Roberto Michilli. Fate il vostro gioco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roberto Michilli. Fate il vostro gioco"

Transcript

1 Roberto Michilli Fate il vostro gioco

2 Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel fax ISBN:

3 a Giuseppe e Cristina

4

5 Ma sa che è proprio una bella trappoletta quella che ha sulle ginocchia? È un computer, vero? Come dice? Un lap-top Zenith, ho capito. È grande come una macchina per scrivere portatile e deve pesare all incirca lo stesso. Quanto? Sei chili? Eccezionale. Si porta in giro senza problemi, immagino. È proprio un bell oggetto. Non ne avevo mai visti così. Ho avuto a che fare con uno di quei cosi, in passato, ma era il 1979,, quattordici anni fa, ed era molto diverso da questo. Io però l ho distolta da quello che stava facendo. Mi scusi, la prego, sono proprio un maleducato, ma vedere quel com- puter mi ha fatto ripensare a quando stavo davanti al mio, e infilavo numeri su numeri dentro quella macchina vorace Quanto tempo mi ci è voluto! No, non lo usavo per il mio lavoro. Si trattava, come dire, di un progetto collaterale È una storia che mi piacerebbe raccontarle, ma vedo che lei ha da fare, è da quando è entrato nello scompartimento che smanetta su quella tastiera e non voglio farle perdere tempo. Come dice? Non sta facendo niente di importante e lo ha acceso solo per vincere la noia di un lungo viaggio in treno? Be, in questo caso Mi dica, ha mai giocato d azzardo, lei? Probabilmente sì. Almeno un pokerino tra amici l avrà fatto; forse sarà anche andato al casinò, qualche volta. Sono esperienze normali. Per me, invece, è diverso. Il gioco d azzardo ha segnato la mia vita. Al tavolo verde mi sono mangiato un patrimonio, come si diceva una volta; meglio: me ne sono mangiati due, 7

6 perché dopo aver dilapidato il mio mi sono giocato anche quasi tutto quello di mia moglie. A un certo punto, però, ho smesso, anche se ormai era tardi, troppo tardi per molte cose. E per uno strano capriccio del caso, quello stesso gioco d azzardo che m aveva rovinato mi ha poi permesso di sopravvivere. Sì, perché quando ho smesso di giocare ho fatto il croupier nei casinò di mezzo mondo, e in seguito ho anche ricoperto incarichi direttivi in alcuni dei più importanti. Sono passato dall altra parte della barricata, come si suol dire, e per oltre trentacinque anni, fino a pochi mesi fa, quando sono andato in pensione, è stato il vizio degli altri a darmi di che vivere. Mi sono chiesto spesso perché tanta gente ami l azzardo. Ho cominciato a chiedermelo, per la verità, solo quando ho smesso di giocare e sono passato, come dire, sull altra sponda, a guardare gli altri che lo facevano. È stato solo allora, infatti, che ho avuto il tempo e la voglia di farmi queste domande. Eh sì, perché quando ci sei dentro, giochi e basta, non stai lì ad analizzarti, a porti interrogativi. D altra parte, se uno è in grado di osservarsi, di tentare una riflessione su ciò che sta facendo, è segno che il demone non lo tiene del tutto in pugno, oppure che è in via di guarigione. No, quando la scim- mia ce l hai addosso, pensi solo a darle ciò che vuole, cerchi solo di soddisfarla, quella bestia, e non ci riesci mai, peraltro, perché se giochi stai male e se non giochi stai peggio. È una droga come le altre, bisogna avere il coraggio di ammetterlo. Come gli stupefacenti, il tabacco e l alcool, l azzardo crea dipendenza: si ha bisogno di quell emozione per continuare a vivere. E così come le dosi delle droghe devono essere via via aumentate perché l assuefazione ne attenua gli effetti, anche nel gioco si ha bisogno di rischiare sempre di più. Come fa il tossicomane, anche il giocatore promette spesso a se stesso e ai suoi cari se ne ha di staccarsi dal vizio. 8

7 «Stavolta smetto sul serio!» Quante volte ho detto questa frase! Quanti buoni propositi ho fatto mentre ero in preda al rimorso o dopo una nottata più perfida delle altre. Quanti solenni giuramenti! «È stata l ultima volta! Non toccherò più le carte! Lo giuro! Questa volta smetto! Non metterò mai più piede in un casinò!» E per un po, magari, mi riusciva davvero di starne lontano, specie se l ultima batosta era stata brutta. Poi, però, piano piano, i miei propositi si facevano sempre meno fermi. Cominciavo a pensare che in fondo po- teva anche andarmi bene, non era detto che dovessi perdere sempre, potevo anche rifarmi di tutto quello che avevo perso sino allora, e in questo caso sì che sarebbe valsa la pena di smettere. E finivo per ricascarci di nuovo. Spesso, nei primi tempi di questi ritorni, capitava che vincessi qualcosa. Le sembrerà paradossale, ma queste vincite finivano per rivelarsi una vera sciagura. Mi inducevano infatti a credere che fosse finalmente arrivato il mio momento. «Adesso mi rifaccio» gongolavo. «Poche serate buone e mi rimetto in pari. Poi smetterò per sempre». Pia illusione! Due, tre sere buone, poi la fortuna girava e in poche ore lasciavo sul tavolo quel poco che avevo recuperato e molto altro ancora. Ed eccomi di nuovo nel gorgo: debiti, strozzini, sequestri. Qualcuno ha detto che giocare d azzardo è un modo per comprare speranza a credito. Ci dev essere del vero. Il mon- do si regge sul credito e sul caso. Se ci riflette un attimo, amico mio, si accorgerà che il caso ha una parte preponderante nelle nostre vite. La nostra stessa esistenza è determinata dall incontro fortuito tra due minuscoli e fertili organismi, un incontro che può avvenire o meno. Una volta venu- ti al mondo, la vita sarà una ininterrotta corsa incontro alla morte ma, anche qui, sarà il caso a determinare quando e come essa ci sorprenderà. Dal momento in cui apriamo gli occhi a quello in cui li chiuderemo per sempre, è tutto un 9

8 rischiare. Nella nostra vita prenderemo migliaia di decisioni piccole e grandi delle quali quasi mai saremo in grado di prevedere tutte le conseguenze. Le prendiamo, e speriamo che tutto vada per il meglio. Non c è modo di evitare questa soggezione al capriccio del caso. Per non correre il rischio di ammalarsi, uno magari condurrà una vita morigerata, ri- nunciando alla buona tavola, al fumo, all alcool e persino alle donne; in più se ne starà tappato in casa per non rischiare incidenti, e conserverà i suoi denari sotto una mattonella per non correre il pericolo di essere derubato o di perderlo in una qualche speculazione azzardata; ma anche così, ridotto a vivere sotto una campana di vetro per limitare al massimo il rischio, nessuno potrà garantirgli che non scivolerà un giorno sul sapone nella vasca da bagno restandoci secco. E, fatalmente, arriverà un nipote scavezzacollo che alzerà la mattonella, arrafferà il conquibus e se lo scialacquerà con una vagonata di donnine allegre, nuotando in fiumi di cham- pagne, fumando avana a profusione e vivendo felice e beato fino a cento anni. No, una certa dose di rischio è inelimina- bile dalla nostra esperienza umana, una larga parte della quale continuerà, a dispetto dei nostri sforzi per program- marla e pianificarla, a essere governata dal caso. E allora accade che, ogni tanto, nascano individui i quali provano, più di altri, piacere a osservare il capriccioso andamento di certi eventi, e che, in una sorta di sfida con se stessi e col caso che ne governa in così larga misura le vite, cerchino anche di prevedere dove il mutevole orientarsi delle casualità spin- gerà un certo accadimento. Per rendere più saporosa questa attesa, costoro proveranno a condirla col sale d una scom- messa; rischieranno, cioè, qualcosa di prezioso su uno dei possibili eventi e attenderanno col fiato sospeso, mentre il cuore batte forte e il sangue scorre più velocemente nelle vene, che si determini la volontà del Caso Signore. A volte 10

9 vinceranno; più spesso, invece, perderanno, ma avranno comunque vissuto un emozione, ed è quella, in fondo, che cercano. Credo di parlare con cognizione di causa: dapprima ho vissuto questa esperienza sulla mia stessa pelle e ne porto ancora le stimmate poi, per tanti anni, mi sono visto passare davanti migliaia e migliaia di poveri cristi, possedu- ti dallo stesso male che teneva prigioniero me un tempo. Stavano lì, cogli occhi lucidi e il cuore in gola, in attesa di vedere dove sarebbe andata a fermarsi quella maledetta pallina ronzante o che il croupier girasse la carta dalla quale poteva dipendere la loro rovina. Mi facevano pena. Provavo una grande compassione per quella massa di perdenti di cui mi sentivo parte. Avrei voluto che vincessero tutti, che vin- cessero sempre. Ero un traditore, in un certo senso: nella lotta che ogni sera si rinnovava fra il casinò, che pure mi dava da vivere, e i giocatori, mi ritrovavo a fare il tifo per questi ultimi, e in particolare per quelli più sfortunati, quelli su cui la sorte sembrava accanirsi con particolare crudeltà. Forse mi ci riconoscevo, in quei poveri disgraziati. Se appena ap- pena avessi potuto, avrei fatto fermare la pallina sul numero che il poveretto di turno stava aspettando. Invece, dal mio posto di servitore della bestia ruotante, quasi sempre mi toccava assistere a un altra sconfitta: la pallina bianca saltellava irridente da una casella all altra e infine andava a posar- si dove l aveva indirizzata il suo signore, quel Caso che regna con sovrana indifferenza sulla sorte di noi tutti. Quanto mi sarebbe piaciuto batterlo, almeno una volta; quanto avrei voluto vendicarmi di questa capricciosa divinità, dominarla, indirizzarla, asservirla. Possibile che non ci fosse un modo per farlo? Che non si potesse, per esempio, escogitare un sistema sicuro per vincere su quel maledetto tavolo della roulette al quale m ero ritrovato ad appendere la mia vita intera, da giocatore prima e da schiavo asservito dopo? Sen- 11

10 tivo che fra me e quel diabolico meccanismo ruotante esisteva una sorta di cordone ombelicale che non m era mai riu- scito di tagliare, e m aveva sconfitto due volte, quella ruota della sventura: rovinandomi prima e prendendomi poi al suo servizio, come un domestico di cui si ha bisogno per i lavori umili e sporchi. Più passava il tempo e più mi accorgevo di odiarla, e l odiavo soprattutto perché non riuscivo a non subirne il fascino. Anche da croupier e poi da ispettore e infine da dirigente, quando sentivo il rumore della pallina che saltellava mi accorgevo di trattenere il fiato per un momento, in attesa di vedere dove quella dannata avrebbe de- ciso di fermarsi. Come sarebbe stato bello poterle dire: «Adesso, brutta figlia di puttana, tu vai su quel numero lì!» Credo sia il sogno segreto di ogni giocatore. Io, però, cominciai a perdermici sempre più spesso, in quel sogno. In qual- che modo, quell idea di battere la roulette doveva essermi entrata in testa, perché prese a farmi compagnia nelle interminabili nottate passate a fare da servente alla ruota, a tenerle bordone in quello spietato gioco al massacro che esercita- va ogni sera sulla pelle di tanti sventurati. Forse, a farmici pensare, contribuiva il fatto che ogni giorno avevo modo di osservare all opera qualcuno di quei giocatori che noi chia- mavamo i sistemisti. Sono quegli illusi che ritengono d averlo già scoperto, questo sistema infallibile per sbancare il casinò, e che vengono lì per sere e sere di seguito tentando di metterlo in atto. Li descrive da par suo Dostoevskij nel Giocatore: : «Essi stanno a sedere davanti a foglietti scompar- titi in colonnine, segnano i colpi, contano, deducono le probabilità, fanno calcoli, infine puntano e perdono esat- tamente come noi, semplici mortali, che giochiamo senza calcoli». Il sistemista è comunque un tipo di giocatore che ogni casa da gioco accoglie sempre a braccia aperte: è gente innocua, e se anche ogni tanto uno di loro imbrocca una sera 12

11 fortunata, non sarà certo quella a mandare in rovina il ban- co. Questo, alla lunga, vincerà sempre, amico mio, e per almeno tre ottimi motivi: perché paga un po meno di quel che dovrebbe secondo le probabilità, perché ha il vantaggio dello zero, e perché limita l importo delle puntate. Quasi senza accorgermene, comunque, mi ritrovai a interessarmi di tutti i tentativi che in passato erano stati fatti per cercare questo sistema perfetto. Per la verità, ne sapevo già abba- stanza in merito: ero stato intrigato dall argomento quando ancora giocavo, e poi, in tutti gli anni che avevo passato al servizio della ruota, avevo avuto il tempo per diventare un esperto in materia, come può immaginare. Ma questa nuova fiammata d interesse aveva un tono diverso dalle precedenti: stavolta non solo presi a fare ricerche in modo sistematico raccoglievo materiale, leggevo libri, ascoltavo i raccon- ti e i pareri dei colleghi ma mi accorgevo soprattutto che era mutata la prospettiva in cui inquadravo gli argomenti, il mio approccio a quelle cose. Da giocatore leggevo o ascol- tavo con avidità l esposizione di qualunque balordaggine, pronto a sperimentarla subito nella speranza di aver finalmente trovato la scorciatoia per battere la scalogna; da ad- detto ai lavori le consideravo soltanto curiosità dalle quali mi sentivo attratto perché riguardavano da vicino la mia professione. Adesso, invece, mi ritrovavo a studiare e ana- lizzare in modo approfondito tutti gli inghippi inventati e messi in atto fino a quel momento, per quanto assurdi e astrusi potessero sembrare, con la stessa cura che mette nello studio delle carte e delle rotte chi si accinge a compie- re un lungo viaggio per mare. In realtà non avevo ancora deciso di partire, ma mi comportavo come uno che da tempo desiderasse visitare un paese lontano, e in attesa di rea- lizzare il suo sogno intanto legge guide, guarda fotografie, consulta cataloghi di viaggi. Tutto ciò che parla della sua 13

12 passione segreta lo intriga, e allo stesso modo dell aspirante viaggiatore io mi perdevo in libri, opuscoli, racconti che parlavano di gioco d azzardo o esponevano in dettaglio qualcuno di quei mirabolanti marchingegni che avrebbero dovuto assicurare la fortuna a chi avesse avuto la costanza di applicarli. E con la stessa cura che i ricercatori di ogni disci- plina mettono nello studio dei precedenti, considerandoli imprescindibile base di partenza per i progressi futuri, così passavo il tempo a fare valutazioni comparative dei vari ar- zigogoli, a cercare i pro e i contro di ciascuno, a scoprirne i punti deboli, a indagare sui motivi del loro fallimento. Que- sto per me era un punto assodato: nessuno di quei sistemi in realtà funzionava davvero, tutti avevano fallito, o almeno erano falliti tutti quelli di cui si aveva conoscenza. Forse qualcuno era davvero riuscito a scoprirlo, in passato, un si- stema che funzionasse sul serio, ma se l aveva fatto, doveva essere stato talmente bravo che nessuno se ne era accorto. Ma ne dubitavo. I casinò hanno buona memoria, ottime orecchie e occhi ancora migliori. C erano stati, sì, negli anni casi di grosse vincite, anche ripetute per più sere, eventi leggendari di cui si conservava memoria a distanza di decen- ni, ma di ciascuno di questi che non fosse dovuto al capriccio della fortuna erano sempre state individuate le cause, e l evento era servito a perfezionare quei controlli che i casinò mettono in atto con ogni possibile scrupolo. Di ogni scon- fitta subita da giocatori intraprendenti o disonesti, le case da gioco hanno infatti sempre saputo far tesoro per il futuro, adeguando continuamente le loro misure di sicurezza. Il Sistema, quello con l iniziale maiuscola, era pertanto ancora da scoprire, e io, anche se ancora non me ne rendevo conto, m ero messo a cercarlo. Dapprincipio consideravo questa mia passione solo uno stimolante esercizio intellettuale. Deve sapere che mi sono 14

13 sempre interessato di enigmistica, e forse per questo mi sentivo così attratto da quell argomento. Almanaccare su una cosa del genere era pure un modo per passare il tempo e sfuggire alla noia. Dopo qualche mese, però, mi accorsi che mi ci dedicavo con una continuità e un impegno ecces- sivi per un semplice svago. In realtà cominciavo a prendere l idea sul serio, anche se non volevo ancora ammetterlo con me stesso. Credo sia superfluo precisare che quando parlo di sistemi, non intendo riferirmi a quei trucchi dozzinali che spesso si vedono messi in atto in qualche film di quart or- dine, del tipo aghi che spuntano a comando sui rossi o sui neri per cacciare la pallina su un numero dell altro colore, o elettromagneti installati sotto alcuni numeri per attirare la pallina, all interno della quale era stato in precedenza siste- mato un nucleo d acciaio. No, niente trucchi, niente tasselli manovrati da un pedale per frenare la roulette o gambe del tavolo adattabili a comando per inclinare la ruota e favorire il banco. Forse nelle bische malfamate qualcosa del genere viene messo in atto anche al giorno d oggi, ma nei grandi casinò no di certo. Questi non hanno alcun bisogno di trucchi, per vincere. Hanno già a favore qualcosa di molto più efficace, caro amico: le leggi della probabilità. No, no: i casinò hanno tutto l interesse a garantire trasparenza e serietà. Ci pensano i grandi numeri, a giocare in loro favore: i grandi numeri, lo zero, qualche limatina alle percentuali che sarebbe corretto pagare al verificarsi dei singoli eventi e alcune regolette imposte alla clientela, come quella, molto opportuna per la casa e di cui le ho già parlato, che fissa un limite massimo alle puntate. Per assicurare il gioco pulito, i casinò di gran nome hanno perfezionato negli anni una serie impressionante di controlli. Pensi che ogni giorno, prima che il gioco abbia inizio, si verifica l equilibrio delle ruote con la livella e si pesano finanche le palline, per assicurarsi 15

14 che siano regolari. Non c è più spazio, quindi, per imbrogli in stile Far West. No, i sistemi sono un altra cosa. Con essi ci si propone di limitare i vantaggi del banco e di sfruttare a proprio favore le probabilità. Quasi sempre sono soltanto illusioni, ma chi si mette a cercare un sistema efficace certo non fa nulla di illecito. È uno che sfida la sorte, con la sua intelligenza e il suo denaro, in modo pulito, senza trucchi, sfruttando soltanto informazioni che sono, o potrebbero essere, di dominio pubblico. D accordo, un dipendente del casinò non dovrebbe farlo, ne convengo: non è sportivo, non sta bene, ma non dimentichi che sotto il mio smoking da croupier, da ispettore o da dirigente si nascondeva ancora il giocatore che le aveva buscate per anni da quella ruotaccia infame e si sentiva solidale con quanti ogni sera venivano a sacrificare davanti a quella divinità crudele. Forse non era sportivo, ma io avevo un bruciante desiderio di farle sputare sangue, a quella ruota, di vendicare la mia vita rovinata, e con la mia quella di tanti altri che aspettando quella pallina s erano giocati l esistenza loro e quella delle loro famiglie. Ma torniamo a noi, mi sembra ridicolo cercare motivazioni per quello che ho fatto: l ho fatto, il perché riguarda me e basta, a lei è giusto che racconti soltanto gli avvenimenti, senza coinvolgerla in valutazioni etiche. Come le dicevo, le mie ricerche sui sistemi furono un eccellente diversivo contro la noia. La mia vita, infatti, era monotona e triste. Da quando ero tornato a Venezia, vivevo nella parte meno disastrata di una vecchia casa di proprietà della mia famiglia. Era l unica cosa rimastami di quello che un tempo era stato il mio cospicuo patrimonio. Mi rendo conto che forse è necessario dirle qualcosa di più sul mio passato. Le cause delle nostre azioni spesso affondano le radici lontano nel tempo; le spinte arrivano da eventi che 16

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il pensiero di Enzo Bianchi conosciamo più cose fuori di

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli