do you speak Hey mamma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "do you speak Hey mamma"

Transcript

1 Hey mamma do you speak Quante lingue parla vostro figlio? Come crescere un bambino bilingue? Insegnare ai nostri cuccioli una seconda lingua, è un regalo pezioso. Ecco come fare di FRANCESCA GUINAND foto di?????? 58 luglio agosto kids

2 iinglese, italiano, spagnolo, tedesco, francese, cinese. E poi arabo, portoghese, rumeno, russo. Avete mai pensato ad un bambino di quattro anni che sappia parlare due, tre, o più lingue? Oppure che vostro figlio, che sta crescendo in Italia, possa imparare a parlare anche l inglese? Con l apertura delle frontiere europee, con i programmi di studio come l Erasmus, con la globalizzazione, ormai sono sempre di più quelle famiglie miste che non parlano solo italiano, ma due o tre lingue contemporaneamente. Genitori di nazionalità diversa che crescono figli bilingue e famiglie monolingue italiane che crescono figli bilingui affiancando all italiano l inglese,sono in grande aumento nel nostro Paese e anche nel resto d Europa. Dal 2000 ad oggi il numero di parole inglesi che è entrato a far parte della lingua scritta delle imprese italiane è aumentato del 773%, secondo uno studio della Agostini Associati sull utilizzo dei termini inglesi nelle comunicazioni delle imprese. Un esempio? Si organizzano brainstorming tramite conference call, si valutano le performance dei competitor e i dirigenti analizzano gli annual report. Dallo studio emerge anche che nel linguaggio commerciale i primi tre termini inglesi più utilizzati nelle aziende sono: look, business, fashion. Quindi anche un italiano che vive in Italia un po' di inglese deve masticarlo, anche solo per poter lavorare. UN VALORE AGGIUNTO? Cosa significa essere bilingue? Non basta conoscere qualche parola in una lingua straniera. Bilingue è chi è capace di parlare, leggere e scrivere correttamente in due lingue diverse. Anche se il concetto di bilinguismo è relativo: due bilingui messi a confronto non hanno quasi mai le stesse competenze negli stessi ambiti (lettura, ascolto, produzione orale e scritta). Uno degli ultimi studi fatti sul bilinguismo è quello che due ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa) di Trieste, Jacques Mehler e Agnes Melinda Kovàcs, hanno pubblicato su Science: Flexible Learning of Multiple Speech Structures in Bilingual Infants. Secondo la ricerca chi cresce in un ambiente dove si parla più di una lingua ha dei vantaggi cognitivi. Un bambino che ha la mamma italiana e il papà marocchino, o la mamma francese e il papà spagnolo e così via, secondo i ricercatori della Sissa di Trieste, non parla con ritardo né tantomeno farà confusione tra i due idiomi. Anzi, Mehler spiega che «crescere in una famiglia in cui si parla più di una lingua conferisce al bambino un vantaggio cognitivo: accresce infatti alcune funzioni, le cosiddette funzioni esecutive. Ovvero quei processi fondamentali per eseguire ciascun tipo di compito, non solo verbale. Sono determinanti per gestire e pianificare attività, che permettono di coordinare delle azioni e inibirne delle altre, spostando l attenzione da un aspetto a un altro a seconda del compito da eseguire. Come, per esempio, inibire le tecni- che proprie della discesa libera per praticare con successo lo sci di fondo». Secondo il ricercatore e direttore del Laboratorio Linguaggio, cognizione e sviluppo della Sissa «ancora prima di iniziare a parlare, un bambino che è esposto a due idiomi fin dalla nascita sa distinguere la lingua materna da quella paterna e riesce ad apprendere regolarità linguistiche più velocemente di un bambino monolingue. Il cervello di un bambino esposto a due lingue, infatti, è più duttile perché è allenato a distinguere gli stimoli verbali della lingua paterna da quelli della lingua materna, senza che le due lingue interferiscano tra loro. Questo non significa che sia più intelligente ma, come un maestro di scacchi è più veloce di un neofita nel memorizzare diverse configurazioni sulla scacchiera, così un bilingue è in grado di acquisire più velocemente e distinguere diverse strutture linguistiche rispetto a un coetaneo monolingue. Perché è allenato a farlo. Insomma, se un bambino cresce fin dalla culla in un ambiente bilingue apprenderà in maniera naturale due differenti idiomi grazie a una proprietà generale del cervello, la plasticità. E grazie alla ricchezza dell ambiente linguistico, migliorano alcuni meccanismi di apprendimento. FALSI MITI SUL BILINGUISMO Se la ricerca della Sissa è a favore del bilinguismo precoce, la preoccupazione principale dei genitori che crescono i figli in un ambiente bilingue di solito è: esporre mio figlio fin da piccolissimo a due o più lingue potrebbe provocare un ritardo nella sua evoluzione linguistica? La paura è quella di sbagliare e causare confusione nell apprendimento linguistico dei bambini, oppure di ritardare nel bambino l inizio della fase di produzione, quindi le scuole Se tagli e riforme penalizzano l apprendimento dell inglese e delle altre lingue nella scuola pubblica, le private si organizzano per ricevere la crescente domanda di genitori e alunni per imparare una seconda o terza lingua sui banchi. Significativo l esempio della Buddies School a Torino: programma ministeriale italiano insegnato da docenti madrelingua inglese. La retta parte da 470 euro al mese più 5 euro a pasto. Un alternativa, sempre nel privato, presente un po in tutta Italia sono le scuole internazionali americane, o inglesi. A Roma per imparare l inglese c è Kids can do per bambini dai 4 ai 13 anni. Qui le lezioni sono quasi esclusivamente in inglese, perché ogni tanto il bambino va rassicurato anche in italiano. Le lezioni, volendo, si possono concentrare in 3 ore il sabato mattina. Il costo? Poco più di 1000 euro l'anno. kids luglio agosto 59

3 eccellenza privata Diretto da Anne Marie Hill, l Istituto Marymount, di Roma, dal 1930 rappresenta un esempio di eccellenza nel settore privato. Qui i ragazzi crescono bilingue, perché metà del programma è svolto in Italiano e l altra metà in inglese, con professori madrelingua. In questo modo i bambini, dalla materna alle medie (da 3 a 13 anni) coltivano la lingua madre, l italiano, ma si formano anche solide basi per la conoscenza dell inglese. In questo modo possono poi affrontare licei o scuole all estero senza problemi. Ogni settimana sono previste sedici ore d inglese, nelle seguenti materie: Scienze (3 ore), Geografia (1 ora), Inglese (8 ore), Computer (2 ore) Arte (2 ore). Le rette partono da circa 6000 euro l anno, più il servizio mensa. Non proprio a buon mercato per tutti, forse, ma di sicuro un ottimo investimento per il futuro dei propri figli. (a cura di Francesca Pierpaoli) del momento in cui inizia a parlare. La professoressa Traute Taeschner, docente alla Facoltà di Psicologia della Sapienza di Roma, rassicura i genitori: «Anche i bilingue possono essere precoci nell iniziare a parlare, e i monolingue possono imparare a parlare con ritardo, dipende dal bambino. Pensate ad Albert Einstein: iniziò a parlare a 5 anni e non aveva certo problemi di apprendimento! I bambini non manifestano un ritardo a parlare perché esposti ad un contesto bilingue: ci sono molte variabili che concorrono, ma non è l esposizione al bilinguismo che provoca ritardo. Basti pensare che il 20% dei bambini che frequenta la scuola dell infanzia non sa parlare». Secondo Monica Balli, laureata in pedagogia e perfezionata in disturbi neuropsicologici dell apprendimento: «è normale il ritardo nell iniziare a parlare quando si devono imparare due o più lingue, perché il bambino deve apprendere una lingua nuova e deve fare maggiori associazioni immagine-parola. Fa una fatica in più, che poi verrà premiata: è come se il bambino facesse una ginnastica celebrale e sarà avvantaggiato quando studierà le lingue. A scuola il bimbo percepisce di essere un privilegiato (vedi la storia di Helen), che sa qualcosa in più degli altri, e questo aumenterà la sua autostima". La dottoressa Balli avverte che nella gran parte delle situazioni, i bambini che hanno problemi di apprendimento crescendo in un contesto bilingue avrebbero avuto difficoltà anche in un contesto monolingue. Non sono le due lingue che creano problemi. ONE PERSON, ONE LANGUAGE Per evitare che il bambino mescoli due o più idiomi il consiglio ricorrente che danno gli esperti è quello di applicare il metodo One Person One Laguage (OPOL): una persona una lingua. Esempio: una mamma francese vive a Milano con il marito italiano. Lei dovrà parlare a loro sempre e solo in francese, il padre sempre in italiano. Anche secondo Andrea Marini, ricercatore in Psicologia generale all Università di Udine, dove insegna Psicologia del Linguaggio e Neurolinguistica, e docente di Linguistica generale e applicata per il corso di laurea in Logopedia dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata «dagli studi non emerge un influsso del bilinguismo sui problemi del linguaggio. Il problema ci sarebbe stato comunque. Il bilinguismo non è un fattore di rischio, a meno che uno di due genitori usi una certa lingua quando maltratta il bambino. Ci si deve preoccupare se intorno ai quattro anni il bambino tende a mischiare: si tratta di swich o mix patologico. Il bimbo formula un enunciato in una lingua e poi in un altra, il mix patologico è quando il piccolo usa parole di lingue diverse di lingue diverse» e a quel punto deve essere il genitore che non deve permettere che il figlio perda la sua lingua madre, magari praticandola a casa, facendogli vedere cartoni oppure leggendogli storie nella sua L1. GENITORI ITALIANI, BIMBI BILINGUE. È POSSIBILE Visto che la ricerca e gli specialisti rassicurano i genitori dal punto di vista cognitivo e all apprendimento, rimane ancora un interrogativo: come e quando insegnare una seconda lingua al proprio figlio? Se nelle famiglie miste con genitori di nazionalità diverse il processo è più naturale anche se non sempre si tratta di un percorso in discesa sono sempre di più le coppie monolingua italiane che decidono di insegnare fin dalla nascita una seconda lingua ai figli. Come Silvia Mangialardo (la storia completa nel box). Silvia vive in provincia di Ancona è italiana ed è sposata con un italiano. Ha due figli, un bambino di sei anni e una bambina più piccola, anche loro nati in Italia. Ma la mamma con i due bambini ha da sempre voluto parlare solo in inglese. Il figlio maggiore di Silvia a sei anni ha raggiunto un livello di bilinguismo che di solito si definisce passivo: comprende perfettamente la L2, che in questo caso è l inglese, ma non la produce. E se la mamma gli parla sempre e solo in inglese, lui nel 98% dei casi le risponde in italiano. Il figlio di Silvia è perfettamente consapevole di avere qualcosa in più rispetto ai suoi coetanei, è orgoglioso di capire e parlare in inglese meglio degli altri. «Io ho sempre parlato in inglese ai miei figli, anche se sono madrelingua italiana, ma non ho mai avvertito un disagio, per me non è mai stato un problema e mio figlio, pur sapendo che io comprendo e parlo l italiano, non mi ha mai chiesto di parlare con lui in italiano. Ho parlato con loro in inglese fin da quando erano nel pancione». Alcuni esperti però sconsigliano ai genitori e alle famiglie monolingui di insegnare una seconda lingua. Secondo la professoressa Danila Taglialatela, psicoterapeuta, esperto in Glottodidattica Infantile con il Format Narrativo e Docente presso la Facoltà di Psicologia 1 Sapienza «è importante utilizzare con i IL CINESE: L INGLESE DEL FUTURO La scuola di Cinese Mandarino Ding Li di Roma ogni anno insegna a 5-6 bambini italiani il cinese. La direttrice, la dottoressa Luisa Paladini, spiega che «le classi sono piccole perché è importante seguire bene gli studenti, ascoltare e ripetere molte volte, perché il cinese è una lingua tonale: gli accenti fanno cambiare significato alla parola. I corsi sono per i bambini dai sei anni in poi». Perché un bambino così piccolo dovrebbe iniziare a studiare il cinese? La direttrice spiega che per i genitori che iscrivono i figli alla sua scuola imparare il cinese è visto come un opportunità per il futuro, anche perché essendo una lingua complessa, studiarla fin da piccoli facilita l apprendimento. Paladini spiega che negli ultimi tempi sono molte le scuole che offrono l insegnamento della lingua cinese, ad esempio a Roma c è anche l istituto Confucio. «In un futuro molto vicino il cinese si imporrà tramite l economia e il commercio». 60 luglio agosto kids

4 ATTIVITA' GRATUITE PER PRATICARE LA SECONDA LINGUA 1Cantare canzoni o filastrocche nella seconda lingua Cantare e magari mimare il testo delle canzoni con gesti semplici, come indica anche la professoressa Traute Taeschner nel suo modello di insegnamento dell'inglese Hocus&Lotus, aiuta il bambino. Sia perché ai piccoli piace cantare e poi perché è un modo ludico (e gratuito) di insegnare e praticare la L2. Sul sito inglese Mama Lisa s World (mamalisa.com/) c è una ricca sezione di canzoni per bambini da tutto il mondo: Kid Songs From Around The World. Da visitare anche il sito britishcouncil.org/kids-storiesteddysadventure- popup.htm, il francese chez. com/madamelimace/, lo spagnolo guiainfantil. com. 2YouTube (e la Bbc) aiuta il bilinguismo dei bambini YouTube è perfetto per far vedere ai bambini solo cartoni da noi selezionati: basta iscriversi per creare delle playlist da far vedere ai bimbi. Vantaggio per il piccolo che si godrà un po di cartoni (volendo anche in lingue diverse dalla sua L1) e anche per i genitori che possono stabilire la durata e il contenuto. 3Prendere in prestito libri nelle biblioteche Sembrerà banale, ma non lo è, anche perché molte biblioteche oltre ad prestare i libri, offrono anche dvd, cd e letture di gruppo in diverse lingue. Ad esempio a Bologna c è la Sala Borsa Ragazzi dove si svolgono letture di gruppo in diverse lingue, compreso il giapponese. 4Partecipare ai play group Gruppi di bambini che giocano e parlano solo in inglese. Nei play group che organizza Letizia Quaranta, di Bilinguepergioco.com/blog, a Roma e Verona «si parla solo inglese e i genitori partecipano: anche loro parlano inglese e anche i bambini, che a seconda delle loro possibilità, si adattano». 5Ospitare in casa propria ragazze alla pari Sono sempre di più le famiglie che soprattutto nel periodo estivo decidono di ospitare (per circa tre mesi) una ragazza o un ragazzo alla pari, per pulire la casa, cucinare e praticare la loro lingua con i bambini di casa. Sul sito europeo europa.eu/youth/working/au_pair/index_it_it. html si trovano diverse informazioni. kids luglio agosto 61

5 approfondimenti e informazioni uk: Antonella Sorace, che ha creato un servizio europeo di informazione sul bilinguismo () e insegna Sviluppo del linguaggio all Università di Edimburgo, in Scozia. bilinguepergioco.com: di Letizia Quaranta è un blog ricco di spunti, commenti e sopratutto è un sito dove i genitori si confrontano sui metodi e sulla crescita dei figli in contesti multi-lingua. utili per conoscere meglio il metodo di Adriana Cantisani, in arte Tata Adriana. spiega il modello studiato alla Sapienza di Roma. informazioni sui programmi europei per bambini e ragazzi. italy.usembassy.gov/usa/ education/schools-it.asp: offre l elenco completo delle scuole americane in Italia. programmi e metodi sulla scuola d inglese per bambini, di Roma. la scuola di cinese mandarino a Roma. corsi di cinese dal livello elementare all università propri figli e con i bambini in generale una modalità comunicativa autentica, con i più piccoli non si può fingere e se non si padroneggia bene la lingua è rischioso parlare sempre in inglese invece che in italiano». Sulla stessa linea d onda anche il professor Marini: «Io non sono d accordo con i genitori italiani monolingua che intendono insegnare l inglese ai propri figli. Il bambino senza rendersene conto acquisirà strutture articolatorie filtrate da un parlante italiano: imparerà a parlare con la pronuncia che sente. Apprenderà, in poche parole, un inglese distorto. L ideale sono le ragazze alla pari. In questo caso vengono raggiunti due obiettivi: il bambino ha intorno a sé una persona che parla solo quel codice e contemporaneamente il piccolo sarà costretto a parlare inglese, o la seconda lingua scelta dai genitori». Adriana Cantisani, (la Tata Adriana di S.OS. Tata, in onda su Fox Life di SKY e su La7) invece, sostiene la teoria di mamma Silvia e dice che anche una famiglia italiana può crescere un figlio bilingue inglese, l importante è però «il contatto con un altra persona che parla solo quella lingua con il bambino, a poco servono dvd e tv nei primi anni di vita per imparare una lingua». TATA ADRIANA DOCET Come scegliere il percorso giusto? Esiste un metodo migliore di altri per imparare le lingue fin da piccolissimi? Come si fa a scegliere il corso giusto per i nostri figli? Quali devono essere le attività svolte? Cosa deve garantire? Gli insegnanti devono essere solo dei madrelingua? E da che età si può pensare di iscrivere un bambino a un corso di lingua? Da qualche anno anche nel nostro Paese stanno fiorendo scuole d inglese, corsi all asilo di lingue, scuole per adulti che allargano il ventaglio delle iscrizioni anche ai più piccoli. Tra i metodi più conosciuti c'è quello sviluppato da Cantisani. Tata Adriana ha creato personalmente il metodo English is Fun! per insegnare l inglese ai bambini dai tre agli otto anni. «Ho formato più di 350 docenti e in questo momento rappresenta la realtà più importante in Italia nell ambito del bilinguismo in tenera età. È il metodo ufficiale del British Institutes». Adriana Cantisani racconta a KIDS che il metodo di English is Fun! «è nato dalla mia esperienza più che ventennale negli Usa con i bambini down. Io sono nata in Uruguay e ho fatto l università negli Stati Uniti, dove ho studiato Lettere e Psicologia cognitiva. Lì, visto che parlavo spagnolo, mi occupavo dei bambini messicani con difficoltà. Già in quella fase ha iniziato svilupparsi l idea di questo metodo, perché riuscivo a insegnare l inglese ai ragazzi con difficoltà che imparavano molto in fretta. Poi sono venuta in Italia, dove ho cresciuto i miei figli trilingui (spagnolo, italiano, inglese), ed English is Fun! è diventato un metodo concreto». Oggi la rete di EIF comprende scuole, insegnanti formati, consulenti. Come funziona EIF? «Bisogna dire innanzi tutto che molti genitori vogliono insegnanti madrelingua, ma una vera pronuncia inglese non esiste: è come pretendere che tutti parlino toscano perché era la lingua di Dante, per l inglese è uguale. I nostri insegnanti sono madrelingua, ma alcuni sono anche bilingui italiani, e comunque sono formati ed hanno un attestato emesso dal British. Le lezioni si tengono una volta a settimana e durano 50 minuti. È strutturato per piccoli gruppi. Il metodo, per alunni dai tre agli otto anni è completamente ludico, non c è né lettura né scrittura. È un metodo olistico, perché considera il bambino in tutti i suoi aspetti. Permette anche ai bambini di lavorare insieme. Attraverso attività pratiche, come il ballo e il gioco, i colori, la musica parlano sempre in inglese». 62 luglio agosto kids

6 Avventure bilingue delle mamme Helen Doyle, inglese, 39 anni, vive in Italia, a Bologna «Mio figlio per ora è perfettamente bilingue: ha quattro anni e a casa con me parla solo in inglese, col padre e con gli altri bambini solo in italiano». Helen ha 39 anni, è nata in una cittadina al sud di Brighton, vive in Italia da 13 anni. Suo figlio di anni ne ha quattro e lei da tre si è separata dal padre, che è italiano. Dopodiché ha deciso di continuare a vivere Bologna: «ogni tanto a me scappa di parlare con mio figlio in italiano, ma lui è prontissimo e mi corregge subito. E devo dire che è sempre stato così: fin da subito lui ha capito che saper parlare anche inglese è una cosa ambita, soprattutto dagli altri adulti che gli fanno i complimenti e gli dicono sempre che bravo!. Ha capito che è un privilegio e questa cosa lo fa sentire molto sicuro di sé. In pubblico gli piace parlare con la mamma in inglese e poi con il padre in italiano: si rende conto della sorpresa che riesce a dare a quelli che gli stanno intorno». Il figlio di Helen ha iniziato a parlare a 12 mesi: «diceva singole parole, e a 28 mesi ha iniziato a produrre frasi complesse in entrambe le lingue. Fin da subito lui capiva con chi poter parlare inglese o italiano». Helen non si è mai fatta tanti problemi e ha sempre vissuto il bilinguismo di suo figlio con serenità, mettendo in pratica la regola : una persona una lingua. Lei sempre l inglese, il padre sempre l italiano. Il bambino va all asilo italiano: «L unico contatto con l inglese che ha in Italia sono io. Comunque gli leggo libri in inglese, guarda dvd per ampliare un po il vocabolario. Da quando ha iniziato ad andare all asilo, verso i tre anni e mezzo, ho notato che usava espressioni in italiano che suo padre non usa: ha modo di praticare la lingua. Per quanto riguarda l inglese siamo andati in Inghilterra dai miei quando lui aveva due anni e mezzo e quando siamo tornati a Bologna lui balbettava: aveva accumulato tantissime espressioni nuove». Elena Galli, italiana, 41 anni, vive ad Asti Non solo chi ha un marito straniero o chi è una mamma straniera in Italia vuole o può insegnare una seconda lingua ai figli. Nel nostro Paese sono sempre di più quelle mamme, che per formazione e cultura decidono, pur essendo monolingui, di insegnare una seconda lingua (quasi sempre l inglese) ai propri figli. Elena invece sta provando ad insegnare a sua figlia Valentina, di 8 anni, lo spagnolo. Con la sua famiglia vive «ad Asti - racconta - sono laureata in lingue (Inglese, Spagnolo, Francese), e lavoro a tempo pieno come impiegata commerciale in un ufficio export. Quindi vita monotona, routine. Ha iniziato ad insegnare lo spagnolo alla figlia come se fosse un gioco. «Mia figlia Valentina, 8 anni, è sempre stata incuriosita dal fatto che io parlo alcune lingue straniere, così spesso mi fa domande, o prova a contare fino a non so dove in inglese. Per gioco le ho detto che potevamo provare ad introdurre una lingua straniera nella nostra vita quotidiana, cioè senza decidere da domani impariamo lo spagnolo, un ora di dialogo ed esercizi al giorno, ecc. Facciamo le solite cose di tutti i giorni, io preparo la cena, lei fa la cartella, poi giochiamo un po, facciamo gli esercizi di violino, e durante queste banali attività io le parlo esclusivamente in spagnolo fino a quando rientra mio marito: da qual momento torniamo normali. Non ho un obiettivo quantificabile, a dire il vero non mi interessa sapere adesso come finirà questa avventura. E bello viverla perché ci regala un sacco di momenti divertenti, è stimolante per lei e rende speciali le ore pre-serali piene di incombenze altrimenti noiose. Tre consigli da Elena a chi intende insegnare una seconda lingua ai propri figli: 1. Avere costanza e pazienza! E un esperienza preziosissima anche per un genitore non madrelingua. 2. Capire quali sono gli strumenti più adatti al proprio caso. Esempio: se un bambino va matto per un certo cartone animato, glielo si può proporre nella lingua minoritaria. 3. Frequentare, se possibile, un ambiente in cui il bilinguismo è normale, e non si è visti come bestie rare. Del resto «capire un linguaggio diverso dal proprio linguaggio abituale apre delle porte mentali, apre all apprendimento in generale». Silvia Mangialardo, 34 anni, italiana, parla inglese ai suoi figli Silvia vive in provincia di Ancona è italiana ed è sposata con un italiano. Ha due figli, un bambino di sei anni e una bambina più piccola, anche loro nati in Italia. A casa si parla solo inglese. O meglio, la mamma con i due bambini ha da sempre parlato solo in English, il papà in italiano. «Il motivo di questa scelta viene da alcuni studi che ho fatto al tempo dell Università. Ho studiato lingue e letterature straniere e per un esame approfondii per conto mio il bilinguismo. Da quel momento fino alla nascita di mio figlio ho anche sviluppato e potenziato il mio inglese, e anche molti madrelingua mi hanno detto che sono brava con questa lingua. E quando sei anni fa è nato mio figlio ho deciso di mettere in pratica quello che avevo studiato. All inizio la teoria era di adottare questo metodo: io parlavo solo in inglese, mio marito e il mondo intorno in italiano. Questa regola cambia se siamo fuori casa con altre persone, se abbiamo ospiti o se siamo con persone che non capiscono l inglese. Ovviamente c è uno sbilanciamento a favore dell italiano, che infatti è la sua lingua forte e quella con la quale mio figlio decide di esprimersi. Tra l altro io non ho mai preteso con lui di non sapere o non capire l italiano, anche perché lui sa perfettamente che con le altre persone, con i parenti e al telefono parlo in italiano. Abbiamo raggiunto questa situazione: nel 98% dei casi io gli parlo in inglese e lui mi risponde in italiano, questo tipo di bilinguismo si dovrebbe chiamare passivo, capisce perfettamente la lingua ma non produce. Mi rendo anche conto che quando decide di parlare in inglese la sua padronanza è al 100%, frasi di senso compiuto, riesce a costruire proposizioni anche molto difficili, coniuga perfettamente i verbi, insomma mi sembra che le informazioni le abbia immagazzinate. Purtroppo viviamo in un paesino di provincia e non posso portarlo a play group in inglese o a scuole bilingui, anche perché nei dintorni non ce ne sono. Ma ho notato una atteggiamento un po strano da parte di quei genitori stranieri che vivono nei dintorni. Anche se vivo in un paesetto, ci sono due o tre famiglie nei dintorni che hanno un genitore straniero o comunque bambini che parlano sia italiano che inglese. Ma sono riluttanti a socializzare». kids luglio agosto 63

7 64 luglio agosto kids

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it NEL BLU I NOSTRI SERVIZI: - Corsi aziendali - Traduzioni - Traduzioni con

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli