Prevenzione e promozione della salute. Panoramica internazionale: la situazione sammarinese.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prevenzione e promozione della salute. Panoramica internazionale: la situazione sammarinese."

Transcript

1 Prevenzione e promozione della salute. Panoramica internazionale: la situazione sammarinese. Analisi psicosociale del fenomeno DOTT. ROBERTO SAILIS PRESIDENTE DELL ASSOCIAZIONE IL ROSSO E IL NERO GENNAIO

2 SOMMARIO INTRODUZIONE IL NUOVO CONCETTO DI SALUTE EVOLUZIONE STORICA DEL CONCETTO DI SALUTE LE CONFERENZE INTERNAZIONALI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE CONFERENZA INTERNAZIONALE SULL ASSISTENZA SANITARIA PRIMARIA ALMA-ATA, URSS, 6-12 SETTEMBRE CONFERENZA SULLA STRATEGIA OMS SALUTE PER TUTTI UNA POLITICA PER LA SALUTE IN EUROPA (OMS 1985) CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PROMOZIONE DELLA SALUTE, 1986, OTTAWA, ONTARIO, CANADA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PROMOZIONE DELLA SALUTE. ADELAIDE AUSTRALIA CONFERENZA INTERNAZIONALE SULLA PROMOZIONE DELLA SALUTE SUNDSVALL SVEZIA CONFERENZA INTERNAZIONALE SULLA PROMOZIONE DELLA SALUTE. JAKARTA INDONESIA CONFERENZA GLOBALE SULLA PROMOZIONE DELLA SALUTE. CITTÀ DEL MESSICO CONFERENZA MONDIALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE. L ACARTA DI BANGKOK PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN UN MONDO GLOBALIZZATO. BANGKOK IL PROGETTO CITTA SANE DELL ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN ITALIA CONCLUSIONI PUNTO D INCONTRO FRA OPERATORI DEL GIOCO E TECNICI DELLA SANITA LA PREVENZIONE MOLTEPLICITÀ DI MODELLI D INQUADRAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO CLASSIFICAZIONE DELLE MISURE ADOTTATE NELLE SALE PER LA PREVENZIONEDEL GAP MODELLI DI GESTIONE DEL GIOCO PROBLEMATICO PRESSO I CASINO MODELLO DI PREVENZIONE SVIZZERO FONDO PER LA PREVENZIONE E LOTTA AL GIOCO PATOLOGICO LE MISURE CONTENUTENELLA CONCEZIONE SOCIALE Formazione del personale delle case da gioco nel campo della prevenzione precoce Informazioni e misure di sostegno;

3 Controlli all ingresso e divieti di gioco; Esclusioni volontarie o imposte dalla casa da gioco Revoca della misura d esclusione Divieti di gioco amministrativi Registro COMMENTO IL MODELLO DI PREVENZIONE AUSTRALIANO IL GIOCO RESPONSABILE DELLA SOCIETA CROWN L AMBIENTE DEL GIOCO D AZZARDO CROWN MISURE ECONOMICHE PRECAUZIONALI CODICE DI CONDOTTA PER UN GIOCO D AZZARDO RESPONSABILE La strategia d impegno predeterminato L Auto-esclusione COMMENTO MODELLO DIPREVENZIONE USA PROGRAMMI DI PREVENZIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE MODELLO DIPREVENZIONE CANADESE LINEE GUIDA DELLE POLITICHE DI PREVENZIONE DEL GAP IL MODELLO DI PREVENZIONE OLANDESE MODELLO DI PREVENZIONE SANMARINESE LA POSIZIONE EUROPEA SUL GIOCO D AZZARDO LA DIRETTIVA 2006/123/CE, PUBBLICATA SULLA GAZZETTA UFFICIALE DELLA UE IL 27/12/ GRAN BRETAGNA SVEZIA AUSTRIA FRANCIA SPAGNA DANIMARCA GERMANIA ITALIA CONCLUSIONI APPENDICE:USO E ABUSO DI SOSTANZE IN AMBIENTE LAVORATIVO: RISCHI LEGATI AI DIPENDENTI DELLA SALA DA GIOCO LA PIANTA DELLA COCA STORIA E ORIGINI MECCANISMO D AZIONE DELLA COCAINA GLI EFFETTI DELLA COCAINA ASPETTI CLINICI COMPLICANZE MEDICHE E PSICHICHE CONNESSE ALL ABUSO DI COCAINA CONSUMO CRESCENTE DI COCAINA IN EUROPA I DIVERSI TIPI DI CONSUMO E DI CONSUMATORI DI COCAINA DIAGNOSI DIFFERENZIALE COCAINA E GIOCO D AZZARDO CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

4 INT ROD UZI ONE In questo lavoro intendiamo realizzare un tentativo d incontro fra una concezione puramente economica del gioco d azzardo, con una che vede le organizzazioni che gestiscono il gioco d azzardo, partecipi delle responsabilità che la loro azione comporta nell influenzare positivamente o negativamente i comportamenti individuali e collettivi. Il rapporto fra i gestori del gioco e gli operatori del settore sanitario, che si occupano di gioco d azzardo patologico, è ricco di pregiudizi ed incomprensioni che alimentano una serie di condotte difensive da parte di entrambi. E importante per questo chiarire alcuni termini e concezioni che possono sembrare distanti fra loro ma che in realtà non lo sono. Introdurre il concetto di salute nel mondo del gioco d azzardo, poteva sembrare rischioso o non pertinente con la mission dei gestori del gioco. Questo perché culturalmente e storicamente sono realtà che si sono sviluppate in contesti molto differenti. Se iniziamo a considerare la concezione della salute a partire dalle formulazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), lentamente vedremo come questa distanza è soltanto apparente. In fondo nessuna organizzazione sociale può avere come mission la creazione di patologie sociali e personali, bensì la salute dei cittadini che compongono la società in cui l organizzazione opera. Questo per l ovvio motivo che le realtà sociali non vivono scollegate fra loro ma in un interconnessione d interessi dove l eventuale danno di una parte comporta, prima o poi, un danno anche per l altra. Il fine di questo lavoro consiste proprio nel cercare di mostrare i punti d incontro fra le parti in causa, e la necessità di trovare un terreno comune nel rispetto delle reciproche competenze e specialità. In fondo, il giocatore patologico non è un buon cliente per il casinò, come un alcolista non lo è per una rivendita di alcolici. Se la mission di un casinò è di produrre un reddito attraverso la vendita di gioco d azzardo, il giocatore patologico non rappresenta certamente il mezzo migliore per raggiungere questo scopo. La mission dei professionisti della sanità è invece quella di intervenire, con i propri strumenti e le proprie competenze, nel campo della prevenzione e della terapia. Considerando quanto detto, è più comprensibile il coinvolgimento dei 4

5 produttori di gioco d azzardo nelle campagne di prevenzione e trattamento del gioco d azzardo patologico. Ciò è quanto avviene in misura e forme differenti a livello internazionale, in questi ultimi anni dove, per altro, si assiste ad un grande incremento dell offerta di gioco. In molte Nazioni assistiamo al movimento del Gioco responsabile che, a partire dagli Stati Uniti negli anni ottanta, si è diffuso in tutto il Mondo in modi differenti, e rappresenta la migliore forma d integrazione fra le esigenze della salute pubblica con quelle del business delle aziende del gioco. La seconda parte del lavoro, include una rassegna critica di diverse politiche e modelli di misure di prevenzione adottate da diversi paesi, per prevenire il gioco patologico e promuovere il gioco responsabile. Per inoltrarci in questo lavoro è opportuno considerare in modo chiaro e preciso la posizione del movimento della salute pubblica, in particolare quello legato alla prevenzione ed alla promozione della salute, dalle sue origini fino ad oggi, così come si delinea nelle conferenze dell OMS. La scelta di campo è quella di non prendere in considerazione tutti i tipi di gioco d azzardo, ma esclusivamente le forme di gioco d azzardo che si realizzano nei casinò. Queste rappresentano un occasione di studio e d intervento estremamente interessanti perché permette di capire il comportamento di gioco nel contesto circoscritto in cui la persona lo adotta, non il comportamento di gioco in astratto, avulso da ogni riferimento concreto. In questo senso si può considerare il casinò una sorta di laboratorio nel quale studiare le condotte di gioco, nell ampio spettro delle sue varianti che vanno dal gioco sano a quello patologico. Inoltre nel casinò, si ha l opportunità d intervenire direttamente sulle persone che giocano, non come avviene in un bar o in un locale di passaggio, dove il controllo della persona è pressoché impossibile. 5

6 1. IL NUO VO CON CET TO DI SAL UTE In questa parte iniziale del lavoro si prendono in considerazione il moderno concetto di salute e il percorso che questo ha avuto fino ad oggi. E necessario per questo partire dalle origini storiche, dalla formulazione dell OMS, per giungere ad una rapida rassegna di alcune leggi italiane in materia di salute. A partire dallo Statuto dell OMS (1948), per la prima volta si riflette in modo differente ed organico sul superamento del concetto di salute inteso come assenza di malattia. I parametri rilevanti per questo concetto diventano così la promozione del benessere fisico psichico e sociale dell individuo. Si allargano quindi le considerazioni necessarie per una valutazione globale della salute, staccandosi da un riferimento esclusivamente soggettivo per includervi, quello che in passato era considerata esclusivamente una conseguenza del benessere personale, cioè la componente sociale della persona. Il mutamento di questo paradigma inizia all interno degli ambienti sanitari, passando da una visione riduzionistica della malattia, che derivava dalla rilevazione e valutazione di un danno prevalentemente organico, alla considerazione del malato, dando così maggiore enfasi agli aspetti non solo patologici della persona, ma anche alle sue qualità generali e potenziali. In quest evoluzione culturale che parte dalla considerazione del malato, si è giunti alla concezione della persona come attore sociale, che nella realtà in cui vive è, non più l oggetto degli interventi sanitari o sociali, ma diventa ora protagonista ed attore che va coinvolto in tutti gli aspetti della promozione alla salute. Nella Carta di Ottawa si definiscono ancora meglio gli aspetti del protagonismo delle persone nella promozione della salute; si esplicita, infatti, come le persone vadano coinvolte nei progetti fin dai momenti iniziali dell intervento, già nella programmazione, oltre che, nell implementazione e valutazione dei progetti. Le profonde trasformazioni avvenute in questi ultimi anni, che hanno colpito la famiglia, il mercato del lavoro, il sistema previdenziale, non ultimo, le difficoltà economiche, influiscono sulla nostra salute, se come crediamo, in linea 6

7 con la definizione data dall OMS, essa non è solo assenza di malattia ma uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale. Promuovere oggi la salute significa tener conto di questi nuovi elementi che sfuggono alla sfera sanitaria, ed intervenire in ogni luogo sia esso paese o metropoli, ospedale, posto di lavoro e scuola. Promuovere la salute comporta informare, prevenire, rendere le persone attente e reattive ai nuovi stimoli, in una parola partecipanti, per poter esse stesse prendere parte al processo decisionale che stabilisce le strategie da perseguire per il controllo della propria salute, allo scopo di migliorarla. I continui allarmi sociali legati alle difficoltà insite nei grandi spostamenti migratori cui assistiamo in questi ultimi anni, al problema dell integrazione multirazziale, agli alti tassi di condotte delinquenziali e devianti, alla pesante crisi economica internazionale e locale ed alle conseguenti difficoltà occupazionali che questa comporta nella società; impongono nuove riflessioni e nuovi modi di reinterpretare la vita nella sua dimensione soggettiva e sociale. I contenuti essenziali della promozione della salute consistono nel promuovere una consapevolezza nelle persone sul loro diritto al benessere ed alla loro piena realizzazione in un contesto sociale positivo e attivamente rispondente ai bisogni dell uomo. Se da un punto di vista generale il nuovo approccio della promozione della salute ha degli obiettivi ambiziosi e strategici fondamentali per il miglioramento delle condizioni di vita dell uomo, è comunque importante cercare di rilevare come questa nuova concezione è trasmessa e recepita nella società contemporanea. Sebbene i primi fermenti in questo senso risalgono agli anni 40, con la definizione di salute data nello Statuto dell OMS del 1948, è dalla Conferenza internazionale sull assistenza Sanitaria primaria di Alma-Ata in URSS nel 1978 che si è data una maggiore continuità a questo movimento, arrivando poi a definirne i principi fondamentali con la Carta di Ottawa nel

8 1. 1. EV OL UZ IO NE ST OR IC A DE L CO NC ET TO DI SA LU TE Nel 1948 lo Statuto dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), definisce la salute come uno stato di completo benessere, fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o d inferità, e la considera un diritto fondamentale dell uomo. Nel 1974 con il Rapporto del Ministro Lalonde Una nuova prospettiva sulla salute dei Canadesi, nasce in Canada il movimento per la Nuova Sanità Pubblica. Il Rapporto segna il passaggio dal modello terapeutico che aveva caratterizzato la strategia pubblica negli anni 30, ad un modello orientato alla prevenzione. Nello studio si evidenziava infatti come la maggior parte delle morti precoci e delle invalidità che si verificavano in Canada, potessero essere prevenute. Il movimento per la Nuova Sanità Pubblica è in seguito cresciuto attraverso una serie d iniziative dell OMS, a partire dalla Conferenza di Alma Ata del 1978, riconosce come i principali determinanti di salute (cibo, acqua, casa, lavoro) siano fuori dal settore sanitario. L impegno dell OMS è proseguito nelle conferenze internazionali dove ha perfezionato e divulgato i concetti della promozione della salute, indicando obiettivi, strategie e politiche che gli Stati devono adottare per conformarsi al nuovo concetto di salute pubblica LE CO NF ER EN ZE IN TE RN AZ IO NA LI DI PR OM OZ IO NE DE LL AL SA LU TE Co nf er en za In te rn az io na le su ll A ss is te nz a Sa ni ta ri a Pr im ar ia Al ma -At a, UR SS, 6-12 se tt em br e In essa si ribadisce con forza che la salute è un diritto fondamentale e si riafferma che il maggior livello di salute possibile è un risultato sociale estremamente importante in tutto il mondo; la sua realizzazione richiede il contributo di diversi settori, economici, sociali e sanitari. 8

9 Obiettivo sociale dei Governi, sarà quello di raggiungere entro l anno 2000 un livello di salute che permetta a tutti i popoli del mondo, di condurre una vita socialmente ed economicamente produttiva. Elemento fondamentale per raggiungere questo obiettivo è l assistenza sanitaria primaria, nella quale gli individui sono chiamati ad una piena partecipazione nelle fasi di progettazione, organizzazione, funzionamento e controllo. L Assistenza sanitaria che deve essere portata il più possibile vicino ai luoghi di vita e di lavoro, comprende tra l altro: l educazione sui principali problemi di salute, una corretta alimentazione, acqua sicura, il miglioramento delle condizioni igieniche fondamentali; e coinvolge oltre al settore sanitario, l istruzione, l edilizia, i lavori pubblici, che debbono operare in modo coordinato Co nf er en za su ll a St ra te gi a OM S S al ut e pe r tu tt i Un a po li ti ca pe r la sa lu te in Eu ro pa (O MS ). Obiettivo del documento dell OMS è l aumento della speranza di vita in buona salute per tutte le persone, la possibilità che tutti possano accedere a servizi sanitari di qualità e l equità della salute tra gli stati e al loro interno. In ciascuno stato il sistema sanitario deve essere in grado di rispondere ai bisogni sanitari e sociali della popolazione durante tutto l arco della vita. I principi fondamentali della salute per tutti sono: L Equità, nel senso che le persone dovrebbero avere pari opportunità di realizzare al meglio la propria salute, attraverso una politica orientata al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro di coloro che sono svantaggiati, per raggiungere livelli analoghi a quelli dei gruppi più fortunati. Cooperazione intersettoriale, nel senso che molti settori della società debbono collaborare per raggiungere la salute per tutti; la cooperazione si esplica a livello nazionale, regionale e locale, coinvolgendo anche il settore industriale, i sindacati e le associazioni professionali. 9

10 Partecipazione attiva della comunità, nel senso che le persone adeguatamente informate e motivate partecipano in modo attivo alla definizione delle loro priorità e al processo decisionale. Assistenza sanitaria di base, nel senso che i bisogni di base della comunità siano soddisfatti da servizi vicini al luogo di vita e di lavoro delle persone quindi di facile accesso e, al tempo stesso, di alta qualità Co nf er en za In te rn az io na le di Pr om oz io ne de ll a Sa lu te, 19 86, Ot ta wa, On ta ri o, Ca na da La Carta di Ottawa sulla strategia di sviluppo della promozione della salute, siglata da 36 membri dell OMS, è una risposta alle esigenze mondiali sempre più diffuse, di un nuovo movimento di sanità pubblica. Essa sottolinea lo stretto legame esistente tra le condizioni socioeconomiche, l ambiente fisico, lo stile di vita delle persone e la salute ed individua nei cittadini e nella comunità i principali protagonisti per la promozione della salute. La Promozione della salute è quel processo che mette in grado le persone di aumentare il controllo sulla propria salute e di migliorarla. Il termine inglese empowerment che significa conferire poteri, mettere in grado di, in realtà è di difficile traduzione come singolo vocabolo italiano. L empowerment è il processo generale di rinforzo crescita e responsabilizzazione delle persone e della comunità affinché queste diventino sempre più capaci di svolgere la loro azione sociale. Nel contesto della Promozione della salute, l Empowerment è quindi quel processo sociale, culturale, psicologico, educativo e politico attraverso il quale i singoli ed i gruppi sociali acquisiscono la capacità di riconoscere i propri bisogni di salute, partecipano ai processi decisionali e agiscono per soddisfare tali bisogni. La salute è una risorsa per la vita quotidiana, non l obiettivo della vita, essa assume una connotazione positiva che valorizza le risorse personali e sociali e le capacità fisiche. La Promozione della salute non è una responsabilità esclusiva del settore sanitario, ma va al di là degli stili di vita e punta al benessere. Sono 4 gli elementi chiave per la promozione della salute. 10

11 I prerequisiti per la salute. Ovvero: pace, abitazione, istruzione, cibo, un reddito, un ecosistema stabile, la continuità delle risorse, la giustizia sociale e l equità sociale. Il miglioramento dei livelli di salute deve tener conto necessariamente di questi requisiti fondamentali. Sostenere la causa della salute. I diversi fattori economici, politici, culturali, sociali, ambientali possono favorire la salute o danneggiarla. Promuovere la salute vuol dire rendere favorevoli queste condizioni affinché migliorino la qualità della vita. Mettere in grado. Ovvero tutti devono essere messi nella condizione di raggiungere il loro potenziale di salute. La Promozione della salute deve garantire queste possibilità assicurando pari opportunità e risorse, indistintamente a uomini e donne. Mediare. La promozione della salute richiede l intervento coordinato oltre che del settore sanitario, anche degli altri settori sociali ed economici, associazioni non governative, volontariato; tutti devono essere coinvolti. I programmi di Promozione della salute dovrebbero essere adattati ai bisogni locali dei paesi in cui sono predisposti, tenendo conto dei diversi sistemi sociali, culturali ed economici. La Conferenza individua cinque strumenti d azione della promozione della salute: Costruire una politica pubblica per la salute, dove la salute rappresenta un punto continuo di riferimento nell ordine del giorno di coloro che compiono scelte politiche. Creare ambienti favorevoli, dove i modelli di vita, il lavoro, siano anch essi fonte di salute per le persone. La Conservazione delle risorse naturali rappresentano anch esse una strategia per la promozione della salute. Dare forza all azione della comunità, l empowerment, cioè accrescere la possibilità che gli individui e i gruppi hanno, di controllare attivamente la loro vita. Sviluppare le capacità personali. Attraverso l informazione e l educazione alla salute, la Promozione della salute favorisce lo sviluppo individuale e sociale. Le persone saranno così in grado di esercitare un maggior controllo sulla propria salute e sugli ambienti. L apprendimento costante che dovrà continuare per tutto l arco della vita, permetterà alle persone di fronteggiare le situazioni di grave 11

12 disagio e le malattie croniche. Questo processo deve essere reso possibile dalla famiglia, dalla scuola, dall ambiente di lavoro e dagli ambienti organizzativi della comunità. Riordinare i servizi sociali affinché l organizzazione dei servizi sanitari si concentri sui bisogni complessivi dell uomo visto nella sua interezza. Come impegno preso dalla Conferenza vi è il riconoscimento che le persone costituiscono la maggiore risorsa per la salute e di conseguenza vanno supportate sia con mezzi finanziari che con altri mezzi affinché la salute stessa diventi un importante investimento sociale condiviso e tutelato dalla comunità Co nf er en za In te rn az io na le di Pr om oz io ne de ll a Sa lu te. Ad el ai de Au st ra li a La Conferenza di Adelaide sulle Politiche di Promozione della salute con 220 partecipanti provenienti da 42 paesi, prosegue sulle indicazioni stabilite ad Alma- Ata e Ottawa. Nell ordine del giorno degli operatori politici la salute dovrà essere sempre sostenuta con particolare attenzione. La Salute per tutti sarà raggiunta solo se la creazione e la conservazione di condizioni sane di vita diventerà di primaria importanza in tutte le decisioni della vita pubblica. La politica per la tutela della salute dovrà garantire che i progressi tecnologici favoriscano la protezione della salute anziché ostacolarla per raggiungere il miglioramento dell equità. La Conferenza raccomanda che l OMS prosegua lo sviluppo della Promozione della salute attraverso le cinque strategie indicate nella Carta di Ottawa Co nf er en za In te rn az io na le su ll a Pr om oz io ne de ll a sa lu te Su nd sv al l Sv ez ia Nella Con ferenz a si pon e l accento sul fat to che milion i di per son e vivono in condiz ion i di est rema pov ertà, in un amb ien te così deg rad ato da min acciare la lor o sal ute, e che ren de imp ossibi le realiz zare l obie tti vo Sal ute per tut ti ent ro l anno L a tte nzione mon diale si dovrà qui ndi 12

13 imp egnare più att iva men te nel la realiz zaz ion e di un amb ien te più favore vol e per la sal ute. Que sto doc ume nto identi fic a mol ti ese mpi ed app rocci per cre are amb ien ti favore vol i che pos son o ess ere spe riment ati da pol iti ci, tec nic i e da chi ope ra nel la com uni tà nei s ett ori del la sal ute e dell a mbi ent e. Nella Con fer enza è messo in risalt o come l i str uzi one sia un fondam ent ale dir itt o umano e indisp ens abi le per determina re cambia men ti pol iti ci, economici e social i nec ess ari per render e la sal ute, una pos sib ili tà per tutti. I pro ble mi del la sal ute, amb ien tal i e del lo svi lup po uma no, non son o sep arati. Lo svilup po deve sug ger ire miglio rament i nel la qua lit à del la vita e della sal ute, ins iem e alla protez ion e amb ien tal e. Sol o facend o conflu ire tut te le for ze in un ass oci azion e global e si pot rà ass icurar e un futuro al nos tro pia net a Co nf er en za in te rn az io na le su ll a Pr om oz io ne de ll a sa lu te. Ja ka rt a In do ne si a La Confer enza che ha per tit olo Nu ovi att ori per una nuo va era : int rodurre la pro moz ion e della sal ute nel 21 sec olo, giu nge dopo 10 ann i dalla Car ta di Ott awa che è div ent ata gui da e fonte di isp ira zione per la promoz ion e della sal ute. Questa Con ferenz a è la pri ma che è org ani zzata in un pae se in via di svilup po ed è anc he la pri ma che coinvo lge il set tore pri vato per inc ent iva re la Pro moz ion e della sal ute. Costit uisce una rifles sio ne su qua nto è sta to app res o cir ca l effi cacia del la Pro moz ion e del la sal ute, riesamina i det ermina nti del la sal ute ed ide nti fica la dir ezione e le strate gie nec ess ari e per orient are le sfide di promozion e del la sal ute nel 21 sec olo. Le strate gie di promoz ion e della sal ute des critte nel la Car ta di Ott awa son o in gra do di mod ifi car e sia gli sti li di vita che le condiz ion i social i, economich e ed amb ien tal i, rid ucendo in mod o sig nif ica tivo le disugu agl ian ze nei con fronti del la sal ute. Per aff rontar e le nuo ve min acc e alla sal ute qua li la pre valenz a delle mal att ie cronic he, il com portam ent o 13

14 sempre più sedent ari o, l urba niz zaz ion e, l aumenta to abu so di droghe, la violen za nel la vita quotidian a, mal att ie inf ett ive nuo ve e rie mergenti e pri ma tra tut te la povertà, la cooper azione divent a ess enzial e. Essa richie de un nuo vo accord o ope rativo tra i differ ent i set tori del la soc iet à, sia no ess i pub bli ci o pri vati. Obi ett ivo del la Con fer enza è di portar e avanti le pri orità della promoz ion e della sal ute nel 21 sec olo : - Promuo ver e la respon sab ili tà social e per la sal ute. Sia il set tore pub bli co che que llo pri vat o dov reb ber o promuo ver e la sal ute con pol iti che ed azi oni che tut eli no l a mbi ent e, che riduca no la produzion e, il com mercio e l u so di sos tan ze per ico los e com e il tab acco e gli arm ame nti, che sal vag uar din o la sal ute dei cit tad ini nei luo ghi di mer cat o e sui pos ti di lav oro. - Aument are gli invest ime nti per lo svilup po della sal ute con ris orse sup ple mentari per l i struzi one, la cas a ed il set tore san ita rio. Mag gio ri invest ime nti per la sal ute ed il rio rdi nam ent o di inv est ime nti esi ste nti, sia all in ter no del propri o pae se che tra pae si divers i, può far pro gre dir e lo svi lup po umano, la sal ute e la qua lit à del la vit a. - Consolida re ed esp andere gli accordi ope rat ivi per la sal ute. I divers i set tori pre sen ti a livell o di gov ern o e nel la societ à debbon o sti pul are a favore della sal ute e dello svi lup po soc ial e, accordi ope rativi e que lli già esi ste nti vanno ult eriorme nte raf for zat i. - Aument are le cap aci tà della com uni tà e att rib uire mag gio ri pot eri all in div idu o. La pro mozion e del la sal ute è realiz zata dai cit tad ini e non su di lor o. Ess a fav orisce sia l abil ità degli indivi dui ad agi re, sia la cap aci tà del gruppo, organi zza zione, comuni tà di inf lue nza re i determina nti per la sal ute. - Garant ire inf rastru ttu re per la Pro moz ion e della sal ute. Devono ess ere create divers e reti per ott ene re una col lab ora zione int ersett oriale. Queste reti dovreb ber o for nire ass ist enza recip roca, sia all in ter no di una nazion e che tra pae si divers i. 14

15 I par tec ipa nti all a Confer enza con l impe gno di con divide rne il conten uto con i pro pri gov erni, sosten gon o la for maz ion e di un allean za global e per la pro moz ion e della sal ute. Tra le pri ori tà d i que st allean za vi è que lla di aum ent are la consap evo lez za che i determ ina nti della sal ute pos son o ess ere mod ifi cat i. Chiedo no all OM S di ass ume re un ruo lo di gui da per la costru zione di que st all ean za coinvo lgendo i govern i, le organi zza zioni non gov ernativ e, le ban che per lo svi lup po, le age nzie del le Nazion i Uni te, le ist itu zioni int erregi ona li, le age nzie bil ate rali, il movime nto del lav oro e del le coo per ati ve, il set tore pri vat o nel portar e avanti le pri orità di azi one per la pro moz ion e della sal ute Co nf er en za Gl ob al e su ll a pr om oz io ne de ll a sa lu te. Ci tt à de l Me ss ic o Con questa Conferenza sono state identificate le azioni per colmare le differenze di equità in promozione della salute, attraverso più forti meccanismi di collaborazione in tutti i settori ed i livelli della società. In essa sono confermati e riassunti gli aspetti che sostengono lo sviluppo della Promozione della salute. Per la dimostrazione di efficacia della promozione della salute è necessario che ci sia: Mobilitazione delle risorse, siano esse finanziarie, materiali ed umane, per implementare e sostenere la Promozione della salute a tutti i livelli. Accesso alle informazioni sui determinanti della salute. Sviluppo di risorse umane attraverso l informazione, la formazione e lo scambio di esperienze. L Università e le istituzioni scolastiche offrono la disponibilità di professionisti in grado di guidare verso le strategie e le conoscenze della Promozione della salute. Il nuovo orientamento dei servizi sanitari verso il raggiungimento dell equità nella salute. La promozione di una effettiva cooperazione tra politici, ricercatori e tecnici per implementare le strategie di promozione della salute ai diversi livelli di governo (locale, nazionale, internazionale). 15

16 Indicare la Promozione della salute come fondamentale priorità nei programmi e nelle politiche a tutti i livelli di governo. Dare primaria importanza all attiva partecipazione di tutti i settori della società per l implementazione della promozione della salute Co nf er en za Mo nd iale pe r la Pr om oz io ne de ll a sa lu te. L a Ca rt a di Ba ng ko k pe r la pr om oz io ne de ll a sa lu te in un mo nd o gl ob al iz za to. Ba ng ko k La Carta di Bangkok definisce azioni ed impegni necessari per agire sui determinanti di salute in un mondo globalizzato attraverso la Promozione della salute. Essa riprende e completa gli impegni per la Promozione della salute stabiliti nella Carta di Ottawa e le raccomandazioni delle successive Conferenze Internazionali che sono state ratificate dagli Stati Membri attraverso l Assemblea mondiale della salute. Dalla Carta di Ottawa il contesto della promozione della salute è profondamente cambiato: nuovi modelli di consumo, di commercio, il degrado ambientale, cambiamenti sociali che riguardano la famiglia, la struttura culturale e sociale della comunità. Uomini e donne subiscono l influenza di tali fattori in modo diverso. E aumentata la vulnerabilità dei bambini e l esclusione delle persone emarginate, dei diversamente abili e delle popolazioni autoctone. La globalizzazione può offrire nuove opportunità di cooperazione per migliorare la salute perfezionando lo sviluppo della tecnologia legata all informazione e alla comunicazione, migliorando i meccanismi di governo mondiale e condividendo le esperienze. Sono stati fatti molti progressi per porre la salute al centro dello sviluppo come l impegno per ridurre la povertà, il principale tra gli Obiettivi di sviluppo del Millennio, ma la conferenza evidenzia come ce ne siano altrettanti da fare, per questo è importante la partecipazione attiva della società civile. Ci si dovrà quindi impegnare per far diventare la promozione della salute: 16

17 Un punto fondamentale nell agenda dello sviluppo globale; Una responsabilità centrale per tutti i governi; Un punto chiave per la società civile; Un esigenza di buone pratiche nel settore dell impresa privata. I partecipanti alla Conferenza chiedono agli Stati membri e all OMS l impegno di realizzare, in linea con le precedenti Dichiarazioni, interventi mirati per incidere sui determinanti che producono le crescenti disuguaglianze di salute, questo perché nel corso delle precedenti Conferenze Internazionali sono state sottoscritte numerose risoluzioni a favore della Promozione della Salute, alle quali però non sempre è seguito un risvolto esecutivo. Ciò sarà possibile solo lavorando insieme, affinché le risorse possano essere usate in modo più efficiente ed efficace per ottenere risultati duraturi IL PR OG ET TO CI TT A SA NE DE LL OR GA NI ZZ AZ IO NE MO ND IA LE DE LL A SA NI TA Nel 1986 l Ufficio Europeo dell OMS, ha sviluppato il Progetto Città Sane per tradurre i principi fondamentali della Carta di Ottawa in programmi locali. Questo Progetto, che rientra nel quadro programmatorio dell OMS sulla Promozione della Salute, è nato allo scopo di coinvolgere attivamente le Amministrazioni locali, i cittadini e le comunità che vivono e lavorano nelle città d Europa, in interventi finalizzati al miglioramento della salute fisica, psichica e sociale delle persone. L obiettivo è di promuovere e favorire la salute e la qualità della vita sostenibili attraverso: 1. L azione combinata fra politiche della salute e politiche cittadine che influiscono sul tema della salute; 2. Sviluppo fisico e socio-economico della città con particolare attenzione all'equità, alla sostenibilità ed alla valorizzazione del capitale sociale; 3. Empowerment dei cittadini e loro partecipazione al confronto sulle scelte pubbliche che riguardano la città. 17

18 Qualsiasi città può divenire una città sana se riconosce che la salute è un obiettivo civico e si impegna a migliorarla orientando a questo scopo strutture e metodologie operative. Attualmente in Europa, sulla base dei progetti presentati, sono state riconosciute 1100 Città sane appartenenti a 29 Paesi Europei LA PR OM OZ IO NE DE LL A SA LU TE IN IT AL IA La Legge del 23/12/1978, n. 833 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale, sancisce la tutela generalizzata della salute nei suoi momenti di prevenzione, cura e riabilitazione, con riferimento a tutti i cittadini, per realizzare un sistema di sicurezza sociale mediante la realizzazione del Servizio Sanitario Nazionale. Gli obiettivi del SSN sono primo tra tutti la formazione di una moderna coscienza sanitaria sulla base di una adeguata educazione sanitaria del cittadino e delle comunità per arrivare alla prevenzione delle malattie e degli infortuni in ogni ambito di vita e di lavoro, alla promozione e salvaguardia della salubrità e dell igiene dell ambiente e degli alimenti, al superamento degli squilibri territoriali delle condizioni socio-sanitarie del paese, alla sicurezza sul luogo di lavoro con la partecipazione dei lavoratori, all identificazione ed eliminazione delle cause degli inquinamenti dell atmosfera, delle acque e del suolo. Individua nel Distretto il luogo di integrazione tra servizi sociali e sanitari dove trova collocazione l organizzazione del Dipartimento di Salute Mentale, il Dipartimento di Prevenzione e il Dipartimento delle Dipendenze Patologiche. Nel Piano Sanitario Nazionale viene riconosciuta, come strumento fondamentale per la prevenzione, la capacità da parte degli operatori di saper comunicare con la popolazione. Il Piano Nazionale di Prevenzione indica fra gli obiettivi di salute pubblica, l individuazione di modelli più efficaci per la promozione degli stili di vita sani e vengono individuati come prioritari tra gli interventi sugli stili di vita: Programmi per il contrasto del tabagismo in linea con le indicazioni dell OMS e dell UE, che prevedono la prevenzione del fumo nei giovani, sviluppo di politiche di tutela dal fumo passivo e supporto alla volontà di disassuefarsi. - La 18

19 promozione di attività fisica. - La promozione attiva di corrette abitudini alimentari. Punto di partenza del progetto sono i dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità secondo i quali quasi nove decessi su dieci e oltre il 75% della spesa sanitaria in Europa e in Italia sono causati da alcune patologie che hanno tra loro un minimo comune denominatore: i cattivi stili di vita. Tali patologie che riguardano essenzialmente i disturbi cardiovascolari, tumori, malattie respiratorie croniche, il diabete, malattie muscolo-scheletriche e disturbi mentali, potrebbero essere prevenute adottando uno stile di vita più sano. 19

20 CON CLU SIO NI Come si evince chiaramente da questa carrellata storico-descrittiva del movimento di promozione alla salute, i comportamenti delle persone, nelle loro svariate manifestazioni ed espressioni, sono oggetto di considerazione e d intervento del sistema sanitario. Questi non sono avulsi dagli aspetti sociali, quindi non sono riducibili in un contesto esclusivamente soggettivo, se non addirittura biologico. I comportamenti non possono non essere considerati in una prospettiva sociale, ciò non esclude nessuno dalla responsabilità più o meno diretta di influire positivamente o negativamente su di essi. Da quanto esposto si capisce come il mondo del lavoro produttivo, dei servizi, dell intrattenimento, ecc. non può fare a meno di considerare il problema della salute come un aspetto fondamentale nella propria progettazione di piani di sviluppo aziendali. In questo senso abbiamo visto che, nelle conferenze dell OMS, la pressione che questa organizzazione esercita sulle politiche sanitarie degli Stati, è oramai capillare e determinante. Pochi Stati al mondo trascurano le direttive generali dell OMS. Nello specifico del gioco d azzardo vedremo, nello sviluppo del lavoro, come in quasi tutti i paesi dove il gioco d azzardo è legale, ci si interroga su quali norme e misure sia opportuno adottare al fine di garantire la tutela del giocatore dai rischi legati a un comportamento di gioco disfunzionale. 20

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Accesso delle persone con disabilità ai diritti sociali in Europa

Accesso delle persone con disabilità ai diritti sociali in Europa Accesso delle persone con disabilità ai diritti sociali in Europa Accesso delle persone con disabilità ai diritti sociali in Europa Rapporto preparato da Marc Maudinet Direttore Centro nazionale tecnico

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli