Architetti si diventa. Architects in the making. Why Mendrisio? Una scuola di architettura dove si applica. Study in Switzerland

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architetti si diventa. Architects in the making. Why Mendrisio? Una scuola di architettura dove si applica. Study in Switzerland"

Transcript

1 AAM Architetti si diventa Architects in the making Why Mendrisio? Study in Switzerland Why Mendrisio? Una scuola di architettura dove si applica un innovativo modello didattico, plica un innovativo modello didattico, Una scuola di architettura dove si ap- interdisciplinare, umanista TestoGeni e generalista del essin perum interdisciplinare, num fugiatiur am ute modit rem quis nis molupta umanista e generalista doluptat quat. Luptiun diasperum quae quia vendem harum, comnimi nctorerio dolorio nec-

2 Pubblicazione a cura di / Edited by Marco Della Torre Bruno Pedretti Coordinamento editoriale / Editorial Coordination Tiziano Casartelli Traduzioni / English Translation Semeion, Milano Revisione testi inglese English Text Review Sofia Nobis Progetto Grafico / Graphic Design Alberto Canepa Direzione dell Accademia Direttore / Dean Marc Collomb Coordinatore di direzione Marco Della Torre Vice direttore per la ricerca Christoph Frank Amministratore Antoine Turner Delegato agli studenti Gabriele Cappellato Fotografie / Photography Alberto Canepa Enrico Cano Michele Nastasi Stampato da / Printed by Arti grafiche Veladini, Lugano 2014 USI,

3 Perchè Mendrisio? An architectural faculty which boasts an innovative, interdisciplinary, humanistic and generalist teaching method. Seeking to counter-act the fragmentation of knowledge threatened by over-specialization, the Academy of Architecture will ensure that the future architects will acquire skills based on an open and critical approach, ranging from various types of architectural design to urban planning and landscapes, from the rethinking of historical heritage to developing sustainable designs. Una scuola di architettura dove si applica un modello didattico innovativo, interdisciplinare, umanista e generalista. Contro la frammentazione degli specialismi, il futuro architetto acquisisce una competenza aperta e critica, che spazia dalla progettazione delle varie tipologie architettoniche al disegno urbano e del paesaggio, dal riuso del patrimonio storico alla costruzione sostenibile

4 4

5 Architetti si diventa / Artchitects in the making Piero Martinoli Presidente / President Università della Svizzera italiana in contemporanea alla sua crescita scientifica l USI si è sempre più aperta al pubblico, diventando luogo d incontro privilegiato per dibattiti e confronti d idee 4 FACOLTÀ / FACULTIES Economia / Economy Comunicazione / Communication Architettura / Architecture Informatica / Computer Science USI: an international, innovative university, at the heart of the scientific and cultural debate in Italian-speaking Switzerland region. USI: un università internazionale e innovativa, epicentro del dibattito scientifico e culturale della Svizzera italiana USI Università della Svizzera italiana, ha fondamenta solide, che si incarnano nelle sue quattro Facoltà. L e la Facoltà di scienze economiche trovano la loro piena giustificazione l una nella continuità di una secolare e splendente tradizione, e l altra nell importanza della piazza finanziaria di Lugano a livello svizzero e internazionale. La Facoltà di scienze della comunicazione, unica nel suo genere nel nostro paese, e la Facoltà di scienze informatiche rispondono alla necessità di formare professionisti competenti in campi destinati ad influenzare in maniera sempre più incisiva l evoluzione della nostra società. Unite alla privilegiata posizione geografica che fa dell USI un università ponte fra diverse culture europee, queste scelte conferiscono al nostro ateneo un identità forte, contrassegnata anche dal carattere internazionale (il più marcato in Svizzera) dei suoi oltre 3000 studenti. Negli ultimi anni, proprio grazie alle sue solide fondamenta, l USI è riuscita a sviluppare nuove iniziative destinate a potenziare ulteriormente il suo profilo originale: le scienze computazionali e la medicina, progetti scelti in campi di sicuro avvenire scientifico per contribuire allo sviluppo del territorio e alla soluzione di problemi di rilevanza nazionale. Parallelamente l USI ha continuato ad alimentare la propria anima umanistica, incrementando il proprio impegno per la difesa della componente italofona del nostro Paese e rafforzando le proprie competenze nel campo degli studia humanitatis, dalla letteratura alla storia dell arte. In contemporanea alla sua crescita scientifica l USI si è sempre più aperta al pubblico, diventando luogo d incontro privilegiato per dibattiti e confronti d idee sui temi caldi che interessano la società, creando quell intreccio di scienza e cultura che dà il senso più profondo della parola università. USI Università della Svizzera italiana (the University of Italian-speaking Switzerland) has been built on solid foundations, epitomised in its four Faculties. The Academy of Architecture rightly places itself within a century old legacy and honourable tradition, and it is with the same strive for excellency that the Faculty of Economic Sciences has been created, reflecting the importance of the Lugano financial market both in Switzerland and the world. The Faculty of Communication Sciences, the only one of its kind in Switzerland, and the Faculty of Computer Science are a direct response to the need to train skilled professionals in fields destined to have an growing important influence in our society in the future. This is then combined with its privileged geographical position, allowing USI to act as a bridge between different European university cultures, giving our institution a powerful identity, further highlighted by the international character of the over 3000 students, of unmatched international character, a unique epicentre unlike any other Swiss university. Over recent years, benefiting from the solidity of its original foundations, our university has succeeded in developing new initiatives aimed to strengthen unique character while further developing the introduction of the disciplines of computational sciences and medicine, projects chosen because of their relevance, designed to assist in territorial development and the resolution of problems of national significance. While dedicating itself to the advancement and the creation of new branches of studies, USI university has also been able to continue and renew its commitment to humanistic studies, increasing its championing of the Italian-speaking part of our country by strengthening the resources devoted to the Studia humanitatis, ranging from literature to the history of art. In tandem with the growth of its scientific prowess, USI has also become ever more open to the public, standing a key venue for debates and meetings on the ideas and critical topics of interest to society at large, creating that interweave of culture and science justifying the appellation of university at its deepest meaning. in tandem with the growth of its scientific prowess, USI has also become a key venue for debates and meetings of interest to society at large Studenti nel campus di Lugano Students at the Lugano Campus 5

6 USI Marc Collomb Direttore / Dean nella nostra scuola la cultura disciplinare insegna a innestare sulle competenze tecniche le facoltà immaginative: perché l architettura è arte del possibile The Accademia di architettura (Academy of Architecture) is a young institution, and that is precisely where its strength lies. It was founded in 1996 and, in just a few years, its innovative teaching model, the intuition to place the Academy within a wider cultural centre and the selection of its faculty and staff allowed for its countless rewards and increasing successes. The School, born in parallel to the developing USI university in Lugano, was created outside the confines of any pre-existing institution, enhancing its freedom and supporting the uniqueness of its teaching method and ideology which has allowed it to measure itself with new social and professional scenarios connected with the contemporary architectural culture. The design debate of the 1950s was centred around issues of postwar modernisation, in the 1970s it was dominated by ideological ferments (as well as the energy crisis), while since the 1990s it has been reflecting upon the phenomenon of globalisation whose repercussions are very present and relevant in everyone s daily life, directly influencing the structure of architectural design itself. These scenarios confirm the far-sighted vision of the Academy s founders, architects Mario Botta and Lio Galfetti in particular, who sensed the urgent need to once again respond to the changes brought on by globalisation, updating and strengthening the humanistic profile of the architect, a trait so dear to the best Modernist traditions. Our School of Architecture was thus founded to keep alive the principle, dear to Modern Movement masters, that an architect s ability to design must extend from the spoon to the city (to cite the famous dictum of the avant-garde), making it our very own. In Mendrisio, we have reviewed this concept, elaborating our own conception of a Territorial Architect, one who is able to apply disciplinary culture to a L di Mendrisio è una scuola giovane, e proprio questa è la sua forza. Fondata nel 1996, in pochi anni il suo innovativo modello didattico, l intuizione di integrare la scuola in un autentico polo culturale e le scelte nella composizione della sua docenza e del suo staff l hanno premiata con un successo crescente. Nata, congiuntamente all Università della Svizzera italiana di cui fa parte, al di fuori di precedenti istituzioni, la sua libertà le ha permesso di misurarsi sui nuovi scenari sociali e professionali che attendono la cultura architettonica contemporanea. Se negli anni 50 del Novecento il dibattito progettuale ebbe come centrali le tematiche della modernizzazione postbellica e negli anni 70 quelle dell inquietudine ideologica (ma anche dello choc energetico), a partire dagli anni 90 la riflessione verrà sempre più sollecitata dal fenomeno della globalizzazione, le cui ricadute non hanno da allora smesso di investire la vita pratica di ognuno e di condizionare lo stesso assetto della cultura progettuale. Questi scenari confermano la lungimiranza dei fondatori dell Accademia, in particolare di Mario Botta e Lio Galfetti, che avvertirono l urgenza di rispondere ai rivolgimenti portati dalla globalizzazione recuperando e potenziando il profilo umanistico dell architetto caro alle migliori tradizioni del Moderno. La nostra scuola è quindi nata anche per tenere vivo il principio, caro ai maestri del Moderno, che il progetto debba estendersi dal cucchiaio alla città, come recita la famosa formula delle avanguardie che a Mendrisio abbiamo aggiornato con quella di architetto territoriale, ossia colui che sa applicare la cultura disciplinare alle diverse scale, dal singolo manufatto architettonico ai rapporti con il contesto, sino a integrare ogni intervento progettuale nella più ampia configurazione funzionale e sociale dei nostri spazi di vita. Ciò spiega perché la nostra scuola rifiuti lo smembramento della cultura architettonica in specialismi frammentari, per proporre viceversa una visione aperta e critica, sempre proiettata oltre l ordinaria competenza tecnica. Il saper fare resta naturalmente imprescindibile, e lo dimostra il fatto che in Accademia si impara progettando. Noi siamo tuttavia convinti che una esclusiva preparazione tecnica porti non solo a un impoverimento culturale, ma persino alla sconfitta professionale delle nuove generazioni di architetti. L architettura è una pratica visionaria sempre rivolta al miglioramento futuro del mondo fisico in cui abitiamo. Nonostante la sua visionarietà, il principio di realtà non per questo viene eluso. Piuttosto, i vincoli della realtà fisica, così come le complesse condizioni sociali e gli ostacoli operativi che sappiamo frapporsi all esercizio architettonico, vengono sfidati da una immaginazione che trasforma anch essi in materiali di progetto. Per questo nella nostra scuola la cultura disciplinare insegna a innestare sulle competenze tecniche le facoltà immaginative: perché l architettura è arte del possibile. Architettura: arte del possibile Architecture: the Art of the Possible whole range of different scales, ranging from the single architectural construction to the broadest configuration of the space in which we live. This explains why the Academy refuses to take part in the dismemberment of the architectural culture into countless fragmented specialisations. We propose instead a wide vision open and critical, always projected well beyond ordinary and specific technical expertise. Needless to say, an in-depth knowledge of the discipline remains essential as demonstrated by the stress given to design, still conceived as an absolutely crucial and irreplaceable part of learning. We are however convinced that concentrating on technical training alone not only leads to cultural impoverishment, but even to professional failure for future generations of architects. Architecture is a visionary practice, constantly striving for the future improvement of the physical world we live in. That is why, notwithstanding its visionary nature, the principle of reality is not the least forgotten. If anything, the restrictions of physical reality, just as those of complex social conditions and operational obstacles, which we know get in the way of the practice of architecture, are challenged by the freedom of imagination, transforming them into focal points and great material for the evolution and uniqueness of the project. This is why our School teaches students how to enrich their technical expertise with the strength of their own imagination, as architecture is the art of the possible. our School teaches students how to enrich their technical expertise with the strength of their own imagination, as architecture is the art of the possible Spazi espositivi in Palazzo Canavèe Exhibitng in Palazzo Canavèe 6

7 Architetti si diventa / Artchitects in the making 7

8 USI ALCUNI BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE L ACCADEMIA DI ARCHITETTURA DI MENDRISIO SOME GOOD REASONS FOR CHOOSING THE ACADEMY OF ARCHITECTURE IN MENDRISIO 8

9 Architetti si diventa / Artchitects in the making Un nuovo modello per gli studi di architettura A new model for architectural studies il futuro architetto acquisisce la cultura architettonica con sguardo aperto, critico, aggiornato L architetto è oggi chiamato a sviluppare forme di competenza innovative che gli consentano di cimentarsi su diversi fronti, dalla progettazione del singolo manufatto al disegno territoriale, dal riuso del patrimonio storico alla riqualificazione del paesaggio, dall edificazione ecologicamente sostenibile all esercizio estetico richiesto nelle diverse tipologie architettoniche. Per questo a Mendrisio si è costruito un modello didattico interdisciplinare che va oltre gli specialismi tradizionali in modo da formare un architetto umanista e generalista adeguato ai nostri tempi. All apprendimento della pratica negli atelier di progettazione si affiancano così corsi tecnico-scientifici aperti alle problematiche contemporanee e corsi storico-umanistici in cui si articolano insegnamenti storici, artistici, filosofici, critici, sociologici. Nel curriculum formativo, il futuro architetto acquisisce in tal modo la cultura architettonica con sguardo aperto, critico, aggiornato, e nell avanzare degli studi sceglie come approfondire gli indirizzi progettuali più consoni alla sua sensibilità. the training curriculum allows future architects to experience architectural culture founded on an approach which is critical and fully up-to-date The modern architect nowadays is called to develop an innovative range of skills which allows him or her to have expertise on different fronts, from the design of a single building to local planning, from the re-use of historical heritage to landscape restoration, from ecologically sustainable building to the aesthetic requirements of different architectural types. This is why, at Mendrisio, we have established an interdisciplinary teaching model that goes beyond traditional specializations to ensure that the humanistic and generalist architects we train are in tune with the requirements of the times. Learning the practices of the design studio goes hand in hand with technical and scientific courses open to the issues affecting the contemporary world, and courses in history and the humanities in which students are given tuition in history, art, philosophy, criticism and sociology. The training curriculum thus allows future architects to experience architectural culture founded on an approach which is critical and fully up-to-date. As their studies progress they will be able to choose to concentrate on those aspects of design most in tune with their own specific skills and sensitivities. La garanzia delle istituzioni universitarie svizzere The security offered by swiss universities una struttura burocratica agile e un sistema di comunicazione in cui lo studente è sempre protagonista L fa parte dell USI, Università della Svizzera italiana. L ateneo ticinese, che ha sede a Lugano, è il membro più giovane del sistema universitario svizzero, che conta nove atenei e due politecnici federali. L USI ha scambi stretti con altre università, tanto svizzere quanto italiane e di altri Paesi, a dimostrazione della veloce crescita di una autorevolezza internazionale che la vede distinguersi sia per il potenziamento dei programmi di ricerca, sia per vari prestigiosi riconoscimenti attribuiti a suoi professori. Alle garanzie di qualità e rigore che da sempre accompagnano la fama delle scuole svizzere, l e in generale l USI uniscono una struttura burocratica agile e un sistema di comunicazione in cui lo studente è sempre protagonista. Molte pratiche amministrative sono inoltre gestite con semplici operazioni on-line. The Academy of Architecture is part of USI, Università della Svizzera italiana (the University of Italian-speaking Switzerland). This Lugano based University is the youngest member of the Swiss university system, which is made up of nine universities and two federal polytechnics. USI has close exchange links with other universities in Switzerland, Italy as well as several other countries; a demonstration of the speed of the growth of its international reputation, also seen in the distinction it has gained in the strengthening of its research programme and the variety of prestigious recognitions awarded to its professors. In addition to the guarantees of quality and rigour, characteristics traditionally associated with Swiss universities, our Academy, and more generally USI, have been able to combine a responsive bureaucratic structure with an efficient communication system which keeps the student as the main centre of attention, allowing for many administrative formalities to be managed by simple online operations. a responsive bureaucratic structure with an efficient communication system which keeps the student as the main centre of attention dall alto / from top: Aurelio Galfetti Quintus Miller Daniela Mondini Mario Botta Sonja Hildrebrand Valentin Bearth Riccardo Blumer 9

10 10 Il Campus dell Accademia di architettura The Campus of the Academy of Architecture

11 Architetti si diventa / Artchitects in the making Un campus universitario sull esempio di prestigiose scuole straniere The university campus has taken prestigious foreign universities as examples to follow L si distribuisce in alcune sedi didattiche, amministrative, di ricerca, studio e servizio poste al centro della cittadina di Mendrisio. Questa fisionomia è molto simile a quella di prestigiosi campus universitari di piccole città inglesi e degli Stati Uniti. La collocazione esterna alle aree metropolitane facilita la vita studentesca pur senza precludere il contatto dei giovani con le città vicine. Le principali sedi che costituiscono il campus di Mendrisio sono disposte intorno a un pregevole parco urbano: Villa Argentina (sede della direzione e dell amministrazione), Palazzo Canavée e Palazzo Turconi (sedi didattiche) e la Biblioteca. Poco discosti stanno l Archivio del Moderno e la Casa dello Studente. Quest ultima offre ospitalità a oltre 70 studenti in miniappartamenti, ma nella stessa Mendrisio e in comuni limitrofi si offrono residenze in affitto a prezzi molto più accessibili che nelle aree metropolitane. Anche per le esigenze residenziali degli studenti l Accademia mette a disposizione un proprio servizio di supporto. Una lezione di Eduardo Souto de Moura nella corte di Palazzo Turconi A lecture of Eduardo Souto de Moura in Turconi s building courtyard Our university campus is spread among several buildings for its teaching, administrative, research, study and service activities, all located in the centre of the little town of Mendrisio, making a typological connection with the English and American tradition of the most prestigious universities, which choose smaller towns as the peaceful setting for their closely knit communities. The choice of location, away from large urban centres, makes student life easier without excluding their contact with nearby cities. The main buildings forming the Mendrisio campus are positioned around a fascinating park: Villa Argentina (the administrative and management headquarters), Palazzo Canavée and Palazzo Turconi (both used for teaching) and the library. The Archivio del Moderno and the Casa dello Studente (Student residences) are also nearby and walking distance. The latter building provides accommodation for more than 70 students in small flats. Residential accommodation is available both in Mendrisio and the surrounding municipalities at rents which are much more affordable than those to be found in nearby larger cities. The Academy has a service dedicated to providing assistance to its students looking for accommodation. Vita di Campus a Mendrisio Living in the Mendrisio Campus 11

12 USI Una collocazione geografica con spiccata apertura culturale Mendrisio è una cittadina a metà strada tra Como e Lugano, distante poche decine di chilometri da Milano e dall aeroporto della Malpensa. La spiccata apertura culturale di questo distretto, posto sull asse degli scambi tra mondo nordico e mediterraneo, trova peraltro conferma nelle sue grandi tradizioni degli architetti: dai Maestri Comacini del Medioevo ai protagonisti del Rinascimento e del Barocco, sino ai grandi nomi del Razionalismo novecentesco e alla Scuola ticinese di architettura dei nostri anni. Questa vocazione internazionale si perpetua nell Accademia, dove alla presenza di professori a loro volta di provenienza internazionale si affianca la presenza di studenti anch essi provenienti da decine di Paesi diversi. Mendrisio is a small town half-way between Como and Lugano, close to Milan and the Malpensa Airport. The area is open to many different cultural flows, right on the axis of the interchanges between Northern Europe and the Mediterranean, as confirmed by its great architectural tradition stretching from the Como masters of the Middle Ages through the Renaissance and Baroque right up to the great names of the 20th century rationalists and the Ticino renowned architects of our own times. This international vision is enhanced by the presence of professors and lecturers coming from all over the world, who confront themselves with an international body of students, representing dozens of different cultures. A geographical location affected by extraordinary cultural influences alla presenza di professori di provenienza internazionale si affianca la presenza di studenti anch essi provenienti da decine di Paesi diversi professors and lecturers coming from all over the world, who confront themselves with an international body of students, representing dozens of different cultures Archivio del Moderno Biblioteca Villa Argentina Palazzo Canavée Palazzo Turconi Teatro dell Architettura Biblioteca dell Accademia Galleria dell Accademia Mappa del Campus Campus Map 12

13 Architetti si diventa / Artchitects in the making Palazzo Canavée Progettato dagli architetti svizzeri Amr Soliman e Patrik Zurkirchen, si trovano le aule per la didattica, tutte dotate di strumenti multimediali, gli uffici dei docenti e altri servizi, nonché gli spazi per gli atelier di progettazione del secondo e terzo anno di Bachelor e del Master. Qui si tengono inoltre gli incontri pubblici e si allestiscono le esposizioni nell annessa Galleria. Palazzo Turconi Edificato a metà dell Ottocento su progetto dell architetto Luigi Fontana, era in origine la sede dell Ospedale della Beata Vergine. L austero palazzo neoclassico dichiara il suo cambio di funzione anche grazie alla scultura l Oiseau amourex dell artista Niki de St. Phalle. Nei suoi spazi sono ospitati gli atelier di progettazione del primo anno e del semestre di Diploma. Palazzo Canavée Designed by Swiss architects Amr Soliman and Patrik Zurkirchen, one can find the teaching classrooms, all equipped with multimedia technologies, the Professors offices and many other services, among which are the second and the third year Bachelor as well as the Master s ateliers. This is also where the public events are held and the exhibitions shown, presented in the Gallery. VIlla Argentina built in 1872 by architect Antonio Croci, houses the Managing offices, the Administration, the Secretary desk, as well as other offices, some dedicated to the logistics team. In this building one also finds the History of the Alps Study Centre and the Mendrisio Academy Press, the Academy s publishing house. Between Villa Argentina and Palazzo Canaveè extends one of the most beautiful urban parks of the region, appreciated for the richness and monumentality of its plants and trees. Villa Argentina Edificata nel 1872 dall architetto Antonio Croci, ospita la Direzione dell Accademia, l Amministrazione, la Segreteria didattica, gli uffici dei servizi e della logistica. Vi trovano sede anche il Laboratorio di Storia delle Alpi e Mendrisio Academy Press, la casa editrice dell Accademia. Tra Villa Argentina e Palazzo Canavée si sviluppa un parco urbano tra i più belli della regione, apprezzato per la ricchezza e la monumentalità delle sue piante. Palazzo Turconi Built in the mid 1800 s and designed by architect Luigi Fontana, was originally the location for the Blessed Virgin Mary s Hospital. The austere neoclassical building declares its change of use also thanks to the sculpture l Oiseau amourex created by artist Niki de St. Phalle. The building welcomes the first year design ateliers as well as the ones of Diploma semester. Library Stands next to Palazzo Turconi. Its building, constructed for the foundation and birth of the School, was designed by architects Mario Botta and Aurelio Galfetti as a multifunctional room, and has been adapted into its new function from architect Peter Disch. Considering the sheer size of its heritage and patrimony, the Library s space is obviously integrated with additional deposits and storage spaces. Biblioteca L edificio che la accoglie, progettato alla nascita della Scuola dagli architetti Mario Botta e Aurelio Galfetti come aula polivalente, è stato successivamente adattato alla nuova funzione dall architetto Peter Disch. /campus 13

14 USI Archivio del Moderno Ha sede a Piazzale della Valle, un complesso architettonico disegnato dall architetto Mario Botta ai bordi del centro storico di Mendrisio. L Archivio, che conserva preziosi fondi d arte e architettura, dispone di circa 1000 mq tra uffici, laboratori, sala di consultazione, deposito climatizzato e spazio espositivo. Casa dell Accademia Archivio del Moderno Is housed in the Piazzale della Valle, a building complex designed by Architect Mario Botta, right on the edge of the historic center of Mendrisio. The Archive treasures precious artistic and architectural collections, and measures around a 1000 sm composed of offices, laboratories, a consultation room, climate controlled deposits and exhibition space. Galleria dell Accademia The structure, designed by the same Zurich-based architects who designed Palazzo Canavée, covers an area of 350 square meters. It hosts all the exhibitions, both those presented by the Academy and those organized by leading institutions, authorities and foundations with which the school has close ties. È stata progettata dagli architetti Carola Barchi e Ludovica Molo con la collaborazione di Jachen Könz. Il complesso residenziale, che sorge a pochi minuti dal Palazzo Canavée, può ospitare fino a 72 studenti. Gli appartamenti (tre dei quali per portatori di handicap) si distribuiscono in due edifici paralleli divisi da un giardino. Casa dell Accademia Galleria dell Accademia La struttura, concepita dagli stessi architetti zurighesi che hanno progettato Palazzo Canavée, occupa un area di 350 m². Qui sono ospitate tutte le esposizioni, quelle prodotte dalla stessa Accademia e quelle allestite da importanti istituti, enti e fondazioni con cui la scuola intrattiene rapporti di collaborazione. Was designed by architects Carola Barchi e Ludovica Molo in collaboration with Jachen Könz. The housing complex, walking distance from Palazzo Canaveè, can house up to 72 students. The apartments (three of which equipped for disabled people) are articulated into two parallel buildings which share a garden. 14 /campus

15 Architetti si diventa / Artchitects in the making 15

16 USI 40 differenti nazionalità degli studenti Students from 40 different countries 20 Atelier di progettazione nel 2014 The study programme: an original curriculum complying with europe-wide protocols Desin Studios in 2014 Il piano degli studi: un curriculum originale nel rispetto dei protocolli europei Aires Mateus Angonese Arnaboldi Bearth Boesch Blumer Bonnet Botta Burkhalter Sumi Citterio devylder V. T. Hasegawa Kéré Lapierre Miller Nunes Olgiati Sergison Studio Mumbai Tropeano The study curriculum offered at the Academy of Architecture of the USI University complies with European University Studies regulations, and the final degree (Master of Science in Architecture) is thus recognised by the European Community. Students interested in following and obtaining only the final two years of Masters course at the Academy must have received a recognized three year Bachelors degree awarded by an architecture school or university considered equivalent, and are accepted so long as there are still vacancies, as the Academy maintains a policy of limiting teacher-student ratios to guarantee high teaching standards. The full curriculum is made up of two introductory semesters in the first year, followed by four semesters to complete the three-year Bachelor s degree with a further four semesters for the full Master of Science. The design diploma of the Masters takes place in the second and last semester of the final year. The whole cycle of studies is completed by two semesters of practical training in an architectural firm; normally such training takes place within three years of the completion of the first degree. This suggested path is followed by the majority of students, therefore conceiving the entire cycle of studies (which includes Bachelor, internship and Master) to last a total of six years. Design has a central role throughout the whole period of study, carried out in semester long studio designs. Students work in groups of limited size (normally about 20) and are introduced to the practical, operational side of architecture in close contact with the design professor aided normally by a couple assistants. This studio-based work alternates with seminar style theoretical 750 studenti nel 2014 all Accademia di architettura Gli studi all di Mendrisio, Università della Svizzera italiana, sono compatibili con l ordinamento europeo, e il diploma finale (Master of Science in Architecture) è riconosciuto dalla Comunità europea. All Accademia si può accedere anche nel corso degli studi per ottenere il Diploma (Master), a condizione di possedere un titolo di laurea triennale (Bachelor) rilasciato da una facoltà di architettura ritenuto equivalente, e purché lo consentano le capacità di accoglienza della scuola, che per garantire un alto standard didattico prevede un rapporto controllato tra docenti e numero di allievi. Il curriculum formativo complessivo si articola in due semestri propedeutici al primo anno, seguiti da quattro semestri per completare il Bachelor (laurea triennale) e altri quattro per il Master (laurea magistrale). Nel secondo semestre dell ultimo anno si concentra il lavoro di progetto del diploma. Completano gli studi due semestri di formazione pratica presso uno studio professionale di architettura, che di norma lo studente segue entro i tre anni del Bachelor. Questa sequenza del percorso didattico viene rispettata dalla gran parte degli iscritti, che riescono così a ultimare il ciclo degli studi in sei Students at the Accademy of architecture in

17 Architetti si diventa / Artchitects in the making 15 differenti nazionalità dei docenti internationalities represented by the professors the study curriculum offered at the Academy of Architecture complies with European University Studies regulations, and the final degree is thus recognised by the European Community gli studi all Accademia di architettura sono compatibili con l ordinamento europeo degli studi universitari, e il diploma finale è riconosciuto dalla Comunità europea anni. Per tutta la durata degli studi ricopre un ruolo centrale la progettazione, che viene svolta in atelier semestrali obbligatori. Qui gli studenti, raccolti in gruppi di numero limitato (di norma intorno a 20) apprendono la conoscenza operativa dell architettura in uno stretto contatto con il docente, sempre affiancato da assistenti. Agli atelier si alternano gli insegnamenti delle discipline storico-umanistiche e tecnico-scientifiche. I corsi teorici si riferiscono alle seguenti fasce disciplinari: Storia e teoria dell arte e dell architettura, Cultura del territorio, Costruzione e Tecnologia, Strutture e Scienze esatte. Per garantire continuità e coerenza al processo formativo, i corsi teorici sono ripartiti omogeneamente nell arco di tutti gli anni di studio, acquistando una valenza sempre più specialistica nel prosieguo dei semestri e aprendosi a maggiori scelte opzionali nel biennio del Master. Nei diversi anni sono ricorrenti le stesure di elaborati di ricerca richiesti da diversi insegnamenti, e numerosi sono i viaggi di studio, collegati sia agli atelier di progettazione, sia ai corsi teorici. Il sistema dei crediti, applicato secondo i modelli in uso nelle università europee, prevede che metà degli ECTS venga acquisita negli atelier e l altra metà nei corsi teorici, dove a loro volta sono suddivisi circa a metà tra discipline storico-umanistiche e tecnico-scientifiche. Per il Bachelor i crediti da maturare non possono essere inferiori a 180, mentre per il Master, compreso il progetto di diploma, gli ECTS sono complessivamente 120. Questo percorso formativo, chiaro, equilibrato e flessibile, presenta un articolazione mirata a formare una figura di architetto generalista capace di inserirsi nel complesso settore della progettazione contemporanea con competenza professionale unita a una spiccata capacità critica individuale. teachings, which range from history and humanities to the technical and scientific subjects. The theoretical courses cover the following subject areas: History and Theory of Art and Architecture, Urban and Territorial Studies, Construction and T echnology, Structures and the Exact Sciences. In order to ensure continuity and consistency through the whole study period, the theoretical courses are divided up uniformly throughout the various years of study, becoming more and more specific as the student advances, focusing on specific themes, time periods, or even subjects tailored upon the interests of the single student over the two years of the Masters. With literally more than a hundred courses to choose from, it is not hard for almost all students to have a completely unique plan of studies, a truly unique offer, which grants a very friendly and flexible atmosphere, where students are followed on an individual bases, allowing for truly exceptional, unique and critical individual as well as group works and discussions. Most often, students will be required to present research working papers, whose themes are combined and deepened by study trips connected both to the studio design work and the theoretical courses. The credit system is the same as that applied in European universities, with half of the ECTS awarded for design studio work and the other half for theoretical courses, where there is a further sub-division, about half belonging to the history and humanities courses, and the other half to the technical and scientific ones. The minimum number of ECTS equired for the Bachelor degree (Bac) is 180 ECTS, while another 120 ECTS are required for the Master degree, including the final design project, also called Diploma. It all adds up to a clear, balanced and flexible plan of studies which is designed to produce at its completion a architect generalist capable of taking up a role in the complex contemporary design sector combining professional skills with an enhanced individual critical capacity studenti all USI nel 2014 Students at USI in

18 USI Professori di fama internazionale e studenti di differenti culture Internationally know professors and students of different culteres 18

19 Architetti si diventa / Artchitects in the making La cultura architettonica alla prova del mondo contemporaneo Architecture challenging the contemporary world Walter Angonese Italia / Italy Johnatan Sergison Gran Bretagna / UK Antonio Citterio Italia / Italy professori provenienti dalle diverse aree linguistiche della Svizzera, dall Italia, dalla penisola iberica, da Gran Bretagna, Germania, Francia, ma anche da India, Africa ed Estremo Oriente Le oltre trenta nazionalità rappresentate nella popolazione studentesca e nel corpo docente, rendono l e le altre facoltà dell Università della Svizzera italiana un luogo di scambio culturale particolarmente ricco. Nella nostra epoca si devono formare nuove figure professionali e intellettuali chiamate ad affrontare i processi della globalizzazione, una sfida che non può essere giocata con chiusure culturali, arroccamenti locali, nostalgie tradizionali. Serve un apertura critica capace di cogliere le dinamiche di un mondo divenuto socialmente eclettico e geograficamente interdipendente. Per questo lo staff dei docenti è stato costruito sulla base dell autorevolezza e notorietà internazionale dei suoi nomi. In particolare negli atelier di progettazione troviamo professori provenienti dalle diverse aree linguistiche della Svizzera, dall Italia, dalla penisola iberica, da Gran Bretagna, Germania, Francia, ma anche da India, Africa ed Estremo Oriente La lingua italiana è ricorrente in buona parte dei corsi, ma viene spesso affiancata dall inglese e, in casi specifici, anche dalle altre due lingue della Confederazione Elvetica: il francese e il tedesco. L apertura culturale della scuola allena quindi lo studente anche a una maggiore competenza linguistica. Ciò è facilitato dallo stretto rapporto didattico che si instaura tra studenti e docenti. La dimensione dell e delle facoltà USI è infatti controllata in modo da evitare i fenomeni di massificazione che oggi penalizzano molte scuole universitarie. I 3000 studenti complessivi dell USI (di cui 700 a Mendrisio) consentono di contenere le classi entro un numero contenuto di allievi. Anche gli atelier di progettazione fissano una cifra ridotta a circa 20 allievi, che vengono seguiti da un professore, sempre un professionista di chiara fama, affiancato da almeno due assistenti architetti. Nei diversi ambiti didattici si applica così un modello familiare in cui il ruolo di tutor dei docenti garantisce protocolli formativi di alto standard. The students and teaching staff at the Academy and the other faculties of the USI university are drawn from more than 30 different countries, making it a place of particularly intense cultural exchange. There is currently an urgent need to train new professionals and intellectuals well-equipped to deal with the processes of globalisation, a challenge which cannot be met by blinkered monoculturalism, or traditional nostalgia. What is needed is a critical openness, sensitive to the dynamics of a world that has become socially eclectic and geographically interdependent. This is why the teaching staff has been recruited on the basis of their prestige and reputation gained at an international level. In the design studio in particular, the professors come from all of Switzerland s different linguistic areas, as well as from Italy, Spain and Portugal, Great Britain, Germany and France, from India, Africa and the Far East. Italian is spoken in the majority of courses although often accompanied by English and, in specific cases, by the other two main languages of the Swiss Federation, German and French. The Academy s cultural variety itself gives students occasion to improve their linguistic skills, professors come from all of Switzerland s different linguistic areas, as well as from Italy, Spain and Portugal, Great Britain, Germany and France, from India, Africa and the Far East further challenged by the close relation established between students and teaching staff. The relatively contained size of our Academy and the other USI departments avoids the worst effects of massive student bodies so deleterious to many universities. The fact that the USI has a total of just 3000 students (700 in Mendrisio) makes it possible for class-sizes to be limited. The studios, or ateliers as they are called here, have also been purposely kept to a restricted number, with a maximum of about 20 students whose work is followed by a professor (a professional with an established reputation) assisted by at least two trained architects. This means a model which foresees close and personal contact and high cooperation, and which allows professors to guarantee high standards of teaching. Grafton Architects Irlanda / Ireland de Vylder Vinck Taillieu architekten Belgio / Belgium Fredreric Bonnet Francia / France Muck Petzez Germania / Germany Bijoy Jain India Go Hasegawa Giappone / Japan Diébédo Francis Kéré Burkina Faso, Germania / Germany 19

20 USI Rispondere alla globalizzazione con il progetto La città europea, in misura maggiore rispetto a quella americana e asiatica, è un organismo che vive di stratificazioni storiche, è stata costruita nel tempo con accorti concetti di centro, di limite, di zone a densa edificazione alternate a pause naturalistiche e spazi pubblici. Questa preziosa eredità viene però sempre più compromessa dal degrado della città diffusa e dalla mediocrità invasiva dei manufatti globalizzati, e proprio l urgenza di rispondere a tali fenomeni impone di formare non dei semplici mestieranti del progetto bensì nuove generazioni di architetti costruttori di identità. Nella scuola di Mendrisio il primato riconosciuto alla dimensione etica e pubblica dell architettura informa una complessiva filosofia didattica in cui le problematiche sollevate dalle scienze umane stimolano negli studenti la ricerca progettuale degli elementi che conferiscono qualità ai nostri paesaggi, alle nostre città. Mario Botta Architetto, fondatore e già direttore Architect, founder and former director Architettura come progettazione territoriale Nei nostri atelier la concezione tradizionale del processo progettuale, che partiva dal primato del manufatto edilizio e vedeva nel territorio il fondale indifferente della nuova costruzione, viene rovesciata. Anche l anacronistica separazione tra intervento architettonico e pianificazione territoriale non vale più. Ora è il paesaggio a farsi matrice progettuale: le sue orografie naturali e i suoi equilibri ambientali legati ai processi di antropizzazione, le sue esigenze infrastrutturali, le sue strade e piazze e centri abitati, le sue specificità morfologiche e tracce storiche, diventano nel loro insieme materiale di progetto. Michele Arnaboldi Architetto e professore / Architect and professor Utilità pragmatica e valore sociale del riuso architettonico Intervenire sul già costruito appartiene da sempre ai compiti dell architettura, ma diventa a maggior ragione importante nei nostri anni a seguito dello sterminato patrimonio edificato che abbiamo ricevuto in eredità dal Novecento. Uno dei temi centrali dei nuovi scenari progettuali diventa così quello dell indagine sul lascito architettonico e degli strumenti da adottare per il suo possibile recupero e riuso. Nel piano degli studi della nostra scuola, specifici atelier di progettazione, unitamente a corsi di teoria dedicati a questi temi, approfondiscono le potenzialità pragmatiche del riuso architettonico, che diventa anche strumento culturale per rafforzare la nostra memoria disciplinare e sociale. Martin Boesch Architetto e professore / Architect and professor Using design as a response to globalisation The European city is an organism which is characterized by its historical strata, certainly more so than its American or Asian counterparts; the former are built over time with clear concepts of centre, limits, densely built-up areas alternating with gaps set aside for natural vegetation and public spaces. This precious heritage is however being increasingly compromised by the degradation brought on by urban sprawl and the invasive mediocrity of the globalised commercial buildings. It is precisely the urgent need to respond to these phenomena which makes it so important to educate not mere constructors fit for the working industry, but new generations of architects characterized by a fresh and critical mind, aimed to become constructors of new identities, fit for developing realities. In the Academy of Architecture, the recognition of the primacy of the ethical and public dimension of architecture informs an overall teaching philosophy in which the problems raised by the humanities serve as stimulus for students to enrich their designs with those elements which aim to elevate and give quality to both our landscapes and cityscapes. Mario Botta Architecture as territorial design In our design studios the standard and usual relationship of the design process between the building and site, normally seen as an undifferentiated backdrop to the new structure, is reversed, making the context a crucial design theme. Similarly, the anachronistic separation between architectural intervention and local planning no longer holds true. Now it is the landscape which has become the matrix of design: the natural orography of the land, its environmental balance connected with its anthropic use processes, its infrastructural requirements, its roads, squares and population centres, its morphological characteristics and historical context, have all become the materials of design. MIchele Arnaboldi Pragmatic utility and social value of architectural re-use Intervening on pre-existing buildings has always been part architecture s duties but has gained particular importance in our own time given the immense heritage of buildings belonging to the 20th century. One of the central themes of the new design scenarios has thus become investigating on the potential of existing architecture and the appropriate tools for its possible transformation and re-use. The Academy s study-plans thus includes specific ateliers dedicated to these issues, combined with theoretical courses which give the possibility to deepen the pragmatic and contemporary potentiality and centrality of architectural re-use, a process which also serves as a cultural resource for revitalising both our discipline and as well as our social memory. Martin Boesh 20 /designstudios

21 Architetti si diventa / Artchitects in the making Un campus che va oltre la scuola professionale L internazionalità della nostra scuola rafforza l apprendimento non solo con la ricchezza dell offerta culturale ma anche con l intensità del rapporto formativo che si stabilisce nella vita del campus. Grazie allo stretto scambio intellettuale che lo studente instaura tanto con gli architetti professori quanto con gli studiosi delle discipline teoriche, l evita il pericolo di scadere a semplice scuola professionale. La vita del campus rappresenta infatti uno stimolo costante ad arricchire l insegnamento dell architettura e delle sue basi tecniche con conoscenze etiche ed estetiche, fondamentali per integrare competenza professionale e libertà espressiva dei nuovi progettisti. Manuel Aires Mateus Architetto e professore / Architect and professor Il contributo delle personalità creative negli atelier Sin dalla sua fondazione, l Accademia esige che i suoi professori di progettazione siano figure che si sono distinte sulla scena internazionale grazie alla qualità delle loro opere. Lo scopo è di garantire docenti la cui competenza sappia trasmettere una formazione allo stesso tempo operativa e creativa. Come prova il ricco elenco del corpo docente, potremmo quindi definire l Accademia una scuola fatta da personalità, perché i suoi professori di atelier sono sempre architetti che hanno guadagnato autorevolezza e notorietà grazie alle peculiari caratteristiche dei loro linguaggi progettuali. Nel lavoro didattico ciò spinge lo studente a sviluppare una sua visione critica del progetto, una sua personale architettura concettuale. Valerio Olgiati Architetto e professore / Architect and professor Paesaggi della memoria, paesaggi dell oblio I paesaggi sono memorie gravide di informazioni sui mutamenti sommatisi nel tempo, sono il registro di trasformazioni che descrivono, in ogni momento, ciò che è stato e ciò che è. I paesaggi non sono incapsulati in un determinismo da DNA: piuttosto, si scrivono e riscrivono continuamente, riempiendo l istante vuoto tra passato e futuro. Se Spazio e Tempo sono i materiali da costruzione del paesaggio, Memoria e Oblio sono gli attrezzi della sua continua trasformazione. La formazione di una nuova generazione di professionisti in grado di misurarsi con questi materiali e strumenti fa dell di Mendrisio una scuola all avanguardia nell ambito della progettazione paesaggistica e ambientale. João Nunes Architetto e professore / Architect and professor A campus which goes beyond simple professional training The international character of our Academy not only enriches the learning process by the breadth of its cultural range, but also strengthens the intensity of the educational experiences which take place on campus. The close intellectual exchange between students and the practicing architects who support them as professors in the ateliers on the one hand, and the researchers in the theoretical disciplines on the other, allow for our Academy to avoid the danger of becoming simply a training ground for professionals, proposing an almost forgotten, and thus unique today, approach to architecture. Campus life indeed represents a constant stimulus enhancing the teaching of architecture and its technical foundations with ethical and aesthetic understanding, of fundamental importance in the integration of the professional competence and the expressive freedom needed, and expected, from the new generations of architects. Manuel Aires Mateus The contribution provided by creative personalities to the design studios Since its foundation, the Academy has always chosen atelier professors professionals who had reached international recognition as a result for the outstanding quality of their work, in order to offer a teaching staff capable of providing an education and training which is both operative and original. As proof, the impressive list of the teaching staff. We can thus define the Academy as a an ensemble of distinguished personalities, architects who have earned authority and renown through the uniqueness of their design language. In the teaching context this stimulates students to develop their own critical vision of design, their own conceptual architecture. Valerio Olgiati Landscapes of the memory, landscapes of oblivion Landscapes are memories dense with information which related to changes layered in time, a recording of the transformations describing each moment what has happened and what is happing now. However, landscapes are not the results solely dictated by a DNA driven determinism, they are written and re-written continuously, filling the empty void between past and future. If Space and Time are the materials for the construction of the landscape, Memory and Oblivion represent the tools at work in its continual transformation. It is the creation of a new generation of professionals able to measure themselves and deal with these materials and tools which makes Mendrisio Academy a unique school for the teaching of landscape and environmental design. João Nunes 21

22 USI La passione per i luoghi, il contesto, la cultura Quando nel 1979 Yvonne visitò il Canton Ticino per vedere le interessanti architetture che vi erano state costruite, invitò Mario Botta a Dublino per tenere una conferenza pubblica: quella conferenza suscitò un grande interesse, diventando un occasione memorabile. I rapporti tra l architettura dell Irlanda e della Svizzera due Paesi relativamente piccoli furono incoraggiati dal libro blu Architettura recente in Ticino, che divenne per noi fonte di ispirazione. I lavori presentati nel libro, a firma di Galfetti, Rauchat, Snozzi, Botta e vari altri, mostravano un autentica passione per i luoghi, il contesto e la cultura, unitamente a una volontà eroica di integrare architettura, infrastruttura e scala territoriale del Ticino. Noi apprezzammo questi valori e, avendo insegnato molti anni all University College di Dublino che pure ha sostenuto questi valori, siamo ora molto felici di far parte dell, dove tali idee potranno ulteriormente svilupparsi. Grafton Architects Yvonne Farrell & Shelley McNamara Architetti e professori / Architects and professors Il lavoro condotto con i documenti d archivio mostra il processo di nascita e sviluppo di un progetto non come una serie lineare di decisioni prese bensì, piuttosto, come un terreno aperto e fertile, ricco di domande e risposte. Simultaneità e rotture sono i caratteri decisivi che definiscono il nucleo più interno della nostra attività di progetto, una realtà che cerchiamo di trasmettere ai nostri studenti. Dalla collaborazione del nostro atelier con l Archivio del moderno AdM è nata la mostra Giulio Minoletti architetto, urbanista e designer. Contemporaneamente, il lavoro di ricerca landscape myths technology, sviluppato dall e dal Politecnico di Zurigo, troverà una provvisoria conclusione quale evento collaterale della Biennale di Venezia Marianne Burkhalter Chirstian Sumi Architetti e professori / Architects and professors A passion for places, context and culture In 1979 Yvonne visited the Ticino Canton to see the interesting work which was being built in the area. During that visit, she invited Mario Botta to come to Dublin to give a public lecture. His lecture was a memorable occasion with an enormous audience. The architectural relationship between Ireland and Switzerland - two relatively small countries - was encouraged by the blue book on Recent Architecture in Ticino, which had just been published and which became an inspiration to us in Ireland. The published work in this book, that of Galfetti, Rauchat, Snozzi, Botta, and many others, showed a passion for place, context, culture, together with a heroic sense of connection between architecture, infrastructure, and the larger territory of Ticino. We share these values, and having taught in University College Dublin for many years, where these values have been promoted, we are very happy teach and learn in the Accademia di architettura in Mendrisio, where these ideas can grow even further. Le Corbusier s definition. In order to have these three dimensions interact with one another, a very useful and effective strategy is having our students work on architecture archives. In fact, archive documents clearly show the entire process of creation for single projects from their birth through their development, not necessarily perceived as a linear path of clear decisions, but rather as an open and fertile ground for research, rich of both questions and answers. Simultaneity and discontinuity are in fact decisive factors which define the innermost core of our approach towards project design, a reality which we do our best to share with our students. It is precisely out of this cultural understanding which allowed for the creation of the exhibition enititled Giulio Minoletti-architect, urbanist and designer as well as a second one regarding the St. Gotthard Landscape, myths and technology both resulting in publications and exhibitions. Marianne Burkhalter Christian Sumi Una recherche patiente / designstudios Grafton Architects Yvonne Farrel & Shelley McNamara A recerche patiente Insegnamento, teoria e ricerca sono i cardini della nostra attività presso l Accademia di Mendrisio, in un certo senso intesa come recherche patiente, secondo la definizione di Le Corbusier. La possibilità di entrare in contatto e collaborare con gli archivi rappresenta un importante esperienza per gli studenti. Teaching, theory and research form the bases our contribution to the Academy, a search seen in a sense as a recherche patiente, according to 22

23 AAM Consiglio dell Accademia / Faculty Board Josep Acebillo, Manuel Aires Mateus, Walter Angonese, Michele Arnaboldi, Valentin Bearth Mario Botta, Marianne Burkhalter, Marc Collomb, Yvonne Farrell, Christoph Frank, Franz Graf, Roberta Grignolo, Sonja Hildebrand, Shelley McNamara, Quintus Miller, Daniela Mondini, Mario Monotti, João Nunes, Valerio Olgiati, Muck Petzet, Jonathan Sergison, Christian Sumi, Riccardo Blumer, Martin Boesch, Antonio Citterio, Michel Desvigne, Luigi Lorenzetti, Marco Müller, + rappresentante degli assistenti e degli studenti Consiglio dei professori Professor s Board Josep Acebillo, Manuel Aires Mateus Walter Angonese Michele Arnaboldi,Valentin Bearth Mario Botta, Marianne Burkhalter Marc Collomb, Yvonne Farrell Christoph Frank, Franz Graf Sonja Hildebrand, Shelley McNamara Quintus Miller, Daniela Mondini Mario Monotti, João Nunes, Valerio Olgiati, Muck Petzet, Jonathan Sergison, Christian Sumi

24 USI Necessità delle discipline storico-umanistiche The need for historical and humanistic disciplines La formazione di architetti contemporanei non può limitarsi a insegnare lo stato attuale dell arte, ma deve aprirsi a un attenta riflessione sullo statuto aperto e mutevole della cultura architettonica come ci viene insegnato dalle scienze umane e dal pensiero storico. Per questo l ampia offerta di materie storico-umanistiche dell Accademia si estende in vari corsi sulle diverse epoche della storia dell architettura, cui si affiancano seminari monografici dedicati a temi di particolare interesse, con inoltre insegnamenti di estetica, antropologia e altre scienze umane. Lo studente è così spinto a perlustrare le complesse diramazioni culturali da sempre coinvolte nella pratica architettonica. Arricchire la formazione operativa del giovane architetto con materie storiche e teoretiche non significa dunque semplicemente aggiungere della cultura generale alla competenza professionale, ma piuttosto alimentare quest ultima con la prima. Per l architetto attuale è diventato peraltro urgente dare una risposta alla progressiva riduzione della propria autosufficienza tecnica, e questa risposta richiede di portare dentro la competenza architettonica più formazione interdisciplinare. Viene da qui l indirizzo didattico dell Accademia, volto a integrare l apprendimento operativo del progetto negli atelier con la conoscenza di una storia disciplinare dell architettura fatta confluire in una allargata storia delle idee. Per riprendere una formula cara al fondatore dell Università di Berlino, Wilhelm von Humboldt, oggi più che mai l architetto ha infatti bisogno di riunire esperienza e pensiero. The education of contemporary architects cannot be confined to teaching the current state of the art but must widen and reflect upon the open and mutable canons of architectural culture as taught by the history and the humanities. As a consequence, the wide range of subjects relating to history and the humanities taught by the Academy offers a variety of courses concerned with different epochs of architectural heritage, supported by monographic seminars dedicated to specific themes of particular interest and concern, further supplemented by courses on aesthetics, cultural anthropology and other social sciences. In this way, students are encouraged to explore the complexity of cultural influences which have always been involved with and branched off architectural practice. To enrich the operational education of young architects with the study of historical and theoretical subjects does not mean simply adding general culture to their professional skills, but rather ensuring that the former becomes an integral part of the latter. Moreover, contemporary architects in particular are confronted with the need to give an answer to the growing reduction of technical self-sufficiency, thus adding to architecture an interdisciplinary approach. This is the bases for the Academy s plan of studies, aimed at supplementing the learning of operational design in the atelier with the knowledge of the history of architecture as a discipline placed aimed at enriching and supporting a history of ideas. To cite a favourite maxim of the founder of Berlin University, Wilhelm von Humboldt, never has it been so crucial as for architects today to be able to bring together experience and thought. per l architetto è diventato urgente portare dentro la competenza più formazione interdisciplinare the need to give an answer to the growing reduction of technical self-sufficiency, thus adding to architecture an interdisciplinary approach Christoph Frank Vicedirettore per la ricerca e professore delle discipline storico-umanistiche Deputy Dean for Research and Professor for the historical and humanistic disciplines Academy of Architecture Dida dell immagine sadfasdffdsfdfadf sadfasdfasdfsd 24

25 Architetti si diventa / Artchitects in the making Necessità delle discipline tecnico-scientifiche The need for technical and scientific disciplines Viviamo in un epoca molto fertile dello sviluppo tecnico applicato all architettura: nuovi materiali, processi costruttivi e tipi strutturali, ma anche ibridazioni con i manufatti preesistenti. Oggi più che mai l architettura è determinata dalle evoluzioni tecnologiche, comprese quelle sollecitate dalla crisi ecologica, ma anche dalla necessità di confrontarsi con le tecniche prodotte nel secolo passato. Essendo l architettura una pratica che non può rinunciare ai propri fondamenti di disciplina scientifica, la forma e la tecnica vanno trattate nella loro unitarietà. Poiché la materializzazione dell architettura è strettamente fisica, non si affronta dapprima il disegno architettonico e solo successivamente la costruzione: per evitare gli errori dell incompetenza e le banalità del formalismo, la concezione progettuale deve procedere in simultanea. All Accademia, coscienti di quanto la formazione tecnico-scientifica sia indispensabile alla sensibilità formale dell architetto, insistiamo lungo tutti gli anni sull apprendimento della tecnologia costruttiva: se ne analizzano i materiali e i processi, le tematiche energetiche, i principi strutturali e le esigenze degli impianti, con il supporto inoltre dei corsi di analisi matematica e geometria descrittiva, di fisica e fisica della costruzione, così come dell ecologia applicata all architettura e al territorio. Grazie a un percorso formativo in cui si apprendono progressivamente i fondamenti scientifici della disciplina, le tecniche costruttive più aggiornate ma anche quelle ereditate dal secolo del Moderno, il giovane architetto si dota di conoscenze razionali e sperimentali che ne favoriscono le stesse facoltà creative. We live in an epoch of extremely fertile technical development applied to architecture: new materials, means of construction and structural prototypes, but also the hybridisation with existing products. Today, more than ever before, architecture is influenced by technological evolution, including that brought on by the ecological crisis, as well as out of the need for architecture to confront itself with the techniques of the past century. Since architecture is a discipline unable to forgo its very own scientific foundation, form and technology must be treated as one. After all, architecture s materialisation is undeniably physical, it is therefore not possible to first deal with the architectural design and then with its construction: in order to avoid the incompetence and banality of mere formalism, several and crucial design aspects must be conceived simultaneously. At the Academy, we are fully aware of the extent to which technical and scientific training is indispensable to an architect s formal sensitivity; and that is why we insist on the teaching of construction techniques throughout the entire cycle of study. This includes analysing and dealing with materials and their processes, energy related issues, structural principles and the many requirements given by all a building s systems, all these being supported by more theoretical scientific courses such as calculus, descriptive geometry, physics and construction together with ecology and environmental science as applied to architecture and territory. It is thus thanks to a plan of studies which allows for students to learn scientific principles as related to our discipline, which does not only include the most up-to-date techniques but also those inherited and updated from the century of the Modernist tradition, that young architects are given rational and experimental understandings as well as the knowledge as bases to enhance the creativity and uniqueness for their designs. oggi più che mai l architettura è determinata dalle evoluzioni tecnologiche, comprese quelle sollecitate dalla crisi ecologica today, more than ever before, architecture is influenced by technological evolution, including that brought on by the ecological crisis Franz Graf Professore delle discipline tecnico-scientifiche Professor for technical disciplines Academy of Architecture Assonometrie degli studenti / Axonometry by the students Tudor Munteanu Cecilia Mazzeo 25

26 USI Kenneth Frampton Leonardo Benevolo I molti protagonisti che hanno reso autorevole la nostra istituzione The many personalities who have contributed to the Academy s authoritative reputation Esteban Bonell L si avvia a festeggiare il suo ventesimo anniversario. E dunque un istituzione ancora giovane, ma la sua veloce affermazione trova conferma sin dallo straordinario contributo che lungo questi anni vi hanno apportato molti autorevoli collaboratori. E impossibile segnalare per esteso tutti gli architetti, gli studiosi, i critici e le personalità artistiche che hanno tenuto presso la nostra scuola corsi teorici, atelier di progettazione, conferenze e seminari, che vi hanno diretto aree disciplinari, sviluppato ricerche e pubblicato libri. A titolo esemplificativo vogliamo tuttavia segnalare alcune figure rappresentative della nostra storia. Nella progettazione, abbiamo avuto tra gli architetti professori e collaboratori: Lio Galfetti (che ha ricoperto anche la carica di direttore), Luigi Snozzi, Livio Vacchini, Esteban Bonell, Franz Oswald, Heinz Tesar, Guillermo Vázquez Consuegra, Francesco Venezia, Elia Zenghelis, Peter Zumthor In campo urbanistico e di cultura del territorio: Leonardo Benevolo, Ignasi de Solà-Morales, Claude Raffestin Nell ambito della storia dell architettura: Kenneth Frampton, Jacques Gubler, Bruno Reichlin, Stanislaus von Moos Per la storia e la critica d arte: Carlo Bertelli, Harald Szeemann, Bice Curiger e Jacqueline Burckhardt Hanno inoltre arricchito la vita culturale della scuola: Massimo Cacciari e Giorgio Agamben per la filosofia, Albert Jacquard per l ecologia, Gabriele Basilico e Oliviero Toscani per la fotografia, Bruno Monguzzi per la grafica A tutti costoro va il ringraziamento dell. Claude Raffestin In the field of History of Architecture: Kenneth Frampton, Jacques Gubler, Bruno Reichlin, Stanislaus von Moos For Art History and Criticism: Carlo Bertelli, Harald Szeemann, Bice Curiger and Jacqueline Burckhardt The following have also helped to enrich the Academy s cultural life: Massimo Cacciari and Giorgio Agamben in Philosophy, Albert Jacquard in Ecology, Gabriele Basilico and Oliviero Toscani in Photography, Bruno Monguzzi in Graphics The Academy of Architecture would like to express its thanks to all of them. a relatively young institution, however the speed at which it has been able to affirm its position is confirmed by the extraordinary contribution made over the years by many authoritative professors Stanislaus Von Moos Jacques Gubler Peter Zumthor un istituzione ancora giovane, ma la sua veloce affermazione trova conferma sin dallo straordinario contributo che lungo questi anni vi hanno apportato molti autorevoli docenti The Academy of Architecture is close to the celebration of its twentieth anniversary. It is thus still a relatively young institution, however the speed at which it has been able to affirm its position is confirmed by the extraordinary contribution made over the years by many authoritative collaborators. It would not be possible to list every architect, researcher, critic and artist who have taken contributed in theory and design studio activities, or those who have been involved with the innumerable conferences and seminars at our institution, who have directed disciplinary studies or than again those who have carried out researches or published books. Even so, while thanking all, we would like to identify a few key figures who exemplify our principles and believes, and who have marked our heritage. In the design field some of the architects who have worked as professors and collaborators at the School include the following: Lio Galfetti (who was also the Academy Director), Luigi Snozzi, Livio Vacchini, Esteban Bonell, Franz Oswald, Heinz Tesar, Guillermo Vázquez Consuegra, Francesco Venezia, Elia Zenghelis, Peter Zumthor The experts in Planning and Urban Studies have included the following: Leonardo Benevolo, Ignasi de Solà-Morales, Harald Szeemann Alfredo Pini Carlo Bertelli Panos Koulermos Albert Jacquard Bruno Reichlin 26

27 Architetti si diventa / Artchitects in the making Professori invitati di atelier Visiting Design Studio Professors dal / since 1996 Adam Caruso, Peter St John Roberto Collovà Massimo Carmassi Henk Hartzema Heinz Tesar Bernard Huet Emilio Battisti Elia Zenghelis Sergio Crotti Philippe Rahm Cristoph Gantenbein Carme Pinós Sandra Giraudi Peter Wilson e Julia Bolles Wilson Guillermo Vazquez Consuegra Franz Oswald Jonathan Woolf Kersten Geers Ruggero Tropeano Solano Benitez Julian Lewis Freek Persyn Antonio Torrecillas Francesco Venezia Fredric Bonent Raphael Zuber dal / since 2012 Eduardo Souto de Moura Nicola Baserga Jõao Gomes da Silva Go Hasegawa Joao Nuñes de Vylder Vinck Taillieu Eric Lapierre Diébédo Francis Kéré Studio Mumbai Durish + Nolli E2A Piet Eckert & Wim Eckert Made In /designstudios 27

28 USI I Workshop dell Accademia Academy s Workshop 28

29 wish.arc.usi.ch Architetti si diventa / Artchitects in the making WISH Workshop internazionale sul social housing WISH - Workshop on International Social Housing Filmare l architettura Filming architecture Building Reality: progetto sostenibile nel Burkina Faso Building Reality: a sustainable project in Burkina Faso Il tema dell edilizia sociale è di grande importanza per la cultura architettonica, ancor più se affrontato nelle sue molteplici declinazioni geografiche e con particolare riferimento alle aree investite dagli attuali processi di modernizzazione e globalizzazione. Per questo, da molti anni l Accademia promuove una scuola estiva internazionale sul social housing. WISH, acronimo che significa appunto Workshop on International Social Housing, è un programma formativo ideato dal giovane architetto ticinese Martino Pedrozzi, che ne è anche l organizzatore e docente responsabile. Ogni anno, in collaborazione con una università di appoggio legata alla città prescelta, viene selezionato un numero di studenti che nell arco di alcune settimane (prima direttamente sui luoghi di progettazione, quindi a Mendrisio) sperimentano le condizioni progettuali dell edilizia sociale in contesti ogni volta diversi e complessi. Social housing is a big issue when dealing with architecture, and even more so in regards to its many geographical variations, in particular those dealing with modernization and globalization. For this reason, the Academy has been promoting for several years now an international summer school regarding the theme of social housing. WISH, which stands for, is a key program designed by the young Ticino based architect Martino Pedrozzi, who is also the organizer as well as teaching professor for this intense summer program. Each year, in collaboration with a second university belonging to the selected region, a selection of students are chosen for the project, who in just a few weeks (first documenting and getting started in the design ateliers and so in Mendrisio) experiment radically singular contexts related to social housing, each time in different and complex places. Il workshop, collocato nella pausa tra i due semestri didattici, consiste in una settimana intensiva di studio e pratica del cinema, durante la quale ciascun partecipante lavora a realizzare un proprio documentario su un architettura dell area ticinese. Organizzati in gruppi, gli studenti alternano l insegnamento teorico, curato da due docenti d eccezione quali Marie-Pierre Duhamel e Marco Müller, all esercitazione pratica in cui vengono seguiti dal regista Stan Neumann, tra i migliori cineasti europei nel filmare spazi e architetture. Gli allievi visitano gli edifici prescelti, pianificano il progetto di documentario e imparano l utilizzo delle diverse tecniche fotografiche e di ripresa, sino a montare infine il materiale filmato trasformandolo in un discorso coerente e narrativo sotto la guida dei docenti. The workshop, which takes place in the break between the two academic semesters, presents a full on theoretical as well as practical experience in the world of cinema, during which each participant works in order to create his or her own documentary regarding a Ticino based architecture. Divided into groups, the students alternate theoretical teaching, curated by the truly exceptional personalities as Marie-Pierre Duhamel and Marco Müller, with practice, this taught by director Stan Neumann, one of the best in the European scene in regards with filming architecture. The students will visit the selected building, plan the filming project, learn photographic and filming techniques, and will edit the filmed material transforming it into a coherent and narrative discourse with the professors aid. La collaborazione con la nostra Scuola dell architetto Diébédo Francis Kéré ha aggiunto all offerta formativa nuove dimensioni geografiche e sociali. Grazie a Kéré, figura emergente dell architettura contemporanea che si divide tra Berlino e il Burkina Faso, suo paese di origine, gli studenti possono ora avvicinarsi ai temi dell autocostruzione e del progetto sostenibile praticato con l uso di tecnologie e materiali locali. Oltre ai consueti atelier dove si affrontano queste tipologie e modalità costruttive per contesti sociali poveri dei paesi in via di sviluppo, si è così inaugurato un workshop che ha come specifico sito d intervento la regione di Ouagadougou, capitale del Burkina Faso. Qui, durante il mese di gennaio, gli studenti selezionati collaborano alla progettazione di nuovi spazi abitativi a prezzi accessibili per gruppi di basso-medio reddito, partecipando inoltre a delle fasi operative che vedono coinvolta la stessa comunità locale in processi di autoco- The collaboration between our School and Architect Diébédo Francis Kéré, has added and enriched the formative offer providing new geographical as well as social dimensions. It is thanks to Kerè, an emerging leading figure in the contemporary architectural scene who works both in Berlin and Burkina Faso, his home country, that students can now approach themes such as that of self construction and sustainable architecture aided by the use even of local technologies and materials. In addition to some the regular ateliers, which offer projects regarding developing countries, a new workshop was inaugurated which finds its specific site in the region of Ouagadougou, capital of Burkina Faso. There, every January, a selected group of students collaborate not only in the planning of new low-cost living spaces for groups of people earning low-medium wages, but also with its physical construction, which is done by the entire local community, presenting Edizioni / Edition WISH 2003 Tucuman 2004 Mexicali 2005 Nanjing 2006 Johannesburg 2007 Tbilisi 2008 Amman 2009 Goris 2010 Ahmedabad 2011 São Paolo 2012 Boston 2013 Quito 2014 Tokyo 29

30 info / how to

31 Architetti si diventa / Artchitects in the making Ammissione e iscrizione Bachelor of Science Per mantenere un elevata qualità dell insegnamento, la legge svizzera permette di limitare il numero dei nuovi iscritti in funzione della capacità ricettiva delle strutture. Da alcuni anni l ha dunque istituito un test di graduatoria per l ammissione di candidati che al conseguimento della maturità non erano domiciliati in Svizzera. Sono ammessi all Accademia di Mendrisio gli studenti in possesso dei seguenti titoli di studio: Diplomi svizzeri e conseguiti in Svizzera Maturità federale o maturità cantonale riconosciuta (altre maturità e diplomi vedi elenco sul sito). Diplomi esteri In generale valgono le direttive sull equivalenza della Commissione per le ammissioni della Conferenza dei Rettori delle Università svizzere (www.crus.ch) Nei casi di dubbia equivalenza del titolo estero, l idoneità è accertata tramite colloquio o esami, con possibilità di prescrivere corsi integrativi di carattere liceale. Titoli di maturità conferiti da licei italiani equipollenti: sono riconosciute le maturità classiche, scientifica, linguistica e artistica (quinquennali, indirizzo architettura). Il Baccalaureat Europeo è considerato titolo equivalente, mentre il Baccalaureat Internazionale è considerato sufficiente soltanto se attesta una media qualificata. Ammissione su dossier Possono essere ammessi all Accademia candidati d età superiore a 25 anni e sprovvisti dei titoli indicati se ritenuti in possesso di formazione ed esperienze significative attestate con la domanda d iscrizione. Master of Science L accesso è automatico per gli studenti che hanno ottenuto il Bachelor in Architettura al Politecnico di Zurigo (ETHZ), al Politecnico di Losanna (EPFL) o all Accademia di Mendrisio. Per gli studenti che hanno ottenuto il Bachelor of Science in un altra università l accesso al Master of Science dell Accademia è invece subordinato ai posti disponibili: un apposita Commissione valuta il curriculum accademico e il portfolio dei candidati, e dopo un eventuale colloquio stabilisce la graduatoria di ammissione. Studenti con Bachelor in Architettura SUPSI o di altra università professionale svizzera (FHS, HES) possono in genere accedere al Master of Science colmando un debito formativo di almeno 30 crediti di studio definito dall Accademia. Dottorato di ricerca In Accademia è possibile svolgere un Dottorato che porta al conferimento di un titolo unico di Dottore in Architettura (Dr arch), Dottore in Scienze tecniche (Dr sc tec), oppure di Dottore in Filosofia (Dr phil). Gli studi di Dottorato sono per lo più collegati a un progetto di ricerca del Fondo Nazionale (FNS) acquisito da un professore dell Accademia. In taluni casi il Dottorato è invece svolto in parallelo a un attività di assistente didattico o liberamente. Non è comunque prevista la frequenza di corsi. L iscrizione al Dottorato prevede sempre un accordo preliminare con un professore dell Accademia incaricato. Dettagli e termini per le iscrizioni Bachelor /immatricolazione_bac Master /immatricolazione_mas Dottorato /immatricolazione_phd 31

32 USI Informazioni utili Futuri studenti Tassa di immatricolazione La tassa semestrale è di frs, ridotta a frs per gli studenti che al momento di conseguire la maturità risultano domiciliati in Svizzera, Liechtenstein o Campione d Italia, per i quali l Accademia usufruisce dei contributi del Cantone di domicilio. Assicurazione malattia e infortunio Gli studenti devono essere assicurati privatamente per le cure in caso di malattia e infortunio. Gli studenti dell Unione Europea possono chiedere l esonero, mentre quelli di paesi terzi non EU devono stipulare un assicurazione. Vedi sito Permesso di studio Gli studenti di nazionalità straniera non ancora domiciliati in Svizzera devono fare richiesta del Permesso di dimora. Vedi sito Corsi ed esami L anno accademico si articola in due semestri: autunnale (da settembre a dicembre) e primaverile (da febbraio a maggio), di 14 settimane effettive ciascuno. Sono previste annualmente tre sessioni d esami: invernale (gennaio-febbraio), estiva (giugno-luglio), autunnale (agosto-settembre). Le iscrizioni agli esami avvengono entro i termini e secondo le modalità stabilite dalla facoltà e inviate per mail agli studenti o pubblicate sulla piattaforma intranet. Durante l ultima settimana di ogni semestre ha luogo una critica che ha valore di esame per il corso di Progettazione. La frequenza dei corsi è in generale obbligatoria. Le regole e le condizioni per l ammissione agli esami vengono comunicate dal docente all inizio del semestre. Requisiti linguistici La lingua d insegnamento principale in Accademia è l italiano ma vi sono numerose lezioni e corsi in inglese, per cui una comprensione almeno essenziale di questa lingua è raccomandata e può essere prescritta dal Regolamento degli studi e degli esami. In generale gli esami possono essere svolti in italiano o in inglese. Non è richiesta alcuna certificazione linguistica e la lingua non è in generale percepita come una barriera dai non italofoni. Per questi ultimi l Accademia organizza comunque corsi intensivi di italiano che hanno luogo prima dell inizio dell anno accademico e un corso d accompagnamento durante tutto l arco dell anno. Borse di studio Per gli studenti dell Accademia sono disponibili borse di studio promosse da vari enti. Per informazioni e formulari di richiesta, rivolgersi in segreteria o consultare il sito Vitto e alloggio Il campus di Mendrisio dispone di una caffetteria-snack bar con pizzeria. Inoltre, gli studenti dell Accademia possono usufruire di tariffe speciali presso il vicino ristorante self-service dell Ospedale regionale di Mendrisio. Casa dell Accademia Il campus di Mendrisio dispone di un centro abitativo che offre alloggio a 70 studenti. Per informazioni su questa struttura e altre possibilità di alloggio: /alloggi Trasporti Mendrisio è ben servita dai trasporti pubblici locali e internazionali. La stazione ferroviaria è a cinque minuti di cammino. L aeroporto di Lugano-Agno dista 20 km da Mendrisio, quello di Milano-Malpensa circa 50 km; da Malpensa un bus navetta collega l aeroporto con Chiasso. 32 /assicurazione /informazioni-utili /borse /alloggi

33 Architetti si diventa / Artchitects in the making Eligibility for Admission and Enrolment Bachelor of Science PTo maintain a high teaching quality the Swiss law permits to limit the number of new enrolments, based on the capacity. The Academy informs the candidates about the eventuality of a ranking test. For admission students must possess one of the following qualifications: Swiss school-leaving certificates, obtained in Switzerland Federal or cantonal matriculation recognized by the Swiss Federal Matriculation Committee (see also: ch/it/academy/eligibility-admission/bachelor). Overseas certificates As a rule, reference is made to the guidelines of the University Admissions Commission of the Swiss University Rectors Conference (www. crus.ch/information-programme/ recognition-swiss-enic/ zulassung/zulassung-inder-schweiz.html?l=2). Where equivalence is not clearly definable, candidates may given an interview or asked to take further examinations, and supplementary pre-university courses may be prescribed. In the case of secondary-school qualifications awarded by Italian high-schools, the following are considered equivalent: maturità classica, scientifica, linguistica and artistica (five-year courses). The European Baccalaureat is considered equivalent, while the International Baccalaureat is considered equivalent only when the final grade is above a certain class. Admission by portfolio Candidates over 25 years old lacking the above qualifications may be admitted if the Academy judges they have special training and experience revealing an aptitude for design work certified with the application for admission. Details and deadline: /en/l-accademia/immatricolazione Master of Science Students who have obtained the title of BSc at the Academy, at ETHZ or at EPFL: access is automatic. Students who have graduated BSc from another university: access is not automatic and is subordinated to their possession of the necessary educational credits and to availability of places. The Mobility Commission evaluates each application in relation to the curriculum of studies of the Academy. Students possessing an Arch. Diploma SUPSI or from other swiss professional universities (FHS, HES) may enrol in the MSc course by accumulating at least 30 educational credits as defined by the Academy. Details and deadline: /en/l-accademia/immatricolazione/master Doctoral studies AAt the Academy advanced studies are available leading to the degree of Doctor of Architecture (DrArch), Doctor of Technical Sciences (DrScTech) or Doctor of Philosophy (PhD). Doctoral studies are usually linked to a National Research Fund acquired by a professor of the Academy. In some cases it is possible to pursue a PhD as a didactical assistant or independently. Courses are not foreseen. Details and deadline: /en/l-accademia/immatricolazione/dottorato General Information Semestral fee The semestral fee is 4,000. Swiss francs. Students who were legally domiciled in Switzerland (including Liechtenstein and Campione d Italia) when they received the qualification that gained them admission to the Academy (matriculation) will benefit by a reduced fee of 2,000. Swiss francs, because the Academy receives a contribution from their Canton of residence. Health and accident insurance Students must have a private medical insurance for illness and accidents. EU residents may apply for a waiver, while non-eu residents need a Swiss insurance. Details: ch/en/l-accademia/ informazioni-utili/assicurazione Residence permit Foreign students not yet domiciled in Switzerland must apply for a Residence permit for study in Switzerland. Details: / en/l-accademia/informazioni-utili Courses and examinations The academic year is divided into two semesters: the autumn semester (from September to December) and the spring semester (from February to May) of 14 full weeks each. There are three annual examination sessions: winter (January-February), summer (June-July) and autumn (August-September). Enrolments in examinations must be completed by the deadline and in the ways established by the Faculty; instructions will be sent to the students by or posted in the intranet. At the end of each semester s design work there will be a critique which will have the value of an examination. Attendance at courses is usually compulsory. The modalities of examinations are submitted by lecturers at the beginning of the semester. Official language The official teaching language is Italian, but individual lectures, courses or design studios may be conducted in English. A working knowledge of English is desirable and may be prescribed by the Rules for Study. The examinations may generally be taken in Italian or English. For students who are not native Italian speakers, the Academy organizes intensive courses in Italian which take place before the academic year. Other courses are offered during the semesters. Scholarships Students of the Academy can benefit from scholarships offered by various organizations. For informations and application forms, please ask the students service office or check our website: en/l-accademia/borsedi-studio Accommodation and board The Mendrisio campus has a cafeteriapizzeria-snack bar. Students get special prices at the self-service restaurant of the near Regional Hospital. Casa dell Accademia The Mendrisio campus has its own student residence called the Casa dell Accademia. It gives accommodations to 70 students. More informations: usi.ch/it/l-accademia/ informazioni-utili/vitto-e-alloggio Transportation Mendrisio is well connected to local and international public transport. The railway station is within easy walking distance from the Academy. Lugano-Agno airport is 20 km from Mendrisio, Milano-Malpensa airport is 50 km; a bus service connects Malpensa to Chiasso. Bus and trains connect Mendrisio with Lugano (twenty min.), Chiasso (five min.), Como (twenty min.) and Milan (sixty min.). Perspective Students 33

34 USI Gli attori della vita culturale del campus Major contributors to the cultural life of the campus 34

35 Architetti si diventa / Artchitects in the making tutti questi attori dell attività culturale fanno del campus di Mendrisio un autentico laboratorio nel quale il percorso formativo dello studente assorbe il dibattito artistico e disciplinare contemporaneo all these players in the Academy s cultural life help make the Mendrisio campus into an authentic research laboratory where traditional teaching methods are fully absorbed and critically viewed under a wider artistic and disciplinary debate L è stata sin dall inizio pensata come una scuola integrata in un complessivo polo culturale. Sulla vita didattica si innestano varie attività culturali, così da far interagire gli studenti con il dibattito disciplinare internazionale più avanzato. Nell aula magna di Palazzo Canavée si susseguono cicli di conferenze pubbliche con ospiti di rilievo della cultura architettonica e di altri ambiti intellettuali; la Galleria espositiva allestisce mostre su protagonisti e temi di grande interesse dell architettura e delle arti contemporanee, e presto i programmi di mostre saranno potenziati della costruzione al centro del campus di un nuovo museo: il Teatro dell architettura; la Biblioteca, oltre a mettere a disposizione uno dei fondi più ricchi della Svizzera nella letteratura architettonica e artistica, promuove anch essa incontri e mostre; le pubblicazioni di Mendrisio Academy Press sono a volta occasione di incontri e dibattiti, mentre l organizzazione studentesca OSA cura autonomamente dei propri eventi. Tutti questi attori dell attività culturale fanno del campus di Mendrisio un autentico laboratorio nel quale il percorso formativo dello studente assorbe il dibattito artistico e disciplinare contemporaneo. The Academy of Architecture was conceived from its very beginning as a teaching institution integrated within a wider cultural centre. A variety of cultural activities complete and are vital to the more traditional teaching methods, such as seminars and design studios, and are created to give students the chance to be involved and participate in the latest debates regarding our discipline on an international level. The main hall of the Palazzo Canavée hosts regular cycles of public lectures, presenting widely renowned guests from the architectural sphere as well as belonging to the many related intellectual fields. The Gallery stages exhibitions dedicated to single personalities together with others which address issues of great relevance to architecture and many contemporary arts, which soon will be housed in a newly built museum on the center of campus, the so called Theatre of Architecture. The Library, besides displaying one of the most extensive collections of architectural and artistic texts in Switzerland, is also a key figure in promoting exhibitions and crucial meetings. The outcoming of publications by the Mendrisio Academy Press are at times used as the occasion for meetings and debates while the student organization OSA proposes on its own series events independently, with a fresh and acute eye on architectural practice. All these players in the Academy s cultural life help make the Mendrisio campus into an authentic research laboratory where traditional teaching methods are fully absorbed and critically viewed under a wider artistic and disciplinary debate. L architetto e professorte Architect and professor Mario Botta /attività /cultural-activities 35

36 Londra Colonia Berlino Varsavia LUOGO Palazzo Canavée Via Canavée Mendrisio (Svizzera) INFORMAZIONI tel Parigi Mumbai Dublino Berlino, Ouagadougou Gent LUOGO Palazzo Canavée Via Canavée Mendrisio (Svizzera) INFORMAZIONI tel USI Le Conferenze pubbliche: specchio del dibattito internazionale Public Conferences: mirror of the international debate Le Conferenze spiccano come i grandi appuntamenti pubblici dell Accademia, in cui la comunità dei docenti e degli studenti si riunisce insieme ad ampie fasce di pubblico esterno a testimonianza del forte rapporto della scuola con la società civile della regione. Molti i grandi nomi che hanno arricchito negli anni i cicli delle conferenze: da Renzo Piano a Tadao Ando, da Frank Gehry a Oriol Bohigas ed Eduardo Souto de Moura Molti anche i grandi nomi dell architettura svizzera e degli stessi docenti della scuola che vi hanno preso la parola: da Jacques Herzog a Livio Vacchini, da Aurelio Galfetti a Peter Zumthor, da Luigi Snozzi a Mario Botta Molte infine anche le conferenze di carattere interdisciplinare con autorevoli rappresentanti della storiografia e dell ecologia, della cinematografia, della filosofia e delle scienze umane, ma anche gli incontri con personaggi di rilievo delle pratiche artistiche contemporanee, dalla fotografia al cinema alla scenografia The lectures stand as the great public occasions of the Academy in which the whole academic community of students and professors unite together with the local one, while welcoming students from neighbouring universities, bearing witness to the strong links between the Academy and the civil society of the region. Many well-known personalities have made invaluable contributions to the cycle of lectures over the years: from Renzo Piano to Tadao Ando, from Frank Gehry to Oriol Bohigas and Eduardo Souto de Moura Many of the guest speakers have included the great names of Swiss architecture as well as teachers from the Academy itself: from Jacques Herzog to Livio Vacchini, from Aurelio Galfetti to Peter Zumthor, from Luigi Snozzi to Mario Botta Finally, there have been many lectures on interdisciplinary subjects with authoritative representatives from historiography and ecology, cinematography, philosophy and social sciences as well as meetings with important personalities from the contemporary art world ranging from photography and film to stage design SCENOGRAFIA ARCHITETTURA E SPAZIO SCENICO VIEBROCK ORMEROD CASTELLUCCI PAPPELBAUM SZCZĘŚNIAK L importanza del ruolo e delle competenze dello scenografo non sono ancora di dominio pubblico, come invece meriterebbero. Proprio per questa ragione l, Università della Svizzera italiana, ha deciso di dedicare un ciclo di conferenze al rapporto tra pratica architettonica e arte scenica invitando una serie di grandi scenografi a condividere col pubblico la propria esperienza artistica, la pratica teatrale e i progetti in corso, con l ausilio di immagini e filmati che testimoniano della loro opera. The importance of the role and skills of the stage designer still does not obtain the recognition it deserves. It is precisely for this reason that the, Università della Svizzera italiana, has decided to devote a cycle of conferences to the relationship between architectural practice and stage art, inviting a series of great stage designers to share their artistic experience, theatre practice and ongoing projects with the public with the aid of images and videos bearing testimony to their work. ANNA VIEBROCK giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO NICK ORMEROD giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO ROMEO CASTELLUCCI Cesena giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO Tadao Ando LEZIONI DI ARCHITETTURA ARCHITECTEN DE VYLDER VINCK TAILLIEU LAPIERRE GRAFTON ARCHITECTS STUDIO MUMBAI KÉRÉ Una serie di quattro conferenze per raccontare al pubblico il lavoro di architetti, invitati ad insegnare negli atelier di progettazione dell di Mendrisio durante l anno accademico , assieme alla lezione inaugurale di Grafton Architects. La rassegna conferma la vocazione internazionale e multiculturale della scuola proponendo un dialogo aperto con esponenti di punta del dibattito architettonico contemporaneo provenienti da Gent, Parigi, Dublino, Berlino, Mumbai. A series of four lectures to show the work done by the architects invited to teach in the design studios of the Mendrisio Academy of Architecture during academic year , together with the inaugural lecture by Grafton Architects. The series confirms the school s international and multicultural vocation by presenting an open dialogue with leading exponents of the contemporary architectural debate from Gent, Paris, Dublin, Berlin and Mumbai. ARCHITECTEN DE VYLDER VINCK TAILLIEU giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO ERIC LAPIERRE giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO GRAFTON ARCHITECTS giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO JAN PAPPELBAUM giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO DIÉBÉDO FRANCIS KÉRÉ giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO MAŁGORZATA SZCZĘŚNIAK giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO STUDIO MUMBAI giovedì , ore AULA MAGNA CAMPUS DI MENDRISIO Conferenze pubbliche 2013/14 ACCADEMIA DI ARCHITETTURA MENDRISIO Conferenze pubbliche 2013/14 ACCADEMIA DI ARCHITETTURA MENDRISIO Predrag Matvejevic Yvonne Farrell, Grafon Architects Marco Müller 36

37 Architetti si diventa / Artchitects in the making La Galleria: palestra espositiva dell architettura The Gallery: a training ground for architectural exhibitions La Galleria dell Accademia è la struttura in cui si concentra l attività espositiva, cui la scuola ha riservato sin dalla sua nascita una particolare attenzione. Spesso in collaborazione con altre università e centri culturali, sono state organizzate numerose mostre su singole figure di architetti (Louis Kahn, Jean Prouvé e Álvaro Siza, per citarne solo alcuni dei più noti), su rilevanti esperienze e trasformazioni urbane del nostro tempo (da Brasilia a Mosca a Shanghai) e su opere e temi significativi della cultura disciplinare contemporanea (dall architettura lignea alla collezione Panza di arte concettuale, dalle fotografie di Guido Guidi e Mimmo Jodice sino a quelle della villa di Katsura ). Ogni anno viene dedicata una mostra al premio di architettura svizzero BSI dedicato alla scoperta di nuovi talenti del progetto. Altre mostre annuali documentano l attività didattica e i progetti di diploma degli allievi della scuola, che vengono presentati in esposizioni itineranti e documentati da relativi cataloghi. L attività espositiva diventa così una palestra che allena i futuri architetti alla dimensione comunicativa dell arte progettuale. l attività espositiva diventa così una palestra che allena i futuri architetti alla dimensione comunicativa dell arte progettuale The Academy s Gallery represents the institution s main exhibition facility and as such, it is valued as an element of special importance. Most exhibitions have been displayed there, often in collaboration with other universities and cultural centres, on individual architects (Louis Kahn, Jean Prouvé and Álvaro Siza, to name just a few of the most famous), on important experiences and urban transformations of our times (from Brasilia to Moscow to Shanghai) and on works and themes of significance in contemporary architectural culture (from architecture in wood to the Panza collection of conceptual art, from the photographs of Guido Guidi and Mimmo Jodice to those of the Katsura Villa ). Once a year, an exhibition is dedicated to the BSI Swiss Architecture Prize, the latter instituted to discover new design talents. Other annual exhibitions are used to document the Academy s teaching activities and designs produced by students, presented in touring exhibitions supported by explanatory catalogues. These exhibition activities are thus used as a training ground for introducing future architects to the communicative dimension of design art. these exhibition activities used as a training ground for introducing future architects to the communicative dimension of design art Istituto Marchiondi Spagliardi di Vittoriano Viganò Serginos Bates Brick-Work: thinking and making Timber Project Diploma Barlelona 2013 Amurs Bearth Deplazes Architekten 37

38 Edited By Guido Brandi Ruggero Cipolla Marco Guerra Federico Rossi Jacopo Vantini Published by osa di Mendrisio Paolo Zermani Baukuh Raphael Zuber Angelo Bucci Grafton Architects GRAU 6a Architects Andres Jaque ROK Valerio Olgiati 51N4E Henk Hartzema Tor Lindstrand Point Supreme Christian Kerez Souto de Moura Elia Zenghelis A year of research looking for masters and references, rediscovering the importance of intuition as the final act of a creative process and investigating how personal tradition shape the architectural context in which day by day we keep building our atlas of knowledge. osa Mendrisio Academy Press USI Il sostegno dell Associazione Amici dell Accademia di architettura Support from the Amici dell Association L Associazione affianca anch essa le attività culturali della scuola con specifiche conferenze improntate all interdisciplinarità e con periodiche pubblicazioni. L Associazione, che si è dato quale scopo la promozione del rapporto con la vita sociale della regione, contribuisce inoltre a rafforzare il profilo internazionale dell Accademia attraverso borse di studio destinate a studenti stranieri meritevoli. The Association also adds a further dimension to the Academy s cultural activities with the organisation of specific conferences on interdisciplinary subjects and periodical publications. One of the main aims of the Association is that of strengthening the Academy s relations with the social life of the area but it also reinforces its international reputation through study grants awarded to gifted foreign students. Negli anni gli studenti cambiano, ma la loro organizzazione continua. OSA, come loro stessi specificano, non è solo un acronimo che sta per Organizzazione degli Studenti di Architettura: è anche una dichiarazione di intenti. Accostandosi alla cultura architettonica con autentico spirito progettuale e creativo, gli studenti di OSA organizzano propri cicli di conferenze, eventi espositivi ed incontri con figure delle nuove generazioni di progettisti. I loro appuntamenti, che hanno sempre un grande successo, in taluni casi portano anche a delle pubblicazioni: ne è un esempio prezioso il libro Atlas. How We Learned to Stop Worrying and Love the Tradition, pubblicato nel Il vivace contributo di OSA, organizzazione studentesca The lively contribution provided by the students organisation OSA Students change over the years but their organisation continues. OSA as the students themselves often repeat is more than just an acronym of Organizzazione degli Studenti di Architettura (Architecture Students Organisation), it is also a declaration of intent ( osa is the imperative form of the Italian verb osare, meaning to dare. Entering into the architectural culture with a true spirit of design and creativity, OSA organises its own cycles of conferences, exhibitions and meetings with individuals drawn from the new generation of designers. These unfailingly successful events have lead in a number of cases to specific publications. A fine example of such an initiative was the book Atlas. How We Learned to Stop Worrying and Love the Tradition, published in ATLAS HOW WE LEARNED TO STOP WORRYING AND LOVE THE INTERVIEW Mendrisio Academy Press ATLAS HOW WE LEARNED TO STOP WORRYING AND LOVE THE TRADITION Atlas, pubblicato dall organizzazione degli studenti OSA I. Where would you like to live? 2. A book to suggest? 3. Your favourite colour? 4. Do you listen to music at work? 5. Do you have any Obsession! 6. Family or Career? 7. Is the architectural project also political? 8. Do you believe in architecture without architects? 9. What have you never been able to realize? 10. Heidegger or Mick Jagger? 11. Which is the first architect that comes in your mind? 12. Theory or practice? 13. Car or bicycle? 14. Your most frequent error? 15. Do you have any album to suggest? Atlas, published by OSA 38

39 Architetti si diventa / Artchitects in the making 39

40 USI Istituti di ricerca e Laboratori Research Institutes and Laboratories 40

41 Architetti si diventa / Artchitects in the making ISA Istituto di storia e teoria dell arte e dell architettura ISA Institute of History and Theory of Art and Architecture L Istituto di storia e teoria dell arte e dell architettura (ISA) si ispira per il proprio profilo a famose e affermate istituzioni simili, quali l History, Theory and Criticism of Architecture and Art (HTC) del MIT di Boston o l Institut für Geschichte und Theorie der Architektur (gta) del Politecnico di Zurigo, ancora oggi operative con successo dopo decenni di attività. Nei diversi ambiti culturali trattati dall Istituto (per citare i più importanti: storia dell arte e dell architettura, culture visuali, filosofia, pensiero politico ) si sviluppano i concetti e gli strumenti disciplinari atti a potenziare la conoscenza dei contesti fisici, storici e sociali delle pratiche artistiche e architettoniche. Senza limitare i propri campi di studio ad alcuna epoca né area geografica in particolare, scopo dell Istituto è di promuovere una migliore comprensione dei complessi significati dell agire artistico e architettonico, favorendo inoltre l integrazione della cultura storica e teorica nella vita didattica e nel dibattito progettuale dell Accademia di architettura. Tra le attività qualificanti l Istituto si possono ricordare le seguenti: il coordinamento della formazione nella Storia e teoria dell arte e dell architettura nei corsi di Bachelor e di Master; la supervisione del lavoro di ricerca e di quello dei dottorandi in particolare; l organizzazione di lezioni tematiche, cicli di conferenze e convegni; l istituzione di una cattedra di alti studi per professori ospiti, la cosiddetta Cattedra Borromini, riservata a figure intellettuali di particolare rilievo; la creazione di una piattaforma per la ricerca competitiva; la pubblicazione di studi e ricerche in specifiche collane editoriali. Questo complesso di impegni e iniziative fanno dell ISA uno strumento prezioso per integrare la ricerca e l insegnamento della storia e della teoria quali componenti vitali della cultura architettonica contemporanea e della sua trasmissione. integrare la ricerca nella cultura architettonica contemporanea The Istituto di storia e teoria dell arte e dell architettura (ISA - the Institute of the History and Theory of Art and Architecture) has taken as its inspiration other famous and well-known institutions of similar type such as the History, Theory and Criticism of Architecture and Art program (HTC) of the MIT in Boston or the Institut für Geschichte und Theorie der Architektur (gta) of the Zurich Polytechnic, still going strong after many decades of successful operation.within the several areas of study covered by the Institute, such as the history of art and architecture, visual culture, philosophy and political thought, are conceived and created the concepts and disciplinary tools best suited to gain an understanding of the physical, historical and social settings for artistic and architectural practices. Without restricting the Institute s aims to any particular time period or geographical area, its aim stands in promoting an improved understanding of the complex artistic and architectural happenings and evolutions, while seeking to integrate historical and theoretical culture within the teaching and the academic design debate, the core around which rotate all of the Architecture Academy s activities. Of the various elements typifying the Institute s work, the following in particular should be highlighted: co-ordinating the teaching of art and architecture history and theory in the Bachelor s degree and Masters courses, the supervision of research and graduate work in particular, the organisation of themebased lectures and conferences, and the institution of a prestigious chair for guest professors (the so-called Borromini Chair, reserved to academics with a high intellectual profile), the creation of a platform for competitive research and the publication of studies and research into a series of publications. This wide range of activities and commitments sees the ISA an invaluable resource in the integration of research into, and teaching of, history and theory as vital components of the contemporary architectural culture and its transmission to future generations. La Cattedra Borromini The Borromini Chair Con l istituzione della Cattedra Borromini, un insegnamento annuale di alto livello nel campo degli studi umanistici (che si assegna a intervalli di due o tre anni), l Università della Svizzera italiana, l e il suo Istituto di storia e teoria dell arte e dell architettura intendono sottolineare il proprio impegno a favore delle scienze umane, intese in senso ampio, e a sostegno del ruolo integrante che esse hanno svolto e continuano a svolgere nella creazione artistica e architettonica. La Cattedra Borromini prevede in genere due cicli di lezioni e una serie di conferenze pubbliche su un tema specifico: le Conferenze Borromini. The institution of the Borromini Chair gives the Academy access to high-level academic teaching in the humanities, assigned every two or three years. It marks the commitment by the Universitá della Svizzera Italiana, the Accademia di Architettura and its Institute of the History of Art and Architecture to the human and social sciences in their widest sense and the confirmation of the integrating role which they have and continue to play in artistic and architectural creation. The duties of the Borromini Chair entail two cycles of semester courses and a series of public lectures on a specific theme, in regard to their relating subject, and constitute a specific cycle of conferences the so called Conferenze Borromini, which alternate and stand in parallel to several others. the integration of research into the contemporary architectural culture Giorgio Agamben Cattedra Borromini / Borromini Chair 2012/2013 /isa 41

42 USI Lab.Ti Laboratorio Ticino Lab.Ti Ticino Laboratory L Accademia si interessa sin dalla sua nascita ai temi della progettazione territoriale del Canton Ticino. Per potenziare queste tematiche è ora nato il Laboratorio Ticino, una struttura di ricerca che sviluppa studi, criteri e metodi riferiti alla pianificazione e progettazione del territorio cantonale. I suoi scopi consistono innanzi tutto nell elaborazione di nuove possibili strategie progettuali con le quali le amministrazioni pubbliche, i pianificatori e gli architetti, possano operare per migliorare la qualità dello spazio abitato, del territorio produttivo e del paesaggio in generale. Il laboratorio, oltre all attività di ricerca prettamente teorica e analitica, è in grado di sviluppare, su mandato, specifici studi per i vari enti del Canton Ticino come sostegno alle scelte per la progettazione territoriale a livello locale e regionale. Il suo operato è dunque particolarmente importante per gli attori istituzionali e professionali coinvolti nella progettazione territoriale, ma si riversa anche nella didattica dell Accademia e nella divulgazione presso la società civile della cultura urbana e paesaggistica contemporanea. From its very beginning the Academy has demonstrated its interest in the issues relating to the territorial planning of the Canton of Ticino. The Laboratorio Ticino (the Ticino Laboratory) has now been set up to lend further impetus to the study of these questions. It is a research body involved in studies, criteria and methods relating to the planning and design of the canton territory. Its aims consist above all in the drawing up of possible new design strategies intended for use by public administration, planners and architects in order to improve the quality of the inhabited areas, the production areas and the landscape generally. L Osservatorio dello sviluppo territoriale (OST-TI) è lo strumento scelto dal Cantone Ticino per affiancare il Piano direttore cantonale attraverso il monitoraggio del territorio e la valutazione periodica del grado di raggiungimento degli obiettivi pianificatori cantonali. All Osservatorio è inoltre attribuito il compito di divulgare le conoscenze relative al territorio, nella convinzione che una maggiore consapevolezza in questo settore è a vantaggio di tutti: delle autorità, dei professionisti e della popolazione in genere. Il Consiglio di Stato ha dato avvio alla costituzione dell Osservatorio nell ottobre 2002, parallelamente alla revisione del Piano direttore, e dal 2007 esso è attivo quale laboratorio presso l. Dalla sua nascita l Osservatorio persegue in particolare tre obiettivi: monitoraggio permanente del territorio cantonale; controllo e valutazione periodica degli obiettivi pianificatori cantonali; informazione sui processi che investono lo sviluppo territoriale. OST Osservatorio per lo sviluppo territoriale OST Territorial Development Observatory operare per migliorare la qualità dello spazio abitato, del territorio produttivo e del paesaggio in generale The Osservatorio dello sviluppo territoriale (OST-TI the Territorial Development Observatory) represents the organisation chosen by the Canton of Ticino as an adjunct to the Main Canton Plan as a means of monitoring the local territory and the periodical assessment of the extent to which the Canton s planning targets have been achieved. The Observatory is also responsible for acquiring information gained regarding the territory in the belief that the divulgation of such knowledge is a social duty, and the resulting raised awareness is a benefit for all, the authorities, the professionals and the public as well. possible new design strategies intended for use by public administration, planners and architects The Council of State approved the setting up of the Observatory in October 2002 in parallel with the revision of the Main Plan and from 2007 it has been active as a research centre at the Academy of Architecture. From its foundation the Observatory has sought to fulfil three objectives in particular: the permanent monitoring of the Canton territory, the periodical checking and assessment of planning goals for the Canton and the provision of information on the processes identified as representing territorial development. 42 /labti /ost

43 Architetti si diventa / Artchitects in the making LabiSAlp Laboratorio di Storia delle Alpi LabiSAlp Alpine History Laboratory Il Laboratorio di Storia delle Alpi (LabiSAlp) nasce come naturale seguito dell Istituto di Storia delle Alpi creato nel 2000 sotto gli auspici dell Università della Svizzera italiana e dell Associazione di Storia delle Alpi (AISA). La sua collocazione presso l è volta a favorire lo sviluppo di sinergie nell ambito della ricerca sul territorio. Ponendo al centro della sua attenzione lo spazio alpino, il LabiSAlp intende approfondire le dinamiche storiche endogene senza dimenticare gli scambi di natura economica, politica e culturale con il mondo urbano extra-alpino. Il Laboratorio promuove progetti di ricerca e convegni, creando una fruttuosa collaborazione con le Università e i centri di ricerca storica dei molteplici paesi che si affacciano sull arco alpino. In quanto sede del segretariato dell AISA, si occupa inoltre del coordinamento delle sue attività e della pubblicazione della rivista annuale Histoire des Alpes Storia delle Alpi Geschichte der Alpen, che favorisce gli approcci interdisciplinari e la lettura comparativa della storia alpina. Con il desiderio di offrire una panoramica delle ricerche storiche svolte nell ambito alpino, la sede del Laboratorio accoglie infine una biblioteca composta da oltre un migliaio di volumi e riguardante tutte le aree geografiche e le lingue dell arco alpino. The Laboratorio di Storia delle Alpi (LabiSAlp Alpine History Laboratory) was set up as a natural extension of the Alpine History Institute created in 2000 under the patronage of the Universitá della Svizzera Italiana and of the Associazione di Storia delle Alpi (AISA Alpine History Association). Its collocation on the Academy s campus aims at creating a special synergy in the context of territorial research. Given that the main focus of attention for LabiSAlp is the Alpine area, its aims are to pursue research into endogenous historical dynamics without forgetting the economic, political and cultural exchanges with the urban settlements outside the limits of the Alps themselves. The Laboratory promotes research projects and conferences, establishing a fruitful collaboration with the universities and research centres of the many countries bordering the Alps region. As the headquarters of the AISA secretariat, it is also involved in the co-ordination of the latter organisation s activities and the publication of its annual journal Histoire des Alpes Storia delle Alpi Geschichte der Alpen, encouraging an interdisciplinary approach and a comparative interpretation of Alpine history. Wishing to provide a full panorama over historical research into the Alpine area, the headquarters of the Laboratory includes a library with more than a thousand books, dealing with all geographical districts and languages of the Alps region. Rivista / Journal Histoire des Alpes Storia delle Alpi Geschichte der Alpen 43

44 USI icup Institute for the Contemporary Urban Project L institute for the Contemporary Urban Project (i.cup), istituto per il Progetto Urbano Contemporaneo, è stato fondato nel 2004 e si occupa di ricerche nel campo della cultura del territorio, della pianificazione strategica territoriale e del disegno di sistemi e di infrastrutture urbane. L intento principale è quello di proporre uno studio quanto più oggettivo e scientifico del territorio, anche sulla base di parametri quantitativi come mobilità, trasporto, consumo energetico, sostenibilità, riuso di architetture esistenti, impatto di nuove infrastrutture, capacità economica, parametri per gestire urbanisticamente la delocalizzazione industriale e la nuova economia. L istituto dispone di un laboratorio GIS-CAD/ CAM equipaggiato con software (GIS-Geographic Information System) in grado di gestire la complessità dei dati relativi al territorio e con hardware CAD/CAM (Computer Aided Design & Manufacturing): una macchina per la stampa di modelli tridimensionali e un apparecchio per il rilievo tridimensionale. L i.cup collabora con vari enti pubblici e altre istituzioni di ricerca e formazione. Parte integrante della sua attività è la formazione di ricercatori e il trasferimento di conoscenza agli studenti. A tale scopo si occupa anche dell elaborazione di materiale cartografico e planimetrico per le necessità didattiche dell Accademia. uno studio quanto più oggettivo e scientifico del territorio, anche sulla base di parametri quantitativi come mobilità, trasporto, consumo energetico, sostenibilità The institute for the Contemporary Urban Project (i.cup), was founded in 2004 and is concerned with research relating to culture of the territory, strategic territorial planning and the design of urban systems and infrastructures. The main purpose behind the organisation is to provide a resource for the scientific and objective study, including on the basis of quantitative parameters such as mobility, transport, energy consumption, sustainability, the re-use of existing architecture, the impact of new infrastructure, economic capacity and parameters for the management of industrial decentralisation and the new economy through planning. The Institute s laboratory is equipped with GIS-CAD/CAM software (GIS-Geographic Information System) capable of managing the complexity of the data applicable to the territory supplemented by CAD/ a scientific and objective study, including on the basis of quantitative parameters such as mobility, transport, energy consumption, sustainability CAM (Computer Aided Design & Manufacturing) hardware: a 3D printer for the production of models and 3D survey equipment. The i.cup collaborates with a number of public institutions and other research centres. An integral part of its activities is the training of researchers and the provision of information and understanding to the students. To this end it is involved in the processing of cartographic and planimetric materials to be used as teaching aids by the Academy. dfgsdfgsdfgsdfgsfdgsdfggsdfgsfdgsfdgsdfg sdfsdfdsd 44 /icup

45 Architetti si diventa / Artchitects in the making Un avanzato laboratorio di modellistica An Advanced Modelling Laboratory L Accademia ha allestito un avanzato Laboratorio di modellistica, attrezzato con strumenti di precisione e a controllo numerico. Il responsabile tiene corsi facoltativi per gli studenti, dove insegna le diverse tecniche per la realizzazione di maquettes di oggetti differenti e in scale diverse, l uso di diversi tipi di materiali e le modalità di manipolazione degli strumenti di lavoro. Sono inoltre disponibili Lasercutter e macchine per la prototipazione rapida che permettono di integrare il mondo dei modelli virtuali con la produzione materiale. The Academy has set up an Advanced Modelling Laboratory. It is equipped with computer controlled precision instruments. The Laboratory manager arranges discretionary courses for students where the different techniques for the creation of scale models of different objects and at different scales are taught together with the use of different types of materials and the manipulation of the various work instruments. The equipment available includes laser cutters and machines for the rapid construction of prototypes making it possible to integrate the world of virtual models with material production. Biblioteca tecnica e dei materiali Library of Technology and Materials La Biblioteca tecnica e dei materiali si occupa di ricerca, raccolta, acquisizione, aggiornamento ed esposizione di documentazione tecnica (cataloghi, normative, CD), letteratura storica e contemporanea legata alla materialità dell architettura (monografie, manuali, periodici), testimonianze materiali (campioni, modelli costruttivi storici e attuali), con l obiettivo di valorizzare l aspetto culturale, umanistico e storico della tecnologia, integrandolo a quello tecnico e contemporaneo. The Library of Technology and Materials is involved in the research, collection, acquisition, modification and display of technical documentation (catalogues, legislation, CDs), historical and contemporary literature (books, manuals, periodicals), material evidence, samples and models and both historical and current building, with the aim of enhancing cultural, humanistic and historical aspects of technology, integrated it with the technical and contemporary. 45

46 USI Risorse e servizi culturali Cultural resources and services 46

47 ARCHILETTURE_invito.indd :54:37 Architetti si diventa / Artchitects in the making Biblioteca: più di un luogo deputato allo studio The Library: more than just a place to study the Library catalogue includes volumes available to readers, specialist journals, and thousands of periodicals in electronic format, while giving access to the best international academic data-bases volumi / volumes 600 periodici / periodicals biblio.arc.usi.ch volumi, riviste specializzate e migliaia di periodici in formato elettronico, con inoltre la possibilità di accedere alle migliori banche dati accademiche internazionali La Biblioteca dell ha una rilevanza ormai riconosciuta a livello internazionale grazie al suo ricco patrimonio librario e alle rarità bibliografiche che conserva, in particolare negli ambiti dei fenomeni artistici e architettonici del Ticino, delle regioni limitrofe e dell area mediterranea. I suoi fondi si distinguono per l attenzione interdisciplinare prestata ai temi della storia dell architettura, della cultura visuale e delle arti in generale, comprese quelle sceniche e dello spettacolo. Numerose anche le pubblicazioni che trattano le ricadute progettuali portate dagli sviluppi delle tecnologie e delle culture ecologiche, la storia delle tecniche costruttive del Moderno e le possenti trasformazioni del territorio e del paesaggio contemporaneo. Al continuo aggiornamento dei propri fondi librari e documentari, in taluni casi acquisiti quali lasciti di grandi studiosi, la Biblioteca affianca inoltre appuntamenti espositivi e letterari: le cosiddette archiletture. Il catalogo della Biblioteca mette a disposizione ben volumi, oltre 600 periodici specializzate e migliaia di periodici in formato elettronico, con inoltre la possibilità di accedere alle migliori banche dati accademiche internazionali. Nella sala di lettura sono disponibili 80 postazioni di studio, varie delle quali dotate di computer con libero accesso a internet. La consultazione dei volumi esposti è libera e le condizioni del prestito sono molto facilitate. Attraverso la rete interbibliotecaria si possono inoltre richiedere opere non disponibili ad altre biblioteche svizzere o straniere, e nei prolungati orari di apertura si usufruisce di un costante servizio di assistenza. The Academy s Library is widely recognised on an international level thanks to its substantial and singular collection of books, many of which constitute a true rarity and meaningful contribution, focusing on the artistic and architectural culture of the Ticino region, of its neighbouring areas, and the whole of the Mediterranean tradition in which this Swiss southern region is part of. Its selection of books is noteworthy for the interdisciplinary approach and integrity with which the themes relating to the history of architecture are treated; just as relevant is in fact the assortment of volumes relating to the visual arts and the arts in general, including stage design as well as set design. There are also many publications which address the issues of developing technology and ecological culture as applied to design, the history of modern construction techniques and the widespread transformation of the contemporary territory and landscape. The library has continued to update its various collections of books and documents, sometimes acquiring collections as legacy from important scholars, while also arranging exhibitions and literary events, the so-called ArchiLectures. The Library catalogue includes no less than 70,000 volumes available to readers, more than 500 specialist journals, and thousands of periodicals in electronic format, while giving access to the best international academic data-bases. The reading room seats over 80 people, with an area equipped with public computers with free internet access. Reference to books is unrestricted and the lending conditions generous. It is also possible to request books not directly available in the Library through the inter-library network from other Swiss or foreign libraries, for which one can easily find support and help from the trained assistance always at hand throughout the lengthy opening hours. Archiletture Inviti delle Archiletture Invitation card for Archiletture BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA DI ARCHITETTURA MENDRISIO BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA DI ARCHITETTURA MENDRISIO BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA DI ARCHITETTURA MENDRISIO BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA DI ARCHITETTURA MENDRISIO METROMILANO MARTEDÌ 8 MAGGIO 2012 ORE AUGUSTO GUIDINI (BARBENGO 1853 MILANO 1928) GIOVEDÌ 8 DICEMBRE 2011 ORE LIBRI DI CARLO CASTONE DELLA TORRE DI REZZONICO MARTEDÌ 21 MAGGIO 2013 ORE BERLINO NELLE FOTOGRAFIE DI WIEBKE LOEPER VENERDÌ 27 SETTEMBRE 2013 ORE

48 USI L Archivio del Moderno: preziosi fondi e progetti di ricerca The Archivio del Moderno: valuable documentary collections and research projects L Archivio del Moderno affianca l Accademia di architettura sin dalla nascita della scuola, nel L istituto ha sede in un edificio disegnato dall architetto Mario Botta, dove dispone di laboratori di restauro e condizionamento, sala di consultazione, deposito climatizzato e spazio espositivo. I suoi obiettivi sono infatti di duplice natura: da un lato l acquisizione e la valorizzazione di significativi archivi di architettura, urbanistica, ingegneria, design, arte e fotografia; dall altro la promozione della ricerca negli ambiti della storia dell architettura moderna e contemporanea e delle discipline ad essa contigue, con particolare attenzione all affermarsi della cultura progettuale del Moderno. L Archivio promuove specifici progetti di ricerca finalizzati a pubblicazioni monografiche e ad eventi espositivi, e cura la catalogazione, l ordinamento, l informatizzazione e la fruizione degli archivi acquisiti, anche attraverso collaborazioni scientifiche con altre istituzioni di ricerca, università e musei a livello internazionale. I fondi conservati dall Archivio del Moderno si polarizzano attorno a due nuclei: il primo è dedicato agli archivi di grandi architetti ticinesi, tanto storici come gli Adamini, i Gilardi e Luigi Canonica, quanto contemporanei come Rino Tami e Livio Vacchini, sino a figure ancora attive come Aurelio Galfetti; il secondo nucleo, a conferma del ruolo di cerniera tra nord Europa e Mediterraneo che l Archivio e l Accademia vengono ad assumere, è rivolto alla cultura italiana e internazionale, comprendendo fondi di importanti progettisti tra cui Vittoriano Viganò e Marco Zanuso. the Archive has a dual purpose, the first being the acquisition and enhancement of important archives, the second the promotion of scholarly research The Archivio del Moderno has acted as a fundamental resource for the Academy of Architecture since its foundation in The Archive is housed in a building designed by Architect Mario Botta, equipped with climate controlled and restoration laboratories and storage facilities, as well as a reading room and exhibition space. It has a dual purpose, the first being the acquisition and enhancement of important architectural, planning, engineering, design, artistic and photographic archives, the second the promotion of scholarly research within the fields of modern and contemporary architectural history, along with other related disciplines, stressing particular emphasis on the growing importance of the design culture in Modern architecture. The Archive also promotes specific research projects leading to monographic publications and exhibitions, taking care of the whole process, from the cataloguing, to the arrangement and the digitalisation of the archives acquired as well as making them available in usable form including by scientific collaboration with other research institutes, universities and museums at an international level. The collections of books and documents stored by the Archivio del Moderno are concentrated around two core areas: the first is dedicated to archives of great Ticino architects including both historical figures such as the Adaminis, the Gilardis and Luigi Canonica, and contemporary architects such as Rino Tami and Livio Vacchini, also covering those still active such as Aurelio Galfetti. The second core area, confirming the Academy s and Archive s role as a means of connection between Northern Europe and the Mediterranean, concentrates on Italian international culture thus collecting original documents and drawings from important architectural designers such as Vittoriano Viganò and Marco Zanuso. l Archivio cura la catalogazione, l'ordinamento, l'informatizzazione e la fruizione degli archivi acquisiti, anche attraverso collaborazioni scientifiche con altre istituzioni di ricerca In alto / Above Fondo Richard Neutra Sotto / Below Fondo Rusca Grimani 48 /archivio

49 10 Introduzione Introduction 13 Atelier di progettazione Design Studios 113 Atelier orizzontali Horizontal Design Studios 125 Teoria dell arte e dell architettura Theory of Art and Architecture 151 Cultura del territorio Culture of the Territory 173 Costruzione e tecnologia Construction and Technology 195 Strutture e scienze esatte Structures and Exact Sciences 213 Progetti di ricerca Research Projects 223 Istituti Institutes 239 Altre attività Other Activities 249 Centri di servizio Service Centres 255 Biografie Biographies frs _copertina.indd :49:34 USI MAP Mendrisio Academy Press: vetrina editoriale della scuola NEW Pubblication as a display for the School /map collane di saggi e monografie, volumi legati alla didattica e varie pubblicazioni periodiche della scuola Rapporto sull attività didattica Report on teaching activities Mendrisio Academy Press Fin dalle sue origini, l dell Università della Svizzera italiana ha promosso una intensa attività editoriale in connessione con i propri obiettivi didattici e di ricerca. L intento è di favorire uno sguardo critico e autonomo sul pensare e sul fare architettura oggi, che sappia coglierne e declinarne il valore artistico, scientifico, etico e civile. Se obiettivo dell Accademia è la formazione di un architetto generalista e territoriale, cioè consapevole del proprio operare in un ambiente che accoglie e mette in relazione con la natura i segni dell uomo, allora ben si comprende perché nel catalogo delle sue edizioni siano presenti testi che spaziano dalla storia dell arte all ecologia umana, dalla storia della scienza alla filosofia, dallo studio delle opere dei maggiori protagonisti e movimenti dell architettura moderna e contemporanea alla ricognizione analitica dei fondi archivistici. Alle diverse collane di saggi e monografie del catalogo MAP si affiancano anche volumi legati alla didattica e varie pubblicazioni periodiche della scuola, tra cui i Quaderni dell, i Quaderni di Cultura del territorio e i Quaderni di Sistemi e processi della costruzione. L articolazione di queste proposte riflette la ricchezza del progetto, non solo educativo ma più compiutamente culturale, dell. Università della Svizzera italiana Rapporto sull attività didattica Report on teaching activities Mendrisio Academy Press 2011/ 12 Since its very beginning, our School has devoted much energy to its publications, entirely coherent with its teaching and research aims. The intent has always been to encourage a critical and autonomous approach to architectural thought and practice, capable of recognising and analysing its artistic, scientific, ethical and civil value. The Academy s objective is that of training generalist architects, soundly based in the territory, and with an understanding of their work in an environment which welcomes and stimulates the interaction between nature and mankind. With this aim in mind it is not surprising that the books published by MAP range from the history of art to human ecology, from the history of science to philosophy, from studies of the work of the most important figures and movements in Modern and Contemporary architecture to the careful analysis of the archived collections. The MAP catalogue encompasses not only a variety of essays and monographs but also a number of educational books and periodicals produced by the Academy including the Quaderni dell Accademia di Architettura (the Academy Notebooks ), the Quaderni di Cultura del Territorio (the Urban Studies Notebooks ) and the Quaderni di Sistemi e processi della costruzione (the Construction Processes and Systems Notebooks ). The range and complexity of these publications reflects the richness of the Academy s own fundamental project both in terms of education and at a wider cultural level. Editoria per la didattica / Teaching activities Press 50 the MAP catalogue encompasses not only a variety of essays and monographs but also a number of educational books and periodicals produced by the Academy

50 MICHELE ARNABOLDI TIZIANO MADDALENA Si laurea nel 1979 al Politecnico di Zurigo, dove è assistente di Dolf Schnebli dal 1982 al Lavora sità di Losanna. Dal 1994 è contitolare di uno studio di Ha conseguito il dottorato in Scienze naturali all Univer- presso lo studio di architettura Luigi Snozzi dal 1979 consulenza ambientale in Ticino, e dal 2003 segue il progetto d interconnessione del Piano di Magadino. al 1985, quando apre un proprio studio. Dal 1986 partecipa a concorsi nazionali e internazionali ricevendo diversi riconoscimenti. Nel 1994 è professore invitato alla Washington University, St Louis, USA. È professore di Progettazione presso l MARZIA MATTEI-ROESLI dell Università della Svizzera italiana. Laureata in Zoologia all Università di Zurigo, dal 2004 è contitolare di uno studio di consulenza ambientale in Ticino. FRÉDÉRIC BONNET Architetto, co-fondatore dello studio Obras architect, RUGGERO TROPEANO insegna alla scuola di architettura di Clermont-Ferrand, dove tiene il corso di master Entre Ville Architecture Si diploma in Architettura al Politecnico di Zurigo nel Nature sull intreccio di scale in architettura. Vincitore Assistente di Dolf Schnebli dal 1981 al 1985, (terzo) dell Europan Implemented Projet: parco urbano ad Alicante (2003). Membro di giurie di concorsi fessore associato al Politecnico. Dal 2008 è docente diventa docente nel 1990 e dal 1993 al 1998 è pro- europei. Ha scritto diversi articoli sul tema architettura, territorio, natura. Vincitore del premio Young Urban zera italiana. Fonda nel 1985 uno studio professiona- all dell Università della Sviz- Planners le con Cristina Pfister; dal 1986 è responsabile della progettazione del Tecnopolo di Zurigo per gli architetti Itten Brechbühl e in seguito del riuso dell area industriale Sulzer Escher Wyss di Zurigo Ovest. Fonda nel AURELIO GALFETTI 1998 lo studio Pfister Schiess Tropeano e nel 2009 oriale 4. PROGETTO URBANISTICO Laureato al Politecnico di Zurigo, è stato professore invitato al Politecnico di Losanna e all Università di Parigi, Commissione dei monumenti storici della città di Zurigo lo studio Ruggero Tropeano architetti. È membro della nonché membro di numerose giurie progetto internazionali. urbanistico Già ( ) e dal 1999 della Commissione dei beni professore di Progettazione e primo Piano direttore del progetto all Accademia di architettura dell Università della Fotoinserimento Svizzera italiana, è de dal Dal 1990 al 1999 presiede Docomomo culturali e ambientali del Cantone di Zurigo, che presie- titolare di uno studio di architettura a Lugano. Svizzera; è membro ICOMOS e del Tugendhat House amenti studio quantitativo International Committee di Brno (Repubblica Ceca). Progetto del polo industriale, È stato curatore e collaboratore di mostre al Museum ANDREAS KIPAR artigianale e terziario für Gestaltung di Zurigo, al Badischer Kunstverein di S e monumenti Karlsruhe, al Centre Georges Pompidou di Parigi, all Espace de l art concret di Mouans Sartoux, alla Galleria Laureato in Architettura del paesaggio a Essen, in Germania, e in Architettura al Politecnico di Milano. Opera Gottardo di Lugano e, ultimamente, al Museum of Mo- progetto urbanistico i Piano del paesaggio a livello professionale nel campo della pianificazione e dern Art di New York. eprogettazione paesaggistica, del Piano verde storico del traffico e del recupero ambientale sia in Italia che Piano all estero. degli Dal azzonamenti 1985 esercita la libera professione in Piano Italia strategico e in Germania, COMPRENSORIALE dove ha fondato lo studio KLA kiparlandschaftsarchitekten, con sede a Milano e Duisburg. È fondatore, con Giovanni Sala, della Società LAND, 5. PROGETTI: Landscape Architecture Nature Development. Ha ACCADEMIA svolto attività didattica DI ARCHITETTURA namenti in diverse e sedi delle universitarie attività in Italia UNIVERSITÀ e all estero; DELLA attualmente è professore al Politecnico di Milano, dove inse- SVIZZERA ITALIANA gna Public Space Design. La Casa della Pietra Atelier Arnaboldi BANISTICA La stazione FFS di Biasca, disuso e riuso Atelier Tropeano Riuso dell ex Arsenale militare di Biasca, 1985, 1: Atelier Quaglia, 2006, 1:25 000, 1968 Denser & Diffuse Atelier Bonnet a Esperienze di densificazione ggio Atelier Briccola o amenti atorio ne FFS CHF 50.- / 42 PNR 65 Nuova qualità urbana Lo spazio pubblico nella Città Ticino di domani Stato attuale della ricerca Aurelio Galfetti L agricoltura al servizio di un paesaggio produttivo Andreas Kipar, LAND L agricoltura metropolitana Frédéric Bonnet Il reticolo ecologico Tiziano Maddalena, Marzia Mattei Roesli Il Piano e la sua architettura René Opitz La riconversione delle aree industriali Ruggero Tropeano Progetti sul Piano Michele Arnaboldi architetti 1. ANALISI COMPRENSORIALE Modello territoriale documentazione Carta Dufour, 1862 Carta Dufour, 1922 Carta Siegfried, 1938 Carta Nazionale,1983, 1: Carta Nazionale, 2006, 1: Carta Nazionale, 2006, 1: Ortofoto, 2009 analisi comprensoriale Limiti comunali Idrografia Corografia Aree boschive Insediamenti Piani degli azzonamenti Viabilità locale Infrastrutture Insediamenti ISOS e monumenti Natura Trasporti pubblici Attività produttive 2. PROGETTO COMPRENSORIALE Parco agricolo e parco dello svago e del turismo Sviluppo edilizio Piano degli azzonamenti e delle attività Piano strategico 3. ANALISI URBANISTICA documentazione Carta Dufour, 1922 Carta Siegfried, 1938 Carta Nazionale, 1983, 1: Carta Nazionale, 2006, 1: Fotografia aerea, 1966 Ortofoto, 2009 analisi urbanistica Piano del paesaggio Piano del traffico Piano degli azzonamenti Quartiere stazione FFS 4. PROGETTO URBANISTICO progetto urbanistico Piano del progetto Fotoinserimento studio quantitativo Progetto del Quartiere stazione progetto urbanistico Piano del traffico Piano del paesaggio Piano degli azzonamenti Piano strategico 5. PROGETTI: ACCADEMIA DI ARCHITETTURA UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA Masterplan di Locarno, zona Saleggi e Lido Atelier di Diploma Arnaboldi Densità e residenza. Proposte pianificatorie per i quartieri Rusca e Nuovo a Locarno Atelier Arnaboldi Denser & Diffuse Atelier Bonnet La fabbrica dello spettacolo Atelier Arnaboldi La Via del Parco Atelier Arnaboldi Riuso: il mulino di Giubiasco, tra nucleo e landmak Atelier Boesch CHF 50.- / 42 ATLANTE CITTÀ TICINO 1. COMPRENSORIO FIUME TICINO NORD 2. COMPRENSORIO FIUME TICINO SUD 3. COMPRENSORIO BACINO CERESIO 4. TRIANGOLO INSUBRICO ATLANTE CITTÀ TICINO 1. COMPRENSORIO FIUME TICINO NORD 2. COMPRENSORIO FIUME TICINO SUD 3. COMPRENSORIO BACINO CERESIO 4. COMPRENSORIO TRIANGOLO INSUBRICO ertina.indd :15: :31:20 Architetti si diventa / Artchitects in the making ATLANTE CITTÀ TICINO FIUME TICINO NORD Mendrisio Academy Press.1 CITTÀ TICINO COMPRENSORIO FIUME TICINO NORD Mendrisio Academy Press.1 ATLANTE CITTÀ TICINO FIUME TICINO SUD Mendrisio Academy Press.2 CITTÀ TICINO COMPRENSORIO FIUME TICINO SUD.2 Mendrisio Academy Press Distribuzione Silvana Editoriale via Margherita De Vizzi, Cinisello Balsamo (Milano) Italia Telefono Fax Informazioni Mendrisio Academy Press Largo Bernasconi Mendrisio Svizzera Telefono Fax

51 Finito di stampare nel mese di settembre 2014 da Arti grafiche Veladini, Lugano Stampato su carta prodotta secondo criteri rispettosi dell ecosistema

Efficienza energetica e innovazione nei sistemi urbani: i trend che sfidano la crisi

Efficienza energetica e innovazione nei sistemi urbani: i trend che sfidano la crisi Efficienza energetica e innovazione nei sistemi urbani: i trend che sfidano la crisi Roberto Pagani, Dipartimento DINSE, Politecnico di Torino, I Abstract. La progettazione ambientale e il complesso multidisciplinare

Dettagli

Uomo al centro del progetto Design per un nuovo umanesimo Man at the Centre of the Project Design for a New Humanism

Uomo al centro del progetto Design per un nuovo umanesimo Man at the Centre of the Project Design for a New Humanism Uomo al centro del progetto Design per un nuovo umanesimo Man at the Centre of the Project Design for a New Humanism A CURA DI / EDITED BY CLAUDIO GERMAK SAGGI DI / ESSAYS BY LUIGI BISTAGNINO FLAVIANO

Dettagli

IL RIFLUSSO DEGLI IMPERI La nuova storia tra policentrismo e conflitti d identità

IL RIFLUSSO DEGLI IMPERI La nuova storia tra policentrismo e conflitti d identità IL RIFLUSSO DEGLI IMPERI La nuova storia tra policentrismo e conflitti d identità Rimini, Teatro Novelli, 17/18/19 ottobre 2014 45º edizione delle Giornate internazionali di studio www.piomanzu.org Programma

Dettagli

Projects. Luoghi e Non-Luoghi Places and Non-Places LUOGHI E NON-LUOGHI PLACES AND NON-PLACES. Ripensare lo spazio urbano Re-thinking urban space

Projects. Luoghi e Non-Luoghi Places and Non-Places LUOGHI E NON-LUOGHI PLACES AND NON-PLACES. Ripensare lo spazio urbano Re-thinking urban space Projects Luoghi e Non-Luoghi Places and Non-Places Ripensare lo spazio urbano Re-thinking urban space Maurizio Vitta* 32 Èa Marc Augé, come è noto, che si deve la le percezioni e delle immagini che definiscono

Dettagli

Esperienze di insegnamento in lingua straniera nella Scuola dell'infanzia

Esperienze di insegnamento in lingua straniera nella Scuola dell'infanzia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

CE S A R Centro Studi sull Architettura Razionalista

CE S A R Centro Studi sull Architettura Razionalista CE S A R Centro Studi sull Architettura Razionalista Bimestrale della Fondazione CE.S.A.R. Onlus nov.-dic. 2007, anno 1, numero 6 e gen.-febbr. 2008 anno 2, numero 1, Registrazione Tribunale Roma n. 159/07

Dettagli

DALL UTOPIA ALLA REALTÀ. Notizie dal cantiere dei dipinti in frammenti della Basilica Superiore di San Francesco in Assisi

DALL UTOPIA ALLA REALTÀ. Notizie dal cantiere dei dipinti in frammenti della Basilica Superiore di San Francesco in Assisi DALL UTOPIA ALLA REALTÀ 3 Notizie dal cantiere dei dipinti in frammenti della Basilica Superiore di San Francesco in Assisi Programma Raffaello Laboratori Europei del Restauro Istituto Centrale per il

Dettagli

Il progetto di un nuovo modello di automobile è il risultato di un lavoro complesso che vede. metodologico articolato che ha inizio sin dalle

Il progetto di un nuovo modello di automobile è il risultato di un lavoro complesso che vede. metodologico articolato che ha inizio sin dalle Il progetto di un nuovo modello di automobile è il risultato di un lavoro complesso che vede coinvolte professionalità diverse. Un iter metodologico articolato che ha inizio sin dalle prime fasi di impostazione

Dettagli

Il senso della vita, oltre ogni nichilismo

Il senso della vita, oltre ogni nichilismo Interview with Alberto Mingardi in Il Domenicale, 3 May 2003, 5. Il senso della vita, oltre ogni nichilismo English translation (1) Vorrei cominciare col chiederle quali sono, secondo lei, le prospettive

Dettagli

Università della Svizzera italiana UNO SGUARDO SUL FUTURO DELL USI

Università della Svizzera italiana UNO SGUARDO SUL FUTURO DELL USI 3 Università della Svizzera italiana UNO SGUARDO SUL FUTURO DELL USI Visione 2020 e pianificazione 2012 2016 1 Indice Introduzione, p. 2 3 Visione USI 2020, p. 4 9 Le scienze computazionali Verso una Facoltà

Dettagli

Conservazione all ombra del Vesuvio: un esame delle migliori pratiche

Conservazione all ombra del Vesuvio: un esame delle migliori pratiche Summary of the Proceedings and Papers Presented at the Symposium Conservation in the Shadow of Vesuvius: a Review of Best Practices Riassunto dei contributi presentati al Simposio Conservazione all ombra

Dettagli

IL SISTEMA ECONOMICO INTEGRATO DEI BENI CULTURALI

IL SISTEMA ECONOMICO INTEGRATO DEI BENI CULTURALI Ministero per i Beni e le Attività Culturali IL SISTEMA ECONOMICO INTEGRATO DEI BENI CULTURALI ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE per la promozione della cultura economica Il presente Rapporto, realizzato

Dettagli

Giuseppe Felloni Guido Laura

Giuseppe Felloni Guido Laura Giuseppe Felloni Guido Laura Genova e la storia della finanza: una serie di primati? Genoa and the history of finance: A series of firsts? GENOVA 2004 F. B. Werner - Genua - I. C. Leopold, Augsburg, c.

Dettagli

Tutti uguali o tutti diversi? Valutare gli stalloni p.s.a.: un dilemma

Tutti uguali o tutti diversi? Valutare gli stalloni p.s.a.: un dilemma ) artwork created by ( Tutti uguali o tutti diversi? Valutare gli stalloni p.s.a.: un dilemma PEOPLE All Equal All Different The Dilemma of Evaluating Arabian Stallions by Monika Savier - Tre Balzane Stud

Dettagli

QUESTO EBOOK È UN'ANTEPRIMA GRATUITA Per ordinare la versione integrale utilizzare il link SHOPWKI.it o rivolgersi all agente di zona

QUESTO EBOOK È UN'ANTEPRIMA GRATUITA Per ordinare la versione integrale utilizzare il link SHOPWKI.it o rivolgersi all agente di zona QUESTO EBOOK È UN'ANTEPRIMA GRATUITA Per ordinare la versione integrale utilizzare il link SHOPWKI.it o rivolgersi all agente di zona PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA 2014 Wolters Kluwer Italia S.r.l Strada

Dettagli

Carta dei Servizi Service Charter

Carta dei Servizi Service Charter 2014 Carta dei Servizi Service Charter Guida ai servizi dell Aeroporto con inserto dedicato a persone con ridotta mobilità. Guide to Airport services and dedicated booklet for people with disabilities.

Dettagli

UN SUD CHE INNOVA E PRODUCE. Volume 2. La filiera agroalimentare

UN SUD CHE INNOVA E PRODUCE. Volume 2. La filiera agroalimentare UN SUD CHE INNOVA E PRODUCE Volume 2 La filiera agroalimentare UN SUD CHE INNOVA E PRODUCE LA FILIERA AGROALIMENTARE GIANNINI EDITORE Grafica di copertina Ciro D ORIANO Editing e sviluppo editoriale: Raffaela

Dettagli

Codice Etico. Code of Ethics. Società per Azioni Piazzale Enrico Mattei, 1-00144 Roma Tel. +39 06598.25947 Fax +39 06598.22169 www.eni.

Codice Etico. Code of Ethics. Società per Azioni Piazzale Enrico Mattei, 1-00144 Roma Tel. +39 06598.25947 Fax +39 06598.22169 www.eni. Codice Etico Società per Azioni Piazzale Enrico Mattei, 1-00144 Roma Tel. +39 06598.25947 Fax +39 06598.22169 www.eni.it Codice Etico Aprile 2008 Codice Etico Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Explorations in Space and Society No. 15 - marzo 2010 ISSN 1973-9141 www.losquaderno.net. Maps: Beyond the Artifact.

Explorations in Space and Society No. 15 - marzo 2010 ISSN 1973-9141 www.losquaderno.net. Maps: Beyond the Artifact. Explorations in Space and Society No. 15 - marzo 2010 ISSN 1973-9141 www.losquaderno.net Maps: Beyond the Artifact 15Lo s uaderno Q Random map-costume popolare 1.0 (2001), ø210 cm, Cloth. Table of contents

Dettagli

Guida. alle. cantine. dell Etna

Guida. alle. cantine. dell Etna Guida alle cantine dell Etna L Etna, una terra coltivata a vite Guida alle cantine Progetto grafico e realizzazione: Stefano Manuele Stampa: Marzo 2008 Villaggio Cristo Redentore S.r.l. Z.A. L. Grassi

Dettagli

VIAGGIO NEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE TRA CRITICITA E SOSTENIBILITA

VIAGGIO NEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE TRA CRITICITA E SOSTENIBILITA Programma Scienziati in Azienda XIV Ed. Project Work VIAGGIO NEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE TRA CRITICITA E SOSTENIBILITA di: Anna Carratù Filippo Coppoletta Simona Mariani Francesca Mazzo Laura Nicchitta

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI PER UNA CITTÀ PLURALE GUIDE TO SERVICE FOR A PLURAL CITY

GUIDA AI SERVIZI PER UNA CITTÀ PLURALE GUIDE TO SERVICE FOR A PLURAL CITY GUIDA AI SERVIZI PER UNA CITTÀ PLURALE GUIDE TO SERVICE FOR A PLURAL CITY FOTO CHRIS OCCHICONE GUIDA AI SERVIZI PER UNA CITTÀ PLURALE CITTADINANZA 1 A cura di Fondazione IntegrA/Azione Onlus Dott. Luca

Dettagli

LE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE IL NUOVO ANNO ITALIA 2015 CHE FUTURO

LE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE IL NUOVO ANNO ITALIA 2015 CHE FUTURO 1 2 LE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE IL NUOVO ANNO ITALIA 2015 CHE FUTURO 3 CheFuturo! è una testata registrata presso il Tribunale di Milano, 88 del 27 Febbraio 2012. Direttore responsabile: Riccardo Luna

Dettagli

Che italiano fa oggi nei manuali di italiano lingua straniera? Tratti del neostandard in un corpus di manuali svedesi e italiani Entela Tabaku Sörman

Che italiano fa oggi nei manuali di italiano lingua straniera? Tratti del neostandard in un corpus di manuali svedesi e italiani Entela Tabaku Sörman Che italiano fa oggi nei manuali di italiano lingua straniera? Tratti del neostandard in un corpus di manuali svedesi e italiani Entela Tabaku Sörman Forskningsrapporter / Cahiers de la Recherche 53 Che

Dettagli

Qual è il ruolo dei Centri linguistici d ateneo nella didattica dei linguaggi specialistici?

Qual è il ruolo dei Centri linguistici d ateneo nella didattica dei linguaggi specialistici? Konferenzbeiträge Atti Proceedings Qual è il ruolo dei Centri linguistici d ateneo nella didattica dei linguaggi specialistici? Atti del 10 seminario AICLU Bolzano, 16-17 febbraio 2006 a cura di Christoph

Dettagli

Secondo Rapporto sui Tumori a Milano Second Report on Cancer in Milan

Secondo Rapporto sui Tumori a Milano Second Report on Cancer in Milan Secondo Rapporto sui Tumori a Milano Second Report on Cancer in Milan Secondo Rapporto sui Tumori a Milano Second Report on Cancer in Milan A cura della Struttura Complessa di Epidemiologia della ASL

Dettagli

L economia dello sviluppo tra Modernizzazione e Dipendenza

L economia dello sviluppo tra Modernizzazione e Dipendenza L economia dello sviluppo tra Modernizzazione e Dipendenza Debora Valentina Malito PhD student in Political Studies, Graduate School in Social, Economic and Political Sciences, University of Milano Debora.malito@unimi.it

Dettagli

Energia elettrica, anatomia dei costi

Energia elettrica, anatomia dei costi RSEview Riflessioni Sull Energia Energia elettrica, anatomia dei costi Ctr Utenza non domestica Tras Distr D2/D3 Impresa distributrice editrice alkes Utenza domestica RSEview Riflessioni Sull Energia

Dettagli

I servizi digitali e le piattaforme applicative per le imprese e le pubbliche amministrazioni

I servizi digitali e le piattaforme applicative per le imprese e le pubbliche amministrazioni I servizi digitali e le piattaforme applicative per le imprese e le pubbliche amministrazioni Programma di ricerca Servizi e contenuti per le reti di nuova generazione SCREEN Ricerca L offerta di servizi

Dettagli