U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. anziani. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. anziani. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche"

Transcript

1 U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO anziani Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche

2 COMUNE INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO Residenza; Verbale di riconoscimento della invalidità da parte della competente Commissione Sanitaria che da diritto al beneficio economico. Modalità e tempi: La domanda va compilata su apposito modulo da ritirare e consegnare alla Segreteria Invalidi Civili sita in Via Magazzini Anteriori 28/A Ravenna (Tel ) nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 oppure da inviare tramite servizio postale Ufficio: Ufficio Disabili Via Guerrini c/o INPS Informazioni: Orario: dal lunedì al venerdì ASSEGNAZIONE ORTI Essere pensionati Modalità: Domanda in carta semplice Documentazione: Fotocopia libretto pensione. Costo: Le tariffe, stabilite dai vari Comitati orti, possono subire variazioni annuali. Ubicazione orti: Circoscrizione Prima Circoscrizione Seconda Fornace Zarattini Bosco Baronio Via Rubicone Via Bramante Classe Fosso Ghiaia Via Salentina Fosso Ghiaia Via zona Peep Borgo Montone

3 ANZIANI Circoscrizione Terza Circoscrizione del Mare Circoscrizione di Castiglione Via Chiavica Romea Casalborsetti Marina di Ravenna Punta Marina Porto Corsini Via Romagna Servizio: Ufficio Decentramento Orario: dal lunedì al venerdì giovedì su appuntamento Ufficio Decentrato: Circoscrizioni Orario: dal lunedì al venerdì ; sabato Link utili: ATTIVITÀ MOTORIA È un servizio che si propone di tutelare e favorire la salute psicofisica, di prevenire i disagi connessi all avanzare dell età, offrendo anche un opportunità di socializzazione. Essere pensionati. Documentazione: Fotocopia libretto di pensione. Costo: Modalità di pagamento viene definita annualmente. Servizio: Ufficio Decentramento Orario: dal lunedì al venerdì giovedì su appuntamento Ufficio Decentrato: Circoscrizioni Orario: dal lunedì al venerdì ; sabato Link utili:

4 CENTRI SOCIALI È un punto di aggregazione per gli anziani e i pensionati che vogliono ritrovarsi insieme per trascorrere il tempo libero e organizzare iniziative di vario genere, sapendo interpretare la domanda dello stare insieme per evitare il rischio pericoloso dell esclusione sociale. LA QUERCIA Piazza Medaglia d Oro, 4 Ravenna Tel PORTONCINO Via Portoncino, 4 Ravenna Tel GLI ORTI Via Fiume Abbandonato, 186 Ravenna Tel CENTRO SOCIALE POLIVALENTE Via Gramsci, 27 Ravenna Tel LE ROSE Via S.Alberto, 73 Ravenna Tel IL SALICE - Piazza della Repubblica, Mezzano LA PIOPPA Via dei Martiri, 18 Savarna Tel IL TIMONE Viale Volturno, 12 Marina di Ravenna Tel IL DESIDERIO Viale Caravaggio, 50 Lido Adriano Tel

5 ANZIANI Ufficio: Decentramento Informazioni: Tel Link utili: SERVIZIO DI PEDICURE Essere pensionati. Modalità: Previa richiesta alla Circoscrizione di residenza. Le prestazioni si effettuano presso gli ambulatori delle Circoscrizioni oppure presso il domicilio del richiedente, previa verifica delle condizioni di necessità. Documentazione: Fotocopia del libretto di pensione. Costo: Il contributo richiesto all utenza varia a secondo delle prestazioni ambulatoriale o domiciliare. Servizio: Decentramento Ufficio: Circoscrizioni Orario: dal lunedì al venerdì ; sabato Link utili: TESSERA CINEMA Essere residenti o domiciliati; avere compiuto 60 anni; essere pensionati. Modalità e tempi: Compilazione di un modulo da richiedere all Ufficio. Cinema - c/o Cinemacity - Via Bini PROVVISORIO La tessera viene rilasciata immediatamente.

6 È valevole nei giorni feriali da lunedì a venerdì (escluso il sabato) con riduzione del 50% sul biglietto di ingresso nelle sale cinematografiche convenzionate. Documentazione: Se richiesta personalmente presentazione del documento di identità; se richiesta per conto terzi occorre fotocopia del documento di identità. Costo: Nessuno Informazioni: Tel Orario: dal lunedì al sabato Link utili: VACANZE ANZIANI Soggiorni estivi per cittadini in età pensionabile. Essere pensionati Annualmente vengono individuate le località dei soggiorni estivi con il periodo dei turni di vacanza, i costi e i posti disponibili. Costo: Il costo e la modalità di pagamento viene definita annualmente. Servizio: Ufficio Decentramento Orario: dal lunedì al venerdì giovedì su appuntamento Ufficio Decentrato: Circoscrizioni Orario: dal lunedì al venerdì ; sabato Link utili:

7 ANZIANI CIRCOSCRIZIONI E ASSISTENTI SOCIALI L attuale assetto del Decentramento ravennate prevede l esistenza di un Ufficio amministrativo centrale e di 10 Circoscrizioni di cui 3 dislocate in città (Circoscrizione Prima, Seconda e Terza) e 7 nel forese (Circoscrizioni S.Alberto, Mezzano, Piangipane, Roncalceci, S.P. in Vincoli, Castiglione e Del Mare). Uffico Amministrativo Centrale Via Gardini, 11 (2 piano) Responsabile: Tel Funzionario: Tel Orario: dal lunedì al venerdì giovedì (su appuntamento) CIRCOSCRIZIONI Orario: lunedì-venerdì sabato Prima - Via Maggiore, Ravenna Tel / Fax Tel. Assistente Sociale: / Seconda - Via Berlinguer, 11 - Ravenna Tel / Fax Tel. Assistente Sociale: Terza - Via Aquileia, 13 - Ravenna Tel /482509/ Fax Tel. Assistente Sociale: /

8 S.Alberto - Via Rivaletto, S.Alberto Tel / Tel. Assistente Sociale: Mezzano - Piazza della Repubblica, Mezzano Tel / Tel. Assistente Sociale: Piangipane - Piazza XXII Giugno, Piangipane Tel Tel. Assistente Sociale: Roncalceci - Via S.Babini, Roncalceci Tel / Tel. Assistente Sociale: S.Pietro in Vincoli - Via Pistocchi, 41/A S.Pietro in Vincoli Tel / Fax Tel. Assistente Sociale: Castiglione di Ravenna - Via Vittorio Veneto, Castiglione di Ravenna Tel / Tel. Assistente Sociale: Del Mare - Piazzale Marinai d Italia, Marina di Ravenna Tel Fax Tel. Assistente Sociale:

9 ANZIANI CONSORZIO PER I SERVIZI SOCIALI Cosa offre ASSISTENZA ECONOMICA Finalità: È un aiuto di norma limitato e temporaneo rivolto agli anziani o alle famiglie in particolari difficoltà di tipo socio-economico. anziani che dispongono di risorse economiche personali e/o famigliari insufficienti a soddisfare le necessità primarie (affitti, spese sanitarie, agevolazioni tariffarie es. autobus, ecc.); anziani per i quali l intervento economico è indispensabile per realizzare il progetto assistenziale concordato con l assistente sociale (integrazione delle rette case protette, centro diurno, ecc.) Apposita domanda all Assistente Sociale territoriale. Responsabile: Assistente Sociale Territoriale ASSISTENZA SANITARIA DOMICILARE Essere malati oncologici, persone non autosufficienti o non in grado di muovervi, si possono ricevere le cure mediche, infermieristiche a casa vostra per il periodo necessario. Il vantaggio è che in condizioni familiari idonee, grazie all azione coordinata di tutti gli operatori coinvolti, potete essere curati a casa, senza ricorrere al ricovero ospedaliero. È necessario consultare il medico di famiglia che insieme al medico sanitario concordano la visita domiciliare stabilendo il piano assistenziale. Referente A.usl: Tel Link utili:

10 ASSEGNO DI CURA Finalità: Fornire sostegno economico alle famiglie che mantengono l anziano non autosufficiente nel suo contesto ambientale e sociale, evitando o posticipando in tal modo il ricorso ai servizi socio-sanitari residenziali. Avere compiuto almeno 65 anni di età; Essere certificato non autosufficiente dalla Unità di valutazione geriatrica competente per territorio; Essere residente nell ambito territoriale dell Azienda USL di Ravenna e domiciliato nel territorio regionale. Destinatari: il coniuge un famigliare (parenti diretti o affini) un altro soggetto che con l anziano intrattenga consolidati e verificabili rapporti di cura purchè in rapporto di effettiva convivenza con l anziano, ovvero in grado di garantire, direttamente o avvalendosi di altre persone, una presenza al domicilio dell anziano medesimo commisurata alle necessità previste nel rispettivo programma assistenziale personalizzato. L accesso al contributo non è a domanda individuale, ma è avviato dall Assistente Sociale territoriale responsabile del caso in base al riscontro di un bisogno assistenziale e previa verifica generale delle condizioni di fattibilità. Documentazione: Documentazione ISEE Per potersi avvalere di questo aiuto sono fissati dei limiti di reddito relativi al nucleo familiare di riferimento costituito da tutti i soggetti conviventi compreso l anziano (tutti i componenti del nucleo familiare del destinatario e quelli del nucleo familiare dell anziano, se distinto, accertati alla data di decorrenza dell assegno di cura). Criteri per l erogazione: L Assistente sociale responsabile del caso fornisce all Unità di valutazione Geriatrica territoriale, le informazioni utili per predisporre la proposta di erogazione del contributo.

11 ANZIANI Le priorità nell erogazione dell assegno di cura è: la gravità della non autosufficienza; l intensità delle attività assistenziali e delle attività socio-assistenziali a rilievo sanitario richieste; il carico delle famiglie che assistono anziani affetti da forme di demenza, anche non conclamata. Costo: nessuno Prestazioni: Uno specifico contratto sancisce formalmente: gli impegni assistenziali a carico della famiglia e/o del destinatario; le modalità di svolgimento e di controllo; l entità e la durata dell Assegno di cura; i provvedimenti conseguenti ad eventuali inadempienze e quant altro connesso al buon fine del programma assistenziale dell anziano. Responsabile: L Assistente sociale responsabile del caso. Link utili: CASE DI RIPOSO - CASE ALBERGO Finalità: Strutture socio-assistenziali a carattere residenziale, destinate ad anziani non autosufficienti di grado lieve. Hanno la finalità di fornire ospitalità ed assistenza. Con domanda da indirizzarsi direttamente alla struttura. Elenco strutture: Case di Riposo S.Giuseppe Cottolengo Via Zignani, 44 Castiglione Tel

12 Albergo Mare Pineta Viale delle Nazioni, Marina di Ravenna Tel Albergo Betania Viale Italia, 30 - Marina Romea Tel Hotel Elite Via della Fontana, 11 - Punta Marina Tel Villa del Mare Via delle Palme - Marina Romea Tel CASE PROTETTE Finalità: Strutture socio-assistenziale a carattere residenziale destinate ad anziani non autosufficienti. Hanno la finalità di fornire ospitalità ed assistenza, trattamenti sanitari di base per anziani non assistibili a domicilio. residenti nel Comune di Ravenna; anziani non-autosufficienti; adulti non-autosufficienti con patologie assimilabili all età senile. Apposita domanda all Assistente Sociale Territoriale che provvede ad attivare l Unità di Valutazione Geriatrica. Documentazione: Documentazione ISEE Costo: Gli ospiti ed i familiari tenuti per legge al mantenimento, partecipano alle spese di funzionamento della Casa Protetta in proporzione al proprio reddito (ISEE) e fino al massimo di una retta stabilita annualmente. Responsabile: Assistente Sociale Territoriale Informazioni: Tel /286629

13 ANZIANI Elenco strutture: Casa Protetta Galla Placidia Via Punta Stilo, 54 - Ravenna Tel (gestito dal Consorzio per i Servizi Sociali) Casa Protetta Garibaldi-Zarabbini Via di Roma, 31 - Ravenna Tel Casa Protetta Pallavicini-Baronio Via Grado, 45 - Ravenna Tel Istituto Lega Viale Baracca, 41 - Ravenna Tel Casa Protetta A.Baccarini Via Faentina Nord, 8 - Ravenna Tel Casa Protetta F.Busignani Via Monte Amiata, 1 - Cervia Tel Casa Protetta Don Zalambani Via Nigrisoli, 22 - S.Alberto Tel Casa Protetta El Flamingo Viale Matteotti, 170 Milano Marittima - Tel Casa Protetta Santa Chiara Via Guaccimanni, 11 - Ravenna Tel Casa Protetta Hotel Elite Via della Fontana, 11 Punta Marina - Tel Casa Protetta Villa del Mare Via delle Palme - Marina Romea Tel Casa Protetta Fiocco di neve Via di Roma, Ravenna Tel Link utili:

14 CENTRI DIURNI ASSISTENZIALI Finalità: Sono strutture socio-sanitarie a carattere diurno destinate ad anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti. Hanno la finalità di offrire un sostegno all anziano ed alla sua famiglia, di promuovere socializzazione, riattivazione e mantenimento delle residue capacità dell anziano, nelle fasce orarie in cui i parenti non sono in grado di garantirla. anziani parzialmente non-autosufficienti. adulti non-autosufficienti con patologie assimilabili all età senile. Apposita domanda alla Assistente Sociale Territoriale, che provvederà ad attivare l Unità di Valutazione Geriatrica. Documentazione: Documentazione ISEE del nucleo familiare. Criteri di ammissione: essere residenti nel Comune di Ravenna valutazione dell Unità di Valutazione Geriatrica; assistenza di un nucleo familiare che consente la permanenza a domicilio. Responsabile: Assistente Sociale Territoriale Elenco strutture: Centro Diurno Galla Placidia Via Punta Stilo, 54 - Ravenna Tel (gestito dal Consorzio per i Servizi Sociali) Centro Diurno Garibaldi-Zarabbini Via di Roma, 31 Ravenna - Tel Centro Diurno A.Baccarini Via Faentina Nord, 8 - Ravenna Tel Centro Diurno Don Zalambani Via Nigrisoli, 22 - S.Alberto Tel

15 ANZIANI Centro Diurno per Anziani Viale II Giugno, 67 Milano Marittima - Tel Centro Diurno per Anziani Via Taverna, 145 S.Pietro In Trento - Tel Centro Diurno per Anziani Via delle Rimembranze, 10 Piangipane - Tel (gestito dal Consorzio per i Servizi Sociali) Centro Diurno Pallavicini-.Baronio Via Grado, 45 Ravenna - Tel Link utili: CENTRO DI ASCOLTO Finalità: È quella di affrontare varie tematiche connesse a questa patologia ed ai problemi che il confrontarsi con essa quotidianamente pone. Il Centro di Ascolto offre ai cittadini interessati alle problematiche connesse alla demenza: ascolto informazioni inerenti la malattia informazioni relative ai servizi presenti sul territorio consulenza psicologica gruppi di sostegno informazione legale Informazioni: Tel Link utili: COMUNITÀ ALLOGGIO ED APPARTAMENTI PROTETTI Finalità: Strutture socio-sanitarie a carattere diurno destinate ad anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti. Hanno la finalità di offrire un sostegno all anziano ed alla sua famiglia, di promuovere socializzazione, riattivazione e mantenimento delle residue capacità dell anziano.

16 residenti nel Comune di Ravenna; anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti. per le Comunità - alloggio private, con domanda diretta alla struttura; per gli appartamenti con domanda all Assistente Sociale territoriale. Elenco strutture private: Comunità alloggio S.Giovanni Bosco Via Centofanti, 44 - Ravenna Tel Comunità alloggio Via Taverna, S.Pietro in Trento Tel Comunità alloggio Ficco di neve Via di Roma, Ravenna Tel Elenco strutture del Consorzio: Appartamento Protetto - Via F.lli Cervi, 26 - Mezzano Tel Appartamento Protetto - Via Giotto, 29 - S.Pietro in Vincoli Tel SERVIZIO DI LAVANDERIA Finalità: Garantire una condizione dignitosa all anziano e/o all adulto in difficoltà, non in grado di gestire la cura del proprio guardaroba. Essere destinatari del servizio di Assistenza Domiciliare. È una prestazione integrativa al Servizio Domiciliare.

17 ANZIANI Criteri di ammissione: Sulla verifica e valutazione della Assistente Sociale territoriale. Responsabile: Assistente Sociale della Circoscrizione di appartenenza. Link utili: PROTESI E AUSILI PER INCONTINENZA Ogni cittadino affetto da invalidità o da particolari malattie ha diritto gratuitamente a ausili, protesi e altri prodotti speciali. Occorre sempre la richiesta del medico e l attestato di invalidità (o copia della domanda di invalidità se l accertamento è in corso). Per alcuni prodotti (es.stomie) occorre la prescrizione di un medico specialista. Ufficio: Assistenza Protesica: Via Fiume Abbandonato, Tel Link utili: RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI Finalità: È un servizio destinato a favorire il recupero massimo possibile delle capacità degli ospiti. La permanenza generalmente limitata nel tempo, è organizzata con criteri di grande flessibilità e in relazione costante con l andamento delle condizioni di salute e del bisogno assistenziale. Essere anziani od anziane non autosufficienti affetti da patologie cronico-degenerative a tendenza invalidante che necessitano di prestazioni assistenziali e sanitarie anche di elevata intensità. Segnalando il bisogno all assistente sociale territoriale che provve-

18 de ad attivare l Unità di Valutazione Geriatrica per la valutazione del caso o al medico di famiglia. Per l accesso al servizio dall ospedale fare riferimento al reparto in cui si è ricoverati. Responsabile: L Assistente Sociale territoriale. Costo: In base alla documentazione ISEE Link utili: SERVIZIO PASTI Finalità: È quella di garantire una adeguata alimentazione agli anziani e/o adulti in difficoltà soli o con presenza di nucleo familiare non in grado di provvedere. Essere destinatari del servizio di Assistenza Domiciliare. È una prestazione integrativa al Servizio Domiciliare. Criteri di ammissione: Le Assistente Sociale territoriale, verificata l opportunità di erogare i pasti a domicilio sottopone la proposta al Servizio Centrale per l approvazione che attiva il servizio compatibilmente con la disponibilità di pasti (attualmente sono 700). In caso contrario viene stilata una lista di attesa. Responsabile: Assistente Sociale della Circoscrizione di appartenenza. Link utili:

19 ANZIANI TELEVIDEOSOCCORSO Finalità: Consente agli anziani e/o adulti in difficoltà ed in condizioni di solitudine, la permanenza nel proprio ambiente di vita, anche in situazioni di bisogno sanitario e/o sociale. Essere destinatari del servizio di Assistenza Domiciliare. Il cittadino che intende usufruire del servizio inoltra apposita richiesta al Servizio Sociale della Circoscrizione di residenza che, effettua una indagine sanitaria e sociale e quantifica, in base alle fasce ISEE il concorso alla spesa. La pratica così istruita va inviata al Servizio Centrale per l autorizzazione. Documentazione: Alla domanda va allegata la documentazione ISEE. Responsabile: Assistente Sociale della Circoscrizione di appartenenza. Link utili:

20 AGEVOLAZIONI A.T.M. essere pensionati con un reddito non superiore ad euro 8.868,02; per i pensionati che vivono soli il reddito è fissato in euro 9.919,03; tra i coniugi non è da considerare il cumulo di reddito. Documenti richiesti: autodichiarazione compilata e firmata (riportante il reddito lordo percepito nell anno 2003); n. 1 fototessera (oppure esibizione di tessera personale di riconoscimento ATM); libretto di pensione. Ufficio: le Circoscrizioni Orario: dal lunedì al venerdì BANCOPOSTA Il Banco Posta offre la possibilità di accreditare ogni tipo di pensione. La pensione accreditata inizia da subito a fruttare un interesse del 1,50% lordo. In più il Conto BancoPosta si paga solo se si usa. Ogni operazione registrata costa solo 0,52 euro. Si pagano solo le prime 60 operazioni per un costo annuo massimo di 30,99 euro. Le operazioni successive alle prime 60 sono gratuite. Per tutti i correntisti BancoPosta che accreditano la pensione c è un vantaggio in più: una assicurazione gratuita contro il furto di contante. La pensione prelevata presso gli uffici postali o presso gli sportelli automatici (sia postali sia bancari) è coperta, nelle due ore successive, da un assicurazione gratuita contro il furto fino ad un

21 ANZIANI massimo di 516,46 euro. Con l accredito sul Conto BancoPosta la pensione si può prelevare quando si vuole e presso qualsiasi ufficio postale grazie alla Carta Postamat Maestro. Per ulteriori informazione sul Conto BancoPosta e sulle condizioni economiche rivolgersi agli uffici postali e consultare i Fogli Informativi Analitici a disposizione della clientela Sito web: CARTA D ARGENTO Finalità: È una carta nominativa valida un anno che dà diritto allo sconto del 15% sul prezzo dei biglietti di 1 e 2 classe. Non sono cumulabili altre riduzioni di prezzo. L agevolazione tariffaria è estesa anche ai viaggi effettuati sui treni del Trasporto Regionale. Sono a carico del titolare della Carta il pagamento della prenotazione facoltativa, nonché ogni altro servizio accessorio aggiunto (cuccette, VL, ristorazione ecc.). Le Carte Argento permanenti mantengono la riduzione del 40% in 1 e del 30% in 2 classe. La carta Argento è riservata a persone che abbiano compiuto almeno 60 anni. La Carta Argento è in vendita presso tutte le biglietterie e le Agenzie di Viaggio Trenitalia; è necessario presentarsi personalmente e compilare un modulo fornito dalla stessa biglietteria. Sito web:

22 MONUMENTI I monumenti gestiti dalla Curia sono gratuiti per tutte le persone residenti nel Comune di Ravenna: Mausoleo di Galla Placidia Basilica di S.Vitale Basilica di Sant Apollinare Nuovo Basilico dello Spirito Santo Battistero Neoniano Cappella Arcivescovile I monumenti gestiti dalla Soprintendenza sono gratuiti per gli anziani che abbiano superati i 65 anni: Mausoleo di Teodorico Basilica di S.Apolllinare in Classe Museo Nazionale Battistero degli Ariani Zona Archeologica di Classe Villa Romana di Russi I Musei gestiti dal Comune di Ravenna sono gratuiti per gli anziani che abbiano superati i 65 anni: Museo d Arte della Città Pinacoteca Comunale Museo Ornitologico e di Scienze Naturali

23 ANZIANI TELECOM Per poter richiedere la riduzione del 50% dell importo mensile di abbonamento devono essere soddisfatti entrambi i requisiti: Requisito sociale all interno del nucleo familiare: deve essere presente una persona che percepisce la pensione di invalidità civile o la pensione sociale; oppure un anziano di almeno 75 anni di età; oppure il capo famiglia disoccupato, intendendo per capo famiglia disoccupato uno dei due coniugi (di cui uno titolare dell abbonamento). È inoltre prevista l esenzione totale dal pagamento dell importo mensile di abbonamento al servizio telefonico di base: - per i nuclei familiari in cui vi sia una persona sordomuta che utilizzi il dispositivo telefonico per sordomuti (DTS). Requisito economico Il valore dell ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) del nucleo familiare del richiedente non deve essere superiore a 6.713,94 euro annui. L attestato ISEE deve essere richiesto presso i centri di assistenza fiscale (C.A.F.), Il Comune e le sedi territoriali dell I.N.P.S. La richiesta va rinnovata ogni anno. MODALITÀ DI RICHIESTA/RINNOVO: gli aventi diritto devono compilare l apposito modulo di richiesta /rinnovo predisposto da Telecom Italia ed inviarlo a mezzo raccomandata all indirizzo riportato nella bolletta. Per informazioni:

24 Anziani Giovani Lavoro Servizi Sociali Stranieri Stampa:Tipolito STEAR - Ravenna

U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. servizi sociali. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche

U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO. servizi sociali. Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche U. O. COMUNICAZIONE E RELAZIONI COL PUBBLICO servizi sociali Dove? Come? Quando? Collana di specializzazione aree tematiche COMUNE SAP - SERVIZIO AIUTO PERSONALE via R. Gardini 11, 48100 - Ravenna Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604711 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

Servizi rivolti agli anziani

Servizi rivolti agli anziani Municipio Roma Centro Storico Servizi rivolti agli anziani 1- ASSISTENZA DOMICILIARE Il servizio è rivolto agli anziani soli o inseriti in nucleo familiare, che si trovino in condizione di temporanea o

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 184 del 10/12/2009 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE Approvato con deliberazione

Dettagli

MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO GARANTITO DAL CISS TRAMITE LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DEL TERRITORIO

MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO GARANTITO DAL CISS TRAMITE LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DEL TERRITORIO MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO GARANTITO DAL CISS TRAMITE LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DEL TERRITORIO 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina l accesso al servizio di trasporto

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE (DAL 1 MARZO 2015 AL 30 NOVEMBRE 2015)

PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE (DAL 1 MARZO 2015 AL 30 NOVEMBRE 2015) PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE (DAL 1 MARZO 2015 AL 30 NOVEMBRE 2015) L Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha aderito, anche per l'anno 2015, all iniziativa Home Care Premium

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE LECCE 1

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE LECCE 1 AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 1 ARNEO CAVALLINO LEQUILE LIZZANELLO MONTERONI CESARIO AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DELL ASSEGNO DI CURA A PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Finalità Rimuovere ovvero ridurre

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna 1 Gestione delle CRA (Casa Residenza Anziani) Gestione di ricoveri temporanei di sollievo per famiglie che assistono un anziano al domicilio Gestione dei CD

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE CRITERI E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DEI VOUCHER A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA' GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (D.G.R. N. 2883 DEL 12.12.2014) 1 Definizione del Voucher Il Voucher a favore

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO PASTI A DOMICILIO

REGOLAMENTO SERVIZIO PASTI A DOMICILIO REGOLAMENTO SERVIZIO PASTI A DOMICILIO Pagina 1 di 7 Indice ART. 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO...3 ART. 2 QUANDO VIENE EROGATO IL SERVIZIO PASTI...3 ART. 3 MODALITA DI ACCESSO E AMMISSIONE AL SERVIZIO...3

Dettagli

IL SERVIZIO DOMICILIARE

IL SERVIZIO DOMICILIARE CASA ALBERGO PER ANZIANI Sistema qualità certificato COMUNE DI LENDINARA IL SERVIZIO DOMICILIARE Questo opuscolo riporta brevemente le principali informazioni per aiutarvi a capire meglio il servizio domiciliare,

Dettagli

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI Descrizione Gli anziani non autosufficienti che non possono essere più assistiti nel proprio ambiente di vita e familiare e che non necessitano di un ricovero

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ART. 1. DEFINIZIONE Per trasporto comunale sociale si intende il servizio di trasporto a favore di persone in condizione di fragilità presso centri sanitari,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.)

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) In attuazione del II Piano di intervento servizi di cura per gli anziani del Piano di Azione e Coesione,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

Comune di Azzanello Provincia di Cremona

Comune di Azzanello Provincia di Cremona Comune di Azzanello Provincia di Cremona Regolamento del servizio di assistenza domiciliare prestato dal Comune di Azzanello Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 47 del 28.10.1996. INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

DIRETTIVE E CRITERI PER L ACCESSO AL BUONO DOMICILIARITÀ ANNO 2014

DIRETTIVE E CRITERI PER L ACCESSO AL BUONO DOMICILIARITÀ ANNO 2014 DIRETTIVE E CRITERI PER L ACCESSO AL BUONO DOMICILIARITÀ ANNO 2014 Art. 1 - Oggetto delle direttive Le presenti direttive disciplinano l erogazione del Buono Domiciliarità a favore di anziani non autosufficienti

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA SETTORE Servizi Sociali, Sanitari, Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero DISCIPLINARE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. 1. Premessa

AVVISO PUBBLICO. 1. Premessa Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute U.O. Terza Età e Case di Riposo Direzione AVVISO PUBBLICO Reperimento di Strutture residenziali per le persone anziane disponibili all inserimento

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI ENTE D AMBITO SOCIALE N. 34 VESTINA REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI 1 Articolo 1 DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente regolamento per Piano Sociale di zona si intende quel provvedimento

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 34 del 27/03/2014 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del Regolamento

Dettagli

I Servizi per Anziani. dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano

I Servizi per Anziani. dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano I Servizi per Anziani dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano a cura di Ufficio Programmazione, controllo e sistemi informativi 1 edizione Agosto 2015 Sommario L assistenza sociale L assistenza economica

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

Telepass family. Ferrovie dello Stato. le persone che si muovono su sedia a rotelle per malattia o per disabilità;

Telepass family. Ferrovie dello Stato. le persone che si muovono su sedia a rotelle per malattia o per disabilità; a sindromela sindrome Sgravi fiscali per soggetti disabili Telepass family Il canone al Telepass Family è gratuito per gli invalidi civili titolari di patente speciale, e per gli invalidi civili iscritti

Dettagli

PLUS Distretto socio-sanitario di Iglesias ( Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Villamassargia).

PLUS Distretto socio-sanitario di Iglesias ( Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Villamassargia). PLUS Distretto socio-sanitario di Iglesias ( Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Villamassargia). Home Care Premium gestione ex I gestione ex INPDAP- ha promosso

Dettagli

BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE

BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE UFFICIO DI PIANO AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 7 Ente Capofila: Comune di Rozzano AL COMUNE DI. SERVIZIO SOCIALE DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE RICHIEDENTE (beneficiario o parente)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI U f f i c i o d i P i a n o Varese, lì 7 marzo 2014 Prot. n. 12720 AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI DISTRETTO VARESE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona ANZIANI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI (S.A.D.) Cosa offre il servizio SAD L'assistenza domiciliare è un tipo di servizio erogato direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE COMUNE DI CORBOLA Provincia di Rovigo Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE (S.A.D.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 12.04.2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. C O M U N E d i C A D E L B O S C O d i S O P R A REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. Approvato con Deliberazione C.C. n. 43 del 30/09/1999 CONTROLLATO nella

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

MODULO PER LA RICHIESTA DI BUONO SOCIALE 2010 A FAVORE DI PERSONE DISABILI

MODULO PER LA RICHIESTA DI BUONO SOCIALE 2010 A FAVORE DI PERSONE DISABILI Ufficio di Coordinamento del Piano di Zona Distretto socio-sanitario di Como MODULO PER LA RICHIESTA DI BUONO SOCIALE 2010 A FAVORE DI PERSONE DISABILI AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI (tramite l Ufficio

Dettagli

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.44 del 10.07.2003 In vigore dal 01.01.2004 Modificato con deliberazione della Giunta comunale n.15

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di mini-appartamenti della Residenza sociale per anziani.

Regolamento per l assegnazione di mini-appartamenti della Residenza sociale per anziani. Regolamento per l assegnazione di mini-appartamenti della Residenza sociale per anziani. ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina le modalità per l assegnazione dei mini-alloggi della Residenza

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

ALLEGATO A - DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO SOCIALE CAREGIVER FAMILIARE FAMILIARI CHE ASSISTONO

ALLEGATO A - DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO SOCIALE CAREGIVER FAMILIARE FAMILIARI CHE ASSISTONO ALLEGATO A - DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO SOCIALE CAREGIVER FAMILIARE FAMILIARI CHE ASSISTONO 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA In relazione a quanto disposto dall art. 47 D.P.R. n 445

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO ARTICOLO 1 La casa di riposo per anziani gestita dalla società alcos srls è un presidio socioassistenziale

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI CRITERI E MODALITÀ DI AMMISSIONE A TEMPO PROLUNGATO SUI POSTI DI CASA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI Approvato

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

Scheda relativa al servizio "Appartamenti protetti per anziani e disabili" oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII.

Scheda relativa al servizio Appartamenti protetti per anziani e disabili oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII. Scheda relativa al servizio "Appartamenti protetti per anziani e disabili" oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII. 1 OBIETTIVI, DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E UTENZA POSTI DISPONIBILI UBICAZIONE/LUOGO

Dettagli

VADEMECUM INVALIDITA CIVILE a cura dell ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili Sede Provinciale di Grosseto Via Trento, 15/A Tel.

VADEMECUM INVALIDITA CIVILE a cura dell ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili Sede Provinciale di Grosseto Via Trento, 15/A Tel. VADEMECUM INVALIDITA CIVILE a cura dell ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili Sede Provinciale di Grosseto Via Trento, 15/A Tel. 0564/23505 Fax 0564/429222 1) PERCENTUALE DI INVALIDITA

Dettagli

Reddito di Autonomia Decreto Regione Lombardia n.10226 del 25/11/2015

Reddito di Autonomia Decreto Regione Lombardia n.10226 del 25/11/2015 Reddito di Autonomia Decreto Regione Lombardia n.10226 del 25/11/2015 BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER SOCIALI PER L IMPLEMENTAZIONE DI INTERVENTI VOLTI A MIGLIORARE LA QUALITA DELLA VITA DELLE FAMIGLIE

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

Art.1 - Oggetto del regolamento

Art.1 - Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE SPERIMENTALE DI ASSEGNI DI CURA AD ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CARICO ALL UNITA DI VALUTAZIONE GERIATRICA DEL DISTRETTO N.1 DELL A.S.L. 5 Art.1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

Modulo per la richiesta di contributo economico ex DGR 740/2013 Misura B2

Modulo per la richiesta di contributo economico ex DGR 740/2013 Misura B2 Modulo per la richiesta di contributo economico ex DGR 740/2013 Misura B2 Buono / Voucher per il mantenimento in famiglia di persone non autosufficienti IL RICHIEDENTE Sig./a sesso M F Cod. Fiscale nato/a

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AGLI APPARTAMENTI PROTETTI DEL CENTRO SERVIZI SOCIO SANITARI E RESIDENZIALI MALÉ

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AGLI APPARTAMENTI PROTETTI DEL CENTRO SERVIZI SOCIO SANITARI E RESIDENZIALI MALÉ REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AGLI APPARTAMENTI PROTETTI DEL CENTRO SERVIZI SOCIO SANITARI E RESIDENZIALI MALÉ Il Centro Servizi dispone di una palazzina di quindici appartamenti, autonomi: dodici ad un

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE comunità montana dell'oltrepò pavese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Approvato con delibera dell Assemblea della Comunità Montana dell Oltrepò Pavese del 24/11/2011 27057

Dettagli

ANNO DI RIFERIMENTO: 2009. (ai sensi della Legge Regionale n. 6/2003 art. 6 - secondo periodo)

ANNO DI RIFERIMENTO: 2009. (ai sensi della Legge Regionale n. 6/2003 art. 6 - secondo periodo) BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI O PRIVATI CHE METTONO A DISPOSIZIONE ALLOGGI A FAVORE DI LOCATARI MENO ABBIENTI ANNO DI RIFERIMENTO: 2009 (ai sensi della Legge

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL AZIENDA SPECIALE DEL N.. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizione

Dettagli

Comune di Villanova di Camposampiero UFFICIO SERVIZI SOCIALI. Contributi per le famiglie in difficoltà economiche

Comune di Villanova di Camposampiero UFFICIO SERVIZI SOCIALI. Contributi per le famiglie in difficoltà economiche Comune di Villanova di Camposampiero UFFICIO SERVIZI SOCIALI Informafamiglie Contributi per le famiglie in difficoltà economiche attraverso il tuo Comune di residenza FIGLI UTENZE BANDI ASSISTENTE SOCIALE

Dettagli

COMUNE DI GAGGIANO Provincia di Milano

COMUNE DI GAGGIANO Provincia di Milano BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI RELATIVI ALLE SPESE CONNESSE ALLA FORNITURA DI GAS METANO A FAVORE DEI CITTADINI ECONOMICAMENTE DISAGIATI ANNO TERMICO 2006/2007 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL BANDO

Dettagli