NOVITA IN TEMA DI CONTENZIOSO BANCARIO E FINANZIARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOVITA IN TEMA DI CONTENZIOSO BANCARIO E FINANZIARIO"

Transcript

1 NOVITA IN TEMA DI CONTENZIOSO BANCARIO E FINANZIARIO La revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario Prof. Avv. Sido Bonfatti 1

2 SOMMARIO: 1. Ambito di applicazione delle norme di esonero dall azione revocatoria introdotte dalla riforma della legge fallimentare. 2. La esenzione da revocatoria delle rimesse effettuate su un conto corrente bancario. 3. Segue. Esclusione della riferibilità della disciplina della revocatoria delle rimesse su conto corrente bancario all insieme dei rapporti intrattenuti con la banca dal correntista fallito. 4. Segue. L orientamento giurisprudenziale formatori sulla legge previgente in materia di rimesse effettuate da terzi. In particolare: le rimesse accreditare in esecuzione di un contratto di tesoreria accentrata (cash pooling). 5. Segue. L orientamento giurisprudenziale formatori sulla legge previgente in materia di rimesse bilanciate da corrispondenti utilizzi del conto corrente bancario. 6. Segue. La rilevanza della esistenza o della mancanza di una apertura di credito bancario in favore del correntista. 7. Segue. I criteri di determinazione della esistenza e della consistenza della esposizione debitoria del correntista. Le modalità di accertamento del c.d. saldo disponibile. 8. Segue. I criteri di determinazione della durevolezza della riduzione dell esposizione debitoria. 9. Segue. I criteri di determinazione della durevolezza della riduzione dell esposizione debitoria. 10. La revocatoria degli atti estintivi di rapporti continuativi o reiterati Segue. Considerazioni conclusive in materia di revocatoria fallimentare delle rimesse su conto corrente bancario. 1. Ambito di applicazione delle norme di esonero dall azione revocatoria introdotte dalla riforma della legge fallimentare. L art. 67, 3 co., l.fall. dichiara che non sono soggetti all azione revocatoria una serie di atti, che elenca dalla lettera a) alla lettera g). Il quarto comma della norma aggiunge poi che le disposizioni di questo articolo non si applicano all istituto di emissione, alle operazioni di credito su pegno e di credito fondiario (ed aggiunge: sono salve le disposizioni delle leggi speciali ). Per la seconda delle categorie di atti esentati la esenzione concerne dunque, in modo esplicito, solamente l azione revocatoria (fallimentare) prevista da questo articolo (l art. 67). Per la prima categoria, invece, la esenzione riguarda l azione revocatoria. Secondo l opinione di alcuni interpreti le esenzioni disposte dal terzo comma dell art. 67 l.fall., che stiamo commentando, dovrebbero riguardare, in linea di principio, i soli atti normali di gestione: quindi dovrebbero evitare l esercizio dell azione revocatoria fallimentare, in sostanza, nelle sole ipotesi nelle quali essa sarebbe proponibile ai sensi dell art. 67, 2 co, l.fall. La conclusione non può essere condivisa, per molteplici ragioni. Innanzittutto il segnalato confronto letterale con la disposizione contenuta nel comma successivo induce a ritenere che le nuove esenzioni previste dal terzo comma abbraccino per lo meno tutte le ipotesi che ricadrebbero sotto l ambito di applicazione di questo articolo, quindi anche quelle riferibili al primo comma dell art. 67. In secondo luogo, anche ad una prima lettura delle fattispecie descritte come oggetto delle disposte esenzioni, si coglie che un buon numero di esse è funzionale ad evitare l applicazione proprio del primo comma dell art. 67 (con particolare riguardo alla esenzione per atti posti in essere in funzione della attuazione di piani di risanamento o di accordi di ristrutturazione, dal momento che è tipico di queste fattispecie il fenomeno del consolidamento dell indebitamento (bancario) pregresso, attraverso la costituzione di garanzie supplementari, che ricondurrebbero nell ambio di applicazione del primo comma dell art. 67 l.fall. numero 4 -). 2

3 Oltre a ciò, sempre facendo leva sul ricordato argomento letterale incentrato sul confronto con la disposizione del quarto comma della norma in commento, si può avere ragione di ritenere che gli atti contemplati nella disposizione in esame siano sottratti ad ogni azione revocatoria fallimentare, ivi comprese quelle previste dall art. 64 e dall art. 65 l.fall.; nonché - è da ritenere all azione revocatoria prevista dall art. 66 l.fall. azione revocatoria ordinaria proseguita o proposta dal curatore fallimentare -. La segnalazione della incoerenza delle espressioni, e dunque degli effetti, delle due regole di esenzione previste dai commi 3 e 4 dell art. 67 l.fall. si inscrive in un contesto caratterizzato da una totale mancanza di coordinamento delle disposizioni di varia natura che appartengono al richiamato fenomeno della esenzione da revocatoria. Innanzitutto si consideri come lo stesso legislatore della riforma della legge fallimentare, a distanza di pochi giorni, abbia disciplinato (d.lgs. n. 122/2005 sugli acquisti di immobili ancora da costruire) una ulteriore fattispecie di esenzione simile in tutto e per tutto a quella prevista dall art. 67, comma 3, lett. c) acquisti di immobili ad uso abitativo -, e tuttavia sottraendola alla sola revocatoria di questo articolo (l articolo 67), in palese contraddizione con la portata (apparentemente) generale della esenzione disposta per tutti gli atti previsti nel terzo comma dell articolo 67, comprendenti anche gli acquisti di immobili ad uso abitativo. Oltre a ciò si consideri come nell art. 67, 4 co., l.fall., il legislatore detti a ben vedere una norma, che se dovesse essere intesa nella sua portata testuale dovrebbe sottrarre una serie di fattispecie, tradizionalmente esentate, proprio a quelle esenzioni oggi introdotte in via generale (l art. 67, 4 co, l.fall., infatti, affermando che quello articolo non si applica poniamo all Istituto di emissione, da un punto di vista testuale, esclude l applicabilità anche del terzo comma della norma, che oggi contiene tutte le esenzioni che certamente è impensabile non applicare anche all Istituto di Emissione, o nelle altre situazioni contemplate dal quarto comma -). Tutto ciò per porre in guardia l interprete dall attribuire importanza eccessiva al dato testuale delle disposizioni introdotte dalla riforma della legge fallimentare, che presentato così tante e così tanto vistose imperfezioni tecniche, da imporre, in molti casi, di prescindere da una stretta aderenza al testo normativo, propendendo per l utilizzo di un criterio logico-sistematico Induce soprattutto a propendere per la tesi secondo la quale alla esenzione dall azione revocatoria prevista dall art. 67, 3 co., l. fall. deve essere attribuita portata generale, la circostanza che in diverse delle fattispecie interessate come vedremo -, la aspirazione a sottrarre all azione revocatoria fallimentare determinate categorie di atti riguarda anche situazioni nelle quali si presenterebbero altrimenti i presupposti dell esercitabilità dell azione revocatoria prevista dal primo comma dell art. 67 l. fall. come sarebbe, per esempio, per le garanzie costituite in favore di crediti pregressi, che rappresentassero atti di esecuzione di uno dei piani o degli accordi previsti dall art. 67. co.3, lett. d) oppure lett. e) l. fall. (infra) -; oppure i presupposti dell esercitabilità dell azione revocatoria prevista dall art. 65 l. fall. come sarebbe, per esempio, per il rimborso anticipato di debiti aventi scadenza molto differita nel tempo (potrebbe trattarsi di un prestito obbligazionario particolarmente oneroso), anch esso in ipotesi rappresentante un atto di esecuzione di uno dei menzionati piani o accordi previsti dall art. 67. co.3, lett. d) oppure lett. e) l. fall. -. Occorre infine domandarsi se gli atti in questione debbano considerarsi sottratti altresì all azione revocatoria ordinaria proposta anche al di fuori del fallimento. Militano in questo senso la considerazione che ove sopravvenisse il fallimento l azione revocatoria ordinaria diverrebbe improcedibile, ove si ritenesse inapplicabile agli atti esentati l art. 66 l.fall.; e la considerazione che risulterebbe irrazionale una disciplina che assoggettasse gli atti de quibus ad una disciplina più severa al di fuori del fallimento, che a seguito della pronuncia della sentenza dichiarativa. Non vi dovrebbero essere incertezze, invece, nel considerare rientranti nell ambito di applicazione delle esenzioni disposte dall art. 67, comma 3, l.fall novellato (e conseguentemente inapplicabili alle fattispecie ivi descritte) le azioni revocatorie fallimentari 3

4 cc.dd. speciali, disciplinate per lo più al di fuori della legge fallimentare, quali le azioni revocatorie cc.dd. aggravate per atti compiuti infragruppo, nella disciplina dell Amministrazione straordinaria ( ordinaria e speciale ); le azioni revocatorie relative alle operazioni di factoring, o di cartolarizzazione ; eccetera. In conclusione dell argomento relativo alla individuazione della ampiezza della esenzione assicurata dall art. 67, co. 3, l.fall. agli atti ivi elencati, si deve riferire anche dell opinione dottrinale favorevole a distinguere secondo la diversa categoria alla quale detti atti dovrebbero essere ricondotti. Premesso che gli atti de quibus potrebbero essere distinti in: (i) atti coerenti con la gestione ordinaria dell impresa lettere a) e b) dell art. 67, co. 3, l.fall. -; (ii) atti funzionali a sorreggere i tentativi di composizione negoziale della crisi d impresa lettere d), e) e g) -; e (iii) atti ritenuti particolarmente meritevoli di tutela per la condizione soggettiva dell interessato lettere c) ed f) -; si opina che mentre per la prima categoria la tutela accordata dalla esenzione in commento dovrebbe essere limitata agli atti normali come tali effettivamente coerenti con la gestione ordinaria dell impresa -, mantenendoli invece assoggettati alle azioni revocatorie fallimentari (degli artt l.fall. e) dall art. 67, co. 1, l.fall. quando avessero assunto connotati anormali ; per le altre due categorie di atti, invece, e sia pure per ragioni diverse, la portata della tutela offerta dalla previsione di esenzione dovrebbe essere massima, sino a ricomprendere la protezione nei confronti delle azioni revocatorie di cui agli artt. 65 e 67, co. 1, l.fall.; nonché dell azione revocatoria ordinaria promossa o proseguita dal curatore nel fallimento (art. 66 l.fall.) il chè implica il divieto di esercizio dell azione revocatoria ordinaria anche al di fuori del fallimento, per quanto già precedentemente osservato -. Nei confronti delle due categorie di atti rappresentate dalle fattispecie enunciate dalle lettere c), d), e), f) e g) dell art. 67, co. 3, l.fall. rimarrebbe esercitabile in sostanza solo l azione revocatoria fallimentare prevista dall art. 64 l.fall., considerandosi gli atti a titolo gratuito che ne costituiscono l oggetto, ontologicamente incompatibili con le fattispecie richiamate. Le conclusioni alle quali perviene questo orientamento dottrinale sono indubbiamente interessanti, ma in definitiva non condividibili. In primo luogo, il tenore letterale della norma non lascia spazio a trattamenti differenziati, essendo accomunate tutte le fattispecie disciplinate dall unica disposizione preliminare secondo la quale: non sono soggetti all azione revocatoria tutti gli atti successivamente enumerati. In secondo luogo la stessa distinzione volta a contrapporre gli atti compiuti durante la gestione ordinaria dell impresa a quelli appartenenti alle fattispecie diverse da quelle di cui alle lettere a) e b) dell art. 67, co. 3, l.fall., non può essere considerata rilevante, giacchè l invocazione della esenzione dall esercizio (per lo meno) delle azioni revocatorie di cui all art. 67, co. 2, l.fall. postula comunque la conseguita dimostrazione della conoscenza dello stato d insolvenza dell impresa da parte del soggetto convenuto in revocatoria (in mancanza di che, non ci sarebbe la necessità di invocare una esenzione, che postula l esercitabilità in astratto dell azione paventata): con il chè ogni riferimento alla sussistenza di una condizione di gestione ordinaria dell impresa risulta impropria. 2. La esenzione da revocatoria delle rimesse effettuate su un conto corrente bancario. Si è già detto che nell ambito della revocatoria fallimentare dei pagamenti di debiti liquidi ed esigibili (art. 67, 2 co., l. fall.) il tema che ha maggiormente occupato la riflessione della dottrina e l attività della giurisprudenza è forse quello rappresentato dall individuazione delle condizioni e dei limiti di assoggettabilità a revocatoria, con effetti restitutori in favore della procedura fallimentare, delle rimesse (cioè accreditamenti) effettuate dal fallito (o da terzi per lui) sui conti correnti intrattenuti con le banche. 4

5 La giurisprudenza si era andata attestando su orientamenti interpretativi che avevano condotto ad applicazioni pratiche assolutamente irragionevoli, in quanto comportanti l assoggettamento delle imprese bancarie a revocatorie fallimentari del tutto sproporzionate rispetto alle dimensioni dei rapporti intrattenuti con l impresa fallita. Sono innumerevoli gli esempi nei quali le somme revocate in danno della banca, in quanto costituenti rimesse assimilate ai pagamenti di cui all art. 67, 2 co., l.fall., superano di decine di volte l entità del credito mai concesso dalla banca all impresa fallita (e che come tale aveva costituito il rischio massimo assunto dalla prima nei confronti della seconda). Emblematica è anche la fattispecie che ha rappresentato una sorta di colpo di coda della vecchia disciplina, rappresentata dalle azioni revocatorie fallimentari promosse nell ambito dell Amministrazione Straordinaria Parmalat. Le sole azioni revocatorie fallimentari proposte nei confronti delle banche che intrattenevano normali rapporti creditizi con Parmalat escludendo pertanto le cause revocatorie radicate nei confronti delle banche che avevano curato il collocamento di bond emessi dalle società del Gruppo ; che avevano svolto attività di advisoring nelle operazioni di acquisizione e di dismissione di società; eccetera equivalgono, ad una prima e parziale rilevazione, ad una piccola legge finanziaria! Al cospetto di una giurisprudenza sostanzialmente insensibile ai richiami ad una applicazione più equilibrata degli orientamenti interpretativi assunti, in materia, nel corso del tempo; ed in costanza di una congiuntura economica sfavorevole, che conduceva alla moltiplicazione delle situazioni di crisi di impresa, la cui soluzione avrebbe richiesto un atteggiamento di disponibilità del ceto bancario a (continuare ad) assistere l impresa, piuttosto che prenderne le distanze a causa del timore delle conseguenze connesse alla possibile proposizione di azioni revocatorie; praticamente tutti i Progetti di riforma della legge fallimentare che si sono succeduti nel corso del tempo hanno registrato interventi volti a ridimensionare la portata dell azione revocatoria fallimentare, anche, se non soprattutto, per ciò che concerne la revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario. La ratio ispiratrice della riforma è espressamente stata enunciata, in modo inusualmente articolato e circostanziato, dallo stesso legislatore, nella Relazione accompagnatrice del primo provvedimento di riforma (d.l. n. 35/2005, convertito nella legge n. 80/2005), di tal chè pare conveniente darne sia pur sinteticamente atto già in apertura del commento alla nuova disciplina dell istituto. La menzionata Relazione avverte che l istituto della revocatoria fallimentare viene rimodulato attraverso un intervento caratterizzato da due principali obiettivi: a) la volontà di precisa(re) meglio i presupposti per l esercizio dell azione (oggi sovente fonte di incertezze applicative e di contrasti giurisprudenziali) ; b) la volontà di introdurre nell ordinamento una completa disciplina di esenzione dalla revocatoria, al fine di evitare che situazioni che appaiano meritevoli di tutela siano invece travolte dall esercizio, sovente strumentale, delle azioni giudiziarie conseguenti all accertata insolvenza del destinatario dei pagamenti. Ne deriva, conseguentemente, che per la individuazione dei contenuti della riforma, e per la soluzione delle possibili incertezze interpretative sulla loro reale portata, potranno essere considerati come utili criteri ermeneutici tra i possibili altri -: a) la dichiarata aspirazione del legislatore a semplificare i presupposti per l esercizio dell azione ; b) la dichiarata aspirazione del legislatore a prevenire l esercizio strumentale delle azioni giudiziarie conseguenti all accertata insolvenza del debitore, nei confronti di atti posti in essere nell ambito di situazioni che appaiono meritevoli di tutela e che pure non abbiano consentito di conseguire la sottrazione dell impresa interessata alla sentenza di fallimento -. La tecnica con la quale il d.l. n. 35/2005 ha perseguito questo obiettivo è rappresentata dalla introduzione di due principi: il primo, specifico della disciplina delle rimesse, costituito dall affermazione secondo la quale non sono soggette all azione revocatoria le rimesse effettuate su un conto corrente bancario, purchè non abbiano ridotto in maniera consistente e durevole l esposizione art. 67, 5

6 comma 3, lett. b), l.fall. -; il secondo, di carattere generale, e come tale applicabile per come sarebbe poi stato ineludibilmente chiarito dal decreto legislativo c.d. correttivo n. 169/ anche ai rapporti di conto corrente bancario, secondo il quale qualora la revoca abbia ad oggetto atti estintivi di [posizioni passive derivanti da rapporti di conto corrente bancario o comunque] di rapporti continuativi o reiterati, il terzo deve restituire una somma pari alla differenza tra l ammontare massimo raggiunto dalle sue pretese e l ammontare residuo delle stesse, alla data in cui si è aperto il concorso (art. 70, comma 3 l.fall.). La nuova disciplina postula che la rimessa abbia prodotto un accreditamento su un rapporto definibile conto corrente bancario; che è tale solo sino a quando non sia risultato chiuso, nel qual caso esso è espressivo solamente di un debito, il cui eventuale pagamento è soggetto alle sorti revocatorie ordinarie L esenzione da revocatoria fallimentare delle rimesse in conto corrente bancario non è applicabile ai pagamenti effettuati dopo la chiusura del conto corrente per estinguere o ridurre l esposizione debitoria verso la banca (Trib. di Brescia, , Fa, 2009, 101) 3. Segue. Esclusione della riferibilità della disciplina della revocatoria delle rimesse su conto corrente bancario all insieme dei rapporti intrattenuti con la banca dal correntista fallito. Prima di ogni altra indagine sui presupposti di applicabilità della disciplina della revocatoria delle rimesse su conto corrente bancario, e sugli effetti conseguenti alla eventuale pronuncia di revoca, è necessario stabilire se detta disciplina debba rivolgersi alla sola considerazione dello svolgimento del rapporto di conto corrente, al quale le rimesse revocande afferiscono, oppure se debba tenere in considerazione l insieme dei rapporti intrattenuti dal correntista con la banca. Il dubbio è originato da recenti proposte interpretative della giurisprudenza e della dottrina, a mente delle quali la valutazione dello effetto riduttivo della rimessa (che deve essere consistente e durevole per giustificarne la revoca) non dovrebbe essere riferito alla esposizione del conto corrente (dove il termine sta ad indicare il saldo passivo del conto, salva la valutazione della rilevanza o irrilevanza della esistenza di un affidamento e della entità del suo importo su cui torneremo in appresso -); ma dovrebbe invece essere riferita alla esposizione complessiva del correntista nei confronti della banca, comprensiva anche dei rapporti diversi dal conto corrente. Ai sensi dell art. 67 l.fall., nel nuovo testo normativo, le rimesse in conto corrente bancario sono revocabili se sono intervenute nei sei mesi anteriori alla dichiarazione di fallimento ed abbiano ridotto in maniera consistente e durevole l esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca con la scientia decoctionis dell accipiens, senza che possa più assumere rilevanza la distinzione tra conto passivo e conto scoperto elaborata nell interpretazione giurisprudenziale emersa nella trascorsa disciplina per individuare le rimesse aventi natura solutoria. Ai fini dell azione revocatoria fallimentare, pur in presenza di un conto affidato e l esistenza di un saldo attivo, occorre considerare le operazioni con cui la banca abbia estinto i propri crediti verso la correntista (nella specie, pur sussistendo un contratto di affidamento inerente ad un rapporto di conto corrente in corso, ma di fatto non più operante, la banca aveva utilizzato le rimesse non per effettuare pagamenti a terzi nell esercizio della funzione di intermediazione nell ambito del rapporto di conto corrente in corso, ma per ripianare esposizioni del 6

7 cliente derivanti da altri rapporti di import ed export operanti su conti separati con l istituto, divenendo effettiva beneficiaria dei versamenti intervenuti). Ai fini della valutazione della consistenza e della durevolezza della riduzione dell esposizione debitoria del correntista per la revocatoria fallimentare delle rimesse in conto corrente bancario ex art. 67, terzo comma, lett. b), l.fall., la movimentazione successiva del conto corrente che abbia esteso o ricreato il saldo debitore non esclude la revocabilità delle rimesse anteriori qualora non si sia trattato di operazioni di riutilizzo del conto da parte del cliente, ma di addebiti di posizioni creditorie della stessa banca (nella specie, finanziamenti all esportazione scaduti). Il requisito della consistenza e della durevolezza della riduzione dell esposizione debitoria del correntista, ai fini della revocatoria fallimentare delle rimesse in conto corrente ai sensi dell art. 67, terzo comma, lett. b), l.fall., va valutato alla luce dell esposizione complessiva del cliente, quale risultante dalla sommatoria del debito di conto corrente e di quelli relativi da altre forme tecniche di finanziamento, e sussiste qualora la riduzione superi le normali oscillazioni dei saldi di conto corrente. L art. 70, terzo comma, l.fall. introduce un criterio per limitare l oggetto della restituzione a seguito della revocatoria fallimentare e segna il limite quantitativo entro il quale il convenuto risponde; esso integra pertanto una condizione impeditiva che va eccepita tempestivamente dal convenuto cui incombe l onere della prova, allegando e dimostrando quale fosse l esatto ammontare della differenza fra la massima esposizione debitoria raggiunta dal fallito nel periodo c.d. sospetto ed il saldo finale, tenendo conto di tutte le linee di credito accordate, a prescindere dal fatto che al momento della rimessa fossero già state formalmente contabilizzate sul conto. (Trib. Udine, , Fa, 2011, 688) Nello stesso modo, queste recenti opinioni sostengono che nella applicazione dell art. 70, co. 3, l.fall., nella parte in cui limita l entità della somma che deve essere restituita dal correntista che abbia subito l azione revocatoria (di atti estintivi di posizioni passive ) al c.d. rientro conseguito nel periodo sospetto, non deve essere fatto riferimento all ammontare massimo della pretesa della banca raggiunto dal conto corrente di riferimento, bensì alla entità complessiva massima dell indebitamento bancario, anche derivante da rapporti diversi (GUGLIELMUCCI, 2011) Trattasi di una impostazione che non pare condividibile, sia perché priva di una accettabile relazione con il testo normativo di riferimento, sia perché originata dalla difficoltà di risolvere problemi interpretativi differenti, la cui soluzione non può essere affidata ad un tentativo di valutazione sintetica del complesso dei rapporti che possono intercorrere tra la banca e l impresa correntista. Sotto il primo profilo, pare innegabile che il legislatore piaccia o non piaccia abbia inteso disciplinare specificatamente, nell ambito dell art. 67, co. 3, lett. b) l.fall. come pure nell ambito dell art. 70, co. 3) il rapporto di conto corrente bancario, e non altri: onde nel momento in cui rileva l effetto di una rimessa su conto corrente (e non di un accredito tout court, magari, su un deposito titoli) sulla esposizione debitoria dell imprenditore, questa non possa essere rappresentata che dal saldo debitore del conto corrente (a nulla rilevando che la stessa espressione di esposizione debitoria assuma invece un carattere generale nel contesto della disposizione di cui all art. 67, co. 3, lett. d), l.fall., dove tale diversa accezione è giustificata dal contesto, per l appunto di carattere generale, nel quale essa è qui inserita): giustificandosi il carattere per c.d. atecnico del termine ( esposizione ) con la volontà del legislatore di attribuire rilevanza all effetto riduttivo (se consistente e durevole ) della rimessa tanto nelle situazioni di c.d. saldo (debitore) scoperto (o sconfinamento ); quanto nelle situazioni di c.d. saldo passivo infra -. Quanto al secondo profilo, occorre segnalare che le opinioni giurisprudenziali e dottrinali sopra ricordate hanno (tutte) preso lo spunto dalla considerazione del fenomeno della rimessa 7

8 incidente su un saldo debitore del conto corrente, poi riformatosi (con l effetto di privare di rilevanza revocatoria la rimessa, perché produttiva di una riduzione del saldo rivelatasi non durevole) in conseguenza di ulteriori addebiti originati (non da utilizzi produttivi di pagamenti in favore di terzi, bensì) dal regolamento di altri rapporti intercorrenti tra la banca ed il correntista, come per esempio l estinzione di finanziamenti all importazione, scaduti, chiusi, e regolati con addebiti sul conto corrente. Tale fenomeno, del tutto ingiustificatamente bollato come effetto di una gestione pilotata del conto corrente da parte della banca laddove invece rappresenta la semplice conseguenza di un ordinato regolamento contrattuale che prevede la confluenza dei risultati dei diversi rapporti intrattenuti dal cliente con la banca sul conto corrente (per l appunto) di corrispondenza -, viene considerato anomalo perché gli addebitamenti successivi alla rimessa, che la privano di rilevanza revocatoria (perché produttiva, come ho detto, di una riduzione del salvo debitore del conto solo temporanea), non rappresentano il presupposto di altrettanti pagamenti (o bonifici, o disposizioni di addebito, eccetera) rivolti a favore di terzi, bensì il regolamento di altri rapporti (debitori) con la stessa banca: onde si vorrebbe che alla riduzione della esposizione prodotta dalla rimessa venisse attribuito carattere durevole (con conseguente revocabilità della rimessa stessa), perché quantunque l accredito non abbia prodotto una riduzione duratura del saldo debitore del conto, avrebbe però prodotto (rectius: favorito) una riduzione (forse duratura: ma la congettura sarebbe tutta da dimostrare) delle altre esposizioni della banca regolate con successivo addebitamento sul conto corrente. In verità il fenomeno evocato deve trovare soluzioni diverse da quella ipotizzata di attrarne la disciplina a quella dettata dalla legge per la revocatoria delle rimesse in conto corrente, Il problema consiste nella individuazione dei presupposti di revocabilità dei pagamenti effettuati dal cliente in favore della banca (per es. in estinzione di un finanziamento alla importazione) attraverso il ricorso non già a risorse patrimoniali dell impresa, bensì ad ulteriore credito bancario (nel caso di specie, quello generato dall addebitamento sul conto corrente di corrispondenza ): dove il pagamento non produce alcun trasferimento di ricchezza tra il solvens e l accipiens, bensì più semplicemente, la sostituzione di un titolo all altro alla perdurante condizione di debitore del soggetto (apparentemente) solvens. Riportata la questione nei suoi termini corretti, essa deve essere risolta alla luce delle conclusioni alle quali si è pervenuti in materia di revocabilità (o meno) delle operazioni di giro conto (infra, n. 4), e non come proposto dalle opinioni sopra ricordate ipotizzando la riferibilità della disciplina della revocatoria delle rimesse su conto corrente bancario all insieme dei rapporti intercorrenti tra banca e correntista. 4. Segue. L orientamento giurisprudenziale formatosi sulla legge previgente in materia di rimesse effettuate da terzi. In particolare: le rimesse accreditate in esecuzione di un contratto di tesoreria accentrata (cash pooling). In materia di rimesse effettuate sul conto corrente bancario dell imprenditore, poi fallito, da un soggetto-terzo, si assiste ad un orientamento giurisprudenziale che appare poco coerente con gli esiti, sempre giudiziali, della equivalente discussione circa la revocabilità delle garanzie dei terzi. Mentre per ciò che concerne la revocatoria delle garanzie, la garanzia costituita da un terzo non è revocabile, anche secondo i giudici, nel fallimento del debitore principale (potrà esserlo, eventualmente, ove fallisca il terzo garante, nell ambito del fallimento di questi); per ciò che concerne invece la revocatoria dei pagamenti, è revocabile anche il pagamento del terzo, secondo la giurisprudenza, con la sola eccezione del pagamento effettuato da un terzo che sia anch esso debitore del creditore soddisfatto, quindi autore del pagamento di un debito anche proprio (ipotesi del pagamento da parte del coobbligato solidale e da parte del fideiussore del fallito). A tale proposito va osservato, in via preliminare, che il pagamento del terzo non è sempre, in realtà, un pagamento effettuato a scapito di un patrimonio estraneo al concorso fallimentare. 8

9 Nel caso, assai frequente, del pagamento ricevuto dalla banca da un soggetto terzo, diverso dal cliente poi fallito, il pagamento produce in realtà effetti diretti sul patrimonio di quest ultimo, tutte le volte nelle quali il solvens fosse suo debitore (ad es., i clienti, debitori dei prezzi degli acquisti effettuati o dei servizi ottenuti). In tali fattispecie, infatti, il solvens, pagando alla banca (rectius: pagando all imprenditore presso la banca da questi indicata), estingue una propria obbligazione, che il curatore fallimentare non avrà più titolo ad esigere. Nei limiti in cui il pagamento di questo genere di terzi abbia estinto o ridotto un credito della banca verso l imprenditore poi fallito come nelle ipotesi nelle quali abbia estinto o ridotto l esposizione presentata dal conto corrente del fallito sul quale è stato accreditato il pagamento del terzo -, tale versamento è revocabile alla stregua di quello che fosse stato effettuato direttamente dal correntista con il denaro che gli fosse pervenuto dal solvens. Ma la giurisprudenza assoggetta a revocatoria fallimentare i pagamenti ricevuti dall accipiens (di norma, la banca) anche da terzi, quantunque si tratti di esborsi che non hanno in alcun modo inciso sul patrimonio dell imprenditore fallito. E il caso del terzo, che avesse indirizzato al fallito un pagamento non dovuto; od ancora del terzo, che abbia voluto alleggerire l indebitamento del fallito per migliorarne la situazione economica (come può accadere a seguito dello intervento di un familiare, o all interno dei gruppi societari a seguito dell intervento della capogruppo in favore di una società controllata). In questi casi, talora la giurisprudenza subordina la revocabilità del pagamento del terzo, ricevuto dall accipiens, alla circostanza che il terzo abbia già recuperato quanto pagato nell interesse del fallito, a scapito del patrimonio di questi. In tutte queste ipotesi la soluzione proposta dalla giurisprudenza non è condividibile: e nella fattispecie menzionata per ultima, la revocatoria andrebbe piuttosto orientata nei confronti del solvens, per il rimborso ottenuto dal fallito. Il tema rientra infatti nell argomento più generale della (non) revocabilità del c.d. pagamento del terzo, di cui abbiamo già denunciato la esclusiva rilevanza per l ipotesi del fallimento del solvens e limitatamente alla revocabilità del pagamento sub specie di pagamento del debito altrui. Infine occorre segnalare quell orientamento giurisprudenziale secondo il quale non si sarebbe mai in presenza di un pagamento del terzo, in realtà, tutte le volte nelle quali il versamento di questi fosse comunque affluito sul conto corrente bancario del fallito, a titolo (per l appunto) di rimessa. L accreditamento sul conto, infatti, si sarebbe comunque tradotto nella entrata delle somme nelle disponibilità del correntista quale che ne fosse l origine -, con la conseguenza che la sua eventuale incidenza sul conto scoperto la renderebbe assoggettabile a revocatoria fallimentare alla stregua di qualsiasi altra rimessa diretta effettuata dal correntista. Trattasi peraltro di un orientamento che pare in via di abbandono da parte della stessa giurisprudenza. E in tale contesto che deve essere ricercata la soluzione al problema della revocabilità delle rimesse accreditate sul conto corrente bancario in esecuzione di un contratto di tesoreria accentrata ( cash pooling ). Tale contratto viene stipulato di norma tra le società appartenenti ad un gruppo societario, e specificamente tra ogni società controllata (di norma, società operativa) e la comune società controllante (di norma, una holding di partecipazione, di natura finanziaria, che detiene il controllo azionario delle società operative del gruppo, al fine di coordinarne le attività, anche proprio sotto un profilo di carattere finanziario). Nell ipotesi normale nella quale ogni società operativa (controllata) intrattiene con il sistema bancario rapporti strettamente coerenti con la propria attività, la stessa società controllata ed il gruppo societario nel suo complesso potrebbero risentirne effetti pregiudizievoli. La società operativa o taluna tra le operative del gruppo potrebbe presentare connotati patrimoniali insufficienti a giustificare l entità del sostegno finanziario bancario alla propria attività (potrebbe essere il caso di una società di pura commercializzazione); il gruppo, nel suo complesso, potrebbe soffrire di una inefficiente gestione finanziaria, tutte le volte nelle quali talune società presentassero ordinariamente saldi attivi di liquidità (potrebbe essere il caso di società che vendono per contanti o quasi, come quelle attive nei settori dell e.commerce), remunerati in misura insufficiente dalle banche depositarie; ed altre società presentassero ordinariamente, 9

PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE

PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE (Prof. Sido Bonfatti) 1. I profili problematici delle innovazioni apportate dalla riforma alla disciplina dell azione revocatoria fallimentare. Relativamente

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Revocatorie Rimesse bancarie

Revocatorie Rimesse bancarie Revocatorie Rimesse bancarie 22 giugno 2004 Confronto su prassi giudiziaria e giurisprudenziale presso il Tribunle di Torre Annunziata Dott. Massimo Sequino Presupposto normativo Art. 67 comma 2 legge

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello di Giuseppe Rebecca Studio Rebecca & Associati Vicenza/Schio Finalmente pubblicata una nuova sentenza del giudice Mauro Vitiello,

Dettagli

IL CASO.it 18 marzo 2006 1

IL CASO.it 18 marzo 2006 1 La rilevanza della distinzione tra conto scoperto e conto passivo nella nuova disciplina della revocatoria di rimesse in conto corrente bancario Brevi note 1. Premessa. Con specifico riferimento all azione

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente PROT. n. 49267 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 9/2007 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Articolo 8 del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, Portabilità del mutuo;

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata:

Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata: LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE di Giuseppe Rebecca, Studio Rebecca & Associati di Vicenza Introduzione La nuova azione revocatoria delle rimesse bancarie è disciplinata da due articoli della

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 58/E Roma, 27 febbraio 2002 OGGETTO: Interpello n.954-130/2001. Articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n.212. Contratto di tesoreria accentrata Cash pooling. Applicabilità del regime di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Roma, 08 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. XY S.r.l - Art. 26-bis del DPR 29 settembre 1973, n. 600- Contratto denominato notional

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 133 07.05.2013 Finanziamento e società in perdita Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nelle società di piccole dimensioni

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

La nuova revocatoria fallimentare Appunti per una relazione - Giuseppe Rebecca

La nuova revocatoria fallimentare Appunti per una relazione - Giuseppe Rebecca La nuova revocatoria fallimentare Studio Rebecca & Associati di Vicenza Partner Synergia Consulting Group Convegno IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE: OPERATORI A CONFRONTO 17 febbraio 2006 Palazzo dei Congressi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

LE PROCEDURE DI COMPOSIZIONE NEGOZIALE DELLE CRISI D IMPRESA: OPPORTUNITA E RESPONSABILITA. Convegno Nazionale di Reggio Emilia, 8 ottobre 2010

LE PROCEDURE DI COMPOSIZIONE NEGOZIALE DELLE CRISI D IMPRESA: OPPORTUNITA E RESPONSABILITA. Convegno Nazionale di Reggio Emilia, 8 ottobre 2010 LE PROCEDURE DI COMPOSIZIONE NEGOZIALE DELLE CRISI D IMPRESA: OPPORTUNITA E RESPONSABILITA Convegno Nazionale di Reggio Emilia, 8 ottobre 2010 Il sostegno finanziario dell impresa nelle procedure di composizione

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012 2 ottobre 2012 Practice Group: Restructuring & Bankruptcy Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. Di Andrea Pinto (A) Introduzione La Legge n. 134 del 7 agosto 2012, pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3. Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1

Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3. Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1 Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3 Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1 Seminario del 14 novembre 2011 LA SENTENZA N. 5032/2011 DEL CONSIGLIO DI STATO

Dettagli

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI 1. la nota di precisazione del credito specifica l ammontare: a) dei crediti in prededuzione; b) dei crediti in privilegio; c) dei crediti

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Con atto di citazione ritualmente notificato, il fallimento A s.r.l., in persona del curatore, dopo aver premesso che, con sentenza

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe Grillenzoni Rag. Silvana Lanzotti Dott. Gianluca Mastrantonio Dott. Gregorio

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Da una prima lettura del testo il tecnico deduce che il conto corrente è stato ricondotto ad un finanziamento ad interesse semplice.

Da una prima lettura del testo il tecnico deduce che il conto corrente è stato ricondotto ad un finanziamento ad interesse semplice. Riflessioni sul documento di consultazione della Banca d Italia in merito all attuazione dell articolo 120, comma 2, del Testo unico bancario in materia di produzione degli interessi nelle operazioni poste

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 5 Fax: Data: 27 maggio 2013 Egregi Signori, PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali si segnala un argomento

Dettagli

Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria

Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014. Estensore Vitiello. Revocatoria fallimentare -

Dettagli

LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986

LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986 COMMISSIONE IMPOSTE DIRETTE LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986 a cura di Stefano Coleti, Anna Gallo, Biagio Lanzillotti, Luigi Migliore, Annamaria Simonetti 1. RIFERIMENTI

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012.

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. La monetizzazione delle ferie maturate e non fruite aveva trovato una prima regolamentazione, specifica ed espressa, nei CCNL dei

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE C i r c o l a r e d e l 3 m a g g i o 2 0 1 2 P a g. 1 di 7 Circolare Numero 16/2012 Oggetto ACE _ AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA - AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Sommario 1_

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il curatore ed il contratto di leasing risolto prima della dichiarazione di. fallimento.

Il curatore ed il contratto di leasing risolto prima della dichiarazione di. fallimento. Il curatore ed il contratto di leasing risolto prima della dichiarazione di fallimento. La recente riforma della legge fallimentare ha valorizzato e reso più autonomo il ruolo del curatore, più libera

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

Disponibilità liquide

Disponibilità liquide OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Disponibilità liquide Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di Pagamento diretto dei subappaltatori e anticipazione su fattura: due novità che faranno discutere di Massimo Gentile 1. In attuazione di quanto disposto dall articolo 25, comma 3, della Legge 18 aprile

Dettagli

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI Federazione Artigiani Pensionati Italiani offre un servizio concreto ai suoi associati.

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Prof.

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/2002

CIRCOLARE N. 12/2002 CIRCOLARE N. 12/2002 PROT. n 96362 ENTE EMITTENTE: Direzione dell Agenzia. OGGETTO: Art. 15 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 601 - Corretta individuazione del presupposto oggettivo - Esame di ulteriori

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI a cura Giuseppe Demauro La complessa fase di erogazione dei finanziamenti stipulati con le banche, si caratterizza anche per la determinazione dell imposta

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

[Giurisprudenza] Il Caso.it

[Giurisprudenza] Il Caso.it Finanziamenti prededucibili finalizzati ad un piano concordatario o ad un accordo di ristrutturazione dei debiti: distinzione e oggetto dell attestazione del professionista Tribunale di Bergamo, 26 giugno

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

LA VENDITA DEI MACCHINARI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI E LE RESPONSABILITA DEL CURATORE

LA VENDITA DEI MACCHINARI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI E LE RESPONSABILITA DEL CURATORE LA VENDITA DEI MACCHINARI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI E LE RESPONSABILITA DEL CURATORE La vendita delle macchine in sede concorsuale le normativa sulla salute e sicurezza sul lavoro Avv. Marco Tonellotto

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Cristiana Maria Schena Membro designato dalla Banca d Italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla Membro

Dettagli

OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi

OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi Nel quadro di una revisione complessiva del corpus dei principi contabili nazionali si è ritenuto che il principio OIC 14 fosse la sede più

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli