PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO"

Transcript

1 Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri Le tabelle per Stato ed Eti locali I redimeti aui I coefficieti e le aliquote a cura di MORENO PIACENTI Direzioe cetrale Prevideza Ufficio I Supplemeto de Il Giorale Ipdap.18 - luglio 2010 Direttore resp. Bruo Beelli

2 ERISc INDICE Premessa Capitolo primo / Sistema retributivo Le retribuzioi Quota A di pesioe Quota B di pesioe Coefficieti di rivalutazioe (co tabella) I redimeti (co tabella) Idividuazioe del coefficiete di redimeto Due esempi Calcolo delle due quote di pesioe Riduzioe delle aliquote Capitolo secodo / Sistema cotributivo Coefficieti di trasformazioe (co tabella) Coefficieti di rivalutazioe (co tabella) Capitolo terzo / Sistema misto La pesioe prede quota Due esempi 2

3 PREMESSA Sebbee siao state emaate el corso degli ai umerose orme co l obiettivo di armoizzare la disciplia pesioistica dei pubblici dipedeti a quella dell assicurazioe geerale obbligatoria, la ormativa pesioistica dei dipedeti pubblici rimae acora per molti aspetti eterogeea. Per i dipedeti dello Stato vige il Decreto del Presidete della Repubblica del 29 dicembre 1973 (Testo uico delle orme sul trattameto di quiesceza dei dipedeti civili e militari dello Stato) e successive modificazioi ed itegrazioi, metre per i dipedeti degli Eti locali occorre fare riferimeto pricipalmete al Regio Decreto Legge. 680/1938 ed alla legge. 965/1965 e successive modificazioi ed itegrazioi. Il calcolo delle pesioi si basa attualmete su tre sistemi: retributivo, cotributivo, misto. Questo periscopio vuole illustrare i sistemi di calcolo delle pesioi, che è basato su u groviglio di orme frutto e retaggio di tradizioi legislative diverse tra le varie gestioi cofluite poi ell Ipdap. La materia è estremamete complessa. Si è cercato di rederla il più possibile compresibile, ricorredo ache a esemplificazioi, ma il tecicismo delle disposizioi spesso la fa da padroe. 3

4 ERISc Capitolo primo / SISTEMA RETRIBUTIVO Il sistema retributivo lega l importo della pesioe alle retribuzioi aue percepite dall'iscritto egli ultimi ai di servizio, rapportate a redimeti percetuali maturati rispetto all aziaità cotributiva utile a pesioe. Si applica ai lavoratori che hao maturato almeo 18 ai di aziaità cotributiva al 31 dicembre I estrema sitesi si può affermare che il sistema poggia su cique pilastri. Esattamete: 1) Età dell iteressato 2) Aziaità cotributiva 3) Retribuzioe lorda pesioabile ultima retribuzioe per la quota A (aziaità fio al 1992) media retributiva ultimi 10 ai per quota B (aziaità dal 1993) 4) Rivalutazioe delle retribuzioi (coefficieti che variao ogi ao) 5) Aliquota di redimeto (diversa per Stato ed Eti locali). Le retribuzioi Dall esame delle retribuzioi degli ultimi ai di servizio devoo essere ricercate ed idividuate due basi pesioabili : - la prima da utilizzare per i redimeti maturati fio al 31 dicembre1992 (quota A di pesioe); - la secoda da utilizzare per i redimeti maturati dal 1 geaio 1993 alla cessazioe (quota B di pesioe). Quota A di pesioe Per i dipedeti dello Stato iscritti alla CTPS ( Cassa pesioi persoale dello Stato ) Per questa ragioe dal calcolo soo esclusi tutti i compoeti della retribuzioe defiiti accessori, quali gli straordiari, gli icetivi alla produttività ecc. Per i dipedeti degli eti locali iscritti alla CPDEL ( Cassa pesioi dipedeti eti locali) Ache per i dipedeti degli eti locali si fa riferimeto al trattameto ecoomico spettate alla cessazioe dal servizio risultate dall ultima busta paga che ha le caratteristiche di fissità e cotiuità. Fao parte di tale retribuzioe: - stipedio tabellare, scatti di aziaità (se previsti), maturato ecoomico, tredicesima mesilità e mesilità aggiutive se previste dal cotratto di categoria; - ideità itegrativa speciale (o di cotigeza); - tutte le ideità o assegi fissi corrisposti per l'attività svolta e previsti dal cotratto collettivo di comparto. Tutti gli altri compoeti della retribuzioe che o hao le caratteristiche sopra richiamate, defiiti accessori, quali gli straordiari, gli icetivi alla produttività etc. soo esclusi dal calcolo. Quota B di pesioe La secoda base pesioabile è costituita dalla media delle retribuzioi aue a) per 12 mesilità ( Stato) b) per 13 mesilità (Cpdel) percepite egli ultimi dieci ai precedeti la decorreza della pesioe, e debitamete rivalutate. Dal 1 geaio 1996, la retribuzioe impoibile è costituita da tutto ciò che il lavoratore riceve i dipedeza del rapporto di lavoro. Da tale data, per- 4 Si fa riferimeto al trattameto ecoomico spettate alla cessazioe dal servizio, cosiderato per 12 mesilità. Gli elemeti da cosiderare soo quelli risultati ell ultima busta paga. I particolare: - stipedio tabellare, scatti di aziaità (se previsti), maturato ecoomico, - ideità itegrativa speciale (o di cotigeza) ache se coglobata ello stipedio. I aggiuta è cosiderato ache il valore corrispodete al 18% dello stipedio, degli scatti di aziaità e del maturato ecoomico. Altri assegi o ideità o possoo essere cosiderati se ua disposizioe di legge o e preveda espressamete la valutazioe ella base pesioabile.

5 tato, soo cosiderati ache gli elemeti accessori corrisposti. Per i dipedeti dello Stato, che el calcolo hao già coteggiato i più il valore virtuale del 18%, gli accessori soo cosiderati solo per l evetuale quota superiore a tale valore. Coefficieti di rivalutazioe Le retribuzioi, oggetto della media, soo attualizzate alla data della decorreza della pesioe, cioè soo icremetate i misura corrispodete alla variazioe, tra l'ao solare di riferimeto e quello precedete la decorreza della pesioe, dell'idice auo dei prezzi al cosumo per famiglie di operai ed impiegati calcolato dall'istat. Ad esse si applica altresì l aumeto di u puto percetuale per ogi ao solare preso i cosiderazioe. Dall esame degli ai utili a pesioe soo ricercati e idividuati due redimeti: - il primo relativo agli ai posseduti al 31 dicembre 1992 (da utilizzare per la quota A ); - il secodo relativo agli ai posseduti dal 1 geaio 1993 alla cessazioe (da utilizzare per la quota B ). Ogi ao di aziaità cotributiva, o per meglio dire ogi mese, determia u aumeto percetuale tale da raggiugere: - l 80% complessivo della retribuzioe co 40 ai di servizio (dipedeti dello Stato) ; - il 100% complessivo della retribuzioe co 40 ai di servizio (dipedeti Eti locali) fio al 31 dicembre Dal 1 geaio 1995 gli ai di servizio soo cosiderati al 2% all ao ei casi i cui le percetuali di redimeto siao più elevate del 2%. Nella tabella che segue soo riportati i coefficieti di rivalutazioe relativi all ultimo deceio per pesioi decorreti ell ao Coefficieti di rivalutazioe per pesioe 2010 Ao Coefficieti , , , , , , , , , , , ,0000 Esempio: la retribuzioe aua del 2001 viee rivalutata del 26,86%, quella del 2007 del 6,08%. Esempio: la retribuzioe aua del 2001 viee immediatamete rivalutata precedete. del 26,86%, Perciò quella per le del pesioi del 6,08%. (comprese quelle di geaio) o soo rivalutate No le retribuzioi si rivalutao le retribuzioi relative all ao Ecco le tabelle delle aliquote di redimeto. Iiziamo da quelle relative al comparto degli Eti lo- della decorreza della pesioe e dell ao immediatamete precedete. Perciò per le pesioi 2010 (comprese quelle di geaio) o cali( Regioi, Provice, Comui, Asl, Eti pubblici, I redimeti etc.). soo rivalutate le retribuzioi Il coefficiete di redimeto rappreseta la percetuale della base pesioabile che determia la pesioe el sistema retributivo. Per compredere meglio le cifre idicate i tabella u solo esempio: I redimeti - il primo relativo la cifra ( 16 ai e 3 mesi di aziaità - il secodo Il coefficiete relativo agli di redimeto ai posseduti rappreseta dal 1 geaio la 1993 percetuale della base pesioabile che determia la 39,141% della retribuzioe pesioabile. alla cessazioe eti (da locali) utilizzare corrispode per la a ua pesioe pari al pesioe el sistema retributivo. Ogi ao di aziaità cotributiva, o per meglio dire ogi mese, determia u aumeto percetuale tale da raggiugere: - - il 100% complessivo della retribuzioe co 40 ai di servizio (dipedeti Eti locali) fio al 5

6 ERISc DIPENDENTI ENTI LOCALI Aliquote di redimeto espresse i ai e mesi 6

7 Attezioe: la tabella deve essere utilizzata per la cotribuzioe maturata fio al 31 dicembre Dal 1 geaio 1995 si deve sommare al coefficiete corrispodete agli ai posseduti fio al 1994 il 2% auo per tutti gli ai dal 1995 i poi e comuque fio ai 40 ai complessivi. 7

8 ERISc STATALI Aliquote di redimeo espresse i ai e mesi 8

9 Idividuazioe del coefficiete di redimeto Quota A Deve essere ricercato, ella tabella, quello corrispodete agli ai lavorati fio al 31 dicembre Quota B Per idividuare il coefficiete corrispodete alle aziaità possedute dal 1 geaio 1993 alla cessazioe, al fie di determiare la quota B di pesioe occorre stabilire quello corrispodete agli ai complessivi maturati alla cessazioe dal servizio. Dal coefficiete così determiato deve essere detratto quello precedetemete idividuato al 31 dicembre Tale coefficiete differeziale corrispode a quello utile per la quota B di pesioe. E da teere presete che fio al 31 dicembre 1994 le aliquote di redimeto per i dipedeti pubblici dipedeti degli eti locali (tab. A della legge. 965/1965) e per i dipedeti delle ammiistrazioi statali (Decreto del Presidete della Repubblica. 1092/1973) hao subito delle modifiche. Ifatti la legge. 724/1994 ha sostituito, a decorrere dal 1 geaio 1995, le aliquote allora i vigore e ha itrodotto l aliquota di redimeto costate ella misura del 2% all ao (secodo la ormativa Ips). La legge. 335/1995 ha previsto, tuttavia, che l applicazioe dell aliquota al 2% ad ao o può determiare u trattameto di pesioe superiore a quello che sarebbe spettato i base all'applicazioe delle aliquote previste i precedeza. Teuto coto della particolare progressioe dei coefficieti della tabella "A" della legge. 965/1965 che prevede u redimeto iferiore al 2% fio al limite dei 22/23 ai di servizio e superiore al 2% dopo il 23 ao, per aziaità cotributive iferiori a 22/23 ai si cotiua a fare riferimeto alla tabella "A", metre per le aziaità superiori a 23 ai si deve sommare al coefficiete corrispodete agli ai posseduti al 31 dicembre 1994 il 2% auo per tutti gli ai dal 1995 i poi e, comuque, fio a 40 ai. Per i dipedeti dello Stato l effetto dell applicazioe di tali disposizioi è trascurabile teuto coto che dopo il 15 ao di aziaità cotributiva l aliquota di redimeto è pari all 1,8% e quidi iferiore al 2%. Due esempi A - Esempio di idividuazioe dei due coefficieti di redimeto per iscritto dipedete di Ete locale cessato dal servizio il 31 dicembre Aziaità posseduta alla cessazioe dal servizio = ai 39 Aziaità posseduta al 31 dicembre 1992 = ai 22 Coefficiete per quota A corrispodete ad ai 22 = 48,70% Coefficiete corrispodete all aziaità posseduta al 31 dicembre 1994, ai 24 = 52,80% Ai dal 1 geaio 1995 al 31 dicembre 2009 ai 15 x 2% all ao = 30,00% Coefficiete totale alla cessazioe = 82,80% Coefficiete al 31 dicembre1992 = 48,70% Coefficiete per quota B = 34,10% Coefficiete di redimeto complessivo = 82,80% (48,70% + 34,10%) Se o ci fosse stata l itroduzioe dal 1995 del redimeto del 2% auo la pesioe, applicado le vecchie regole, sarebbe stata calcolata co la percetuale del 96,30% della retribuzioe i luogo di quella dell 82,80%. B - Se elle codizioi sopra descritte si trovasse u dipedete dello Stato la situazioe sarebbe la seguete: Coefficiete corrispodete a 39 ai di aziaità cotributiva = 78,20% Coefficiete per quota A corrispodete ad ai 22 = 47,60% Coefficiete per quota B corrispodete ad ai 17 = 30,60% (1,80% auo per 17 ai). I questo caso o può applicarsi il coefficiete del 2% auo dal 1995 i poi. Ifatti il coefficiete 51,20% (corrispodete all aziaità di 24 ai maturata al 31 dicembre 1994), co l icremeto del 30,00% (corrispodete all aziaità di 15 ai maturata dal 1 geaio 1995), determierebbe u redimeto complessivo di 81,20% - i luogo di 78,20% - e quidi ua pesioe di importo superiore a quella che sarebbe spettata secodo le vecchie regole. Calcolo delle due quote di pesioe A questo puto si somma la quota A (corrispodete al prodotto tra la prima base pesioabile e il coefficiete di redimeto corrispodete ella tabella i base agli ai posseduti al 31 dicembre 1992) co la quota B (corrispodete al prodotto tra la secoda base pesioabile e il coefficiete di redimeto che, a sua volta, è determiato dalla differeza tra il coefficiete di redimeto maturato alla cessazioe i base agli ai di servizio totale e il coefficiete utilizzato per la prima quota di pesioe): il risultato è la pesioe aua complessiva. L importo risultate, - diviso per 13 per gli iscritti Cpdel e per 12 per gli 9

10 ERISc iscritti alla Ctps determia il valore lordo mesile della pesioe spettate, che viee pagato per 13 mesilità. Riduzioe delle aliquote Dal 1 geaio 1993 iizia, ioltre, la progressiva estesioe alle forme di prevideza esclusive (come le Casse pesioi degli ex istituti di prevideza e la Cassa pesioi dei dipedeti dello Stato) della riduzioe dell aliquota di redimeto, già i vigore ella Assicurazioe geerale obbligatoria gestita dall'ips (Ago). Co effetto dal 1 geaio 1998, la legge 27 dicembre 1997,. 449 (art. 59, comma 1) stabilisce che alle aziaità cotributive maturate dalla predetta data, ache per le forme di prevideza obbligatorie esclusive, sostitutive ed esoerative, si applicao le disposizioi i vigore ell'ago che riducoo progressivamete le aliquote di redimeto sulle fasce di retribuzioi eccedeti il tetto pesioabile. Per effetto di tale estesioe, relativamete alle pesioi co decorreza dal 1 geaio 1998 e alle retribuzioi pesioabili eccedeti le fasce di reddito e, per ogi ao di servizio utile a pesioe maturato dal 1 geaio 1998 i poi, si applica l itegrale riduzioe i vigore per l'ago. Le fasce di reddito oltre le quali si applicao le riduzioi progressive delle aliquote di redimeto per l'ao 2010 risultao pari a: FASCE DI RETRIBUZIONE RIDUZIONI RENDIMENTO ANNUO fio a ,00 essua riduzioe 2,00% oltre ,00 fio a ,12 riduzioe 20% 1,60% oltre ,12 fio a ,24 riduzioe 32,5% 1,35% oltre ,24 fio a ,60 riduzioe 45% 1,10% oltre ,60 riduzioe 55% 0,90% 10

11 Capitolo secodo / SISTEMA CONTRIBUTIVO E il calcolo della pesioe basato sull importo dei cotributi accatoati durate tutta la vita lavorativa (motate cotributivo) e restituiti all iteressato sotto forma di pesioe, mediate l utilizzo di u coefficiete detto di trasformazioe legato all età che ha il lavoratore alla data del pesioameto. Si applica a coloro che soo privi di aziaità cotributiva al 31 dicembre 1995 o che optio per tale sistema, avedo meo di 18 ai di cotributi etro l ao 1995 e almeo 15 di cotributi, di cui almeo cique riferiti a periodi successivi all ao Coefficieti di trasformazioe L'importo auo della pesioe si ottiee moltiplicado il motate dei cotributi, appositamete rivalutati, per il coefficiete di trasformazioe relativo all'età dell'assicurato al mometo del pesioameto. I tabella soo idicati i coefficieti per pesioi decorreti dal 1 geaio Per le pesioi co decorreza dal 1996 al 2009 soo stati i vigore coefficieti più favorevoli. Esempio: chi va i pesioe co 63 ai e 9 mesi di età applica il coefficiete 5,3883% Coefficieti di rivalutazioe I coefficieti possoo essere oggetto di modifica ogi 3 ai sulla base delle rilevazioi demografiche e dell'adameto del PIL (Prodotto itero lordo) di lugo periodo rispetto alle diamiche dei redditi. Il motate cotributivo idividuale è formato dall'accatoameto auo del 33% (aliquota di computo) della retribuzioe impoibile (tutto ciò che il lavoratore riceve i dipedeza del rapporto di lavoro i dearo o atura, al lordo di qualsiasi riteuta, co le sole esclusioi degli assegi previste dalla legge). Il valore così otteuto si rivaluta su base composta al 31 dicembre di ogi ao, co esclusioe della cotribuzioe dello stesso ao, al tasso di capitalizzazioe costituito dalla variazioe media quiqueale del Pil omiale (appositamete calcolato dall'istat) co riferimeto al quiqueio precedete l'ao da rivalutare. La somma dei valori accatoati ao per ao costituisce il motate idividuale su cui calcolare la pesioe. Motate maturato al al Coefficiete 31 dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , dicembre , Massimale. E previsto u massimale auo della base cotributiva, aualmete rivalutato sulla base dell idice Istat dei prezzi al cosumo per le famiglie di operai ed impiegati, su cui applicare l aliquota di computo del 33%. Per l ao 2010 è pari a ,03 euro. Il massimale vale sia per il versameto dei cotributi, sia per il calcolo della pesioe. 11

12 ERISc Capitolo terzo / SISTEMA MISTO Il sistema misto risulta dall'applicazioe cogiuta del criterio retributivo e di quello cotributivo. Si applica a coloro che al 31 dicembre 1995 hao maturato u'aziaità cotributiva iferiore a 18 ai. La pesioe è composta da due parti: - la prima determiata secodo il sistema retributivo e relativa al periodo di servizio maturato al 31 dicembre 1995; - la secoda determiata co il sistema cotributivo, relativamete alle aziaità maturate dal 1 geaio 1996 i poi. I requisiti d accesso alle pesioi di vecchiaia e d aziaità soo i medesimi previsti el sistema retributivo. La pesioe prede quota Questa è la tabella dei requisiti per adare i pesioe co il sistema delle quote DAL AL ETA SERVIZIO QUOTA SOLO SERVIZIO ai 01/01/ /06/ /01/ /12/ /01/ /12/ /01/2013 I poi Frazioi. Cocorroo alla determiazioe della quota prevista ache i mesi e le frazioi di essi; la sommatoria di questi dati deve raggiugere la quota prevista seza operare alcu arrotodameto (esempio: 59 ai 10 mesi e 15 giori di età e 35 ai 1 mese e 15 giori di aziaità cotributiva). età e degli ai, mesi e giori di servizio raggiuge la quota prevista per il periodo. Se il risultato è egativo è ecessario fare l ulteriore verifica alla data del compleao successivo e così via. Stabilire la data di maturazioe del diritto a pesioe di aziaità o è facile soprattutto dopo l itroduzioe del terzo requisito della quota. E ecessario procedere per gradi: 1 - Idividuare, iazitutto, la data di maturazioe di 35 ai di servizio che è, comuque, il requisito cotributivo miimo. 2 - Verificare l età aagrafica posseduta a tale data che deve essere quella miima prevista el periodo previsto ella tabella ( dal 1 luglio 2009 al 31 dicembre 2010 è di 59 ai). 3 - Verificare se la somma degli ai, mesi e giori di 12

13 Due esempi A - Iscritto che ha maturato 35 ai di servizio il 24 febbraio 2010 ed è ato il 14 geaio Alla data del 24 febbraio 2010 l iteressato ha u età aagrafica di ai 58 mesi 1 e giori 11 di età o sufficieti per il diritto a pesioe (el periodo soo richiesti 59 ai). I 59 ai soo compiuti il 14 geaio A tale data è previsto, però, il possesso di almeo 60 ai di età quidi eache questo tetativo può dare esito positivo. La uova verifica dovrà essere ecessariamete rimadata alla data del compimeto del 60 ao di età che sarà compiuto il 14 geaio 2012: stavolta il requisito aagrafico è raggiuto. Il servizio el frattempo è divetato di ai 36 mesi 10 e giori 20 che sommato a 60 ai di età fao superare ache la quota 96. B - Iscritto che ha maturato 35 ai di servizio il 26 luglio 2009 ed è ato il 21 geaio Alla data del 26 luglio 2009 l iteressato ha u età aagrafica di ai 59 mesi 6 e giori 6 e quidi ha raggiuto il requisito aagrafico miimo di ai 59 previsto el periodo. La verifica della quota, però, da esito egativo. Ifatti la somma dell età aagrafica e il servizio prestato raggiugoo quota 94 ai 6 mesi e 6 giori iferiore a quella miima prevista di 95 ai. E ecessario u ulteriore periodo di mesi 5 e giori 24. L iteressato ha perciò dovuto lavorare acora 2 mesi 17 giori cioè fio al 23 ottobre Gli altri 2 mesi e 17 giori macati soo quelli dell età che automaticamete si è icremetata di u pari periodo fio al 23 ottobre

14 ERISc LE FONTI DI RIFERIMENTO Legislazioe Regio Decreto Legge 3 Marzo Ordiameto della Cassa di prevideza per le pesioi agli impiegati degli eti locali Legge 26 luglio Migliorameti ai trattameti di quiesceza delle Casse per le pesioi ai dipedeti degli Eti locali Decreto del Presidete della Repubblica 29 dicembre Testo uico delle orme sul trattameto di quiesceza dei dipedeti civili e militari dello Stato Decreto legislativo 30 dicembre Norme per il riordiameto del sistema prevideziale dei lavoratori privati e pubblici Legge 23 dicembre Misure di razioalizzazioe della fiaza pubblica Legge 8 agosto Riforma del sistema pesioistico obbligatorio e complemetare Legge 27 dicembre Misure per la stabilizzazioe della fiaza pubblica Legge 23 agosto Norme i materia pesioistica e deleghe al Govero el settore della prevideza pubblica, per il sostego alla prevideza complemetare e all'occupazioe stabile e per il riordio degli eti di prevideza ed assisteza obbligatoria Legge 24 dicembre Norme di attuazioe del Protocollo del 23 luglio 2007 su prevideza,lavoro e competitività per favorire l equità e la crescita sosteibili, oché ulteriori orme i materia di lavoro e prevideza sociale Decreto legge 31 maggio Misure urgeti i materia di stabilizzazioe fiaziaria e di competitivita' ecoomica 14

15 Circolari e iformative Ipdap Circolare. 569 del 20 ottobre 1965 Migliorameti ai trattameti di quiesceza delle Casse per le pesioi ai dipedeti degli Eti locali Circolare. 16 I.P. del 23 luglio 1993 Decreto legislativo 30 dicembre Circolare. 1 del 14 geaio 1994 Decreto legislativo 30 dicembre Circolare. 21 del 29 marzo 1996 Legge 8 agosto 1995, Modifiche al calcolo della pesioe Circolare. 14 del 27 marzo 1998 Legge 27 dicembre Circolare. 10 del 23 febbraio 1999 Legge 27 dicembre Circolare. 7 del 13 maggio 2008 Legge 24 dicembre Nota Operativa. 9 del 22 febbraio 2010 Nuovi coefficieti di trasformazioe per la determiazioe dell'importo della pesioe secodo il sistema cotributivo. Sostituzioe della Tabella A allegata alla legge. 335/

16

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186 Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it Roma lì, 23 ottobre 2008 Prot. n 186 Ai Coordinatori

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università Marisa Grillo EUT EDIZIONI UNIVERSITÀ DI TRIESTE impaginazione Francesco Bernasconi EUT - Edizioni Università di Trieste

Dettagli

MANUALE SU LA BUSTA PAGA

MANUALE SU LA BUSTA PAGA MANUALE SU LA BUSTA PAGA Il presente volume non esaurisce tutte le tematiche inerenti alla busta paga, si pone solo come supporto al modulo formativo. Per maggiori e più precisi riferimenti rifarsi al

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE Le normative finalizzate alle agevolazioni in materia di assunzione di personale sono state, nel corso degli anni, oggetto di continue innovazioni, cambiamenti,

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP)

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP) DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica 1 Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

G I U D I A E S N I S O I N O I Manovra salva-italia

G I U D I A E S N I S O I N O I Manovra salva-italia Guida alle Pensioni SOMMARIO SOMMARIO FOCUS La pensione ai superstiti Inserto staccabile IN PRIMO PIANO - MANOVRA SALVA ITALIA Editoriale - La riforma pensionistica nella manovra salva Italia Ivana Marimpietri

Dettagli