Il Piccolo 20 luglio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piccolo 20 luglio 2015"

Transcript

1 Il Piccolo 20 luglio 2015 Regione Nuovi criteri per la sanità regionale La giunta vara il documento che detta le regole per la stesura degli atti aziendali TRIESTE. La giunta regionale, su proposta dell assessore alla Salute Maria Sandra Telesca, ha approvato il documento Principi e criteri per l adozione dell Atto aziendale, che costituisce il riferimento di metodo per la stesura di una proposta di Atto aziendale da parte delle Aziende per l assistenza sanitaria (Aas n.2, Aas n.3 e Aas n.5), dell Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi (Egas) e degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs). La delibera approvata fissa, inoltre, al 30 settembre il termine ultimo per l invio della proposta alla direzione della Salute della Regione. Fanno eccezione l Aas n.1, l AouTs, l Aas n.4 e l AouUd che dovranno presentarlo a valle della stipula dei protocolli d intesa fra Regione e Università. «Con la nuova configurazione delle Aziende per l assistenza sanitaria conseguente all applicazione della legge 17/2014 che ha dato avvio alla riforma del Servizio sanitario regionale - ha sottolineato l assessore Telesca - è necessaria la riformulazione, da parte dei nuovi enti, degli atti aziendali. Questi dovranno esplicitare i valori sui quali si fonda l Azienda per perseguire la propria missione di sanità pubblica, che pone il cittadino al centro di ogni forma organizzativa». La delibera apre, dunque, a una nuova filosofia organizzativa che punta a un modello più attuale e consono a garantire la continuità delle cure nell ambito di percorsi assistenziali integrati multi- professionali. «Le caratteristiche dei pazienti, sempre più complessi - ha precisato Telesca -, richiedono infatti, con sistematicità un approccio multi- disciplinare e multi- professionale, con percorsi assistenziali che travalicano l unità operativa, il dipartimento e il presidio ospedaliero. Questo impone di realizzare un sistema di relazioni stabili fra le diverse strutture aziendali che favorisca la cooperazione tra le organizzazioni. Inoltre, la realizzazione di reti regionali per il trattamento di diverse patologie deve tradursi nel saper stare all interno di un sistema più ampio fatto di regole, comportamenti e relazioni». L atto aziendale è lo strumento per attuare un modello di ente che risponda a una chiara identificazione delle articolazioni presenti nella struttura aziendale. Questo documento definisce chi e cosa fa nell organizzazione e stabilisce anche come, in relazione al contesto aziendale. Trieste cronaca Più posti a Medicina, Economia " a dieta " Pubblicati i bandi per i corsi di laurea a numero chiuso che, dal nuovo anno accademico, includono Scienze dell Educazione di Giulia Basso. Per gli studenti che vogliono iscriversi ai corsi di laurea a numero chiuso, regolati dalle singole università o ad accesso programmato, in cui i posti sono decisi a livello nazionale dal Miur, sarà una lunga estate a base di Alphatest. L Università di Trieste ha pubblicato pochi giorni fa sul proprio sito web tutti i bandi relativi ai corsi che prevedono una o più prove d ammissione. Tra le novità di quest anno un taglio drastico dei posti disponibili per il corso in Economia e Gestione Aziendale, praticamente dimezzati rispetto all anno scorso, e un lieve aumento dei posti a Medicina, in controtendenza rispetto al numero previsto a livello nazionale dal Miur, in calo del 5% (dai posti dell anno scorso ai di quest anno). Non solo. Passa a numero chiuso Scienze dell Educazione, che fino all anno scorso era ad accesso libero, e nasce un nuovo corso di laurea triennale con prova d ammissione, Tecniche della riabilitazione psichiatrica, che quest anno apre a 16 matricole. 1

2 Per quanto riguarda i corsi ad accesso programmato regolati dal Miur (Medicina e Odontoiatria, Professioni sanitarie, Veterinaria e Architettura), a livello nazionale i posti sono in calo rispetto al passato per tutti i corsi di laurea dell area Scienze Mediche, Chirurgiche e della Salute, anche per far fronte a tutti gli ingressi su ricorso che puntualmente vanno a ingrossare le fila degli iscritti. Cambiano i test, che secondo quanto stabilito dal ministero quest anno saranno meno generalisti e più specialistici: si ridurranno le domande di cultura e logica a vantaggio dei quesiti prettamente settoriali. Se si riconfermerà la tendenza dell anno scorso i corsi più richiesti saranno ancora quelli afferenti all area Scienze Mediche, Chirurgiche e della Salute, oltre a Scienze e Tecniche Psicologiche, Scienze e Tecniche Biologiche, Farmacia, Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, Scienze Internazionali Diplomatiche e Comunicazione interlinguistica applicata con l inglese come prima lingua, che l anno scorso aveva visto ben 579 candidati battersi per 80 posti. Ma vediamo nel dettaglio i posti disponibili per ogni corso di laurea, la scadenza per l immatricolazione e la data d esame. Area Scienze della Vita e della Salute. Per il nuovo corso di laurea in Tecniche della riabilitazione psichiatrica ci si potrà immatricolare fino al 24 agosto, con esame d ammissione il 4 settembre. Stesse date anche per Fisioterapia, con 30 posti più 3 riservati a studenti extracomunitari, Igiene Dentale (20), Infermieristica ( ), Ostetricia (16 + 3) e per i corsi interateneo di Tecniche di Laboratorio Biomedico, Tecniche di radiologia e Tecniche della prevenzione dell ambiente e nei luoghi di lavoro (16). Medicina quest anno mette a disposizione 121 posti più 13 per gli studenti extracomunitari (l anno scorso erano ), Odontoiatria 25 posti: per ambedue i corsi di laurea le prove d ammissione sono fissate per l 8 settembre. Restano invariati invece i posti per i corsi di laurea afferenti a Scienze della Vita: i triennali Scienze e Tecniche Psicologiche ( ), Scienze e Tecnologie Biologiche ( ), Scienze e Tecnologie per l ambiente e la natura (73 + 2) e il corso di laurea magistrale in Psicologia ( ). Immatricolazioni fino al 27 agosto e prova d ammissione il 7 settembre. Area Tecnologico- Scientifica. I posti disponibili sono gli stessi dell anno scorso: per Architettura (immatricolazioni fino al 31 luglio ed esame il 10 settembre), e per Production Engineering and Management (immatricolazioni fino al 14 settembre e prova il 15 settembre). Dovranno comunque sostenere un esame, anche se non è previsto numero chiuso, gli iscritti a Ingegneria civile e ambientale, dell informazione, industriale e navale. Per il corso triennale in Chimica sono i posti a disposizione, per il corso magistrale a ciclo unico di Farmacia e per il magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche : per tutti immatricolazioni fino al 27 agosto ed esame il 7 settembre. Area Scienze Sociali e Umanistiche. Dimezzati i posti a disposizione per il corso in Economia e gestione aziendale che passano dai dell anno scorso ai di quest anno. Sono invece i posti per il corso in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari, mentre aumentano i posti a disposizione degli studenti italiani e comunitari per i corsi in lingua inglese di Business and Management ( ) e di Economics and Financial Markets (30 + 5). Per questi corsi immatricolazioni fino al 18 agosto e test il 25 e 26 agosto. Passa a numero chiuso da quest anno Scienze dell educazione, con posti disponibili, immatricolazioni entro il 25 agosto ed esame il 4 settembre. Sono i posti disponibili per Servizio Sociale, con immatricolazioni fino al 27 agosto ed esame il 14 settembre. A Scienze internazionali e diplomatiche sono invece i posti a disposizione, con esame scritto e orale il 3 e 4 settembre. Posti limitati ed esame d ammissione anche per Comunicazione interlinguistica applicata ( per l inglese come prima lingua, per lo spagnolo, per il francese e per il tedesco), con immatricolazioni entro il 20 agosto e prova d ammissione l 1 e il 2 settembre. 2

3 Brevi SANITÀ: Despar dona al Burlo un ecografo Oggi alle 11.30, all ospedale infantile Burlo Garofolo, ci sarà la cerimonia di consegna di un ecografo di ultima generazione donato dalla Despar a seguito della raccolta fondi Un eco per la vita che ha fruttato oltre 70mila euro. Interveranno per il Burlo il direttore generale Gianluigi Scannapieco e Tamara Stampalija e per Despar Fabrizio Cicero IPASVI: L Infermiere dell anno al rush finale Poker di finalisti per la seconda edizione del Premio Sossi Infermiere dell anno, promosso dal Collegio Ipasvi di Trieste: in corsa ci sono Adriano Bosich (terapia intensiva dell ospedale di Cattinara), Lucia Cociancich (Servizio Domiciliare distretto 3 di Muggia), Michele Blasina (in fase di perfezionamento a Ferrara con il corso di laurea in scienze infermieristiche) e Lucia Sambo (reparto di oncologia ospedale Maggiore). Il vincitore sarà annunciato venerdì 24 luglio, nel corso della Serata di Solidarietà Ipasvi organizzata quest anno a Grignano. Info I 90 anni di Camerini fra cuore e politica Oggi il compleanno del cardiologo di fama internazionale ed ex senatore. Una vita all insegna dell impegno per la collettività di Paola Bolis. Medico di fama internazionale, fondatore della Cardiologia di Trieste, autore di centinaia di lavori scientifici, senatore, consigliere comunale. È il curriculum essenziale di Fulvio Camerini, che oggi festeggia i novant anni. Anni di impegno e di una umanità, di una capacità di empatia che tutti gli hanno sempre riconosciuto. Nella professione quanto nell impegno politico. Due capitoli precisi della vita del professore. Il primo, quello della medicina, inizia dopo la maturità classica conseguita al liceo Petrarca. Camerini si iscrive all Università di Padova, dove si laurea nel Tornato nella sua Trieste, lavora nella divisione medica del professor Slavich per poi trascorrere un lungo periodo di perfezionamento all estero: nel 53 vince una borsa di studio dell Organizzazione mondiale della sanità e lavora al National Heart Hospital, una delle più prestigiose sedi cardiologiche dell epoca. E poi a Hammersmith, Uppsala, Stoccolma. Rientrato in città, dà vita nel 1964 al servizio e agli inizi degli anni 70 alla divisione di Cardiologia, di cui è primario, e dell Unità coronarica. Sono gli anni in cui mette a frutto l attività vissuta all estero, forte della scoperta di un mondo di rigore e di avanzamento scientifico, portando quanto ha visto e imparato in un ambiente che - come ricorderà lui stesso - pure ricco di persone di spessore è rimasto sin lì ancorato alla vecchia medicina e una certa tradizione conservativa dell università italiana. Ma la medicina e la cardiologia stanno uscendo dall autarchia. Aiutati anche dall irrompere delle nuove tecnologie. Tecnologie sempre più precise, che però comportano il rischio di perdere il rapporto personale medico- paziente. Quell empatia che Camerini - non si stancherà mai di ripeterlo, anche ai suoi allievi - mira a mantenere intatta, aspetto fondante della professione. Camerini si dedica alla medicina fino al 1996, anno in cui viene eletto senatore, nel gruppo Sinistra democratica - L Ulivo. Il primo impegno diretto, anche se già negli anni precedenti il professore è persona ascoltata nell area del centrosinistra: assieme a nomi come Paolo Budinich e Franco Panizon, per esempio, siede nel 1993 in un comitato di saggi, esponenti della società civile, che in quel periodo contribuisce all identificazione di un candidato sindaco. Che verrà trovato in Riccardo Illy. L attività di Camerini al Senato - dove sarà segretario della Commissione igiene e sanità - si caratterizza anche per la Legge per l indennizzo dei beni abbandonati, di cui è primo firmatario assieme a Darko Bratina. Un impegno che si affianca al sostegno alla legge di tutela della minoranza: due capitoli di uno stesso impegno per la crescita della città che Camerini in quegli anni vede legata anche alla ricomposizione delle 3

4 ferite dolorose, retaggio del drammatico Novecento di queste terre, ancora ben presenti. Così come un contributo convinto Camerini porta anche alla costruzione di quella rete scientifica del Sistema Trieste. Tutti tasselli di una città alla quale, come scriverà sul Libro d oro del Comune ricevendo la Civica benemerenza nel 2012, il professore augura di essere «civile, aperta, attiva, accogliente». Senatore, non più medico in prima linea. Ma a chi lo rimprovera di avere tradito la medicina, lui risponde sempre: sono due volti di uno stesso servizio alla collettività. Quel servizio che lo porta, lasciato il Senato, a essere dal 2001 al 2006 consigliere comunale dell Ulivo, di cui sarà capogruppo. Per i novant anni di Fulvio Camerini in Cardiologia pochi giorni fa è stata organizzata una festa. E un altra ne organizza oggi il Pd, alle 18 al Caffè San Marco. Un incontro cui il professore parteciperà, come sempre, con affetto. Accanto all inseparabile moglie Bianca. Lui lo dice partendo, al solito, dal rigore dei dati scientifici: «Non c è tanto da festeggiare, perché statisticamente fra gli 80 e i 90 anni le cose diventano complesse, il 50% delle persone ha più di tre patologie. Questi sono i fatti. Ma poi ci sono cose che si svolgono malgrado i fatti. E sono i sentimenti, l amicizia, il rispetto degli uni per gli altri. Questo sono contento di condividere». Anche nel giorno dei suoi novant anni. La Società europea " premia " Cardiologia Riconoscimento a Londra per i risultati nel trattamento dell insufficienza mitralica dell equipe di Sinagra di Lorenza Masè. Un'eccellenza per le cure del cuore. Cardiologia di Trieste, diretta da Gianfranco Sinagra, si conferma all'avanguardia internazionale nel trattamento dei difetti cardiaci. La Società europea di cardiologia ha selezionato la casistica caratterizzata dai clinici e ricercatori della Cardiologia Ospedaliero- Universitaria di Trieste per il trattamento dell'insufficienza mitralica, la seconda valvulopatia più frequente nel mondo occidentale, mediante dei dispositivi introdotti per via percutanea e i risultati saranno presentati al convegno internazionale che si terrà a Londra dal 29 agosto al 2 settembre. «Negli ultimi anni - spiega Sinagra - sono stati introdotti una serie di avanzamenti tecnologici dedicati al trattamento dei cosiddetti difetti strutturali del cuore cioè le patologie delle valvole cardiache e per i pazienti che ne soffrivano una volta era precluso ogni trattamento perché giudicati ad alto rischio operatorio». Adesso a Trieste grazie al progresso tecnologico, in pazienti opportunamente selezionati il trattamento di difetti della valvola aortica o di quella mitrale può avvenire attraverso la tecnica percutanea che non ha cioè una invasività chirurgica. La Società europea di cardiologia ha premiato il rigore nella selezione dei pazienti, l'accuratezza della loro caratterizzazione e l'attenzione nel correlare le caratteristiche dei pazienti prima delle procedure con i risultati poi osservati sui pazienti in termini di benessere, sopravvivenza e possibilità di riguadagnare una progettualità e autonomia di vita. Davide Stolfo è il cardiologo e ricercatore che in particolare ha seguito questo gruppo di pazienti, mentre il team di professionisti che si occupa di questa procedura è coordinato da Alessandro Salvi. Il centro triestino punta anche sulla collaborazione transfrontaliera, in particolare «esiste una convenzione - dichiara il direttore - con l'ospedale di Isola e con la casa della salute di Capodistria, che prevede per i cittadini europei che maturino un infarto miocardico in territorio sloveno, al fine di avere la coronaria riaperta nei più brevi tempi possibili, il trasferimento presso l'ospedale di Trieste dove è attivo un servizio di reperibilità 24 ore su 24, invece di essere trasferiti con tempi più lunghi presso l'ospedale di Lubiana». A confermare l'eccellenza ci sono i dati: 1800 procedure di cardiologia invasiva diagnostica e interventistica, mortalità durante il ricovero pari all'1.5% e del 3% a 3 mesi. La mortalità ospedaliera per infarto miocardico acuto è del 4.6% e a 30 giorni del 4.7%. Su 2500 ricoveri annui, il 35% ha interessato pazienti residenti fuori provincia e provenienti da altre regioni d'italia, in parte per la natura hub dell'ospedale di Cattinara che ne fa il centro di riferimento 4

5 della Provincia di Gorizia e in parte del basso Friuli. Ma soprattutto la cardiologia triestina è famosa dagli anni '70 per il trattamento di cardiomiopatie, cioè delle malattie piuttosto rare del muscolo cardiaco, geneticamente determinate e che colpiscono soprattutto giovani portando spesso al trapianto cardiaco. Trieste è diventata oggi uno dei centri di riferimento a livello internazionale grazie all'intensa attività di ricerca che ha prodotto una vasta letteratura scientifica. Uno dei filoni principali di ricerca - spiega Sinagra è condotto in collaborazione al team dei ricercatori dell'icgeb coordinato dal direttore Mauro Giacca e da Serena Zacchigna sulla Medicina rigenerativa in ambito cardiovascolare che utilizza delle tecniche innovative con la somministrazione di sostanze biologiche in grado di stimolare la riparazione delle cellule stesse che compongono il cuore, rimettendole in moto senza necessitare di cellule staminali. La chiave del successo della cardiologia triestina è dunque saper coniugare il progresso scientifico con l'attenzione umana al paziente. GORIZIA " La Regione non ha mantenuto le promesse " Romoli: «Quella decisione fu uno scandalo. Non ci ha nemmeno garantito il pediatra su 24 ore. Gorizia la più penalizzata» di Roberto Covaz. Domani ricorre il primo anniversario della chiusura del Punto nascita di Gorizia. Dalla mezzanotte di domenica 21 luglio 2014 è sparita dalla demografia la dicitura: nato a Gorizia. Nella torrida seduta del Consiglio comunale dell 11 luglio la presidente della Regione Serracchiani e l assessore alla Sanità Telesca confermarono la condanna senza appello della maternità goriziana. Condanna non impugnabile: pochi parti, poca sicurezza. Serracchiani in quell occasione promise che sarebbe tornata a Gorizia una volta al mese a spiegare l evoluzione della riforma sanitaria, con ciò rassicurando i goriziani che non c era alcun fumus persecutionis della Regione nei confronti di Gorizia, città ultimo baluardo del centrodestra. Le cose sono andate diversamente. Serracchiani ha disatteso le sue promesse, la riforma ha comportato l accorpamento delle Ass isontina e della Bassa, dei Punti nascita ad essere chiuso è stato solo quello di Gorizia, «città più popolosa, mi pare, rispetto a Monfalcone, Palmanova e Latisana», chiosa il sindaco. Romoli, Serracchiani non ha mantenuto la promessa. Nel frattempo la sanità goriziana come sta? «Non ho mai capito cosa volesse dire la presidente quando fece quella promessa. Si è trattato di una dichiarazione estemporanea, senza senso». Se venisse oggi a Gorizia che sanità troverebbe? «Un ospedale privato ingiustamente del Punto nascita e con una pediatria che chiude alle 18. Le avevo chiesto di attivare una guardia pediatrica 24 ore su 24. Ora i bimbi goriziani sono pregati di ammalarsi il giorno dopo». Che idea si è fatto delle dimissioni del direttore generale dell Ass Bassa friulana- Isontina, Giovanni Pilati? L assessore Telesca ha assicurato che si trattava di motivi personali, ora pare ci stia ripensando. «Non ho mai creduto che le dimissioni di Pilati siano riconducibili a problemi di famiglia o di malattia. Ho la sensazione che si tratti di contrasti tra Pilati e Telesca, la quale gli impone altri tagli salvaguardando però Palmanova e Latisana, ma non, ovviamente, Gorizia». Al di là della sanità, in quest ultimo anno la Regione quanto e come è stata vicina a Gorizia? «Abbiamo ricevuto un milione di euro per la ristrutturazione della casa di riposo Culot. Grazie. Tuttavia l importo di un milione è assai poca cosa rispetto ad altre poste messe a disposizione della Regione per altre zone». E i tre milioni e mezzo per Villa Louise? «Già, li dimenticavo. Ma ne riparleremo quando concretamente si procederà alla realizzazione di questa sorta di incubatore di idee prospettato dall assessore Torrenti». Torrenti significa gestione degli immigrati. Su questo fronte lei non si può certo lamentare... «Infatti, la Regione si è dimostrata molto generosa con Gorizia lasciandoci centinaia e centinaia di profughi, al contrario di quanto fatto in altre città. Temo sarà sempre peggio». A suo avviso quanto sta a cuore Gorizia 5

6 alla giunta regionale? «Beh, non si può dire che siamo al vertice dei suoi pensieri. Ma Gorizia si sta arrangiando lo stesso, penso al progetto di rilancio dell aeroporto. Spero che almeno la Regione proceda nella ristrutturazione dei consorzi industriali con ciò consentendo la soluzione dei problemi della Sdag». Riaprirà mai il Punto nascita? «No, sarebbe ammettere un grave errore. Ma chiuderlo è stato uno scandalo». L ASSESSORE DEL SORDI " Un rischio non calcolato Sempeter? Progetto fallito " Ad una prima occhiata il tempo, al San Giovanni di Dio, sembra essersi fermato. Ma dodici mesi dopo, dove c'era il piccolo, colorato e gradevole Punto nascita dell'ospedale di Gorizia, non c'è nulla. Una prima porta si apre ancora, verso il reparto dove un tempo era facile sentire gli strilli dei bebè o veder entrare ed uscire mamme in attesa o parenti e amici con mazzi di fiori in mano. La seconda alle sue spalle, invece, è chiusa, e lascia solo intravedere dietro ai vetri il corridoio vuoto (ma ancora illuminato dalle luci al neon) dove si affacciavano le stanze delle mamme e, più in là, le sale per il travaglio e il parto. Sono se vogliamo i resti di un a battaglia persa, quella per salvare il Punto nascita goriziano. «Cosa resta un anno dopo di quella battaglia? - dice l'assessore comunale Francesco Del Sordi, fin dalla prima ora una delle anime del comitato Voglio nascere a Gorizia -. Beh, in questi casi c'è qualcuno che vince e qualcuno che perde, e noi purtroppo abbiamo perso. Come comitato abbiamo fatto davvero tutto il possibile, ma non è bastato. Quel che ci rimane è la grande amarezza nel constatare che la Regione e la presidente Serracchiani, al di là di tutte le dichiarazioni in senso contrario, alla fine hanno trattato Gorizia in modo differente rispetto ad altre realtà. Dove i reparti dovevano essere chiusi ed invece si è atteso, e si sta ancora discutendo. Le sbandierate questioni di sicurezza sono state applicate senza possibilità di replica solo a Gorizia, a dimostrazione del fatto che c'è stata un'azione di tipo punitivo per la nostra città. Poi le giustificazioni per quel che è stato fatto o non fatto, le troveranno sempre, ma i fatti parlano chiaro». Del Sordi ha sempre detto di voler continuare a condurre la sua battaglia. «Non posso dire di essermi sentito lasciato solo in questo percorso dice - : sono riuscito a coinvolgere il sindaco e tante persone si sono interessate al problema, ma ormai era troppo tardi. Forse il rischio che correvamo, da tanti, non è stato percepito fino in fondo». E il futuro, senza più Punto nascita, come si delinea? «Innanzitutto mi sembra che il progetto transfrontaliero con l'ospedale di Sempeter sia fallito miseramente dice Del Sordi -. Solo le mamme che seguono da principio tutto l'iter oltreconfine possono partorirvi, e non a caso molte coppie che conosco hanno dovuto rinunciare proprio per questo motivo. Non resta che sperare nella Casa del parto. «Perso il Punto nascita, credo che il vero fatto criminale sia l'assenza di Pediatria conclude l'assessore goriziano -, una mancanza enorme per i bambini e le famiglie della città». Marco Bisiach Messaggero Veneto 20 luglio 2015 Malato di gioco d azzardo? Ora ti cura la sanità pubblica Per la prima volta l Aas 4 apre uno sportello. Il direttore Piani: casi in continuo aumento Anziani e imprenditori indebitati e rovinati da videopoker, scommesse on line e di Stato di Alessandra Ceschia. C è chi, a forza di comprare gratta a vinci dal tabaccaio ogni mattina, prosciuga la pensione. Chi al casinò ha ipotecato l azienda e chi con il videopoker ha 6

7 accumulato debiti di diverse centinaia di migliaia di euro. Vengono definiti giocatori d azzardo patologici, malati che hanno bisogno di cure specialistiche e che, da questo mese, possono contare su uno sportello di accoglienza dedicato all Azienda per l assistenza sanitaria 4 del Friuli Centrale. «Il servizio informa il direttore Francesco Piani è stato attivato dal Dipartimento delle dipendenze, che fornisce informazioni inerenti il gioco d azzardo, di valutazione, ed eventualmente un trattamento specifico». L accesso è diretto, non serve l impegnativa del medico curante e le prestazioni sono esenti da ticket. In passato i malati in provincia di Udine avevano come riferimento solo l Agita, un associazione che da un decennio si occupa con impegno e competenza di queste dipendenze. Visto che si tratta di dipendenze che muovono un volume d affari valutato sugli miliardi di euro l anno, una decina dei quali vengono incamerati dallo Stato, era doveroso che anche le strutture sanitarie pubbliche aprissero sportelli dedicati. «Una trentina le persone che sono già seguite dal servizio dall Ass4, fa il punto Piani, a fronte di 518 pazienti seguiti per dipendenza da tabacco, da alcol e da stupefacenti». Ma a livello regionale le vittime del gioco d azzardo sono ben più numerose: oltre 250 le persone seguite dall associazione Agita di Campoformido, 390 i giocatori d azzardo patologici seguiti a livello regionale, 198 i nuovi ingressi ogni anno. «Mediamente si tratta di persone di età compresa fra i 30 e i 50 anni, anche se non mancano i pensionati fa il punto Piani di norma il 70 per cento è di sesso maschile». Ma il numero delle donne aumenta con l avanzare dell età. Livello di scolarizzazione medio, spesso in possesso di un diploma, il giocatore tipo possiede una fonte di reddito, un lavoro o una pensione e una famiglia, che resta all oscuro della situazione per lungo tempo. «Purtroppo osserva Piani, la crisi non fa che accentuare questo problema, perché materializza la possibilità di risolvere le difficoltà economiche affidandosi alla fortuna. Oltre al lavoro dei casinò, ad attrarre queste persone sono giochi apparentemente innocui come i gratta e vinci e abbiamo pazienti che spendono migliaia di euro al mese per comprarli, oltre ai vecchi videopoker e alle slot nei bar. A fare breccia, rispetto a giochi più noti come quello del Totocalcio osserva Piani è la gratificazione immediata, l idea quindi di tentare la sorte e di avere subito un risultato». E i risultati a distanza di tempo purtroppo si vedono: travolgono aziende e famiglie. «Per questo ragiona il direttore del servizio la nostra attività si muove su due binari: da un lato vi sono aspetti di tipo clinico che devono essere trattati da medici e psicologi per curare i disturbi comportamentali, d altro canto però bisogna anche agire sulla protezione del patrimonio, predisponendo i piani di rientro per le situazioni debitorie, puntando alla salvaguardia del patrimonio, disponendo un controllo del denaro e delle carte di credito del paziente». L accesso avviene per appuntamento telefonico al centralino del dipartimento delle dipendenze, ( oppure ) dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17. Le risorse, al momento, sono ridotte e non vi sono stati aumenti in organico, d altro canto, fanno sapere dal servizio, il problema sta diventando talmente ampio che c è da aspettarsi un notevole afflusso allo sportello. Nel frattempo, prosegue anche l attività dell Agita di Campoformido, che ha avviato un metodo esportato anche in Sardegna, in Spagna e in Argentina. Telesca: pronto un bando da 60 mila euro Fondi per finanziare i progetti destinati al contrasto del gioco d azzardo patologico e una legge per la prevenzione, il trattamento delle dipendenze. Così la Regione ha deciso di fronteggiare una vera e propria emergenza. Risale al febbraio del 2014 la legge regionale che è andata a colmare un vuoto legislativo, dettando disposizioni in materia. Una legge, fa presente l assessore regionale alla salute Maria Sandra Telesca, con la quale si è cercato di facilitare l accesso delle persone affette da dipendenza da gioco ai trattamenti sanitari e assistenziali adeguati e si è promosso il marchio regionale Slot Free- Fvg da distribuire agli esercizi 7

8 pubblici e ai circoli privati che scelgono di non installare o disinstallano apparecchi per il gioco. «Abbiamo anche predisposto un bando regionale per finanziare i progetti in materia di contrasto del gioco d azzardo patologico annuncia Telesca mettendo a disposizione 60 mila euro. La proposte inviate dalle aziende sanitarie o dalle associazioni saranno valutate dal tavolo tecnico e quelle migliori otterranno un finanziamento». E non è l unica forma di sostegno economico che la Regione ha programmato. «Abbiamo predisposto il piano di prevenzione aggiorna Telesca un documento di 200 pagine centrato sulla promozione, anche per la dipendenza dal gioco. Complessivamente tira le somme la Regione ha riservato alla prevenzione il 5 per cento delle risorse destinate alle Aziende sanitarie, pari a un centinaio di milioni di euro».(a.c.) Spilimbergo LA POLEMICA Ospedale, il Pd contro la giunta «Documento non condiviso» SPILIMBERGO Non un documento congiunto ma preconfezionato dalla sola maggioranza. Tale, secondo il circolo Pd di Spilimbergo, sarebbe l ordine del giorno Ospedale e territorio, dalle criticità alle soluzioni concrete presentato ai componenti della commissione consiliare Sanità, convocata giovedì scorso dal presidente Carlo Roman. Documento che, una volta approvato in consiglio comunale (convocato alle 18 di giovedì) verrà illustrato all assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca, in città giovedì 30 luglio. «L opposizione, nonostante due sollecitazioni inviate per iscritto al presidente di commissione dalla capogruppo Pd Gabriella Ius (foto), è stata messa a conoscenza del contenuto solo ad inizio riunione quando il presidente ha distribuito le copie fresche di stampa e ne ha dato lettura ai presenti attaccano dal Pd locale. «Perciò, come ribadito dalla stessa capogruppo e dal consigliere regionale Armando Zecchinon, presente in commissione si precisa in una nota il documento, per la parte politica partitica necessita certamente di approfondimenti e modifiche se, come si vuol far credere, vuole essere trasversale».(g.z.) 8

CLASSIFICA DEL RAPPORTO TRA DOMANDE PRESENTATE E POSTI DISPONIBILI a.a. 2010/2011 (elaborazione del 23.08.2010)

CLASSIFICA DEL RAPPORTO TRA DOMANDE PRESENTATE E POSTI DISPONIBILI a.a. 2010/2011 (elaborazione del 23.08.2010) Facoltà Descrizione del concorso CLASSIFICA DEL RAPPORTO TRA DOMANDE PRESENTATE E POSTI DISPONIBILI a.a. 2010/2011 N posti totali di cui n di posti non CEE Totale domande presentate N di domande presentate

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari A.A. 2009/2010

I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari A.A. 2009/2010 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per la Didattica e le Attività Post Lauream SENATO DEL 28/09/2009 I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una IL DIRETTORE GENERALE Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli Ospedali romani all avanguardia per quanto concerne l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una medicina moderna

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

F.A.Q. IMMATRICOLAZIONI 2013

F.A.Q. IMMATRICOLAZIONI 2013 INDICE OFFERTA FORMATIVA... 2 CORSI AD ACCESSO PROGRAMMATO... 3 VERIFICA DELLA PREPARAZIONE INIZIALE... 7 INIZIO DELLE LEZIONI... 8 1 OFFERTA FORMATIVA 1) Mi sono appena diplomato. A quali corsi potrei

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 008/009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA PREMESSA CARATTERISTICHE E FINALITA DEL CORSO Il di Laurea in Infermieristica Pediatrica, appartenente alla Classe delle

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie

Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie FORUM DELL ORIENTAMENTO 2015 per Studenti delle Scuole Superiori 3 e 4 Febbraio 2015 Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie Formazione

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE FORMAZIONE INTERDIPARTIMENTALE Economico-Finanziario Tecnologico Emergenza Anestesia e Rianimazione Ortopedia Immagini, Patologia Clinica, Medicina,

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Antonina Ristagno Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Udine, 11 giugno 2013 La conservazione: obiettivi Fin dal 2005, anno della prima stesura del Codice

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli

NORME CONCORSUALI REVISIONATE CON DELIBERAZIONE N. 128 DEL 31/10/2007. ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE

NORME CONCORSUALI REVISIONATE CON DELIBERAZIONE N. 128 DEL 31/10/2007. ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE NORME CONCORSUALI APPROVATE CON DELIBERAZIONE N. N. 155 IN DATA 16/06/2006 (MODIFICATA CON SUCCESSIVE DELIBERE N. 216 IN DATA 08.09.2006, N. 298 IN DATA 15.12.2006 E N. 304

Dettagli

S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott. EGIDIO BARBI)

S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott. EGIDIO BARBI) Lo staff è composto da dirigenti medici : dott. Egidio Barbi, Direttore Dipartimento di Pediatria Direttore: Prof. Alessandro Ventura S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott.

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

Programma Treviso rev1 14.01.14 TREVISO CONEGLIANO. Questo programma vi serve per scegliere le attività alle quali partecipare.

Programma Treviso rev1 14.01.14 TREVISO CONEGLIANO. Questo programma vi serve per scegliere le attività alle quali partecipare. GIORNATE DELL UNIVERSITA 2014 Le giornate sono rivolte agli studenti delle classi quarte e quinte degli Istituti di Istruzione Secondaria di secondo grado della Provincia di Treviso. Attività (di tipo

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO E CARDIOMIOPATIE

SCOMPENSO CARDIACO E CARDIOMIOPATIE SCOMPENSO CARDIACO E 10-11 ottobre 2014 Comitato Scientifico Andrea Di Lenarda Marco Merlo Aniello Pappalardo Bruno Pinamonti Gianfranco Sinagra Dipartimento Cardiovascolare Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di Verbale 5 Pag. n. 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ATTI della Riunione di consultazione del Comitato di indirizzo della Facoltà di Medicina e Chirurgia L anno 2010 (Duemiladieci) in questo giorno di

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA ANNO ACCADEMICO 2013/2014

OFFERTA FORMATIVA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI AREA DIDATTICA - UFFICIO OFFERTA FORMATIVA OFFERTA FORMATIVA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 DIPARTIMENTO DI AGRARIA Scienze agro-zootecniche * (classe L-25 Scienze e tecnologie

Dettagli

presso l I.R.C.C.S. Burlo Garofolo 34137 Trieste v. dell Istria 65/1 Tel. 040 768362 Fax 040 768362 E mail: agmen@burlo.trieste.it www.agmen-fvg.

presso l I.R.C.C.S. Burlo Garofolo 34137 Trieste v. dell Istria 65/1 Tel. 040 768362 Fax 040 768362 E mail: agmen@burlo.trieste.it www.agmen-fvg. A.G.M.E.N. F.V.G. Associazione Genitori Malati Emopatici Neoplastici Friuli-Venezia Giulia per lo studio, la cura e l assistenza dei bambini con tumore O.N.L.U.S. presso l I.R.C.C.S. Burlo Garofolo 34137

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN PET THERAPY: APPLICAZIONI ALLE SCIENZE MEDICHE E PSICO-SOCIALI Art. 1 - FINALITA - Presso l'ateneo di Trieste, in

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL'AQUILA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL'AQUILA Decreto Rettorale Protocollo n. 31221 Repertorio n. 2561-2007 ISTITUZIONE E ATTIVAZIONE DEI DI I E II LIVELLO DELLA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2007/2008 IL RETTORE VISTA la legge 9

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: SNT/1 Professioni sanitarie infermieristiche

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno Informazioni per le strutture interessate al riconoscimento Introduzione... p. 2 I. Proposte... p. 2 II. Prospettive.

Dettagli

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail.

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail. FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità È con vivo piacere che ho accettato l invito dell Associazione Calabro-Lombarda a trattare questo spinoso argomento. Sarebbe molto bello sentir parlare

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Malattie reumatiche. Colpiti 700mila italiani ma solo 50mila hanno accesso ai nuovi f... http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=15772 Page 1 of 2 01/07/2013 quotidianosanità.it

Dettagli

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost.

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost. PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia Ost. Ferrero Federica Cuneo 18-19 ottobre 2012 QUALI I BISOGNI PSICOLOGICI IN OSTETRICIA QUALI

Dettagli

Master di 1 livello. Master di 2 livello

Master di 1 livello. Master di 2 livello Master di 1 livello QUALITà E SICUREZZA DELL ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI IN UNA SOCIETà MULTIETNICA Master di 2 livello strategie PER LA PROMOZIONE E LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA QUALITà DELL ALIMENTAZIONE

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO q Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO D A T I P E R S O N A L I Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza Nicoletta Scavino 6 settembre 1959, Alba (CN) C.so Francia 103/a 10098 RIVOLI Tel. 011-9572601

Dettagli

GUIDA alla domanda di ammissione PER I corsi di studio ad ACCESSO programmato

GUIDA alla domanda di ammissione PER I corsi di studio ad ACCESSO programmato GUIDA alla domanda di ammissione PER I corsi di studio ad ACCESSO programmato Aggiornata al 13/07/2012 A cura del Servizio Help On-line Direzione Pianificazione, Valutazione e Formazione Sistema integrato

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

La Facoltà di Medicina dell Università di Torino e la Città della Salute e della Scienza

La Facoltà di Medicina dell Università di Torino e la Città della Salute e della Scienza La Facoltà di Medicina dell Università di Torino e la Città della Salute e della Scienza Ezio Ghigo Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Torino Ruolo dell Università in Medicina Missione

Dettagli

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute Casa della Salute Casa della Salute Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara Casa della Salute Portomaggiore e Ostellato Via De Amicis 22 Portomaggiore Cos è la Casa della Salute La Casa della Salute

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS) Osservatorio Qualità PROGETTO SAPERE (Stroke Acuto PERcorsi ed Esperienze) L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Novembre 2006 2 L ASSISTENZA

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN PET THERAPY: ESPERTO IN INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI A.A.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN PET THERAPY: ESPERTO IN INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI A.A. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN PET THERAPY: ESPERTO IN INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI A.A. 2015/2016 Art. 1 - FINALITA - Presso l'ateneo di Trieste, in conformità

Dettagli

ENPAPI Rassegna Stampa del 17/03/2010

ENPAPI Rassegna Stampa del 17/03/2010 ENPAPI Rassegna Stampa del 17/03/2010 INDICE ENPAPI Infermieri: sempre più stranieri in corsia Formazione? Il «vizio» del medico-bonsai «In Romania guadagnavo 200 euro al mese» Infermieri: cresce l'accento

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

LA FACOLTÀ DI MEDICINA TRA PASSATO E PRESENTE UNA FACOLTÀ PROIETTATA VERSO IL FUTURO

LA FACOLTÀ DI MEDICINA TRA PASSATO E PRESENTE UNA FACOLTÀ PROIETTATA VERSO IL FUTURO LA FACOLTÀ DI MEDICINA TRA PASSATO E PRESENTE UNA FACOLTÀ PROIETTATA VERSO IL FUTURO Palazzo della medicina interna e specialistica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI www.uniss.it Università di Sassari

Dettagli

PROGETTO. Definizione del problema

PROGETTO. Definizione del problema 1 PROGETTO LA CASA DI FAUSTA Realizzazione della Casa di Accoglienza La Casa di Fausta per bambini ricoverati presso il Dipartimento Materno Infantile, dell Azienda Ospedaliero Sanitaria Policlinico di

Dettagli

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Archivio Fondamentale ottobre 2013 L'infermiere che lavora nei reparti di oncologia ricopre un ruolo di primo piano nel percorso di cura e assistenza:

Dettagli

Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI

Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI NUMERO POSTI PREFE RENZE TOTALE STUDENTI SENATO ACCADEMICO: GRUPPO 1: GIURISPRUDENZA. SCIENZE POLITICHE,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. H al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 ART. 1 - Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015, il Master Universitario di I livello in Infermiere di Area

Dettagli

medicina e chirurgia odontoiatria e protesi dentaria

medicina e chirurgia odontoiatria e protesi dentaria Art. 2 La prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale in medicina e chirurgia e in odontoiatria e protesi dentaria è unica per entrambi i corsi ed è di contenuto identico sul territorio nazionale.

Dettagli

corso di laurea in INFERMIERISTICA

corso di laurea in INFERMIERISTICA corso di laurea in INFERMIERISTICA a.a. 00/005 Corso di laurea triennale in Infermieristica INFORMAZIONI GENERALI Classe di appartenenza: Professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria

Dettagli

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5.

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5. PRESENTAZIONE I percorsi diagnostico terapeutici nell ambito delle patologie cardiovascolari sono soggetti a continua evoluzione in funzione di nuove disponibilità tecnologiche e di nuove possibilità terapeutiche

Dettagli

ndagine presso le sezioni di corso di Diploma Universitario per Infermiere (studenti del I anno) Università degli Studi di Milano, novembre 1999

ndagine presso le sezioni di corso di Diploma Universitario per Infermiere (studenti del I anno) Università degli Studi di Milano, novembre 1999 S PAZIO UNIVERSITÀ I 2 Indagine Abacus di Giovanni Muttillo Francesco Fanari Laura Aletto Maurizio Neri ndagine presso le sezioni di corso di Diploma Universitario per Infermiere (studenti del I anno)

Dettagli

Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri.

Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri. [ Corso Residenziale] Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri. Quando la teoria diventa good clinical practice: grandi cambiamenti costanti nel tempo. 1 di 1 [ Programma

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015-2016 aggiornata al 20 maggio 2015

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015-2016 aggiornata al 20 maggio 2015 OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015-2016 aggiornata al 20 maggio 2015 In nero sono indicati i corsi a libero accesso. In rosso sono indicati i corsi per i quali è previsto il numero programmato deciso a livello

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 28 gennaio 1964

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 28 gennaio 1964 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome GASTI Marcello Data di nascita 28 gennaio 1964 Qualifica Dirigente Sanitario Amministrazione Servizio Sanitario Regionale - Centro Servizi Condivisi

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE ANNO 2001 IIª Sessione 2001 Il decadimento della solidarietà sociale rappresenta

Dettagli

GUIDA ALLA IMMATRICOLAZIONE ON-LINE

GUIDA ALLA IMMATRICOLAZIONE ON-LINE GUIDA ALLA IMMATRICOLAZIONE ON-LINE Aggiornata al 13/07/2012 A cura del Servizio Help On-line Direzione Pianificazione, Valutazione e Formazione Sistema integrato per la gestione della didattica In questa

Dettagli

della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino

della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino stati generali della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Razionale lunedì 14 scientifico ottobre stati generali della sanità ORE 10:00 SALONE

Dettagli

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE Dati sull accesso ai corsi e modalità di iscrizione nell a.a. 2004-05 Angelo Mastrillo Segretario aggiunto della Conferenza Nazionale Corsi di Laurea delle

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS)

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) Una scelta di vita al servizio della persona Ci sono almeno 5 buoni motivi per diventare OSS Hai sempre desiderato un lavoro che non fosse

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Gilardi Dr. Prof. Roberto

Gilardi Dr. Prof. Roberto Gilardi Dr. Prof. Roberto Fondatore di Kaloi, Network di professionisti che opera in Italia nella Formazione, Consulenza, Coaching già Docente a.c. Università di Trieste Esperto di Processi Formativi Direttore

Dettagli

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo di Trieste

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Cognome(i) / Nome(i) Amico Mario Indirizzo(i) Via della Treggia, 110-06125 Perugia (Italia) Telefono(i) 075/5899471

Dettagli

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Sono ammessi alle scuole dirette a fini speciali i diplomati degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado in conformità con le disposizioni vigenti per l ammissione

Dettagli

NOMINE CDA. Fondazione Città di Cremona Azienda Speciale Cremona Solidale

NOMINE CDA. Fondazione Città di Cremona Azienda Speciale Cremona Solidale NOMINE CDA Fondazione Città di Cremona Azienda Speciale Cremona Solidale PERCORSO Condivisione in maggioranza dei criteri 28 OTTOBRE: avvio delle procedure 17 NOVEMBRE: chiusura dei termini per la presentazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Dott.ssa SONIA CARLA RICCIU Indirizzo 128 INT 23, Via Piacenza, I-16138, Genova Telefono +39 3396068166 Fax

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata OFFERTA FORMATIVA A.A. 2012/ 2013. www.uniroma2.it

Università degli Studi di Roma Tor Vergata OFFERTA FORMATIVA A.A. 2012/ 2013. www.uniroma2.it Università degli Studi di Roma Tor Vergata OFFERTA FORMATIVA A.A. 2012/ 2013 www.uniroma2.it Macroaree: ECONOMIA GIURISPRUDENZA INGEGNERIA LETTERE E FILOSOFIA MEDICINA E CHIRURGIA SCIENZE MATEMATICHE FISICHE

Dettagli

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia MISSION E STORIA La nostra Mission: La Scienza per l Uomo L Università Campus Bio-Medico di Roma promuove strutture integrate d insegnamento, ricerca e assistenza sanitaria, perseguendo come fine ultimo

Dettagli

R E G O L A M E N T O R E S I D E N Z A P R O T E T T A L A G I N E S T R A

R E G O L A M E N T O R E S I D E N Z A P R O T E T T A L A G I N E S T R A COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona Residenza Protetta La Ginestra R E G O L A M E N T O R E G O L E N T O PER LA GESTIONE DELLA R E S I D E N Z A P R O T E T T A L A G I N E S T R A ART.1 DEFINIZIONE

Dettagli

"La Riforma Sanitaria Regionale e l'assetto organizzativo delle professioni

La Riforma Sanitaria Regionale e l'assetto organizzativo delle professioni 20 OTTOBRE 2015 "La Riforma Sanitaria Regionale e l'assetto organizzativo delle professioni UDINE 20 ottobre 2015 Legge 10 agosto 2000, n. 251 "Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche,

Dettagli

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria Data del DM di approvazione

Dettagli

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 Centri di Prelievo e Centri di Trapianto della Regione Friuli Venezia Giulia Centro trapianti Cuore Centro trapianti Fegato

Dettagli

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE CORSI DI STUDIO EX D.M. 270/2004

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE CORSI DI STUDIO EX D.M. 270/2004 ELENCO CORSI ATTIVATI A.A. 2015-2016 DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE 1. 056701 Biotecnologie (Classe L-2) Dipartimenti: Biotecnologie molecolari e scienze per la salute,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 tra gli infermieri dei distretti,tutti i reparti ospedalieri ed il servizio di Pronto Soccorso Rev. 02 1

Dettagli