Lettera di presentazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lettera di presentazione"

Transcript

1 NEW ENERGY POWER SRL Strada Vecchia per Chieri VILLANOVA D ASTI (AT) Italia Tel Fax P.IVA e Cod.Fisc Lettera di presentazione L azienda New Energy Power è parte del Gruppo Saraceno che è costituito da un network di società operanti a vario titolo nel settore della gestione dei rifiuti. Il Gruppo nasce negli anni 80 con l attività di recupero dei metalli ferrosi e non. L emanazione delle vigenti norme in materia ambientale ha dato un notevole impulso allo sviluppo delle aziende del Gruppo verso la progettazione e l attuazione di realtà produttive non più per il solo recupero ma anche per il trattamento dei rifiuti. I rifiuti hanno iniziato a divenire una risorsa ed il Gruppo Saraceno ha dato avvio allo sviluppo dell attuale network di imprese, che si occupano della gestione del fine vita di alcune tipologie di rifiuti e del loro recupero, trattamento e riciclo con impianti ecologici e tecnologie all avanguardia. La Saraceno Srl, tra le altre aziende del Gruppo, esercita, con mezzi propri e personale addetto, l attività di raccolta, stoccaggio e commercializzazione di rifiuti pericolosi (nella fattispecie batterie esauste al piombo) raccogliendo direttamente dai produttori del rifiuto una quantità mensile di tonnellate. L attività di raccolta di batterie al piombo esauste era originariamente riservata a soggetti determinati, incaricati dal consorzio obbligatorio per la raccolta delle batterie (Cobat), istituito per legge nel Di fatto, con la suddetta legge, veniva istituzionalizzato un monopolio statale in materia di raccolta e riciclo delle batterie al piombo esauste. Il sistema così delineato ostacolava la libera circolazione delle merci sotto il profilo dell obbligo di conferimento al Cobat e l iniziativa economica privata costituzionalmente garantita ex art. 41. Il Dott. Demetrio Saraceno ha dato inizio ad un organizzazione commerciale alternativa al sistema monopolista imposto dal Cobat, denunciando in prima persona, e comunque a favore di tutti gli operatori del settore emarginati dal circuito Cobat, il fatto monopolistico presso l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, presso la Comunità Europea; lo Stato Italiano ha ricevuto una comunicazione di messa in mora ed è stato obbligato a modificare il sistema imposto dal Cobat. Inoltre, in ossequio alla Raccomandazione della Commissione Europea del 21 maggio 2001, che invitava lo Stato Italiano a superare le restrizioni all esportazione di batterie al piombo esauste verso altri Stati membri dell Unione, fu introdotta la possibilità di esportare batterie esauste per destinarle a impianti di recupero all estero in conformità con quanto indicato nel Regolamento CE 259/1993, che dettava disposizioni in materia di spedizioni transfrontaliere di rifiuti. La Saraceno Demetrio prima, oggi Saraceno Srl, effettua la raccolta di batterie esauste al piombo in qualità di soggetto autorizzato allo svolgimento di attività di gestione dei rifiuti dalla normativa vigente, nonché effettua l esportazione di batterie al piombo esauste in Stati membri, secondo le procedure amministrative di cui al Regolamento CE 1013/2006. Pagina 1 di 14

2 La New Energy Power Srl è un azienda italiana che si occupa del ciclo chiuso della batteria al piombo acido. Ci riferiamo pertanto alla raccolta diretta dell esausto con propri mezzi, alla messa in riserva dei rifiuti per il pretrattamento dello scassettamento della batteria e allo stoccaggio dei prodotti ottenuti. I prodotti ottenuti dal recupero delle batterie sono: Pastello / ossido di Piombo Poli e griglie / Piombo e Polipropilene Il piombo ottenuto dalla lavorazione di tali prodotti è avviato in trasformazione presso fonderie che lo raffinano e ce lo restituiscono in pani, in analisi PB 99,97% UNI 3165 e PB Sb 1,85%. Pagina 2 di 14

3 Solitamente stocchiamo pani di piombo per un efficienza di pronta consegna per circa 700 tonnellate. Il piombo ottenuto viene dunque venduto o dato in conto lavoro a costruttori di batterie nuove, per avere in cambio batterie avviamento di vario amperaggio marchiate New Energy Power; ad oggi il nostro costruttore principale è INDUSTRIAS TUDOR SP DE BATERIA LTDA, sito in Brasile. Le plastiche, PP, pezzatura PP, pezzatura 4/5 cm. 10/15 mm. vengono avviate alla rigenerazione presso un azienda partner del Gruppo Saraceno, avente personale esperto, che opera da anni nel settore del recupero plastico, ottenendo così un PP a granulo nero, Pagina 3 di 14

4 nuovamente avviato nel ciclo produttivo della batteria al piombo nuova e in altri cicli di stampaggio del polipropilene. Siamo importatori di batterie nuove al piombo acido, marchiate New Energy Power. Tali batterie sono vendute ai nostri fornitori di esausto, che oggi generano circa tonnellate/mese di rifiuto batteria. Gli obiettivi della New Energy Power sono: importare circa batterie all anno e crescere migliorando la qualità del prodotto nuovo e del servizio attuale, fornito da tempo ai nostri produttori dell esausto diventati anche nostri clienti. Per questo motivo, abbiamo creato all interno del nostro stabilimento un magazzino di pezzi sempre pronti per la consegna del nuovo. Pagina 4 di 14

5 Il Dott. Demetrio Saraceno ha studiato, brevettato e, di fatto, realizzato due impianti di recupero delle batterie esauste al Pb Completamente Mobili. L idea è che non sia più la batteria a muoversi ma l impianto presso la batteria, riducendo l impatto ambientale a zero rischio. L impianto può comunque essere installato anche in pianta fissa. Tale idea è stata concepita in seguito alle problematiche riscontrate nella movimentazione dei rifiuti, sia per il fatto che le autorizzazioni hanno validità un anno, sia per le garanzie da prestare sull attività stessa, tra Stati membri CE. Questa innovazione è stata oggetto di conferenze in Regione Piemonte, alla presenza di tutti i rappresentanti del settore ambiente delle province R.P. e dopo varie valutazioni di rischio e migliorie, allo scopo di prevenire problemi ecologici in capo al rifiuto batteria, il progetto ha ottenuto l autorizzazione nel 2001, in osservanza della normativa allora vigente (Decreto Ronchi 22/97, artt. 27, 28). La New Energy Power Srl ha la titolarità del brevetto dell impianto concepito e inventato dal Dott. Demetrio Saraceno, registrato in Europa e nei paesi India, Cina, e Federazione Russa. L impianto considerato di Prima generazione è stato costruito nel 2006, in collaborazione con la società Engitec Technologies cha ha aiutato nella costruzione dell impianto da noi brevettato. Su tale impianto furono riscontrati vari difetti di ingombro e usabilità tali da considerarlo più un installazione fissa con una produzione oraria di 3,5 tonnellate di batterie e non come semovente. Le esperienze fatte sul primo impianto unite alla crescita ingegneristica dell azienda costituirono l occasione per apportare notevoli miglioramenti, portando alla realizzazione dell impianto di Seconda generazione. Pagina 5 di 14

6 Il Secondo Impianto, realizzato nel 2007, è stato studiato e costruito quindi sull esperienza del primo con innovazioni ingegneristiche e secondo le modifiche normative avvenute. In base all obiettivo della movimentabilità, questo secondo tipo d impianto è stato creato su due semirimorchi studiati e costruiti adattandoli alla forma strutturale dell impianto stesso, migliorandone la compattezza e la flessibilità nella movimentazione, lo spazio di operatività, la rumorosità e, non ultimo, portando la produzione fino a 5 tonnellate/ora. Pagina 6 di 14

7 Successivamente, nel 2008, si è pervenuti all impianto di Terza generazione, attualmente in fase di collaudo e di installazione nello stabilimento New Energy Power di Villanova d Asti. L ingegneria apportata su di esso è frutto di costanti collaudi pratici, svolti giorno dopo giorno e di conseguenti modifiche teorico/ingegneristiche. L impianto è diventato più compatto dei precedenti, sono state ridotte tutte le parti soggette a maggiore usura e manutenzione, aumentando la produzione oraria verso le 10 tonnellate/ora. L impianto è stato concepito direttamente dall utilizzatore per trattare tonnellate di batterie esauste in un mese, su un turno di 8 ore, ed è stato ideato come uno strumento idoneo a trasformare i prodotti estratti dalla batteria esausta in materia prima. L impianto di terza generazione non si limita quindi solo allo scassettamento, ma realizza un nuovo concetto: recupero e valorizzazione dei diversi componenti della batteria, avviando i sottoprodotti ottenuti esclusivamente e direttamente agli impianti di rigenerazione per la produzione del piombo, della plastica ed dell acido solforico. I risultati ottenuti sull impianto di terza generazione permettono agli impianti di rigenerazione che ricevono le materie prime seconde da esso recuperate, di non eseguire nessun tipo di pretrattamento e di utilizzarle quindi direttamente nel ciclo produttivo di ciascuna tipologia di rifiuto. POSSIAMO AFFERMARE OGGI DI AVER OTTENUTO UN IMPIANTO DI QUALITA SUPERIORE E UNICO AL MONDO, studiato per servire aziende come la nostra, realizzato per trattare TUTTE le BATTERIE AL PIOMBO, mantenendo costanti i costi di gestione, produzione e qualità dei prodotti. Ciò è stato possibile grazie al fatto che l impianto non è nato per essere commercializzato, bensì è stato progettato, costruito ed usato da un operatore con profonda conoscenza diretta della problematica della raccolta delle batterie esauste e di quanto connesso all attività di recupero delle stesse. È stato quindi realizzato per soddisfare le esigenze ed il fabbisogno dell azienda per questo trattamento. Pagina 7 di 14

8 La New Energy Power Srl valorizza la batteria esausta in % in base alla quotazione del Pb della Borsa di Londra (LME). Essendo produttore e importatore di accumulatori al piombo, la New Energy Power Srl organizza la gestione e il recupero finale del rifiuto, in attuazione alla direttiva 2006/66/CE indirizzata agli stessi produttori, a titolo assolutamente non oneroso per il consumatore, come indicato nella direttiva stessa. Lo Stato Italiano, con il D.L. 188/2008, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il , applica la nuova direttiva CE ed abroga la precedente n. 91/157, abolendo definitivamente, di fatto, il consorzio obbligatorio (COBAT), sopprimendo il contributo ambientale e l obbligatorietà di conferimento dell esausto ad un unico Consorzio. La New Energy Power, sulla propria area industriale di mq., di cui mq. al coperto, è autorizzata alla realizzazione di un impianto per il riciclaggio completo della batteria esausta al piombo acido, con il recupero finale di ogni componente della stessa. La potenzialità di stoccaggio e trattamento di rifiuti piombosi (batterie esauste) è di tonnellate/anno. In ottemperanza alla direttiva sopra citata, la New Energy Power Srl offre: alle aziende munite di autorizzazione alla raccolta e trasporto delle batterie esauste al piombo, contratti di servizi inerenti alle proprie autorizzazioni; alle aziende già operanti nella vendita del nuovo, mandati per la distribuzione di batterie marchiate New Energy Power; Pagina 8 di 14

9 oltre al recupero finale dei rifiuti sotto elencati: Tabella 2 Elenco codici CER CER DESCRIZIONE RIFIUTO 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI Fanghi di perforazione e altri rifiuti di perforazione * Fanghi e rifiuti di perforazione contenenti oli (limitatamente a residui pompabili) 02 RIFIUTI PRODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E PESCA, TRATTAMENTO E PREPARAZIONE DI ALIMENTI Rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura, selvicoltura, caccia e pesca Rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi) Rifiuti metallici 03 RIFIUTI DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO E DELLA PRODUZIONE DI PANNELLI, MOBILI, POLPA, CARTA E CARTONE 0301 Rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli e mobili * Segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci contenenti sostanze pericolose Segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci diversi da quelli di cui alla voce Rifiuti della produzione e della lavorazione di polpa, carta e cartone scarti di corteccia e legno scarti della separazione meccanica nella produzione di polpa da rifiuti di carta e cartone scarti della selezione di carta e cartone destinati ad essere riciclati 05 RIFIUTI DELLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO, PURIFICAZIONE DEL GAS NATURALE E TRATTAMENTO PIROLITICO DEL CARBONE Rifiuti della raffinazione del petrolio * Morchie depositate sul fondo dei serbatoi (limitatamente ai residui pompabili) * Perdite di olio * Fanghi oleosi prodotti dalla manutenzione di impianti ed apparecchiature (limitatamente ai residui pompabili) 06 RIFIUTI DEI PROCESSI CHIMICI INORGANICI Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di acidi * Acido solforico e acido solforoso Rifiuti contenenti metalli, diversi da quelli di cui alla voce * Rifiuti contenenti altri metalli pesanti 07 RIFIUTI DEI PROCESSI CHIMICI ORGANICI Rifiuti da produzione, formulazione, fornitura ed uso (PFFU) di plastiche, gomme sintetiche e fibre artificiali Rifiuti plastici 08 RIFIUTI DELLA PRODUZIONE, FORMULAZIONE, FORNITURA ED USO DI RIVESTIMENTI (PITTURE, VERNICI E SMALTI VETRATI), ADESIVI, SIGILLANTI E INCHIOSTRI PER STAMPA rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso e della rimozione di pitture e vernici * pitture e vernici di scarto, contenenti solventi organici o altre sostanze pericolose pitture e vernici di scarto, diverse da quelle di cui alla voce Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di inchiostri per stampa * Toner per stampa esauriti, contenenti sostanze pericolose Toner per stampa esauriti, diversi da quelli di cui alla voce * Oli dispersi 10 RIFIUTI PRODOTTI DA PROCESSI TERMICI Rifiuti di centrali termiche ed altri impianti termici (eccetto 19) Pagina 9 di 14

10 Tabella 2 Elenco codici CER CER DESCRIZIONE RIFIUTO * Acido solforico Rifiuti dell'industria del ferro e dell'acciaio Scorie non trattate Scaglie di laminazione * Rifiuti prodotti dal trattamento delle acque di raffreddamento contenenti oli (limitatamente ai residui liquidi o pompabili) Rifiuti della metallurgia termica dell'alluminio * Scorie della produzione primaria Rifiuti di allumina * Rifiuti prodotti dal trattamento delle acque di raffreddamento contenenti oli (limitatamente ai residui liquidi o pompabili) Rifiuti della metallurgia termica del piombo * Scorie della produzione primaria e secondaria * Impurità e schiumature della produzione primaria e secondaria * Polveri dei gas di combustione * Altre polveri e particolato * Rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi * Fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi * Rifiuti prodotti dal trattamento delle acque di raffreddamento contenenti oli (limitatamente ai residui liquidi o pompabili) Rifiuti della metallurgia termica dello zinco Scorie della produzione primaria e secondaria * Polveri dei gas di combustione Altre polveri e particolato * Rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi * Fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi * Rifiuti prodotti dal trattamento delle acque di raffreddamento contenenti oli (limitatamente ai residui liquidi o pompabili) Scorie e schiumature diverse da quelle di cui alla voce Rifiuti della metallurgia termica del rame Scorie della produzione primaria e secondaria Impurità e schiumature della produzione primaria e secondaria * Polveri dei gas di combustione * Rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi * Fanghi e residui di filtratone prodotti dai trattamento dei fumi * Rifiuti prodotti dal trattamento delle acque di raffreddamento contenenti oli (limitatamente ai residui liquidi o pompabili) Rifiuti della metallurgia termica di argento, oro e platino Scorie della produzione primaria e secondaria Impurità e schiumature della produzione primaria e secondaria * Rifiuti prodotti dal trattamento delle acque di raffreddamento contenenti oli (limitatamente ai residui liquidi o pompabili) Rifiuti della metallurgia termica di altri minerali non ferrosi * Scorie salate della produzione primaria e secondaria Altre scorie Impurità e schiumature diverse da quelle di cui alla voce * Rifiuti prodotti dal trattamento delle acque di raffreddamento contenenti oli (limitatamente ai residui liquidi o pompabili) Rifiuti della fusione di materiali ferrosi Scorie di fusione Rifiuti della fusione di materiali non ferrosi Scorie di fusione Rifiuti della fabbricazione del vetro e di prodotti di vetro Rifiuti di vetro diversi da quelli di cui alla voce RIFIUTI PRODOTTI DAL TRATTAMENTO CHIMICO SUPERFICIALE E DAL RIVESTIMENTO DI METALLI ED ALTRI MATERIALI; IDROMETALLURGIA NON FERROSA Rifiuti prodotti dal trattamento e ricopertura di metalli (ad esempio, processi galvanici, zincatura, decapaggio, pulitura elettrolitica, fosfatazione, sgrassano con alcali, anodizzazione) * Rifiuti di sgrassaggio contenenti sostanze pericolose Rifiuti prodotti da processi di galvanizzazione a caldo Pagina 10 di 14

11 Tabella 2 Elenco codici CER CER DESCRIZIONE RIFIUTO Zinco solido Ceneri di zinco * Rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi * Fondente esaurito 12 RIFIUTI PRODOTTI DALLA LAVORAZIONE E DAL TRATTAMENTO FISICO E MECCANICO SUPERFICIALE DI METALLI E PLASTICA Rifiuti prodotti dalla lavorazione e dal trattamento fisico e meccanico superficiale di metalli e plastiche Limatura e trucioli di metalli ferrosi Polveri e particolato di metalli ferrosi Limatura e trucioli di metalli non ferrosi Polveri e particolato di metalli non ferrosi Limatura e trucioli di materiali plastici * Oli minerali per macchinari, contenenti alogeni (eccetto emulsioni e soluzioni) * Oli minerali per macchinari, non contenenti alogeni (eccetto emulsioni e soluzioni) * Emulsioni e soluzioni per macchinari contenenti alogeni * Emulsioni e soluzioni per macchinari non contenenti alogeni * Oli sintetici per macchinari * Oli per macchinari, facilmente biodegradabili Rifiuti prodotti da processi di sgrassatura ad acqua e vapore (tranne 11) * Soluzioni acquose di lavaggio 13 OLI ESAURITI E RESIDUI DI COMBUSTIBILI LIQUIDI (TRANNE OLI COMMESTIBILI ED OLI DI CUI AI CAPITOLI 05, 12 E 19) Scarti di oli per circuiti idraulici * Oli per circuiti idraulici contenenti PCB * Emulsioni clorurate * Emulsioni non clorurate * Oli minerali per circuiti idraulici, clorurati * Oli minerali per circuiti idraulici, non clorurati * Oli sintetici per circuiti idraulici * Oli per circuiti idraulici, facilmente biodegradabili * Altri oli per circuiti idraulici Scarti di olio motore, olio per ingranaggi e oli lubrificanti * Scarti di olio minerale per motori, ingranaggi e lubrificazione, clorurati * Scarti di olio minerale per motori, ingranaggi e lubrificazione, non clorurati * Scarti di olio sintetico per motori, ingranaggi e lubrificazione * Olio per motori, ingranaggi e lubrificazione, facilmente biodegradabile * Altri oli per motori, ingranaggi e lubrificazione Oli isolanti e termoconduttori di scarto * Oli isolanti e termoconduttori, contenenti PCB * Oli minerali isolanti e termoconduttori clorurati, diversi da quelli di cui alla voce * Oli minerali isolanti e termoconduttori non clorurati * Oli sintetici isolanti e termo conduttori * Oli isolanti e termoconduttori facilmente biodegradabili * Altri oli isolanti e termo conduttori Prodotti di separazione olio/acqua * Fanghi di prodotti di separazione olio/acqua (limitatamente ai residui pompabili) * Fanghi da collettori (limitatamente ai residui pompabili) * Oli prodotti dalla separazione olio/acqua * Acque oleose prodotte dalla separazione olio/acqua Rifiuti di carburanti liquidi * Olio combustibile e carburante diesel * Petrolio * Altri carburanti (comprese le miscele) Rifiuti di oli non specificati altrimenti Pagina 11 di 14

12 Tabella 2 Elenco codici CER CER DESCRIZIONE RIFIUTO * Fanghi ed emulsioni prodotti dai processi di dissalazione (limitatamente ai residui pompabili) * Altre emulsioni 14 SOLVENTI ORGANICI, REFRIGERANTI E PROPELLENTI DI SCARTO (TRANNE 07 E 08) Solventi organici, refrigeranti e propellenti di schiuma/aerosol di scarto * Altri solventi e miscele di solventi 15 RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBENTI, STRACCI, MATERIALI FILTRANTI E INDUMENTI PROTETTIVI (NON SPECIFICATI ALTRIMENTI) Imballaggi (compresi i rifiuti urbani di imballaggio oggetto di raccolta differenziata) Imballaggi in carta e cartone Imballaggi in plastica Imballaggi in legno Imballaggi metallici Imballaggi in materiali compositi Imballaggi in materiali misti Imballaggi in vetro * Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati da tali sostanze Assorbenti, materiali filtranti, stracci e indumenti protettivi * Assorbenti, materiali filtranti (inclusi filtri dell olio non specificati altrimenti), stracci e indumenti protettivi, contaminati da sostanze pericolose Assorbenti, materiali filtranti, stracci e indumenti protettivi, diversi da quelli di cui alla voce RIFIUTI NON SPECIFICATI ALTRIMENTI NELL'ELENCO Veicoli fuori uso appartenenti a diversi modi di trasporto (comprese le macchine mobili non stradali) e rifiuti prodotti dallo smantellamento di veicoli fuori uso e dalla manutenzione di veicoli (tranne 13, 14, 1606 e 1608) Pneumatici fuori uso * Veicoli fuori uso Veicoli fuori uso, non contenenti liquidi ne altre componenti pericolose * Filtri dell olio * Componenti contenenti mercurio * Componenti contenenti PCB * Componenti esplosivi (ad esempio air bag ) * Pastiglie per freni, contenenti amianto Pastiglie per freni, diverse da quelle di cui alla voce * Liquidi per freni * Liquidi antigelo contenenti sostanze pericolose Liquidi antigelo diversi da quelli di cui alla voce Serbatoi gas liquido Metalli ferrosi Metalli non ferrosi Plastica Vetro * Componenti pericolosi diversi da quelli di cui alle voci da a , e Componenti non specificati altrimenti Scarti provenienti da apparecchiature elettriche ed elettroniche * Trasformatori e condensatori contenenti PCB * Apparecchiature fuori uso contenenti PCB o da essi contaminate, diverse da quelle di cui alla voce * Apparecchiature fuori uso, contenenti clorofluorocarburi, HCFC, HFC * Apparecchiature fuori uso, contenenti amianto in fibre libere * Apparecchiature fuori uso, contenenti componenti pericolosi diversi da quelli di cui alle voci e Apparecchiature fuori uso, diverse da quelle di cui alle voci da a * Componenti pericolosi rimossi da apparecchiature fuori uso Componenti rimossi da apparecchiature fuori uso, diversi da quelli di cui alle voci Batterie ed accumulatori * Batterie al piombo * Batterie al nichel-cadmio * Batterie contenenti mercurio Pagina 12 di 14

13 Tabella 2 Elenco codici CER CER DESCRIZIONE RIFIUTO Batterie alcaline Altre batterie ed accumulatori * Elettroliti di batterie ed accumulatori, oggetto di raccolta differenziata Rifiuti della pulizia di serbatoi per trasporto e stoccaggio e di fusti (tranne 05 e 13) * Rifiuti contenenti olio (limitatamente ai residui liquidi o pompabili) Catalizzatori esauriti Catalizzatori esauriti contenenti oro, argento, renio, palladio, iridio o platino (tranne ) * catalizzatori esauriti contenenti metalli di transizione pericolosi o composti di metalli di transizione pericolosi catalizzatori esauriti contenenti metalli di transizione o composti di metalli di transizione, non specificati altrimenti * Catalizzatori esauriti contenenti sostanze pericolose 17 RIFIUTI DELLE OPERAZIONI DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE (COMPRESO IL TERRENO PROVENIENTE DA SITI CONTAMINATI) Legno, vetro e plastica Legno Vetro Plastica * Vetro, plastica e legno contenenti sostanze pericolose o da esse contaminati Metalli (incluse le loro leghe) Rame, bronzo, ottone Alluminio Piombo Zinco Ferro e acciaio Stagno Metalli misti * Rifiuti metallici contaminati da sostanze pericolose * Cavi, impregnati di olio, di catrame di carbone o di altre sostanze pericolose Cavi, diversi da quelli di cui alla voce RIFIUTI PRODOTTI DA IMPIANTI DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI, IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE FUORI SITO, NONCHÉ DALLA POTABILIZZAZIONE DELL'ACQUA E DALLA SUA PREPARAZIONE PER USO INDUSTRIALE Rifiuti da incenerimento o pirolisi di rifiuti Materiali ferrosi estratti da ceneri pesanti Rifiuti della pirolisi, diverse da quelle di cui alla voce Rifiuti prodotti da specifici trattamenti chimico-fisici di rifiuti industriali (comprese decromatazione, decianizzazione, neutralizzazione) * Oli e concentrati prodotti da processi di separazione (limitatamente a residui pompabili) Rifiuti prodotti dagli impianti per il trattamento delle acque reflue, non specificati altrimenti * Miscele di oli e grassi prodotti dalla separazione olio/acqua, diverse da quelle di cui alla voce Rifiuti prodotti da operazioni di frantumazione di rifiuti contenenti metallo Rifiuti di ferro e acciaio Rifiuti di metalli non ferrosi Rifiuti prodotti dalla rigenerazione dell'olio * Rifiuti liquidi acquosi Rifiuti prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti (ad esempio selezione, triturazione, compattazione, riduzione in pallet) non specificati altrimenti Metalli ferrosi Metalli non ferrosi Plastica e gomma Vetro * Legno contenente sostanze pericolose Legno diverso da quello di cui alla voce Pagina 13 di 14

14 Tabella 2 Elenco codici CER CER DESCRIZIONE RIFIUTO 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITA' COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA Frazioni oggetto di raccolta differenziata (tranne 1501) Carta e cartone Vetro * Solventi * Acidi * Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio * Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi * Oli e grassi diversi da quelli di cui alla voce * Batterie e accumulatori di cui alle voci , e nonché batterie e accumulatori non suddivisi contenenti tali batterie Batterie e accumulatori diversi da quelli di cui alla voce * Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, diverse da quelle di cui dia voce e , contenenti componenti pericolosi Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, diverse da quelle di cui alle voci , e * Legno, contenente sostanze pericolose Legno, diverso da quello di cui alla voce Plastica Metallo Villanova D Asti 06/2011 Legale Rappresentante Dott. Gabriele Noviello - Direttore Tecnico Commerciale Dott. Demetrio Saraceno Ufficio Tecnico, Ingegneria e Progettazione Impianti Geom. Davide Giachino NEW ENERGY POWER SRL Strada Vecchia per Chieri VILLANOVA D ASTI (AT) Italia Tel Fax Pagina 14 di 14

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia.

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. Al fine di ridurre l'impatto ambientale,si occupa del riciclaggio dei materiali

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI RIFIUTI CON IL RELATIVO CODICE CER CHE POTREBBERO ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

Codifica CER per categoria 5

Codifica CER per categoria 5 Cer Descrizione Codifica CER per categoria 5 01 03 04 * sterili che possono generare acido prodotti dalla lavorazione di minerale solforoso 01 03 05 * altri sterili contenenti sostanze 01 03 07 * altri

Dettagli

TIPOLOGIE DI RIFIUTI CHE SI INTEDONO SMALTIRE DENTRO LA CAVA PROGETTATA A SALUGGIA Trascrizione dal progetto a cura di Legambiente

TIPOLOGIE DI RIFIUTI CHE SI INTEDONO SMALTIRE DENTRO LA CAVA PROGETTATA A SALUGGIA Trascrizione dal progetto a cura di Legambiente TIPOLOGIE DI RIFIUTI CHE SI INTEDONO SMALTIRE DENTRO LA CAVA PROGETTATA A SALUGGIA Trascrizione dal progetto a cura di Legambiente 1 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 599 IN DATA 09-03-2010

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 599 IN DATA 09-03-2010 PROVINCIA DI BIELLA Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO DETERMINAZIONE N. 599 IN DATA 09-03-2010 Oggetto: Metallurgica Biellese S.r.l. - Complesso I.P.P.C sito

Dettagli

PALLADIO UMWELT s.r.l.

PALLADIO UMWELT s.r.l. 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01 02 rifiuti da estrazione

Dettagli

ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto

ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto C.E.R. 02 Rifiuti non pericolosi DESCRIZIONE QUANTITA (TONN/ANNO) 3.000 OPERAZIONE DI GESTIONE

Dettagli

Capitoli dell'elenco Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali

Capitoli dell'elenco Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali Capitoli dell'elenco 01 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali 02 Rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura,

Dettagli

RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHE DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI

RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHE DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI Codici C.E.R I codici C.E.R. (o Codice Europeo dei Rifiuti) I codici C.E.R. si dividono in non pericolosi e pericolosi, i secondi vengono identificati graficamente con un asterisco "*" dopo le cifre (es.

Dettagli

Smaltimento rifiuti industriali Registro Rifiuti Formulario Rifiuti Deposito Rifiuti Classe Pericolosità Rifiuti Contatti

Smaltimento rifiuti industriali Registro Rifiuti Formulario Rifiuti Deposito Rifiuti Classe Pericolosità Rifiuti Contatti Page 1 of 18 SMALTIMENTO CER Smaltimento rifiuti industriali Registro Rifiuti Formulario Rifiuti Deposito Rifiuti Classe Pericolosità Rifiuti Contatti CODICE CER RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

Dettagli

ELENCO CODICI C.E.R. da Allegato D D.Lgs. 152/06

ELENCO CODICI C.E.R. da Allegato D D.Lgs. 152/06 010000 rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonche' dal trattamento fisico o chimico di minerali 010100 rifiuti prodotti da estrazione di minerali 010101 rifiuti da estrazione

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.:

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: APPENDICE I Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: CER DESCRIZIONE 01 04 07* rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi

Dettagli

CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI

CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI ALLEGATO 1 CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI CODICE DESCRIZIONE RIFIUTO 010000 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 010100 rifiuti

Dettagli

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI LINEA TRATTAMENTO BIOLOGICO (CAPACITÀ TECNICA DI TRATTAMENTO 20 mc/h) CER Descrizione Operazioni 02 01 01 fanghi da operazioni di lavaggio

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 N 3 /Reg. Ambiente PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 OGGETTO: Integrazione e rinnovo autorizzazione alla soc. Nicola Veronico

Dettagli

Prontuario Rifiuti WEB

Prontuario Rifiuti WEB Servizi per l ambiente SERVIZI Una molteplicità di servizi riguardanti il settore dei rifiuti, tutti svolti nel rispetto assoluto della normativa ambientale e della sicurezza del lavoro, valendosi di una

Dettagli

fanghi prodotti da operazioni di lavaggio, pulizia, sbucciatura,

fanghi prodotti da operazioni di lavaggio, pulizia, sbucciatura, REFECTA s.r.l. - ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto sito in Via Grotte di Nottola 21 Cisterna di Latina (LT) C.E.R. DESCRIZIONE

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

Piano di Gestione Operativa Elenco generale codici CER rifiuti ammissibili

Piano di Gestione Operativa Elenco generale codici CER rifiuti ammissibili 61100 Pesaro, Via Gramsci,7 tel. 0721 359.752 fax 0721 33781 e-mail: internet. www.provincia.ps.it OGGETTO: Piano di Gestione Operativa Elenco generale codici CER rifiuti ammissibili ELABORATO: N. ALLEGATI:

Dettagli

ALLEGATO 1 CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI

ALLEGATO 1 CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI CODICE DESCRIZIONE RIFIUTO 010000 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 010100 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

Prontuario per la classificazione e il recupero dei rifiuti

Prontuario per la classificazione e il recupero dei rifiuti Mauro Sanna Prontuario per la classificazione e il recupero dei rifiuti Individuazione e classificazione dei rifiuti secondo la Decisione 2000/532/CE e s.m.i. Rifiuti ammessi al recupero in regime di procedura

Dettagli

ALLEGATO AL CAPITOLO 5

ALLEGATO AL CAPITOLO 5 PIANO PER LA GESTIONE INTEGRATA E COORDINATA DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI IN CAMPANIA ALLEGATO AL CAPITOLO 5 SOMMARIO ALLEGATO 5.1 - LISTE DEI CODICI CER UTILIZZATE PER GLI ACCORPAMENTI

Dettagli

Allegato D del D. Lgs. n. 152/2006 (C.E.R. Catologo Europeo dei Rifiuti)

Allegato D del D. Lgs. n. 152/2006 (C.E.R. Catologo Europeo dei Rifiuti) Allegato D del D. Lgs. n. 152/2006 (C.E.R. Catologo Europeo dei Rifiuti) Note ad Allegato D Allegato G Allegato H Allegato I 01 00 00 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché

Dettagli

CODICI CER PERICOLOSI

CODICI CER PERICOLOSI CODICI CER PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 03 rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali

Dettagli

ISCRIZIONE ORDINARIA ALBO NAZ.GEST.AMBIETALI N. NA 536-1D/4E/5F 5F Raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi DESCRIZIONE

ISCRIZIONE ORDINARIA ALBO NAZ.GEST.AMBIETALI N. NA 536-1D/4E/5F 5F Raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi DESCRIZIONE CER ISCRIZIONE ORDINARIA ALBO NAZ.GEST.AMBIETALI N. NA 536-1D/4E/5F 5F Raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi DESCRIZIONE 01 03 04* sterili che possono generare acido prodotti dalla lavorazione di

Dettagli

Scheda descrittiva e caratterizzazione del rifiuto

Scheda descrittiva e caratterizzazione del rifiuto fonte RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI tipologia rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali metalliferi

Dettagli

1.1) TIPOLOGIE DI RIFIUTI

1.1) TIPOLOGIE DI RIFIUTI 1.1) TIPOLOGIE DI RIFIUTI codice CER Descrizione D9 Liq D9 Sol D13 D14 D15 R12 R13 G.O. 010305* altri sterili contenenti sostanze pericolose X X X X X X X 010307* altri rifiuti contenenti sostanze pericolose

Dettagli

Città di Melfi MELFI. di trattamento da ubicarsi nel Comune di Melfi (PZ)

Città di Melfi MELFI. di trattamento da ubicarsi nel Comune di Melfi (PZ) REGIONE BASILICATA PROVINCIA DI POTENZA Comune di MELFI Progetto per la realizzazione di una discarica per rifiuti speciali non pericolosi ed annesso impianto!"#$%&#"'()(%!**(+(,-"$-('(%#%&'(./001%231+1*(31%

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 10 01 rifiuti prodotti da centrali

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA. DIPARTIMENTO III Governo del Territorio SETTORE I - TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AMBIENTE Area Ambiente

PROVINCIA DI ANCONA. DIPARTIMENTO III Governo del Territorio SETTORE I - TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AMBIENTE Area Ambiente DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE del 25/07/2013 [n. 387 PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III Governo del Territorio SETTORE I TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AMBIENTE Area Ambiente Oggetto: Provvedimento n. 62/2013.

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

P R O V I N C I A D I G E N O V A Direzione ambiente, ambiti naturali e trasporti UFFICIO SUOLO Settore rifiuti

P R O V I N C I A D I G E N O V A Direzione ambiente, ambiti naturali e trasporti UFFICIO SUOLO Settore rifiuti P R O V I N C I A D I G E N O V A Direzione ambiente, ambiti naturali e trasporti UFFICIO SUOLO Settore rifiuti OGGETTO : D. lgs. n. 152/2006, parte II P. D. n. 4278/2010 (A.I.A.) Società MANECO S.r.l.

Dettagli

AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12.

AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12. AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 190204* 191211* CER AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12.2014 Per discarica di rifiuti pericolosi no classi di

Dettagli

TABELLA 1 Codice CER Descrizione R13 R12 SC R12 EI/A/DR/RV R3 02.01.04 rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi) 03.01.01 scarti di corteccia e sughero 03.01.05 04.01.08 segatura, trucioli, residui

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE Loc Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Integrazioni di cui alle note dell Amministrazione Provinciale di Siena Prot 100963 del

Dettagli

Codici CER Autorizzazioni

Codici CER Autorizzazioni 01.01.01 rifiuti da estrazione di minerali metalliferi 01.01.02 rifiuti da estrazione di minerali non metalliferi 01.03.04 sterili che possono generare acido prodotti dalla lavorazione di minerale solforoso

Dettagli

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

ELENCO CER 2002 accettati dal sistema CARIREAB ELENCO EUROPEO DEI CODICI RIFIUTI (CER 2002)

ELENCO CER 2002 accettati dal sistema CARIREAB ELENCO EUROPEO DEI CODICI RIFIUTI (CER 2002) ELENCO EUROPEO DEI CODICI RIFIUTI (CER 2002) Codice Classe Descrizione 010101 rifiuti da estrazione di minerali metalliferi 010102 rifiuti da estrazione di minerali non metalliferi 010304 P sterili che

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile Raccolta differenziata Comune di Torre del Greco (NA) Dati di produzione R.U. e percentuale di raccolta differenziata Anno 2015 % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile 50% 45% 40% 35% 30% 25%

Dettagli

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 Integrazione all Allegato B - gruppo di miscelazione NPP8 GRUPPO NPP8 solidi di natura prevalentemente inorganica Tipologie da miscelare:

Dettagli

Allegato D Parte IV D.lgs 152/2006 Aggiornato al 01/06/2015 1

Allegato D Parte IV D.lgs 152/2006 Aggiornato al 01/06/2015 1 ALLEGATO D Elenco dei rifiuti istituito conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti e all articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 -

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 - Strada Vecchia per Bosco Marengo 15067 NOVI LIGURE (Alessandria) Tel. 0143 744.516 - Fax 0143 321.556 - www.srtspa.it - e-mail: srtspa@srtspa.it Cod. Fisc./Part. IVA/R.I. AL n 02021740069 - R.E.A. n 219668

Dettagli

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119 CER Nome comune Nome ufficiale 120109* Acqua e olio Emulsioni e soluzioni per macchinari non contenenti alogeni 80120 Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura

Dettagli

Città Metropolitana di Genova PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

Città Metropolitana di Genova PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Città Metropolitana di Genova PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0000821 / 2015 Atto N. 69 OGGETTO: MODIFICA NON SOSTANZIALE

Dettagli

ISCRIZIONE ORDINARIA ALBO NAZ.GEST.AMBIETALI N. NA 536 4E Raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi prodotti da terzi

ISCRIZIONE ORDINARIA ALBO NAZ.GEST.AMBIETALI N. NA 536 4E Raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi prodotti da terzi ISCRIZIONE ORDINARIA ALBO NAZ.GEST.AMBIETALI N. NA 536 4E Raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi prodotti da terzi CER DESCRIZIONE 01 01 01 rifiuti da estrazione di minerali metalliferi

Dettagli

010304* sterili che possono generare acido prodotti dalla lavorazione di minerale solforoso

010304* sterili che possono generare acido prodotti dalla lavorazione di minerale solforoso Allegato B - Schema di trasposizione dai codici CER di cui agli allegati del Decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, ai codici dell'elenco dei rifiuti di cui alla Decisione 2000/532/CE come modificata

Dettagli

Decreto 5 maggio 2006 - Ministero delle Attività Produttive

Decreto 5 maggio 2006 - Ministero delle Attività Produttive Decreto 5 maggio 2006 - Ministero delle Attività Produttive D. Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387 - Individuazione dei rifiuti e dei combustibili derivati dai rifiuti ammessi a beneficiare del regime giuridico

Dettagli

Decisione 2014/955/CE

Decisione 2014/955/CE Sede operativa: Via Don Bosco, 3 27014 Genzone (PV) Telefono 0382 96 96 96 - Fax 0382 97 25 40 e mail info@envirolabsrl.it www.envirolabsrl.it Decisione 2014/955/CE Modifica della decisione 2000/532/CE

Dettagli

1. E adottato l elenco contenuto nell allegato della presente decisione.

1. E adottato l elenco contenuto nell allegato della presente decisione. Decisione CE 3 maggio 2000, n. 532. Sostituzione della decisione 94/3/CE che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CE del Consiglio relativa ai

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGIONE EMILIA-ROMAGNA MAGGIO 2012. Committente: Oggetto: Società esecutrice.

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGIONE EMILIA-ROMAGNA MAGGIO 2012. Committente: Oggetto: Società esecutrice. REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO COMUNICAZIONE DI MODIFICHE NON SOSTANZIALI AI SENSI DELL ART.29nonies del D.Lgs. 152/2006 Committente: Oggetto: Codici CER per D13

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Spett.le CLIENTE. CER Urbani, CER xx.xx.99, CER non pericolosi (destinazione ex 2B), CER pericolosi

Spett.le CLIENTE. CER Urbani, CER xx.xx.99, CER non pericolosi (destinazione ex 2B), CER pericolosi Spett.le CLIENTE In allegato si trasmette l autorizzazione 5/2005 e le integrazione alla stessa, aut. 54/2005 e 83/2005. Si fa presente che, allo stato attuale, rimangono i criteri di accettabilità dei

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI NP P* ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI Riferimento ad autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Torino 54-11340/2011 del 28/03/2011 e s.m.i. GENERAL FUSTI 010504 fanghi e rifiuti di perforazione

Dettagli

Allegati alla Parte IV (All.ti A-L e 1-5) ALLEGATO A (1293)

Allegati alla Parte IV (All.ti A-L e 1-5) ALLEGATO A (1293) ALLEGATO A (1293) 1 - Categorie di rifiuti Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati; Q2 Prodotti fuori norma; Q3 Prodotti scaduti; Q4 Sostanze accidentalmente riversate, perdute

Dettagli

GRUPPO OMOGENEO. VETRO Imballaggi in vetro R5 R (R5 R13) 15 (R13/D15) urbano. Quantità Max (t/anno) Quantità stoccata (t/giorno)

GRUPPO OMOGENEO. VETRO Imballaggi in vetro R5 R (R5 R13) 15 (R13/D15) urbano. Quantità Max (t/anno) Quantità stoccata (t/giorno) 1 Atto n. 806/09 Allegato A facente parte integrante del presente atto GRUPPO OMOGENEO CER TIPOLOGIA Operazioni di recupero Allegati B e C parte IV D. Lgs. 152/06 e s.m.i. CARTA 15 01 01 Imballaggi in

Dettagli

Certe cose vanno. trattate con cu

Certe cose vanno. trattate con cu Certe cose vanno trattate con cu R a Eco Eridania SpA Eco Eridania Spa è oggi l azienda leader in Italia nei servizi di raccolta, trasporto, stoccaggio e smaltimento di rifiuti sanitari, industriali,

Dettagli

Tariffario rifiuti speciali 2015

Tariffario rifiuti speciali 2015 Tariffario rifiuti speciali 2015 Servizi offerti L ACR accetta tutti i rifiuti speciali elencati nella nuova Ordinanza sul traffico dei rifiuti (). L ACR accetta anche gli apparecchi elettrici ed elettronici

Dettagli

p_vr.p_vr.registro UFFICIALE

p_vr.p_vr.registro UFFICIALE p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.0009391.24-01-2013! #!%!& () +,, #!&! (, %./ / 001 2! # # %& 3 4%4506 006! 4/0.506 4006! ( 7 8 8 8 0%504500 (, %150! 7 8 8 4%4506 0505006 ( # ) &!9#8&! %1/ )6%!:. ) #; ;!!

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

Apparecchiature fuori uso, diverse da quelle di cui alle voci da 16.02.09 a 16.02.13

Apparecchiature fuori uso, diverse da quelle di cui alle voci da 16.02.09 a 16.02.13 Si riportano qui di seguito le Tabelle contenenti per ogni tipologia di rifiuto, l attività di recupero che si intende svolgere, codice, descrizione del codice, stato fisico e quantitativo di trattamento

Dettagli

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 ITALIA - ESPORTAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI ANNO 2012 A livello nazionale la quantità totale di rifiuti esportata nel 2012 è pari a 4 milioni di tonnellate di cui

Dettagli

Piattaforma di Tortona

Piattaforma di Tortona Pagina 1 di 5 Piattaforma di Tortona Funzionamento della Piattaforma di Tortona Gestione dei rifiuti provenienti dai Comuni soci e/o dalle Utenze Private Autorizzate ACCETTAZIONE I mezzi in ingresso in

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 16.2.2001 L 47/1. (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 16.2.2001 L 47/1. (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE 16.2.2001 L 47/1 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 16 gennaio 2001 che modifica l'elenco di rifiuti istituito dalla

Dettagli

PIANO DI GESTIONE OPERATIVA

PIANO DI GESTIONE OPERATIVA PIANO DI GESTIONE OPERATIVA ROTTAMI GARZON SRL Trattasi di una procedura che tende a consentire una corretta gestione dell impianto individuando le possibili criticità correlate alla tipologia di attività

Dettagli

Regolamento di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani

Regolamento di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani Premessa Il presente Regolamento è finalizzato a disciplinare l assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani, in ottemperanza a quanto previsto dall art. 198, comma 2., lettera g)

Dettagli

FERRARI CLAUDIO AUTODEMOLITORE E OFFICINA MECCANICA

FERRARI CLAUDIO AUTODEMOLITORE E OFFICINA MECCANICA Proponente FERRARI CLAUDIO Studio incaricato STUDIO TECNICO Fogola Geom. Francesco Via della Repubblica 50 54026 Arpiola di Mulazzo (MS). FERRARI CLAUDIO AUTODEMOLITORE E OFFICINA MECCANICA INTEGRAZIONE

Dettagli

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate.

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate. CATEGORIA 2 RACCOLTA E TRASPORTO DO RIFIUTI NON PERICOLOSI INDIVIDUATI AI SENSI DELL ARTICOLO 33 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 FEBBRAIO 1997, N. 22, AVVIATI AL RECUPERO IN MODO EFFETTIVO ED OGGETTIVO. IMPRESA:

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

!"## " $ %& ' # $ & ' ( & &,-""-./ * ) " )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 :

!##  $ %& ' # $ & ' ( & &,--./ * )  )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 : GAB/DEC/104/06 del 2/05/2006!"## " $ %& ' # $ & ' ( & & )&)##*##+,-""-./ * ) " 0-!0-./ &1.##--./ #.21/344 (./3 & )$$ 00, & )& & 415 1--./&# )6.21/344( $ # )6 ## &)##&( & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&#

Dettagli

Art. 1 È adottato l'elenco contenuto nell'allegato della presente decisione.

Art. 1 È adottato l'elenco contenuto nell'allegato della presente decisione. DECISIONE DELLA COMMISSIONE 3 maggio 2000, 2000/532/CE Decisione della Commissione che sostituisce la decisione 94/3/CE che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all'articolo 1, lettera a), della

Dettagli

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 1 Classificazione e codifica dei rifiuti 2 I criteri

Dettagli

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto.

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto. ALLEGATO Elenco dei rifiuti istituito conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti e all articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti

Dettagli

TESTO consolidato CONSLEG: 2000D0532 01/01/2002. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee

TESTO consolidato CONSLEG: 2000D0532 01/01/2002. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee IT TESTO consolidato prodotto dal sistema CONSLEG dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee CONSLEG: 2000D0532 01/01/2002 Pagine: 33 < Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Rifiuti speciali Pagina 137

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Rifiuti speciali Pagina 137 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Rifiuti speciali Pagina 137 Capitolo 7 Analisi della gestione dei rifiuti speciali non pericolosi nella provincia di Torino 7. ANALISI DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON

Dettagli

NUOVO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A.

NUOVO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A. Comune di COLLESALVETTI Provincia di LIVOR NUOVO IMPIANTO DI DEPOTO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A. --->Elaborato di progetto P13: ELENCO CODICI CER DEI

Dettagli

- GESTIONE RIFIUTI -

- GESTIONE RIFIUTI - - GESTIONE RIFIUTI - Ditte autorizzate per operazioni di smaltimento e/o recupero (ex-artt. 27-28 D.Lgs. 05/02/1997 n 22) Elenco di dettaglio con indicazione delle operazioni e dei codici rifiuti Questo

Dettagli

ALLEGATO ELENCO DI RIFIUTI DI CUI ALL'ARTICOLO 7 DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

ALLEGATO ELENCO DI RIFIUTI DI CUI ALL'ARTICOLO 7 DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE ALLEGATO ELENCO DI RIFIUTI DI CUI ALL'ARTICOLO 7 DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE DEFINIZIONI Ai fini del presente allegato, si intende per: 1. «sostanza pericolosa», una sostanza classificata come pericolosa

Dettagli

ALLEGATO B Operazioni di smaltimento

ALLEGATO B Operazioni di smaltimento A LLEGATI ALLEGATO B Operazioni di smaltimento D1 Deposito sul o nel suolo (ad esempio discarica). D2 Trattamento in ambiente terrestre (ad esempio biodegradazione di rifiuti liquidi o fanghi nei suoli).

Dettagli

Codice NOSE- P. Tutte 104.08 Altre trasformazioni dei combustibili solidi (Produzione di coke, prodotti petroliferi e combustibile nucleare)

Codice NOSE- P. Tutte 104.08 Altre trasformazioni dei combustibili solidi (Produzione di coke, prodotti petroliferi e combustibile nucleare) CodiceIPPC Attività allegato I Direttiva 96/61 Capacità produttiva Codice NOSE- P Processi NOSE-P Codice NACE Settori economici 1. Attività energetiche 1.1 1.2 Impianti di combustione con potenza calorifica

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE 6.9.2000 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 226/3 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 3 maggio 2000 che

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

ECO BOOK. Ecosystem S.p.A. Via Della Solforata Km 10.750 00040 Pomezia (Roma) Tel. 069100638 Fax 069100643

ECO BOOK. Ecosystem S.p.A. Via Della Solforata Km 10.750 00040 Pomezia (Roma) Tel. 069100638 Fax 069100643 ECO BOOK Ecosystem S.p.A. Via Della Solforata Km 10.750 00040 Pomezia (Roma) Tel. 069100638 Fax 069100643 2 Sommario Ecosystem S.p.A. Profilo aziendale Pag. 4 Decisione 3 maggio 2001 n 532 Catalogo CER

Dettagli