La comunicazione scritta efficace

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione scritta efficace"

Transcript

1 La comunicazione scritta efficace Il programma La comunicazione scritta: regole e condizioni di di efficacia Lettere relazioni - verbali posta elettronica e pagine web 1

2 1. 1. I I principi di di una comunicazione persuasiva l importanza di di conoscere l interlocutore Definire una strategia comunicativa Definire I I messaggi e gestire una presentazione Il processo Cosa vuol dire comunicare? Comunicare significa far capire ad altri il nostro messaggio 2

3 Il processo Comprendere Rimuovere Proporre Bisogni Aspettative Interessi Difficoltà Disinteresse Disinformazione Esperienze negative Pregiudizi Creare Creare interesse Rispondere a bisogni e aspettative Offrire Offrire informazione Offrire Offrire una una immagine nuova nuova contenuto relazione contesto Ogni messaggio si determina e si decodifica su tre piani che interagiscono tra di loro e si condizionano 6 3

4 Diversi modi di comunicare Modalità Incontro Vantaggi Ho a disposizione: parole tono di voce espressione viso posso chiedere se capisce posso ripetere e spiegare Svantaggi ci vuole tempo posso parlare con un numero limitato di persone Diversi modi di comunicare Modalità Telefono Vantaggi Ho a disposizione: parole tono di voce posso chiedere se capisce posso ripetere e chiarire Svantaggi posso parlare con una persona alla volta ci vuole meno tempo, ma debbo trovare un momento in cui la persona è disponibile 4

5 Modalità E mail lettera Vantaggi posso scrivere a molti non devo aspettare che siano liberi posso pensare prima di. Posso vincere la timidezza Svantaggi ho a disposizione solo parole non so quando, come e dove leggeranno la mia lettera/mail non ho possibilità di verificare se capiscono non ho feedback immediato La comunicazione scritta La comunicazione scritta utilizza solo un canale verbale! è unidirezionale è differita talvolta è realizzata senza che si conosca il ricevente perciò necessita di una maggiore codificazione rigore nella scelta delle parole correttezza grammaticale / sintattica organizzazione degli argomenti 5

6 La comunicazione: la condivisione 1. Per comunicare è necessario condividere delle conoscenze Più conoscenze si condividono più è facile ed efficace la comunicazione Se le conoscenze comuni sono inesistenti si avrà un dialogo tra sordi La comunicazione: la condivisione Conoscenze comuni inesistenti EE R R Comunicazione inesistente Le conoscenze dell emittente superano quelle del ricevente Bisogna tenere conto delle conoscenze del ricevente ed adeguare il messaggio E RR R R 6

7 La comunicazione: la condivisione Conoscenze condivise scarse = Comunicazione difficile Il ricevente riesce a decodificare solo una piccola parte del messaggio EE R R Molte conoscenze condivise = Comunicazione facile e comprensione reciproca Il ricevente riesce a decodificare la maggior parte del messaggio EE RR La relazione scritta 7

8 Comunicazione scritta e cambiamento Ogni testo professionale ha come finalità un cambiamento Obiettivi del mittente Scelta delle argomentazioni Struttura del testo Orientamenti tematici Comunicazione cooperativa Contesto Connessioni A chi scrivo? Individuare il destinatario Chi è il mio destinatario? Si tratta di una comunicazione interna o esterna? NB La chiarezza è sempre importante, ma lo è molto di più per le comunicazioni esterne 8

9 Avere una finalità chiara Alcuni possibili obiettivi del mittente Spiegare o giustificare azioni intraprese Passare informazioni Indurre il lettore a fare qualcosa Indirizzare l azione del lettore Comunicare notizie Il messaggio chiave Individuare un messaggio chiave Formularlo in modo conciso Formularlo con chiarezza e forza Evidenziarlo Insistere Mantenere una solida connessione con il messaggio chiave Mantenere coerenza con il messaggio chiave 9

10 Che cosa valuta il lettore: A chi è rivolto lo scritto? Chi lo manda? Che data ha? Perché lo manda proprio a me? Chi ha firmato? È utile per me? Organizzare il testo scritto I 3 elementi fondamentali di una comunicazione scritta Introduzione Sviluppo / corpo centrale Conclusione 10

11 L introduzione Deve presentare l idea centrale Deve mettere a fuoco l argomento fondamentale della comunicazione Deve essere chiara e breve Il testo deve subito portare il lettore al cuore dell argomento Chi? Cosa? Come? Dove? Quando? Perché? Il corpo del testo 11

12 Il corpo centrale: un possibile schema Qual è il problema? Perché è importante risolverlo? Quali soluzioni sono possibili? Quali costi e benefici? Quali vantaggi? Il corpo centrale: un possibile schema Cosa propongo? Perché è importante? Quali opportunità e vantaggi? Dove e quando? Eventuali richieste: scheda partecipazione, segnalazione di interesse, altro. 12

13 La conclusione Evidenzia il risultato finale a cui si giunge Deve essere coerente con l introduzione Non è un riassunto Non solleva nuovi argomenti Organizzare un tema Introduzione:deve suscitare l interesse del lettore, deve andare subito al sodo Sviluppo: descrivere - narrare - spiegare - dimostrare Conclusione 13

14 Un esempio: Organizzare un tema Oggetto: proposta di miglioramento motivare presentare il cambiamento proposto cercare consenso Cosa rafforza la comunicazione scritta? usare uno stile coerente con lo scopo e con il contesto (frasi concise ma dense uniformitá di stile), adeguato all interlocutore usare argomenti coerenti, orientati allo scopo (persuadere, informare, coinvolgere, chiedere...) dare informazioni nella quantitá richiesta controllare la qualitá delle informazioni 14

15 Quali barriere, ostacoli evitare? saturazione : troppi messaggi presupposti impliciti errati, dare per scontati atteggiamenti e informazioni possedute dal destinatario cattive e/o deboli connessioni tra gli argomenti incoerenza: tra gli argomenti o tra argomenti e scopi Cause di possibili distorsioni rischio di interpretazioni soggettive da parte del ricevente deformazioni del messaggio per atteggiamenti del ricevente (umore, fretta, pregiudizi, esperienze precedenti) valutazioni del messaggio in base ad opinioni, pregiudizi, lessico, del ricevente 15

16 Il comunicato stampa L'ABC dell'addetto stampa Accuratezza Essere sicuri di ciò che si scrive: controllare le informazioni dalla fonte ufficiale, controllare le cifre, i dati Brevità Concentrare il comunicato nel minor numero di parole, abolendo aggettivi e avverbi superflui e ogni altro tipo di forma involuta. Chiarezza Parlare lo stesso linguaggio del lettore, ossia del giornalista, che a propria volta dovrà parlare quello dei suoi lettori: facilitargli il compito per un risultato più efficace. Un idea in ogni periodo un concetto compiuto in ogni frase sequenze lineari e ben ritmate di soggetti, verbi e complementi. 16

17 Mettersi nei panni del destinatario Il comunicato stampa (un giornalista: ha poco tempo e riceve molti comunicati, perciò facilitiamo il suo lavoro): COMUNICATO STAMPA PRESENTATI PRESENTATI NUOVI NUOVI SERVIZI SERVIZI AL AL PUBBLICO PUBBLICO In In evidenza che che si si tratta tratta di di comunicato stampa stampa Informazioni essenziali (dati) (dati) in in apertura Titoli Titoli in in caratteri maiuscoli Sommario in in corsivo corsivo Parole chiave chiave in in evidenza (neretto) Paragrafi brevi brevi e distanziati Il comunicato stampa Mettersi nei panni del destinatario Vendere la notizia: comunicarla ponendosi nella prospettiva del suo punto di vista professionale : mettere in evidenza aspetti e dati che possono essere interessanti per lui Essere tempestivi Utilizzare canali veloci: internet, e mail, fax Avvisare dell invio del comunicato! 17

18 La corrispondenza La corrispondenza Intestazione Ente / ufficio Data Protocollo Oggetto: Contenuto: Gentile Sig. Bianchi, Destinatario: Usare una suddivisione del testo in paragrafi con intervallo tra un paragrafo e l altro. Chiudere la lettera con una formula di congedo Firma: Nome /funzione 18

19 L oggetto nelle comunicazioni Nelle lettere, nelle relazioni è importante definire l oggetto con chiarezza ed in modo esplicito: chi riceve la comunicazione deve capire subito di cosa si tratta Oggetto generico Oggetto: L. n.482 del 02/04/1968 Art invalido del lavoro Oggetto definito con chiarezza Oggetto: istituzione elenchi separati degli invalidi del lavoro applicazione L. n.482 del 02/04/1968 Art. 19 Mittente Prot. N. Del OGGETTO:.. Sig. Carlo Rossi Via Garibaldi Data Nome Funzione Firma 19

20 Davanti al foglio bianco Delimitare in modo rigoroso l ampiezza e il livello di profondità del testo Le fasi della scrittura La scrittura è un processo che si sviluppa in più fasi: 1. La progettazione (planning): destinatari, scopo, informazioni necessarie 2. La stesura (drafting): costruzione del testo, aspetto grafico 3. La revisione (editing), possibilmente testando il risultato del lavoro 20

21 Davanti al foglio bianco Alcuni possibili metodi di lavoro: Questioning: prevedere le domande del lettore Scaletta tradizionale: titoli principali, secondari (utile per ottenere testi con una forte struttura logica) Brainstorming per la scaletta Scrittura libera, seguita da una correzione, riorganizzazione del testo Preparare la scaletta Scrivere di getto senza pensare troppo La bozza Partire da un punto qualsiasi della scaletta, non necessariamente dall inizio Costruire paragrafi efficaci Limitare gli argomenti di ogni paragrafo Creare raccordi tra un paragrafo e l altro Usare elementi di stacco per agevolare la lettura e la memorizzazione (titoli e sottotitoli, immagini ed elementi grafici) 21

22 Perfezionamento del testo: editing Rivedere l attacco (fondamentale per l efficacia): coinvolgere, catturare l attenzione Controllare logica e coerenza delle argomentazioni Rivedere la conclusione Controllare lo stile: scelta opportuna, coerenza Verificare la possibilità di togliere il superfluo Controllare la correttezza del testo Il lavoro di editing Non aver timore di cancellare Rileggere e far leggere ad altri Riscrivere Controllare lo stile e controllare che sia adatto alla situazione ed agli obiettivi: Direttivo o passivo Personale o impersonale Formale o informale 22

23 Utilizzare l enumerazione (semplifica le frasi) Eliminare il superfluo Usare concretezza Rispettare la correttezza Qualche consiglio Dividere il testo in paragrafi Usare caratteri e corpo della scrittura che aiutino il lettore Qualche consiglio Dividete in paragrafi paragrafo = insieme di frasi (non + di 6/7) legate da un argomento l idea centrale il soggetto contenuta in una frase/argomento Una buona frase argomento lo delimita e contiene anche un idea guida 23

24 Qualche consiglio tenere sempre conto del lettore ordinare informazioni, istruzioni e argomenti assicurarsi della completezza assicurarsi di chiarire i termini nuovi o tecnici anticipare possibili difficoltà spiegare ogni volta che sia necessario Curare la leggibilità del testo: corpo carattere sottolineature e uso del corsivo impaginazione margini e interlinea Curare la correttezza del testo: ortografia sintassi punteggiatura Qualche consiglio lessico: proprietà; attenzione al lessico settoriale, uso controllato di sigle e parole straniere 24

25 Caratteri Caratteri con le grazie Caratteri con i bastoni Times New Roman Book antiqua Garamond Arial Tahoma Verdana Regole per una scrittura chiara la sintassi Se volete essere chiari, state attenti alla sintassi: scrivete frasi brevi (20/25 parole) scrivete frasi semplici: più coordinazione che subordinazione evitate le forme implicite: es il gerundio evitate gli incisi preferite la forma attiva a quella passiva specificate sempre il soggetto della frase e preferite soggetti concreti, persone preferite la costruzione personale a quella impersonale 25

26 Regole per una scrittura chiara: verbi Scegliere, quando possibile il modo indicativo (- è il modo della certezza - piuttosto che il condizionale o il congiuntivo) Preferire il tempo presente (qui e ora - piuttosto che il futuro) Un esempio: L obiettivo sarebbe quello di raggiungere il maggior numero di persone L obiettivo sarà quello di raggiungere il maggior numero di persone L obiettivo è quello di raggiungere il maggior numero di persone Il lessico Alcune raccomandazioni: Usare parole comuni Usare parole concrete e dirette Limitare i termini tecnici Limitare le sigle e le abbreviazioni 26

27 Frasi negative e doppie negazioni Frasi passive Termini impropri Termini sicuramente o probabilmente sconosciuti al destinatario Aggettivi superflui Perifrasi lunghe o contorte Cosa evitare? Cosa limitare? Termini stranieri Locuzioni latine Sigle La punteggiatura Punto: da utilizzare al massimo, aiuta a semplificare la sintassi, impone una pausa salutare agli occhi e ai pensieri. Punto e virgola: da usare con contagocce, chiude e non chiude i periodi. Punto interrogativo: da centellinare, uno stile asciutto non ama le domande retoriche. Punto esclamativo: ce ne sono fin troppi, ognuno equivale a un grido Due punti: assolutamente da recuperare, perché aprono le frasi con dolcezza e senza fatica, contribuendo non poco alla "leggerezza" dello stile ed alla chiarezza. Puntini di sospensione: evitare, evitare La virgola, da usare con precisione serve a separare parti indipendenti della frase (es incisi, principale da secondaria, complementi) 27

28 Usare quando possibile grafici ed immagini T rim. 2 T rim. 3 T rim. 4 T rim. E st O ve st N o rd Proviamo Abbiamo in progetto di dedicare un serio impegno allo studio dei requisiti di sviluppo e cercheremo di sviluppare delle soluzioni propositive per tutte le possibili esigenze che possiamo prevedere, in grande anticipo sul momento in cui occorrerà prendere una decisione. 28

29 Proviamo Abbiamo in progetto di dedicare un serio impegno allo studio dei requisiti di sviluppo e cercheremo di sviluppare delle soluzioni propositive per tutte le possibili esigenze che possiamo prevedere, in grande anticipo sul momento in cui occorrerà prendere una decisione. L attacco in blu è inutilmente ridondante; meglio dedicheremo Le parole in rosso sono enfatiche e superflue Le parole sottolineate indicano una ripetizione La frase in verde indica una formulazione imprecisa Proviamo Abbiamo in progetto di dedicare un serio impegno allo studio dei requisiti di sviluppo e cercheremo di sviluppare delle soluzioni propositive per tutte le possibili esigenze che possiamo prevedere, in grande anticipo sul momento in cui occorrerà prendere una decisione. Dedicheremo un preciso impegno allo studio dei requisiti di sviluppo e proporremo soluzioni per tutte le esigenze prevedibili, in anticipo rispetto al prossimo autunno, quando il Consiglio di Amministrazione dovrà decidere 29

30 Ridurre il numero delle parole Penso che dovremo alzare i nostri prezzi su tutto il listino. Abbiamo intenzione di esaminare la tua proposta la prima volta che si riunirà il Consiglio di Amministrazione Per quanto riguarda la timbratura elettronica degli ingressi, è fondamentale che tutti i dipendenti siano puntuali E probabile che l odore di vernice sia percepibile in tutto l edificio, anche se verranno adottate delle misure di controllo per minimizzarli Proviamo Testo originale: una lettera di ringraziamento dell Amministratore delegato per il gruppo di lavoro che aveva realizzato il trasferimento di sede. Il mezzo previsto è la . Siamo giunti alla fase finale di un massiccio trasferimento che ha coinvolto tutti noi anche se in misure diverse. Sono consapevole del fatto che un tale cambiamento vi ha visti tutti strenuamente impegnati, allo scopo di raggiungere l obiettivo finale ed evitare a tutti, per quanto possibile, il disagio tipico di queste situazioni. A voi tutti, quindi, invio i miei più sinceri ringraziamenti per l ottimo lavoro svolto, per l efficienza e la solerzia ancora una volta dimostrata. Fonte Luisa Carrada, Il mestiere di scrivere 30

31 Testo riscritto: Cari colleghi, Proviamo Il trasferimento in via Roma è stato completato. Per un azienda grande come la nostra si è trattato di un impegno notevole, che ci ha coinvolto tutti, anche se in misura e in modo diverso. Se tutto è andato per il meglio, se abbiamo potuto lavorare con efficienza e continuità, senza tempi morti e con disagi minimi per tutti noi, il merito è però vostro. Del vostro impegno, della vostra professionalità. Oltre che complimentarmi, voglio quindi inviarvi i ringraziamenti più sinceri. I miei personali e quelli dell Azienda. Fonte Luisa Carrada, Il mestiere di scrivere Scrivere per la posta elettronica e per il web 31

32 La posta elettronica Si tratta di un sistema di comunicazione ormai estremamente diffuso È comodo È rapido È poco costoso Permette la diffusione di documenti anche complessi e corposi La sua utilità ed efficacia è legata al rispetto di alcune regole Definire il contenuto del messaggio attraverso l oggetto; esso deve : Indicare il messaggio chiave (di cosa si tratta) Essere breve (max 1 riga), ma specifico Consentire una agevole archiviazione Usare un solo messaggio per Per documenti corposi usare gli allegati Controllare ortografia, sintassi e formulazioni Usare caratteri facilmente leggibili ed evitare il TUTTO MAIUSCOLO Controllare a chi si sta inviando il messaggio 32

33 Che cosa deve contenere un sito : Informazioni sull azienda, prodotti / servizi, organizzazione, storia, clienti più significativi Logistica, dislocazione sul territorio, raggiungibilità e mappe Recapiti, orari di accesso al pubblico, telefono, fax, e mail Strumenti per un dialogo tra azienda e cliente Servizi on line Scrivere per il web Regole di chiarezza: Per chi scriviamo sul web? Target alto, navigatori esigenti Perché accedono alla rete? Cosa cercano? Cosa vedono sul web? Scrivere per il web NB Una mappa delle informazioni, sul web non si legge in modo sequenziale, ma si guarda la pagina. Nei primi 5/10 secondi decide se fa per lui, perciò la comunicazione deve essere rapida 33

34 Regole di chiarezza argomenti separati con chiarezza (uso degli spazi bianchi) parole chiave in evidenza (grassetto meglio che maiuscolo effetto gridato, corsivo di difficile lettura, sottolineato elementi attivi) elenchi puntati e numerati, disegni, caratteri frasi brevi, sintetiche e chiare titoli di 40/ 50 max caratteri link (microtent) sottotitoli di 200 caratteri max 250 testi brevi divisi in paragrafi un concetto per ogni paragrafo parole brevi Curare le dimensioni delle pagine web, la loro architettura (larghezza, lunghezza, profondità) regola dei 3 clik L ottica centrata sull utilizzatore (user centred) Le aree tematiche debbono essere strutturate in modo da facilitare la navigazione nel sito e / o nel portale per il cittadino Il linguaggio deve essere semplice Il sito deve fornire un quadro completo delle informazioni utili 34

35 35

Ricerca attiva del lavoro

Ricerca attiva del lavoro Ricerca attiva del lavoro La ricerca attiva in tre fasi 1 3 2 CONSAPEVOLEZZA STRUMENTI INFORMAZIONI Fase 1: Consapevolezza Io cosa offro? Bilancio di competenze Strumenti: Domande individuali: cosa so

Dettagli

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica a cura di Chiara Di Benedetto, Elena Lombardo, Marianna Schiavon, Matteo Viale, con il coordinamento di Michele A. Cortelazzo Sii chiaro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web I principi base dell usabilità 5 8 linee guida per scrivere per il web 7 10 linee guida per l e-commerce 10 Pagina 2 I PRINCIPI BASE DELL USABILITÀ

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea.

La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea. Gentile Studentessa/te La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea. Al fine di facilitare la produzione del suo elaborato riporto di seguito

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) IL CURRICULUM VITAE

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) IL CURRICULUM VITAE IL CURRICULUM VITAE (vedi anche on line sui Siti: http://europass.cedefop.europa.eu/it/documents/curriculum-vitae http://www.jobangels.it/) DEFINIZIONE E GENERALITA Il Curriculum Vitae (C.V.): E la Sintesi

Dettagli

STRUMENTI DI COMUNICAZIONE. Promuovere e diffondere i messaggi di salute: elementi per l analisi dei materiali di comunicazione

STRUMENTI DI COMUNICAZIONE. Promuovere e diffondere i messaggi di salute: elementi per l analisi dei materiali di comunicazione STRUMENTI DI COMUNICAZIONE Promuovere e diffondere i messaggi di salute: elementi per l analisi dei materiali di comunicazione Scelta dello strumento Per decidere quale strumento di comunicazione scegliere

Dettagli

MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB

MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB Questo manuale fornisce una guida tecnica per scrivere testi da copiare all interno di siti web minimizzando il lavoro necessario per adattare tali testi affinché

Dettagli

David Berti. davebe@inbox.com. Comunicarsi sul Web

David Berti. davebe@inbox.com. Comunicarsi sul Web David Berti davebe@inbox.com Comunicarsi sul Web Comunicare?? Comunicare deriva dal verbo di origine latina communicare che significa condividere Comunicare Condividere dati linguistici (informazione)

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Competenza 1: Partecipare a scambi comunicativi in modo collaborativo ed efficace Durata del modulo: Declinazione competenza Abilità 1. Comprendere

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB

LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB 1 Content Management System (CMS) Software (web based) dedicati alla gestione di un sito web: portali, siti aziendali, intranet, blog, Wiki L obiettivo è consentire

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Presentazione linee guida editoriali per il web Giovedì 29 gennaio 2015 Servizio Comunicazione Scrivere per il web Linee guida editoriali per il web Cosa

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Classe 2Alin LINGUA E CULTURA TEDESCA anno scol. 2015/16. Piano di lavoro individuale: prof.ssa Rossana Casadio. omissis

Classe 2Alin LINGUA E CULTURA TEDESCA anno scol. 2015/16. Piano di lavoro individuale: prof.ssa Rossana Casadio. omissis Situazione della classe dal punto di vista dello sviluppo delle competenze Prerequisiti Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Madrelingua Lingua straniera 2 Classe

Dettagli

Costruire l identità di marca La comunicazione sul web

Costruire l identità di marca La comunicazione sul web Costruire l identità di marca La comunicazione sul web MariaClaudia Brucculeri mcbrucculeri@unipa.it Struttura fondamentale della Chi? Dice cosa? A chi? comunicazione Attraverso quale canale? emittente

Dettagli

Comune di Padova. Manuale pagine NoProfit. Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet

Comune di Padova. Manuale pagine NoProfit. Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet Comune di Padova Manuale pagine NoProfit Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet 1 2 1. INTRODUZIONE 1.1 Il Cms del NoProfit - Plone Che cos'è Plone? 1.2 Ruolo utenti Qual

Dettagli

Informarsi. Raccogliere informazioni

Informarsi. Raccogliere informazioni Fase di lavoro 1 Informarsi Spieghi con parole sue a un collega oppure a un suo parente il compito che ha dovuto svolgere e che vuole descrivere nel suo rapporto È stato in grado di esprimersi in modo

Dettagli

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione INSERTO DA STACCARE E CONSERVARE Patriarcato di Venezia, UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI Dall esperienza di quest anno della Scuola di Comunicazione ecco una guida pratica per parrocchie, movimenti, gruppi,

Dettagli

Ins. Elena Rodda Scuola Primaria di Pavone Classe 3 A A. S. 2008/09 NEL TEMPO LA STORIA 3 INDICE DEGLI ALLEGATI

Ins. Elena Rodda Scuola Primaria di Pavone Classe 3 A A. S. 2008/09 NEL TEMPO LA STORIA 3 INDICE DEGLI ALLEGATI INDICE DEGLI ALLEGATI Allegato 1 Griglia ad uso dell insegnante per valutare il testo regolativi. Allegato 2 Rubrica per valutare la capacità di esecuzione di un compito individuale Griglia di autovalutazione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

Scrivere per il web. Università degli Studi di Genova Corso di formazione all uso di Drupal

Scrivere per il web. Università degli Studi di Genova Corso di formazione all uso di Drupal Scrivere per il web 3 Sul web così si legge, così si scrive (1) Nella comunicazione ogni strumento deve avere il suo linguaggio. Scrivere un discorso è diverso da scrivere una brochure. Scrivere il bilancio

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA LETTERA COMMERCIALE Intestazione Individua il nome e il cognome o la ragione sociale di chi scrive; contiene inoltre l indirizzo e i recapiti

Dettagli

DIRECT MARKETING. La rivalutazione della comunicazione scritta. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management

DIRECT MARKETING. La rivalutazione della comunicazione scritta. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management DIRECT MARKETING La rivalutazione della comunicazione scritta La lettera è da sempre l'elemento base di qualsiasi mailing Fax e posta elettronica hanno rivalutato la comunicazione scritta in maniera sorprendente

Dettagli

Progettare e scrivere una relazione sociale: Assistente sociale nella P.A. e libera professione. Relazione di Ombretta Okely

Progettare e scrivere una relazione sociale: Assistente sociale nella P.A. e libera professione. Relazione di Ombretta Okely La documentazione: funzioni e strumenti del servizio sociale integrato Progettare e scrivere una relazione sociale: Assistente sociale nella P.A. e libera professione. Relazione di Ombretta Okely NAPOLI

Dettagli

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo.

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. Unità 12 Inviare una raccomandata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Guida al sito del CSV

Guida al sito del CSV www.csv.vda.it Guida al sito del CSV Come è strutturato, come si aggiorna Il CSV, da sempre attento alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie, ha ritenuto necessario dotarsi di un nuovo sito internet.

Dettagli

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni e DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE a PUBBLICA per l efficienza delle amministrazioni Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi A tutte le Pubbliche Amministrazioni Roma, 8 maggio

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale La posta elettronica ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Posta elettronica E mail Elettronica Posta In questo argomento del nostro corso impareremo

Dettagli

la forma: caratteri web writing slides fernando cova FORMA SCR p. 1

la forma: caratteri web writing slides fernando cova FORMA SCR p. 1 la forma: caratteri web writing slides fernando cova FORMA SCR p. 1 i caratteri tutta la documentazione aziendale scritta deve utilizzare gli stessi caratteri!!!! fernando cova FORMA SCR p. 2 fernando

Dettagli

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera Unità 12 Inviare una raccomandata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una raccomandata

Dettagli

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo.

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo. APPENDICE 2 - Web-writing (ovvero scrivi come navighi) APPENDICE 2 WEB-WRITING (OVVERO SCRIVI COME NAVIGHI) Queste pagine sono tratte e adattate dalla pubblicazione "Linee guida per la redazione e composizione

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

Dall idea alla progettazione di un sito web. Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it

Dall idea alla progettazione di un sito web. Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it Dall idea alla progettazione di un sito web Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it Da Chiesa in rete 2.0 (Gennaio 2009) Diocesi italiane (226) su web, con almeno un sito Dicembre 2008 : 205 Ottobre 2010: 216

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

INFORMAZIONI IN PILLOLE per docenti neoassunti 2012/13

INFORMAZIONI IN PILLOLE per docenti neoassunti 2012/13 INFORMAZIONI IN PILLOLE per docenti neoassunti 2012/13 Sintesi dell attività formativa sulla piattaforma Indire PuntoEdu www.indire.it (clic su ForDocenti in basso a sinistra) Uffico Scolastico Territoriale

Dettagli

ORIENTAMENTO TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO

ORIENTAMENTO TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO ORIENTAMENTO TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO LE TAPPE DELLA RICERCA OPERATIVA DEL LAVORO 1. STABILIRE IL TARGET DI AZIENDE DA CONTATTARE. 2. STABILIRE I CANALI DA UTILIZZARE PER GIUNGERE AD UN ELENCO

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

SUGGERIMENTI PER PREPARARE CURRICULUM E LETTERA DI PRESENTAZIONE

SUGGERIMENTI PER PREPARARE CURRICULUM E LETTERA DI PRESENTAZIONE CURRICULUM Il curriculum vitae insieme alla lettera di presentazione, rappresenta il biglietto da visita con il quale presentarsi all azienda prima di un colloquio di selezione. Un "buon" curriculum deve

Dettagli

Strategia di ricerca Come costruire un Curriculum vitae appetibile Come ci si presenta ad un colloquio di lavoro

Strategia di ricerca Come costruire un Curriculum vitae appetibile Come ci si presenta ad un colloquio di lavoro PERCORSO FORMATIVO PER VOLONTARI SERVIZI AL LAVORO V SESSIONE Ricerca attiva del lavoro Strategia di ricerca Come costruire un Curriculum vitae appetibile Come ci si presenta ad un colloquio di lavoro

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Guida pratica al Copywriting sul web

Guida pratica al Copywriting sul web Guida pratica al Copywriting sul web Introduzione Iniziamo subito dicendo che scrivere per il web e scrivere per la carta stampata sono due cose diverse. Il motivo è molto semplice: cambia il target a

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

8 Word seconda lezione 1

8 Word seconda lezione 1 8 Word seconda lezione 1 Word incominciamo a digitare! È il momento di iniziare a scrivere, posizionandosi con il cursore all inizio o in mezzo al documento. Talvolta però può capitare di fare degli sbagli.

Dettagli

Corso Public Speaking Viterbo

Corso Public Speaking Viterbo Corso Public Speaking Viterbo Ogni giornata del corso: avrá una durata di 2h per un totale di 20h Prezzo del corso: possibilità si partecipare ai primi 5 progetti (250,00 ) o ai 10 progetti (450,00 ) Posti

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO

LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE La Lettera di Accompagnamento (al curriculum vitae) è uno strumento importante nella ricerca del lavoro, e rappresenta una modalità per entrare

Dettagli

COMUNICARE EFFICACEMENTE

COMUNICARE EFFICACEMENTE CORSO MANAGER DIDATTICI COMUNICARE EFFICACEMENTE A cura di: Franco Tartaglia COMUNICAZIONE TRASMISSIONE TRA DUE O PIÙ PERSONE DI : IDEE/OPINIONI MESSAGGI FATTI SENTIMENTI COMANDI RICHIESTE PROPOSTE PRESENTAZIONI

Dettagli

Italiano tecnico 2006-2007. Scrivere chiaro (Plain Language)

Italiano tecnico 2006-2007. Scrivere chiaro (Plain Language) Italiano tecnico 2006-2007 Scrivere chiaro (Plain Language) Scrivere chiaro: cosa significa? Il brigadiere è davanti alla macchina da scrivere. L'interrogato, seduto davanti a lui, risponde alle domande

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

IN TV: la visibilità dei contenuti determina la loro bontà. IN RETE: la bontà dei contenuti determina la loro visibilità.

IN TV: la visibilità dei contenuti determina la loro bontà. IN RETE: la bontà dei contenuti determina la loro visibilità. BLOG BLOG BLOG BLOG BLOG BLOG BLOG I contenuti di un BLOG www.qualitascuola.com/bdc www.qualitascuola.com/bdc www.qualitascuola.com/bdc www.qualitascuola.com/bdc I I I I I I I contenuti contenuti contenuti

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione?

Come scrivere una lettera di presentazione? Come scrivere una lettera di presentazione? Dividerla in tre sezioni: 1. Perché sto scrivendo e chi sono: Se state rispondendo ad un annuncio, inserzione, sui giornali, siti-web ecc allora potete esordire

Dettagli

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist I Disturbi Specifici di Apprendimento Interventi nella Scuola Secondaria: applicazione delle misure compensative e dispensative in riferimento alle discipline di ambito umanistico Progetto Insegnare ad

Dettagli

TESTO ADATTAMENTO DEL TESTO

TESTO ADATTAMENTO DEL TESTO TESTO ADATTAMENTO DEL TESTO 1.idea principale. 2.concetti-chiave. 3.elementi già esistenti nella mappa concettuale del discente. 4.difficoltà del testo. ANALISI OPERATIVA Evidenziare Schematizzare Facilitare

Dettagli

Impiegato/a di commercio profilo E / M. Candidatura a un tirocinio. Foto. Dati personali del/della candidato/a. Rappresentanti legali

Impiegato/a di commercio profilo E / M. Candidatura a un tirocinio. Foto. Dati personali del/della candidato/a. Rappresentanti legali Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione delle risorse DR Personale DFAE Impiegato/a di commercio profilo E / M Tutti i dati contenuti nel presente questionario sottostanno alla legislazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO PER GRUPPI DI LIVELLO

ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO PER GRUPPI DI LIVELLO PROGETTO ASSISTITO A LIVELLO REGIONALE RETE CPIA SIRACUSA Tavolo tecnico Azione 8 ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO PER GRUPPI DI LIVELLO PERCORSO D ISTRUZIONE DI ALFABETIZZAZIONE PERCORSI D ISTRUZIONE DI 1

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 Stampa unione buste: passaggio 2 di 6 Con il pulsante Sfoglia, come nei casi precedenti, seleziona il file elenco per i destinatari da stampare sulle buste. Nel quarto

Dettagli

I PROGRAMMI PER L ELABORAZIONE DEL TESTO

I PROGRAMMI PER L ELABORAZIONE DEL TESTO I PROGRAMMI PER L ELABORAZIONE DEL TESTO Modulo 3 dell ECDL Terza Parte pag. 1 di 10 CopyLeft Multazzu Salvatore I programmi per elaborazione del testo: Terza Parte SOMMARIO Stili... 3 Inserire il numero

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO-Scuola Primaria

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO-Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Scuola Media Dante Alighieri a.s. 2011-2012 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO-Scuola Primaria Il presente piano personalizzato viene redatto ai sensi della L. 8/10/2010

Dettagli

Imparare a vendere la nostra professionalità.

Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. 2010 La preparazione del proprio curriculum è un momento intenso e come tale deve essere vissuto. Presentarsi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE. RIFLESSIONI E AZIONI ATTORNO AL CONCETTO DI DIDATTICA NICOLETTA GIRELLI

INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE. RIFLESSIONI E AZIONI ATTORNO AL CONCETTO DI DIDATTICA NICOLETTA GIRELLI INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE. RIFLESSIONI E AZIONI ATTORNO AL CONCETTO DI DIDATTICA NICOLETTA GIRELLI Gli insegnanti che mi hanno salvato- e che hanno fatto di me un insegnante- non erano formati

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata LA COMUNICAZIONE EFFICACE Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata La lingua: sistema creativo governato da regole Onnipotenza semiotica Facoltà metalinguistica

Dettagli

Parole e espressioni del testo

Parole e espressioni del testo Unità 7 Istruzione e scuola In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo sull iscrizione online nelle scuole italiane nuove parole ed espressioni l uso dei periodo ipotetico della realtà come

Dettagli

Introduzione alla scrittura sul web

Introduzione alla scrittura sul web Una miniguida di Anna Colagè - Web content editor e content strategist Introduzione alla scrittura sul web Impara i fondamentali per scrivere in modo scorrevole per lo schermo partendo col piede giusto

Dettagli