do you speak Hey mamma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "do you speak Hey mamma"

Transcript

1 Hey mamma do you speak Quante lingue parla vostro figlio? Come crescere un bambino bilingue? Insegnare ai nostri cuccioli una seconda lingua, è un regalo pezioso. Ecco come fare di FRANCESCA GUINAND foto di?????? 58 luglio agosto kids

2 iinglese, italiano, spagnolo, tedesco, francese, cinese. E poi arabo, portoghese, rumeno, russo. Avete mai pensato ad un bambino di quattro anni che sappia parlare due, tre, o più lingue? Oppure che vostro figlio, che sta crescendo in Italia, possa imparare a parlare anche l inglese? Con l apertura delle frontiere europee, con i programmi di studio come l Erasmus, con la globalizzazione, ormai sono sempre di più quelle famiglie miste che non parlano solo italiano, ma due o tre lingue contemporaneamente. Genitori di nazionalità diversa che crescono figli bilingue e famiglie monolingue italiane che crescono figli bilingui affiancando all italiano l inglese,sono in grande aumento nel nostro Paese e anche nel resto d Europa. Dal 2000 ad oggi il numero di parole inglesi che è entrato a far parte della lingua scritta delle imprese italiane è aumentato del 773%, secondo uno studio della Agostini Associati sull utilizzo dei termini inglesi nelle comunicazioni delle imprese. Un esempio? Si organizzano brainstorming tramite conference call, si valutano le performance dei competitor e i dirigenti analizzano gli annual report. Dallo studio emerge anche che nel linguaggio commerciale i primi tre termini inglesi più utilizzati nelle aziende sono: look, business, fashion. Quindi anche un italiano che vive in Italia un po' di inglese deve masticarlo, anche solo per poter lavorare. UN VALORE AGGIUNTO? Cosa significa essere bilingue? Non basta conoscere qualche parola in una lingua straniera. Bilingue è chi è capace di parlare, leggere e scrivere correttamente in due lingue diverse. Anche se il concetto di bilinguismo è relativo: due bilingui messi a confronto non hanno quasi mai le stesse competenze negli stessi ambiti (lettura, ascolto, produzione orale e scritta). Uno degli ultimi studi fatti sul bilinguismo è quello che due ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa) di Trieste, Jacques Mehler e Agnes Melinda Kovàcs, hanno pubblicato su Science: Flexible Learning of Multiple Speech Structures in Bilingual Infants. Secondo la ricerca chi cresce in un ambiente dove si parla più di una lingua ha dei vantaggi cognitivi. Un bambino che ha la mamma italiana e il papà marocchino, o la mamma francese e il papà spagnolo e così via, secondo i ricercatori della Sissa di Trieste, non parla con ritardo né tantomeno farà confusione tra i due idiomi. Anzi, Mehler spiega che «crescere in una famiglia in cui si parla più di una lingua conferisce al bambino un vantaggio cognitivo: accresce infatti alcune funzioni, le cosiddette funzioni esecutive. Ovvero quei processi fondamentali per eseguire ciascun tipo di compito, non solo verbale. Sono determinanti per gestire e pianificare attività, che permettono di coordinare delle azioni e inibirne delle altre, spostando l attenzione da un aspetto a un altro a seconda del compito da eseguire. Come, per esempio, inibire le tecni- che proprie della discesa libera per praticare con successo lo sci di fondo». Secondo il ricercatore e direttore del Laboratorio Linguaggio, cognizione e sviluppo della Sissa «ancora prima di iniziare a parlare, un bambino che è esposto a due idiomi fin dalla nascita sa distinguere la lingua materna da quella paterna e riesce ad apprendere regolarità linguistiche più velocemente di un bambino monolingue. Il cervello di un bambino esposto a due lingue, infatti, è più duttile perché è allenato a distinguere gli stimoli verbali della lingua paterna da quelli della lingua materna, senza che le due lingue interferiscano tra loro. Questo non significa che sia più intelligente ma, come un maestro di scacchi è più veloce di un neofita nel memorizzare diverse configurazioni sulla scacchiera, così un bilingue è in grado di acquisire più velocemente e distinguere diverse strutture linguistiche rispetto a un coetaneo monolingue. Perché è allenato a farlo. Insomma, se un bambino cresce fin dalla culla in un ambiente bilingue apprenderà in maniera naturale due differenti idiomi grazie a una proprietà generale del cervello, la plasticità. E grazie alla ricchezza dell ambiente linguistico, migliorano alcuni meccanismi di apprendimento. FALSI MITI SUL BILINGUISMO Se la ricerca della Sissa è a favore del bilinguismo precoce, la preoccupazione principale dei genitori che crescono i figli in un ambiente bilingue di solito è: esporre mio figlio fin da piccolissimo a due o più lingue potrebbe provocare un ritardo nella sua evoluzione linguistica? La paura è quella di sbagliare e causare confusione nell apprendimento linguistico dei bambini, oppure di ritardare nel bambino l inizio della fase di produzione, quindi le scuole Se tagli e riforme penalizzano l apprendimento dell inglese e delle altre lingue nella scuola pubblica, le private si organizzano per ricevere la crescente domanda di genitori e alunni per imparare una seconda o terza lingua sui banchi. Significativo l esempio della Buddies School a Torino: programma ministeriale italiano insegnato da docenti madrelingua inglese. La retta parte da 470 euro al mese più 5 euro a pasto. Un alternativa, sempre nel privato, presente un po in tutta Italia sono le scuole internazionali americane, o inglesi. A Roma per imparare l inglese c è Kids can do per bambini dai 4 ai 13 anni. Qui le lezioni sono quasi esclusivamente in inglese, perché ogni tanto il bambino va rassicurato anche in italiano. Le lezioni, volendo, si possono concentrare in 3 ore il sabato mattina. Il costo? Poco più di 1000 euro l'anno. kids luglio agosto 59

3 eccellenza privata Diretto da Anne Marie Hill, l Istituto Marymount, di Roma, dal 1930 rappresenta un esempio di eccellenza nel settore privato. Qui i ragazzi crescono bilingue, perché metà del programma è svolto in Italiano e l altra metà in inglese, con professori madrelingua. In questo modo i bambini, dalla materna alle medie (da 3 a 13 anni) coltivano la lingua madre, l italiano, ma si formano anche solide basi per la conoscenza dell inglese. In questo modo possono poi affrontare licei o scuole all estero senza problemi. Ogni settimana sono previste sedici ore d inglese, nelle seguenti materie: Scienze (3 ore), Geografia (1 ora), Inglese (8 ore), Computer (2 ore) Arte (2 ore). Le rette partono da circa 6000 euro l anno, più il servizio mensa. Non proprio a buon mercato per tutti, forse, ma di sicuro un ottimo investimento per il futuro dei propri figli. (a cura di Francesca Pierpaoli) del momento in cui inizia a parlare. La professoressa Traute Taeschner, docente alla Facoltà di Psicologia della Sapienza di Roma, rassicura i genitori: «Anche i bilingue possono essere precoci nell iniziare a parlare, e i monolingue possono imparare a parlare con ritardo, dipende dal bambino. Pensate ad Albert Einstein: iniziò a parlare a 5 anni e non aveva certo problemi di apprendimento! I bambini non manifestano un ritardo a parlare perché esposti ad un contesto bilingue: ci sono molte variabili che concorrono, ma non è l esposizione al bilinguismo che provoca ritardo. Basti pensare che il 20% dei bambini che frequenta la scuola dell infanzia non sa parlare». Secondo Monica Balli, laureata in pedagogia e perfezionata in disturbi neuropsicologici dell apprendimento: «è normale il ritardo nell iniziare a parlare quando si devono imparare due o più lingue, perché il bambino deve apprendere una lingua nuova e deve fare maggiori associazioni immagine-parola. Fa una fatica in più, che poi verrà premiata: è come se il bambino facesse una ginnastica celebrale e sarà avvantaggiato quando studierà le lingue. A scuola il bimbo percepisce di essere un privilegiato (vedi la storia di Helen), che sa qualcosa in più degli altri, e questo aumenterà la sua autostima". La dottoressa Balli avverte che nella gran parte delle situazioni, i bambini che hanno problemi di apprendimento crescendo in un contesto bilingue avrebbero avuto difficoltà anche in un contesto monolingue. Non sono le due lingue che creano problemi. ONE PERSON, ONE LANGUAGE Per evitare che il bambino mescoli due o più idiomi il consiglio ricorrente che danno gli esperti è quello di applicare il metodo One Person One Laguage (OPOL): una persona una lingua. Esempio: una mamma francese vive a Milano con il marito italiano. Lei dovrà parlare a loro sempre e solo in francese, il padre sempre in italiano. Anche secondo Andrea Marini, ricercatore in Psicologia generale all Università di Udine, dove insegna Psicologia del Linguaggio e Neurolinguistica, e docente di Linguistica generale e applicata per il corso di laurea in Logopedia dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata «dagli studi non emerge un influsso del bilinguismo sui problemi del linguaggio. Il problema ci sarebbe stato comunque. Il bilinguismo non è un fattore di rischio, a meno che uno di due genitori usi una certa lingua quando maltratta il bambino. Ci si deve preoccupare se intorno ai quattro anni il bambino tende a mischiare: si tratta di swich o mix patologico. Il bimbo formula un enunciato in una lingua e poi in un altra, il mix patologico è quando il piccolo usa parole di lingue diverse di lingue diverse» e a quel punto deve essere il genitore che non deve permettere che il figlio perda la sua lingua madre, magari praticandola a casa, facendogli vedere cartoni oppure leggendogli storie nella sua L1. GENITORI ITALIANI, BIMBI BILINGUE. È POSSIBILE Visto che la ricerca e gli specialisti rassicurano i genitori dal punto di vista cognitivo e all apprendimento, rimane ancora un interrogativo: come e quando insegnare una seconda lingua al proprio figlio? Se nelle famiglie miste con genitori di nazionalità diverse il processo è più naturale anche se non sempre si tratta di un percorso in discesa sono sempre di più le coppie monolingua italiane che decidono di insegnare fin dalla nascita una seconda lingua ai figli. Come Silvia Mangialardo (la storia completa nel box). Silvia vive in provincia di Ancona è italiana ed è sposata con un italiano. Ha due figli, un bambino di sei anni e una bambina più piccola, anche loro nati in Italia. Ma la mamma con i due bambini ha da sempre voluto parlare solo in inglese. Il figlio maggiore di Silvia a sei anni ha raggiunto un livello di bilinguismo che di solito si definisce passivo: comprende perfettamente la L2, che in questo caso è l inglese, ma non la produce. E se la mamma gli parla sempre e solo in inglese, lui nel 98% dei casi le risponde in italiano. Il figlio di Silvia è perfettamente consapevole di avere qualcosa in più rispetto ai suoi coetanei, è orgoglioso di capire e parlare in inglese meglio degli altri. «Io ho sempre parlato in inglese ai miei figli, anche se sono madrelingua italiana, ma non ho mai avvertito un disagio, per me non è mai stato un problema e mio figlio, pur sapendo che io comprendo e parlo l italiano, non mi ha mai chiesto di parlare con lui in italiano. Ho parlato con loro in inglese fin da quando erano nel pancione». Alcuni esperti però sconsigliano ai genitori e alle famiglie monolingui di insegnare una seconda lingua. Secondo la professoressa Danila Taglialatela, psicoterapeuta, esperto in Glottodidattica Infantile con il Format Narrativo e Docente presso la Facoltà di Psicologia 1 Sapienza «è importante utilizzare con i IL CINESE: L INGLESE DEL FUTURO La scuola di Cinese Mandarino Ding Li di Roma ogni anno insegna a 5-6 bambini italiani il cinese. La direttrice, la dottoressa Luisa Paladini, spiega che «le classi sono piccole perché è importante seguire bene gli studenti, ascoltare e ripetere molte volte, perché il cinese è una lingua tonale: gli accenti fanno cambiare significato alla parola. I corsi sono per i bambini dai sei anni in poi». Perché un bambino così piccolo dovrebbe iniziare a studiare il cinese? La direttrice spiega che per i genitori che iscrivono i figli alla sua scuola imparare il cinese è visto come un opportunità per il futuro, anche perché essendo una lingua complessa, studiarla fin da piccoli facilita l apprendimento. Paladini spiega che negli ultimi tempi sono molte le scuole che offrono l insegnamento della lingua cinese, ad esempio a Roma c è anche l istituto Confucio. «In un futuro molto vicino il cinese si imporrà tramite l economia e il commercio». 60 luglio agosto kids

4 ATTIVITA' GRATUITE PER PRATICARE LA SECONDA LINGUA 1Cantare canzoni o filastrocche nella seconda lingua Cantare e magari mimare il testo delle canzoni con gesti semplici, come indica anche la professoressa Traute Taeschner nel suo modello di insegnamento dell'inglese Hocus&Lotus, aiuta il bambino. Sia perché ai piccoli piace cantare e poi perché è un modo ludico (e gratuito) di insegnare e praticare la L2. Sul sito inglese Mama Lisa s World (mamalisa.com/) c è una ricca sezione di canzoni per bambini da tutto il mondo: Kid Songs From Around The World. Da visitare anche il sito britishcouncil.org/kids-storiesteddysadventure- popup.htm, il francese chez. com/madamelimace/, lo spagnolo guiainfantil. com. 2YouTube (e la Bbc) aiuta il bilinguismo dei bambini YouTube è perfetto per far vedere ai bambini solo cartoni da noi selezionati: basta iscriversi per creare delle playlist da far vedere ai bimbi. Vantaggio per il piccolo che si godrà un po di cartoni (volendo anche in lingue diverse dalla sua L1) e anche per i genitori che possono stabilire la durata e il contenuto. 3Prendere in prestito libri nelle biblioteche Sembrerà banale, ma non lo è, anche perché molte biblioteche oltre ad prestare i libri, offrono anche dvd, cd e letture di gruppo in diverse lingue. Ad esempio a Bologna c è la Sala Borsa Ragazzi dove si svolgono letture di gruppo in diverse lingue, compreso il giapponese. 4Partecipare ai play group Gruppi di bambini che giocano e parlano solo in inglese. Nei play group che organizza Letizia Quaranta, di Bilinguepergioco.com/blog, a Roma e Verona «si parla solo inglese e i genitori partecipano: anche loro parlano inglese e anche i bambini, che a seconda delle loro possibilità, si adattano». 5Ospitare in casa propria ragazze alla pari Sono sempre di più le famiglie che soprattutto nel periodo estivo decidono di ospitare (per circa tre mesi) una ragazza o un ragazzo alla pari, per pulire la casa, cucinare e praticare la loro lingua con i bambini di casa. Sul sito europeo europa.eu/youth/working/au_pair/index_it_it. html si trovano diverse informazioni. kids luglio agosto 61

5 approfondimenti e informazioni uk: Antonella Sorace, che ha creato un servizio europeo di informazione sul bilinguismo () e insegna Sviluppo del linguaggio all Università di Edimburgo, in Scozia. bilinguepergioco.com: di Letizia Quaranta è un blog ricco di spunti, commenti e sopratutto è un sito dove i genitori si confrontano sui metodi e sulla crescita dei figli in contesti multi-lingua. utili per conoscere meglio il metodo di Adriana Cantisani, in arte Tata Adriana. spiega il modello studiato alla Sapienza di Roma. informazioni sui programmi europei per bambini e ragazzi. italy.usembassy.gov/usa/ education/schools-it.asp: offre l elenco completo delle scuole americane in Italia. programmi e metodi sulla scuola d inglese per bambini, di Roma. la scuola di cinese mandarino a Roma. corsi di cinese dal livello elementare all università propri figli e con i bambini in generale una modalità comunicativa autentica, con i più piccoli non si può fingere e se non si padroneggia bene la lingua è rischioso parlare sempre in inglese invece che in italiano». Sulla stessa linea d onda anche il professor Marini: «Io non sono d accordo con i genitori italiani monolingua che intendono insegnare l inglese ai propri figli. Il bambino senza rendersene conto acquisirà strutture articolatorie filtrate da un parlante italiano: imparerà a parlare con la pronuncia che sente. Apprenderà, in poche parole, un inglese distorto. L ideale sono le ragazze alla pari. In questo caso vengono raggiunti due obiettivi: il bambino ha intorno a sé una persona che parla solo quel codice e contemporaneamente il piccolo sarà costretto a parlare inglese, o la seconda lingua scelta dai genitori». Adriana Cantisani, (la Tata Adriana di S.OS. Tata, in onda su Fox Life di SKY e su La7) invece, sostiene la teoria di mamma Silvia e dice che anche una famiglia italiana può crescere un figlio bilingue inglese, l importante è però «il contatto con un altra persona che parla solo quella lingua con il bambino, a poco servono dvd e tv nei primi anni di vita per imparare una lingua». TATA ADRIANA DOCET Come scegliere il percorso giusto? Esiste un metodo migliore di altri per imparare le lingue fin da piccolissimi? Come si fa a scegliere il corso giusto per i nostri figli? Quali devono essere le attività svolte? Cosa deve garantire? Gli insegnanti devono essere solo dei madrelingua? E da che età si può pensare di iscrivere un bambino a un corso di lingua? Da qualche anno anche nel nostro Paese stanno fiorendo scuole d inglese, corsi all asilo di lingue, scuole per adulti che allargano il ventaglio delle iscrizioni anche ai più piccoli. Tra i metodi più conosciuti c'è quello sviluppato da Cantisani. Tata Adriana ha creato personalmente il metodo English is Fun! per insegnare l inglese ai bambini dai tre agli otto anni. «Ho formato più di 350 docenti e in questo momento rappresenta la realtà più importante in Italia nell ambito del bilinguismo in tenera età. È il metodo ufficiale del British Institutes». Adriana Cantisani racconta a KIDS che il metodo di English is Fun! «è nato dalla mia esperienza più che ventennale negli Usa con i bambini down. Io sono nata in Uruguay e ho fatto l università negli Stati Uniti, dove ho studiato Lettere e Psicologia cognitiva. Lì, visto che parlavo spagnolo, mi occupavo dei bambini messicani con difficoltà. Già in quella fase ha iniziato svilupparsi l idea di questo metodo, perché riuscivo a insegnare l inglese ai ragazzi con difficoltà che imparavano molto in fretta. Poi sono venuta in Italia, dove ho cresciuto i miei figli trilingui (spagnolo, italiano, inglese), ed English is Fun! è diventato un metodo concreto». Oggi la rete di EIF comprende scuole, insegnanti formati, consulenti. Come funziona EIF? «Bisogna dire innanzi tutto che molti genitori vogliono insegnanti madrelingua, ma una vera pronuncia inglese non esiste: è come pretendere che tutti parlino toscano perché era la lingua di Dante, per l inglese è uguale. I nostri insegnanti sono madrelingua, ma alcuni sono anche bilingui italiani, e comunque sono formati ed hanno un attestato emesso dal British. Le lezioni si tengono una volta a settimana e durano 50 minuti. È strutturato per piccoli gruppi. Il metodo, per alunni dai tre agli otto anni è completamente ludico, non c è né lettura né scrittura. È un metodo olistico, perché considera il bambino in tutti i suoi aspetti. Permette anche ai bambini di lavorare insieme. Attraverso attività pratiche, come il ballo e il gioco, i colori, la musica parlano sempre in inglese». 62 luglio agosto kids

6 Avventure bilingue delle mamme Helen Doyle, inglese, 39 anni, vive in Italia, a Bologna «Mio figlio per ora è perfettamente bilingue: ha quattro anni e a casa con me parla solo in inglese, col padre e con gli altri bambini solo in italiano». Helen ha 39 anni, è nata in una cittadina al sud di Brighton, vive in Italia da 13 anni. Suo figlio di anni ne ha quattro e lei da tre si è separata dal padre, che è italiano. Dopodiché ha deciso di continuare a vivere Bologna: «ogni tanto a me scappa di parlare con mio figlio in italiano, ma lui è prontissimo e mi corregge subito. E devo dire che è sempre stato così: fin da subito lui ha capito che saper parlare anche inglese è una cosa ambita, soprattutto dagli altri adulti che gli fanno i complimenti e gli dicono sempre che bravo!. Ha capito che è un privilegio e questa cosa lo fa sentire molto sicuro di sé. In pubblico gli piace parlare con la mamma in inglese e poi con il padre in italiano: si rende conto della sorpresa che riesce a dare a quelli che gli stanno intorno». Il figlio di Helen ha iniziato a parlare a 12 mesi: «diceva singole parole, e a 28 mesi ha iniziato a produrre frasi complesse in entrambe le lingue. Fin da subito lui capiva con chi poter parlare inglese o italiano». Helen non si è mai fatta tanti problemi e ha sempre vissuto il bilinguismo di suo figlio con serenità, mettendo in pratica la regola : una persona una lingua. Lei sempre l inglese, il padre sempre l italiano. Il bambino va all asilo italiano: «L unico contatto con l inglese che ha in Italia sono io. Comunque gli leggo libri in inglese, guarda dvd per ampliare un po il vocabolario. Da quando ha iniziato ad andare all asilo, verso i tre anni e mezzo, ho notato che usava espressioni in italiano che suo padre non usa: ha modo di praticare la lingua. Per quanto riguarda l inglese siamo andati in Inghilterra dai miei quando lui aveva due anni e mezzo e quando siamo tornati a Bologna lui balbettava: aveva accumulato tantissime espressioni nuove». Elena Galli, italiana, 41 anni, vive ad Asti Non solo chi ha un marito straniero o chi è una mamma straniera in Italia vuole o può insegnare una seconda lingua ai figli. Nel nostro Paese sono sempre di più quelle mamme, che per formazione e cultura decidono, pur essendo monolingui, di insegnare una seconda lingua (quasi sempre l inglese) ai propri figli. Elena invece sta provando ad insegnare a sua figlia Valentina, di 8 anni, lo spagnolo. Con la sua famiglia vive «ad Asti - racconta - sono laureata in lingue (Inglese, Spagnolo, Francese), e lavoro a tempo pieno come impiegata commerciale in un ufficio export. Quindi vita monotona, routine. Ha iniziato ad insegnare lo spagnolo alla figlia come se fosse un gioco. «Mia figlia Valentina, 8 anni, è sempre stata incuriosita dal fatto che io parlo alcune lingue straniere, così spesso mi fa domande, o prova a contare fino a non so dove in inglese. Per gioco le ho detto che potevamo provare ad introdurre una lingua straniera nella nostra vita quotidiana, cioè senza decidere da domani impariamo lo spagnolo, un ora di dialogo ed esercizi al giorno, ecc. Facciamo le solite cose di tutti i giorni, io preparo la cena, lei fa la cartella, poi giochiamo un po, facciamo gli esercizi di violino, e durante queste banali attività io le parlo esclusivamente in spagnolo fino a quando rientra mio marito: da qual momento torniamo normali. Non ho un obiettivo quantificabile, a dire il vero non mi interessa sapere adesso come finirà questa avventura. E bello viverla perché ci regala un sacco di momenti divertenti, è stimolante per lei e rende speciali le ore pre-serali piene di incombenze altrimenti noiose. Tre consigli da Elena a chi intende insegnare una seconda lingua ai propri figli: 1. Avere costanza e pazienza! E un esperienza preziosissima anche per un genitore non madrelingua. 2. Capire quali sono gli strumenti più adatti al proprio caso. Esempio: se un bambino va matto per un certo cartone animato, glielo si può proporre nella lingua minoritaria. 3. Frequentare, se possibile, un ambiente in cui il bilinguismo è normale, e non si è visti come bestie rare. Del resto «capire un linguaggio diverso dal proprio linguaggio abituale apre delle porte mentali, apre all apprendimento in generale». Silvia Mangialardo, 34 anni, italiana, parla inglese ai suoi figli Silvia vive in provincia di Ancona è italiana ed è sposata con un italiano. Ha due figli, un bambino di sei anni e una bambina più piccola, anche loro nati in Italia. A casa si parla solo inglese. O meglio, la mamma con i due bambini ha da sempre parlato solo in English, il papà in italiano. «Il motivo di questa scelta viene da alcuni studi che ho fatto al tempo dell Università. Ho studiato lingue e letterature straniere e per un esame approfondii per conto mio il bilinguismo. Da quel momento fino alla nascita di mio figlio ho anche sviluppato e potenziato il mio inglese, e anche molti madrelingua mi hanno detto che sono brava con questa lingua. E quando sei anni fa è nato mio figlio ho deciso di mettere in pratica quello che avevo studiato. All inizio la teoria era di adottare questo metodo: io parlavo solo in inglese, mio marito e il mondo intorno in italiano. Questa regola cambia se siamo fuori casa con altre persone, se abbiamo ospiti o se siamo con persone che non capiscono l inglese. Ovviamente c è uno sbilanciamento a favore dell italiano, che infatti è la sua lingua forte e quella con la quale mio figlio decide di esprimersi. Tra l altro io non ho mai preteso con lui di non sapere o non capire l italiano, anche perché lui sa perfettamente che con le altre persone, con i parenti e al telefono parlo in italiano. Abbiamo raggiunto questa situazione: nel 98% dei casi io gli parlo in inglese e lui mi risponde in italiano, questo tipo di bilinguismo si dovrebbe chiamare passivo, capisce perfettamente la lingua ma non produce. Mi rendo anche conto che quando decide di parlare in inglese la sua padronanza è al 100%, frasi di senso compiuto, riesce a costruire proposizioni anche molto difficili, coniuga perfettamente i verbi, insomma mi sembra che le informazioni le abbia immagazzinate. Purtroppo viviamo in un paesino di provincia e non posso portarlo a play group in inglese o a scuole bilingui, anche perché nei dintorni non ce ne sono. Ma ho notato una atteggiamento un po strano da parte di quei genitori stranieri che vivono nei dintorni. Anche se vivo in un paesetto, ci sono due o tre famiglie nei dintorni che hanno un genitore straniero o comunque bambini che parlano sia italiano che inglese. Ma sono riluttanti a socializzare». kids luglio agosto 63

7 64 luglio agosto kids

English is Fun! Inglese per bambini da 1 a 12 anni

English is Fun! Inglese per bambini da 1 a 12 anni PROGRAMMA DEI CORSI English is Fun! Inglese per bambini da 1 a 12 anni English is Fun! è un metodo di apprendimento della lingua inglese ideato da Adriana Cantisani (Tata Adriana di SOS Tata ) certificato

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE PER L ACQUISIZIONE DI UNA SECONDA LINGUA E PER L EDUCAZIONE AL BILINGUISMO

PROGETTO TRIENNALE PER L ACQUISIZIONE DI UNA SECONDA LINGUA E PER L EDUCAZIONE AL BILINGUISMO PROGETTO TRIENNALE PER L ACQUISIZIONE DI UNA SECONDA LINGUA E PER L EDUCAZIONE AL BILINGUISMO 1. Introduzione Come dimostrano le recenti ricerche sul funzionamento del nostro cervello, quando si tratta

Dettagli

Programma Early Language Learners

Programma Early Language Learners Programma Early Language Learners Impariamo l inglese giocando per bambini da 18 mesi a 11 anni Anno educativo 2016/2017 Programma Didattico per un primo approccio Inglese Nome del progetto Early language

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

SCUOLE BILINGUE MASSA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce

SCUOLE BILINGUE MASSA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... Cari genitori, è con piacere che vi diamo il benvenuto alle Scuole Bilingue di Massa, questa breve presentazione vuole essere un assaggio del nostro modo

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Using languages to learn, learning to use languages Utilizzo delle lingue per imparare, imparando l utilizzo delle lingue

Using languages to learn, learning to use languages Utilizzo delle lingue per imparare, imparando l utilizzo delle lingue Using languages to learn, learning to use languages Utilizzo delle lingue per imparare, imparando l utilizzo delle lingue Premessa Il Collegio Arcivescovile A. Volta intende potenziare l insegnamento della

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Scuola Primaria Paritaria

Scuola Primaria Paritaria Scuola Primaria Paritaria Nel Quartiere Crocetta, all ingresso dell Isola Pedonale Cosa offriamo La B.E.S.T. - Bilingual European School of Turin è una scuola primaria (elementare) paritaria bilingue (Decreto

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli Via Sozzi, N 6-47042 Cesenatico (FC) - Cod. fisc. 90041150401 Tel 0547 80309 fax 0547 672888 - Email: fomm08900a@istruzione.it Sito web: www.smcesenatico.net

Dettagli

EDUCAZIONE PLURILINGUE IN ETÀ PRECOCE. Intervista a Simona Montanari

EDUCAZIONE PLURILINGUE IN ETÀ PRECOCE. Intervista a Simona Montanari EDUCAZIONE PLURILINGUE IN ETÀ PRECOCE. Intervista a Simona Montanari di Paolo Torresan ABSTRACT Condividiamo con il lettore l intervista che realizzammo lo scorsa primavera alla Dott.ssa Simona Montanari,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Valorizzare la diversità linguistica delle classi

Valorizzare la diversità linguistica delle classi Valorizzare la diversità linguistica delle classi I.C. Andrea Zanzotto Caneva Scuola Primaria di Sarone Classi 1 a 2 a 3 a Gruppo 1 Formatrice: Dott. ssa Graziella Favaro Insegnanti curatori: Enrico Colomberotto

Dettagli

RISCHIO PSICOPATOLOGICO

RISCHIO PSICOPATOLOGICO LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data...

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data... UNITÀ Vocabolario Scelte corrette.../0 Data... Completa il dialogo con le parole: dimmi, ci vediamo, ciao, pronto, ti ringrazio..., Pronto parlo con casa Marini? Sì Marco, sono Andrea che cosa vuoi?...,

Dettagli

Gruppo Scolastico Internazionale Francesco Veccia

Gruppo Scolastico Internazionale Francesco Veccia the world in your hands. Gruppo Scolastico Internazionale Francesco Veccia www.istitutonobel.com Via Aldo Moro, 222 FROSINONE ITALY Tel/Fax (+39) 0775 88 40 59 segreteria@istitutonobel.com GRUPPO SCOLASTICO

Dettagli

Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria

Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria Le lingue cui un soggetto è stato esposto entro i primi tre anni di vita vengono ritenute

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Victoria sesso: f Data di nascita 08/06/1974 Paese di provenienza

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù Bollettino Itals Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù di Francesca Tammaccaro Gaia Chiuchiù si è laureata in linguistica applicata con una tesi sperimentale. È attualmente responsabile

Dettagli

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Il mantenimento della diversità linguistica, in Italia e nel resto dell Europa,

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA IN CLASSE I nomi e le presentazioni; Leggo un altra lingua: attività di lettura, da parte della classe, di parole in lingua madre dell alunno neoarrivato, dedotte dalle

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA Anno sc. 2014-15

PIANO OFFERTA FORMATIVA Anno sc. 2014-15 PIANO OFFERTA FORMATIVA Anno sc. 2014-15 MODULI ORARI PROPOSTI MODULO su sei giorni senza rientro pomeridiano 30 ore settimanali Seconda lingua comunitaria proposta Spagnolo / Francese / Tedesco (a seconda

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI Nella lezione scorsa, Gabriella Stellutti ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano, dal punto di vista dell apprendente. In questa lezione abbiamo ricevuto la Prof.ssa Roberta Ferroni

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

alla scoperta delle lingue e culture straniere

alla scoperta delle lingue e culture straniere presenta la nuova serie di edizioni per ragazzi alla scoperta delle lingue e culture straniere Canta & Impara le lingue - Imparo l inglese con Cat and Mouse - Hello Kids EDIZIONI CURCI - Galleria del Corso,

Dettagli

USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE

USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE Gisella Langé Il futuro non accade per caso, ma siamo noi a dargli forma con le nostre azioni. 2 Una introduzione al CLIL per genitori e giovani

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA SCUOLE NIDO Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... SCUOLE La nostra idea di scuola nasce dalla convinzione dell importanza di creare una struttura unica che permetta alle famiglie di usufruire

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

Disturbi specifici di apprendimento:

Disturbi specifici di apprendimento: Disturbi specifici di apprendimento: conoscerli per capirli Logopediste Laura Bermani e Silvia Perin A.S.L.TO 5 SRRF Chieri Dalla scuola dell infanzia Se un bambino non ha una buona competenza metafonologica,

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Dal 15 al 26 giugno 2009 si è tenuto presso gli edifici della scuola primaria l English Summer Camp, il campo estivo inglese. Il primo anno di questa

Dal 15 al 26 giugno 2009 si è tenuto presso gli edifici della scuola primaria l English Summer Camp, il campo estivo inglese. Il primo anno di questa Dal 15 al 26 giugno 2009 si è tenuto presso gli edifici della scuola primaria l English Summer Camp, il campo estivo inglese. Il primo anno di questa esperienza ha visto partecipare quaranta tra bambini

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Formazione. Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004

Formazione. Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004 Formazione Mediatore culturale ISTITUTO: PERIODO E VOTO: PRINCIPALI MATERIE: COSA MI HA LASCIATO: Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004 Front office di orientamento (ascolto attivo, comprensione

Dettagli

Scuola dell Infanzia (inglese)

Scuola dell Infanzia (inglese) Scuola dell Infanzia (inglese) Nuclei Tematici Traguardi per lo Sviluppo delle Competenze Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: inizia a sviluppare sensibilità e responsabilità da cittadino d

Dettagli

PIRLS - ICONA 2006 QUESTIONARIO STUDENTE. Progress in International Reading Literacy Study. Indagine sulla Comprensione della lettura a Nove Anni

PIRLS - ICONA 2006 QUESTIONARIO STUDENTE. Progress in International Reading Literacy Study. Indagine sulla Comprensione della lettura a Nove Anni Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione Progress in International Reading Literacy Study Indagine sulla

Dettagli

My name is... (Nome) I study at... (Nome della scuola) I m in class... (Classe) I am starting this English Language Biography on...

My name is... (Nome) I study at... (Nome della scuola) I m in class... (Classe) I am starting this English Language Biography on... La tua English Language Biography è il documento dove puoi dare prova di ciò che sei in grado di fare in inglese, tenere traccia dei tuoi progressi, mostrare ad altri ciò che hai imparato e riflettere

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

Metodologia della ricerca

Metodologia della ricerca Presupposti teorici lingue in contatto spazio linguistico, nel senso di repertorio condiviso nelle comunità, in conseguenza dell ingresso di immigrati in Italia percezione di una lingua percezione delle

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

La Scozia come società multilingue

La Scozia come società multilingue La Scozia come società multilingue La Scozia è un paese multilingue in cui, secondo un recente sondaggio, si parlano almeno 106 lingue diverse. Per una popolazione di piú di 5 milioni, questa varietá di

Dettagli

Leggere le lingue madri

Leggere le lingue madri Leggere le lingue madri Sede del progetto: Scuole primarie del Comune di Bologna Ente promotore: CDLEI Centro di Educazione Interculturale del Comune di Bologna, Altri enti, istituzioni, associazioni coinvolti:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado Via Nazionale, 35/b 32030 - QUERO (Belluno) I PLAY WITH ENGLISH

Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado Via Nazionale, 35/b 32030 - QUERO (Belluno) I PLAY WITH ENGLISH I PLAY WITH ENGLISH Progetto di Lingua Inglese - Scuola dell Infanzia - ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1. PREMESSA La società multietnica e multiculturale fa emergere il bisogno formativo relativo alla conoscenza

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini.

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. 6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. (Dante Alighieri) LUCIA RIZZI è una pedagogista, scrittrice e personaggio televisivo (reality «S.O.S.

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it Genitori Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni www.helendoron.it Cari genitori, siamo felici che abbiate deciso di includere vostro/a figlio/a nelle lezioni di gruppo del programma Helen

Dettagli

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Quando si è trattato di definire un progetto da realizzare per la conclusione del primo anno DOL ho cercato d focalizzare le caratteristiche

Dettagli

LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE

LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE INFANZIA Il bambino scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Un cervello, due lingue, tanti vantaggi: perchè bisogna incoraggiare il bilinguismo nella prima infanzia

Un cervello, due lingue, tanti vantaggi: perchè bisogna incoraggiare il bilinguismo nella prima infanzia Perchè bilingue è meglio? Essere bilingue vuol dire usare due o più lingue regolarmente; NON vuol dire parlare due lingue perfettamente. Un cervello, due lingue, tanti vantaggi: perchè bisogna incoraggiare

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze Comune di Cervia Comune di Ravenna Comune di Russi QUESTIONARIO Per alunni neo-arrivati Fonte: COSPE Firenze 1 Ciao! Sei appena arrivato in questa scuola e anche nella nostra città. Sappiamo che per te,

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA SCUOLE BILINGUE DI LUCCA NIDO MATERNA Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... SCUOLE BILINGUE DI LUCCA Cari genitori, è con piacere che vi diamo il benvenuto alle Scuole Bilingue di Lucca, questa

Dettagli

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA Competenza chiave europea: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza specifica: LINGUE STRANIERE LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA L apprendimento della lingua inglese e di una seconda

Dettagli

I bambini amano parlare inglese con Pingu s English!

I bambini amano parlare inglese con Pingu s English! I bambini amano parlare inglese con Pingu s English! Nella vita poche cose contano di più dell educazione e del futuro di tuo figlio. Pingu s English gli insegnerà le nozioni fondamentali della lingua

Dettagli

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Progetto Co.r.re.l.a.re I servizi per l infanzia come luogo di integrazione L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Lodi 8 aprile 2013 Gabriella Lessana Cosa fare all inizio? Per

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM )

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) Ci sono almeno 18 studi che dimostrano che le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) presentano uno specifico deficit di memoria nella

Dettagli

Volando sull arcobaleno.

Volando sull arcobaleno. Volando sull arcobaleno. Non tutte le storie sono uguali ma tutti abbiamo bisogno di sognarle. Quattro incontri di letture per bambini (3-10 anni) con storie incentrate sulla diversità. Quattro libri che

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Sveglia 8.00: Suona la sveglia Colazione 8.30 Si fa colazione tutti

Sveglia 8.00: Suona la sveglia Colazione 8.30 Si fa colazione tutti GIORNATA TIPO Sveglia 8.00: Suona la sveglia Colazione 8.30 Si fa colazione tutti insieme Mattino: 9.30 12.30 ATTIVITA IN SPIAGGIA organizzate da Lingue senza Frontiere attività ludiche e didattiche in

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B

Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Premessa La progettazione fa riferimento alle Indicazioni nazionali per il Curricolo

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Docente: Antonella d Angelo

Docente: Antonella d Angelo Progetto L2 a.s. 2011/2012 Casa dei Bambini M. Montessori GIOCHI PUPPETS GAME TOTAL PHYSICAL RESPONSE DRAMMATIZZAZIONI ROLE PLAY SKETCHES PLAYTIME! STORIE STORY TELLING MIME Docente: Antonella d Angelo

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Scuola dell infanzia Pariani Malcesine Responsabile del progetto insegnante De Santis Maria Pia Premessa La scuola è un laboratorio di vita

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE Riferito al Piano dell'offerta Formativa al Curricolo Verticale d'istituto al Curricolo delle Competenze Trasversali anno scolastico 2015/2016

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli