Stato di salute delle assicurazioni dirette. Italia. Anno 2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stato di salute delle assicurazioni dirette. Italia. Anno 2012"

Transcript

1 Stato di salute delle assicurazioni dirette Italia Anno 2012 Elaborazioni da dati Ania A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino

2 Premessa Come le precedenti edizioni, abbiamo utilizzato pochi indicatori e focalizzato l analisi l solo sui principali operatori delle assicurazioni dirette, che sono più omogenei per dimensione, tipo di raccolta e periodo di presenza sul mercato e che insieme coprono più del 90% di questo specifico comparto. L indagine sul personale abbraccia, invece, tutto il mercato dell assicurazione diretta, non essendo disponibili i dati disaggregati. Per questo lavoro, come in ogni occasione, ci siamo avvalsi prevalentemente dei dati Infobila, pubblicati e aggiornati ogni anno dall ANIA. Questi elementi, pur privi di tutta quella documentazione di commento e spiegazione, come, ad esempio, la relazione degli amministratori e la nota integrativa, sono assolutamente più che sufficienti e preziosi e consentono di realizzare i necessari confronti spaziali e temporali, nonché di formarsi un opinione ragionata sull andamento generale delle aziende oggetto della ricerca. Alla fine di questo studio abbiamo rafforzato il nostro giudizio positivo sullo stato di salute del comparto delle assicurazioni dirette. I risultati di tutti gli indicatori i selezionati sono convergenti e guardano nella medesima direzione. 2

3 Le assicurazioni dirette in Italia Focus ancora limitato a 3

4 Aspetti indagati 1. Il personale 2. La raccolta diretta 3. La redditività 4. La solvibilità 4

5 Il personale L analisi dei dati 2012 ha confermato ancora una volta che l occupazione, l a livello globale di mercato, ha tenuto, mentre nel comparto dell assicurazione diretta è cresciuta, in particolare tra gli addetti della sezione seconda della parte terza del CCNL. Inoltre, ha mostrato quanto segue : 1. il peso del personale delle assicurazioni dirette sul totale del personale non dirigente dell intero mercato ha rappresentato ancora poco più del 5%; 2. i contratti part time, che hanno coperto, ad esempio, la quasi i totalità dei lavoratori della sezione seconda ( 90,9% nel 2012), sono stati strutturalmente prevalenti; enti; 3. in relazione alla sezione prima,, si è registrata una situazione ribaltata rispetto al In effetti, nel 2012, a differenza dell anno precedente, c èc stata una forte flessione del numero degli addetti con mansioni miste e un rilevante incremento del numero degli addetti al back office. Il numero degli addetti al front office e di quello dei coordinatori hanno segnato invece rispettivamente una contrazione e una crescita più contenuta. Questo andamento ha prodotto ulteriori cambiamenti significativi nella composizione percentuale del personale di questa sezione; 4. in relazione alla sezione seconda,, c èc stato un incremento significativo del numero degli addetti al front office e di quello dei coordinatori. Il numero di quelli che operano, invece, nel back office hanno subito, invece, una contrazione. In questo caso, la composizione percentuale del personale di questa sezione ha segnato variazioni molto meno oscillanti di quelle osservate nella sezione prima. 5

6 L andamento dell occupazione nel settore assicurativo Sostanzialmente è cresciuto solo solo il il numero degli addetti complessivo dei dei C.C. C.C ,5% +0,3% ,3% ,6% +0,5% C.C. sezione seconda C.C. sezione prima Produttori Amministrativi Totale Il peso del personale dei C.C. sul totale del personale non dirigente nel 2012 è stato del 5,3% (5,1% nel 2011). 2. Nel 2012 si conferma alta l incidenza l dei part time nei Call Centers C.C. Sezione 1a 55,2% C.C. Sezione 2a 90,9% Totale 69,9% 6

7 L occupazione nella sezione prima dei Call Centers Numero addetti ,3% ,9% ,7% 75 +2,7% 77 +0,3% Front office Back office Mansioni miste Coordinatori Totale Front office 54,1% 5,3% 14,8% 25,8% Back office Mansioni miste Coordinatori 32,5% 5,4% 14,3% 47,8% 7

8 L occupazione nella sezione seconda dei Call Centers Numero addetti ,7% -11,3% ,7% ,5% Front office Back office Mansioni miste Coordinatori Totale ,3% 0,0% 3,2% Front office Back office Mansioni miste Coordinatori 13,3% 0,0% 3,8% 80,4% 82,8% 8

9 Aspetti indagati 1. Il personale 2. La raccolta diretta 3. La redditività 4. La solvibilità 9

10 L andamento della raccolta diretta Contesto generale A livello globale del settore Danni, l assicurazione l diretta di anno in anno rosicchia quote di mercato. Questo trend ha trovato ulteriore conferma nel L andamento della raccolta Nel 2012, ad eccezione di Zuritel, tutte le altre assicurazioni dirette hanno continuato a mostrare un apprezzabile dinamismo. Questa volta il tasso di crescita più elevato è stato di Genialloyd, quello più contenuto di Direct Line,, la quale, però, ha mantenuto la sua posizione di leadership nell ambito del mercato dell assicurazione diretta. Composizione della raccolta aggregata La composizione del fatturato totale aggregato ha mostrato ancora a una netta dipendenza dal segmento Auto, a sua volta composto in prevalenza dal ramo RCA. Di certo, le assicurazioni dirette da sempre si sono affermate come compagnie specializzate nella vendita delle polizze Auto. E altrettanto E vero che ci sarebbe bisogno di una diversificazione dei rischi più accentuata. Nonostante questo squilibrio, questo portafoglio si è confermato molto redditizio. Lo vedremo più avanti. La riassicurazione passiva Quasi tutti gli operatori qui considerati hanno fatto scarso ricorso alla riassicurazione passiva. Ha fatto eccezione Direct Line che nel 2012 ha ceduto al riassicuratore quasi un terzo dei propri pri premi. La spiegazione più esplicita, a riguardo, è solo una. L utilizzo L così marcato della Segue 10

11 L andamento della raccolta diretta riassicurazione passiva ha conciliato una doppia esigenza: quella a di aumentare la capacità di sottoscrizione di questa azienda, rendendo possibile l espansione l dei volumi, e quella di ridurre il fabbisogno di capitale proprio, quello q dell azionista, a sostegno del rilevante sviluppo realizzato nel 2011 e poi consolidatosi nel

12 La distribuzione Le quote di mercato nel settore assicurativo 0,1% 3,4% 7,6% 7,0% 2011 di di cui cui vendita vendita telefonica telefonica e e via via internet internet 4,1% 4,1% 0,1% 3,2% 7,6% 8,1% 2012 di di cui cui vendita vendita telefonica telefonica e e via via internet internet 4,7% 4,7% 81,8% 81,0% Agenti Sportelli bancari e postali Vendita diretta Brokers Promotori finanziari Agenti Sportelli bancari e postali Vendita diretta Brokers Promotori finanziari 12

13 L andamento della raccolta Cifre in milioni di euro Nel Nel 2012 ancora forte dinamismo delle assicurazioni dirette 1701,1 1536,0 +16,9% +19,6% 363,3424,8 352,7421,9 +9,6% 220,1 200,9-2,5% 123,0119,9 +3,7% 514,4 496,1 +10,7% Genertel Genialloyd Linear Zuritel Direct Line Aggregato

14 Le quote di mercato Danni delle assicurazioni dirette Graduatoria per singola impresa Ancora leadership di 1,30% 1,23% 1,07% 1,07% 0,90% 0,88% 0,56% 0,50% ,31% 0,30% Ge ne rte l Ge nialloyd Line ar Zurite l Dire ct Line 14

15 La composizione della raccolta aggregata Aggregato ,7% Auto Non Auto 8,4% Aggregato ,3% 91,6% Aggregato 2011 Aggregato ,4% Rca + Rcn Cvt 13,5% 84,6% 86,5% Cvt = Corpi veicoli terrestri Rcn =Responsabilità civile natanti 15

16 Le assicurazioni dirette I premi ceduti in I premi ceduti in riassicurazione passiva Su Su tutte spicca il il rilevante ricorso alla alla riassicurazione passiva da da parte di di Direct Line. 31,9% 22,2% 11,0% ,5% 1,7% 2,3% 1,0% 3,8% 1,7% 2,4% 1,0% 2,8% Ge ne rte l Genialloyd Line ar Zurite l Dire ct Line Aggre gato Le percentuali derivano dall applicazione applicazione dell indicatore premi ceduti/premi diretti. 16

17 Aspetti indagati 1. Il personale 2. La raccolta diretta 3. La redditività 4. La solvibilità 17

18 La redditività Premessa Nel 2012 tutte le aziende qui esaminate hanno continuato a produrre rre ricchezza, in misura decisamente superiore rispetto all anno anno precedente. Questa volta nel novero di quelle virtuose abbiamo avuto anche Zuritel, i cui risultati, sul lato della redditivit ditività,, sembrano avere invertito una tendenza con il segno meno. Utile d esercizio d e ROE In relazione al 2012, per quasi tutte le assicurazioni dirette si segnala un utile d esercizio d e un ROE in fortissima crescita. I risultati positivi in calo di Direct Line sono stati condizionati negativamente per lo più dall andamento andamento della riassicurazione passiva. In effetti, escludendo quest ultimo ultimo aspetto gestionale, la redditività complessiva di quest azienda, a partire da quella tecnica, ha mostrato invece ulteriori progressi. Redditività tecnica La redditività tecnica aggregata del 2012 dei 5 operatori, qui considerati, ha recuperato notevoli margini positivi. Il combined ratio globale è stato pari al 89,7% (98,6% nel 2011). A proposito di quest ultimo ultimo indicatore, il risultato migliore è stato di Zuritel, scendendo abbondantemente sotto la soglia critica del 100% e guadagnando circa 37 punti percentuali,, di cui quasi 22 sono derivati dalla sovrastima della riserva sinistri degli anni precedenti. A questo punto, esprimiamo l auspicio l che l evoluzione l delle performances mostrate da Zuritel si possa ulteriormente consolidare. Riserva sinistri anni precedenti Nel 2012 è stata rilevata l ennesima l sovrastima della riserva sinistri degli anni precedenti che ha contraddistinto tutte le assicurazioni dirette, questa volta nessuna suna esclusa. Segue 18

19 La redditività Genertel, Genialloyd, Linear e Direct Line hanno espresso, però, valori inferiori rispetto al 2011, a conferma, che negli ultimi due anni, questa loro caratteristica sta tendendo a ridursi. Un discorso a parte merita Zuritel, che ha mostrato nel 2012 la sovrastima più marcata con percentuali a due cifre. Nel periodo , 2011, ad eccezione del 2003, del 2005 e del 2008, negli altri anni i valori della sottostima o della sovrastima sono stati ti più o meno fisiologici. Le percentuali del 2012, invece, non hanno precedenti e sono state talmente elevate che richiederebbero un approfondimento per comprenderne appieno l anomalia. l In ogni caso, ciò vuol dire che, in particolare per Zuritel, i risultati r (ROE, utili, perdite, saldo tecnico, indicatori tecnici, indicatori patrimoniali..) delle compagnie, che sono rientrate in questa casistica, sono stati in passato migliori di quelli ostentati in bilancio. Sarebbe davvero interessante ricostruirli di anno in anno, potendo disporre dei dati annuali disaggregati. La catena del valore Riclassificazione del conto economico aggregato Come detto prima, le 5 aziende selezionate hanno tutte chiuso il 2012 in attivo, che è stato di gran lunga superiore a quello del A livello aggregato, nel processo di formazione dell utile d esercizio, il contributo nettamente prevalente della redditività ordinaria è stato fornito, in dosi significative, sia dalla gestione strettamente assicurativa sia da quella finanziaria. Coerentemente, in entrambi i casi, il loro apporto è stato decisamente maggiore di quello del Quanto indicato naturalmente vale sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo. ivo. Sempre nel 2012, a livello globale, ancora risibile è stato il contributo della riassicurazione. Su questo lato specifico, Direct Line ha costituito un caso a parte. In effetti, nella sua catena del valore la riassicurazione ha avuto un ruolo di primaria importanza, condizionando negativamente il calo Segue 19

20 La redditività del risultato positivo finale dell ultimo anno. Infine, nella catena del valore aggregata e di quella la delle singole aziende, l apporto l delle componenti reddituali straordinarie è stato ancora una volta scarso, al contrario delle imposte che hanno ribadito un notevole e peso negativo sul risultato d esercizio. Per effetto di tutta questa dinamica, scomposta negli aspetti principali, nel 2012 il tasso di dispersione dei premi è molto migliorato. Ci sembra utile chiudere questo passaggio dicendo che, sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo, la catena del valore aggregata, appena descritta, ha potuto beneficiare dell apporto di tutti gli operatori qui analizzati. 20

21 L andamento della redditività esercizio in milioni di euro Il risultato d eserciziod Nel Nel 2012 ancora forte redditività In In utile utile anche Zuritel Genertel Genialloyd Linear Zuritel Direct Line Aggregato 155,6 +292,6% +572,1% +789,7% +312,2% 58,5 41,0 14,9 25,8 27,8 6,1 2,9-78,8% 11,8 2,5 +588,5% 22,6-13,1 L utile 2012 in calo di Direct Line è stato condizionato negativamente dal risultato della riassicurazione passiva. In effetto, al lordo di quest ultima, ultima, i risultati aziendali sono stati decisamente migliori. 21

22 L andamento del ROE Nel Nel 2012 ancora ROE elevati Forte recupero anche di di Zuritel 74,2% 52,7% 57,3% 58,8% 44,8% 19,9% 10,2% 7,1% 13,3% 2,5% 7,1% Genertel Genialloyd Linear Zuritel Direct Line Aggregato -25,4% Il ROE 2012 in calo di Direct Line è stato condizionato negativamente dal risultato della riassicurazione passiva. In effetto, al lordo di quest ultima, ultima, i risultati aziendali sono stati decisamente migliori. 22

23 Aggregato - L andamento dei principali indicatori tecnici Cifre in % I valori a sinistra di ogni riquadro sono del 2011; quelli a destra del Nel Nel 2012 miglioramento della redditività tecnica complessiva Loss ratio di competenza 74,2 77,1 Loss ratio 80,9 71,0 Combined ratio 98,6 89,7 3,2 Boni * 6,1 Expense ratio 17,7 18,7 * Boni = Eccedenza riserva sinistri esercizi precedenti/premi di competenza 23

24 L andamento dei principali indicatori tecnici Cifre in % Genertel Genialloyd Linear Zuritel Direct Line Loss ratio ,2% 82,6% 78,1% 90,9% 75,8% Loss ratio ,6% 78,6% 75,0% 49,4% 74,5% Expense ratio ,0% 13,7% 15,0% 20,8% 24,9% Expense ratio ,6% 13,4% 15,9% 25,6% 24,8% Combined ratio ,2% 96,3% 93,1% 111,7% 100,7% Combined ratio ,2% 92,0% 90,9% 75,0% 99,3% 24

25 Sovrastima della riserva sinistri degli anni precedenti Negli anni anni precedenti al al 2012 e al al 2011 risultati aziendali migliori di di quelli mostrati in in bilancio Eccedenza riserva sinistri anni precedenti/premi di competenza Ge ne rte l Ge nialloyd Line ar Zuritel Dire ct Line 21,9% 4,3% 2,4% 0,8% 0,3% 5,9% 4,4% 5,7% 1,5% ,7% 25

26 Catena del valore Conto economico riclassificato aggregato Utile investimenti 32,8 129,8 Premi contabilizzati 1.398, ,0 Ris tecn al lordo riass Cifre in milioni di euro Saldo tecnico LD 11,3 100,1 I valori a sinistra di ogni riquadro sono del 2011; quelli a destra del ,1 229,9 Saldo riass passiva Saldo riass attiva 3,3-11,1 0,0 0,0 Ris tecn al netto riass 44,4 Conto non tecnico -11,7 218,8 16,3 Gestione ordinaria 32,7 2,4 235,1 Gestione straordinaria 3,8 Risultato ante imposte 35,1-12,5 238,9 Imposte -83,3 Risultato d esercizio 22,6 155,6 26

27 Catena del valore Conto economico riclassificato aggregato Utile investimenti 2,3 8,1 Premi contabilizzati 100,0 3,1 100,0 Ris tecn al lordo riass 14,3 Cifre in % Saldo tecnico LD 0,8 6,2 I valori a sinistra di ogni riquadro sono del 2011; quelli a destra del Saldo riass passiva 0,1-0,7 Saldo riass attiva 0,0 0,0 Ris tecn al netto riass 3,2 Conto non tecnico -0,8 13,6 1,0 Gestione ordinaria 2,4 0,1 14,6 Gestione straordinaria 0,2 Risultato ante imposte 2,5-0,9 14,8 Imposte -5,2 Tasso dispersione dei premi Risultato d esercizio 1,6 9,6 27

28 Aspetti indagati 1. Il personale 2. La raccolta diretta 3. La redditività 4. La solvibilità 28

29 La solvibilità Solvibilità statica Nel 2012, in relazione al tasso di copertura finanziaria delle riserve r tecniche, rilevabile dall indicatore Investimenti/Riserve Tecniche, solo Genertel, Linear e Zuritel hanno espresso valori al di sopra del 100%, rispettando pienamente il vincolo strutturale stabilito dalla legge. Direct Line e Genialloyd, in rapporto a quest ultimo ultimo parametro, hanno evidenziato al contrario valori al di sotto di questa soglia percentuale. Per la prima non è stata novità.. Lo è stata invece per la seconda, la quale, nel periodo , 2011, ha sempre mostrato un livello degli investimenti sempre superiore a quello delle riserve tecniche. Questa loro criticità,, tuttavia, è da ridimensionare e da valutare alla luce della loro abitudine a sovrastimare la loro riserva r sinistri, che però, negli ultimi 2 anni si è praticamente quasi azzerata nel caso di Genialloyd e attenuata in maniera significativa nel caso di Direct Line e ciò dopo un lungo periodo in cui i valori di questa loro sovrastima sono stati molto più elevati. Solvibilità dinamica Non potendo disporre del margine di solvibilità è stato selezionato un indicatore affine: mezzi propri (patrimoniali)/premi. Più è elevato il rapporto di questo indicatore più remota è la possibilità di rovina dell impresa assicurativa, maggiore è la sua capitalizzazione e maggiore, quindi, è la sua capacità di fronteggiare con mezzi patrimoniali propri i maggiori esborsi,, cui potrebbe andare incontro, nel caso in cui i costi effettivi dovessero essere superiori a quelli ipotizzati in sede di costruzione delle tariffe. A riguardo, nel 2012, quasi tutte le assicurazioni dirette hanno migliorato di molto il risultato di questo parametro, complici i forti progressi realizzati sul lato della redditività.. Solo quello di Direct Line si è attestato sostanzialmente sui valori dell anno precedente. 29

30 La solvibilità statica Investimenti/Riserve tecniche Nel Nel 2012 maggiore copertura complessiva delle Riserve tecniche 119,2% 105,7% 104,5% 106,9% 97,3% 95,3% 87,8% 87,6% 83,7% 85,1% 96,2% 94,7% Ge ne rte l Ge nialloyd Line ar Zurite l Dire ct Line Aggre gato

31 La solvibilità dinamica Nel Nel 2012, nel nel complesso, livello di di solvibilità più piùelevato 57,2% 32,3% 25,8% 28,9% 32,8% 22,9% 23,1% 33,1% 21,0% 20,7% 29,8% 23,8% Genertel Genialloyd Line ar Zurite l Dire ct Line Aggregato MP/LID 2011 MP/LID 2012 MP = Mezzi propri LID = Lavoro Italiano Diretto (premi diretti) 31

32 Giusto per riflettere!! Posso resistere a tutto tranne che alle tentazioni. O. Wilde 32

33 Stato di salute delle assicurazioni dirette Italia Anno 2012 Elaborazioni da dati Ania A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino

Le assicurazioni dirette in Italia. Analisi di alcune cifre chiave 2001-2011

Le assicurazioni dirette in Italia. Analisi di alcune cifre chiave 2001-2011 Le assicurazioni dirette in Italia Analisi di alcune cifre chiave 2001-2011 2011 Trieste, 14 febbraio 2013 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino Le assicurazioni dirette in Italia ConTe.it

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Elaborazioni dai resoconti intermedi dei gruppi assicurativi quotati, dai dati di Borsa Italiana e di quelli di

Dettagli

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Allianz, Axa, Le Generali a confronto Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Elaborazioni dai bilanci consolidati dei 3 big assicurativi europei A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino 2012

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Elaborazioni dai comunicati stampa, dai bilanci consolidati, dalle presentazioni dei gruppi assicurativi quotati, da Borsa

Dettagli

Raccolta in crescita, utile in picchiata

Raccolta in crescita, utile in picchiata Raccolta in crescita, utile in picchiata a cura di Fabio Bertozzi, Senior Consultant SCS Consulting Alfredo De Massis, Manager SCS Consulting e Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Agevolate

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa Roma, 24 ottobre 2012 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino L andamento di borsa 30/06/2011-30/06/2012 Problematico l andamento

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE SPECIALE Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA PREMI E UN RISULTATO NETTO DI SETTORE CHE PASSA DA UNA PERDITA COMPLESSIVA DI OLTRE 18 MILIONI DI EURO DEL

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 Confermata la solida posizione di solvibilità del Gruppo, pari a 1,5 volte il capitale regolamentare;

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli

Valutazione delle imprese assicurative

Valutazione delle imprese assicurative Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Finanza e Statistica Valutazione delle imprese assicurative V Parte:

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Premi lordi contabilizzati al 1 trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

LA RISCOSSA DEL VITA SPECIALE CLASSIFICA

LA RISCOSSA DEL VITA SPECIALE CLASSIFICA SPECIALE CLASSIFICA LA RISCOSSA DEL VITA Positivi il risultato complessivo d esercizio e la raccolta premi, ma sussistono diversità di performance tra rami danni e vita con un necessario ribilanciamento

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO SPECIALE CLASSIFICA COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO Quanto ha inciso la crisi finanziaria sui conti delle compagnie e sull andamento del settore assicurativo nel nostro Paese? Le classifiche delle

Dettagli

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 IL COMPARTO INDUSTRIALE E COMMERCIALE: Pagina 1. LA COMPOSIZIONE

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 1. Infortuni; 2. Malattia; 8. Incendio ed elementi naturali; 13. Responsabilità civile generale

Dettagli

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 317566 4 3 ottobre 2003 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze

Dettagli

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA Il metodo CVRP per l analisi delle maggiori società tessili italiane Stefano Cordero di Montezemolo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 10. Responsabilità civile autoveicoli terrestri; 12. Responsabilità civile veicoli marittimi,

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il terzo trimestre 2014 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol I premi consolidati raggiungono 6.782 milioni di euro (in crescita del 22% rispetto

Dettagli

Grafico n. 1 - Imprese nazionali e Rappresentanze di imprese extra SEE Raccolta premi - Portafoglio diretto italiano (Importi in milioni di euro)

Grafico n. 1 - Imprese nazionali e Rappresentanze di imprese extra SEE Raccolta premi - Portafoglio diretto italiano (Importi in milioni di euro) COMUNICATO STAMPA DEL 13 AGOSTO 2015 Nel primo trimestre 2015 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra S.E.E. risulta

Dettagli

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%)

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) 10/05/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2013 1 Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) Vita: solida

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%)

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

CATTOLICA ASSICURAZIONI

CATTOLICA ASSICURAZIONI CATTOLICA ASSICURAZIONI Gruppo Cattolica Risultati 2009 CATTOLICA ASSICURAZIONI Una sana e significativa crescita DANNI e VITA 4,343 Mld VITA 2,812 Mld DANNI 1,531 Mld +20,3% +33,7% +1,7% (*) Premi lavoro

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Presentazione finanziaria

Presentazione finanziaria 0 Presentazione finanziaria Milano, 17 Marzo 2010 1 OBIETTIVI STRATEGICI STRUTTURA SOCIETARIA RAMI DANNI RAMI VITA DIPENDENTI E STRUTTURA TERRITORIALE INVESTIMENTI INFORMAZIONI FINANZIARIE OBIETTIVI STRATEGICI

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

CAPITOLO 3. 1. Introduzione 2. Analisi della situazione finanziaria 3. Analisi della struttura finanziaria

CAPITOLO 3. 1. Introduzione 2. Analisi della situazione finanziaria 3. Analisi della struttura finanziaria CAPITOLO 3 ANALISI DEI VALORI PATRIMONIALI 1. Introduzione 2. Analisi della situazione finanziaria 3. Analisi della struttura finanziaria 1. INTRODUZIONE Una volta che abbiamo apportato al bilancio le

Dettagli

Informazione per i media

Informazione per i media Mobiliare Svizzera Holding SA Bundesgasse 35 Casella postale 3001 Berna Telefono 031 389 61 11 Telefax 031 389 68 52 lamobiliare@mobi.ch www.mobi.ch Informazione per i media Risultato semestrale 2014 della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO -- Numero 2 -- Marzo 2004 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO () EXECUTIVE SUMMARY Con la disponibilità dei dati per l intero 2003 relativi ad un campione di imprese esercitanti il

Dettagli

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria focus modulo 3 lezione 23 La gestione Il patrimonio di funzionamento L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria L azienda deve dotarsi di fonti di finanziamento idonee a coprire il fabbisogno finanziario

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c.

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 7 dicembre 2011 Prot. n. All.ti n. 4 36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

La crisi frena la crescita

La crisi frena la crescita LE PRIME 100 COMPAGNIE ASSICURATIVE ITALIANE La crisi frena la crescita a cura di Fabio Bertozzi, Project Leader SCS Consulting Alfredo De Massis, Professore Università degli Studi di Bergamo e Manager

Dettagli

L analisi di bilancio con particolare riferimento all area finanziaria (2' parte)

L analisi di bilancio con particolare riferimento all area finanziaria (2' parte) Pagina 1 di 5 STAMPA L'ARTICOLO SALVA L'ARTICOLO L analisi di bilancio con particolare riferimento all area finanziaria (2' parte) l analisi di bilancio: strutturale, per indici, per flussi (a cura Dott.

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

Nokian Tyres. Rating: BUY. Posizionamento nel Mercato. Il mercato Russo (focus) 20 ottobre 2011

Nokian Tyres. Rating: BUY. Posizionamento nel Mercato. Il mercato Russo (focus) 20 ottobre 2011 20 ottobre 2011 Rating: BUY Nokian Tyres Posizionamento nel Mercato Nokian Tyres vende I propri prodotti in tutta Europa. La società vanta un ottima diversificazione geografica: l 8% delle vendite sono

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 La riduzione delle copie vendute nel quinquennio è stata di 400 milioni, oltre un milione di copie al giorno. Lievemente meno accentuato il calo degli abbonamenti, passati da circa 380mila

Dettagli

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL 2012 [VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL PRIMO SEMESTRE DI 2009-2010-2011-2012] [Nel mese di giugno la domanda di Cig in Veneto rimane nella media dei mesi di questo primo semestre del 2012. Cresce però,

Dettagli

Rassegna Stampa. Giovedì 06 Marzo 2014

Rassegna Stampa. Giovedì 06 Marzo 2014 Rassegna Stampa Giovedì 06 Marzo 204 Sommario Testata Data Pag. Titolo p.. Fondi pensione Sole 24 Ore (Il) 06/03/204 27 Previdenza - Fonage blocca i trasferimenti volontari (D'Angerio Vitaliano) 2. Previdenza

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano

I dati significativi del mercato assicurativo italiano I dati significativi del mercato assicurativo italiano Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Sergio Desantis Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati Milano, 9 luglio

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento...

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... 4 GLI INDICI DI LIQUIDITA L analisi procede con la costruzione

Dettagli

- 1 - Periodico ANIA Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati. A cura di: Sergio Desantis Gianni Giuli Dario Focarelli

- 1 - Periodico ANIA Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati. A cura di: Sergio Desantis Gianni Giuli Dario Focarelli Dicembre 2015 La statistica associativa Indici Aziendali fornisce una vasta serie di indici informativi e ratio di performance a livello totale di mercato in riferimento alle seguenti aree: forza lavoro

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

Relazione consolidata terzo trimestre 2005

Relazione consolidata terzo trimestre 2005 Relazione consolidata terzo trimestre 2005 2 Riunione di consiglio del 14 novembre 2005 3 4 Indice Stato patrimoniale Consolidato 7 Conto economico Consolidato 11 Prospetto delle variazioni del Patrimonio

Dettagli

SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI

SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 2 febbraio 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000039 1 Alle imprese di assicurazione che esercitano i rami R.C. auto e Corpi di Veicoli Terrestri con sede legale

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano

I dati significativi del mercato assicurativo italiano I dati significativi del mercato assicurativo italiano Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2014-2015 Sergio Desantis Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati Milano, 9 luglio

Dettagli

L investimento immobiliare delle Casse e degli Enti di Previdenza privatizzati: cosa è cambiato nell ultimo anno

L investimento immobiliare delle Casse e degli Enti di Previdenza privatizzati: cosa è cambiato nell ultimo anno L investimento immobiliare delle Casse e degli di Previdenza privatizzati: cosa è cambiato nell ultimo anno Pubblicato su Il Settimanale di Quotidiano Immobiliare del 27/04/2013 n. 19 Introduzione Dopo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI INGEGNERIA GESTIONALE. I quozienti di bilancio

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI INGEGNERIA GESTIONALE. I quozienti di bilancio I quozienti di bilancio I quozienti di bilancio servono a valutare l andamento della redditività e dell economicità dell attività aziendale. I quozienti si possono comparare nel tempo e gli indici utili

Dettagli

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Bologna, 11 febbraio 2015 UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014 Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Raccolta assicurativa diretta a 16.008

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Roberto Manzato Vita e Danni non Auto Milano, 16 luglio 2012

Dettagli

Comunicato stampa. La Mobiliare è in rotta di crescita

Comunicato stampa. La Mobiliare è in rotta di crescita Mobiliare Svizzera Holding SA Bundesgasse 35 Casella postale 3001 Berna Telefono 031 389 61 11 Telefax 031 389 68 52 lamobiliare@mobi.ch www.mobi.ch Comunicato stampa La Mobiliare è in rotta di crescita

Dettagli