RISOLUZIONE N.317/E. Roma, 2 ottobre 2002

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISOLUZIONE N.317/E. Roma, 2 ottobre 2002"

Transcript

1 RISOLUZIONE N.317/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 2 ottobre 2002 Oggetto:Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n FONDAZIONE ZW. Assegnazione agevolata di beni ai soci ex art. 3, comma 7, legge 28 dicembre 2001, n Il legale rappresentante della FONDAZIONE ZW ha presentato alla Direzione Regionale richiesta di parere in merito ad una operazione di assegnazione agevolata di beni da parte della società FONDAZIONE XY S.p.a (di seguito XY SpA) all unico socio, FONDAZIONE ZW (di seguito ZW). Successivamente, la competente Direzione Regionale, in considerazione dell interesse generale e della rilevanza economica della questione prospettata, ha chiesto di conoscere il parere della scrivente. QUESITO La Fondazione ZW - persona giuridica privata - è unico socio della società Fondazione XY S.p.a. Quest ultima intende procedere alla assegnazione di beni relativi all impresa diversi da quelli strumentali (azioni negoziate nei mercati regolamentati), con le modalità di cui all'art. 3, comma 7 della legge 28 dicembre 2001, n. 448 (legge finanziaria per il 2002).

2 2 L assegnazione delle azioni quotate a ZW il cui valore normale è pari a euro (a fronte di un valore di bilancio pari a euro ) avrà come contropartita patrimoniale, per la XY S.p.a., l intero ammontare delle riserve di utili risultanti dal bilancio relativo all esercizio 2001 (pari a euro ), nonché una parte del capitale sociale. Quest ultimo, a seguito dell assegnazione, sarà ridotto da euro a euro. La società assegnante provvederà ad assolvere la relativa imposta sostitutiva del 10 per cento su un importo pari a euro, dato dalla differenza tra il valore normale e il costo fiscalmente riconosciuto delle azioni assegnate. La problematica proposta attiene alle conseguenze fiscali dell'operazione sul socio assegnatario dei beni. In particolare, secondo la Fondazione istante, è necessario procedere alla individuazione della natura delle poste di patrimonio netto ridotte da XY S.p.a. per effetto della procedura di assegnazione. Ciò in quanto la società assegnante è stata costituita per effetto di una operazione di scissione parziale da parte della JZ S.p.a., avvenuta in data Il capitale di XY S.p.a., inizialmente pari a euro, è stato costituito con l utilizzo di riserve statutarie (euro ) e di riserve in sospensione di imposta (euro ) figuranti nel patrimonio della XY S.p.a.. La beneficiaria XY S.p.a. ha imputato dette riserve attribuite per effetto della scissione parziale integralmente al proprio capitale sociale. SOLUZIONE INTERPRETATIVA DEL CONTRIBUENTE A parere dell'ente istante le riserve attribuite in sede di scissione, costituenti il capitale della beneficiaria, mantengono la medesima qualificazione fiscale che avevano in capo alla società scissa. Tale affermazione viene supportata, oltre che da pareri espressi in dottrina, anche dal richiamo alla formulazione delle disposizioni di cui all'articolo 44, comma 2, del testo unico delle imposte sui redditi approvato con DPR 22 dicembre 1986 n. 917.

3 3 Conseguentemente, in sede di assegnazione agevolata, al socio assegnatario competerà il credito di imposta sui dividendi che la società assegnante sarà in grado di attribuire sulla base della consistenza dei canestri di cui dispone al momento dell'assegnazione stessa. Il predetto credito competerà, comunque, nei limiti dell'ammontare dell'irpeg dovuto da ZW, non essendo consentito, a mente dell'articolo 12, comma 6, del decreto legislativo del 17 maggio 1999, n. 153, richiederne il rimborso od il riporto a nuovo per la parte che eccede l'imposta stessa. PARERE DELLA SCRIVENTE La questione sottoposta all esame della scrivente si riferisce ad un operazione di assegnazione di beni relativi all impresa, diversi da quelli strumentali (azioni negoziate nei mercati regolamentati), all unico socio. La società assegnante intende avvalersi delle agevolazioni di cui all articolo 3, comma 7, della legge 28 dicembre 2001, n. 448 che ha esteso la disciplina di cui all articolo 29 della legge 27 dicembre 1997 n. 449 alle assegnazioni di beni ai soci poste in essere entro il 30 settembre Come noto, il trasferimento dei beni dalla sfera patrimoniale della società a quella del socio determina una riduzione dell attivo dello stato patrimoniale della prima ed in contropartita una riduzione del suo patrimonio netto. Con le circolari n. 112/E del 21 maggio 1999 e n. 40 del 13 maggio 2002 il Ministero delle Finanze, prima, e l Agenzia delle Entrate, dopo, hanno chiarito che l assegnazione di beni ai soci può essere effettuata mediante distribuzione di riserve di utili e/o mediante restituzione di riserve di capitale anche nelle particolari ipotesi di recesso del socio, liquidazione della società o riduzione del capitale esuberante. Nell ipotesi rappresentata, come già detto, intendendo la società assegnante procedere, altresì, ad una notevole riduzione del capitale sociale esuberante a fronte dell assegnazione dei beni al socio, viene chiesto se tale

4 4 riduzione di capitale sociale possa configurarsi come distribuzione di riserve di utili con conseguente attribuzione del credito d imposta. A seconda dell una o dell altra ipotesi le conseguenze, ai fini del trattamento fiscale in capo al socio, sono differenti. Ciò premesso, la sostanza della questione sottoposta all analisi della scrivente non è tanto quella di interpretare l articolo 3, comma 7 della legge finanziaria per il 2002 ed i suoi riflessi applicativi, quanto quella di verificare se sia possibile che le riserve di utili attribuite, in sede di scissione, alla società beneficiaria XY S.p.a. mantengano la loro classificazione fiscale originaria benché siano contabilmente confluite nel capitale sociale iniziale della stessa. Il problema da risolvere è dunque a monte in quanto, a seconda che si consideri o meno valida la tesi dell istante, ne deriverà che la riduzione del capitale sociale provocata dall assegnazione dei beni al socio potrà configurarsi come una distribuzione di riserve di utili o meno. La scrivente, fermo restando la legittimità civilistica della prospettata operazione di riduzione del capitale sociale per esuberanza, disciplinata - per quanto riguarda le società di capitali - dall articolo 2445 del codice civile, ritiene condivisibile la soluzione prospettata dal contribuente, innanzitutto perché esiste piena libertà di scelta in ordine alle voci ideali del netto che la scissa può utilizzare per alimentare il patrimonio della società beneficiaria. Nella scelta delle poste da trasferire non si ravvedono, infatti, limitazioni di natura civilistica alla discrezionalità delle società. L articolo 2504-octies, commi 2 e 3 del codice civile fa riferimento esclusivamente alla destinazione degli elementi dell attivo e del passivo, ma non alle voci ideali del patrimonio netto. Anche dal punto di vista fiscale, si ritiene che vi sia piena libertà di scelta e non vi è motivo di ritenere che tale ripartizione debba essere effettuata secondo un principio di proporzionalità (ai sensi dell articolo 123-bis, comma 4 del tuir). Ciò è confermato, a contrario, dallo stesso articolo 123-bis, comma 9

5 5 del tuir, il quale impone un obbligo di ricostruzione proporzionale nel patrimonio della beneficiaria, solo per i fondi in sospensione d imposta e non per altre voci del netto. Fatta eccezione per i fondi in sospensione d imposta, si ritiene, pertanto, che la società scissa possa liberamente alimentare il patrimonio delle beneficiarie attingendo al proprio capitale sociale o anche alle riserve di utili o di capitale di cui dispone. Nell ipotesi prospettata, la società beneficiaria ha, a sua volta, imputato le riserve di utili, trasmigrate dalla scissa, al proprio capitale sociale, con conseguente perdita dell originaria qualificazione contabile presso la scissa. Occorre a questo punto chiedersi se alla perdita della precedente qualificazione contabile (nel nostro caso riserve statutarie), segua anche la perdita della originaria qualificazione giuridica (nel nostro caso riserve di utili). Ad avviso della scrivente questo passaggio di riserve dalla scissa alla beneficiaria non determina la perdita della originaria qualificazione giuridica dal momento che tali poste patrimoniali provenienti dalla scissa mantengono la medesima natura che avevano in capo alla scissa stessa, ancorché confluite nel capitale sociale della beneficiaria. D altronde la continuità della qualificazione giuridica delle poste del netto trasferite alla beneficiaria in seguito alla operazione di scissione è espressione del principio di neutralità fiscale che caratterizza tale tipologia di operazioni. Il mantenimento della originaria qualificazione giuridica rileva anche ai fini del trattamento fiscale nel caso in cui la beneficiaria proceda, in seguito, alla distribuzione ai soci delle poste del proprio patrimonio netto. Infatti, qualora la beneficiaria riduca il proprio capitale sociale restituendo somme originariamente qualificate come riserve di utili nel bilancio della scissa (che pertanto hanno scontato la tassazione ai fini Irpeg), gli importi distribuiti assumono rilevanza per i soci come dividendi, con attribuzione del

6 6 relativo credito d imposta (nei limiti della effettiva capienza dei baskets). In tal modo si scongiura il rischio di doppia tassazione relativamente alle eventuali eccedenze di cui all articolo 44, comma 3 del tuir, che si verificherebbe in testa al socio in relazione a somme che hanno già scontato l imposizione in capo alla società scissa. In conclusione può affermarsi che nella operazione di scissione rappresentata, verificandosi una trasmigrazione di riserve di utili dal patrimonio netto della scissa a quello della beneficiaria le stesse non perdono la loro originaria qualificazione giuridica ancorchè, presso la stessa beneficiaria, siano state destinate a costituire o a incrementare il capitale perdendo, così, l originaria denominazione.

RISOLUZIONE N245/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma,23 luglio 2002

RISOLUZIONE N245/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma,23 luglio 2002 RISOLUZIONE N245/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,23 luglio 2002 Oggetto: Interpello /2002 - ART.11, legge 27-7-2000, n.212. Fondo pensione per i dirigenti Z. Comunicazione dei contributi

Dettagli

RISOLUZIONE N.95/E. OGGETTO: Istanza di interpello - JZ S.p.a- Articolo 48, comma 7 del TUIR.

RISOLUZIONE N.95/E. OGGETTO: Istanza di interpello - JZ S.p.a- Articolo 48, comma 7 del TUIR. RISOLUZIONE N.95/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,23 aprile 2003 OGGETTO: Istanza di interpello - JZ S.p.a- Articolo 48, comma 7 del TUIR. Con istanza di interpello del 12 dicembre 2002,

Dettagli

Risoluzione n.185/e. Roma, 24 settembre 2003

Risoluzione n.185/e. Roma, 24 settembre 2003 Risoluzione n.185/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello ART. 11, legge 27-7-2000, n. 212. Fondo di Previdenza Complementare per il personale

Dettagli

La disciplina fiscale dell Assegnazione agevolata

La disciplina fiscale dell Assegnazione agevolata Luca Ambroso (Commercialista in Torino) La disciplina fiscale dell Assegnazione agevolata 1 L assegnazione di beni ai soci L assegnazione può comportare da parte della Società nei confronti dei soci principalmente:

Dettagli

RISOLUZIONE N.83 /E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 17 del QUESITO

RISOLUZIONE N.83 /E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 17 del QUESITO RISOLUZIONE N.83 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 maggio 2007 OGGETTO: Istanza di interpello -ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Interpretazione dell art. 17, comma 1, lett. a-bis),

Dettagli

RISOLUZIONE N.141/E. Roma, 04 ottobre 2005

RISOLUZIONE N.141/E. Roma, 04 ottobre 2005 RISOLUZIONE N.141/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 ottobre 2005 OGGETTO: Istanza d interpello - Articolo 110, commi 3 e 4 del TUIR. Corretto trattamento fiscale dei crediti e debiti

Dettagli

RISOLUZIONE n. 152/E del 15 aprile 2008

RISOLUZIONE n. 152/E del 15 aprile 2008 RISOLUZIONE n. 152/E del 15 aprile 2008 OGGETTO: ISTANZA DI INTERPELLO /2007 - ARTICOLO 11, LEGGE 27 LUGLIO 2000, N. 212. - DPR N 917/1986 ART. 174 FUSIONE ENTI DIVERSI DALLE SOCIETÀ Con istanza presentata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 17/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 17/E QUESITO RISOLUZIONE N. 17/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 01 febbraio 2007 Oggetto: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Società Alfa HOLDING S.p.A. Art. 117 del Tuir

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 TRUST ALFA - Articoli 67, 68 e 73 del D.P.R. n. 917 del 1986 QUESITO

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 TRUST ALFA - Articoli 67, 68 e 73 del D.P.R. n. 917 del 1986 QUESITO RISOLUZIONE N. 4/E Roma, 4 gennaio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 TRUST ALFA - Articoli 67, 68 e 73 del D.P.R. n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 199/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2002

RISOLUZIONE N. 199/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2002 RISOLUZIONE N. 199/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2002 Oggetto: Interpello ART. 11, legge 27-7-2000, n. 212. Fondo pensione per il personale ZZ Istanza Decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 24 settembre Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 24 settembre Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 settembre 2012 OGGETTO: Beni concessi in godimento a soci o familiari, ai sensi dell articolo 2, commi da 36 terdecies a 36- duodevicies, del decreto

Dettagli

RISOLUZIONE n.102/e. Roma, 29 marzo 2002

RISOLUZIONE n.102/e. Roma, 29 marzo 2002 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE n.102/e Roma, 29 marzo 2002 Oggetto: Istanza di interpello n. 954-18/2002, ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, presentata

Dettagli

ALFA S.r.l. Sede in Capitale sociale Euro ,00= i.v. Iscritta al n. Iscritta al n. * * * Progetto di scissione parziale della società ALFA

ALFA S.r.l. Sede in Capitale sociale Euro ,00= i.v. Iscritta al n. Iscritta al n. * * * Progetto di scissione parziale della società ALFA ALFA S.r.l. Sede in Capitale sociale Euro 26.000,00= i.v. Iscritta al n. Iscritta al n. Progetto di scissione parziale della società ALFA S.r.l. (Scissa) con costituzione della nuova società BETA S.r.l.

Dettagli

Roma, 5 febbraio Oggetto: Interpello /2001 ART. 11, legge , n. 212.

Roma, 5 febbraio Oggetto: Interpello /2001 ART. 11, legge , n. 212. RISOLUZIONE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 febbraio 2002 Oggetto: Interpello 954-140/2001 ART. 11, legge 27-7-2000, n. 212. Con l istanza di interpello inoltrata ai sensi dell

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 9/E Roma, 17 gennaio 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza d Interpello Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212. XX Spa.Testo unico delle imposte sui redditi

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE VOLONTARIA DEI BENI IMMOBILI. Prof. Gianfranco FERRANTI

LA RIVALUTAZIONE VOLONTARIA DEI BENI IMMOBILI. Prof. Gianfranco FERRANTI LA RIVALUTAZIONE VOLONTARIA DEI BENI IMMOBILI Prof. Gianfranco FERRANTI Diretta 20 aprile 2009 OBIETTIVO DELLA NORMA: Consentire alle imprese di evidenziare la loro effettiva patrimonializzazione ai fini

Dettagli

Gli aspetti fiscali dell operazione di scissione Introduzione

Gli aspetti fiscali dell operazione di scissione Introduzione Introduzione Come per la fusione, l esame della disciplina fiscale delle operazioni di scissione riguarda pressoché esclusivamente le imposte dirette, in quanto: tale operazione è irrilevante ai fini IVA;

Dettagli

In tale bilancio andranno iscritte le attività e le passività ai valori risultanti dalle scritture contabili alla data in cui ha effetto la scissione.

In tale bilancio andranno iscritte le attività e le passività ai valori risultanti dalle scritture contabili alla data in cui ha effetto la scissione. Art. 2506 quater Dispone per la scissione l obbligo della rappresentazione contabile dell operazione nel primo bilancio successivo. In tale bilancio andranno iscritte le attività e le passività ai valori

Dettagli

RISOLUZIONE N. 242/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 luglio 2002

RISOLUZIONE N. 242/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 luglio 2002 RISOLUZIONE N. 242/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 luglio 2002 Oggetto: Interpello art. 21, comma 9, legge 30 dicembre 1991, n. 413 Trasferimento di partecipazioni dalla sfera istituzionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 144 /E

RISOLUZIONE N. 144 /E RISOLUZIONE N. 144 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22 novembre 2017 OGGETTO: Interpello art. 11, c. 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212). Documentazione probatoria idonea a dimostrare la

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE RISOLUZIONE del 5 novembre 2009, n. 275

AGENZIA DELLE ENTRATE RISOLUZIONE del 5 novembre 2009, n. 275 Roma, 05 novembre 2009 1 OGGETTO: Consulenza giuridica decreto legislativo n. 124 del 1993 articolo 13, comma 9 previdenza complementare tassazione rendimenti finanziari ante 31 dicembre 2000 Con l interpello

Dettagli

Oggetto: Richiesta di chiarimenti in ordine all applicazione dell articolo 9 della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

Oggetto: Richiesta di chiarimenti in ordine all applicazione dell articolo 9 della legge 27 dicembre 2002, n. 289. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N.92/E Roma,23 aprile 2003 Oggetto: Richiesta di chiarimenti in ordine all applicazione dell articolo 9 della legge 27 dicembre 2002, n. 289. Associazione

Dettagli

ASSEGNAZIONE, CESSIONE E TRASFORMAZIONE IN SOCIETÀ SEMPLICE ASPETTI FISCALI. Dott. Norberto Villa

ASSEGNAZIONE, CESSIONE E TRASFORMAZIONE IN SOCIETÀ SEMPLICE ASPETTI FISCALI. Dott. Norberto Villa ASSEGNAZIONE, CESSIONE E TRASFORMAZIONE IN SOCIETÀ SEMPLICE ASPETTI FISCALI Dott. Norberto Villa ASPETTI CONTABILI ASPETTI CONTABILI FATTISPECIE 1 Valore netto contabile = valore di mercato = 20 Non presenta

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 137 04.05.2016 UNICO 2016: dividendi percepiti da persone fisiche Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: UNICO Persone Fisiche La tassazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E. Roma, 16 maggio Oggetto: Istanza di interpello Art. 47 TUIR Associazione in partecipazione Recesso dell associato X

RISOLUZIONE N. 61/E. Roma, 16 maggio Oggetto: Istanza di interpello Art. 47 TUIR Associazione in partecipazione Recesso dell associato X RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 16 maggio 2005 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2005/77753 Oggetto: Istanza di interpello Art. 47 TUIR Associazione in partecipazione Recesso dell associato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 204/E

RISOLUZIONE N. 204/E RISOLUZIONE N. 204/E Roma, 19 maggio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Trattamento IRES e IVA di una operazione

Dettagli

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1 LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI Prof. Claudia Rossi 1 DATA DI EFFETTO La scissione ha effetto dalla data dell ultima delle iscrizioni dell atto di scissione dell ufficio del registro delle imprese in cui

Dettagli

RISOLUZIONE N. 145 /E

RISOLUZIONE N. 145 /E RISOLUZIONE N. 145 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 24/11/2017 OGGETTO: Super ammortamento dei beni dal costo unitario non superiore ad euro 516,46 - Ulteriori chiarimenti - Articolo 1, commi da 91

Dettagli

Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - La fusione Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 10 Prassi amministrativa... 14 Pareri del Comitato consultivo per l applicazione delle norme antielusive..

Dettagli

Risoluzione N. 113/E

Risoluzione N. 113/E Risoluzione N. 113/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,13 ottobre 2006 Oggetto: Istanza di interpello - Comunicazione relativa all esercizio dell opzione per la tassazione di gruppo. Articoli

Dettagli

RISOLUZIONE N.256/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,01 agosto 2002

RISOLUZIONE N.256/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,01 agosto 2002 RISOLUZIONE N.256/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,01 agosto 2002 Oggetto: XK Spa - Istanza di interpello preventivo ai sensi dell art. 21, comma 9, della Legge 413/91. La società XK Spa

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE. Stefano Spina

IMPOSTE DIRETTE. Stefano Spina IMPOSTE DIRETTE Stefano Spina ASSEGNAZIONE: BASE IMPONIBILE VALORE NORMALE - COSTO = STORICO BASE IMPONIBILE BASE IMPONIBILE IMPOSTA SOSTITUTIVA IIDD/IRAP 8% 10,5% se società di comodo 2 VALORE DEGLI IMMOBILI

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Previdenza complementare articolo 14 del decreto legislativo n.

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Previdenza complementare articolo 14 del decreto legislativo n. RISOLUZIONE N.421/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Previdenza complementare articolo 14 del

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Previdenza complementare articolo 14 del decreto legislativo n.

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Previdenza complementare articolo 14 del decreto legislativo n. RISOLUZIONE N.421/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Previdenza complementare articolo 14 del

Dettagli

FISCALMENTE RICONOSCIUTI AI FINI DELL AMMORTAMENTO I NUOVI VALORI DA PERIZIA PER L AFFITTUARIO

FISCALMENTE RICONOSCIUTI AI FINI DELL AMMORTAMENTO I NUOVI VALORI DA PERIZIA PER L AFFITTUARIO FISCALMENTE RICONOSCIUTI AI FINI DELL AMMORTAMENTO I NUOVI VALORI DA PERIZIA PER L AFFITTUARIO a cura di Federico Gavioli Una società a responsabilità limitata che effettua distribuzione di gas, costituitasi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 202/E

RISOLUZIONE N. 202/E RISOLUZIONE N. 202/E Roma, 29 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 30 DPR n.600 del 1973 e art. 48 del TUIR Cessione a propri dipendenti di generi

Dettagli

Roma, 19 giugno Esposizione del quesito

Roma, 19 giugno Esposizione del quesito RISOLUZIONE N. 197/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2002 Oggetto: Interpello ART. 11, legge 27-7-2000, n. 212. Istanza. Disciplina delle forme pensionistiche complementari ai

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 44 02.12.2015 Legge di Stabilità 2016: la trasformazione agevolata Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2016 Categoria: Ires Sottocategoria: Società

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. Con la richiesta di consulenza giuridica specificata in oggetto è stato esposto il seguente QUESITO

RISOLUZIONE N. 76/E. Con la richiesta di consulenza giuridica specificata in oggetto è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 76/E Roma, 16 settembre 2016 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in materia di tassazione dei capitali percepiti in caso di morte in dipendenza di contratti di assicurazione

Dettagli

Attività di consulenza giuridica e interpello. Indirizzi operativi.

Attività di consulenza giuridica e interpello. Indirizzi operativi. Direzione Regionale dell'emilia Romagna Ufficio Fiscalità generale Attività di consulenza giuridica e interpello. Indirizzi operativi. Prot.21745 del 28 aprile 2005 Riferimenti normativi e di prassi Legge

Dettagli

- Agenzia delle Entrate Provvedimento del 15 febbraio 2005 Gazzetta Ufficiale del 18 marzo 2005, n. 64

- Agenzia delle Entrate Provvedimento del 15 febbraio 2005 Gazzetta Ufficiale del 18 marzo 2005, n. 64 - Agenzia delle Entrate Provvedimento del 15 febbraio 2005 Gazzetta Ufficiale del 18 marzo 2005, n. 64 Approvazione del modello di dichiarazione "Unico 2005-SC", con le relative istruzioni, che le società

Dettagli

RISOLUZIONE N. 136/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 136/E QUESITO RISOLUZIONE N. 136/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 giugno 2007 OGGETTO:Istanza di interpello. Atto di divisione del patrimonio ereditato, con assegnazione di beni di valore eccedente

Dettagli

Indice PARTE PRIMA L ASSEGNAZIONE DEI BENI AI SOCI 1. ASSEGNAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIDUZIONE DEL PATRIMONIO NETTO DELLA SOCIETÀ...

Indice PARTE PRIMA L ASSEGNAZIONE DEI BENI AI SOCI 1. ASSEGNAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIDUZIONE DEL PATRIMONIO NETTO DELLA SOCIETÀ... PROFILO DELL AUTORE... 3 PRESENTAZIONE... 11 PARTE PRIMA L ASSEGNAZIONE DEI BENI AI SOCI 1. ASSEGNAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIDUZIONE DEL PATRIMONIO NETTO DELLA SOCIETÀ... 15 1. La natura delle operazioni

Dettagli

RIVALUTAZIONE BENI IMMOBILI RELATIVI ALL IMPRESA: ASPETTI FISCALI

RIVALUTAZIONE BENI IMMOBILI RELATIVI ALL IMPRESA: ASPETTI FISCALI RIVALUTAZIONE BENI IMMOBILI RELATIVI ALL IMPRESA: ASPETTI FISCALI a cura di Federico Gavioli Il decreto anti-crisi varato dall esecutivo di Governo contiene importanti disposizioni fiscali volte a contrastare

Dettagli

Con la richiesta di consulenza giuridica specificata in oggetto, concernente l'interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente

Con la richiesta di consulenza giuridica specificata in oggetto, concernente l'interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente Direzione Regionale della Lombardia Settore Servizi e Consulenza Milano, Ufficio Fiscalita' delle imprese e finanziaria ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI MILAN CORSO EUROPA 11 20122

Dettagli

PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS STUDIO DI CONSULENZA SOCIETARIA E FISCALE

PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS STUDIO DI CONSULENZA SOCIETARIA E FISCALE Circolare n. 4/2016 LEGGE DI STABILITA 2016 ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI E TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE La Legge 30 dicembre 2015, n. 208, c.d. Legge di Stabilità 2016, ai commi da 115 a 120 dell articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 99/E. Roma, 03 agosto 2006

RISOLUZIONE N. 99/E. Roma, 03 agosto 2006 RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 agosto 2006 OGGETTO: istanza di Interpello - Determinazione del reddito degli immobili di interesse storico e/o artistico posseduti

Dettagli

Aspetti fiscali delle attribuzioni beneficiarie

Aspetti fiscali delle attribuzioni beneficiarie Aspetti fiscali delle attribuzioni beneficiarie Savona 5 dicembre 2007 Maurizio Bastianelli 1 beneficiarie L intervento si propone un approfondimento di alcuni aspetti applicativi della disciplina tributaria

Dettagli

Oggetto: Interpello /2002-ART.11, legge , n.212. XY SPA -Istanza prot. n /2002 del 27/03/2002

Oggetto: Interpello /2002-ART.11, legge , n.212. XY SPA -Istanza prot. n /2002 del 27/03/2002 RISOLUZIONE 246/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,23 luglio 2002 Oggetto: Interpello /2002-ART.11, legge 27-7-2000, n.212. XY SPA -Istanza prot. n.954-23109/2002 del 27/03/2002 Con l istanza

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della L. n. 244 del 2007, è stato esposto il seguente QUESITO

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della L. n. 244 del 2007, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa Roma, 07 marzo 2011 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Regime dei contribuenti minimi - Chiarimenti in merito alla fattispecie

Dettagli

DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Direzione Regionale della Lombardia Ufficio Fiscalita' delle imprese e finanziaria 1 Milano, 16/10/2008 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CORSO EUROPA 11 20122 MILANO (MI) Prot.

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA LEGGE DI STABILITÀ p.75

LE NOVITÀ DELLA LEGGE DI STABILITÀ p.75 LE NOVITÀ DELLA LEGGE DI STABILITÀ 2016 p.75 p.75 ASSEGNAZIONE AGEVOLATA p.76 AMBITO SOGGETTIVO: CHI ASSEGNA SOCIETÀ INTERESSATE: società per azioni; società in accomandita per azioni; società a responsabilità

Dettagli

RISOLUZIONE n. 425/E QUESITO

RISOLUZIONE n. 425/E QUESITO RISOLUZIONE n. 425/E Roma, 05 novembre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2008/124593 OGGETTO: Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Trust ALFA articolo 73 del D.P.R.

Dettagli

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 30/11/2010 n. 123 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Interpello ai sensi dellarticolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 34/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 marzo 2004 Oggetto: Istanza di interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. WX spa Utilizzo di opere e servizi da parte

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 382 14.12.2016 Credito d'imposta estero Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 108 del 24.11.2016 Categoria: Fiscalità internazionale Sottocategoria:

Dettagli

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA ADEMPIMENTI PRATICI. Vincenzo GUARINO Stefania TELESCA

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA ADEMPIMENTI PRATICI. Vincenzo GUARINO Stefania TELESCA ADEMPIMENTI PRATICI Vincenzo GUARINO Stefania TELESCA RISERVE DA SOCIETA DI CAPITALI Nella trasformazione di una società di capitali in società in società semplice, le riserve di utili vengono tassate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 319/E

RISOLUZIONE N. 319/E RISOLUZIONE N. 319/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello - 2007 -Principi contabili internazionali - Utilizzabilità della riserva da FTA al

Dettagli

RISOLUZIONE N. 80/E. OGGETTO: Istanza di Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212

RISOLUZIONE N. 80/E. OGGETTO: Istanza di Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 RISOLUZIONE N. 80/E Roma, 4 agosto 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Istanza di Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione

Dettagli

RISOLUZIONE n.95/e. Roma,21 marzo 2002

RISOLUZIONE n.95/e. Roma,21 marzo 2002 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ufficio Persone Fisiche RISOLUZIONE n.95/e Roma,21 marzo 2002 Oggetto: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articoli 48, commi 2, lett d) e comma

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l applicabilità del regime agevolativo prima casa, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l applicabilità del regime agevolativo prima casa, è stato esposto il seguente Risoluzione n. 86/E Direzione Centrale Normativa Roma, 04/07/2017 OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Applicazione delle agevolazioni riservate alla prima

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 febbraio 2003

RISOLUZIONE N. 25/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 febbraio 2003 RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 febbraio 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. Comune di. IVA- Trattamento tributario applicabile

Dettagli

LE STP: ASPETTI FISCALI

LE STP: ASPETTI FISCALI Primo Ceppellini LE STP: ASPETTI FISCALI 1 SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI LANUOVADISCIPLINAÈSTATAINTRODOTTADA: ART. 10, COMMI DA 3 A 10, L. 10/11/2011, N. 183; REGOLAMENTO 08/02/2013, N. 34 DEL MINISTERO GRAZIA

Dettagli

Roma, 7 agosto Oggetto: Interpello ART. 11, legge , n. 212.

Roma, 7 agosto Oggetto: Interpello ART. 11, legge , n. 212. RISOLUZIONE N. 271/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ufficio Fiscalità Finanziaria Roma, 7 agosto 2002 Oggetto: Interpello ART. 11, legge 27-7-2000, n. 212. Con l istanza di interpello inoltrata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 399/E. Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione del D.lgs. n. 252 del 2005, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 399/E. Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione del D.lgs. n. 252 del 2005, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 399/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Fondo Pensioni Personale ALFA D.lg. 5 dicembre

Dettagli

Risoluzione N.107/E QUESITO

Risoluzione N.107/E QUESITO Risoluzione N.107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 maggio 2007 OGGETTO: Istanza di interpello Prenotazione a debito dell imposta di registro - Articolo 59, comma 1, lettera d) del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 64 /E

RISOLUZIONE N. 64 /E RISOLUZIONE N. 64 /E Roma, 20 giugno 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Atti di affrancazione di terre civiche: trattamento agevolato ai fini dell

Dettagli

CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL DIRITTO TRIBUTARIO PER IL NOTAIO CONSULENTE. Normativa

CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL DIRITTO TRIBUTARIO PER IL NOTAIO CONSULENTE. Normativa D.P.R. 29 settembre 1973 n. 600 Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi. Art. 27 Ritenuta sui dividendi. 1. Le società e gli enti indicati nelle lettere a) e b) del comma

Dettagli

Roma, 11 febbraio A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi BENIAISOCI_COM_2016_024

Roma, 11 febbraio A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi BENIAISOCI_COM_2016_024 Roma, 11 febbraio 2016 A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi BENIAISOCI_COM_2016_024 OGGETTO: Art. 29 Legge 449/1997 Art. 1, co. 115-120 Legge 208/2015 Riferimento analitico: Assegnazioni/cessioni di beni si

Dettagli

RISOLUZIONE N.127/E QUESITO

RISOLUZIONE N.127/E QUESITO RISOLUZIONE N.127/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 dicembre 2011 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Trattamento fiscale applicabile ai contributi erogati dalla Regione e dagli

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA DELLE ENTRATE - 23 luglio 2008, n. 318/E

RISOLUZIONE - AGENZIA DELLE ENTRATE - 23 luglio 2008, n. 318/E RISOLUZIONE - AGENZIA DELLE ENTRATE - 23 luglio 2008, n. 318/E OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Corretta modalità di determinazione del valore del patrimonio netto contabile

Dettagli

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289.

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. SOGGETTI INTERESSATI TUTTI I CONTRIBUENTI CHE HANNO PRESENTATO O CHE AVREBBERO DOVUTO PRESENTARE UNA DICHIARAZIONE ENTRO IL 31

Dettagli

RISOLUZIONE N. 17/E. Roma, 16 febbraio 2015

RISOLUZIONE N. 17/E. Roma, 16 febbraio 2015 RISOLUZIONE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Interpello - Cessione dal Comune agli assegnatari degli alloggi, di aree già concesse in diritto di superficie Applicabilità

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA RISOLUZIONE N. 452/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 compensazione orizzontale del credito Iva in

Dettagli

Azioni, quote e strumenti similari tra redditi di capitale e diversi - 3

Azioni, quote e strumenti similari tra redditi di capitale e diversi - 3 Pubblicata su FiscoOggi.it (http://www.fiscooggi.it) Analisi e commenti Azioni, quote e strumenti similari tra redditi di capitale e diversi - 3 Nel caso di attività finanziarie per le quali ci si è avvalsi

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n articolo 51, comma 2, lettera g-bis), del D.P.R. n.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n articolo 51, comma 2, lettera g-bis), del D.P.R. n. RISOLUZIONE N. 270/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 luglio 2008 Piaggio & C. S.p.A. C/O Studio Di Tanno e Associati OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212

Dettagli

RISOLUZIONE N.68/E FATTISPECIE RAPPRESENTATA

RISOLUZIONE N.68/E FATTISPECIE RAPPRESENTATA RISOLUZIONE N.68/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 ottobre 2013 OGGETTO: Istanza di disapplicazione presentata ai sensi dell art. 37-bis, comma 8, del D.P.R. n. 600 del 1973 Disciplina delle società

Dettagli

Il recesso del socio nelle società di persone: aspetti civilistici, contabili e fiscali

Il recesso del socio nelle società di persone: aspetti civilistici, contabili e fiscali Il recesso del socio nelle società di persone: aspetti civilistici, contabili e fiscali a cura di Antonio Gigliotti L'importo liquidato dalla società di persone al socio uscente a titolo di "differenza

Dettagli

OGGETTO: Imposta sostitutiva sui proventi dei titoli obbligazionari e similari emessi da soggetti residenti in Argentina.

OGGETTO: Imposta sostitutiva sui proventi dei titoli obbligazionari e similari emessi da soggetti residenti in Argentina. RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2005 OGGETTO: Imposta sostitutiva sui proventi dei titoli obbligazionari e similari emessi da soggetti residenti in Argentina.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 60/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 60/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27/07/2000, n.212 ALFA S.p.A Conferimento di partecipazioni di controllo

Dettagli

Oggetto: Istanza di Interpello - Art. 19-bis1, lett. i), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633.

Oggetto: Istanza di Interpello - Art. 19-bis1, lett. i), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633. RISOLUZIONE N.119/E Direzione Centrale Roma, 12 agosto 2005 Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di Interpello - Art. 19-bis1, lett. i), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633. Con istanza d interpello,

Dettagli

Assegnazione agevolata di beni ai soci: le novità della circolare 26/E

Assegnazione agevolata di beni ai soci: le novità della circolare 26/E Assegnazione agevolata di beni ai soci: le novità della circolare 26/E APPUNTAMENTO CON L ESPERTO, 13 LUGLIO 2016 dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

Dettagli

RISOLUZIONE N 118 /E. Roma, 28 maggio 2007

RISOLUZIONE N 118 /E. Roma, 28 maggio 2007 RISOLUZIONE N 118 /E Roma, 28 maggio 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza d interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212. Concordato fallimentare valore fiscale delle attività

Dettagli

RISOLUZIONE N. 104/E

RISOLUZIONE N. 104/E RISOLUZIONE N. 104/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 ottobre 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 IVA Rimborso da parte del gestore del servizio idrico delle

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ELIMINAZIONE. Signori Azionisti,

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ELIMINAZIONE. Signori Azionisti, RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ELIMINAZIONE DELL INDICAZIONE DEL VALORE NOMINALE DELLE AZIONI ORDINARIE E DELLE AZIONI DI RISPARMIO E CONSEGUENTI MODIFICHE DELLO STATUTO SOCIALE Signori

Dettagli

I PROFILI FISCALI DEL RECESSO E DELLA LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO DI SOCIETÀ DI CAPITALI

I PROFILI FISCALI DEL RECESSO E DELLA LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO DI SOCIETÀ DI CAPITALI LE NOVITA DEL MODELLO UNICO 2012 a cura di: Ernesto Gatto I PROFILI FISCALI DEL RECESSO E DELLA LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese LE PRINCIPALI VARIABILI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E. Roma, 27 luglio 2005

RISOLUZIONE N. 101/E. Roma, 27 luglio 2005 RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 27 luglio 2005 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 30, primo e secondo comma, del DPR n. 600 del 1973 Premi corrisposti per operazioni

Dettagli

Coordinamento della disciplina IRES e IRAP con il D.Lgs. n.139/2015

Coordinamento della disciplina IRES e IRAP con il D.Lgs. n.139/2015 Coordinamento della disciplina IRES e IRAP con il D.Lgs. n.139/2015 Art. 13-bis del D.L. 30/12/2016, n.244 convertito, con modificazioni, con la Legge 27/2/2017, n.19 pubblicata su G.U. n.49 del 28/2/2017

Dettagli

UNIVERSITA di CHIETI - PESCARA G. D ANNUNZIO. Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica in Economia e Management

UNIVERSITA di CHIETI - PESCARA G. D ANNUNZIO. Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica in Economia e Management UNIVERSITA di CHIETI - PESCARA G. D ANNUNZIO Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica in Economia e Management Diritto Tributario Prof. Francesco Rossi Ragazzi LA LIQUIDAZIONE settembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 332/E. Roma, 01 agosto 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 332/E. Roma, 01 agosto 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 332/E Roma, 01 agosto 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Natura della partecipazione: qualificata o non qualificata articolo 67, lettera c) e

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA RISOLUZIONE N. 275/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 luglio 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 regime per i contribuenti minimi legge 24 dicembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 110/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 110/E. Quesito RISOLUZIONE N. 110/E Roma, 23 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale del trust ai fini delle imposte

Dettagli

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti;

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti; Fiscalità differita ed anticipata: casi e soluzioni L iscrizione delle imposte differite attive e passive ad integrazione delle imposte correnti è necessaria al fine di rappresentare correttamente nel

Dettagli

RISOLUZIONE N. 266/E

RISOLUZIONE N. 266/E RISOLUZIONE N. 266/E Roma, 26 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello (articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Trattamento fiscale del decreto di trasferimento

Dettagli

Roma, 05 novembre 2009

Roma, 05 novembre 2009 RISOLUZIONE N. 271/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo DPR 26 ottobre 1972, n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 337/E. Roma,29 ottobre 2002

RISOLUZIONE N. 337/E. Roma,29 ottobre 2002 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 337/E Roma,29 ottobre 2002 Oggetto: Istanza di interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Riportabilità delle perdite da parte di

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI SCISSIONE. Prof. Claudia Rossi 1

IL PROCEDIMENTO DI SCISSIONE. Prof. Claudia Rossi 1 IL PROCEDIMENTO DI SCISSIONE Prof. Claudia Rossi 1 IL PROGETTO DI SCISSIONE Gli amministratori delle società che partecipano alla scissione predispongono il progetto di scissione che deve contenere le

Dettagli

Compagine sociale della scindenda Alfa S.p.A. ANTE scissione

Compagine sociale della scindenda Alfa S.p.A. ANTE scissione Compagine sociale della scindenda Alfa S.p.A. ANTE scissione Compagine sociale della scindenda Alfa S.p.A. - ante scissione Capitale sociale 150.000,00 Valore nominale azioni 1,00 N. azioni 150.000 Socio

Dettagli

Roma, 09 novembre 2006

Roma, 09 novembre 2006 RISOLUZIONE N. 128/E Roma, 09 novembre 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza d interpello. Deducibilità minusvalenze realizzate in presenza di precedenti svalutazioni riprese

Dettagli