Poste It. Spa. Sped. in abb. post. DL 353/03 (conv. in L n 46 27/02/2004) art.1 comma1 aut.171/2008 Rm. Obama: OTTO MESI DI PROMESSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poste It. Spa. Sped. in abb. post. DL 353/03 (conv. in L n 46 27/02/2004) art.1 comma1 aut.171/2008 Rm. Obama: OTTO MESI DI PROMESSE"

Transcript

1 Dal nostro inviato BIRMANIA La resistenza del popolo Karen ISSN Poste It. Spa. Sped. in abb. post. DL 353/03 (conv. in L n 46 27/02/2004) art.1 comma1 aut.171/2008 Rm. Anno 2 - numero 13 - Ottobre 2009 Obama: OTTO MESI DI PROMESSE Fini: MISSIONE DI PACE. MORTI DI GUERRA Il punto sulla crisi: TRANQUILLI, LE BANCHE STANNO BENE Chavez-Ahmadinejad: L UNIONE FA IL FUTURO Pub: ADESSO CI VIETANO ANCHE IL BICCHIERE Mensile Anno 2, Numero 13 5 Direttore politico Massimo Fini Direttore responsabile Valerio Lo Monaco

2 Anno 2, numero 13, Ottobre 2009 Direttore Politico Massimo Fini Direttore Responsabile Valerio Lo Monaco Redazione: Ferdinando Menconi, Federico Zamboni Art director: Alessio Di Mauro Hanno collaborato a questo numero: Franco Nerozzi, Francesco Bertolini, Alessio Mannino, Alessia Lai, Marzio Pagani Segreteria: Sara Santolini 340/ Progetto Grafico: Antal Nagy Mauro Tancredi La Voce del Ribelle è un mensile della MaxAngelo S.r.l. Via Trionfale Roma P.Iva Redazione: Via Trionfale Roma tel. 06/ fax 06/ Testata registrata presso il Tribunale di Roma, n 316 del 18 Settembre 2008 Prezzo di una copia: 5 euro Abbonamento annuale (11 numeri): 50 euro comprese spese postali Modalità di pagamento: vedi modulo allegato alla rivista Stampa: Grafica Animobono sas. via dell Imbrecciato, 71/a Roma Agenzia di Stampa: Adn Kronos Pubblicità di settore: www. Tutti i materiali inviati alla redazione, senza precedente accordo, non vengono restituiti. Chiuso in redazione il 28/09/2009 Altro che sdegno di Massimo Fini 3 Non crediamogli di Valerio Lo Monaco 6 Reportage: I Karen non mollano mai di Franco Nerozzi 8 Fine della crisi. Forse, insomma, chissà di Federico Zamboni 17 Le sirene si vestono di verde di Francesco Bertolini 20 Tutte le bugie di Obama di Alessio Mannino 23 Moleskine 29 Intervista: Tony Capuozzo di Valerio Lo Monaco 37 Attenti a quei due di Alessia Lai 40 Musica: Lassù sulle montagne di Federico Zamboni 47 Last Orders for the Nonick! di Marzio Pagani 51 Film: Armenia, un viaggio negato di Ferdinando Menconi 54 Tecnologia amica 63

3 Leggo al minimo. Il Tempo divora gli occhi e il resto. Ma La Voce del Ribelle merita di vivere. Qualcuno... chissà... Guido Ceronetti

4

5 Altro che sdegno di Massimo Fini e "sdegno" sono stati espressi da molti uomini politici e commentatori dopo la morte dei sei soldati italiani caduti in un'imboscata talebana a Kabul. Capisco Sgomento" lo sgomento, non lo sdegno. Noi italiani abbiamo la curiosa pretesa di fare la guerra, di avere licenza di uccidere senza però ritenere legittimo che ci sia resa la pariglia. E invece in guerra la speciale legittimità di uccidere, che non esiste in tempo di pace, deriva proprio dal fatto che si può essere, altrettanto legittimamente, uccisi. Se solo uno può colpire e l'altro solo subire siamo fuori dal campo della guerra, ma entriamo in un ambito che, come scrive il polemologo Lewis A. Coser, "non si differenzia dall'attacco dello strangolatore contro la sua vittima" (Le funzioni del conflitto sociale, Feltrinelli). In un conflitto armato i caduti, anche se in proporzione diversa, ci sono da entrambe le parti. È la legge della guerra. Che gli inglesi conoscono bene e che noi sembriamo aver dimenticato. Solo nei mesi di luglio e agosto i britannici hanno perso 31 uomini. Hanno onorato, com'è giusto, i loro caduti, come è giusto che noi onoriamo i nostri, ma nessuno ha espresso "sdegno", e per la verità nemmeno "sgomento", per quanto era accaduto. Sdegnarsi di che? Che quelli che noi colpiamo cerchino a loro volta di colpirci, con i mezzi che hanno? Noi possediamo armi tecnologicamente sofisticatissime, i Talebani quasi solo i loro corpi. Spiace, ma è doveroso dirlo: l'attacco ai Lince italiani era perfettamente legittimo perché diretto contro un obbiettivo militare. Dobbiamo piantarla di negare a chi ci combatte (a chi combatte un esercito occupante) la legittimità del combattente, conside MASSIMO FINI

6 MASSIMO FINI randolo semplicemente un criminale (criminali sono i Talebani, criminali erano gli iracheni, criminale era Milosevic) e riservando questa legittimità solo a noi. Peraltro ci sarebbe anche un'altra considerazione da fare. I guerriglieri (non solo in Afghanistan, ma in ogni guerriglia) sono stati spesso accusati di usare i civili, fra i quali si mescolano, come "scudi umani". Ma lo stesso si potrebbe dire per i mezzi corazzati occidentali che circolano nelle ore di punta per le strade principali di Kabul, affollatissime. È quello che ha osservato un giovane afgano, Siddiquat, che ha un negozietto che si affaccia sulla strada dove è avvenuto l'agguato: "Perché le truppe Isaf devono passare proprio da questa strada? Sanno di essere obbiettivo dei Talebani e dunque perché almeno per viaggiare non evitano le ore di punta? L'Isaf dimostra di non dare alcun valore alla vita degli afgani". Evidentemente le forze occidentali si comportano in questo modo perché pensano che la presenza della popolazione possa essere un deterrente per i Talebani che non hanno alcun interesse ad inimicarsela dato che il suo appoggio è per loro vitale. Quanto è accaduto a Kabul era inevitabile. Era anzi annunciato. Fino agli inizi di quest'anno ce l'eravamo cavata con poco, grazie a un accordo con i Talebani: noi controllavamo il territorio per modo di dire e loro ci lasciavano in pace. Accordi del genere li fanno anche gli altri. In alcune aree del Paese i contingenti occidentali pagano tangenti ai Talebani in cambio di protezione. Il paradosso dei paradossi che dice quale sia la reale situazione in Afghanistan e chi controlli il territorio. Ma il 2 maggio una pattuglia di soldati italiani, con i nervi evidentemente a fior di pelle, ha sparato contro una Toyota che procedeva in senso inverso, regolarmente sulla propria corsia, scambiandola per una macchina di attentatori, e ha ucciso, decapitandola, una bambina di dodici anni. L'accordo è saltato. Da quel momento dovevamo attenderci il peggio. Lo scrissi sul Quotidiano Nazionale in un articolo intitolato: "I parà in Afghanistan in mezzo a una guerra. Aspettiamoci il morto" (2/6/2009). È iniziato così uno stillicidio di attentati molto meno "dimostrativi" di quelli che c'erano stati fino ad allora. I Lince hanno cominciato a saltare in aria, pur senza causare vittime. Il 12 giugno sono stati feriti tre alpini. A metà luglio è stato ucciso Alessandro Di Lisio. Quindi è arrivato il botto terrificante di Kabul. E il peggio deve ancora venire. È ovvio che non dobbiamo lasciare l'afghanistan perché abbiamo avuto dei morti. Gli americani sono a oggi (18/09/2009) a quota 850, gli inglesi ne hanno persi 216, i canadesi 131, la Danimarca 26, più del 10% del suo piccolo contingente di 200 uomini. Ma la domanda "Che cosa ci stiamo a fare in Afghanistan?" abbiamo pure il diritto di porla e di porla alle nostre classi dirigenti. È esclu- 4 LA VOCE DEL RIBELLE

7 so che stiamo facendo la lotta al terrorismo internazionale perché il terrorismo internazionale non sta in Afghanistan, la componente di Al Quaeda, ammesso che ci sia, nella guerriglia talebana è del tutto marginale e non ha alcuna voce in capitolo. È escluso che vi si possa e che abbia un senso portarvi la democrazia, mentre è certo che vi abbiamo portato, rispetto al periodo talebano, instabilità, insicurezza, disoccupazione, disagio sociale, corruzione, droga e, diciamolo pure, il nostro marciume morale. E allora? Le ragioni ce le ha spiegate, senza vergognarsi, Sergio Romano sul Corriere della Sera (19/9): gli americani devono salvare la faccia, i Paesi alleati ritagliarsi una fetta di prestigio internazionale. È per la bella faccia delle nostre classi dirigenti che mandiamo a morire inutilmente i nostri "ragazzi" e continuiamo ad ammazzare a decine, a centinaia di migliaia, gente che non ci ha fatto nulla di male, che vive a cinquemila chilometri di distanza da noi e che non saprebbe nemmeno della nostra esistenza se non fossimo lì a rompergli i coglioni. Massimo Fini Non ce ne frega niente di...: indici di ascolto di Porta a Porta e Annozero *** Briatore *** la polemica di Brunetta con la sinistra * Miss Italia * il dossier sexy su Fini (quello sbagliato) **** Pannella und Bonino ***** 5

8 Non crediamogli Lo Monaco di Valerio Lo Monaco Afronte di quotidiani con titoli schizofrenici, per chi ha avuto lo stomaco di continuare a comperarli e leggerli anche durante il periodo estivo, e a fronte di dichiarazioni improbabili da parte di economisti e politici, è il caso evidentemente di andare giù piatti. Tali e tante sono state le storture, le mistificazioni e i tentativi di persuasione in merito alla crisi finanziaria ed economica che stiamo affrontando, che una messa a punto per grandi linee, almeno con temi in modo intuitivo ancora prima che logico e razionale, si rende necessaria per quanti vogliano epurare la mente da tante cialtronerie. Perché mantenere accesa la realtà, in un momento nel quale tutto sembra manipolato e virtualizzato, è necessario per la propria sanità mentale. Quasi tutto quello che ci arriva appare - si fa per dire - concentrato proprio per atrofizzare la nostra coscienza, oltre che per nascondere la realtà delle cose. Sentenza, per impostare subito il discorso e diradare la nebbia: se le Banche (forse) sono salve, ebbene l'economia reale non lo è per niente. Se si è salvato il sistema, lo si è fatto salvando le stanze dei bottoni e i loro manovratori. Noi altri, quaggiù, stiamo subendo - come era normale che fosse e come certamente poteva supporre sicuramente chi ci segue da tempo - tutti gli scarti.tutti i problemi.tutta la caduta del "migliore dei mondi possibili". Che senso ha sentire dire che il peggio è passato e che le Banche si stanno riprendendo, che l'economia seppure piano riparte mentre si preannunciano continue perdite di posti di lavoro? Allora innanzi tutto il fatto, evidente, matematico e visibile anche dal punto di vista logistico, che l'unico motivo per il quale l'economia mondiale non è ancora letteralmente scoppiata risiede in una operazione da Banda degli Onesti. Chi ricorda il film con Totò e Peppino de Filippo rammenterà la stampa di banconote da parte dei due falsari improvvisati. Ebbene, l'iniezione di liquidità da parte di Banca Centrale Europea e soprattutto Federal Reserve americana è quasi la stessa operazione che si narra proprio in quella pellicola. Serve liquidità? Non c'è problema. Stampiamo banconote e le mettiamo in circolazione. Quanti chili ne servono? E il gioco è fatto. 6 -

9 I famosi salvataggi di Banche & company altro non sono stati che immissioni di denaro per coprire le voragini lasciate aperte da anni di frodi da parte di Banche & Company stesse. In altre parole, e in sostanza, gli Stati non hanno protetto i cittadini ma le istituzioni che li hanno derubati. Il costo, naturalmente, è sempre a carico nostro. Senza cambiare di un millimetro o quasi i dogmi che a tali danni hanno condotto, si sono semplicemente riempite le falle con i soldi dei contribuenti. In altre parole: gli Stati ci hanno indebitati tutti. Ognuno di noi ha oggi una parte di debito pubblico sulle spalle. Grande, sempre più grande. Per salvare banche e banchieri. Noi, i nostri figli e i nostri nipoti: indebitati fino al collo. Senza alcuna possibilità di poterlo ripagare, tale e tanta è la mole di debito che abbiamo. Banche & company salvate hanno tappato (temporaneamente, s'intende) le falle al proprio interno iniziando nuovamente a operare indisturbate sul mercato, tanto che già sono stati erogati nuovi dividendi ai supermanager.e hanno addirittura iniziato nuovamente a fare utili. Per loro stessi. Pagando con il nostro futuro. Logica avrebbe voluto spazzare via tali istituzioni che hanno fatto i danni mentre invece le abbiamo salvate con il nostro presente e il nostro futuro. Logica avrebbe voluto confiscare beni e super ricchezze accumulate negli anni da parte di chi ci ha portato al collasso e invece, tranne qualche caso clamoroso - clamoroso soprattutto dal punto di vista mediatico - proprio a tali persone sono ricominciati a essere elargiti emolumenti stratosferici per il buon lavoro svolto. Invece di azzerare il rischio, insomma - come logica avrebbe voluto almeno per i convinti di continuare con questo sistema - si è semplicemente spostato il rischio da una parte all'altra. Ovvero dai privati al pubblico. Ancora, tanto per continuare a essere piatti, al di là di chi ancora non si è reso conto di quello che è accaduto e di quello che rapidamente accadrà, la liquidità immessa in circolazione per salvare Banche & Company dovrà necessariamente essere riassorbita da parte delle banche centrali. Come? Semplice,per chiunque mastichi un po' di economia (quando non solo di matematica da quinta elementare): inflazione. E quindi rialzo dei tassi di interesse. Presto o tardi che sarà (presto, presto...) la percezione che "il peggio è passato" (complici i media che tale percezione vogliono veicolare a tutti i costi seguendo i diktat della politica e dell'economia) sortirà l'effetto di vedere un rincaro dei prezzi delle materie prime, e dunque anche al dettaglio. Si badi bene, non solo al dettaglio relativamente a oggetti di carattere superfluo, ma soprattutto di quelli indispensabili,come cibo,utenze e servizi.e quindi,come implicazione,le banche centrali saranno "costrette" ad alzare i tassi di interesse. Rastrellando tutto il possibile dalle nostre tasche. Con le conseguenze che tutti possono immaginare. In pratica sino a ora si è tentato di applicare un cerotto costosissimo (a spese di tutti noi) su una arteria recisa. Presto il cerotto salterà, come è nell'ordine delle cose,e dal punto di vista economico - visto che abbiamo già ipotecato tutto e per generazioni - non avremo altra alternativa che veder esplodere tutto con ancora più fragore. Chi per primo proverà a ipotizzare una tipologia di vita molto differente da quella di oggi, chi per primo si abituerà anche psicologicamente alla cosa, quando non proprio dal punto di vista pratico, sarà avvantaggiato. Ma la prima operazione da fare è scrollarsi di dosso la tossicità delle stronzate che ci raccontano e che ci vogliono far credere. Valerio Lo Monaco Lo Monaco 7

10 REPORTAGE I Karen non mollano mai Noi non ci battiamo di certo per portare la democrazia a Rangoon. La democrazia non ci interessa. I karen non hanno nessuna intenzione di invadere il territorio di uno stato sovrano, ne di intromettersi nei suoi affari; ma ci deve essere garantita l inviolabilità della nostra terra, in cui riposano i nostri Padri. Saremo sempre disposti a morire, per ottenere il rispetto della nostra identità e per tenere la droga lontana dal nostro Paese. di Franco Nerozzi Il giovane guerrigliero che mi precede ha il passo di un velocista. Sembra impossibile che con quelle vecchie infradito di gomma ai piedi riesca ad arrampicarsi sul ripido sentiero senza la minima incertezza. Sta piovendo da almeno un ora, e la terra rossa del camminamento si è trasformata in un viscido sapone che fa slittare verso valle i miei anfibi original U.S.A. impedendomi di tenere il ritmo della mia guida. Il ragazzo si gira, osserva i passi incerti dell ospite, ne sente il respiro affannoso. Senza cambiare espressione sul suo serio volto sbarbato si ferma, finge di accusare un momento di stanchezza, si toglie il basco verde e usandolo come un ventaglio si fa aria, concedendomi qualche minuto per riprendere un po di fiato. La Birmania, per un visitatore clandestino, inizia così. Interminabili salite sui fianchi di montagne ricoperte da una prepotente vegetazione che avevi visto soltanto nei film sulla guerra del Vietnam. Poi discese a valle e rovinose scivolate verso torrenti ingrossati dalle piogge monsoniche. E ancora nuove scalate, con le mani che trovano insi- 8 -

11 Guerra perenne. Per mantenere la propria terra e la propria cultura da tramandare ai propri figli. 9 -

12 diosi appigli su tronchi coperti di affilate spine. Alle nostre spalle il confine thailandese, attraversato guadando in tutta fretta un fiume ed eludendo i controlli delle numerose guardie di frontiera che pattugliano la regione. La colonna, formata da una quindicina di guerriglieri, è diretta ad un avamposto dell Esercito di Liberazione Karen, il gruppo armato più attivo nella guerra contro il regime birmano. Di tanto in tanto i volontari rompono il silenzio per avvisare qualche compagno della presenza di una sanguisuga sui suoi polpacci. Metti delle sigarette sbriciolate nei calzettoni mi raccomanda Ba Wah, anziano infermiere militare, specializzato nelle amputazioni degli arti inferiori Alle sanguisughe l odore del tabacco non piace. Si fermeranno alle caviglie e ti lasceranno in pace le zone più sensibili. Ripongo nello zaino l inutile repellente chimico e sfilo il pacchetto di sigarette dalla tasca. Ba Wah ha solo cinquanta anni, ma è considerato il nonno della compagnia. L aspetto è quello di un elfo dei racconti di Tolkien. Non supera il metro e sessanta, ha due occhi neri e lucidi che ti penetrano con cordiale e straordinaria vivacità. Indossa un sarong (una gonna che fa parte dell abbigliamento tradizionale delle genti di Birmania) il cui colore sgargiante ha ben poco a che vedere con i manuali di mimetizzazione militare. Per trent anni infermiere personale dell eroe della resistenza Karen, il carismatico e spietato Generale Bo Mya, ha partecipato alle più importanti battaglie attraverso le quali questa orgogliosa popolazione, insediatasi in Birmania anni fa, ha fatto fronte al tentativo di genocidio condotto contro di essa dai diversi governi che si sono succeduti a Rangoon. Ba Wah dispensa consigli e ordini, è adorato e temuto come un padre dai numerosi ragazzi che lo interrogano per ascoltare i suoi racconti di guerra. L esercito di liberazione è formato in gran parte da loro, giovanissimi soldati che hanno lasciato volontariamente i campi profughi in Thailandia per battersi e morire per la rivoluzione Karen, quella via di lotta e sacrificio indicata sessant anni fa da Saw Ba U Gy, l eroe/martire della sollevazione contro i Birmani. Nessuna resa. Mai Per noi l ipotesi di una resa è fuori discussione - ci dice il Colonnello Nerdah Mya, comandante operativo di tre battaglioni del Karen National Liberation Army (KNLA) e finchè non verrà riconosciuto pienamente il nostro stato noi resteremo a batterci in questa giungla. Nerdah ci accoglie nell avamposto, cinque capanne di bambù coperte da teli di nylon bucherellato sotto i quali una quarantina di volontari si riparano dai frequenti scrosci 10 LA VOCE DEL RIBELLE

13 di pioggia. Il campo è una installazione provvisoria. La guerriglia è in costante movimento. Si resta una, due, tre settimane, a volte un mese. Poi ci si sposta su un altra collina, invisibili al nemico, ma sempre a ridosso di esso. Lo si colpisce con un colpo di cecchino. Con una imboscata. Con delle mine fatte in casa. L intento è quello di far capire agli invasori che non hanno un vero controllo sul territorio di cui si sono impossessati. Questo avamposto è un mare di fango. I giovani dormono su delle amache, per proteggersi da melma e sanguisughe. Raccolgono l acqua piovana per bere e lavarsi. Trascorrono la giornata tra pattugliamenti e snervanti attese. L orecchio incollato ai walkye talkye per intercettare le conversazioni dei reparti birmani. La nostra visita risulta così un piacevole diversivo dopo quattro mesi di isolamento nella giungla. C è da credere alle parole di Nerdah quando dice che i Karen non si arrenderanno: il K.N.L.A. resiste infatti dal 1949 alle offensive che i birmani sferrano con regolarità ad ogni stagione secca (novembre marzo) e che tutte le volte il regime di Rangoon descrive come il colpo finale contro i terroristi. Male armati (buona parte dei fucili in uso sono reperti dei conflitti di Vietnam e Cambogia), schiacciati in una lunga ma stretta lingua di terra a ridosso del confine thailandese, colpiti da malaria, tubercolosi e infezioni gastrointestinali, incalzati dai reparti speciali birmani, i combattenti Karen non mollano. Dalla loro parte la forza della causa, la conoscenza capillare di ogni angolo di giungla, la straordinaria capacità di combattere per settimane senza quasi cibarsi, l attaccamento alla propria terra. Sono uomini della foresta, e dalla foresta e dai suoi Spiriti traggono riparo e aiuto. Di fronte a loro, uno degli eserciti più equipaggiati del Sud Est Asiatico, che riceve armamenti da Cina, India, Pakistan, Singapore e Israele, che ottiene da Tel Aviv sofisticati sistemi di rilevazione ed intercettazione delle comunicazioni radio, che manda in Australia i membri della propria polizia ad imparare le nuove tecniche antiterrorismo. Una forza armata al servizio di un regime che pur governando un paese con il reddito pro capite tra i più bassi al mondo, garantisce un tenore di vita da sultani ai suoi gerarchi, unici beneficiari di contratti miliardari con le multinazionali occidentali e di accordi criminali con i produttori e i trafficanti di stupefacenti. A noi non interessa la politica interna della Birmania prosegue Nerdah mentre col machete ci pulisce una grossa noce di cocco Noi non ci battiamo di certo per portare la democrazia a Rangoon. La democrazia non ci interessa. I karen non hanno nessuna intenzione di invadere il territorio 11

14 di uno stato sovrano, ne di intromettersi nei suoi affari; ma ci deve essere garantita l inviolabilità della nostra terra, in cui riposano i nostri Padri. Saremo sempre disposti a morire, per ottenere il rispetto della nostra identità e per tenere la droga lontana dal nostro Paese. Parla un perfetto inglese il giovane ufficiale, ultimogenito dell eroe nazionale. Per questo ragazzo dallo sguardo amichevole l anziano guerriero Bo Mya, il combattente che i generali di Rangoon non sono mai riusciti a comprare ne a sconfiggere, aveva programmato una esistenza normale, lontana da quella giungla infestata da mine antiuomo, percorsa dalle squadre della morte birmane, teatro di esecuzioni di massa, stupri sistematici, torture. Lo aveva spedito negli Stati Uniti, pensando di non rivederlo mai più. Studiavo in un college, frequentavo corsi di letteratura, pittura, recitazione dice Nerdah sorridendo, quasi vergognandosi di quel passato nella bambagia di una società occidentale - Ma nel 1995, mentre mi trovavo qui per una breve visita alla mia famiglia, una grande offensiva sgretolò il fronte, l esercito Karen fu costretto alla fuga, decine di migliaia di profughi si riversarono in Thailandia per cercare una via di salvezza. Anche molti combattenti si rifugiarono nei campi di accoglienza. Sembrava l epilogo della rivoluzione Karen. In quelle drammatiche giornate,il giovane studente di letteratura prende la sua decisione: non partirà più per tornare alla comoda vita del college americano. Rimane tra la sua gente, e affianca il padre e i fratelli nella proibitiva impresa di riorganizzare la resistenza. Sarebbe stato come tradire il mio popolo, mi sarei vergognato per tutta la vita se me ne fossi andato prosegue Riprendemmo la lotta con trenta soldati, che erano stati le guardie del corpo di mio padre. Ottenemmo clamorosi successi con operazioni temerarie e lanciammo così il segnale che i Karen erano ancora decisi a battersi come prima. Ben presto, incoraggiati da queste notizie, molti giovani si unirono a noi. Oggi possiamo contare su cinquemila combattenti, tutti volontari, tutti profondamente motivati. La questione birmana inizia con la concessione dell indipendenza da parte della Gran Bretagna al termine del secondo conflitto mondiale. Il Paese è un mosaico di antichissime etnie che parlano 12 LA VOCE DEL RIBELLE

15 lingue diverse, che si rifanno a differenti Tradizioni, che si guardano con sospetto. È logico quindi ipotizzare che la fine del dominio coloniale porterà alla formazione di un certo numero di stati, magari collegati in una forma federale, ma dotati di ampia autonomia. Il trattato di Panglong, firmato dal capo del primo governo, Aung San, (padre dell attuale icona della lotta per la democrazia in Birmania) stabilisce sensatamente che i principali gruppi etnici potranno rendersi indipendenti entro dieci anni dall entrata in vigore dell accordo. Ma poco dopo la firma, Aung San viene ucciso, il suo governo rovesciato, e i golpisti fanno carta straccia del trattato. Autonomia e bando alle droghe Da allora i Karen si battono per la propria autonomia, come almeno altri sei o sette gruppi etnici maggiori. Con un grande tratto caratteristico, che li rende unici nella vicenda: per ragioni etiche si rifiutano di farsi coinvolgere nella produzione o nel traffico di stupefacenti, carburante della giunta militare ma anche delle formazioni armate che la combattono. La droga non è soltanto un male accidentale per la società che la usa spiega il Colonnello Nerdah Mya La droga è anche una vera e propria arma utilizzata per distruggere la resistenza di un popolo e per annientare la dignità degli uomini che lo compongono. Per questo siamo costretti ad essere molto severi, quasi brutali nel punire chi la usa e chi la vende. La gerontocrazia birmana trae buona parte dei suoi guadagni dal traffico di stupefacenti, ma una voce importante del suo bilancio è legata a due colossi occidentali della produzione di carburante, la francese Total e l americana Chevron. Le due compagnie fanno parte del consorzio che ha costruito il gasdotto di Yadana, una pipeline che porta il gas birmano dai ricchi giacimenti del Mar delle Andamane fino in Thailandia, procurando al governo introiti da centinaia di milioni di dollari ogni anno. Alla costruzione del gasdotto e delle infrastrutture militari che lo proteggono hanno lavorato in condizioni di schiavitù uomini, donne e bambini di etnia Mon e Karen. I battaglioni del Tatmadaw (l esercito birmano) si sono lasciati andare a violenze gratuite sugli abitanti dei villaggi che man 13

16 mano venivano incendiati per far posto al gasdotto. Nonostante decine di migliaia di persone siano state deportate forzatamente dalle loro terre per essere rinchiuse in insediamenti modello sotto il diretto controllo delle forze armate di Rangoon, i colletti bianchi delle multinazionali coinvolte, gli esperti di marketing e di immagine, cercano di far passare agli occhi della pubblica opinione i remunerativi contratti firmati con i Generali come imprese dalle positive ricadute sulle popolazioni locali. Un portavoce della Chevron, recentemente interrogato sulla opportunità di ritirare dal consorzio di Yadana l azienda statunitense, ha risposto che di fronte all uscita di scena del suo gruppo assisteremmo all immediato arrivo di una compagnia cinese, pronta a proseguire gli investimenti nel settore energetico. Una verità, che chiarisce ancora una volta l essenza del problema birmano, copia di altre situazioni internazionali in cui il fattore economico-finanziario resta in primo piano nelle decisioni riguardanti la vita di popoli e comunità. Thailandia, Cina e Birmania, ma come abbiamo visto anche numerosi paesi occidentali, sono legati tra di essi da contratti miliardari legati allo sfruttamento delle risorse naturali della regione. I Cinesi stanno per costruire un altra diga sul fiume Salween dice Ba Wah mentre pulisce il suo AK 47 arrugginito La diga farà scomparire sotto l acqua le terre dei Karen. I Cinesi hanno un accordo con Birmani e Thailandesi per rendere sicura la zona contro eventuali attacchi da parte nostra. Così l esercito birmano ci darà la caccia, e la polizia di frontiera thailandese ci bloccherà il passaggio di cibo, medicinali e rifornimenti per compiacere i potenti partner commerciali. Ma non abbiamo scelta, dovremo impedire che si faccia quella diga Non vogliamo essere fraintesi ha dichiarato Li Ruogu, presidente della Export-Import Bank of China, principale finanziatrice delle numerose opere di costruzione di dighe sui fiumi della regione Karen Vogliamo che la gente capisca che non stiamo distruggendo l ambiente. Stiamo aiutando la nazione a progredire. Altro che progresso A pagare il prezzo più alto di questo progresso è la popolazione civile. In queste aree di confine sono almeno i profughi interni, persone che hanno dovuto abbandonare i loro villaggi per l arrivo delle truppe birmane e che ora sopravvivono in condizioni miserevoli in rifugi di fortuna sotto la precaria protezione del KNLA. Incontriamo intere famiglie, reduci da fughe da incubo, inseguite dai soldati birmani e dalle milizie di collaborazio- 14 LA VOCE DEL RIBELLE

17 nisti Karen, partigiani, o meglio banditi filo birmani, passati al nemico quindici anni fa, in cambio di una partecipazione ai lucrosi affari legati all eroina e al taglio di legname pregiato. Le storie di questi uomini scalzi, di queste donne dallo sguardo vuoto che tengono in braccio bambini febbricitanti descrivono scenari da film dell orrore. Sono arrivati all imbrunire racconta allattando al seno la sua bambina Naw Paw Leh Hanno preso il capo villaggio accusandolo di avere legami con i guerriglieri. Gli hanno versato addosso una pentola di acqua bollente per farsi dire dove erano accampati gli uomini del KNLA. Lui non sapeva nulla. Allora l ufficiale ha ordinato ai suoi soldati di violentare la figlia. Aveva undici anni.. Il mondo libero si straccia le vesti per la mancanza di democrazia a Rangoon, ma le sue aziende fanno affari con gli aguzzini, a spese delle minoranze etniche. La logica mondialista prevede che in Birmania il regime cambi, prima o poi, e che al governo vada qualche volto rassicurante, presentabile. Sarà un cambiamento curato dagli esperti di marketing politico. L importante è che gli affari non crollino. Il problema dei popoli della foresta allora non muterà volto. Chi si batte per preservare la propria specificità culturale, per difendere la sua terra dallo stupro delle grandi opere, per continuare a parlare la propria lingua e adorare le proprie divinità, lontano dalle sirene del supermarket globale, rappresenterà sempre un seccante problema per i fautori del nuovo ordine mondiale. Il selvaggio Ba Wah, l uomo che senza aver mai studiato medicina viene chiamato dottore dai suoi pazienti, il piccolo elfo che legge la Bibbia ma ascolta la voce degli Dei nel vento che scuote i bambù ha compreso più di ogni altro l essenza del problema. Sono infuriato mi dice mentre mi allunga un piatto di riso salato, unico pasto per i soldati al fronte Nei campi profughi gli americani stanno distribuendo ai giovani Karen i permessi per andare negli Stati Uniti.Ti rendi conto? Noi siamo qui a batterci per costruire una nazione, abbiamo bisogno della nostra gente, dei nostri ragazzi. Dobbiamo ripopolare la regione Karen, se vogliamo avere una speranza di sopravvivenza. Non si rendono conto che incoraggiando l emigrazione faranno scomparire il nostro popolo?. Sì, caro Ba Wah. Se ne rendono perfettamente conto. testo e fotografie di Franco Nerozzi 15

18 Popoli Solidarietà per l Identità. Nello stato Karen agiscono pochissime organizzazioni umanitarie. L ingresso nelle zone abitate dai Karen è infatti proibito dalle autorità birmane, quindi l unico intervento possibile è quello clandestino. Le grandi ONG si fermano in Thailandia, operando nei campi profughi ufficiali, che ospitano circa persone. Ma oltre confine, dove profughi interni rischiano di morire per mancanza di cibo e di medicinali, solo piccoli gruppi di volontari si avventurano rischiando l arresto da parte delle guardie di frontiera thailandesi o la cattura da parte delle truppe birmane. Una di queste organizzazioni è Popoli. (www.comunitapopoli.org) La Comunità Solidarista Popoli è nata nel febbraio del 2001 allo scopo di portare sostegno concreto a persone in grave difficoltà a causa di guerre, epidemie, povertà, calamità naturali. L organizzazione indirizza i suoi interventi verso popolazioni che ritiene particolarmente meritevoli di aiuto sulla base di caratteristiche etiche, morali e spirituali, privilegiando quei gruppi umani costretti a lottare per difendere la propria libertà, i propri valori tradizionali, la propria identità. In contrasto con la tendenza all omologazione culturale dei popoli, incoraggiata da lusinghe o ricatti economici quando non imposta con la forza delle armi, la Comunità Solidarista si riconosce nel principio della preservazione delle diversità, condizione indispensabile al contenimento degli evidenti squilibri e delle profonde ingiustizie provocate dal nuovo ordine mondiale. Dal febbraio 2001 ad oggi grazie all intervento di Popoli sono state realizzate quattro cliniche mobili e tre scuole elementari nella regione Karen. I medici della Comunità hanno compiuto diverse rischiose missioni per curare pazienti che non vedevano un farmaco da molti anni. Le cliniche servono un bacino di utenza di circa persone. Le scuole elementari consentono ai bambini Karen di mantenere la propria lingua e di apprendere la storia del popolo a cui appartengono, contribuendo così alla preservazione della loro identità. Da qualche anno Popoli collabora con altre Onlus italiane, come L Uomo Libero e Navigare Necesse Est, grazie alle quali, con la partecipazione della Regione Trentino Alto Adige e del Comune di Roma, sono stati realizzati dei villaggi agricoli nello stato Karen, allo scopo di favorire il ripopolamento della regione e l autosufficienza alimentare dei suoi abitanti. Gli aderenti a Popoli fanno opera di volontariato puro: nessuno di loro percepisce un compenso per il lavoro che svolge. 16 LA VOCE DEL RIBELLE

19 ANALISI Fine della crisi. Forse, insomma, chissà I banchieri continuano a ragionare solo da banchieri: evitato il crac dicono che il peggio è passato. Forse per loro. Non certo per noi di Federico Zamboni Dice Ben Bernanke, presidente della Federal Reserve statunitense dal 2006 e riconfermato da Obama fino al 2014 per aver allontanato l economia da una depressione : «Da un punto di vista tecnico, la recessione è molto probabilmente terminata». E aggiunge: «Ho visto un certo consenso tra i previsori riguardo il fatto che siamo in ripresa, ma il punto di vista prevalente tra loro è che il ritmo della crescita nel 2010 sarà moderato». Purtroppo, però, «si avvertirà un economia molto debole per un certo tempo in quanto molte persone sentiranno ancora che la loro sicurezza lavorativa e il loro status occupazionale non sarà quello desiderato». Incredibilmente, queste dichiarazioni di metà settembre sono state accolte come se fossero positive. Positive non soltanto per il sistema finanziario, che era destinato al tracollo e si è salvato grazie agli sterminati finanziamenti da parte dei governi, ma anche per l economia nel suo complesso. La menzogna sottintesa è proprio questa: che quello che va bene per le banche vada bene, o prima o dopo, anche per il resto della società. Imprese, lavoratori, cittadini. L altro aspetto interessante, che i grandi media si sono ben guardati dall evidenziare, è che le parole di Bernanke riescono a essere simultaneamente vaghe, ipocrite e capziose. Espressioni come da un punto di vista tecnico, un certo consenso tra i previsori, si avvertirà un economia molto debole e molte persone sentiranno ancora che la loro sicurezza lavorativa e il loro status occupazionale non sarà quello desiderato, sono in parte impressioni spacciate per analisi e in parte eufemismi. Eufemismi rivoltanti, bisogna aggiungere. I milioni di uomini e donne che hanno perso il posto di lavoro e non riescono, e non riusciranno, a trovarne un 17 -

20 altro non sono persone che sentiranno ancora eccetera eccetera. Sono individui che hanno perso la loro fonte di reddito e, insieme ad essa, l architrave della loro identità sociale e del loro avvenire come singoli e come membri di una famiglia serena, già costituita o di là da venire. Non stiamo aleggiando nel mondo delicato delle sensazioni. Annaspiamo, o sprofondiamo, nel mondo concreto e doloroso, per non dire tragico, della vita reale. Che va a rotoli. Che va a puttane. Silence, please La verità sarebbe semplicissima, solo che è un tabù: nessuno sa con certezza che cosa accadrà nei prossimi mesi e, a maggior ragione, nei prossimi anni.troppe variabili.troppe incognite.troppe esigenze contrastanti che collidono tra loro in una tensione permanente che non si può eliminare e che, per questo e per le sue potenzialità distruttive, ricorda l attrito delle faglie tettoniche. Che ci sono anche se non si vedono. Che si muovono, pericolosamente, all insaputa dei più. Quello che sta accadendo davvero, vedi anche quest ultima farsa del G20 di Pittsburgh che spaccia come massimo allarme planetario la minaccia atomica iraniana, è che i potentati economici e politici occidentali stanno cercando di capire come riformulare l equazione del loro dominio. Come farcela a restarsene tranquillamente al comando anche dopo aver dimostrato di non esserne degni e, quel che forse è ancora peggio, apprestandosi a trasformare le difficoltà sociali causate dalla crisi in un peggioramento permanente delle condizioni di vita. Il dato di fatto da cui bisognerebbe partire è che i problemi strutturali dell economia occidentale, e in particolare di quella statunitense, sono tutt altro che superati. Essendo appunto strutturali, a cominciare dalla carenza di liquidità, sono impossibili da rimuovere. Hanno portato al crollo dei mercati e lasceranno dietro di sé guasti enormi, soprattutto per quanto riguarda l occupazione. A meno che non si creino ulteriori bolle speculative e vale la pena di ricordare che nella medesima conferenza stampa citata in apertura l ineffabile Bernanke ha anche detto che il fenomeno dei derivati di Borsa «almeno nel medio termine non tornerà alle dimensioni che aveva in precedenza», dove l espressione chiave è ovviamente almeno nel medio termine e prelude a un successivo recupero di questa pratica abietta e velenosa, non appena le acque si saranno calmate e la memoria del disastro si sarà attenuata quanto basta a far sì che la cosa venga accettata pacificamente bisognerà abituarsi a vivere in una società in cui circola meno denaro. E in cui le conseguenze negative di questa diminuzione le sconta, manco a dirlo, la gente qualsiasi, non certo le oligarchie che detengono il potere finanziario. Comunque vada a finire, la preesistente illusione di una crescita continua e illimitata da una parte del Pil, dall altra dei redditi e dei consumi della generalità della popolazione dovrà essere abbandonata. Quello che gli esperti sanno benissimo è che c è un vizio d origine, una sorta di inganno a priori, che è stato utilizzato per decenni e decenni 18 LA VOCE DEL RIBELLE

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

L associazione sarà presente con le sue iniziative e proposte e poi per tutti, uno sguardo attento alle proposte di

L associazione sarà presente con le sue iniziative e proposte e poi per tutti, uno sguardo attento alle proposte di Domenica 19 Ottobre 2014 SAGRA DI BAGGIO invito a partecipare una festa per tutte le età strade da attraversare piene di energia Dimensioni Diverse sarà presente con le sue iniziative e proposte L associazione

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Combattere alla radice la povertà

Combattere alla radice la povertà Combattere alla radice la povertà * Immigrazione Si calcola che negli Stati Uniti ci siano ormai circa 12 milioni di immigrati clandestini: sono una risorsa o un danno per il Paese? La nostra economia

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Programma di riabilitazione da droghe IL RITRATTO DELLA SPERANZA

Programma di riabilitazione da droghe IL RITRATTO DELLA SPERANZA TM Programma di riabilitazione da droghe IL RITRATTO DELLA SPERANZA Le persone che terminano veramente il programma riabilitativo Narconon restano sobrie per la vita. Senza droghe sostitutive o psicofarmaci

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare 1 scopri i 7 rischi che corri nell acquisto della tua nuova casa e le 3 soluzioni che possono salvarti dall acquisto sbagliato. 5 servizi che devi pretendere dall agenzia immobiliare 2 Che si tratti dell

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che Premessa «Il denaro è un mezzo e non un ne» si insegnava una volta, quando la scuola primaria si chiamava ancora elementare: ma oggi ha un senso questa frase? Sembrerebbe di no, osservando il nostro maltrattato

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

La Scorciatoia per Guadagnare Online

La Scorciatoia per Guadagnare Online La Scorciatoia per Guadagnare Online Sono anni che mi sgolo sul Blog per convincere le persone sul fatto che non esistono scorciatoie per Guadagnare con Internet. Sono anni che lo dico in tutte le salse,

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 Premessa 1/2 Il titolo del Convegno recita: «Siamo indebitati perché non siamo

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Diritto Internazionale Umanitario Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone DIRITTO Insieme di regole esterne alla morale o alla religione che disciplinano i rapporti sociali NAZIONALE: insieme di norme

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

I 5 errori più frequenti

I 5 errori più frequenti I 5 errori più frequenti degli ottici su di Mauro Gamberini In questo report scoprirai: i 5 errori più frequenti commessi dagli Ottici su FB Qual è l errore principale e perché non commetterlo i 5 motivi

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale Cos è l Oro? 1. L oro è il metallo più prezioso, è sinonimo di ricchezza ed eccellenza. 2. L oro non dipende dai governi. 3. L oro non è tassato. 4. L oro non ha scadenza e non si deteriora. 5. L oro non

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 PAESI DEL MONDO KENYA Il mio amico SAFARI di Massimo Leoncini febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 In questi giorni invernali di freddo, pioggia e neve mi sono trovato per caso a guardare le foto del bellissimo

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo Alice Walker Non restare muti Traduzione di Silvia Bre nottetempo 1. Tre anni fa Tre anni fa ho visitato il Ruanda e il Congo Orientale. A Kigali ho reso omaggio alle centinaia di migliaia di neonati,

Dettagli

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinchè vedessero chiaramente che cos era, disegnai l interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Ma che colpa abbiamo noi?

Ma che colpa abbiamo noi? Ma che colpa abbiamo noi? Il Debito Pubblico sta per raggiungere i duemila miliardi Quando in Italia ci si è resi conto che la politica, per convenienze personali e di partito, non sarebbe riuscita a gestire

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione 9

SOMMARIO. Introduzione 9 SOMMARIO Introduzione 9 Capitolo 1 In te c è uno spirito libero dai disagi 11 La mente vuota ti regala il benessere 14 Tu non sei i tuoi pensieri 19 Le immagini sono più forti dei tuoi pensieri 20 C è

Dettagli

I bambini soldato: situazione e cause

I bambini soldato: situazione e cause I bambini soldato: situazione e cause Sono più di 300.000 i minori di 18 anni attualmente impegnati in conflitti nel mondo. Centinaia di migliaia hanno combattuto nell'ultimo decennio, alcuni negli eserciti

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Disabilità in Albania: una cultura da costruire

Disabilità in Albania: una cultura da costruire Disabilità in Albania: una cultura da costruire Autore: Alban Trungu Categoria : Albania Data : 8 gennaio 2011 La Comunità Internazionale di Capodarco è una ONG italiana impegnata in Albania nel campo

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?...abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo

Dettagli

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader.

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. LA TRADER'S TRICK Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. Siamo realistici. Il trading è un business in cui chi ha più conoscenza

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne Newsletter n 6 Ottobre e Novembre 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE 10 anni di aumenti per le famiglie italiane a causa della dipendenza dalle fonti fossili! Telegiornali e quotidiani lo hanno raccontato con grande enfasi negli ultimi

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Solo le montagne non s incontrano mai

Solo le montagne non s incontrano mai Laura Boldrini Solo le montagne non s incontrano mai Storia di Murayo e dei suoi due padri Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06364-7 Prima edizione: marzo

Dettagli