LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava"

Transcript

1 LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE di Cesare Cava L attività di accertamento dei tributi locali e la collaborazione con l Agenzia delle Entrate per il recupero dell evasione fiscale in materia di tributi erariali e contributi previdenziali, è la fase più delicata e determinante nella efficace e corretta gestione amministrativa. Gli Enti locali, di fronte alla contrazione sempre più forte dei trasferimenti erariali e alla scelta demagogica del Governo dell esenzione ICI per l abitazione principale, hanno visto ridurre le proprie disponibilità finanziarie, con evidenti difficoltà a garantire l erogazione dei servizi minimi ai propri Cittadini. In questo contesto, con il rispetto del patto di stabilità, i nuovi vincoli di finanza pubblica e la crescita delle responsabilità per la gestione di servizi delegati senza il trasferimento delle necessarie risorse, gli amministratori locali hanno l obbligo di ricercare sul territorio, nuove entrate, peraltro in un quadro economico generale caratterizzato da scarsa occupazione e contrazione della crescita. L incremento delle risorse non può quindi che riferirsi alla ricerca del gettito eluso ed evaso, migliorando la qualità delle banche dati in possesso alla pubblica amministrazione ed investendo sulla professionalizzazione e specializzazione del personale dell Amministrazione. Nel momento di programmare una puntuale fase di verifica del territorio e del gettito incassato, è necessario valutare con grande attenzione gli effetti di una esternalizzazione, evitando di ripetere errori commessi in altre realtà, che hanno delegato all esterno la totalità delle funzioni tipiche e caratteristiche del responsabile dell ufficio tributi. Molte sono infatti le esperienze di Comuni italiani, in cui la scelta di esternalizzare la gestione delle attività di accertamento tributario, con trasferimento delle banche dati in esterno, si è rivelata fallimentare, con potenziali conflittualità emergenti nei confronti di società e di contribuenti, in merito alla tutela dei dati sensibili e alla elaborazione, sottoscrizione e notifica degli avvisi di accertamento. Le numerose informazioni in possesso del Comune e della pubblica amministrazione in genere, utilizzate per il recupero dell evasione fiscale, dai dati catastali degli immobili ai versamenti eseguiti, dalle utenze elettriche ai bonifici per opere edilizie, dalle denunce di successione alle pratiche di sanatoria edilizia, dai redditi dichiarati alla composizione dei nuclei familiari, sono dati estremamente sensibili e sottoposti all assoluta tutela della privacy, è quindi prioritario utilizzare questi dati con estrema cura, garantendo l assoluta riservatezza ai contribuenti. Le recenti esperienze hanno quindi teso a ridurre o eliminare la semplice esternalizzazione dell attività di accertamento dei tributi locali, tendendo ad accrescere la centralità del personale interno all Amministrazione, fornendo gli strumenti professionali e consulenziali per il miglioramento della qualità delle informazioni e per la più efficace attività di contrasto all evasione fiscale. Di fatto invece di esternalizzare l attività di accertamento verso competenze informatiche e tributarie al di fuori dell Ente, la nuova tendenza è invece quella di portare all interno dell ufficio le professionalità specializzate che, in tempi e forme di consulenza programmate e temporalmente definite, consentano al personale dell ufficio tributi di dotarsi di conoscenze, strumenti ed esperienze fondamentali per proseguire 1

2 le proprie funzioni di verifica e di controllo della fiscalità locale, senza successivi costi aggiuntivi o dipendenza esterna. Il principio ispiratore della nuova progettualità che interessa il contrasto all evasione dei tributi locali e la collaborazione con l Agenzia delle Entrate, può essere schematicamente riassunto per singoli punti: fornire al Comune una consulenza di alto livello professionale a supporto del personale dell ufficio tributi, finalizzata ad individuare tutte le fasce di elusione e di evasione fiscale nei principali tributi locali, mantenendo le banche dati e la gestione interna al Comune, elaborare una nuova banca dati bonificata dei fabbricati, controllando il corretto pagamento dell ICI e della Tarsu, facendo emergere le anomalie e le violazioni fiscali per tutte le annualità in scadenza, evitando le prescrizioni, procedere ai controlli e alla stampa degli avvisi di accertamento per i due tributi e non soltanto per l ICI o per la Tarsu; ottimizzando la fase dei controlli, superando i precedenti progetti per singola imposta eseguiti dagli uffici tributi e accertando due tributi con un solo controllo sul fabbricato, passando dalla banca dati dei soggetti alla banca degli oggetti, determinare la quantificazione preventiva dell elusione e dell evasione fiscale ai fini ICI e ai fini della Tarsu dovuta per i fabbricati ad uso abitativo, elaborando preventivamente i dati presenti nelle banche dati immobiliari, seppure non aggiornate alla reale rappresentazione territoriale, garantire il rispetto dei contribuenti, mediante una puntuale attività di pre accertamento, attraverso incontri con le associazioni di categoria, caf e ordini professionali, per illustrare le metodologie operative, con l obiettivo di favorire la regolarizzazione spontanea e la riduzione del contenzioso, attivare il pagamento del costo del progetto da parte dell Amministrazione soltanto al momento dell effettivo incasso delle somme recuperate a titolo d imposte, sanzioni e interessi, quantificare prima dell inizio del progetto, la prudente evasione accertabile e recuperabile, garantendo la qualità e la quantità dei risultati, con possibilità di attestare e iscrivere nel bilancio preventivo dell Ente, le possibili somme recuperabili dall attività di accertamento organizzata internamente all ufficio tributi, assistere il personale dell ufficio, in tutte le fasi del recupero di risorse: dal controllo dei pagamenti al front office con gli utenti, dall applicazione dell accertamento con adesione, alla difesa del Comune in contenzioso, bonificare le banche dati on-line direttamente con l ufficio, senza esternalizzare le banche dati e garantendo la costante crescita professionale del personale interno all ufficio, consentire al Comune di migliorare la qualità delle banche dati, di incrementare il proprio gettito tributario, di accrescere la professionalità del personale, di sostenere la spesa soltanto al raggiungimento dei risultati, di coprire il costo con le somme realmente incassate, di garantire la centralità politica e amministrativa del Comune, senza alcuna esternalizzazione. L attività di verifica non è infatti più indirizzata verso i soggetti, ma verso gli oggetti. Una banca dati dei tributi locali che si basa sui codici fiscali dei singoli contribuenti, non sarà mai aggiornata, in quanto le dinamiche e le modifiche che intervengono nei soggetti passivi d imposta, sono più 2

3 veloci degli interventi informatici dell ufficio; le persone si spostano, emigrano, si sposano, muoiono, cedono i propri immobili o ne acquistano altri. Il Comune, rispetto alla propria fiscalità, non deve rincorrere, sempre tardivamente, le modifiche che intervengono nei soggetti passivi d imposta che versano i tributi nel proprio territorio. L Ente si deve porre l obiettivo di creare una banca degli oggetti, degli immobili presenti nel proprio Comune, nella consapevolezza che la fiscalità locale si basa, oggi e anche in prospettiva col nuovo federalismo fiscale, sulla tassazione immobiliare. E quindi fondamentale conoscere la base imponibile immobiliare, realizzando una banca dati degli oggetti che sarà integrata, nel tempo, soltanto con le autorizzazioni a costruire rilasciate dall ufficio tecnico comunale. Il Comune ha il dovere di conoscere le unità immobiliari presenti nel proprio territorio, la loro rendita catastale, la loro superficie, il loro utilizzo e infine l effettiva potenzialità di gettito tributario; soltanto in una seconda fase si procederà con l individuazione di chi, per il fabbricato esaminato, dovrà versare l ICI, se non abitazione principale, la tassa sui rifiuti o la tassa di occupazione suolo pubblico. Il soggetto passivo potrà cedere il fabbricato o affittarlo, oppure concederlo in comodato gratuito a terzi, ma la conoscenza dell immobile consentirà al Comune di accertare, con una sola verifica, la correttezza del pagamento di tutti i tributi locali di propria competenza, mantenendo l attenzione sull immobile e non sui precedenti soggetti passivi. Questa impostazione consente di superare una cultura dell accertamento fiscale per persona e per imposta, tuttora presente in molte realtà locali; molti Comuni continuano infatti ad inviare avvisi di accertamento inerenti l imposta comunale sugli immobili per diversi anni, magari per il 2006, 2007 e 2008, dimenticando le verifiche ai fini Tarsu sugli stessi immobili già controllati ai fini ICI. Preso atto che gli accertamenti devono essere inviati entro il 31 dicembre del quinto anno successivo alla violazione, è opportuno domandarsi quali annualità andranno in scadenza, ai fini fiscali, il prossimo 31 dicembre 2011, programmando la notifica degli atti che andranno in prescrizione. Entro il 31 dicembre 2011, andranno in scadenza le notifiche degli avvisi di accertamento relativi alle violazioni commesse nell anno 2006 e quindi non ha senso inviare accertamenti ICI inerenti anni non in scadenza, come il 2007 e il 2008, lasciando prescrivere gli accertamenti Tarsu L esempio appena illustrato ci impone una riflessione sulla necessità di programmare l attività di accertamento non più per singola imposta, ma per singola annualità: nel 2011 dovranno essere inviati gli avvisi ICI e Tarsu 2006, nel 2012 gli avvisi 2007, nel 2013 gli avvisi 2008 e così a seguire, lasciando comunque la piena libertà di un Ente di inviare più anni insieme. Condiviso il principio secondo il quale, deve essere evitata la prescrizione dell attività di accertamento, appare evidente che nel controllare una visura catastale, possono emergere elementi che consentono verifiche ai fini ICI, tramite il confronto con la rendita catastale, ma anche la rispondenza della superficie Tarsu iscritta a ruolo, con almeno l 80% della superficie catastale risultante dalla stessa visura di cui sopra. Il controllo della stessa visura catastale, può quindi originare accertamenti ICI o Tarsu, in base alle violazioni che potranno emergere, senza la necessità di rischiare prescrizioni o duplicazioni di analisi sugli stessi immobili, in base alle verifiche programmate per singola imposta. 3

4 Contestualmente alla tradizionale finalizzazione dei controlli sulla fiscalità immobiliare di competenza dell Ente locale, il legislatore ha attribuito ai Comuni una significativa quota di compartecipazione al recupero del gettito dei tributi erariali e dei contributi previdenziali, in presenza di utili segnalazioni tecniche. La collaborazione richiesta agli Enti locali può ulteriormente garantire un fisco più equo e solidale, in quanto molte delle informazioni immobiliari, e non solo, in possesso dei Comuni possono risultare molto utili nell accertamento del reddito reale o nell emersione di attività non dichiarate. Le casistiche sono molteplici e possono riguardare i casi di sanatoria edilizia, di presentazione di piani attuativi di rilevanti dimensioni da soggetti privi di redditi congrui, di coniugi con residenze fittizie separate, di rendite catastali difformi da quelle utilizzate per il pagamento delle imposte, di imprenditori evasori totali ai fini Tarsu privi di partita Iva, di inquilini soggetti Tarsu con contratto di locazione non registrato, ecc. Queste informazioni possono emergere in forma oggettiva ed essere fornite in modo automatico all Agenzia delle Entrate, consentendo all Ente locale di acquisire la titolarità del 50% delle maggiori somme che saranno incassate a seguito di notifica di accertamento tributario. Queste risorse, insieme al maggiore gettito recuperato dall attività interna di accertamento dei tributi locali, possono consentire di valorizzare, anche economicamente, il personale dell ufficio tributi dell Ente, rendendolo consapevole protagonista di un progetto di equità fiscale che eviti di richiedere uno sforzo sempre più pesante agli stessi contribuenti che, per etica o per assenza di alternative, si assumono l onere di pagare nei termini quanto dovuto. Le maggiori entrate possono quindi essere destinate, oltre che a finanziare il progetto e il compenso incentivante del personale, ad allargare la base imponibile riducendo il peso fiscale del singolo contribuente e a migliorare la conoscenza del territorio e del patrimonio immobiliare, condizione indispensabile per un governo del territorio in linea con le novità del nuovo federalismo fiscale. Le modalità di realizzazione di un progetto di questa natura, ha certamente bisogno di una fase iniziale, in cui il responsabile dell ufficio tributi ha necessità di supporto e assistenza consulenziale e formativa, ma l arricchimento professionale del personale interno all Amministrazione è il migliore investimento per garantire un controllo equo ed efficace costante nel tempo, a tutela di una equa distribuzione del carico fiscale locale. La collaborazione degli enti locali con l Agenzia delle Entrate, ha peraltro prodotto risultati interessanti per le casse dell Erario e dei Comuni, come emerge da una recente audizione del 6 dicembre 2010 alla Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica, da parte del Direttore dell Agenzia delle Entrate, di cui riportiamo il testo: La partecipazione dei comuni all accertamento: lo stato dell arte. Si forniscono di seguito dati utili al fine di rappresentare lo stato delle segnalazioni trasmesse dai Comuni alle Direzioni Provinciali dell Agenzia delle Entrate nell ambito del processo di partecipazione degli enti all accertamento dei tributi statali. Si specifica che la situazione rappresentata (arrotondata negli importi per semplicità di lettura) è aggiornata al 15 novembre 2010 ed è comprensiva delle annualità 2009 e Totale segnalazioni trasmesse dai comuni alle Direzioni Provinciali dell Agenzia delle entrate DI CUI

5 Totale segnalazioni già lavorate dalle Direzioni Provinciali e collegate ad un atto di accertamento (unificato e/o registro) Totale segnalazioni ancora in lavorazione dalle Direzioni Provinciali Totale segnalazioni archiviate dalle Direzioni Provinciali Le segnalazioni già lavorate e collegate ad un atto di accertamento hanno prodotto una maggiore imposta accertata pari ad euro , di cui: una maggiore imposta definita pari ad euro ; una maggiore imposta riscossa pari ad euro A tal proposito, si segnala che da parte del Dipartimento delle Finanze è in corso di emanazione il provvedimento per consentire la devoluzione degli importi spettanti ai comuni. Ovviamente, questi numeri vanno letti tenendo presenti i tempi del processo accertativo (segnalazione, eventuale attività istruttoria interna o esterna della Direzione Provinciale, accertamento, eventuale contenzioso, riscossione). Per tale motivo il numero più ampio delle segnalazioni è ancora in corso di lavorazione da parte delle Direzioni Provinciali. In termini numerici, tra i 5 ambiti previsti dal provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del dicembre 2007, la distribuzione percentuale delle segnalazioni è la seguente: CODICE AMBITO A DISTRIBUZIONE PER AMBITO Segnalazione Commercio e Professioni B Urbanistica e Territorio C Proprietà Edilizie e Patrimonio Immobiliare D Segnalazione Residenze Fiscali all'estero E Beni Indicanti Capacità Contributiva TOTALE 100% PERCENTUALE 7% 8% 65% 2% 18% Per completezza di informazione, tuttavia, occorre specificare che se è vero che le segnalazioni più numerose riguardano l ambito delle Proprietà edilizie e Patrimonio Immobiliare, grazie anche all importante patrimonio informativo a disposizione dei Comuni, le segnalazioni, tuttavia, che cubano di più in termini di maggiori imposte accertate sono quelle dell ambito Urbanistica e territorio (in particolare le segnalazioni che nascono dalle opere di lottizzazione dei terreni edificabili ovvero da lottizzazione abusiva). Ad oggi i comuni che hanno risposto meglio sono quelli dell Emilia Romagna, che ha prodotto quasi l 80% delle segnalazioni; ma trend di crescita significativi sono riscontrabili in Lombardia, Veneto, Piemonte, Toscana, Marche ed Umbria. Ed invece, il Lazio, le regioni meridionali e le isole restano ancora in ritardo (poche decine di segnalazioni). 5

6 Le informazioni in possesso degli Enti locali sono quindi utili ed efficaci per il recupero del gettito fiscale e, spesso, non sono inoltrati all Agenzia delle Entrate, per difformità organizzative, per carenza di personale, per scarsa attenzione alla materia, per rigidità delle procedure informative utilizzate. Questa nuova opportunità di contrasto all evasione, nelle realtà territoriali in cui è stata attivata, ha consentito l emersione di notevoli basi imponibili, è pertanto doveroso che anche i Comuni delle aree da cui non stanno arrivando segnalazioni, inizino un percorso di collaborazione riorganizzando la propria attività di accertamento tributario. Le impostazioni su cui realizzare una più innovativa e produttiva fase di verifica e di controllo, sono quindi così riepilogabili: 1) realizzazione della banca dati degli oggetti, quale indispensabile piattaforma informatica per il controllo e la gestione della nuova fiscalità immobiliare; 2) superamento dell attività di accertamento per imposta, attraverso una nuova fase di verifica e notifica degli accertamenti, per tutte le imposte comunali, in base alla programmazione delle prescrizioni quinquennali; 3) attivazione del rapporto di collaborazione con l Agenzia delle Entrate, al fine di beneficiare della quota del 50% delle maggiori somme incassate dall Erario, per effetto dei dati utili forniti dall Ente locale. Queste nuove sfide sono il futuro per i nuovi Amministratoti locali e senza investimenti nella riorganizzazione o rafforzamento degli uffici entrate, il federalismo fiscale rischierà di rimanere uno slogan senza contenuto e soprattutto senza risorse aggiuntive. 6

ICI in Costruzione e sviluppo della banca dati degli oggetti immobiliari Comuni con popolazione superiore a 20.000 abitanti

ICI in Costruzione e sviluppo della banca dati degli oggetti immobiliari Comuni con popolazione superiore a 20.000 abitanti ICI in Costruzione e sviluppo della banca dati degli oggetti immobiliari Comuni con popolazione superiore a 20.000 abitanti 1 1. FINANZA LOCALE PARTNERSHIP E la struttura operativa del Gruppo Finanza Locale

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Capitolo V. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2012 1 Il decentramento in Italia Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti

Dettagli

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni In un contesto normativo volto al raggiungimento di una maggiore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia PROTOCOLLO D INTESA TRA Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia, con sede in Trieste,

Dettagli

(Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente, che la possiede a titolo di proprietà, usufrutto o altro diritto reale, e i

(Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente, che la possiede a titolo di proprietà, usufrutto o altro diritto reale, e i Alla ricerca di nuove sinergie? Residenze fittizie ed evasione fiscale : le situazioni più diffuse 1) Agevolazioni per l acquisto della prima casa 2) Abolizione dell ICI sulla prima casa adibita ad abitazione

Dettagli

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU L entrata in vigore, dal 1 gennaio 2012, dell IMU impone ai Comuni un notevole sforzo organizzativo e strutturale. Infatti, oltre agli adempimenti formali

Dettagli

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali CENTRO SERVIZI FINANZA LOCALE GESTIONE ENTRATE COMUNALI PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali 1 Premessa L obiettivo della presentazione è quello di far conoscere un progetto innovativo

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N.

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. Allegato alla Delib.G.R. n. 63/2 del 15.12.2015 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. 3 Articolo

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

il Comune di, con sede in Via - C.F., legalmente rappresentato dal dott., nella sua qualità di, giusta delibera n. del premesso:

il Comune di, con sede in Via - C.F., legalmente rappresentato dal dott., nella sua qualità di, giusta delibera n. del premesso: ICI S/L (SC) 1 CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE E IL COMUNE DI PER IL PAGAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI, DELLE SANZIONI E DEGLI INTERESSI E LA FORNITURA DEI RELATIVI FLUSSI INFORMATIVI

Dettagli

Seminari di approfondimento tematico. Febbraio marzo 2014 Palermo, Enna, Messina, Catania.

Seminari di approfondimento tematico. Febbraio marzo 2014 Palermo, Enna, Messina, Catania. Convenzione tra Regione Siciliana (Dipartimento Istruzione e Formazione Professionale) e FormezPA POR FSE 2007-2013 - Regione Siciliana - Asse VII - Capacità Istituzionale Progetto: AZIONI DI SISTEMA PER

Dettagli

Per l attribuzione dei tali nuovi, in particolare per le unità immobiliari urbane censite nel catasto dei fabbricati, lo stesso comma 1, indica una

Per l attribuzione dei tali nuovi, in particolare per le unità immobiliari urbane censite nel catasto dei fabbricati, lo stesso comma 1, indica una Nota di lettura dell articolo 2, della legge 23/2014 recante Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita, in materia di catasto La legge

Dettagli

Il finanziamento dei livelli inferiori di governo in Italia

Il finanziamento dei livelli inferiori di governo in Italia Lezione 6 Il finanziamento dei livelli inferiori di governo in Italia Rapporti tra Stato e - Regioni -Enti locali (Comuni, Province, Comunità montane, Università, Camere di Commercio) Rapporti finanziari

Dettagli

Comune di Provaglio d Iseo. Brescia REGOLAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (ICI) Articolo 1. Ambito di applicazione

Comune di Provaglio d Iseo. Brescia REGOLAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (ICI) Articolo 1. Ambito di applicazione Comune di Provaglio d Iseo Brescia REGOLAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (ICI) Articolo 1 Ambito di applicazione l. Il presente regolamento, adottato nell'ambito della potestà prevista dagli

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289)

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) COMUNE DI CELANO Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) CAPO I TRIBUTI CONDONABILI, CONDIZIONI E BENEFICI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese

COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con deliberazione consiliare n. 6 del 05/04/20112, esecutiva a termini di legge, ed inviato

Dettagli

Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - ARASE

Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - ARASE Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - ARASE Via XXIX Novembre 23, 09123 Cagliari Tel 070/6068066 fax 070/6068017 agenziaentrate@regione.sardegna.it Chi Siamo L ARASE è stata istituita

Dettagli

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia.

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Oggetto: Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Il Presidente della Regione anche a seguito di diversi incontri e manifestazioni di protesta dei contribuenti regionali,

Dettagli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia Area Monopoli per il triennio 2013-2015 Il Piano delle attività sviluppato per il triennio 2013-2015 intende perseguire i seguenti

Dettagli

Schema di Dlgs in materia di federalismo fiscale municipale. A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi - Cgil nazionale

Schema di Dlgs in materia di federalismo fiscale municipale. A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi - Cgil nazionale Schema di Dlgs in materia di federalismo fiscale municipale A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi - Cgil nazionale Art. 1 devoluzione ai comuni della fiscalità immobiliare In attuazione

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2015 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI GONZAGA Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Testo coordinato con delibere del Consiglio Comunale: n. 26 del 26/04/2007 n.5 del 12/02/2008 n.

Dettagli

COMUNE DI SCLAFANI BAGNI PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI SCLAFANI BAGNI PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI SCLAFANI BAGNI PROVINCIA DI PALERMO REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI I.C.I. E TA.R.S.U. (APPROVATO CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 4 DEL 30 APRILE 2010) I N D

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Castel Mella - Brescia 6 maggio 2010, ore 9,00 14,00 President Hotel Roncadelle Via Roncadelle 48. Via Leonardo da Vinci 1

Castel Mella - Brescia 6 maggio 2010, ore 9,00 14,00 President Hotel Roncadelle Via Roncadelle 48. Via Leonardo da Vinci 1 Via Leonardo da Vinci 1 Presentazione Un attenta gestione dei tributi locali, nonché il corretto e tempestivo adempimento degli obblighi fiscali rappresentano due ambiti di intervento che possono consentire

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

C O M U N E D I R I V A L T A D I T O R I N O REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI I.C.I.

C O M U N E D I R I V A L T A D I T O R I N O REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI I.C.I. C O M U N E D I R I V A L T A D I T O R I N O REGOLAMENTO 2'4.#&+5%+2.+0# FGNNC IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI I.C.I. 1 ART. 1...9...9...3 Oggetto del Regolamento...9...9...3 ART. 1 bis...9...9......3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI LUMARZO Provincia di Genova IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (art. 1, comma 682, legge 27 dicembre 2013, n. 147) (approvato

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALLA LOTTA ALL EVASIONE

LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALLA LOTTA ALL EVASIONE LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALLA LOTTA ALL EVASIONE STEFANO VALENTE Agenzia delle Entrate - Ufficio ACCERTAMENTO n.5 Ambiti d intervento Rappresentano gli ambiti d'interesse per le attività istituzionali

Dettagli

COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO

COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO Allegato A) delibera di CC n. 2013/00044 del 20/06/2013 COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO REGOLAMENTO PER L AGEVOLAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI 1

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI 1 COMUNE DI TIGNALE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI 1 1 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 48 assunta nella seduta del 21 dicembre

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico COMUNE DI BASTIA UMBRA Prov. (PG) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 170.096,84 170.096,84 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI DECENTRATI DI GOVERNO IN ITALIA. Aspetti generali. Il decentramento in Italia

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI DECENTRATI DI GOVERNO IN ITALIA. Aspetti generali. Il decentramento in Italia Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2012 1 Capitolo V. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI DECENTRATI DI GOVERNO IN ITALIA Aspetti generali Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I.

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. E TARSU Approvato con Del CC n. 5 del 29.4.2011 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CONVENZIONE CONVENZIONE

CONVENZIONE CONVENZIONE CONVENZIONE CONVENZIONE La Regione Lombardia con sede in Milano, Via Pola n. 14, codice fiscale 80050050154 (di seguito denominata "Regione"), legalmente rappresentata dal dott. Giovanni Tesi, nella sua

Dettagli

ICI S/L (SC) 1. premesso:

ICI S/L (SC) 1. premesso: ICI S/L (SC) 1 CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE E IL COMUNE DI CASSANO ALLO IONIO (COSENZA) PER IL PAGAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI, DELLE SANZIONI E DEGLI INTERESSI E LA FORNITURA

Dettagli

Comune di Corneliano d'alba

Comune di Corneliano d'alba Comune di Corneliano d'alba Tipo: ENTRATA Avanzo di Amministrazione + Fondo Pluriennale Vincolato iscritto in Entrata di cui: - Fondi Vincolati - Finanziamento Investimenti - Fondo Ammortamento 18.912,00

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata La dichiarazione precompilata Paolo Savini Direttore Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 23 novembre 2015 La dichiarazione precompilata Cambia radicalmente il paradigma PRIMA: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES Gestione TARES (rifiuti e servizi indivisibili) anno 2013 L affidamento

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 61.562,42 61.562,42 61.562,42 di cui: VINCOLATO 61.562,42 NON VINCOLATO 61.562,42

Dettagli

Circolare N.99 del 14 Giugno 2013

Circolare N.99 del 14 Giugno 2013 Circolare N.99 del 14 Giugno 2013 L Agenzia invita al ravvedimento nel caso di spese incongruenti al reddito Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che recentemente l Agenzia delle Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

IL CONTRIBUTO STATALE PER LA PERDITA DI GETTITO I.C.I. RIFERITA AGLI IMMOBILI DEL GRUPPO CATASTALE D

IL CONTRIBUTO STATALE PER LA PERDITA DI GETTITO I.C.I. RIFERITA AGLI IMMOBILI DEL GRUPPO CATASTALE D Asm Rovigo PROGETTO TECNICO IL CONTRIBUTO STATALE PER LA PERDITA DI GETTITO I.C.I. RIFERITA AGLI IMMOBILI DEL GRUPPO CATASTALE D PRESENTATO DA INDICE 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO... 3 2. LA DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.)

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) Approvato con deliberazione consiliare n. 19 del 30/07/2014 1 INDICE Art. 1. Oggetto

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (Schema di decreto legislativo n. 161-bis) N. 252 30 luglio 2015 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni Misure

Dettagli

Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le

Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le detrazioni relative alle spese su manutenzioni e ristrutturazioni

Dettagli

La partecipazione dei Comuni all accertamento dei tributi erariali. Antonino GENTILE Direttore Regionale Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna

La partecipazione dei Comuni all accertamento dei tributi erariali. Antonino GENTILE Direttore Regionale Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna La partecipazione dei Comuni all accertamento dei tributi erariali Antonino GENTILE Direttore Regionale Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna IL TERRITORIO FISCALE Livelli di governo territoriale nell attuazione

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE La dichiarazione precompilata Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 18 dicembre 2014 1 Cambia radicalmente il paradigma DAL MODELLO: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO Art. 1 Soggetto attuatore Soggetto attuatore del progetto, è Casa e Provincia Spa, che metterà a disposizione le proprie competenze acquisite nello svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO. TARSU e ICI

REGOLAMENTO. TARSU e ICI COMUNE DI TORELLA DEI LOMBARDI PROVINCIA DI AVELLINO REGOLAMENTO per la definizione agevolata dei tributi locali TARSU e ICI 1 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE ENTRATE LOCALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 09 del 01 Ottobre 2012 ARTICOLO N. 1 OGGETTO

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2014 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

Guida all utilizzo. rev 1.1

Guida all utilizzo. rev 1.1 rev 1.1 INDICE 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. Registrazione al servizio Riepilogo Profilo utente Ici Tarsu Catasto Pagamento Online Utenti Associati LINKmate è un Portale istituito per offrire all utenza cittadina

Dettagli

Milano, 27 aprile 2012. Informazioni tributarie 4.4/04/2012. A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio DECRETO FISCALE

Milano, 27 aprile 2012. Informazioni tributarie 4.4/04/2012. A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio DECRETO FISCALE Milano, 27 aprile 2012 Informazioni tributarie 4.4/04/2012 A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio DECRETO FISCALE 1. APPALTO E SUBAPPALTO RESPONSABILITA SOLIDALE DI APPALTATORE, SUBAPPALTATORE E COMMITTENTE.

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 381 22.12.2014 Pagamento dell avviso bonario Categoria: Versamenti Sottocategoria: D imposta L'art. 3-bis del D.Lgs. 462/1997 dispone che le somme

Dettagli

REGOLAMENTO I.M.P. Imposta Municipale Propria

REGOLAMENTO I.M.P. Imposta Municipale Propria REGOLAMENTO I.M.P. Imposta Municipale Propria ex art. 52 del D.Lgs. 15 dicembre 1997 n. 446 (delibera C.C. n 03 del 13/03/2012) (delibera C.C. n 22 del 14/06/2012) (delibera C.C. n. 22 del 27/06/2013)

Dettagli

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE Circolare n. 5 del 21 Luglio 2013 Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE 1 Premessa... 3 2 Utilizzo dei crediti commerciali

Dettagli

RECUPERO TICKET SANITARI RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI

RECUPERO TICKET SANITARI RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI RECUPERO TICKET SANITARI RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI 1.Perchè la Regione sta provvedendo ad inviare avvisi bonari relativi agli anni 2009 e 2010? Le lettere bonarie riguardano le esenzioni ticket sanitario

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A P R O V I N C I A D I P E R U G I A REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione del C.C. n. 10 del 06.03.2012 1 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Risultati e strategie della lotta all evasione

Risultati e strategie della lotta all evasione UFFICIO STAMPA Risultati e strategie della lotta all evasione Conferenza Stampa Lunedì 23 marzo 2009 SINTESI PER LA STAMPA Settore Comunicazione Istituzionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Cresce la

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Tributi. COMUNE della CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE. Il Dirigente L Assessore Dott. Guido Perghem Avv. Fabrizio Paganella

Tributi. COMUNE della CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE. Il Dirigente L Assessore Dott. Guido Perghem Avv. Fabrizio Paganella COMUNE della CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE Provincia di Mantova Stato di attuazione dei programmi 2010 *** Tributi Il Dirigente L Assessore Dott. Guido Perghem Avv. Fabrizio Paganella PROGRAMMA 06

Dettagli

ASSISTENZA FISCALE 730 / 2013

ASSISTENZA FISCALE 730 / 2013 Su incarico dello Studio di Consulenza del lavoro TERRAZZINI & PARTNERS Vi trasmetto quanto segue: ASSISTENZA FISCALE 730 / 2013 Ricordo che, in seguito al decreto legislativo n 490/1998, i datori di lavoro

Dettagli

Costituzione dell anagrafe immobiliare quale presupposto per gestione urbanistica e tributaria dell'ente locale e formazione dei PGT (a cura di SET)

Costituzione dell anagrafe immobiliare quale presupposto per gestione urbanistica e tributaria dell'ente locale e formazione dei PGT (a cura di SET) Palazzo delle Stelline Milano 19/04/2007 Ore 14.30-17.30 Sala Bramante ATTI DEL SEMINARIO Costituzione dell anagrafe immobiliare quale presupposto per gestione urbanistica e tributaria dell'ente locale

Dettagli

COMUNE DI BOTRUGNO (Prov. LECCE)

COMUNE DI BOTRUGNO (Prov. LECCE) COMUNE DI BOTRUGNO (Prov. LECCE) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (art. 1, comma 682, legge 27 dicembre 2013, n. 147) (approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA MODELLI 730/2015 - LE NOVITA 1) DELEGHE a. E obbligatorio procedere con le deleghe? b. Perché NOI consigliamo di richiedere autorizzazione a prelevare il precompilato? c. Come si gestiscono le deleghe?

Dettagli

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo Art. 3. Indicazione analitica dei

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA. (Provincia di Siena) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA. (Provincia di Siena) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA (Provincia di Siena) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 86 del 19.10.2015 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi dei servizi. Quelle per gli investimenti derivano da

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

PIRANHA rel. 3.0.12. - Implementazioni: PIRANHA Siscom software per la gestione di imposte e tasse

PIRANHA rel. 3.0.12. - Implementazioni: PIRANHA Siscom software per la gestione di imposte e tasse PIRANHA rel. 3.0.12 versione (attuale) aggiornata al 03.07.2015 Importazione della nuova fornitura dei versamenti IMU da SIATEL. Potenziamento statistiche su F24 IMU e TASI. Attivazione della gestione

Dettagli

5ª Commissione Bilancio 6ª Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica. Manovra correttiva di finanza pubblica per l anno 2006

5ª Commissione Bilancio 6ª Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica. Manovra correttiva di finanza pubblica per l anno 2006 5ª Commissione Bilancio 6ª Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica Manovra correttiva di finanza pubblica per l anno 2006 Audizione del Presidente Prof. Guido Cammarano Roma, 10 luglio

Dettagli

ESPERIENZE PROFESSIONALI

ESPERIENZE PROFESSIONALI CURRICULUM VITAE Studio legale Via Berzantina 30/5, 40030 Castel di Casio (Bologna) P. IVA: 02072821206 Tel. 0534/21532 Fax. 0534/520011 Tel. cell. 339-2260353 Nato a Roma il 27 Marzo 1972 Stato civile

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze.

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO Fisco semplice per i piccoli imprenditori Addio libri contabili, Iva e Irap. Per le piccole imprese solo un forfait. Un milione di imprenditori minimi e marginali,

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO ELEMENTI PER L AUDIZIONE DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA VALUTAZIONI SUL FENOMENO DELL EVASIONE FISCALE E SUL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO. Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO. Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 197 del 25.10.2012 INDICE Titolo

Dettagli

Gestione delle entrate e rilevanza dei modelli organizzativi e gestionali adottati dai comuni

Gestione delle entrate e rilevanza dei modelli organizzativi e gestionali adottati dai comuni Oltre la logica dei tagli: una politica per la crescita Viareggio 17 e 18 ottobre 2011 Centro Congressi Principe di Piemonte Viale Marconi, 130 DOCUMENTAZIONE Gestione delle entrate e rilevanza dei modelli

Dettagli

ISTANZA DI RIMBORSO IMU PER GLI ANNI

ISTANZA DI RIMBORSO IMU PER GLI ANNI AL COMUNE DI PRATA DI PORDENONE UFFICIO TRIBUTI Via Roma n. 33 33080 PRATA DI PORDENONE (PN) fax 0434 610457 e-mail tributi@comune.prata.pn.it PEC comune.pratadipordenone@cert.gov.it ISTANZA DI RIMBORSO

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA TRA AGENZIA delle ENTRATE Direzione Regionale della Puglia, con sede in Bari, via Amendola n. 201/7, rappresentata dal dott. Gianni De Luca, in qualità di Direttore Regionale della

Dettagli

IL COSTO DI UN ATTO NOTARILE (Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato)

IL COSTO DI UN ATTO NOTARILE (Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato) IL COSTO DI UN ATTO NOTARILE (Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato) Acquistare la casa: quanto costa il notaio? Le tabelle qui pubblicate riportano di massima i compensi dovuti al notaio per gli atti

Dettagli

MODULO 5 DATI CONTABILI

MODULO 5 DATI CONTABILI MODULO 5 DATI CONTABILI 1. GENERALITÁ Il Modulo Dati Contabili raccoglie informazioni riguardanti le entrate accertate e gli impegni di spesa corrente per ciascuna Funzione/Servizio. Le informazioni richieste

Dettagli

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES E IRAP SOPRA LA SOGLIA DEI 15 MILA EURO; OBBLIGO DI VISTO DI CONFORMITA (Rif. Normativo: Art.1 comma 574 della

Dettagli

L ICI. Sono quindi tenuti al pagamento dell imposta, i contribuenti che possiedono:

L ICI. Sono quindi tenuti al pagamento dell imposta, i contribuenti che possiedono: L ICI 1. Cos è L'ICI è l'imposta comunale sugli immobili. Ogni singolo comune delibera un aliquota, di norma compresa tra il 4 ed il 7 per mille, da applicare al valore catastale di fabbricati, aree fabbricabili

Dettagli

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica Di cosa si tratta Regione Lombardia con l.r. n. 20/2015 ha avviato una campagna di definizione agevolata delle posizioni irregolari relative alla

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli