COMUNE DI RUSSI Martedì, 31 dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI RUSSI Martedì, 31 dicembre 2013"

Transcript

1 COMUNE DI RUSSI Martedì, 31 dicembre 2013

2 Prime Pagine Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) 1 Prima Pagina del 31/12/2013 La Voce di Romagna 2 Prima Pagina del 31/12/2013 cultura e turismo La notte di San Silvestro Feste e brindisi, ecco la mappa 3 Da Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) del T05:28:00 A Russi 5 Da Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) del T05:03:00 Arriva la dote per salvare Roma 6 Da Il Sole 24 Ore del T07:01:00 Per gli affitti d' oro stop al 30 giugno 8 Da Il Sole 24 Ore del T07:01:00 Sul bonus mobili tetto a 10mila euro Rinviata la web tax 9 Da Il Sole 24 Ore del T07:01:00 Dalla social card agli sfratti 11 Da Il Sole 24 Ore del T07:01:00 Esteso al 2014 il taglio dei compensi «pubblici» 14 Da Il Sole 24 Ore del T07:01:00 «Lavoro più semplice per le imprese» 16 Da Il Sole 24 Ore del T07:01:00 Al Nord poveri triplicati in otto anni 19 Da Il Sole 24 Ore del T07:01:00 Tav, a inizio 2015 via al maxi tunnel 21 Da Il Sole 24 Ore del T07:01:00 Scontro Fi Ncd su Napolitano 23 Da Italia Oggi del T05:36:00 pillole 26 Da Italia Oggi del T05:37:00 P.a., il taglio dei gettoni resta 27 Da Italia Oggi del T05:37:00 Tasse ambientali raddoppiate 29 Da Italia Oggi del T05:37:00 Il 2014 sarà l' anno della svolta 30 Da Italia Oggi del T05:37:00 sport L' Alfonsine è tornata in campo per risalire subito in classifica 33 Da Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) del T05:28:00 Martedì, 31 dicembre 2013

3 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Prima Pagina 1

4 La Voce di Romagna Prima Pagina 2

5 Pagina 3 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) cultura e turismo La notte di San Silvestro Feste e brindisi, ecco la mappa Gli appuntamenti da non perdere per dare il benvenuto al FESTEGGIARE nelle piazze sta diventando un classico del Capodanno. Il tutto, sfidando il freddo. Ma non mancano? come sempre? tante alternative nei locali delle riviera e della città, nonché in palazzetti dello sport. A Ravenna, le celebrazioni cominciano oggi alle 17, dal parcheggio di via Baiona, con la partenza della tradizionale fiaccolata di fine anno diretta al Capanno Garibaldi. La grande festa sarà in serata, in Popolo: si entra nel vivo dalle 22 alle 2 di notte, con il concerto di Sam Paglia? ribattezzato 'The Godfather of Lounge'? e dei Red Wagons, band italiana nata nel 2008 che attinge dai suoni e ritmi del rhythm and blues degli anni Quaranta e Cinquanta. Durante la serata, organizzata dall' associazione Norma. i volontari di Fidas Advs offriranno bevande calde per tutti, mentre i locali del centro sono aperti per aperitivi, animazioni, cene e veglioni. ALL' ALMAGIÀ, da mezzanotte e mezza, prende il via una notte di intrattenimento tra rock ed elettronica con i dj ravennati Void Cascade, Marcone, The Mad Stork (ingresso gratuito). È pensato per i più piccoli il Capodanno all' hotel Cube che si animerà grazie a clown, spettacoli circensi, gag comiche, magie, marionette, laboratori e tanti cartoni animati. Si inizia alle 20 con la cena a buffet per bambini e adulti, realizzata con prodotti a km zero. Alla discoteca Bbk di Punta Marina va in?onda' Discoring Capodannottanta, con il live acustico del duo formato da Gloria Turrini e Francesco Laghi dalle alle 6 del mattino. Due le piste in cui scatenarsi: quella grande con le musiche dei dj Graziano Manoli e Marco Genesi di Radio Studio delta, e il privé con le selezioni di Grappo dj. A Russi, per il quinto anno consecutivo, la festa di Capodanno si tiene sotto le cupole del palazzetto dello sport Fabio Valli. I cancelli si aprono alle 20 per la cena nello stand gastronomico, mentre dalle 21 comincia la musica dal vivo de Il Gatto e la volpe. Il ricavato della festa sarà devoluto in beneficenza. SPOSTANDOSI in riviera, a Cervia la grande festa sarà nell' area dei Magazzini del Sale. Si comincia dalle 18 aperitivo e dj set in attesa della mezzanotte, il cenone sarà di gran classe all' interno dei Magazzini (info: ). Un emozionante spettacolo di fuochi d' artificio, accompagnato da musiche si concluderà con gli effetti speciali, fra cui?l' incendio' del Magazzino del Sale Darsena. Sempre a Cervia lo storico locale Kursaal di Cervia organizza una festa con tanti spettacoli, musica evergreen e cartomanti. Al Pineta di Milano Marittima la serata sarà tutta in stile?dubai', con colori oro e cristalli ovunque. Per il cenone ci saranno quattro differenti possibilità, poi il brindisi di mezzanotte e lo spettacolo pirotecnico. A LUGO, l' arrivo del nuovo anno si celebra alla Rocca con uno spettacolo pirotecnico a ritmo di musica, allo scoccare della mezzanotte. Tutto il centro fa festa, con piazza Baracca e le zone limitrofe che si Continua > 3

6 Pagina 3 < Segue Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) cultura e turismo animeranno fin dalle 22. Festa anche per le persone della terza età al centro sociale Il Tondo di via Lumagni, con il cenone di fine anno dalle e balli con l' orchestra I più di notte dalle 21. A Faenza, si festeggia in piazza del Popolo, sotto la Torre dell' Orologio, dove si terrà il tradizionale brindisi della mezzanotte: tanti i musicisti rock faentini degli anni Sessanta e Settanta: Devils, Ruvidi, Defaience e altre band di rilievo, nonché il cantautore Claudio Toschi. Sarà anche l' occasione per lanciare le nuove proposte per celebrare i vent' anni del Mei. I fondi ricavati saranno devoluti a Cosmohelp e alle sue attività di beneficenza. Roberta Bezzi. BEZZI ROBERTA 4

7 Pagina 26 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) cultura e turismo A Russi A Russi festa al palazzetto dello sport "Fabio Valli". Dalle 20 stand gastronomico e alle 21 musica con Il Gatto e la Volpe, mentre alle 23 verranno estratti i numeri della lotteria. Infine, a mezzanotte si brinderà tutti insieme all' anno nuovo. Info:

8 Pagina 4 Il Sole 24 Ore I decreti di fine anno I CONTI PUBBLICI. Arriva la dote per salvare Roma Milano riceve 25 milioni per l' Expo Anticipazione delle risorse per l' Anas L' AIUTO Salta (per ora) l' allentamento del patto per Venezia ma Letta garantisce: «Intervento con il primo provvedimento utile» Celestina Dominelli Marta Paris ROMA Salta, ma per mere esigenze di omogeneità, l' allentamento del patto di stabilità per Venezia, come pure la discussa accisa sui tabacchi. Resta, invece, il "salvagente" per Roma Capitale che consentirà al sindaco Ignazio Marino di evitare il default del Comune. E vengono confermati i rinvii della web tax e della stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili, le modalità di riparto per il solo 2013 del fondo sperimentale di riequilibrio delle province, ma anche la norma sui cosiddetti "affitti d' oro" della Pa e l' ampliamento del "bonus mobili" che potrà superare anche l' importo della ristrutturazione a cui è collegato. Sono le partite uscite dalla versione definitiva del decreto milleproroghe, che hanno però trovato posto in un testo spin off partorito all' ultimo minuto dal Governo e pubblicato ieri sulla «Gazzetta ufficiale», per rispettare l' appello lanciato dal capo dello Stato nei giorni scorsi dopo l' ennesimo decreto monstre. Il travaso dal milleproroghe al nuovo decreto non ha riservato brutte sorprese per la capitale. Le norme previste sono infatti quelle già contenute nel "salva Roma", poi ritirato dall' esecutivo, e non avranno alcun impatto sul debito pubblico. In sostanza, l' amministrazione capitolina potrà innanzitutto recuperare 485 milioni di euro, erogati al Comune nel 2009 dal governo e poi "girati" all' allora commissario straordinario al debito di Roma (attualmente il ruolo è ricoperto da Massimo Varazzani), prima ancora che fossero formalizzati i rapporti finanziari tra Campidoglio e gestione commissariale. Quest' ultima potrà poi iscrivere ulteriori 115 milioni nella massa passiva del debito ante aprile 2008, che è poi quello gestito da Varazzani, laddove il Comune dovesse rintracciare delle nuove poste antecedenti al Inoltre, il Campidoglio potrà riacquistare l' esclusiva titolarità dei crediti verso le partecipate già vantati dal commissario (tra questi anche i 404 milioni relativi alla sola Atac). Senza contare, infine, lo sblocco di 20 milioni di euro, da qui al 2015, per la raccolta differenziata. Una boccata d' ossigeno che consentirà a Marino di archiviare il bilancio 2013 e di avere qualche margine di manovra per il Anche Milano tira un sospiro di sollievo visto che il decreto ha confermato i 25 milioni al Comune per Expo Nel provvedimento pubblicato in Gazzetta, sono arrivati poi, come detto, i rinvii a giugno Continua > 6

9 Pagina 4 < Segue Il Sole 24 Ore 2014 della "web tax" e della possibilità per le Regioni di stabilizzare i lavoratori socialmente utili. Taglia il traguardo anche il pacchetto di norme su infrastrutture e trasporti che stabilisce, tra l' altro, l' anticipazione dell' Economia all' Anas delle risorse disponibili per il 2013 per coprire i pagamenti degli stati d' avanzamento lavori, ma anche il trasferimento dei fondi 2013 a Trenitalia per il servizio svolto in Sicilia e in Valle d' Aosta. E ribadisce la cogenza del contratto di programma tra Stato e Rfi per la prosecuzione degli interventi sulla rete nonché la facoltà per il commissario straordinario del piano di rientro sul trasporto pubblico locale in Campania di adottare i provvedimenti necessari all' attuazione. Il testo semplifica le procedure per la cessione degli immobili pubblici e anticipa al 2014 il termine per recedere dai contratti di locazione troppo onerosi per la ("affitti d' oro"), ma cancella anche la norma che impediva la rescissione dei contratti sugli immobili di proprietà di fondi comuni d' investimento (ergo quelli costosissimi del Parlamento). Dal lavoro di analisi e scrematura, condito anche da non poche polemiche, alcune norme sono infine rimaste al palo: la sterilizzazione dell' aumento dell' Iva sul prezzo finale di vendita delle sigarette (con un aumento fino allo 0,7% dell' accisa) e l' allentamento del patto di stabilità per Venezia. Tema, quest' ultimo, su cui è intervento ieri direttamente il premier Enrico Letta, giustificando il rinvio con l' esigenza di assicurare ai due decreti «snellezza e rigorosa omogeneità» e confermando, al tempo stesso, «la volontà del Governo di inserire la disposizione nel primo provvedimento utile». RIPRODUZIONE RISERVATA Le principali misure ROMA CAPITALE INFRASTRUTTURE EXPO 2015 Arriva il "salvagente" per i conti della capitale Nel decreto last minute trovano spazio le norme, già previste dal "salva Roma" che consentiranno al Comune di evitare il default. L' ammnistrazione capitolina potrà, tra l' altro, recuperare 485 milioni, erogati al Comune nel 2009 dal governo e poi "girati" al commissario straordinario del debito Via libera alle anticipazioni per Anas e Trenitalia Il provvedimento assicura l' anticipazione dell' Economia all' Anas delle risorse disponibili per il 2013 per la copertura dei pagamenti dovuti sulla base dello stato d' avanzamento lavori. Sempre dal Mef arriveranno a Trenitalia le somme 2013 per assicurare il servizio in Sicilia e Valle d' Aosta Nuovi fondi per sostenere le spese per Expo 2015 Con il secondo decreto approntato dall' esecutivo e pubblicato ieri in Gazzetta, arriva anche il disco verde a nuove risorse per l' Expo Il provvedimento attribuisce infatti al Comune di Milano un contributo di 25 milioni di euro a titolo di concorso al finanziamento delle spese per la realizzazione di Expo DOMINELLI CELESTINA, PARIS MARTA 7

10 Pagina 4 Il Sole 24 Ore Locazioni. I contratti della Pa. Per gli affitti d' oro stop al 30 giugno ROMA Il pasticciaccio degli affitti d' oro, che ha visto nelle ultime settimane, battersi il Movimento 5 stelle, viene risolto in extremis con l' ultimo treno utile prima della fine dell' anno. Nel segno della spending review, con il decreto nato dalla costola del milleproroghe il Governo anticipa al 30 giugno prossimo il termine per la Pa, Regioni, Enti locali, ma anche per gli organi costituzionali, per recedere dai contratti di locazione troppo onerosi. E soprattutto cancella la norma, contenuta nella legge di stabilità, che aveva escluso da questa possibilità «gli immobili di proprietà dei fondi comuni di investimento immobiliare» e quelli «dei terzi aventi causa da detti fondi, per il limite di durata del finanziamento degli stessi fondi». Nei quali, a leggere in filigrana, sarebbero rientrati anche quelli che ospitano gli uffici della Camera e che costano, complessivamente, 22 milioni all' anno di affitto. Una vicenda, quella degli affitti d' oro, iniziata con la manovrina di fine ottobre (Dl 120/2013) dove la norma che prevede la possibiltà anche per Camera e Senato di recedere dagli affitti stipulati, pure in mancanza di una clausola ad hoc, viene inserita grazie a un emendamento del M5s. In questo modo si puntava a fare in modo che l' amministrazione di Montecitorio potesse liberarsi del pesante fardello degli affitti multimilionari dovuti all' imprenditore Scarpellini trovando sistemazioni più a buon mercato. La previsione era stata poi eliminata dal cosiddetto "salva Roma". Se ne accorgono nuovamente i cinque stelle, e la correzione viene nuovamente corretta, anche se poi il decreto viene ritirato dal Governo. Uscita dalla porta, però, la norma rientra dalla finestra, perché Lega e grillini scoprono che nella legge di stabilità è stato piazzato il codicillo che neutralizza la norma anti affitti. Le proteste non si fanno attendere e il Governo pone rimedio alla disposizione dello scandalo con il Dl 150 pubblicato ieri in Gazzetta. Ma c' è in questo articolo una previsione che rischia di inceppare nuovamente il meccanismo per liberarsi dal fardello di spese troppo alte in tempi di tagli. Insieme all' anticipazione al 30 giugno prossimo della scadenza per Pa e istituzioni di chiudere i contratti di locazione il decreto allunga i termini di preavviso per l' esercizio del recesso a «180 giorni», ossia sei mesi. Vale a dire che se si interpretasse la norma alla lettera i tempi tecnici per il preavviso, praticamente non ci sarebbero più. RIPRODUZIONE RISERVATA. 8

11 Pagina 4 Il Sole 24 Ore Legge di stabilità. Le prime correzioni. Sul bonus mobili tetto a 10mila euro Rinviata la webtax L' importo del bonus mobili che può beneficiare della detrazione al 50% non deve essere pari a quello della ristrutturazione collegata. Il Dl 151/2013 annulla, prima ancora che diventi operativa, una novità introdotta dalla legge di stabilità (la 147/2013). Quest' ultima ha prorogato per il 2014 la detrazione Irpef al 50% per le spese derivanti da interventi di ristrutturazione dell' abitazione, nonché per l' acquisto di mobili e grandi elettrodomestici destinati alla stessa abitazione per un importo massimo di 10mila euro. Al contempo, però, la legge 147/2013, modificando il quadro normativo in vigore in precedenza, aveva stabilito che le spese per l' acquisto di mobili ed elettrodomestici non potevano essere superiori a quelle dei lavori di ristrutturazione. La novità sarebbe entrata in vigore dal 1 gennaio. Il Dl 151/2013, che entra in vigore oggi, cancella quest' ultima disposizione. Dunque anche nel 2014 a fronte, per esempio, di una ristrutturazione del valore di 3mila euro si potrà portare in detrazione l' acquisto di mobili per 5mila beneficiando così di un bonus Irpef spalmato su dieci anni. L' altra importante correzione di rilievo alla legge di stabilità riguarda la web tax, un provvedimento che ha suscitato un acceso dibattito nei giorni scorsi e la cui entrata in vigore viene posticipata dal 1 gennaio al 1 luglio In base al comma 33 dell' articolo 1 della legge Dl 147/2013 «i soggetti passivi che intendano acquistare servizi di pubblicità e link sponsorizzati online, anche attraverso centri media e operatori terzi, sono obbligati ad acquistarli da soggetti titolari di una partita Iva rilascia dall' amministrazione finanziaria italiana». Una misura pensata per tracciare i volumi realizzati dalle multinazionale in Italia. Il provvedimento, però, ha già suscitato le perplessità dell' Unione europea, in quanto sarebbe contrario alle libertà fondamentali e ai principi di non discriminazione dei trattati. Rimandata al 1 luglio 2014 anche l' applicazione del comma 529 della legge di stabilità, relativo alla stabilizzazione da parte delle Regioni di personale a tempo determinato. Altra modifica riguarda il comma 573 e consente agli enti locali che devono riequilibrare i conti e non hanno ancora dichiarato dissesto finanziario di poter riproporre entro 90 giorni dall' entrata in vigore della legge di stabilità la procedura di riequilibrio finanziario pluriennale. Continua > 9

12 Pagina 4 < Segue Il Sole 24 Ore M.Pri. RIPRODUZIONE RISERVATA IN SINTESI Bonus mobili La detrazione Irpef del 50% riguardante l' acquisto di mobili e grandi elettrodomestici destinati a un' abitazione oggetto di ristrutturazione viene confermata nel 2014 con caratteristiche simili al 2013 per i tetti di spesa. Infatti è stata annullata, prima ancora che diventasse efficace, la limitazione introdotta dalla legge di stabilità, per cui le spese destinate a mobili ed elettrodomestici non potevano essere superiori a quelle per la ristrutturazione. Fino alla fine del 2014 il bonus mobili prevede quindi una detrazione del 50% dell' Irpef spalmata su dieci anni e a fronte di una spesa massima di 10mila euro (quindi la detrazione massima è di 5mila euro) Web tax Rimandata al 1 luglio 2014 l' applicazione della web tax, la norma che riguarda la compravendita di pubblicità online in Italia. 10

13 Pagina 5 Il Sole 24 Ore I decreti di fine anno IL RINVIO DELLE SCADENZE. Dalla social card agli sfratti Via libera di Napolitano: in vigore da oggi il milleproroghe diviso in due decreti FRA I COMMI Bilanci dei Comuni a marzo, divieto di incrocio giornali tv Salta la sterilizzazione dell' aumento dell' Iva sul prezzo delle sigarette. Marco Mobili ROMA Il decreto di fine anno si fa in due. Da una parte il cosiddetto "milleproroghe" con il differimento di circa 60 termini in scadenza a fine anno e che spaziano dalla sospensione degli sfratti per le categorie disagiate al rifinanziamento della social card, dalle misure per il pubblico impiego alla consueta proroga a marzo dei bilanci dei comuni; con uno spazio ad hoc riservato anche ai revisori dei conti e alle emergenze delle calamità naturali, più o meno recenti (c' è anche il sisma del 1981). Dall' altra parte ci sono le disposizioni definite «di carattere finanziario indifferibili» tra cui spiccano quelle del cosiddetto decreto "salva Roma" (fatto decadere dal Governo ), lo slittamento al 1 luglio 2014 del nuova web tax, la possibilità per gli organi istituzionali, in primis Camera e Senato, di recedere dai contratti di locazione (i cosiddetti "affitti d' oro") entro il 30 giugno e non più entro fine 2014, nonché la possibilità per gli alluvionati della Sardegna di pagare i tributi sospesi senza applicazione di sanzioni e interessi tra il 24 gennaio e il 17 febbraio A spacchettare le misure approvate dal Governo venerdì scorso è stato il capo dello Stato per scongiurare già in partenza l' approdo in Parlamento di un decreto omnibus, particolarmente eterogeneo e con non pochi rischi sul piano costituzionale per alcune delle norme recuperate in extremis dal decreto "salva Roma". I due provvedimenti dopo il via libera del Colle sono approdati sulla Gazzetta Ufficiale di ieri e da oggi sono in vigore. Nel lungo lavoro di "omogeneizzazione" dei due decreti legge sono rimasti al palo alcuni interventi annunciati di particolare rilievo come quello sulle sigarette elettroniche e la sterilizzazione dell' aumento Iva sul prezzo delle sigarette, nonché l' allentamento del patto di stabilità per Venezia (si vedano i servizi a pagina 4). Tra gli ingressi dell' ultima ora nel decreto milleproroghe, invece, si segnala il rifinanziamento della social card con 35 milioni di euro per l' esercizio 2013, così come la proroga del contratto del servizio integrato della carta acquisti, sottoscritto il 24 marzo 2010, almeno fino al perfezionamento del contratto con il nuovo gestore. Continua > 11

14 Pagina 5 < Segue Il Sole 24 Ore Per le imprese colpite dal sisma dell' Emilia che hanno chiesto il finanziamento garantito dalla Cdp per il pagamento dei tributi sospesi, viene prevista la proroga di un anno, rispetto alla durata massima originariamente prevista, della restituzione del debito per la quota capitale al 1 gennaio 2014, comprensivo della rata non corrisposta alla scadenza del 31 dicembre Confermata la proroga non generalizzata della sospensione degli sfratti per le categorie disagiate. Una sospensione fino al prossimo 30 giugno dei provvedimenti di rilascio degli immobili per finita locazione nei confronti di soggetti con reddito annuo inferiore a 21mila euro e residenti in comuni capoluogo di provincia. Nel pacchetto di proroghe sulle calamità vanno registrati: il differimento, fino al prossimo mese di luglio, delle funzioni del capo della Protezione civile per far fronte al naufragio della Costa Concordia; la proroga dei poteri al commissario ad acta per il lontano terremoto del 1981 della Campania, Basilicata, Calabria e Puglia; la slittamento fino a marzo per l' attività liquidatoria del commissario del terremoto dell' Abruzzo e della vigilanza dell' esercito a L' Aquila. Trovano posto nel nuovo decreto legge 30 dicembre 2013 n. 150 anche le regole per l' accesso all' albo dei revisori contabili da parte dei dottori commercialisti, il differimento del divieto di acquisizione di partecipazioni in imprese editrici di giornali quotidiani per i soggetti che esercitano l' attività televisiva in ambito nazionale con ricavi superiori a quelli fissati dalla legge. Mentre per far fronte alle esigenze della regione Campania fino al 30 giugno 2014 si consente agli impianti di compostaggio nazionali di aumentare la propria capacità ricettiva e di trattamento dei rifiuti. Per inviare all' Inps il certificato di gravidanza in via telematica, invece, si dovrà attendere almeno fino al 22 marzo, nuovo termine entro cui Lavoro ed Economia dovranno scrivere le regole (il decreto era previsto per il 22 dicembre). Tra le altre proroghe da segnalare anche quella che consente alle regioni di non perdere i finanziamenti concessi per l' adeguamento dell' edilizia scolastica, in virtù del contenzioso in atto sulla ripartizione delle risorse. Per superare l' impasse legale viene prorogato il termine di affidamento dei lavori per la messa in sicurezza delle scuole, con particolare riferimento alla bonifica di quegli edifici dove è stata riscontrata presenza di amianto. RIPRODUZIONE RISERVATA L' elenco completo delle proroghe Le principali proroghe SCUOLA 30 giugno Slitta da febbraio a giugno il termine per affidare gli interventi sugli edifici scolastici, in particolare per l' affidamento degli interventi di bonifica delle scuole dove è stato trovato amianto PUBBLICO IMPIEGO 31 dicembre Valide per il nuovo anno le graduatorie per le assunzioni nella Pa. Procedure conscorsuali dei vigili del fuoco. Personale comandato anche oltre il limite triennale, è escluso quello della scuola UNIVERSITÀ 30 giugno Rinviato a giugno il decreto per definire le modalità di reclutamento negli atenei e per definire gli indicatori da utilizzare per la contrazione di forme di indebitamento da parte delle università SFRATTI 30 giugno Sospesi fino al 30 giugno 2014 i provvedimenti esecutivi di rilascio per finita locazione nei confronti di conduttori con 21mila euro di reddito e residenti nei capoluoghi di provincia e ad alta densità MINISTERI 28 febbraio Ancora due mesi di tempo per le procedure semplificate nella riorganizzazione dei ministeri, a partire dalle direzioni generali e dai dipartimenti, nonché degli uffici di diretta collaborazione dei ministri COMPENSI NELLA PA 31 dicembre Taglio del 10% ai compensi e ai gettoni corrisposti dalla e dalle autorità indipendenti per la partecipazione a organi collegiali e consigli di amministrazione CALAMITÀ 31 dicembre Accesso agli incentivi previsti per le imprese per l' attivazione di impianti fotovoltaici nelle zone colpite dal sisma dell' Emilia. La stessa area per un altro anno rientra tra le zone «a burocrazia zero» SOCIAL CARD 2014 Social card rifinanziata con 35 milioni. Prorogato inoltre il servizio di gestione integrato delle carte acquisti, sottoscritto il 24 marzo 2010, fino al perfezionamento del contratto con il nuovo gestore ENTI LOCALI 1 marzo Non poteva mancare anche nel 2014 lo slittamento a marzo del termine per l' approvazione dei bilanci di previsione dei Comuni. Viene previsto Continua > 12

15 Pagina 5 < Segue Il Sole 24 Ore l' intervento del prefetto se il bilancio non è approvato nei termini SERVIZI PUBBLICI 31 dicembre Laddove l' ente di governo dell' ambito o bacino territoriale ottimale e omogeneo ha già avviato le procedure di affidamento, il servizio è espletato dal gestore già operante fino a dicembre 2014 TRASPORTI 31 dicembre Slittano l' aggiornamento al tasso di inflazione dei diritti aeroportuali, l' adeguamento del parco veicolare delle autoscuole, i corsi di salvamento acquatico e il noleggio con conducente AGRICOLTURA 30 giugno Revisione obbligatoria delle macchine agricole soggette a immatricolazione. Slitta al 1 gennaio 2015 il divieto di produrre altri prodotti nei caseifici dove "nasce" la mozzarella di bufala Dop AMBIENTE 30 giugno Ancora un anno di regime transitorio in Campania per l' attività di gestione dei rifiuti (spazzamento, trasporto e smaltimento). Aumento della capacità ricettiva degli impianti di compostaggio in tutta Italia TURISMO 31 dicembre Non poteva mancare la proroga (ormai più che decennale) sul completamento dell' adeguamento alle norme di prevenzione incendi delle strutture turistico alberghiere con più di 25 posti ATTIVITÀ FINANZIARIE 31 dicembre Possibilità di esercitare l' attività di consulenza finanziaria anche in assenza di iscrizione all' apposito albo. Slitta anche il regime di opponibilità della cessione del credito come garanzia da fornire a Bankitalia EDITORIA 31 dicembre Anche per il 2014 sarà in vigore il divieto di acquisizione di partecipazioni in imprese editrici di giornali quotidiani da parte di soggetti che esercitano attività televisiva in ambito nazionale EXTRACOMUNITARI 30 giugno Possibile ancora per sei mesi l' autodichiarazione del permesso di soggiorno. I cittadini di Stati non Ue possono utilizzare dichiarazioni sostitutive per certificare qualità e dati personali. MOBILI MARCO 13

16 Pagina 5 Il Sole 24 Ore «Pa». Riguarda gli organismi di controllo interno, indirizzo e direzione. Esteso al 2014 il taglio dei compensi «pubblici» RIORGANIZZAZIONE Per la spending review dei ministeri, sarà sufficiente aver trasmesso i nuovi regolamenti, anche se non adottati. Arturo Bianco Il processo di riorganizzazione dei ministeri, per la razionalizzazione degli organici voluta dal Dl 95/2012 (spending review), si intende completato con la trasmissione entro il 2013 da parte dei ministeri alla Funzione Pubblica degli schemi dei regolamenti di organizzazione. Il termine per la loro adozione è fissato, invece, per la fine del mese di febbraio del Viene, inoltre, prolungato per tutto il 2014 il taglio del 10% dei compensi corrisposti nel 2010 ai componenti degli organi di controllo interno di tutti i soggetti pubblici. Sono queste le più importanti innovazioni dettate per le pubbliche amministrazioni dall' articolo 1 del Dl 150/2013. Inoltre, questo articolo include proroghe che riguardano l' allungamento di un anno dei termini per avviare e/o completare i procedimenti di assunzione di personale se vi sono deroghe rispetto ai vincoli di carattere generale. Sulla base delle previsioni dettate dal Dl 101/2013, le Pa statali che hanno determinato riduzioni del proprio organico in base ai principi dettati dalla spending review sono tenute ad adeguare entro oggi, 31 dicembre, i propri regolamenti di organizzazione. Va ricordato che siamo in presenza del vincolo al taglio della dotazione organica della dirigenza in misura non inferiore al 20% e di quella del personale in misura non inferiore al 10 per cento. La sanzione per le amministrazioni inadempienti scatta dal 1 gennaio 2014 ed è il divieto di effettuare assunzioni di personale. Con le novità introdotte dal milleproroghe, il vincolo all' adozione di questi regolamenti, adozione che deve essere effettuata con un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, è soddisfatto con la trasmissione alla Funzione Pubblica degli schemi. La disposizione impegna comunque all' adozione dei regolamenti entro il 28 febbraio 2014, previa deliberazione del Consiglio dei ministri. Viene inoltre previsto che gli effetti sull' organizzazione in termini di riduzioni di spesa determinati da questi regolamenti vadano in deroga ai principi di carattere generale sul riassetto della Pa statale. Per i ministeri che hanno adempiuto alla trasmissione della proposta di regolamento, viene spostata alla fine del prossimo mese di febbraio il termine di durata degli incarichi dirigenziali attualmente in essere. Il Dl 78/2010 ha disposto che per l' intero triennio il trattamento economico dei componenti gli Continua > 14

17 Pagina 5 < Segue Il Sole 24 Ore organismi di controllo interno, indirizzo e direzione di tutte le pubbliche amministrazioni, ivi compresi enti locali e regioni, fosse non superiore a quello alla data del 30 aprile 2010 ridotto di almeno il 10 per cento. Questa disposizione che ha un ambito di applicazione assai vasto viene allungata per tutto il In via interpretativa le sezioni della Corte dei conti hanno chiarito che il vincolo alla riduzione si deve applicare anche ai componenti i collegi dei revisori dei conti, nonché agli organismi di valutazione. È stato inoltre chiarito che il vincolo non si applica ai compensi erogati ai direttori generali degli enti locali e ai segretari comunali o provinciali cui sono conferiti gli incarichi, in quanto essi hanno una natura retributiva di prestazioni svolte. RIPRODUZIONE RISERVATA. BIANCO ARTURO 15

18 Pagina 7 Il Sole 24 Ore Le vie della ripresa INTERVISTA AL MINISTRO DEL LAVORO. «Lavoro più semplice per le imprese» Giovannini: confronto con i partiti sulle regole contrattuali, ma bisogna agire su più fronti AMMORTIZZATORI SOCIALI Convocato il 9 gennaio il tavolo per la riforma con le parti sociali. Garanzie estese ai parasubordinati INTERVENTI VARATI Gli incentivi per i giovani le semplificazioni, le misure scuola lavoro, il cuneo fiscale e gli ammortizzatori in deroga. Davide Colombo Ci sono gli incentivi, di recente potenziati con i fondi comunitari per assumere giovani, donne e over 50enni. Ma ci sono anche le nuove semplificazioni sulla flessibilità in entrata e l' apprendistato, il piano nazionale Garanzia giovani e le nuove misure per l' orientamento al lavoro nell' ultima classe della scuola media inferiore e nelle medie superiori dove, negli ultimi due anni, e a partire dal prossimo anno scolastico si praticherà l' alternanza scuola lavoro. E poi c' è il primo intervento sul cuneo fiscale e il rifinanziamento degli ammortizzatori in deroga, con i 2,5 miliardi stanziati per il 2013 e la dote ulteriore annunciata per gennaio. La sintesi degli interventi realizzati nei primi sei mesi di Governo per rilanciare l' occupazione (misura madre il dl 76 di giugno) non esaurisce certo il campo d' intervento del ministro del Lavoro. Per completare il quadro bisognerebbe aggiungere le ulteriori salvaguardie per 33mila esodati, il lancio del nuovo strumento universale per la lotta contro la povertà (600 milioni per il prossimo biennio più i 250 milioni del solo 2014 per la vecchia social card), gli interventi previdenziali, con lo sblocco delle indicizzazioni, lo stop alle penalizzazioni per i donatori e chi assiste disabili e familiari, e il nuovo contributo di solidarietà sugli assegni oltre i 90mila euro annui. Ma è di quel nucleo centrale d' interventi che Enrico Giovannini vuole parlare in quest' intervista di fine anno con il Sole 24 Ore. Perché, come spiega il ministro del Lavoro, «racchiude in sé un insieme di misure legate da una sequenza logica molto chiara e perché ha un carattere propedeutico che ci consentirà di cogliere ogni refolo della ripresa in atto». Nessuna risposta, invece, sulle voci che si rincorrono in questi giorni di un possibile rimpasto di Governo. Ministro, nel terzo trimestre dell' anno il saldo tra assunzioni e cessazioni è finalmente tornato a crescere. Siamo in una fase di inversione del ciclo che lascia ben sperare. E per sostenere il massimo di Continua > 16

19 Pagina 7 < Segue Il Sole 24 Ore occupazione, tenendo conto che la domanda di lavoro ripartirà solo dopo che saranno riassorbite la cassa integrazione e le riduzioni di orario (cosa che nel terzo trimestre sta già accadendo nell' industria manifatturiera), servono tutti gli strumenti possibili, mentre non c' è un intervento che da solo possa soddisfare le esigenze di tutte le imprese. Le 35mila domande di assunzione degli ultimi mesi dimostrano che gli incentivi per assumere giovani entro il giugno del 2015, nonché donne e over 50, funzionano? Dei giovani, il dato è aggiornato al 20 dicembre, sono i neo assunti a tempo indeterminato e solo tremila le trasformazioni di contratto a termine. Ma vi anticipo un altro risultato di un' indagine Excelsior sull' ultimo trimestre da cui risulta che l' 80% delle imprese sondate dichiara di conoscere i contenuti del decreto 76. Ebbene, il 9%, circa 150mila imprese, dice che certamente o probabilmente utilizzerà gli incentivi per le nuove assunzioni, di questi un terzo assumerà per beneficiare dello sgravio, mentre solo il 17% dice che avrebbe assunto comunque. Inoltre, gran parte delle altre imprese non conta di usare l' incentivo non perché non lo ritenga conveniente, ma semplicemente perché non pensa di assumere nuovo personale, e in una situazione ciclica come l' attuale è un dato che non sorprende. Come dicevo, fermo restando che senza espansione non c' è neanche occupazione aggiuntiva, non esiste una singola misura che soddisfa tutte le esigenze. Ricordo, a tale proposito, che è appena partito anche il bonus per chi assume un lavoratore in Aspi, la cui convenienza per l' impresa è massima per l' assunzione di lavoratori appena entrati nella condizione di disoccupazione. Per le politiche attive ora le aspettative più forti si concentrano sul Piano garanzia giovani. Lo abbiamo presentato alla Commissione europea nei tempi previsti e ora aspettiamo il via libera sui fondi, ovvero 1,5 miliardi per il prossimo biennio. A gennaio chiuderemo gli ultimi incontri operativi con le Regioni e le Province. Il lavoro realizzato dalla Struttura di missione del ministero è stata molto importante per disegnare e coordinare l' intervento su tutto il territorio nazionale: con la messa in rete di tutti i dati sui giovani che si rivolgono ai centri per l' impiego e alle altre strutture autorizzate, il profilo di ognuno sarà leggibile a livello nazionale e i giovani in cerca di impiego diventeranno quindi "contendibili". Entro il primo trimestre sarà possibile iscriversi al programma e ricevere, entro quattro mesi, oltre che strumenti informativi e di orientamento, possibilità d' inserimento in piani di istruzione e formazione, esperienze di tirocini, contratti di apprendistato, esperienze nel Servizio civile o, ancora, l' accompagnamento all' avvio di una iniziativa imprenditoriale autonoma. Oltre al decollo di queste iniziative, che cosa c' è dietro l' angolo a gennaio? Apriremo un cantiere per le semplificazioni amministrative con le parti sociali e i consulenti del lavoro. Obiettivo: rivedere le dieci procedure più onerose per le imprese entro un mese, per poi modificarle e nel frattempo affrontarne altre dieci, e così via. Sempre entro gennaio presenteremo un disegno di legge delega per avviare la definizione di un Testo unico delle norme sul lavoro, come previsto dal piano Destinazione Italia. Il dibattito di questi giorni propone anche modifiche della regulation più ampie come il contratto unico. Sono pronto a discutere di contratto unico o di altre misure al più presto con i responsabili per il lavoro di tutti i partiti. Tra l' altro a gennaio contiamo di presentare i dati finali del primo monitoraggio completo sull' impatto della legge 92: sappiamo che i contratti di lavoro intermittente sono calati molto, da circa 290mila a 80mila a trimestre; sappiamo poi che l' apprendistato nel terzo trimestre è un po' ripartito e aspettiamo i dati del quarto trimestre (nel quale sono scattate le semplificazioni normative per questo contratto) per capire se il cambiamento di tendenza verrà confermato; abbiamo poi visto che la regolazione delle causali per i contratti a termine è stata introdotta in diversi contratti nazionali di categoria, recependo quanto previsto dal DL 76. Insomma, muovendoci nella consapevolezza che un' ampia sequenza di Continua > 17

20 Pagina 7 < Segue Il Sole 24 Ore interventi è già stata adottata e sapendo che l' implementazione di tutte le misure è fondamentale per arrivare a risultati di ampie dimensioni, siamo pronti a un calendario di nuove iniziative che comprende anche un completamento delle riforme avviate sugli ammortizzatori sociali. Con quali obiettivi? Si parlava di estendere le tutele a 3,5 milioni di lavoratori che oggi non ne hanno. Il 9 gennaio apriremo un confronto con le parti sociali per migliorare l' applicazione delle nuove regole per estendere le tutele. Partiamo dal fondo residuale previsto dalla legge 92 con un contributo aggiuntivo dello 0,5%: ora le parti sociali hanno un nuovo termine per attivare i fondi bilaterali di finanziamento degli ammortizzatori e quindi per un eventuale opting out. Importante è che decolli una nuova compartecipazione per sostenere forme allargate di integrazione al reddito in caso di crisi che si affianchi al sostegno della fiscalità generale; contratti diversi e forme diverse di lavoro devono essere tutelate in situazioni di crisi partendo da equilibrate e differenziate forme contributive. Ma penso anche a qualcosa di più e di più immediato, come l' automatismo delle prestazioni definito dall' articolo 2116 del Codice civile da estendere ai lavoratori parasubordinati, i quali dovranno avere diritto alla tutela Inps anche in caso di mancato versamento dei contributi da parte dei datori di lavoro. Il nostro emendamento alla Stabilità non è passato, ma torneremo alla carica: costa solo 20 milioni l' anno. RIPRODUZIONE RISERVATA IL BILANCIO 1,15 miliardi Incentivi all' occupazione Per l' assunzione a tempo indeterminato di giovani sono stati stanziati 950 milioni e altri 200 per donne e over Le domande di assunzione Quelle presentate, grazie agli incentivi, di cui 18mila di giovani e 17mila di donne e over 50 +1,7 miliardi Il fondo Cigd per il 2014 L' incremento per il prossimo anno del fondo per gli ammortizzatori in deroga 560 milioni Lo stanziamento per il Sia Le risorse 2014 per la sperimentazione del Sostegno per l' inclusione attiva cui si aggiungono 250 milioni della social card. COLOMBO DAVIDE 18

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli