Base del curriculum formativo quadro in Germania è la formazione di operatori ambosesso per la meccatronica.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Base del curriculum formativo quadro in Germania è la formazione di operatori ambosesso per la meccatronica."

Transcript

1 Presentazione dei contenuti del modulo Questo modulo è parte della formazione quadro curriculum in lingua tedesca e rumena per la formazione di operatori meccatronici ambosessi in Germania e Romania. Gruppo target sono tecnici e ingegneri di aziende tedesco-rumene che lavorano in contesti di lingua tedesca e rumena. In generale, questo modulo è rivolto - allo stesso modo in cui lo sono gli altri moduli del curriculum formativo quadro - ai tirocinanti con uno status di lavoratori ospiti in Germania e in Romania o ai membri della storica minoranza tedesca in Romania. Base del curriculum formativo quadro in Germania è la formazione di operatori ambosesso per la meccatronica. In Germania, la formazione in materia di formazione professionale è regolata uniformemente secondo il regolamento in materia di formazione professionale operatori per la meccatronica dalla gazzetta ufficiale del 04 Marzo 1998, Parte I, n. 13, p Anche in Romania, vi è un regolamento regionale per la formazione professionale di figure professionali per la meccatronica (Regolamento ministeriale 3488/ / standard professionale per la meccatronica, secondo l'allegato 2 del decreto ministeriale n del 29, ). In generale, questi tecnici e ingegneri sono titolati dal dipartimento di meccatronica per la Scuole Tecniche Superiori o Laureati del Politecnico Universitario. Dal momento che in Romania la formazione professionale in ambiti come la meccatronica è stata elaborata solo dopo l'ondata di sviluppo - in seguito al sistema di formazione nazionale - la formazione di operatori per la meccatronica è, soprattutto nel campo dell'istruzione superiore, ancora in sviluppo. È per questo che i moduli bilingui per la meccatronica nell'ambito del programma Leonardo da Vinci "Metodo Bila-Train" sono concentrati su didattica e insegnamento. Il gruppo target dei nostri moduli sono tecnici e ingegneri già professionisti che di norma posseggono e hanno sviluppato in questo ambito competenza (cfr. i moduli relativi agli impiegati dipendenti e agli uffici assicurazioni). Ciò che manca ai professionisti ma manca è la competenza linguistica bilingue di queste conoscenze sul posto di lavoro in modo professionale. In questo senso, con particolare attenzione i moduli, a partire da 14 tematiche esemplari selezionate per lo sviluppo delle di capacità di comunicazione e delle strategie da usare. L'obiettivo del nostro particolare approccio, utilizzato in questa opera, riguarda la meccatronica per consentire la padronanza da una lingua (Rumeno) in un'altra (Tedesco) e viceversa - a seconda della situazione e a seconde delle intenzioni di comunicazione in - se necessario. Il qui citato operatore meccatronico lavora con documenti in lingua tedesca e comunica anche in lingua tedesca. Il regolamento quadro tedesco e rumeno in materia di formazione di operatori per la meccatronica ambosesso prevede moduli sviluppati in lingua tedesca e rumena con tematiche che hanno a che fare con il contesto del tedesco-rumeno in particolare con Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 1

2 l'elettronica ed apparecchiature elettriche ad es. correlati a ordini tecnici. Su questa base, sono i singoli moduli all'interno del profilo professionale sviluppati e valutati con test in lingua tedesca e rumena. Deve essere consentito a questi destinatari di operare in termini di mobilità in Europa e di poter assumere posizioni di responsabilità e di poter operare con le tecniche emergenti comunicando in un paese di lingua tedesca. Questo modulo si occupa di misure e strumenti di misura, quale parte importante della formazione di operatori per meccatronica in Germania e in Romania. I professionisti sviluppa una panoramica su -- Una definizione: dispositivi elettrici di misura -- Le misurazioni del circuito elettrico -- Dispositivi analogici di misura -- Dispositivi digitali di misura -- Apparecchiature di misura multipla -- La costruzione e il funzionamento dell'oscilloscopio -- Capacità di comunicazione per la formazione professionale Il modulo è stato progettato bilingue. In aggiunta ai documenti di formazione per il modulo contiene un allegato con vocabolario,nozioni di linguistica e un commento, così come materiale supplementare per l'oggetto trattato. Il modulo può essere utilizzato come materiale supplementare del presente materiale didattico per la formazione meccatronica in lingua tedesca e rumena (vedere l'elenco delle letture in allegato). Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 2

3 Applicazione del modulo come parte del curriculum generale Il modulo "misure e strumenti di misura" è parte di un ampio quadro di riferimento per il curriculum formativo di operatori per la meccatronica ambosesso di profilo tedescorumeno. Il modulo non sostituisce i materiali di formazione esistenti, ma li integra nella prospettiva di comparativa di caratteristiche specifiche tedesco-rumene. Questo modulo è parte di un totale di 15 moduli con contenuti selezionati per settori di particolare importanza in ambito di piccole e medie imprese tedesco-rumene. Il modulo può essere sviluppato in Romania e in Germania. I manuali tedesco-rumeno attualmente disponibili sono costituiti dai seguenti moduli. Questi manuali sono validi autonomamente e possono essere utilizzate in modo flessibile: 1) Modulo: Ambito professionale di Meccatronica 2) Modulo: Operatori per la Meccatronica ambosesso 3) Modulo: Insegnamento abilità e competenze: breve presentazione scritta 4) Modulo: Insegnamento abilità e competenze: breve presentazione orale 5) Modulo: Fondamenti di Ingegneria Elettrica 6) Modulo: Componenti Electronici 7) Modulo: Generatori 8) Modulo: Materiale elettrico di PKW 9) Modulo: Fondamenti di tecnologia di controllo 10) Modulo: Programmazione e installazione di componenti hardware e software 11) Modulo: Misure e strumenti di misura 12) Modulo: Istruzioni per l'uso - comportamento in caso di pericolo 13) Modulo: Sicurezza / tutela contro i rischi 14) Modulo: Azienda e tecniche di comunicazione 15) Modulo: Norme ambientali Il modulo "misure e strumenti di misura " è progettato per tecnici e ingegneri in Germania e in Romania con sfondo di lingua tedesca e rumena. Il modulo non è un corso di lingua, ma piuttosto un modulo di formazione professionale. Condizione conclusiva è un linguaggio con padronanza della lingua Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 3

4 tedesca per un minimo livello B1 del quadro europeo di riferimento. Il rumeno madrelingua è il livello di riferimento. Un banco di prova di valutazione per lingua tedesca e rumena è presente in questo curriculum. Il modulo è progettato per direttamente per l'uso Aziendale. Consiste di una durata di 90 minuti e può essere utilizzato nel contesto del tempo di formazione come una lezione. Sono presenti esercitazioni pratiche entro i 90 minuti di durata. Il modulo può essere ripetuto più volte e in ambito di esercizitazione di vario tipo e può essere abbreviato. Per permettere la formazione di conoscenze di base dispone di più prove e esercitazioni. Dalle dichiarazioni in ambito di curricula si è dimostrato che una doppia applicazione del modulo è sufficiente per raggiungere l'obiettivo. Il modulo si compone di: -- Introduzione con definizione di "Strumenti di misura elettronici" -- Misurazioni del circuito elettrico -- Visualizzazione analogica apparecchiature di misura -- Visualizzazione dispositivi digitali di misura -- Apparecchiature di misura multipla -- Costruzione e funzionamento del oscilloscopio -- Esercizi e compiti -- Materiali e documenti in corso -- Riferimenti Per preparare i formatori, si consiglia: - Per il modulo si dovrebbe definire con i tirocinanti una data prefissata del corso concordando una durata da 60 a 90 minuti di apprendimento ; - Gli istruttori possono concentrarsi sul da preparare modulo utilizzando i dati sotto la voce "contenuti educativi" ; - Gli allievi possono utilizzare le schede dei dati (cfr. allegato)in cui sono presentate le basi e le definizioni ; - Dopo l'introduzione al tema possono essere indicati gli esercizi; - Al termine degli esercizi alla seguente valutazione è presente una sintesi di insieme con ulteriori istruzioni per l'uso pratico nel lavoro quotidiano. Come materiali di lavoro sono indicati carta e penna, la tabella di accompagnamento e una flip chart o un questionario da riempire. Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 4

5 Informazioni didattiche per i formatori Il modulo è bilingue (tedesco e rumeno). L'obiettivo del modulo è, oltre a sostanziali informazioni sulle basi di formazione di meccatronica in Germania e in Romania, il rafforzamento e l'ampliamento del vocabolario specializzato per la meccatronica e la meccatronica bilingue per fabbriche in Romania e in Germania. Il modulo prevede un vocabolario specializzato tedesco e rumeno. Questa terminologia può essere rintracciata alla voce status attivo incorporato di entrambe le lingue. Secondo studi di didattica il modulo basato sul metodo comunicativo. I testi tecnici sono il punto di partenza per le esercitazioni pratiche e per sviluppare l'uso delle capacità di comunicazione in situazioni specifiche e per riesaminare le conoscenze apprese. Secondo studi di didattica segue il modulo che prevede l'approfondimento delle conoscenze linguistiche in tecnici e ingegneri bilingue grazie al metodo di "apprendimento basato su task", vale a dire la "l'apprendimento orientato verso il task", integrati in un unico ambiente linguistica sulla base del "metodo fullimmersion". Condizione del modulo è che la persona che prende parte alla formazione sia sufficientemente competente nellle lingue obiettivo del progetto, rumeno e tedesco. Raccomandato per gli insegnanti è un linguaggio di livello B2 o C1 sulla base del quadro europeo. In alternativa, al il modulo di formazione possono prendere parte all'insegnamento due persone. In questo caso la prima persona insegnerà in lingua rumena e la seconda persona in lingua tedesca. L'esperienza nel modulo di prova ha mostrato che l'obiettivo di insegnamento in lingue diverse non deve essere applicato nella stessa frase. Un livello profondo di apprendimento delle strutture in una lingua (completo di sintassi uniformata al lessico) deve essere completamente realizzato, prima di passare ad una seconda lingua. Importante è che la sovrapposizione delle lingue sia, in ogni caso, evitata. Ciò vale anche per la situazione in cui una persona si trovi di fronte ad un termine di una lingua non conosciuta, termine di una lingua che da parte degli altri è stato compreso. In questo caso dovrebbe essere effettuata la descrizione del in lingua. Inoltre, l'insegnante deve operare in modo che che parola nella lingua sia ripetuta oralmente e per iscritto come nota su di un supporto o una lavagna a fogli mobili. Come conclusione ideale per la fine del modulo di formazione, si consiglia la descrizione di sezioni o sessioni significative. Ciascuna di queste sezioni sarà completata in una lingua precedentemente scelta. Ne consegue la ripetizione della sezione nella seconda lingua. E' utile utilizzare per ciascuna sezione la lingua con la quale i tirocinanti sono più abituati. In Romania, questa lingua è di solito il rumeno, in Germania, la lingua tedesca. La ripetizione viene esercitata quindi nella seconda lingua. In questa ripetizione è di ulteriore utilità concentrarsi sulla descrizione di termini tecnici e del vocabolario specifico. Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 5

6 Le domande sono sempre esercitate nella lingua utilizzata come lingua d'insegnamento scelto. Ciò significa che se ci sarà una sessione in lingua rumena, vi saranno anche questioni in lingua rumena. Le risposte sono espresse in lingua rumena, anche se sono esplicitamente basate su rapporti di lavoro in Germania. Conludendo si consiglia di: -- Rispondere alle domande riguardo il vocabolario e lessico (Rispondere sempre nella lingua della domanda!) -- Mediare l'apprendimento professionale in lingua 1 e lingua 2 -- Rispondere alle domande riguardo la formazione professionale (Rispondere sempre nella lingua della domanda!) -- Eseguire esercitazioni di tipo 1 in lingua 1 e lingua 2 -- Quantificare un massimo come valutazione in lingua 1 e kingua 2 -- Registrare le note interne del formatore / istruttore di lingua, e il contesto secondo funzioni specifiche L'esperienza mostra come la tiplogia bilingue consigliata in ambito di acquisizione della componente orale della lingua e nella diretta creazione di un vocabolario specializzato sia possibile da applicare direttamente nella pratica operativa sulla base della comparabilità diretta di entrambe le lingue. A seconda delle competenze linguistiche degli insegnanti dovrebbero essere - se possibile - immediatamente corretti i diversi errori grammaticali contenuti nella produzione degli "studenti". É infatti importante la conversazione nella lingua da apprendere e NON si devono descrivere le strutture grammaticali di una lingua con l'aiuto di un altro linguaggio. Nel concreto, ciò significa che in Romania gli errori non devono essere corretti e descritti in lingua tedesca ma in rumeno. Un altro concetto, nato dalla sperimentazione dei moduli di formazione bilingue mostra che i moduli di questo programma per la formazione bilingue di operatori per la meccatronica in caso di significativo deficit linguistico in una delle lingue di arrivo possono essere di difficoltà eccessiva per i tirocinanti. Se ad esempio un test mostra competenza B2 in lingua 1, ma solo A1 in lingua 2, è previsto dell impegno per partecipare a programmi di studio bilingue. I professionisti devono seguire prima classici corsi di lingue,per raggiungere anche in lingua 2 un livello B1 su base del quadro europeo di riferimento. All'interno di questo progetto per la formazione di operatori per la meccatronica, sono disponibili dei test di posizionamento per il tedesco e per il rumeno. Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 6

7 Contenuto degli insegnamenti Unità: MISURE E STRUMENTI DI MISURA Definizione: dispositivi elettrici di misura Dispositivo di Misura: Strumento di misura Impianto di misura Strumenti secondari Un dispositivo di misura opera alla misurazione del lavoro e dei servizi a esso correlati. Un dispositivo di misurazione è uno strumento di misura collegato con l'esterno con strumenti secondari. Lo strumento di misura consiste nella misurazione di lavoro e accessori, che ad esso sono correlati. Consiste nel lavoro di misurare la portata e le parti, l'effetto di una causa. Gli strumenti secondari sono il preresistore, il commutatore e il rettificatore, che sono presenti nello strumento o sono collegati esternamente. Composizione Dispositivo di Misura Strumento di misura Impianto di misura Strumenti secondari interni Strumenti secondari esterni Esercizi e compiti 1. Si ha un nuovo tirocinante nella vostra azienda. Spiegare a lui in tedesco / rumeno, come un dispositivo di misurazione è composto. Fare un riassunto apportando alcune note sulle varie componenti e i vari processi. Misurazioni del circuito elettrico 2. Leggere il testo e disporre i record dalla tabella qui sotto in ordine. 2) Con il voltimetro si misura b) è in parallelo alla resistenza. Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 7

8 3) Il voltimetro c) è attivato da un valore di tensione come il voltimetro 4) Con la misura della resistenza d) la tensione elettrica. l ohmmetro 5) L amperometro e) la corrente elettrica. 6) Con l amperometro si misura f) in linea con il consumatore attivo. Misurare la tensione elettrica La tensione elettrica è misurata con il voltimetro. Per questo motivo il voltimetro è posto in posizione parallela alla polarità e alla fonte di alimentazione attiva. Misurare l intensità della corrente L'energia elettrica viene indicata con la misura dell'intensità (ampere metro). Ciò è in esecuzione il circuito significa che esso è collegato in serie per il consumatore in andata o in andata e ritorno quando in esecuzione. La connessione dei Ampermeters Plus è il polo di più la fonte di energia. In caso di contatto accidentale di un misuratore di intensità avviene un corto circuito come un voltmetro a causa della bassa resistenza interna dell'impianto di misura. Ciò causa la rottura degli strumenti di misurazione e delle componenti elettriche ed elettroniche, in cui si effettuano misurazioni. Misurare la resistenza elettrica Le misurazioni della resistenza elettrica possono derivare dall'esposizione diretta o indiretta delle misurazioni da determinare. Misure dirette con ohmmetro. Nella misurazione diretta di un valore di resistenza deve far l'elemento base della fonte di tensione parte della fonte di alimentazione separata e il ohmmeter può essere parallelo alla resistenza. In mancanza di questo, si può verificare la rottura del dispositivo di misura. Nel caso in cui la resistenza da misurare sia in parallelo a una seconda resistenza in esecuzione, è necessario misurare la resistenza del circuito separatamente. L'errore porta a una falsa lettura. La misurazione diretta è in resistenze di basso livello molto imprecisa, perché il parallelo con la resistenza del dispositivo di misura porta a distorcere la misura. 3. a) Osservare le immagini qui di seguito con attenzione e spiegare in che cosa gli errori in Figura 4 e 5. Che aspetto corretto dovrebbero avere? b) Con le proprie parole dare una definizione descrivere le conseguenze di questo circuito non corretto. Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 8

9 Falso: componente sotto tensione Figura 4: Misure dirette di una resistenza Considerando tensione libera Falso: resistenze R1 e R2 come circuito parallelo Figura 5: Misurazione diretta di un resistore Considerando connessione parallela Apparecchiature di misura analogiche Le appearecchiature di misurazione analogiche convertono il valore misurato con la deviazione di un ago su una scala. Con l'aiuto della scala la misurazione può essere letta. La misurazione è analoga, perché il valore indica continuamente le mutevoli dimensioni da misurare. Apparecchiature di misura digitali Le apparecchiature di misura digitali sono composte da circuiti digitali. Il valore misurato è quindi mostrato da un display a sette segmenti o da un display LCD. Un metro digitale è caratterizzato da un elevato rapporto di resistenza. Ampi valori di lettura sono esclusi. Sulla zona da misurare la polarità non deve essere rispettata. Le apparecchiature di misura digitale convertono la misurazione in un valore numerico, e danno il risultato come serie di numeri (digitale). Struttura dispositivo di misurazione digitale amplificatore- convertitore analogico-digitale cifre - valori in formato digitale Un dispositivo di misurazione digitale consiste di un amplificatore, un convertitore analogico-digitale, un contatore e un visualizzatore digitale. La dimensione di misura analogico verrà amplificata, poi convertita in valori digitale. Un contatore converte i valori binari in valori adeguate,come ad esempio, il codice BCD decimale per la visualizzazione in decimali digitali. Precisione Il display digitale spesso dà una misura molto accurata. Come per manometri analogici, l'accuratezza della misurazione varia. L'errore di misurazione è inferiore a quello di manometri analogici, ma i circuiti elettronici sono influenzati dalla temperatura. I metri digitali hanno il vantaggio di non essere così sensibili alle influenze esterne. Dispositivi di misura multipli Anche il multimetro è uno strumento di misura multiplo. E' di solito uno strumento di misurazione digitale.con essi è possibile misurare molti valori differenti. In questo Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 9

10 modo anche valori parziale come solo il tipo di tensione o di energia elettrica o la polarità da rispettare. Il dispositivo di misurazione valuta le unità di misura omogenee in modo indipendente. Ciò è particolarmente vantaggioso per i principianti che non sono ancora così sicuri in materia di strumenti di misurazione. Gli strumenti di misura digitali sono costituiti da circuiti digitali. Il valore misurato è quindi mostrato da un display a sette segmenti o un display LCD. Un metro digitale è caratterizzato da un elevato rapporto di resistenza. Ampi valori di lettura sono esclusi. Sulla zona da misurare la polarità non deve essere rispettata. Le apparecchiature di misura digitale convertono la misurazione in un valore numerico, e danno il risultato come serie di numeri (digitale). Misurazione Analogica Digitale Vantaggi Svantaggi - Monitoraggio delle più piccole variazioni della dimensione della misura -- Valutazione fluttuante delle misurazioni -- Rilevazione stato di tensione -- La misura delle variazioni di valore è più facili da leggere -- Le variazioni delle possono essere osservate meglio -- Visualizzazione semplice in lontananza e veloce da leggere -- Errori di lettura per parallasse -- Possibilità di alterazione manuale -- Necessità di assegnazione del campo di misura e di scala -- Elementi di misura sensibili ad esempio ai campi magnetici -- Lettura senza errori -- Meno sensibili -- Una maggiore precisione -- Meno costoso Tensione di funzionamento necessari per la visualizzazione 4. Il vostro capo esige per la prossima riunione argomentazioni per la sostituzione degli strumenti di misurazione da analogico a digitale. Fare una breve nota di presentazione e spiegare la tabella di e le informazioni dal testo sulle differenze tra la visualizzazione digitale e analogica degli strumenti di misurazione. Oscilloscopio Un oscilloscopio indica la tensione in rapporto al suo tempo,ovvero la rappresentazione fisica della tensione e del tempo.l' oscilloscopio si utilizza quando devono essere mostrati i segnali di ritorno periodico visualizzando visivamente e velocemente le attività elettriche. Nel gergo tecnico l'oscilloscopio è anche chiamato Oszi.Braunsche Röhre Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 10

11 Filamento Il sistema di misurazione del oscilloscopio è basato sul tubo di Brown, noto anche come tubo browniano. Si tratta di un tubo per fasci di elettroni con fasci di elettroni senza massa. Il tubo di Brown è usato nell' oscilloscopio per la presentazione del gradiente della tensione misurata. 1. Catodo Gli elettroni riscaldati dal catodo, sono attirati verso l'anodo. Al catodo vi è una tensione da -200 a -800 volt 2. Cilindro di Wehnelt Il cilindro di Wehnelt è l'elettrodo pilota, che influenza la luminosità (intensità) del punto di luce sullo schermoe. La luminosità è determinata dalla velocità e dalla densità di elettroni colpiti. 3. Ottica elettronica L'ottica elettronica influenza la deviazione degli elettroni in un campo elettrico. Così, gli elettroni sono più o meno legati. In questo modo il diametro del fascio di elettroni è cambiato e la nitidezza influenzata. Si parla anche di messa a fuoco. 4. Anodo La velocità degli elettroni è regolata dall'anodo (potenziale positivo per il catodo). La velocità è così elevata che gli elettroni, attraversano l'apertura dell'anodo. L' anodo si trova a una tensione di +100 a +200 volt e accelera gli elettroni. 5. Piastre di deviazione In questo modo gli elettroni invece di essere punti luminosi sono linee o un'immagine mappa, gli elettroni si oppongono con lastre di deviazione. Le lastre X servono per la misurazione del tempo. Guidano il fascio di elettroni orizzontalmente (sinistra o destra). Le lastre Y servono per la misurazione della tensione. Guidano il fascio di elettroni verticalmente (in alto o in basso).le piastre vengono amplificate a monte, in modo che anche la più piccola alterazione di tensione sia misurata e possa essere visualizzata. 6. und 7. Strati e punti di luce Il punto di luce è illuminato solo dallo strato di luce sullo schermo. Lo strato di luce è stimolato dagli elettroni ad emettere luce. 5. Scrivere il nome tedesco e rumeno di ciascuna delle varie parti del oscilloscopio nella tabella grafica e descriverne la funzione. Utilizzare le definizioni espresse qui sotto. Informazioni / termini utilizzati per descrivere un grafico / uno schema: Il grafico fornisce informazioni / informa che Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 11

12 L'immagine mostra che / come Il grafico è utile per vedere come / che. Dal grafico si dimostra che... Il grafico mostra che 6. a) Che cosa si intende per "innescare"? b) spiegare a un collega tedesco / rumeno su base del disegno, come funziona l'oscilloscopio. Utilizzare anche il testo riportato di seguito come aiuto. Il funzionamento del oscilloscopio 1. Mezzo di visualizzazione Gli elettroni sono utilizzati come mezzo di visualizzazione. Essi hanno una piccola massa e sono molto veloci. Il tubo di fascio di elettroni (tubo browniano) serve a questo processo,abbinando l'acquisizione, la deviazione e l'accelerazione di elettroni. 2. Tempo di deviazione Il tempo di deviazione è causato da un generatore di tempo di deviazione. Il suo è un segnale di tensione spezzato. Durante il periodo t0 - t1, il fascio di elettroni devia da sinistra a destra. In seguito al forte calo della tensione in t1, il fascio di elettroni devia a sinistra dello schermo. Il tempo deviazione può essere modificato per mezzo di un interruttore. 3. Modalità di misurazione della tensione La tensione è misurata mediante ingressi YI e / o YII (canali). Come con qualsiasi dispositivo analogico si deve superare l indice di misurazione. Quando un campo è adeguatamente definito, il segnale appare sullo schermo. Grazie ad un oscilloscopio a due canali vengono presentati due esempi di tensione, devono essere rispettate le impostazioni corrette per il funzionamento.ci sono 2 modalità di esecuzione: Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 12

13 Alternato In questa modalità, i canali e YI YII operano in successione. É questo il caso di misurazioni di segnali a medio-alto senso di frequenza. o o o o o Interrotto In questa modalità, i canali e YI YII in alternanza. Ciò è tipico di misurazioni di segnali a basso senso di frequenza. Attivazione Al fine di misurare, con un oscilloscopio, un quadro permanente di ricezione, deve essere innescato il corretto indice di misura. Innescare significa attivare. Grazie a un interruttore sull'oscilloscopio può essere selezionato in quale canale verrà attivato. Alcuni oscilloscopi hanno anche un ulteriore ingresso di innesco esterno. Il generatore tempo di deviazione è in attesa del momento di passaggio fino a cui l'indice di misura mostra stesso livello e stessa direzione. Solo allora sarà nuovamente attivato / innescato e il segnale rappresentato di nuovo. 7. a) Leggere il testo rumeno. b) Trovare le analogie e le differenze tra il testo tedesco e il testo rumeno. Inserire rapidamente nella tabella qui di seguito le parole principali. c) Discutere in gruppo sui termini che sono stati rintracciati e confrontare i risultati Testo in tedesco Testo in Rumeno Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 13

14 Osciloscop Osciloscopul este un aparat de m sur pentru m rimi electrice, care permite vizualizarea semnalelor variabile în timp. Alc tuire Osciloscopul clasic este realizat ca un tub catodic în care un fascicul de electroni este accelerat spre un ecran fosforescent i produce pe acesta un punct luminos. Pozi ia x-y a punctului luminos pe ecran este comandat prin circuite i dispozitive specializate. Astfel, ecranul osciloscopului devine un grafic al varia iei în timp a unei tensiuni electrice sau afi eaz dou tensiuni electrice una în func ie de cealalt, ca de exemplu în cazul figurilor Lissajous. Osciloscoapele moderne sunt adesea digitale i prezint graficele fie pe un monitor încorporat, fie pe monitorul unui calculator. Aceste osciloscoape convertesc semnalele electrice într-o reprezentare digital i au un num r suplimentar de func ii, între care: memorarea datelor, analiza matematic a semnalelor, tip rirea lor la o imprimant i salvarea lor în format digital ca fi ier pe un disc magnetic. Începînd cu anii 1980 osciloscoapele digitale au devenit mai numeroase decît cele cu tub catodic, cu excep ia unor aplica ii specializate. Semnalele de intrare sunt reprezentate de semnalul (semnalele) de m surat i eventual semnalele de sincronizare. Acestea sunt introduse în osciloscop fie prin cabluri coaxiale ata ate prin conectoare de tip BNC, fie prin sonde cu care se culeg din diferite puncte ale circuitului inspectat. Osciloscoapele au în general numeroase reglaje, printre care cele mai importante sunt: amplificarea semnalelor de intrare i reglarea punctului lor de zero; scala de timp pentru baleierea pe orizontal ; modul de declan are a baleierii (trigger); tipul de grafic: t-y sau x-y; intensitatea luminoas a punctului luminos. Utilizare Osciloscopul serve te la m surarea i observarea unor semnale electrice (în general de tensiune) provenite de obicei din circuite electronice, ca de exemplu televizoare, amplificatoare audio, oscilatoare electronice, diverse circuite digitale etc. Analiza formei i parametrilor acestor semnale este util în construc ia, reglarea sau repararea unor astfel de circuite. Pentru m surarea semnalelor de intrare i a intervalelor de timp, pe ecran exist un carioaj ale c rui diviziuni corespund unor unit i de tensiune sau timp calibrate în V/diviziune, respectiv s/diviziune. Astfel, printre parametrii cei mai importan i ai semnalelor electrice care se pot m sura sunt urm torii: perioada sau frecven a semnalelor periodice; timpul de cre tere sau descre tere al unui puls de la un nivel dat la altul; întîrzierea relativ a dou semnale; durata unui puls; factorul de umplere al unui semnal dreptunghiular Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 14

15 Istoric Primul osciloscop a fost construit în 1897 la Strasbourg de c tre fizicianul german Karl Ferdinand Braun, cel care printre altele a descoperit în 1874 c un contact punctiform pe un semiconductor are proprietatea de a redresa curentul alternativ. Tot el inventase i tubul catodic, dar îl folosise numai pentru a studia propriet ile fasciculelor de electroni (numite atunci raze catodice ). Braun a introdus în tubul catodic o pereche de pl ci metalice între care a generat un camp electric prin aplicarea unei tensiuni. Astfel, dac tensiunea aplicat pe aceste pl ci este alternativ, fasciculul de electroni este deflectat dintr-o parte în alta (înspre placa pozitiv ), ceea ce se poate observa prin oscilarea punctului luminos de pe ecranul tubului catodic. În cinstea acestei inven ii, tubul catodic este numit i ast zi, în rile unde se vorbe te limba german, tub Braun ( Braunsche Röhre ). Osciloscopul modern a fost dezvoltat de Allen DuMont. Soluzioni 2: Esercizio n.2: 1-c; 2-e; 3-b; 4-c; 5-f; 6-d Esercizio n.3: Falso: Elemento sotto tensione Vero: Elemento libero da tensione Figura 4: Misurazione diretta di una resistenza (rispetto alla tensione libera) Falso: Resistenze R1 e R2 come circuito parallelo Vero: Resistenza R1 collegata in parallelo Resistenza R2 separata Figura 4: Misurazione diretta di una resistenza (rispetto alla tensione libera) Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 15

16 Obiettivi del modulo L'obiettivo del modulo per il settore professionale della meccatronica è l'insegnamento di conoscenze di base sui seguenti argomenti: - Definizione di "misure e di strumenti di misura" - La visualizzazione analogica e digitale delle apparecchiature di misura - Apparecchiature di misura multipla - La struttura e il funzionamento del oscilloscopio - Capacità di comunicazione per la descrizione degli ambiti di misura e delle apparecchiature di misura - Descrizione di grafici e diagrammi, ecc di questi ambiti professionali Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 16

17 Pianificazione Questo modulo è costituito da un modulo di 90 minuti durata. Il modulo può essere ripetuta e la sezione degli esercizi variata. Durata in Minuti Apprendimento Materiali 1-2 Saluto in lingua tedesca e rumena 3-13 Introduzione al tema Misure e Dispositivi di misura con la definizioni in lingua tedesca Introduzione al tema Misure e Dispositivi di misura con la definizioni in rumeno - Materiale informativo per i formatori in questa lezione - Materiale informativo per i formatori in questa lezione Spiegare i dettagli tecnici e il funzionamento in lingua tedesca Spiegare i dettagli tecnici e il funzionamento in rumeno Domande e risposte sia in lingua tedesca che rumena - Materiale informativo per i formatori in questa lezione - Materiale informativo per i formatori in questa lezione Esercizi di esempio in lingua tedesca -- Lavoro di gruppo -- Lavoro con partner -- Lavoro individuale Esercizi di esempio in rumeno -- Lavoro di gruppo -- Lavoro con partner -- Lavoro individuale Discutere la pratica dei risultati in una lingua (scelta dai formatori) Breve discussione finale, valutazione, executive summary (in una lingua scelta dai formatori) Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 17

18 Materiale didattico per formatori Ulteriori materiale presente su questo modulo può essere trovato in fonti come elenco allegato. Modulo specifico per la terminologia Amperometro Boccola di contatto Indicazione Oscillazione Batteria Multimetro digitale Misuratore di intensità Cortocircuito Classe di precisione Rettificatore Girare in serie Resistenza interna Segnale di posizione Schermo LCD Strumento di misura Strumento di misura Valore misurato Lettura Valore stock Valore medio Tasto multifunzione Ohmmetro Oscilloscopio Verifica tensione Ampiezza variabile Valori di una scala Riferimenti di una scala Simboli di una scala Intervallo di una scala Tensione libera Strumento di misura della tensione Fondo specchiato Circuito elettrico Amperometro Misura della tensione Protezione da sovraccarico Commutazione Amplificatore Voltimetro Tensione alternata Misura della resistenza Valore di resistenza Deviazione dell ago Interruttore generale Visualizzazione cifre Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 18

19 Fonti Ehrhardt, Harald; Kneip, Friedrich, u.a. (2005) Lernsituationen für Kraftfahrzeug- Machatroniker, Lernfelder 9-14, Verlag Handwerk und Technik, Hamburg Ehrhardt, Harald; Kneip, Friedrich, u.a. (2005) Lernsituationen für Kraftfahrzeug- Machatroniker, Lernfelder 5-8, Verlag Handwerk und Technik, Hamburg Fachkunde Kraftfahrzeugtechnik, Verlag Europa-Lehrmittel, Nourney, Vollmer GmbH & Co. KG, 28. neubearbeitete Auflage Fischer, Richard; Heider, Uwe; u.a. (2004) Arbeitsblätter Kraftfahrzeugtechnik. Lernfeld 1-4, Verlag Europa Lehrmittel, Nourney, Vollmer GmbH & Co. KG Siti Web kompendium.de/public/schaerer/index.htm Allegati: Dispositivi di misura Universale per le diverse forme elettriche Questi dispositivi non sono sviluppati per una determinata applicazione: Multimetro: apparecchiature di misura universale per la tensione (~/=, con tensione di prova appropriata per l'alta tensione di misura), energia elettrica (~/=), resistenza (in parte la resistenza di isolamento e test di transito), diodo di prova, fattore di guadagno PNP / NPN transistor, Dimensioni per visualizzare il periodo di tempo di un elettrici (universali con display grafico), Min / Max / media di visualizzazione, condensatore di capacità, temperatura (con i donatori), tester logica (livello regolabile), impostando una tensione / Livello / corrente (inferiore) (con uno dei modelli di dimensione temporale pianificabile). Ma la sola tecnologia digitale, mostra tutte le misurazioni ed i controlli in una unità. I multimetri industriali sono in un dato contesto strumenti professionali. Multimetro analogico: valuta stress-potenza e la resistenza di misurazione con un solo attrezzo. Multimetro digitale: spesso con interfaccia per PC di raccolta dei dati Schede PC per elaborare la presentazione digitale dei dati e la raccolta di quantità fisiche. RCL strumento di misura per la determinazione della resistenza, capacità e induttanza SMU multimetri da combinare con dati di laboratorio per l innesco e l attivazione del test SMMUs collegati a SMU con un multiplexer che immette entrambe le tensioni / correnti di alimentazione nel test, così da creare il legame tra il test e il sistema di misurazione. Scrittori di misura sono misuratori analogici per la registrazione di tensione o di energia elettrica, offrono istantaneamente una valutazione dei loro risultati. Apparecchiature di misura nalogica : in scala di uscita [elaborazione] Nella tecnica di misura con strumenti a portata di mano (come ad esempio il metro analogico), si mostra la tolleranza di dati (deviazione massima del valore della norma Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 19

20 del valore effettivo)quale % FSO indicato. Questa è la deviazione massima a fondo scala dello strumento utilizzato. Un dispositivo di misurazione con un fondo scala, per esempio, 100 V e una tolleranza di 0,5% FSO può avere un massimo di 0,5 V nella sua visualizzazione del valore reale. Pertanto, le apparecchiature di misurazione rispondono a questa richiesta di tolleranza come linea guida per la misurazione del valore di visualizzazione quando possibile nel terzo display superiore. Questo è il valore di errore nella misurazione, per quanto possibile, ridotto al minimo. Dispositivi di misurazione analitica Cromatografo utile per separare o identificare miscele chimiche secondo relativa velocità di migrazione di sostanze in mezzi selezionati. Il nome esatto descrive la struttura: Cromatografo a gas Cromatografo a colonna Cromatografo per strati sottili Rifrattometro utile per determinare l'indice di rifrazione del mezzo di comunicazioneultra Centrifuga (analitica)serve a misurare la densità di composizione. Calorimetro serve alla determinazione del potere calorifico Spettrometro di massa utilizzato per determinare la sostanza in una miscela di masse molari note (cfr. anche massa molecolare)polarimetro serve a determinare la rotazione del livello di luce in sostanze attive. Spettrometro serve generalmente a misurare l'intensità di distribuzione di diverse lunghezze d'onda, caso particolare: determinare l'assorbimento di una certa lunghezza d'onda della radiazione elettromagnetica.interferometro (generale) sono utilizzati per lo studio della diffrazione della luce utilizzata (diverse le applicazioni di misura) Analisi del calore gravimetriche è una procedura di misura, come la massa di un campione a seconda delle variazioni di temperatura (il campione inserito in un forno con una scala built-in). Dilatometer determina come la lunghezza di un campione varia a seconda della temperatura. Analisi termica differenziale misura le variazioni di energia a seconda della temperatura. Bila-Train in practice Modulo di base di formazione meccatronica TED-RUM 20

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE PREMESSA STRUMENTI PER MISURE ELETTRICHE Come si è già avuto modo di comprendere ogni grandezza fisica ha bisogno, per essere quantificata, di un adeguato metro di misura.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina a.s.2015/2016 Classe: II Sez. R INDIRIZZO: Elettronica ed Elettrotecnica Docente : Prof. Roberto Manovella Pag 2 di 7 ANALISI DELLA SITUAZIONE

Dettagli

Tecnologie, disegno e progettazione (TDP) Teoria, Disegno e Pratica. 3A Elettrotecnica & Automazione

Tecnologie, disegno e progettazione (TDP) Teoria, Disegno e Pratica. 3A Elettrotecnica & Automazione ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. M. ANGIOY Via Principessa Mafalda 07100 Sassari www.itiangioy.sassari.it - e.mail angioy@itiangioy.sassari.it A.S. 2011-2012 DISCIPLINA TIPOLOGIA CLASSE DOCENTE PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Programma svolto - Tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione Docentte:: PERAZZOLO GIANTONIO

Programma svolto - Tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione Docentte:: PERAZZOLO GIANTONIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. VERONESE - G. MARCONI" SEZIONE ASSOCIATA G. MARCONI Via T. Serafin, 15-30014 CAVARZERE (VE) Tel. 0426/51151 - Fax 0426/310911 E-mail: ipsiamarconi@ipsiamarconi.it -

Dettagli

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico 1 L oscilloscopio consente di visualizzare forme d onda e più in generale è un dispositivo che visualizza una qualunque funzione di 2 variabili. Per fare ciò esse devono essere o essere trasformate in

Dettagli

Introduzione...xiii Istruzioni per l uso...xiii File di supporto al libro... xiv

Introduzione...xiii Istruzioni per l uso...xiii File di supporto al libro... xiv Introduzione...xiii Istruzioni per l uso...xiii File di supporto al libro... xiv Capitolo 1 Cosa serve per iniziare...1 Dove e come acquistare il materiale...1 Hacker elettronico...2 Strumentazione e materiali

Dettagli

(E4-U18) Gli homework da preparare prima di iniziare la parte sperimentale sono calcoli e simulazioni dei circuiti su cui vengono eseguite le misure.

(E4-U18) Gli homework da preparare prima di iniziare la parte sperimentale sono calcoli e simulazioni dei circuiti su cui vengono eseguite le misure. Esercitazione 5 (E4-U18) Caratterizzazione e misure su circuiti digitali Scopo dell esercitazione Gli obiettivi di questa esercitazione sono: - Misurare i parametri elettrici di porte logiche, - Verificare

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere:

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO MISURE CON L OSCILLOSCOPIO Misure di ampiezza (1/4) Per effettuare misure di ampiezza con l oscilloscopio l di norma si eseguono in sequenza i seguenti passi: 1. Si procede innanzitutto alla predisposizione

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

UN NUOVO METODO NON INTRUSIVO PER IL CONTROLLO DELLA CORROSIONE IN LINEA

UN NUOVO METODO NON INTRUSIVO PER IL CONTROLLO DELLA CORROSIONE IN LINEA UN NUOVO METODO NON INTRUSIVO PER IL CONTROLLO DELLA CORROSIONE IN LINEA F. Vullo GE Measurement & Control Solutions, Via Cardano 2, 20864 Agrate Brianza (MB) Tel: +39 0396561403 Cell: +39 3494694165 Fax:

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE ELETTRONICA SETTEMBRE 2014

COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE ELETTRONICA SETTEMBRE 2014 COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE ELETTRONICA SETTEMBRE 2014 Pagina 1 di 8 MATERIA: TPSEE I docenti della materia TPSEE per le classi terze, quarte e quinte dell indirizzo Elettronica, dopo aver partecipato

Dettagli

MATERIA: 2014-2015 CLASSE: 3AE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No (classe iniziale per la disciplina TP)

MATERIA: 2014-2015 CLASSE: 3AE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No (classe iniziale per la disciplina TP) : A.S.: Prof.ssa Silvia Zirti Prof. Marco Perzolla MATERIA: 2014-2015 CLASSE: 3AE Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici (TP) Continuità di insegnante nella materia rispetto all

Dettagli

A.S. 2015/16 CLASSE 3 AEE MATERIA: ELETTRONICA/ELETTROTECNICA UNITA DI APPRENDIMENTO 1: SICUREZZA ELETTRICA

A.S. 2015/16 CLASSE 3 AEE MATERIA: ELETTRONICA/ELETTROTECNICA UNITA DI APPRENDIMENTO 1: SICUREZZA ELETTRICA A.S. 2015/16 CLASSE 3 AEE MATERIA: ELETTRONICA/ELETTROTECNICA UNITA DI APPRENDIMENTO 1: SICUREZZA ELETTRICA Essere consapevole dei rischi e dei pericoli legati all utilizzo della corrente elettrica. Valutazione

Dettagli

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma Circuiti Elettrici Un introduzione per studenti di Fisica Giulio D Agostini Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma 6 marzo 2015 ii Indice 1 Forze gravitazionali e forze elettriche 1 1.1 Forze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI L.T.E.

PROGRAMMAZIONE DI L.T.E. PROGRAMMAZIONE DI L.T.E. (LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI ) CLASSE II Note: - le classi prime, durante l'anno scolastico, svolgeranno, a rotazione, le lezioni nei laboratori e con i docenti specifici

Dettagli

MISURATORE DIGITALE MODELLO M890G

MISURATORE DIGITALE MODELLO M890G MISURATORE DIGITALE MODELLO M890G MANUALE D ISTRUZIONE I II INTRODUZIONE Il misuratore digitale M890G può essere usato per misurare tensioni e corrente DC, tensioni e corrente AC, resistenza, capacità,

Dettagli

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo SCH 33 Voltmetro a 3 digit Obiettivi Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo IC1 = CA 3162 A/D converter for 3-Digit Display IC2 = CA 3161 BCD to seven segment

Dettagli

arsic Italia Voltmetri

arsic Italia Voltmetri Voltmetri Il voltmetro è uno strumento per la misura della differenza di potenziale elettrico tra due punti di un circuito, la cui unità di misura è il volt con simbolo V. L'unità di misura possiede questo

Dettagli

ACCESSORIES Generatore d Impulsi V2.0-Ex Bollettino Tecnico

ACCESSORIES Generatore d Impulsi V2.0-Ex Bollettino Tecnico 03.22 Caratteristiche: Applicazione: 50 impulsi per rivoluzione del tamburo di misura Per uso con TG05 a TG50, BG4 a BG100 Uni-direzionale Utilizzabile in zone ex-proof 3 Il generatore di impulsi per contatori

Dettagli

ESERCITAZIONI PRATICHE: Ø Creazione di un decoder BCD/DEC con porte logiche. Ø Esercitazione con decoder 4511 e display 7 segmenti.

ESERCITAZIONI PRATICHE: Ø Creazione di un decoder BCD/DEC con porte logiche. Ø Esercitazione con decoder 4511 e display 7 segmenti. BCD 7 SEGMENTI Il display BCD 7 segmenti è un visualizzatore di numeri che possono andare da zero a nove, ed è un dispositivo optoelettrico, cioè fornisce luce all applicazione di tensione ai suoi capi.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Monitor a 14 con selettore a 4 canali modello LEE-128M4 codice 559591005. Manuale d uso

Monitor a 14 con selettore a 4 canali modello LEE-128M4 codice 559591005. Manuale d uso Monitor a 14 con selettore a 4 canali modello LEE-128M4 codice 559591005 Manuale d uso Sicurezza Questo simbolo indica la presenza di tensione pericolosa non isolata all interno dell'apparecchio che può

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ELETTRONICA A.S. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ELETTRONICA A.S. 2014/2015 REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE MINERARIO STATALE GIORGIO ASPRONI VIA ROMA, 45-09016 - IGLESIAS 078122304/078122502 e-mail:asproni.itis@tiscalinet.it PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ELETTRONICA

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE LINGUISTICA

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE LINGUISTICA RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE LINGUISTICA SOFTWARE Ver. 6.0 Pagina 1 Software di rete didattica Con opzione di laboratorio linguistico digitale A.A.C. La soluzione proposta permette di realizzare, partendo

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 PNEUMATICA PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 1. Generalità L unità carrellata Didacta PN20DNT consente lo studio dei parametri tipici di ventilatori centrifughi

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

Tensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio

Tensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio ensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio RIASSUNO: ensioni variabili e periodiche Ampiezza, valor medio, ed RMS Generatori di forme d onda ensioni sinusoidali Potenza : valore medio e valore efficace

Dettagli

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1 HANDICAP FISICI Sotto argomento 2.1 Le principali disabilità fisiche riguardano: A. Il movimento delle persone B. Gli occhi devono avere occhiali o usare il Braille C. Orecchie A. Handicap motorio Le persone

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

Manuale d Istruzione. Pinza amperometrica AC/DC True RMS. Modello 380940

Manuale d Istruzione. Pinza amperometrica AC/DC True RMS. Modello 380940 Manuale d Istruzione Pinza amperometrica AC/DC True RMS Modello 380940 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato la Pinza Amperometrica / Multimetro Watt True RMS Extech 380940. Questo strumento

Dettagli

ENCODER. Fig. 1. attivi C B A. APPUNTI DI ELETTRONICA ENCODER DECODER rel. 01/06 Prof. Domenico Di Stefano pag. 19

ENCODER. Fig. 1. attivi C B A. APPUNTI DI ELETTRONICA ENCODER DECODER rel. 01/06 Prof. Domenico Di Stefano pag. 19 ENCODER Gli encoder (codificatori) sono dispositivi elettronici che trasformano una informazione non binaria ( ottale, decimale, codice gray, ecc.) in un codice binario. Ad esempio l encoder di Fig. 1

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1- CATANZARO Tel.: 0961 745155 - Fax: 0961 744438 E-mail:cztf010008@istruzione.it Sito: www.itiscalfaro.cz.it ANNO SCOLASTICO 2011 2012 OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo Il Diplomato in Elettronica ed Elettrotecnica : - ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici,

Dettagli

Componenti elettronici. Condensatori

Componenti elettronici. Condensatori Componenti elettronici Condensatori Condensatori DIELETTRICO La proprietà fondamentale del condensatore, di accogliere e di conservare cariche elettriche, prende il nome di capacità. d S C = Q V Q è la

Dettagli

Limiti d'uso e precisioni delle termoresistenze al platino conformi a EN 60751: 2008

Limiti d'uso e precisioni delle termoresistenze al platino conformi a EN 60751: 2008 Informazioni tecniche Limiti d'uso e precisioni delle termoresistenze al platino conformi a EN 60751: 2008 Scheda tecnica WIKA IN 00.17 Informazioni generali La temperatura è la misurazione dello stato

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Docente : Macaluso Maria Annunziata Classe : 2^ sez.a B - C Indirizzo AM Materia di insegnamento : Scienze Integrate (CHIMICA) Libro di testo

Dettagli

Il corso di INGLESE unico e innovativo!

Il corso di INGLESE unico e innovativo! CORSI DI LINGUA INGLESE Il corso di INGLESE unico e innovativo! Ogni attività del corso ha una rilevanza personale, caratteristica che incoraggia gli allievi ad esprimersi liberamente in lingua creando

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento Il principio di funzionamento dei pannelli fotovoltaici è detto "effetto fotovoltaico". L' effetto fotovoltaico si manifesta nel momento in cui una

Dettagli

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC)

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) Un convertitore digitale/analogico (DAC: digital to analog converter) è un circuito che fornisce in uscita una grandezza analogica proporzionale alla parola di n bit

Dettagli

IL SISTEMA SMART RESPONSE

IL SISTEMA SMART RESPONSE IL SISTEMA SMART RESPONSE Intervideo Srl Via E. Fermi, 24 37026 Settimo di Pescantina (Vr) Tel: 045 8900022 Fax: 045 8900502 e-mail: info@intervideosrl.com 1 LO SMART RESPONSE Il sistema di risposta interattiva

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

Modello MR8875 MR8880/20 8870/20 MR8847 8860/50 8861/50 Modalità di funzionamento

Modello MR8875 MR8880/20 8870/20 MR8847 8860/50 8861/50 Modalità di funzionamento Modello MR8875 MR8880/20 8870/20 MR8847 8860/50 8861/50 Modalità di funzionamento MEM HIGHSPEED SI SI SI SI SI SI REC REALTIME SI SI - SI SI SI Calcolo RMS - SI - SI* SI SI Diagramma X-Y - - - SI SI SI

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270 A: Quadri elettrici OBIETTIVI DEL Conoscere i principali apparecchi di comando, segnalazione e protezione degli impianti elettrici. Conoscere il CAD elettrico. Saper descrivere le caratteristiche degli

Dettagli

ACCESSORI Generatore d Impulsi V3.2 Smart PG Bollettino Tecnico

ACCESSORI Generatore d Impulsi V3.2 Smart PG Bollettino Tecnico 03.16 Caratteristiche: 200 impulsi per rotazione del tamburo di misura Per uso con misuratori di gas modello TG05 a TG50, BG4 a BG100 Uni-direzionale Non utilizzabile in aeree ex-proof Applicazione: Componenti:

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

Tedesco Livello principiante intermedio avanzato A1 B2

Tedesco Livello principiante intermedio avanzato A1 B2 Livello principiante intermedio avanzato A1 B2 Questo foglio informativo contiene la lista dei corsi a frequenza settimanale. Per questi livelli vi proponiamo inoltre un gran numero di corsi intensivi.

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE A.S. 2015/2016 Prof. Emanuele Ghironi Prof. Sandro Manca Disciplina Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici Classe: TERZA Sez. Y INDIRIZZO: ELETTRONICA

Dettagli

Collegamento elettrico

Collegamento elettrico Fotocellula a tasteggio energetica Disegno quotato Con riserva di modifiche DS_ET318B_it_50123663.fm it 01-2013/06 50123663 10-30 V DC A 2 LS 500 Hz 1 1000mm 5 450mm (con ottica angolare a 90 ) Fotocellula

Dettagli

ET CONTROLLO CORRENTI INDOTTE CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 88 PARTE 1 - PRINCIPI DEL CONTROLLO CON CORRENTI INDOTTE 1.1) Scopo e limitazioni del metodo di controllo con correnti indotte

Dettagli

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS ISTITUTO VERONESE MARCONI Sede di Cavarzere (VE) PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS Classe

Dettagli

Introduzione al simulatore SPICE

Introduzione al simulatore SPICE Introduzione al simulatore SPICE Guida all uso del simulatore MULTISIM 2001 textbook edition di Electronics Workbench Introduzione (1) Il simulatore SPICE (Simulation Program with Integrated Circuit Emphasis)

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Sensori di posizione lineari Magnetostrittivi Guida Utente

Sensori di posizione lineari Magnetostrittivi Guida Utente Sensori di posizione lineari Magnetostrittivi Guida Utente INDICE: 1 DESCRIZIONE... 1 1.1 Relazione segnale-posizione... 1 1.2 Area utile (attiva) del sensore magnetostrittivo da 75mm... 2 1.3 Area utile

Dettagli

Istituto Superiore Cigna Baruffi Garelli, MONDOVI. PROGRAMMA SVOLTO DI FISICA - CLASSE 2^ A EE - Anno scolastico 2014/15

Istituto Superiore Cigna Baruffi Garelli, MONDOVI. PROGRAMMA SVOLTO DI FISICA - CLASSE 2^ A EE - Anno scolastico 2014/15 Istituto Superiore Cigna Baruffi Garelli, MONDOVI PROGRAMMA SVOLTO DI FISICA - CLASSE 2^ A EE - Anno scolastico 2014/15 INSEGNANTI: Massimo Morandini () - Renato Griseri () Testo adottato: "Dentro la fisica,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Meccaniche e Grafiche

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Meccaniche e Grafiche PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE Monte ore annuo 132 Libro di Testo Sistemi ed Automazione Industriale vol1 Natali Aguzzi Ed. Calderini SETTEMBRE Grandezze elettriche, magnetiche e loro unità di

Dettagli

Comunicazione. per il. Sintesi. Linee Guida e Materiali Didattici. Competenze di Base per il Lavoro

Comunicazione. per il. Sintesi. Linee Guida e Materiali Didattici. Competenze di Base per il Lavoro Competenze di base e Comunicazione per il Settore delle Pulizie Sintesi Linee Guida e Materiali Didattici Competenze di Base per il Lavoro Competenze di base e comunicative per lavoratori scarsamente qualificati

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ProStar TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO

ProStar TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO ProStar TM REGOLATORE FOTOVOLTAICO MANUALE DELL'OPERATORE e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com MANUALE DELL'OPERATORE RIEPILOGO SPECIFICHE PS-15 PS-30 PS-15M-48V Corrente solare

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA

SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA Pag 1 di 6 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO R. Pagliaccetti SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: Tecnologie

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA DISCIPLINARE anno scolastico 2008-2009

PROGETTAZIONE FORMATIVA DISCIPLINARE anno scolastico 2008-2009 ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO A. PACINOTTI Corso Gramsci - PISTOIA PROGETTAZIONE FORMATIVA DISCIPLINARE anno scolastico 2008-2009 DOCENTI DISCIPLINA STEFANO POLLINI TECNICA PROFESSIONALE

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Rete didattica e laboratorio linguistico DIDASOFT

Rete didattica e laboratorio linguistico DIDASOFT Rete didattica e laboratorio linguistico DIDASOFT CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE Il crescente bisogno di strumenti tecnologicamente avanzati per gestire la continua evoluzione dei media negli ambiti formativi

Dettagli

L apprendimento più sicuro.

L apprendimento più sicuro. SW Italy è formazione integrata studiamo piani formativi che soddisfino esigenze trasversali: lingue straniere gestione fondi interprofessionali L apprendimento più sicuro. La nostra filosofia: IL GUADAGNO

Dettagli

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Anno scolastico 2014/2015 Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Gli alunni stranieri per i quali si prevedere la progettazione di un Piano Didattico Personalizzato sono quelli non ancora

Dettagli

CONTATORI DEL GAS E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE DEL VOLUME

CONTATORI DEL GAS E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE DEL VOLUME Allegati Specifici - Allegato MI-002 CONTATORI DEL GAS E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE DEL VOLUME Ai contatori del gas e ai dispositivi di conversione del volume descritti qui di seguito, destinati ad essere

Dettagli

FACILE FARE BUSINESS

FACILE FARE BUSINESS BUSINESS BOARD - Lavagna Interattiva FACILE FARE BUSINESS Copiright - WeMake Service Srl 1 LAVAGNA INTERATTIVA - Introduzione La lavagna interattiva è un prodotto utile per le presentazioni o la formazione.

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

oscilloscopio introduzione

oscilloscopio introduzione oscilloscopio introduzione 1 L oscilloscopio è uno strumento in grado di visualizzare su uno schermo l andamento della differenza di potenziale al suo ingresso in funzione del tempo. Questo strumento consente

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

Prot. n. 2882/C27 Gazzaniga, 28/04/2012. Gara nazionale di elettronica 2012. Prova scritta

Prot. n. 2882/C27 Gazzaniga, 28/04/2012. Gara nazionale di elettronica 2012. Prova scritta 1 Prot. n. 2882/C27 Gazzaniga, 28/04/2012 Gara nazionale di elettronica 2012 Descrizione generale Prova scritta figura. Si vuole realizzare un gioco elettronico ispirato al tiro al bersaglio, come indicato

Dettagli

MATERIA: SISTEMI AUTOMATICI Perzolla Marco A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3AEt

MATERIA: SISTEMI AUTOMATICI Perzolla Marco A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3AEt : Silvia Zirti MATERIA: SISTEMI AUTOMATICI Perzolla Marco A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3AEt Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No (classe iniziale per la disciplina Sistemi

Dettagli

11 (9 dipendenti, 2 tirocinanti) FATTURATO ANNUO: 1 milione

11 (9 dipendenti, 2 tirocinanti) FATTURATO ANNUO: 1 milione Profilo Aziendale L azienda data-complex GmbH è stata fondata nel 1999 da Thomas Horn a Halberstadt. Dopo un attività pluriennale di successo in qualità di fornitore di servizi nel campo dell allestimento

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI Pag. 1 di 5 Docenti: Materia insegnamento: Tecnologia disegno e progettazione Dipartimento: Elettronica Classe terza Anno scolastico: 1 Livello di partenza (test di ingresso, livelli rilevati) Non è previsto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

Istruzioni per l uso CAMILLE BAUER METRAWATT METRAOHM 413 3-348-776-37 2/9.97. Ohmmetro per piccole resistenze

Istruzioni per l uso CAMILLE BAUER METRAWATT METRAOHM 413 3-348-776-37 2/9.97. Ohmmetro per piccole resistenze Istruzioni per l uso METRAOHM 413 Ohmmetro per piccole resistenze GOSSEN METRAWATT CAMILLE BAUER 3-348-776-37 2/9.97 V 8 6 5 4 20 200 PE-TEST 7 1 20 200 + /- METRAOHM 413 3 2 10 9 1 Tasto misura (accendere

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-20 CLASSE: 2 D Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

PicoScope USB Oscilloscope. breve Guida Introduttiva

PicoScope USB Oscilloscope. breve Guida Introduttiva breve Guida Introduttiva 5 Italiano...33 5.1 Introduzione...33 5.2 Informazioni sulla sicurezza...33 5.3 Contenuto...36 5.4 Requisiti di sistema...36 5.5 Installazione del software PicoScope...37 5.6 Newsletter

Dettagli

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli