviandola al richiedente. Alla fine dell attività il richiedente deve ricevere un set documentale in originale oltre ad un certo numero di copie autenticate, come da contratto QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 23

24 6. Rilascio del certificato Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 12/13 Certificato Gost R Numero Certificato Nome O.d.C. Data Emissione e Scadenza Descrizione Prodotto Norme di riferimento Codice Prodotto Produttore Esportatore Protocollo di Test e di V.I. Licenza d uso Marchio Firma Direttore ed Esperto più Timbro O.d.C QSA Organization for Quality 7. Sorveglianza Fasi Certificazione Alcuni schemi di certificazione prevedono la sorveglianza delle attività che normalmente è annuale per gli schemi più complessi. Alla fine dell attività il richiedente deve ricevere un Audit Report Ufficiale, che deve essere tenuto agli atti a disposizione delle autorità giudiziarie QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 24

25 Export verso la Federazione Russa: Certificazione e attestazione tecnica - 13/13 Accertamenti doganali Da Aprile 2004 gli ispettori doganali possono richiedere atonomamente ulteriori informazioni sul prodotto e sulle sue attestazioni rispetto a quanto previsto dalla Nomenklatura QSA Organization for Quality FINE QSA Organization for Quality Investire ed operare in Russia (2007) 25

RUSSIA NORMATIVA. La Russia non è ancora membro dell`omc.

RUSSIA NORMATIVA. La Russia non è ancora membro dell`omc. RUSSIA NORMATIVA La Federazione Russa fa parte della Comunità degli Stati Indipendenti (CEI) che comprende, oltre a questi paesi, i seguenti stati: Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Kazakhstan, Kirghizstan,

Dettagli

THAILANDIA NORMATIVA

THAILANDIA NORMATIVA THAILANDIA NORMATIVA In Thailandia può essere liberamente importata la maggior parte delle merci. Ciònonostante, alcune categorie di beni sono soggette a controlli e devono essere importate con una licenza

Dettagli

EGITTO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU.

EGITTO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU. EGITTO NORMATIVE In Egitto sono presenti delle zone franche. Sul piano doganale sono considerate come esterne al paese. Queste zone sono sia pubbliche che private Documenti di spedizione Oltre alla dichiarazione

Dettagli

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane.

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane. TURCHIA NORMATIVE Documenti di spedizione Oltre la dichiarazione doganale (DAU) usualmente richiesta per tutte le spedizioni (salvo all`interno dell`unione europea), le spedizioni destinate alla Turchia

Dettagli

Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS

Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS Milano 19 aprile 2011 1 Il mercato Il mercato della Federazione Russa e quelli dei paesi che costituiscono il CIS, da almeno 10 anni offrono ottime opportunità

Dettagli

KENYA NORMATIVA. Le regole relative all emissione e utilizzazione di questi documenti sono precisate nell allegato X.

KENYA NORMATIVA. Le regole relative all emissione e utilizzazione di questi documenti sono precisate nell allegato X. KENYA NORMATIVA Il Kenia è membro del COMESA (Common Market for Eastern and Southern Africa) http://comesa.int che ha messo in pratica una zona di libero scambio tra 11 dei 19 paesi membri che si apprestano

Dettagli

INDIA NORMATIVA. Le regole relative all`emissione e impiego del certificato di origine sono illustrate nell`allegato XI.

INDIA NORMATIVA. Le regole relative all`emissione e impiego del certificato di origine sono illustrate nell`allegato XI. INDIA NORMATIVA L`India appartiene a numerosi accordi regionali,, come la ZLEAS (Zona di libero scambio dell`asia del Sud), l`accordo commerciale per l`asia e il Pacifico ecc. Documenti di spedizione Oltre

Dettagli

ARGENTINA NORMATIVA. L`Unione europea e il Mercosur negoziano da tempo un accordo di libero-scambio che va avanti nonostante diverse difficoltà.

ARGENTINA NORMATIVA. L`Unione europea e il Mercosur negoziano da tempo un accordo di libero-scambio che va avanti nonostante diverse difficoltà. ARGENTINA NORMATIVA L`Argentina fa parte del Mercosur che raggruppa, oltre questo paese, il Brasile, il Paraguai l`uruguay e il Venezuela che ne fa parte dal 2006 e che non fa più parte della comunità

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

La nuova Unione Doganale

La nuova Unione Doganale SCHEDA CORCIULO La nuova Unione Doganale L Unione Doganale di Russia, Bielorussia e Kazakistan è uno spazio economico comune, creato nel 2010 ispirandosi all Unione Europea. Andamento export Italia verso

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE Norme e regolamenti Contratti Diritto e Giurisdizione Termini di consegna Termini di pagamento, finanziamenti, assicurazioni Documentazione Confezionamento NORME

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11558

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11558 PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11558 INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Dicembre 2014 Articolo 2 CONDIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

INVESTIRE ED OPERARE IN GIAPPONE

INVESTIRE ED OPERARE IN GIAPPONE INVESTIRE ED OPERARE IN GIAPPONE 2007 www.to.camcom.it/giappone Investire ed operare in Giappone (2007) 2 SOMMARIO RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI 5 INFORMAZIONI UTILI 6 Il Paese 6

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE:

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE: LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI PARMA (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile 2012, n. 35) Sono di seguito elencate le competenze camerali

Dettagli

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano Pubblica CCIAA Milano La competenza Le funzioni di autorità di vigilanza per il controllo della conformità dei giocattoli alle disposizioni del presente decreto legislativo sono svolte dal Ministero dello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI Pagina 1 di 5 REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto del regolamento 2.1 Definizioni Art. 3 Documenti di riferimento 3.1 Documenti di riferimento

Dettagli

Malta. Capitale La Valletta (9.129 abitanti)

Malta. Capitale La Valletta (9.129 abitanti) Malta Informazioni Generali Superficie 316 Km2. L arcipelago maltese si compone di sei isole e isolette; le tre principali sono Malta (246 Km2), Gozo (67 Km2) e Comino (2,7 Km2). Capitale La Valletta (9.129

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Rapporti con la PA - dal 01.01.2015 l IVA non viene incamerata dal privato ma versata dall ente pubblico (Legge di stabilita per il 2015 - art. 1 commi 629, 630, 632

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Corso SGS per Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione della Sicurezza (SGS) OHSAS 18001:2007 Corso Completo

Corso SGS per Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione della Sicurezza (SGS) OHSAS 18001:2007 Corso Completo Corso SGS per Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione della Sicurezza (SGS) OHSAS 18001:2007 Corso Completo Corso riconosciuto CEPAS e Aicq-Sicev (n di registro 66) Agrigento, Novembre 2011 Pagina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 MODIFICHE AL REGOLAMENTO... 2 4 PROCESSO DI ISPEZIONE... 3 4.1 Richiesta di attività ispettive... 3 4.2 Erogazione

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI TITOLO PROFESSIONALE CONSEGUITO IN PAESE EXTRA-COMUNITARIO

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI TITOLO PROFESSIONALE CONSEGUITO IN PAESE EXTRA-COMUNITARIO DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI TITOLO PROFESSIONALE CONSEGUITO IN PAESE EXTRA-COMUNITARIO (domanda presentata dall Italia straniero con permesso di soggiorno) (1) (art.49 d.p.r. 394/1999) Al Ministero della

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE

IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE Barbara Francioni 1 IL COUNTERTRADE Definizione: scambio commerciale in cui l esportatore accetta in pagamento dal paese importatore prodotti che poi rivenderà su altri mercati Sono comprese

Dettagli

Corso SGS per Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione della Sicurezza (SGS) OHSAS 18001:2007 Corso Completo

Corso SGS per Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione della Sicurezza (SGS) OHSAS 18001:2007 Corso Completo Corso SGS per Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione della Sicurezza (SGS) OHSAS 18001:2007 Corso Completo Corso riconosciuto CEPAS e Aicq-Sicev (n di registro 66) Palermo, Febbraio 2014 Pagina

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

INVESTIRE ED OPERARE IN BULGARIA

INVESTIRE ED OPERARE IN BULGARIA INVESTIRE ED OPERARE IN BULGARIA 2007 www.to.camcom.it/deskbulgaria Investire ed operare in Bulgaria (2007) 2 SOMMARIO RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI 5 INFORMAZIONI UTILI 6 Il Paese

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Linea Guida. Termini e Definizioni

Linea Guida. Termini e Definizioni Istituto Meridiana S.r.l. Linea Guida 03 Linea Guida Termini e Definizioni 2 27.02.12 Rilievo Accredia e adeguamento normativo RQ RQ CT 1 10.11.11 Prima Emissione RQ RQ DG Em. Data Descrizione Redazione

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 In vigore dal 17 Marzo 2010 RINA SERVICES S.p.A. Società coordinata dal Socio unico RINA S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova

Dettagli

Catalogo Offerta Formativa Commercio estero e Internazionalizzazione

Catalogo Offerta Formativa Commercio estero e Internazionalizzazione Catalogo Offerta Formativa Commercio estero e Internazionalizzazione CATALOGO CORSI Assoservizi, in collaborazione con l'area Mercato e Impresa propone un'offerta formativa per fornire alle aziende che

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

OPERATIVITA CON L ESTERO Crediti Documentari e Lettere di Credito stand-by

OPERATIVITA CON L ESTERO Crediti Documentari e Lettere di Credito stand-by scheda prodotto OPERATIVITA CON L ESTERO CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI rilascio del 30.08.2013 FOGLIO INFORMATIVO OPERATIVITA CON L ESTERO Crediti Documentari e Lettere di Credito stand-by INFORMAZIONI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CREDITI DOCUMENTARI & LETTERE DI CREDITO STAND-BY INCASSI DOCUMENTARI

FOGLIO INFORMATIVO CREDITI DOCUMENTARI & LETTERE DI CREDITO STAND-BY INCASSI DOCUMENTARI Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia 29/7/2009) FOGLIO INFORMATIVO CREDITI

Dettagli

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Alleanza Assicurazioni S.p.A. appartenente al Gruppo Generali Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Condizioni Contrattuali Regolamento Gestione interna separata

Dettagli

Modalità di pagamento. 16121 Genova 20156 MILANO Tel. +39-010-57299.11 Tel. +39-02 3347681 Fax +39-010-541.453 Fax +39-02 33476831

Modalità di pagamento. 16121 Genova 20156 MILANO Tel. +39-010-57299.11 Tel. +39-02 3347681 Fax +39-010-541.453 Fax +39-02 33476831 Modalità di pagamento Iscotrans S.p.a. Iscotrans S.p.a. Via alla Porta degli Archi, 3 Via Triboniano,103 16121 Genova 20156 MILANO Tel. +39-010-57299.11 Tel. +39-02 3347681 Fax +39-010-541.453 Fax +39-02

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive"

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante Disciplina della subfornitura nelle attività produttive Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO

NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO I requisiti necessari per ottenere il riconoscimento di un titolo di studio, conseguito all estero con un corrispondente italiano

Dettagli

Ambasciata d Italia a Riad

Ambasciata d Italia a Riad ISTRUZIONI PER LE IMPRESE E PER I TECNICI DI FIDUCIA PER L ATTUAZIONE DELL ART. 84 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 In data 8 giugno 2011 è entrato in vigore il Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI SOMMARIO 1. IL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA 1.1. I Paesi dell Unione Europea... 3 1.1.1. Ingresso di nuovi Stati nell Unione Europea: disposizioni transitorie... 3 1.2. Lo status di operatore comunitario...

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Commercio Estero Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 4 COMMERCIO ESTERO La Russia svolge un ruolo importantissimo nel commercio mondiale. Da un lato, esporta materie

Dettagli

qualità e certificazione

qualità e certificazione Globalizzazione, standard di qualità e certificazione Maria Angela Perito INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria Campobasso, 19 maggio 2008 Complessità del problema Cambiamenti delle esigenze del

Dettagli

CAMPUS WORLD - CHINA TRAINING MOBILITY OVERSEAS. a.a. 2013/2014

CAMPUS WORLD - CHINA TRAINING MOBILITY OVERSEAS. a.a. 2013/2014 CAMPUS WORLD - CHINA TRAINING MOBILITY OVERSEAS a.a. 2013/2014 Art. 1 SCOPI Nell ambito delle politiche di internazionalizzazione, l Ateneo ha sottoscritto un protocollo di intesa con la Regione Marche

Dettagli

SGA - SGQ ISO 14001:2004 EN ISO 9001:2000. Manifestazioni ed Eventi Mercatini Bio P_749_M08_C_ALL01 CARTA QUALITÁ PNDB

SGA - SGQ ISO 14001:2004 EN ISO 9001:2000. Manifestazioni ed Eventi Mercatini Bio P_749_M08_C_ALL01 CARTA QUALITÁ PNDB Pag. 1 di 6 CARTA QUALITÁ PNDB Settore MANIFESTAZIONI ED EVENTI Disciplinare per gli organizzatori dei mercatini di operatori che vendono o espongono prodotti da agricoltura biologica Unione Europea Progetto

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di energia elettrica Cosa riguarda Quando si applica Ulteriori obblighi Con la liberalizzazione del mercato dell energia elettrica, tutti i clienti hanno

Dettagli

Linee guida per esportare in Russia

Linee guida per esportare in Russia Linee guida per esportare in Russia Il documento include i requisiti per: 1. Spedizioni Commerciali (per vendita) 2. Spedizioni Inter-Company 3. Spedizioni Non Commerciali (campioni non destinati alla

Dettagli

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA.

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA. Delibera 40/04 della Autorità per l Energia Elettrica e il Gas ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA

Dettagli

2. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI

2. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI SOMMARIO 1. IL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA 1.1. I Paesi dell Unione Europea... 3 1.2. Lo status di operatore comunitario... 3 1.2.1. La verifica dello status di operatore comunitario... 4 1.2.2. Acquisizione

Dettagli

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI Linee di credito agevolato a sostegno delle PMI della Serbia, dell Albania, della Tunisia e della Siria (Sintesi) stefano.formenti@esteri.it 1 COOPERAZIONE

Dettagli

INVESTIRE ED OPERARE IN TURCHIA

INVESTIRE ED OPERARE IN TURCHIA INVESTIRE ED OPERARE IN TURCHIA 2007 Investire ed www.to.camcom/deskturchia operare in Turchia (2007) 1 Investire ed operare in Turchia (2007) 2 SOMMARIO RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! 1 Regolamento CE 303/2008 2aprile 2008 Si ricorda che deve essere certificato la persona fisica che svolge le seguenti attività: a) Controllo

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013 Elenco degli Ispettori della Qualità e Sicurezza delle Imprese di Autotrasporto, in attuazione dell articolo 9, comma 2, lettera f) del decreto legislativo

Dettagli

Corso SGS per Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione Ambientale UNI EN ISO 14001:2004 Corso Completo

Corso SGS per Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione Ambientale UNI EN ISO 14001:2004 Corso Completo Corso SGS per Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione Ambientale UNI EN ISO 14001:2004 Corso Completo Corso riconosciuto CEPAS (n di registro 07) Agrigento, Giugno 2011 Pagina 1 di 8 Obiettivi Il

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Programma 2013 della Rete Estera Camerale per la promozione all estero. Fondo InterCamerale d Intervento di Unioncamere

Programma 2013 della Rete Estera Camerale per la promozione all estero. Fondo InterCamerale d Intervento di Unioncamere Programma 2013 della Rete Estera Camerale per la promozione all estero Fondo InterCamerale d Intervento di Unioncamere Linea progettuale: World Pass collaborazione con la rete degli sportelli di informazione

Dettagli

AZIENDA MOBILITÀ E INFRASTRUTTURE S.p.A. di GENOVA

AZIENDA MOBILITÀ E INFRASTRUTTURE S.p.A. di GENOVA AZIENDA MOBILITÀ E INFRASTRUTTURE S.p.A. di GENOVA QUESTIONARIO PER L AMMISSIONE ALLA GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DELL APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE

Dettagli

Rischio Paese e nuove sanzioni alla Russia: difficoltà per l'export italiano

Rischio Paese e nuove sanzioni alla Russia: difficoltà per l'export italiano Rischio Paese e nuove sanzioni alla Russia: difficoltà per l'export italiano Da alcune analisi di valutazione del rischio paese emerge che la Russia, su una scala rischio che va da A1 (Rischio molto basso)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS 1. CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti condizioni verranno applicate a tutte le offerte emesse dall Organismo Notificato NWE. L O.N. offre

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

la certificazione per l etica vegana

la certificazione per l etica vegana la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di è una Certificazione Guida il consumatore in un acquisto consapevole Sostiene

Dettagli

Formazione ANIMA. Corso di formazione in preparazione all esame di qualifica EGE (Esperti in Gestione dell Energia)

Formazione ANIMA. Corso di formazione in preparazione all esame di qualifica EGE (Esperti in Gestione dell Energia) Salò (BS), 6 8 maggio 2015 oppure Milano, 13-15 maggio 2015 Corso di formazione in preparazione all esame di qualifica EGE (Esperti in Gestione dell Energia) Introduzione: L Esperto in Gestione dell Energia

Dettagli

Domanda di Certificazione CE Insiemi/Attrezzature Direttiva PED

Domanda di Certificazione CE Insiemi/Attrezzature Direttiva PED Sezione 1: Dati del Richiedente Spett.le: ECO Certificazioni S.p.A. European Certifying Organization Via Mengolina, 33 Int. 5 48018 Faenza (RA) ITALY Organismo notificato n. 0714 Tel 0546-624911; Fax 0546-624922

Dettagli

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo

Dettagli

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI SOMMARIO 1. IL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA 1.1. I paesi dell Unione Europea... 3 1.1.1. Ingresso di nuovi Stati nell Unione Europea: disposizioni transitorie... 3 1.2. Lo status di operatore comunitario...

Dettagli

STRATEGIE DI APPROCCIO AL MERCATO CINESE CON:

STRATEGIE DI APPROCCIO AL MERCATO CINESE CON: CHI SIAMO Nessun altro Paese al mondo rappresenta oggi una combinazione di fattori produttivi altrettanto favorevoli e prospettive commerciali cosi importanti come la Cina. Nell area della globalizzazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

DICHIARAZIONE PREVENTIVA DI PRESTAZIONE TEMPORANEA E OCCASIONALE IN CASO DI SPOSTAMENTO DEL PRESTATORE

DICHIARAZIONE PREVENTIVA DI PRESTAZIONE TEMPORANEA E OCCASIONALE IN CASO DI SPOSTAMENTO DEL PRESTATORE DICHIARAZIONE PREVENTIVA DI PRESTAZIONE TEMPORANEA E OCCASIONALE IN CASO DI SPOSTAMENTO DEL PRESTATORE (articoli 5 e seguenti della direttiva 2005/36/CE, come modificata dalla direttiva 2013/55/UE) Al

Dettagli