Registro Unico dei Controlli. Documento di Base

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Registro Unico dei Controlli. Documento di Base"

Transcript

1 Registro Unico dei Controlli RUC Documento di Base Decreto Artea n.60 del 15 aprile 2013

2 INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Normativa Comunitaria Normativa Nazionale Normativa Regionale RUC FINALITÀ RUC Obiettivi SEMPLIFICAZIONE SNELLIMENTO e TRASPARENZA SOGGETTI COINVOLTI Funzioni della Regione, Provincia di Firenze e ARTEA UTENTI DEL RUC UNITÀ DI RIFERIMENTO CONTENUTI DEL RUC Cosa è il RUC Definizioni di controllo STRUTTURA SET MINIMO di informazioni Glossario FASI DI LAVORO CONSULTAZIONE DEL RUC Accesso alla pagina di login Effettuare la ricerca sul RUC Accedere al controllo - Verbale

3 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 1.1 Normativa Comunitaria Reg. (CE) n del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Reg.(CE) n. 73 del 19 gennaio 2009 che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno diretto agli agricoltori nell'ambito della politica agricola comune e istituisce taluni regimi di sostegno a favore degli agricoltori, e che modifica i regolamenti (CE) n. 1290/2005, (CE) n. 247/2006, (CE) n. 378/2007 e abroga il regolamento (CE) n. 1782/2003 Reg. (CE) n del 30 novembre 2009 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio per quanto riguarda la condizionalità, la modulazione e il sistema integrato di gestione e di controllo nell ambito dei regimi di sostegno diretto agli agricoltori di cui al medesimo regolamento e modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio per quanto riguarda la condizionalità nell ambito del regime di sostegno per il settore vitivinicolo Reg. (CE) n. 65 del 27 gennaio 2011 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio per quanto riguarda l'attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le misure di sostegno dello sviluppo rurale 1.2 Normativa Nazionale D.Lgs. n. 82 del 7 marzo 2005, Codice dell'amministrazione digitale. D.L. n. 112 del 25 giugno 2008, "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria" Art.30 (convertito in legge 6 agosto 2008, n.133) Legge n. 35 del 4 aprile 2012, (Art.14) conversione in Legge del D.L. n. 5 del 9 febbraio 2012, recante disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo. Accordo in sede di Conferenza unificata concernente l attuazione delle norme di semplificazione contenute nel Decreto Legge 9 febbraio 2012, n.5, recante Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35. Linee guida in materia di Controlli ai sensi dell art. 14, comma 5, del DL 9 febbraio 2012, n. 5. Intesa sancita nella seduta della Conferenza Unificata del 24 gennaio

4 1.3 Normativa Regionale L.R. 27 luglio 2007, n. 45 Norme in materia di imprenditore e imprenditrice agricoli e di impresa agricola. LR 60/1999 (istituzione di Artea) art.2 c. Competenze di ARTEA (gestione dell'anagrafe) L.R. n. 23 del 8 marzo 2000, (s.m.i.) art.3 istituzione del SIART e dell'anagrafe regionale delle aziende agricole presso ARTEA. D.G.R n.778 del 30 agosto 2010, Reg. CE n. 1698/05 - PSR 2007/ approvazione di un protocollo di intesa per la razionalizzazione della programmazione locale sullo sviluppo rurale PROTOCOLLO DI INTESA - Lucca 14 novembre 2011 Regione Toscana UPI Toscana UNCEM Toscana ANCI Toscana per la semplificazione della governance dello sviluppo rurale D.G.P. n.26 del 28 febbraio 2012, e DECRETO Artea 20 marzo 2012, n. 41 Approvazione della bozza di convenzione tra Artea e la Provincia di Firenze per la realizzazione di un progetto sperimentale di semplificazione amministrativa in agricoltura denominato Registro Unico dei Controlli (RUC) 2 RUC FINALITÀ Il Registro Unico dei Controlli - RUC è un progetto che ha la finalità di realizzare uno strumento di lavoro che facilita l attività del controllore nella P.A. attraverso la condivisione, l integrazione e lo scambio di informazioni acquisite nel corso dei controlli. Oltre ad essere uno strumento gestionale per i controllori, il RUC rappresenta un azione di sistema ed una buona pratica della P.A. attraverso il coinvolgimento di diversi Enti che svolgono attività di controllo; una piattaforma comune consultabile ed aggiornata da tutti gli Enti che vi aderiscono. Il punto fondamentale del progetto si basa sui principi di collaborazione e interscambio, mediante lo sviluppo di un sistema informativo unitario ed integrato dei controlli, vuole creare l opportunità per le varie amministrazioni di consultare informazioni preventive sulle aziende interessate ai controlli, semplificare le visite in loco e rendere patrimonio comune il maggior numero di informazioni possibili in modo da assicurare la tutela dell interesse pubblico evitando duplicazioni e sovrapposizioni e da recare il minore intralcio al normale esercizio delle attività dell impresa, definendo la frequenza e tenendo conto dell esito delle verifiche e delle ispezioni già effettuate. 3

5 Le diverse autorità di controllo oltre alla consultazione del Registro su base storica e territoriale avranno la possibilità di effettuare una serie di analisi territoriali, pianificazione e monitoraggio sulla quantità e qualità dei controlli, l analisi di rischio, etc. Nel database del RUC sono già stati trasferiti gli esiti dei controlli eseguiti da ARTEA in qualità di Organismo Pagatore Regionale responsabile dell erogazione dei finanziamenti comunitari percepiti dalle aziende toscane e tenutaria delle informazioni contenute nei circa fascicoli relativi alle aziende agricole toscane. 2.1 RUC Obiettivi Gli obiettivi del RUC sono i seguenti: 1. Costituzione della banca dati del Registro Unico dei Controlli (RUC) presso ARTEA; 2. Predisposizione di un sistema di trasmissione permanente sul RUC dei dati relativi a controlli effettuati dagli Enti toscani competenti; 3. Funzione di supporto nella pianificazione e gestione delle attività di controllo; 4. Utilizzazione degli esiti dell attività di verifica e controllo in una logica di rating amministrativo; 5. Condivisione delle conoscenze acquisite e degli strumenti realizzati nell ambito del progetto con la comunità dei soggetti operanti nel settore dello sviluppo rurale in generale e del controllo dell attività agricola in particolare. 3 SEMPLIFICAZIONE SNELLIMENTO e TRASPARENZA L istituzione di un Registro Unico dei Controlli si inserisce in un contesto di ottimizzazione e semplificazione della governance multilivello e rappresenta un buon esempio di approccio integrato alla semplificazione dei controlli poiché consente di perseguire simultaneamente diversi obiettivi: o Eliminazione delle duplicazioni tramite la consultazione in via preventiva dell archivio del registro prima dell effettuazione di controlli; o La minore sottrazione di tempo e risorse all attività imprenditoriale che può derivare dall aver evitato duplicazioni di controlli; o Uniformità delle procedure di controllo e convergenza della terminologia e del concetto di controllo in loco; o Individuazione dell ente/settore controllore e normativa di riferimento; o Condivisione delle informazioni tra attori interistituzionali; o Utilizzo di una piattaforma regionale comune; 4

6 o Avvio di un circolo virtuoso tra controllori portatori di esperienze diverse; o Razionalizzazione delle risorse umane, materiali ed immateriali; o Pubblicizzazione e disponibilità dei risultati dell attività svolta per le varie amministrazioni (es. Regione, Province e altri enti territoriali, Aziende USL, Arpat); o Trasparenza dell attività ispettiva grazie alla registrazione nel sistema informativo da parte di tutte le amministrazioni coinvolte delle attività eseguite e dei risultati, definitivi e non, raggiunti. Per il perseguimento degli obiettivi generali di semplificazione e snellimento dei procedimenti amministrativi il RUC permette di velocizzare i tempi dei procedimenti amministrativi così come previsto dall art. 30 Legge 133/2008, "Semplificazione dei controlli amministrativi a carico delle imprese soggette a certificazione. 4 SOGGETTI COINVOLTI In un ottica di condivisione, integrazione, scambio delle informazioni inerenti i controlli in loco provenienti da soggetti diversi, il RUC viene implementato con informazioni in possesso delle amministrazioni che esercitano funzioni di controllo sul territorio regionale. Nello specifico i partner coinvolti nel progetto sono: ART A controlli in agricoltura Mipaaf CFS controlli ecosistemi forestali DG Sanità della R.T. controlli salute e sanità pubblica Province Comunità Montane Comuni INPS controlli previdenza sociale Mipaaf - ICQRF controlli su qualità e repressione delle frodi ARPAT controlli qualità ambientale Organismi di Certificazione per il sistema biologico Enti riconosciuti aventi funzioni di controllo di cui all art.47 del Reg.(CE) 479/2008 Agenzia delle Entrate Controlli fiscali 4.1 Funzioni della Regione, Provincia di Firenze e ARTEA Regione Toscana La Regione Toscana presidia le attività di coordinamento del progetto RUC e organizza gli incontri con ICQ e INPS per presentare il RUC e stipulare la convenzione. Al fine di implementare il RUC con ulteriori dati, la Regione promuove la sottoscrizione di accordi di collaborazione ed interscambio con altre amministrazioni pubbliche, in applicazione di quanto 5

7 previsto dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell'amministrazione digitale) e successive modifiche. La Regione si occupa di: coordinare i rapporti con i diversi Enti coinvolti promuovere azioni di semplificazione e miglioramento dello sviluppo del sistema e del monitoraggio dei controlli; Predisporre le convenzioni con gli Enti che eseguono controlli nei diversi ambiti (INPS, ICQRF). ARTEA ARTEA è il soggetto tenutario del Registro Unico dei Controlli e si occupa dello sviluppo del gestionale, del popolamento del RUC con i controlli svolti da ARTEA, del popolamento del RUC con i controlli svolti dagli altri Enti (DG Sanità, CFS, ARPAT, INPS, ICQRF, etc.), della predisposizione delle convenzioni con ASL, CFS, ARPAT. La P.O. Verifiche impegni e controlli oggettivi - Settore Affari generali, contabilizzazione e controlli aziendali ed ex-post si occupa di: Definire e individuare i controlli svolti dai diversi settori di ARTEA interessati all inserimento sul RUC; Gestire l inserimento sul RUC dei controlli di cui al punto precedente; Predisporre le convenzioni con gli Enti che eseguono controlli nei diversi ambiti (ASL, CFS, ARPAT, etc.); Gestire l inserimento sul RUC dei controlli svolti dagli Enti di cui al punto precedente. La P.O. Sviluppo e gestione dei procedimenti del Sistema Informativo - Settore Anagrafe e sviluppo sistema integrato di gestione e controllo si occupa di: Agevolare i colloqui applicativi per popolamento del database RUC; Inserire i controlli all interno del RUC; Realizzare effettuare la manutenzione dello strumento informatico RUC; Provincia di Firenze (Direzione Agricoltura caccia e Pesca Unità di Progetto Controllo ed Analisi) La Provincia di Firenze, così come previsto dal Protocollo di intesa opera come coordinatore delle attività di popolamento del RUC da parte degli EE.LL. Toscani (Province, Comunità Montane e Comuni) impegnandosi a mettere a disposizione di questi gli strumenti informatici e il supporto tecnico necessari alla trasmissione dei dati ad ARTEA. Si impegna, laddove designata da UPI, UNCEM e ANCI, a sviluppare un progetto di assistenza tecnica ed operativa agli altri EE.LL. circa la risoluzione delle problematiche connesse all inserimento di tali dati nel database comune per il successivo trasferimento sul RUC. La Provincia di Firenze si occupa di: Assistere, supportare, formare e aggiornare gli EE.LL., 6

8 Progettare l implementazione di specifici applicativi informatici Organizzare incontri con gli Enti locali al fine di promuovere e realizzare, quanto di propria competenza, sottoscritto e indicato nel protocollo d intesa del 14/11/2011 a Lucca; In collaborazione con gli EE.LL., effettuare una verifica dei controlli di competenza degli stessi da inserire nel RUC (PMA, settore faunistico-venatorio, vincolo idrogeologico, settore ambiente in materia di smaltimento rifiuti, spandimento fanghi, reflui zootecnici); Agevolare i colloqui applicativi per il popolamento del database RUC con gli Enti Locali. 5 UTENTI DEL RUC IL RUC può essere utilizzato esclusivamente dai soggetti che partecipano al popolamento del database. All archivio RUC possono accedere gli Enti accreditati da ARTEA, sulla piattaforma di gestione dell anagrafe delle aziende agricole (http://www.artea.toscana.it/). Nel rispetto dei principi di cui agli articoli 3 e 11 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali): a) per l'esercizio di compiti ispettivi, di vigilanza, di verifica e controllo, i dati e le informazioni contenuti nell'archivio informatizzato sono oggetto di comunicazione, anche mediante interconnessione, tra le amministrazioni coinvolte nel sistema unitario ed integrato dei controlli; b) per l'esercizio di compiti ispettivi, di vigilanza, di verifica e controllo, i dati e le informazioni contenuti nell'archivio informatizzato possono essere comunicati, anche mediante interconnessione, ad altre pubbliche amministrazioni, che ne facciano richiesta, per l'esercizio dei propri compiti istituzionali. 6 UNITÀ DI RIFERIMENTO Le unità di riferimento del RUC sono rappresentate dalle aziende appartenenti ai diversi settori, individuate dal CODICE FISCALE, elemento univoco di identificazione dell azienda. In particolare, le aziende agricole di riferimento sono le aziende iscritte al SIAN, e il Codice Fiscale è rappresentato dal CUAA (Codice Unico Agricolo Aziendale). 7

9 7 CONTENUTI DEL RUC Il RUC è costituito da uno specifico archivio informatizzato interconnesso al momento con l Anagrafe delle Aziende Agricole, attraverso il quale sono resi disponibili i dati relativi alle risultanze dei sopralluoghi presso le aziende previsti dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale eseguiti dall amministrazione, in attuazione dell art.3 comma 1, lettera i del DPR 1 dicembre 1999, n.173 Regolamento recante norme per l'istituzione della Carta dell'agricoltore e del pescatore e dell'anagrafe delle aziende agricole, in attuazione dell'articolo 14, comma 3, del D.Lgs. 30 aprile 1998, n. 173 come riportato di seguito: i) risultanze dei controlli amministrativi, ivi compresi i controlli preventivi integrati basati sull'impiego del telerilevamento (da aereo e satellite) ed i sopralluoghi presso le aziende, previsti dalla normativa comunitaria e nazionale, eseguiti dall'amministrazione. Il RUC quindi raccoglie per ciascuna impresa le informazioni riguardanti i dati identificativi tratti dall Anagrafica dell azienda, l elenco dei controlli effettuati a decorrere dal 01/01/2010 (è facoltativo per ogni Ente trasferire dati sui controlli antecedenti tale data), l indicazione dell Ente e i dati del funzionario preposti al controllo, la data e la tipologia di controllo effettuato, la normativa a cui è connesso, nonché in allegato il verbale di controllo ed i relativi esiti. 7.1 Cosa è il RUC Sul territorio regionale gli Enti eseguono, per i propri compiti istituzionali, controlli su requisiti e impegni obbligatori per le aziende. In particolare si tratta di controlli svolti dagli Enti preposti nell ambito dei diversi settori: agricolo, forestale, caccia, vincolo idrogeologico, sanità pubblica e veterinaria, controlli sulla salvaguardia di ambiente e paesaggio derivanti da pratiche agricole, ambiente in materia di smaltimento rifiuti, spandimento fanghi, reflui zootecnici, pozzi idrici, attingimento da corsi d acqua superficiali, invasi idrici, agriturismo, etc. Il RUC è uno strumento dedicato al controllore, può essere utilizzato come base di partenza per effettuare una analisi preventiva dell azienda/e oggetto di controllo (territoriale, di monitoraggio sulla quantità e qualità dei controlli, per l analisi di rischio, per la pianificazione dei controlli). Il Registro Unico dei Controlli : o È di facile consultazione o È uno strumento di lavoro pensato per favorire il lavoro del controllore o Agevola le visite in loco o Dispone a patrimonio comune degli enti pubblici informazioni provenienti dai controllori di tutta la Regione 8

10 o Permette di effettuare una serie di analisi territoriali, pianificazione e monitoraggio sulla quantità e qualità dei controlli o Non comporta un lavoro aggiuntivo per il controllore (eccetto il caso in cui i controlli non siano stati informatizzati) o Permette una ricerca dei controlli a 360 (per azienda/settore/data/area amministrativa etc.) o E di supporto alla programmazione o Consente di supportare l analisi di rischio e l estrazione dei campioni. 7.2 Definizioni di controllo Si classificano i controlli nelle seguenti tipologie: a) Controlli amministrativi: si definiscono controlli amministrativi tutti i controlli che vengono effettuati esclusivamente su base documentale, fornita direttamente o indirettamente dall'impresa all'organismo di controllo, ovvero acquisita direttamente dall'organismo di controllo da banche dati, altri Enti, etc.; b) Controlli tecnici in azienda: si definiscono controlli tecnici tutti i controlli documentali e fisici svolti mediante ispezioni, anche senza preavviso, effettuate presso la sede dell'azienda. In essi sono ricomprese tutte le verifiche in azienda tese ad accertare il rispetto di norme relative ai diversi settori e l'adempimento di ogni altra prescrizione, impegno o obbligo posto in capo all'impresa per finalità connesse all'applicazione della normativa. In tali controlli rientrano i controlli in loco previsti dai regolamenti comunitari 1122/2009 e 65/2011 che prevedono una verifica in azienda collegata all erogazione di un premio/contributo. Come indicato dall art.33 del Reg. (CE) 1122/2009 ove possibile, gli Stati membri possono avvalersi delle tecniche del telerilevamento ai sensi dell'articolo 35 e dei sistemi mondiali di navigazione satellitare. I controlli indicati ai punti a) e b) sono controlli di conformità che si fondano sulla verifica delle regole e dei parametri assunti a riferimento con disposizioni normative ed amministrative comunitarie, nazionali e ragionali. Entrambe le tipologie si suddividono in: - controlli sistematici al 100% - controlli a campione - controlli discrezionali - controlli straordinari 9

11 I controlli discrezionali sono verifiche svolte a discrezione dell ufficio preposto all attività di controllo, che non appartiene ai soggetti indicati al successivo punto, per ulteriori approfondimenti istruttori o su segnalazione di un qualsiasi soggetto. Il carattere di "straordinarietà" dei controlli dei Nuclei Antifrodi Carabinieri, del Corpo Forestale dello Stato e delle Capitanerie di Porto si riferisce ad attività svolte in relazione alle specifiche attribuzioni di Polizia Giudiziaria e di Sicurezza Pubblica, anche in relazione ad estemporanei e non prevedibili elementi di informazione e di situazione variamente acquisibili, che prescindono da qualsiasi programmazione dei controlli. Nel RUC vengono inseriti i controlli di conformità di cui al punto b) controlli tecnici in azienda che richiedono necessariamente ispezioni e sopralluoghi presso le imprese e comprendono tutte le attività di verifica tese ad accertare la dimensione e la consistenza del complesso aziendale in termini produttivi e colturali, il rispetto di norme di carattere ambientale e sanitario e l'adempimento di ogni altra prescrizione, impegno o obbligo posto in capo all'impresa per finalità connesse all'applicazione della normativa comunitaria, nazionale e regionale in materia di aiuti, premi e contributi ovvero per adempiere a discipline di regolazione dei mercati, di certificazione delle produzioni, di profilassi e tutela fitosanitaria, sicurezza alimentare e protezione ambientale. Tali controlli presuppongono la definizione di un esito: conforme/non conforme. In generale, nel RUC non sono compresi i sopralluoghi tecnici di istruttoria finalizzati al rilascio di autorizzazioni/valutazioni da parte della pubblica amministrazione. Si riportano di seguito alcuni esempi di autorizzazioni/valutazioni da NON includere: valutazioni di incidenza/via ai sensi dell art.70 LR 10/2010; autorizzazione allo scarico ai sensi degli articoli 105, 106 e 107 del D.Lgs.152/2006; autorizzazione allo spandimento dei fanghi ai sensi del D.Lgs 99/92; autorizzazione integrata ambientale ai sensi dell articolo 5 del D.Lgs 59/2005; autorizzazione all estirpazione delle piante di olivo ai sensi della L.R. 23/2000; autorizzazione all utilizzo di acque superficiali o sotterranee a scopo irrigui ai sensi del D.Lgs. 152/2006; autorizzazioni in ambito urbanistico-edilizio ai sensi della L.R. 1/2005; autorizzazioni paesaggistiche ai sensi del D. Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, recante il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio Autorizzazione/dichiarazione al taglio del bosco LR 39/

12 8 STRUTTURA 8.1 SET MINIMO di informazioni Il popolamento dei dati all interno del RUC, riferiti ad ogni singolo controllo, prevede un SET MINIMO di informazioni obbligatorie da inserire. Di conseguenza gli Enti hanno a disposizione in consultazione, per ciascun controllo, dati minimi concordati e condivisi, oltre ai verbali dei controlli eseguiti. In questo modo si facilita il lavoro del controllore nella preparazione delle proprie verifiche e nell individuazione delle caratteristiche aziendali. Il SET MINIMO di informazioni deve essere composto da: 1. Nome / Cognome 2. Codice fiscale / Partita Iva 3. Data del controllo 4. Ente controllore 5. Tipo controllo 6. Provincia e Comune del controllo 7. Settore 8. Esito del controllo Interfaccia sul s.i. ARTEA di selezione del controllo: Il RUC raccoglie per ciascuna azienda agricola le informazioni dall elenco dei controlli IN LOCO effettuati, ogni singolo controllo è caratterizzato da informazioni minime, considerate basilari e imprescindibili affinché il controllo possa venire inserito nel RUC (i dati sotto indicati sono OBBLIGATORI): 11

13 1. DATI IDENTIFICATIVI Cognome Nome / Ragione Sociale Codice Fiscale Partita IVA 2. ENTE CONTROLLORE 3. OPERATORE Ufficio Indirizzo Mail Referente 4. CONTROLLO Tipo controllo Riferimenti normativi Settore Data 5. ESITO 6. LOCALIZZAZIONE Provincia Comune 7. DOCUMENTAZIONE 8. VERBALE 8.2 Glossario Per quanto riguarda gli esiti è necessario definire un linguaggio comune a tutti gli utilizzatori del RUC. Ai fini del seguente documento si intende per: DATI IDENTIFICATIVI: dati identificativi dell azienda sottoposta a controllo (Cognome Nome / Ragione Sociale Codice Fiscale e Partita IVA). 12

14 ENTE CONTROLLORE: ente che ha effettuato il controllo. OPERATORE: indica l ufficio responsabile del controllo, l indirizzo dell ufficio, nome e cognome del referente, mail. Il referente può essere sia il tecnico controllore, sia la persona indicata dall Ente come responsabile del controllo e deputata a fornire eventuali informazioni richieste. TIPO CONTROLLO: descrive la tipologia di controllo. Si riporta di seguito l elenco dei Controlli inseriti alla data del 02/04/2013: 1. Aiuti alle imprese agricole colpite da eventi calamitosi 2. D.M. 454/01 art.7 - Controllo assegnazione carburanti a ridotta accisa 3. Ex Regg.1272/88 e 2328/91 - Controlli ammissibilità 4. L.R. 45/07 art.6 - Controlli Imprenditore Agricolo Professionale 5. PSR ex Reg.2078/ PSR ex Reg.2080/1992. Rinnovi annuali 7. PSR Misura 6 8. PSR Misure 1 e 7 - Controlli ex post pagamenti fino al PSR Misure PSR Misure Controlli ex post pagamenti fino al PSR Asse 1 (eccetto 112 e 121) - Controlli ammissibilità 12. PSR Asse 1 (eccetto 112,113 e 121) - Controlli ammissibilità 13. PSR Asse 2 (eccetto 211,212,214,215,221) - Controlli ammissibilità 14. PSR Asse 2 (eccetto 211,212,214,221) - Controlli ammissibilità 15. PSR Asse 3 - Controlli ammissibilità 16. PSR Asse 4 - Controlli ammissibilità 17. PSR ASSE 1 - Controlli ex post 18. PSR ASSE 2 - Controlli ex post misure PSR Asse 3 - Controlli ex post 20. PSR Mancati Rinnovi Misura 211,212,214 - Controlli ammissibiltà impegni 21. PSR Misura Controlli ammissibilità 22. PSR Misura Controlli ammissibilità 23. PSR Misura 211 e Controlli ammissibilità impegni 24. PSR Misura Controlli ammissibilità impegni 25. PSR Misura 214 b1 - Controlli ammissibilità 26. PSR Misura Controlli ammissibilità 27. Reg. (CE) 1234/2007. Piano di ristrutturazione e riconversione vigneti 28. Reg. (CE) 1234/2007. Prodotti apicoltura: Azione razionalizzazione transumanza - Controlli 5% 29. Reg. (CE) 1234/2007. Prodotti apicoltura: Azione razionalizzazione transumanza - Controlli ex post 30. Reg. (CE) CE 73/2009. Controlli ammissibilità art. 68 Zootecnia 31. Reg. (CE) CE 73/2009. Controlli condizionalità ARTEA 32. Reg. (CE) CE 73/2009. Controlli condizionalità ASL 33. Reg. (CE) CE 73/2009. Controlli condizionalità CFS 34. Reg. (CE) 1493/1999. Piano di ristrutturazione e riconversione vigneti. Controlli Ex post RIFERIMENTI NORMATIVI: Indica la norma di riferimento del tipo di controllo 13

15 SETTORE: i settori del controllo al momento individuati sono: Sanità pubblica Ambiente, Foreste e Vincolo Idrogeologico Urbanistica rurale Imprenditoria Investimenti Zootecnia Caccia e pesca Produzioni agricole Previdenza Fiscalità Vitivinicolo Assicurazioni Art. 68. DATA DEL CONTROLLO: si riferisce alla data in cui è stato eseguito il controllo ESITO DEL CONTROLLO: Sono state individuate le seguenti categorie di esito: Conforme: assenza di anomalie Non conforme: sono state riscontrate anomalie Conforme con annotazioni: durante il controllo non sono emerse anomalie ma è necessaria l indicazione di annotazioni/prescrizioni Controllo non necessario LOCALIZZAZIONE: provincia e comune dell azienda oggetto del controllo DOCUMENTAZIONE: file PDF in upload nei quali è descritta la norma (legge, art. comma, etc.) che disciplina e descrive il tipo di controllo, le sue finalità, il metodo di esecuzione etc. VERBALE: indica la presenza in allegato del verbale di controllo rilasciato dal tecnico che ha svolto il controllo in loco. Il verbale può essere una scansione di un cartaceo oppure un verbale informatizzato. 9 FASI DI LAVORO Il database viene incrementato con il trasferimento dei dati a disposizione degli Enti che sul territorio regionale svolgono attività di controllo (ARTEA, ARPAT, ASL, CFS, Enti Locali, ICQRF, INPS, etc.). Si riepilogano le fasi di costruzione del RUC: 14

16 o o o Inserimento sul RUC dei controlli svolti da ARTEA e presenti nel s.i. ARTEA; Inserimento sul RUC dei controlli svolti dagli altri Enti e presenti nel s.i. ARTEA; Inserimento sul RUC dei controlli svolti dagli altri Enti e NON presenti nel s.i. ARTEA. Per il trasferimento dei controlli non presenti sul s.i. ARTEA, ARTEA e la Provincia di Firenze, per le loro attività di coordinamento, utilizzano dei colloqui applicativi che permettono tramite procedure automatizzate e prestabilite il popolamento del RUC. 10 CONSULTAZIONE DEL RUC 10.1 Accesso alla pagina di login Per accedere al RUC è necessario in primo luogo collegarsi all home page di Artea, al seguente indirizzo internet: Una volta aperta la pagina si deve scegliere l opzione Pratiche on line : Successivamente si deve cliccare su Registro Unico dei controlli. 15

17 L utente abilitato per accedere al servizio dovrà inserire la chiave di accesso al login, dichiarando il proprio User e Password. Inseriti il nome utente e la password si clicca Login. Per accedere al RUC deve essere scelta sul menù a sinistra l opzione Registro Unico dei Controlli. 16

18 10.2 Effettuare la ricerca sul RUC Entrati sull home page del RUC, gli utenti possono interrogare il sistema visualizzando tutte le tipologie di controllo presenti. Gli scopi di chi interroga possono essere di varia natura, pertanto l interfaccia di ricerca permette di estrarre i controlli a seconda dei diversi livelli di interesse. Possono essere selezionati uno o più dei seguenti criteri di ricerca utilizzando i diversi filtri, anche in combinazione tra loro: Per azienda Per data Per ente controllore Per locazione Per tipologia controllo Per settore Per esito 17

19 - 1 - Azienda Quando si intende cercare i controlli relativi ad una specifica azienda, la ricerca può essere effettuata inserendo o il Codice Fiscale e/o la Partita Iva e/o la denominazione, digitandoli all interno dei relativi campi premendo il tasto Ricerca Data Per la visualizzazione di tutti i controlli effettuati in date determinate o intervalli temporali, vanno inserite, all interno dei campi, le date di inizio e fine ricerca: Ente controllore Nello spazio Ente controllore si selezionano i controlli a seconda dell Ente che li ha eseguiti: Locazione Se i criteri di ricerca si restringono ad una determinata area geografica possono essere inseriti, all interno dei campi, la Provincia o soltanto il Comune di interesse Tipologia controllo La ricerca per tipologia di controlli si effettua tramite la tendina di selezione Tipo controllo : 18

20 5-6 - Settore Effettuando la ricerca per settore tramite la tendina il sistema restituisce la lista dei controlli individuati per ciascun settore: Esito La selezione per i controlli a seconda della categoria di esito avviene all interno dalla tendina Esito : 7 19

21 10.3 Accedere al controllo - Verbale Una volta effettuata la ricerca, si può visualizzare la quantità di controlli sulla stringa Totale Record Estratti. Nella parte sottostante apparirà la lista completa dei controlli e per ognuno i dati identificativi e riepilogativi del controllo. Cliccando su verbale è possibile accedere al verbale di controllo. 20

Gi obiettivi del progetto, già richiamati nel testo della convenzione, sono riportati di seguito in forma sintetica:

Gi obiettivi del progetto, già richiamati nel testo della convenzione, sono riportati di seguito in forma sintetica: ALLEGATO A 1. Inquadramento PROPOSTA PROGETTUALE Il progetto ha come obiettivo principale la definizione ed esecuzione di tutte le attività necessarie alla costituzione del RUC (Registro Unico dei Controlli)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità)

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità) LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE Art.1. (Finalità) 1. Le presenti linee guida disciplinano l anagrafe agricola unica del Piemonte ed il fascicolo aziendale, istituiti

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 32 31 marzo 2015

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 32 31 marzo 2015 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 32 31 marzo 2015 Oggetto : Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale

Dettagli

SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO

SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO MANUALE UTENTE CONSULTAZIONE DEI PROGRAMMI ANNUALI DI PRODUZIONE, PREPARAZIONE E IMPORTAZIONE VERSIONE 1.2 DEL 12/02/2014 Indice 1 Introduzione... 3 1.1 PREMESSA...

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1186 del 10/06/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

Il fascicolo aziendale

Il fascicolo aziendale Il campo tiene banco Indice Perché il fascicolo? Cenni normativi A chi rivolgersi Il contenuto L aggiornamento I controlli Perché il fascicolo? Ogni azienda che si presenta alla Pubblica Amministrazione

Dettagli

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati...

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati... Allegato A) al Decreto del Direttore n. 32 del 31/03/2015 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nell Anagrafe delle Aziende Agricole di ARTEA e per la gestione della

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nel Sistema Informativo di ARTEA e per la gestione della Dichiarazione

Dettagli

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Oggetto: Regolamento (UE) n. 1308/2013 e Reg. (CE) n. 555/2008 e ss. mm. ii. Programma Nazionale di Sostegno (PNS) Settore Vitivinicolo. DM del MIPAAF n. 15938

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 45 del 05 aprile 2016

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 45 del 05 aprile 2016 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 45 del 05 aprile 2016 Oggetto: Domanda Unica campagna 2016: avvio del procedimento di cui al Reg.

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1850 del 14/10/2015 Oggetto: Reg. (CE) 1698/2005

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 33 del 01/04/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 45 del 15/04/2014 Oggetto: Reg. CE n. 1234/07

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato E Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture PREMESSO CHE la legge 31

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45. Ai Produttori interessati

Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45. Ai Produttori interessati ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81-00185 Roma Tel. 06.494991 - Fax 06.49499940 Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45 Ai Produttori interessati

Dettagli

AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE

AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE Ogni anno: 25 chili di carta per azienda e 100 giorni di lavoro sprecati per le pratiche burocratiche.

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1009 del 08/05/2015 Oggetto: Reg. CE 1698/05

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA TeamSystem ha rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per gestire in modo snello, guidato e sicuro l intero processo

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE SERVIZIO AGRICOLTURA CODICE CIFRA: /DEL/2008/ OGGETTO: Piano Regionale per la ristrutturazione

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA 23 febbraio 2015, Bologna Circ. N. 0023/02/2015 Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Gentile Cliente, abbiamo rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per

Dettagli

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI INDICE CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DI ASSISTENZA AGRICOLA COLDIRETTI SRL 1. Finalità della Carta 2. Chi siamo 3. Funzioni 4. I nostri servizi 5. Qualità dei servizi 6. Presenza sul territorio 7. Risorse

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili Riferimenti normativi Atti normativi comunitari, nazionali e regionali, unitamente alle principali disposizioni

Dettagli

Manuale per la compilazione on-line della richiesta di anticipo. (enti pubblici)

Manuale per la compilazione on-line della richiesta di anticipo. (enti pubblici) Manuale per la compilazione on-line della richiesta di anticipo (enti pubblici) Firenze, 11 maggio 2010 1 INDICE 1. ACCESSO AL SISTEMA... 3 2. ACCESSO ALL ANAGRAFE... 5 3. INSERIMENTO DELLA DUA DI ANTICIPO...

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 67 del 29.12.2005 In vigore dal 26.02.2006 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE

Dettagli

Agricoltura Digitale. Cosa e perché?

Agricoltura Digitale. Cosa e perché? Agricoltura Digitale Cosa e perché? La crisi del 2008 ha modificato profondamente Ia fisionomia economica del nostro Paese: il calo dei volumi acquistati di prodotti agroalimentari è un fenomeno iniziato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Manuale Utente. Guida all utilizzo della procedura telematica per la richiesta d'iscrizione al Registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato

Manuale Utente. Guida all utilizzo della procedura telematica per la richiesta d'iscrizione al Registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato REGIONE PUGLIA SEZIONE BANDI TELEMATICI Servizio Politiche di benessere sociale e pari opportunità Manuale Utente Guida all utilizzo della procedura telematica per la richiesta d'iscrizione al Registro

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità Decreto Dipartimentale 26 settembre 2014 n. 18096 (pubblicazione sul sito internet del MiPAAF).- Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura. ARCHIVIO INFORMATIZZATO delle Aziende Agricole che esercitano Agriturismo

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura. ARCHIVIO INFORMATIZZATO delle Aziende Agricole che esercitano Agriturismo Agosto 2010 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura Disciplina delle attività agrituristiche in Toscana l.r.- 30/2003 e s.m.i. ARCHIVIO INFORMATIZZATO delle Aziende Agricole che esercitano

Dettagli

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA Settembre 2009 Indice Introduzione...3 1. Azioni e relative spese ammissibili...3 1.1 Acquisizione di personale di supporto...3 1.2 Valutazione...4

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Software Servizi Web UOGA

Software Servizi Web UOGA Manuale Operativo Utente Software Servizi Web UOGA S.p.A. Informatica e Servizi Interbancari Sammarinesi Strada Caiese, 3 47891 Dogana Tel. 0549 979611 Fax 0549 979699 e-mail: info@isis.sm Identificatore

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Istruzioni per la compilazione della Domanda di Premio PSR 2007/13 - annualità 2009 Misura 113 Prepensionamento Firenze, Giugno 2009 1 CREAZIONE

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

Guardia di Finanza PREMESSO CHE

Guardia di Finanza PREMESSO CHE Guardia di Finanza PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LA GUARDIA DI FINANZA l Istituto Nazionale per

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Giunta Regionale della Campania Decreto Dipartimento: Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali N 40 Del Dipart. Direzione G. Unità O.D. 13/02/2015 52 6 11 Oggetto: Campagna vitivinicola 2014/2015

Dettagli

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. VISTA la legge statutaria 11 novembre 2004, n. 1 Nuovo Statuto della Regione Lazio ;

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. VISTA la legge statutaria 11 novembre 2004, n. 1 Nuovo Statuto della Regione Lazio ; Determinazione A1615 del 2/03/2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Bando Pubblico adottato con D.G.R. n. 360 del 15 maggio 2009 avente ad oggetto: Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013, Approvazione bando

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati tesi a favorire l aggregazione delle imprese agricole di produzione primaria e di quelle di trasformazione di prodotti

Dettagli

Manuale per la compilazione on-line della richiesta di anticipo

Manuale per la compilazione on-line della richiesta di anticipo Manuale per la compilazione on-line della richiesta di anticipo Firenze, 11/11/2011 1 INDICE 1. ACCESSO AL SISTEMA... 3 2. ACCESSO ALL ANAGRAFE... 4 3. INSERIMENTO MODALITÀ DI PAGAMENTO... 5 4. INSERIMENTO

Dettagli

Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata

Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata Prot. n. 103408/2015 Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni

Dettagli

Sistema informativo agricolo piemontese. Cecilia Savio Regione Piemonte - Direzione Agricoltura Torino, 16 maggio 2012

Sistema informativo agricolo piemontese. Cecilia Savio Regione Piemonte - Direzione Agricoltura Torino, 16 maggio 2012 Sistema informativo agricolo piemontese Cecilia Savio Regione Piemonte - Direzione Agricoltura Torino, 16 maggio 2012 Finalità A partire dall anno 2000 la Regione Piemonte, in collaborazione con le Province

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA. Allegato C

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA. Allegato C REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA REGOLAMENTO CE N 320/2006 ARTICOLO 6 PROGRAMMA NAZIONALE DI RISTRUTTURAZIONE DEL SETTORE BIETICOLO-SACCARIFERO Allegato C Controllo delle dichiarazioni rese

Dettagli

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE - CREDENZIALI DI ACCESSO E REGISTRAZIONE NELL AREA RISERVATA - COMPILAZIONE DOMANDA ISCRIZIONE - FIRMA

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia Allegato A Del. di Giunta comunale n. 69 del 30 luglio 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 1.0 del 31 maggio 2013 Sommario PREMESSA... 4 LA PROCEDURA

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Integrazione, Gestione ed Evoluzione nuove tecnologie nei sistemi di comunicazione con l utenza Progetto per

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. 1592 del 04/10/2011 pag. 25/31

ALLEGATO _A_ Dgr n. 1592 del 04/10/2011 pag. 25/31 ALLEGATO _A_ Dgr n. 1592 del 04/10/2011 pag. 25/31 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELL AZIONE 1.1

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO

ISTRUZIONE OPERATIVA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO ISTRUZIONE OPERATIVA IO.SMA 07-0 Pag. 0/4 ISTRUZIONE OPERATIVA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO INDICE 1. SCOPO... 1 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 3. PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI...

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE PREMESSO: - che la Regione Piemonte, in base a quanto previsto all'art. 77 della Legge Regionale 26 aprile 2000, n. 44, modificata ed integrata dalla Legge Regionale 15 marzo 2001,

Dettagli

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 OGGETTO: Approvazione del Piano per la prevenzione della corruzione e del Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 dell Autorità

Dettagli

Servizio Ciclo Rifiuti e Bonifica. Codice CIFRA: RIF / DEL / 2012 / 00006

Servizio Ciclo Rifiuti e Bonifica. Codice CIFRA: RIF / DEL / 2012 / 00006 R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Area Politiche per la Riqualificazione, la Tutela e la Sicurezza ambientale e per l Attuazione delle Opere pubbliche Servizio

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 01/ALBO/CN 23 LUGLIO 2014 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 23 Luglio 2014 Modalità per la fruizione telematica dei

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO

REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO approvato con deliberazione consiliare in data 1 febbraio 2006 n. 10 Indice TITOLO I - Principi fondamentali 3 Art. 1

Dettagli

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) DESCRIZIONE Vecchia codifica Vecchia Descrizione A (1) Vino A Vino di qualità in regione

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Il Dirigente Prot. N. 13436 Data, 22/02/06 OGGETTO: Istruzioni

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI 11 Indice 1 2 INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 12 1 INTRODUZIONE Di seguito si riporta il glossario dei termini contenuti nelle regole tecniche di cui all articolo 71 del

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

SIN. Guida alla compilazione delle domande di ristrutturazione e riconversione vigneti Campagna 2012/2013 Manuale utente

SIN. Guida alla compilazione delle domande di ristrutturazione e riconversione vigneti Campagna 2012/2013 Manuale utente Guida alla compilazione delle domande di ristrutturazione e riconversione vigneti Campagna 2012/2013 Manuale utente 05 dicembre 2012 2-26 Controllo delle modifiche Edizione Pubblicato Motivo della revisione

Dettagli

Guida alla procedura informatica di presentazione dei progetti di Ristrutturazione degli Enti. Versione 1.0

Guida alla procedura informatica di presentazione dei progetti di Ristrutturazione degli Enti. Versione 1.0 Guida alla procedura informatica di presentazione dei progetti di Ristrutturazione degli Enti Versione 1.0 ANNO 2006 Manuale redatto a cura di: Area Testing & Assistenza Responsabile di Progetto: Giulia

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA ALLEGATO N. 1 UNIONE EUROPEA FEASR REGIONE LAZIO REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA P.S.R. LAZIO 2007/2013 ASSE IV LEADER (DGR

Dettagli

Circolare N.148 del 03 Ottobre 2013

Circolare N.148 del 03 Ottobre 2013 Circolare N.148 del 03 Ottobre 2013 La fattura elettronica e le operazioni con la PA: L obbligo parte dal 06.06.2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il MEF ha recentemente definito

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3 Avviso Interventi a favore dei Comuni finalizzati allo sviluppo del sistema dei SUAP nella Regione Calabria Indagine

Dettagli

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo Pag. 1 di 41 Portale tirocini Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo INDICE Pag. 2 di 41 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA... 4 3. FUNZIONE BACHECA... 8 4. GESTIONE TIROCINANTI...

Dettagli

ARTEA Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

ARTEA Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura ARTEA Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Istruzioni per la compilazione della domanda di aiuto e indicazione dei soggetti competenti alla gestione delle fasi del procedimento. Domanda

Dettagli

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa CONFERENZA UNIFICATA Roma 6 giugno 2012 ore 15.00 PUNTO O.D.G. ESITI Approvazione del verbale del 10 maggio 2012 Approvati 1) Informativa in merito alla consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP versione

Dettagli