Realizzazione di una radioterapia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Realizzazione di una radioterapia"

Transcript

1 1

2 Realizzazione di una radioterapia localizzazione del Tumore Immobilizzazione del paziente posizionamento del paziente Quality assurancê & Verifica Imaging Calcolo del piano di trattamento Trattamento

3 Immobilizzazione Il design e la tecnica d immobilizzazione sono legati alla localizzazione del tumore e al tipo di sorgenti di errori dovuti al tipo di zona trattata. Definizione dei volumi Target => Volumi di riferimento GTV gross tumor volume : volume e localizzazione visibile delle cellule maligne CTV clinical target volume: tiene conto delle propaggini microscopiche PTV planning : incorpora i margini associati a incertezze nella determinazione del CTV, posizionamento, movimenti del paziente durante l irradiazione

4 Sorgenti di errore Le possibili sorgenti di errore sono classificate principalmente in due categorie: Setup e posizionamento. Movimento degli organi. Le tecniche d immobilizzazione devono assicurare che il CTV sia ben localizzato nel PTV durante l intero trattamento (tutte le frazioni). Una buona definizione dei margini di errore nel posizionamento e nei possibili movimenti (respiratori ) durante il trattamento è di grande importanza nel prevedere le correzioni del piano di trattamento e nel rispettare le norme della quality assurance.

5 Tecniche d imobilizzazione Stereotassi: Fissaggio con anello Fissaggio con maschera termoplastica 9 Occhio: maschera altro: tecnica del vuoto.

6 Imaging for Therapy (1) Definizione dell utilità dell imaging per terapia. Quando il paziente è ben immobilizzato, l immagine per la pianificazione del trattamento è necessaria. La scelta dipende dalle caratteristiche dei volumi bersaglio (GTV, CTV e PTV) e dalle condizioni cliniche del paziente

7 3. Un modello tri-dimensionale dell anatomia del paziente è richiesto per il posizionamento dello stesso. Spesso servono punti di riferimento sulla maschera del paziente per collegare il modello 3D della TAC con il resto (lettino, accesso, fascio...) Imaging for Therapy (2) Le immagini per la pianificazione della terapia servono per i motivi seguenti: 1. Distinguere il volume target e gli organi a rischio è il principale scopo dell acquisizione delle immagini per terapia. Basandosi sul modello tri-dimensionale ricostruito dell anatomia del paziente, la direzione del fascio viene ottimizzata per trovare un compromesso fra la copertura del tumore con una dose massima e il risparmio degli organi a rischio vicini. 2. Nella maggior parte dei casi la dose è calcolata basandosi sui dati desunti dalla TAC dei volumi d interesse. Calcolando la distribuzione di dose nelle diverse regioni si può valutare la qualità del piano di trattamento in 3D.

8 CT (TAC)..

9 .

10 Pianificazione del trattamento (1) Lo scopo della pianificazione del trattamento in 3D è la valutazione ed ottimizzazione di strategie alternative di trattamento prima della sua realizzazione, per individuare il TPS tridimensionale, ottimale per il paziente.

11 Pianificazione del trattamento (2) Per un ottimale TPS tridimensionale occorre valutare correttamente le relazioni geometriche individuali fra il volume bersaglio e gli organi a rischio. Basandosi su di un modello tridimensionale dell anatomia del paziente, le forme dei fasci (beam portals) possono essere esattamente adattate alla forma del volume bersaglio.

12 Pianificazione del trattamento (3) In questa maniera, tenendo conto anche della diversa radiosensibilità delle differenti strutture anatomiche/funzionali, è possibile minimizzare la dose deposta nel tessuto sano.

13 Informazioni sul paziente Anatomia e distinzione del target Registrazione CT/MRI Definizione dei V.O.I, CT 3D reconstruction Prescrizioni Ottimizzazione: Tecniche utilizzate. Modello adottato. Parametri ad ottimizzare. Visualizazione dei risultati: => Calcolo della dose ottimizzata. Diverse tappe della pianificazione di trattamento: -Informazioni sul paziente -Tipo di tumore e prescrizioni -Calcolo della dose finale

14 Ricostruzione tridimensionale (1) La procedura per distinguere i volumi di interesse dal fondo si chiama segmentazione. I metodi di segmentazione basati solamente sulle informazioni presenti in ciascuna fetta CT/MRI del paziente sono chiamate 2Dsegmentation. Se vengono usate informazioni provenienti da più fette sia in presenza di 3D-segmentation. Nei TPS la segmentazione è fatta per individuare: 1) il PTV; 2) gli organi a rischio; 3) il contorno della superficie del corpo del paziente. 16

15 Ricostruzione tridimensionale (2) I differenti TPS utilizzano varie tecniche di Computer-Aided Tumor Segmentation, che possono essere divise in due categorie a) algoritmi semiautomatici; b) algoritmi completamente automatici. Tutti gli algoritmi di segmentazione, in funzione di come cercano le strutture, possono essere classificati come basati 1) sulle ROI; 2) sulla rivelazione dei contorni.

16 Gradient image of a CT image to distinguish different structures. 17 After a Full 3D reconstruction it is important to define different Volumes of Interest => see next slide

17 Definizione dei VOI (Volumes Of Interest) I contorni di diversi volumi di interesse e particolarmente del volume tumorale, vengono definiti punto per punto su ogni sezione della TAC per poter definirli con precisione in 3D.

18 TP notion: BEV (Beam s Eye View) Vista cranio-caudale 19 Le direzioni corrette di irraggiamento posso essere trovate interattivamente con il BEV. Usando questa tecnica il radioterapista vede il modello 3D delle superfici dal punto di vista della sorgente di radiazione. In questa maniera è immediatamente chiaro quali siano le strutture colpite dalla radiazione ed è possibile conformare il fascio alla forma del volume bersaglio. Per realizzare beam portals di forma irregolare si usano particolari collimatori (collimatori lamellari). BEV

19 3D patient model (1) Starting from the position of the radiation source, the algorithm traces a bundle of beams through an image cube, until a specified projection plane is reached (i.e., the film position). To simulate therapy exactly, a computer program needs a precise description of an individual patient's anatomy. Mostly these models are based on image sequences, which are acquired with modern three- dimensional imaging devices (CT, MR, PET). The two-dimensional tomographs can then be combined to form a three-dimensional image cube by the planning program. For threedimensional radiotherapy planning, image sequences acquired with a CT scanner are of particular relevance. This imaging modality is robust, geometrically correct, and the intensity values allow the calculation of tissue density which is a pre-requisite for the exact calculation of the spatial dose distributions. That means it is possible to generate artificial X-ray images, so called "Digital Reconstructed Radiographs" (DRRs), from arbitrary directions.. r sity on the 20

20 3D patient model (2) During image acquisition, X-Rays are absorbed differentially according to tissue density. Structures with high density (bones) absorb more of the intensity of the ray. That means, the intensity incident on the film is low, resulting in a low optical density on the film (bright). Water, fat, muscle tissue or air abso b only a small amount (or none) of the incident intensity. A higher intensity results in a high optical den film (dark or black). To calculate such "artificial" images (DRRs), ray tracing algorithms are used.

21 Metodi di calcolo di un piano di trattamento ed ottimizzazione di dose Forward planning (see dose calculation) Monte Carlo simulation (see dose calculation) Inverse planning Mathematics and numerical tools for inverse planning. Big variety of algorithm already exciting: conjugate Gradient minimization; quasi Newton minimization; simulated annealing minimization. All to resolve a simple linear system (see next slide).

22 Inverse planning Problema generale per la determinazione della dose nel voxel i,j,k: Di, j, k = n fn E (n i, ) j,k (n) E i, j,k dove: energia depositata => D i,j,k f n dose prescritta dal medico (dose richiesta) fluenza del fascio n

23 Il problema dell ottimizzazione => Number of beams, => Radiation modality (photons, electrons), => Beam energy. o Big variety of algorithm already exciting: o Conjugate Gradient minimization. o Quasi Newton minimization. o Simulated annealing minimization.

24 Confronto fra dose ottimizzata manualmente e dose ottimizzata con un algoritmo di inverse planning. 24

25 Calcolo di dose finale Metodo analitico Modelli standard per fotoni: Il modello detto fenomenologico e basato su una parametrizzazione completa di distribuzioni di dose misurata => dose in profondità per diverse energie, per di diverse dimensioni di campo, profili laterali di dose, effetto dei collimatori... I maggiori problemi per questo metodo derivano dalle disomogeneità. Modello del pencil beam per elettroni: Gli algoritmi sono simili a quelli per i fotoni, solo che per gli elettroni, la risoluzione del problema della diffusione necessita di algoritmi più fini. Il modello del pencil beam è un modello che suddivide il fascio in una serie di singoli fasci elementari di 1 3 mm. Questo permette di includere nei calcoli il fenomeno della diffusione laterale dei fasci di elettroni. I dati per l energia depositata in profondità sono presi in acqua.

26 Metodo MonteCarlo Il metodo Monte Carlo permette di seguire i processi in scala microscopica. Tutti processi fisici per fotoni od elettroni sono ben definiti. Il trasporto e la creazione delle particelle (γ, e) sono simulati come processi stocastici nei punti di interazione. Le disomogeneità del volume globale sono considerate nella simulazione. Questo permette una migliore stima dell energia depositata e quindi della distribuzione di dose. Il grande difetto delle simulazioni Monte Carlo e che sono molto lunghe e questo, di fatto, ne esclude l uso nella routine clinica per il calcolo dei piani di trattamento. L utilità del MC sta nella verifica e nella sperimentazione.

27 Valutazione 3D e Istogrammi dose-volume (DVH) DVH diferenziale DVH cumulativo 27

28 Curve di isodose di un campo singolo SSD e SAD Variazione della dose nel volume trattato ~20% Dose a d m ~45% della dose al tumore: per dare 60 Gy al tumore, la pelle riceve 86 Gy, al di sopra del limite accettabile. Problemi con la dose agli OAR: midollo spinale.

29 Angolo di incidenza del fascio, irregolarita della superficie, disomogeneita

30 Curve di isodose due campi contrapposti SSD e SAD

31 Curve di isodose Campi multipli 31

32 Energia media alla superficie: Irradiazione con elettroni E 0 = (2.33MeV / cm)r 50

33 Curve di isodose elettroni

34 Disomogeneità - elettroni

35 Trattamento - elettroni 35

36 Riassumendo (1) Immobilizzazione del paziente&localizzazione del tumore Si individuano i tre volumi: GTV (volume e localizzazione visibile delle cellule maligne) CTV (localizzazione delle propaggini microscopiche del tumore) PTV (volume da irraggiare contenente CTV e che tiene conto dei movimenti del paziente). Le tecniche d immobilizzazione devono assicurare che il CTV sia ben localizzato nel PTV durante tutte le frazioni del TPS. Imaging Distinguere il volume target e gli organi a rischio è il principale scopo dell acquisizione delle immagini per terapia. In più un modello 3D del paziente serve per il suo posizionamento prima del TPS. Spesso servono punti di riferimento sulla maschera del paziente per collegare il modello 3D della TAC con il resto (lettino, accesso, fascio...)

37 Riassumendo (2) Calcolo del TPS Lo scopo principale è la valutazione ed ottimizzazione di strategie alternative di trattamento prima della sua realizzazione, per individuare il TPS tridimensionale, ottimale per il paziente. La segmentazione delle immagini per distinguere i volumi di interesse dal fondo. Individuazione delle direzioni corrette di irraggiamento con il BEV e determinazione dei beam portals. Lungo tali direzioni si generano, dalle immagini 3D, radiografie artificiali: Digital Reconstructed Radiographs" (DRRs). Da queste si calcolano le densità e quindi le masse da irraggiare e per mezzo dell Inverse Planning si calcolano le energie e fluenze dei fasci per ottenere la dose richiesta dal radioterapista in ogni voxel. Si utilizzano energie e fluenze per simulare la deposizione di dose.

38 Riassumendo (3) Posizionamento del paziente Si posiziona il paziente per il trattamento utilizzando tutte le informazioni geometriche ottenute dal calcolo del TPS. Esecuzione del TPS Si eseguono le prescrizioni prodotte dal calcolo in termini di energie e fluenze dei fasci, movimenti della testa dell acceleratore, posizionamento dei collimatori ed eventuali movimenti del lettino. Durante l esecuzione vengono raccolti tutti i dati sperimentali disponibili: fluenze prima e dopo, dosi sui punti di riferimento, misure di posizione, ect.. Verifica Si confrontano tutti dati acquisiti durante l esecuzione con le prescrizioni prodotte dal calcolo e si valuta l accuratezza del trattamento.

Tecniche Treatment Planning System (TPS) per fasci di fotoni ed elettroni

Tecniche Treatment Planning System (TPS) per fasci di fotoni ed elettroni Tecniche Treatment Planning System (TPS) per fasci di fotoni ed elettroni Faiza Bourhaleb-Torino 27 Feb. Radioterapia Conformazionale Introduzione alla Pianificazione di trattamento Ottimizzazione in TP

Dettagli

Fusione delle Immagini in Radioterapia Riccardo Ragona Università di Torino

Fusione delle Immagini in Radioterapia Riccardo Ragona Università di Torino Fusione delle Immagini in Radioterapia Riccardo Ragona Università di Torino Introduzione Transformazioni Algoritmi Visualizzazione Validazione Applicazioni Conclusioni Perche la Fusione delle Immagini?

Dettagli

La Simulazione Virtuale: Filosofia e Workflow

La Simulazione Virtuale: Filosofia e Workflow U.O. Radioterapia Rimini Direttore Dr. F.Perini La Simulazione Virtuale: Filosofia e Workflow Francesco Perini Cagliari, 20-21 Giugno 2008 Filosofia Simulazione da SIMŬLARE: Fingere, Imitare in Figura,

Dettagli

Annunzio Chieti Corso di Laurea in TSRM

Annunzio Chieti Corso di Laurea in TSRM Università G. D AnnunzioD Annunzio Chieti Corso di Laurea in TSRM Apparecchiature di Radioterapia: IL SIMULATORE Dr. Domenico Genovesi Chieti, 14 Marzo 2006 Simulatore Apparecchio radiologico dotato di:

Dettagli

Problematiche tecniche nel planning del carcinoma polmonare non microcitoma

Problematiche tecniche nel planning del carcinoma polmonare non microcitoma Problematiche tecniche nel planning del carcinoma polmonare non microcitoma I Volumi nella Stereotassi F.Casamassima U.O.Radiobiologia Clinica Università Firenze Taranto Gennaio 2006 L ICRU 50 e ICRU 62

Dettagli

PET E RADIOTERAPIA : EVOLUZIONI DELLE METODICHE ESPERIENZA ASMN DI REGGIO EMILIA

PET E RADIOTERAPIA : EVOLUZIONI DELLE METODICHE ESPERIENZA ASMN DI REGGIO EMILIA PET E RADIOTERAPIA : EVOLUZIONI DELLE METODICHE ESPERIENZA ASMN DI REGGIO EMILIA FINALITA DELL IMAGING IN RADIOTERAPIA VISUALIZZAZIONE DELLA NEOPLASIA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL VOLUME BERSAGLIO VALUTAZIONE

Dettagli

IL PERCORSO DELLE IMMAGINI IN RADIOTERAPIA : RUOLO DEL TECNICO DOSIMETRISTA 18-25 Maggio 2015

IL PERCORSO DELLE IMMAGINI IN RADIOTERAPIA : RUOLO DEL TECNICO DOSIMETRISTA 18-25 Maggio 2015 IL PERCORSO DELLE IMMAGINI IN RADIOTERAPIA : RUOLO DEL TECNICO DOSIMETRISTA 18-25 Maggio 2015 TSRM P. IRGOLINI V. PAPURELLO P. TREVISIOL S.C. RADIOTERAPIA U S.S.C.V.D ALTA TECNOLOGIA IN RADIOTERAPIA Prof.

Dettagli

PET e Radioterapia. Diana Salvo. Cagliari 21-06-08

PET e Radioterapia. Diana Salvo. Cagliari 21-06-08 PET e Radioterapia Diana Salvo Cagliari 21-06-08 Nuove tecnologie in radioterapia clinica 2D planning 3D conformal IMRT IMRT (Intensity Modulated Radiation Therapy) IMRT è una tecnica di elevata precisione

Dettagli

Applicazioni della fisica delle particelle alla cura dei tumori. Dott.ssa Simona Giordanengo Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Applicazioni della fisica delle particelle alla cura dei tumori. Dott.ssa Simona Giordanengo Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Applicazioni della fisica delle particelle alla cura dei tumori Dott.ssa Simona Giordanengo Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Torino, 5 Febbraio 2014 Sommario La fisica in medicina Le differenti radiazioni

Dettagli

Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT) con megavoltage CT

Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT) con megavoltage CT Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT) con megavoltage CT L. Longoni IRCCS San Raffaele - Milano Trento, 17 Giugno 2010 Integrazione metodiche di avanguardia basate sulle immagini per definire il tumore

Dettagli

Il percorso di cura del paziente sottoposto a radioterapia ed il sistema informatizzato Varis Vision

Il percorso di cura del paziente sottoposto a radioterapia ed il sistema informatizzato Varis Vision Il percorso di cura del paziente sottoposto a radioterapia ed il sistema informatizzato Varis Vision TSRM A.Burrini le risorse informatiche sono ormai indispensabili per l attività di un centro radioterapico,

Dettagli

SISTEMA PER TRATTAMENTI RADIOTERAPICI DI PRECISIONE (SRT SRS) COMPLETO DI TECNICHE DI IMAGE GUIDED RADIOTERAPHY (IGRT - IMRT) E SISTEMA DI CALCOLO

SISTEMA PER TRATTAMENTI RADIOTERAPICI DI PRECISIONE (SRT SRS) COMPLETO DI TECNICHE DI IMAGE GUIDED RADIOTERAPHY (IGRT - IMRT) E SISTEMA DI CALCOLO SISTEMA PER TRATTAMENTI RADIOTERAPICI DI PRECISIONE (SRT SRS) COMPLETO DI TECNICHE DI IMAGE GUIDED RADIOTERAPHY (IGRT - IMRT) E SISTEMA DI CALCOLO IL SISTEMA DOVRÀ COMPRENDERE: UNITÀ RADIANTE NUMERO 1

Dettagli

Radiotherapy: from the beginning until today

Radiotherapy: from the beginning until today IL PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO-ASSISTENZIALE DI ONCOLOGIA TORACICA DELL AOU DI PARMA NUOVE TECNICHE DI RADIOTERAPIA Dr.ssa N. D Abbiero, Dr.ssa C.Dell Anna U.O.C. Radioterapia Azienda-Ospedaliero

Dettagli

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X Neutron Imaging Tecniche nucleari per analizzare strutture superficiali o interne di materiali hanno un impiego esteso. Tra le moderne tecniche una delle piu diffuse e quella basata sulla radiografia/radioscopia

Dettagli

RADIOTERAPIA STEREOTASSICA

RADIOTERAPIA STEREOTASSICA RADIOTERAPIA STEREOTASSICA Dr. MARIO DE LIGUORO Centro Oncologico Fiorentino Sesto Fiorentino 10 marzo 2012 RADIOTERAPIA Trattamento locale Volume di trattamento Dose totale erogata Dose per frazione Numero

Dettagli

IGRT. .. with Tomotherapy Hi-Art. TSRM D. Bertoni U.O. Radioterapia Oncologica ASMN Reggio Emilia. Image Guided RadioTherapy

IGRT. .. with Tomotherapy Hi-Art. TSRM D. Bertoni U.O. Radioterapia Oncologica ASMN Reggio Emilia. Image Guided RadioTherapy TSRM D. Bertoni U.O. Radioterapia Oncologica ASMN Reggio Emilia IGRT Image Guided RadioTherapy.. with Tomotherapy Hi-Art Glossario GLOSSARIO IGRT Ricerca Scientifica Tomotherapy Hi-Art Il concetto IGRT

Dettagli

Radioterapia Stereotasica: DEFINIZIONE

Radioterapia Stereotasica: DEFINIZIONE Radioterapia Stereotasica: DEFINIZIONE La Radioterapia Stereotassica è una tecnica utilizzata per il trattamento di lesioni individuate attraverso metodi stereotassici accurati che, avvalendosi delle tre

Dettagli

CAPITOLATO LINAC AREA ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE - CIACCIO

CAPITOLATO LINAC AREA ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE - CIACCIO AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE - CIACCIO AREA ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI Sede legale: Via V. Cortese, 10 88100Catanzaro Via V. Cortese, 25-88100 CATANZARO Tel. 0961.883582 Fax 0961.883505 P.IVA 01991520790

Dettagli

Università degli studi di Torino Laurea in Scienze Statistiche. Tesi di laurea

Università degli studi di Torino Laurea in Scienze Statistiche. Tesi di laurea Università degli studi di Torino Laurea in Scienze Statistiche Tesi di laurea Studio dell effetto del rumore della TC nella pianificazione dei trattamenti adroterapici in un caso di tumore cerebrale pediatrico.

Dettagli

Possibilità tecnologiche e tecniche di esecuzione nella radioterapia ad intensità modulata: il punto della situazione

Possibilità tecnologiche e tecniche di esecuzione nella radioterapia ad intensità modulata: il punto della situazione Possibilità tecnologiche e tecniche di esecuzione nella radioterapia ad intensità modulata: il punto della situazione Emanuele Pignoli S. C. Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

Dettagli

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 1

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 1 Strumentazione Biomedica 2 Tomografia computerizzata a raggi X - 1 Radiologia convenzionale Radiologia convenzionale Radiografia Convenzionale: Limitazioni La radiografia è una proiezione 2D di una struttura

Dettagli

Flat Panel CT in applicazioni radioterapiche Aspetti fisici

Flat Panel CT in applicazioni radioterapiche Aspetti fisici Flat Panel CT in applicazioni radioterapiche Aspetti fisici Stefania Maggi SOD Fisica Sanitaria AOU Ospedali Riuniti Ancona s.maggi@ospedaliriuniti.marche.it Digital Flat Panel Detector asi-csi X-ray Tube

Dettagli

IGRT Radioterapia Guidata dalle Immagini. Mauro Palazzi SC Radioterapia Ospedale Niguarda, Milano

IGRT Radioterapia Guidata dalle Immagini. Mauro Palazzi SC Radioterapia Ospedale Niguarda, Milano IGRT Radioterapia Guidata dalle Immagini Mauro Palazzi SC Radioterapia Ospedale Niguarda, Milano 3 rivoluzioni tecnologiche recenti in Radioterapia 1. inizio anni 90- pianificazione ( RT 3D ) 2. fine

Dettagli

SVILUPPO DI UN SISTEMA PER L OTTIMIZZAZIONE DELLA DOSE IN RADIOTERAPIA TRAMITE DOSE-PAINTING BASATO SUI VOXEL

SVILUPPO DI UN SISTEMA PER L OTTIMIZZAZIONE DELLA DOSE IN RADIOTERAPIA TRAMITE DOSE-PAINTING BASATO SUI VOXEL Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea Magistrale in Fisica SVILUPPO DI UN SISTEMA PER L OTTIMIZZAZIONE DELLA DOSE IN RADIOTERAPIA TRAMITE DOSE-PAINTING BASATO SUI

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

TRATTAMENTI RADIOTERAPICI AD INTENSITA MODULATA

TRATTAMENTI RADIOTERAPICI AD INTENSITA MODULATA Alma Mater Studiorum-Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN ONCOLOGIA E PATOLOGIA SPERIMENTALE Ciclo XXII Settore scientifico-disciplinare di afferenza: MED/36 TRATTAMENTI RADIOTERAPICI AD INTENSITA

Dettagli

APPARECCHIATURE IN RADIOTERAPIA

APPARECCHIATURE IN RADIOTERAPIA APPARECCHIATURE IN RADIOTERAPIA TERMINOLOGIA Definizione di Radioterapia: branca medico-terapeutica che utilizza le radiazioni ionizzanti a fini terapeutici: tumori maligni, tumori benigni (angiomi e adenomi

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

La dose si distribuisce in parte anche al tessuto sano.

La dose si distribuisce in parte anche al tessuto sano. Radioterapia Nella radioterapia si porta la dose alle cellule tumorali con radiazione γ od elettroni. La dose si distribuisce in parte anche al tessuto sano. Radioterapia Lo scopo esatto del trattamento

Dettagli

Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate. Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica

Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate. Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica L evoluzione tecnologica ha reso disponibili numerose

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE DISO. Il software DISO è una procedura che permette la ricostruzione della dose nel punto di

CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE DISO. Il software DISO è una procedura che permette la ricostruzione della dose nel punto di CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE DISO Il software DISO è una procedura che permette la ricostruzione della dose nel punto di isocentro del trattamento con fasci 3D-CRT statici di raggi x erogati dai linac

Dettagli

CyberKnife a Milano. La radiochirurgia stereotassica. Radioterapia del distretto testa collo con Cyberknife e valutazione della dose periferica

CyberKnife a Milano. La radiochirurgia stereotassica. Radioterapia del distretto testa collo con Cyberknife e valutazione della dose periferica Esperienze degli ospedali lombardi a confronto nella radioterapia del distretto testa collo IRCCS San Raffaele, Milano 26 Giugno 2008 Radioterapia del distretto testa collo con Cyberknife e valutazione

Dettagli

La radioterapia. Come assicurare la qualità: Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità - Novara S.C. Radioterapia

La radioterapia. Come assicurare la qualità: Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità - Novara S.C. Radioterapia Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità - Novara S.C. Radioterapia Direttore Prof.M.Krengli Come assicurare la qualità: La radioterapia G ius eppina G ambaro S S R adioterapia AOU Novara

Dettagli

Struttura Complessa Fisica Sanitaria

Struttura Complessa Fisica Sanitaria Struttura Complessa Fisica Sanitaria DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Direttore: prof.ssa Maria Assunta Cova STRUTTURA COMPLESSA DI FISICA SANITARIA Direttore: dott. Mario

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

Radioterapia del distretto toracico: Cyberknife

Radioterapia del distretto toracico: Cyberknife Radioterapia del distretto toracico: Cyberknife C Cavedon U.O. di Fisica Medica Ospedale S. Bortolo ULSS 6 Vicenza AIFM Gruppo Regionale Lombardo IRCCS San Raffaele Milano, 10 Dicembre 2008 IL SISTEMA

Dettagli

Le regioni di interesse (ROI) e le curve

Le regioni di interesse (ROI) e le curve Le regioni di interesse (ROI) e le curve UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Materiale didattico a cura della Dott.ssa Michela Lecchi Immagine digitale Immagine analogica: la variabile rappresentata è continua

Dettagli

UTILIZZO DELLO STANDARD IHE PER LA GESTIONE DEI FLUSSI INFORMATIVI IN MEDICINA NUCLEARE

UTILIZZO DELLO STANDARD IHE PER LA GESTIONE DEI FLUSSI INFORMATIVI IN MEDICINA NUCLEARE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA SECONDA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA TITOLO DELL ELABORATO UTILIZZO DELLO STANDARD IHE PER LA

Dettagli

LA RADIOTERAPIA GUIDATA DALLE BIOIMMAGINI DI RISONANZA MAGNETICA

LA RADIOTERAPIA GUIDATA DALLE BIOIMMAGINI DI RISONANZA MAGNETICA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CAMPUS DI CESENA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA LA RADIOTERAPIA GUIDATA DALLE BIOIMMAGINI DI RISONANZA MAGNETICA

Dettagli

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI RADIOTERAPIA INFORMAZIONI Lo scopo di questo opuscolo è fornire al paziente e ai familiari alcune semplici informazioni per conoscere meglio la radioterapia e affrontare il trattamento nel modo più sereno

Dettagli

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo RISCHIO DA ESPOSIZIONE L attenzione, la valutazione e la conseguente gestione del rischio va posta con la moderna pratica clinica anche al di fuori dei reparti solitamente ritenuti a rischio di Radiazioni

Dettagli

La radioterapia nel trattamento integrato del cancro al polmone non microcitoma

La radioterapia nel trattamento integrato del cancro al polmone non microcitoma La radioterapia nel trattamento integrato del cancro al polmone non microcitoma Taranto 21-1- TECNICHE NON COPLANARI E SCELTA DELL ENERGIA ENERGIA NEL PLANNING 3D Dr. Domenico Mola - Fisico Medico - S.C.

Dettagli

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 2

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 2 Strumentazione Biomedica 2 Tomografia computerizzata a raggi X - 2 Le quattro generazioni di tomografi I generazione II generazione III generazione IV generazione Acquisizione continua di dati (ricostruzioni

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

Descrizione della metodica di contouring del BTV (Biological Target Volume) impiegata all Ospedale di Rovigo

Descrizione della metodica di contouring del BTV (Biological Target Volume) impiegata all Ospedale di Rovigo Descrizione della metodica di contouring del BTV (Biological Target Volume) impiegata all Ospedale di Rovigo Elena Bellan SOC Fisica Sanitaria, Ospedale S. Maria Misericordia, Rovigo contatto e-mail: bellan.elena@azisanrovigo.it

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità Operativa Di Radioterapia Azienda Ospedaliera Di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina APPROCCIO RADIOTERAPICO I tumori primitivi del mediastino di interesse radioterapico sono

Dettagli

MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto

MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto L IMMAGINE ANGIOGRAFICA TC Firenze, 5-65 6 Dicembre 2008 GENERAZIONI DI TOMOGRAFI COMPUTERIZZATI I generazione Le tappe evolutive dei tomografi computerizzati dal 1973

Dettagli

Fegato. Caso clinico. Dott.ssa M.S.Favretto Radioterapia - Vicenza

Fegato. Caso clinico. Dott.ssa M.S.Favretto Radioterapia - Vicenza Fegato Caso clinico Dott.ssa M.S.Favretto Radioterapia - Vicenza Caso Clinico I Paziente di 37 anni che in settembre 2012 presenta diarrea importante e dolore pelvico. Vengono proposti accertamenti da

Dettagli

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS Il software MIDAS produce i dati MIVIS corretti operando in sequenza in modo da acquisire prima tutti i dati grezzi del sensore MIVIS da cui estrarre tutte le

Dettagli

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Apparecchiature radiologiche medicali In medicina le apparecchiature radiografiche vengono utilizzate per: diagnosi dentale

Dettagli

Radioterapia PET-guidata nel trattamento dei tumori del distretto testa-collo: sviluppo di un piano di cura

Radioterapia PET-guidata nel trattamento dei tumori del distretto testa-collo: sviluppo di un piano di cura Radioterapia PET-guidata nel trattamento dei tumori del distretto testa-collo: sviluppo di un piano di cura Bizzocchi Nicola Lambertini Daniele Servizio di Fisica Medica in Radioterapia Arcispedale S.

Dettagli

Sviluppo di un software di raytracing fast-montecarlo su GPU per piani di trattamento adroterapici.

Sviluppo di un software di raytracing fast-montecarlo su GPU per piani di trattamento adroterapici. Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Tesi di Laurea Magistrale Sviluppo di un software di raytracing fast-montecarlo su GPU per piani di trattamento adroterapici.

Dettagli

micro: un software per il calcolo della dose equivalente in radioterapia

micro: un software per il calcolo della dose equivalente in radioterapia CRO AVIANO Michele Avanzo micro: un software per il calcolo della dose equivalente in radioterapia SOC Fisica Medica, Centro di Riferimento Oncologico, Aviano, PN Venezia, 19/11/2010 Game of life - J.H.

Dettagli

Problema più delicato e importante. L effetto dannoso delle radiazioni ionizzanti durante le indagini. (minimo) perché lo stato del paziente

Problema più delicato e importante. L effetto dannoso delle radiazioni ionizzanti durante le indagini. (minimo) perché lo stato del paziente Applicazioni in campo sanitario A scopo diagnostico A scopo terapeutico Diagnostica medica Problema più delicato e importante L effetto dannoso delle radiazioni ionizzanti durante le indagini diagnostiche

Dettagli

Approccio Prospettico alla Sicurezza del Paziente in Radioterapia

Approccio Prospettico alla Sicurezza del Paziente in Radioterapia Sicurezza del paziente e rischio clinico in Radioterapia U.L.S.S. n. 9 TREVISO, 10 Dicembre 2014 Approccio Prospettico alla Sicurezza del Paziente in Radioterapia Marie Claire Cantone Universitàdegli Studi

Dettagli

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO O. Lora, F. Gregucci, A. Negri* U.O. di Radioterapia e Medicina Nucleare *U.O. Di Fisica Sanitaria

Dettagli

Dott. Alessandro Gava

Dott. Alessandro Gava Dott. Alessandro Gava Radioterapia Oncologica Treviso 1 STEP: Accoglienza e identificazione del paziente segreteria. - Omonimie nelle cartelle - Errori di trascrizione - Tessere sanitarie o altri codici

Dettagli

RETTIFICA URGENTE AL DISPOSITIVO MEDICALE NOTA DI SICUREZZA URGENTE

RETTIFICA URGENTE AL DISPOSITIVO MEDICALE NOTA DI SICUREZZA URGENTE Oggetto: Nome commerciale del prodotto interessato: Riferimento/identificatore FSCA: Data della notifica: Tipo di azione: La configurazione del fascio emc (electron Monte Carlo) di Eclipse con punti dati

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

STEREOTASSI CON ACCELERATORE

STEREOTASSI CON ACCELERATORE DA DOVE VIENE IL TERMINE? STEREOTASSI CON ACCELERATORE Maria Grazia Brambilla S.C. Fisica Sanitaria Niguarda Ca Granda Hospital MILANO - ITALY In greco. qualcosa che si organizza nello spazio DISPOSITIVO

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move 3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move Fabrizio Berra, Fabrizio Felletti, Michele Zucali Università degli Studi di Milano, Dip. Scienze

Dettagli

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 8.25 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 1 Premessa Nell ambito dell Azienda Sanitaria il Servizio di Fisica Sanitaria è una struttura che svolge attività specialistiche

Dettagli

Verifiche dosimetriche su piani di trattamento per tomoterapia: un anno di esperienza

Verifiche dosimetriche su piani di trattamento per tomoterapia: un anno di esperienza Rivista Medica Vol.13, No. 3, 2007 Proceedings Article Verifiche dosimetriche su piani di trattamento per tomoterapia: un anno di esperienza A. DASSIE, A. DRIGO, M. AVANZO, I. SALVADOR, S. REN KAISER,

Dettagli

OBIETTIVO del CORSO IL TSRM E LE NUOVE FRONTIERE DELL IMAGING DALLA RADIOTERAPIA DEL PASSATO ALLA RADIOTERAPIA DEL FUTURO

OBIETTIVO del CORSO IL TSRM E LE NUOVE FRONTIERE DELL IMAGING DALLA RADIOTERAPIA DEL PASSATO ALLA RADIOTERAPIA DEL FUTURO BENVENUTI AL CORSO DI AGGIORNAMENTO IL TSRM E LE NUOVE FRONTIERE DELL IMAGING DALLA RADIOTERAPIA DEL PASSATO ALLA RADIOTERAPIA DEL FUTURO CTSRM ELISEO FANT BELLUNO, 16-17 dicembre 2005 OBIETTIVO del CORSO

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

CENTRO GRANDI STRUMENTI Università Degli Studi Di Pavia. Tissue Studio Il patologo digitale

CENTRO GRANDI STRUMENTI Università Degli Studi Di Pavia. Tissue Studio Il patologo digitale CENTRO GRANDI STRUMENTI Università Degli Studi Di Pavia Tissue Studio Il patologo digitale 16 Giugno 2010 Immagini & Computer S.n.c. Via Don Carlo Riva 4 20010 Bareggio (Mi) L interpretazione e la comprensione

Dettagli

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RISCHIO CLINICO IN RADIOTERAPIA

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RISCHIO CLINICO IN RADIOTERAPIA SICUREZZA DEL PAZIENTE E RISCHIO CLINICO IN RADIOTERAPIA Treviso, 10 dicembre 2014 Appunti tratti da: 1 Rischio per il paziente in radioterapia sottodosaggio del PTV sovradosaggio di organi sani rischi

Dettagli

L ELABORAZIONE DEL TREATMENT PLANNING NELLA RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE, NELL IMRT E NELL IGRT

L ELABORAZIONE DEL TREATMENT PLANNING NELLA RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE, NELL IMRT E NELL IGRT L ELABORAZIONE DEL TREATMENT PLANNING NELLA RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE, NELL IMRT E NELL IGRT Michele Stasi, Barbara Baiotto S.C. Fisica Sanitaria A.O. Ordine Mauriziano & IRCC Candiolo -Torino Workshop

Dettagli

Dalla Teoria alla pratica: L impatto dell evoluzione tecnologica nell esperienza dei TSRM lombardi

Dalla Teoria alla pratica: L impatto dell evoluzione tecnologica nell esperienza dei TSRM lombardi Dalla Teoria alla pratica: L impatto dell evoluzione tecnologica nell esperienza dei TSRM lombardi Viviana Manazzale Incontro AIRO AIFM Lombardia 21 Maggio 2011 Il tecnico 0. Relazione con il paziente

Dettagli

Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica in Medicina e Chirurgia Applicazioni Diagnostiche della Realtà Virtuale

Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica in Medicina e Chirurgia Applicazioni Diagnostiche della Realtà Virtuale Department of Diagnostic and Molecular Imaging, Interventional Radiology, Nuclear Medicine and Radiotherapy University "Tor Vergata Rome Italy Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica

Dettagli

Curriculum vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione. Titoli di studio. Piazzale D Errico n 92,Palazzo S.

Curriculum vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione. Titoli di studio. Piazzale D Errico n 92,Palazzo S. Curriculum vitae Informazioni personali Nome Cognome Indirizzo Luciana Rago Piazzale D Errico n 92,Palazzo S.Gervasio (PZ) Telefono ufficio 0972-726480 E-mail Cittadinanza ragoluy@gmail.com Italiana Data

Dettagli

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Effetti biologici derivanti da dall interazione tra fasci laser utilizzati nelle applicazioni industriali ed il corpo umano Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS

Dettagli

10/07/2015. Dosimetria in vivo (DIV) Sistemi dosimetrici in vivo in radioterapia a fasci esterni e in brachiterapia. DIV: questione di metodo

10/07/2015. Dosimetria in vivo (DIV) Sistemi dosimetrici in vivo in radioterapia a fasci esterni e in brachiterapia. DIV: questione di metodo Dosimetria in vivo (DIV) Congresso AIRO Lombardia IL CONTROLLO DELLA TOSSICITA IN RADIOTERAPIA: L IMPORTANZA DELL APPROCCIO MULTIPROFESSIONALE Sistemi dosimetrici in vivo in radioterapia a fasci esterni

Dettagli

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer Computer Graphics La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare immagini di oggetti o scene mediante un computer Image Processing La disciplina fornisce metodi per acquisire

Dettagli

CENTRO GAMMA KNIFE TRATTAMENTO DI RADIOCHIRURGIA STEREOTASSICA CON GAMMA KNIFE

CENTRO GAMMA KNIFE TRATTAMENTO DI RADIOCHIRURGIA STEREOTASSICA CON GAMMA KNIFE CENTRO GAMMA KNIFE TRATTAMENTO DI RADIOCHIRURGIA STEREOTASSICA CON GAMMA KNIFE Gamma Knife Tutto il personale è sempre a Sua disposizione per informazioni e chiarimenti che possano aiutarla ad affrontare

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale

Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale Riduzione dei costi e produzione di immagini ad alto contenuto

Dettagli

M.E.N.T.I.S. Microscope Embedded Neurosurgical Training and Intra-operative System

M.E.N.T.I.S. Microscope Embedded Neurosurgical Training and Intra-operative System Sistema di Realta Virtuale ed Aumentata per la Neurochirurgia Compusurge meeting 13.07.2009 M.E.N.T.I.S. Microscope Embedded Neurosurgical Training and Intra-operative System A. De Mauro 1, J. Raczkowsky

Dettagli

TPS commerciali e Monte Carlo a confronto

TPS commerciali e Monte Carlo a confronto Stefania Cora U.O. Fisica Sanitaria Ospedale S. Bortolo TPS commerciali e Monte Carlo a confronto email: stefania.cora@ulssvicenza.it Corso per l utilizzo del codice MonteCarlo in campo medico ISS Roma

Dettagli

Lezione 3: Grafica 3D*

Lezione 3: Grafica 3D* Lezione 3: Grafica 3D* Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani *I lucidi sono tratti da una lezione di Maura Melotti (m.melotti@cineca.it) Sommario Il processo grafico La modellazione 3D Rendering

Dettagli

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1st page Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1 2nd page Le tecniche di produzione di immagini aiutano i medici a vedere

Dettagli

di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina

di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina 16corso di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray introduzione

Dettagli

TOMOGRAFIA TIPI DI TOMOGRAFIA

TOMOGRAFIA TIPI DI TOMOGRAFIA TOMOGRAFIA Il termine tomografia deriva dal Greco antico e significa rappresentazione di un corpo tridimensionale (3D) mediante una serie di sue sezioni trasverse bidimensionali (2D). Nell imaging medico

Dettagli

NemoCeph. Software Ortodontico pratico, semplice e immediato

NemoCeph. Software Ortodontico pratico, semplice e immediato NemoCeph Software Ortodontico pratico, semplice e immediato L'ortodonzia occupa un ruolo predominante nella pratica odontoiatrica e dai pazienti è richiesta sempre di più la perfezione nel risultato del

Dettagli

Studio e implementazione di un OCR per auto-tele-lettura dei contatori di gas e acqua

Studio e implementazione di un OCR per auto-tele-lettura dei contatori di gas e acqua POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento di Elettronica e Informazione Studio e implementazione di un OCR per auto-tele-lettura dei contatori di gas e acqua AI & R Lab

Dettagli

Fondamenti della Tomosintesi della Mammella:

Fondamenti della Tomosintesi della Mammella: Fondamenti della Tomosintesi della Mammella: Miglioramento delle prestazioni in mammografia Andrew Smith Ph.D. Introduzione La tomosintesi della mammella è una tecnologia di visualizzazione tridimensionale

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Gruppo di Fisica Medica

Gruppo di Fisica Medica Gruppo di Fisica Medica Prof. Mauro Gambaccini (stanza 307, gambaccini@fe.infn.it) Dott. Giovanni Di Domenico Dott. Michele Marziani Dott. Angelo Taibi Dott. Francesco Sisini Dott. Paolo Cardarelli Gaia

Dettagli

Organizzazione del corso

Organizzazione del corso Bioimmagini Organizzazione del corso Orari delle lezioni Lezione il martedì ore 14.30 16.30, aula 1B ed il venerdì 8.30-10.30, aula 1D Esercitazioni al posto delle lezioni al LADISPE di via Boggio quando

Dettagli

Improvements in quality and quantification of 3D PET images

Improvements in quality and quantification of 3D PET images Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dottorato di Ricerca in Fisica e Astronomia Coordinatore: Prof. Giberto Chirico Tesi di Dottorato di Ricerca

Dettagli

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA Verso l integrazione delle immagini e i CAD Giovanna Rizzo IBFM-CNR, Milano Milano, 18 gennaio 2007 WORKSTATION DI REFERTAZIONE EVOLUZIONI Elaborazione Integrazione

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DI EPID A SILICIO AMORFO PER CONTROLLI DOSIMETRICI SU FASCI DI FOTONI AD ALTA ENERGIA

CARATTERIZZAZIONE DI EPID A SILICIO AMORFO PER CONTROLLI DOSIMETRICI SU FASCI DI FOTONI AD ALTA ENERGIA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Scuola di Scienze Corso di Laurea Magistrale in Fisica CARATTERIZZAZIONE DI EPID A SILICIO AMORFO PER CONTROLLI DOSIMETRICI SU FASCI DI FOTONI AD ALTA ENERGIA

Dettagli

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Introdotta circa tre decadi fa da Phelps e Hoffman la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) solo recentemente è divenuta lo strumento

Dettagli

Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze

Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze Tecniche di Post-processing Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze introduzioni Gli algoritmi di visualizzazione tridimensionale richiedono l uso di dati di tipo volumetrico,,

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

APPARECCHIO RADIOGENO

APPARECCHIO RADIOGENO UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia APPARECCHIO RADIOGENO A.A. 2014 2015 Tecniche di Radiodiagnostica

Dettagli

Misure senza contatto

Misure senza contatto Misure senza contatto Remo Sala - remo.sala@polimi.it VBLab Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano 03 luglio 2009 - Corso presso medicina legale 1 Messaggio: posso creare delle copie 2 Messaggio:

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 CAPITOLO 1... 8 PRINCIPI DI PROTONTERAPIA... 8 1.1 LA PROTONTERAPIA... 9 1.1.1 i vantaggi clinici della protonterapia... 9 1.1.

INTRODUZIONE... 3 CAPITOLO 1... 8 PRINCIPI DI PROTONTERAPIA... 8 1.1 LA PROTONTERAPIA... 9 1.1.1 i vantaggi clinici della protonterapia... 9 1.1. INTRODUZIONE... 3 CAPITOLO 1... 8 PRINCIPI DI PROTONTERAPIA... 8 1.1 LA PROTONTERAPIA... 9 1.1.1 i vantaggi clinici della protonterapia... 9 1.1.2 Peculiarità dei fasci di protoni... 12 1.2 CENTRI DI ADROTERAPIA

Dettagli

MammoSite. Limiti alla 3DCRT-IMRT. Controllo loco-regionale PREMESSA PREMESSA. Programma attuale. Programma attuale

MammoSite. Limiti alla 3DCRT-IMRT. Controllo loco-regionale PREMESSA PREMESSA. Programma attuale. Programma attuale 100 80 40 20 0 C.R.O. Aviano Dalla radioterapia del passato alla radioterapia del futuro: dalle metodiche IORT alla TOMOTHERAPY. Brusadin Gianfranco DIPARTIMENTO DI TERAPIA RADIANTE, MEDICO NUCLEARE E

Dettagli