Roberto Michilli. Fate il vostro gioco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roberto Michilli. Fate il vostro gioco"

Transcript

1 Roberto Michilli Fate il vostro gioco

2 Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel fax ISBN:

3 a Giuseppe e Cristina

4

5 Ma sa che è proprio una bella trappoletta quella che ha sulle ginocchia? È un computer, vero? Come dice? Un lap-top Zenith, ho capito. È grande come una macchina per scrivere portatile e deve pesare all incirca lo stesso. Quanto? Sei chili? Eccezionale. Si porta in giro senza problemi, immagino. È proprio un bell oggetto. Non ne avevo mai visti così. Ho avuto a che fare con uno di quei cosi, in passato, ma era il 1979,, quattordici anni fa, ed era molto diverso da questo. Io però l ho distolta da quello che stava facendo. Mi scusi, la prego, sono proprio un maleducato, ma vedere quel com- puter mi ha fatto ripensare a quando stavo davanti al mio, e infilavo numeri su numeri dentro quella macchina vorace Quanto tempo mi ci è voluto! No, non lo usavo per il mio lavoro. Si trattava, come dire, di un progetto collaterale È una storia che mi piacerebbe raccontarle, ma vedo che lei ha da fare, è da quando è entrato nello scompartimento che smanetta su quella tastiera e non voglio farle perdere tempo. Come dice? Non sta facendo niente di importante e lo ha acceso solo per vincere la noia di un lungo viaggio in treno? Be, in questo caso Mi dica, ha mai giocato d azzardo, lei? Probabilmente sì. Almeno un pokerino tra amici l avrà fatto; forse sarà anche andato al casinò, qualche volta. Sono esperienze normali. Per me, invece, è diverso. Il gioco d azzardo ha segnato la mia vita. Al tavolo verde mi sono mangiato un patrimonio, come si diceva una volta; meglio: me ne sono mangiati due, 7

6 perché dopo aver dilapidato il mio mi sono giocato anche quasi tutto quello di mia moglie. A un certo punto, però, ho smesso, anche se ormai era tardi, troppo tardi per molte cose. E per uno strano capriccio del caso, quello stesso gioco d azzardo che m aveva rovinato mi ha poi permesso di sopravvivere. Sì, perché quando ho smesso di giocare ho fatto il croupier nei casinò di mezzo mondo, e in seguito ho anche ricoperto incarichi direttivi in alcuni dei più importanti. Sono passato dall altra parte della barricata, come si suol dire, e per oltre trentacinque anni, fino a pochi mesi fa, quando sono andato in pensione, è stato il vizio degli altri a darmi di che vivere. Mi sono chiesto spesso perché tanta gente ami l azzardo. Ho cominciato a chiedermelo, per la verità, solo quando ho smesso di giocare e sono passato, come dire, sull altra sponda, a guardare gli altri che lo facevano. È stato solo allora, infatti, che ho avuto il tempo e la voglia di farmi queste domande. Eh sì, perché quando ci sei dentro, giochi e basta, non stai lì ad analizzarti, a porti interrogativi. D altra parte, se uno è in grado di osservarsi, di tentare una riflessione su ciò che sta facendo, è segno che il demone non lo tiene del tutto in pugno, oppure che è in via di guarigione. No, quando la scim- mia ce l hai addosso, pensi solo a darle ciò che vuole, cerchi solo di soddisfarla, quella bestia, e non ci riesci mai, peraltro, perché se giochi stai male e se non giochi stai peggio. È una droga come le altre, bisogna avere il coraggio di ammetterlo. Come gli stupefacenti, il tabacco e l alcool, l azzardo crea dipendenza: si ha bisogno di quell emozione per continuare a vivere. E così come le dosi delle droghe devono essere via via aumentate perché l assuefazione ne attenua gli effetti, anche nel gioco si ha bisogno di rischiare sempre di più. Come fa il tossicomane, anche il giocatore promette spesso a se stesso e ai suoi cari se ne ha di staccarsi dal vizio. 8

7 «Stavolta smetto sul serio!» Quante volte ho detto questa frase! Quanti buoni propositi ho fatto mentre ero in preda al rimorso o dopo una nottata più perfida delle altre. Quanti solenni giuramenti! «È stata l ultima volta! Non toccherò più le carte! Lo giuro! Questa volta smetto! Non metterò mai più piede in un casinò!» E per un po, magari, mi riusciva davvero di starne lontano, specie se l ultima batosta era stata brutta. Poi, però, piano piano, i miei propositi si facevano sempre meno fermi. Cominciavo a pensare che in fondo po- teva anche andarmi bene, non era detto che dovessi perdere sempre, potevo anche rifarmi di tutto quello che avevo perso sino allora, e in questo caso sì che sarebbe valsa la pena di smettere. E finivo per ricascarci di nuovo. Spesso, nei primi tempi di questi ritorni, capitava che vincessi qualcosa. Le sembrerà paradossale, ma queste vincite finivano per rivelarsi una vera sciagura. Mi inducevano infatti a credere che fosse finalmente arrivato il mio momento. «Adesso mi rifaccio» gongolavo. «Poche serate buone e mi rimetto in pari. Poi smetterò per sempre». Pia illusione! Due, tre sere buone, poi la fortuna girava e in poche ore lasciavo sul tavolo quel poco che avevo recuperato e molto altro ancora. Ed eccomi di nuovo nel gorgo: debiti, strozzini, sequestri. Qualcuno ha detto che giocare d azzardo è un modo per comprare speranza a credito. Ci dev essere del vero. Il mon- do si regge sul credito e sul caso. Se ci riflette un attimo, amico mio, si accorgerà che il caso ha una parte preponderante nelle nostre vite. La nostra stessa esistenza è determinata dall incontro fortuito tra due minuscoli e fertili organismi, un incontro che può avvenire o meno. Una volta venu- ti al mondo, la vita sarà una ininterrotta corsa incontro alla morte ma, anche qui, sarà il caso a determinare quando e come essa ci sorprenderà. Dal momento in cui apriamo gli occhi a quello in cui li chiuderemo per sempre, è tutto un 9

8 rischiare. Nella nostra vita prenderemo migliaia di decisioni piccole e grandi delle quali quasi mai saremo in grado di prevedere tutte le conseguenze. Le prendiamo, e speriamo che tutto vada per il meglio. Non c è modo di evitare questa soggezione al capriccio del caso. Per non correre il rischio di ammalarsi, uno magari condurrà una vita morigerata, ri- nunciando alla buona tavola, al fumo, all alcool e persino alle donne; in più se ne starà tappato in casa per non rischiare incidenti, e conserverà i suoi denari sotto una mattonella per non correre il pericolo di essere derubato o di perderlo in una qualche speculazione azzardata; ma anche così, ridotto a vivere sotto una campana di vetro per limitare al massimo il rischio, nessuno potrà garantirgli che non scivolerà un giorno sul sapone nella vasca da bagno restandoci secco. E, fatalmente, arriverà un nipote scavezzacollo che alzerà la mattonella, arrafferà il conquibus e se lo scialacquerà con una vagonata di donnine allegre, nuotando in fiumi di cham- pagne, fumando avana a profusione e vivendo felice e beato fino a cento anni. No, una certa dose di rischio è inelimina- bile dalla nostra esperienza umana, una larga parte della quale continuerà, a dispetto dei nostri sforzi per program- marla e pianificarla, a essere governata dal caso. E allora accade che, ogni tanto, nascano individui i quali provano, più di altri, piacere a osservare il capriccioso andamento di certi eventi, e che, in una sorta di sfida con se stessi e col caso che ne governa in così larga misura le vite, cerchino anche di prevedere dove il mutevole orientarsi delle casualità spin- gerà un certo accadimento. Per rendere più saporosa questa attesa, costoro proveranno a condirla col sale d una scom- messa; rischieranno, cioè, qualcosa di prezioso su uno dei possibili eventi e attenderanno col fiato sospeso, mentre il cuore batte forte e il sangue scorre più velocemente nelle vene, che si determini la volontà del Caso Signore. A volte 10

9 vinceranno; più spesso, invece, perderanno, ma avranno comunque vissuto un emozione, ed è quella, in fondo, che cercano. Credo di parlare con cognizione di causa: dapprima ho vissuto questa esperienza sulla mia stessa pelle e ne porto ancora le stimmate poi, per tanti anni, mi sono visto passare davanti migliaia e migliaia di poveri cristi, possedu- ti dallo stesso male che teneva prigioniero me un tempo. Stavano lì, cogli occhi lucidi e il cuore in gola, in attesa di vedere dove sarebbe andata a fermarsi quella maledetta pallina ronzante o che il croupier girasse la carta dalla quale poteva dipendere la loro rovina. Mi facevano pena. Provavo una grande compassione per quella massa di perdenti di cui mi sentivo parte. Avrei voluto che vincessero tutti, che vin- cessero sempre. Ero un traditore, in un certo senso: nella lotta che ogni sera si rinnovava fra il casinò, che pure mi dava da vivere, e i giocatori, mi ritrovavo a fare il tifo per questi ultimi, e in particolare per quelli più sfortunati, quelli su cui la sorte sembrava accanirsi con particolare crudeltà. Forse mi ci riconoscevo, in quei poveri disgraziati. Se appena ap- pena avessi potuto, avrei fatto fermare la pallina sul numero che il poveretto di turno stava aspettando. Invece, dal mio posto di servitore della bestia ruotante, quasi sempre mi toccava assistere a un altra sconfitta: la pallina bianca saltellava irridente da una casella all altra e infine andava a posar- si dove l aveva indirizzata il suo signore, quel Caso che regna con sovrana indifferenza sulla sorte di noi tutti. Quanto mi sarebbe piaciuto batterlo, almeno una volta; quanto avrei voluto vendicarmi di questa capricciosa divinità, dominarla, indirizzarla, asservirla. Possibile che non ci fosse un modo per farlo? Che non si potesse, per esempio, escogitare un sistema sicuro per vincere su quel maledetto tavolo della roulette al quale m ero ritrovato ad appendere la mia vita intera, da giocatore prima e da schiavo asservito dopo? Sen- 11

10 tivo che fra me e quel diabolico meccanismo ruotante esisteva una sorta di cordone ombelicale che non m era mai riu- scito di tagliare, e m aveva sconfitto due volte, quella ruota della sventura: rovinandomi prima e prendendomi poi al suo servizio, come un domestico di cui si ha bisogno per i lavori umili e sporchi. Più passava il tempo e più mi accorgevo di odiarla, e l odiavo soprattutto perché non riuscivo a non subirne il fascino. Anche da croupier e poi da ispettore e infine da dirigente, quando sentivo il rumore della pallina che saltellava mi accorgevo di trattenere il fiato per un momento, in attesa di vedere dove quella dannata avrebbe de- ciso di fermarsi. Come sarebbe stato bello poterle dire: «Adesso, brutta figlia di puttana, tu vai su quel numero lì!» Credo sia il sogno segreto di ogni giocatore. Io, però, cominciai a perdermici sempre più spesso, in quel sogno. In qual- che modo, quell idea di battere la roulette doveva essermi entrata in testa, perché prese a farmi compagnia nelle interminabili nottate passate a fare da servente alla ruota, a tenerle bordone in quello spietato gioco al massacro che esercita- va ogni sera sulla pelle di tanti sventurati. Forse, a farmici pensare, contribuiva il fatto che ogni giorno avevo modo di osservare all opera qualcuno di quei giocatori che noi chia- mavamo i sistemisti. Sono quegli illusi che ritengono d averlo già scoperto, questo sistema infallibile per sbancare il casinò, e che vengono lì per sere e sere di seguito tentando di metterlo in atto. Li descrive da par suo Dostoevskij nel Giocatore: : «Essi stanno a sedere davanti a foglietti scompar- titi in colonnine, segnano i colpi, contano, deducono le probabilità, fanno calcoli, infine puntano e perdono esat- tamente come noi, semplici mortali, che giochiamo senza calcoli». Il sistemista è comunque un tipo di giocatore che ogni casa da gioco accoglie sempre a braccia aperte: è gente innocua, e se anche ogni tanto uno di loro imbrocca una sera 12

11 fortunata, non sarà certo quella a mandare in rovina il ban- co. Questo, alla lunga, vincerà sempre, amico mio, e per almeno tre ottimi motivi: perché paga un po meno di quel che dovrebbe secondo le probabilità, perché ha il vantaggio dello zero, e perché limita l importo delle puntate. Quasi senza accorgermene, comunque, mi ritrovai a interessarmi di tutti i tentativi che in passato erano stati fatti per cercare questo sistema perfetto. Per la verità, ne sapevo già abba- stanza in merito: ero stato intrigato dall argomento quando ancora giocavo, e poi, in tutti gli anni che avevo passato al servizio della ruota, avevo avuto il tempo per diventare un esperto in materia, come può immaginare. Ma questa nuova fiammata d interesse aveva un tono diverso dalle precedenti: stavolta non solo presi a fare ricerche in modo sistematico raccoglievo materiale, leggevo libri, ascoltavo i raccon- ti e i pareri dei colleghi ma mi accorgevo soprattutto che era mutata la prospettiva in cui inquadravo gli argomenti, il mio approccio a quelle cose. Da giocatore leggevo o ascol- tavo con avidità l esposizione di qualunque balordaggine, pronto a sperimentarla subito nella speranza di aver finalmente trovato la scorciatoia per battere la scalogna; da ad- detto ai lavori le consideravo soltanto curiosità dalle quali mi sentivo attratto perché riguardavano da vicino la mia professione. Adesso, invece, mi ritrovavo a studiare e ana- lizzare in modo approfondito tutti gli inghippi inventati e messi in atto fino a quel momento, per quanto assurdi e astrusi potessero sembrare, con la stessa cura che mette nello studio delle carte e delle rotte chi si accinge a compie- re un lungo viaggio per mare. In realtà non avevo ancora deciso di partire, ma mi comportavo come uno che da tempo desiderasse visitare un paese lontano, e in attesa di rea- lizzare il suo sogno intanto legge guide, guarda fotografie, consulta cataloghi di viaggi. Tutto ciò che parla della sua 13

12 passione segreta lo intriga, e allo stesso modo dell aspirante viaggiatore io mi perdevo in libri, opuscoli, racconti che parlavano di gioco d azzardo o esponevano in dettaglio qualcuno di quei mirabolanti marchingegni che avrebbero dovuto assicurare la fortuna a chi avesse avuto la costanza di applicarli. E con la stessa cura che i ricercatori di ogni disci- plina mettono nello studio dei precedenti, considerandoli imprescindibile base di partenza per i progressi futuri, così passavo il tempo a fare valutazioni comparative dei vari ar- zigogoli, a cercare i pro e i contro di ciascuno, a scoprirne i punti deboli, a indagare sui motivi del loro fallimento. Que- sto per me era un punto assodato: nessuno di quei sistemi in realtà funzionava davvero, tutti avevano fallito, o almeno erano falliti tutti quelli di cui si aveva conoscenza. Forse qualcuno era davvero riuscito a scoprirlo, in passato, un si- stema che funzionasse sul serio, ma se l aveva fatto, doveva essere stato talmente bravo che nessuno se ne era accorto. Ma ne dubitavo. I casinò hanno buona memoria, ottime orecchie e occhi ancora migliori. C erano stati, sì, negli anni casi di grosse vincite, anche ripetute per più sere, eventi leggendari di cui si conservava memoria a distanza di decen- ni, ma di ciascuno di questi che non fosse dovuto al capriccio della fortuna erano sempre state individuate le cause, e l evento era servito a perfezionare quei controlli che i casinò mettono in atto con ogni possibile scrupolo. Di ogni scon- fitta subita da giocatori intraprendenti o disonesti, le case da gioco hanno infatti sempre saputo far tesoro per il futuro, adeguando continuamente le loro misure di sicurezza. Il Sistema, quello con l iniziale maiuscola, era pertanto ancora da scoprire, e io, anche se ancora non me ne rendevo conto, m ero messo a cercarlo. Dapprincipio consideravo questa mia passione solo uno stimolante esercizio intellettuale. Deve sapere che mi sono 14

13 sempre interessato di enigmistica, e forse per questo mi sentivo così attratto da quell argomento. Almanaccare su una cosa del genere era pure un modo per passare il tempo e sfuggire alla noia. Dopo qualche mese, però, mi accorsi che mi ci dedicavo con una continuità e un impegno ecces- sivi per un semplice svago. In realtà cominciavo a prendere l idea sul serio, anche se non volevo ancora ammetterlo con me stesso. Credo sia superfluo precisare che quando parlo di sistemi, non intendo riferirmi a quei trucchi dozzinali che spesso si vedono messi in atto in qualche film di quart or- dine, del tipo aghi che spuntano a comando sui rossi o sui neri per cacciare la pallina su un numero dell altro colore, o elettromagneti installati sotto alcuni numeri per attirare la pallina, all interno della quale era stato in precedenza siste- mato un nucleo d acciaio. No, niente trucchi, niente tasselli manovrati da un pedale per frenare la roulette o gambe del tavolo adattabili a comando per inclinare la ruota e favorire il banco. Forse nelle bische malfamate qualcosa del genere viene messo in atto anche al giorno d oggi, ma nei grandi casinò no di certo. Questi non hanno alcun bisogno di trucchi, per vincere. Hanno già a favore qualcosa di molto più efficace, caro amico: le leggi della probabilità. No, no: i casinò hanno tutto l interesse a garantire trasparenza e serietà. Ci pensano i grandi numeri, a giocare in loro favore: i grandi numeri, lo zero, qualche limatina alle percentuali che sarebbe corretto pagare al verificarsi dei singoli eventi e alcune regolette imposte alla clientela, come quella, molto opportuna per la casa e di cui le ho già parlato, che fissa un limite massimo alle puntate. Per assicurare il gioco pulito, i casinò di gran nome hanno perfezionato negli anni una serie impressionante di controlli. Pensi che ogni giorno, prima che il gioco abbia inizio, si verifica l equilibrio delle ruote con la livella e si pesano finanche le palline, per assicurarsi 15

14 che siano regolari. Non c è più spazio, quindi, per imbrogli in stile Far West. No, i sistemi sono un altra cosa. Con essi ci si propone di limitare i vantaggi del banco e di sfruttare a proprio favore le probabilità. Quasi sempre sono soltanto illusioni, ma chi si mette a cercare un sistema efficace certo non fa nulla di illecito. È uno che sfida la sorte, con la sua intelligenza e il suo denaro, in modo pulito, senza trucchi, sfruttando soltanto informazioni che sono, o potrebbero essere, di dominio pubblico. D accordo, un dipendente del casinò non dovrebbe farlo, ne convengo: non è sportivo, non sta bene, ma non dimentichi che sotto il mio smoking da croupier, da ispettore o da dirigente si nascondeva ancora il giocatore che le aveva buscate per anni da quella ruotaccia infame e si sentiva solidale con quanti ogni sera venivano a sacrificare davanti a quella divinità crudele. Forse non era sportivo, ma io avevo un bruciante desiderio di farle sputare sangue, a quella ruota, di vendicare la mia vita rovinata, e con la mia quella di tanti altri che aspettando quella pallina s erano giocati l esistenza loro e quella delle loro famiglie. Ma torniamo a noi, mi sembra ridicolo cercare motivazioni per quello che ho fatto: l ho fatto, il perché riguarda me e basta, a lei è giusto che racconti soltanto gli avvenimenti, senza coinvolgerla in valutazioni etiche. Come le dicevo, le mie ricerche sui sistemi furono un eccellente diversivo contro la noia. La mia vita, infatti, era monotona e triste. Da quando ero tornato a Venezia, vivevo nella parte meno disastrata di una vecchia casa di proprietà della mia famiglia. Era l unica cosa rimastami di quello che un tempo era stato il mio cospicuo patrimonio. Mi rendo conto che forse è necessario dirle qualcosa di più sul mio passato. Le cause delle nostre azioni spesso affondano le radici lontano nel tempo; le spinte arrivano da eventi che 16

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE - sipario chiuso - ENTRA ALICE VOCE FUORI CAMPO: ALICE ALICE DOVE TI SEI NASCOSTA? DOBBIAMO FINIRE LA LEZIONE DI STORIA! ALICE: Ma come si fa ad interessarsi a un libro

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

La dura realtà del guadagno online.

La dura realtà del guadagno online. La dura realtà del guadagno online. www.come-fare-soldi-online.info guadagnare con Internet Introduzione base sul guadagno Online 1 Distribuito da: da: Alessandro Cuoghi come-fare-soldi-online.info.info

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

50 Template Di Articoli Copia/Incolla

50 Template Di Articoli Copia/Incolla 50 Template Di Articoli Copia/Incolla Come superare il blocco dello scrittore con questi 50 modelli di articoli, pronti, da utilizzare infinite volte Francesco Diolosà Luca Datteo www.alchimiadigitale.com

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO

condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO Introduzione Immagina questo... Ti siedi per scrivere un articolo. Apri un nuovo documento di testo sul tuo computer, metti le dita sulla tastiera... e poi

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli