Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport"

Transcript

1 Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Il Collegio Arbitrale in persona dei signori: - Avv. Ciro Pellegrino, in qualità di Presidente; - On. Prof. Avv. Learco Saporito, in qualità di Arbitro; - Prof. Avv. Tommaso Edoardo Frosini, in qualità di Arbitro; nella controversia tra la società Treviso F.B.C s.r.l., in persona del suo Presidente, legale rappresentante, geom. Ettore Setten, rappresentata e difesa dagli Avv.ti Francesco Stilo, Ezio Galea, Salvatore Raciti e Carlo Abbate ed elettivamente domiciliata presso lo studio dell Avv. Carlo Abate sito in Roma, via Fulcieri Paulucci De Calboli n. 1 e la Federazione Italiana Giuoco Calcio F.I.G.C., in persona del suo Presidente p.t., rappresentata e difesa dagli Avv.ti Mario Gallavotti e Luigi Medugno, e presso lo studio del primo in via Po, n. 9 elettivamente domiciliata con l intervento di A.C.F. Fiorentina s.p.a., in persona dell Amministratore Delegato e legale rappresentante Mario Cognigni, rappresentata e difesa dagli Avv.ti Prof. Giuseppe Morbidelli, Alberto M. Bruni, Prof. Duccio M. Traina e Carlo Montagna ed elettivamente domiciliata presso lo studio dei primi tre in Firenze, via La Marmora, n. 14; sulle conclusioni definitivamente precisate dalle parti all udienza del 20 novembre 2006, gli arbitri, riuniti in conferenza personale presso la sede della Camera in Roma, stadio Olimpico, al termine della suddetta udienza hanno, con voti unanimi, deliberato a norma Stadio Olimpico - Curva Sud - Gate 23-2 piano - stanza Roma tel fax Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport presso il Coni

2 dell art. 19 del Regolamento approvato dal C.N. con delibera n del , modificato e integrato dalla Giunta Nazionale con delibera n del , il seguente LODO SVOLGIMENTO DEL PROCEDIMENTO Con istanza depositata presso la Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport in data , la società Treviso FBC 1993 s.r.l. esponeva che, a seguito degli accertamenti compiuti dall Ufficio indagini della F.I.G.C., le società Juventus F.C. s.p.a., A.C., Milan s.p.a., S.S. Lazio s.p.a. e A.C.F. Fiorentina s.p.a. erano state deferite dalla Procura Federale della F.I.G.C. dinanzi alla Commissione d Appello Federale della F.I.G.C. Con ordinanza del , la Commissione d Appello adita ammetteva la società Treviso a partecipare al procedimento di primo grado, in quanto portatrice di un interesse indiretto. Con decisione di cui al C.U. n. 1/C del , la Commissione d Appello, riconosciuta a vario titolo la responsabilità delle deferite Società, irrogava le seguenti sanzioni: - revoca della assegnazione dello scudetto 2004/2005, non assegnazione del titolo di campione d Italia 2005/2006, retrocessione all ultimo posto in classifica del campionato 2005/2006, penalizzazione di 30 punti da scontare nella stagione sportiva 2006/2007, nei confronti della società Juventus F.C. s.p.a.; - retrocessione all ultimo posto in classifica del campionato di calcio di serie A 2005/2006, penalizzazione di 7 punti in classifica del campionato di calcio di serie A 2005/2006, ammenda di ,00, nei confronti della società S.S. Lazio; - retrocessione all ultimo posto in classifica del campionato di calcio di serie A 2005/2006, penalizzazione di 12 punti in classifica nella stagione

3 sportiva 2006/2007 e ammenda di ,00, nei confronti della società A.C.F. Fiorentina s.p.a.; - penalizzazione di 44 punti da scontare nella classifica 2005/2006 e 15 punti da scontare nella stagione sportiva 2006/2007 nonché ammenda di ,00, nei confronti della società A.C. Milan s.p.a. Per effetto di tale decisione, la società Treviso acquisiva il titolo a partecipare al campionato di calcio di serie A della stagione sportiva 2006/2007. Le società Juventus F.C. s.p.a., A.C., Milan s.p.a., S.S. Lazio s.p.a. e A.C.F. Fiorentina s.p.a proponevano appello avverso la decisione della Commissione d Appello Federale, mentre la società Treviso, costituitasi, ne chiedeva l integrale conferma. Con decisione del di cui al C.U. n.2/c.f, la Corte Federale adita, in parziale riforma della decisione di primo grado, irrogava sanzioni meno afflittive nei confronti delle società appellanti. La società Treviso, ritenendo di avere subito un grave pregiudizio a seguito dell emanazione della decisione della Corte Federale che, di fatto, aveva determinato il venire meno del proprio titolo alla partecipazione al campionato di seria A per la stagione 2006/2007, esauriti i gradi interni della giustizia federale, decideva di avviare la procedura di conciliazione presso la Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport ex art. 4 del Regolamento camerale. In data , il conciliatore designato Prof. F. Tuffarelli, esperito il tentativo di conciliazione, cui intervenivano anche le società S.S. Lazio s.p.a. e A.C.F. Fiorentina s.p.a., prendeva atto del mancato accordo delle parti. La società Treviso decideva, pertanto, di presentare istanza alla Camera Arbitrale, chiedendo in principalità, ritenersi illegittima e/o inefficace e/o revocabile la decisione della Corte Federale della F.I.G.C. di cui al C.U. n. 2/C.F del e, previa declaratoria della responsabilità diretta ex art. 6 C.G.S. delle società S.S. Lazio s.p.a. e A.C.F. Fiorentina s.p.a. in relazione ai fatti ascritti, in annullamento o in riforma della decisione della Corte Federale della F.I.G.C. di cui al C.U. n. 2/C.F del , di disporre l applicazione, per ognuna delle citate società, della sanzione della retrocessione all ultimo posto nel campionato di calcio di serie A, stagione sportiva 2005/2006, ferme le altre irrogate sanzioni anche in riferimento alla posizione delle società Juventus e Milan, e, conseguentemente, disporre l annullamento del campionato di serie A stagione sportiva

4 2006/2007 per la parte disputata fino alla statuizione di Codesta Camera; ordinare alla F.I.G.C. l iscrizione della società istante al campionato professionistico di serie A per la stagione sportiva 2006/2007 e, quindi, pronunciare ogni qualsivoglia provvedimento utile agli effetti di quanto domandato e/o all attuazione della decisione camerale; in via subordinata, nella denegata ipotesi di non attualità dei provvedimenti chiesti, se concessi, riconoscersi il diritto della società Treviso F.B.C s.r.l. al risarcimento per equivalente, di tutti i danni patiti dalla mancata partecipazione alla serie A stagione sportiva 2006/2007 a seguito dell illegittimo provvedimento della Corte Federale; danni da quantificarsi e liquidarsi, anche in via equitativa, nel corso del presente procedimento; conseguentemente, emanare ogni provvedimento necessario per dare corso alla immediata liquidazione del predetto danno; in via ulteriormente subordinata, dichiararsi il diritto della società Treviso F.B.C s.r.l. ad essere inserita nel campionato di serie A per la stagione successiva (2007/2008). Si costituiva in giudizio la Federazione Italiana Gioco Calcio F.I.G.C. che, con memoria del , sollevava le seguenti questioni pregiudiziali: - irrituale designazione dell arbitro di parte operata dalla società istante, tenuto conto che la domanda avversaria, introducendo un petitum destinato a dispiegare effetti sulla posizione giuridica di una pluralità di parti [ ] dà luogo all instaurazione di una controversia non riconducibile a uno schema di tipo binario ; - difetto di legittimazione attiva della società istante per carenza di un interesse diretto all impugnazione. Con provvedimento del 16 ottobre 2006 il Presidente della Camera nominava il Presidente del Collegio Arbitrale, nella persona dell Avv. Ciro Pellegrino ed il terzo componente del Collegio Arbitrale, nella persona del Prof. Avv. Tommaso Edoardo Frosini, considerato che, ai sensi dell art del Regolamento della Camera la Federazione Italiana Giuoco Calcio non aveva provveduto alla nomina dell arbitro né nella memoria di costituzione, né successivamente, sebbene invitata. Nello stesso provvedimento del 16 ottobre 2006, inoltre, il Presidente della Camera, ritenuto di dover consentire ad un terzo di intervenire nel procedimento arbitrale, invitava la Federazione Italiana Giuoco Calcio a dare notizia, mediante l emissione di un Comunicato Ufficiale, dell avvenuta presentazione dell istanza, con l indicazione della

5 parte attrice, dell oggetto e delle domande proposte, nonché della possibilità di intervento ai sensi e con le modalità previste dal Regolamento della Camera. Sempre nel medesimo provvedimento del 16 ottobre 2006, il Presidente della Camera fissava il giorno 30 ottobre 2006 quale termine perentorio entro e non oltre il quale un terzo che avesse un interesse individuale e diretto nella controversia dovesse trasmettere la propria istanza di intervento. In data 23 ottobre 2006, il Collegio Arbitrale si costituiva formalmente e fissava il giorno 14 novembre 2006, ore 12, quale termine perentorio per il deposito della comparsa di intervento ai sensi dell art. 10, comma 8, del Regolamento Camerale. Successivamente, in data , la società A.C.F. Fiorentina s.p.a., ritenendo di vantare un interesse individuale e diretto nella controversia insorta tra il Treviso F.B.C s.r.l. e la F.I.G.C., presentava istanza di autorizzazione all intervento ex art. 10, comma 7, del Regolamento della Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport. In data 31 ottobre 2006, il Collegio Arbitrale autorizzava l intervento della A.C.F. Fiorentina s.p.a.. Con comparsa di intervento del , la A.C.F. Fiorentina s.p.a. rilevava: - in via preliminare, l inammissibilità, sotto vari profili, dell istanza di arbitrato promossa dal Treviso F.B.C s.r.l.; - in via pregiudiziale, l irrituale designazione del Collegio Arbitrale, trattandosi di domanda arbitrale destinata a incidere su una pluralità di soggetti (F.I.G.C., Fiorentina e Lazio); - nel merito, l infondatezza di tutte le domande ex adverso proposte. In via riconvenzionale, la società Fiorentina chiedeva inoltre: - in tesi, previo accertamento e declaratoria della indeferibilità del Presidente Onorario Diego Della Valle e della carenza della legale rappresentanza della A.C.F. Fiorentina in capo ad Andrea Della Valle e Sandro Mencucci nonché previo accertamento e declaratoria della assenza di qualsiasi violazione del C.G.S. della F.I.G.C. da parte dei dirigenti viola, la riforma della menzionata decisione della Corte Federale prosciogliendo la A.C.F. Fiorentina s.p.a. da ogni addebito e conseguentemente annullando tutte le sanzioni poste a suo carico ;

6 - in via subordinata, previo accertamento e declaratoria che i comportamenti addebitati a Diego Della Valle non integrano l ipotesi di violazione dell art. 6 C.G.S. della F.I.G.C., la riforma della menzionata decisione annullando la squalifica del campo per tre giornate con l ammenda di Euro ,00 nonché riducendo drasticamente e conseguentemente i punti di penalizzazione applicandoli tutti alla classifica finale del campionato 2005/2006 in modo comunque da garantire la permanenza della Fiorentina in serie A; ovvero in ipotesi ripartendoli tra le stagioni sportive 2005/2006 e 2006/2007 in modo equo così da evitare ogni conseguenza iperafflittiva per la squadra viola nel campionato di calcio serie A appena iniziato. All udienza del 20 novembre 2006, esaminati gli atti della causa e udite le parti costituite in udienza, il Presidente del Collegio Arbitrale dichiarava conclusa la discussione. Al termine della discussione, la difesa del Treviso chiedeva la concessione di un termine per il deposito di ulteriori memorie e note difensive. Il Collegio Arbitrale decideva come da separata ordinanza. La decisione è stata riservata all esito di un procedimento di cui le parti hanno esplicitato l assenza di riserve circa la regolarità del contraddittorio. Il Collegio, riunito in conferenza dei suoi membri, ha pertanto approvato, con il dispositivo, i seguenti MOTIVI DELLA DECISIONE La domanda di arbitrato promossa dalla società Treviso F.B.C s.r.l. è inammissibile per due ordini di motivi. In primo luogo, occorre considerare che, ai sensi degli artt. 4 e 8 del Regolamento della Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport, la procedura di conciliazione e arbitrato può essere attivata solo su istanza di chi sia stato parte in un procedimento instaurato dinanzi agli organi di giustizia federale. Non può considerarsi parte di un procedimento disciplinare il soggetto che sia stato meramente autorizzato a intervenire in giudizio in qualità di titolare di un interesse solamente indiretto alla definizione di una controversia insorta tra le parti principali. Nel caso di specie, non può pertanto riconoscersi il diritto della società Treviso F.B.C s.r.l. a impugnare in via autonoma la decisione del di cui al C.U.

7 n.2/c.f, resa dalla Corte Federale all esito di un procedimento in cui la società istante, portatrice di interessi indiretti, ha ricoperto una posizione meramente riflessa e subordinata in qualità di interventrice nella procedura de qua. Del resto, non può tacersi il fatto che la società trevigiana avrebbe potuto agire al fine di tutelare i propri interessi presentando istanza di intervento ex art. 10, comma 7, del Regolamento Camerale nei procedimenti, rispettivamente, promossi dalle società Juventus F.C. s.p.a., S.S. Lazio s.p.a. e A.C.F. Fiorentina s.p.a. dinanzi alla Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport. Considerato, pertanto, che la società Treviso F.B.C., rinunciando a esercitare tale pur legittima facoltà, ha sostanzialmente prestato formale acquiescenza al decisum della Corte Federale su cui, peraltro, si è oramai formato il giudicato, non può che dichiararsi l inammissibilità della domanda introduttiva del presente procedimento per difetto di legittimazione attiva in capo alla società istante priva di un interesse diretto all impugnazione nella controversia in questione. In secondo luogo, occorre considerare che, ai sensi dell art. 27, comma 3, dello Statuto della F.I.G.C. esulano dalla competenza arbitrale le controversie di natura tecnicodisciplinare decise in via definitiva dagli organi di giustizia federale che abbiano dato luogo a sanzioni comportanti penalizzazioni in classifica. In tali casi, il potere degli arbitri può trovare giuridico fondamento solo ed esclusivamente nella stipula di una specifica clausola compromissoria finalizzata alla deroga del principio della non arbitrabilità delle controversie di natura tecnicodisciplinare espressamente statuito dalla disposizione normativa testé richiamata. Nella fattispecie in esame, tuttavia, non ricorre l ipotesi di competenza del Collegio Arbitrale risalente a un espresso accordo delle parti, unica condizione che avrebbe consentito di superare i limiti alla competenza arbitrale di cui all art. 27, comma 3, dello Statuto F.I.G.C. Anche sotto tale profilo deve, pertanto, dichiararsi l inammissibilità della domanda della società Treviso F.B.C s.r.l. per violazione dell art. 27, comma 3, dello Statuto F.I.G.C. Per tali motivi, non spetta al Collegio Arbitrale adito la decisione nel merito della controversia in esame. Ogni altra questione pregiudiziale nonché la tematica

8 sull ammissibilità delle domande riconvenzionali proposte rimangono assorbite dalla priorità di quella liquidata in senso ostativo alla decisione di merito. Quanto alle spese legali, tenuto conto della conclusiva astensione da statuizioni di merito, le medesime possono compensarsi, per giusti motivi, tra le parti nella misura indicata con separata ordinanza. Quanto, infine, alle spese del presente giudizio, la parte istante è tenuta al pagamento dei diritti degli arbitri, come separatamente liquidati, e della Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport P.Q.M. Il Collegio, definitivamente pronunciando nella controversia di cui all istanza prot. n del 28 Settembre 2006 della società Treviso F.B.C s.r.l. nei confronti della Federazione Italiana Gioco Calcio F.I.G.C. con l intervento ex art. 10, comma 7, del Regolamento Camerale della società A.F.C. Fiorentina s.p.a. dichiara che: a) la domanda proposta dalla Società Treviso F.B.C s.r.l. è inammissibile per difetto di legittimazione attiva per carenza di un interesse diretto all impugnazione in capo alla società istante nonché per violazione dell art. 27, comma 3, dello Statuto della F.I.G.C.; b) le spese legali sono interamente compensate fra le parti; c) la parte istante è tenuta al pagamento dei diritti degli arbitri, come separatamente liquidati, e della Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport. Così deliberato all unanimità dei voti in conferenza personale degli arbitri, riuniti presso la sede dell arbitrato in data 20 novembre 2006, e sottoscritto in numero di 4 originali nei luoghi e nelle date di seguito indicati. F.to Ciro Pellegrino F.to Learco Saporito F.to Tommaso Edoardo Frosini

9

IL COLLEGIO ARBITRALE. Avv. Gabriella Palmieri (Presidente) Avv. Prof. Tommaso Edoardo Frosini (Arbitro) Avv. Aurelio Vessichelli (Arbitro)

IL COLLEGIO ARBITRALE. Avv. Gabriella Palmieri (Presidente) Avv. Prof. Tommaso Edoardo Frosini (Arbitro) Avv. Aurelio Vessichelli (Arbitro) Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport IL COLLEGIO ARBITRALE Avv. Gabriella Palmieri (Presidente) Avv. Prof. Tommaso Edoardo Frosini (Arbitro) Avv. Aurelio Vessichelli (Arbitro) riunito in conferenza

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport IL COLLEGIO ARBITRALE composto da Prof. Avv. Massimo Zaccheo Prof. Avv. Tommaso Edoardo Frosini Cons. Silvestro Maria Russo Presidente del Collegio Arbitrale

Dettagli

V E R B A L E della 3^ udienza L ARBITRO UNICO. Prof. Avv. Maurizio Benincasa

V E R B A L E della 3^ udienza L ARBITRO UNICO. Prof. Avv. Maurizio Benincasa Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport V E R B A L E della 3^ udienza L ARBITRO UNICO Prof. Avv. Maurizio Benincasa nel procedimento di arbitrato (prot. n. 1865 del 27 luglio 2012) promosso da:

Dettagli

Il Collegio Arbitrale composto da: L O D O

Il Collegio Arbitrale composto da: L O D O Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Il Collegio Arbitrale composto da: Prof. Avv. Tommaso Edoardo Frosini in qualità di Presidente del Collegio Arbitrale, ai sensi del Regolamento della Camera

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Il Collegio Arbitrale composto da: Avv. Aurelio Vessichelli in qualità di Presidente nominato ai sensi dell art. 13.2 del Regolamento della Camera di Conciliazione

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport I L C O L L E G I O A R B I T R A L E On. Prof. Avv. Pier Luigi Ronzani Avv. Guido Cecinelli Prof. Marcello Foschini Prof. Avv. Luigi Fumagalli Prof. Avv.

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport I L C O L L E G I O A R B I T R A L E On. Prof. Avv. Pier Luigi Ronzani Avv. Guido Cecinelli Prof. Marcello Foschini Prof. Avv. Luigi Fumagalli Prof. Avv.

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport LODO ARBITRALE C O L L E G I O A R B I T R A L E Avv. Guido Cecinelli in qualità di Presidente del Collegio Arbitrale Avv. Aurelio Vessichelli in qualità

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Giancarlo Cresti /Vodafone Omnitel B.V. (ex TeleTu) /Telecom Italia S.p.A.

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Giancarlo Cresti /Vodafone Omnitel B.V. (ex TeleTu) /Telecom Italia S.p.A. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Giancarlo Cresti /Vodafone Omnitel B.V. (ex TeleTu) /Telecom Italia S.p.A. Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO

Dettagli

Tribunale Nazionale di Arbitrato o per lo Sport

Tribunale Nazionale di Arbitrato o per lo Sport Tribunale Nazionale di Arbitrato o per lo Sport L ARBITRO UNICO Avv. Aurelio Vessichelli nominato ai sensi dell art. 6, comma 4 del Codice dei giudizi innanzi al Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport I L C O L L E G I O A R B I T R A L E Avv. Enrico Ingrillì in qualità di Presidente del Collegio Arbitrale, ai sensi del Regolamento della Camera di Conciliazione

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/4646/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/4646/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/4646/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 19 del 25 maggio 2015 Sono presenti i componenti

Dettagli

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3648/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3648/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3648/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 13 del 23 aprile 2015 Sono presenti i componenti

Dettagli

LODO ARBITRALE IL COLLEGIO ARBITRALE PRESIDENTE LUBRANO BOTTARI ARBITRO CINELLI

LODO ARBITRALE IL COLLEGIO ARBITRALE PRESIDENTE LUBRANO BOTTARI ARBITRO CINELLI Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport LODO ARBITRALE IL COLLEGIO ARBITRALE PROF ROF. AVV VV. CARLO BOTTARI PRESIDENTE PROF ROF. AVV VV. FILIPPO LUBRANO ARBITRO PROF ROF. AVV VV. MAURIZIO CINELLI

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 2450

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 2450 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 2450 COMUNICATO UFFICIALE N. 7/C (2006/2007) Si dà atto che la Commissione d Appello Federale, nella riunione tenutasi

Dettagli

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 33 del 22 luglio 2015 Sono presenti i componenti

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna N. 00030/2011 REG.PROV.COLL. N. 00004/2004 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata di Parma

Dettagli

DELIBERA N. 9/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA BONI BONI ERBA & Co XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 9/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA BONI BONI ERBA & Co XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 9/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA BONI BONI ERBA & Co XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Delibera n. 3 2015. Oggetto: Definizione della controversia GU14 106/2014 XXX /BT ITALIA XXX

Delibera n. 3 2015. Oggetto: Definizione della controversia GU14 106/2014 XXX /BT ITALIA XXX Verbale n. 3 Adunanza del 3 febbraio 2015 L anno duemilaquindici il giorno tre del mese di febbraio alle ore 11,00 in Torino, presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze,

Dettagli

Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport

Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport IL COLLEGIO ARBITRALE PROF. AVV. TOMMASO EDOARDO FROSINI PRESIDENTE PROF. AVV. LUIGI FUMAGALLI ARBITRO DOTT. GIOVANNI PALAZZI ARBITRO ha pronunciato il seguente

Dettagli

LODO ARBITRALE IL COLLEGIO ARBITRALE

LODO ARBITRALE IL COLLEGIO ARBITRALE Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport LODO ARBITRALE IL COLLEGIO ARBITRALE PROF. AVV. MAURIZIO BENINCASA PRESIDENTE AVV. GUIDO CECINELLI ARBITRO AVV. AURELIO VESSICHELLI ARBITRO nominato ai sensi

Dettagli

LODO ARBITRALE IL COLLEGIO ARBITRALE. Avv.Enrico De Giovanni Presidente Avv.Guido Cecinelli - Arbitro Avv. Aurelio Vessichelli Arbitro

LODO ARBITRALE IL COLLEGIO ARBITRALE. Avv.Enrico De Giovanni Presidente Avv.Guido Cecinelli - Arbitro Avv. Aurelio Vessichelli Arbitro Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport LODO ARBITRALE IL COLLEGIO ARBITRALE Avv.Enrico De Giovanni Presidente Avv.Guido Cecinelli - Arbitro Avv. Aurelio Vessichelli Arbitro nominato ai sensi del

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 64 DEL 17/3/2014 OGGETTO: Vertenza Comune di Bari Sardo / Società Ecologica di F. Podda srl Villasor. Tribunale Civile

Dettagli

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2012/4879/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 22 del 21 luglio 2014 Sono presenti i componenti

Dettagli

IL COLLEGIO ARBITRALE. Avv. Enrico De Giovanni (Presidente) Prof. Avv. Massimo Zaccheo (Arbitro) Avv. Guido Cecinelli (Arbitro)

IL COLLEGIO ARBITRALE. Avv. Enrico De Giovanni (Presidente) Prof. Avv. Massimo Zaccheo (Arbitro) Avv. Guido Cecinelli (Arbitro) Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport IL COLLEGIO ARBITRALE Avv. Enrico De Giovanni (Presidente) Prof. Avv. Massimo Zaccheo (Arbitro) Avv. Guido Cecinelli (Arbitro) in data 30 settembre 2013, presso

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO CHE

CONVENZIONE TRA PREMESSO CHE CONVENZIONE TRA LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA, con sede in Roma, Viale Tiziano, n.70 (di seguito indicata FMSI ), Codice Fiscale 97015300581, in persona del Presidente pro-tempore Dott. Maurizio

Dettagli

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA Delibera n. 14/11/CIR Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA NELLA sua riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 9 febbraio 2011;

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 3 del 21 novembre 2013. Oggetto: Definizione della controversia XXXXXX XXXXXXXXX / TeleTu (ora Vodafone Omnitel XX) IL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE n. 3 del 21 novembre 2013. Oggetto: Definizione della controversia XXXXXX XXXXXXXXX / TeleTu (ora Vodafone Omnitel XX) IL DIRIGENTE DETERMINAZIONE n. 3 del 21 novembre 2013 Oggetto: Definizione della controversia XXXXXX XXXXXXXXX / TeleTu (ora Vodafone Omnitel XX) IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 "Istituzione dell

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 16 del 5 luglio 2012

DELIBERAZIONE n. 16 del 5 luglio 2012 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXX XXXXXXXXXX/ Wind Telecomunicazioni XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente Componente

Dettagli

FIPAV TRIBUNALE FEDERALE COMUNICATO N 42

FIPAV TRIBUNALE FEDERALE COMUNICATO N 42 Riunione del 29 luglio 2015 FIPAV TRIBUNALE FEDERALE COMUNICATO N 42 34.14/15 PROCEDIMENTO DISCIPLINARE NEI CONFRONTI DI: - SURACE REBECCA Atleta - BONACCORSO ANTONINO MARIA n.q. Presidente p.t - ASD PALLAVOLO

Dettagli

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX XXX /Optima Italia XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente

Dettagli

DELIBERA DL/035/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ABL SRL/GREEN ICN S.P.A.

DELIBERA DL/035/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ABL SRL/GREEN ICN S.P.A. DELIBERA DL/035/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ABL SRL/GREEN ICN S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N.143 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Spagnuolo Xxxxx c/ Teletu xxx. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella seduta del

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport IL C O L L E G I O A R B I T R A L E Avv. Enrico Ingrillì in qualità di Presidente del Collegio Arbitrale, nominato ai sensi del Regolamento di arbitrato

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 L anno duemilaquattordici, il giorno 8 del mese di settembre, alle ore 11.00, in Torino presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

Consiglio regionale della Calabria

Consiglio regionale della Calabria Consiglio regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/BA DELIBERAZIONE N. 194 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA - CAMPISANO P. c/ RTI Smart card n. xxxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Nella

Dettagli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli INDICE Premessa............................................. Introduzione al tema....................................... XIII XVII PARTE I SPORT E GIUSTIZIA I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA

Dettagli

IL COLLEGIO ARBITRALE. Composto da. Prof. Avv. Massimo Zaccheo Avv. Marcello de Luca Tamajo Prof. Avv. Maurizio Benincasa

IL COLLEGIO ARBITRALE. Composto da. Prof. Avv. Massimo Zaccheo Avv. Marcello de Luca Tamajo Prof. Avv. Maurizio Benincasa IL COLLEGIO ARBITRALE Composto da Prof. Avv. Massimo Zaccheo Avv. Marcello de Luca Tamajo Prof. Avv. Maurizio Benincasa Presidente Arbitro Arbitro riunito in conferenza personale in data 8 novembre 2013

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 26 del 21 novembre 2011. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXXXXXX XXXXXXX / Wind Telecomunicazioni XXX

DELIBERAZIONE n. 26 del 21 novembre 2011. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXXXXXX XXXXXXX / Wind Telecomunicazioni XXX DELIBERAZIONE n. 26 del 21 novembre 2011 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXXXXXX XXXXXXX / Wind Telecomunicazioni XXX IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella seduta del giorno 21 novembre

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.4951/2007 Reg.Dec. N. 3378 Reg.Ric. ANNO 2007 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N 249. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Primerano xxx c/ Wind Telecomunicazioni xxx. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Sezione Seconda SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Sezione Seconda SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA N. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Sezione Seconda composto dai Signori: Luigi TOSTI Silvestro Maria RUSSO Stefano TOSCHEI Presidente

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012 Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 (di seguito la Competizione ) REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE e DENOMINAZIONE DELLA COMPETIZIONE Organizzatrice

Dettagli

Determinazione 23/2015 Definizione della controversia Lotito XXX/ Clouditalia Communications s.p.a. IL DIRIGENTE

Determinazione 23/2015 Definizione della controversia Lotito XXX/ Clouditalia Communications s.p.a. IL DIRIGENTE Determinazione 23/2015 Definizione della controversia Lotito XXX/ Clouditalia Communications s.p.a. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Nic DELIBERAZIONE N. 182 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA - Praticò xxx c/ WIND TELECOMUNICAZIONI IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Nella

Dettagli

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Ai sensi del D.Lgs n. 79/1999, non vi è decadenza dalle incentivazioni previste per le fonti di energia rinnovabile se le autorizzazioni

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 53 del 15 dicembre 2014

DELIBERAZIONE n. 53 del 15 dicembre 2014 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXX /Telecom Italia XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Assenti:

Dettagli

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Tribunale di Milano Sezione controversie di lavoro Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport

Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport IL COLLEGIO ARBITRALE Prof. Avv. Angelo Piazza Presidente Prof. Guido Calvi Arbitro Avv. Enrico De Giovanni - Arbitro nominato in data 29 luglio 2013, ai sensi

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 63/2013 TITOLO 1.10.21/603 1.10.4 LEGISLATURA IX Il giorno 6 dicembre 2013 si è riunito nella sede

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / ITALIACOM.NET XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / ITALIACOM.NET XXX Determinazione dirigenziale n. 2 del 18 febbraio 2015 Oggetto: definizione della controversia XXX / ITALIACOM.NET XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e

Dettagli

DELIBERA N. 3/11/CIR. Definizione della controversia New Ora S.r.l./ Eutelia S.p.A. L AUTORITA,

DELIBERA N. 3/11/CIR. Definizione della controversia New Ora S.r.l./ Eutelia S.p.A. L AUTORITA, DELIBERA N. 3/11/CIR Definizione della controversia New Ora S.r.l./ Eutelia S.p.A. L AUTORITA, NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 20 gennaio 2011; VISTA la legge 31 luglio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio SENTENZA Sentenza n. 672/2013 REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio composta dai seguenti magistrati: DE MUSSO Ivan MAIO Giuseppina RONDONI

Dettagli

Verbale n. Adunanza del 15 giugno 2015

Verbale n. Adunanza del 15 giugno 2015 Verbale n. Adunanza del 15 giugno 2015 L anno duemilaquindici, il giorno quindici del mese di giugno, alle ore 11, in Torino presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze,

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato

www.ildirittoamministrativo.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato N. 04252/2012REG.PROV.COLL. N. 04420/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente

Dettagli

IL COLLEGIO DI GARANZIA DELLO SPORT Prima Sezione DECISIONE

IL COLLEGIO DI GARANZIA DELLO SPORT Prima Sezione DECISIONE Collegio di Garanzia dello Sport I^ Sezione Prot. n. 00371/15 Decisione n. 28 Anno 2015 IL COLLEGIO DI GARANZIA DELLO SPORT Prima Sezione Composta da: Mario Sanino - Presidente Vanda Giampaoli Relatore

Dettagli

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente http://www.dplmodena.it/04-10-11consstatodimisspubb.html Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5384 del 27 settembre 2011,

Dettagli

ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE

ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE Tra: Sig. TIZIO, rappresentato e difeso dall avv. Alessandro Amendolara, elettivamente domiciliato presso il suo studio in Modugno, parte ricorrente nel procedimento

Dettagli

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006 La mediazione in condominio La mediazione è l attività svolta da un terzo imparziale finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia.

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 29/2014 TITOLO 1.10.21/619 1.10.4. LEGISLATURA IX Il giorno 11 luglio 2014 si è riunito nella sede

Dettagli

Comunicato Ufficiale N 31 del 27 Ottobre 2011

Comunicato Ufficiale N 31 del 27 Ottobre 2011 Stagione Sportiva 2011/2012 Comunicato Ufficiale N 31 del 27 Ottobre 2011 IL COMUNICATO UFFICIALE DELLA DIVISIONE CALCIO FEMMINILE È INTEGRALMENTE CONSULTABILE PRESSO IL SITO INTERNET DELLA DIVISIONE ALL

Dettagli

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE \ Determinazione 10/2015 Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX Determinazione dirigenziale n. 6 del 19 marzo 2015 Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 7 N. 01041/2014 REG.PROV.COLL. N. 00844/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima)

Dettagli

Delibera n. 40 2014. Oggetto: Definizione della controversia GU14 301/2013 XXX /TELECOM ITALIA XXX

Delibera n. 40 2014. Oggetto: Definizione della controversia GU14 301/2013 XXX /TELECOM ITALIA XXX Verbale n. 24 Adunanza del 27 ottobre 2014 L anno duemilaquattordici, il giorno 27 del mese di ottobre alle ore 11,00 in Torino, presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze,

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il D. Lgs. 1 agosto 2003, n. 259, Codice delle comunicazioni elettroniche, in particolare l art. 84;

IL DIRIGENTE. VISTO il D. Lgs. 1 agosto 2003, n. 259, Codice delle comunicazioni elettroniche, in particolare l art. 84; Determinazione 18/2014 Definizione della controversia XXX/Optima Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la L. 31 luglio 1997, n. 249, Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 11 del 6 febbraio 2015

DELIBERAZIONE n. 11 del 6 febbraio 2015 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXX XXXX /Vodafone Omnitel XX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

DELIBERA N. 88/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX PIERRO/ TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le

DELIBERA N. 88/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX PIERRO/ TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le DELIBERA N. 88/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX PIERRO/ TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Roberto Tonissi /UltraCALL Inc.

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Roberto Tonissi /UltraCALL Inc. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Roberto Tonissi /UltraCALL Inc. Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Assenti:

Dettagli

REGOLAMENTO. dei COLLEGI ARBITRALI. previsti dall ACCORDO COLLETTIVO AIC LNPA-FIGC. stipulato in data 5 settembre 2011

REGOLAMENTO. dei COLLEGI ARBITRALI. previsti dall ACCORDO COLLETTIVO AIC LNPA-FIGC. stipulato in data 5 settembre 2011 REGOLAMENTO dei COLLEGI ARBITRALI previsti dall ACCORDO COLLETTIVO AIC LNPA-FIGC stipulato in data 5 settembre 2011 Roma, 23 marzo 2012 Terminologia. Nel presente Regolamento e nelle eventuali successive

Dettagli

DELIBERA N. 16/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CHIERICHINI / TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 16/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CHIERICHINI / TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 16/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CHIERICHINI / TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

ORGANI DI GIUSTIZIA COMPETENZE, MODALITA RECLAMI E RICORSI (termini e contributi accesso)

ORGANI DI GIUSTIZIA COMPETENZE, MODALITA RECLAMI E RICORSI (termini e contributi accesso) ORGANI DI GIUSTIZIA, MODALITA RECLAMI E RICORSI (termini e contributi accesso) GIUDICI SPORTIVI Il Giudice Sportivo Nazionale e i Giudici Sportivi Regionali pronunciano in prima istanza, senza udienza

Dettagli

IL COLLEGIO ARBITRALE. composto da:

IL COLLEGIO ARBITRALE. composto da: Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport IL COLLEGIO ARBITRALE composto da: Prof. Avv. Massimo Zaccheo Prof. Guido Calvi Prof. Avv. Maurizio Benincasa Presidente Arbitro Arbitro riunito in conferenza

Dettagli

CAMERA DI CONCILIAZIONE ARBITRATO PER LO SPORT

CAMERA DI CONCILIAZIONE ARBITRATO PER LO SPORT CAMERA DI CONCILIAZIONE E ARBITRATO PER LO SPORT REGOLAMENTO DI ARBITRATO PER LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE RELATIVE ALL APPLICAZIONE DEL MANUALE PER L OTTENIMENTO DELLA LICENZA UEFA DA PARTE DEI CLUB

Dettagli

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace del Mandamento di Amantea nella persona del

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace del Mandamento di Amantea nella persona del Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace del Mandamento di Amantea nella persona del magistrato coordinatore, Francesco De Luca ha stabilito che la nullità del provvedimento di fermo amministrativo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO: 2006

REPUBBLICA ITALIANA. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO: 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N.1353/08 REG. DEC. N. 4426 REG. RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO: 2006 ha pronunciato la seguente DECISIONE Sul ricorso

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 44 del 21 novembre 2013

DELIBERAZIONE n. 44 del 21 novembre 2013 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXX XXXXXXX/ H3G XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente Componente

Dettagli

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO Formula 1 27 FORMULA 1 RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI... Ricorso avverso l avviso di intimazione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 1996

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 1996 Sintesi: Con la sentenza 5144/2003 il Consiglio di Stato, chiamato a decidere una questione concernente il riconoscimento di un rapporto di lavoro dipendente con la P.A. cerca di fare ulteriore chiarezza

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N. 216 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Aloisio xxx c/ Wind Telecomunicazioni xxx. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella

Dettagli

Delibera n. 135/10/CIR. Definizione della controversia Gallo xxx/ Telecomunicazioni Salernitane s.r.l. L AUTORITA

Delibera n. 135/10/CIR. Definizione della controversia Gallo xxx/ Telecomunicazioni Salernitane s.r.l. L AUTORITA Delibera n. 135/10/CIR Definizione della controversia Gallo xxx/ Telecomunicazioni Salernitane s.r.l. L AUTORITA NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 17 dicembre 2010; VISTA

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 3130 del 2016, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 3130 del 2016, proposto da: N. 01685/2016 REG.PROV.CAU. N. 03130/2016 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 21 del 5 maggio 2014

DELIBERAZIONE n. 21 del 5 maggio 2014 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: X XXXXXX XXX XX XXXXXXXX XXXXXXXXX / Telecom Italia XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, 10 APRILE 2008, n. 1551: sanzioni pecuniarie per realizzazione di opere abusive in zona demaniale

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, 10 APRILE 2008, n. 1551: sanzioni pecuniarie per realizzazione di opere abusive in zona demaniale CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, 10 APRILE 2008, n. 1551: sanzioni pecuniarie per realizzazione di opere abusive in zona demaniale N.1551/2008 Reg. Dec. N. 9747 Reg. Ric. R E P U B B L I C A I T A L I A N

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1909/2007 Reg.Dec. N. 4884 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli