Ministero della Salute

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero della Salute"

Transcript

1 Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO UFF. I - VI ORDINANZA Tutela dell incolumità pubblica dall aggressione di cani. IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto il regolamento di polizia veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320; Visto l articolo 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833; Visto l articolo 10 della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, approvata a Strasburgo il 13 novembre 1987, firmata anche dall Italia; Vista la Legge 14 agosto 1991, n. 281, legge quadro in materia di animali d affezione e prevenzione del randagismo, in particolare l articolo 1 che stabilisce che lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali d affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi e favorisce la corretta convivenza tra uomo ed animale; Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 febbraio 2003, che ratifica l accordo 6 febbraio 2003 tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano in materia di benessere degli animali da compagnia e pet-therapy; Vista l Ordinanza del Ministero della Salute 12 dicembre 2006 concernente Tutela dell incolumità pubblica dall aggressione di cani e successive modifiche; Considerato che, salvo quanto disposto dalla Legge 20 luglio 2004, n. 189, alla luce della moderna letteratura scientifica in materia, l uso di strumenti che determinano scosse o impulsi elettrici sui cani può provocare paura e sofferenza tali da produrre reazioni di aggressività da parte degli animali stessi; Considerato che l Ordinanza del Ministero della Salute 12 dicembre 2006 concernente Tutela dell incolumità pubblica dall aggressione di cani e successive modifiche scade il 13 gennaio 2008 ed in attesa dell emanazione di una disciplina organica in materia;

2 Ritenuta la necessità e l urgenza di adottare disposizioni cautelari a tutela della salute pubblica, anche a seguito del verificarsi di episodi di aggressione alle persone da parte di cani nel corso del ORDINA Articolo Sono vietati: a) l addestramento inteso ad esaltare l aggressività dei cani; b) l addestramento inteso ad esaltare il rischio di maggiore aggressività di cani appartenenti a incroci o razze di cui all elenco allegato; c) qualsiasi operazione di selezione o di incrocio tra razze di cani con lo scopo di sviluppare l aggressività; d) la sottoposizione di cani a doping, così come definito all articolo 1, commi 2 e 3, della legge 14 dicembre 2000, n. 376; e) gli interventi chirurgici destinati a modificare l aspetto di un cane, o finalizzati ad altri scopi non curativi, in particolare: ì) il taglio della coda fatta eccezione per i cani appartenenti alle razze canine riconosciute alla F.C.I. con caudotomia prevista dallo standard, sino all emanazione di una legge di divieto generale specifica in materia. Il taglio della coda, ove consentito, deve essere eseguito da un medico veterinario entro la prima settimana di vita; ìì) il taglio delle orecchie; ììì) la recisione delle corde vocali. 2. Il divieto di cui al punto 1 lettera e) non si applica agli interventi curativi necessari per ragioni di medicina veterinaria. Articolo I proprietari e i detentori di cani, analogamente a quanto previsto dallo articolo 83, comma 1, lettere c) e d) del Regolamento di polizia veterinaria, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320, hanno l obbligo di: a) applicare la museruola o il guinzaglio ai cani quando si trovano nelle vie o in altro luogo aperto al pubblico; b) applicare la museruola e il guinzaglio ai cani condotti nei locali pubblici e sui pubblici mezzi di trasporto. 2. I proprietari e i detentori di cani di razza di cui all elenco allegato devono applicare il guinzaglio e la museruola ai cani sia quando si trovano nelle vie o in altro luogo aperto al pubblico sia quando si trovano nei locali pubblici o sui pubblici mezzi di trasporto. 3. Gli obblighi di cui al comma 1 del presente articolo non si applicano ai cani per non vedenti o non udenti, addestrati come cani guida.

3 Articolo 3 1. Chiunque possegga o detenga cani di cui all articolo 1, comma 1, lettera b) ha l obbligo di vigilare con particolare attenzione sulla detenzione degli stessi al fine di evitare ogni possibile aggressione a persone e deve stipulare una polizza di assicurazione di responsabilità civile per danni contro terzi causati dal proprio cane. Articolo 4 1. Salvo quanto disposto dalla Legge 20 luglio 2004, n. 189, è vietato l'uso di strumenti che determinano scosse o impulsi elettrici sui cani, in quanto procura ansia, paura e sofferenza tali da produrre, tra gli effetti collaterali rilevati, reazioni di aggressività che possono tradursi in attacchi ingiustificati, morsicature ed aggressioni con gravi ripercussioni sull incolumità pubblica. Articolo 5 1. Si definisce cane con aggressività non controllata quel soggetto che, non provocato, lede o minaccia di ledere l integrità fisica di una persona o di altri animali attraverso un comportamento aggressivo non controllato dal proprietario o detentore dell animale. 2. I Servizi Veterinari tengono aggiornato un archivio dei cani morsicatori e dei cani con aggressività non controllata rilevati, nonché dei cani di cui all elenco allegato al fine di predisporre i necessari interventi di controllo per la tutela della incolumità pubblica. 3. L autorità sanitaria competente, in collaborazione con la Azienda Sanitaria Locale stabilisce: a) i criteri per la classificazione del rischio da cani di proprietà con aggressività non controllata con i relativi parametri per la rilevazione; b) i percorsi di controllo e rieducazione per la prevenzione delle morsicature; c) l obbligo per i proprietari dei cani cui al comma 1 di stipulare una polizza di assicurazione per la responsabilità civile per danni contro terzi causati dal proprio cane; d) ulteriori prescrizioni e misure atte a controllare o limitare il rischio di morsicature. 4. E vietato acquistare, possedere o detenere cani di cui all articolo 1, comma 1, lettera b) e di cui al comma 1 del presente articolo: a) ai delinquenti abituali o per tendenza; b) a chi è sottoposto a misure di prevenzione personale o a misura di sicurezza personale; c) a chiunque abbia riportato condanna, anche non definitiva, per delitto non colposo contro la persona o contro il patrimonio, punibile con la reclusione superiore a due anni; d) a chiunque abbia riportato condanna, anche non definitiva, per i reati di cui agli articoli 727, 544- ter, 544 quater, 544-quinques del codice penale e, per quelli previsti dall articolo 2 della legge 20 luglio 2004, n. 189; e) ai minori di 18 anni e agli interdetti o inabilitati per infermità. 5. Il proprietario o il detentore di un cane di cui all articolo 1, comma 1, lettera b) e di cui al comma 1 del presente articolo che non è in grado di mantenere il possesso del proprio cane nel rispetto delle disposizioni di cui alla presente ordinanza deve interessare le autorità veterinarie competenti del territorio al fine di ricercare con le amministrazioni comunali idonee soluzioni di gestione dell animale stesso.

4 6. La presente ordinanza non si applica ai cani in dotazione alle Forze armate, di Polizia, di Protezione civile e dei Vigili del fuoco. Articolo 6 1. Salvo che il fatto non costituisca reato, le violazioni delle disposizioni della presente ordinanza sono sanzionate dalle Amministrazioni competenti secondo i parametri territoriali in vigore. 2. La presente ordinanza, inviata alla Corte dei conti per la registrazione, entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 14 GEN IL MINISTRO

5 ALLEGATO: Elenco delle razze canine e di incroci di razze a rischio di aggressività di cui all articolo 1, comma 1, lettera b, della presente Ordinanza: -American Bulldog; -Cane da pastore di Charplanina; -Cane da pastore dell Anatolia; -Cane da pastore dell Asia centrale; -Cane da pastore del Caucaso; -Cane da Serra da Estreilla; -Dogo Argentino; -Fila brazileiro; -Perro da canapo majoero; -Perro da presa canario; -Perro da presa Mallorquin; -Pit bull; -Pit bull mastiff; -Pit bull terrier; -Rafeiro do alentejo; -Rottweiler; -Tosa inu.

Tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione di cani

Tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione di cani Tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione di cani IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto il regolamento di polizia veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n.

Dettagli

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 16 Informativa OGGETTO: Polizia amministrativa. Tutela e controllo degli animali da affezione

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 13 OGGETTO: Polizia amministrativa. Tutela e controllo degli animali da affezione Cani e Gatti. Ordinanza

Dettagli

COMUNE DI CESENA IL SINDACO

COMUNE DI CESENA IL SINDACO COMUNE DI CESENA P.G.N. 32054/117 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BENESSERE ANIMALE E TUTELA DELL'INCOLUMITÀ PUBBLICA DALL'AGGRESSIONE DI CANI IL SINDACO Richiamato il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato

Dettagli

In particolare, ai fini della prevenzione di danni o lesioni a persone, animali o cose sono previsti i seguenti obblighi:

In particolare, ai fini della prevenzione di danni o lesioni a persone, animali o cose sono previsti i seguenti obblighi: Cani pericolosi e responsabilità civile e penale del padrone: eliminata la black list Ministero del Lavoro, ordinanza 03.03.2009 Il proprietario di un cane è sempre responsabile del benessere, del controllo

Dettagli

Ordinanza n 34/07 del 27 Luglio 2007. OGGETTO: disposizioni per la detenzione e la custodia dei cani aggressivi e non.

Ordinanza n 34/07 del 27 Luglio 2007. OGGETTO: disposizioni per la detenzione e la custodia dei cani aggressivi e non. UNIONE COMUNI DELLA PRESOLANA (PROVINCIA DI BERGAMO) CORPO DI POLIZIA LOCALE Via Papa Giovanni XXIII, 12 24020 Rovetta (BG) Tel. 0346/74489 Fax 0346/76300 Ordinanza n 34/07 del 27 Luglio 2007 OGGETTO:

Dettagli

Gazzetta Ufficiale Serie Generale n-68 del

Gazzetta Ufficiale Serie Generale n-68 del Gazzetta Ufficiale Serie Generale n-68 del 23.03.2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita'

Dettagli

COMUNE DI MAIRAGO (LO) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MAIRAGO (LO) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MAIRAGO (LO) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 06/03/2012 Titolo I Disposizioni Generali... Art.

Dettagli

Da noi è il. Porta con te il tuo cane. Per ragioni igienico sanitarie non può accedere all area ristorazione*

Da noi è il. Porta con te il tuo cane. Per ragioni igienico sanitarie non può accedere all area ristorazione* Porta con te il tuo cane Da noi è il benvenuto! Per ragioni igienico sanitarie non può accedere all area ristorazione* Ti ricordiamo che il proprietario o il detentore di un cane è sempre responsabile

Dettagli

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione SETTORE COMANDO e Formazione CIRCOLARE N. 181 OGGETTO: Polizia amministrativa. Tutela e controllo degli animali da affezione "Cani e Gatti". Ordinanza 3 ottobre 2005 del Ministro della Salute (1). Integrazione

Dettagli

Da noi è il benvenuto!

Da noi è il benvenuto! Porta con te il tuo cane Da noi è il benvenuto! Per ragioni igienico sanitarie non può accedere all area ristorazione* Ti ricordiamo che il proprietario o il detentore di un cane è sempre responsabile

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO SETTORE 3 URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO Prot. n. 2834 Romano d Ezzelino, 18/02/2008 ORDINANZA del Reg. N. 09/08 OGGETTO: Obblighi per i proprietari e/o detentori di cani. IL RESPONSABILE SETTORE

Dettagli

N ter CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE. n. 59, d iniziativa del deputato PROCACCI

N ter CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE. n. 59, d iniziativa del deputato PROCACCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati N. 59-792-4694-5706-6583-6591-7109-7116-ter CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE n. 59, d iniziativa del deputato PROCACCI Istituzione della licenza per la detenzione

Dettagli

COMUNE DI BORGORICCO

COMUNE DI BORGORICCO COPIA COMUNE DI BORGORICCO Provincia di Padova Servizio / Ufficio Proponente: MANUTENZIONI ORDINANZA N. 18 DEL 29-06-2011 OGGETTO: ORDINANZA PER LA DETENZIONE, LA TUTELA DEI CANI E L'INCOLUMITA' PUBBLICA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LIVIA TURCO, VIOLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LIVIA TURCO, VIOLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1589 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LIVIA TURCO, VIOLA Disciplina del rapporto tra uomo e cane per la prevenzione delle morsicature

Dettagli

COMUNE DI PRIOCCA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E DETENZIONE DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE

COMUNE DI PRIOCCA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E DETENZIONE DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE COMUNE DI PRIOCCA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E DETENZIONE DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 del 09/05/2007 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ------------------------------------------

Dettagli

STRATEGIE PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO CANINO

STRATEGIE PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO CANINO SERVIZI VETERINARI U.O SANITA ANIMALE Responsabile Dott. Valerio Smilari STRATEGIE PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO CANINO Fano 25 giugno 2008 1 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1589 XVI Legislatura

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1589 XVI Legislatura CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1589 XVI Legislatura Disciplina del rapporto tra uomo e cane per la prevenzione delle morsicature e la gestione dei cani ad aggressività non controllata Firmatario:

Dettagli

EVOLUZIONE NORMATIVA VERSO GLI ANIMALI D AFFEZIONE NUOVI SCENARI OPERATIVI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Enrico Loretti

EVOLUZIONE NORMATIVA VERSO GLI ANIMALI D AFFEZIONE NUOVI SCENARI OPERATIVI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Enrico Loretti EVOLUZIONE NORMATIVA VERSO GLI ANIMALI D AFFEZIONE NUOVI SCENARI OPERATIVI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Enrico Loretti PROFILASSI ANTIRABBICA: Dalla profilassi antirabbica alla valutazione comportamentale

Dettagli

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell incolumità pubblica dall

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI CONVIVENZA DELLA POPOLAZIONE CANINA SUL TERRITORIO DI CANTELLO

REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI CONVIVENZA DELLA POPOLAZIONE CANINA SUL TERRITORIO DI CANTELLO COMUNE DI CANTELLO Provincia di Varese REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI CONVIVENZA DELLA POPOLAZIONE CANINA SUL TERRITORIO DI CANTELLO ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1- Il regolamento è finalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRESENZA E CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRESENZA E CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 30 del 10/06/2010 Comune di Guardamiglio Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRESENZA E CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO SULLA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE Ufficio Commercio e Polizia Amministrativa C.F. 00821390176 PARTITA IVA 00580060986 030/7725702-030/7703486 e-mail poliziamunicipale@comunedicoccaglio.it REGOLAMENTO SULLA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

L ordinanza Turco ai raggix

L ordinanza Turco ai raggix L ordinanza Turco ai raggix Ordinanza del ministero della salute del 12 dicembre 2006 tutela dell incolumità pubblica dall aggressività di cani Alfonso Piscopo Asl 1 Agrigento G.U. n.10 del 13 gennaio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 270 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VILLECCO CALIPARI Disciplina del rapporto tra uomo e cane per la prevenzione delle morsicature

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani Pagina 1 di 5 Stampa Chiudi questa finestra Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani Estremi Min. Salute - Ord. 06/08/2013 MINISTERO DELLA

Dettagli

Emanata in agosto un'ordinanza ( valida 12 mesi ) relativa alla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani:

Emanata in agosto un'ordinanza ( valida 12 mesi ) relativa alla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani: Emanata in agosto un'ordinanza ( valida 12 mesi ) relativa alla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani: Di seguito pubblichiamo il testo integrale dell'ordinanza emanata dal Ministero

Dettagli

COMUNE DI DERVIO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI DERVIO PROVINCIA DI LECCO Allegato A) alla delib. C.C. n. 22/05.07.2007 COMUNE DI DERVIO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI NELLE AREE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE LA

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 3 agosto 2015 Proroga, con modifica, dell'ordinanza contingibile e urgente 6 agosto 2013 concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (15A06718)

Dettagli

ESTRATTO DI POLIZZA NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE POLIZZA CONVENZIONE RCT

ESTRATTO DI POLIZZA NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE POLIZZA CONVENZIONE RCT ESTRATTO DI POLIZZA NORE CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE POLIZZA CONVENZIONE RCT 1 Definizioni Nel testo che segue, s Intende per: - Assicurato

Dettagli

Deliberazione di Consiglio Comunale

Deliberazione di Consiglio Comunale Copia Numero Data CITTA DI BELGIOIOSO Provincia di Pavia 18 29/04/2015 Deliberazione di Consiglio Comunale Oggetto: APPROVAZIONE REGOLAMENTO AREA PER LO SGAMBAMENTO DEI CANI PRESSO LA ZONA DI VERDE PUBBLICA

Dettagli

REGOLAMENTO PR L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PR L ADOZIONE DEI CANI REGOLAMENTO PR L ADOZIONE DEI CANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 07.07.2008 Integrato con deliberazioni di C.C. N. 14 del 10.06.2011, N. 28 del 29.09.2011 e N. 4 del 28.04.2014

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1589 XVI Legislatura

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1589 XVI Legislatura CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1589 XVI Legislatura Disciplina del rapporto tra uomo e cane per la prevenzione delle morsicature e la gestione dei cani ad aggressività non controllata Firmatario:

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2)

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) O.M. 3 marzo 2009 (1). Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 marzo 2009, n. 68. (2) Emanata

Dettagli

Allegato alla delibera Consiglio Comunale. n. 46 del 28 settembre 2009

Allegato alla delibera Consiglio Comunale. n. 46 del 28 settembre 2009 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI IN AREE URBANE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE LA LORO DETENZIONE ALL INTERNO DI CORTILI E/O GIARDINI CONFINANTI CON TALI AREE Allegato

Dettagli

Regolamento sui cani (dell 11 febbraio 2009)

Regolamento sui cani (dell 11 febbraio 2009) Regolamento sui cani (dell 11 febbraio 2009) 8.3.1.2.1 vista la Legge sui cani del 19 febbraio 2008, IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO d e c r e t a : Capitolo Primo Organizzazione

Dettagli

Parole Chiave: cane, aggressività, incolumità pubblica, Ordinanza

Parole Chiave: cane, aggressività, incolumità pubblica, Ordinanza Tutela dell incolumità pubblica dall aggressività dei cani. Nota 2. l ordinanza 12 dicembre 2006 public safety protection from dog aggression. Note 2. ordinance dicember 12 2006 Giulia Biagi (1), Sandra

Dettagli

Visto il regolamento di Polizia veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320;

Visto il regolamento di Polizia veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320; ORDINANZA DEL MINISTRO SIRCHIA IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto il regolamento di Polizia veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320; Vista la legge 14 agosto

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 17

CITTÀ di AVIGLIANA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 17 CITTÀ di AVIGLIANA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 17 OGGETTO: MODIFICHE AGLI ARTICOLI 15, 18, 21, 22, 23 E 24 DEL REGOLAMENTO SULLLA TUTELA ED I BENESSERE DEGLI ANIMALI L'anno 2016,

Dettagli

Regione Siciliana Decreto presidenziale n. 7 del

Regione Siciliana Decreto presidenziale n. 7 del Regione Siciliana Decreto presidenziale n. 7 del 12-01-2007 Regolamento esecutivo dell art. 4 della legge regionale 3 luglio 2000, n. 15 "Istituzione dell anagrafe canina e norme per la tutela degli animali

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI

COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI Articolo 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento detta norme finalizzate a tutelare la serenità della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA ED IL BENESSERE DELLA POPOLAZIONE CANINA

REGOLAMENTO PER LA TUTELA ED IL BENESSERE DELLA POPOLAZIONE CANINA REGOLAMENTO PER LA TUTELA ED IL BENESSERE DELLA POPOLAZIONE CANINA 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è finalizzato sia a tutelare il benessere della popolazione canina domestica

Dettagli

SENTENZA N. 222 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Annibale MARINI Presidente

SENTENZA N. 222 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Annibale MARINI Presidente SENTENZA N. 222 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Annibale MARINI Presidente - Franco BILE Giudice - Giovanni Maria FLICK " - Francesco

Dettagli

Legge sui cani. Sezione 1: Scopo. Sezione 2: Protezione dalle lesioni provocate dai cani. Progetto

Legge sui cani. Sezione 1: Scopo. Sezione 2: Protezione dalle lesioni provocate dai cani. Progetto Legge sui cani Progetto del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 80 capoversi 1, 2 e 2 bis e 120 capoverso 2 della Costituzione federale 1 ; visto il rapporto della Commissione

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità NORME NAZIONALI

Dettagli

IL SINDACO. Visto il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n.

IL SINDACO. Visto il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. Reg. Ord. n. 942 del 28/10/2009 Prot. N. del IL SINDACO Visto il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320; Visto l'art. 32 della

Dettagli

RASSEGNA GIURIDICO-LEGISLATIVA

RASSEGNA GIURIDICO-LEGISLATIVA RASSEGNA G a cura del Vice Questore Aggiunto Forestale Alessandro Cerofolini In questa rubrica vengono presentati i principali provvedimenti normativi emanati di recente in materia ambientale e forestale

Dettagli

Regolamento sui cani (dell 11 febbraio 2009)

Regolamento sui cani (dell 11 febbraio 2009) Regolamento sui cani (dell 11 febbraio 2009) 8.3.1.2.1 vista la Legge sui cani del 19 febbraio 2008, IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO d e c r e t a : Capitolo Primo Organizzazione

Dettagli

Da noi è il benvenuto!

Da noi è il benvenuto! Porta con te il tuo cane Da noi è il benvenuto! Per ragioni igienico sanitarie non può accedere all area ristorazione* Ti ricordiamo che il proprietario o il detentore di un cane è sempre responsabile

Dettagli

COMUNE DI VESPOLATE Provincia di Novara

COMUNE DI VESPOLATE Provincia di Novara COMUNE DI VESPOLATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI POLIZIA SUI CANI E PICCOLI ANIMALI DI AFFEZIONE NORME CONTRO IIL MALTRATTAMENTO ANIIMALE E PER LA PREVENZIIONE DEL RANDAGIISMO Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI DI SCI PLI NA PER LA DETENZI ONE e CONDUZI ONE DEI CANI E NORME A TUTELA DEGLI ANI MALI D AFFEZI ONE

REGOLAMENTO COMUNALE DI DI SCI PLI NA PER LA DETENZI ONE e CONDUZI ONE DEI CANI E NORME A TUTELA DEGLI ANI MALI D AFFEZI ONE COMUNE DI TRIVOLZIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE DI DI SCI PLI NA PER LA DETENZI ONE e CONDUZI ONE DEI CANI E NORME A TUTELA DEGLI ANI MALI D AFFEZI ONE Allegato alla D.C.C. n. 27 del 24/10/2007

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PRESENZA DEI CANI SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PRESENZA DEI CANI SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PRESENZA DEI CANI SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 18.2.2013 Pubblicato all Albo Pretorio dal 27.2.2013 al 14.3.2013

Dettagli

COMUNE DI MONASTIR POLIZIA LOCALE

COMUNE DI MONASTIR POLIZIA LOCALE COMUNE DI MONASTIR POLIZIA LOCALE ORDINANZA DEL MINISTERO DELLA SALUTE SU CANI PERICOLOSI: OBBLIGO DI MUSERUOLA, GUINZAGLIO E ASSICURAZIONE. Emanata in data 06 agosto 2013 una nuova ordinanza ( valida

Dettagli

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003.

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. 1 ART. 1 BENESSERE DEGLI ANIMALI 1. Chiunque detiene un animale da affezione o accetta, a qualunque

Dettagli

Da noi è il benvenuto!

Da noi è il benvenuto! Porta con te il tuo cane Da noi è il benvenuto! Per ragioni igienico sanitarie non può accedere all area ristorazione* Ti ricordiamo che il proprietario o il detentore di un cane è sempre responsabile

Dettagli

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E P E R L A D E T E N Z I O N E E L A C C O M P A G N A M E N T O D E I C A N I N E L L E A R E E P U B B L I C H

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E P E R L A D E T E N Z I O N E E L A C C O M P A G N A M E N T O D E I C A N I N E L L E A R E E P U B B L I C H R E G O L A M E N T O C O M U N A L E P E R L A D E T E N Z I O N E E L A C C O M P A G N A M E N T O D E I C A N I N E L L E A R E E P U B B L I C H E E D I U S O P U B B L I C O 1 ART. 1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA DI SGAMBAMENTO PER CANI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA DI SGAMBAMENTO PER CANI REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA DI SGAMBAMENTO PER CANI Approvato con Deliberazione C.C. n. 41 del 29.11.2016 pag. 1/6 INDICE Articolo 1 - Oggetto del Regolamento Articolo 2 - Definizioni Articolo 3

Dettagli

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI NELLE AREE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE SULLA LORO DETENZIONE ALL INTERNO DI CORTILI E/O GIARDINI CONFINANTI CON TALI

Dettagli

(2) (3) Scuola di Specializzazione in Ispezione Alimenti Origine Animale, Università di Parma.

(2) (3) Scuola di Specializzazione in Ispezione Alimenti Origine Animale, Università di Parma. Tutela dell incolumità pubblica dall aggressività dei cani. Nota 1. le ordinanze 9 settembre 2003 e 10 settembre 2004 e l ordinanza 3 ottobre 2005 public safety protection from dog aggression. Note 1.

Dettagli

GUARDIE ECOZOOFILE PROTEZIONE CIVILE

GUARDIE ECOZOOFILE PROTEZIONE CIVILE DECRETO PRESIDENZIALE 12 gennaio 2007, n. 7 Regolamento esecutivo dell'art. 4 della legge regionale 3 luglio 2000, n. 15 "Istituzione dell'anagrafe canina e norme per la tutela degli animali d'affezione

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI ORDINANZA 16 luglio 2009 Ordinanza contingibile ed urgente recante misure per garantire la tutela e il benessere degli animali di affezione anche in applicazione degli articoli 55 e 56 del decreto legislativo

Dettagli

Regolamento sui cani dell'11 febbraio 2009

Regolamento sui cani dell'11 febbraio 2009 Regolamento sui cani dell'11 febbraio 2009 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO vista la Legge sui cani del 19 febbraio 2008, decreta: Capitolo Primo Organizzazione e competenze Art.

Dettagli

COMUNE DI SOVERIA MANNELLI Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SOVERIA MANNELLI Provincia di Catanzaro DELIBERA PRELEVATA DAL SITO INTERNET http://atti.soveria.it VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 7 del 25/1/212 OGGETTO : APPROVAZIONE BOZZA DI REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL BENESSERE DELLA

Dettagli

Anagrafe canina regionale: sviluppi ed applicazioni Annalisa Lombardini

Anagrafe canina regionale: sviluppi ed applicazioni Annalisa Lombardini Anagrafe canina regionale: sviluppi ed applicazioni Annalisa Lombardini LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO Legge 14 agosto 1991, n.281 - Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo

Dettagli

COMUNE DI SCURELLE Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI NEL COMUNE DI SCURELLE

COMUNE DI SCURELLE Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI NEL COMUNE DI SCURELLE COMUNE DI SCURELLE Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI NEL COMUNE DI SCURELLE Approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 07 aprile 2016 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

t.p.a.l.l. dr. arch nino garofalo

t.p.a.l.l. dr. arch nino garofalo Corso di formazione per operatori di canili Alessandria 26, 27 ottobre 4 novembre 2016 Norme del Codice Civile, Penale, di Procedura Penale relative agli animali di affezione L attività sanzionatoria ed

Dettagli

In Piazza 10, 6528 Camorino Telefono 091 850 46 00 Fax 091 850 46 01 Comune di Camorino info@camorino.ch www.camorino.ch ORDINANZA MUNICIPALE CHE DISCIPLINA LA CONDOTTA DEI PROPRIETARI E DEI DETENTORI

Dettagli

CORSO FORMATIVO PER PROPRIETARI/DETENTORI DI CANI IL PATENTINO

CORSO FORMATIVO PER PROPRIETARI/DETENTORI DI CANI IL PATENTINO CORSO FORMATIVO PER PROPRIETARI/DETENTORI DI CANI IL PATENTINO STRUMENTI NORMATIVI Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente

Dettagli

COMUNE DI SAONARA PROVINCIA DI PADOVA Decorato con medaglia d argento al merito civile per l eccidio del 28 Aprile 1945

COMUNE DI SAONARA PROVINCIA DI PADOVA Decorato con medaglia d argento al merito civile per l eccidio del 28 Aprile 1945 COMUNE DI SAONARA PROVINCIA DI PADOVA Decorato con medaglia d argento al merito civile per l eccidio del 28 Aprile 1945 CORPO DI POLIZIA LOCALE Ordinanza n. 28 Ordinanza: Prescrizioni per la regolare tenuta

Dettagli

ORDINANZA 21 luglio 2009

ORDINANZA 21 luglio 2009 ORDINANZA 21 luglio 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la disciplina di manifestazioni popolari pubbliche o private nelle quali vengono impiegati equidi, al di fuori degli impianti e dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE, LA TUTELA ED IL CONTROLLO DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE, LA TUTELA ED IL CONTROLLO DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CORNO DI ROSAZZO COMUN DI CUAR DI ROSACIS PROVINCIA DI UDINE Provincie di Udin REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE, LA TUTELA ED IL CONTROLLO DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE A PPROVATO CON

Dettagli

Figure di riferimento a cui rivolgersi in caso di problemi o per avere informazioni. Dr.ssa Stefania Scaltriti Dr. Andrea Iotti

Figure di riferimento a cui rivolgersi in caso di problemi o per avere informazioni. Dr.ssa Stefania Scaltriti Dr. Andrea Iotti Figure di riferimento a cui rivolgersi in caso di problemi o per avere informazioni Dr.ssa Stefania Scaltriti Dr. Andrea Iotti Nel caso in cui ci accorgiamo o temiamo che il nostro animale abbia un problema

Dettagli

(Finalità) La Regione Piemonte, nell'ambito dei principi ed indirizzi della normativa nazionale, promuove la tutela e

(Finalità) La Regione Piemonte, nell'ambito dei principi ed indirizzi della normativa nazionale, promuove la tutela e Legge regionale n. 27 del 4 novembre 2009 Disciplina del rapporto persone-cani per la prevenzione della salute pubblica e del benessere animale. (B.U.12 Novembre 2009, n. 45) Sommario: Il Consiglio regionale

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 82 Operativa OGGETTO: Polizia Amministrativa. Regolamenti comunali Tutela

Dettagli

NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE ELOTTAALRANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ

NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE ELOTTAALRANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ 01_Legge 280 randagismo - definitivo_layout 1 28/05/12 17.04 Pagina 1 NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE ELOTTAALRANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ 01_Legge 280 randagismo - definitivo_layout

Dettagli

COMUNE DI TORELLA DE LOMBARDI REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE URBANA - VETERINARIA E BENESSERE DEGLI ANIMALI

COMUNE DI TORELLA DE LOMBARDI REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE URBANA - VETERINARIA E BENESSERE DEGLI ANIMALI Approvato con delibera C.C. n. 3 del 02/03/2017 COMUNE DI TORELLA DE LOMBARDI REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE URBANA - VETERINARIA E BENESSERE DEGLI ANIMALI Sommario Art. 1... 2 Oggetto... 2 Art. 2... 2

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento in materia ambientale

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento in materia ambientale CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento Approvato con D.C.C. n. 20 del 30/01/2004 Modificato con D.C.C. n. 33 del 03/05/2012 Titolo I - Regole per la gestione e custodia degli animali Art. 1 - Principi generali 1.

Dettagli

COMUNE DI CAMPOSPINOSO (PV) Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 21 Dicembre 2009

COMUNE DI CAMPOSPINOSO (PV) Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 21 Dicembre 2009 Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 21 Dicembre 2009 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI IN AREE URBANE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE LA

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI CASALE SUL SILE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI CASALE SUL SILE PROVINCIA DI TREVISO Ord. n. 42 IL RESPONSABILE DI AREA SETTORE VIGILANZA Vista l ordinanza sindacale n. 41 del 22.06.2004; Visti gli artt. 22 e 27 del vigente Regolamento di

Dettagli

REGIONE SICILIANA COMUNE DI MILITELLO IN VAL DI CATANIA Provincia di Catania

REGIONE SICILIANA COMUNE DI MILITELLO IN VAL DI CATANIA Provincia di Catania REGIONE SICILIANA COMUNE DI MILITELLO IN VAL DI CATANIA Provincia di Catania Cod. fisc. 00243240876 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PRESENZA DEI CANI SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA PER LA DETENZIONE e CONDUZIONE DEI CANI E NORME A TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA PER LA DETENZIONE e CONDUZIONE DEI CANI E NORME A TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE COMUNE DI PIEVE PORTO MORONE Provincia di Pavia Viale Caduti n. 9 27017 Pieve Porto Morone (PV) Tel. 0382 718034 - Fax 0382 728046 REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA PER LA DETENZIONE e CONDUZIONE DEI

Dettagli

1. Dopo il titolo XII del libro II del codice penale è inserito il seguente: Capo I DEI DELITTI CONTRO LA VITA E L INCOLUMITÀ DEGLI ANIMALI

1. Dopo il titolo XII del libro II del codice penale è inserito il seguente: Capo I DEI DELITTI CONTRO LA VITA E L INCOLUMITÀ DEGLI ANIMALI DISEGNO DI LEGGE A S 1930 Art. 1. (Modifiche al codice penale) 1. Dopo il titolo XII del libro II del codice penale è inserito il seguente: «Titolo XII-Bis DEI DELITTI CONTRO GLI ANIMALI Capo I DEI DELITTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO, L USO E LA GESTIONE DELLE AREE DI SGAMBAMENTO PER CANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO, L USO E LA GESTIONE DELLE AREE DI SGAMBAMENTO PER CANI C O M U N E D I A L S E N O Provincia di Piacenza P.zza XXV Aprile 1 29010 Alseno REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO, L USO E LA GESTIONE DELLE AREE DI SGAMBAMENTO PER CANI Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

per la fruizione dell'area finalizzata all'attività motorie cani

per la fruizione dell'area finalizzata all'attività motorie cani Comune di Cerro Maggiore provincia di Milano Regolamento per la fruizione dell'area finalizzata all'attività motorie cani Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 5 del 18.5.17 In vigore dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE DEI CANI REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE DEI CANI Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento detta norme finalizzate a tutelare la serenità della convivenza tra l uomo e la popolazione canina domestica

Dettagli

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona. Regolamento Comunale disciplinante la presenza dei cani nelle aree pubbliche e private.

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona. Regolamento Comunale disciplinante la presenza dei cani nelle aree pubbliche e private. Comune di Albissola Marina Provincia di Savona Regolamento Comunale disciplinante la presenza dei cani nelle aree pubbliche e private. Approvato con delibera di C.C. n. 5 del 18 marzo 2008 Regolamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 17 febbraio 2005, n. 5 NORME A TUTELA DEL BENESSERE ANIMALE

LEGGE REGIONALE 17 febbraio 2005, n. 5 NORME A TUTELA DEL BENESSERE ANIMALE LEGGE REGIONALE 17 febbraio 2005, n. 5 NORME A TUTELA DEL BENESSERE ANIMALE Bollettino Ufficiale n. 30 del 18 febbraio 2005 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta regionale promulga

Dettagli

Comune Di San Maurizio Canavese PROVINCIA DI TORINO

Comune Di San Maurizio Canavese PROVINCIA DI TORINO Comune Di San Maurizio Canavese Albo Pretorio n. 328 Dal 16/04/2009 al 01/05/2009 ORDINANZA NUMERO 24 DATA 16/04/2009 Prot. n. Del SERVIZIO Lavori Pubblici e Gestione Patrimonio e Ambiente OGGETTO: ANIMALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI E PER TUTELA DEL BENESSERE DELLA POPOLAZIONE CANINA SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI MONTESILVANO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI E PER TUTELA DEL BENESSERE DELLA POPOLAZIONE CANINA SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI MONTESILVANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI E PER TUTELA DEL BENESSERE DELLA POPOLAZIONE CANINA SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI MONTESILVANO Adottato con atto consiliare n. 07 del 6.02.2007 del Commissario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 PRINCIPI GENERALI Art. 3 AMBITO D APPLICAZIONE E DEFINIZIONI Art. 4 RACCOLTA DELLE DEIEZIONI SOLIDE Art.

Dettagli

Comune di Premana Provincia di Lecco

Comune di Premana Provincia di Lecco Comune di Premana Provincia di Lecco Regolamento comunale di disciplina della detenzione e presenza di cani in aree pubbliche e private. Aggiornato con: - Ordinanza del Ministero del Lavoro, della Salute

Dettagli

COMUNE DI QUINZANO D OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI QUINZANO D OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI QUINZANO D OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA Viale Gandini n. 48 CAP.25027 REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI NELLE AREE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO PER AREE ATTREZZATE PER SGAMBAMENTO CANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 28.04.2016 1 INDICE Art. 1 - FINALITA Art. 2 DEFINIZIONI

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità La tutela

Dettagli

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO PREMESSA IL PRESENTE

Dettagli

Che rabbia?!? Attualità e prospettive Cesenatico 12.03 2010

Che rabbia?!? Attualità e prospettive Cesenatico 12.03 2010 Diana Levi ASL di Milano - Servizio di Sanità Animale Viale Molise, 66/b 20137 Milano Tel 0285789083 fax 0285789059 mail ServiziVeterinari@asl.milano.it Sito www.asl.milano.it Che rabbia?!? Attualità e

Dettagli

Comune di Magliano in Toscana, PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI

Comune di Magliano in Toscana, PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI Comune di Magliano in Toscana, PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 3 del 06/03/2007 SOMMARIO Articolo 1 - Oggetto del regolamento...3

Dettagli

COMUNE DI ACIBONACCORSI

COMUNE DI ACIBONACCORSI COMUNE DI ACIBONACCORSI Provincia di Catania REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL UTILIZZO DELL AREA SGAMBAMENTO CANI DI VIA A. FLEMING N.4 (Approvato con delibera del Commissario Straordinario)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI COMUNE DI MOZZO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 02/10/2008 Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente

Dettagli