Questa è una dolce e piccola storia, con un po' di violenza. Non è terribilmente inquietante, ma fate attenzione...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questa è una dolce e piccola storia, con un po' di violenza. Non è terribilmente inquietante, ma fate attenzione..."

Transcript

1 Una Storia non Raccontata Questa è una dolce e piccola storia, con un po' di violenza. Non è terribilmente inquietante, ma fate attenzione... Bonnie McCullough digitava laboriosamente sul suo computer portatile, mentre leggeva da una post-it rosa ricoperto da una calligrafia ordinata e tonda che comprendeva anche dei cerchietti sopra le i : La coscienza di una regina. Era la sua relazione di storia, che avrebbe determinato il trenta per cento del voto del primo semestre in storia europea. Aveva una buona idea, davvero una buona idea: originale, facile da capire e stimolante. Cosa sarebbe diventata l'inghilterra, così spiegava la sua teoria, se Caterina d'aragona non fosse stata così devota al marito che l'aveva rinnegata e si fosse alleata con la Spagna (paese dal quale proveniva) e avesse guidato queste forze, combinate con quelle degli inglesi che le erano ancora fedeli, in battaglia contro l'esercito di Enrico VIII. Le era stato consigliato di farlo più volte, ma si era rifiutata di prendere le armi contro suo marito. Catherine avrebbe potuto assicurare la posizione di erede al trono a sua figlia Maria e la seconda figlia di Enrico, la regina Elisabetta, non sarebbe mai nata. Niente regina Elisabetta! Nessun Sir Walter Raleigh! Nessun impero britannico, probabilmente nessuna America! Nulla sarebbe accaduto nel modo in cui è stato fino ai tempi moderni. Un enorme mucchio di libri di storia si trovava davanti a Bonnie, alla sua destra. Un mucchio altrettanto formidabile si appoggiava su di lei alla sua sinistra. La maggior parte di essi aveva post-it attaccati al loro interno, dove aveva trovato prove che confermassero la sua teoria. C'era solo un problema, penso Bonnie, con il capo chino dai capelli ricci rossi, color fragola, quasi fino al tavolo della biblioteca. La relazione sarebbe dovuta essere consegnata il giorno dopo domani e tutto quello che aveva scritto fin'ora era il titolo. Doveva combinare, in qualche modo, i fatti di tutti quei libri diversi che contenevano le prove per sostenere la sua teoria. Altri fatti la stavano aspettando là fuori sul web, rappresentato ora dallo schermo allegramente acceso davanti a lei. Ma come poteva creare un documento coerente in soli due giorni.

2 Certo, avrebbe potuto chiedere una proroga. Ma poteva immaginarsi l'espressione della faccia di Mr. Tanner se l'avesse fatto. L'avrebbe messa in imbarazzo, senza pietà, di fronte alla classe. Posso andare avanti senza dormire per due giorni, Bonnie pensò in modo risoluto. Come se fosse innescata dal suo pensiero, le luci della biblioteca si spensero, si riaccesero e ripeterono il cerchio. Oh, no! Sono già le dieci? Aveva seriamente bisogno di un po' di caffeina. Bonnie raggiunse la borsa accanto a lei e poi esitò. Le sue intuizioni, come sempre, erano buone. Mr. Breyer arrivò camminando lungo il corridoio, fissando i tavoli dello studio a destra e sinistra. Perché...Bonnie! Sei ancora qui? Apparentemente Bonnie disse con una risata nervosa. Tutto dipendeva dalle sua capacità di attrice, in questo momento. Bene ma, la biblioteca sta chiudendo. Non hai visto le luci? "Bonnie aveva sentito dire che il signor Breyer sussurrava sempre nei locali della biblioteca, anche prima dell'apertura e dopo la chiusura. Ora lei poteva confermarlo. Signor Breyer, voglio chiederle un favore disse Bonnie, guardandolo con tutta l'intensità che poteva attraverso i suoi occhi castani. Che favore? Ora Mr. Breyer non sorrideva più. Voglio Bonnie si alzò in piedi, cosa che le permise di vedere la faccia di Mr. Breyer, stare in biblioteca durante la notte. Mr. Breyer stava scuotendo la testa. Mi dispiace, Bonnie. La biblioteca chiude alle dieci, senza eccezioni. Pensi di essere l'unica ad avermelo chiesto?. Mr. Breyer si raddrizzò, mormorò per un attimo, come se stesse contando. Perché tu sei la ventiquattresima degli studenti che mi ha fatto esattamente la stessa domanda. Sembrava che questa precisione gli desse una sorta di conforto. Stava raccogliendo il suo zaino per passarglielo. Bonnie lo prese frettolosamente, preoccupata che scivolasse. E a tutti coloro che mi hanno chiesto la stessa cosa rispondo con quello che ti sto dicendo: La biblioteca chiude alle dieci, ma domani è un altro giorno. Non per me! Bonnie sentiva un autentico flusso di lacrime che le riempivano gli occhi e le scendevano sulle guance. Oh, signor Breyer, non uscirei fino a domani mattina. Starò rinchiusa qui, con tutti i fantasmi e le ombre, la sua mente aggiunse involontariamente al sicuro come, come... non so, fino a domani mattina. Nulla mi potrà far del male. Ma pensa alla tua povera madre. Bonnie scosse la testa. "Lei pensa che io sia a casa di un amico". Oh, mio..., sotto le potenti luci della biblioteca, Mr. Breyer sembrava stesse considerando l'idea. Fece anche un sorriso. Facciamo tutti le stesse cose da ragazzi mormorò. "Dire ad un genitore di essere in una casa e ad un altro, un'altra. Doppio alibi lo abbiamo chiamato, o, talvolta Doppio mestolo. Era quasi raggiante. Quindi, mi farà restare? Bonnie guardava verso di lui pateticamente.

3 Cosa? Oh, no. No. Mai. Era una cosa riprovevole da fare e ci hanno beccati e siamo stati accuratamente puniti per questo, Mr. Breyer disse, come se questo ricordo fosse stato ancora più piacevole dell'altro. No, Bonnie Mr. Breyer disse, Sono sicuro che potrai fare qualche ricerca quando sei a casa. C'è più su Internet che in tutti questi libri messi insieme disse, agitando una mano verso i libri che Bonnie aveva cosparso di Post-It a favore della sua teoria su Caterina d'aragona. Ma devi andartene da questa biblioteca ora. Pronto! Si tratta già di sei minuti dopo le 10:00! Sembrava inorridito dal suo stesso ritardo. Va bene. Quando il piano A non funziona, bisogna passare al piano B. Va bene, Mr. Breyer. Non si può biasimare una ragazza per averci provato. Mi lasci solo prendere la mia matita e la mia bambolina di Elmo portafortuna, una bambolina attaccata ad una piccola ventosa che Bonnie portava sempre con sé nelle spedizioni di studio e agli esami, vado al bagno e poi torno a casa. I bagni sono chiusi, Mr. Breyer notò con disagio il viso di Bonnie rigato dalle lacrime. Ma non sono chiusi a chiave. Penso tu possa andare. Grazie, signor Breyer Bonnie disse, guardando verso di lui con intensità, come se questo favore fosse tanto importante quanto lasciarla pernottare. Si mise il suo zaino su una spalla e lasciò lo studio. Aveva anche lasciato un mucchio di carte stropicciate, mozziconi di matite e vecchio tazze di polistirolo sapendo che Mr. Breyer non avrebbe resistito dal toglierle dal cestino. Pochi minuti dopo, un allegro Buona notte, signor Breyer di Bonnie fece eco attraverso la biblioteca, seguito dal suono della porta che si chiudeva. Mr. Breyer rispose Buona notte, Bonnie. Si era tuttavia assicurato che, mentre chiudeva le porte anteriori della biblioteca, l'auto verde brillante che Bonnie guidava sempre, si fosse allontanata dal parcheggio. Bonnie, che si era nascosta doveva aver sentito me ne sto andando ad alta voce, si appostò sul coperchio di una toilette nel bagno della ragazze e aspettò che le luci si spensero. Questo le costò parecchio coraggio che raramente le apparteneva. Tremando, con le lacrime sul punto di scendere, violò immediatamente la prima regola del piano B, accendendo la sua lampadina tascabile prima di aver contato fino a sei. Adesso il buio era sopportabile. Quasi. Ma conosceva i tempi del Sig. Breyer dopo che per altre due serate era uscita dalla biblioteca dopo aver studiato: lui usciva e si recava a casa preciso come un orologio. Con la sua lampadina accese le luci dei bagni e poi uscì, sentendosi un pochino più sicura. Quando accese le luci nella stanza dei computer, in fondo alla biblioteca, sapeva di essere al sicuro. 'Coraggio! Avanti!' si disse. 'Ce l'hai fatta, è tutto ok'. Adesso tutto quello di cui aveva bisogno era la caffeina. Per questo prese dal suo zaino un thermos che aveva riempito con doppia dose della

4 bevanda bollente per poter avere una bella scossa! 'Adesso sono pronta per passare la notte con i miei prontuari. * * * * * Fuori nell' oscurità, due figure nell'ombra erano curve su qualcosa di spezzato e immobile. "Vedi?" disse una voce gutturale, "è meglio arrivare quando le forze del Potere fanno una croce sul terreno. Il pasto è più dolce." "Vedo" disse l'altro, con la voce impastata perché la sua bocca era piena di...qualcosa. "Far parte delle forze di legge danno potere alla forza naturale vitale degli umani" "Dolce pasto. E c'è qualcosa di ancora più dolce là dentro" disse la voce gutturale. "Conosco le regole di questa biblioteca, la piccola umana dai capelli rossi deve uscire dall'edificio prima che faccia giorno." Ci fu un suono di uno schiocco dalla bocca. "Dopo queste uccisioni ci cercheranno con i cani, dobbiamo andare via. Sentiranno il nostro odore" la seconda voce sussurrò. "Non lo faranno" disse la voce gutturale 'potrebbero sentire il nostro odore ma ho portato con me una pozione a base di erbe che confonderà i cani. La spargeremo in mezzo alle persone, e quando si sarà mischiata a tutti, i cani la sentiranno e non potranno distinguere altro'. La voce mordente grugnì: "dovresti saperlo, fratello. Dovresti sapere queste cose dei cani" "Adesso lasciami mangiare in pace. Dobbiamo spostare la macchina presto: è troppo in vista." L'altro si zittì. Si tenne per sé che provava una sensazione di pericolo, lontano nella mente. Era una cosa stupida da pensare. C'erano licantropi che camminavano nel mondo degli uomini, ma in una città dove nessuno li poteva conoscere non dovevano avere timore di nulla, ma soprattutto chi poteva sospettare cosa fossero in realtà? Erano invincibili. * * * * * A parte la bella sensazione di poter tenere i piedi immersi nel soffice pavimento felpato (soprattutto dopo il cartello di 'FARE ATTENZIONE CON LE SCARPE'), Bonnie non riusciva ad allontanare una strana sensazione di timore. Non sapeva cosa fosse. Ma riusciva a sentire qualcosa, nella biblioteca oltre lei non c'era nessuno ma lo

5 stesso la sensazione rimaneva. Nel profondo della sua mente, c'era. Si sentiva inseguita da una grande oscurità. E lei odiava l'oscurità. Conosceva tutto quello che ne poteva uscire. Razionalmente sapeva che non potevano esistere creature come vampiri, streghe, lupi mannari, ma non poteva dire con sicurezza che non ci fossero i fantasmi. Ne aveva già visti alcuni in vita sua, ed era difficile classificarli solo come residui di sogni. 'Non avresti dovuto leggere quel libro sullo spiritismo' si disse. Ti sta mettendo in testa ogni sorta di pensiero. Adeso dentro di te, sei convinta di essere una sensitiva'. Per fortuna non ne aveva fatto parola con nessuno. Cosa avrebbero detto Caroline e Meredith? E il suo attuale ragazzo, Raymond? Ma la cosa più importante, cosa avrebbe detto Elena? Ma Grannie MacLachan, che riusciva a ritrovare le chiavi perdute, segnali di canali tv persi, e che sapeva sempre quando il telefono stava per squillare aveva dato un'occhiata alla mano di Bonnie durante la sua ultima visita oltre l'atlantico. "Una vita piena di avventure" le aveva detto pensierosa "ma non una vita stabile. Tu hai il DONO, ragazza mia. Molto di più di ogni MacLachan che io conosca, uniscilo al talento dei McCullough, e " E aveva guardato la piccola tredicenne Bonnie, che a quell'età avrebbe dovuto pensare solo a giocare con i suoi amichetti. "Lo sai di cosa stiamo parlando, piccola?" Bonnie aveva scosso i suoi capelli rossi, e aveva guardato gli occhi grigi, seri e antichi della nonna, che l'avevano abituata a fissarla con affetto o al massimo a guardare distante da qualche parte. Adesso invece la stavano fissando in maniera seria, preoccupati. 'No" disse la nonna, "tesoro non puoi ancora capire. Ma succederà. Quando non sarai più una cucciola capirai." Bonnie interruppe i suoi pensieri e si disse che non aveva tempo per questo. "Devo focalizzare Caterina di Aragona. E devo farlo in fretta." Prese i libro e sollevò il primo post-it rosa che trovò. * * * * * Le due figure di cui una dalla voce gutturale e l'altra dalla voce mordente, stavano aspettando fuori, decidendo il da farsi. "Voglio vedere la ragazza che si trova dentro l'edificio, adesso" disse la voce mordente. 'Vuoi rovinare tutto, dopo tutte le nostre ricerche?" disse la voce gutturale. "Vuoi rompere una finestra? O magari far scattare l'allarme? Vai ma non avrai nessun aiuto da parte mia sarò solo uno nella folla. Ti prenderai tutte le critiche sia per il

6 ragazzo che per la ragazza." "Non voglio fare nulla all'edificio" disse l'altro. "Voglio solo odorare la porta e le finestre." Ci fu un altro picchiettio e un verso: "Conosco il tuo odorare" sbottò la voce gutturale. "Finiscono sempre in calci, spiate indiscrete e vetri rotti. Poi affermi che, visto che la finestra è rotta, si può anche entrare. Idiota!." Per un po' non ci fu altro suono che la rottura di un osso e una ripresa del respiro. "E in che modo ci saranno dei broblemi ber noi?' finalmente disse la voce mordente. La botta subita sul naso non era solo dolorosa ma gli provocava anche difficoltà. Come avrebbe potuto odorare chiaramente con il naso così pieno di sangue raggrumato? pensò il tizio dalla voce mordente toccandosi il naso. "Te l'ho detto e ridetto! Saremo nel prossimo stato prima che scoprano che la ragazza è scomparsa. Abbiamo il tempo di fuggire." Ci fu una pausa, poi disse ancora: "Chi ci aprirà la biblioteca? C'è un allarme " La donna, idiota! Durante la settimana, viene prima l uomo e apre la porta. Nei finesettimana viene la donna e la apre. Dopo l alba verrà lei e avremo sia lei che la ragazza. Faremo aprire la porta alla donna; poi costringeremo lei e la ragazza a salire nella tua macchina. Vive o morte, verranno con noi, e noi salvi lontano da qualche parte prima che qualcuno ne senta la mancanza. Di venerdì non ci sono molti studenti che vanno diretti in biblioteca. Ci fu una pausa. Poi, quasi timidamente, la voce mordente disse, E se viene qualcuno con la donna? Dividi e conquista. Non sarebbe la prima volta che ne prendiamo tre. La voce ringhiante ne aveva chiaramente abbastanza delle domande. Ma Ma, ma, ma! Sarà meglio che questo sia un buon ma o prenderò a calci il tuo sedere! Una pausa di un momento, poi, lentamente Ma l uomo ha chiuso a chiave la porta. Deve avere la stessa chiave della donna. Potremmo riuscire a spegnere l allarme. Poi potremmo avere la ragazza per ci fu un suono di qualcosa che succhiava e beveva, come una cannuccia sul punto di raggiungere il fondo di un bicchiere per ore. Andiamo ora. Potremmo giocare. Ci fu una lunga pausa e poi la voce gutturale e ringhiante parlò ancora. Ma sembrava meno infastidita, persino in qualche modo meno aspra quando replicò, Non è una cattiva idea. Potrebbe significare che dobbiamo rinunciare alla donna. Ma la ragazza! Il licantropo con la voce mordente ansimò. Sarà così dolce...e i giochi che potremmo fare nell oscurità... Ci fu un suono di sbavatura. Molto bene! Molto bene! ansimò la voce gutturale. Ma prima dobbiamo trovare le chiavi, Mr. Grossa Sparata. Le ho già trovate! La voce mordente piagnucolò trionfante. È così che ho pensato a tutto questo. Dobbiamo Trasformarci? Rimaniamo così, trasformati a metà la voce ringhiante disse e rise la sua risata

7 gutturale. Quando ci vedrà così impazzirà per la paura. La voce mordente rise la sua risata bassa e ringhiante. Possiamo giocare al bravo ragazzo e al cattivo ragazzo. Si getterà tra le nostre braccia. Griderà disse con voce stridula la voce ringhiante, Urlerà e supplicherà. Non riceverà nessun aiuto. Nessun aiuto. Prese le chiavi dalla figura dalla voce mordente e in punta di piedi raggiunsero la biblioteca. Poi infilò la chiave nella porta. * * * * * Tick. Bonnie non riusciva a vedere niente, non riusciva a sentire niente dalla parte anteriore della biblioteca, ma era sicura di aver sentito un Tick. Cosa poteva voler dire? Non c era nessuna luce accesa; né dall impianto di illuminazione né da qualche torcia, e quella era la prima cosa che un insegnante o un addetto alle pulizie avrebbe fatto, no? Accendere una qualsiasi luce. A meno che la persona non fosse venuta per assicurare obbedienza alle regole della scuola. A meno che non fossero venuti per lei. Bonnie non credeva nei fantasmi, non davvero. Ma nella sua mente c erano un sacco di porte sigillate, ciascuna delle quali nascondeva dietro di sé un mostro. C erano mostri che aveva chiuso dietro porte salde quando era una bambina, ma di notte di notte avevano la tendenza di uscire. E lo stesso fecero gli istinti di Bonnie, come quelli di un gatto. Infatti, quando i mostri aprivano le loro porte e uscivano per lei, diventava più un animale che umana. Semplicemente lasciava che i suoi istinti la portassero dove voleva. Il sistema di illuminazione si spense. E gli istinti di Bonnie, con due balzi, la portarono dieci metri sulla destra. Bonnie atterrò sui palmi e avanzò in punta di piedi come un gatto, accovacciandosi. Qualcosa era atterrato sulla sua sedia. E aveva ridotto la sedia in pezzi. Hey, ragazza vieni da questa parte. C è un uscita! sussurrò una voce che suonava umana. Infatti, suonava come un ragazzo gentile, non molto più vecchio di Bonnie. Ma Bonnie aveva una sensazione era una coincidenza eccessiva che un ragazzo gentile fosse venuto con un mostro. Rapidamente, sulle mani e le ginocchia, cominciò a scappare dalla voce e la sedia. Trovò un angolo buio nella sezione dei bambini in cui difendersi. Dolcemente e morbidamente come una foglia primaverile si infilò sotto il tavolo. Tu tu, mostro! stava dicendo la voce gentile. Prendi me! Ma lascia fuori la ragazza da questa storia! La carne è dolce; cantilenò una voce terribile come il suono di qualcosa che rosicchia delle ossa. Come l odore della paura così vicina. Cominciò a ridere in maniera folle.

8 Non ho paura di te, disse la voce gentile. Poi un altro sussurro, Vieni, ragazza. Dirigiti verso la mia voce. Bonnie non si mosse. Non perché non si fidasse della voce gentile sebbene non si fidasse. Non si mosse perché non poteva.i suoi stupidi muscoli erano come congelati. Meredith aveva ragione Meredith aveva ragione Perché Merdeith aveva sempre ragione Ma quando troveranno Bonnie, Bonnie sarà solo un mucchio di ossa fatte a pezzi e scorticate e Meredith saprà solo allora che Bonnie aveva solo finto che trascorrere la serata in biblioteca era un idea davvero, davvero stupida. Bonnie era brava a parlare velocemente persino a sé stessa. Tutto quello che passò per la sua testa prima delle eco della voce gentile era scomparso. Ora era rannicchiata nell angolo, sotto il tavolo, protetta su tre lati ma completamente scoperta sul quarto. E non aveva nessuna arma. Timidamente, come i ragni che aveva sparpagliato in missioni in direzioni opposte, spostò le dita. Sapeva che Mr. Breyer e Ms. Kemp tenevano pulitissimo quello che potevano della biblioteca. Sapeva anche che entrambi non avevano una buona vista e che c era un intero tesoro di spazzatura sotto i tavoli della biblioteca. Dopo un momento la sua terrorizzata mano destra entrò in contatto con qualcosa che rotolava appena ed era alto e curvo e oh Dio, era solo una vecchia tazza di plastica, una grande, di sicuro, una Extra Large di Mc Donald, ma a cosa sarebbe servita contro un nemico? Attenzione! O sentirai l ira della mia tazza di plastica! Ma la sua tremante mano sinistra incontrò una vera scoperta. Una riga. E non una riga qualsiasi, ma una di acciaio. Velocemente, prese gli oggetti in mano, proprio mentre la voce gentile raggiunse la fine del tavolo alla sua destra. Veloce, sussurrò, afferra la mia mano ora. Per nessun motivo Bonnie avrebbe mai afferrato la sua mano, ma specialmente ora che la voce aveva assunto un tono ingordo, viscido, come se stesse cercando di non sbavare. Siamo quiiiiiii, disse una voce mordente alla sua sinistra. Sembrava si stesse avvicinando sempre di più, alla stessa andatura della voce gentile. E poi ci fu un suono dal tavolo. Tick. Il rumore risuonò alla sua destra. Tick. Il rumore risuonò alla sua sinistra. Tick. Come un pezzo di osso affilato o un artiglio che venisse battuto in cima al tavolo. Tick. Tick. Tick. Il rumore era più vicino. Okay. Per Bonnie non c era nessun modo per ignorare la realtà. C erano due cose con lei nell oscurità, ed erano sempre più vicine, e appena avrebbe potuto vedere tra le due piccole sedie, sarebbe scappata prima di farsi trovare sotto il tavolo. Si rese conto all improvviso che c era qualcosa di strano. Quando si era gettata sotto il tavolo, non era stata in grado di vedere tutto era stata una cieca, istintiva corsa. Ora poteva

9 vedere, anche solo debolmente, dall alto della libreria alle finestre. Questo significava che ora era in grado di poter vedere vagamente l uscita. Ma poteva scommettere che le due cose potessero vedere molto meglio al buio di lei. Loro sapevano esattamente dove si trovava. E la sua intuizione fu terribilmente confermata quando il successivo tick proveniva da dietro ad una sedia più in basso rispetto al tavolo. Tick. Ti hanno trovata. Tick. Tick. Ancora più in basso. Loro possono vederti. Tick. Tick. Tick. In un minuto ti toglieranno la tua unica via di fuga Tick. Tick. Tick Vieni fuori, disse la bella voce, e ora non stava più fingendo di essere bella, ma gutturale e bavosa. Vieni fuori a giocare o dobbiamo venirti a prendere? VATTENE! Le urlo la mente di Bonnie. Conosco alcuni giochini divertenti che possiamo fare insie VATTENE ADESSO! Bonnie uscì dall apertura che c era tra le due sedie, come un coniglio in mezzo al campo. Come poteva, lei agitò entrambe le mani, istericamente, non sapendo che cosa fare con gli oggetti li agitò intorno a lei in ogni modo. Meredith una volta aveva cercato di spiegare a Bonnie che le reazioni di panico come queste avevano uno scopo. Quando una mente consapevole non sa cosa fare, viene presa dal panico provando dei comportamenti che nessuna mente sana si sarebbe inventati. Che di tanto in tanto portano alla scoperta di un nuovo ed utile comportamento, disse Meredith. Bonnie non lo aveva mai completamente capito, ma ora lo stava vedendo in azione. Quando Bonnie era uscita a razzo tra le due sedie, spinse il bicchiere di plastica con tutta la sua forza a sinistra e aveva preso il lupo mannaro rosicante con il suo lungo muso chiuso. La forza della spinta di Bonnie bloccò la plastica fino alla mascella dell animale. Con la mano destra Bonnie colpì con tutta la sua forza e con la riga d acciaio, prendendo il lupo mannaro ringhiante diritto in un occhio. Il lupo cacciò un ululato e si tirò indietro. Tutto divenne bianco. Divenne bianco perché qualcuno uno dei due mostri, pensò Bonnie accese le luci. Loro non avevano più niente da guadagnare dall oscurità così hanno deciso di mostrarsi nella loro vera forma. Bonnie non poteva essere aiutata nessuno poteva veramente aiutarla gettò uno sguardo indietro per vedere quale fossero le loro vere forme. Erano orrendi. Ed erano chiaramente dei lupi mannari. Bonnie pensava che i lupi fossero bellissimi, e anche che alcune persone lo fossero, ma combinati tra loro, come sapete, sarebbero un abominio.

10 Oltre ad essere magri, pelosi e con delle zampe troppo lunghe davanti e di dietro, le loro belle facce-lupo erano orrendamente combinate con i rotondi teschi umani, e gli occhi guardavano in avanti, come quelli di una persona. Loro erano accovacciati, ma Bonnie poteva dire con uno sguardo che erano muscolosi, costruiti per essere veloci. Per cacciare. Per uccidere. Proprio in questo momento, lo erano ancora. Come hai fatto a farlo? chiese uno con una voce gutturale. Stava guardando con il suo occhio buono sopra la luce. L altro non poteva dire nulla, anche se una un sacco di schiuma bianca gli si era formata intorno alla bocca. Il suo lungo muso era bloccato in profondità nel bicchiere di plastica, e anche se i muscoli della sua mandibola erano tremendamente forti di leva in senso contrario, effettivamente rosicchiare all ingiù non era come aprire. Sembrava un cretino con il naso nel bicchiere, cercando di ringhiare e mordere la plastica, ma non era ancora abbastanza spaventoso tanto che Bonnie vide un luccichio grigio davanti ai suoi occhi. Oh, no, no Era tutto finito. Lei stava Lei stava per svenire. Da questa parte idiota, disse la voce gutturale e il primo lupo mannaro scavalcò l altro. Lui chiuse la sua zampa anteriore intorno al bicchiere e tirò. Ci mise poco tempo prima che il bicchiere diventasse scivoloso a causa della saliva che il pollice del primo lupo mannaro aveva lasciato. Bonnie vide passare le persone che amava prima che un bagliore grigio offuscasse il suo campo visivo: la mamma e sua sorella Mary, Meredith e certamente Elena, Caroline ad ogni modo, e il suo ragazzo Raymond, Matt Honeycutt, che era un bel quarterback con i suoi capelli biondi, Stefan, quel bellissimo ragazzo che Elena stava cercando di conquistare e il ragazzo che quest anno sedeva dietro a lei durante l ora di sociologia Troppo luminoso, piangeva il lupo mannaro che stava fingendo di essere bello. Chi ha acceso la luce? Aveva degli occhi blu, che lo face ancora essere più orrendo dell altro. Gli occhi blu erano troppo chiari per essere diritti sul muso del lupo la scorrettezza era nauseante. Sta zitto, ringhiò l altro. Aveva degli artigli neri al posto delle unghie e ora ne picchiettava una contro la libreria di metallo producendo quel suono che Bonnie aveva sentito prima. Tick. Il suo volto era orrendo a causa di una ferita che aveva tagliato l occhio quasi a metà e copriva il suo torace di sangue. Va avanti e guarda, ha detto a Bonnie nella sua profonda, lenta e gutturale voce. Sto guarendo. Non hai fatto niente ma mi hai fatto arrabbiare, e ti posso assicurare che hai commesso un brutto errore. Stai per morire lentamente. Mi implorerai di ucciderti prima che tu muoia. Si, si, è tempo di far iniziare i giochi ha detto l altro lupo mannaro, suonando non del tutto sano di mente nella sua sete di sangue.

11 Tick... Lenta. Entrambi i lupi mannari avanzarono verso di lei. Tick Entrambi i lupi mannari fecero un altro passo. Dolorosa. Tick Morte. Anche se tutti gli istinti di Bonnie le dicevano che la sua corsa sarebbe stata inutile, lei si girò e corse. Ed immediatamente fu presa per la vita ed immobilizzata. * * * * * "Su, su" disse Damon e prese al volo la fanciulla dai capelli rossi mentre si precipitava oltre gli scaffali dove lui si trovava, in attesa che i suoi occhi, abituati all oscurità, si adattassero alla luce. Erano a posto adesso ma ci avevano messo del tempo "Tranquilla" Uscì, continuando a tenere la ragazza, e quindi rivolse a tutti uno smagliante sorriso che si spense immediatamente, come una candela su cui viene gettata dell acqua. "Tre possono essere una folla," disse alla terrorizzata, e sul punto di svenire, ragazza nelle sue braccia, "ma quattro sono abbastanza per una partita a bridge, no?" "Sanguisuga " iniziò il licantropo dalla voce gutturale, mentre Damon lasciava scivolare, con cura, Bonnie su una sedia, spargendo dei fogli sul tavolino per assicurarsi che non si sarebbe fatta del male nel caso fosse svenuta per davvero. Le ferite alla testa potevano essere pericolose e avrebbero potuto interferire con la sua capacità di ammirarlo. "Adesso lasciami addestrare questi due per un minuto," le disse Damon e rivolgendosi ai licantropi aggiunse "Cane cattivo! No! Cuccia!". Quindi con grazia si portò alle spalle delle creature prima che potessero muoversi e li afferrò per la collottola. Un istante dopo li stava trascinando fuori dalla porta, dove li sistemò con un veloce morso alla nuca. I due ripresero le loro sembianze umane, rivelandosi tra l altro individui poco raccomandabili, dei reietti. Il loro odore era orrendo quasi quanto quello che avevano come lupi mannari, e questo la diceva lunga. Damon sputò un paio di volte, si pulì la bocca e si rassettò e lisciò il maglione di cashmere nero prima di tornare dentro dalla sua fanciulla. La ragazza stava cercando debolmente di alzarsi, gli occhi puntanti sulla riga di ferro insanguinato sul pavimento. "Ehi su. Su tranquilla" disse Damon, impedendole di prendere l oggetto. Hai fatto proprio un bel lavoro con questo ma non ne hai più bisogno. Sono nel paradiso dei

12 cagnolini adesso. Oh meglio, all inferno dei cagnolini, ma il punto è che non devi più preoccuparti di loro." La fanciulla, che era eccezionalmente graziosa e carina e aveva, per un vampiro, una delle caratteristiche più attraenti, un incredibilmente lungo e delicato collo, lo stava guardando intensamente. Era una cosa positiva, che fosse bassa. A Damon non interessavano molto le ragazze alte in quanto lui non lo era. La ragazza aveva inoltre non si poteva non notarli degli occhi particolarmente grandi per il suo piccolo viso a forma di cuore, che la facevano sembrare un gattino. Erano castani chiari, con un anello più scuro che contornava l iride, e quindi un altro anello più chiaro, come se la luce scaturisse dal mezzo e infine un altro anello più scuro intorno alla pupilla. I suoi capelli erano del colore delle fragole e con delicati riccioli che ti facevano immediatamente pensare ad un "folletto." Nell insieme era adorabile, con delicate vene blu sotto una pelle naturalmente chiara. Damon le sorrise, senza preoccuparsi di nascondere i lunghi canini. "Oooh," la fanciulla boccheggiò, squadrandolo con un unica adorante occhiata, dai neri e setosi capelli ai lucidi stivali. "Oooooh. Meraviglioso." "Scusa?" "Volevo dire: Oooh, mi hai salvato!" "Beh, ho dato una mano," disse Damon con un profondo e falso senso di modestia. "Oooh, erano dei mostri" "Beh, non sono più in pericolo adesso," rispose Damon. "Oooh, volevano mangiarmi!" Damon si chiese se anche lui dovesse gemere prima di parlare. Forse era un qualcosa legato al dialetto della regione. Voleva che la ragazza si sentisse a suo agio. "OOH!" disse, in modo leggermente più violento di quanto intendesse e la ragazza sussultò nelle sue braccia, i suoi occhi marroni diventarono enormi. "Si, volevano farlo," concordò sinceramente. "Oh mio Dio," disse Bonnie, dimenticandosi completamente di dire "Oooh". "Chi sei tu? Non ti approfitterai di una povera ragazza indifesa in un momento come questo, vero?" aggiunse, e chiuse gli occhi. "Oh, beh, forse un pochino," rispose Damon giovialmente, adocchiando le adorabili vene color lavanda sul suo collo. "Oooh" Damon rimase immobile a guardare impotente la fanciulla, notando a disagio che pesava quasi nulla nelle sue braccia, e che la sua pelle aveva la soffice brillantezza di quella di un bambino e che nell insieme sembrava più una bambina che una fanciulla. Si schiarì la gola. Gli occhi castani si aprirono. Non erano solo stranamente grandi ma erano anche spalancati, dando alla proprietaria un aria infantile. "Si?" disse lei, sembrando delusa. "Ah," disse lui. Cercando d impartire un pò del velluto della notte nella sua voce. "Um. Sai cosa erano quelle due cose?" "Oooh, si. Erano Oooh licantropi" rispose rabbrividendo. "Quindi ci sono un sacco di licantropi da queste parti?"

13 "Ooooooooooooooooh! No!" "Ah" disse Damon, che era sussultato leggermente alla fine di quest ultimo gemito. "Beh. Erano senza dubbio creature della " " oooh, notte!" "E, ah,conosci altre creature della notte?" "Oooh, licantropi,vampiri,streghe,fantasmi, demoni,succubi, incubi,elfi malvagi e demoni e Oooh, fuochi fatui, e Oooh " Damon interruppe lo strategico gemito "Okay, concentrati, torna indietro e ripeti la seconda parola" Gli occhi castani si spalancarono e le pupille si dilatarono per la paura, quindi la ragazza lanciò delle veloci occhiate per la stanza e verso il soffitto. "St-streghe?" esitò "Ne conosco una conoscevo una che non era affatto cattiva. Era mia nonna e sapeva quando sarebbe morta perché mi ha inviato il regalo di compleanno un mese prima e il " "Stop!" disse Damon. La ragazza aveva una voce particolarmente melodiosa e ascoltarla non era certo un fastidio era come ascoltare un usignolo o un chiurlo, ma doveva arrivare al punto. "Veramente le streghe erano il terzo nome della lista. C era qualcosa prima." "No," disse Bonnie,"licantropi e streghe e vamp " si fermò e si portò una piccola mano dalle dita delicate alla bocca. "Vampiri?" terminò deglutendo leggermente a metà della parola. Damon si sentì immediatamente sollevato. C erano arrivati! Sorrise di nuovo, splendentemente. La ragazza dai capelli color fragola lo guardò. Attentamente. Damon era felice di aver superato le difficoltà linguistiche e tenne il sorriso a lungo, quasi per un intero secondo. Proprio quando il suo sorriso si spense, Bonnie smise di esaminarlo. Damon seppe con precisione quando lo fece perché le ciglia della ragazza sbatterono in un modo che sua nonna avrebbe approvato, il suo volto divenne bianco come marmo e il suo corpo si afflosciò, mandando la sua testa ricoperta di riccioli color fragola in diretta collisione con il pavimento di legno. Ci sarebbero voluti dei riflessi sovrumani per prenderla prima che il suo esile corpo colpisse il pavimento, di testa, ma fortunatamente Damon li aveva. Prese il piccolo uccellino rosso quasi nello stesso istante in cui aveva iniziato a cadere, afferrandola per l esile vita e si ritrovarono al punto di partenza, con lui che la teneva, ma con l aggiunta che questa volta lei era priva di conoscenza. Damon si guardò intorno alla ricerca di qualcosa su cui metterla e stava iniziando ad usare una delle scrivanie quando le ciglia della ragazza si mossero di nuovo, gemette leggermente, e quindi si svegliò. "Oooh, sei solo tu sei tu!" esclamò, passando da rassicurata a terrorizzata nell arco di un decimo di secondo. Lottò debolmente per liberarsi dalle sue braccia. Ma dal momento che il suo obiettivo l avrebbe portata a cadere sul pavimento, Damon non glielo permise. Bonnie cominciò anche ad ispezionarsi il lungo e delicato collo- un collo da ballerina,

14 se mai ne avesse visto uno- perfetto per Il Lago dei cigni "Sono?Hai? Hai già?" gli chiese. "Mai. Non mi approfitterei mai di una fanciulla addormentata." Perché a me non piace la carne fredda ed immobile, pensò Damon. Il calore, il piacere vibrante, così come la forza vitale di un offerta tanto squisita doveva essere custodita come un tesoro, non sciupata mentre lei era addormentata. La ragazza stava ansimando nelle sue braccia come un cervo ferito con i cani da caccia nelle vicinanze. "Almeno mi hai salvato da quei mostri. Loro mi avrebbero torturato." Osservandola, guardando il modo in cui afferrava la piccola croce d oro al suo collo, al modo in cui guardava in alto verso il cielo ancora illuminato solo dalla luce della luna, al modo in cui tendeva una mano come se volesse afferrare un salvatore inafferrabile, Damon rimase sconcertato. C era qualcosa di irreale in quel momento. E quindi realizzò che era proprio questo. Irrealtà. La ragazza stava interpretando un tableau, un dipinto. Si poteva anche pensare facilmente ad un titolo: La Fanciulla e il Vampiro; o, più poeticamente, L ultimo tentativo di raggiungere la luce. Se solo, pensò, colpito dalla sua immaginazione, lei stesse indossando una camicia da notte bianca che si gonfiava al vento e le scivolava lungo una lucente spalla, e la finestra fosse stata una di quelle circolari di legno in vecchio stile. Che momento sarebbe stato! Che ritratto! Che fanciulla! L unico problema era che la ragazza era di due o tre anni troppo giovane. Emozionalmente. Mentalmente. E perfino, realizzò, con il suo corpo snello premuto contro di lui, fisicamente. Non si cibava di bambini. E in ogni caso "Cosa credi che farò?" le chiese ironicamente. Bonnie chiuse gli occhi e incrociò le mani sul suo petto. Un attrice nata se ne avesse mai vista una. "Prenderai il mio sangue," disse con tono strappalacrime di umile rassegnazione. "E quanto credi me ne serva?" "Quanto sangue c è nel corpo umano?" la fanciulla dimenticò di apparire come una vergine al sacrificio e posò una nocca sulla fossetta sulla sua guancia, come se volesse renderla più profonda. "Heh," disse imbarazzata, l atmosfera rovinata, "non lo so." "Beh, io non ho bisogno nemmeno di una goccia," disse Damon, sentendosi alquanto offeso. "E in ogni caso, non la prenderei da te" "Non lo faresti!" esclamò lei indignata. "Perché no? Solo perché sia Meredith, Caroline ed Elena hanno più-più " disse tracciando una sorta di clessidra davanti a lei con entrambe le mani "già più roba lì su? Anche a me succederà! Ho compiuto diciassette anni due giorni fa! Se mi vedessi vestita decentemente te ne renderesti conto!" Adesso per Damon, l atmosfera era completamente rovinata. E nonostante questo, potesse potesse essere dannato se solo avesse permesso ad un'altra creatura

15 dell oscurità di trasformare la fanciulla nel suo pasto, dopo che l aveva salvata. "Prendi le tue cose," disse seccato "Perché?" ribatté la fanciulla. Insolentemente. "Perché ti porto a casa, tu piccola sciocca. Che stavi facendo tutta da sola in un grande edificio disabitato come questo?" "Stavo studiando! Ho una consegna!" "Beh, se non fosse stato per me, tu adesso staresti studiando nell aldilà, non dimenticarlo" "Beh, non m importa!" disse la fanciulla no, la ragazzina, iniziando a piangere. "Tu non" singhiozzo "hai il mio professore di storia singhiozzo. Ride di me singhiozzo davanti a tutti!" "Sono i tipi peggiori," disse Damon, ricordando le proprie umiliazioni subite per mano del Signore Lucca. "E sempre dopo che eri stato ad una festa e ti faceva male la testa." "Oh, quindi mi capisci," la ragazza si voltò verso di lui, singhiozzante, e posò la testa contro la sua spalla. "Su quale periodo storico stai lavorando? E quale paese?" chiese Damon, piegando leggermente le labbra all insù. "Inghilterra e Spagna, 1533 circa e anni precedenti e quelli successivi" "Bene, cosa sai?" disse Damon, mostrando ancora una volta il suo smagliante sorriso" quello che faceva sciogliere le ragazze. "Credo di poterti aiutare. Vedi, mi trovavo da quelle parti all'epoca più o meno e quello che non ho visto l ho sentito tramite pettegolezzi. Dico sempre che se su una cosa non vale la pena spettegolare, allora non è mai successa." * * * * * Alba. Bonnie, quasi sonnambula, venne aiutata ad uscire dalla sua macchina e lo zaino premuto sulle sue braccia. "Adesso ricorda di fare la sorpresa quando scopriranno tre persone morte in biblioteca- specialmente il povero tizio che hanno ridotto in una pila d'ossa." Bonnie rabbrividì, i suoi occhi castani aperti e colmi di emozioni.«mi hai salvato impedendo che mi accadesse la stessa cosa." Sembrava un piccolo uccellino rosso, con il piumaggio scompigliato sopra la testa. "Beh- non preoccuparti," disse il ragazzo, tentando ancora una volta di apparire modesto." E ricorda di scrivere tutti i miei appunti, ma non chiederti perché lo stai facendo. E un ordine.» "Un ordine" concordò Bonnie in un sussurro, e quindi si trovarono davanti alla sua porta principale. "Grazie oh, davvero grazie mille!" una volta finito di parlare, di punto in bianco si tirò sulle punte, chiuse gli occhi e sporse le sue labbra verso di lui. Ci fu una lunga pausa e quindi il più leggero, simile al battito d ali di una farfalla, e caldo sfiorar di labbra contro le sue. Era il bacio più dolce che avesse mai ricevuto

16 e il più sensuale. "Beh, allora, addio uccellino," disse una voce e Bonnie aprì gli occhi trovandosi a guardare in profonde e scure pozze senza fondo, e quindi rimase da sola. Completamente sola. Per qualche ragione si guardò intorno accertandosene. C era la sua macchina, perfettamente parcheggiata "stava davvero migliorando ma era sola e e beh, certo che era sola! Ce l aveva fatta aveva studiato tutta la notte alla biblioteca Robert E. Lee, e non era successo niente di diverso dall ordinario. Certo, si era spaventata quando aveva visto la macchina di Mr. Breyer nel suo solito parcheggio, ma forse doveva sostituire Ms. Kemp e il turno iniziava molto presto. Dopotutto, era stata davvero fortunata nel non incrociare nessuno dei bibliotecari! Ed ora non vedeva l ora di raccontare a Elena, Meredith e Caroline cosa aveva fatto. Tutto da sola! Lei stessa riusciva a stento a crederci! Diede una pacca al suo zaino. Ma qui c era la prova. La Coscienza di una Regina era la migliore relazione di storia che avesse mai scritto e aveva intenzione di lavorare tutto il giorno per riordinare il tutto. Avrebbe anche potuto prendere una A! Qualcosa nel profondo della sua mente le disse di guardarsi alle spalle. Lo fece, ma non vide nient altro che un magnifico corvo nero che volava da un ramo verso l alba. * * * * * Damon si librò in aria, guardando il quartiere diventare una trama indefinita sotto di lui, e al di sotto, visibili ai suoi occhi abituati al Potere, le linee di energia che si incrociavano, attirando ogni sorta di robaccia, dai quei disgustosi licantropi a suo fratello minore Stefan. La ragione per cui Damon stava gironzolando era semplice: era affamato. Non era riuscito a sfruttare le vene del piccolo uccellino rosso. Era troppo giovane, e innocente per venire usata in quel modo. E, dannazione! Nonostante avesse passato la notte con lei, non le aveva nemmeno chiesto il suo nome. Probabilmente non l avrebbe mai saputo-no, un momento! La ragazza lo aveva scritto sul quel primo pezzo di carta. Il frontespizio, l aveva chiamato. Il cognome era Scozzese o Irlandese o qualcosa che non riusciva a ricordare, ma il suo nome lo ricordava. Era Bonnie. Dolce uccellino Bonnie, pensò Damon, svoltando e volando via. Era un peccato che non l avrebbe mai più rivista. FINE.

17 Autrice: Lisa J.Smith - Traduzione a cura di: MaryG90 Damonmary LittleSunshine Simona Turnerina - The Vampire Diaries Italia Questa traduzione e a puro scopo amatoriale, nessun scopo di lucro. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari. La traduzione è copyright del TVD Italia

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

piccola guerra perfetta

piccola guerra perfetta Primo giorno Hanno appena posato il dolce al centro del tavolo. Quant è brutto, pensa Rea e sorride tutta strana. Fra poco toglieranno la luce. La sua amica Nita la implora con lo sguardo e Rea la accontenta

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli