Roberto Michilli. Fate il vostro gioco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roberto Michilli. Fate il vostro gioco"

Transcript

1 Roberto Michilli Fate il vostro gioco

2 Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel fax ISBN:

3 a Giuseppe e Cristina

4

5 Ma sa che è proprio una bella trappoletta quella che ha sulle ginocchia? È un computer, vero? Come dice? Un lap-top Zenith, ho capito. È grande come una macchina per scrivere portatile e deve pesare all incirca lo stesso. Quanto? Sei chili? Eccezionale. Si porta in giro senza problemi, immagino. È proprio un bell oggetto. Non ne avevo mai visti così. Ho avuto a che fare con uno di quei cosi, in passato, ma era il 1979,, quattordici anni fa, ed era molto diverso da questo. Io però l ho distolta da quello che stava facendo. Mi scusi, la prego, sono proprio un maleducato, ma vedere quel com- puter mi ha fatto ripensare a quando stavo davanti al mio, e infilavo numeri su numeri dentro quella macchina vorace Quanto tempo mi ci è voluto! No, non lo usavo per il mio lavoro. Si trattava, come dire, di un progetto collaterale È una storia che mi piacerebbe raccontarle, ma vedo che lei ha da fare, è da quando è entrato nello scompartimento che smanetta su quella tastiera e non voglio farle perdere tempo. Come dice? Non sta facendo niente di importante e lo ha acceso solo per vincere la noia di un lungo viaggio in treno? Be, in questo caso Mi dica, ha mai giocato d azzardo, lei? Probabilmente sì. Almeno un pokerino tra amici l avrà fatto; forse sarà anche andato al casinò, qualche volta. Sono esperienze normali. Per me, invece, è diverso. Il gioco d azzardo ha segnato la mia vita. Al tavolo verde mi sono mangiato un patrimonio, come si diceva una volta; meglio: me ne sono mangiati due, 7

6 perché dopo aver dilapidato il mio mi sono giocato anche quasi tutto quello di mia moglie. A un certo punto, però, ho smesso, anche se ormai era tardi, troppo tardi per molte cose. E per uno strano capriccio del caso, quello stesso gioco d azzardo che m aveva rovinato mi ha poi permesso di sopravvivere. Sì, perché quando ho smesso di giocare ho fatto il croupier nei casinò di mezzo mondo, e in seguito ho anche ricoperto incarichi direttivi in alcuni dei più importanti. Sono passato dall altra parte della barricata, come si suol dire, e per oltre trentacinque anni, fino a pochi mesi fa, quando sono andato in pensione, è stato il vizio degli altri a darmi di che vivere. Mi sono chiesto spesso perché tanta gente ami l azzardo. Ho cominciato a chiedermelo, per la verità, solo quando ho smesso di giocare e sono passato, come dire, sull altra sponda, a guardare gli altri che lo facevano. È stato solo allora, infatti, che ho avuto il tempo e la voglia di farmi queste domande. Eh sì, perché quando ci sei dentro, giochi e basta, non stai lì ad analizzarti, a porti interrogativi. D altra parte, se uno è in grado di osservarsi, di tentare una riflessione su ciò che sta facendo, è segno che il demone non lo tiene del tutto in pugno, oppure che è in via di guarigione. No, quando la scim- mia ce l hai addosso, pensi solo a darle ciò che vuole, cerchi solo di soddisfarla, quella bestia, e non ci riesci mai, peraltro, perché se giochi stai male e se non giochi stai peggio. È una droga come le altre, bisogna avere il coraggio di ammetterlo. Come gli stupefacenti, il tabacco e l alcool, l azzardo crea dipendenza: si ha bisogno di quell emozione per continuare a vivere. E così come le dosi delle droghe devono essere via via aumentate perché l assuefazione ne attenua gli effetti, anche nel gioco si ha bisogno di rischiare sempre di più. Come fa il tossicomane, anche il giocatore promette spesso a se stesso e ai suoi cari se ne ha di staccarsi dal vizio. 8

7 «Stavolta smetto sul serio!» Quante volte ho detto questa frase! Quanti buoni propositi ho fatto mentre ero in preda al rimorso o dopo una nottata più perfida delle altre. Quanti solenni giuramenti! «È stata l ultima volta! Non toccherò più le carte! Lo giuro! Questa volta smetto! Non metterò mai più piede in un casinò!» E per un po, magari, mi riusciva davvero di starne lontano, specie se l ultima batosta era stata brutta. Poi, però, piano piano, i miei propositi si facevano sempre meno fermi. Cominciavo a pensare che in fondo po- teva anche andarmi bene, non era detto che dovessi perdere sempre, potevo anche rifarmi di tutto quello che avevo perso sino allora, e in questo caso sì che sarebbe valsa la pena di smettere. E finivo per ricascarci di nuovo. Spesso, nei primi tempi di questi ritorni, capitava che vincessi qualcosa. Le sembrerà paradossale, ma queste vincite finivano per rivelarsi una vera sciagura. Mi inducevano infatti a credere che fosse finalmente arrivato il mio momento. «Adesso mi rifaccio» gongolavo. «Poche serate buone e mi rimetto in pari. Poi smetterò per sempre». Pia illusione! Due, tre sere buone, poi la fortuna girava e in poche ore lasciavo sul tavolo quel poco che avevo recuperato e molto altro ancora. Ed eccomi di nuovo nel gorgo: debiti, strozzini, sequestri. Qualcuno ha detto che giocare d azzardo è un modo per comprare speranza a credito. Ci dev essere del vero. Il mon- do si regge sul credito e sul caso. Se ci riflette un attimo, amico mio, si accorgerà che il caso ha una parte preponderante nelle nostre vite. La nostra stessa esistenza è determinata dall incontro fortuito tra due minuscoli e fertili organismi, un incontro che può avvenire o meno. Una volta venu- ti al mondo, la vita sarà una ininterrotta corsa incontro alla morte ma, anche qui, sarà il caso a determinare quando e come essa ci sorprenderà. Dal momento in cui apriamo gli occhi a quello in cui li chiuderemo per sempre, è tutto un 9

8 rischiare. Nella nostra vita prenderemo migliaia di decisioni piccole e grandi delle quali quasi mai saremo in grado di prevedere tutte le conseguenze. Le prendiamo, e speriamo che tutto vada per il meglio. Non c è modo di evitare questa soggezione al capriccio del caso. Per non correre il rischio di ammalarsi, uno magari condurrà una vita morigerata, ri- nunciando alla buona tavola, al fumo, all alcool e persino alle donne; in più se ne starà tappato in casa per non rischiare incidenti, e conserverà i suoi denari sotto una mattonella per non correre il pericolo di essere derubato o di perderlo in una qualche speculazione azzardata; ma anche così, ridotto a vivere sotto una campana di vetro per limitare al massimo il rischio, nessuno potrà garantirgli che non scivolerà un giorno sul sapone nella vasca da bagno restandoci secco. E, fatalmente, arriverà un nipote scavezzacollo che alzerà la mattonella, arrafferà il conquibus e se lo scialacquerà con una vagonata di donnine allegre, nuotando in fiumi di cham- pagne, fumando avana a profusione e vivendo felice e beato fino a cento anni. No, una certa dose di rischio è inelimina- bile dalla nostra esperienza umana, una larga parte della quale continuerà, a dispetto dei nostri sforzi per program- marla e pianificarla, a essere governata dal caso. E allora accade che, ogni tanto, nascano individui i quali provano, più di altri, piacere a osservare il capriccioso andamento di certi eventi, e che, in una sorta di sfida con se stessi e col caso che ne governa in così larga misura le vite, cerchino anche di prevedere dove il mutevole orientarsi delle casualità spin- gerà un certo accadimento. Per rendere più saporosa questa attesa, costoro proveranno a condirla col sale d una scom- messa; rischieranno, cioè, qualcosa di prezioso su uno dei possibili eventi e attenderanno col fiato sospeso, mentre il cuore batte forte e il sangue scorre più velocemente nelle vene, che si determini la volontà del Caso Signore. A volte 10

9 vinceranno; più spesso, invece, perderanno, ma avranno comunque vissuto un emozione, ed è quella, in fondo, che cercano. Credo di parlare con cognizione di causa: dapprima ho vissuto questa esperienza sulla mia stessa pelle e ne porto ancora le stimmate poi, per tanti anni, mi sono visto passare davanti migliaia e migliaia di poveri cristi, possedu- ti dallo stesso male che teneva prigioniero me un tempo. Stavano lì, cogli occhi lucidi e il cuore in gola, in attesa di vedere dove sarebbe andata a fermarsi quella maledetta pallina ronzante o che il croupier girasse la carta dalla quale poteva dipendere la loro rovina. Mi facevano pena. Provavo una grande compassione per quella massa di perdenti di cui mi sentivo parte. Avrei voluto che vincessero tutti, che vin- cessero sempre. Ero un traditore, in un certo senso: nella lotta che ogni sera si rinnovava fra il casinò, che pure mi dava da vivere, e i giocatori, mi ritrovavo a fare il tifo per questi ultimi, e in particolare per quelli più sfortunati, quelli su cui la sorte sembrava accanirsi con particolare crudeltà. Forse mi ci riconoscevo, in quei poveri disgraziati. Se appena ap- pena avessi potuto, avrei fatto fermare la pallina sul numero che il poveretto di turno stava aspettando. Invece, dal mio posto di servitore della bestia ruotante, quasi sempre mi toccava assistere a un altra sconfitta: la pallina bianca saltellava irridente da una casella all altra e infine andava a posar- si dove l aveva indirizzata il suo signore, quel Caso che regna con sovrana indifferenza sulla sorte di noi tutti. Quanto mi sarebbe piaciuto batterlo, almeno una volta; quanto avrei voluto vendicarmi di questa capricciosa divinità, dominarla, indirizzarla, asservirla. Possibile che non ci fosse un modo per farlo? Che non si potesse, per esempio, escogitare un sistema sicuro per vincere su quel maledetto tavolo della roulette al quale m ero ritrovato ad appendere la mia vita intera, da giocatore prima e da schiavo asservito dopo? Sen- 11

10 tivo che fra me e quel diabolico meccanismo ruotante esisteva una sorta di cordone ombelicale che non m era mai riu- scito di tagliare, e m aveva sconfitto due volte, quella ruota della sventura: rovinandomi prima e prendendomi poi al suo servizio, come un domestico di cui si ha bisogno per i lavori umili e sporchi. Più passava il tempo e più mi accorgevo di odiarla, e l odiavo soprattutto perché non riuscivo a non subirne il fascino. Anche da croupier e poi da ispettore e infine da dirigente, quando sentivo il rumore della pallina che saltellava mi accorgevo di trattenere il fiato per un momento, in attesa di vedere dove quella dannata avrebbe de- ciso di fermarsi. Come sarebbe stato bello poterle dire: «Adesso, brutta figlia di puttana, tu vai su quel numero lì!» Credo sia il sogno segreto di ogni giocatore. Io, però, cominciai a perdermici sempre più spesso, in quel sogno. In qual- che modo, quell idea di battere la roulette doveva essermi entrata in testa, perché prese a farmi compagnia nelle interminabili nottate passate a fare da servente alla ruota, a tenerle bordone in quello spietato gioco al massacro che esercita- va ogni sera sulla pelle di tanti sventurati. Forse, a farmici pensare, contribuiva il fatto che ogni giorno avevo modo di osservare all opera qualcuno di quei giocatori che noi chia- mavamo i sistemisti. Sono quegli illusi che ritengono d averlo già scoperto, questo sistema infallibile per sbancare il casinò, e che vengono lì per sere e sere di seguito tentando di metterlo in atto. Li descrive da par suo Dostoevskij nel Giocatore: : «Essi stanno a sedere davanti a foglietti scompar- titi in colonnine, segnano i colpi, contano, deducono le probabilità, fanno calcoli, infine puntano e perdono esat- tamente come noi, semplici mortali, che giochiamo senza calcoli». Il sistemista è comunque un tipo di giocatore che ogni casa da gioco accoglie sempre a braccia aperte: è gente innocua, e se anche ogni tanto uno di loro imbrocca una sera 12

11 fortunata, non sarà certo quella a mandare in rovina il ban- co. Questo, alla lunga, vincerà sempre, amico mio, e per almeno tre ottimi motivi: perché paga un po meno di quel che dovrebbe secondo le probabilità, perché ha il vantaggio dello zero, e perché limita l importo delle puntate. Quasi senza accorgermene, comunque, mi ritrovai a interessarmi di tutti i tentativi che in passato erano stati fatti per cercare questo sistema perfetto. Per la verità, ne sapevo già abba- stanza in merito: ero stato intrigato dall argomento quando ancora giocavo, e poi, in tutti gli anni che avevo passato al servizio della ruota, avevo avuto il tempo per diventare un esperto in materia, come può immaginare. Ma questa nuova fiammata d interesse aveva un tono diverso dalle precedenti: stavolta non solo presi a fare ricerche in modo sistematico raccoglievo materiale, leggevo libri, ascoltavo i raccon- ti e i pareri dei colleghi ma mi accorgevo soprattutto che era mutata la prospettiva in cui inquadravo gli argomenti, il mio approccio a quelle cose. Da giocatore leggevo o ascol- tavo con avidità l esposizione di qualunque balordaggine, pronto a sperimentarla subito nella speranza di aver finalmente trovato la scorciatoia per battere la scalogna; da ad- detto ai lavori le consideravo soltanto curiosità dalle quali mi sentivo attratto perché riguardavano da vicino la mia professione. Adesso, invece, mi ritrovavo a studiare e ana- lizzare in modo approfondito tutti gli inghippi inventati e messi in atto fino a quel momento, per quanto assurdi e astrusi potessero sembrare, con la stessa cura che mette nello studio delle carte e delle rotte chi si accinge a compie- re un lungo viaggio per mare. In realtà non avevo ancora deciso di partire, ma mi comportavo come uno che da tempo desiderasse visitare un paese lontano, e in attesa di rea- lizzare il suo sogno intanto legge guide, guarda fotografie, consulta cataloghi di viaggi. Tutto ciò che parla della sua 13

12 passione segreta lo intriga, e allo stesso modo dell aspirante viaggiatore io mi perdevo in libri, opuscoli, racconti che parlavano di gioco d azzardo o esponevano in dettaglio qualcuno di quei mirabolanti marchingegni che avrebbero dovuto assicurare la fortuna a chi avesse avuto la costanza di applicarli. E con la stessa cura che i ricercatori di ogni disci- plina mettono nello studio dei precedenti, considerandoli imprescindibile base di partenza per i progressi futuri, così passavo il tempo a fare valutazioni comparative dei vari ar- zigogoli, a cercare i pro e i contro di ciascuno, a scoprirne i punti deboli, a indagare sui motivi del loro fallimento. Que- sto per me era un punto assodato: nessuno di quei sistemi in realtà funzionava davvero, tutti avevano fallito, o almeno erano falliti tutti quelli di cui si aveva conoscenza. Forse qualcuno era davvero riuscito a scoprirlo, in passato, un si- stema che funzionasse sul serio, ma se l aveva fatto, doveva essere stato talmente bravo che nessuno se ne era accorto. Ma ne dubitavo. I casinò hanno buona memoria, ottime orecchie e occhi ancora migliori. C erano stati, sì, negli anni casi di grosse vincite, anche ripetute per più sere, eventi leggendari di cui si conservava memoria a distanza di decen- ni, ma di ciascuno di questi che non fosse dovuto al capriccio della fortuna erano sempre state individuate le cause, e l evento era servito a perfezionare quei controlli che i casinò mettono in atto con ogni possibile scrupolo. Di ogni scon- fitta subita da giocatori intraprendenti o disonesti, le case da gioco hanno infatti sempre saputo far tesoro per il futuro, adeguando continuamente le loro misure di sicurezza. Il Sistema, quello con l iniziale maiuscola, era pertanto ancora da scoprire, e io, anche se ancora non me ne rendevo conto, m ero messo a cercarlo. Dapprincipio consideravo questa mia passione solo uno stimolante esercizio intellettuale. Deve sapere che mi sono 14

13 sempre interessato di enigmistica, e forse per questo mi sentivo così attratto da quell argomento. Almanaccare su una cosa del genere era pure un modo per passare il tempo e sfuggire alla noia. Dopo qualche mese, però, mi accorsi che mi ci dedicavo con una continuità e un impegno ecces- sivi per un semplice svago. In realtà cominciavo a prendere l idea sul serio, anche se non volevo ancora ammetterlo con me stesso. Credo sia superfluo precisare che quando parlo di sistemi, non intendo riferirmi a quei trucchi dozzinali che spesso si vedono messi in atto in qualche film di quart or- dine, del tipo aghi che spuntano a comando sui rossi o sui neri per cacciare la pallina su un numero dell altro colore, o elettromagneti installati sotto alcuni numeri per attirare la pallina, all interno della quale era stato in precedenza siste- mato un nucleo d acciaio. No, niente trucchi, niente tasselli manovrati da un pedale per frenare la roulette o gambe del tavolo adattabili a comando per inclinare la ruota e favorire il banco. Forse nelle bische malfamate qualcosa del genere viene messo in atto anche al giorno d oggi, ma nei grandi casinò no di certo. Questi non hanno alcun bisogno di trucchi, per vincere. Hanno già a favore qualcosa di molto più efficace, caro amico: le leggi della probabilità. No, no: i casinò hanno tutto l interesse a garantire trasparenza e serietà. Ci pensano i grandi numeri, a giocare in loro favore: i grandi numeri, lo zero, qualche limatina alle percentuali che sarebbe corretto pagare al verificarsi dei singoli eventi e alcune regolette imposte alla clientela, come quella, molto opportuna per la casa e di cui le ho già parlato, che fissa un limite massimo alle puntate. Per assicurare il gioco pulito, i casinò di gran nome hanno perfezionato negli anni una serie impressionante di controlli. Pensi che ogni giorno, prima che il gioco abbia inizio, si verifica l equilibrio delle ruote con la livella e si pesano finanche le palline, per assicurarsi 15

14 che siano regolari. Non c è più spazio, quindi, per imbrogli in stile Far West. No, i sistemi sono un altra cosa. Con essi ci si propone di limitare i vantaggi del banco e di sfruttare a proprio favore le probabilità. Quasi sempre sono soltanto illusioni, ma chi si mette a cercare un sistema efficace certo non fa nulla di illecito. È uno che sfida la sorte, con la sua intelligenza e il suo denaro, in modo pulito, senza trucchi, sfruttando soltanto informazioni che sono, o potrebbero essere, di dominio pubblico. D accordo, un dipendente del casinò non dovrebbe farlo, ne convengo: non è sportivo, non sta bene, ma non dimentichi che sotto il mio smoking da croupier, da ispettore o da dirigente si nascondeva ancora il giocatore che le aveva buscate per anni da quella ruotaccia infame e si sentiva solidale con quanti ogni sera venivano a sacrificare davanti a quella divinità crudele. Forse non era sportivo, ma io avevo un bruciante desiderio di farle sputare sangue, a quella ruota, di vendicare la mia vita rovinata, e con la mia quella di tanti altri che aspettando quella pallina s erano giocati l esistenza loro e quella delle loro famiglie. Ma torniamo a noi, mi sembra ridicolo cercare motivazioni per quello che ho fatto: l ho fatto, il perché riguarda me e basta, a lei è giusto che racconti soltanto gli avvenimenti, senza coinvolgerla in valutazioni etiche. Come le dicevo, le mie ricerche sui sistemi furono un eccellente diversivo contro la noia. La mia vita, infatti, era monotona e triste. Da quando ero tornato a Venezia, vivevo nella parte meno disastrata di una vecchia casa di proprietà della mia famiglia. Era l unica cosa rimastami di quello che un tempo era stato il mio cospicuo patrimonio. Mi rendo conto che forse è necessario dirle qualcosa di più sul mio passato. Le cause delle nostre azioni spesso affondano le radici lontano nel tempo; le spinte arrivano da eventi che 16

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con questa mania di fare sempre fotografie ai bambini: e

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

ADOLESCENZA (DIARI) io mentre mangio di nascosto un panino con salame ungherese, durante l'ora di fisica

ADOLESCENZA (DIARI) io mentre mangio di nascosto un panino con salame ungherese, durante l'ora di fisica ADOLESCENZA (DIARI) io mentre mangio di nascosto un panino con salame ungherese, durante l'ora di fisica Io penso a quando non ero ancora io, e volevo essere io, e mi manca tanto. Il cigno era solo. Mi

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Ernesto Bazan. La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza. Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse.

Ernesto Bazan. La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza. Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse. Ernesto Bazan La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse. Ernesto ama definirsi piuttosto "Fotografo Poeta" e basta davvero poco per

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

L ETICA DELL ECCELLENZA

L ETICA DELL ECCELLENZA INTRODUZIONE Nel gestire le nostre organizzazioni e nel costruire le nostre carriere abbiamo bisogno di principi che trascendano il tempo. Abbiamo bisogno di standard elevati l'etica dell'eccellenza. Price

Dettagli

T r a n s e u r o p A

T r a n s e u r o p A T r a n s e u r o p A EDIZIONI a cura di errico buonanno introduzione di chiara gamberale io, chiara e l oscuro t r a n s e u r o p a inaudita big La collana si propone di mostrare il laboratorio segreto

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

50 Template Di Articoli Copia/Incolla

50 Template Di Articoli Copia/Incolla 50 Template Di Articoli Copia/Incolla Come superare il blocco dello scrittore con questi 50 modelli di articoli, pronti, da utilizzare infinite volte Francesco Diolosà Luca Datteo www.alchimiadigitale.com

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Griglia di correzione FASCICOLO 1 Scuola secondaria di II grado Classe seconda Anno scolastico 2012 2013

Griglia di correzione FASCICOLO 1 Scuola secondaria di II grado Classe seconda Anno scolastico 2012 2013 Griglia di correzione FASCICOLO 1 Scuola secondaria di II grado Classe seconda Anno scolastico 2012 2013 Dromedari Parte prima Testo A. A1. B A2. A A3. C A4. D A5. D A6. B A7. D A8. C Giocare con la vita

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

la vita non è un film

la vita non è un film Premessa Avete presente quella vostra amica, quella che sembra aver capito tutto della vita? Quella che ha il lavoro dei sogni, il fidanzato dei sogni, la vita dei sogni? Be, quella ragazza non sono io.

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO

condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO Introduzione Immagina questo... Ti siedi per scrivere un articolo. Apri un nuovo documento di testo sul tuo computer, metti le dita sulla tastiera... e poi

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita VINO ROSSO TACCO 12 Edito da CAIRO Editore Un estratto da La Perdita Arriva un momento in cui capiamo che un capitolo della nostra vita finisce. Un capitolo si chiude e la vita cambia, inesorabilmente.

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli