CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Quinta Commissione consiliare DOSSIER PROGETTO DI LEGGE N. 283 INTERVENTI DI PREVENZIONE, FORMAZIONE E TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) A cura del Servizio Segreteria della Quinta Commissione Consiliare Ottobre 2012

2 Presentazione L allarmante espansione in Italia e nel territorio della Regione del Veneto del fenomeno del gioco d azzardo patologico, con le conseguenze negative che vi sono correlate (sul piano individuale: psichiche e fisiche; sul piano sociale: danni economici, familiari e lavorativi), ci ha suggerito di predisporre un breve dossier di approfondimento sul progetto di legge regionale n. 283 Interventi di prevenzione, formazione e trattamento del gioco d azzardo patologico (GAP) all esame dei Consiglieri della Quinta Commissione. Il dossier, realizzato interamente dal personale in servizio presso la Quinta Commissione, dopo alcuni cenni storici sul gioco d azzardo e sulle varie tipologie (per le cui descrizioni rinvia all allegato A), affronta l aspetto patologico del fenomeno con riferimento agli aspetti sanitari, ai rischi sociali e alle cure (attualmente disponibili in Veneto per il tramite dei dipartimenti per le dipendenze delle ULSS), quindi, contiene brevi cenni ai riferimenti normativi a livello europeo, nazionale (in particolare si segnala il comma 2 dell articolo 5 del D. L. 13 settembre 2012, n. 158 che aggiorna i L.E.A. inserendovi anche il G.A.P.) e regionale e, infine, un essenziale bibliografia con rinvio ai siti internet, dove è possibile reperire i riferimenti utili per gli eventuali approfondimenti. Da ultimo si è ritenuto utile inserire una breve recente rassegna stampa sul tema oltre, ovviamente, al testo del PDL n. 283, nonchè la scheda economico-finanziaria predisposta dalle competenti strutture della Giunta regionale.

3 INDICE 1) LA STORIA DEL GIOCO D AZZARDO Pag. 1 2) IL GIOCO D AZZARDO IN ITALIA.. Pag. 5 3) TIPOLOGIE DI GIOCHI D AZZARDO. Pag. 7 4) IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (G.A.P). Pag. 9 - Il gioco d azzardo patologico. Pag. 9 - Diagnosi del gioco d azzardo patologico. Pag I rischi sociali.. Pag Le cure per il gioco d azzardo patologico Pag. 15 5) RIFERIMENTI NORMATIVI SUL G.A.P. Pag. 19 6) ALL. A) Descrizione delle tipologie di gioco d azzardo.. Pag. 23 7) ALL. B) BIBLIOGRAFIA E SITI UTILI Pag. 39 8) ALL. C) RASSEGNA STAMPA SUL G.A.P. Pag. 41 9) Testo del PDL n. 283 Interventi di prevenzione, formazione e trattamento del gioco d azzardo patologico (G.A.P.) 10) SCHEDA DI ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA relativa al PDL n. 283

4 1) LA STORIA DEL GIOCO D AZZARDO Fin dalle sue origini l uomo ha avvertito la necessità di predire il futuro. Nell antichità, quando concetti come giustizia, legge, sorte e religione si intersecavano e si sovrapponevano, l uomo affidava importanti decisioni al fato, ritenendolo emanazione della volontà degli dei. Anche eventi inspiegabili venivano fatti risalire al caso ed al gioco: nella tradizione egizia l origine delle stelle veniva ricondotta ad una partita tra divinità. Allo stesso modo un mito greco narra che Zeus e i suoi fratelli si sarebbero spartiti l universo a dadi. L azzardo nacque quando indovinare un evento futuro, da pratica esclusiva di indovini e sacerdoti, divenne anche occasione di sfida tra uomo e fato, e tra uomo e uomo. Giocare d azzardo divenne dunque una pratica sociale: furono stabilite delle regole e delle poste in palio. Già nell antica Grecia il gioco d azzardo era così diffuso che fu proibito per un certo periodo, dal momento che la sua pratica dava origine a gravi problemi di ordine sociale. Platone stesso era preoccupato dal suo diffondersi: «L abitudine al gioco non è poca cosa», sosteneva. I dadi da gioco derivano dagli astragali, frammenti di ossa, pietre o altri materiali, utilizzati dagli indovini (come gli aruspici dell antica Roma) per interrogare il fato. I soldati greci si divertivano con giochi di dadi; in Egitto, un paio di dadi d'avorio sono stati trovati in Tebe risalenti al 1500 ac, e manufatti antichi connessi al gioco d'azzardo sono stati rinvenuti in Cina, Giappone, India e Roma. Nell'antica Roma, Claudio ridisegnò la sua carrozza in modo che egli avrebbe avuto più spazio per lanciare i dadi, Caligola confiscò le proprietà sei cavalieri per coprire i suoi debiti di gioco e si racconta che i soldati romani fecero delle scommesse per le vesti di Cristo dopo la sua crocifissione. Le carte da gioco originano, invece, dai tarocchi. L introduzione del gioco delle carte in Europa risale al 1350: alla diffusione capillare di questo tipo di giochi seguì una dura condanna da parte di giuristi e predicatori. Alla stessa epoca risalgono testimonianze di roghi pubblici di carte da gioco in molte piazze europee. Fu nel Medio Evo che si assistette alla prima demonizzazione del gioco d azzardo, largamente praticato. Il gioco dei dadi, e la sua origine diabolica, sono citati in diverse celebri opere letterarie, come Gargantua e Pantagruel ( ) 1

5 di F. Rabelais. Il filosofo Tommaso Moro propose nella sua celebre Utopia (1516) l estirpazione totale del gioco d azzardo in ogni sua forma. Nonostante i tentativi di estirpazione e condanna, il gioco continuò a essere una pratica diffusa, inserita nell immaginario collettivo e nella quotidianità delle persone dell epoca rinascimentale e moderna. Le lotterie si diffusero rapidamente. Nella Firenze del 1530 i proventi confluivano nelle casse dello Stato. Nel 1566 la regina Elisabetta I istituì la prima lotteria nazionale riconosciuta dallo Stato. In Italia, a Genova, si giocava al lotto già dal XVI secolo, mentre nel 1638 apriva il Ridotto di Venezia, la prima casa da gioco istituita e gestita dallo Stato: cominciava l era del giro d affari legato al gioco d azzardo. Nel 1665 venne aperto il primo ippodromo, a Hempstead Plains, New York. Probabilmente all epoca nessuno avrebbe potuto immaginare l importanza che l ippica avrebbe progressivamente rivestito nello scenario dell azzardo, né che l ippodromo sarebbe diventato luogo di improvvisa creazione o dissipazione di interi patrimoni. Nel 1814 vennero autorizzati i primi casinò a New Orleans, USA. Casinò e sale da gioco d azzardo si diffusero capillarmente, divenendo veri e propri templi dedicati al dio del gioco. Nel 1830 si scatenò un ondata repressiva contro il gioco d azzardo. Chiusero casinò, ippodromi e lotterie, e si moltiplicarono le bische clandestine. Il peggioramento della situazione, determinato dalla clandestinità del fenomeno, impose alle autorità una parziale marcia indietro : il gioco d azzardo tornò a essere legale, ma con maggiori restrizioni. L invenzione del telegrafo duplex (1872) rese possibile la trasmissione dei risultati delle corse in tempo quasi reale. Gli scommettitori potevano quindi puntare anche senza recarsi sui luoghi delle corse. Nel 1906 H. S. Mills produsse su scala industriale le prime slot machines, che fecero la fortuna di Casinò e sale da gioco (e la sfortuna di molti giocatori). La rapidità e la semplicità di fruizione delle slot machines rese ancora più accessibile il gioco d azzardo. La diffusione del gioco d azzardo e delle problematiche socio-sanitarie connesse risultò tale che nel 1980 venne inserito nel novero dei disturbi patologici all interno del DSM III, il manuale diagnostico dell American Psychiatric Association. Il gioco d azzardo è oggi caratterizzato sempre più da rapidità, immediatezza e dislocazione: il gioco sul web, la diffusione capillare di videopoker e lotterie istantanee, come i gratta e vinci, rendono possibile giocare d azzardo a 2

6 chiunque, ovunque e in qualunque momento, rapidamente e anonimamente, abbattendo le barriere economiche e sociali che in passato avevano contribuito a limitare i rischi connessi al gioco, sia per i singoli individui, sia per la società nel suo complesso. 3

7 2) IL GIOCO D AZZARDO IN ITALIA Dal 1948 quando il presidente Luigi Einaudi nazionalizzò la schedina che venne ribattezzata Totocalcio, il mercato del gioco, in un crescendo che negli ultimi anni ha avuto il suo massimo picco, ha visto la nascita e l evoluzione (nonché il declino) di numerosi e sempre più diversificati giochi. Dal lotto alle lotterie, dal totocalcio al totogol alle scommesse ippiche, che per anni hanno monopolizzato il gioco degli italiani, si è passati ad un immensa tavola da gioco, in ultimo ingrandita anche dal tavolo virtuale dei giochi on line. Il trend di crescita del gioco autorizzato nel nostro Paese è sicuramente attribuibile anche agli impulsi generati dalla manovre economiche. Non c è stato anno, infatti, in cui l Esecutivo non abbia introdotto nuove offerte di gioco pubblico. Nel 1997 vengono introdotte la doppia giocata di lotto e superenalotto e le sale scommesse, nel 1999 l investitura ufficiale per il Bingo, le scommesse Big Match, le scommesse on line. Nel 2004 le Slot, nel 2006 i nuovi corner e i punti gioco per scommesse. Si è passati dalle 3 occasioni di gioco autorizzato alla settimana degli inizi degli anni 90 con Totocalcio, Lotto e Scommesse Ippiche alle 15 occasioni di gioco nel 2006: 10 settimanali più lotterie istantanee, sale bingo, slot machines, sale scommesse, scommesse on line con carte prepagate. Senza contare che, con la legalizzazione dei giochi cosiddetti on line, ora si può giocare in qualsiasi momento dal proprio pc, previa identificazione e apertura del conto di gioco a nome del singolo. Ma già prima di questa nuova apertura, l Italia alla fine del 2004 si collocava al terzo posto fra i Paesi che giocano di più al mondo, preceduto solo dal Giappone e Regno Unito. Negli ultimi 10 anni, oltre alla mutata tendenza degli italiani a rivolgersi alle novità del settore, si è assistito al tramonto dei video poker e alla massiccia diffusione delle New Slot. Con la regolamentazione del 2003, infatti, lo Stato diede un primo colpo al dilagare dell illegalità legata a questo mercato. Basti pensare che tra gli incassi dei principali giochi, il totale delle entrate delle New Slot crebbe di quasi 47 volte dal 2003 al 2008, passando da 367 a milioni di euro, che rappresentarono da sole circa il 45% delle entrate complessive del totale dei giochi. A seguire, sempre nel 2008, le Lotterie con milioni di euro e il Lotto con milioni di euro. 5

8 Già nel 2004, anno in cui venne sancito il divieto per tutti gli apparecchi e i congegni automatici di riprodurre il gioco del poker, fu registrato un considerevole aumento del circuito legale rispetto al Gli incassi raggiunsero i milioni di euro. Secondo il rapporto di Eurispes questo dato mise in evidenza come, per la prima volta, la regolamentazione contrastò innanzitutto la dipendenza da gioco ma soprattutto portò a livelli fisiologici il sommerso e l evasione di questo settore. Dal 2004 al 2008 sono stati recuperati con le New Slot oltre 70 miliardi di euro al gioco illegale e sommerso, dei quali oltre 21 miliardi di euro solo nel Nel nostro Paese il gioco online ha una storia recentissima, frutto di 7 anni intensi di leggi, modifiche, miglioramenti, regolamentazioni. In principio furono le scommesse sportive, già ampiamente disponibili su internet. La prima legislazione sul gambling è datata 2006, con il cosiddetto decreto Bersani, convertito nella Legge 248 del 2006 che dà un via libera virtuale agli skill games a distanza con premi in denaro. Per distanza si intende online e per abilità si intende che il risultato è frutto prevalentemente delle capacità del giocatore, ma in cui sono presenti anche caratteri di casualità. Tra gli skill games, quello che più si collega ai soldi è il poker, anche se questi non è citato esplicitamente nella nuova legislazione sul gambling. Con questa storica, seppur recente deliberazione, l AAMS autorizza i concessionari ad esercitare il gioco del Texas Holdem e delle sue numerose varianti. E l articolo 38 stesso a parlare dei concessionari cioè società in grado di fornire adeguate garanzie di correttezza e di sostenibilità economica. Lo Stato, tramite l AAMS, esercita un continuo monitoraggio su queste società incaricate di offrire il gioco del poker con soldi veri. I tre punti su cui i titolari delle concessioni devono assolutamente garantire sono: La sicurezza del gioco La restituzione delle vincite in una percentuale minima, fissata per legge La trasparenza e la riservatezza delle informazioni trattate. 6

9 3) TIPOLOGIE DI GIOCHI D AZZARDO Il settore del gioco in Italia comprende svariate tipologie di giochi, dai classici, quali lotterie e scommesse, a giochi più moderni, come giochi a distanza ed apparecchi da intrattenimento. Il mercato è regolato, controllato e garantito dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, AAMS, nonchè dal sistema legislativo Italiano. Come riportato sul sito Internet di AAMS Nello svolgimento del ruolo pubblico assegnato, l Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato ha l obiettivo primario di assicurare un ambiente di gioco legale e responsabile in un contesto tecnologicamente monitorato e in grado di certificare l operato dei concessionari. In particolare AAMS è garante dei principi alla base dello Stato democratico attraverso la tutela dei consumatori, in particolare dei minori, delle fasce deboli e sensibili a fenomeni patologici e/o ludopatici. L AAMS si occupa di giochi dal 1988, quando assunse dallo Stato Italiano la gestione delle lotterie nazionali, ampliando nel 1994 il proprio portafoglio con la gestione del Lotto e delle lotterie istantanee, in una continua evoluzione fino ad arrivare all attuale portafoglio di business. Il comparto giochi è cosi classificato: 1) Lotto - Lotto - 10 e Lotto - Lotto3 2) Giochi numerici a totalizzatore - Superenalotto - Superstar - Superenalotto Europeo (novità 2011) 3) Giochi a base sportiva - Totocalcio e Il9 - Totogol - Scommesse a quota fissa - Big Match - Big Race 4) Giochi a base ippica - Ippica Nazionale - Ippica Internazionale - Scommesse Ippica in Agenzia - V7 5) Apparecchi da intrattenimento - Apparecchi con vincita in denaro 7

10 New Slot VideoLotteries (VLT) - Apparecchi senza vincita in denaro - Skill games 6) Lotterie - Lotterie Tradizionali - Lotterie Istantanee - Giochi di sorte al consumo 7) Bingo - Bingo in sala - Bingo a distanza - Poker live (novità 2011) 8

11 4) IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Giocare d azzardo non significa necessariamente gioco patologico. Per la maggior parte delle persone il gioco d azzardo rappresenta uno dei tanti passatempi e rimane una semplice attività sociale. Solo per una minoranza di esse, diventa progressivamente un problema. È necessario distinguere il gioco d azzardo patologico dal gioco come forma di attività sociale e ludica che accompagna l essere umano lungo la sua esistenza, che stimola lo sviluppo dell intelligenza e della creatività. Questa forma di gioco viene realizzata per se stessa avendo il proprio aspetto gratificante in sé e non nel fine da raggiungere o nel risultato da conseguire. Quando il giocatore, pur sperando nella vincita, è motivato da un semplice desiderio di divertimento ed è in grado di smettere di giocare quando lo desidera viene definito giocatore sociale. Il giocatore sociale, anche se soggetto alla lusinga dell alea, al fascino del guadagnare tutto in una volta e senza fatica, intuisce il labile confine (e non lo oltrepassa) tra innocua distensione e morboso accanimento. Il gioco, anche quello d azzardo, allora, risulta essere un attività intimamente connessa con la natura dell uomo, serve a riprodurre situazioni reali, insegna ad affrontare le difficoltà, a stare insieme con gli altri e aiuta ad evadere dalle condizioni di malessere. I problemi nascono quando l aspetto ludico diventa secondario rispetto all impulso di giocare, al bisogno di rischiare, di riprovare, di continuare a tentare la fortuna anche a fronte di perdite clamorose o devastanti. Questo atteggiamento si configura come gambling, un comportamento compulsivo, la cui dinamica può essere assimilabile, pur in assenza di uso di sostanze, ad altre forme di dipendenza patologica quali tossicodipendenza o alcolismo. Il Gioco d azzardo patologico è un vero e proprio disturbo psicopatologico, una forma di dipendenza che induce il soggetto alla coazione a ripetere, alla necessità imperante di giocare e a percepire sofferenza se costretto ad astenersi da gioco. Vincere o il desiderio di rifarsi non sono più il richiamo principale per scegliere il gioco, ma è il gioco d azzardo in sé, accompagnato dalle emozioni e sensazioni che riesce a suscitare, ad attirare l individuo. Anche se il desiderio ossessivo di recuperare il denaro perduto può portare il giocatore a perdere completamente la percezione del tempo che dedica al gioco e della quantità di soldi che sta scommettendo. Giocare denaro diventa, almeno in alcuni momenti, il centro di interesse esclusivo, la passione, l occupazione, la preoccupazione centrale della proprie esistenza. Niente può fermare il giocatore e quest attività conduce, presto o 9

12 tardi, alla disorganizzazione della sua vita ed alla totale mancanza di controllo sulla gestione del denaro. E il giocatore patologico può anche facilmente cadere nella delinquenza finanziaria o in mano agli usurai. Sebbene sembri difficile operare una distinzione tra giocatore patologico e sociale, si può tuttavia indicare una precisa sintomatologia che viene mostrata dai giocatori patologici e che riguarda tre aspetti dell individuo: - psicologico: ossessione del gioco, senso di onnipotenza, presunzione, nervosismo, irritabilità, ansia, alterazioni del tono dell umore, persecutorietà, senso di colpa,alterazioni dell autostima, tendenza alla superstizione, aumento dell impulsività, distorsione della realtà; - fisico: alterazioni dell alimentazione, cefalea, conseguenze fisiche dell utilizzo di sostanze stupefacenti o alcol, sintomi fisici d ansia (tremori, sudorazione, ecc.); - sociale: danni economici, danni morali, danni sociali, danni familiari, danni lavorativi, difficile gestione del denaro, isolamento sociale. Il processo che conduce il giocatore sociale a diventare giocatore problematico e successivamente dipendente appare subdolo e lento. Spesso è però la rete sociale del giocatore, in modo particolare il suo sistema famigliare che, prima dell interessato, si accorge dello scivolamento da una posizione all altra e che decide,infine, di chiedere aiuto. I segnali collegati alla perdita del controllo del gioco fanno senza alcun dubbio riferimento all enorme mole di denaro e di tempo persi con il gioco, all affetto negato in famiglia, all abbandono delle proprie responsabilità di coniuge e genitore. Altri segnali possono giungere dal sistema lavorativo che è testimone di un calo dell efficienza e di assenze dovute al gioco; e in certi casi gravi il soggetto arriva anche a perdere il lavoro stesso. Infine, dal punto di vista sociale, il giocatore può giungere a modificare il proprio concetto di moralità sino ad arrivare a commettere atti illeciti. In questi casi accade che la persona, pur essendo stata fino ad allora sempre onesta, commetta reati di vario genere per finanziare la propria attività di gioco senza avere però la consapevolezza di agire un crimine. Per lui non si tratta di rubare, ma solo di prendere soldi in prestito, da restituire con la grossa vincita che egli è sicuro prima o poi di ottenere. Cesare Guerreschi nel suo testo Il gioco d azzardo patologico. Liberati dal gioco e dalle altre nuove dipendenze, Ed. Kappa, Roma,2003 propone la seguente classificazione: - Giocatori compulsivi con sindrome da dipendenza: sono giocatori che hanno perso il controllo sul loro modo di giocare; per loro il gioco d azzardo è la cosa più importante nella vita, ciò che li mantiene in azione. Il gioco d azzardo compulsivo è una dipendenza progressiva che abbraccia tutti gli aspetti della vita del giocatore. La famiglia, le relazioni sociali e l attività lavorativa vengono influenzati in modo fortemente negativo dall attività di 10

13 gioco. Il giocatore compulsivo non può smettere di giocare, indipendentemente da quanto lo desideri o da quanto duramente ci provi. - Giocatori per fuga con sindrome da dipendenza: sono giocatori che trovano nell attività di gioco sollievo da sensazioni d ansia, solitudine, rabbia o depressione. Usano il gioco d azzardo per fuggire da crisi o difficoltà; il gioco ha qui un effetto analgesico e non una risposta euforica. Questi giocatori non sono giocatori compulsivi. Sono identici ai bevitori inadeguati senza sindrome da dipendenza alcolica. - Giocatori sociali costanti: per questi giocatori il gioco d azzardo è la principale forma di relax e di divertimento, sebbene sia in secondo piano rispetto alla famiglia e al lavoro. I giocatori sociali costanti mantengono ancora il controllo sulle loro attività di gioco. - Giocatori sociali adeguati: giocano per passatempo, per socializzare e per divertimento. A questa categoria appartiene la maggioranza della popolazione adulta. Il gioco non interferisce con le obbligazioni familiari, sociali o lavorative. - Giocatori antisociali: coloro i quali si servono del gioco al fine di ottenere guadagni illegali. - Giocatori professionisti: sono giocatori che giocano d azzardo per lavoro e, considerandolo una professione, si mantengono attraverso di esso. Alle prime due categorie appartengono le persone bisognose di aiuto psicologico e psichiatrico: le vittime del gioco. I giocatori compulsavi sono individui che se si trovano cronicamente e progressivamente incapaci di resistere all impulso di giocare. E, forse, ciò che sfugge alla maggior parte della popolazione è proprio questa impossibilità da parte del giocatore patologico di resistere e controllare l impulso al gioco. Ancora oggi è molto raro che siano i giocatori patologici a chiedere aiuto in prima persona. Questo perché è più facile accettare e ammettere di perdere il controllo per il fatto di avere assunto delle sostanze che ammettere di perdere il controllo a causa di un comportamento volontario. Inoltre, poiché danneggia la loro autostima in maniera molto forte, sono estremamente riluttanti a cercare aiuto. Ancora oggi non si è ben compreso che l unico metodo per contrastare la pericolosità del gioco d azzardo è quello di informare obiettivamente e correttamente il potenziale giocatore sui reali contenuti tecnici dei vari giochi. Un giocatore ben informato sulle possibilità di vittoria e di sconfitta è meno disposto a rischiare somme di denaro che potrebbero compromettere se stesso e il bilancio familiare: la piena consapevolezza di quello che si sta facendo è il migliore antidoto contro ogni forma di eccesso. 11

14 DIAGNOSI DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Per diagnosticare una sindrome da gioco (GAP) devono essere soddisfatti due criteri: - A) un criterio di inclusione: persistente e ricorrente comportamento maladattivo legato al gioco d azzardo che compromette le attività personali, familiari e lavorative ; - B) un criterio di esclusione: il comportamento di gioco d azzardo non è meglio attribuibile ad un episodio maniacale. Una volta individuata la presenza del criterio A ed escluso il criterio B, si ricercano nel soggetto almeno cinque caratteristiche su un elenco di dieci: 1) E eccessivamente assorbito dal gioco d azzardo; 2) Ha bisogno di giocare d azzardo con quantità crescenti di denaro per raggiungere l eccitazione desiderata; 3) Ha ripetutamente tentato con insuccesso di controllare, ridurre o interrompere il gioco d azzardo; 4) E irrequieto o irritabile quando tenta di ridurre o interrompere il gioco d azzardo; 5) Gioca d azzardo per sfuggire a problemi o per alleviare ad un umore disforico; 6) Dopo aver perso denaro al gioco, spesso torna un altro giorno per giocare ancora ( rincorrendo le proprie perdite); 7) Mente ai familiari, al terapista o ad altri per nascondere l entità del proprio coinvolgimento nel gioco; 8) Ha commesso azioni illegali per finanziare il gioco d azzardo; 9) Ha messo a repentaglio o ha perso una relazione significativa, il lavoro o opportunità scolastiche o di carriera per il gioco d azzardo; 10) Fa affidamento sugli altri per reperire denaro o per alleviare una situazione finanziaria disperata causata dal gioco d azzardo. Esistono definizioni ufficiali del gioco patologico ed esistono scale per determinare la gravità dipendenza, ma la definizione operante è innanzitutto soggettiva. In un primo tempo il giocatore si rinchiude nel gioco, per risolvere i problemi posti da tale attività. Si sono accumulati i debiti, bisogna rifarsi, guadagnare nuovamente denaro, giocare di nuovo. Sebbene i giocatori patologici siano diversi gli uni dagli altri, è possibile individuare alcuni elementi che li accomunano. La maggior parte dei giocatori sono persone con scarsa autonomia, insicure, che appartengono ai ceti medio/bassi, che tendono a giudicarsi in maniera negativa, nascondendo il più delle volte uno stato depressivo. Hanno difficoltà nel gestire i propri sentimenti ed esprimerli agli altri. Spesso pensano che la 12

15 loro vita sia un fallimento, si sentono diversi dagli altri e si chiudono in se stessi. Tendono a credere che il denaro sia la soluzione di tutti i loro problemi. Alcuni giocatori sono competitivi, indipendenti, aggressivi ma in realtà nascondono una grande insicurezza e vulnerabilità. Possono essere dei grandi lavoratori, condurre una vita molto regolare e rigida ed essere molto pragmatici. Sono pieni di paura specialmente per ciò che è incerto ed il gioco offre loro l opportunità di superare simbolicamente queste paure. Se si comprende che il gioco d'azzardo patologico è una malattia, si può presumere che, come tutte le malattie, anche questa determinerà i suoi sintomi sugli individui che ne sono affetti. In ogni malattia ci sono 3 categorie di sintomi: psichici, fisici,sociali.elenchiamo di seguito i principali sintomi prodotti del gioco d'azzardo patologico: SINTOMI PSICHICI SINTOMI FISICI SINTOMI SOCIALI - ossessione del gioco - senso di onnipotenza, presunzione - nervosismo, irritabilità, ansia - alterazioni del tono dell'umore - persecutorietà - senso di colpa, alterazioni della autostima - tendenza alla superstizione - aumento dell'impulsività - distorsione della realtà (minimizzare, enfatizzare) - alterazioni dell'alimentazione - cefalea conseguenze fisiche dell'utilizzo di sostanze stupefacenti o - alcol - insonnia sintomi fisici dell'ansia (tremori, sudorazione, palpitazioni - ecc.) - danni economici - danni morali - danni sociali - danni familiari - danni lavorativi - difficile gestione del denaro (spese impulsive) 13

16 - isolamento sociale. I RISCHI SOCIALI In Italia non si è mai recepita l indicazione dell Organizzazione Mondiale della Sanità che vede nel gioco d azzardo compulsivo una forma morbosa chiaramente identificata e che, in assenza di misure idonee d informazione e prevenzione, può rappresentare, a causa della sua diffusione, un autentica malattia sociale. E, a causa del mancato riconoscimento, ai giocatori compulsivi non è di conseguenza garantito il diritto alla cura (comunque sottolineato dall articolo 32 della Costituzione), parificando ciò che già vige nel campo delle dipendenze anche a questo tipo di patologia: diritto alla cura, diritto al mantenimento del posto di lavoro, diritto di usufruire dei benefici di legge, diritto a una parificazione tributaria e fiscale. Il gioco d azzardo patologico comporta una serie di problematiche che incidono non solo sulla salute psicofisica del soggetto giocatore ma anche sulla sua vita familiare, sociale e lavorativa. Da alcune ricerche è emerso, infatti, che i tentativi di suicidio sono molto più frequenti (fino a 4 volte tanto) tra i giocatori patologici che nel resto della popolazione. Si riscontrano anche tipici disturbi legati allo stress: dolori allo stomaco, insonnia, ulcera, coliti, ipertensione, malattie cardiache, emicranie, problemi dermatologici. Uno studio condotto in Canada (Research Centre of Ontario, 2000) ha rilevato un legame tra abuso di alcol e gioco, in particolare quello all interno dei casinò. Frequentemente,infatti, i gamblers sono poliabusatori; ciò comporta un rischio più elevato di alcolismo e/o di dipendenza da droghe. Alcune ricerche hanno motivato l assunzione di alcol e droghe nei giocatori come un mezzo per alleviare le angosce e guarire dalla depressione. Anche i famigliari del giocatore sono coinvolti in una spirale distruttiva. E stato appurato che i coniugi dei giocatori patologici hanno maggiori possibilità di entrare in una depressione nervosa o di cedere all alcol o ad altre droghe. Sono inoltre tre volte più a rischio di suicidio. Nel coniuge sono spesso presenti anche altri comportamenti autolesivi (specie se donna) sempre relativamente alla sfera del controllo degli impulsi e delle dipendenze: bere eccessivo, tabagismo, fenomeni di obesità o bulimia, shopping. 14

17 Le mogli dei giocatori patologici soffrirebbero anche di mal di testa cronico, seri disturbi gastrointestinali e difficoltà respiratorie in aggiunta a problemi di ansia, depressione ed isolamento sociale. Altri dati rilevano che il 23% delle mogli ed il 17% dei figli di giocatori d azzardo maschi subiscono violenze fisiche e verbali Proprio rispetto ai figli dei giocatori sembrerebbe che questi siano due volte più a rischio di suicidio, abbiano risultati scolastici inferiori ai loro colleghi e presentino un tasso più elevato di abuso di alcolici ed altre sostanze. Inoltre, sono essi stessi più a rischio di avere problemi con il gioco, se paragonati ai figli di coloro che non giocano. LE CURE PER IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Il gioco compulsivo è stato riconosciuto definitivamente come una patologia a sé stante nel 1980, quando l APA (American Psychiatric Association) lo introdusse nella III versione del Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali (DSM), classificandolo nella categoria dei Disturbi del Controllo degli Impulsi non classificati altrove, cioè non riconducibili al quadro clinico di altri disturbi. Caratteristica fondamentale del disturbo del controllo degli impulsi è l incapacità a resistere a un impulso o a un desiderio impellente: il soggetto prova una tensione o un eccitamento crescente prima di compiere l azione e gratificazione o sollievo nel momento in cui la compie; in seguito possono essere presenti rimorsi e sensi di colpa. La Decima Revisione della Classificazione Statistica Internazionale delle Malattie e dei Problemi Sanitari Correlati (ICD-10) dell OMS, descrive il gioco d azzardo patologico nel capitolo dei Disturbi delle Abitudini e degli Impulsi, caratterizzati da atti ripetuti e in controllabili che non hanno chiara motivazione razionale e che generalmente mettono in pericolo gli interessi del paziente e delle altre persone. In Italia lo studio e la cura del gioco d'azzardo patologico sono abbastanza recenti, ma esistono numerose realtà che se ne occupano, sia a livello pubblico che a livello privato. A livello pubblico la cura dei giocatori patologici è effettuata frequentemente dai Servizi per le Dipendenze delle ASL che lavorano in collaborazione con i Comuni e altri noti della rete territoriale. 15

18 CENTRI DI SUPPORTO PER LA CURA DELLE PATOLOGIE DA GIOCO D AZZARDO IN VENETO (fonte: Ser.T Portogruaro VE via Spiga 5, Portogruaro tel ; fax Referenti GAP: Maria Enrica Scalabrì, Maria Luisa Ronchese, tel Ser.T Dolo VE Via Arino 4, Dolo Tel ; fax Responsabile: Mauro Cibin Ser.D San Donà di Piave VE via Verdi 2, San Donà di Piave tel ; fax Referente GAP: Emilia Serra, tel Ser.D Centro storico ed estuario di Venezia Sestiere Dorsoduro 1463, Venezia tel ; fax Referente GAP: Luisa Blasi, tel /67/68, Informagioco del Ser.T di Venezia Terraferma, AULSS 12 Venezia via Castellana 154, Venezia tel ; fax Responsabili: Gugliemo Cavallari, Silvano Felisati, Franco Masiero, Pierguido Nardi Ser.T Castel Franco Veneto TV via Ospedale 18, CastelFranco Veneto tel ; fax sito: 16

19 Referenti GAP: Graziano Bellio, Amelia Fiorin Ser.T.-Azienda ULSS 7- Veneto- Conegliano TV via Ortigara 131, Conegliano tel ; fax sito: Referente GAP: Carlo Cenedese, tel , Ser.T Camposanpiero PD via Cosma 1, Camposanpiero tel ; fax Referente GAP: Giorgio Cuccia, U.O.C. Interdistrettuale Dipendenze, Este PD via Settabile 29/A, Este tel ; fax Responsabile:Clementina Stimolo, tel Ser.D Monselice PD via Rovigana 5, Monselice tel ; fax Responsabile: Giancarlo Zecchinato, Ser.D di Legnago VR via l. Cadorna 3, Legnago tel ; fax sito: Responsabile: Carlo Bossi Cooperativa Sociale Self Help Verona via Albere 132/c, Verona tel (dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 16); fax Referente GAP: Manuela Persi, tel Ser.T Bussolengo VR vicolo Rivolti 30/A, Bussolengo tel ; fax

20 Referenti GAP: Carla Odorizzi, Eva Cordioli Ser.T Alcologia, Auronzo di Cadore BL via Ospitale 16, Auronzo di Cadore tel ; fax Responsabile:Raffaella Vedana, tel , Ser.T e Alcologia ULSS 19 Adria, Taglio di Po RO via Matteotti 14, Taglio di Po (Ro) tel ; fax Referenti GAP: Caterina Forza, Ivana Stimamiglio Ser.T Thiene VI via San Rocco 2, Thiene tel ; fax Referente GAP: Lorena Bergozza, Ser.T Montecchio Maggiore VI via Pieve 11, Montecchio Maggiore tel ; fax Responsabile: De Muri Caterina, tel Ser.T Valdagno VI via Galilei 5, c/o Ospedale, Valdagno tel ; fax Responsabile: De Muri Caterina, tel Ser.T Asiago VI via Martiri di Granezza 44, Asiago tel ; fax Nuova Vita - Società Cooperativa Sociale Onlus, VI Servizio ambulatoriale per le problematiche relative al gioco d'azzardo viale Fiume 9, Vicenza sito: Responsabile: Alessandro Pilan, tel ; 18

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 RAI-Radiotelevisione italiana dall 8 settembre 2014 al 29 maggio 2015 realizza un programma televisivo dal titolo A CONTI FATTI diffuso da RAIUNO tutti i giorni, dal lunedì

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Uno Mattina Estate 2014

Uno Mattina Estate 2014 Uno Mattina Estate 2014 La RAI-Radiotelevisione italiana Spa realizza un programma televisivo denominato UNO MATTINA ESTATE, diffuso su Rai Uno, dal lunedì al venerdì, dal 02 giugno al 05 settembre 2014.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 AREA:

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis. Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa

Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis. Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis Il modello italiano di tassazione del gioco d azzardo: linee guida

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli