FERIE, FESTIVITA, BANCA ORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FERIE, FESTIVITA, BANCA ORE"

Transcript

1 FERIE, FESTIVITA, BANCA ORE FERIE Nel corso di ogni anno solare il lavoratore ha diritto ad un periodo di ferie durante il quale decorre l' intero trattamento economico. La durata delle ferie e' stabilita come segue: fino al dell anno di assunzione 20 gg. da proporzionare ai mesi di servizio prestati o frazione. dall' anno successivo all' assunzione e sino a 5 anni di anzianità 20 giorni lavorativi. da oltre 5 sino a 10 anni di anzianità 22 giorni lavorativi con oltre 10 anni di anzianità 25 giorni lavorativi. Ai lavoratoti/lavoratrici disabili di cui all art. 1 della legge 12 marzo 1999, n.68, il periodo di ferie non può comunque essere inferiore a 6 giorni se l assunzione è avvenuta nel II semestre ed a 12 giorni se la stessa è avvenuta nel I semestre. Precedenza nella stesura del piano ferie. I piani ferie devono essere fissati dall' Azienda, confermati al lavoratore/lavoratrice e rispettati; solo in casi eccezionali si possono variare di comune intesa tra l Azienda e il lavoratore/lavoratrice. L Azienda, per particolari esigenze di servizio, può dividere le ferie in due periodi, uno dei quali non inferiore a 15 giorni lavorativi. Nella predisposizione del piano ferie viene data la precedenza ai lavoratoti/lavoratrici disabili di cui alla legge 12 marzo 1999, n.68; per il restante personale si tiene conto delle richieste degli interessati in rapporto alla loro situazione familiare e alla loro anzianità di servizio. Non è ammessa in alcun modo la rinuncia alle ferie. Facoltà dell'azienda L' Azienda può dividere le ferie in due periodi, uno dei quali non inferiore a 15 giorni lavorativi. L' Azienda può richiamare il lavoratore prima del termine delle ferie quando urgenti necessità di servizio lo richiedano, fermo il diritto del dipendente di completare le ferie stesse in epoca successiva, con diritto altresì al rimborso delle spese derivanti dall' interruzione che il lavoratore dimostri di aver sopportato. Il rimborso ha luogo anche nel caso di spese conseguenti allo

2 spostamento, per necessità di servizio, del turno di ferie precedentemente fissato. FESTIVITA' Sono considerati giorni semifestivi: la vigilia di Ferragosto; la vigilia di Natale; il 31 dicembre; in ciascuna località la ricorrenza del Patrono. FESTIVITA' SOPPRESSE FESTIVITA SOPPRESSE Le festività soppresse sono utilizzabili dal 16 gennaio al 14 dicembre. Se non utilizzate nel periodo vengono retribuite con monetizzazione nel mese di febbraio dell anno successivo nella misura di 1/360 della retribuzione annua per ogni giornata. LA BANCA DELLE ORE Con il rinnovo del CCNL del 99 è stato introdotto questo strumento di flessibilità di orario in parte derivante dalla riduzione dell orario settimanale ed in parte come meccanismo di recupero delle ore di straordinario effettuate. Il lavoratore all inizio di ogni anno può optare per: Una riduzione di 30 min. dell orario settimanale, da utilizzare in un giorno della settimana o in ragione di 15 min. in due giornate Continuare a osservare l orario settimanale di 37 h 30 min., riversando nella banca ore la relativa differenza (23 ore annuali). A far tempo dal gennaio 2001 viene riconosciuta un ulteriore giornata di riduzione di orario, fruibile anche ad ore. PRESTAZIONI STRAORDINARIE L Azienda può chiedere al lavoratore/lavoratrice prestazioni aggiuntive all orario giornaliero normale nel limite massimo di 2 ore al giorno o di 10 ore settimanali. Le prime 50 ore di lavoro straordinario nell anno solare vengono riversate nella banca ore. Le successive 50 ore di straordinario (ovvero da 50 ore a 100 ore) possono essere a scelta del lavoratore riversate in banca delle ore o retribuite con le maggiorazioni previste. Oltre le 100 ore annuali lo straordinario viene retribuito con le maggiorazioni

3 previste. Può essere presa visione della retribuzione del lavoro straordinario all art. 100 comma 15 del vigente CCNL. CRITERI DI RECUPERO Nei primi 6 mesi dall espletamento delle prestazioni aggiuntive il recupero può essere effettuato previo accordo tra Azienda e lavoratore/lavoratrice. Trascorso tale termine,il lavoratore/lavoratrice ha diritto al recupero nel periodo prescelto, previo preavviso all Azienda di almeno: 1 giorno lavorativo per il recupero orario; 5 giorni lavorativi per il recupero di 1 e 2 giorni; 10 giorni lavorativi per il recupero superiore a 2 giorni. Il recupero dovrà comunque essere effettuato non oltre 24 mesi dal predetto espletamento. Trascorso tale termine l Azienda, nei successivi 6 mesi, fisserà, previo accordo con il lavoratore/lavoratrice, il recupero delle ore non fruite. Se ciò non avviene l Azienda provvederà ad indicare, nei successivi 6 mesi, i tempi di fruizione. PERMESSI E CONGEDI (Art. 51 CIA) Brevi permessi retribuiti 3 giorni per la nascita di figli; 3 giorni in caso di morte del coniuge, dei figli, dei genitori e di altri familiari; per riconosciuti motivi di carattere personale e/o familiare gravi ed indilazionabili (non quantificati ma anche usufruibili ad ore) Brevi permessi non retribuiti 10 giorni all anno da concedersi (anche ad ore) salvo imprescindibili esigenze di carattere operativo; nei casi di comprovata malattia dei figli fino a 10 anni di età spettano a ciascun genitore fino a 10 giorni di permesso (se l età del figlio è inferiore ai 3 anni non esiste tale limite). Congedi retribuiti e non: Per interessi di famiglia e per gravi motivi di indole privata, l' azienda può accordare adeguati periodi di congedo, con o senza trattamento economico. Tra i motivi di indole privata che consentono la concessione di congedi non retribuiti vengono ricompresi anche motivi quali, ad esempio, il volontariato e la fruizione di qualificate borse di studio.

4 Aspettative L' Azienda, compatibilmente con le esigenze di servizio, riconosce al lavoratore che ne faccia richiesta una aspettativa non retribuita per motivi di studio, familiari e personali fino ad un massimo di un anno utilizzabile anche in modo frazionato, di massima in non più di due periodi. Inoltre sono estese le previsioni della L. 53/2000 che permette di richiedere un periodo di congedo non retribuito fino a due anni per gravi e documentati motivi familiari. Congedo matrimoniale Sono previsti 15 giorni consecutivi di calendario in occasione del matrimonio, cumulabili anche con periodi di ferie ordinarie e/o permessi sostitutivi delle festività soppresse. Tali permessi sono usufruibili anche in occasione di eventuali matrimoni successivi oltre il primo. Permessi elettorali Per i lavoratori impegnati nelle operazioni degli uffici elettorali in occasione di consultazioni elettorali o referendum vengono riconosciuti, a secondo della durata delle operazioni di voto, una o più giornate di riposo compensativo. Sono interessati i soggetti chiamati a svolgere le funzioni di: presidente di seggio,segretario, scrutatore, rappresentante di lista o di gruppo, rappresentante dei partiti o dei gruppi politici promotori dei referendum. Permessi per cariche Pubbliche o Sindacali Tali permessi sono regolati da leggi dello Stato e accordi sindacali. Permessi per donatori di sangue Il lavoratore che gratuitamente effettua la donazione del sangue, ha diritto ad un congedo straordinario retribuito e irrinunciabile della durata di 24 ore a decorrere dal momento dell' astensione dal lavoro per l'operazione di prelievo. E' necessario fornire all' azienda apposita documentazione rilasciata dal medico prelevante. AGEVOLAZIONI PER STUDENTI LAVORATORI Permessi per esami universitari e laurea (Art. 50 CIA) per ogni esame: 4 giorni di permesso retribuito; per la preparazione e discussione della tesi di laurea sono previsti: - per la laurea 15 giorni di permesso retribuito

5 10 giorni di permesso non retribuito - per la prova finale del diploma: 10 giorni di permesso retribuito 10 giorni di permesso non retribuito - per la tesi della laurea al D.M (3 anni di durata di corso): 10 giorni di permesso retribuito 10 giorni di permesso non retribuito - per la tesi della laurea specialistica (ulteriori 2 anni di corso): 15 giorni di permesso retribuito 10 giorni di permesso non retribuito Sono previsti, inoltre, anche permessi per gli esami di licenza di scuola media inferiore e superiore. Detti permessi possono essere goduti una sola volta. Quelli retribuiti verranno trasformati in congedi non retribuiti qualora l'esame di laurea non venga sostenuto entro il previsto periodo di 10 anni per la laurea e di 6 anni per la laurea breve. Nei casi di riparazione o ripetizione degli esami, nonche' in quelli di esclusione previsti, competono unicamente le agevolazioni di legge (art.10 L.20/5/70 n.300). PROVVIDENZE AI LAVORATORI STUDENTI (Art. 50 CIA) Ai lavoratori/lavoratrici che conseguano, dopo il periodo di prova, il diploma di ragioniere o altra licenza di scuola media superiore (con esclusione dei titoli artistici) viene corrisposto, per una sola volta, un premio di 154,94. Per chi consegue la laurea viene corrisposto un premio di 258,23, di 206,58 per il diploma universitario e di 206,58 per il corso di laurea breve (3 anni di corso) a cui si aggiungono 103,29 per successiva laurea specialistica. I suddetti benefici devono essere richiesti entro un mese dalla data del conseguimento. ANZIANITA' CONVENZIONALE PER LAUREA (Art.63 CIA) Il possesso o il conseguimento di una o più lauree comporta il riconoscimento delle seguenti anzianità convenzionali, ai fini della maturazione degli scatti di anzianità, del trattamento di ferie e malattia (in questo ultimo caso, qualora sia stato superato il periodo di prova): o 4 anni per corso di laurea della durata di quattro anni; o 2 anni per diploma universitario, corso di laurea triennale di cui al D.M. 509/99, corso di laurea specialistica. Per i lavoratori/lavoratrici assunti con contratto di apprendistato, tali anzianità convenzionali verranno computate al momento della prosecuzione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

6 I suddetti anni convenzionali per laurea vengono computati, con uno o due utilizzi cumulativamente non superiore a 4 anni, anche ai fini delle Carriere per anzianità. Il conseguimento di una "laurea breve" in discipline economiche, bancarie e del diritto comporta il riconoscimento di 1 anno di anzianità di servizio. FONDO COMPLEMENTARE Destinatari: tutti i dipendenti assunti o incorporati dopo il Questi Fondi nascono per volontà del legislatore con lo scopo di erogare prestazioni pensionistiche complementari dell'ago al fine di dare maggiore sicurezza economica al futuro pensionato/a. Viene data pertanto la facoltà al lavoratore/lavoratrice di decidere sul suo futuro previdenziale creando un "conto individuale" nel quale far confluire le proprie contribuzioni, quelle del datore di lavoro e il trattamento di fine rapporto (TFR). Muovendosi su queste linee le OO.SS. e la Banca hanno raggiunto un importante accordo che individua nel 2,5% (dal , vedi CIA) della retribuzione annuale del lavoratore/lavoratrice la quota fissa a carico dell'azienda a fronte di un contributo del lavoratore che lo stesso potrà decidere annualmente (tra ottobre e novembre) tra un minimo dello 0.50 % ad un massimo del 10%. L'adesione al Fondo per gli assunti o incorporati dopo il comporta automaticamente la destinazione dell'intero TFR nel conto individuale del lavoratore con i criteri previsti dalle leggi in materia. E' importante ricordare che gli iscritti al Fondo da almeno 8 anni possono conseguire un anticipazione dei contributi accumulati per eventuali spese sanitarie o per l acquisto della prima casa o per la realizzazione d interventi di ristrutturazione della medesima,secondo le disposizioni di legge che regolano la materia. EROGAZIONE STRAORDINARIA AL PERSONALE DI NUOVA ASSUNZIONE Il personale assunto per lo svolgimento di mansioni della 3^ Area Professionale I livello retributivo, indipendentemente dal livello iniziale di inquadramento, che venga assegnato come prima destinazione ad unità operative in un Comune diverso da quello di residenza anagrafica, ha diritto ad un assegno mensile ad personam per tredici mensilità, così determinato: per il personale inquadrato nella 2^ Area Professionale II livello retributivo; per il personale inquadrato nella 2^ Area Professionale III livello retributivo; - 60 per il personale inquadrato nella 3^ Area Professionale I livello retributivo e fino al raggiungimento della retribuzione corrispondente al II livello retributivo della 3^ Area Professionale. L assegno ad personam è erogato per tutto il periodo di permanenza nel relativo livello contrattuale; nel caso si raggiunga il livello retributivo superiore,

7 gli importi sopra indicati vengono sostituiti con altri previsti per tale livello superiore. L erogazione cesserà al raggiungimento della retribuzione corrispondente al II livello retributivo della 3^ Area Professionale. Le linee di investimento che si possono scegliere per l adesione al Fondo Complementare sono 4: Protetta, Dinamica, Attiva, Etica. La LINEA ETICA investe in imprese che non producono né investono a loro volta nel settore degli armamenti, lavorano in una logica di sviluppo sostenibile e di responsabilità sociale. Bisogna tener presente che la non adesione al Fondo comporta: l'assenza di un trattamento aggiuntivo rispetto alla pensione dell'ago; l'esclusione di qualsiasi versamento da parte della Banca; la permanenza del TFR nelle casse dell'azienda che per legge lo remunera al 75% del costo della vita più 1,5% (attualmente circa il 2,75%), ben al di sotto del rendimento che potrà avere una gestione finanziaria, quale sarà quella del futuro Fondo Complementare. E' evidente pertanto che l'accordo Azienda-Sindacato sulla costituzione del Fondo Complementare alle condizioni sopra descritte, rappresenta una opportunità sicuramente da cogliere: infatti, a fronte di un contributo che può essere anche modesto, offre una serie di importanti vantaggi per il proprio futuro previdenziale. CASSA DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DEL M.P.S. La Cassa Mutua è una s.r.l. a scopo mutualistico costituita tra i dipendenti del M.P.S. Per diventare soci occorre sottoscrivere le quote sociali (30) pari a 21,00 e aver superato i mesi di prova (per gli apprendisti sono 2 dalla data di assunzione). La Cassa Mutua è gestita da un Consiglio di Amministrazione eletto dagli iscritti su liste preparate dalle OO.SS. aziendali, e rimane in carica 3 anni. Nelle filiali con almeno 10 iscritti viene eletto un fiduciario, cioè un referente. SERVIZI DELLA CASSA AI SOCI Sussidi "una tantum" Erogazione ai soci e/o loro familiari i quali si trovino in situazioni di particolare e provata necessità. Rimborso spese per cure dentarie Erogazione ai soci e/o coniuge o figli fiscalmente a carico di una somma massima di 3.098,74 da rimborsare in 36 rate mensili senza interessi. Rimborso spese per acquisto lenti Importo massimo 516,46 da rimborsare in 6 rate mensili senza interessi. Anticipazioni in caso di matrimonio: vengono anticipate rimborsabili in 30 rate senza interessi

8 Interventi a favore di studenti universitari e parauniversitari figli di soci. Contributi studi agli orfani altre il 18 anno di età Erogazione di un contributo "una tantum" per gli studenti orfani di soci in casi di particolare condizioni economiche. Contributo "una tantum" in caso di superamento del periodo di conservazione delposto per malattia. Interventi per portatori di handicap figli di soci Contributi "una tantum" in caso di decesso del Socio Interventi a favore di soci e/o loro familiari anziani non autosufficienti. " Fondo di solidarietà " Assegno alla memoria Assistenza agli orfani minori di 18 anni di età Sovvenzioni al personale La Cassa offre garanzia sussidiaria alle sovvenzioni erogate dall' Azienda. Gli importi concedibili sono: fino a 5 anni di anzianità da 5 a 10 anni di anzianità da 10 a 18 anni di anzianità oltre 18 anni di anzianità Scopo: necessità familiari, acquisto beni di consumo, esecuzione di lavori su immobili ecc.. Durata: non superiore ai 7 anni Tasso: reciproco del tasso sul C/C Rate: 12 rate annuali mediante trattenuta sullo stipendio La concessione è subordinata al rilascio di fidejussione da parte di un familiare e delega sul c/liquidazione. Il socio che ha ottenuto il massimo concedibile del suo scaglione, potrà riaccedere al finanziamento solo dopo 2 anni. Operazioni integrative di mutui fondiari al personale Tale operazione serve per coprire la differenza tra il finanziamento concesso con il "piano case " e la spesa effettiva ammessa al finanziamento. Servizio assistenza Trattati della possibilità, in taluni casi, di poter fissare appuntamenti per visite mediche specialistiche, in casi di gravi affezioni. Assicurazione contro gli incendi e furti sui fabbricati Stipula a condizioni particolari di contratti con La Fondiaria Iniziative Turistiche Possibilità di partecipare ad iniziative turistiche con pagamento anche rateale Pubblicazioni Possibilità di acquistare pubblicazioni edite dal M.P.S. a prezzo di costo.

SEGRETERIA CENTRALE FABI

SEGRETERIA CENTRALE FABI SEGRETERIA CENTRALE FABI Gennaio 2008 BNL 1 IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO NELSETTOREDELCREDITO Il D. Leg.vo n. 276 del 10/09/2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolamentando la

Dettagli

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE Sommario DICHIARAZIONI DELL AZIENDA 2 N. 1 - Comodo di cassa 2 N. 2 - Interesse sul c/c intestato ai familiari dei dipendenti 2 N. 3 - Prestiti

Dettagli

CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER LA PROTEZIONE CIVILE - SOCCORSO ALPINO PERMESSI PER LO STUDIO PERMESSI DONAZIONE SANGUE

CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER LA PROTEZIONE CIVILE - SOCCORSO ALPINO PERMESSI PER LO STUDIO PERMESSI DONAZIONE SANGUE CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER LA PROTEZIONE CIVILE - SOCCORSO ALPINO PERMESSI PER LO STUDIO PERMESSI DONAZIONE SANGUE PERMESSI PER I SEGGI ELETTORALI Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali)

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2016 al 31/12/2016 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf

Dettagli

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione:

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione: TUTTO SUI PERMESSI NEL GRUPPO INTESASANPAOLO- AGGIORNATO 2013 Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale 1) Al Personale possono essere concessi permessi retribuiti, da giustificarsi

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare

Le spettanze di una collaboratrice familiare Le spettanze di una collaboratrice familiare La retribuzione base, per una collaboratrice familiare deve essere concordata rispettando i seguenti minimi contrattuali: Minimi contrattuali in vigore dal

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI FRUIZIONE DELLE FERIE E DEI PERMESSI EX FESTIVITA

REGOLE IN MATERIA DI FRUIZIONE DELLE FERIE E DEI PERMESSI EX FESTIVITA REGOLE IN MATERIA DI FRUIZIONE DELLE FERIE E DEI PERMESSI EX FESTIVITA Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banca Prossima Banche della

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2015 al 31/12/2015 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf senza esperienza 4,51 A Super Baby

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Introduzione al mondo del lavoro di cura L inquadramento (Minimi contrattuali in vigore PER L ANNO 2011) LIVELLO TABELLA A CONVIVENTI TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME TABELLA

Dettagli

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Pagina 1 di 7 Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Dopo la sottoscrizione in ambito di IntesaSanpaolo degli Accordi di indirizzo volti ad armonizzare i trattamenti contrattuali

Dettagli

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che ACCORDO PER IL PASSAGGIO DEI QUADRI DIRETTIVI E DEL PERSONALE DELLE AREE PROFESSIONALI DELLA CASSA DEPOSIT I E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I QUADRI DIRETTIVI

Dettagli

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato

Dettagli

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Ultimo aggiornamento Febbario 2011 17 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Inquadramento... 3 3 Durata...4 4 Tipologia... 4 5

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND FOND PERSEO SIRIO Il Fondo pensione complementare dei lavoratori della P.A. e della Sanità Nel TUO contratto di lavoro c è un DIRITTO in più: scoprilo adesso PERSEO SIRIO è il Fondo pensione complementare

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

POSITIVO ACCORDO SULLA VIA DELL ARMONIZZAZIONE

POSITIVO ACCORDO SULLA VIA DELL ARMONIZZAZIONE POSITIVO ACCORDO SULLA VIA DELL ARMONIZZAZIONE Ieri in tarda serata, a seguito di un estenuante trattativa è stato siglato l accordo fra le OO.SS. e l azienda che aggiorna l articolato dell attuale CIA

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P. ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.A il giorno 26 luglio 2002, in Roma tra Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER PERIODI DI LAVORO ALL ESTERO QUESITO (posto in data 14 agosto 2013 ) Sono un medico specialista in chirurgia con un rapporto a tempo indeterminato. Sarei interessato ad andare

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO regolamento prestazioni 9 10 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI Hanno diritto alle prestazioni della Cassa Edile di Nuoro gli operai dipendenti di imprese

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

Verbale di accordo. tra. Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.;

Verbale di accordo. tra. Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Verbale di accordo In Verona, il giorno 11 gennaio 2008 Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Banca Popolare di Novara S.p.A.; Società Gestione Servizi BP S.p.A.; Banca Aletti & C

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

ART. 12 - APPRENDISTATO

ART. 12 - APPRENDISTATO ART. 12 - APPRENDISTATO In attesa che diventi esecutiva la nuova normativa sull apprendistato ai sensi del D. Lgs. n. 276/2003, continua ad applicarsi quanto previsto dall art. 12 del precedente C.C.N.L.

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

Ferie. Le ferie sono: IRRINUNCIABILI - NON MONETIZZABILI - LA MALAT- TIA INTERROMPE IL PERIODO DI FERIE DA CHI VENGONO FISSATI I TURNI DI FERIE?

Ferie. Le ferie sono: IRRINUNCIABILI - NON MONETIZZABILI - LA MALAT- TIA INTERROMPE IL PERIODO DI FERIE DA CHI VENGONO FISSATI I TURNI DI FERIE? Ferie Le ferie sono: IRRINUNCIABILI - NON MONETIZZABILI - LA MALAT- TIA INTERROMPE IL PERIODO DI FERIE DA CHI VENGONO FISSATI I TURNI DI FERIE? Tempestivamente dall azienda, confermati al personale e rispettati.

Dettagli

ACCORDO FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI WEBANK S.P.A. IN BANCA POPOLARE DI MILANO SOC. COOP. A R.L. E CONSEGUENTE RIORGANIZZAZIONE.

ACCORDO FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI WEBANK S.P.A. IN BANCA POPOLARE DI MILANO SOC. COOP. A R.L. E CONSEGUENTE RIORGANIZZAZIONE. ACCORDO FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI WEBANK S.P.A. IN BANCA POPOLARE DI MILANO SOC. COOP. A R.L. E CONSEGUENTE RIORGANIZZAZIONE In Milano, il giorno 21 novembre 2014 Tra Banca Popolare di Milano Soc.

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO IMPEGNO ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 2 aprile 2010) Quali sono le norme contrattuali che regolano la possibilità di accedere ad un rapporto di lavoro part time per un anestesista di

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L.

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. In relazione alle convergenti valutazioni espresse in occasione del rinnovo del c.c.n.l., Vi confermiamo che, per la vigenza del contratto

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO PERSONALE DI COMPARTO Art. 1- PERMESSI RETRIBUITI

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

MUTUI : PROMESSA MANTENUTA!

MUTUI : PROMESSA MANTENUTA! MUTUI : PROMESSA MANTENUTA! Nel sottolineare l importanza dell impegno svolto dalle commissioni tecniche costituite dalle Organizzazioni Sindacali, che, in seguito al lavoro svolto ha permesso di individuare

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE Nel campo delle pari opportunità, della solidarietà e della conciliazione tempi di lavoro e di vita (Allegato e parte integrante al Contratto di 2 livello

Dettagli

TABELLA DI CONFRONTO NORMATIVA UBI BANCA - UBISS E RISPETTIVE PREVISIONI DI ARMONIZZAZIONE

TABELLA DI CONFRONTO NORMATIVA UBI BANCA - UBISS E RISPETTIVE PREVISIONI DI ARMONIZZAZIONE UBI BANCA 35-45 km A/R 1.900 1.900 Una tantum mobilità 46-55 km A/R 56-65 km A/R 66-80 km A/R 2.200 2.500 3.200 2.200 2.500 3.200 già recepito dall accordo di Gruppo del 14/08/2007 81-100 km A/R 3.800

Dettagli

Capo I Programma di Previdenza Complementare

Capo I Programma di Previdenza Complementare Regolamento disciplinante il trattamento pensionistico complementare del personale CONSOB assunto a far data dal 28 aprile 1993. Capo I Programma di Previdenza Complementare Sezione I Definizioni e finalità

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PAGAMENTO DELLE FERIE NON GODUTE QUESITO (posto in data 7 dicembre 2013) Sono il Direttore della struttura complessa Rischio Clinico di un Ospedale, a fine gennaio andrò in pensione per raggiunti

Dettagli

«Assenze» Incontro del 9 luglio 2015

«Assenze» Incontro del 9 luglio 2015 «Assenze» Incontro del 9 luglio 2015 Banca del Tempo Principio di base Iniziativa di tipo solidaristico aperta a tutti i dipendenti che prevede la costituzione di un «bacino» annuale di ore di assenza

Dettagli

Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine Rapporto (aggiornamento dicembre 09) Trattamento di Fine Rapporto Edizione novembre 2010 Pagina 1 (aggiornamento novembre 2010) INDICE 1 NOZIONI GENERALI pag. 3 2 TFR E FONDI PENSIONE pag. 3 3 TRATTAMENTO FISCALE

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Personale Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banca dell Adriatico Banco di Napoli Banca di Trento e Bolzano Cassa

Dettagli

Come leggere la busta paga

Come leggere la busta paga Come leggere la busta paga Indice Che cosa è pag. 3 A cosa serve pag. 4 La struttura della busta paga pag. 5 Intestazione (dati ditta dati anagrafici e contrattuali lavoratore) pag. 6 Corpo della Busta

Dettagli

MINIGUIDA AL FONDO ESPERO

MINIGUIDA AL FONDO ESPERO MINIGUIDA AL FONDO ESPERO 1 1 - Il tuo futuro chiede, Espero risponde. La previdenza oggi fa scuola. Espero è il Fondo Pensione che risponde alle esigenze previdenziali di tutti i lavoratori della scuola:

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Verbale di accordo. tra

Verbale di accordo. tra Verbale di accordo In Verona, il giorno 11 gennaio 2008 Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Banca Popolare di Novara S.p.A.; Società Gestione Servizi BP S.p.A.; Banca Aletti & C

Dettagli

SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L.

SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L. CONTRATTO AZIENDALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DOCENTE, TECNICO, AMMINISTRATIVO, AUSILIARIO SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L. 1 gennaio 2010 31 agosto 2013 1 CONTRATTO AZIENDALE DI LAVORO PER IL PERSONALE

Dettagli

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi.

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi. Elenco dei tipi di assenza previsti dal contratto Enti Locali: Permesso per matrimonio Controlli prenatali. Congedo di maternità. Interdizione anticipata dal lavoro per maternità. Congedo di paternità.

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013 Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013 Roma, 31 luglio 2013 1. Un nuovo contratto L accordo in oggetto (pur garantendo una continuità economica con il precedente CCNL a mezzo

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banche della Divisione Banca dei Territori con l esclusione di

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A.

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A. ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A. (DPR n 509/79, art. 59, primo comma, punto 4, come modificato dal DPR n 171/91, art.

Dettagli

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA)

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) G Data: Decorrenza: 28 MARZO 2008 1 ipotesi di accordo 30 maggio 2011 11 Scadenza normativa: Scadenza economica: 31 marzo 2013 31 marzo 2013 Parti firmatarie Associazione

Dettagli

A T U T T I I S O C I

A T U T T I I S O C I Siena, 18 Agosto 2006 Circolare n.1032 A T U T T I I S O C I Oggetto: Sovvenzioni ai Soci Informiamo i nostri Soci che il Consiglio di Amministrazione di questa Cassa Mutua ha deciso di articolare le sovvenzioni

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

100 PERMESSI RETRIBUITI

100 PERMESSI RETRIBUITI 100 PERMESSI RETRIBUITI. I permessi retribuiti spettano al dipendente, in presenza dei presupposti richiesti dal contratto o da altre disposizioni di legge, senza decurtazione della retribuzione e della

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

per essere sempre informato e tutelato, porta sempre la bussola 1 con te.

per essere sempre informato e tutelato, porta sempre la bussola 1 con te. per essere sempre informato e tutelato, porta sempre la bussola 1 con te. 1 La presente guida vuole essere un piccolo vademecum per tutti i colleghi assunti con contratto di Inserimento al fine di poter

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

REGOLE PER L EROGAZIONE DELLE PROVVIDENZE PER STUDIO A FAVORE DEI FIGLI DEI LAVORATORI DI INTESA SANPAOLO E BANCHE RETE

REGOLE PER L EROGAZIONE DELLE PROVVIDENZE PER STUDIO A FAVORE DEI FIGLI DEI LAVORATORI DI INTESA SANPAOLO E BANCHE RETE REGOLE PER L EROGAZIONE DELLE PROVVIDENZE PER STUDIO A FAVORE DEI FIGLI DEI LAVORATORI DI INTESA SANPAOLO E BANCHE RETE Luglio 2009 Indice 1. PREMESSA... 2. BORSE DI STUDIO DA CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE...

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA Allegato alla Deliberazione della Giunta Camerale n. 72 del 21 luglio 2015 FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA STATUTO

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli