Valutazione d Azienda LEZIONE 15 RIEPILOGO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione d Azienda LEZIONE 15 RIEPILOGO"

Transcript

1 Valutazione d Azienda 1 LEZIONE 15 RIEPILOGO

2 Aspetti introduttivi la valutazione in generale 2 Il processo di valutazione è finalizzato ad esprimere un giudizio sul valore di un attività (azienda, partecipazione, strumento finanziario, bene reale, bene immateriale) o una passività. Il perito è chiamato a determinare un valore, non un prezzo. - Prezzo: è il corrispettivo richiesto, offerto o pagato per l acquisizione dell attività reale o finanziaria da valutare. Si tratta di una grandezza empirica, influenzata da tutte le variabili che incidono sulla domanda e sull offerta e che, pertanto, può discostarsi dal valore dell attività; - Valore: non è una grandezza empirica ma il risultato di una stima.

3 Aspetti introduttivi la valutazione in generale Il lavoro del perito si caratterizza per la grande discrezionalità. 3 Nel corso del tempo sono state create alcune linee guida per la valutazione: 2011 IVSC IVS 2015 OIV - PIV 1955 FEE 1 raccomandazio ne 1980 FEE 2 raccomandazione

4 Aspetti introduttivi la valutazione in generale 4 Le Regole di valutazione che devono sempre essere rispettate dal perito sono le seguenti: 1. Razionalità 2. Verificabilità 3. Coerenza 4. Affidabilità 5. Professionalità 6. Competenza Schema logico sottostante Processo valutativo Base informativa, obiettivi e risultati Obiettività Codice Etico IVSC Capacità nello svolgere l incarico affidato

5 Aspetti introduttivi la valutazione in generale Il processo valutativo è basato su 5 fasi: 5 1. Formazione della base informativa; 2. Applicazione dell analisi fondamentale; 3. Selezione delle metodologie di stima; 4. Apprezzamento dei fattori di rischio; 5. Costruzione di una razionale sintesi valutativa

6 Metodo Patrimoniale 6 «Le valutazioni di tipo patrimoniale si propongono di individuare il valore effettivo del patrimonio netto aziendale, risultante dalla distinta stima a valori correnti delle singole attività e passività alla data di riferimento. L esperto deve perciò individuare gli elementi attivi e passivi, precisando per ciascuno i criteri di valutazione utilizzati. Se l analisi è estesa ai beni immateriali specifici, deve anche motivare la scelta di tali elementi, accertandosi la loro reciproca coerenza. P.I.V. III.1.28» Patrimonio netto esistente alla data di stima RETTIFICHE INTEGRAZIONI Valore corrente

7 Metodo Patrimoniale 7 SEMPLICE COMPLESSO dove: W = P + (R t I ) W = valore dell'azienda P = patrimonio netto contabile R t = rettifiche del patrimonio netto contabile I = effetto fiscale delle rettifiche W = P + (R t I ) + (B I) dove: W = valore dell'azienda P = patrimonio netto contabile R t = rettifiche del patrimonio netto contabile I = effetto fiscale delle rettifiche B = valore dei beni intangibili

8 Metodo Reddituale 8 «Le valutazioni reddituali sono basate, in relazione al fatto che si segua un approccio equity side o asset side, sulla capitalizzazione del reddito netto distribuibile di lungo periodo (o del risultato operativo disponibile al netto delle imposte che pagherebbe la società se non fosse indebitata) dell azienda o del ramo di azienda oggetto di stima, ad un tasso espressivo del costo-opportunità dei mezzi propri (o del costo medio ponderato del capitale o del costo dei mezzi propri unlevered con separata valutazione dei benefici fiscali dell indebitamento). P.I.V. III.1.31» Definizione orizzonte temporale Stima dei flussi di reddito attesi Determinazione del tasso di attualizzazione NORMALIZZAZIONE E INTEGRAZIONE VALORI IN ATTO E VALORI POTENZIALI

9 Metodo Reddituale - Formule 9 IPOTESI Redditi attesi anno per anno per n esercizi Redditi attesi rendita perpetua Reddito medio atteso per n anni FORMULA EQUITY SIDE W = n J=1 r j v j W = r _ / i W = r _ a n i Reddito atteso fino all anno m e poi reddito medio atteso (per il successivo) m W = r j v j + J=1 n J=m+1 r _ j v j Reddito atteso anno per anno fino all anno n e valore terminale n anno W = n J=1 r j v j + V t v n Scomposizione in 3 periodi m W = r j v j + j=1 n r _ v j +V t v n j=m+1

10 Metodo Reddituale - Formule 10 IPOTESI Redditi attesi anno per anno per n esercizi Redditi attesi rendita perpetua Reddito medio atteso per n anni Reddito atteso fino all anno m e poi reddito medio atteso (per il successivo) Reddito atteso anno per anno fino all anno n e valore terminale n anno Scomposizione in 3 periodi FORMULA ASSET SIDE W = n J=1 _ W = r _ W = r r j v j W = r j v j + W = m j=1 m n j=1 W = r j v j + j=1 D a / i D a a n i D a n r j=m+1 _ v j D a r j v j + V t v n D a n r v j +V t v n D a j=m+1 _

11 Metodo Finanziario 11 «Le valutazioni basate sull attualizzazione dei flussi monetari resi disponibili dall azienda (o dal ramo aziendale) oggetto di stima comprendono il metodo Discounted Cash Flow (DCF), nelle varianti asset side o equity side, e il Dividend Discount Model (DDM). Esse impegnano l esperto ad una corretta individuazione dei flussi di cassa, sia nella fase evolutiva, sia nella fase di stabilizzazione attesa per il lungo periodo. P.I.V. III.1.35» Quindi, il valore di un azienda dipende dalla sua capacità di produrre liquidità che: - remunera il capitale; - genera autofinanziamenti e nuovi investimenti.

12 Metodo Finanziario FCFO 12 Variazione negativa in caso di utilizzo del fondo

13 Metodo Finanziario - FCFE 13

14 Metodo Finanziario - DCF 14 DESCRIZIONE FORMULA ASSET SIDE Terminal Value metodo della rendita perpetua TV = ( FCFO / wacc) / (1+ wacc) l Terminal Value metodo della rendita perpetua, considerando il tasso di crescita (g) TV = ( FCFO * (1+ g) / wacc) / (1+ wacc) l Valore dell azienda n FCFO W = t D + (1+ wacc) t t=1 TV + SA n+1 (1+ wacc)

15 Metodo Finanziario - DCF 15 DESCRIZIONE FORMULA EQUITY SIDE Terminal Value metodo della rendita perpetua TV = ( FCFE / ke) / (1+ ke) l Terminal Value metodo della rendita perpetua, considerando il tasso di crescita (g) TV = ( FCFE * (1+ g) / ke) / (1+ ke) l Valore dell azienda W = n FCFE t + (1+ ke) t t=1 TV + SA n+1 (1+ ke)

16 Metodo Finanziario - DDM 16 IPOTESI FORMULA Flusso illimitato di Dividendi (Dt) W = t=1 D t (1+ ke) t Dividendi attesi anno per anno per i primi n anni + valore d uscita dell investimento (Pn) W = n t=1 D t (1+ ke) t + P n (1+ ke) n Stabilizzazione dei dividendi al tempo 0 (D0 ultimo dividendo noto) e tasso di crescita costante (g) W = D 0 (1+ g) ke g

17 Metodo misto patrimoniale - reddituale 17 Il metodo patrimoniale reddituale è stato diffuso nell Europa continentale dell Union des Experts Comptables et Financiers Européens (UEC) a partire dagli anni 60, ma è scarsamente conosciuto nei paesi di tradizione anglosassone. Il procedimento misto garantisce al contempo i requisiti di: - Oggettività e verificabilità delle stime, propri dell analisi patrimoniale; - Razionalità dei modelli basati sui flussi. Il metodo misto tiene conto: - Del valore degli asset tangibili e intangibili, che il metodo reddituale non considera (componente patrimoniale); - La redditività prospettica dell azienda, non considerata dall impostazione patrimoniale (componente reddituale).

18 Metodo misto patrimoniale - reddituale 18 DESCRIZIONE Formula generale per la determinazione dell Avviamento Approccio del Valore Medio Approccio del Valore Medio modifica con pesi (estesa) Approccio della stima autonoma del goodwill ipotesi reddito medio per n anni Approccio della stima autonoma del goodwill redditi attesi anno per anno Approccio della stima autonoma del goodwill rendita perpetua FORMULA A = r_ i K W = K + 1/ 2 * (r _ / i K) W = K *(c 1 )+ (r _ / i K)*(1 c 1 ) W = K + a n i (r _ i'k) W = K + n j=1 (r j i' K)v j W = K + (r_ i'k) i

19 Metodi Relativi 19 «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori (o multipli) ricavati dalle capitalizzazioni di Borsa di società quotate confrontabili, o dalle negoziazioni comunque avvenute con riferimento a quote di capitale di società confrontabili. Rappresentano stime di tipo analogico finalizzate all individuazione di un probabile valore di mercato dell azienda, o del ramo di azienda, oggetto di esame, muovendo da prezzi registrati sul mercato per titoli di aziende quotate simili o per pacchetti azionari di società quotate e non quotate. P.I.V. III.1.38» E un metodo di valutazione apparentemente semplice ma che nasconde diverse insidie, legate alla difficoltà nel trovare aziende comparabili.

20 Metodi Relativi Approccio dei moltiplicatori di borsa 20 Il valore è determinato sulla base dei prezzi di borsa che il mercato assegna a soggetti economici comparabili alla società oggetto di valutazione à Prezzo unitario per azione (price, P) Le fasi di applicazione Selezione delle società comparabili Selezione dei moltiplicatori Calcolo dei multipli di settore Applicazione dei multipli alla Società oggetto di valutazione

21 Metodi Relativi Metodo delle transazioni comparabili 21 La metodologia valutativa non si discosta concettualmente da quella dei multipli di mercato, se non che il riferimento non è ai prezzi di borsa ma a prezzi negoziati di pacchetti azionari (tipicamente di controllo). I multipli sono denominati deal multiples. N.B: «L esperto deve essere consapevole della diversa valenza informativa dei moltiplicatori desunti da società comparabili o da transazioni comparabili. P.I.V. III.1.40»

22 I nuovi approcci di valutazione Approccio Dinamico 22 I metodi tradizionali non tengono conto della capacità dell azienda di espandersi in nuovi settori o di ritirarsi, di entrare in nuovi segmenti o di abbandonarne, di fare acquisizioni o di rimanere danneggiata dall insuccesso del settore. Poiché l azienda opera in un contesto dinamico, al fine della sua valutazione occorre dunque tenere conto della sua capacità di esercitare singole opzioni/sfruttare le opportunità alle migliori condizioni e di chi rende possibile tutto ciò, il management. S identifica dunque la logica di creazione del valore e i criteri ad essa connessi, logica divenuta basilare nelle scelte del top management (e, conseguentemente, del criterio di selezione degli investimenti).

23 I nuovi approcci di valutazione - EVA 23 L EVA (Economic Value Added - denominazione protetta da registrazione) ha influenza sulle strategie industriali dell impresa: - il top management deve valutare il ritorno da un investimento considerando le alternative possibili; - gli investitori puntano su quelle imprese che generano il rendimento aziendale migliore rispetto al loro costo del capitale; - quando il rendimento aziendale eccede quello atteso dagli investitori, il valore di mercato (capitalizzazione borsistica) eccede il patrimonio netto contabile dando luogo a un premio che il mercato attribuisce alla società proprio per la sua capacità di creare valore (MVA = Market Value Added)

24 I nuovi approcci di valutazione - EVA 24 Nella versione precedente delle slide tale differenza veniva indicata come EVA Ve = CO0 + 1 [ Nopatt k *COt 1] ( 1+ wacc) t Nella versione precedente delle slide tale differenza costituiva il Market Value Added. Dove: - NOPAT = Risultato Operativo Netto d imposta; - CO = Capitale Operativo Investito Contabile; - wacc = Costo medio ponderato del capitale; - k = non è specificato, si ritiene faccia riferimento al wacc.

25 I nuovi approcci di valutazione Discounted Abnormal Earnings 25 Fra i nuovi approcci di valutazione, oltre all EVA, vi è anche il Discounted Abnormal Earnings (detto anche Residual Income Method). W = C [ ] R t ke * C t 1 (1+ ke) t Il Discounted Abnormal Earnings può essere considerato come la versione equity side dell EVA. «La differenza di fondo è che il valore dell azienda è scomposto fra il capitale netto contabile C, o il capitale operativo CO, e la creazione di valore intervenuta, per effetto dei differenziali di reddito o di risultato operativo netto d imposta rilevati. Sotto ipotesi coerenti, la creazione di valore non dovrebbe essere diversa, utilizzando un approccio asset side o equity side. Commento al P.I.V. III.1.33»

26 Applicazioni particolari La quarta parte dei P.I.V è dedicata alle applicazioni particolari. 26 Si indicano le linee guida che il perito deve seguire nel momento in cui la valutazione è effettuata nel contesto di particolari operazioni: - acquisizione; - cessione; - valutazioni legali; - aumenti di capitale sociale - fusioni e scissioni; - conferimenti e trasformazioni; - recesso; - valutazioni ai fini di bilancio.

Valutazione d Azienda. Lezione 12 I NUOVI METODI DI VALUTAZIONE APPROCCIO DINAMICO

Valutazione d Azienda. Lezione 12 I NUOVI METODI DI VALUTAZIONE APPROCCIO DINAMICO Valutazione d Azienda Lezione 12 I NUOVI METODI DI VALUTAZIONE APPROCCIO DINAMICO 1 Premessa Il valore di un impresa si determina sulla base di elementi afferenti il settore (tasso di crescita, incertezza

Dettagli

1.3 I collegamenti tra lo Stato Patrminiale e il Conto Economico

1.3 I collegamenti tra lo Stato Patrminiale e il Conto Economico Presentazione Capitolo 1 La determinazione dei flussi di cassa 1.1 La riclassifica dello Stato Patrimoniale 1.1.1 L importanza della riclassifica 1.1.2 Il Capitale Circolante Commerciale 1.1.3 Il Capitale

Dettagli

LE VALUTAZIONI DI AZIENDE AI SENSI NUOVI PIV. dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca

LE VALUTAZIONI DI AZIENDE AI SENSI NUOVI PIV. dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca LE VALUTAZIONI DI AZIENDE AI SENSI NUOVI PIV dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca 1 Le Metodiche di valutazione GRANDEZZE FLUSSO REDDITUALI

Dettagli

PROCESSI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE. Prof. Alessandro CORTESI

PROCESSI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE. Prof. Alessandro CORTESI PROCESSI E METODOLOGIE DI Prof. Alessandro CORTESI Diretta 21 giugno 2010 L OGGETTO DELLA L OBIETTIVO DELLA Le metodologie di valutazione delle aziende sono volte in primis a determinare il valore del

Dettagli

La valutazione delle aziende. 2 parte

La valutazione delle aziende. 2 parte La valutazione delle aziende 2 parte 36 APPROCCIO BASATO SUI FLUSSI DI RISULTATO (di regola, sull orizzonte della stima analitica) 37 (aumento) 38 DETERMINAZIONE DEL FCFO MOL 15.114 +/- variazione del

Dettagli

SOMMARIO. 1. Il valore. 2. Processo e principi internazionali di valutazione. 3. L'organismo italiano di valutazione e i PIV

SOMMARIO. 1. Il valore. 2. Processo e principi internazionali di valutazione. 3. L'organismo italiano di valutazione e i PIV SOMMARIO 1. Il valore di Stefano Pozzoli 1.1. Valutazione e valore... 3 1.1.1 Perché la valutazione... 3 1.1.2 Le regole della valutazione... 8 1.1.3 I metodi di valutazione, una prima classificazione...

Dettagli

LA VALUTAZIONE D AZIENDA.

LA VALUTAZIONE D AZIENDA. LA VALUTAZIONE D AZIENDA. Lezione 11 Castellanza, 6 Dicembre 2006 2 I metodi di valutazione Metodo PATRIMONIALE Metodo REDDITUALE Metodo MISTO patrimoniale reddituale Metodi FINANZIARI Metodi di MERCATO

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEI PROCESSI DI QUOTAZIONE IN BORSA. Rag. Francesco M. RENNE

LA VALUTAZIONE NEI PROCESSI DI QUOTAZIONE IN BORSA. Rag. Francesco M. RENNE LA VALUTAZIONE NEI PROCESSI DI QUOTAZIONE IN BORSA Rag. Francesco M. RENNE Diretta 21 giugno 2010 LE PECULIARITÀ DEI PROCESSI DI QUOTAZIONE le valutazione per la Borsa valutazione con metodi finanziari....principalmente

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 6 IL METODO PATRIMONIALE (Parte I)

Valutazione d Azienda. Lezione 6 IL METODO PATRIMONIALE (Parte I) Valutazione d Azienda Lezione 6 IL METODO PATRIMONIALE (Parte I) 1 Gli esempi numerici riportati sono tratti da Pozzoli, S. (2013), Valutazione d azienda. Ipsoa. 2 Utilità del metodo patrimoniale È il

Dettagli

Nuove finalità professionali della valutazione

Nuove finalità professionali della valutazione Nuove finalità professionali della valutazione Giovanni Liberatore Università di Firenze Nuovi fabbisogni di valutazione Attività a fair value Impairment dell avviamento Bilancio d esercizio Aggregazioni

Dettagli

La Valutazione delle aziende e i principali metodi per la stima del valore economico

La Valutazione delle aziende e i principali metodi per la stima del valore economico La Valutazione delle aziende e i principali metodi per la stima del valore economico 1 La valutazione d azienda processo logico di individuazione del VALORE ECONOMICO DEL CAPITALE DELL AZIENDA, risultante

Dettagli

Valutazione di azienda

Valutazione di azienda Valutazione di azienda Cenni sulla valutazione di azienda Il servizio di Mutina Consulting Metodi operativi Cenni sulla valutazione di azienda La valutazione è quella attività che, nell'ambito dell'economia

Dettagli

I metodi basati sui flussi

I metodi basati sui flussi Alcune indicazioni dei PIV sui metodi basati sui flussi Commissione di Studio della Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Centro Studi Email: I metodi basati sui flussi

Dettagli

IL METODO FINANZIARIO (D.C.F. - Discounted Cash Flow)

IL METODO FINANZIARIO (D.C.F. - Discounted Cash Flow) IL METODO FINANZIARIO (D.C.F. - Discounted Cash Flow) Introduzione Il metodo finanziario tende a determinare il valore di un azienda attraverso la somma dei flussi di cassa prospettici della stessa, attualizzati

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo. Economic Value Added

Corso di Programmazione e Controllo. Economic Value Added Corso di Programmazione e Controllo Economic Value Added EVA (ECONOMIC VALUE ADDED) è una misura periodica della dinamica del valore destinata alla determinazione della capacità dell impresa di garantire:

Dettagli

Il Valore Economico del Capitale (W): nozioni introduttive. I tassi di attualizzazione

Il Valore Economico del Capitale (W): nozioni introduttive. I tassi di attualizzazione Il Valore Economico del Capitale (W): nozioni introduttive I tassi di attualizzazione Silvano Corbella Professore Straordinario di Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1 Il W: cenni generali

Dettagli

CRITERI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE NELLA FASE DI COMPRAVENDITA D AZIENDA

CRITERI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE NELLA FASE DI COMPRAVENDITA D AZIENDA CRITERI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE NELLA FASE DI COMPRAVENDITA D AZIENDA Prof. Paola Saracino Professore associato di Ragioneria Generale ed Applicata e di Bilancio e Principi Contabili Università degli

Dettagli

Valutazione delle aziende

Valutazione delle aziende Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali Valutazione delle aziende TESARIO a.a. 2014/2015 Prof. Luigi Rinaldi I Finalità Il corso ha per oggetto gli aspetti metodologici

Dettagli

VIII Indice Riclassificazione del conto economico della società Grafica Dalla visione economica a quella finanziaria 54 Il flusso monetario rif

VIII Indice Riclassificazione del conto economico della società Grafica Dalla visione economica a quella finanziaria 54 Il flusso monetario rif Indice Prefazione Parte prima - Strumenti logici e problemi di metodo 1 Capitolo 1 Concetti introduttivi 3 1.1 Dove e perché si valutano business e imprese 3 1.2 Una panoramica dei metodi di valutazione

Dettagli

Valore d impresa e Creazione di Valore La Valutazione di aziende in perdita

Valore d impresa e Creazione di Valore La Valutazione di aziende in perdita Valore d impresa e Creazione di Valore La Valutazione di aziende in perdita 1 Valor re d impresa e creazio one di valore CRITERI DI VALUTAZIONE 1. criteri analitico-patrimoniali 2. criteri sintetici reddituali

Dettagli

I metodi misti di determinazione del valore

I metodi misti di determinazione del valore 8. I metodi misti di determinazione del valore La valutazione della componente patrimoniale: rivalutazione delle attività e passività aziendali, le attività immateriali, i surplus assets La stima autonoma

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 10 IL METODO MISTO REDDITUALE - PATRIMONIALE

Valutazione d Azienda. Lezione 10 IL METODO MISTO REDDITUALE - PATRIMONIALE Valutazioe d Azieda Lezioe 10 IL METODO MISTO REDDITUALE - PATRIMONIALE 1 Breve ripasso del metodo patrimoiale «Le valutazioi di tipo patrimoiale si propogoo di idividuare il valore effettivo del patrimoio

Dettagli

Corso di InvestmentBanking & RealEstate Finance. 20 febbraio 2012 Lara Maini

Corso di InvestmentBanking & RealEstate Finance. 20 febbraio 2012 Lara Maini Corso di InvestmentBanking & RealEstate Finance 20 febbraio 2012 Lara Maini Il capitale economico Valutazione di funzionamento; Valutazione di liquidazione; Valutazione di cessione o di trasferimento (operazioni

Dettagli

VALUTAZIONI DI AZIENDE FINALITÀ E METODI

VALUTAZIONI DI AZIENDE FINALITÀ E METODI VALUTAZIONI DI AZIENDE FINALITÀ E METODI Finalità e metodi FINALITA Valutazioni interne all azienda (impairment test valutazione partecipazioni [immobilizzate / circolante], avviamento) Valutazioni esterne

Dettagli

Tecniche di valutazione finanziaria dei beni

Tecniche di valutazione finanziaria dei beni Tecniche di valutazione finanziaria dei beni Tema 1 - Lezione di impianto teorico e approfondimento Corso di: Politiche Finanziarie e Strategie di Investimento I temi della seconda parte La finanza degli

Dettagli

Corso di Analisi Finanziaria a.a. 2013/2014. Dipartimento Studi di Impresa, Governo e Filosofia. EVA Economic Value Added

Corso di Analisi Finanziaria a.a. 2013/2014. Dipartimento Studi di Impresa, Governo e Filosofia. EVA Economic Value Added Corso di Analisi Finanziaria a.a. 2013/2014 Dipartimento Studi di Impresa, Governo e Filosofia EVA Economic Value Added Prof. Francesco Ranalli Prof. Alessandro Giosi Dott. Gabriele Palozzi EVA: definizione

Dettagli

Impairment test CGU (40%)

Impairment test CGU (40%) Impairment test CGU (40%) 1. VALORI DELLA CGU E CALCOLO DELL AVVIAMENTO CGU EURO Valore contabile netto attività e passività acquisite (A) 207.206 Rettifiche per calcolare il FV di attività e passività

Dettagli

LE PERIZIE DI STIMA NELLA VALUTAZIONE: I PUNTI CRITICI. Prof. Michele PIZZO

LE PERIZIE DI STIMA NELLA VALUTAZIONE: I PUNTI CRITICI. Prof. Michele PIZZO LE PERIZIE DI STIMA NELLA VALUTAZIONE: I PUNTI CRITICI Prof. Michele PIZZO Diretta 21 giugno 2010 LA VALUTAZIONE D AZIENDA: : I PUNTI CRITICI Struttura dell intervento Scelta del metodo Coerenza: variabili

Dettagli

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo FORMAZIONE AVANZATA ECONOMIA MODULO 1. PRINCIPI CONTABILI I 03 marzo 11.00-19.00 Il bilancio IFRS in Italia: normativa, schemi di bilancio. 04 marzo

Dettagli

Un investitore razionale attribuisca ad un. costo di sostituzione (o di riproduzione).

Un investitore razionale attribuisca ad un. costo di sostituzione (o di riproduzione). La valutazione delle aziende Il metodo patrimoniale Criteri del costo: La filosofia Un investitore razionale attribuisca ad un bene esistente un valore non superiore al suo costo di sostituzione (o di

Dettagli

Valutazione d azienda: approcci e metodi. Docente: Prof. Massimo Mariani

Valutazione d azienda: approcci e metodi. Docente: Prof. Massimo Mariani Docente: Prof. Massimo Mariani Il valore di un azienda è strettamente legato alle decisioni d investimento e di finanziamento adottate dalla medesima. L azienda può infatti essere interpretata come un

Dettagli

I metodi misti di determinazione del valore

I metodi misti di determinazione del valore 8. I metodi misti di determinazione del valore La valutazione della componente patrimoniale: rivalutazione delle attività e passività aziendali, le attività immateriali, i surplus assets La stima autonoma

Dettagli

Le leve del valore economico e modelli di stima

Le leve del valore economico e modelli di stima Lo schema dell unità didattica n. 5 è modificato, rispetto a quello contenuto nel programma analitico del corso, nei termini sotto indicati: PARTE SECONDA TEORIE DI MISURAZIONE DEL VALORE ECONOMICO 5.

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda. A cura del prof. Michele Rutigliano

I metodi di valutazione di azienda. A cura del prof. Michele Rutigliano I metodi di valutazione di azienda A cura del prof. Michele Rutigliano A cosa servono le valutazioni? Nelle compravendite di quote e di pacchetti azionari di riferimento fra privati (valutazioni stand

Dettagli

La valutazione delle aziende

La valutazione delle aziende La valutazione delle aziende Prof. Domenico Nicolò Università Mediterranea di Reggio Calabria domenico.nicolo@unirc.it www.domeniconicolo.it AA 2016-17 1 Principi generali quando? selezione investimenti

Dettagli

La valutazione delle aziende. 1 parte

La valutazione delle aziende. 1 parte La valutazione delle aziende 1 parte 1 Valore e prezzo/1 In generale il valore di un azienda è diverso per diversi possibili compratori, come pure può essere diverso per compratore e venditore Il valore

Dettagli

Commissione di Studio della Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Centro Studi

Commissione di Studio della Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Centro Studi Cessione, conferimento e scissione dello Studio Professionale: valutazione, aspetti fiscali e contabili Commissione di Studio della Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze

Dettagli

Fair value titoli rappresentativi di patrimonio netto

Fair value titoli rappresentativi di patrimonio netto Principi contabili internazionali Fair value titoli rappresentativi di patrimonio netto Marco Venuti 2015 Contenuto didattico 1. Introduzione 2. Valutazione delle partecipazioni nel bilancio separato 3.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE Dott. Lorenzo Batacchi Banca popolare dell Emilia Romagna lorenzo.batacchi@bper.it FASI PROPEDEUTICHE ALLA VALUTAZIONE Analisi interpretativa dei Risultati storici aziendali

Dettagli

FINANZA AZIENDALE SIMULAZIONI E BUSINESS PLAN. Simulazioni e Business Plan - CLASEP

FINANZA AZIENDALE SIMULAZIONI E BUSINESS PLAN. Simulazioni e Business Plan - CLASEP FINANZA AZIENDALE SIMULAZIONI E BUSINESS PLAN Bibliografia di riferimento Per la parte generale e simulazioni sul D.C.F: Brealey Myers Sandri: Principi di Finanza Aziendale 3 edizione, Mc Graw Hill, 1998:

Dettagli

CAPITOLO 9 Sviluppo di impresa e creazione di valore

CAPITOLO 9 Sviluppo di impresa e creazione di valore CAPITOLO 9 Sviluppo di impresa e creazione di valore 1 QUALE COMPITO HA LA FUNZIONE FINANZIARIA? 2 VALUTARE e QUANTIFICARE l impatto delle scelte future sulle capacità dell impresa di generare valore NON

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

Seminario Finanza Alternativa per lo sviluppo d'impresa

Seminario Finanza Alternativa per lo sviluppo d'impresa Seminario Finanza Alternativa per lo sviluppo d'impresa Lezione 2: Quotazione su AIM Italia Dott. Maurizio Napoli Responsabile Advisory & Corporate Finance Banca Finnat Dott. Angelo De Marco - Manager

Dettagli

VALUTAZIONE D AZIENDA. DOCFIN SRL Tel Fax

VALUTAZIONE D AZIENDA. DOCFIN SRL Tel Fax VALUTAZIONE D AZIENDA DOCFIN SRL Tel. 02 450 73 213 Fax 02 450 70 213 info@doc-fin.com www.doc-fin.com Metodologie di valutazione METODOLOGIE DI VALUTAZIONE PREMESSE METODI DI VALUTAZIONE Metodo patrimoniale

Dettagli

Teoria del valore d impresa anno Università degli Studi di Verona. La stima del costo del capitale

Teoria del valore d impresa anno Università degli Studi di Verona. La stima del costo del capitale La stima del costo del capitale Le principali configurazioni del costo del capitale ai fini della stima di W Il costo del capitale proprio Levered (CoE L ) Unlevered (CoE UN ) Il costo del capitale di

Dettagli

Gli strumenti di partecipazione

Gli strumenti di partecipazione Gli strumenti di partecipazione Ricevimento: giovedì 14:30 16:30 previa email (da vostro indirizzo istituzionale) marika.carboni@uniroma3.it 1 Agenda Gli strumenti di partecipazione: un quadro d insieme

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE AZIENDE METODI PATRIMONIALI MISTI.

VALUTAZIONE DELLE AZIENDE METODI PATRIMONIALI MISTI. VALUTAZIONE DELLE AZIENDE METODI PATRIMONIALI MISTI Metodi patrimoniali misti o stock-flusso I metodi misti costituiscono una mediazione tra i metodi patrimoniali e quelli reddituali. In particolare il

Dettagli

Le metodologie di valutazione del capitale economico

Le metodologie di valutazione del capitale economico Le metodologie di valutazione del capitale economico Marco Angelo Marinoni Economia Aziendale (corso progredito) Prof. Giuseppe Galassi 20 e 21 Settembre 2011 UNIVERSITÀ degli STUDI di PARMA 1 UNIVERSITÀ

Dettagli

Le valutazioni al costo ammortizzato e al fair value nei principi contabili nazionali

Le valutazioni al costo ammortizzato e al fair value nei principi contabili nazionali Le valutazioni al costo ammortizzato e al fair value nei principi contabili nazionali Prof. Riccardo Tiscini Convegno: Prima applicazione dei nuovi OIC e prospettive dell informativa di bilancio Roma,

Dettagli

Valore d impresa e valore intangibile

Valore d impresa e valore intangibile AMMINISTRAZIONE & FINANZA Valore d impresa e valore intangibile Una metodologia per la valutazione delle aziende: guida alla misurazione e alla pianificazione del valore Furio Bartoli Giuseppe Ossoli FRANCOANGELI

Dettagli

ALLEGATO 1: METODI DI VALUTAZIONE In appresso si esaminano succintamente i principali metodi di valutazione al fine di individuarne la compatibilità con il caso di specie. 1 Metodo patrimoniale semplice

Dettagli

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale FUNZIONE FINANZIARIA Oggetto: gestione razionale del fattore capitale TEORIA DELLA FINANZA: Modelli di comportamento volti a razionalizzare le decisioni gestionali QUALI SONO I VALORI IN GIOCO? La solidita

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

INTRODUZIONE. direttamente, con il trascorrere del tempo e con l evoluzione

INTRODUZIONE. direttamente, con il trascorrere del tempo e con l evoluzione INTRODUZIONE Il presente lavoro presenta un duplice obiettivo: in primis ci si propone di esporre in maniera sintetica i tratti essenziali della valutazione aziendale; verranno illustrati i principali

Dettagli

MARCHI E BREVETTI METODOLOGIE VALUTATIVE

MARCHI E BREVETTI METODOLOGIE VALUTATIVE MARCHI E BREVETTI METODOLOGIE VALUTATIVE Verona, 10 dicembre 2014 Fabrizio Novella PREDOMINANZA DEL VALORE DEI MARCHI E DEI BREVETTI ALL INTERNO DEGLI INTANGIBLES ISCRIZIONE IN BILANCIO RILEVANZA DI UNA

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 0145-50-2016 Data/Ora Ricezione 01 Luglio 2016 18:31:11 MTA Societa' : RCS MEDIAGROUP Identificativo Informazione Regolamentata : 76493 Nome utilizzatore : RCSMEDIAGROUPN01

Dettagli

Parte terza: Ambiti professionali di applicazione delle metodologie valutative. Le valutazioni economiche nelle operazioni di conferimento d azienda

Parte terza: Ambiti professionali di applicazione delle metodologie valutative. Le valutazioni economiche nelle operazioni di conferimento d azienda Teoria del valore dell impresa Parte terza: Ambiti professionali di applicazione delle metodologie valutative 16. Le valutazioni economiche nelle operazioni di conferimento d azienda Il contesto nel quale

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda. A cura del prof. Michele Rutigliano

I metodi di valutazione di azienda. A cura del prof. Michele Rutigliano I metodi di valutazione di azienda A cura del prof. Michele Rutigliano 1 A cosa servono le valutazioni? Nelle compravendite di quote e di pacchetti azionari di riferimento fra privati (valutazioni stand

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 465/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 465/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 465/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO 1. La metodologia di calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC, Weighted

Dettagli

Valutazioni d azienda: soluzioni esercizi

Valutazioni d azienda: soluzioni esercizi Valutazioni d azienda: soluzioni esercizi Università di Napoli Parthenope 1 Soluzione. La valutazione ai sensi dell art. 2343 di un ramo d azienda che svolge l attività di commercializzazione di prodotti

Dettagli

La valutazione attraverso i multipli di mercato.

La valutazione attraverso i multipli di mercato. La valutazione attraverso i multipli di mercato. Prof. Alessandro Cortesi Firenze, Facoltà di Economia 26 giugno 2008 4 marzo 2008 I diversi moltiplicatori asset side ed equity side. EV/Ebit EV/Ebitda

Dettagli

Commento ai dati di bilancio

Commento ai dati di bilancio Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto BUY Target Price Azioni ordinarie EVA: 9,51 Azioni ordinarie DCF: 9,51 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 8,15 Euro Titoli in circolazione: 212,96

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

La valutazione d impresa in situazioni di mercati turbolenti

La valutazione d impresa in situazioni di mercati turbolenti 078708CFC1008_817a822.qxd 19-09-2008 9:41 Pagina 817 La valutazione d impresa in situazioni di mercati turbolenti Determinazione dei parametri Matteo Mancaruso Dottore commercialista, Partner Kon Spa La

Dettagli

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri La valutazione La valutazione rappresenta il processo

Dettagli

I PRINCIPI ITALIANI DI VALUTAZIONE

I PRINCIPI ITALIANI DI VALUTAZIONE LA VALUTAZIONE D AZIENDA ALLA LUCE DELLE NUOVE INDICAZIONI DEI PRINCIPI ITALIANI DI VALUTAZIONE Dott. NICOLA LUCIDO Ricercatore area aziendale - Fondazione Nazionale dei Commercialisti Commercialista in

Dettagli

Stato patrimoniale riclassificato

Stato patrimoniale riclassificato Stato patrimoniale riclassificato Lo schema dello stato patrimoniale riclassificato aggrega i valori attivi e passivi dello schema statutory secondo il criterio della funzionalità alla gestione dell impresa

Dettagli

Indice. Introduzione. Parte prima

Indice. Introduzione. Parte prima Indice Introduzione XI Parte prima LA RETE CONCETTUALE DI BASE (CONCEPTUAL FRAMEWORK) 1 I.1 La valutazione 3 I.2 La competenza professionale dell esperto ed i principi di valutazione applicati 6 I.3 I

Dettagli

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA (ASPETTI TEORICI ED APPLICAZIONI PRATICHE) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTA DI ECONOMIA Anno Accademico 2014-2015 A CURA DI PIERPAOLO CEROLI Professore a contratto

Dettagli

Capitolo Quattordicesimo * UN CASO DI VALUTAZIONE AZIENDALE

Capitolo Quattordicesimo * UN CASO DI VALUTAZIONE AZIENDALE Un caso di valutazione aziendale 14. Capitolo Quattordicesimo * UN CASO DI VALUTAZIONE AZIENDALE 14.1. INTRODUZIONE Il presente capitolo contiene alcune ipotesi per lo svolgimento di un caso di valutazione

Dettagli

VALUTAZIONE D AZIENDA

VALUTAZIONE D AZIENDA VALUTAZIONE D AZIENDA Valutazione d azienda Pag. 104 VALUTAZIONI OBBLIGATORIE Richieste da Legge per esigenze civilistiche o fiscali: Conferimenti azienda Trasformazioni societarie evolutive Fusioni e

Dettagli

La valutazione d azienda (2^parte) Il metodo finanziario e i metodi misti

La valutazione d azienda (2^parte) Il metodo finanziario e i metodi misti La valutazione d azienda (2^parte) Il metodo finanziario e i metodi misti a cura di Umberto Fruttero Dottore Commercialista 1. I metodi misti Nella precedente trattazione La valutazione d azienda: il metodo

Dettagli

ANALISI DELLO SCENARIO

ANALISI DELLO SCENARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La Valutazione della PMI: dalla crisi alla ripresa INTRODUZIONE Indice dell intervento 1. Oggetto, finalità e contesto della valutazione 2. Analisi dello scenario 3. Base

Dettagli

Lezione Le misure del rendimento e del rischio dei titoli azionari

Lezione Le misure del rendimento e del rischio dei titoli azionari Lezione Le misure del rendimento e del rischio dei titoli azionari Obiettivi Analizzare i modelli di misurazione rendimento e del rischio dei titoli azionari Il rendimento ed il rischio dei titoli azionari

Dettagli

I criteri di valutazione:

I criteri di valutazione: I criteri di valutazione: il VAN e il TIR 06.04.2016 La fattibilità economica del progetto La valutazione di fattibilità consiste nella verifica della convenienza economica del developer a promuovere l

Dettagli

«Il riclassamento delle Unità Immobiliari di Roma»

«Il riclassamento delle Unità Immobiliari di Roma» «Il riclassamento delle Unità Immobiliari di Roma» Mercoledì 16 Aprile 2014 I criteri dell estimo comparativo. Geom. Maurizio Rulli Valore di mercato. Dagli IVS (International Valuation Standards): il

Dettagli

LA METODICA ED I CRITERI DI VALUTAZIONE DEL CAPITALE ECONOMICO ALLA LUCE DEI NUOVI PIV

LA METODICA ED I CRITERI DI VALUTAZIONE DEL CAPITALE ECONOMICO ALLA LUCE DEI NUOVI PIV 6. Temi professionali LA METODICA ED I CRITERI DI VALUTAZIONE DEL CAPITALE ECONOMICO ALLA LUCE DEI NUOVI PIV La relazione di stima rappresenta il documento conclusivo con il quale il professionista attesta

Dettagli

Cosa sono? Relazioni fra grandezze che presentano una connessione. Si distinguono in: Logica Funzionale (flusso generato da uno stock)

Cosa sono? Relazioni fra grandezze che presentano una connessione. Si distinguono in: Logica Funzionale (flusso generato da uno stock) Analisi per indici Cosa sono? Relazioni fra grandezze che presentano una connessione Logica Funzionale (flusso generato da uno stock) Si distinguono in: Margini (differenze) Indicatori o ratios (quozienti)

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE AVANZATA ANALISI E PIANIFICAZIONE ECONOMICA - FINANZIARIA. Riccardo Rapelli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE AVANZATA ANALISI E PIANIFICAZIONE ECONOMICA - FINANZIARIA. Riccardo Rapelli CORSO DI FINANZA AZIENDALE AVANZATA ANALISI E PIANIFICAZIONE ECONOMICA - FINANZIARIA Riccardo Rapelli riccardo.rapelli@unibg.it Ufficio 116/B 1 IL BILANCIO Il bilancio d esercizio è un modello di rappresentazione

Dettagli

LA SOSTANZA ECONOMICA DELLA PPA 11

LA SOSTANZA ECONOMICA DELLA PPA 11 INDICE INTRODUZIONE 1 ABBREVIAZIONI 7 PARTE PRIMA LA PURCHASE PRICE ALLOCATION (PPA) 1 2 3 LA SOSTANZA ECONOMICA DELLA PPA 11 1.1 Il processo di PPA 11 1.2 L abolizione dell ammortamento sistematico del

Dettagli

Sabato 18 Febbraio 2012

Sabato 18 Febbraio 2012 INDICI E FATTORI DELLA ECONOMICITÀ NELL'ECONOMIA AZIENDALE: quel che i giuristi non sanno Prof. Roberto Schiesari Università degli Studi di Torino - schiesari@econ.unito.it Sabato 18 Febbraio 2012 Quali

Dettagli

Teoria del Valore economico a.a. 2008/2009 Università degli Studi di Verona. Esercitazione METODO FINANZIARIO

Teoria del Valore economico a.a. 2008/2009 Università degli Studi di Verona. Esercitazione METODO FINANZIARIO Esercitazione METODO FINANZIARIO Si determini, utilizzando il metodo unlevered discounted cash flow, il valore del capitale economico di un impresa all 1/1/08 operante nel settore delle vernici industriali

Dettagli

Le tecniche di valutazione per la stima delle aziende negli IFRS

Le tecniche di valutazione per la stima delle aziende negli IFRS Le tecniche di valutazione per la stima delle aziende negli IFRS Riccardo Tiscini Professore Ordinario Universitas Mercatorum di Roma Componente Comitato Tecnico Financial Reporting Standards ANDAF Crisi

Dettagli

PREMESSA SULL ART. 5 DELLA LEGGE 448/2001

PREMESSA SULL ART. 5 DELLA LEGGE 448/2001 TRACCE PER PERIZIE DA AFFRANCAMENTO VER. 1.1 DEL 31-08-2011 PREMESSA SULL ART. 5 DELLA LEGGE 448/2001 Il recente decreto sviluppo (DL n. 70/2011) ha riaperto i termini per l affrancamento del valore fiscale

Dettagli

Principi e tecniche di valutazione del capitale economico di una società. Dott. Ezio Foglino, commercialista in Brescia

Principi e tecniche di valutazione del capitale economico di una società. Dott. Ezio Foglino, commercialista in Brescia Principi e tecniche di valutazione del capitale economico di una società. Dott. Ezio Foglino, commercialista in Brescia 1 Centro Paolo VI, 07 marzo 2007 LA VALUTAZIONE DEL CAPITALE ECONOMICO La valutazione

Dettagli

La valutazione degli intermediari finanziari

La valutazione degli intermediari finanziari La valutazione degli intermediari finanziari di Vincenzo Capizzi e Maurizio L. Lombardi Indice Prima parte: L attività delle banche e le loro caratteristiche: 1. Il sistema finanziario 2. L attività degli

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - LE LEZIONI DELLA SETTIMANA 11 Sviluppo dell impresa e creazione di valore: il value based management e la logica EVA Pavarani CAP. 9 SLIDES 14 ottobre 2003 11-13 Ar1 12 Esercitazione su EVA esulla stima

Dettagli

I metodi empirici e i multipli di mercato

I metodi empirici e i multipli di mercato I metodi empirici e i multipli di mercato Prof. Maurizio Comoli Università del Piemonte Orientale Facoltà di Economia di Novara I metodi empirici (1/18) Le regole del pollice (Rules of Thumbe) sono uno

Dettagli

I metodi di valutazione dell avviamento e dei beni immateriali nell ambito delle aziende in crisi

I metodi di valutazione dell avviamento e dei beni immateriali nell ambito delle aziende in crisi I metodi di valutazione dell avviamento e dei beni immateriali nell ambito delle aziende in crisi Commissione di studio della Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Firenze Area

Dettagli

Quanto VALE la mia azienda?

Quanto VALE la mia azienda? Quanto VALE la mia azienda? Michele Zampieri dottore commercialista e revisore legale APIndustria Verona 20.04.16 1 Agenda 1. Cosa crea valore e cos è una valutazione. L insegnamento dei PIV (Principi

Dettagli

Indice. Presentazione, di Ugo Giordano » XIII. Prefazione, di Andrea Dossi » XVII. Introduzione

Indice. Presentazione, di Ugo Giordano » XIII. Prefazione, di Andrea Dossi » XVII. Introduzione Indice Presentazione, di Ugo Giordano pag. XI Prefazione, di Andrea Dossi Introduzione» XIII» XVII Parte 1 Finanziamento e analisi del mercato immobiliare 1 Il mercato immobiliare 1.1 Introduzione al mercato

Dettagli

Corso di Laurea in Economia e Gestione Aziendale: Canale e-learning. Finanza Aziendale. prof. Luca Piras. Lezione 9: la valutazione dei progetti

Corso di Laurea in Economia e Gestione Aziendale: Canale e-learning. Finanza Aziendale. prof. Luca Piras. Lezione 9: la valutazione dei progetti Finanza Aziendale prof. Luca Piras Lezione 9: la valutazione dei progetti Contenuti Il valore a@uale ne@o Il tasso interno di rendimento Il rendimento medio contabile L indice di reddi@ività Razionalità

Dettagli

IL COSTO MEDIO PONDERATO DEL CAPITALE

IL COSTO MEDIO PONDERATO DEL CAPITALE OIV BEST PRACTICES IL COSTO MEDIO PONDERATO DEL CAPITALE (Gualtiero Brugger) 1 Milano, 22 settembre 2014 IL COSTO MEDIO PONDERATO DEL CAPITALE È definito dalla classica formula: WACC = k d (1 T c ) + k

Dettagli

I MULTIPLI: CRITERI DI IMPIEGO CASO WINE

I MULTIPLI: CRITERI DI IMPIEGO CASO WINE I MULTIPLI: CRITERI DI IMPIEGO CASO WINE M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008. Cap. 10 (segue). 1 La logica

Dettagli

La valutazione degli investimenti. - Scelte di lungo periodo - VAN e SIR

La valutazione degli investimenti. - Scelte di lungo periodo - VAN e SIR La valutazione degli investimenti - Scelte di lungo periodo - VAN e SIR Scelte di lungo periodo N.B. Per seguire questa parte del programma è indispensabile la conoscenza della matematica finanziaria.

Dettagli

Disposizioni in materia di calcolo del tasso di remunerazione del capitale impiegato

Disposizioni in materia di calcolo del tasso di remunerazione del capitale impiegato ALLEGATO C ALLA DELIBERA N. 30/05/CONS Disposizioni in materia di calcolo del tasso di remunerazione del capitale impiegato 1. Il modello di calcolo del tasso di remunerazione del capitale impiegato L

Dettagli

dott. RELAZIONE DI STIMA DEL VALORE ECONOMICO DEL CAPITALE DI PN S.P.A.

dott. RELAZIONE DI STIMA DEL VALORE ECONOMICO DEL CAPITALE DI PN S.P.A. dott. RELAZIONE DI STIMA DEL VALORE ECONOMICO DEL CAPITALE DI PN S.P.A. INDICE Pag. 1. LA STIMA: CARATTERI GENERALI 4 1.1. Finalità della stima 4 1.2. Oggetto della stima 5 1.3. Data di riferimento della

Dettagli

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale TEMA 5: Introduzione al costo del capitale Rischio e capital budgeting (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 11) 1 Argomenti trattati La regola di capital budgeting Il costo del capitale aziendale Il costo

Dettagli

Le perdite di valore delle attività (IAS 36)

Le perdite di valore delle attività (IAS 36) Università degli Studi di Trieste Sistemi contabili e informazione d impresa Modulo di Ragioneria Internazionale Le perdite di valore delle attività (IAS 36) di 1 IAS 36 - Ambito di applicazione Lo IAS

Dettagli