A R C H E T I P O romanzo di folli passioni di vita e di morte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A R C H E T I P O romanzo di folli passioni di vita e di morte"

Transcript

1 alex triglias A R C H E T I P O romanzo di folli passioni di vita e di morte 1

2 2

3 A R C H E T I P O romanzo di folli passioni di vita e di morte alex triglias acrilico su tela 70x90 Alzare lo sguardo e allungarlo nel vuoto, lontano Diritto infinito che buca la linea, orizzonte di luce Pezzetti di luce scomposta che deviano il raggio Se l anima umana potesse carpirne i segreti Chi ha l idea che un tramonto si possa affittare Non ha che pulsioni legate ad un nulla totale 3

4 4

5 contenuto INTRO...9 DUE...11 TRE...21 QUATTRO...26 CINQUE...33 SEI...39 SETTE...45 OTTO...54 NOVE...63 DIECI...66 UNDICI...74 DODICI...81 TREDICI...90 QUATTORDICI...99 QUINDICI SEDICI DICIASSETTE DICIOTTO DICIANNOVE VENTI

6 6

7 note dell autore Le due fasi di vita di Marco Rambaldi, temporalmente divise, un prima ed un dopo, una vita passata e finita, e una nuova che arriva, inizia con delle aspettative chiare, ma si sviluppa con scenari inattesi e sconvolgenti, che trascinano l uomo in un baratro apparentemente senza ritorno, ancora più fondo di quello dal quale si era risollevato a fatica. Questo romanzo sgorga dalla mente di un autore che conosce di luoghi e di vite vissute. alex triglias acrilico su tela 80x120 La femmina nella radura sprigiona odori d amore Il maschio la scruta e l annusa dall alto roccioso Presto la danza rituale avrà luogo 7

8 8 I personaggi di questo libro sono immaginari. Ogni riferimento a persone, cose, luoghi è puramente casuale.

9 INTRO Gli sembrava proprio un momento magico, la vita scorreva veloce e quell istinto primordiale di animale ferito sembrava essere svanito. Almeno apparentemente. Poi, di fatto, nella mente frullavano parole e frammenti di ricordi che si ripresentavano ogni volta che si trovava da solo a riflettere, anche se la novità era che riusciva ad affrontarli in modo sereno e riflessivo, senza dover combattere ipertensioni e malumori che fino a qualche tempo fa lo rendevano indomabile. Cambiare lavoro era stata una svolta, lasciare la vecchia Italia e lanciarsi in questo mondo lontano gli avevano ridato speranza e fiducia in se stesso. Franca oramai era un ricordo del passato. Se la ricordava bene quella giovane amazzone, quando la vide per la prima volta dietro il bancone della reception dell hotel Manhattan nel cuore di Roma. Che donna aveva pensato un istante - metterebbe soggezione ad un giovane fante che avesse l ardire di tenere il suo sguardo Era nata cosi quella passione travolgente, cosi come si possa sognare che le storie d amore nascano ma non è possibile che accadano nella realtà, ed invece ti ci ritrovi dentro senza capire come mai sia successo ma poi perché mai sprecare il tuo tempo a capire, ti va bene cosi e l adrenalina riesce a coprire ogni cosa non esiste un contorno, solo il caldo profumo di una travolgente passione. Quando un amore è eterno non può morire, ti resta nel cuore fino all ultimo battito di vita. 9

10 10

11 DUE - Morning Sir, nice to see you, how are you today, have a nice day, thank you Era sempre la stessa canzone, piacevole in fondo, uscire di casa e sentire il portiere, il giardiniere del compound, il barista di Starbucks, il security guard all ingresso del building uffici, la receptionist al piano, la segretaria executive,,, - Good morning everybody! Wonderful life, isn t it? La riunione mattutina con il suo team era il momento topico, un iniezione di fiducia che dava la giusta spinta per una giornata di creazione e risultati. - Abbiamo fatto un buon lavoro ma dobbiamo fare meglio, questo cliente non si può proprio perdere, mi auguro che abbiate delle idee. La gara sta scadendo, fra due giorni al massimo vorrei vedere una presentazione snella ma chiara con pochi punti essenziali che vadano al sodo. Buon lavoro. L assenza di incertezza e paura del suo staff lo faceva star bene. Quelle poche settimane erano bastate per trasmettere loro il giusto messaggio di una conduzione forte ma serena nel rispetto totale del ruolo di ognuno. Sembra facile ma non lo è affatto. Marika era sempre discreta, entrava in silenzio portando con se il suo dolce profumo e quelli occhi da maga, il suo corpo infilato nel tailleur Valentino, porgeva con garbo il caffè, le news di agenzia e restava in ascolto. - Può fermarsi per pranzo? Abbiamo dei commenti arretrati da fare al progetto, qualche decina di s 11

12 alle quali rispondere ed un paio di lettere importanti Lo so che sono invadente e non vorrei esagerare ma sono sicuro che lei capisca la situazione (bella frase fatta). - Non si preoccupi Mr. Rambaldi, non avevo di meglio da fare che rendermi utile. - La ringrazio per favore mi chiami Paul, ho bisogno di vederlo urgentemente per una mezz ora, magari poi resti anche lei cosi prende appunti. Quante di lettere da firmare delle volte sembriamo una fabbrica di scrittori. - Marco, mi hai fatto chiamare? - Si vieni Paul, per favore accomodati al tavolo tondo che rivediamo un paio di cosette. Ecco, per esempio quei corridoi a ponte fra i tre edifici, mi sembrano eccessivamente pesanti, voglio dire nelle linee. Non c è armonia con il resto dei volumi, queste linee delle travi portanti le vorrei più marcate, ed invece i tunnel assolutamente più leggeri, come fossero eterei mi rendo conto di essere un visionario, ma sono sicuro che tu abbia capito il messaggio. - Marco non ti preoccupare, ho capito. Cercherò di dare corpo alla tua idea di etereo, apporteremo le modifiche e ti risottometterò la cosa nel giro di per domani mattina al meeting va bene? - No per favore, preferisco qui da me, poi semmai la faremo circolare. - OK, a domani - Marika per favore prepari una piccola minuta, un va benissimo, riassumendo quanto detto. === Il suo loft a Marina non era male, ad angolo al 34 piano di un bel grattacielo di vetro, lo aveva scelto fra i tanti proposti dalle agenzie di real estate, non era enorme e era 12

13 arredato con gusto lasciando liberi gli spazi che un loft dovrebbe avere e ridare. Dalle grandi vetrate la sera si vedevano a perdita d occhio le luci della città ed i puntini delle navi in transito sul mare infinito. Una sensazione di pace da vivere con se stessi nei momenti di relax, quelli notturni. La classica camera da letto ricavata nel mezzanino a balconata sul living era la cosa che gli era piaciuta di più, un enorme letto basso e lineare che comunque lasciava spazio e faceva vivere al meglio i grandi volumi. Marco si addormentava osservando le luci della notte e godendo di questa sua nuova vita che tanto aveva voluto. Il telefono suonava da un po mentre si stava radendo, ma chi mi cerca alle 7 del mattino raccolse il telefono che aveva lasciato sul letto la sera prima e rispose. - Marco scusa l ora, sono Paul - Dimmi Paul, nessun problema, mi stavo radendo e non avevo sentito gli squilli. - Mi ha appena chiamato il giapponese, dice che vogliono accelerare l agreement e che si aspettano una proposta decisiva per domani mattina alle Minchia! - Già, ci restano appena 27 ore per chiudere il tutto ed andare lì con le idee chiare e una buona presentazione che non lasci spazio a facili critiche. - Va bene, ci vediamo in ufficio alle 8:30, cosi abbiamo un paio d ore per discutere i dettagli fra noi, poi voglio tutto il team pronto alle 11 intorno al tavolo della sala riunioni con tutta la documentazione aggiornata. - OK Il primo espresso era sempre il migliore, certo che queste capsule avevano dato una svolta una macchinetta, una capsula, qualche secondo e l espresso è servito, annusi, sorseggi e in meno di un istante sei in paradiso what else!? 13

14 Wonderful life. Non ci volevano più di trenta minuti da casa all ufficio, ultimamente il traffico era decisamente migliorato. Il governo aveva investito miliardi nella viabilità e il risultato era stato eccellente, niente più code chilometriche, al massimo qualche rallentamento nelle ore di punta. Anche la metro e i nuovi autobus avevano contribuito, togliendo dalla strada un numero enorme di minibus di aziende private che portavano avanti e indietro, casa lavoro casa, migliaia di lavoratori e impiegati. Guidare comunque la mattina sotto il sole caldo da Marina a Business Bay piaceva molto a Marco. La nuova azienda dove Marco era approdato, nuova per lui naturalmente, era la Arteko, famosa nel campo della progettualità creativa in tutti i possibili campi di applicazione. Dopo un accurata selezione avevano scelto lui come Direttore Esecutivo della nuova branch di Dubai, posizione del tutto consona alla sua esperienza. Compenso adeguato, bonus in caso di obiettivi raggiunti, full benefit package, e una certa libertà di azione. Quando era arrivato qualche mese prima, l azienda gli aveva chiesto che macchina desiderasse. Fra quelle disponibili, aveva scelto una Panamera bianca, pensava fosse una macchina che lo avrebbe soddisfatto, ed infatti cosi era stato. Confortevole, grande personalità, finiture eccellenti, meccanica al top, insomma una vera Porsche last generation, nient altro da aggiungere. Il nuovo progetto al quale stava lavorando, di importanza strategica per l Arteko, era stato chiamato Archetipo, un complesso amministrativo e commerciale commissionato dalla JO-Pung International, una società giapponese di investimenti nel campo dell energia, con un nuovo e 14

15 consistente programma di sviluppo nel campo delle nuove energie compatibili con l ambiente. L idea della JO-Pung per la nuova sede di Dubai era alquanto semplice: un grande volume di tre piani per accogliere tutti gli spazi comuni, lobby, commerciale, esposizioni, eventi, etc, Tre torri da 45/50 piani l una, collegate con dei corridor bridges ad un terzo e a due terzi dell altezza totale. Facciate continue di vetro. Nessun vincolo particolare, a parte il fatto che la torre centrale avrebbe dovuto avere dei connotati di superiorità rispetto alle altre due essendo destinata agli uffici della JO- Pung Dubai Branch. Le atre due torri sarebbero state destinate una ad uffici da affittare e l altra ad hotel 5 stelle. - Buongiorno Marika, come mai è già qui mi lasci indovinare, l ha chiamata Paul dicendole di venire in anticipo vero? - Esatto Mr. Rambaldi, ma ci tengo a dire che sono venuta di corsa e con piacere, lei è il mio capo e è quanto basta per essere pronta e reattiva. - La ringrazio Marika. Prendiamoci un bel caffè insieme che poi si comincia giornata lunga! Ci pensa lei? Sorseggiando il caffè, Marika per la prima volta gli chiese come mai avesse lasciato l Italia e scelto proprio Dubai. Marco la guardò per qualche istante arricciando le labbra, non sapeva esattamente cosa rispondere la verità? Troppo complicata! Meglio una semplice bugia - Volevo delle esperienze lavorative nuove, ero semplicemente stufo della solita vita e delle solite facce. Marika non si sforzò di crederci neanche un po, ma annuì e raccolse le tazze per sottrarsi con garbo. Come spesso accadeva, Marco lasciò andare lo sguardo oltre la vetrata perdendosi nei ricordi che sembravano si 15

16 cosi lontani, ma dolorosamente ancora cosi vicini. Sapeva bene che non se ne sarebbe mai liberato e provava disagio per questo, ma sapeva benissimo che i ricordi sono il bagaglio della propria vita e fanno parte di essa. Rien à faire, malheureusement... - Eccomi Marco, puntuale, e tu lo sei anche più di me! - Ciao Paul, sì, ho fatto prima del previsto, niente traffico e voglia di arrivare in fretta. Allora, mettiamoci al lavoro, ci sono ancora un bel po di cose da chiarire, a parte gli appunti di ieri credo che anche la lobby e gli ingressi vadano leggermente rivisti per rendere il tutto più fluido alla vista e sicuramente anche all utilizzo. Alle 11 in punto il team era seduto intorno al tavolo della sala riunioni, tutti pronti con le loro cartellette e le matite ben appuntite. Marco e Paul entrarono dalla porta laterale che era il collegamento diretto con l ufficio di Marco. - Buongiorno a tutti, vi ringrazio di essere qui. Abbiamo novità, sarete stati informati che l appuntamento è stato anticipato a domani mattina abbiamo 24 ore per essere pronti con la nostra presentazione al cliente. Forza e coraggio, sono sicuro che ce la faremo e confidente che il cliente apprezzerà. Voglio credere che il contratto si possa chiudere senza aggiungere tempi morti. La parte commerciale è cosa mia, adesso concentriamoci sui dettagli tecnici, ce ne sono diversi da rivedere e finalizzare. Eccolo lì il suo Executive Team al lavoro, pochi ma buoni, cosi come gli aveva insegnato il suo mentore storico. Sei persone. Quattro erano già in altre sedi dell azienda prima del suo arrivo, e lui le aveva scelte fra le tante candidature, e le altredue erano state prese a bordo perché conosciute e volute da lui; in gergo si direbbe se le 16

17 era portate dietro. o Marc Legrand o Victoria Guvovitch o Lester Joung o Mansour Ahwadi Erano i quattro che aveva trovato nell azienda. o Paul White o Jennifer Connelly Erano i due che lo avevano seguito dal passato. Tutti architetti. E poi c era Marika, la sua assistente esecutiva, l aveva assunta alla fine di una lunga selezione, era risultata la migliore sotto ogni profilo. Parlava e scriveva perfettamente cinque lingue, ne capiva altre due, era veloce e fotografava immediatamente parole ed scenari, ricordava sempre nomi, luoghi, date, facce, sfumature, era sempre disponibile e presente ma discreta, insomma una vera assistente esecutiva. Oltre ogni aspettativa era anche una bella donna, capelli biondi e caldi come il sole, occhi azzurri infiniti, lineamenti nord-europa, alta e magra con un bel portamento da indossatrice, sempre elegante. La riunione si protrasse per tutta la giornata e verso le sette di sera decisero di scendere al pub nella lobby per un oretta di riposo, qualcosa da mettere sotto i denti. Sembravano tutti a proprio agio e discorrevano con serenità. Marco li osservava con una certa soddisfazione. Erano passati solo pochi mesi dal suo arrivo in azienda eppure il team sembrava affiatato come se lavorassero insieme da anni. 17

18 Diciamo che questa abilità nel creare un team coeso ed affiatato era una sua prerogativa, lo era sempre stata. Non aveva mai amato i classici giochetti manageriali e di potere, lui amava parlava chiaro con tutti mettendo le cose sul tavolo apertamente, si lavorava insieme, e i risultati erano per tutti, nel bene e nel male. Certamente nessuno era obbligato ad avere una vita con i colleghi al di fuori dell ambito professionale, eppure le persone si vedevano anche al di fuori, e questo era di più di un semplice segno di coesione. La libertà di pensiero e di espressione era la cosa più apprezzata, cosi come erano assolutamente bandite le critiche sterili che non portavano a niente. In fondo il metodo adottato da Marco era molto semplice, essere se stessi, lavorare in complicità e sinergia, avere degli obiettivi chiari e condivisi. Verso le 23 erano praticamente pronti, tutte le modifiche erano state apportate, la presentazione tecnica era pronta, da rivedere un ultima volta a mente fresca l indomani mattina prima dell incontro con il cliente. Sembravano tutti soddisfatti. - Grazie a tutti per la disponibilità e la collaborazione, ci si rivede domattina puntuali alle 9, buonanotte. Marco rimase seduto ad osservarli andare via. Paul lo aveva salutato con complicità strizzandogli l occhio, lo faceva sempre quando era soddisfatto. Come accadeva qualche volta, quando si tirava tardi, Marco avrebbe accompagnato Marika a casa, il suo appartamento non era lontano da quello di Marco. La notte era calda e pulita. Anche se la Sheik Zayed Road presentava un traffico scorrevole lui scelse la meno impersonale Jumeira Road, guidando lentamente e con cura. Marika sembrava stanca e non parlava molto, la musica 18

19 jazz riposava le menti. Dopo qualche minuto lei si era addormentata con la testa leggermente reclinata di lato. Marco non disse nulla rispettando il momento. Continuando a guidare con cura verso Marina, se ne tornò lentamente a passeggiare sui sentieri infiniti dei ricordi Milano, Roma, il vecchio lavoro, le vecchie abitudini e poi Franca, sempre Franca, quell indomabile creatura cosi affascinante e folle che gli aveva riempito la vita in maniera cosi travolgente e cosi distruttiva. Scese la rampa del garage del building di Marika guidando piano fino all ascensore, posò dolcemente una mano sul braccio di lei che apri gli occhi confusa: - Dove siamo? disse lei sussurrando giusto un attimo e si rese conto di essersi addormentata (che figura, pensò!) Stava per dire qualcosa ma Marco la precedette sorridendo: - Ehi, spero tu abbia fatto un bel sogno breve di quelli che ti danno speranza in una vita migliore. Vai a dormire che domattina si ricomincia e non manca molto a domani. Buonanotte e grazie. - Grazie a lei Mr. Rambaldi, mi scusi per prima a domani. Qualche isolato ancora per raggiungere casa ed entrò fluido nel garage interrato per parcheggiare l auto. Gli ascensori di queste torri sono rapidissimi, in pochi secondi ti sparano al quarantaquattresimo piano succhiandoti il respiro. Essendo l ultimo loft della torre, l ascensore ti portava direttamente in casa e la porta si apriva con l utilizzo di una carta elettronica dedicata, praticamente si passava dalla vettura all appartamento senza dover incontrare nessuno. Entrando nel loft le luci della città attraverso le grandi vetrate furono come un iniezione di valium, ogni volta si sentiva affascinato e rapito, non riusciva ancora ad abituarsi a tanta bellezza In genere rimaneva cosi nella semi oscurità per permetter agli occhi di abituarsi. 19

20 Il divano era una meraviglia, comodo e accogliente, ci si potevano passare ore a pensare, a leggere o a dormicchiare. Quando si accomodava immergendosi in questo scenario notturno, la mente volava e i ricordi affioravano, d altronde erano appena sei mesi che aveva cambiato vita lasciandosi alle spalle anni di storia e di vita vissuta, non si poteva pretendere che tutto fosse sparito con un clic, e poi forse non era neanche questo che avrebbe voluto. Il tempo avrebbe smussato le ansie e i ricordi avrebbero avuto il giusto ruolo che avrebbero dovuto avere, un bagaglio di esperienza vissuta che aiuta a vivere la vita che vivi, magari con più consapevolezza e serenità. 20

21 TRE Era la quinta volta che veniva a stare all hotel Manhattan per lavoro e Franca era sempre più affascinante. Esplodeva nelle sue camicette, il sorriso non era sempre una costante, piuttosto quello sguardo a volte aggressivo quando socchiudeva gli occhi e sembrava scavare profondo l attrazione si faceva più forte ogni volta e gli sguardi si incrociavano a lungo, parole sottili quasi sussurrate, un eccitazione costante dei sensi che faceva girare a momenti la testa. Quando lui la guardava lei si mordeva il labbro inferiore sinistro e respirava profondamente, e le tette seguivano il respiro. Una volta le aveva portato un regalo da Hong Kong e lei si era commossa. E questa quinta volta Marco non potette abdicare ancora. - Franca parliamoci chiaro, è arrivato il momento di andarsene a cena lasciando che gli eventi accadano, senza preconcetti e speranze, lasciamo che gli istinti seguano il corso del fiume, senza privazioni e senza limiti, se deve accadere accadrà altrimenti sapremo che non era destino. Franca sembrò avesse già la risposta pronta. - Ti aspetto alle 21 all angolo alla fine della strada, preferisco nessuno ci veda qui dell hotel, e non mi fare aspettare! Quelle ore erano state interminabili, pensieri confusi nell attesa del cosa accadrà, di quali parole, di quali profumi, di quanto lunga è una notte. La vide lontana in attesa all incrocio, un paio di passi al secondo e sarebbe arrivato da lei in meno di un minuto. Era prima impaurito, eppure la reazione che sentiva 21

22 avvicinandosi era contraria, più si accorciava la distanza e più il suo cuore si calmava, lasciando posto ad un dolce calore che dal ventre risaliva sempre più su fino alla gola, al collo e alla testa. Lei si voltò come se lo avesse avvertito. Il suo sguardo tagliò l aria come per aprirsi un varco privilegiato in mezzo a tutta quella gente che alle 21 di sera si muoveva rapida tutto intorno senza alcuna passione. Lui le si fermò ad una cinquantina di centimetri ma esitava, la guardava negli occhi ed esitava. Pensò giusto ci siamo. Ma fu lei che guardandolo fiera negli occhi, quasi a dar voce al pensiero di lui, disse - Ci siamo! Un brivido, quasi una scarica elettrica, attraversò la spina dorsale di Marco dalla nuca verso il basso. Camminando nella sera con il braccio infilato nel suo, Franca discorreva prevalentemente della sua vita e delle sue aspettative. Era un fiume in piena. Voleva metterlo al corrente. D altronde era la prima volta che si incontravano fuori cosi in libertà dagli occhi indiscreti del Manhattan. Aveva studiato lingue, laureata con lode, master in business and relazioni, aveva fatto delle utili esperienze di public relation in vari hotel, e da un anno aveva avuto la fortuna di poter lavorare nel mitico Hotel Manhattan di Roma, una garanzia per quelli che come lei avevano bisogno di una esperienza di alto livello per poter spiccare il volo e dedicarsi come independant consultant alle public relation internazionali in giro per il mondo. Ancora qualche anno al Manhattan, ancora un master in comunicazioni e il target sarebbe stato raggiunto. L inizio della vera carriera internazionale cominciava ad avvicinarsi. - Trentacinque anni in fondo sembrano ancora un età ideale per cominciare, non trovi? Era amabile, parlava d istinto e ti guardava negli occhi. 22

23 Mangiarono con calma ottimo pesce ed ottimo vino gelato. Erano passate più di due ore e sembravano pochi minuti, non si stancavano mai di parlare e frugarsi con sguardi profondi, quel vino secco e gelato aveva fatto la sua parte. Gli animi liberi, le menti infuocate e voraci, le dita che sgranellano il pane per poi intrecciarsi in piccoli amplessi. Nel taxi andando da lei, Marco si sentiva etereo e le parole continuavano a venir fuori come lava incandescente, nessun vizio di forma e tanta sostanza, contrappunti armoniosi che appaiono solo (e purtroppo) nella fase dell innamoramento passionale, facendosi spazio nel cuore e fra i sensi senza offendere mai. L unico contatto fisico continuava ad essere le dita della mano destra lui e della sinistra lei. Si toccavano e giocavano, si intrecciavano e fuggivano, lasciavano impronte infuocate che sarebbero passate alla storia. La chimica c entra e c entra di brutto. L ascensore li vide baciarsi con cura, sfiorarsi le labbra, aprirle, protendere le lingue, intrecciarle, scambiarsi il respiro ansimante, mischiare saliva e sapori. Marco le teneva le terga strette nelle mani mentre Marika gli cingeva il collo con le braccia, la nuca nel palmo delle mani, lo stringeva a se con forza e dolcezza come fa caldamente una femmina in calore. Ventre contro ventre si strusciarono e spintonarono fino a che l ascensore, arrivato da un pezzo, non riprese la corsa in discesa chiamato da qualcuno. Franca rapidamente schiacciò il pulsante dell alt e poi il pulsante del suo piano, cosi che l ascensore riprese la corsa in salita e si arrestò al piano. I due uscirono di corsa e si resero conto di essere nel mondo reale, chissà quanto tempo di trance avevano passato in quella cabina prima di riemergere nella realtà. 23

24 Restarono lì per un attimo ancora a guardarsi sgomenti negli occhi davanti la porta d ingresso. Franca frugò nella borsa e tirò fuori il mazzo di chiavi, scelse quella giusta e la infilò con impaccio nella serratura. Quando la porta si aprì le luci soffuse del monolocale si accesero automaticamente. L occhio allenato dell architetto inquadrò subito la scena. La stanza doveva essere di una trentina di metri quadrati, sulla destra un angolo cottura con penisola in granito nero, nel fondo un grande finestrone con tende a pacchetto, un tavolo tondo di vetro con quattro sedie tonneau ed un grande divano ad elle di tessuto grigio scuro. Un paio di quadri di arte moderna, un mobile lungo non alto con ante scorrevoli in cristallo acetato su una delle pareti, delle lampade a stelo cromato. - Allora, sarebbe questo il tuo rifugio, complimenti, arredato con cura e nel rispetto dei volumi. Avresti dell acqua? Ho la bocca asciutta, deve essere l adrenalina Marco sorrise guardandola, Franca respirava ancora profondamente, sembrava affannata, si morse il labbro inferiore sinistro e si girò dirigendosi all angolo cottura, apri il frigorifero e tiro fuori una bottiglia di acqua gassata porgendola a Marco. Lui bevve dalla bottiglia con piccoli sorsi, continuando a guardarla negli occhi. Franca non ne poteva più di questa attesa, le gambe le tremavano ed il cuore rimbombava belle tempie, fece un paio di passi indietro verso il mobile a parete, si girò verso la parete e dandogli le spalle si tirò su la gonna sui fianchi, mettendo a nude le natiche un attimo di esitazione e si sfilò le mutandine sottili piegandosi in avanti. Marco non credeva ai suoi occhi, gli girava la testa ma non si mosse continuando ad ammirarla. Franca si rimise eretta e si girò tenendo su la gonna sui fianchi, indietreggiò giusto un pochino e, appoggiando le 24

25 mani sul mobile a parete, con un live saltello si mise a sedere. Con le gambe socchiuse e guardandolo dritto negli occhi cominciò ad aprire lentamente i bottoni della camicetta, uno, poi un altro, un altro ancora e poi il quarto, aprendola e scostandola sui due lati. Il seno proruppe imponente, velato da uno di quei reggiseno di pizzo che avvolgono dolcemente le mammelle e lasciano intravedere i capezzoli sotto il toulle le sue mani aperte ci si posarono sopra comprimendolo con una certa energia e spingendolo al centro e in alto. Restò cosi per un attimo e, insistendo il suo sguardo negli occhi di lui, piegò le gambe alzando le ginocchia, appoggiò i talloni al bordo del mobile e con delicatezza spalancò le gambe mostrandosi in tutta la sua intimità. - Sono pronta per te, voglio sentirti dentro, fino in fondo, ti prego. Nota dell autore: Quanto raccontato era stato l inizio di una passione fuori dal comune, qualcosa che travalicava la realtà e la fantasia e che li avrebbe uniti per tre lunghi anni. 25

26 QUATTRO La mattina seguente erano tutti schierati in sala riunioni, pronti per dare il meglio e fare una buona impressione con i giapponesi della JO-Pung Investments. Quando Mr. Pung entrò nella sala riunioni si alzarono tutti in piedi, Marco attese il suo solito inchino reverenziale e stringendogli la mano disse soltanto: - Mr. Pung welcome, we are ready to show you our last efforts, I am quiet sure you will be impressed. - I wish Mr. Rambaldi. Mr. Pung si sedette composto, schiena dritta e avambracci appoggiati educatamente sui braccioli, e rimase in silenzio fissando lo schermo bianco. Marika abbassò le luci e la prima slide comparve sullo schermo. Silenzio totale. Marco iniziò con calma il suo speech, che sarebbe durato circa un ora e trenta, almeno sulla carta. Mr. Pung non interruppe mai, quasi neanche un cenno per tutta la durata della presentazione. - that s why we think the project has all the potentialities to become a success! Concluse Marco, che era rimasto in piedi durante tutta la presentazione. Poggiò delicatamente il puntatore laser sul tavolo e bevve un gran sorso di acqua prima di sedersi in attesa. Silenzio assoluto solo ansia pesante come un macigno. Mr. Pung si passò lentamente la mano tra i capelli abbassando lo sguardo sul tavolo per un istante, poi guardando Marco dritto negli occhi disse semplicemente 26

27 quello che tutti speravano lui dicesse: - Mr. Rambaldi, despite some minor adjustments, this will be our project, congratulations! Mr. Pung tese il braccio verso Marco e i due suggellarono il momento con un energica e lunga stretta di mano. Un secondo ancora di gelo e un applauso generale sgorgò come un onda liberatoria. - Mr. Pung, ho prenotato un grande tavolo per tutti noi questa sera alle 21;00 al 420, cucina internazionale di alto livello, la prego di farmi l onore di partecipare con il team di fedelissimi. - La ringrazio Mr. Rambaldi, saremo puntuali, consideri quattro persone me compreso. - Allora a questa sera e grazie ancora per il suo generoso supporto. - È stato un piacere Mr. Marco, un vero piacere che ha confermato le mie aspettative. === Nota dell autore: È dal 420 in poi che la nuova vita di Marco comincia a cambiare di nuovo senza che lui se ne renda minimamente conto. Il 420 è un resto/lounge situato a 420 metri di altezza nella torre più alta del mondo, il Burj Khalifa (831 metri totali). Classe da vendere, cucina internazionale di altissimo livello, servizio impeccabile, cantina di vini da fare invidia ai ristoranti cinque stelle di Parigi, piuttosto che di Londra o New York. La vista notturna era mozzafiato, le pareti esterne vetrate permettevano di ammirare a perdita d occhio la città 27

28 illuminata e pulsante. Gli incredibili getti d acqua delle famose fontane musicali, visti cosi dall alto, davano poi una sensazione inebriante. Il team Archetipo, arrivato all together verso le 20:30, se la sbevazzasa allegramente al bar della lounge. Questo contratto sarebbe stata per la Arteko, che soffriva la crisi mondiale come tutte le aziende, un iniezione di energia da cavallo, E poi rappresentava la prima vittoria del nuovo team capitanato da Marco Rambaldi. Paul era al settimo cielo, gli si era stampata sul viso un espressione quasi comica, come quella di un bambino che a Natale riceve tutti i regali giusti da Babbo Natale, non stava più nella pelle, continuava a muoversi avanti e indietro alle spalle dei colleghi appoggiati al bancone del bar della lounge sparando cazzate inenarrabili sul senso della vita e della felicità terrena un giullare, si era trasformato in un giullare liberando tutte le follie tenute per lungo tempo sotto chiave! Marco arrivò dieci alle nove, vestito casual senza problemi, una polo vinaccia su un jeans chiaro, mocassino Ecco, e al polso un gran bel IWC Aquatimer Limited Edition Cousteux Diver. - Allora ragazzi, eccoci qui, vi vedo già su di giri speriamo che Mr. Pung non sia troppo formale, altrimenti ci rovina la festa oddio, sarà difficile vederlo ballare la salsa sui tavoli, ma almeno speriamo che non passi la serata tutto inchini e serietà. - Dai Marco, godiamoci questi 10 minuti tutti per noi si inserì Paul questo champagne per festeggiare il contratto, il buon lavoro fatto, ma soprattutto per suggellare un patto di sangue fra i mitici componenti del nostro super team ragazzi, siamo i migliori!! e per il nostro capitano, in alto i calici!! 28

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita VINO ROSSO TACCO 12 Edito da CAIRO Editore Un estratto da La Perdita Arriva un momento in cui capiamo che un capitolo della nostra vita finisce. Un capitolo si chiude e la vita cambia, inesorabilmente.

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli