4.1 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4.1 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE"

Transcript

1 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE E LE METODOLOGIE FORMATIVE CAPITOLO LE MODALITÀ DI EROGAZIONE Il questionario utilizzato per la rilevazione delle attività formative svolte nel 2002 ha proposto una nuova e più articolata scelta tra diverse modalità di erogazione, tenendo conto dell evoluzione delle metodologie e dell introduzione delle nuove tecnologie intervenuta nella formazione in questi ultimi anni. Per ogni singolo corso è stata rilevata anche la modalità di erogazione prevalente. Le scelte offerte, in maniera lievemente differenziata nei diversi livelli di governo, hanno introdotto accanto alla tradizionale metodologia d aula, modalità quali: e-learning, formazione intervento, learning-on-the-job, mantenendo modalità alternative già previste nel questionario degli scorsi anni, quali l autoapprendimento (precisando che ci si riferisce all utilizzo di CBT e CD-ROM), il laboratorio informatico e la videoconferenza (che, in precedenza, includeva anche altre modalità di formazione a distanza). Nel quadro sinottico (Tabella 1) sono indicate le ulteriori modalità rilevate rispetto al questionario proposto dalla SSPA lo scorso anno e le modalità rilevate invece nel questionario delle Regioni che, su questo tema, propone tipologie definite in modo leggermente diverso. Tabella 1 - EROGAZIONE: LE MODALITÀ RILEVATE QUESTIONARIO 2001 QUESTIONARIO 2002 QUESTIONARIO REGIONI Aula Aula Aula frontale Aula unidirezionale e convegni Aula e laboratorio informatico Laboratorio informatico Autoapprendimento Autoapprendimento Autoformazione Formazione intervento Intervento-obiettivo Learning on the job Applicativo (learning on the job) Dimostrativo (mostre) Videoconferenza e FAD Videoconferenza Videoconferenza E-learning E-learning Le modifiche introdotte permettono una più attenta lettura delle modalità di erogazione e della loro rilevanza in termini di: numero di partecipanti e di ore erogate e fruite; metodologie di erogazione prevalenti rispetto alle diverse tematiche; alla tipologia degli utenti della formazione. 6 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2 CAPITOLO 4 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE E LE METODOLOGIE FORMATIVE Tabella 2 - MODALITÀ DI EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE - NUMERO DI PARTECIPANTI AMMINISTRAZIONE AULA AUTO- E-LEARNING FORMAZIONE LABORATORIO LEARNING VIDEO- TOTALE APPRENDIMENTO INTERVENTO INFORMATICO ON THE JOB CONFERENZA ORE FRUITE PCM e Ministeri Sicurezza Organi dello Stato Autorità Enti pubblici Università Camere di Commercio Regioni (*) Province Comuni Nota: *il dato delle regioni è stimato e la voce formazione intervento comprende il laboratorio informatico; la voce learning on the job comprende le mostre; elaborazioni su 48 atenei, 58 Provincie e 175 Comuni Tabella 3 - MODALITÀ DI EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE - ORE FRUITE AMMINISTRAZIONE AULA AUTO- E-LEARNING FORMAZIONE LABORATORIO LEARNING VIDEO- TOTALE APPRENDIMENTO INTERVENTO INFORMATICO ON THE JOB CONFERENZA ORE FRUITE PCM e Ministeri Sicurezza Organi dello Stato Autorità Enti pubblici Università Camere di Commercio nd nd nd nd nd nd nd nd Regioni Province Comuni Nota: *il dato delle regioni è stimato e la voce formazione intervento comprende il laboratorio informatico; la voce learning on the job comprende le mostre; elaborazioni su 48 atenei, 58 Provincie e 175 Comuni L aula continua ad essere la modalità più frequente, sia in termini di partecipanti che di corsi e ore erogate per tutti i comparti. Pur rappresentando, quindi, la modalità prevalente di erogazione, in alcuni comparti la sua rilevanza risulta essersi ridotta. Nel comparto PCM e Ministeri i partecipanti ai corsi svolti in aula calano dall 89% del 2001 al 73% di quest anno. Al contrario, la modalità laboratorio informatico sale, anche se in modo non rilevante. Nel medesimo comparto è da sottolineare anche il dato relativo alla modalità learning-on-the-job che si attesta all 8%. La rilevanza di questa modalità di erogazione è segnalata anche dal dato sulle ore fruite, che risultano essere il 9% del totale; le rilevazioni sul learning-on-the-job, vista la sua caratteristica di diluirsi nell attività lavorativa, sono di difficile quantificazione, soprattutto per quanto riguarda i dati sulla durata delle attività RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2002

3 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE E LE METODOLOGIE FORMATIVE CAPITOLO 4 Nel comparto Enti pubblici è interessante notare come, a fronte di un calo dei partecipanti nella fruizione della modalità d aula pari al 17% rispetto al 2001, vi sia quest anno un incidenza molto significativa del numero di utenti formato con la modalità learningon-the-job (35%). Anche per gli altri comparti si rileva una generalizzata, seppur lieve, flessione della modalità d aula mentre, per quanto riguarda la modalità laboratorio informatico, questa subisce variazioni lievi verso l alto per quanto riguarda Università e Comuni, verso il basso per le Province. La formazione-intervento (o intervento-obiettivo, come è definita nel questionario delle Regioni) si accinge a divenire una metodologia diffusa soprattutto nelle Regioni, ma anche in Province e Comuni. Nelle Camere di Commercio tale metodologia è già utilizzata da tempo per la realizzazione di programmi formativi. L utilizzo del learning-onthe-job e delle altre modalità di erogazione, in questi comparti, è piuttosto sporadico e non rilevante. In questo ambito il caso dell INPS si conferma - come per lo scorso anno - assolutamente significativo. L INPS, infatti, svolge un elevato volume di attività formative e, al contempo, utilizza in modo assai rilevante metodologie di formazione non tradizionali, anche in risposta alle esigenze della propria struttura - numerosa e decentrata sull intero territorio nazionale - ed alle esigenze formative del proprio personale, che necessita di interventi di aggiornamento tecnico-specialistico molto tempestivi ed omogenei. La combinazione di questi elementi fanno sì che i dati dell INPS determinino in modo diretto qualsiasi considerazione sul comparto Enti pubblici (in cui l INPS rappresenta il 45% del personale considerato in questa rilevazione, e ben l 82% dei partecipanti ad attività formative) ed influenza significativamente l intero complesso delle Amministrazioni centrali. Dal punto di vista dell offerta è significativo ricordare che la SSPAL, anche nel 2002, ha dedicato molti sforzi alla realizzazione di progetti che prevedono il perfezionamento e la diffusione nell utilizzo di attività di FAD (Capitolo 11.5). Di notevole interesse è il progetto di Campus virtuale realizzato presso la Scuola e disponibile on line, che sviluppa modelli formativi misti dati dalla sinergia tra aula e tecniche di formazione a distanza. Appare anche interessante rilevare come, per le scuole del sistema ASFOR, che possiamo considerare rappresentative della fascia più qualificata dell offerta esterna, privata e pubblica, il learning-on-the-job rappresenti, dopo l aula, la modalità più utilizzata (23,6% dei corsi) (Capitolo 5.4). Risulta di particolare interesse, inoltre, rilevare come determinate aree tematiche tendano ad essere particolarmente adatte all utilizzo di modalità diverse dall aula. Sia per le Amministrazioni centrali che per Comuni e Province i temi dell informatica risultano avvalersi di diverse modalità: learning-on-the-job (41% dei corsi realizzati) e autoapprendimento (77%) per le prime, laboratorio informatico ed e-learning per gli Enti locali (Capitolo 8). 6 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 CAPITOLO 4 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE E LE METODOLOGIE FORMATIVE Sia nelle Amministrazioni centrali che locali la formazione-intervento assume particolare rilevanza per l area organizzazione e personale e l area tecnico-specialistica. La stessa modalità è diffusamente utilizzata nell area multidisciplinare, ma solo per le Amministrazioni centrali. La videoconferenza, in genere poco diffusa, è utilizzata nelle Amministrazioni centrali e nei Comuni, prevalentemente per l area economico-finanziaria. La modalità d aula è ancora prevalente, invece, su un area tradizionale quale quella giuridico-normativa; nei Comuni, per la stessa area, è utilizzata diffusamente anche la modalità in autoapprendimento. Nelle Amministrazioni centrali, per quanto riguarda le modalità diverse dall aula, è interessante sottolineare che queste coinvolgono soprattutto dipendenti delle categorie A, B, C e funzionari. Relativamente ai dirigenti, invece, le modalità maggiormente utilizzate sono l aula e la formazione-intervento, con un dato rilevante nel comparto PCM e Ministeri nell uso della modalità di e-learning (utilizzata dal 18% dei dirigenti). Nel comparto PCM e Ministeri, infine, tra gli utenti del laboratorio informatico e i partecipanti che utilizzano la modalità learning-on-the-job, gli uomini risultano assolutamente in maggioranza RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2002

5 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE E LE METODOLOGIE FORMATIVE CAPITOLO LE METODOLOGIE FORMATIVE E LE TIPOLOGIE DI DOMANDA Quest anno, nell indagine relativa al 2002, le metodologie adottate nella formazione sono state maggiormente approfondite rispetto ai precedenti Rapporti, in quanto la nuova formulazione del quesito relativo alle modalità di erogazione consente di individuare, con precisione, modalità formative che rappresentano scelte metodologiche ben precise. Formazione-intervento, e-learning, learning-on-the-job, autoapprendimento, non sono soltanto modalità di erogazione particolari, ma implicano - in modo molto diverso - approcci di tipo metodologico, modalità di progettazione, decisioni circa i percorsi di apprendimento e infrastrutture logistiche specifiche. Un approfondimento non solo della rilevanza di queste metodologie, ma anche delle implicazioni in termini di contenuti e di utenti nella scelta tra queste metodologie diverse, è stato svolto nel paragrafo 4.1. Alcuni approfondimenti di comparto, inoltre, dedicano un opportuna attenzione a come le Amministrazioni esprimano la propria domanda di servizi, in altri termini alla tipologia di servizio che prediligono. Sono messe a confronto la formazione progettata specificamente su richiesta della singola Amministrazione con la formazione a catalogo; nel caso degli Enti locali è anche individuata la formazione realizzata a richiesta dei partecipanti che, si può presumere, si realizza sostanzialmente attraverso la partecipazione degli interessati a corsi a catalogo. Nel caso delle Regioni il 92% delle giornate di formazione erogate è stato realizzato nel 2002 su specifica dell Amministrazione (questa modalità è definita formazione programmata) con una sostanziale stabilità rispetto al dato dell anno precedente: la formazione programmata rappresenta però l 80% della spesa, segnalando una maggiore onerosità della formazione a catalogo. Per quanto concerne gli Enti locali la formazione progettata su specifiche dell Ente risulta nel 2002 in forte crescita per le Province (dal 30% dei corsi nel 2000 al 42% nel 2002), mentre è sostanzialmente stabile per i Comuni (dal 40 al 43% dei corsi). Ciò comporta una sostanziale stabilità della formazione a catalogo per i Comuni, che passa nel triennio dal 42% al 40%, mentre risulta in calo per le Province (dal 55% nel 2000 al 43% nel 2002). 6 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

6 CAPITOLO 4 LE MODALITÀ DI EROGAZIONE E LE METODOLOGIE FORMATIVE La formazione su domanda dei dipendenti ha un andamento meno univoco ma si colloca, sia per le Province che per i Comuni, tra il 15 e il 20% in tutto il triennio preso in esame; nell ultimo anno si assiste ad una lieve crescita nei Comuni, da ricollegarsi probabilmente all ampliamento del campione. Questa modalità è, infatti, più diffusa nei Comuni di piccole dimensioni, rispetto ai Comuni più grandi. Le tematiche per le quali risulta più frequente la progettazione su specifiche dell Ente è costituita, sia per le Province che per i Comuni, dai corsi multidisciplinari, dalle iniziative di formazione manageriale, dalle attività sul tema della comunicazione. Al contrario, si ricorre al catalogo per le tematiche economico-finanziarie e per molte attività tecnico-specialistiche. Le richieste dei dipendenti si orientano prevalentemente, nel caso dei Comuni, sulle tematiche economiche, da un lato, e sui contenuti tecnico-specialistici dall altro, scelta quest ultima condivisa anche dal personale delle Province. L approfondimento relativo alle Camere di Commercio non dedica una specifica analisi a questo aspetto, ma può essere interessante notare - considerata la rilevanza per il comparto della formazione erogata dalle strutture appartenenti - che l Istituto Tagliacarne realizza circa metà della sua attività su commessa, e metà a catalogo. Le scuole appartenenti all ASFOR realizzano il 65% delle proprie attività su progettazione specifica, di cui il 40% in risposta a bandi di gara, il 25% su commessa diretta delle Amministrazioni, e il restante 35% a catalogo RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2002

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI I DIVERSI CONTRIBUTI I dati per questo 11 Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione sono stati raccolti dall Osservatorio sui bisogni formativi nella PA istituito presso la SSPA, con il

Dettagli

1.1 ATTIVITÀ, PARTECIPAZIONE, INVESTIMENTO, ORGANIZZAZIONE

1.1 ATTIVITÀ, PARTECIPAZIONE, INVESTIMENTO, ORGANIZZAZIONE LA FORMAZIONE NELLA PA NEL 2003 PARTE I - CAPITOLO 1 1.1 ATTIVITÀ, PARTECIPAZIONE, INVESTIMENTO, ORGANIZZAZIONE L UNIVERSO DI RIFERIMENTO L indagine svolta per la realizzazione di questo 7 Rapporto ha

Dettagli

UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR

UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR PARTE II - CAPITOLO 4 UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR Attraverso il questionario di rilevazione, l ASFOR Associazione

Dettagli

5.4 UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR

5.4 UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR IL MERCATO DELLA FORMAZIONE CAPITOLO 5 5.4 UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR Tra i molti e qualificati fornitori di attività formative per le PA un ruolo di rilievo spetta anche

Dettagli

La formazione del personale nel sistema universitario

La formazione del personale nel sistema universitario La formazione del personale nel sistema universitario Premessa Il sistema universitario italiano è interessato, ormai da alcuni anni, da profondi cambiamenti che riguardano in particolare la tipologia

Dettagli

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI

NOTA METODOLOGICA I DIVERSI CONTRIBUTI I DIVERSI CONTRIBUTI I dati per questo 9 Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione sono stati raccolti dall Osservatorio sui bisogni formativi nella PA istituito presso la SSPA, con il Gruppo

Dettagli

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE NEL SISTEMA UNIVERSITARIO

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE NEL SISTEMA UNIVERSITARIO LA FORMAZIONE NEL SISTEMA UNIVERSITARIO PARTE I - CAPITOLO 6 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE NEL SISTEMA UNIVERSITARIO PREMESSA Negli ultimi anni, grande è stata la visibilità data alle teorie sullo sviluppo

Dettagli

la formazione nelle amministrazioni centrali parte i - capitolo 2

la formazione nelle amministrazioni centrali parte i - capitolo 2 p a r t e i - c a p i t o l o 2 l a f o r m a z i o n e n e l l e a m m i n i s t r a z i o n i c e n t r a l i la formazione nelle amministrazioni centrali parte i - capitolo 2 2. 1 l u n i v e r s o

Dettagli

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA 16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA Obiettivi della presentazione Illustrare i principali risultati

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

2.4 L ORGANIZZAZIONE DELLA FUNZIONE FORMAZIONE

2.4 L ORGANIZZAZIONE DELLA FUNZIONE FORMAZIONE LA FORMAZIONE NELLA PA: UN QUADRO ARTICOLATO CAPITOLO 2 2.4 L ORGANIZZAZIONE DELLA FUNZIONE FORMAZIONE CHI LAVORA NELLA FORMAZIONE La Direttiva Frattini indica la necessità di istituire, se assenti, strutture

Dettagli

5.1 L UNIVERSO DI RIFERIMENTO

5.1 L UNIVERSO DI RIFERIMENTO 5.1 L UNIVERSO DI RIFERIMENTO Il presente studio è stato condotto prendendo come universo di riferimento le 102 Camere di commercio, integrando le risposte pervenute (63 questionari pari al 61,2%) con

Dettagli

4. 1 L E A T T I V I T À F O R M A T I V E D E I C O M U N I

4. 1 L E A T T I V I T À F O R M A T I V E D E I C O M U N I LO SCENARIO DELLA FORMAZIONE NEL SISTEMA DELLE AUTONOMIE LOCALI PARTE I - CAPITOLO 4 4. 1 L E A T T I V I T À F O R M A T I V E D E I C O M U N I La presenza delle attività formative nei Comuni è costante

Dettagli

PRESENTAZIONE DEI CORSI AREA TEMATICA NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC)

PRESENTAZIONE DEI CORSI AREA TEMATICA NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC) PRESENTAZIONE DEI CORSI AREA TEMATICA NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC) L area NTC comprende sia corsi di Qualifica Professionale che corsi di aggiornamento tecnico/specialistico. I Corsi di Qualifica

Dettagli

15 Rapporto Nazionale sulla Formazione

15 Rapporto Nazionale sulla Formazione 15 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province Nicoletta Bevilacqua Ricerca e Monitoraggio Formez PA Obiettivi della presentazione Illustrare i principali risultati emersi dalla ricerca

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

L UNIVERSO DI RIFERIMENTO

L UNIVERSO DI RIFERIMENTO LA FORMAZIONE 2011 NELLE CAMERE DI COMMERCIO L UNIVERSO DI RIFERIMENTO L universo di riferimento è rappresentato da una rete di strutture che si sviluppa attorno a 105 nodi provinciali, organizzati e integrati

Dettagli

CAPITOLO 7 L ESPERIENZA DELLE REGIONI

CAPITOLO 7 L ESPERIENZA DELLE REGIONI CAPITOLO 7 L ESPERIENZA DELLE REGIONI L ESPERIENZA DELLE REGIONI CAPITOLO 7 7.1 LA FORMAZIONE NELLE REGIONI Nell ultimo decennio si sono susseguiti una pluralità di provvedimenti finalizzati al miglioramento

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE...

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... consulman Il Gruppo Consulman nasce nel 1991 dall aggregazione di professionisti provenienti da qualificate esperienze nell ambito del management, della consulenza

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009 Trasporti pubblici Indagine sulla soddisfazione degli utenti Anno 2009 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest, Università di Torino 115 SOMMARIO 2.1. Se dovesse esprimere il Suo livello di

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Formazione in rete e apprendimento collaborativo

Formazione in rete e apprendimento collaborativo Formazione in rete e apprendimento collaborativo Ballor Fabio Settembre 2003 Cos è l e-learning Il termine e-learning comprende tutte quelle attività formative che si svolgono tramite la rete (Internet

Dettagli

European Financial Advisor Program

European Financial Advisor Program European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE PADOVA 2014 In collaborazione con Partner 2 3 Gli obiettivi del percorso formativo Il programma proposto mira a: Elevare il grado di preparazione

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma OBIETTIVI Da qualche anno a questa parte, le soluzioni di trasporto condivise stanno conoscendo

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA STATO REGIONI PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI MARCHE PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2015

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI MARCHE PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2015 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI MARCHE PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2015 Pagina 1 - Ordine Assistenti Sociali Marche - piano dell offerta formativa 2015 - (delibera n.? del 17/12/2015) Pagina 2 - Convegni organizzati

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE VALORE P.A.

CORSO DI FORMAZIONE VALORE P.A. Direzione centrale Credito e Welfare CORSO DI FORMAZIONE VALORE P.A. TITOLO Management sanitario e metodologie e modelli di assistenza ospedaliera AREA GIURIDICA-SANITARIA Direttore/ coordinatore Didattico

Dettagli

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane - A cura di Massimo Carfagna - Finanziato nell ambito della convenzione siglata il 19 luglio 2007 tra il Dipartimento per l Innovazione

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE Commissione per l assegnazione dei crediti formativi nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA (F.A.D.) Roma - via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039-06-977488 fax 0039-06-68217749

Dettagli

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A.

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014 Risultati di sintesi 2 Rilevazione Saldi invernali 2014 - I risultati Panel e note metodologiche Altri beni persona 9% Altre merceologie 6% Calzature 14% Abbigliamento

Dettagli

VALORE P.A. AVVISO DI ACCREDITAMENTO CORSI DI FORMAZIONE 2015

VALORE P.A. AVVISO DI ACCREDITAMENTO CORSI DI FORMAZIONE 2015 Direzione centrale Credito e Welfare VALORE P.A. AVVISO DI ACCREDITAMENTO DI CORSI DI FORMAZIONE 2015 INDICE PREMESSA ART. 1 OGGETTO DELL AVVISO DI ACCREDITAMENTO ART. 2 - SOGGETTI PROPONENTI ART. 3 TRASMISSIONE

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

Professione Avvocato: tendenze evolutive degli studi legali milanesi

Professione Avvocato: tendenze evolutive degli studi legali milanesi Professione Avvocato: tendenze evolutive degli studi legali milanesi (Paolo Bertozzi Luca Zanderighi) Lab per Ordine degli avvocati per Milano, Dicembre 2005 INDICE Obiettivi Metodologia I Parte: la professione

Dettagli

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010 Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot.

Dettagli

One to one nella didattica: esiti e processi

One to one nella didattica: esiti e processi One to one nella didattica: esiti e processi Ricerca presentata dal Presidente dell Indire Giovanni Biondi in occasione del Primo Forum sulla Scuola del futuro (Firenze, 23 ottobre 2015) In questi anni

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO

Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO Contesto promozione dell utilizzo delle metodologie e delle tecnologie di e-learning Obiettivi realizzazione di un sistema

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

FORM097 - O.S.S. Integrazione (Operatore Socio Sanitario integrazione da O.S.A.)

FORM097 - O.S.S. Integrazione (Operatore Socio Sanitario integrazione da O.S.A.) CORSO DI FORMAZIONE I EDIZIONE FORM097 - O.S.S. Integrazione (Operatore Socio Sanitario integrazione da O.S.A.) 400 ore Anno Accademico 2014/2015 FORM097 www.unipegaso.it Titolo FORM097 - O.S.S. Integrazione

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

Executive Summary. Osservatorio ANEE/ASSINFORM 2005. e-learning in Italia : una strategia per l innovazione

Executive Summary. Osservatorio ANEE/ASSINFORM 2005. e-learning in Italia : una strategia per l innovazione Executive Summary Osservatorio ANEE/ASSINFORM 2005 con il patrocinio del Ministro per l Innovazione e le Tecnologie e il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e-learning in Italia

Dettagli

Milano, 2 settembre 2011 COMUNICATO STAMPA La fiducia degli Italiani è in calo per il terzo mese consecutivo, mai così in basso da gennaio 2008. E lo stesso vale per la previsione sull andamento della

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

European Financial Advisor Program

European Financial Advisor Program European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE 2015 TESEO, da oltre dieci anni, opera quale ente di ricerca e sviluppo di didattica applicata e quale centro di cultura finanziaria indipendente,

Dettagli

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego PREMESSA NOMV Nucleo Operativo Monitoraggio e Valutazione Provincia Oristano Provintzia de Aristanis RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego Pagina 1 PREMESSA Sommario

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona VERONA La dotazione immobiliare della provincia di 13 città intermedie Nord Est Tavola 1 Italia Stock abitazioni 2009 (n.) 456.881 4.794.134 5.607.108 32.484.071 Var. % stock abitazioni 2008/09 1,6 1,6

Dettagli

GUIDA PIATTAFORMASIRI. www.piattaformasiri.com

GUIDA PIATTAFORMASIRI. www.piattaformasiri.com GUIDA PIATTAFORMASIRI www.piattaformasiri.com 1 2 Sommario Introduzione 3 Guida alla registrazione... 4 Iscrizione Manager... 6 Iscrizione Azienda... 6 Accesso alla piattaforma (Login)... 7 Ricerche...

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO -- Numero 2 -- Marzo 2004 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO () EXECUTIVE SUMMARY Con la disponibilità dei dati per l intero 2003 relativi ad un campione di imprese esercitanti il

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE A DISTANZA (F.A.D.) Roma - via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039-06.68 21 77 49 fax 0039-06.68 21 01 77 formazionecontinua@cnf.it 2 Sommario 1. INIZIATIVE

Dettagli

SCUOLA DI ORGANIZZAZIONE Modello metodologico e metodologie per la formazione Approccio metodologico Il modello formativo messo a punto e utilizzato dalla Scuola di Studi Socio-economici e Organizzativi

Dettagli

elearning Stato dell arte e prospettive di sviluppo con il patrocinio del Ministro dell Innovazione e Tecnologia

elearning Stato dell arte e prospettive di sviluppo con il patrocinio del Ministro dell Innovazione e Tecnologia elearning Stato dell arte e prospettive di sviluppo con il patrocinio del Ministro dell Innovazione e Tecnologia Milano, 30 giugno 2003 1 Osservatorio E-learning 2003 Le Università Italiane e l e-learning

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning agli eventi formativi previsti nei programmi di formazione professionale continua per i ragionieri commercialisti Indice 1. Definizioni..3

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019 Team per l Innovazione dell ISC Nardi PREMESSA L animatore digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif. Prot. N 17791

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

La formazione a distanza della Statistica comunale

La formazione a distanza della Statistica comunale La formazione a distanza della Statistica comunale Convegno nazionale USCI I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei Comuni tra riforma e qualità dei servizi La statistica comunale tra rinnovamento

Dettagli

PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO Psicologia dell educazione e dei processi evolutivi (MPSI/04)

PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO Psicologia dell educazione e dei processi evolutivi (MPSI/04) PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO Psicologia dell educazione e dei processi evolutivi (MPSI/04) Docente: Prof. Ilaria Grazzani (ilaria.grazzani@unimib.it) Docenti Tutor di percorso: Dott.ssa Alessia Agliati

Dettagli

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che Gli adempimenti normativi del d.lgs. 196/03 Le misure minime di sicurezza Edizione 2010 IL CONTESTO Il D. Lgs. 196/03, entrato in vigore il 1 gennaio 2004, aggiorna la disciplina in materia di sicurezza

Dettagli

LA FORMAZIONE SUL LAVORO STRUMENTO DI CRESCITA Le risposte di Fondimpresa

LA FORMAZIONE SUL LAVORO STRUMENTO DI CRESCITA Le risposte di Fondimpresa Bologna, 19 gennaio 2012 LA FORMAZIONE SUL LAVORO STRUMENTO DI CRESCITA Le risposte di Fondimpresa Sede Confindustria Emilia-Romagna Via Barberia 13 Rapporti curati da: Annamaria Raimondi Luca Rossi Carlo

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI"

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI" Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI. Prevenzione e sicurezza sul lavoro. Formazione dei lavoratori. www.megaitaliamedia.com 1/5. parte generale.

FORMAZIONE DEI LAVORATORI. Prevenzione e sicurezza sul lavoro. Formazione dei lavoratori. www.megaitaliamedia.com 1/5. parte generale. FORMAZIONE DEI LAVORATORI Durata: 5 54 Slide 1 di 14 Prevenzione e sicurezza sul lavoro FORMAZIONE DEI LAVORATORI parte generale D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, art. 37 Slide 2 di 14 14% dei lavoratori =

Dettagli

Progetto S.VI.M. Sicurezza, VIgilanza, Mercato - Nuova programmazione

Progetto S.VI.M. Sicurezza, VIgilanza, Mercato - Nuova programmazione Progetto S.VI.M. Sicurezza, VIgilanza, Mercato - Nuova programmazione L iniziativa prevede la realizzazione di attività proposte per entrambi i settori Sicurezza dei prodotti e Metrologia legale - che

Dettagli

Università per Stranieri Siena

Università per Stranieri Siena Università per Stranieri Siena per Stranieri di Siena Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100 Siena Tel. +39 0577.240.249-274 e-mail:fast@unistrasi.it sito:www.unistrasi.it Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100

Dettagli

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 Moodlemoot 2014 La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 DM 47 30 Gennaio 2013 Art. 1 1. Le disposizioni di cui al presente

Dettagli

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE...

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... consulman Il gruppo Consulman nasce nel 1991 dall aggregazione di professionisti provenienti da qualificate esperienze nell ambito del management, della consulenza

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

SCHEDA DELLA PROVINCIA DI PISA

SCHEDA DELLA PROVINCIA DI PISA SCHEDA DELLA Introduzione La seguente scheda è finalizzata alla presentazione dei dati sull utenza della Provincia di Pisa nonché delle esperienze realizzate a livello locale e rientranti a pieno titolo

Dettagli

Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel.

Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel. Catalogo offerta formativa La formazione continua Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel. 0709150085_ mail crefog@tiscali.it

Dettagli

Avviso Master J. Definizione di Master Master universitario di I o II Livello, attivato ai sensi dell'articolo 3, punto 9 del decreto MIUR 270/2004.

Avviso Master J. Definizione di Master Master universitario di I o II Livello, attivato ai sensi dell'articolo 3, punto 9 del decreto MIUR 270/2004. Avviso Master J Allegato 1 Requisiti minimi per l accreditamento Iniziative Accademiche ad elevata occupabilità in favore dei giovani figli e orfani di iscritti e di pensionati dell INPS - Gestione Ex

Dettagli

XV Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione Note per la compilazione del questionario di rilevazione

XV Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione Note per la compilazione del questionario di rilevazione XV Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione del questionario di rilevazione Sezione 1 - Dati sintetici sul personale e le attività di formazione 1.1 Compilazione della domanda Q1: Personale

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA. Versione A.D. 1.0

SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA. Versione A.D. 1.0 SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA Versione A.D. 1.0 INDICE 1 - INTRODUZIONE 3 2 - PESATURA DELLA POSIZIONE 4 3 - SISTEMA DI PESATURA DEL COMUNE DI VENEZIA 5 4 - ALLEGATO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE VALORE P.A.

CORSO DI FORMAZIONE VALORE P.A. Direzione centrale Credito e Welfare CORSO DI FORMAZIONE VALORE P.A. TITOLO Contratti pubblici e procedure di gara AREA GIURIDICA-ECONOMICA Direttore/ coordinatore Didattico scientifico Faculty interna

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

VALUTAZIONE PROCESSI FORMATIVI

VALUTAZIONE PROCESSI FORMATIVI VALUTAZIONE PROCESSI FORMATIVI Premessa L obiettivo del corso, riservato agli utenti delle strutture che utilizzano Titulus, è quello di conoscere l uso dell applicativo Titulus 3 per la gestione del protocollo

Dettagli

FORM098 - O.S.S. Formazione Complementare ( Operatore Socio Sanitario Specializzato O.S.S.S.)

FORM098 - O.S.S. Formazione Complementare ( Operatore Socio Sanitario Specializzato O.S.S.S.) CORSO DI FORMAZIONE I EDIZIONE FORM098 - O.S.S. Formazione Complementare ( Operatore Socio Sanitario Specializzato O.S.S.S.) 400 ore Anno Accademico 2014/2015 FORM098 www.unipegaso.it Titolo FORM098 -

Dettagli

! "!! # $! % $ % &!!! '( & )* ' &!! '( +,! "! - $%!!!.! / &!' &% 0 '(!!!! )* $! " &!! 0 '

! !! # $! % $ % &!!! '( & )* ' &!! '( +,! ! - $%!!!.! / &!' &% 0 '(!!!! )* $!  &!! 0 ' " # $ % $ % & '( & )* ' & '( & ' +, " - $%. / & ' &% 0 '( )* $ " & 0 ' -, " - $ 10 2 " + ", &32' &456' - % 6, 2 +, " 524+& ' " 7 8 " $ - # " % 9 & ' ( & ' : " 2 ", " - % )* 0 ; 6: : " # ". / - 0, ) "#

Dettagli

Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning alle attività formative

Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning alle attività formative Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning alle attività formative ai sensi dell art. 6, co. 2, lett.

Dettagli

Introduzione al blended learning. ICoN - Italian Culture on the Net

Introduzione al blended learning. ICoN - Italian Culture on the Net Introduzione al blended learning 1 Che cos è il blended learning? Il blended learning è una modalità di apprendimento mista (blended) Prevede un percorso didattico costituito da incontri in presenza e

Dettagli