V CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L EDUCAZIONE DEGLI ADULTI"

Transcript

1 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE 5 CENTRO TERRITORIALE PER 55 L EDUCAZIONE PERMANENTE DEGLI ADULTI - E.D.A. - Sede centrale ed amm.va: Via Tor de Schiavi, Roma - fax/tel. 06/ Distr. 15 Sede succursale: Via M.U.Guattari, Roma fax/tel. 06/ Sito web: - PIANO 1

2 PARTE PRIMA PRESENTAZIONE DEL V C.T.P 2

3 PRESENTAZIONE I Centri Territoriali Permanenti per l Educazione degli Adulti (C.T.P.) sono stati costituiti a seguito dell Ordinanza Ministeriale n 455 del Sulla base di quanto indicato dall Ordinanza Ministeriale, i C.T.P. si propongono quale elemento di raccolta delle esigenze di formazione e aggregazione provenienti dal contesto socio-culturale in cui operano. L obiettivo principale è quello di fornire, nell ambito del loro bacino di utenza, risposte efficaci e flessibili alla necessità di progettare, orientare, coordinare e organizzare le attività di istruzione e formazione dirette a cittadini italiani e stranieri in età adulta. Il V Centro Territoriale Permanente per l educazione degli adulti è stato istituito con Decreto del Provveditore agli Studi di Roma n del 30 aprile 1998 con sede presso la S.M.S. G. Massaia. La scuola G. Massaia svolge da anni la propria attività formativa nell educazione per gli adulti, generalmente casalinghe, giovani disoccupati o con lavoro precario, minorenni con esperienze scolastiche spesso fallimentari, anziani e stranieri. Il Centro, inteso come luogo di raccordo fra scuola (elementare e media) e soggetti pubblici e privati che si occupano di orientamento e formazione, ha il compito di promuovere una maggiore collaborazione fra scuola e territorio, attivando rapporti tra istruzione e formazione professionale al fine di favorire l inserimento dei giovani nella vita attiva e il miglioramento degli standard culturali, formativi e di integrazione sociale. L azione formativa ha una funziona sociale essenziale sia per recuperare una condizione culturale e professionale sia per prevenire fenomeni di esclusione e di marginalità che spesso coinvolgono giovani in pericolo di deviazione e adulti espulsi dai circuiti lavorativi. Un azione formativa organica ed efficace, che voglia fornire competenze in grado di accrescere realmente le opportunità di inserimento nel mondo del lavoro, deve sul piano personale, restituire all individuo la stima di sé e favorire la graduale presa di coscienza di potenzialità inespresse; sul piano dell istruzione scolastica e della cultura personale, far acquisire conoscenze di base che consentano l apprendimento di nuove competenze professionali. 3

4 COMPITI OBIETTIVI FINALITA : Il V Centro Territoriale Permanente per l educazione degli adulti : si pone obiettivi di formazione, orientamento e integrazione. intende rispondere ad una domanda nuova e diversificata di bisogni formativi attraverso l acquisizione di strumenti culturali e l elaborazione di una progettualità individuale. si pone in una prospettiva per cui ogni persona, a qualunque età, può essere messa in grado di sviluppare le proprie capacità, di governare il proprio apprendimento e di partecipare a processi di riconversione che gli consentano di migliorare la qualità della vita. Le attività del Centro sono pertanto finalizzate all acquisizione, da parte degli iscritti, di saperi che: permettano una reale integrazione culturale e sociale; sostengano e accompagnino i percorsi di formazione professionale per facilitare l inserimento o il reinserimento nel mondo del lavoro. IL C.T.P. SI IMPEGNA A ORGANIZZARE ATTIVITÀ MIRATE: al conseguimento della Licenza Media; all apprendimento, a vari livelli, della lingua e della cultura italiana per gli stranieri; all acquisizione di una formazione di base utile per l orientamento al lavoro e lo sviluppo del senso civico; al recupero di abilità funzionali e lo sviluppo di competenze specifiche (lingue straniere,informatica, arte, ambiente, salute, mass media, ecc.); alla risposta a richieste di istruzione e formazione da parte di singoli cittadini, gruppi, enti e associazioni. 4

5 GLI ASSI CULTURALI DI RIFERIMENTO DELLE ATTIVITA DEL CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE SONO: i linguaggi e le culture, l alfabetizzazione nei linguaggi multimediali, la conoscenza del sistema sociale, ambientale, geografico, economico. L IMPOSTAZIONE METODOLOGICA: L AUTONOMIA DIDATTICO-ORGANIZZATIVA Per rispondere efficacemente ai compiti istituzionali e ai bisogni di una realtà complessa e articolata come quella dell educazione degli adulti, gli operatori dei C.T.P. sono coinvolti in una sperimentazione di autonomia che riguarda: l ambito organizzativo: definizione di intenti, convenzioni, partnership, ecc. con altre istituzioni, enti, associazioni operanti nel settore della formazione, del recupero, dell' istruzione professionale; l ambito metodologico: accoglienza degli utenti come momento di orientamento, valorizzazione delle competenze acquisite, negoziazione del percorso di formazione, valorizzazione della cooperazione; l ambito didattico: formazione relazionale, percorsi di apprendimento centrati sull analisi dei bisogni, individuazione di saperi e tecniche per sviluppare il know-how, centralità delle dimensioni della comunicazione e della progettualità, utilizzo di diversi alfabeti (nuovi linguaggi, lingue, tecnologie, ecc.); l ambito gestionale: funzioni di accoglienza, orientamento e tutoraggio, gestione del libretto personale, certificazioni. L attività formativa nella sua diversificata articolazione è complessivamente impostata su un nuovo modello di insegnamento che in parte si discosta da quello tradizionale nel senso che sposta il centro dell azione formativa dai contenuti alla persona con la sua storia, i suoi bisogni coinvolgendola in un processo di autoformazione volto ad acquisire: disponibilità a cambiare ed innovare (flessibilità); 5

6 saper inquadrare la propria attività in quella più complessiva dell organizzazione; conoscenza dei linguaggi e delle tecnologie più diffuse; disponibilità ad aggiornarsi e ad apprendere nuovi linguaggi; rinforzo dei valori democratici. RAPPORTI CON ALTRE ISTITUZIONI CENTRI DI ACCOGLIENZA In collaborazione con le Comunità di accoglienza si svolgono corsi rivolti a cittadini europei ed extra-europei che hanno come obiettivo lo sviluppo basilare e il perfezionamento della competenza comunicativa in lingua italiana attraverso la pratica integrata delle abilità linguistiche. COMUNITA CAPODARCO Tel. 06/ fax: 06/ Responsabile Sig. Fabrizio Massara Educatore: Sig. Valerio Musillo Operatrice: Sig.ra Gabriella Auriemma Operatrice: Sig.ra Tiziana Sgubin CENTRO ACCOGL. C.P.I.M. CARITAS DIOCESANA Sede Via Torrespaccata n tel 06/ fax: 06/ Sede Via Pelizzi 06/ Sede Piramide PORTA ARDEATINA TATA GIOVANNI FAX : CENTRO ACCOGLIENZA ISTITUTO G.B.TAYLOR Via delle Spighe n. 8 tel 06/ (segreteria) 06/ (educatrice) DOMUS BERNADETTE Responsabile: Suor Emanuela Nigro Educatrici: Sigg.re Chiara Delli Noci Enrica D Amato - Tel. 06/ CENTRO ACCOGLIENZA FELIX TEL. 06/ CENTRO ACCOGLIENZA VIRTUS Via dei Colombi, 134 Tel. 06/

7 RAPPORTI CON IL TERRITORIO LA RETE DELLE SCUOLE DEL XIV E XV DISTRETTO Dall anno il nostro Istituto partecipa a una struttura territoriale definita Rete delle scuole del XIV e XV distretto, nata con lo scopo di sostenere e valorizzare i singoli progetti scolastici, convogliandoli in un ampia prospettiva culturale. La Rete promuove un modello collaborativo di autonomia: sviluppa iniziative comuni di aggiornamento, formazione, sperimentazione e documentazione; facilita il radicamento delle scuole nel territorio; favorisce azioni di continuità e orientamento; valorizza la professionalità dei docenti; migliora l uso delle risorse. Dispone del sito Internet Scuoleinrete (www.retescuole14-15.com), utile strumento di comunicazione e di informazione sulle attività in corso di svolgimento: progetti, incontri, corsi di aggiornamento, documenti, iniziative editoriali, proposte di lavoro etc.. La Rete è anche uno strumento per ampliare la continuità tra i vari ordini d istruzione e per realizzare l integrazione scolastica degli alunni socialmente svantaggiati. Permette di concretizzare, in collaborazione tra le scuole, progetti di continuità, confrontando esperienze e metodologie didattiche. Attiva dinamiche basate sui principi dell autonomia scolastica, scongiurando i rischi dell isolamento e dell autoreferenzialità. Il 5 CTP, che opera presso le due sedi della scuola media G.Massaia di via Tor de Schiavi 175 e di via Guattari 45, ha proposto, con la collaborazione di tutte le istituzioni scolastiche di rete del VI e VII Municipio di: Rilevare (a campione) i bisogni di formazione della popolazione scolastica delle scuole della rete attraverso uno specifico questionario da somministrare ai genitori degli alunni delle prime classi delle scuole elementari, medi e superiori ( due classi a scuola); Sottoscrivere protocolli d intesa con gli EE.LL. per promuovere iniziative e progetti integrati nell ambito dell educazione degli adulti e per definire progetti pilota sulla base delle priorità e delle vocazioni territoriali; Promuovere il coordinamento di progetti comuni tra scuole ed enti disponibili competenti in materia di formazione, per potenziare la formazione dei giovani adulti, italiani e stranieri, prevenire la dispersione ed educare alla cittadinanza consapevole; Promuovere la conoscenza del CTP attraverso intese da realizzare tra docenti referenti delle scuole per l orientamento e la dispersione scolastica e i docenti coordinatori delle attività del Centro Territoriale. Sono stati inizialmente ricercati, avviati e in seguito consolidati rapporti con le realtà istituzionali o appartenenti alla società civile che svolgessero un'attività in qualche modo rilevante sul territorio della circoscrizione. In particolare sono stati avviati rapporti con: tutte le scuole superiori, medie, elementari e materne presenti sul territorio del VII e VI Municipio; biblioteche di quartiere; associazioni culturali; associazioni di volontariato; associazioni commercianti; comitati di quartiere; cooperative; parrocchie presenti sul territorio; consultorio Roma B; la ASL RM B; centri accoglienza; supermercati, locali commerciali, locali pubblici; particolare rilevanza è stata attribuita ai rapporti con gli uffici scuola del VI e del VII Municipio. 7

8 PROGETTO XI DIPARTIMENTO - COMUNE DI ROMA AVVIO DEL SISTEMA CITTADINO PER L EDUCAZIONE DEGLI ADULTI E SPERIMENTAZIONE DEL COMITATO LOCALE NEL VII MUNICIPIO IL PROGETTO E finalizzato alla costituzione a livello cittadino e locale di un sistema integrato per l educazione degli adulti (EDA). Prevede la sperimentazione dei Comitati Locali in cinque Municipi del Comune di Roma, in linea con l accordo sancito in sede di Conferenza Unificata il 2 marzo Partners Locali: - Municipio VII Assessorato Cultura, Formazione e Lavoro; - 5 Centro Territoriale per l educazione Permanente degli adulti; - Centro di Formazione Professionale Gullace ; - Centro di Orientamento al Lavoro Gullace ; - SOLCO Srl società di servizi per il mercato del lavoro e l occupazione. Obiettivi: 1) costruire significati condivisi relativamente all educazione degli adulti ed alle sue finalità; 2) potenziare la capacità di progettazione partecipata e gestione di azioni formative rispondenti ai bisogni dei cittadini; 3) costruire un modello condiviso di sistema locale per l educazione degli adulti. Con nota n del il Comune di Roma Dipartimento XI ha presentato la candidatura e richiesta di finanziamento per il Progetto denominato Avvio del Sistema cittadino per l educazione degli adulti e sperimentazione dei Comitati locali nel Municipio VII, che prevede come soggetto proponente e gestore il Comune di Roma Dipartimento XI e come co-promotore il Municipio VII del Comune di Roma. Il progetto prevede una suddivisione di massima delle competenze tra livello centrale e livello locale, in relazione alle attività da svolgere. Tra le azioni previste nel progetto rientrano le attività seminariali e formative, finalizzate a costruire significati condivisi, relativamente all educazione degli adulti e alle sue finalità, a rafforzare le competenze della partnership territoriale del comitato locale, degli operatori del sistema, dei decisori politici e dei tecnici del Municipio VII, a potenziare la capacità di progettazione partecipata e gestione di azioni formative rispondenti ai bisogni dei cittadini, in sintesi a costruire un modello condiviso di sistema locale per l educazione degli adulti. Il V CTP, partner territoriale di progetto, possiede risorse tecniche, organizzative e gestionali tali da assicurare la massima efficacia e la necessaria efficienza alle attività formative programmate. Nel progetto rientrano le attività di ricerca sul territorio del Municipio VII, in stretto rapporto con la Cabina di regia centrale, finalizzate alla rilevazione dei bisogni formativi inespressi, nonché alla conoscenza dello stato reale dell organizzazione e delle strategie dell offerta formativa EDA territoriale. Durante le fasi operative del progetto sono previste le attività degli Esperti EDA, mirate ad azioni, in stretto rapporto con il Coordinatore territoriale, lo staff territoriale e la Cabina di regia centrale, finalizzate a: progettazione di azioni di costituzione del Comitato locale e presentazione pubblica dello stesso, progettazione di azioni di sensibilizzazione di operatori e cittadini 8

9 analisi, diffusione e pubblicizzazione dell offerta EDA progettazione attività seminariali azioni di sviluppo della cultura di rete e di integrazione dell offerta formativa. 9

10 PARTE SECONDA PERCORSI DI FORMAZIONE 10

11 LE FASI DEL PERCORSO DI FORMAZIONE - ISCRIZIONE - Il primo approccio avviene di solito con il personale di segreteria per la compilazione del modulo di iscrizione. Questo primo momento, che precede la vera e propria fase di accoglienza, fornisce all utente un aiuto per orientare le proprie scelte rispetto all offerta formativa del Centro, soprattutto in riferimento agli aspetti organizzativi. Allo stesso tempo, l iscrizione consente di rilevare con metodo formale la domanda di formazione che proviene dal territorio: il modulo di iscrizione infatti non richiede solo dati anagrafici, ma mette in evidenza anche altri elementi che consentono di avviare le attività formative nella più aderente conformità ai bisogni dell utenza, come il percorso scolastico del futuro corsista, le sue esigenze e competenze, la sua disponibilità oraria, le sue preferenze rispetto alle varie sedi del C.T.P. ACCOGLIENZA E IL COLLOQUIO DI ACCESSO I bisogni espressi dall utenza vengono approfonditi anche con il supporto di test e questionari opportunamente predisposti, nonché con metodo informale e diretto attraverso l interazione tra corsista e docente.in base alle iscrizioni e alle relative liste di attesa, infatti, vengono programmati appositi incontri assembleari in cui i docenti: danno un informazione esauriente sull offerta formativa del Centro verificano la corrispondenza della stessa con le motivazioni dei corsisti coinvolgono concretamente i corsisti nei meccanismi organizzativi delle attività mettono in evidenza l importanza, per il buon esito del percorso formativo, dell esperienza pregressa di ciascun corsista e dell instaurarsi di un clima di socializzazione, collaborazione e rispetto reciproco. All interno di queste riunioni sono previsti appositi momenti di interazione individuale con gli utenti. Compito del docente è creare le condizioni ideali attraverso il dialogo, il confronto, l ascolto per valutare i risultati dell iter formativo già compiuto dal corsista, per individuarne i bisogni di apprendimento e per orientarlo all acquisizione di quelle conoscenze e abilità che favoriranno un agevole processo di crescita individuale e di approfondimento della cultura di base. Nella lettura dei bisogni, si tiene in particolare considerazione il fatto che gli iscritti ai corsi per il conseguimento della Licenza Media manifestano esigenze sostanzialmente differenti da chi è già in possesso del titolo: per i primi possono essere prioritari il bisogno di recuperare un rapporto positivo con l istituzione scolastica e il bisogno di utilizzare il 11

12 diploma per intraprendere un attività lavorativa; per gli altri, oltre a quest ultima esigenza, emergono il bisogno di accrescere le proprie competenze per migliorare la posizione lavorativa e i rapporti con gli altri, il bisogno di socializzazione, il bisogno di gratificazioni personali. Una volta individuate le competenze, i saperi pregressi (crediti formativi) e i bisogni, si hanno i primi elementi per definire gli obiettivi del percorso formativo di ciascun utente e per l inserimento nei singoli corsi di studio. In questa prima fase di accoglienza, il corsista viene dunque aiutato a: riconoscere i propri bisogni, condividere l importanza del lavoro di gruppo, raggiungere la consapevolezza della sua esperienza pregressa come risorsa di apprendimento (definizione dei crediti formativi),definire gli obiettivi dell apprendimento. IL PATTO FORMATIVO La fase dell accoglienza si conclude con la discussione e la formulazione del Patto formativo per ciascun corsista. In base alle conoscenze acquisite, i docenti individuano i crediti formativi, il livello di partenza, gli obiettivi formativi, le metodologie di approccio più adatte a ogni singolo corsista e concordano con lui una strategia di apprendimento. Il Patto formativo è un vero e proprio contratto, che ogni corsista sottoscrive in base al percorso formativo che sceglie di seguire: vi sono definiti gli obiettivi da raggiungere per ciascun modulo dell attività didattica, le attività in cui si concretizzerà la formazione, le ore complessive e gli orari in cui verranno eseguite. Ogni docente articola, infatti, il modulo in unità cui corrispondono competenze da raggiungere, che possono essere rilevate a cadenza periodica. Il Patto formativo può eventualmente essere ridiscusso per adeguarlo a nuove esigenze manifestatesi nel corso dell anno scolastico. IL LIBRETTO PERSONALE Per ogni frequentante viene predisposto un libretto personale che, oltre all indicazione dei dati anagrafici, contiene i dati raccolti nella fase di accoglienza, i crediti formativi riconosciuti all ingresso, le attività svolte con l indicazione della durata oraria. 12

13 LA VALUTAZIONE DELL AVANZAMENTO FORMATIVO Durante il percorso formativo sono previste verifiche periodiche, che vengono effettuate al termine di ogni unità modulare per accertare l efficacia delle strategie adottate attraverso l analisi del metodo di lavoro e delle competenze progressivamente acquisite dai corsisti. In base ai risultati di queste verifiche, docenti e corsisti potranno decidere di riformulare nuovamente gli obiettivi del percorso d apprendimento e ridefinire il Patto formativo secondo le competenze raggiunte e da raggiungere. Per i frequentanti dei corsi per il conseguimento della Media che al termine dell anno scolastico non abbiano adempiuto per intero agli obblighi sanciti dal Patto formativo è previsto il rilascio di un attestato di frequenza con l indicazione delle ore effettivamente svolte e la certificazione delle competenze raggiunte e delle abilità accertate. Questo documento va a costituire un credito formativo per l anno successivo. LA VALUTAZIONE FINALE Ai frequentanti che hanno seguito il corso per il conseguimento della Licenza Media nei termini previsti dal Patto formativo viene rilasciato, dopo la prova d esame di Stato, il Diploma di Licenza Media. Per quanto riguarda gli altri moduli organizzati dal C.T.P., agli studenti che hanno frequentato almeno i due terzi delle previste ore viene rilasciato un attestato di frequenza con l indicazione delle competenze raggiunte. ATTIVITÀ DI TUTORAGGIO E ACCOGLIENZA Ciascun insegnante del C.T.P. effettua, all interno del proprio orario di servizio, ore ripartite in: attività di accoglienza, necessariamente scaglionata nel corso dell anno scolastico per far fronte ai flussi di utenza del Centro attività di recupero e consolidamento delle conoscenze attività di tutoraggio; a ciascun docente-tutor sono assegnati almeno 20 corsisti, per i quali egli viene a costituire il principale referente. 13

14 PACCHETTI FORMATIVI DEI CORSI MODULARI In considerazione dell analisi dei bisogni formativi espressi dal territorio e delle richieste formulate dall utenza, il V C.T.P. ha predisposto un ampio ventaglio di attività che rispondono a: esigenze di acquisire saperi funzionali ad un migliore inserimento nel mondo del lavoro; richieste di miglioramento del proprio bagaglio di conoscenze. Le seguenti proposte di lavoro vengono usate in modo flessibile dai docenti in quanto sono formulate in stretto riferimento ai bisogni degli utenti. Infatti, solo dopo un accurata fase di accoglienza, viene concordato tra docenti e corsista un Patto Formativo individualizzato. 14

15 Sito web: CORSI PER ADULTI A.S V CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L EDUCAZIONE DEGLI ADULTI LICENZA MEDIA Il corso consente di conseguire la Licenza Media in un solo anno scolastico, frequentando (da ottobre a giugno) i seguenti moduli: Italiano 40 h (con potenziamento per iscrizione alle superiori), Storia e Geografia 40 h, Matematica e Scienze 40 h (con potenziamento per iscrizione alle superiori), Inglese 40 h, Educazione Tecnologica 40 h, Orientamento al lavoro 20 h, Informatica 20 h per un totale di 240 ore. Gli esami si svolgono con due prove scritte (italiano e matematica) e un colloquio orale. La Commissione è costituita dai docenti del Centro più un Presidente esterno. Sede dei corsi: Via Guattari, 45. Corso completamente gratuito. CORSO DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI Dopo aver stabilito il livello di conoscenza della lingua da parte degli iscritti, questi verranno suddivisi in gruppi il più possibile omogenei. Sede dei corsi: Via Guattari, 45. Si prevedono 2 livelli principali: 1. Insegnamento dei primi elementi della lingua italiana, finalizzato all uso della lingua parlata e scritta nella vita quotidiana; 2. Approfondimento della lingua italiana, finalizzato ad una maggiore conoscenza del contesto sociale e culturale italiano e ad un uso più ricco e articolato del linguaggio orale e scritto. A seconda del livello di preparazione raggiunto, il corso si potrà concludere con l esame di licenza media, per chi ne abbia fatto richiesta. A tutti i partecipanti verrà comunque rilasciato un attestato che riporterà il livello di conoscenza della lingua italiana raggiunto. Corso completamente gratuito. COURS DE LANGUE ITALIENNE POUR ETRANGERS Après avoir testé le niveau de connaissance de la langue, on classe les inscrits dans groupes les plus possible homogènes. On envisage 2 niveaux de langue : 1. enseignement des premiers éléments de l'italien permettant d amener les apprenants à comprendre la langue parlie et écrite dans la vie quotidienne; 2. approfondissement de la langue pour une meilleure connaissance du contexte social et culturel de l italien et pour une utilisation de la langue orale et écrite plus riche et articulée. Second le niveau d apprentissage, et sur demande, on pourra terminer le cours par examen de diplôme d enseignement moyen. A la fin du cours, on délivrera aux inscrits un certificat indiquant le niveau d acquisition de la langue. COURSE OF ITALIAN LANGUAGE FOR FOREIGNERS After an entry test to establish their level of knowledge of the Italian language, students will be devided into groups, as integrated as possible. Two main levels are expected: 1. Teaching of the basic elements of language to enable students to communicate orally and in writing in an every day situation. 2. In depth knowledge of Italian language leading to a greater understanding of the social and cultural background of Italy and to the achievement of a richer and more articulated use of the oral and written language. Depending on the achievement level reached by studens, the course can be completed with exams for middle school license if candidates so wish. On complition of courses all students will be awarded an achievement level certificate of their knowledge of Italian language. 15

16 CORSO DI INFORMATICA Uso quoditidiano del Computer. Modulo base di 30 h (videoscrittura Word e di Internet Explorer) Modulo approfondimento di 16 h (foglio di calcolo Excel ). Sede dei corsi: Via Guattari, 45. Assistenza online postcorso. CORSI DI LINGUA STRANIERA IINGLESE FRANCESE SPAGNOLO Apprendimento o approfondimento delle lingue straniere, intese come strumento comunicativo e interattivo. Dopo aver stabilito il livello iniziale di conoscenza della lingua, gli iscritti verranno suddivisi in classi omogenee. Sede dei corsi: Via Guattari, 45 (inglese e spagnolo) e V. Tor de Schiavi, 175 (inglese e francese). Durata: modulo lingua base 40 h + modulo approfondimento 40 h. Costo: Lingua Inglese: 5,00 per iscr.+ 16,00 per un modulo; Lingua Francese: 5,00 per iscr. + 20,00 per un modulo; Lingua Spagnola: CORSO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE E AVVIAMENTO ALLE PROFESSIONI DI ASSISTENZA (con possibilità di iscrizione al Registro Cittadino degli Assistenti Familiari del Comune di Roma) Conoscenza dei problemi legati alla salute per una consapevole coscienza sanitaria. Il corso è suddiviso in 3 moduli (40 h ciascuno) più tirocinio presso una Casa di Cura (40 h). La frequenza dei tre moduli, integrata dal tirocinio presso una Casa di Cura convenzionata con il 5 C.T.P., consente l iscrizione al Registro Cittadino degli Assistenti Familiari del Comune di Roma. Sede dei corsi: Via Guattari, 45. ITINERARI DI ARTE E STORIA (INFOART) Un immagine della nostra città attraverso visite guidate alle sue principali attrattive, dalla Roma repubblicana ed imperiale a quella del primo 900, sia dal punto di vista artistico-archeologico che storico. Sede dei corsi: Via Guattari, 45. Durata: INTERO ANNO Altri corsi proposti per l anno formativo 2007/2008: BIENNIO SUPERIORI: GEOMETRA -OPERATORE TURISTICO/AZIENDALE (SIRIO) 16

17 MODULO DI ITALIANO 50 ORE LICENZA MEDIA Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue I sei livelli di riferimento in cui il QCER (Quadro Comune di Riferimento Europeo)si articola (A1, A2, B1, B2, C1 e C2) sono sempre più diffusamente accettati come parametri per valutare il livello di competenza linguistica individuale; gran parte degli enti certificatori delle varie lingue europee stanno ormai completando il passaggio alle nuove denominazioni dei livelli di conoscenza linguistica per le certificazioni da essi rilasciate o, in alternativa, forniscono tabelle di conversione tra le denominazione dei propri livelli e quelle standard del Quadro comune di riferimento europeo. Inoltre anche alcuni enti certificatori di paesi extraeuropei hanno già avviato progetti di armonizzazione dei propri livelli linguistici con quelli del QCER. Livelli Il Quadro comune di riferimento europeo distingue tre ampie fasce di competenza ("Base", "Autonomia" e "Padronanza"), ripartite a loro volta in due livelli ciascuna per un totale di sei livelli complessivi, e descrive ciò che un individuo è in grado di fare in dettaglio a ciascun livello nei diversi ambiti di competenza: comprensione scritta (comprensione di elaborati scritti), comprensione orale (comprensione della lingua parlata), produzione scritta e produzione orale (abilità nella comunicazione scritta e orale). A - Base A1 - Livello elementare Comprende e usa espressioni di uso quotidiano e frasi basilari tese a soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se stesso/a e gli altri ed è in grado di fare domande e rispondere su particolari personali come dove abita, le persone che conosce e le cose che possiede. Interagisce in modo semplice, purché l altra persona parli lentamente e chiaramente e sia disposta a collaborare. A2 - Livello pre-intermedio o "di sopravvivenza" Comprende frasi ed espressioni usate frequentemente relative ad ambiti di immediata rilevanza (es. informazioni personali e familiari di base, fare la spesa, la geografia locale, l'occupazione). Comunica in attività semplici e di abitudine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni. Sa descrivere in termini semplici aspetti della sua vita, dell ambiente circostante; sa esprimere bisogni immediati. B Autonomia B1 - Livello intermedio o "di soglia" Comprende i punti chiave di argomenti familiari che riguardano la scuola, il tempo libero ecc. Sa muoversi con disinvoltura in situazioni che possono verificarsi mentre viaggia nel paese di cui parla la lingua. È in grado di produrre un testo semplice relativo ad argomenti 17

18 che siano familiari o di interesse personale. È in grado di esprimere esperienze ed avvenimenti, sogni, speranze e ambizioni e di spiegare brevemente le ragioni delle sue opinioni e dei suoi progetti. B2 - Livello post-intermedio Comprende le idee principali di testi complessi su argomenti sia concreti che astratti, comprese le discussioni tecniche sul suo campo di specializzazione. È in grado di interagire con una certa scioltezza e spontaneità che rendono possibile una interazione naturale con i parlanti nativi senza sforzo per l'interlocutore. Sa produrre un testo chiaro e dettagliato su un'ampia gamma di argomenti e spiegare un punto di vista su un argomento fornendo i pro e i contro delle varie opzioni. C - Padronanza C1 - Livello avanzato o "di efficienza autonoma" Comprende un'ampia gamma di testi complessi e lunghi e ne sa riconoscere il significato implicito. Si esprime con scioltezza e naturalezza. Usa la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, professionali ed accademici. Riesce a produrre testi chiari, ben costruiti, dettagliati su argomenti complessi, mostrando un sicuro controllo della struttura testuale, dei connettori e degli elementi di coesione. C2 - Livello di padronanza della lingua in situazioni complesse Comprende con facilità praticamente tutto ciò che sente e legge. Sa riassumere informazioni provenienti da diverse fonti sia parlate che scritte, ristrutturando gli argomenti in una presentazione coerente. Sa esprimersi spontaneamente, in modo molto scorrevole e preciso, individuando le più sottili sfumature di significato in situazioni complesse. MODULO DI STORIA E GEOGRAFIA 30 ORE acquisire il concetto di contemporaneità e posteriorità conoscere a grandi linee la storia del novecento; acquisire un lessico semplice ma scecifico delle discipline. MODULO DI MATEMATICA 40 ORE conoscere e comprendere il sistema di numerazione decimale; comprendere e risolvere le quattro operazioni e semplici problemi con numeri interi e decimali; saper compilare la modulistica del quotidiano; comprendere il significato delle unità di misura e operare con esse; comprendere e risolvere problemi con l'uso di frazioni e percentuali; conoscere i principal poligoni, calcolo dei perimetrie aree di rettangoli e quadrati; saper leggere e interpretare grafici. 18

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI

RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI Procedure e Strumentario per il riconoscimento dei crediti Prova sul Campo 2012 Il gruppo di lavoro Ricreare

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli