Il gioco d azzardo: entità del fenomeno, caratteristiche e possibili trattamenti. Sintesi degli interventi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il gioco d azzardo: entità del fenomeno, caratteristiche e possibili trattamenti. Sintesi degli interventi"

Transcript

1 Giuseppe Iraci Sareri 1, Silvia Scartabelli 2 Il gioco d azzardo: entità del fenomeno, caratteristiche e possibili trattamenti. Sintesi degli interventi L'interesse per il gioco d'azzardo patologico e per le problematiche ad esso correlate è aumentato progressivamente negli ultimi anni tanto da arrivare a configurarsi come un attività di massa, tuttora in forte espansione, che ha assunto proporzioni economiche e sociali di tutto rilievo. Si stima che in Italia circa l 80% della popolazione adulta giochi d azzardo. Quello che per molti si configura come un attività ricreativa innocua, una forma di svago socialmente approvata, per alcune persone può assumere una connotazione compulsiva e distruttiva secondo modelli e processi di dipendenza che, per molti aspetti, sono simili a quelli più noti dell alcolismo e delle droghe pesanti. Il convegno GIOCO D AZZARDO: ENTITA DEL FENOMENO, CARATTERISTICHE E POSSIBILI TRATTAMENTI, svoltosi a Pistoia il 13 maggio 2005, organizzato dall AGCI e patrocinato dalla Regione Toscana, dal Comune e dalla Provincia di Pistoia, ha permesso un proficuo scambio e confronto tra vari esperti nel settore. La riflessione su questa tematica emergente è di fondamentale importanza per comprenderne il significato assunto nell ultimo decennio e la quantità di persone coinvolte. Gli obiettivi della giornata sono stati quelli di mettere insieme le conoscenze sullo stato attuale del fenomeno e gli interventi rispetto a tale problematica, in modo da accrescere le competenze degli operatori. Ciò al fine di fronteggiare in modo più strategico e funzionale gli effetti che il gioco d azzardo produce su certe fasce di popolazione, per garantire ai pazienti dipendenti da gioco d azzardo e alle loro famiglie quello spazio terapeutico adeguato alla gravità della malattia che li affligge e quella sensibilità sociale, politica e istituzionale necessaria per orientare i programmi di prevenzione e d intervento. La prima sessione dei lavori è stata coordinata dal dott. Arcangelo Alfano - Responsabile Settore Socio-Sanitario e Progetti Obiettivi Dipartimento del Diritto alla Salute e delle Politiche di Solidarietà della Regione Toscana, il quale sottolinea l attenzione che la Regione Toscana ha dato 1 Direttore Terapeutico A.G.C.I. Pistoia 2 Psicologa tirocinante AGCI Giuseppe Iraci Sareri 1

2 in questi anni al fenomeno gioco d azzardo. Nel 1999 la Regione Toscana ha finanziato i primi progetti per iniziative volte a sostenere la formazione degli operatori e l allestimento dei servizi dislocati sul territorio, soprattutto ambulatoriali. Abbiamo notato in questi anni che il fenomeno del gioco d azzardo è in aumento e come risposta a questa percezione la Regione Toscana ha finanziato la ricerca effettuata dall Azienda Asl 3 Sert della Valdinievole assieme all Agenzia Regionale di Sanità e all Università di Firenze e i dati emersi sono stati di particolare interesse. Ciò che è emerso è che dall 1% al 3% di persone con questa problematica presenta una forma di gioco patologico. Inoltre altre iniziative sono state finanziate con l intento di affrontare questo fenomeno in modo più sistematico cosi nel 2004 abbiamo finanziato un altro progetto di interesse generale con tre soggetti gestori: l A.G.C.I. di Pistoia, l Associazione Ortos di Siena che propone un intervento di tipo residenziale, e l Azienda ASL 2 di Lucca che da diversi anni ha attivato un servizio ambulatoriale per il gioco d azzardo. Questo progetto regionale è in linea con il Piano Sanitario Regionale , che al punto La prevenzione e cura delle condotte di abuso e delle dipendenze dispone che la Giunta Regionale, nel triennio di vigilanza PSR, provvede prioritariamente a sostenere e sviluppare azioni specifiche per alcune aree di attenzione definendo un Azione Programmata Regionale per l individuazione dei percorsi assistenziali oggetto di concertazione di Area Vasta, tra i quali il gioco d azzardo patologico 3. Maurizio Fiasco Sociologo, esperto della Consulta Nazionale Antiusura nella sua relazione dal titolo Inflazione dell azzardo conseguenze economiche e sociali delle nuove strategie di mercato illustra in modo esaustivo la deleteria incidenza e correlazione tra impoverimento della popolazione, gioco d'azzardo e ricorso all usura. La relazione prende avvio dalle dimensioni economiche e scenario attuale del gioco d azzardo, strutture del business e la struttura del business sulla povertà, il gioco pubblico come controllo sociale, la fenomenologia del gestore ed il gioco on line come nuova frontiera Klondike. Le conseguenze di questo intreccio sono pesantissime sulle fasce più deboli della popolazione con il risultato, tra l'altro, di rendere più frequente il ricorso agli usurai per avere denaro con le conseguenze drammatiche che questo comporta relativamente alle connessioni con la criminalità. Il volume finanziario straordinario si incrementa in modo esponenziale quando il nostro paese conosce una lunga stagione di recessione economica. Questa inflazione è avvenuta da quando l'italia ha conosciuto questa recessione, una contrazione dei consumi, una perdita di occupazione, una spesa pubblica sfuggita al controllo, una crescita spaventosa dei tassi di interesse. I dati ci dicono che esiste una correlazione inversa tra 3 Le parti virgolettate sono fedeli riproduzioni dagli interventi fatti dai relatori ricavati dalla registrazione dell intero convegno Giuseppe Iraci Sareri 2

3 l andamento della congiuntura economica e economia dell azzardo,.quando l economia perisce, l azzardo fiorisce afferma lo stesso Fiasco. Il gioco diventa da consumo d elite a consumo di massa, il target di questo business è la famiglia a basso reddito, a condizione precaria dal punto di vista della continuità del flusso finanziario. Alcuni effetti collaterali del gioco d azzardo si riscontrano sulle varie forme di criminalità nel territorio circostante a quello dove si gioca, una riduzione di convenienze o costruzione di opportunità per il settore illegale, un incremento delle dipendenze da gioco (GAP), sulla spesa pubblica gestionale del territorio e direttamente sulle amministrazioni (forze di polizia, ad es. polizia dei giochi, banche, servizi socioassistenziali ). Altre implicazioni sono quelle fiscali poiché il gioco rappresenta un entità cospicua per l erario, ricavato da varie categorie sociali e in coerenza con il profilo costituzionale della progressività dell imposizione. La sfida degli operatori del settore sarà quella di farsi carico delle vittime del gioco e di denunciare gli effetti deleteri della diffusione che i giochi stanno producendo, per poi accompagnare la persona e il suo nucleo familiare alla ricostruzione di un futuro, di un autostima e di una dimensione di socialità. Marina Zazo - Psichiatra, Vice-Presidente CEART (Coordinamento Enti Ausiliari Regione Toscana) - focalizza la sua relazione sugli aspetti psicopatologici del gioco d azzardo e sulle condotte ordaliche riscontrabili in a) alcune forme di tossicomania; b) tentativi di suicidio ripetuti; c) passione per il gioco d azzardo; d) vomito nella bulimia; e) digiuno nell anoressia; f) gare di velocità; g) roulette russa. Nell ordalia possiamo vedere, almeno in un primo tempo, il tentativo di accedere a una possibile autonomia, la ricerca di un sentimento di autocreazione. Morte/resurrezione in un ciclo che ha bisogno di ripetersi quando viene meno l effetto del tentativo precedente (stimolo endorfinergico del piacere ---- esaurimento---- ricerca). Il bisogno di provare quelle sensazioni che per un processo di tolleranza sono sempre meno efficaci e portano a tentativi sempre più rischiosi è quello che viene definito Sensation Seeking. C è poi il rischio cercato per l effetto che produce Risk Taking Behaviours. La Psicopatologia ricollegata alle vicissitudini dell equilibrio delle forniture emotive globali infantili ed a una storia di disequilibrio delle antiche tensioni legate alla diade fornitura-frustrazione. La lettura e l interpretazione di un brano tratto da Il Giocatore di F. Dostoevskij ha descritto in modo evocativo e rappresentativo questi concetti. Sono stati illustrati i criteri diagnostici (secondo il DSM IV) che rendono questo problema una vera e propria patologia e come seconda, la comorbilità tra gambling e altre forme di dipendenza, in particolare quella da sostanze. Si è giocatori patologici quando il gioco va oltre la propria volontà, quando produce effetti negativi su affetti ed economia, quando il Giuseppe Iraci Sareri 3

4 giocare si trasforma in atto compulsivo e distruttivo, quando non si riesce a farne a meno, e se si prova si rischia di entrare in una crisi del tutto paragonabile alla crisi d'astinenza da sostanze (nausea, insonnia, incubi, malessere, calo di concentrazione, sudorazione). Ogni volta che il giocatore riprende a giocare, gioca somme sempre più alte, allo stesso modo in cui l'eroinomane deve aumentare la dose per raggiungere la stessa sensazione di euforia. Maurizio Croce Psicologo-Psicoterapeuta - Responsabile Educazione Sanitaria ASL 14 Verbania e docente di Psicologia sociale alla SUPSI di Lugano illustra gli aspetti psicosociali del gioco partendo da una domanda fondamentale: Perché giochiamo d azzardo? Il gioco ha innanzitutto una funzione sociale importantissima. In generale il primo incontro con il gioco avviene insieme ad altri come momento sociale. Può essere una serata al casinò, un poker tra amici che offre la possibilità di socializzare e di avere un attimo di distrazione, di evasione dal mondo grigio della quotidianità. Il gioco aiuta a vivere perché compensa il malessere individuale e sociale. E' provato, per esempio, che in tempi di crisi aumentano le attività ludiche, quando si sta bene e si è ottimisti rispetto al futuro si gioca per divertirsi, non si chiedono al gioco cose particolari. Nei periodi di crisi il gioco invece comincia a svolgere una funzione di compensazione di qualcosa che non va bene da un'altra parte della vita della persona. Miguel Benasayag e Gerard Schmit con il loro testo L epoca delle passioni tristi descrivono molto bene il malessere diffuso, la tristezza che attraversa tutte le fasce sociali e il senso pervasivo d impotenza e incertezza che ci porta a chiudersi in noi stessi dove il futuro viene vissuto come minaccia e si esalta il presente dove tutto va vissuto e consumato ora. E in questa logica culturale che il gioco ha una funzione regressiva e compensativa, non si gioca per divertirsi ma per compensare. Non si investe più sulle capacità, sul gruppo, ma sulla soluzione magica propria. Se in molte persone tale incontro con il gioco resta limitato e circoscritto, in altre scattano dei meccanismi che portano a giocare con sempre maggiore frequenza, intensità e coinvolgimento. Ecco quindi l emozione della grossa vincita, il sogno di cambiare la propria vita e migliorarla. In realtà essa spesso si traduce in grande sciagura. Il giocatore è convinto che sia l'abilità, l'intuizione magica a stabilire la vincita, più perde, più alza le puntate. Arriva ad indebitarsi, a dilapidare il proprio patrimonio, e poi quello degli altri. I costi sociali sono tanti e molti vengono pagati sia dal giocatore che dai suoi familiari. L irretimento da parte della criminalità, la frode, la falsificazione, il furto, sono elementi di forte rischio per i giocatori. Frequente è lo sviluppo in tali soggetti di disturbi legati allo stress, comorbilità con altre dipendenze e non mancano i tentativi di suicidio. Le conseguenze più evidenti, inoltre, sono quelle più strettamente legate alle perdite Giuseppe Iraci Sareri 4

5 finanziarie e dei propri beni; le ripercussioni sull'ambiente di lavoro, le separazioni e i divorzi, le conseguenze sui figli. Croce chiude il suo intervento passando in rassegna alcuni dei meccanismi di difesa specifici del giocatore, per citarne alcuni: l illusione del controllo sui propri impulsi, la rincorsa alla perdita, alcune credenze erronee che fanno sì che il giocatore patologico persegua rigidamente il suo comportamento maladattivo. Matteo Iori - Presidente del CONAGGA (Coordinamento Nazionale Gruppi Giocatori d Azzardo) - ha illustrato le ragioni e le motivazioni che hanno portato alla nascita di un coordinamento nazionale. Sono stati illustrati gli obiettivi che il coordinamento si è dato e che sono parte integrante dello statuto stesso, il quale prevede: la promozione e la costruzione dei gruppi, la produzione di materiale informativo e divulgativo, la promozione e il supporto di iniziative sul tema, la promozione di corsi di formazione ed aggiornamento, l avviare rapporti di collaborazione tra enti pubblici e privati finalizzati al trattamento e alla prevenzione del benessere dei giocatori d azzardo, e infine, l ideazione e l elaborazione di progetti riferiti a questa problematica. Questa iniziativa ha lo scopo di creare sinergie a livello nazionale per favorire interventi gruppali. Le nostre conoscenze rispetto alla comprensione ed al trattamento del gioco d azzardo problematico sono ancora in una fase iniziale ed esiste un rischio concreto di portare avanti esperienze isolate, poco capaci di tradurre il proprio operato in qualcosa di condivisibile. Per evitare questo rischio ed aumentare il nostro sapere è necessario mettere in comune le esperienze e creare contesti entro i quali sviluppare metodi e sistemi di ricerca. In tal senso la necessità di confronto tra coloro che a vario titolo si occupano di giocatori d azzardo problematico è molto sentita per evitare che anche questo settore sia invaso dalle ideologie piuttosto che dal confronto costruttivo. Gli strumenti ed i mezzi sono quelli di costruire reti tra coloro che si occupano del gioco d azzardo problematico in modo da scambiarsi esperienze ed evitare di fare errori che altri prima hanno fatto. Il CONAGGA è nato circa un anno fa ed i soci fondatori sono le seguenti organizzazioni: A.M.A. di Trento, Self Help San Giacomo di Verona, Centro Sociale Papa Giovanni XXIII di Reggio Emilia, Associazione Genitori Comunità Incontro di Pistoia. Altre realtà hanno già chiesto di aderire e le domande saranno valutate in seguito. Nel 2005 lo sforzo del coordinamento sarà quello di dare forma e corpo a queste finalità organizzando iniziative tipo questa di Pistoia per far conoscere questa nuova realtà nel panorama nazionale Giuseppe Iraci Sareri 5

6 Giuseppe Iraci Sareri ha presentato i risultati della ricerca realizzata dall AGCI con la collaborazione del Prof. R. Luccio e del suo gruppo di Metodologia della Ricerca dott.ssa Maddalena Menzione e dott.ssa Emilia Salvadori, della Facoltà di Psicologia. La ricerca prende avvio sia da una curiosità scientifica sia dalla necessità di rilevare l entità del fenomeno gioco d azzardo nelle sue diverse articolazioni sociale, problematico e patologico rintracciabile nel nostro territorio, per programmare e progettare azioni appropriate ai bisogni di natura assistenzialeterapeutica per coloro che hanno sviluppato una forma problematica e/o soprattutto patologica e per avviare azioni di tipo sociale preventivo sulla popolazione Una finalità trasversale della ricerca è stata quella di sensibilizzare un elevato numero di persone sui rischi che il gioco d azzardo può produrre. In tal senso la ricerca ha perseguito sia finalità conoscitive che operative assimilabili alla ricerca-intervento progettata negli anni quaranta da Kurt Lewin il quale sosteneva l insufficienza della ricerca che produce solo libri. Questo è stato possibile poiché la somministrazione del questionario è stata effettuata da personale preparato che nell intervista telefonica doveva spiegare di cosa si trattava, quale fosse lo scopo della ricerca e della problematica del gioco d azzardo. Pertanto si è creata un occasione concreta per interagire e discutere sul gioco d azzardo con un numero elevato di persone (circa 2000), tra coloro che hanno aderito alla ricerca alcuni dei quali non sono stati utilizzati nell elaborazione dei dati perché hanno prodotto questionari non validi. Un ulteriore numero di persone, circa il 30% del totale, si sono rifiutati di aderire ma sono comunque stati informati sulle tematiche del gioco d azzardo, pertanto complessivamente le persone contattate si stima siano circa Per questo scopo è stato costruito un questionario ( T-GAP) di facile somministrazione che contiene una prima parte di rilevazioni socio-anagrafiche, una parte centrale contenente il South Oaks Gambling Screen (SOGS)1 di H. R. Lesieur e S. B. Blume (1987) 4, ed un ultima parte che è utile per la rilevazione di informazioni relative agli atteggiamenti, ad interessi legati al gioco d azzardo, alle emozioni ricercate nel gioco e alle convinzioni esistenti sul gioco d azzardo Il SOGS è forse il più noto tra gli strumenti di rilevazione del gioco patologico a livello mondiale. Generalmente usato negli studi epidemiologici e clinici, permette di evidenziare velocemente la probabile presenza di problemi di gioco, consentendo di conoscere nei dettagli le abitudini degli intervistati. 4 1 La prima traduzione italiana del SOGS da noi utilizzato è opera di Cesare Guerreschi e di Stefania Gander. Se ne trova una versione nel testo di Guerreschi C. (2000), pp Giuseppe Iraci Sareri 6

7 La ricerca ha coinvolto un campione rappresentativo della popolazione generale costituito da soggetti abitanti nel comprensorio metropolitano di Firenze-Prato-Pistoia, appartenenti a diverse categorie socio-anagrafiche e reperiti in maniera random che rispecchiano la stratificazione della popolazione di questo territorio ed altri cinque campioni di gruppi speciali maggiormente esposti con il gioco d azzardo. Detti gruppi sono composti da: a) alcolisti in trattamento b) giocatori in trattamento ( gruppo campione di riferimento) c) soggetti con diagnosi psichiatrica d) persone in trattamento per dipendenze patologiche (Sert e comunità terapeutica); e) persone che frequentano punti scommesse;. Si riporta i dati sintetici della prevalenza rilevata rinviando ad una successiva pubblicazione specifica dell intera ricerca. Fig. 2 : Tabella riassuntiva risultati prevalenza (life time) su tutti i campioni Gruppo 100% campione % sociali % problematici % patologici 1. Alcolisti in trattamento Count % witin NGRUP 100% 93.4 % 3.9% Giocatori Trattamento Count % witin NGRUP 100% 3.4% 5.6% 91% 3. Soggetti diagnosi psichiatrica. Count % witin NGRUP 100% 84% 6.8% Tossicodipendenti trattamento Count % witin NGRUP 100% 78% 9.5% 12.5% 5. Avventori punti commessa Count % witin NGRUP 100% 57.2% 10.8% 31.9% 6. Popolazione generale Count % witin NGRUP 100% 96.2% 1.9 % 1.9 % Totale Count % witin NGRUP 100% 84.7% 4.1 % 11.2 % La ricerca quindi ha confermato risultati di altre ricerche e l indicazione data dal DSM IV circa la prevalenza del gioco d azzardo patologico. Come si può notare da questi dati i giocatori patologici della popolazione generale, che era quella che ci interessava maggiormente ai fini epidemiologici, sono l 1,9 % della popolazione presa in esame. Pur considerando che il SOCS tende a rilevare falsi positivi possiamo affermare che questo dato ci conferma la percezione di un fenomeno di vaste dimensioni. Se proiettiamo questo dato sull intera popolazione con le caratteristiche analoghe Giuseppe Iraci Sareri 7

8 a quelle da noi prese in esame, la stima è di circa giocatori patologici su una popolazione stimata di di persone che sono residenti nell area presa in esame. Il dato ci da la misura della gravità e della frequenza del problema. Claudio Bartolini -Responsabile Zona Distretto della Valdinievole ASL 3- Responsabile Ser.T della Valdinievole apre una riflessione sulla ricerca confrontando i dati con la sintesi dei risultati di un altra indagine del 2002 realizzata dal Ser. T da lui diretto della Valdinievole, e dall Osservatorio di epidemiologia dell Agenzia Regionale di Sanità della Toscana. Il campione rappresentativo dell intera popolazione è di 516 soggetti di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Il 43% degli intervistati ha dichiarato di aver giocato almeno una volta nell ultimo mese ad almeno uno dei tredici giochi d azzardo indagati: totocalcio, totogol, totosei, totip, superenalotto, lotto, scommesse sportive e sui cavalli, ippodromo di Montecatini, gratta e vinci, lotteria, tombola, bingo, casinò, giochi di carte, videopoker. La maggioranza delle persone non gioca affatto, lo 0.8% della popolazione adulta (di età compresa tra i 30 e i 49 anni) gioca tutti i giorni, il 7% è la percentuale di chi gioca quattro o più volte alla settimana. Ciascuna persona spende mediamente 27 euro al mese in scommesse. Sebbene l analisi statistica multivariata non evidenzi un chiaro profilo del giocatore d azzardo questo sembra perlopiù maschio, giovane, con modesto grado di scolarizzazione e forte fumatore. Il gioco più frequentato è il Superenalotto, provato da 1 adulto su 5, seguito dal Gioco delle carte, dal Gratta-e-vinci e dal Lotto. Il gioco che occupa la prima posizione nella classifica della spesa è invece il Lotto, seguito dal Bingo e dal Superenalotto. Citando le parole di Bartolini i giocatori che frequentano il Casinò, le sale Snai e l ippodromo sono pochi, ma assidui e più forti scommettitori. Più giovani, ma simili ai precedenti, sono i giocatori di Videopoker che sono pochi ma assidui, soprattutto maschi, sembrano la versione moderna del tradizionale giocatore al Casinò, all ippodromo o nelle sale scommesse. Bartolini poi illustra brevemente il progetto in Valdinievole che ha visto la creazione di un centro, Il gatto e la volpe, per la prevenzione ed il trattamento del gioco d'azzardo patologico. Abbiamo iniziato ad occuparci del fenomeno nell ambito di un progetto di prevenzione delle tossicodipendenze nei luoghi di lavoro. Ci siamo trovati a fare prevenzione in alcune fabbriche in cui i datori ci hanno detto che dei dipendenti spesso chiedevano forti anticipi di denaro sulla busta paga prima della fine del mese. All inizio pensavamo che fosse un problema di tossicodipendenza e che questo denaro fosse usato per comprare stupefacenti, però c era qualche elemento che non tornava. Abbiamo poi scoperto che questi anticipi di soldi servivano per coprire i debiti di gioco. Questo ci ha spinto a cercare di capire l entità del fenomeno con una ricerca in Valdinievole sugli atteggiamenti che la Giuseppe Iraci Sareri 8

9 nostra comunità ha, a livello locale, nei confronti del gioco, così poi abbiamo deciso di cimentarci con il trattamento vero e proprio. Il progetto prevede una valutazione attenta del fenomeno gambling nella Zona della Valdinievole attraverso un attività d informazione, consulenza e trattamento per sensibilizzare gli operatori del pubblico e del privato sociale nei confronti di tale nuova forma di dipendenza. La seconda sessione dell incontro dedicata alle modalità d intervento e agli strumenti per il trattamento del fenomeno gambling è stata coordinata da Riccardo Zerbetto Psichiatra e Psicoterapeuta, Presidente Alea Associazione per lo Studio del Gioco d Azzardo e dei Comportamenti a rischio. Umberto Caroni - Coordinatore gruppi per Giocatori d azzardo dell Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII ha focalizzato la sua relazione sulla delicata questione del denaro in un gruppo di giocatori in trattamento. Secondo lo stesso Caroni esistono due categorie di giocatori: giocatori che sono divenuti eccessivi a causa delle trappole cognitive del gioco (il gioco come malattia) e giocatori divenuti eccessivi perché hanno caricato il gioco di aspettative personali e sociali che questo vizio non può dare (il gioco come sintomo). Il giocatore patologico, quando decide di rivolgersi ai centri, non è cosciente della propria patologia, riporta il tutto ad un mero problema di ordine economico, starà quindi agli operatori del centro riuscire nell ardua impresa di rovesciare i termini della questione e convincere il paziente a proseguire il trattamento. Il denaro sta nelle menti dei giocatori prima e dopo il gioco. Le motivazioni al gioco possono essere le più svariate: il desiderio di vincere denaro, di procurarsi una vita sociale più ricca, il bisogno di aumentare la quantità di denaro investito per mantenere alta l emozione e l ebbrezza rispetto al gioco, l inseguimento della perdita. Lo stesso denaro è la prima motivazione alla ricaduta. All interno dei gruppi in genere esistono due tipologie di giocatori: gli scialacquatori, coloro che non hanno nessuna capacità gestionale del denaro, e gli avari. L interrogativo che questa relazione ci pone è interessante : che succede a queste persone? Esiste una qualche forma di denaroterapia? Abbiamo fatto delle indagini ma le risposte sono poche. Non si trova nulla in merito ad una patologia legata al denaro. La questione del denaro rimane aperta ed è un aspetto che anche in terapia non deve essere trascurato ma integrato. Nei giocatori d azzardo è imponente il bisogno di giocare insito nell uomo, la complicata relazione quotidiana che noi tutti abbiamo con il denaro, il bisogno di rassicurazione rispetto ad un futuro incerto e rispetto al quale il denaro ci rassicura. Giuseppe Iraci Sareri 9

10 Rolando De Luca - Psicologo Psicoterapeuta, responsabile del centro di terapia di Campoformido (Ud) di AGITA Associazione di ex giocatori d azzardo e i loro familiari - La relazione affronta in modo specifico l utilizzo della psicoterapia di gruppo per il trattamento del GAP. La terapia di gruppo risulta essere il migliore strumento terapeutico per questo tipo di patologia. I gruppi danno un supporto e sono una sorta di comunità restrittive, gli individui si incontrano insieme e si aspettano di lavorare sulle loro relazioni all interno del gruppo. La terapia di gruppo offre opportunità uniche di sperimentare e lavorare sui problemi dell intimità e di individuazione del sé. Questo tipo di intervento prevede anche il coinvolgimento dei familiari partendo dalla constatazione che il giocatore coinvolge nelle proprie perdite l'intera famiglia, quindi, gli obiettivi della terapia non sono rivolti al solo portatore del sintomo ma a tutto il nucleo familiare; questo fa sì che anch essi si rendano conto che il problema del gioco d'azzardo non è del solo giocatore, ma di tutti i componenti della famiglia. Tra i meccanismi di cambiamento che consentono la coesione del gruppo De Luca ricorda l imitazione, perché l apprendimento iniziale è imitativo grazie all osservazione degli altri; l identificazione, perché il soggetto cambia assumendo aspetti dell altro modificando le proprie percezioni e i propri affetti, e l interiorizzazione, il meccanismo di cambiamento più avanzato e durevole che interessa la struttura psichica del soggetto cosicché le sue esperienze, consce ed inconsce, sono spostate su un ruolo di funzionamento più maturo, il cambiamento avviene quindi all interno della persona. Il compito del terapeuta sarà quello di elaborare tutto questo materiale individuando, con non poche difficoltà, i tempi e modi di conclusione della terapia per riconsegnare le famiglie alla vita di ogni giorno. Paola Russo - Psicologa e Psicoterapeuta, progetto GAP dell AGCI Pistoia - illustra le modalità d intervento nel gruppo dell AGCI di Pistoia. Il gioco per molte persone è un attività piacevole e divertente ma per alcune può diventare una malattia o una dipendenza che si manifesta come un impulso incontrollabile, un modo che ha l uomo di gareggiare con il proprio destino, l illusione di controllarlo anche solo nell intervallo di una scommessa. Il gioco d'azzardo qualora venga diagnosticato come patologico, rientra nell'area dei Disturbi del Controllo degli Impulsi, come risulta dal DSM-IV. Il giocatore patologico non percepisce il suo comportamento come una malattia, lo giustifica come un vizio e ritiene, erroneamente, che può smettere in qualsiasi momento. In Italia tra i modelli d intervento più vi sono i gruppi di aiuto-aiuto, gruppi in cui persone, che condividono uno stesso problema, si riuniscono periodicamente, seguendo un programma, che permette loro di aiutarsi a vicenda. La tipologia del gruppo dell AGCI è libera da rigide tassonomie, non riteniamo che ci sia un approccio teorico più efficace di altri, la nostra è Giuseppe Iraci Sareri 10

11 una realtà ancora da sperimentare, quindi soggetta a riflessioni e variazioni, a confronti e critiche. Nel nostro lavoro diamo molta importanza agli aspetti della comunicazione, all individuazione degli stili comunicativi che il giocatore tende a riprodurre nel gruppo e al coinvolgimento delle famiglie nel gruppo. L intervento è finalizzato a far sì che, attraverso l individuazione e lo svelamento del gioco psichico messo in atto nelle dinamiche relazionali, familiari e/o di coppia si possa modificare e depotenziare il comportamento disfunzionale. Lo scopo del gruppo è quello di favorire il rispecchiamento empatico, la confrontazione e l interiorizzazione di nuovi modelli cognitivi e comportamentali più adattivi ed efficaci. E sicuramente un mezzo per assicurare sostegno emotivo, rinforzo e complicità. Lo sforzo individuale diventa sforzo comune, ognuno dà e, contemporaneamente, riceve aiuto. È un lavorare su di sé, con sé, per sé, e per gli altri. Riteniamo che dal confronto e sostegno reciproco nasca e si sviluppi quella fiducia indispensabile perché ciascuno possa darsi il permesso di esprimere i propri bisogni e le proprie sensazioni in modo autentico, uscendo dai ruoli perversi perché disfunzionali. Acquista così grande importanza la competenza, l empatia degli operatori che dovranno mostrarsi comprensivi ma non intrusivi, dobbiamo permettere al giocatore di affidarsi e sviluppare fiducia in un momento in cui la sua autostima tende verso il basso. L impotenza del giocatore di fronte alla sua compulsione può essere combattuta forse con la più totale astinenza per non innescare quei comportamenti che lo potrebbero riportare ai livelli precedenti. Il terapeuta cerca di favorire e sostenere nel gruppo la consapevolezza circa gli effetti provocati dal suo comportamento, rieducandolo a sentimenti positivi e/o di empatia. Si tratta quindi di un percorso che, attraverso l analisi delle motivazioni, dei pensieri e dei comportamenti, mira a stimolare nel paziente la produzione di nuove idee, l ampliamento delle prospettive, l aumento della consapevolezza di sé e, in ultima analisi, a promuovere processi di maturazione e crescita personale. Patrizia Mannari - Psicologa e Psicoterapeuta del Ser.T di Lucca - ha ampiamente illustrato il trattamento dei giocatori patologici effettuato nel Ser.T in cui opera. La natura complessa di tale fenomeno richiede un approccio terapeutico del tutto analogo a quello necessario per il trattamento delle dipendenze da sostanze, tutti sono d accordo nel definire una tipologia di trattamento di tipo multidimensionale, che comprende un trattamento di tipo farmacologico, psicoterapeutico, individuale, familiare, di coppia e gruppi di aiuto-aiuto. Momenti essenziali del percorso sono la valutazione, la presa in carico intensiva a breve termine, la fase di post-cura con monitoraggio della terapia in corso e la rivalutazione nel tempo dei comportamenti a rischio. Il Ser.T. di Lucca ha così provveduto all attivazione di un ambulatorio per il gioco d azzardo patologico in cui opera Giuseppe Iraci Sareri 11

12 un equipe terapeutica formata da uno psichiatra, uno psicologo, un educatore professionale che attuano interventi complementari in un continuum terapeutico allargato che stabilisce connessioni a vari livelli (individuale, familiare, di coppia e di gruppo). Il processo terapeutico non procede per passaggi obbligati o tappe precostituite ma con una sorta di bussola giuda con sistema di riferimento sistemico-relazionale e pedagogico-educativo, offrendo uno spazio di accoglienza della dimensione emotivo-affettiva che da sola può creare le basi per un alleanza terapeutica per un effettivo viaggio verso il cambiamento. Dopo un accurata visita psichiatrica per raccogliere le principali notizie anamnestiche, il primo compito dello specialista deve essere quello di aumentare il livello di motivazione alla terapia con una serie di colloqui motivazionali perché, nei soggetti affetti da tale patologia, la motivazione ad intraprendere un trattamento riabilitativo è spesso viziata da aspettative diverse, rispetto a quelle che essi dovrebbero attendersi. L obiettivo del colloquio sarà quello della costruzione della motivazione al cambiamento, gestendo la resistenza che il soggetto offre. Risolta la questione della motivazione al trattamento inizia la fase di psicoterapia che, attraverso l analisi di tali motivazioni, dei pensieri e dei comportamenti, mira a stimolare nel paziente l ampliamento delle prospettive, l aumento della consapevolezza di sé, la promozione di processi di crescita personale oltre ad una pianificazione di un progetto per il risanamento dei debiti. Nel trattamento del gioco d azzardo è, come già citato, molto importante il coinvolgimento della famiglia; l'analisi e l'obiettivo del cambiamento non sono rivolti al solo portatore del sintomo ma a tutto il nucleo familiare che deve essere aiutato a conoscere questo particolare tipo di patologia e coinvolto nella gestione terapeutica del paziente. Manuela Persi: facilitatotore di un gruppo di auto-mutuo-aiuto (AMA) per giocatori d azzardo sostenuto da Self Help di Verona presenta la sua l esperienza e del gruppo da lei condotto. Un gruppo AMA è un gruppo composto da persone accomunate dal desiderio di superare lo stesso disagio psicologico. Tale disagio viene affrontato ed elaborato in prima persona attraverso il confronto, la condivisione e lo scambio di informazioni, emozioni, esperienze e problemi. Nel gruppo AMA si ascolta e si è ascoltati, senza pregiudizi, in un clima armonioso in cui si scoprono e si potenziano le proprie risorse interiori. Tale gruppo si autogestisce seguendo un sistema condiviso di obiettivi, regole, valori e mira ad incrementare il benessere psicologico di tutti i membri, di solito sono costituiti da pari che si uniscono per assicurarsi reciproca assistenza nel soddisfare bisogni comuni per superare un comune handicap, un problema di vita, oppure per impegnarsi a produrre desiderati cambiamenti personali e sociali. I promotori hanno la convinzione che i loro bisogni non siano e non possano essere soddisfatti da/o attraverso le Giuseppe Iraci Sareri 12

13 normali istituzioni sociali. I gruppi AMA enfatizzano le interazioni sociali faccia a faccia ed il senso di responsabilità personale dei membri. Uno dei presupposti essenziali è che è la persona che conta. Il gruppo di AMA offre sostegno emotivo attraverso la rottura dell isolamento e la condivisione reciproca. Permette una crescita personale e offre la possibilità di imparare a rafforzare le proprie risorse interiori. L auto aiuto è quindi un mezzo valido per assicurare ai partecipanti del gruppo sostegno emotivo. Vediamo infatti che all interno del gruppo ciascuno sforzo individuale teso alla risoluzione di un proprio problema diventa contemporaneamente sforzo per risolvere un problema comune. Ciascuno riceve aiuto e contemporaneamente dà aiuto (principio dell helper). Riveste particolare importanza la figura del conduttore del gruppo, o facilitatore, a seconda delle sue funzioni che, se adeguatamente preparato, agendo con modalità discrete, non interpretative e non invasive, può costituire un ottimo strumento che il gruppo AMA può utilizzare per raggiungere al meglio i propri obiettivi. Il gruppo di Verona è aperto anche ai familiari che vengono considerati delle risorse, questo perché molto spesso sono i familiari che contattano l'associazione, poi la partecipazione è responsabilità del giocatore. Inizialmente il ruolo del familiare è importante perché facilita una delle strategie per affrontare il problema gioco d'azzardo, la gestione economica, il controllo e il riscontro delle spese che il giocatore effettivamente fa e quindi anche la gestione economica dei soldi da parte del familiare. Il gruppo AMA è un esperienza altamente coinvolgente che aumenta l autostima, attiva la nostra emotività e ci fornisce gli strumenti per utilizzarla al meglio nei rapporti con gli altri, si tratta di offrire e di offrirsi l opportunità di esplorare nuove risorse che consentano di guardare al proprio essere nel mondo in un ottica di trasformazione, di crescita e di speranza. Le conclusioni del convegno sono state fatte da Riccardo Zerbetto e Giuseppe Iraci Sareri i quali hanno dato risalto all alta qualità dei contenuti emersi nella giornata sia nella prima sessione dove sono stati affrontati temi di carattere generale sugli aspetti sociologici, psicopatologici, psico-sociali ed epidemiologici del gioco d azzardo, sia nella seconda sessione che ha focalizzato l attenzione su alcuni dei modelli d intervento gruppali più significativi esistenti in Italia. La buona qualità della giornata è rilevabile anche dall alta partecipazione al convegno, infatti sono state circa 150 le persone che vi hanno partecipato provenienti da tutta Italia e questo dato è particolarmente significativo se si tiene conte che non venivano dati ECM. Pertanto la giornata si chiude con una valutazione molto positiva, ringraziando tutti partecipanti e invitandoli al prossimo convegno sul gioco d azzardo patologico che si terrà a dicembre a Campoformido (UD). Il sipario cala su questa magica giornata inizialmente essa stessa un Giuseppe Iraci Sareri 13

14 azzardo, ma in certi momenti bisogna osare per cogliere emozioni e gratificazioni indispensabili per noi operatori. Sono in corso i lavori per la pubblicazione della ricerca e delle relazioni presentate al Convegno in uno specifico volume. Giuseppe Iraci Sareri 14

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Piano di Zona 2011/2015- Area Dipendenze Priorità Politica Azione Difficoltà delle persone con problematiche di gioco d azzardo

Dettagli

Il gruppo come strumento-mezzo per affrontare il gioco d azzardo problematico

Il gruppo come strumento-mezzo per affrontare il gioco d azzardo problematico AGCI Sede Amministrativa : Via San Biagio n. 114 51100 Pistoia (Italy) tel. +39-(0)573-50431 - 504330 fax +39-(0)573-975388 E.mail gamblig@agcionline.org Progetto GAP Testa o Croce Il gruppo come strumento-mezzo

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

Tossicodipendenze: tra persona e necessità

Tossicodipendenze: tra persona e necessità Tossicodipendenze: tra persona e necessità Direttore Generale Dr. Enrico Desideri Direttore Amministrativo Dr. Moraldo Neri Direttore Sanitario Dr.ssa Branka Vujovic Direttore servizi sociali Dr.ssa Patrizia

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO

DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO Classificazione Blaszczynski (1991, 2000) Tre tipologie giocatori Giocatori patologici non patologici Giocatori emotivamente disturbati Giocatori con correlati biologici Tratto

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza Storia del progetto Il SerT dell ASL 9 ha consuetudine alla collaborazione con i familiari, attraverso accoglienza diretta della domanda

Dettagli

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org TRATTAMENTO DI GRUPPO NEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 29 novembre 2012 Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org DOVE? Il trattamento del giocatore si articola all interno

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI?

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? LA FAMIGLIA LA RETE SOCIALE IL DENARO IL TUTORAGGIO ECONOMICO: INTERVENTO NECESSARIO PER LA CURA DEL GIOCATORE Arezzo, 10 Agosto 2006 Dott.ssa Donatella Frullano

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Segreteria della Giunta Il Direttore Generale Valerio Pelini. DELIBERAZIONE 5 ottobre 2009, n. 860

Segreteria della Giunta Il Direttore Generale Valerio Pelini. DELIBERAZIONE 5 ottobre 2009, n. 860 fissato al 15 novembre 2009 (paragrafo dodicesimo della narrativa e punto 5 del dispositivo) sostituendo tali disposizioni con quelle di cui ai precedenti punti 1 e 3; 5. di ridefinire al 1 gennaio 2010

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Progetto elaborato e co-condotto da: Dr.ssa Silvia Re delle Gandine Dr.ssa Erica Maggioni Dr.ssa Elisabetta Landi.

Progetto elaborato e co-condotto da: Dr.ssa Silvia Re delle Gandine Dr.ssa Erica Maggioni Dr.ssa Elisabetta Landi. PER CRESCERE INSIEME Percorso interattivo di educazione all affettività e di prevenzione dell uso e dell abuso di alcolici e sostanze stupefacenti rivolto agli alunni della classe terza della Scuola Secondaria

Dettagli

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Lavagna - Ex Istituto Marini Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Lie/ Bet Questionnaire 1. Hai mai sentito l impulso a giocare somme di denaro sempre

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma

Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma FORMAZIONE Formazione interna Ser.T Parma (marzo 2004) Convegno nazionale La Terapia Famigliare nei Servizi per le dipendenze patologiche

Dettagli

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

A N N A G R I M A L D I

A N N A G R I M A L D I ACCOGLIENZA, ANALISI DELLA DOMANDA E CONSULENZA NEL S ERVIZIO DI ORIENTAMENTO A N N A G R I M A L D I Lo scenario di riferimento I cambiamenti strutturali degli ultimi due ultimi decenni nell ambito dell

Dettagli

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino 1 I giovani e il gioco d azzardo in Ticino Analisi delle abitudini di gioco dei giovani tra 14 e 25 anni a livello cantonale Emiliano Soldini 2 Obiettivi dell indagine (1) I risultati emersi dallo studio

Dettagli

Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica

Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica Ferrara 24 settembre 2009 Andrea Noventa Responsabile Area-Prevenzione Ser.T1 Dipartimento delle

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Riabilitazione delle Dipendenze

Riabilitazione delle Dipendenze Sistema Sanitario Regione Lombardia A.O. Ospedale Maggiore di Crema Ospedale S. Marta - Rivolta d Adda Riabilitazione delle Dipendenze U.O. di Riabilitazione delle Dipendenze Ospedale S. Marta di Rivolta

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società Cooperativa Sociale Sette COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società cooperativa Sociale sette ONLUS Cascina Segrona, Mairano di Noviglio 20082 (MI) Tel: 02.900.61.32 Fax:

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto.

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto. Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi Principi dell'auto aiuto. Un gruppo di auto-aiuto è un'alleanza tra persone che hanno problemi od obiettivi simili e che cercano di affrontare

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Processi e strumenti di valutazione

Processi e strumenti di valutazione Processi e strumenti di valutazione Outcome,, Verona 19 dicembre 2006 Augusto Consoli Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4 di Torino Alcuni interrogativi sulla valutazione nei servizi Si valuta

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

CATALOGO OFFERTA FORMATIVA OMNIAMENTIS Centro Studi e Formazione di Promozione Sociale. Anno Formativo 2012/2013. Workshop esperienziali

CATALOGO OFFERTA FORMATIVA OMNIAMENTIS Centro Studi e Formazione di Promozione Sociale. Anno Formativo 2012/2013. Workshop esperienziali CATALOGO OFFERTA FORMATIVA OMNIAMENTIS Centro Studi e Formazione di Promozione Sociale Anno Formativo 2012/2013 Workshop esperienziali Venerdì 14, Sabato 15 e Domenica 16 Dicembre 2012 IL COUNSELOR DALLA

Dettagli

La Stanza dei Genitori

La Stanza dei Genitori La Stanza dei Genitori La mediazione familiare come risorsa possibile E un progetto di Handling onlus www.handling-onlus.it In sintesi Il progetto La Stanza dei Genitori ha come obiettivo centrale l aiuto

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE In una fredda giornata d inverno un gruppo di porcospini si rifugia in una grotta e per proteggersi dal freddo si stringono vicini. Ben presto però sentono le spine reciproche e il dolore li costringe

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle tossicodipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici

Dettagli

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario Dott.ssa Silvia Monauni Psicologa Psicoterapeuta Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Ausl di Reggio Emilia Nel CEP (Comitato

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 1. Aspetti generali 2. Aspetti specifici 3. Ascolto e lettura della domanda 4. Le competenze professionali

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM NOVITAʼ: Analisi e studio

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM Obiettivi Obiettivi L obiettivo

Dettagli

LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO

LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO CORSO FAD LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO ID ECM: 4252-145859 CREDITI 12 CREDITI ECM DESTINATARI Psicologi, Psicoterapeuti, Educatori professionali DURATA Data di inizio 1 gennaio 2016 Data di fine

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Formazione Insegnanti a.s. 2014-2015 «[ ] perché l intelligenza funzioni, occorre un motore che sia affettivo. Non si cercherà mai di risolvere un problema

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Gruppi di auto mutuo aiuto per donne sole: cosa sono e come funzionano

Gruppi di auto mutuo aiuto per donne sole: cosa sono e come funzionano Gruppi di auto mutuo aiuto per donne sole: cosa sono e come funzionano Conducono l incontro: la dott.ssa Monica Tessarolo (psicologa psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo comportamentale, criminologa,

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Gabriella Geraci La comunicazione La comunicazione serve per trasmettere delle informazioni per mezzo di messaggi

Dettagli