GIOCO, SALUTE E TUTELA DEL CITTADINO. ''VERSO UN MODELLO EUROPEO'' RASSEGNA STAMPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIOCO, SALUTE E TUTELA DEL CITTADINO. ''VERSO UN MODELLO EUROPEO'' RASSEGNA STAMPA"

Transcript

1 GIOCO, SALUTE E TUTELA DEL CITTADINO. ''VERSO UN MODELLO EUROPEO'' RASSEGNA STAMPA

2

3

4

5

6 Roma, convegno Gioco salute e tutela cittadino. Verso modello europeo Patrocinato dal Senato si terrà il 27 marzo di com/rog - 24 marzo :27 fonte ilvelino/agv NEWSRoma Giovedì 27 marzo a partire dalle 9.30 presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica si terrà il convegno Gioco, Salute e Tutela del cittadino. Verso il modello Europeo. Il convegno è organizzato da La Fondazione Centro di Formazione Culturale con il patrocinio del Senato della Repubblica, di Federgioco (Associazione di rappresentanza dei quattro casinò italiani), dell European Casino Association, di UGL Medici, Effemedica e Adonp e si prefigge di portare all attenzione un tema di primario interesse, quale la tutela dei cittadini-giocatori e le forme di prevenzione delle ludopatie. Il dibattito cercherà di sensibilizzare la popolazione, il personale sanitario e le istituzioni, sulle iniziative e le proposte messe in campo dalle case da gioco italiane per fronteggiare questo fenomeno. Alla luce delle vigenti normative i relatori affronteranno le tematiche anche con uno sguardo all Europa soprattutto in riferimento alla normativa sulla Sanità Transfrontaliera. Il dibattito si orienterà su un aspetto più generale che esaminerà il settore giochi, presentando tutte le già citate forme di prevenzione attuate dalle case da gioco italiane, con riferimenti al più generale modello europeo cui si tende. A illustrare lo stato dell arte dei quattro casinò italiani sarà il presidente della Federgioco, Marco Cambiaso, cui seguirà anche Carlo Pagan, Board Europeo dell European Casinò Association che si occuperà di spiegare come si attua il già richiamato modello europeo. Sarà presente anche il senatore Albert Laniece, membro dell intergruppo parlamentare sul gioco d azzardo, che nel proprio intervento illustrerà la proposta per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo. Faranno parte della platea dei relatori anche alcuni rappresentanti dei dipartimenti di riferimento del Ministero degli Interni e del Ministero della Salute, oltre a rappresentanti del Comune di Roma che hanno già ampiamente trattato l argomento ludopatie.

7 Giochi e Scommesse Federgioco: Usare esperienza Casinò per contrasto ludopatie Oggi passaggio di consegne fra Marco Cambiaso e il nuovo presidente Vittorio Ravà di emt - 27 marzo :40fonte ilvelino/agv NEWSRoma Stampa articolo Utilizzare l'esperienza dei Casinò italiani per rendere efficace la lotta al gioco d'azzardo patologico. É la proposta lanciata questa mattina da Marco Cambiaso, ad della casa da gioco sanremese e presidente di turno di Federgioco, l'associazione di categoria che riunisce i quattro Casinò storici del Paese. "L'identificazione del giocatore, la possibilità per i parenti del giocatore di chiedere l'esclusione del giocatore patologico, la formazione del personale sono i tratti della nostra attività che chiediamo vengano integrati in una legge quadro in materia", ha concluso Cambiaso nel convegno organizzato a Roma questa mattina "Gioco, salute e tutela del cittadino - Verso un modello europeo". Proprio questo pomeriggio si terrà l'assemblea dei soci in Federgioco che sancirà il cambio della guardia alla guida dell' associazione e la nomina del presidente, del vice presidente e del consiglio direttivo. Da Statuto é la previsto l'ultimo avvicendamento in federazione con l amministratore delegato del Casinò di Venezia,Vittorio Ravà, che prenderà il posto proprio di Cambiaso. ù

8 Giochi e Scommesse Giochi, Armeni (Squadra Mobile Roma): Serve gruppo specializzato Giochi, Armeni (Squadra Mobile Roma): Serve gruppo specializzato di emt - 27 marzo :32fonte ilvelino/agv NEWSRoma Abbiamo avuto bisogno di creare e aggiornare continuamente un gruppo specializzato per contrastare le organizzazioni criminali che trovano indubbiamente attrattivo per il loro business infiltrarsi nel gioco d'azzardo lecito. Spiega così Luca Armeni, vice direttore della squadra mobile di Roma come si è evoluta l'attività degli organi di controllo in materia di gaming, nel suo intervento questa mattina durante il convegno "Gioco, salute e tutela del cittadino - Verso un modello europeo" organizzato a Roma. Armeni ha proseguito il suo intervento spiegando come l'attività di controllo sull'offerta di gioco tende ad "evitare che gli apparecchi da intrattenimento siano manipolati, attraverso le infiltrazioni nelle attività delle piccole come delle più grandi aziende del settore e in questo é sostanziale la nostra collaborazione con i Monopoli di Stato.

9 Giochi e Scommesse Ludopatia, medici e psicologici a confronto a Roma Ludopatia, medici e psicologici a confronto a Roma di emt - 27 marzo :34fonte ilvelino/agv NEWSRoma "Formare il personale delle case da gioco ad assistere i ludopati e intervenire sui giocatori stessi attraverso la presenza di figure tecniche necessarie a fornire il giusto supporto nei luoghi di gioco dove i giocatori vivono le loro esperienze di gioco come divertimento e dove queste abitudini scivolano nella dipendenza". É il dott. Filippo Fordellone, dirigente nazionale Ugl Medici a spiegare il tipo di azioni necessarie dal punto di vista medico-psicologico la diffusione del Gioco d'azzardo patologico durante il convegno "Gioco, salute e tutela del cittadino - Verso un modello Europeo organizzato oggi nella sala capitolare del Senato della Repubblica dal centro di formazione culturale la Fondazione e da Federgioco, l'associazione che riunisce le quattro case da gioco del Paese. Ad analizzare il fenomeno del Gap da un punto di vista clinico é invece la Dott.ssa Mariangela Treglia, ricercatrice dell' Università la Sapienza di Roma, che ha spiegato come la dipendenza da gioco non abbia solo una componente neurobiologica, ma si manifesti più come una dipendenza comportamentale legata anche ai tempi come avviene con lo shopping o con il sesso.

10 Giochi e Scommesse Giochi, Lanièce: Partire da dl Balduzzi per legge quadro Gap Controllo e tutela giocatori da finanziarsi con un fondo pari all'1% della raccolta di emt - 27 marzo :13fonte ilvelino/agv NEWSRoma L'attenzione della politica per le conseguenze della dipendenza dal gioco d'azzardo deve partire dalla normativa presente, cioè quanto ha stabilito il decreto Balduzzi per arrivare ad una legge quadro capace di potenziare le tutele, dei minori in primis, e armonizzare i diversi aspetti dell'attività di prevenzione, superando le differenze territoriali. Sono questi i passi legislativi che il senatore Lanièce Albert, dell'union Valdotaine indica al VELINO come necessari, aggiungendo come la necessità di un maggiore controllo e tutela dei giocatori dovrà finanziarsi anche con un fondo pari all'1% della raccolta. Bisogna far tesoro dell' esperienza dei casinò italiani che identificano e controllano il giocatore, le sue capacità e movimenti finanziari (norme in materia di tracciabilità n.d.r.) mettendo in campo azioni concrete anche a contrasto delle derive patologiche - ha concluso Lanièce - capitalizzando ad esempio gli accordi delle case da gioco con i Sert competenti.

11 Oggi a Roma un convegno Federgioco sulle ludopatie, tra i relatori il presidente Marco Cambiaso Il convegno si svolge nella sala Capitolare del Senato della Repubblica. Ad illustrare la situazione dei casinò italiani è il presidente di Federgioco, Marco Cambiaso. Nella sala Capitolare del Senato della Repubblica si tiene oggi un importante convegno sotto l egida di Federgioco, dal titolo Gioco, salute e tutela del cittadino sul modello europeo. Da tempo Federgioco sta attuando in collaborazione con gli enti e le associazioni preposte una politica di contenimento e prevenzione del gioco patologico che parte proprio dalla tutela del cittadino e del giocatore all interno dei casinò municipali - sottolinea il presidente di Federgioco, Marco Cambiaso, consigliere di amministrazione del Casinò di Sanremo. In Francia e Svizzera i Casinò sono molto più numerosi e il problema della ludopatia è stato affrontato da tempo con risultati significativi. Domani porteremo all attenzione anche l esperienza d Oltralpe. È giusto evidenziare problematiche come la ludopatia ma nello stesso tempo è necessaria una regolamentazione più generale delle tipicità e componenti aziendali attraverso una legge quadro, attesa da tempo. Il convegno, finalizzato a promozione e diffusione delle iniziative delle case da gioco italiane per contrastare le ludopatie, per creare il modello europeo di intervento, la cui applicazione è improrogabile per uniformare le azioni di prevenzione e terapia, è organizzato da La Fondazione- Centro di formazione culturale con il patrocinio del Senato, di Federgioco, l associazione di categoria dei quattro casinò italiani, della citata European Casino Association, di UGL Medici, Effemedica e Adonp, tutti interessati alla massima sensibilizzazione circa la tutela dei cittadini-giocatori anche in riferimento alle norme sanitarie transnazionali in realtà. A illustrare la situazione dei casinò italiani è il presidente di Federgioco, Marco Cambiaso. L amministratore delegato del Casinò Campione d Italia, Carlo Pagan, in veste di membro del direttivo dell European Casino Association, ECA che rappresenta pressoché la totalità delle case da gioco del continente, relaziona il modello europeo di prevenzione delle ludopatie.

12 ANSA (CRO) - 27/03/ Giochi:Federgioco a Governo,serve legge quadro per regolarlo ZCZC2340/SXB XCI50860 R CRO S0B QBXB Giochi:Federgioco a Governo,serve legge quadro per regolarlo Laniece (Aut), politica attenta,ma manca applicazione interventi (ANSA) - ROMA, 27 MAR - ''Serve una legge quadro'', un insieme di ''norme precise, per regolamentare il gioco in Italia. E' importante che chi gioca si diverta e possa farlo in modo sicuro''. A chiedere l'intervento del Governo e' Federgioco, l'associazione di rappresentanza dei quattro casino' italiani. ''Siamo a disposizione dello Stato - ha detto il presidente Marco Cambiaso, durante un convegno al Senato promosso dal centro culturale di formazione La Fondazione - per aprire il dialogo affinche' il gioco non abbia ricadute devastanti, ma rimanga divertimento. Dobbiamo chiedere regole certe su cui confrontarci. Basterebbe un piccolo sforzo di chi governa perche' si controlli tutto il sistema gioco in Italia''. L'attenzione della politica, ha replicato il senatore del gruppo Per le Autonomie e membro dell'intergruppo parlamentare sul gioco d'azzardo, Albert Laniece, ''e' molto alta, ci sono interventi di qualita' ma spesso il problema e' applicarli''. Si sono fatti ''passi importanti su una legge quadro contro il gioco patologico''. Tra i punti chiave della norma, ''il fondo per la prevenzione'', finanziato ''con l'1% del fatturato complessivo del settore'', ''la limitazione dei punti gioco'' e una ''tessera'' del giocatore ''per permettere controlli. Rivalorizzare i casino' come punto di gioco - ha precisato Laniece - aiuterebbe a combattere la dipendenza''. In Italia, ha ricordato il segretario di Adonp, Luca Massimo Chinni, sono ''circa 2 milioni i giocatori a rischio dipendenza''. I giocatori patologici, ha puntualizzato la psicoterapeuta Mariangela Treglia, sono '' mila'', mentre tanti altri sono ''problematici''. E gli adolescenti sono ''i nuovi dipendenti, 7 su 10 giocano''. Per il contrasto della dipendenza, nel casino' di Campione d'italia, ha spiegato l'ad Carlo Pagan (Board dell'european Casino' Association), e' attivo il progetto ''Save The Game'', che introduce, tra le altre cose, ''un Save The Game Team costituito da psicologi, una help line e misure potenziate per l'autoinibizione all'accesso del casino', in caso di segnali di dipendenza patologica''. (ANSA). YZD-VN 27-MAR-14 12:30 NNNN

13 Giochi: Donzelli (psicologo), un giocatore su 5 a rischio ludopatia 27 Marzo :21 (ASCA) - Roma, 27 mar ''Dei 15 milioni di italiani che giocano abitualmente, circa il 20% sia a rischio di diventare dipendente''. Lo ha detto il dott. Renzo Donzelli, psicologo e psicoterapeutagruppoanalista, intervenendo al convegno ''Gioco, salute e tutela del cittadino. Verso il modello europeo'' che si sta svolgendo al Senato. Donzelli ha sottolineato che ''l'italia con 18,4 miliardi di euro di spesa effettiva rappresenta oltre il 15% del mercato europeo del gioco e oltre 4,4% del mercato mondiale, nonostante abbia solo l'1% della popolazione mondiale. La spesa pro-capite stimata, per ogni italiano maggiorenne, e' stata pari a circa euro,nei primi 8 mesi Tale spesa varia da euro a testa in Abruzzo e euro nel Lazio, passando a dell'emilia Romagna, per arrivare al minimo di euro in Basilicata''. Donzelli - informa l'agimeg - e' quindi passato all'esame delle percorso che effettua il giocatore patologico. Il primo stadio viene definito fase ''vincente'', in cui il gioco e' occasionale e sostanzialmente rappresenta un rimedio a altri disturbi come la depressione; a fase ''perdente'', in cui il gioco diventa solitario, aumentano la quantita' di denaro e tempo investiti e in generale il gioco diventa un pensiero fisso, non si riesce a smettere, si registrano perdite prolungate, si utilizzano coperture e menzogne. Si sviluppano insomma i sintomi della dipendenza. Segue quindi la fase di disperazione, caratterizzata dal marcato aumento del tempo e del denaro dedicati al gioco, isolamento sociale, crisi di panico, e comportamenti illeciti. E' la fase in cui la vita sociale del giocatore subisce i maggiori contraccolpi, spesso si verificano infatti arresti e divorzi. Si passa quindi a una fase ''critica'', in cui si nutrono una forte speranza e un desiderio di aiuto. E' la fase in cui si torna a lavorare e si pianifica un risarcimento per i debiti contratti. In questo modo si riesce a passare alla fase di ''ricostruzione'', in cui migliorano l'autostima e i rapporti familiari, si pianificano nuovi obiettivi, il giocatore prova una maggiore rilassatezza. Infine c'e' la fase di crescita caratterizzata da una diminuzione delle preoccupazioni legate al gioco, una maggiore introspezione, e un nuovo stile di vita. Il giocatore patologico, secondo Donzelli, e' ''un soggetto tanto euforico quanto vuoto, senza facolta' di regolare le proprie pulsioni, in balia della potenza acefala dell'es, da un lato, e un'evaporazione, contrazione del valore della dimensione della parola. Il risultato e' un parlare a vuoto (le parole - diceva un paziente dedito al gioco d'azzardo - sono aria fritta): viene meno la possibilita' di accedere alla dimensione simbolica della parola, che nel corso del trattamento psicoterapico assume piuttosto una valenza minacciosa ancorche' un'opportunita' di crescita. Il giocatore patologico non fronteggia un conflitto tra esigenze pulsionali e ideali sociali, ma assegna un primato incondizionato all'oggetto di godimento, il gioco appunto''. E quindi, citando Anders ''il bisogno odierno segue alle calcagna il consumo divenendo, simile alla tossicomania, poiche' risponde a imperativi dettati da specifiche merci, quelle merci che hanno la proprieta' di produrre bisogni che si moltiplicano''. red/mar

14 Casinò. Gioco, Salute e Tutela del cittadino. Verso il modello Europeo. Se ne parla oggi a Roma 27 marzo :28 (Jamma) Si tiene oggi presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica il convegno Gioco, Salute e Tutela del cittadino. Verso il modello Europeo. Il convegno è organizzato da La Fondazione Centro di Formazione Culturale con il patrocinio del Senato della Repubblica, di Federgioco (Associazione di rappresentanza dei quattro casinò italiani), dell European Casino Association, di UGL Medici, Effemedica e Adonp e si prefigge di portare all attenzione un tema di primario interesse,quale la tutela dei cittadini-giocatori e le forme di prevenzione delle ludopatie. Il dibattito cercherà di sensibilizzare la popolazione, il personale sanitario e le istituzioni, sulle iniziative e le proposte messe in campo dalle case da gioco italiane per fronteggiare questo fenomeno. Alla luce delle vigenti normative i relatori affronteranno le tematiche anche con uno sguardo all Europa soprattutto in riferimento alla normativa sulla Sanità Transfrontaliera. Il dibattito si orienterà su un aspetto più generale che esaminerà il settore giochi, presentando tutte le già citate forme di prevenzione attuate dalle case da gioco italiane, con riferimenti al più generale modello europeo cui si tende. A illustrare lo stato dell arte dei quattro casinò italiani sarà il presidente della Federgioco, dott. Marco Cambiaso, cui seguirà anche il dott. Carlo Pagan, Board Europeo dell European Casinò Association che si occuperà di spiegare come si attua il già richiamato modello europeo. Sarà presente anche il senatore Albert Laniece, membro dell intergruppo parlamentare sul gioco d azzardo, che nel proprio intervento illustrerà la proposta per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo. Faranno parte della platea dei relatori anche alcuni rappresentanti dei dipartimenti di riferimento del Ministero degli Interni e del Ministero della Salute, oltre a rappresentanti del Comune di Roma che hanno già ampiamente trattato l argomento ludopatie. Ma, il convegno permetterà di dare attenzione anche all aspetto tecnicosanitario che prevede il contributo di relatori scientifici, oltre alla presenza di Danilo Papa dell Ugl Medici, che illustrerà i Criteri europei per la sicurezza sociale in materia di dipendenze. Avvierà i lavori il segretario de La Fondazione, nonché Dirigente Nazionale UGL Medici, dott. Fordellone. A moderare è il direttore dell Agenzia Stampa AGIMEG, Fabio Felici.

15 Cambiaso (Federgioco): I casinò sono da sempre in prima linea nella lotta al gioco patologico 27 marzo :30 (Jamma) I casinò da sempre combattono il fenomeno della ludopatia attraverso una collaborazione con le Asl, strategie strutturate di contrasto al gioco e la collaborazione con i servizi sociali. E quanto affermato da Marco Cambiaso presidente di Federgioco in occasione del convegno Gioco, Salute e Tutela del cittadino. Verso il modello Europeo che si sta tenendo al Senato. Non c è nessun interesse da parte delle case da gioco italiane ha detto Cambiaso ad aver a che fare con giocatori patologici. Lo dimostra il fatto che il casinò non è solamente un luogo di gioco ma offre anche eventi e cultura. Non è un caso che il primo direttore artistico del casinò di Sanremo sia stato Luigi Pirandello. A differenza di altre realtà, inoltre, gli introiti dei casinò sono utili alla comunità e non finiscono ai privati o nella peggiore delle ipotesi in paradisi fiscali. Chi viene a giocare in un casinò lo fa consapevolmente. Necessaria però un intervento statale più forte per contrastare il fenomeno della ludopatia. Il Governo ha continuato il presidente di Federgioco deve muovere per realizzare una legge quadro sui giochi, cercando un confronto con i casinò e con Federgioco. Abbiamo l esperienza e le personalità per dare il nostro contributo. Lo stesso Carlo Pagan può essere utile considerando la sua esperienza nell Eca. Cambiaso ha chiuso poi con la cessione della gestione del casinò di Venezia e la nascita di nuovi casinò in Italia. Sarebbe solamente un cambio di gestione, ma la proprietà resterebbe pubblica. Il Governo poi ha concluso Cambiaso può valutare l apertura di nuovi casinò, ma partendo sempre dal principio che le case da gioco devono essere economicamente utili alle realtà locali e non devono essere gestite da privati. Fordellone (segr. gen. La Fondazione) Spesa per i giochi non va trascurata In: Casinò, Personaggi, Primopiano2 27 marzo :34 (Jamma) Come promotore dell evento e responsabile scientifico è d obbligo ringraziare innanzitutto il Senato per averci concesso il patrocinio. Introduce con queste parole il dott. Filippo Fordellone (segretario generale de La Fondazione) il convegno in corso oggi a Roma Gioco, Salute e Tutela dei Cittadini. Verso un modello europeo. Ogni anno nel Lazio investiamo nel gioco 1300 euro pro capite, inclusi neonati. Vorrei pertanto fare un invito a istituzioni e personale sanitario, oltre agli operatori del settore giochi, di non trascurare questa problematica. Siamo certamente pronti alla nostra sfida che ci vede protagonisti attivi in campo. Criminalità si insinua nel mercato dei giochi con estorsioni e l alterazione delle slot

16 27 marzo :49 (JAmma) Un mercato da quasi 90 miliardi fa certo gola alla criminalità anche di stampo mafioso. Lo ha detto Luca Armeni vice-dirigente Squadra Mobile di Roma, intervenendo al convegno Gioco, Salute e Tutela dei Cittadini. Verso un modello europeo che si sta svolgendo al Senato. La criminalità ha aggiunto, per fare degli esempi, agisce o con l estorsione per obbligare gli esercenti a istallare determinati apparecchi, o con la manipolazione degli apparecchi. Riescono di fatto ad accalappiare il giocatore d azzardo che spesso si trova in precarie condizioni sociali e quindi è facilmente esposto a usura e estorsione. Noi come istituzione abbiamo rapporti con molti SERT e vogliamo comunque incentivarli, ma bisogna cercare di promuovere la più corretta divulgazione dell informazione in materia. Armeni ha quindi citato una recente inchiesta che ha consentito di scoprire una sala giochi del Lazio che adescava i giocatori e, attraverso un meccanismo complesso, li dirottava verso siti di gioco estero. I gestori della sala, grazie a questo stratagemma, ottenevano un guadagno giornaliero di un milione di euro. Armeni ha sottolineato l importanza che la Polizia di Stato dà al settore del gioco d azzardo e la grande collaborazione ottenuta dai Monopoli di Stato. Tuttavia c è ancora grande impatto del mercato illegale. Treglia (ITCI): Con gli smartphone sette giovani su dieci a rischio ludopatia 27 marzo :31 (Jamma) L uomo è psicologicamente predisposto al gioco, il fenomeno della ludopatia è ancora più difficile da contrastare in contesti telematici. E l analisi che la psicoterapeuta cognitiva e ricercatrice dell ITCI Mariangela Treglia. Per chi è nato dopo il 1991 ha spiegato, è molto più difficile individuare il rischio online: sette giovani su dieci sono potenzialmente a rischio specialmente con lo sviluppo degli smartphone. Una volta si giocava solamente al casinò, o nella bisca clandestina, oggi la bisca è disponibile a casa propria. E necessario quindi lavorare sull educazione. Un allarme lanciato anche da Luca Massimo Chinni segretario generale di ADOnP: In Italia il rischio della patologia coinvolge oltre due milioni di giocatori. E giusto parlare di stato patologico perché tale allarme è stato lanciato anche dalle sedi governative e dalla Corte dei Conti. Per fare fronte a questo problema sociale è giusto informare i cittadini su cosa è gioco legale e cosa non lo è. Prendendo per esempio la sola provincia di Roma, negli ultimi tempi sono state individuate venti sale non autorizzate che molto spesso hanno un contatto diretto con le mafie.

17 Pagan (Eca): La soddisfazione del cliente è il motore di ogni casinò 27 marzo :11 (Jamma) Se la soddisfazione del cliente è il motore di ogni iniziativa aziendale, l azienda deve farsi carico di ogni situazione di insoddisfazione del cliente stesso. Sono le parole di Carlo Pagan, Board Europeo dell European Casinò Association tra i relatori del convegno in programma oggi al Senato, Gioco, Salute e Tutela del cittadino. Verso il modello Europeo. Pagan AD del casinò di Campione d Italia ha presentato il progetto Save The Game, la messa in atto pratica di come contrastare le dipendenze di gioco nei casinò e già attivo nel casinò di Campione d Italia di cui Pagan è anche AD. Questo progetto è coerente al Code of Conduct approvato dall ECA (European Casino Association) associazione di rappresentanza delle case da gioco europee e basato su otto elementi che permettono di contrastare le ludopatie. Innanzitutto la creazione della figura del Gaming Addiction Manager nell organizzazione (la direttrice Marketing Alessandra Bernasconi) e poi la creazione di un Save The Game Team costituito da psicologi abilitati alla professione. Si procede poi con l attivazione di un numero telefonico di contatto dedicato (una help-line) e si provvede a potenziare le misure dell auto-inibizione all accesso del casinò, in caso di segnali di dipendenza patologica. Il casinò di Campione ha inoltre creato materiali di comunicazione ad hoc e provveduto alla formazione di personale ispettivo. Altro aspetto fondamentale ha aggiunto Pagan è quello di divulgare una comunicazione coerente col progetto. Il casinò deve infine dotarsi anche della presenza di quello che possiamo chiamare un filtro fisico all ingresso per evitare l ingresso di inibiti e ovviamente minori e aiutare i clienti anche attraverso test di auto-valutazione. Le linee guida del progetto sono basate sul Code of Conducts approvato a luglio dalla European Casino Association a Vienna. Si tratta delle best practices di Paesi nei quali il problema è stato quasi risolto in via definitiva. Sen. Lanieche (Intergruppo. Parl. Azzardo): Necessario insistere sulla prevenzione delle ludopatie 27 marzo :14 (Jamma) Faccio parte dell intergruppo parlamentare sul gioco d azzardo e ricordo che molto spesso in Senato abbiamo discusso di gioco e ludopatie, anche con delle recenti mozioni. Gli interventi fatti negli ultimi anni devo dire che sono di buona qualità: il discorso è che si fanno le leggi ma poi l attuazione piena è un meccanismo complicato da avviare. Sono le parole del sen. Albert Lanieche, tra i relatori del convegno in corso oggi in Senato Gioco, Salute e Tutela del Cittadino. Verso un modello europeo. Bisogna insistere sulla prevenzione.prevenzione primaria, ossia soprattutto sui minori, e prevenzione secondaria ha detto ancora. La politica sta facendo molto in questo senso: le mozioni e gli emendamenti approvati nel corso dei mesi come quello che richiede la tessera sanitaria per giocare e che quindi permette di vietare il gioco minorile. Per quanto mi riguarda i punti importanti però restano

18 legati alla prevenzione: la legge quadro che abbiamo presentato chiede un fondo per la prevenzione con copertura finanziaria con assicurata dalll 1% del fatturato complessivo del settore e che lavorerebbe molto nelle scuole e con degli interventi anche a livello regionale. Altro aspetto importante da garantire sarebbe quello di dare maggiore potere agli enti locali, al sindaco in particolare, per introdurre limitazione sugli orari degli esercizi di gioco per esempio. Già il Balduzzi ha istituito un Osservatorio Nazionale sui giochi e attività formativa specifica degli operatori sanitari. Il Balduzzi inoltre inseriva il GAP nei LEA. Un altro elemento importante su cui lavorare è il collegamento tra SERT e locali di gioco e che permettano quindi un maggiore controllo sui giocatori. La legge inoltre valorizza icasinò come punti di gioco e chiede la limitazione nella diffusione di nuovi punti di gioco al di fuori.

19 24ORE - GIOCHI&SCOMMESSE Casinò, 08:56 Casinò: Gioco, Salute e Tutela del cittadino. Verso il modello Europeo. Se ne parla oggi a Roma Si tiene oggi presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica il convegno Gioco, Salute e Tutela del cittadino. Verso il modello Europeo. Il convegno è organizzato da La Fondazione Centro di Formazione Culturale con il patrocinio del Senato della Repubblica, di Federgioco (Associazione di rappresentanza dei quattro casinò italiani), dell European Casino Association, di UGL Medici, Effemedica e Adonp e si prefigge di portare all attenzione un tema di primario interesse, quale la tutela dei cittadini-giocatori e le forme di prevenzione delle ludopatie. Il dibattito cercherà di sensibilizzare la popolazione, il personale sanitario e le istituzioni, sulle iniziative e le proposte messe in campo dalle case da gioco italiane per fronteggiare questo fenomeno. Alla luce delle vigenti normative i relatori affronteranno le tematiche anche con uno sguardo all Europa soprattutto in riferimento alla normativa sulla Sanità Transfrontaliera. Il dibattito si orienterà su un aspetto più generale che esaminerà il settore giochi, presentando tutte le già citate forme di prevenzione attuate dalle case da gioco italiane, con riferimenti al più generale modello europeo cui si tende. A illustrare lo stato dell arte dei quattro casinò italiani sarà il presidente della Federgioco, dott. Marco Cambiaso, cui seguirà anche il dott. Carlo Pagan, Board Europeo dell European Casinò Association che si occuperà di spiegare come si attua il già richiamato modello europeo. Sarà presente anche il senatore Albert Laniece, membro dell intergruppo parlamentare sul gioco d azzardo, che nel proprio intervento illustrerà la proposta per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo. Faranno parte della platea dei relatori anche alcuni rappresentanti dei dipartimenti di riferimento del Ministero degli Interni e del Ministero della Salute, oltre a rappresentanti del Comune di Roma che hanno già ampiamente trattato l argomento ludopatie. Ma, il convegno permetterà di dare attenzione anche all aspetto tecnico-sanitario che prevede il contributo di relatori scientifici, oltre alla presenza di Danilo Papa dell Ugl Medici, che illustrerà i Criteri europei per la sicurezza sociale in materia di dipendenze. Avvierà i lavori il segretario de La Fondazione, nonché Dirigente Nazionale UGL Medici, dott. Fordellone. A moderare è il direttore dell Agenzia Stampa AGIMEG, Fabio Felici. im/agimeg

20 24ORE - GIOCHI&SCOMMESSE Casinò, 10:14 Cambiaso (pres. Federgioco) I casinò da sempre combattono la ludopatia. Necessaria una legge quadro sui giochi, grazie anche al confronto con casinò e Federgioco I casinò da sempre combattono il fenomeno della ludopatia attraverso una collaborazione con le Asl, strategie strutturate di contrasto al gioco e la collaborazione con i servizi sociali. E quanto affermato da Marco Cambiaso presidente di Federgioco in occasione del convegno Gioco, Salute e Tutela del cittadino. Verso il modello Europeo che si sta tenendo al Senato. Non c è nessun interesse da parte delle case da gioco italiane ha detto Cambiaso ad aver a che fare con giocatori patologici. Lo dimostra il fatto che il casinò non è solamente un luogo di gioco ma offre anche eventi e cultura. Non è un caso che il primo direttore artistico del casinò di Sanremo sia stato Luigi Pirandello. A differenza di altre realtà, inoltre, gli introiti dei casinò sono utili alla comunità e non finiscono ai privati o nella peggiore delle ipotesi in paradisi fiscali. Chi viene a giocare in un casinò lo fa consapevolmente. Necessaria però un intervento statale più forte per contrastare il fenomeno della ludopatia. Il Governo ha continuato il presidente di Federgioco deve muovere per realizzare una legge quadro sui giochi, cercando un confronto con i casinò e con Federgioco. Abbiamo l esperienza e le personalità per dare il nostro contributo. Lo stesso Carlo Pagan può essere utile considerando la sua esperienza nell Eca. Cambiaso ha chiuso poi con la cessione della gestione del casinò di Venezia e la nascita di nuovi casinò in Italia. Sarebbe solamente un cambio di gestione, ma la proprietà resterebbe pubblica. Il Governo poi ha concluso Cambiaso può valutare l apertura di nuovi casinò, ma partendo sempre dal principio che le case da gioco devono essere economicamente utili alle realtà locali e non devono essere gestite da privati. Cz

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO Un fenomeno in crescita: qualche dato Il rapporto Eurispes 2007 conferma le preoccupazioni sulla diffusione delle conseguenze del gioco sui giovani e riporta dati allarmanti

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico.

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 15 28 gennaio 2015 Oggetto : Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Il giorno 28

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo 1. Definizione di gioco d azzardo La presente legge ha per oggetto interventi normativi in materia di gioco d'azzardo e della patologia che

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DELIBERAZIONE DELLA N. 67 DEL 26/05/2015. OGGETTO: PIANO REGIONALE PER IL CONTRASTO, LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI DIPENDENZA DAL GIOCO PATOLOGICO 2014-2016.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE AI SENSI DELL ARTICOLO 121 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E DELLA LETTERA N), COMMA 4), ART. 26 DELLO STATUTO DELLA REGIONE CAMPANIA concernente DISPOSIZIONI

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia Protocollo di intesa 1. Premessa terminologica Premesso: a) Che nel dibattito pubblico si è nel tempo consolidata la prassi di utilizzare la dizione

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna *****

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO COORDINAMENTO ORDINANZA SINDACALE n. 11 / 2014 OGGETTO: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI APERTURA E DI ESERCIZIO DELLE

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Formazione sul GAP ed indirizzi regionali Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Direzione Generale per la Tutela della Salute U.O.D. «Interventi sociosanitari» 1 NORMATIVA STATALE

Dettagli

Comune di Bologna Segreteria Generale

Comune di Bologna Segreteria Generale N. O.d.G. 377/2013 Adottato il: 11/11/2013 PG.N. 173946/2013 Comune di Bologna Segreteria Generale OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PROPOSTO DAL SINDACO E DALLA GIUNTA PER L'ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 UNICO FINE: PROFITTO Situazione attuale: Il contrasto al crimine

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

Città di Albino. Città del Moroni Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N.

Città di Albino. Città del Moroni Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N. Città di Albino Città del Moroni Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N. 21 DEL 20/04/2015 OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Lazise Provincia di Verona n. 223 Registro deliberazioni del 19-12-2013 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE O G G E T T O ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI PER LA LEGALITÀ

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Pipitone, Marotta DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ED IL CONTRASTO

Dettagli

ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO.

ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 18 del 22/01/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CONTRO LE SALE DA GIOCO E VIDEO-POKER. L'anno Duemilatredici il giorno Ventinove del mese di Maggio alle ore 17.30, nella sala delle adunanze consiliari

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Ragionata. Alcol e Droga Quale soluzione?

RASSEGNA STAMPA Ragionata. Alcol e Droga Quale soluzione? RASSEGNA STAMPA Ragionata Alcol e Droga Quale soluzione? -Sala Consiliare Comune di Ceprano- Frosinone, 11 aprile 2014 www.youarefuture.it Patrocini: In Breve Ciociaria Oggi - Articolo dell 11 aprile 2014.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 818. Disposizioni in materia di esercizio del gioco del «Bingo»

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 818. Disposizioni in materia di esercizio del gioco del «Bingo» Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 818 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PEDICA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 24 GIUGNO 2008 Disposizioni in materia di esercizio del gioco del «Bingo»

Dettagli

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio Al Presidente del Consiglio Comunale dott. Carmine MESSAGGIERO Piazza Giovanni Paolo II 20832 DESIO (MB) e per conoscenza, al Sindaco di Desio ing. Roberto Corti e per conoscenza, ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 1 MOZIONE APPROVATA ALL UNANIMITA DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 21 APRILE 2015 OGGETTO: Adesione e promozione dell appello della Consulta contro il gioco d azzardo per l introduzione nella normativa

Dettagli

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo 2011 2012 fonte: AAMS Raccolta Vincite Spesa giocatori 2 Entrate «nette» Totale 79,9 61,3 18,5 8,8 scommesse

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 991877645 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE P.G. n. 30154/2014 ORDINANZA TL n. 299/2014 DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI

Dettagli

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 Oggetto: DETERMINAZIONE DELL ORARIO DI ESERCIZIO PER LE ATTIVITA DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, COMMERCIO SU AREA PUBBLICA, SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

Disegno di legge "Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Relazione

Disegno di legge Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Relazione Disegno di legge "Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Relazione Per ludopatia (o gioco patologico) si intende l incapacità di resistere all impulso di giocare lecitamente

Dettagli

N. 39/2014 Seduta del 08.04.2014

N. 39/2014 Seduta del 08.04.2014 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39/2014 Seduta del 08.04.2014 OGGETTO ORDINE DEL GIORNO A SOSTEGNO DELLA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N.397 AVENTE IN OGGETTO NORME PER CONTRASTARE E PREVENIRE LA

Dettagli

Gioco d azzardo. dalle illusioni alla realtà. Convegno. Lunedì 1 ottobre 2012. Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna. Viale della Fiera, 8 Bologna

Gioco d azzardo. dalle illusioni alla realtà. Convegno. Lunedì 1 ottobre 2012. Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna. Viale della Fiera, 8 Bologna Convegno Gioco d azzardo dalle illusioni alla realtà Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna Viale della Fiera, 8 Bologna Lunedì 1 ottobre 2012 ore 9.00-17.30 Paul Cézanne (1839-1906) Due giocatori di

Dettagli

MOZIONE. Il Senato, considerato che:

MOZIONE. Il Senato, considerato che: MOZIONE Il Senato, considerato che: in questi ultimi anni il mercato dei giochi nel nostro Paese è cresciuto a livelli esponenziali. Non c'è angolo delle nostre città dove non siano sorti game point ad

Dettagli

Gioco d azzardo. dalle illusioni alla realtà. Convegno. Lunedì 1 ottobre 2012. Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna. Viale della Fiera, 8 Bologna

Gioco d azzardo. dalle illusioni alla realtà. Convegno. Lunedì 1 ottobre 2012. Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna. Viale della Fiera, 8 Bologna Convegno Gioco d azzardo dalle illusioni alla realtà Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna Viale della Fiera, 8 Bologna Lunedì 1 ottobre 2012 ore 9.00-17.30 Paul Cézanne (1839-1906) Due giocatori di

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N 292.. Seduta del 23.05.2013 OGGETTO: ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI PER LA LEGALITÀ CONTRO IL GIOCO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO Legge Regionale Toscana L.R. 18 ottobre 2013, n. 57 Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Contrasto e prevenzione - illegalità e criminalità nel gioco d azzardo: una legge di iniziativa popolare con le Autonomie Locali

Contrasto e prevenzione - illegalità e criminalità nel gioco d azzardo: una legge di iniziativa popolare con le Autonomie Locali Contrasto e prevenzione - illegalità e criminalità nel gioco d azzardo: una legge di iniziativa popolare con le Autonomie Locali Di Paola Manca 1 Il mio intervento analizzerà gli effetti della diffusione

Dettagli

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.11.2012 COM(2012) 655 final Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO che autorizza la Commissione europea a partecipare, per conto dell Unione europea, ai negoziati

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP))

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) P7_TA-PROV(2013)0098 Partite truccate e corruzione nello sport Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi UN'INDUSTRIA CHE NON CONOSCE CRISI? I DATI DI AAMS RACCOLTA GIOCHI GENNAIO OTTOBRE 2012 70 262 MILIONI DI EURO 38 404 MILIONI DI EURO (APPARECCHI)

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3732 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore SERENA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 GENNAIO 1999 Istituzione di una

Dettagli

IV Commissione Attività Produttive e Occupazione. Lombardia no slot CRITERI GUIDA PER LA LEGGE REGIONALE

IV Commissione Attività Produttive e Occupazione. Lombardia no slot CRITERI GUIDA PER LA LEGGE REGIONALE IV Commissione Attività Produttive e Occupazione Lombardia no slot CRITERI GUIDA PER LA LEGGE REGIONALE Iniziativa E stato molto utile il lavoro del Servizio Studi e Valutazione Politiche Regionali che

Dettagli

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione :

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione : OGGETTO :Articolo 50, comma 7,Decreto legislativo n.267 del 2000. Indirizzi per la disciplina degli orari per l esercizio delle attività di gioco lecito sul territorio comunale Il CONSIGLIO COMUNALE Sentita

Dettagli

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

2. La Regione, in relazione alle finalità della presente legge, valorizza e promuove la partecipazione e realizza iniziative in collaborazione con:

2. La Regione, in relazione alle finalità della presente legge, valorizza e promuove la partecipazione e realizza iniziative in collaborazione con: Legge Regionale 21 novembre 2014 n. 21 Norme per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d'azzardo patologico. (Umbria, BUR 26 novembre 2014, n. 54) L'ASSEMBLEA

Dettagli

Gioco d azzardo. dalle illusioni alla realtà. Convegno. Venerdì 8 giugno 2012. Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna. Viale della Fiera, 8 Bologna

Gioco d azzardo. dalle illusioni alla realtà. Convegno. Venerdì 8 giugno 2012. Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna. Viale della Fiera, 8 Bologna Primo annuncio Convegno Gioco d azzardo dalle illusioni alla realtà Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna Viale della Fiera, 8 Bologna Venerdì 8 giugno 2012 ore 9.00-17.30 Paul Cézanne (1839-1906) Due

Dettagli

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta CONVEGNO / DIBATTITO ORGANIZZATO DALLA FONDAZIONE WANDA VECCHI Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta Latina, 14 maggio 2012 Ringrazio per l invito e saluto tutti a nome di Padre Massimo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 228 DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 228 DEL CONSIGLIO COMUNALE copia VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 228 DEL CONSIGLIO COMUNALE PROT. N. 00017889 / AMMCCMO0400144 - seduta pubblica - MOZIONE N. 144 PRESENTATA IN DATA 20.11.2013 DAL CONSIGLIERE BACCHIN AD OGGETTO SCONTO

Dettagli

COMUNE DI QUARTO D ALTINO

COMUNE DI QUARTO D ALTINO COPIA COMUNE DI QUARTO D ALTINO PROVINCIA DI VENEZIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 9 del 16-03-2015 Adunanza Ordinaria di Prima Convocazione - Seduta Pubblica O G G E T T O ORDINE

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze Analisi del contesto sociale di sviluppo delle ludopatie e i servizi contro le dipendenze Quanto si gioca in Italia? (tempo e denaro) Rispetto al dato del 2004, nel 2012 la raccolta totale derivante dal

Dettagli

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso APPUNTI RELAZIONE METTIAMO IN GIOCO LA LEGALITA NEL TERRITORIO Segretario Gervasio Capogrossi Roma 17 febbraio 2015 Ringraziamento agli invitati Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI?

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? LA FAMIGLIA LA RETE SOCIALE IL DENARO IL TUTORAGGIO ECONOMICO: INTERVENTO NECESSARIO PER LA CURA DEL GIOCATORE Arezzo, 10 Agosto 2006 Dott.ssa Donatella Frullano

Dettagli

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA ROMA 08 LUGLIO 2015 PALAZZO SAN

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 8228 PROGETTO DI LEGGE N. 0161 di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli Norme per la prevenzione,

Dettagli

(seduta del 12 marzo 2014) DELIBERAZIONE N.3 ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI PER LA LEGALITA CONTRO IL GIOCO D AZZARDO

(seduta del 12 marzo 2014) DELIBERAZIONE N.3 ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI PER LA LEGALITA CONTRO IL GIOCO D AZZARDO Prot. n. CB 23246/2014 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA DEL MUNICIPIO ROMA II (seduta del 12 marzo 2014) DELIBERAZIONE N.3 ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI PER LA LEGALITA CONTRO

Dettagli

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014 6 Bollettino Ufficiale D.g.r. 30 gennaio 2014 - n. X/1314 Approvazione del Programma 2014 per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco patologico LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. Premesso che

ORDINE DEL GIORNO. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. Premesso che Servizio Segreteria Assemblea Legislativa REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ASSEMBLEA LEGISLATIVA ATTO DI INDIRIZZO ORDINE DEL GIORNO Oggetto n. 3220/1 - Ordine del giorno proposto dai consiglieri Barbati, Pagani,

Dettagli

Gioco patologico: più consulenza giorno e notte

Gioco patologico: più consulenza giorno e notte Il quotidiano RSI del 4 dicembre 2014 Telefono Amico contro la dipendenza dal gioco d'azzardo http://www.rsi.ch/la1/programmi/informazione/il-quotidiano/il-quotidiano-3099550.html CDT del 5 dicembre pag.

Dettagli

RELAZIONE URBANISTICA

RELAZIONE URBANISTICA COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEL TERRITORIO Unità Pianificazione Urbanistica ********* VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E EDILIZIO

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO DECIMA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 68 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa del Consigliere Guadagnini NORME PER LA PREVENZIONE, IL CONTRASTO E LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DALLA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE REGIONALE PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IN PIEMONTE RELAZIONE

DISEGNO DI LEGGE REGIONALE PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IN PIEMONTE RELAZIONE DISEGNO DI LEGGE REGIONALE PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IN PIEMONTE RELAZIONE In Italia il fenomeno del gioco d azzardo ha dimensioni molto rilevanti 1, come si

Dettagli

copia n 135 del 09.05.2013 OGGETTO : ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO.

copia n 135 del 09.05.2013 OGGETTO : ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 135 del 09.05.2013 OGGETTO : ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. L anno duemilatredici

Dettagli

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/04/2013 al 16/10/2013 Testo Cercato : ludopatia

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/04/2013 al 16/10/2013 Testo Cercato : ludopatia Rassegna Stampa Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/04/2013 al 16/10/2013 Testo Cercato : ludopatia Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende

Dettagli

Consiglio Regionale della Campania

Consiglio Regionale della Campania della dipendenza dal gioco d azzardo patologico Reg.Gen.7 Permanente V, Il e VI Prot. n. 00 Consiglio Regionale della Campania Napoli, IL PRJSIDENTE Le stesse si esprimeranno nei modi e termini previsti

Dettagli

Originale Ordinanza Sindacale

Originale Ordinanza Sindacale Originale Ordinanza Sindacale N. 13 data 04/06/2015 Classifica VIII Oggetto: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E DEGLI ORARI DI FUNZIONAMENTO DEGLI APPARECCHI CON VINCITA IN

Dettagli

Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 N A P O L I

Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 N A P O L I Consiglio Regionale della Campania Prot. n.000348/a CONSIGLIO REGIONALE DELLA CAMPANIA VI COMMISSIONE CONSILIARE PERMArN n4al_. Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ATTUAZIONE DI AZIONI DI PREVENZIONE DEL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO E DELLA LUDODIPENDENZA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA PER L ATTUAZIONE DI AZIONI DI PREVENZIONE DEL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO E DELLA LUDODIPENDENZA. Tra PROTOCOLLO D INTESA PER L ATTUAZIONE DI AZIONI DI PREVENZIONE DEL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO E DELLA LUDODIPENDENZA Tra Il Comune di Bologna, rappresentato dall Assessore a Sicurezza, Legalità, Giovani

Dettagli

RASSEGNA WEB DEL 24 marzo 2014

RASSEGNA WEB DEL 24 marzo 2014 RASSEGNA WEB DEL 24 marzo 2014 POLITICA E ISTITUZIONI... 3 DELEGA AI GIOCHI PER LEGNINI, E PRIMI INCONTRI ISTITUZIONALI... 3 PENE NON CARCERARIE IN AULA, REATI SU GIOCHI E SCOMMESSE ESCLUSI... 3 NEWSLOT

Dettagli

Il gioco patologico: il fenomeno, la diffusione, la cura

Il gioco patologico: il fenomeno, la diffusione, la cura Il gioco patologico: il fenomeno, la diffusione, la cura Luciana Monte, Marzia Spagnolo, Pippo Dipartimento Patologia delle dipendenze ASL TO 3 Servizio Spazio Altrove Disturbo da gioco d'azzardo DSM

Dettagli

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 5 agosto 2013, n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado AVVISO PUBBLICO, Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie Sede Legale Comune di Grugliasco - Piazza Matteotti, 50-10095 Grugliasco (TO) Sede Operativa: Viale Cadorna, 21, 50129 Firenze

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda) ORDINANZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda) ORDINANZA N. 00503/2014 REG.PROV.CAU. N. 00796/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda) ha pronunciato

Dettagli

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori.

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori. PRESENTAZIONE OPUSCOLO Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori Roma 19 aprile 2012 Sala D Antona Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 29/07/2015

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 29/07/2015 Comune di Galliera rovincia di Bologna DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 29/07/2015 Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO ER LA DISCILINA DEGLI ORARI ER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI GIOCO LECITO SUL

Dettagli

1 CONVENGNO SANIMPRESA

1 CONVENGNO SANIMPRESA 1 CONVENGNO SANIMPRESA 29 NOVEMBRE 2006 DALLA NASCITA ALL EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA NEL LAZIO Relazione di Luigi Corazzesi Vice Presidente. L incontro odierno dal titolo: Dalla nascita

Dettagli

Estratto del Progetto G A P

Estratto del Progetto G A P Estratto del Progetto G A P Progetto nazionale per l attivazione di strategie e per lo studio e la preparazione di linee di indirizzo tecnico-scientifiche, coordinate e finalizzate alla prevenzione, alla

Dettagli

Negli ultimi decenni la

Negli ultimi decenni la Ilgioco nonvale lacandela Un progetto dell associazione Arciragazzi di Roma ha l obiettivo di intervenire sulle problematiche legate al gioco d azzardo soprattutto quello che coinvolge i più giovani di

Dettagli