OSSIGENO PER L INFORMAZIONE Osservatorio FNSI-Ordine dei Giornalisti sui cronisti sotto scorta e le notizie oscurate in Italia con la violenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSIGENO PER L INFORMAZIONE Osservatorio FNSI-Ordine dei Giornalisti sui cronisti sotto scorta e le notizie oscurate in Italia con la violenza"

Transcript

1 OSSIGENO PER L INFORMAZIONE Osservatorio FNSI-Ordine dei Giornalisti sui cronisti sotto scorta e le notizie oscurate in Italia con la violenza Perchè in Italia per zittire i giornalisti si ricorre a questi mezzi più che in altri paesi europei. Perchè molte minacce restano impunite. I dati I casi del Chi sono i minacciati. Quanti sono. Cosa hanno scritto. Dove vivono. Chi deve proteggerli. Cosa fare per rendere più libera l informazione giornalistica.

2 «PROBLEMI DELL INFORMAZIONE» esce tre volte l anno. I prezzi per il 2012 sono i seguenti: un fascicolo costa 26,50 abbonamento annuo solo carta: per l Italia, 79,50 ( 55,00 privati) per l estero, 131,00 ( 98,00 privati) abbonamento annuo carta + on line mono (solo per enti e società): per l Italia, 103,00 per l estero, 154,50 i fascicoli delle annate arretrate costano 30,50 Riviste web Rivisteweb è l archivio elettronico delle Riviste del Mulino, per le quali: * gli enti (istituzioni, società o biblioteche) possono sottoscrivere: - un abbonamento integrato carta + on line RWmono, che consente di avere accesso anche in rete all annata per la quale si è sottoscritto un abbonamento cartaceo; - un abbonamento integrato carta + on line RWcampus, che dà diritto all accesso a tutte le riviste per le quali si è sottoscritto un abbonamento cartaceo compresi gli archivi da tutta la rete, da parte degli utenti autorizzati; * tutti possono acquistare on line i singoli articoli delle annate arretrate dal Per abbonarsi o per acquistare fascicoli arretrati: Società editrice il Mulino Strada Maggiore Bologna tel fax oppure: Gli abbonamenti possono essere sottoscritti tramite: versamento su conto corrente postale n bonifico bancario intestato alla Società editrice il Mulino Banca Popolare di Milano (IT50A ) carta di credito (Visa/Mastercard o American Express) Gli abbonamenti decorrono dal gennaio di ciascun anno. Chi si abbona durante l anno riceve i numeri arretrati. Gli abbonamenti non disdetti entro il 31 dicembre si intendono rinnovati per l anno successivo. I fascicoli non pervenuti devono essere reclamati esclusivamente entro 30 giorni dal ricevimento del fascicolo successivo. Decorso tale termine, si spediscono solo contro rimessa dell importo. Per cambio di indirizzo allegare alla comunicazione la targhetta-indirizzo dell ultimo numero ricevuto. Gli abbonati a «PROBLEMI DELL IN- FORMAZIONE» godono di uno sconto del 15% su tutti i volumi pubblicati dal Mulino, indirizzando l ordine direttamente all editore e precisando la situazione di abbonato. La rivista è in vendita nelle principali librerie italiane. Poste Italiane s.p.a. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Bologna.

3 PROBLEMI DELL INFORMAZIONE DIRETTORE Angelo Agostini REDAZIONE Giovanni Cocconi Luca De Biase Claudio Giua Sergio Maistrello Andrea Miconi Peppino Ortoleva Carlo Sorrentino Mario Tedeschini Lalli Vittorio Zambardino COORDINAMENTO REDAZIONALE Giovanni Calore Cavazza Direzione, redazione e amministrazione il Mulino (settore riviste), Strada Maggiore, Bologna direzione: indirizzo internet:

4 problemi dell informazione Rivista trimestrale fondata da Paolo Murialdi Anno XXXVI, n. 4, dicembre 2011 ossigeno per l informazione/3 Terzo Rapporto Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato rapporto 2011 Osservatorio/1 I numeri Da 20 a 95 casi in cinque anni Osservatorio/2 I dati e le interpretazioni Osservatorio/3 Le armi Visibilità, solidarietà, attenzione pubblica...376

5 Osservatorio/4 Il mondo ci guarda Osservatori internazionali sull Italia Osservatorio/5 Agenda Le cose da fare per i giornalisti, per l opinione pubblica, per il Parlamento nei territori Accade in Sicilia di Dario Barà Accade lassù al Nord di Matteo Finco Calabria/1 Storie di ordinaria violenza di Roberta Mani Calabria/2 È spento il vulcano? di Roberto S. Rossi Calabria/3 Direttore posso chiederle... Quattro domande a Piero Sansonetti di Roberto S. Rossi...469

6 ossigeno per l informazione/3 Terzo Rapporto E ccolo qui, il terzo rapporto di Ossigeno. Come i precedenti ( ; prima e seconda parte), anche per il 2011 «Problemi dell informazione» è lieta e onorata di ospitarlo sulle sue pagine, perché poi prenda le libere strade del web. Grazie alla pazienza de «Il Mulino», editore della rivista, siamo anche riusciti a coprire l intero anno passato, fino al 31 dicembre, arrivando nelle librerie e agli abbonati con qualche settimana di ritardo, ma con un rapporto completo. Alberto Spampinato, direttore di Ossigeno, ha fatto come al solito un lavoro certosino e imponente. Sua è non solo l introduzione, ma la stesura di tutti i cinque capitoli del Rapporto. Suo è stato, soprattutto, l impegno a trovare osservatori (volontari, naturalmente), raccogliere quotidianamente notizie, impostare i rapporti regionali che quest anno, affidati a Dario Barà, Matteo Finco, Roberta Mani e Roberto S. Rossi, coprono come di consueto Sicilia e Calabria, ma si spingono finalmente anche al Nord. Gli aggiornamenti e le edizioni precedenti del Rapporto stanno naturalmente su «Sono gocce, ma scavano il marmo» è il titolo che abbiamo scelto per il Rapporto Ha infatti ragione Spampinato a sottolineare l aumento dei casi di minacce e notizie oscurate da un anno all altro: 54 nel 2010, 95 nel Problemi dell informazione / a. XXXVI, n. 4, dicembre 2011

7 ossigeno per l informazione/3 E tuttavia prendiamo la cautela metodologica di non pensare che negli anni precedenti quei casi fossero realmente in numero inferiore. Può anche essere che sia solo migliorata la rete stesa da Ossigeno per raccogliere notizie e segnalazioni. E allora 95 casi di minacce o aggressioni alla libertà d informazione, possono essere tante rispetto all anno precedente, oppure poche in confronto ad una realtà che può pure sfuggire ai nostri occhi. Resta il fatto che novantacinque gocce di paura e intimidazione rischiano davvero di scavare anche il marmo del giornalismo più duro e coraggioso. 354

8 Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne tante in una volta sola. Ultimamente ne sono cadute di più. Queste gocce rovinano i vestiti. Arrossano la pelle. Non c è modo di ripararsi. È un gran problema. Fino a poco tempo fa non era così. Il gocciolio c era, ma così lento e raro che pochi l avevano notato. Ci eravamo accorti di quelle strane macchie sui vestiti, sulla pelle, sul terreno. Strane macchie, davvero. Indelebili. Lasciano aloni iridescenti sulla stoffa e piccole screpolature sulla pelle. Abbiamo notato le prime cinque anni fa. Ne abbiamo contate una ogni diciotto giorni. Una ventina in tutto l anno. Solo in un secondo tempo abbiamo collegato le macchie al liquido che gocciola, che ancora non avevamo notato. È stato facile collegare causa ed effetto. Quando abbiamo cominciato a parlare della nostra scoperta, altri ci hanno segnalato le macchie che avvistavano. E il numero è aumentato. Tre anni fa abbiamo contato 54 strane macchie in dodici mesi, nel 2011 siamo arrivati a 95. Da venti a novantacinque. Un bel salto. Ma non è la quantità che preoccupa. Novantacinque gocce non riempiono neppure un bicchiere. Ne cadessero pure centomila non rischieremmo il diluvio. Ciò che preoccupa è la natura del liquido, più corrosivo delle piogge acide, più inquinante dei gas 355 Problemi dell informazione / a. XXXVI, n. 4, dicembre 2011

9 ossigeno per l informazione/3 di scarico. Le gocce infiammano la pelle, corrodono il marmo e infettano l aria. A terra, intorno alle macchie, c è una moria di piante e moscerini. Non si può restare a guardare. Bisogna fare qualcosa. Dobbiamo scoprire l origine e la natura del fenomeno e trovare il modo di arrestarlo. Dobbiamo capire se, in realtà, come sostiene qualcuno, cadono più gocce di quelle che riusciamo a contare. Sembra che molte si confondano con la pioggia e con la brina. Dobbiamo assolutamente scoprire perché cadono quelle gocce e fermarne la caduta. In Italia piovono consigli non richiesti, avvertimenti, intimidazioni, minacce. Piovono come gocce infette e corrosive. È una delle questioni più urgenti da affrontare per garantire una effettiva libertà di stampa e di espressione. Il 29 dicembre 2011, alla conferenza stampa di fine anno, il presidente dell Ordine dei Giornalisti, Enzo Iacopino, ha indicato la questione in questi termini, rivolgendosi al presidente del Consiglio, Mario Monti, dal quale ha ottenuto un segnale di attenzione che fa sperare. Lascia perdere. Non pubblicare. Chi te lo fa fare? 356 Il problema è evidente. In Italia molti giornalisti ricevono strani «consigli» ogni volta che sono alle prese con le notizie più scomode e delicate, in particolare con quelle sgradite a qualcuno che conta. Spesso in questi casi qualcuno si fa avanti e dice al cronista: «Lascia perdere. Non pubblicare questa notizia. Chi te lo fa fare?». Accade anche quando si tratta di una notizia sacrosanta, di innegabile interesse pubblico. C è sempre qualcuno che mette in dubbio che quella sia una notizia meritevole di essere pubblicata. Alcuni si spingono ancora più in là: chiedono al giornalista di valutare la notizia in base a criteri che non c entrano nulla con il giornalismo: la convenienza personale, i fastidi che potrebbe causare, i guai che potrebbe passare chi la diffonde... I consigli non richiesti piovono. Alcuni li danno alla leggera. Alcuni con competenza, con le migliori intenzioni e con sincera immedesimazione. Altri li danno per formulare intimidazioni belle e buone. Bisogna fare più attenzione a questa pioggia di consigli. Bisogna capire bene, ogni volta, perché qualcuno ci dà un consiglio, che cosa comporta seguirlo o non seguirlo, perché in Italia centinaia

10 Sono gocce, ma scavano il marmo di giornalisti sono vittime di consigli interessati: chi li segue si trova imbavagliato; chi non li segue subisce ritorsioni, violenze, trattamenti punitivi, denigrazioni, processi strumentali, l isolamento. I tentativi di ostacolare il lavoro dei giornalisti con la violenza, con minacce subdole, con indebite intromissioni si sono moltiplicati negli ultimi anni. Le intimidazioni sono cresciute a un ritmo preoccupante, con la cadenza ed effetti simili al gocciolamento che abbiamo descritto. Finora si è prestata scarsa attenzione a questo fenomeno. Ora non è più possibile fare finta di niente. Le intimidazioni travestite da buoni consigli, le minacce vere e proprie, quelle della criminalità organizzata, quelle di personaggi pubblici che non accettano critiche, quelle degli imprenditori che operano nella zona grigia degli abusi e dell illegalità, sono diventate un grosso problema italiano. Un problema che non si può trascurare. Il problema non riguarda solo i giornalisti, riguarda i diritti e quindi tutta la società. Perché le intimidazioni oscurano notizie importanti, compromettono il diritto dei cittadini di essere informati e di fare scelte consapevoli. Questo Rapporto dà conto della preoccupante evoluzione del fenomeno nel 2011 e indica i possibili rimedi, fra cui alcune riforme legislative che si possono realizzare a costo zero e con alto profitto per la libertà e la democrazia. Come lavora Ossigeno, come sono classificati i casi L Osservatorio Ossigeno per l Informazione tiene conto degli episodi segnalati all Osservatorio dai diretti interessati, o segnalate al sindacato, all Ordine dei Giornalisti, ad associazioni, enti, giornalisti e altre persone che collaborano con l attività di monitoraggio. L Osservatorio verifica i singoli casi e scarta quelli la cui attendibilità non può essere dimostrata. L Osservatorio rende pubblici gli episodi verificati quando ha il consenso delle vittime o quando i fatti sono già conosciuti pubblicamente. 357

11 ossigeno per l informazione/3 Oltre alle minacce di morte, alle aggressioni fisiche, alle intrusioni nelle abitazioni e nei luoghi di lavoro, ai danneggiamenti alle cose che si configurano come reati previsti dal Codice Penale Ossigeno tiene conto di altre forme di intimidazione. Ad esempio, l Osservatorio considera atti intimidatori: - le indagini investigative sui giornalisti svolte senza mandato giudiziario; - il sequestro di archivi, computer e altri strumenti di lavoro e di memorizzazione dei giornalisti; - le perquisizioni invasive, i fermi giudiziari, le incriminazioni di giornalisti ordinate dalla magistratura per scoprire le fonti confidenziali che i giornalisti intendono tenere riservate in base alle prerogative riconosciute ai giornalisti dalla legge istitutiva dell Ordine e, in modo contraddittorio, dalla legge sulla stampa e dal Codice Penale. Ossigeno considera atti intimidatori anche i gravi insulti rivolti in pubblico a giornalisti da rappresentanti delle istituzioni, da pubblici amministratori, da chi ha incarichi politici o rappresenta un potere economico. Sono altresì considerati atti intimidatori alcuni particolari abusi della legislazione: - le querele per diffamazione fondate su presupposti palesemente pretestuosi; - le citazioni giudiziarie in sede civile per ottenere risarcimenti in denaro quando siano presentate in modo strumentale, con motivazioni pretestuose ed infondate, allo scopo di bloccare la pubblicazione di notizie ed inchieste; - le richieste di oscuramento di blog e siti web avanzate con intenti analoghi. Per ogni episodio che rientra in questa casistica, l Osservatorio registra i nomi dei giornalisti direttamente minacciati e conteggia il numero di quelli coinvolti indirettamente, con una stima per difetto della consistenza della redazione o del gruppo di lavoro. Occorre precisare che Ossigeno non si occupa solo degli iscritti all Albo dei Giornalisti, ma di tutti coloro che subiscono minacce e ritorsioni mentre svolgono concretamente mansioni di tipo giornalistiche, attività collegate strettamente al lavoro di cronaca, all acquisizione e alla diffusione di informazioni di valenza giornalistica. Dunque nelle statistiche di Ossigeno entrano i blogger, i fotoreporter, i cameramen, i programmisti e registi televisivi impegnati nei servizi di cronaca. Ossigeno tiene il conto, registra i nomi delle vittime e racconta ogni settimana le loro storie drammatiche, angosciose. Le storie dei giornalisti minacciati, per ciò che rappresentano, per i diritti colpiti, certamente riguardano in primo luogo i giornalisti, ma non solo loro. Riguardano 358

12 Sono gocce, ma scavano il marmo davvero tutti i cittadini. Nei paesi democratici quando si minaccia un giornalista, si intacca la libertà di stampa e si riduce la libertà di tutti. Nei paesi democratici impedire a un giornalista di fare il suo lavoro equivale a interrompere un servizio di pubblica utilità. In ogni società democratica l informazione giornalistica è una infrastruttura sociale, è un attività di interesse collettivo. I cittadini hanno diritto di muoversi liberamente e hanno anche il diritto di essere informati. Questo diritto è tutelato dall articolo 21 della Costituzione, dall articolo 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo e dall articolo 11 della «Carta Europea dei Diritti Fondamentali». Essere informati correttamente, tempestivamente, senza omissioni, senza parzialità e senza censura è il presupposto necessario per prendere decisioni consapevoli, per fare scelte basate sulla conoscenza dei fatti. 359

13

14 rapporto 2011 Osservatorio/1 I numeri Da 20 a 95 casi in cinque anni Le intimidazioni ai giornalisti accertate da Ossigeno sono aumentate da 20 a 95 l anno in soli cinque anni. I giornalisti coinvolti sono passati da 40 a 325 l anno. Ancora cinque anni fa, le intimidazioni nei confronti dei giornalisti erano episodi singoli e rari, o almeno tali apparivano. Proprio come le gocce della nostra metafora. Fra il 2006 e il 2008 se ne sono registrate mediamente venti ogni anno: tante ne ha contate Ossigeno per l Informazione in seguito ad una osservazione indiretta fatta attraverso la lettura dei comunicati di solidarietà e i ritagli di giornale disponibili. Poi, nel 2009, Ossigeno ha cominciato a fare una ricerca più attiva dei casi, e ha scoperto che il fenomeno è più esteso. Nel 2010 le intimidazioni accertate nominativamente sono state 54. Nel 2011 sono state ben 95. L aumento è dovuto in buona parte al cambiamento del metodo di osservazione, alla ricerca più attenta, più attiva e sistematica dei casi. Tenuto conto di tutto ciò, siamo di fronte ad una progressione allarmante. Ed è ancor più allarmante se si tiene conto del fatto che alcune di queste intimidazioni colpiscono gruppi di giornalisti, a volte intere redazioni. 361 Problemi dell informazione / a. XXXVI, n. 4, dicembre 2011

15 rapporto 2011 Sono le intimidazioni che Ossigeno definisce «collettive». Queste intimidazioni sono cioè come colpi di lupara che oltre al singolo giornalista scelto come bersaglio raggiungono anche chi gli sta intorno. Ossigeno definisce «giornalisti coinvolti» questi bersagli collaterali e li considera vittime quanto il bersaglio principale. I giornalisti «coinvolti» sono tantissimi. Il loro numero è aumentato di undici volte in cinque anni: dai 30 del 2006, ai 150 del 2009, ai 250 del 2010, ai 324 del Tab. 1 Anno Numero intimidazioni Giornalisti coinvolti % % ( 1) (2) ,04 0, ,05 0, ,09 0, ,14 0, ,22 0, ,30 0, ,84 2,06 (1) % dei coinvolti rispetto agli iscritti all'ordine dei Giornalisti (2) % dei coinvolti rispetto ai giornalisti «attivi» iscritti all'ordine 362 Il lato in ombra Quanto è esteso in Italia il fenomeno delle intimidazioni ai giornalisti? Ha le dimensioni allarmanti che abbiamo indicato con queste prime cifre? O in realtà è più vasto? Ossigeno ha approfondito la questione e ha concluso che indubbiamente il fenomeno è molto più esteso, ma è difficile valutare con precisione l intera estensione, perché un lato rimane in ombra: è intenzionalmente tenuto in ombra con la violenza. Perché una delle finalità di chi intimidisce i giornalisti è proprio quella di nascondere all opinione pubblica queste violenze e questi abusi, che perderebbero efficacia se fossero conosciuti. Da questo punto di vista l intimidazione violenta contro un giornalista per costringerlo a tacere una notizia somiglia molto all imposizione del «pizzo» a un commerciante. In entrambi i casi i violenti impongono un comportamento alla vittima e fra l altro lo minacciano di ritorsioni se denuncerà il sopruso. È evidente

16 Osservatorio/1-I numeri che queste minacce inducono la maggior parte dei ricattati a tenere segreta la vicenda di cui è vittima. È difficile disobbedire a un violento che maneggia un arma, che può dare fuoco a un negozio o a una redazione, che può prendersela con i familiari del minacciato. È difficile rompere il silenzio in queste condizioni, ma è possibile. È possibile, come vedremo, a condizione che si osservino certe cautele, che si costruisca una rete di solidarietà. Sarà sempre più possibile se si dimostrerà che chi denuncia i violenti ottiene giustizia, ottiene la punizione dei ricattatori. Tab. 2 Giornalisti minacciati nel 2011 (fra parentesi il dato 2010) Episodi individuali % episodi in un anno Episodi collettivi Episodi in totale Giornalisti coinvolti % coinvolti in un anno 55 (32) + 170% 40 (12) 95 (54) 324 (250) + 125% Tab. 3 Modalità di minacce nel 2011 (fra parentesi il dato 2010)* Aggressioni fisiche Danneggiamenti Per lettera o a voce Azioni legali 18 (7) 6 (8) 48 (17) 23 (8) * I dati 2010 sono calcolati sulla media del biennio È difficile disobbedire a qualcuno che dice «zitto o sparo!», ma i giornalisti di cui si occupa questo Rapporto sono riusciti a denunciare le intimidazioni e in alcuni casi hanno ottenuto giustizia. Ancora i giornalisti che riescono a rompere il silenzio fanno parte di una esigua minoranza. Secondo le stime di Ossigeno, per ognuno che ci riesce, che vince la paura, almeno altri dieci subiscono l imposizione del silenzio. Il lato che rimane in ombra è dunque molto esteso. Perciò bisogna leggere con attenzione i dati di Ossigeno. Bisogna leggerli immaginando cos altro c è dietro a ciò che riusciamo a vedere con i nostri occhi, oltre le cifre che riusciamo ad elencare. 363

17 rapporto 2011 Ecco di cosa si deve tenere conto quando si parla dei giornalisti minacciati in Italia, quando si chiede di fare qualcosa per rendere impraticabili le intimidazioni. Proviamo ad immaginare cosa significano oltre diecimila vittime dirette o indirette di intimidazioni in sei anni, su una popolazione di giornalisti iscritti all Ordine; di cui meno della metà trae un reddito dal proprio lavoro. Significa una incidenza enorme: è la temperatura di un paese in cui l intimidazione nei confronti dei giornalisti è una pratica diffusa, in cui l informazione giornalistica è solo «parzialmente libera», come ha certificato dal 2004 Freedom House, uno dei più autorevoli osservatori internazionali. Tab. 4 Anno Intimidazioni Giornalisti coinvolti % (1) % (2) Lato in ombra coinvolti % (3) % (4) % (5) ,04 0, , 3 0, 8 1, ,05 0, , 5 1, 3 1, ,09 0, , 9 2, 2 2, ,14 0, , 3 3, 3 3, ,22 0, , 7 5, 5 6, ,30 0, , 9 7, 2 7, ,84 2, , 0 22, 0 22, 6 (1) % dei coinvolti rispetto agli iscritti all'ordine dei Giornalisti (2) % dei coinvolti rispetto ai giornalisti «attivi» iscritti all'ordine (3) % dei convolti che non denunciano rispetto agli iscritti all'ordine (4) % dei coinvolti che non denunciano rispetto ai giornalisti «attivi» iscritti all'ordine (5) % coinvolti + non denuncianti rispetto ai giornalisti attivi 364 Riconoscere le intimidazioni e denunciarle Non bisogna confondere le discussioni animate con le minacce. Ma non bisogna cadere neppure nell errore opposto. Perciò è importante comprendere dove comincia e dove finisce un legittimo contrasto di opinioni. La discussione, il diverbio che un giornalista può avere con qualcuno scontento delle notizie che scrive, per quanto possa essere animato, spiacevole, non è niente di grave se si svolge con rispetto reciproco. Non c è da gridare all interferenza indebita neppure se colui che si lamenta per un articolo scrive una lettera di protesta

18 Osservatorio/1-I numeri al direttore del giornale. È la dialettica. I giornalisti devono accettarla e anzi incoraggiarla. Finché accadono queste cose, ognuno fa la sua parte e non c è nessun allarme da lanciare. È giusto che ognuno dica la sua. La minaccia è un altra cosa, è un reato, è una grave violazione delle regole della pacifica convivenza civile, è il tentativo di far prevalere la propria tesi incutendo il timore di una rappresaglia. È un delitto previsto dall art. 612 del Codice Penale, che dice: «Chiunque minaccia ad altri un ingiusto danno è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a euro 51,00. Se la minaccia è grave, o è fatta in uno dei modi indicati nell art. 339 Codice Penale, la pena è della reclusione fino a un anno e si procede d ufficio». Alcune intimidazioni configurano anche altri reati, spesso quello di violenza privata previsto dall art. 610 del Codice Penale: «Chiunque, con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa è punito con la reclusione fino a 4 anni». È importante che un giornalista denunci le minacce che riceve. Per denunciarle deve superare la soggezione e la paura di ritorsioni che rendono questa scelta difficile. Denunciare è l unico modo di difendersi senza scendere a compromessi. Denunciare è una scelta di solito pagante: il giornalista che sceglie questa strada può fare condannare chi lo ha minacciato, anche se a minacciarlo sono stati esponenti della camorra o della ndrangheta. Denunciare le minacce è necessario, utile e doveroso. Bisogna riconoscere e contrastare le intimidazioni, in qualunque forma si presentino, sapendo che spesso si presentano con un aspetto diverso da quello classico che conosciamo, sapendo che a volte hanno un aspetto vago e sfuggente, sembrano un altra cosa, qualcosa di meno grave. Non bisogna farsi ingannare. In certi casi, proprio per andare a segno, le intimidazioni si devono sforzare di sembrare un altra cosa, devono cercare di non farsi riconoscere. Devono sembrare buoni consigli, inezie, atti dovuti, perfino rivendicazioni di un sacrosanto diritto, anche quando sono solo abusi. Bisogna sapere che alcune intimidazioni si mimetizzano con mezzi sofisticati, come i virus, che sfuggono agli anticorpi mutando il Dna senza attenuare il potenziale offensivo. 365

19 rapporto 2011 Le intimidazioni interrompono un servizio pubblico Il trend. Che cosa è cambiato dal 2010 al Chi intimidisce un giornalista causa un danno personale e insieme un danno sociale. Questo aspetto sociale non deve essere mai trascurato. È ciò che motiva la necessità di norme specifiche di tutela. L informazione giornalistica è un infrastruttura essenziale della società democratica. Senza informazione libera e indipendente non c è trasparenza e non può esserci consapevole partecipazione dei cittadini alla vita pubblica. Intimidire un giornalista intento al suo lavoro è una violenza più grave di quella compiuta contro un privato cittadino, come insultare, minacciare, ostacolare un magistrato, un sindaco, un pubblico ufficiale, un vigile urbano è più grave di insultare, minacciare, ostacolare un privato cittadino. Proprio per questo, per proteggere queste categorie, nei codici c è il reato di oltraggio, che agisce da deterrente. Sarebbe assurdo invocare l oltraggio contro chi insulta, offende, minaccia un giornalista. Sarebbe invece ragionevole ed utile una diversa specifica sanzione per chi deliberatamente e consapevolmente ostacola l informazione giornalistica, per chi «dirotta» le notizie destinate all opinione pubblica. Sarebbe inoltre opportuna una aggravante specifica per i reati di violenza già esistenti nei codici, da applicare ogni volta che siano eseguiti allo scopo di ostacolare l informazione giornalistica. Il 2011 non è stato un anno tranquillo per i giornalisti italiani. In dodici mesi Ossigeno ha registrato 95 episodi di minacce, intimidazioni, gravi abusi compiuti contro di loro, con 324 giornalisti coinvolti. Alcuni episodi sono stati gravissimi: in particolare, le nuove minacce di morte indirizzate in due riprese a Lirio Abbate, e l assalto alla redazione del quotidiano «Metropolis» di Castellammare di Stabia seguito da un raid che ha impedito agli edicolanti la vendita del giornale. Numerose sono state le aggressioni fisiche a cronisti, fotografi, operatori televisivi impegnati a seguire fatti di cronaca. C è stato uno stillicidio di minacce, lettere minatorie, invio di proiettili. Alcune sentenze clamorose hanno confermato le difficoltà che nascono da una normativa lacunosa e arretrata: la condanna in appello del blogger Carlo Ruta per il reato di stampa clandestina; la condanna della pubblicista di Enna, Giulia

20 Osservatorio/1-I numeri Martorana, a venti giorni di carcere per favoreggiamento, per non aver rivelato la fonte delle notizie; la condanna per diffamazione di tre giornalisti di Pescara a un anno di detenzione senza condizionale. L insieme dei casi descrive una crescente intolleranza per il lavoro di cronaca e di inchiesta dei giornalisti. Dati caratterizzanti sono: - la proliferazione delle richieste di risarcimento e delle querele per diffamazione, spesso infondate, presentate da uomini politici e pubblici amministratori di piccoli e grandi comuni che non tollerano informazioni negative sul loro operato: i casi più clamorosi sono quelli del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, dell assessore regionale siciliano alla sanità, Massimo Russo, del presidente del Senato Schifani, del presidente della regione Calabria, Giuseppe Scopelliti. - le reazioni punitive di alcuni magistrati nei confronti di giornalisti che criticano la loro attività. Significativi i casi di Ferrara, Vicenza, Perugia. Il 2011 ha però fatto registrare anche un generale orientamento illuminato della magistratura, aperto alle ragioni della libera informazione e del diritto di critica. Orientamento che si è riflesso in numerose sentenze assolutorie di giornalisti, in particolare in quella del Tribunale di Roma che a settembre ha respinto la richiesta di risarcimento di un milione di euro chiesto da Silvio Berlusconi, che si sentiva diffamato e danneggiato da «la Repubblica» che gli ha insistentemente posto per sei mesi le stesse famose «dieci domande» formulate da Giuseppe D Avanzo. Altri riflessi della stessa apertura si sono visti con inchieste giudiziarie sviluppate in seguito a iniziative giornalistiche di coraggiosi giornalisti, che proprio per questo sono stati minacciati (in Molise, a Pignataro Maggiore, in provincia di Caserta, a San Marino e altrove), e con l impegno investigativo della Procura di Reggio Calabria che ha fatto scoprire gli autori delle minacce a Pietro Comito e Antonino Monteleone, e degli investigatori di Napoli che hanno scoperto gli aggressori dei giornalisti di «Metropolis» e di un operatore di Sky. Alcune sentenze positive 367

21 rapporto 2011 Fig. 1 La cartina mostra la distribuzione territoriale dei 95 episodi di minacce, intimidazioni e gravi abusi nei confronti di giornalisti italiani accertati nel 2011 dall Osservatorio Ossigeno per l Informazione. Di questi 95 episodi, 55 sono stati compiuti nei confronti di singoli giornalisti, 40 nei confronti di gruppi di giornalisti (minacce collettive). I giornalisti coinvolti sono stati Fare i conti con i dati La casistica rivela un aumento superiore al 100% rispetto ai due anni precedenti: i 95 casi del 2011 si confrontano infatti con i 78 del conteggiati insieme. Per quanto riguarda la distribuzione territoriale delle minacce, il Mezzogiorno continua a detenere il triste, imbattibile primato con 58 episodi su 95, seguito dal Centro con 19 casi e dal Nord con 17. Nella classifica regionale ci sono stati importanti cambia-

22 Osservatorio/1-I numeri menti. La maglia nera, indossata nel dalla Calabria con 20 episodi su 78, è passata alla Campania con 22 casi su 95 (erano stati 10 nel ). In Calabria si sono registrati in tutto 7 episodi, con una evoluzione a cui questo Rapporto dedica un approfondimento. ll Lazio scende al terzo posto con 13 casi (16 nel ). La Sicilia conquista il terzo posto con 16 episodi, una triplicazione su base annuale rispetto ai 10 del Al quarto posto si conferma la Lombardia con 9 casi (erano 9 nel ). Sono dati assoluti. Le graduatorie cambiano se si tiene conto della popolazione residente e del numero dei giornalisti regione per regione: la situazione migliora soprattutto per Lazio e Lombardia, e peggiora per il Molise, dove i giornalisti sono pochi e da un episodio si è passati a tre. Tutti i giornalisti sono a rischio di minaccia. Ma alcuni giornalisti sono più a rischio di altri, a causa delle mansioni che svolgono. I più a rischio sono sempre stati gli inviati in guerra e i cronisti di mafia. Da qualche tempo a loro si sono aggiunti i cronisti locali. In tutto il mondo, sempre più spesso e più numerosi i nomi dei cronisti locali appaiono nelle liste dei giornalisti uccisi o minacciati. Il loro lavoro sembra diventato più rischioso che mai, perché il giornalismo locale si spinge sempre più avanti, racconta vicende di malaffare che prima erano oscurate dalla censura e dall autocensura. Anche in Italia raccontare con onestà ciò che accade in una delle mille periferie è rischioso. Questo Rapporto conferma con l evidenza dei nomi, dei luoghi e delle statistiche quanto ciò sia vero. Chi corre più rischi 369

23 rapporto 2011 Osservatorio/2 I dati e le interpretazioni 370 Negli ultimi cinque anni Ossigeno ha censito 925 giornalisti colpiti, direttamente o indirettamente, da minacce fisiche, intimidazioni, rappresaglie o gravi abusi legali. Gli episodi sono elencati sul sito di Ossigeno. Ma, come abbiamo visto i giornalisti italiani effettivamente colpiti da questo genere di intimidazioni sono almeno diecimila. A questa apparentemente incredibile cifra si arriva elaborando i dati raccolti dall Osservatorio, prendendo in considerazione la dimensione collettiva dei singoli episodi e tenendo conto del fatto che il fenomeno di cui stiamo parlando è in gran parte sommerso, come lo sono gli episodi di estorsione e di usura. Per descrivere l effettiva dimensione del fenomeno, o almeno indicare una dimensione prossima alla realtà, bisogna perciò moltiplicare gli episodi conosciuti per un parametro correttivo. Ossigeno ha stimato che il parametro vale all incirca dieci. Per calcolare il valore di questo parametro correttivo Ossigeno ha tenuto conto delle seguenti circostanze: - il numero delle intimidazioni che l Osservatorio ha conosciuto ma non ha potuto registrare e documentare in quanto è mancato il consenso degli interessati: questo numero è più alto del numero degli episodi verificati e documentati; Problemi dell informazione / a. XXXVI, n. 4, dicembre 2011

24 Osservatorio/2-I dati e le interpretazioni - moltissimi episodi di violenza e di abuso emergono a distanza di anni, di solito dopo che un giudice ha pronunciato la sentenza; - una parte dei casi sfugge a qualsiasi percezione; - gli strumenti di indagine dell Osservatorio permettono di controllare solo in parte ciò che accade nelle singole realtà territoriali; - le istituzioni non forniscono nessun dato; - manca una specifica raccolta di dati statistici. Il fenomeno ha dunque queste caratteristiche e queste dimensioni. Risulta più esteso di quanto si sia creduto finora. Il dato di Ossigeno dice che in Italia le minacce ai giornalisti e gli abusi contro di loro sono molto diffusi: sono strumenti impiegati con elevata frequenza per impedire la pubblicazione di notizie ed inchieste sgradite. Il ricorso a questi metodi si è diffuso grazie all impunità per gli autori delle minacce e delle ritorsioni, che è stata finora pressoché assoluta; considerazioni analoghe valgono per spiegare il moltiplicarsi degli abusi del diritto, abusi che comportano rischi bassi e costi limitati per chi li commette. Fra le notizie più oscurate ci sono state in questi anni proprio quelle che riguardano i giornalisti minacciati. Ancora oggi se un giornalista viene minacciato, è raro che i giornali e le tv a diffusione nazionale riferiscano la notizia. Silenziosamente, senza che nessuno lo abbia annunciato, si è affermata questa prassi che non ha giustificazione alcuna nei canoni del giornalismo: ogni giornale si occupa solo dei suoi giornalisti minacciati, non dice niente degli altri, non dice che l episodio non è isolato. Sono rarissimi i casi in cui si dà all opinione pubblica il quadro complessivo del fenomeno. Neanche questo è secondario. Dire: «un giornalista è stato minacciato» è una cosa. Dire che è uno dei 925 che hanno subito intimidazioni nel corso del 2011 sarebbe tutt altra cosa. Avrebbe un impatto infinitamente maggiore. Non si dice ed è un modo di minimizzare. Un ulteriore modo di minimizzare queste notizie consiste nel confinarle nelle pagine delle cronache locali, anche se indubbiamente hanno una rilevanza generale. La circolazione della notizia in ambito esclusivamente locale ne riduce l effetto e la circolazione e l impatto sull opinione pubblica. È una tecnica di disinfor- Giornalista minacciato? Non fa notizia 371

25 rapporto 2011 mazione ben nota nei regimi autoritari. Dovrebbe essere messa al bando in ogni paese civile. 372 Il caso italiano Il condizionamento violento dell informazione è un fenomeno esteso in tutto il mondo. In Russia negli ultimi venti anni sono stati uccisi oltre duecento giornalisti. In Messico negli ultimi cinque anni c è stata un ecatombe di giornalisti. Minacce, intimidazioni, bavagli sono molto frequenti nei paesi autoritari o di giovane e incerta democrazia. In Italia, per fortuna, siamo lontani da questi livelli. Non per niente l Italia è un paese democratico che pratica e riconosce i diritti umani e si batte affinché siano rispettati in tutto il mondo. Eppure in Italia negli ultimi cinquant anni sono stati assassinati undici giornalisti per fatti di mafia e terrorismo, l ultimo nel Eppure in Italia ci sono centinaia di giornalisti imbavagliati e minacciati. Sono certamente meno di quelli che subiscono gli stessi trattamenti in Bielorussia o in Turchia. Ma in Europa e nel resto del mondo si parla del «caso italiano»: se ne parla perché è strano, insolito, inspiegabile che ciò avvenga in un paese democratico di lunga tradizione; se ne parla perché niente di simile accade in paesi paragonabili all Italia, in Stati di diritto di consolidata democrazia, in Occidente, nel cuore dell Europa. Il «caso italiano» consiste proprio nel fatto che in Italia l informazione giornalistica è ostacolata da gravi impedimenti, diffusi più che in qualunque altro paese europeo di consolidata democrazia e con una storia e un sistema legislativo analoghi. Il «caso italiano» consiste nell incapacità di porre rimedio a una così diffusa minaccia alla libertà di informazione. Se negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, in Francia, in un altro paese occidentale avvenisse qualcosa di lontanamente paragonabile a ciò che accade in Italia, se in queste democrazie si verificasse un problema di questa natura, sia pure di minori proporzioni, si griderebbe che la democrazia è in pericolo e la cosa sarebbe presa drammaticamente sul serio. Ecco perché il «caso italiano» fa impressione a livello internazionale, fa discutere, suscita interrogativi e richiami. L Italia vive con imbarazzo e con un senso di vergogna questa condizione. Lo dice anche l inspiegabile silenzio che avvolge la

26 Osservatorio/2-I dati e le interpretazioni vicenda dei giornalisti minacciati. Una vicenda che finora si è tentato di esorcizzare negandola. Quando Ossigeno ha pubblicato il Rapporto 2010 in inglese, spagnolo, tedesco e cinese alcuni giornalisti italiani ai quali è stato chiesto di diffonderlo all estero hanno obbiettato: non è bello fare conoscere problemi che fanno fare brutta figura all Italia. Questa obiezione, oltre all imbarazzo con cui si affronta il problema, rivela anche un certo provincialismo. Ossigeno considera utile e necessario che i problemi, anche questo problema, siano conosciuti e discussi per quel che sono. Tacere non risolve il problema. Il primo passo da fare per affrontare il problema consiste proprio nel parlarne, nel rompere il tabù che impedisce di discuterne, nello scoprire che anche altri hanno o hanno avuto gli stessi problemi. Far conoscere a livello internazionale il caso italiano con le sue effettive connotazioni aiuta a rompere il tabù e lo dice l esperienza di Ossigeno aiuta altri paesi a scoprire e a curare malattie latenti o in incubazione sul proprio territorio. Si può e si deve parlare dei giornalisti minacciati senza disconoscere i meriti dell Italia e del giornalismo nostrano. L Italia può legittimamente vantare un giornalismo di qualità, ha grandi e storiche testate, ha firme che il mondo ci invidia, ha un patrimonio di alte professionalità; ha giornali vivaci e vitali radicati sul territorio. Tutto ciò è un vanto dell Italia che nessuno può negare. Ma bisogna parlarne senza retorica ed ammettere che il grande giornalismo italiano ha anche dei problemi. Innanzitutto è penalizzato da una legislazione sulla stampa carente, arretrata, contraddittoria, punitiva nei confronti dei giornalisti, che mette giornali e giornalisti in una posizione di svantaggio rispetto alle pretese di qualsiasi potere. I giornalisti devono parlarne e battersi affinché questa legislazione sia riformata ed allineata agli standard europei e ai livelli normativi delle grandi democrazie occidentali, come chiedono sempre più spesso le Nazioni Unite e osservatori internazionali come Reporters Sans Frontières, l IPI di Vienna e Article 19 di Londra. In Europa, il sistema italiano dell informazione è da tempo sottoposto ad una sorveglianza speciale, sia a causa di quello che 373

27 rapporto 2011 sinteticamente viene definito «il caso Berlusconi» (concentrazione delle proprietà editoriali e televisive e conflitto di interessi fra politica ed editoria), sia per l elevato numero di giornalisti minacciati, sia per la sostanziale impunità di cui gode chi condiziona i giornalisti con la violenza, sia per gli abusi permessi da leggi e comportamenti pubblici inadeguati, in particolare dalla legge sulla diffamazione che produce condanne che la Corte Europea di Giustizia ha clamorosamente rettificato. Del caso italiano si è parlato a gennaio del 2010 al Consiglio d Europa. In quella sede il relatore del Rapporto McIntosh (vedi Rapporto Ossigeno 2010), nel chiedere un maggior impegno a tutti i Paesi membri e ai loro governi per garantire l incolumità dei giornalisti, ha citato i nomi di alcuni giornalisti italiani costretti da tempo a vivere sotto scorta armata. Di particolare interesse per la situazione italiana è stato anche il richiamo lanciato il 25 marzo del 2010 dall UNESCO, con l ultimo rapporto biennale dell IPDC (Programma Internazionale per lo Sviluppo delle Comunicazioni) sui giornalisti che hanno perso la vita nel mondo a causa del loro lavoro. Il Rapporto elenca 125 giornalisti uccisi in 28 nazioni nel (tre in più rispetto al biennio precedente) e sollecita provvedimenti e iniziative per mettere fine alla sostanziale impunità di cui gode chi minaccia, aggredisce o uccide un giornalista. 374 Il Rapporto UNESCO Il Rapporto UNESCO aiuta a comprendere tre aspetti essenziali: 1. sono i giornalisti impegnati nella cronaca locale quelli che corrono i rischi più gravi. Infatti l 80% dei giornalisti uccisi nel mondo nel non apparteneva alla categoria dei corrispondenti di guerra. Questi giornalisti non lavoravano in paesi in guerra, ma in paesi in pace come l Italia; si occupavano di cronaca, erano corrispondenti locali dei giornali a diffusione nazionale; 2. per ogni giornalista ucciso ce ne sono molti altri minacciati, esposti a gravi violenze. Per l UNESCO, la sostanziale «impunità» di cui gode generalmente chi minaccia o uccide un giornalista, deve essere debellata perché contribuisce a rendere i cronisti «facili bersagli». In altre parole, se minacciare un giornalista

28 Osservatorio/2-I dati e le interpretazioni comporta un rischio basso, «chi vuole impedire che un giornalista indaghi e riveli informazioni di pubblico interesse«si fa meno scrupoli a colpirlo. 3. Il terzo aspetto messo in luce dal Rapporto UNESCO riguarda gli effetti di un clima intimidatorio: «L assenza di minacce ai giornalisti è la condizione essenziale per tutelare il diritto dei cittadini ad avere informazioni attendibili e per proteggere, allo stesso tempo, il diritto dei giornalisti di fornirle senza timore per la loro sicurezza personale. L uccisione dei giornalisti, sebbene costituisca il più grave attacco alla libertà di stampa» si legge nel Rapporto UNESCO «è solo la punta di un iceberg. Gli informatori professionali devono fronteggiare molte altre forme di violenza, quali minacce, intimidazioni, rapimenti, molestie e aggressioni fisiche, come fanno notare le istituzioni professionali dei giornalisti e i centri per la libertà di stampa, con i quali l UNESCO ha rapporti ufficiali, come Reporters Sans Frontières, il Comitato per la Protezione dei Giornalisti (CPJ) e la Federazione Internazionale dei Giornalisti (IFJ). Queste fonti hanno segnalato inoltre attacchi alle organizzazioni dei media e iniziative che mirano a distruggere i loro beni». Queste affermazioni smentiscono convinzione errate, molto radicate, circa la natura dei soggetti che, fra i giornalisti, corrono i rischi più gravi. È strano che non abbiano destato maggiore attenzione, soprattutto in Italia, dove il problema si presenta proprio in questi termini, e con una particolare gravità. 375

29 rapporto 2011 Osservatorio/3 Le armi Visibilità, solidarietà, attenzione pubblica 376 L a cronaca locale è la frontiera più esposta del giornalismo italiano. Il maggior numero di minacciati si conta proprio fra i cronisti, i redattori e i collaboratori dei giornali di provincia, fra i corrispondenti che passano le notizie alle redazioni centrali. Mediamente questi giornalisti subiscono più condizionamenti di quelli che lavorano nelle grandi città. Nelle piccole città chi osserva la realtà e racconta ai cittadini ciò che ha visto con i propri occhi, corre più rischi perché i condizionamenti sono diretti e pesanti ed è difficile evitarli. Spesso in provincia il prevaricatore di turno fa parte della cerchia delle conoscenze, agisce a distanza ravvicinata, tratta il cronista che lo mette in difficoltà rivelando verità scomode come un nemico personale, compie attacchi ben mirati per denigrarlo, isolarlo e neutralizzarlo. L isolamento del cronista attaccato si manifesta in vari modi, innanzitutto con la negazione della solidarietà, con la solidarietà finta, stiracchiata dei suoi colleghi, con le note di solidarietà ufficiali emesse malvolentieri e in ritardo, firmate con la mano sinistra, svalutate dal comportamento degli stessi firmatari. È facile riconoscere la finta solidarietà: ha il suono fiacco di una moneta falsa. Chi vuole dare una solidarietà vera si mette accanto alla vittima, si identifica con lui, sfida il prevaricatore a prendersela Problemi dell informazione / a. XXXVI, n. 4, dicembre 2011

30 Osservatorio/3-Le armi con lui, condivide il pericolo, come fecero a Locri, a ottobre del 2005, dopo l assassinio di Francesco Fortugno, i cittadini che sfilarono per le strade con lo slogan «E adesso ammazzateci tutti». È raro che i giornalisti facciano qualcosa del genere per i loro colleghi minacciati. È raro, ma qualche volta l hanno fatto. Il caso più celebre resta la passeggiata di solidarietà con Lirio Abbate minacciato di morte, che centinaia di giornalisti di ogni parte d Italia fecero a Palermo, a settembre del Sembrò il debutto di un modo di reagire più adeguato e consapevole e invece è rimasto un atto isolato sebbene non siano mancate le occasioni per ripetere quel gesto collettivo. I colleghi del giornalista minacciato trovano mille ragioni per non fare niente del genere, per negare quella «scorta mediatica» che più volte da allora è stata indicata come la difesa più efficace che si può dare a un cronista minacciato. Di solito si fanno mille distinguo. Per prima cosa gli altri giornalisti mettono in dubbio le minacce. Quando le considerano attendibili, possono mettere in dubbio la condotta della vittima. Alcuni apertamente rivolgono al malcapitato le fatidiche domande: «Ma dovevi proprio darla, quella notizia?», lasciando sottinteso il resto della frase: «Potevi fare come me, potevi fingere di non saperne nulla». Spesso il malcapitato che osa mettere in discussione questa filosofia della notizia viene aggredito con altre frasi ricorrenti: «Ma chi ti credi di essere? Non vedi che ci metti tutti in pericolo?». E così, con vari pretesti, il minacciato può finire in stato d accusa ed essere chiamato a giustificarsi presso gli organi disciplinari della categoria. Non va sempre così, ma accade. Si dice Italia, ma l Italia è un insieme di tante realtà diverse, anche per quanto riguarda l informazione giornalistica. C è una parte centrale del territorio nazionale illuminata a giorno dall informazione giornalistica e intorno c è una grande periferia scarsamente illuminata. C è l Italia delle città e dei grandi capoluoghi, in cui sono concentrate le redazioni dei maggiori giornali e dei notiziari radiotelevisivi, in cui due o più quotidiani e altri media ad alta audience si contendono lettori e ascoltatori a colpi di Dove il giornalismo è più debole 377

31 rapporto 2011 notizie, in cui la popolazione dei giornalisti di professione è numerosa, in cui un giornalista in difficoltà può andare a lavorare per un altra testata, in cui (quasi) tutto ciò che avviene viene messo un piena luce dal giornalismo. E c è il resto d Italia, e cioè una grande parte del paese in cui l illuminazione giornalistica è fioca e lascia molte zone in ombra o proprio al buio. Questa grande periferia del giornalismo comincia nei quartieri delle grandi città. È suddivisa in contrade assegnate ciascuna all influenza di un editore dominante che, come un signorotto feudale, ha il monopolio della cronaca locale, spesso in virtù di patti di cartello con altri editori, patti che l Antitrust sanzionerebbe se fossero stipulati nell Italia ben illuminata. Chi lavora nei giornali dell Italia poco illuminata deve selezionare le notizie con criteri diversi da quelli indicati nei manuali di giornalismo. I giornalisti che lavorano in questa «periferia» e in questi giornali non hanno gli stessi diritti generalmente riconosciuti ai giornalisti metropolitani. È fonte di problemi che in Italia aree così differenziate possano coesistere. Ed è strano che si faccia così poco per far prevalere le regole del buon giornalismo in tutto il territorio nazionale. Denaro pubblico e buon giornalismo 378 Eppure si potrebbe fare molto, qualcosa anche subito, ad esempio aggiornando le regole del finanziamento pubblico all editoria, lo strumento pubblico più potente e più incisivo in campo editoriale, che dovrebbe servire soprattutto ad incoraggiare il buon giornalismo. Mentre le difficoltà di bilancio dello Stato costringono a ridurre questi finanziamenti e a varare nuove regole di erogazione, tenendo conto di esigenze di bonifica e moralizzazione, si dovrebbe cogliere l occasione per fare di queste risorse un uso finalizzato a incoraggiare il giornalismo di qualità e di servizio, ad esempio chiedendo a chi richiede contributi pubblici per l editoria alcuni impegni solenni: a rispettare la libera concorrenza, il pluralismo dell informazione e il diritto dei cittadini di essere informati correttamente in modo completo e imparziale, a produrre le notizie avvalendosi in misura pressoché assoluta di professionalità giornalistiche, a svolgere una funzione informativa di servizio pubblico pubblicando senza omissioni le notizie di inte-

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Il triste primato Italiano in Europa per numero di giornalisti minacciati

Il triste primato Italiano in Europa per numero di giornalisti minacciati O2 OSSIGENO per l informazione Osservatorio FNSI-Ordine dei Giornalisti sui cronisti sotto scorta e le notizie oscurate con la violenza MAFIA & INFORMAZIONE Il triste primato Italiano in Europa per numero

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Provinciale di Napoli CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI PROGETTO SICUREZZA E LEGALITÀ Strumenti operativi per prevenire e contrastare efficacemente il racket e l usura, liberare le imprese da tutti i condizionamenti

Dettagli

++++++++++++++++++++++++ Come si fa un giornale

++++++++++++++++++++++++ Come si fa un giornale ++++++++++++++++++++++++ Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento. Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.it 1 Soggiorno per motivi di protezione sociale. (Legge 6 marzo

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO Alle società di recupero crediti per piccole cifre, è normale che paghiamo noi le spese di notifica?

MILENA GABANELLI IN STUDIO Alle società di recupero crediti per piccole cifre, è normale che paghiamo noi le spese di notifica? LA CITAZIONE di Giulio Valesini MILENA GABANELLI IN STUDIO Alle società di recupero crediti per piccole cifre, è normale che paghiamo noi le spese di notifica? PRIMA OPERATRICE CALL CENTER Noi le stiamo

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 836 INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti.

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti. Il mensile dell Unasca. L Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica. Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it RASSEGNA STAMPA A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it ! "! # $ % & # Medici e responsabilità professionale. Quasi nove su dieci già assicurati. Ma le polizze non fanno stare comunque

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Il funzionamento di prezzipazzi, registrazione e meccanismi

Il funzionamento di prezzipazzi, registrazione e meccanismi Prima di spiegare prezzipazzi come funziona, facciamo il punto per chi non lo conoscesse. Nell ultimo periodo si fa un gran parlare di prezzipazzi ( questo il sito ), sito che offre a prezzi veramente

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

gli altri: CHI? I movimenti di opposizione al fenomeno mafioso

gli altri: CHI? I movimenti di opposizione al fenomeno mafioso 4) la mafia: CHI? gli altri: CHI? I movimenti di opposizione al fenomeno mafioso I movimenti di opposizione Ci sono sempre stati (es. Movimenti di lotta contadina in Sicilia nei primi anni del 900, singoli

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

LA GRANDE BUFALA DELLA

LA GRANDE BUFALA DELLA 805 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE BUFALA DELLA COMMISSIONE EUROPEA SULLA CORRUZIONE IN ITALIA (1) 5 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta 2 Lunedì 3 febbraio 2014 la

Dettagli

Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami"

Università, paradossale guerra ai fuori corso Gli atenei finiranno per regalare gli esami INCHIESTA Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami" Il ministero, nell'erogare i fondi, adesso penalizza i centri con troppi studenti in ritardo con le

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA

dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA OBIETTIVI DEL CORSO MGA PARTE GIURIDICA Conoscere il quadro giuridico Riconoscere l ambito della legittima difesa Difendersi dalle leggi Evitare

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo BANDO PER L AMMISSIONE A 50 POSTI AL CORSO LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA TUTELA ATTIVA DEI DIRITTI E DEGLI INTERESSI DI IMPRESE ED ENTI: FINALITÀ DIFENSIVE, USO DI BANCHE DATI SU RISCHI CREDITIZI

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità individuale

Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità individuale Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da::

Dettagli

1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE

1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno III, mese di aprile 2013 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Nella città di Firenze, lo scorso 16 marzo, migliaia e migliaia

Dettagli

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione Codice di condotta Titolo I. Oggetto e campo di applicazione 1. Definizione Il codice di condotta contiene l insieme dei principi e delle regole che orientano e guidano il comportamento del Formatore nell

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

Dichiarazione dei diritti in Internet

Dichiarazione dei diritti in Internet Dichiarazione dei diritti in Internet Questo documento costituisce il nuovo testo della Dichiarazione elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet a seguito della consultazione

Dettagli

Si è immaginata l esistenza, in definitiva, di una Italia diversa.

Si è immaginata l esistenza, in definitiva, di una Italia diversa. Alla ricerca dell etica della responsabilità. di Rosario SCALIA Magistrato della Corte dei conti Nel momento in cui nel nostro ordinamento giuridico si è introdotto il reato di traffico di influenze illecite,

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

La professione di avvocato

La professione di avvocato La professione di avvocato Prima di illustrare brevemente le poche regole che governano l accesso alla professione, mi soffermerei, altrettanto brevemente, a parlare con parole semplici di questa professione,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA ROULETTE RUSSA DELL'ARTICOLO 18 di Andrea Ichino e Paolo Pinotti. La voce.info

LA ROULETTE RUSSA DELL'ARTICOLO 18 di Andrea Ichino e Paolo Pinotti. La voce.info LA ROULETTE RUSSA DELL'ARTICOLO 18 di Andrea Ichino e Paolo Pinotti La voce.info La protezione di un diritto fondamentale della persona è affidata alla roulette russa che si attiva con l assegnazione casuale

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

I FURTI DI BICICLETTE A BOLOGNA

I FURTI DI BICICLETTE A BOLOGNA I FURTI DI BICICLETTE A BOLOGNA indagine ISTAT Reati, vittime, percezione della sicurezza. Anni 2008-2009 L unico reato in aumento nel nuovo millennio 2,5% 2002 3,8% 2008-09 è il solo reato che cresce

Dettagli

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA Il nostro settore svolge un ruolo di primo piano nello sviluppo economico del Paese e nel dialogo fra imprese e consumatori, fra Pubblica Amministrazione e cittadino

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009 IL WEB WRITING di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale 15 0ttobre 2009 PARTE PRIMA Perché gli studi professionali sottovalutano ciò che viene riportato nei testi del loro

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Molestie sessuali, violenze e ricatti sessuali sul lavoro nelle indagini Istat. Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale ISTAT

Molestie sessuali, violenze e ricatti sessuali sul lavoro nelle indagini Istat. Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale ISTAT Molestie sessuali, violenze e ricatti sessuali sul lavoro nelle indagini Istat Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale ISTAT Molestie, violenze, ricatti sessuali sul lavoro Sono 1 milione 308 mila le

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

GIUSTIZIA RIPARATIVA.

GIUSTIZIA RIPARATIVA. GIUSTIZIA RIPARATIVA. Motori di questo approccio originale alla giustizia sono forse due presupposti fondamentali quanto semplici: - l insoddisfazione verso i precedenti modelli di giustizia (retributivo/riabilitativo)

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO ARGOMENTI DELLA LEZIONE IL RUOLO GIURIDICO DEL VOLONTARIO NEL SOCCORSO SANITARIO LE CAUSE DI NON PUNIBILITA (LO STATO DI NECESSITA E IL T.S.O.)

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1871 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BARBOLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 2 NOVEMBRE 2007 Misure in materia di sicurezza per le rivendite di generi

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

1 - FORME DI VIOLENZA

1 - FORME DI VIOLENZA 1 - FORME DI VIOLENZA! Violenza Fisica. Tale forma di violenza è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata,

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

De Officiis (44 ac) La dottrina dei doveri. Il conflitto fra l onesto e l utile. Il vero utile coincide con l onesto

De Officiis (44 ac) La dottrina dei doveri. Il conflitto fra l onesto e l utile. Il vero utile coincide con l onesto De Officiis (44 ac) La dottrina dei doveri Il conflitto fra l onesto e l utile Il vero utile coincide con l onesto Capo XII Vi sono dei casi in cui l'utilità sembra in conflitto con l'onestà, cosicchè

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ CONTESTO NORMATIVO La presente procedura disciplina le modalità di segnalazione degli illeciti nell ambito delle attività di prevenzione della corruzione

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Marghera 14 novembre 2003 Intervento del Sig. GIANCARLO DE LAZZARI A. D. di BERENGO SpA - Marghera SICUREZZA: Da costo a fattore competitivo

Dettagli