ATTIVITA, TEMPI E COSTI DEL PROCESSO DI QUOTAZIONE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTIVITA, TEMPI E COSTI DEL PROCESSO DI QUOTAZIONE:"

Transcript

1 BORSA ITALIANA ITALIAN EXCHANGE ATTIVITA, TEMPI E COSTI DEL PROCESSO DI QUOTAZIONE: UN ANALISI PER IL PERIODO C. Berretti, F. Di Massa, A. Farina E. Orsini, E. Pellizzoni In collaborazione con: TAMBURI & ASSOCIATI Finanza e Privatizzazioni

2 Redazione e Impaginazione: Borsa Italiana Spa, Research & Development Division Febbraio 2002 Borsa Italiana Spa I diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione elettronica con qualsiasi mezzo (compresi microfilm, floppy disk o CD), sono riservati per tutti i Paesi

3 Attività, tempi e costi del processo di quotazione: un analisi empirica per il periodo Claudio Berretti a, Fernanda Di Massa b, Anna Farina c, Emilia Orsini d, Enrico Pellizzoni e Febbraio 2002 Abstract Il documento analizza il ruolo dei diversi consulenti che possono assistere le società emittenti e/o gli azionisti venditori nell ambito del processo di ammissione a quotazione, identificandone le responsabilità, indicandone le attività svolte e stimando, per ognuna di esse, una valorizzazione del costo a carico della società quotanda. L analisi, effettuata tramite questionario su un campione di mid & small caps quotate in Borsa e sul Nuovo Mercato nel periodo , attraverso indagine diretta presso operatori del settore e attraverso raccolta dati sui prospetti informativi per le IPOs del periodo , ha consentito di stimare un costo complessivo variabile tra il 3,5% e il 7% del controvalore dell offerta globale, con spese fisse oscillanti tra un minimo di 0,5 e un massimo di 2,6 milioni di euro. Più importante, l analisi ripartisce il costo complessivo, evidenziando non solo le spese per l attività del consorzio di collocamento (che sono pubblicamente disponibili e spesso analizzate in letteratura), ma anche quelle relative ad advisors, studi legali, società di revisione, società di public relations, testate giornalistiche e tipolitografiche. Sulla base di tale ripartizione, il documento analizza i fattori di variabilità di ciascuna delle singole voci di costo. This paper describes the role of the different consulting firms that can look after issuers and existing shareholders during the listing process. The work identifies their responsabilities and activities and, for each of them, evaluates the fees levied to the company. The study required a questionnaire to be sent to a sample of mid & small caps admitted to listing on the Borsa and Nuovo Mercato in 1999 and 2000, some operators to be directly interviewed and the analysis of the prospectuses for IPOs on the Italian markets between 1999 and 2001 to be performed. A total cost between 3,5 and 7% of the total capital raised, in addition to flat fees between 0,5 and 2,6 millions euro, was estimated. In addition to this, the different contributions to the total fees were identified. In addition to the fees charged by the global coordinator and IPO syndacate (that are publicly available and often highlighted in the existing literature), the fees charged by advisors, law, accounting and public relations firms, newspapers, media and typolithographies were estimated. Starting from this breakdown, the work discusses the elements that contribute to the variabilty of the different fees classes. Keywords: IPOs, listing fees; JEL: G32, G20 Questo studio deve la sua origine alle riflessioni di Tamburi & Associati sullo sviluppo del listing sul mercato azionario italiano. Un team congiunto si è successivamente occupato di sviluppare il tema, elaborare i dati e svolgere le considerazioni presentate nel lavoro. Gli autori ringraziano Giovanni Tamburi per i preziosi spunti di riflessione e le osservazioni su una versione preliminare del testo. Si ringraziano Mara Cicerchia e Davide Fregonese per il materiale messo a disposizione. Gli autori restano ovviamente gli unici responsabili di errori e imprecisioni. Le opinioni espresse impegnano esclusivamente gli autori e non sono in alcun modo ascrivibili a Borsa Italiana Spa e a Tamburi & Associati. (a) Tamburi & Associati, (b) Borsa Italiana Spa, Nuovo Mercato, (c) Tamburi & Associati, (d) Borsa Italiana Spa, Nuovo Mercato, (e) Borsa Italiana Spa, Research & Development, (corresponding author) 1

4 Introduzione Negli ultimi anni il fenomeno delle IPOs ha conosciuto in Italia una notevole accelerazione (si veda al riguardo la tavola 1), sulla spinta della modernizzazione del sistema finanziario, della maggiore propensione delle imprese all apertura del capitale, della crescita dell industria del venture capital e della presenza di incentivi fiscali alle operazioni di quotazione. Ciò nonostante, il numero di società quotate in Borsa e sul Nuovo Mercato è ancora esiguo rispetto al bacino di società potenzialmente quotabili, prevalentemente costituito da società di medie e piccole dimensioni 1. Borsa Italiana, dal momento della privatizzazione, ha posto lo sviluppo quantitativo e qualitativo del mercato al centro delle proprie strategie, attraverso lo sviluppo della struttura dei mercati e l attività di informazione sulle opportunità della quotazione per imprese e imprenditori. Nell ambito di tale progetto, lo studio (redatto congiuntamente da Borsa Italiana S.p.A. da qui in avanti BIt e da Tamburi & Associati S.p.A. da qui in poi T&A) ha stimato una valorizzazione complessiva dei costi richesti dal processo di quotazione nel periodo e, più nello specifico, dai singoli attori coinvolti in tale processo, dedotta dalle recenti esperienze sul mercato italiano 2. Consapevoli dell importanza che gli aspetti economici hanno nella valutazione di qualsiasi progetto e delle specificità che hanno caratterizzato il biennio , tali considerazioni possono essere di utilità per gli imprenditori interessati a valutare l opportunità della quotazione, anche attraverso la descrizione delle attività che ne caratterizzano il processo e delle responsabilità delle diverse categorie di consulenti coinvolte nella finalizzazione di tale progetto. Da un punto di vista operativo, la stima dei valori di costo è stata svolta attraverso un analisi empirica su un campione di quindici società di medie dimensioni 3 recentemente quotate in Borsa e sul Nuovo Mercato, con caratteristiche dimensionali (sia in termini di volume d affari che di capitalizzazione borsistica) e di business ritenute rappresentative di un universo significativo. Per completezza di analisi, al fine di cercare ulteriori conferme alla significatività dei dati emersi dal campione, sono stati analizzati i prospetti informativi (e i bilanci) delle società approdate a quotazione nel corso degli ultimi tre anni, con la finalità di verificare le commissioni mediamente corrisposte da queste ultime alle banche facenti parte del consorzio di collocamento e agli sponsors. Sono state infine effettuate interviste presso operatori del settore quali advisors, studi legali, società di revisione, società di public relations, testate giornalistiche e tipolitografiche. Le analisi di cui sopra hanno consentito di calcolare un costo medio complessivo di quotazione (con alcune specificità per Borsa e Nuovo Mercato), espresso in parte come incidenza percentuale (1) Una stima del numero di società italiane potenzialmente quotabili è presente in Fabrizio (1998). Analisi interne di Borsa Italiana hanno stimato l esistenza in Italia di società con caratteristiche dimensionali e di struttura proprietaria adatte a un ipotesi di quotazione (si tratta di imprese con fatturato superiore ai 50 milioni di euro, oltre 100 dipendenti e non facenti capo a società quotate, società estere o capogruppo non quotate). (2) Alcune analisi sui costi conessi alla raccolta di capitale sui mercati finanziari da parte delle società emittenti sono Ritter (1987), Lee, Lochead Ritter e Zhao (1996), Beatty e Thompson (1998). (3) Il focus dello studio riguarda la quotazione delle cosiddette small & mid cap companies, individuate sulla base di una capitalizzazione, valutata sul prezzo ufficiale del primo giorno di negoziazione, inferiore a 800 milioni di euro. 2

5 rispetto al controvalore dell offerta globale e in parte come costo fisso, nonché una scomposizione dello stesso tra i soggetti che collaborano con l impresa nei processi di collocamento e di ammissione a quotazione dei titoli. Va premesso che la valutazione dei costi derivanti dalla quotazione non può prescindere dalla stima dei benefici da essa derivanti: in quest ottica tali costi rappresentano investimenti in riorganizzazione aziendale e nell immagine della società, che hanno effetti sulla creazione di valore nel lungo periodo e non devono essere valutati esclusivamente sulla base di criteri strettamente quantitativi. I risultati del lavoro non devono quindi essere interpretati come un benchmark rispetto al quale valutare l onere complessivo atteso per la quotazione di una specifica società; rappresentano piuttosto una guida tra le variabili che condizionano l oscillazione delle voci di costo considerate, condizionate dall ampiezza dei servizi richiesti dalla società, dalle caratteristiche specifiche dell impresa e dallo standing di consulenti e intermediari coinvolti nel processo di quotazione. Inoltre, il livello qualitativo della realizzazione delle attività svolte nella fase preparatoria è un fattore che pur condizionando necessariamente l entità dei costi complessivi, incide in modo sostanziale sulle probabilità di buon esito dell operazione. La valutazione economica dell operazione di quotazione dovrebbe quindi tenere in attenta considerazione il valore aggiunto che può essere fornito dalle diverse tipologie di consulenti ed evitare, anche alla luce delle recenti evoluzioni dei mercati, di basarsi su una pura logica di contenimento dei costi complessivi, con il rischio di sottovalutarne le complessità e le opportunità offerte. A questo fine si è innanzitutto cercato di descrivere in modo puntuale l insieme delle attività che, nell ambito della best practice di mercato, rientrano nelle responsabilità dei singoli soggetti coinvolti nel processo di collocamento. Infine si è cercato di tempificare le varie fasi del processo di quotazione, così da far meglio comprendere l importanza relativa dei vari attori in ognuna di esse e dare visibilità in merito all impegno richiesto all azienda (e conseguentemente al top management della stessa) nell affrontare un simile progetto. E opportuno infine premettere che i risultati ottenuti potrebbero essere in parte influenzati dalle particolari condizioni di mercato che hanno caratterizzato il periodo L intensa attività verificatesi sul mercato primario italiano (che ha fatto registrare valori record per numero di IPOs, pari a 27 nel 1999 e 45 nel 2000) potrebbe aver generato una spinta all incremento di alcune voci di costo, a causa dell elevata numerosità dei progetti ricevuti in tale periodo dagli intermediari finanziari che pertanto potrebbero aver avuto la possibilità, anche per finalità di selezione, di mantenere mediamente più elevate le commissioni rispetto a condizioni di mercato normali. D altra parte, il biennio in esame si è caratterizzato anche per un eccezionale andamento dei corsi e un elevato interesse degli investitori per il mercato azionario 4 e per le operazioni di IPO. Gli elevatissimi livelli di domanda in rapporto alla quantità dei titoli offerti potrebbero aver facilitato l attività di placement dei titoli presso gli investitori e (4) Si veda al riguardo Filippa, Franzosi (2001). 3

6 reso meno rischiosa la fornitura dei servizi di garanzia sul collocamento dei titoli, spingendo verso il basso alcune categorie di costo (tipicamente le commissioni di selling e underwriting; cfr. par. 2.2). È quindi ragionevole attendersi che i risultati della ricerca possano in parte risentire delle particolari condizioni di mercato registrate negli ultimi anni e che le commissioni richieste dai consulenti e dagli intermediari finanziari che intervengono nella fase di preparazione alla quotazione siano destinate a spostarsi leggermente, nella loro quantificazione complessiva, dai valori medi individuati. Va comunque osservato che nel corso del 2001, nonostante il peggioramento del quadro macroeconomico, tali variazioni non sembrano ancora essersi verificate, almeno in relazione all attività del consorzio di collocamento. In conclusione, è obiettivo del documento quantificare il costo complessivo per la quotazione recentemente registratosi sul mercato italiano a carico delle imprese. Questa indicazione può essere utile, oltre che per l analisi del settore dell investment banking, anche per gli imprenditori desiderosi di intraprendere il processo di quotazione della propria azienda, ma altrettanto giustamente interessati a conoscere nel modo più chiaro e completo possibile le caratteristiche organizzative ed economiche dello stesso 5. Tavola 1 Capitale raccolto tramite le operazioni di IPO negli ultimi 10 anni (dati in milioni di euro) Anno Raccolta _ di cui _ Initial _ Pubblic Offerings (IPOs) _ N IPOs complessiva (1) Totale OPS OPV (1) Il valore include la raccolta nelle operazioni di IPO e le operazioni di collocamento (in forma di aumento di capitale e offerta pubblica secondaria) da parte delle società quotate (5) Il presente documento contiene dati e informazioni di pubblico dominio la cui veridicità non è in alcun modo garantita dai suoi redattori i quali, pertanto, non potranno essere ritenuti responsabili per eventuali danni, dovuti anche a imprecisioni e/o errori che possano derivare all utente e/o terzi dall uso degli stessi. Il documento non è da considerarsi esaustivo ma ha soli scopi informativi non implicando alcun giudizio in merito all opportunità dell eventuale operazione di quotazione. 4

7 2. Il processo di quotazione: soggetti, attività e costi Il processo di ammissione a quotazione comporta una serie di attività preparatorie dirette a costruire opportune condizioni organizzative all interno dell azienda, a valutare in modo puntuale le prospettive economico-finanziarie della società e a comunicare alla comunità finanziaria tali prospettive in modo completo e trasparente, al fine di valorizzare le caratteristiche del business model aziendale, massimizzando al contempo le probabilità di successo dell operazione. In funzione del raggiungimento di tali obiettivi, le società quotande possono avvalersi, nella fase di preparazione alla quotazione, dei servizi forniti da diversi soggetti: si tratta in generale di consulenti finanziari, istituti di credito, società di intermediazione mobiliare, società di revisione, studi legali e consulenti di comunicazione, che affiancano la società quotanda nel corso di tutto il processo di ammissione e per il periodo successivo all inizio delle negoziazioni. Tali consulenti operano in teamwork con l obiettivo comune di massimizzare il successo dell operazione in termini di quantità e qualità della domanda per i titoli offerti, preparazione della società agli impegni richiesti dallo status di società quotata, trasparenza nei confronti del mercato e degli investitori. Il loro numero e coinvolgimento può variare in funzione della complessità dell operazione e delle esigenze dell azienda. Inoltre, mentre l identificazione di alcuni soggetti (sponsor, specialista, responsabile del collocamento) e l attribuzione di precise responsabilità sono richieste dalla normativa vigente, il coinvolgimento di alcune tipologie di consulenti rientra nella prassi dei processi di IPO (Initial Public Offering) sviluppatasi sul mercato nel corso degli anni. Come già segnalato nella premessa, per poter fornire una quantificazione dei costi correlati ai diversi servizi forniti alla società durante il processo di quotazione, è sembrato opportuno individuare e descrivere le diverse attività che caratterizzano tale processo, assegnare a ciascuna di esse una valorizzazione (che tenga conto del diverso livello di complessità che può caratterizzare l operazione di quotazione) e identificare i fattori di variabilità delle diverse voci di costo che devono essere sostenuti da parte dell azienda che intende quotarsi e/o da parte degli eventuali soggetti offerenti le azioni in sede di IPO. Il costo complessivo di un processo di quotazione, infatti, a parità di dimensione dell offerta, può variare di molto in funzione del grado di complessità della struttura dell azienda e del gruppo di appartenenza, del settore di attività, della necessità di riorganizzazioni interne preliminari all ingresso dei titoli della società sul mercato finanziario e degli obiettivi della quotazione. Alcune attività sono inoltre difficilmente attribuibili a un singolo soggetto, essendo svolte in team tra la società e uno o più consulenti: l attribuzione e la valorizzazione di alcune voci di costo può essere quindi solo indicativa. Nei paragrafi seguenti vengono identificati i principali soggetti coinvolti in un processo di quotazione-tipo e viene fornita una descrizione delle singole attività da essi svolte secondo la best practice di mercato. Accanto a ciascuna attività viene poi fornita, laddove quantificabile in modo oggettivo, una valorizzazione della correlata voce di costo. La tavola 2 riporta i valori riassuntivi dell analisi e i fattori di variabilità individuati. I dati sono analizzati e ulteriormente dettagliati nel corso del lavoro. 5

8 Tavola 2 Intervalli di variabilità per i costi di quotazione (periodo ) _ Principali attività Costi di quotazione (1) Fattori di variabilità Nuovo _ Mercato Borsa _ Min Mid Max Min Mid Max 1 GLOBAL COORDINATOR / SPONSOR 4.0% 5.0% 6.0% 3.5% 4.3% 5.0% rispetto al controvalore complessivo dell'offerta - Due diligence finanziaria/business - Valutazione - Organizzazione e direzione del consorzio - Garanzia del collocamento - Attività di vendita - Funzione di sponsor - Funzione di specialist (eventuale) 2 ADVISOR FINANZIARIO 0.0% 0.4% 1.0% 0.0% 0.2% 0.4% rispetto al controvalore complessivo dell'offerta - Assisitenza per la scelta del team di consulenti - Coordinamento operazione e rapporti con altri soggetti coinvolti - Supporto per definizione struttura dell'offerta - Supporto per redazione prospetto (cap. 1) - Supporto per redazione business plan - Negoziazione prezzo di offerta con Global Coordinator 3 CONSULENTE LEGALE Due diligence legale - Consulenza su Corporate Governance - Prospetto Informativo (cap. 2, 3,6, 8, 9) - Redazione Offering Circular 4 SOCIETA' DI REVISIONE Comfort sui dati di CE e SP presenti nel prospetto - Verifica capitolo 4 prospetto - Supporto per realizzazione business plan 5 SOCIETA' DI PUBBLICHE RELAZIONI Attività preliminari - Iniziative di comunicazione economico - finanziaria 6 COSTI DI PUBBLICITA' Comunicazione finanziaria pre - collocamento - Comunicazione obbligatoria 7 IMPOSTE DI REGISTRO commissione fissa pari a 125 E Rischiosità del business, dimensione dell'offerta (relazione inversa) e momento in cui l'offerta viene proposta al mercato Adeguatezza e competenza delle strutture interne alla società, complessità dell'offerta per numero di soggetti coinvolti, modalità di collocamento e complessità nella fase di valutazione Complessità della struttura societaria, strutturazione ed esperienza dell'ufficio legale interno Complessità della struttura societaria e della sua evoluzione (necessità di proformare i bilanci) Ampiezza della strategia comunicazionale pre e post-offerta Livello di affermazione del brand, strategia comunicazionale della società 8 CONTRIBUTO VIGILANZA CONSOB 0,02% controvalore offerta (Min euro, Max 2.5 ML E) (2) 9 LISTING FEE BORSA ITALIANA tra e E 75 E per milione di Capitalizzazione della società in base alla capitalizzazione sul prezzo ufficiale al capitalizzazione (min , max E) 1 giorno di negoziazione 10 COSTO PUBBLICAZIONE PROSPETTO COSTO ROADSHOW Numero di copie, qualità di stampa Italia / estero, regalistica Valori riassuntivi Costi di quotazione (1) Nuovo Mercato _ Borsa Min Max Min Max GLOBAL COORDINATOR + ADVISOR 4.0% 7.0% 3.5% 5.4% rispetto al controvalore complessivo dell'offerta LEGALI + SOCIETA' DI REVISIONE SOCIETA' DI PR + PUBBLICITA' IMPOSTE E COMMISSIONI PER BORSA/CONSOB (3) (1) Dati in migliaia di euro (2) Dati relativi all anno 2001 (3) I valori massimi sono stati calcolati in ipotesi di offerta pari a 300 milioni di euro 6

9 A completamento dell analisi, il paragrafo termina con l identificazione dei principali operatori che hanno partecipato alle operazioni di IPO nel periodo in qualità di global coordinator, sponsor, specialist e revisore contabile Il global coordinator 6 I soggetti che svolgono il ruolo di global coordinator (coordinatore dell offerta globale) in un processo di quotazione sono rappresentati da banche di investimento, italiane o estere, autorizzate a svolgere servizi di collocamento ai sensi del Testo Unico o da qualsiasi altro intermediario finanziario compreso nell elenco speciale dell articolo 107 del Testo Unico bancario. A livello generale il global coordinator è responsabile del processo di collocamento delle azioni della società sul mercato e ha il compito di fornire alla società quotanda e ai suoi azionisti il supporto informativo e consulenziale necessario a comprendere ogni aspetto di tale processo. Scendendo nel dettaglio è possibile elencare una serie di attività specifiche che fanno capo al global coordinator: nella prassi registrata sul mercato, il global coordinator può svolgere in tutto o in parte le attività indicate e condividere con altri soggetti la direzione e coordinamento delle diverse tranches dell offerta globale (offerta pubblica, collocamenti privati in Italia e all estero, eventuale collocamento presso i dipendenti). Le attività che competono al global coordinator, ordinate in base alla successione temporale delle fasi del processo di quotazione, possono essere così riassunte: realizzazione di una prima valutazione di massima del capitale economico della società, in modo da fornire al management e agli azionisti un valore orientativo in base al quale decidere se procedere o meno nel processo di quotazione. Tale valutazione viene realizzata nel periodo precedente all inizio del processo vero e proprio, nell ambito di uno studio di fattibilità dell operazione; svolgimento, in collaborazione con legali, revisori e advisors, dell attività di due diligence relativa al management, al business della società e all adeguatezza dei sistemi di controllo di gestione; gestione dei rapporti tra la società emittente, la società di gestione del mercato (BIt) e l autorità di vigilanza (Consob). Se il global coordinator assume la funzione di sponsor, questa attività scaturisce nell assunzione di responsabilità nei confronti delle istituzioni circa la completezza delle informazioni presenti nel prospetto informativo di quotazione; eventuale assunzione della funzione di sponsor della società (si veda il par. 2.2); impegno a costituire e dirigere i consorzi di collocamento e garanzia per l offerta pubblica e per l offerta istituzionale, ovvero i gruppi di banche e istituzioni finanziarie ita- (6) La letteratura internazionale ha dedicato ampio spazio all analisi delle determinanti l entità dei costi per l attività dei global coordinators. Un analisi puntuale e comparativa a livello internazionale sull entità dei costi complessivi è presente in Ljungqvist, Jenkinson e Wilhelm (2000), che evidenziano la relativa bassa onerosità delle commissioni sul mercato italiano rispetto a quello nordamericano. Ritter (2000) e Ljungqvist, Wilhelm (2000) analizzano invece le specificità del caso americano, evidenziando alcune recenti tendenze. Altri articoli di interesse sono Benveniste, Spindt (1990) e Barry, Muscarella e Vetsuypens (1991). 7

10 liane ed estere che si occupano della fase di marketing, vendita dei titoli offerti e dell eventuale sottoscrizione dei titoli non collocati sul mercato, rispettivamente presso gli investitori retail e gli investitori professionali; assistenza nella predisposizione del prospetto informativo (in particolar modo i capitoli inerenti la struttura dell offerta) e organizzazione della documentazione necessaria alla realizzazione dell operazione; effettuazione dell attività di pre-marketing dei titoli, che comporta la predisposizione di un primo range di valutazione del capitale economico della società, sulla base del quale vengono sollecitate e raccolte le indicazioni di interesse da parte degli investitori istituzionali; coordinamento e supporto nell organizzazione dei road shows sia sul territorio nazionale che all estero; coordinamento delle fasi di raccolta degli ordini provenienti dagli investitori istituzionali (fase di bookbuilding); assistenza nella fase di attuazione dell offerta pubblica dei titoli sul mercato, con conseguente definizione del prezzo massimo di offerta; determinazione, in accordo con l advisor finanziario della società e la società emittente, del prezzo di offerta dei titoli sul mercato; attività di monitoraggio e, in coordinamento con l operatore specialista (per le attività svolte da quest ultimo si rimanda al paragrafo 2.8), eventuale stabilizzazione dell andamento del titolo sul mercato nel periodo successivo alla quotazione (nel mese successivo all inizio delle negoziazioni). In sintesi, il global coordinator dirige l operazione di collocamento dei titoli sul mercato e influenza i livelli di domanda attraverso la definizione del pricing e l attività di marketing presso gli investitori istituzionali. La disponibilità di un adeguata capacità di underwriting (positivamente influenzata dalla solidità patrimoniale dell intermediario), la disponibilità di una rete distributiva ampia e diffusa sul territorio (o la capacità di gestirne l organizzazione) e la capacità di collocare il titolo a prezzi il più possibile prossimi alla valutazione espressa post-collocamento dal mercato sono fattori che consentono di ottimizzare il risultato dell operazione di quotazione, anche allo scopo di ridurne i costi di natura indiretta 7. (7) Sebbene il documento si focalizzi sui costi diretti dell operazione di quotazione, non va tralasciata la rilevanza del costo opportunità cui la società emittente o i soci venditori vanno incontro nel caso in cui il prezzo di collocamento venga fissato a valori inferiori a quelli che si registreranno ex-post sul mercato. Tale costo - noto in letteratura come money left on the table - può raggiungere valorizzazioni molto elevate (si veda al riguardo la tavola 3) e rende particolarmente importante una gestione accorta, puntuale e professionale dell attività di pricing. Per le interpretazioni economiche relative a questo tema si vedano Loghran, Ritter (2000) e Arosio, Giudici, Paleari (2000). 8

11 2.2. Lo sponsor Lo sponsor è l intermediario finanziario, richiesto dal Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana, che deve assistere la società nell intero processo di quotazione facendosi garante, nei confronti del mercato, della qualità, dell esattezza e della completezza delle informazioni fornite dagli emittenti nonché dell ordinato e corretto svolgimento del procedimento di quotazione. Nel caso in cui lo sponsor assuma anche il ruolo di operatore specialista (si veda al riguardo il paragrafo 2.8) tali compiti vengono svolti anche nel periodo successivo alla quotazione, unitamente a una funzione di sostegno informativo nei confronti del mercato sull andamento economico, finanziario e patrimoniale dell emittente. A volte anche i ruoli dello sponsor e del global coordinator vengono svolti da una stessa banca o intermediario finanziario 8. Nel caso in cui tali soggetti siano distinti, lo sponsor (che, in base alle recenti modifiche regolamentari deve comunque essere lead manager dell offerta pubblica o del collocamento istituzionale) in sede di quotazione ha il compito specifico di fornire a BIt una serie di garanzie in merito alla società quotanda che in particolare riguardano: la completezza dei dati e della documentazione fornita dalla società durante l istruttoria; la conoscenza da parte dell emittente degli obblighi che derivano dalla quotazione; la presenza, all interno della struttura della società quotanda, di un valido sistema di controllo e gestione; la ragionevolezza dei dati previsionali relativi al periodo post-quotazione; lo svolgimento delle procedure di collocamento delle azioni al pubblico e agli investitori istituzionali secondo la best practice internazionale. In caso di ammissione alla quotazione in Borsa, lo sponsor ha il compito di svolgere alcune funzioni anche successivamente alla data di ammissione a quotazione, per un periodo di almeno un anno. Lo sponsor infatti si deve impegnare a: pubblicare almeno due analisi finanziarie all anno sulla società; pubblicare brevi analisi in occasione di eventi di rilievo straordinario per la società; organizzare incontri tra il management della società e la comunità finanziaria. In caso di ammissione alle negoziazioni sul Nuovo Mercato, tali attività sono invece normalmente svolte dall operatore specialista per l intera durata delle negoziazioni delle azioni sul mercato; lo specialista subentra allo sponsor dopo il primo anno di quotazione nel caso di ammissione alle negoziazioni sul segmento STAR. La tavola 3 riporta le principali caratteristiche delle operazioni di IPO nel periodo e il livello dei costi complessivi, diretti e indiretti, legati alle attività del consorzio di collocamento e all attività di sponsorship. Il riquadro 1 dettaglia la ripartizione dei costi complessivi. (8) La coincidenza di ruoli, spesso verificatasi nel biennio in esame, trova ragion d essere nell esistenza di possibili sovrapposizioni nelle attività svolte dalle due tipologie di soggetti e risulta quindi economicamente giustificabile, se non addirittura auspicabile. 9

12 Riquadro 1 - Il costo dello sponsor e del consorzio di collocamento Le attività dello sponsor e del consorzio di collocamento sono generalmente remunerate con una commissione definita in rapporto al controvalore dei titoli collocati 1. In particolare, tale commissione viene valorizzata in funzione di una serie di variabili, quali l'ammontare e la tipologia dell'offerta (offerta pubblica in Italia, offerta ai dipendenti, collocamento privato rivolto a investitori professionali italiani e istituzionali esteri, eventuali tranches riservate a fornitori di servizi di trading on line, offerta a investitori istituzionali USA, offerta pubblica in USA), le eventuali garanzie concesse sul buon esito dell'operazione e la rischiosità di non completa sottoscrizione dell'emissione, l'appetibilità del titolo - e dunque la relativa facilità di placement sul mercato - e infine la congiuntura del mercato 2. Nella tavola 3 sono riportati i dati relativi alle commissioni per le attività del consorzio di collocamento per le società quotate sul mercato italiano nel periodo Tali dati evidenziano per le small & mid cap companies un'escursione tra un minimo del 3,5% e un massimo del 5% per quanto riguarda la Borsa - per una commissione media pari al 4,3% - e tra il 4% e il 6% per il Nuovo Mercato - con valori medi del 5%. La commissione complessivamente riconosciuta può essere suddivisa in diverse tipologie di compensi (fees): management fee: commissione dovuta per l'attività di direzione e organizzazione del consorzio di collocamento, è di spettanza della banca capofila (lead manager) e degli altri eventuali co-lead managers (la quota spettante al lead manager è spesso definita praecipuum). In base alle evidenze per l'anno 2000, le management fees incidono normalmente per il 30-40% delle commissioni complessivamente spettanti al consorzio di collocamento; underwriting fee: commissione dovuta per il servizio di garanzia sulla sottoscrizione dei titoli eventualmente non collocati in sede di offerta. Spetta a tutte le banche che prestano garanzia sul collocamento dei titoli e viene computata in proporzione alla quota da ognuna di esse garantita (l'incidenza percentuale è normalmente pari al 15-25% del totale); selling fee: commissione spettante agli intermediari distributori per l'attività di vendita dei titoli presso gli investitori, è distribuita in proporzione ai titoli effettivamente collocati sul mercato (normalmente rappresenta il 40-50% del totale). Accanto a queste voci principali è in alcuni casi possibile identificare delle scomposizioni ulteriori: sponsorship fee: spesso inclusa nella management fee, è il compenso richiesto per l'adempimento degli obblighi dello sponsor previsti nel Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana; success fee: commissione attribuita dall'emittente al global coordinator in funzione del successo dell'operazione e/o al raggiungimento di obiettivi prefissati quali il livello di domanda raggiunto, la qualità e quantità della domanda istituzionale etc. I dati raccolti hanno consentito di quantificare tale commissione, laddove esistente, intorno allo 0,5% del controvalore dell'offerta. E' necessario infine sottolineare come, nel caso di operazioni di collocamento avviate ma non concluse (in particolare laddove la motivazione della rinuncia non sia rappresentata solo da un giudizio negativo sulle condizioni del mercato al momento della quotazione), sia possibile l'applicazione di una termination fee quan- 10

13 tificabile idealmente in una quota di praecipuum - management fees, crescente in funzione del livello di completamento del processo di quotazione al momento della rinuncia. (1) Le motivazioni teoriche di questa struttura contrattuale vanno ricercate nell esistenza di asimmetrie informative tra emittente e intermediario e fanno capo alla risoluzione del problema di moral hazard cui è soggetto il rapporto tra l impresa e l intermediario collocatore. Si veda al riguardo Baron (1982). Sebbene sia prassi che le commissioni spettanti al consorzio di collocamento siano proporzionali al controvalore complessivo dell offerta valutata al prezzo di collocamento, non è da escludersi la possibilità che possano essere applicate delle commissioni fisse (flat fee) nel caso di operazioni di dimensioni particolarmente ridotte. Nel campione in esame non si sono registrati casi rientranti in tale tipologia. (2) Nel caso in cui l offerta si componga di una quota proveniente da aumento di capitale (che genera raccolta di capitale di spettanza della società) e di una quota di azioni poste in vendita dagli azionisti esistenti (che genera raccolta di capitale a favore degli azionisti venditori), l insieme delle commissioni descritte viene solitamente ripartito tra società emittente e azionisti in base alle quote dell offerta di rispettiva competenza. Nei casi in cui vi siano accordi differenti tra società e azionisti venditori, viene richiesta trasparenza informativa sulle caratteristiche dell accordo nella terza sezione del prospetto informativo (che contiene le informazioni relative alla sollecitazione all investimento) L advisor finanziario In un processo di quotazione l advisor finanziario rappresenta il consulente che per primo incontra la società e la assiste lungo tutto l iter procedurale, sia nella fase di impostazione dell operazione complessiva sia nella scelta degli altri consulenti e intermediari. Molto spesso l advisor è già consulente dell azienda prima ancora di iniziare a valutare l opportunità della quotazione e continua a seguirla in una logica di medio termine anche nella fase successiva. L advisor svolge una funzione di supporto consulenziale generale nel corso della quotazione e può svolgere in tutto o in parte le seguenti attività: assistenza della società nella scelta del global coordinator, dello sponsor, dei legali e della società di comunicazione. In questa fase l advisor può avere la funzione di mettere in concorrenza tra loro diversi soggetti per l assegnazione dell incarico, in modo da ottenere le migliori condizioni contrattuali per la società in termini di rapporto tra costi e livelli di servizio, contemperando l esigenza di scegliere operatori con un profilo professionale elevato, adeguato rispetto alle caratteristiche della società e dell operazione; coordinamento dei rapporti della società con l intera rosa di consulenti coinvolti durante tutte le fasi del processo di quotazione. In quest ottica la presenza dell advisor è tanto più importante quanto maggiore è la dimensione e/o la complessità del collocamento, quanto più possono essere divergenti gli interessi dei diversi soggetti interessati all esito dell operazione (emittente, azionisti, eventuali autorità di controllo), e infine quanto più la società ha l esigenza di disintermediare il processo di coordinamento, per concentrarsi sulle attività di natura operativa strettamente legate al processo di quotazione (oltre che sull attività ordinaria dell azienda); supporto all emittente e al global coordinator nella definizione dei termini dell offerta; 11

14 Tavola 3 Operazioni di IPO nel periodo : principali caratteristiche e costi dell attività del consorzio di collocamento Primo _ Prezzo _ ufficiale _ (euro) _ Market Prezzo Titoli Titolo Mkt. giorno 1 giorno dopo cap colloc. collocati (1) negoz. 1 mese 1 giorno (numero) (ML euro) Big Caps 1 ENEL ORD BBC E.BISCOM ORD NM BANCA MPS ORD BBC LUXOTTICA ORD BBC SNAM RETE GAS ORD BBC BB BIOTECH ORD NM ACEA ORD BBC CALTAGIRONE EDITORE ORD BBC I.NET ORD NM TOD'S ORD BBC FREEDOMLAND ORD NM FINMATICA ORD NM CASSA DI RISP. DI FIRENZE ORD BBC AEM TORINO ORD BBC TISCALI ORD NM CAMPARI ORD BO Mid & Small Caps 17 LOTTOMATICA ORD BBC SAECO ORD BBC INTERBANCA ORD BO BIOSEARCH ITALIA ORD NM EPLANET ORD NM DATAMAT ORD NM ITALDESIGN-GIUGIARO ORD BO MELIORBANCA ORD BST NOVUSPHARMA ORD NM ENGINEERING ORD NM DE LONGHI ORD BO ON BANCA ORD NM CHL ORD NM DADA ORD NM CAIRO COMM. ORD NM GRUPPO COIN ORD BBC DUCATI ORD BST AMPLIFON ORD BO JUVENTUS ORD BST FERRETTI ORD BST CDC ORD NM ACEGAS ORD BO CAD IT ORD NM ACOTEL ORD NM MONDO TV ORD NM AS ROMA ORD BO GRANITIFIANDRE ORD BST CREDITO ARITGIANO ORD+OCV BO EUPHON ORD NM DIGITAL BROS ORD NM segue 12

15 Tavola 3 Operazioni di IPO nel periodo : principali caratteristiche e costi dell attività del consorzio di collocamento Raccolta Quota Oversubscription (2) Commissioni (3) Money left on the _ Titolo totale colloc. Retail Istit. Totale In % Valore table (MGL euro) (4) (ML euro) (MGL euro) 1 gg. 1 mese Big Caps 1 ENEL ORD % % E.BISCOM ORD % % BANCA MPS ORD % % LUXOTTICA ORD % % SNAM RETE GAS ORD % % BB BIOTECH ORD % % ACEA ORD % % CALTAGIRONE EDITORE ORD % % I.NET ORD % % TOD'S ORD % % FREEDOMLAND ORD % % FINMATICA ORD % % CASSA DI RISP. DI FIRENZE ORD % % AEM TORINO ORD % % TISCALI ORD % % CAMPARI ORD % % Mid & Small Caps 17 LOTTOMATICA ORD % % SAECO ORD % % INTERBANCA ORD % % BIOSEARCH ITALIA ORD % % EPLANET ORD % % DATAMAT ORD % % ITALDESIGN-GIUGIARO ORD % % MELIORBANCA ORD % % NOVUSPHARMA ORD % % ENGINEERING ORD % % DE LONGHI ORD % % ON BANCA ORD % % CHL ORD % % DADA ORD % % CAIRO COMM. ORD % % GRUPPO COIN ORD % % DUCATI ORD % % AMPLIFON ORD % % JUVENTUS ORD % % FERRETTI ORD % % CDC ORD % % ACEGAS ORD % % CAD IT ORD % % ACOTEL ORD % % MONDO TV ORD % % AS ROMA ORD % % GRANITIFIANDRE ORD % % CREDITO ARTIGIANO ORD+OCV % % EUPHON ORD % % DIGITAL BROS ORD % % segue 13

16 - continua Primo _ Prezzo _ ufficiale _ (euro) _ Market Prezzo Titoli Titolo Mkt. giorno 1 giorno dopo cap colloc. collocati (1) negoz. 1 mese 1 giorno (numero) (ML euro) 47 GRANDI NAVI VELOCI ORD BO BIESSE ORD BST DATALOGIC ORD NM INFERENTIA ORD NM CTO ORD NM PERMASTEELISA ORD BO DATA SERVICE ORD NM TXT ORD NM ART'E' ORD NM MARIELLA BURANI ORD BST TREVI ORD BO ORD NM TC SISTEMA ORD NM REPLY ORD NM I VIAGGI DEL VENTAGLIO ORD BO RONCADIN ORD BO GIACOMELLI SPORT ORD BO OLIDATA ORD BO VITAMINIC ORD NM BASICNET ORD BO MIRATO ORD BST EL.EN. ORD NM MARCOLIN ORD BO BANCA PROFILO ORD BO TAS ORD NM DMAIL.IT ORD NM AIR DOLOMITI ORD BO ACSM ORD BO AEROPORTO DI FIRENZE ORD BO PCU ITALIA ORD NM OPENGATE ORD NM GANDALF ORD NM LAVORWASH ORD BO CENTRALE LATTE TORINO ORD BST FIDIA ORD NM TECNODIFFUSIONE ORD NM ESPRINET ORD NM IT WAY ORD NM VEMER ELETTRONICA ORD BO NEGRI BOSSI ORD BST POLIGRAFICA S. FAUSTINO ORD NM ALGOL ORD NM FILATURA DI POLLONE ORD BO PRIMA INDUSTRIE ORD NM (1) BBC si riferisce al mercato di Borsa - segmento Blue Chips; BST al mercato di Borsa - segmento STAR; BO1 al mercato di Borsa - segmento ordinario 1; NM al Nuovo Mercato. Per le imprese quotate prima dell'aprile 2001 (momento di avvio della nuova segmentazione del mercato di Borsa) si fa riferimento al segmento di appartenenza a fine (2) Rapporto tra numero complessivo di titoli richiesti (esclusi i titoli oggetto di overallotment) e collocati (esclusa la greenshoe). 14

17 - continua Raccolta Quota Oversubscription (2) Commissioni (3) Money left on the _ Titolo totale colloc. Retail Istit. Totale In % Valore table (MGL euro) (4) (ML euro) (MGL euro) 1 gg. 1 mese 47 GRANDI NAVI VELOCI ORD % % BIESSE ORD % % DATALOGIC ORD % % INFERENTIA ORD % % CTO ORD % % PERMASTEELISA ORD % % DATA SERVICE ORD % % TXT ORD % % ART'E' ORD % % MARIELLA BURANI ORD % % TREVI ORD % % ORD % % TC SISTEMA ORD % % REPLY ORD % % I VIAGGI DEL VENTAGLIO ORD % % RONCADIN ORD % % GIACOMELLI SPORT ORD % % OLIDATA ORD % % VITAMINIC ORD % % BASICNET ORD % % MIRATO ORD % % EL.EN. ORD % % MARCOLIN ORD % % BANCA PROFILO ORD % % TAS ORD % % DMAIL.IT ORD % % AIR DOLOMITI ORD % % ACSM ORD % % AEROPORTO DI FIRENZE ORD % % PCU ITALIA ORD % % OPENGATE ORD % % GANDALF ORD % % LAVORWASH ORD % % CENTRALE LATTE TORINO ORD % % FIDIA ORD % % TECNODIFFUSIONE ORD % % ESPRINET ORD % % IT WAY ORD % % VEMER ELETTRONICA ORD % % NEGRI BOSSI ORD % % POLIGRAFICA S. FAUSTINO ORD % % ALGOL ORD % % FILATURA DI POLLONE ORD % % PRIMA INDUSTRIE ORD % % (3) Il valore delle commissioni è calcolato sulla base del controvalore complessivo dell'offerta, moltiplicato per le commissioni percentuali. Laddove sia indicato un range di variazione si è fatto riferimento al dato medio. (4) Prodotto tra il numero complessivo di titoli collocati e la differenza tra il prezzo ufficiale del primo giorno di negoziazione/dopo 1 mese dall avvio delle negoziazioni e il prezzo di collocamento. 15

18 redazione del primo capitolo del prospetto informativo (relativo alle informazioni sull attività dell emittente) con la consulenza della società stessa e dello studio legale; supporto generale nella redazione del prospetto informativo; supporto nella realizzazione del business plan pluriennale della società; definizione della valutazione del capitale economico della società, attraverso l individuazione di un intervallo di valori che dovrà essere confrontato e discusso con quello elaborato dal global coordinator e/o dallo sponsor; assistenza alla società nell elaborazione e preparazione della documentazione da utilizzare per le presentazioni agli analisti, sia nella fase preliminare (propedeutica alla pubblicazione delle ricerche sulla società e alla finalizzazione dell analisi da parte di BIt) che in sede di road show; definizione, in accordo con il global coordinator, del prezzo di offerta; assistenza alla società nella fase successiva alla quotazione, per l espletamento di tutte quelle attività di natura operativa e regolamentare imposte dallo status di società quotata. Va infine specificato che il coinvolgimento di un advisor pare opportuno nel caso di aziende non in grado di gestire in totale autonomia il processo di quotazione. E pertanto evidente come per la maggior parte delle aziende di medie dimensioni tale figura rivesta un ruolo rilevante, fornendo un punto di riferimento per l attività di coordinamento del team di consulenti coinvolti nel processo di quotazione I consulenti legali Per la delicatezza dell incarico svolto dai consulenti legali tale compito viene affidato, in accordo con il global coordinator e con l advisor, a figure non solo di fiducia della società quotanda, ma anche dotate di una consolidata esperienza e di una struttura organizzativa con competenze tecnico-regolamentari specifiche rispetto al processo di quotazione 9. La funzione principale dei consulenti legali è quella di assistere società, soci e intermediari in relazione a tutti gli aspetti di natura legale, contrattualistica e normativa della quotazione, oltre a interagire frequentemente con Consob, BIt e Monte Titoli S.p.A. Nello specifico, i consulenti legali della società svolgono una serie di attività che hanno inizio nel periodo precedente al processo di quotazione vero e proprio (con una intensità che varia a seconda della adeguatezza legale della società a intraprendere il processo di quotazione) e che terminano nel periodo immediatamente successivo all offerta: predisposizione della documentazione relativa alle delibere degli organi sociali chia- (9) Il numero di consulenti legali necessari è direttamente proporzionale al livello di complessità dell operazione: nel caso di offerte che includono, oltre all offerta pubblica in Italia e al collocamento istituzionale in Italia e in Europa, anche un collocamento negli USA (secondo la Rule 144A) tale numero può arrivare fino a quattro (consulente società, consulente per offerta pubblica e collocamento istituzionale in Italia, consulente per collocamento istituzionale all estero, consulente per collocamento negli USA). 16

19 mati a decidere sull opportunità della quotazione; redazione del verbale della delibera di presentazione delle domande di ammissione alla quotazione nonché in merito agli eventuali adempimenti connessi (ad esempio, la nomina della società di revisione); predisposizione della documentazione relativa all eventuale Assemblea Straordinaria chiamata a effettuare l aumento di capitale riservato da destinare al mercato ed, eventualmente, ai dipendenti; redazione della due diligence legale, normalmente suddivisa in due parti. La prima consta nell esame, inter alia, dei libri sociali e dei contratti che fanno capo alla quotanda e alle società da quest ultima controllate; la seconda comporta la redazione di un report di commento alla struttura societaria e ai contratti stessi; redazione del secondo, terzo, sesto, ottavo e nono capitolo del prospetto informativo (informazioni generali sull emittente e relative agli organi sociali, agli assetti proprietari, al capitale sociale e alle recenti operazioni sul capitale) e attività di supervisione nella redazione dell intero prospetto, curandone la completezza delle informazioni e l equivalenza tra le diverse fonti informative; redazione di una serie di documenti necessari all avvio del processo di quotazione quali la domanda di ammissione alle negoziazioni presso BIt, la comunicazione a Consob dell intenzione di procedere alla sollecitazione all investimento, il contratto da sottoporre a Monte Titoli S.p.A. nonché la predisposizione della documentazione da allegare alle domande di ammissione da inoltrare a BIt e Consob; preparazione dell offering circular, ovverosia del documento informativo redatto in lingua inglese per il collocamento delle azioni presso gli investitori istituzionali esteri; redazione, in collaborazione con i legali del global coordinator, degli underwriting agreements, ossia i contratti che legano la società e i capofila del consorzio di collocamento e garanzia per l offerta pubblica e per il collocamento istituzionale, riguardanti l impegno alla sottoscrizione dei titoli eventualmente non collocati in sede di offerta 10 ; preparazione della legal opinion, ovverosia di un certificato di good standing della società; rilascio delle comfort letters di equivalenza dei documenti di offerta, al fine di attestare la corrispondenza tra la documentazione sulla società quotanda fornita a BIt e Consob e quella esaminata nel corso del processo di due diligence legale; redazione della documentazione preliminare e del verbale del consiglio di amministrazione chiamato a deliberare in merito all approvazione del prospetto informativo e dell offering circular, nonché in merito alla determinazione del prezzo definitivo di collocamento; (10) Va specificato che, in alcuni casi, anche il costo dell assistenza legale richiesta per l attività del global coordinator può essere a carico della società emittente. Le stime fornite nella ricerca sono comprensive anche di tale voce di costo. 17

20 cura del deposito delle varie bozze del prospetto informativo presso BIt e Consob nonché della versione finale del prospetto stesso; assistenza alla società nell implementazione (con relative delibere) di quanto richiesto dal Codice di Autodisciplina delle società quotate, in termini di corporate governance La società di revisione La società di revisione coinvolta nel processo di quotazione è normalmente la stessa società che si è occupata della certificazione dei bilanci della quotanda negli anni precedenti alla decisione di presentare richiesta di ammissione alla quotazione. Nella fase di preparazione l attività richiesta alla società di revisione va però oltre i servizi normalmente forniti da tale soggetto. La società alla quale viene affidato l incarico si occupa di svolgere verifiche sui dati di bilancio della quotanda nonché sui documenti inerenti agli organi sociali: revisione contabile del bilancio relativo all ultimo esercizio di attività della società e, se esistente, del bilancio consolidato del gruppo; eventuale revisione contabile completa di situazioni patrimoniali e conti economici infrannuali (sei mesi o diverso periodo stabilito da BIt); eventuale revisione contabile di situazioni patrimoniali e conti economici annuali e infrannuali proforma, anche consolidati, nel caso la società sia di recente costituzione o abbia subito modifiche sostanziali nella struttura patrimoniale; esame, nell ambito della procedura di revisione dei bilanci, dei libri contenenti i verbali delle Assemblee dei Soci, del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; verifica della corrispondenza tra i dati di natura economica, patrimoniale e finanziaria inseriti nel prospetto informativo e quelli presenti o derivati dai bilanci assoggettati a revisione o da altre fonti di natura contabile. In aggiunta alla pura attività di revisione, la società che riceve l incarico (in collaborazione con legali e advisor) ha il compito di svolgere altre funzioni quali: verifica del quarto capitolo del prospetto informativo, relativo ai dati economicofinanziari della società e la supervisione sull intero documento. La redazione del capitolo può essere effettuata dalla divisione di corporate finance della società di revisione, ove presente; supporto alla società e all advisor per quanto riguarda la redazione del business plan; redazione di una comfort letter nella quale si dichiara la veridicità e la correttezza dei dati e dei documenti analizzati nel corso dell attività di due diligence. 18

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Guida alla Quotazione su AIM Italia

Guida alla Quotazione su AIM Italia Guida alla Quotazione su AIM Italia Un network globale di PMI e investitori specializzati, al servizio della crescita delle piccole e medie imprese La Guida alla Quotazione su AIM Italia è stata predisposta

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli