MESSAGGERO VENETO venerdì 30 maggio Indice articoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MESSAGGERO VENETO venerdì 30 maggio 2014. Indice articoli"

Transcript

1 MESSAGGERO VENETO venerdì 30 maggio 2014 (Gli articoli di questa rassegna, dedicata esclusivamente ad argomenti di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet del quotidiano. La Cgil Fvg declina ogni responsabilità per i loro contenuti) Indice articoli REGIONE (pag. 2) Tondo scagionato. Spuntano altri indagati Confcommercio e sindacato sposano la linea della Regione I pensionati a Renzi: bonus anche a noi Rai pronta a tagliare gli organici UDINE (pag. 5) Ospedale bloccato: danni per 50 mila euro PORDENONE (pag. 6) Ideal Standard, ultimatum dell azienda ai sindacati Riduzione di una pausa sulla Electrolux Domino, via libera all asta. Gli operai sperano ancora

2 REGIONE Tondo scagionato. Spuntano altri indagati di Anna Buttazzoni UDINE L ex governatore Renzo Tondo esce dall inchiesta sulle spese pazze della Regione. Restano aperti, invece, i casi di 16 ex consiglieri regionali, di tre in carica e di altre tre persone, in concorso con gli esponenti politici della scorsa legislatura (come riportato in tabella). Le ipotesi di reato formulate dalla Procura di Trieste, dal pm Federico Frezza, sono di peculato, truffa, favoreggiamento e per i 22 protagonisti dell indagine è stata formulata la richiesta di rinvio a giudizio. Tondo e il pensiero al papà «Sono stato in cimitero da mio padre, a fargli sapere che ha un figlio onesto». Benvenuto Tondo è morto a fine febbraio in India, dove si era trasferito. L ex governatore, oggi consigliere regionale e capogruppo del Misto, ha un solo rammarico, non avere potuto dire a Benvenuto, durante il loro ultimo incontro, che lui con le ruberie non aveva nulla a che fare. «Sono felice dell archiviazione, anche se la soddisfazione si mescola alla rabbia. Perché continua Tondo avrei voluto dire a mio papà che sono un figlio onesto e dirglielo prima che morisse». Però Benvenuto lo sapeva già. «Sì, ma era un uomo integerrimo e l inchiesta per lui era un ferita, tanto che mi chiedeva notizie. L accusa nei miei confronti lo aveva avvilito più della mia sconfitta elettorale. Adesso è un caso chiuso, mi sono tolto un peso che sentivo ingiusto anche perché conclude Tondo riferendosi alle contestazioni mosse nei suoi confronti ad Assisi andai come presidente della Regione, non in gita». Soddisfatti anche i suoi legali, Luca Ponti e Luciano Cardella. L archiviazione è arrivata anche per gli ex consiglieri Roberto Marin e Stefano Alunni Barbarossa, come riferito nell articolo in basso. Il concorso di tre persone La richiesta di rinvio a giudizio tocca anche Everest Bertoli, attuale capogruppo di Fi in Consiglio comunale a Trieste; Matteo Caldieraro impegnato in un agenzia di viaggi, e Paolo Iuri, elicotterista. L accusa nei loro confronti è di concorso in peculato. Bertoli è coinvolto nell inchiesta attraverso Piero Camber e a lui viene contestato l utilizzo di denaro dell allora gruppo regionale del Pdl, ma senza alcuna finalità istituzionale e senza collegamenti con il gruppo regionale del Pdl. La cifra complessiva ammonta a circa 3 mila 600 euro e riguarda due episodi, aver pagato il viaggio aereo e il pernottamento il 16 dicembre 2010 a Bruxelles di 17 persone e un rinfresco al Caffè Rossetti di Trieste nel febbraio Per Caldieraro, invece, l accusa è di favoreggiamento perché, secondo la ricostruzione del pm, ha mentito e così aiutato Edouard Ballaman nell ottenere dalla Regione rimborsi gonfiati. Soldi che l ex componente del gruppo Misto ha ricevuto per viaggi da Hong Kong e Dubai, da Kuala Lumpur a Colombo nello Sri Lanka fino a Mumbai, trasferte nelle quali si è fatto accompagnare dalla moglie, ricevendo poi indennizzi dal gruppo consiliare sia per la signora sia per biglietti aerei più cari rispetto a quelli effettivamente utilizzati. Iuri, infine, è entrato nell inchiesta in concorso con la sua compagna, Mara Piccin, attuale capogruppo in Consiglio regionale del Carroccio. La leghista, secondo l accusa, ha pagato soggiorni trascorsi con lui e poi ottenuto i rimborsi dalla Regione. Non solo. Nel mirino c è anche una consulenza affidata a Iuri per elaborare una proposta di legge per garantire la maggiore sicurezza della navigazione aerea, una consulenza pagata 5 mila euro e, per il pm, senza alcuna consistenza. È possibile che dalla comunicazione della chiusura delle indagini alla richiesta di rinvio a giudizio Frezza abbia ridotto il numero delle ipotesi di reato. Le spese degli altri 19 Le somme vanno da poco più di 500 euro fino a quasi 200 mila. Come nei casi precedenti, però, è possibile che dopo le memorie presentate dagli avvocati il sostituto procuratore abbia riconosciuto come legittime alcune spese, stralciandole dall inchiesta, oppure mantenuto l identico numero di ipotesi di reato. Certo è che i fatti riscontrati dalla Guardia di Finanza e giudicati illeciti dalla Procura nell ultimo anno e mezzo sono i più diversi. Il caso più costoso è quello della Lega che nelle contestazioni del pm antecedenti alla chiusura indagini, ha accumulato scontrini e fatture per quasi 200 mila euro. Le spese? Tante. Dai viaggi a Vienna dell ex capogruppo Danilo Narduzzi ai gioielli e vestiti per bambini di Ugo De Mattia. Dalle trasferte di Piccin con Iuri a Salò, sul Lago di Como, a Abano Terme al parrucchiere rimborsato a Federico Razzini, fino agli articoli da caccia

3 comprati da Enore Picco. Non solo. A ciascuno ogni tanto venivano consegnate somme in contanti senza alcun riscontro. Gli ex pidiellini hanno speso soprattutto in pranzi e cene, ma anche in trasferte e pernottamenti, per una somma che supera i 112 mila euro. L ex capogruppo Daniele Galasso (oggi componente della Paritetica) ha pagato un paio di cene, ma risponde anche dei rimborsi ottenuti dagli altri ex. Come i viaggi a Stoccolma di Gaetano Valenti e a Parigi di Antonio Pedicini, anche con la moglie; i pranzi a Cortina di Piero Camber e i soldi dati da Piero Tononi (attuale responsabile della segreteria del coordinamento regionale di Fi) all associazione triestina Dream; i tagliandi dell auto di Maurizio Bucci e le trasferte a Roma, anche con la moglie, di Massimo Blasoni, vice coordinatore vicario di Fi in regione. All attuale consigliere di Fi, Elio De Anna, invece, sono riferiti quattro pernottamenti pagati a una signora che l ex assessore alla Cultura sostiene essere una traduttrice. A Roberto Asquini, ex caporuppo del Misto, vengono contestati viaggi per 15 mila 100 euro, soprattutto in America. Anche l ex capogruppo del Pd Gianfranco Moretton risponde per i colleghi e di spese considerate illegittime per oltre 30 mila euro. Spulciando gli acquisti democratici si spazia dal seggiolino per l auto di Alessandro Tesini alle trasferte di Sandro Della Mea. All attuale consigliere regionale del Pd Daniele Gerolin vengono contestati i pranzi dal 13 al 20 agosto 2010 sempre nella stessa trattoria di Bibione. L iter Sarà il Gup a fissare la data delle udienze preliminari e poi a disporre i processi oppure a rigettare le richieste del pm, archiviando i casi. Confcommercio e sindacato sposano la linea della Regione UDINE «E una istanza, quella della regolamentazione delle aperture festive, che Confcommercio Fvg ha trasmesso ripetutamente alla politica. Ci fa piacere che i vertici della Regione l abbiano fatta propria e portata al tavolo della Conferenza delle Regioni». Il presidente regionale di Confcommercio Pio Traini, a nome anche delle associazioni territoriali, appoggia la presa di posizione della giunta Serracchiani che ha rilanciato la sfida sul fronte dell apertura dei negozi nei giorni di festa. La proposta, formalizzata dal vicepresidente Bolzonello, è di abbassare le serrande in occasione delle festività nazionali e per almeno altre 4 domeniche nel corso dell anno, «un limite che potrebbe essere anche leggermente ampliato sostiene Confcommercio Fvg ma che rappresenta in ogni caso un buon punto di mediazione rispetto a una liberalizzazione che, negli ultimi anni, non ha prodotto alcun vantaggio in termini di ripresa dei consumi, penalizzando al contrario le famiglie dei lavoratori». Confcommercio Fvg si dice «convinta che le cose possano ora cambiare a livello nazionale» e cita a questo proposito il fatto che «altre Regioni la pensano come il Friuli Venezia Giulia». D accordo con la linea assunta dalla Regione anche la Cgil regionale: «Fermo restando che non riteniamo del tutto esclusi i margini per una legge regionale è positivo che la giunta abbia preso atto del problema». I pensionati a Renzi: bonus anche a noi UDINE Cinquantamila cartoline dal Friuli con destinazione Palazzo Chigi. È il traguardo che si sono posti i sindacati pensionati di Cgil, Cisl e Uil con la petizione #nonstiamosereni, avviata in tutta Italia per chiedere l estensione ai pensionati del bonus fiscale di 80 euro già riconosciuto ai lavoratori dipendenti e la piena rivalutazione delle pensioni. «Ma la mobilitazione spiegano i segretari regionali Ezio Medeot (Spi-Cgil), Gianfranco Valenta (Fnp-Cisl) e Magda Gruarin (Uilp-Uil) punta anche ad altri obiettivi, che chiamano direttamente in causa il ruolo della Regione. Su tutti la difesa del welfare, strumento indispensabile di tutela delle fasce più deboli ed esposte al rischio disagio e povertà».

4 Rai pronta a tagliare gli organici ROMA «C è chi ha detto che noi vogliamo distruggere la Rai solo perché diamo la possibilità di vendere RaiWay o riorganizzare le sedi regionali. La Rai deve provare ad immaginare una scommessa culturale per il paese». Il premier Matteo Renzi tenta, ormai da settimane, di spegnere il fuoco divampato in Rai dopo il taglio di 150 milioni deciso dal governo. Ci prova anche il dg Luigi Gubitosi, spiegando che, quantomeno per il 2014, la cessione di una quota di RaiWay, la società che detiene le torri di trasmissione, consentirà di mettere in sicurezza i conti. D altra parte, però, il manager avverte che il piano industriale già approvato «non è più sostenibile» ed è necessario per il futuro «rivedere perimetro del gruppo e livelli occupazionali». Parole, quelle pronunciate dal dg nella prima audizione in commissione di Vigilanza dopo il varo del decreto Irpef con la riduzione dei trasferimenti alla concessionaria, che confermano le preoccupazioni dei sindacati. Senza interventi, avverte Gubitosi, la manovra governativa determinerebbe un perdita di 162 milioni nell esercizio «L unica alternativa praticabile per far fronte, ad esercizio in corso e a budget già approvato, alla riduzione dei ricavi prevista dal decreto - spiega - appare la cessione di una quota di partecipazione al capitale di RaiWay». A generare allarme in Rai sono soprattutto le previsioni del dg sul suo futuro. Gubitosi fa sapere che «l attuale piano non è più sostenibile» e che sarà necessario rivedere l offerta e l attività della Rai e di conseguenza gli organici. Come advisor finanziario è stata scelta la società Leonardo & Co. Sul mercato dovrebbe finire il 30-40% della società, le cui quotazioni oscillano tra i 600 milioni e il miliardo. Il dg non fa cifre, ma non vuol sentire parlare di svendita e si dice pronto a scommettere che non sono attendibili i 400 milioni di valore ipotizzati dal senatore M5S, Alberto Airola. l dg evoca un intervento «complessivo e organico» ma le sue parole mettono in allarme l Usigrai. «Riduzione del perimetro del servizio pubblico e conseguente taglio dell organico. È questa la nuova scommessa culturale per la Rai di cui parla il presidente del Consiglio? - chiede il sindacato dei giornalisti Rai -. Basta con gli slogan. Qui si sta parlando del lavoro di migliaia di persone». La speranza dei sindacati è che il dibattito parlamentare azzoppi il decreto, riducendo l ammontare dei tagli.

5 UDINE Ospedale bloccato: danni per 50 mila euro di Alessandra Ceschia Fino a 50 mila euro di danni. Questo, secondo una prima, provvisoria stima, l ammontare dei danni che la rottura del giunto all impianto idraulico al quarto piano del nuovo ospedale, verificatasi sabato, potrebbe aver provocato. «In realtà commenta il direttore Mauro Delendi per avere un quadro preciso dovremo attendere che le verifiche, tuttora in corso, vengano completate». Pavimenti e controsoffitti Quello che, dai primi sopralluoghi, si è potuto riscontrare è che l acqua fuoriuscita dall impianto ha danneggiato i controsoffitti e i vani tecnici all interno dei quali scorrevano le tubature, dovranno quindi essere sostituiti diversi quadrotti che compongono la superficie. Ulteriori danni sono stati arrecati alla pavimentazione negli studi medici e lungo i corridoi del quarto piano, strutture per le quali era stato posto in opera il linoleum che purtroppo in diversi punti si è sollevato e che, probabilmente, dovrà essere sostituito. E poi bisognerà verificare la possibilità di ritinteggiare le superfici. Pagherà Edilsa «In ogni caso sottolinea il direttore generale si tratta di spese che dovranno essere pagate dal consorzio Edilsa, concessionario dell Azienda ospedalierouniversitaria con sede in Monfalcone cui è stato affidato l appalto. Loro il compito di effettuare le riparazioni e di provvedere al ripristino dei locali, quale che sia l ammontare dei danni» osserva. Più difficile, almeno per ora, capire quando costerà risolvere il problema dell impiantistica. «Il concessionario sta effettuando le ricognizioni anticipa il direttore generale, operazioni che sono costantemente seguite dal nostro dipartimento tecnico diretto dall ingegner Walter Toniati. Resta da capire osserva se si tratta di dover sostituire un giunto difettoso, o se si tratta di un problema che può riguardare tutti e 514 i giunti. Sono componenti che non costano più di un centinaio di euro l uno. Le verifiche sono già partite e dovrebbero protrarsi per tre settimane, la rottura potrebbe anche essere dipesa da un riallineamento degli impianti determinato da fluttuazioni che sono fisiologiche, ad ogni modo sarà la concessionaria a doversi far carico di tutte le spese». Sei anni in cantiere Pur essendo stati completati nel 2012, i lavori del secondo e il terzo lotto sono ben più datati. L avvio degli interventi risale infatti al 2006, poi il cantiere dell ospedale subì un blocco. Quindi è partita la difficile trattativa con la Edilsa, sboccata in un accordo nel 2010 che fece riavviare i lavori. Ed è al primo cantiere che si riferiscono gli impianti che ora dovranno essere verificati. Le penali Il contratto di affidamento dell appalto, rivisto nel 2009 dopo la chiusura del contenzioso fra il Santa Maria della Misericordia e l Edilsa, ha fissato un nuovo cronoprogramma e ha ridefinito i termini economici, si tratta di un accordo che prevede una serie di penali, prese in considerazione attentamente dall ufficio legale dell Azienda ospedaliera. Ma riguardo a questo, la direzione non intende sbilanciarsi. «Va prima accertata l origine del problema che si è creato» chiosa Delendi, che attende di vedere le carte prima di pronunciarsi. Legali al lavoro Al vaglio degli avvocati anche la possibilità di promuovere azioni volte ad ottenere un risarcimento. Delendi per ora non conferma e non smentisce. Si limita a constatare che «danni diretti per l azienda non ce ne saranno, visto che sarà Edilsa a pagare». Diversa la questione dei danni indiretti, siano essi riferiti all immagine dell ospedale o provocati dall aumento dei costi conseguenti il ritardo nella dismissione dei padiglioni. I ritardi Com è noto, il trasloco dei vari reparti, partendo dal Dipartimento chirurgico per passare alla Clinica di Anestesia e Rianimazione, era stato programmato fra il 9 e il 23 giugno. Il trasferimento avrebbe permesso di liberare i vecchi edifici, cosa non da poco visto che garantire il funzionamento del nuovo e del vecchio ospedale in questo ultimo anno ha comportato un impennata dei costi. Ma si dovrà attendere almeno altri tre mesi, con previsioni di bilancio tutt altro che incoraggianti, per trasferire i reparti. Ce n è abbastanza per ipotizzare un aggravio dei costi. «Valuteremo se ci sono danni indiretti» si limita a commentare Delendi. «Va detto però, aggiunge che il padiglione 5 non verrà comunque chiuso perché ospiterà il Chirurgico specialistico, come del resto il Petracco, nel quale resteranno la Pediatria e la Neonatologia».

6 PORDENONE Ideal Standard, ultimatum dell azienda ai sindacati di Elena Del Giudice «Siamo stanchi di questo continuo gioco al rialzo. Diamo tempo fino al 10 giugno alle parti sociali per sottoscrivere un accordo sulla procedura di mobilità, in caso contrario procederemo all invio delle lettere di licenziamento e interromperemo il negoziato con Bpi». Non difetta in chiarezza la posizione di Ideal Standard arrivata ieri dopo il nuovo rilancio partito da Orcenico, dove i lavoratori chiedono «certezze e il rispetto dei 10 punti del verbale di accordo siglato al ministero dello Sviluppo economico». Nuovamente da una parte l azienda, manifestamente irritata da «un continuo mercanteggiare» da parte di sindacato e lavoratori «che prendono impegni» salvo poi modificare la propria posizione. Che è poi la stessa accusa che sindacati e lavoratori rilanciano a Ideal Standard, rea di non voler rispettare gli accordi laddove si parla di garantire l attività produttiva fino al 15 luglio, con un utilizzo equilibrato della cassa integrazione. Arrabbiati i sindacati anche per aver appreso, tramite stampa, della disponibilità del Gruppo di erogare 800 euro nel trimestre quale integrazione alla cassa integrazione. Di «fatto gravissimo» parla Franco Rizzo, Femca, che individua un tentativo o un pretesto per far saltare l accordo. Non meno duro Giuseppe Pascale, Filctem, secondo il quale «per come viene posta la questione, è una modalità ricattatoria che respingiamo». «I 10 punti del verbale - spiega Giuseppe Pascale - sono legati uno all altro ed hanno un obiettivo comune: l avvio certo di un progetto di salvataggio per lo stabilimento di Orcenico, che può essere la cooperativa, attorno a cui si sta lavorando, o un altro approdo. Ideal Standard prosegue Pascale. si è impegnata a garantire la continuità produttiva di questo stabilimento fino al 15 luglio». E questo, nella lettura di sindacati e lavoratori, sta a significare che i volumi che il Gruppo intende realizzare fino a metà luglio, li deve ripartire sui tre siti. «L obiettivo - ancora i sindacati - era quello di evitare una penalizzazione ai lavoratori, limitando l uso della cassa, e trovando anche una copertura salariale per la differenza (tra lo stipendio pieno e l ammortizzatore). Martedì - riferisce Pascale - abbiamo inviato a Ideal Standard una lettera a cui non ha ritenuto di rispondere. Quindi abbiamo invitato i lavoratori a presentarsi in stabilimento da oggi, con gli orari e le modalità consuete, pronti per il turno di 8 ore». Oggi i lavoratori sono a casa «ma come non lo sa nessuno. In ferie, in permesso, in cassa... Noi rilanciano i sindacalisti vogliamo chiarezza, il rispetto degli impegni e mettere in sicurezza retributiva i lavoratori. Invitiamo Ideal Standard ad assumersi le proprie responsabilità e ad essere credibile rispetto ai documenti che sottoscrive». Riduzione di una pausa sulla Electrolux Se all Ideal Standard siamo ancora nella fase dell interpretazione degli accordi, in Electrolux è stato appena definito il calendario ferie e l avvio delle nuove modalità di produzione con la riduzione di una pausa. Ieri si sono incontrati la direzione aziendale e le Rsu di fabbrica per definire il calendario delle ferie per i lavoratori dello stabilimento di Porcia. L'intesa raggiunta prevede sempre lo scaglionamento in due turni; il turno A andrà in ferie dal 14 al 25 luglio, il turno B dal 4 al 15 agosto. Da inizio giugno, infine, si applicherà la riduzione di 5 minuti della pausa di fine turno di mattina e inizio turno di pomeriggio che da 15 minuti diventerà di 10 minuti.

7 Domino, via libera all asta. Gli operai sperano ancora SPILIMBERGO Aperta la nuova gara per la vendita di Domino. Le offerte irrevocabili di affitto e impegno all acquisto dovranno essere depositate in tribunale entro le 12 del 10 giugno. Le buste saranno aperte alle 15 dello stesso giorno dal curatore Paolo Fabris. Il giudice ha autorizzato la pubblicazione di un avviso per la manifestazione di proposte migliorative in seguito alla formalizzazione dell offerta irrevocabile di affitto fatta pervenire dall imprenditore friulano Carlo Fulchir, che l anno scorso ha rilevato la Salumi Masè di Trieste, assieme ad altri due manager. Ora si conosce anche il piano di rilancio elaborato da Fulchir, che prevede l affitto di Domino sino al 30 giugno Dal punto di vista occupazione, il progetto industriale contempla l assunzione in una prima fase di 15 addetti, che potrebbero lievitare a 50 nell arco di mesi. Quanto al canone di affitto, saranno versati 10 mila euro mensili più Iva. Per l acquisto del magazzino, sono stati offerti 300 mila euro. In caso di aggiudicazione, Fulchir si impegna a partecipare all acquisto del compendio aziendale - esclusi i beni immobili - per un prezzo non inferiore a 600 mila euro, più oneri di legge. Quanto alle garanzie offerte, si parla di 60 mila euro per l impegno assunto a partecipare all acquisto del compendio aziendale e 20 mila per l impegno assunto col contratto d affitto. Tornando alla gara, la scelta dell affittuario terrà conto del canone offerto, dell impegno vincolante all acquisto dell azienda e del complesso immobiliare, nonché delle garanzie prestate e dell attendibilità del piano di prosecuzione delle attività imprenditoriali, avuto riguardo alla conservazione dei livelli occupazionali. Quella appena aperta è la prima gara dopo il fallimento di Domino, ma la seconda degli ultimi mesi: la precedente risale a marzo, quando ad aggiudicarsi l azienda è stata la cordata Omd-Carton, poi sparita nel nulla. Fulchir, comunque, non è il solo interessato: al lavoro per depositare un offerta ci sono Roberto Busco, di Ancona, titolare di un attività che opera nel settore del wellness, Stefano Boccalon, amministratore di Glass idromassaggio, e imprenditori della Bassa pordenonese, con attività contigua a quella dell azienda di Spilimbergo. Ieri si è fatto avanti un industriale di San Stino di Livenza, attivo nel settore delle vasche. In corso pure le valutazioni di un gruppo di dipendenti rispetto alla possibilità di prendere in affitto l impresa, costituendo una cooperativa. A giorni è atteso l incontro al ministero per l accordo sulla mobilità per i 109 ex addetti. Giulia Sacchi

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE PARZIALE... 5 DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. Rubrica Edilizia 38 Il Sole 24 Ore 23/01/2015 IN BREVE - EDILIZIA 3 Rubrica Lavori pubblici 36 Il Messaggero - Cronaca di Roma 23/01/2015 DAL MUSEO

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 OGGETTO: Approvazione atti di gara Aggiudicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli