*supplemento di Italia Cooperativa n. 6 del febbraio 2014 IN QUESTO NUMERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "*supplemento di Italia Cooperativa n. 6 del 14-20 febbraio 2014 IN QUESTO NUMERO"

Transcript

1 *supplemento di Italia Cooperativa n. 6 del febbraio 2014 IN QUESTO NUMERO» GOVERNO RENZI, PRIORITÀ RIPRESA E LAVORO» FIRMATO CON REGIONE LOMBARDIA IL PROTOCOLLO DI INTESA PER LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE IN LOMBARDIA» STATI GENERALI DEL PATTO PER LO SVILUPPO» AMPIO RICONOSCIMENTO DELLA COOPERAZIONE AGRICOLA NEL TESTO UNICO REGIONALE» 15 MILIONI DI EURO PER I CASEIFICI MANTOVANI COLPITI TERREMOTO DEL 2012» CONVEGNO MANTOVA SU WELFARE REGIONALE» REGOLE 2014 PER LA GESTIONE DEL SISTEMA SOCIO SANITARIO REGIONALE» VERSO L ASSEMBLEA 28/03/2014 DI FEDERSOLIDARIETÀ LOMBARDIA» AVVIATA LA STAGIONE ASSEMBLEARE DELLE FEDERAZIONI NAZIONALI E REGIONALI» FONDAZIONE TRIULZA FIRMA IL CONTRATTO DI PARTECIPAZIONE» "NOTE & COMMENTI": LE PRINCIPALI DINAMICHE CONGIUNTURALI NELLA COOPERAZIONE AGROALIMENTARE» I RAPPORTO CONGIUNTURALE ALLEANZA DELLE COOPERATIVE» NUOVO ACCORDO QUADRO FEDERABITAZIONE/GRUPPO ASSIMOCO» CONTRASTO AL DUMPING» PULIZIE NELLE SCUOLE» FONCOOP: AL VIA IL CONTO FORMATIVO ANCHE IN LOMBARDIA» PROGETTO GENITORI DI GRUPPO» CERCASI VOLONTARI CAUTAMENTE!» PROGETTO COBS2 COMMUNITY BONDING FOR SENTENCED PEOPLE SUPERVISION» CONVEGNO GIOVANI DI FRONTE ALLA SFIDA DELL EUROPA E DEL LAVORO» I GIOVANI COOPERATORI LOMBARDI DI SI CONFRONTANO» I GIOVANI SOCI DI BCC DI CARUGATE E INGAZO PER LA SOLIDARIETA IL SORRISO» NUOVO PROFILO TWITTER» PAGINA FACEBOOK DI FEDAGRI GOVERNO GOVERNO RENZI, PRIORITÀ RIPRESA E LAVORO Giuliano Poletti nominato Ministro del Lavoro e del Welfare "Accogliamo con soddisfazione la delega a ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali a Giuliano Poletti che leggiamo come riconoscimento del ruolo svolto dalla cooperazione nella crisi e per quello che potrà fare nel disegnare il welfare del paese e aiutare i giovani a inserirsi nel mondo del lavoro. Gli facciamo un in bocca al lupo, Poletti ha la sensibilità per cogliere le esigenze dell'economia reale, fatta di imprese e lavoratori italiani che quotidianamente si battono contro la crisi e le difficoltà di mercato". Questo l augurio di Maurizio Gardini e Rosario Altieri, copresidenti di Alleanza delle Cooperative Italiane. Un augurio sincero di buon lavoro è stato espresso anche da Maurizio Ottolini, Presidente di Alleanza Cooperative Lombardia e Confcooperative Lombardia. Siamo certi che i valori e l esperienza di Giuliano Poletti, uniti alla passione e alla serietà che lo contraddistinguono, saranno gli ingredienti fondamentali per guidare il Ministero da cui deve ripartire il paese, il lavoro - ha commentato Maurizio Ottolini. 1

2 "Il governo Renzi che presenta nomi di qualità è chiamato a ridare fiato, fiducia ed entusiasmo a un sistema Paese provato da sei anni di crisi. Speriamo riesca a tenere fede alle aspettative di concretezza e rapidità che ha suscitato. Le emergenze le abbiamo più volte indicate. E sono: semplificazione burocratica, miglioramento e velocizzazione delle condizioni di accesso al credito, alleggerimento fiscale, pagamento dei debiti della Pa, riduzione del cuneo fiscale, stabilità politica e di governo. Occorrono tutte queste condizioni per rimettere le imprese di questo Paese in corsa e per fare dell Italia una terra attrattiva per gli investimenti stranieri. Soprattutto occorre ridare fiducia ed entusiasmo". Così Maurizio Gardini (Confcooperative) e Rosario Altieri (Agci) copresidenti dell'alleanza delle Cooperative italiane hanno poi commentato il Giuramento al Quirinale del neogoverno Renzi. "La priorità principale del paese è il lavoro. É un tema a cui sono collegati più nodi: il rilancio competitivo delle imprese, la riduzione della disoccupazione giovanile e la possibilità di ritorno nel mondo del lavoro per chi ne è uscito. Non è un compito agevole e sappiamo che tutto questo non si realizza con un tocco magico. Cuneo fiscale, burocrazia moderna e leggera, fisco meno oneroso, giustizia più veloce, sistema bancario che torni a dare credito a imprese e famiglie, una PA che finalmente onori i debiti con le imprese. hanno continuato Gardini e Altieri. Questi sono gli elementi di un unico puzzle da comporre con passo spedito perché il paese riesca ad intercettare i primi segnali di ripresa. Non c'è più tempo da perdere. La cooperazione italiana è pronta a dare il suo contributo alla ripresa attraverso un confronto costruttivo con il governo". ALLEANZA COOPERATIVE ITALIANE LOMBARDIA FIRMATO CON REGIONE LOMBARDIA IL PROTOCOLLO DI INTESA PER LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE IN LOMBARDIA Assemblea Regionale Affidamento di lavori, servizi e forniture alle cooperative sociali lombarde attraverso convenzioni con gli enti del sistema regionale, maggiore coinvolgimento e partecipazione a gare per l affidamento di beni e servizi tramite un azione congiunta con l Agenzia Centrale Acquisti regionale (ARCA): questi i principali contenuti del protocollo per lo sviluppo della cooperazione sociale firmato lo scorso 5 febbraio a Milano dal Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e dal Presidente dell Alleanza Cooperative Lombardia Maurizio Ottolini nel corso dell Assemblea #valoricooperativi futuro delle comunità svoltasi a Palazzo Lombardia. Il protocollo troverà applicazione attraverso un piano operativo annuale concertato con le associazioni cooperative regionali. Con la firma del protocollo, realizzato grazie anche al proficuo impegno dell Assessore alle Attività Produttive Mario Melazzini, si potranno aprire opportunità interessanti per le cooperative sociali lombarde che complessivamente impiegano persone svantaggiate, ha sottolineato Ottolini. Si partirà subito con una sperimentazione per il primo anno, con l obiettivo di rendere operativo il protocollo in vista dell ormai imminente EXPO Ottolini ha inoltre evidenziato come questa sia anche la direzione tracciata dall UE, che ha recentemente approvato la direttiva appalti contenente le cosiddette clausole sociali, che prevedono che nei capitolati d appalto possano essere inseriti specifici programmi di inserimento lavorativo. Si tratta di un segnale importante verso un economia regionale più partecipata ed inclusiva, ha proseguito il Presidente Ottolini. Così vogliamo guardare oltre la crisi che purtroppo ancora morde l economia lombarda, il cui tasso di disoccupazione sfiora il 9%, con punte del 25% per i giovani. Se tra il 2008 e il 2013 le ore di cassa integrazione in regione sono state complessivamente 1 miliardo e 344mila e 260mila i licenziamenti, nella cooperazione sociale lombarda l occupazione ha invece registrato un trend positivo del +12% negli ultimi 5 anni (+8% è il dato complessivo della cooperazione in Lombardia). Ottolini ha inoltre rimarcato come una economia più partecipata ed inclusiva tenda a preservare più efficacemente anche la legalità: il protocollo di intesa può dare in tal senso un contributo importante. All Assemblea hanno partecipato anche l Assessore al Bilancio Massimo Garavaglia e l Assessore all Agricoltura Gianni Fava, i consiglieri regionali Fabio Pizzul e Lucia Castellano. 2

3 Luca Bernareggi, Presidente di Legacoop Lombardia ha sottolineato come sia importante ritornare ad investire sul futuro, ovvero su giovani ed innovazione, anche partendo da un rapporto di forte collaborazione e confronto tra istituzioni ed Alleanza delle Cooperative. L Assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia, Mario Melazzini ha aperto il suo discorso con la considerazione che "Il mondo delle cooperative è il modello paradigmatico di risposta concreta e reale che viene dal basso, dal territorio. E' poi un modo di fare impresa fondamentale, centrato sulla persona ed è lo strumento vincente per superare la crisi, anche e soprattutto per la Lombardia, che è la regione con il maggior numero di realtà e di occupati in questo mondo". Proprio alla cooperazione sociale, ha sottolineato l'assessore, è dedicato il protocollo d'intesa firmato oggi e nato nell'ambito dei lavori della Consulta della cooperazione, insediata alla fine dello scorso anno: "non saranno solo fogli di carta; con questo strumento vogliamo realmente incidere sulle cooperative sociali, riconoscendo il ruolo svolto sul territorio". società, riconoscendo il loro ruolo sul territorio che si realizza attraverso l'inserimento lavorativo dei soggetti fragili, attraverso il loro coinvolgimento nelle procedure di affidamento di lavori, servizi e forniture e con la redazione di piani operativi contenenti obiettivi concreti e indicatori di risultato che ci permettano di monitorarne l'efficacia". Si tratta, ha aggiunto, "di una innovazione che testimonia come la Lombardia sia, ancora una volta, più avanti di altri nei processi di sviluppo economico". Ha chiuso i lavori Giuliano Poletti, Presidente di Alleanza delle Cooperative Italiane, sottolineando come Nel binomio Stato-Mercato sia oggi più che mai necessario inserire il concetto di cittadino e di persona ed auspicando una intensa stagione progettuale di sviluppo di una nuova forma di rappresentanza unitaria in grado di rispondere efficacemente ai bisogni delle cooperative lavorando su soluzioni innovative e dinamiche che siano un segno di discontinuità rispetto ai modelli passati Protocollo d intesa REGIONE LOMBARDIA STATI GENERALI DEL PATTO PER LO SVILUPPO Ottolini: attrattività dei territori al centro dell accordo di programma Unioncamere-Regione Lombardia All Assemblea è intervenuto anche il Presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni affermando che "La Lombardia riconosce e sostiene attivamente il valore della cooperazione: I dati sul fenomeno ci mostrano l'importanza del mondo cooperativo e la sua centralità all'interno dell'economia della nostra regione. Le cooperative, funzionano perché sono profondamente radicate sul nostro territorio: ne comprendono le esigenze, mettendo al centro della loro attività le persone e i loro bisogni". Il Presidente ha poi ricordato gli strumenti e gli obiettivi messi in campo da Regione Lombardia per favorire il consolidamento e lo sviluppo delle imprese lombarde. Nell'illustrare i contenuti del documento sottoscritto, il numero uno di Palazzo Lombardia, ha sottolineato come si tratti di un "atto concreto e una strumento incisivo" che aumenterà ulteriormente "il coinvolgimento delle cooperative nella nostra Esprimiamo apprezzamento allo strumento dell accordo di competitività, uno strumento efficace messo a punto da Regione, Unioncamere, e concertato con tutte le Parti Sociali a supporto e sviluppo della competitività del nostro sistema lombardo ha affermato Maurizio Ottolini, Presidente di Alleanza Cooperative Lombardia, in occasione degli Stati Generali del Patto per lo Sviluppo, convocati dal Presidente Maroni mercoledì 19 febbraio. Ribadiamo a questo proposito il ruolo importante svolto dalla cooperazione lombarda ha proseguito Ottolini sia in ambiti importanti del sistema produttivo, ma anche in segmenti economici dei servizi che si integrano ormai alle attività produttive propriamente dette, creando innovazione e attrattività dei territori. 3

4 Le cooperative sono imprese che per DNA non delocalizzano ha sottolineato Ottolini cogliamo quindi con grande soddisfazione l approccio e la visione che Regione Lombardia sta dando all importanza dell attrattività dei territori, agli accordi di competitività e alla semplificazione, anche e soprattutto con la nuova legge regionale sulla competitività ha concluso Ottolini adesso vorremmo incidere sui provvedimenti attuativi, affinché gli stessi migliorino in maniera efficace la competitività delle imprese cooperative. "E' arrivato un generale apprezzamento delle buone azioni che Regione Lombardia ha messo in campo finora per sostenere il mondo produttivo e per la nuova legge sulla competitività e l'innovazione approvata la settimana scorsa dal Consiglio regionale. - ha spiegato il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, al termine dei lavori - Dalle parti sociali è poi giunta la richiesta, che io ho naturalmente accolto, di continuare il confronto per l'attuazione concreta di questa legge sulla competitività, che vuol dire: zone 'a burocrazia zero', semplificazioni, agevolazioni fiscali e altre iniziative legate all'innovazione e alla ricerca".. In vista di EXPO 2015 istituiremo a giugno un fondo per sostenere le iniziative che vengono dai territori, facendo riferimento alle Province ha aggiunto Maroni - in questo modo le iniziative che verranno prese dalle Province e dai singoli territori per valorizzare Expo riceveranno dei contributi dalla Regione Lombardia". "Nel semestre che precederà l'esposizione universale - ha concluso il Presidente Maroni - dovremo tutti, singoli territori e Regione Lombardia, intensificare le nostre azioni, per promuovere Expo e per avere così tutti i benefici che ci aspettiamo". Dare risposte concrete e in tempi certi e brevi alle aziende lombarde e facilitare la loro vita, abbattendo la burocrazia. Sono questi gli obiettivi principali con cui è nata la nuova Legge 'Impresa Lombardia', delineati dall'assessore regionale alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione Mario Melazzini nel corso del suo intervento agli Stati generali del Patto per lo sviluppo. "La legge - ha spiegato l'assessore, ricordando i quattro principi ispiratori: fiducia, sussidiarietà, responsabilità e innovazione - è nata dopo un ampio confronto e una precisa ricognizione del bisogno (si sono svolte più di 30 audizioni), ma in tempi molto rapidi. Basti pensare che il progetto di legge è stato presentato in Giunta lo scorso 25 ottobre e poi è stato approvato all'unanimità l'11 febbraio: si tratta di un risultato estremamente forte. Questo è fare buona politica". AGROALIMENTARE AMPIO RICONOSCIMENTO DELLA COOPERAZIONE AGRICOLA NEL TESTO UNICO REGIONALE La cooperazione agricola raccoglie e trasforma circa il 50% delle principali produzioni agricole lombarde Cogliamo con grande soddisfazione l approvazione del Consiglio Regionale di una Legge di modifica del Testo unico in materia di agricoltura che prevede un articolo specifico dedicato alla promozione e allo sviluppo della cooperazione agricola lombarda ha affermato Fabio Perini presidente di Fedagri - Confcooperative Lombardia in occasione dell approvazione del Progetto di Legge 129 che modifica la Legge Regionale n. 31/2008 (Testo Unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale) la cooperazione agricola svolge infatti un ruolo protagonista nelle filiere agroalimentari lombarde, garantendo reddito e qualità della vita ai soci imprenditori agricoli lombardi. È un segnale molto positivo quello di Regione Lombardia che pone particolare attenzione al mondo delle cooperative agricole e agroalimentari, come strumento per lo sviluppo delle filiere agroalimentari lombarde e per l accesso ai mercati esteri ha commentato Perini. Siamo compiaciuti anche per i tempi dell iter legislativo ha proseguito Perini in tempi rapidissimi hanno portato all elaborazione di una Proposta di Legge e una approvazione unanime sia in commissione Agricoltura che in Consiglio Regionale, un approccio molto efficace che ha trovato in accordo tutte le forze politiche della Regione. Ci auguriamo adesso conclude Perini di proseguire ancora meglio la collaborazione con Regione Lombardia in riferimento soprattutto alla grossa partita del PSR 2014/2020 che vedrà il mondo agricolo coinvolto nei prossimi mesi. La cooperazione agroalimentare negli anni della crisi ha aumentato il proprio fatturato di circa il 14%, soprattutto nel settore lattiero caseario, e registrato performance più significative rispetto all industria alimentare. Inoltre, analizzando l andamento del rapporto tra il costo della materia prima latte ed il volume di affari dell industria e della cooperazione lattiero casearia regionale si nota un trend che per l industria segue quello del prezzo interprofessionale di riferimento mentre per la cooperazione si rileva una maggior stabilità. 4

5 Le cooperative agroalimentari in Lombardia sono 309, per un volume d affari di 3,6 miliardi di euro e risultano concentrate nelle province di Brescia, Cremona e Mantova; territori questi che rappresentano l 87% del fatturato della cooperazione agroalimentare regionale. (Fonte: Osservatorio Cooperazione Agricola Italiana) SISMA MANTOVA 15 MILIONI DI EURO PER I CASEIFICI MANTOVANI COLPITI TERREMOTO DEL 2012 Conferenza stampa a Mantova al Consorzio Latterie Virgilio "Entro la fine del mese di febbraio completeremo i finanziamenti ai caseifici mantovani che hanno subito danni in occasione del terremoto del maggio del 2012, coprendo l'intera somma richiesta, pari a 15 milioni di euro, 12 dei quali a carico dello Stato e dell'unione europea, 3 che gravano sul bilancio regionale, per scelta politica della Regione, che ha deciso di non lasciare nessuno senza risarcimenti". Lo ha dichiarato l'assessore all'agricoltura di Regione Lombardia Gianni Fava, a Mantova lo scorso 8 febbraio, nel corso di una conferenza stampa organizzata da Confcooperative Lombardia, alla quale hanno preso parte il presidente di Confcooperative Mantova Maurizio Ottolini, il presidente di Fedagri Confcooperative Lombardia Fabio Perini, il direttore generale del Consorzio Grana Padano Stefano Berni, il vice presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano Piero Maria Gattoni e i rappresentanti dei caseifici mantovani colpiti dal terremoto nel maggio del MILIONI GIÀ NELLE CASSE DELLE AZIENDE - "E' una bella boccata d'ossigeno per il territorio mantovano. Ha detto Fava - Già ad inizio febbraio i caseifici hanno ricevuto nelle loro casse i 12 milioni euro stanziati lo scorso mese di dicembre; con i 3 che arriveranno alla fine di questo mese possiamo dire che a marzo le aziende saranno tornate in una situazione di equilibrio come prima del terremoto". "Questa - ha precisato - è la dimostrazione che per Regione Lombardia i danni del terremoto di Mantova sono, erano e rimangono una priorità assoluta". CASEIFICI SOVVENZIONATI - Sono 10 i caseifici che hanno beneficiato dello stanziamento dei 12 milioni di euro di Stato e Ue, ai quali si aggiungeranno i euro che Regione Lombardia stanzierà con una delibera di Giunta entro il mese di febbraio: Latteria sociale Mantova (Porto Mantovano), Latteria Padana (Borgoforte), Latteria agricola del Po (Borgoforte), De Cao (Borgoforte), Latteria S. Valentino (Marcaria), Caseificio Caramasche (Pegognaga), Latteria agricola Venera Vecchia (Gonzaga), Casaticese (Marcaria), Nuovo Caseificio Andreasi (Villa Poma), Vo' Grande (Pegognaga). Dopo l assemblea di Alleanza Cooperative Italiane Lombardia questo è un ulteriore segno di come Regione Lombardia e la sua Giunta operi in maniera efficace nel territorio, soprattutto nelle condizioni più difficili ha sottolineato Maurizio Ottolini, Presidente di Confcooperative Lombardia il nostro impegno di cooperatori proseguirà nonostante le difficoltà della crisi e nonostante il brutto ricordo del sisma del Non stiamo parlando soltanto di 10 caseifici, ma di un intero sistema agricolo e agroalimentare territoriale ha affermato Fabio Perini, Presidente di Fedagri Confcooperative Lombardia - stiamo parlando di una costola importante del Made in Italy agroalimentare, che è una delle chance a disposizione del paese per la ripresa, una ripresa che avverrà solo grazie alla leadership della nostra Regione Lombardia. MANTOVA CONVEGNO MANTOVA SU WELFARE REGIONALE Più fondi per le famiglie con componenti svantaggiati Giovedì 13 Febbraio, nel corso del convegno sulla cooperazione sociale organizzato da Confcooperative Mantova, è stato presentato il nuovo progetto di welfare regionale, che ha l ambizione di accrescere la qualità dei servizi destinati ai soggetti svantaggiati. La Regione ha stanziato 130 milioni di euro per le famiglie con componenti fragili, e i destinatari della riforma sono persone con gravi disabilità, soggetti affetti da dipendenze, persone anziane non autosufficienti e in condizioni di fragilità che necessitano di soluzioni abitative con caratteristiche socio-sanitarie. I punti chiave della riforma sono stati illustrati dalla dirigente regionale, direttore vicario della DG Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato di Regione Lombardia, Rossella Petrali, che ha sottolineato l importanza dell iniziativa, dal momento in cui l accesso ai servizi in base al bisogno, l evoluzione della rete di offerta, l integrazione tra sociale e socio-sanitario, la trasparenza della spesa e la qualità dei servizi, sono da sempre i pilastri sui quali si fonda il nostro lavoro. Il segretario generale della Camera di Commercio di Mantova Marco Zanini ha illustrato l impegno e l attività del suo ente in riferimento alle imprese cooperative. L Assessore Regionale alla Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato, Maria Cristina Cantù ha ricordato come sia stato possibile indirizzare le nuove politiche pur nel rispetto 5

6 dei criteri di appropriatezza e sostenibilità economica che oggi sono richiesti dai vincoli di bilancio, ma nell ottica di provare a valorizzare un modello integrato tra politiche sociali e socio sanitarie in particolare meglio indirizzando le azioni verso i soggetti maggiormente vulnerabili ed a rischio esclusione sociale. Nel corso del Convegno è intervenuto anche il Presidente di Confcooperative Mantova Maurizio Ottolini sottolineando la crescita e la rilevanza sempre più sussidiaria del ruolo della cooperative sociali nei servizi di cosiddetto secondo welfare ed in particolare nei servizi territoriali di cura ed assistenza alle persone a rischio marginalità. Inoltre il Presidente di Federsolidarietà Lombardia Massimo Minelli ha ricordato l importanza dell avvio di una nuova stagione di riforme di livello nazionale e regionale che coinvolgano a pieno titolo la cooperazione sociale ed il terzo settore mettendo al centro delle politiche i bisogni delle persone e delle famiglie lombarde. WELFARE LOMBARDIA REGOLE 2014 PER LA GESTIONE DEL SISTEMA SOCIO SANITARIO REGIONALE FederazioneSanità e Federsolidarietà Lombardia incontrano Giovanni Daverio, Direttore Generale della DG Famiglia e Solidarietà Sociale di Regione Lombardia Lo scorso 28 gennaio i Consigli regionali di FederazioneSanità e Federsolidarietà Lombardia, hanno incontrato il Direttore Generale della direzione Famiglia e solidarietà sociale di Regione Lombardia Giovanni Daverio, per un confronto sulle Regole 2014 per la gestione del sistema socio sanitario regionale. L incontro è servito in particolare per soffermarsi sulle novità che le regole introducono. Le osservazioni delle cooperative Il Presidente di Federsolidarietà Lombardia Massimo Minelli ha sottolineato che nella cooperazione ci sono competenze, storie, legami coi territori per rispondere ai problemi sociali. Per questa ragione noi non ci consideriamo meri soggetti gestori e chiediamo alla Regione di riconoscerci come risorse di progettazione e pianificazione, anche se in questi anni abbiamo avuto poco ascolto e riconoscimento. Confidiamo che questa amministrazione possa fare meglio. E stato posto il nodo relativo alle risorse realmente disponibili per il funzionamento del sistema nel 2014 e negli anni successivi. La cooperazione sociale ha espresso apprezzamento per la scelta di prevedere integrazione tra sistema sanitario e socio sanitario, auspicando lo stesso metodo si trasferisca dalla Regione ai territori. Altro elemento di novità emerso è che le Regole di quest anno avranno orizzonte pluriennale. Si è sottolineato che per le cooperative sociali il settore sociosanitario è solo una parte del lavoro, talvolta anche minoritario. Le politiche degli enti locali sul welfare hanno come obiettivo la riduzione dell accesso ai servizi sociosanitari da parte ad esempio di minori e di persone fragili. E una politica di prevenzione utile perché i servizi sociosanitari che intervengono su disagi conclamati, sono più costosi, segmentano il bisogno e non connettono comunità. Il sociale è stato oggetto di tagli altissimi. Come è possibile che ciò sia accaduto? Che scenario abbiamo per il futuro? La cooperazione sociale e sanitaria ha chiesto una maggiore integrazione tra ASL e comuni, affinchè vengano destinate risorse non troppo vincolate per modulare la risposta dei servizi sulla presa in carico dei bisogni locali. Altro tema che desta preoccupazione è quello legato alla nuova scala per valutare il grado di assistenza degli anziani: certo un decennio della vecchia scala Sosia ha evidenziato criticità sulla valutazione mutidimensionale. Ma la nuova scala, sperimentata in un numero discreto di enti, non si capisce che effetti avrà. Certo ricadrà sui sistemi di accreditamento e in specifico sulla determinazione delle quote assistenziali, e per questo si è chiesto un tavolo di confronto che aiuti a prefigurare i cambiamenti e a comprendere le ragioni delle scelte sottese. Per quanto attiene la parte più tipicamente sanitaria, il Presidente di FederazioneSanità Lombardia Sergio Bonetti, ha espresso preoccupazione per il taglio delle risorse, sottolineando che la cooperazione sanitaria non può essere interpellata solo per garantire risparmi al sistema, ma deve essere valorizzata per il ruolo di presa in carico complessiva. Attualmente le sperimentazioni sono avviate direttamente dalle cooperative a carico di risorse proprie. Alla Regione chiediamo di spostare le risorse per la sanità leggera sul territorio perché è importante che il nostro sforzo sia sostenuto. 6

7 Le risposte del Direttore Daverio Risorse disponibili Se ci occupiamo delle fragilità nell accezione più ampia, per quanto attiene al nostro Assessorato e quindi considerando l intero ammontare degli stanziamenti sanitari, sociosanitari e sociali, nel 2014 passiamo 1,800 miliardi, di poco superiore al 1,700 miliardi e oltre dell anno scorso. Le riduzioni di alcuni capitoli sono state compensate dall incremento del fondo per la famiglia. Anche per il Fondo Nazionale Politiche Sociali la Regione ha applicato lo stesso criterio: in passato la Regione tratteneva per i propri progetti il 30% delle risorse trasferite dallo Stato, mentre da quest anno tale quota verrà azzerata e l intero importo sarà trasferito in forma indistinta (con il solo vincolo per la non autosufficienza) affidando le scelte alla programmazione territoriale. La quota del Fondo Famiglie 116 è affidato direttamente alle Asl nei limiti di quanto stabilisce la normativa di riferimento e alla Asl infatti spetta il compito di orientarsi alla complessità del sistema sociale e sanitario. Non a caso l enfasi infatti è posta proprio sulla valutazione multidisciplinare della domanda governando nel complesso sia il rispetto dei Livelli Essenziali di Assistenza che i bisogni sociali. Cambiamento dei bisogni e sostenibilità Cambiamento dei bisogni e sostenibilità economica chiedono una revisione dei servizi: nello specifico se la questione della cronicità è cruciale, è chiaro che una risposta adeguata non può essere ospedaliera ma sociosanitaria e locale. Addirittura credo che l intera sostenibilità dl sistema sia possibile solo se si tratta in modo adeguato il problema delle cronicità, ed è per lo stesso motivo che è decisivo investire in prevenzione sanitaria per ridurre l incidenza di queste patologie. La riflessione sulla sostenibilità è costruita sulla rete di offerta che è articolata nelle diverse attività sociosanitario afferisce alle Asl ed è presidiato in via diretta dalla Regione, l ambito sociale dai comuni. Nel nostro territorio abbiamo una rete invidiabile e diffusa di unità offerta, tanto che il Ministero lamenta l eccesso di offerta: abbiamo 500 mila posti letto, 1 RSA ogni comune e mezzo, RSD in aumento con un offerta di posti superiore alla media nazionale, situazioni in carico ADI. In effetti la nostra rete è ricca e articolata, ma è vecchia perché risponde ai bisogni di 15 anni fa quando sono nate le strutture. Come far si che la rete si adatti ai bisogni? Il Fondo Famiglie 116 nasce da questa riflessione: vuole cercare modalità per verificare i bisogni scoperti, iniziare a rispondere con la 116 e poi con i provvedimenti attuativi previsti dalla DGR 856 e usare i feed back per modificare la rete. Daverio ha comunque assicurato un maggiore coinvolgimento della realtà cooperativa nei tavoli di lavoro che saranno avviati da Regione per l attuazione delle Regole FEDERSOLIDARIETA VERSO L ASSEMBLEA 28/03/2014 DI FEDERSOLIDARIETÀ LOMBARDIA Conclusi gli incontri del Consiglio di Presidenza con le cooperative dei territori Si è concluso con quello a Cremona lo scorso 30 gennaio, il ciclo di incontri con le cooperative realizzati dal Consiglio di Presidenza di Federsolidarietà Lombardia in tutte le province della Lombardia, in preparazione all Assemblea di rinnovo cariche della federazione, in programma il prossimo 28 marzo a Milano presso fiera MilanoCity, nell ambito della fiera fa la cosa giusta. Agli incontri hanno partecipato numerose cooperative nelle diverse province. Gli incontri hanno costituito l occasione per un confronto con le cooperative e i cooperatori di Federsolidarietà in preparazione alla stesura del programma per l assemblea regionale 2014, a partire dalla traccia per la discussione intitolata Giustizia sociale, lavoro rappresentanza, le cooperative protagoniste. Abbiamo chiesto al Presidente di Federsolidarietà Lombardia Massimo Minelli una valutazione finale di questi incontri. "Sono molto soddisfatto di questo tour nelle province lombarde perché ci ha permesso di mettere a fuoco i reali bisogni della cooperazione sociale. Penso che questa scelta ci abbia evitato una pericolosa autoreferenzialità di costruire un programma per il prossimo triennio senza una verifica reale con le nostre cooperative socie. Per la verità una parte delle questioni emerse dai nostri cooperatori ci erano note ma è servito risentirle anche per declinarle in modo diverso nel programma. Alcune questioni, invece, sono emerse ex 7

8 novo ma meritano senz'altro di essere riprese e approfondite nel prossimo quadriennio. Alla fine possiamo avere qualche anticipazione di questo programma? Il filo conduttore del documento programmatico è quello di ribadire il ruolo fondante delle cooperative sociali di contribuire a migliorare il benessere delle comunità, riducendo le disuguaglianze e l'esclusione di troppe persone dai diritti alla casa, alla salute, all'istruzione, al lavoro, all'assistenza. Il documento e la traccia per la discussione si sono articolati in 4 filoni di riflessione: il rapporto delle cooperative con le comunità, il lavoro, la rappresentanza, il sistema di welfare. Ma cosa si aspetta da questa assemblea? "Vorrei che il 28 marzo 2014 partecipassero tante cooperative, frutto della consapevolezza che possiamo giocarci una grande occasione di rilancio dei valori della cooperazione al servizio del rinnovamento del Paese. Paradossalmente questo momento di crisi, che come cooperative sociali stiamo attraversando faticosamente ma anche con grandissima dignità, ci offre una grande possibilità di renderci ancor più protagonisti nelle nostre convinzioni che solidarietà, sobrietà, comunità, prossimità non sono solo slogan ma precise fondamenta per ricostruire prima di tutto una dimensione antropologica del nostro modo di essere e di comportamento nella società anche e soprattutto a partire da un nuovo modo di vivere e intendere i rapporti economici. Ecco vorrei che tutti fossimo più "ambiziosi" rispetto alle nostre reali capacità di incidere di più e meglio sulle criticità ormai ineludibili in cui versiamo. Infine vorrei emergesse con chiarezza una nuova classe dirigente motivata, responsabile e competente, a cui affidare la guida e la rappresentanza della cooperazione sociale di Federsolidarietà nei prossimi 4 anni. Quindi cosa direbbe ad ogni cooperativa per convincerla a partecipare? Direi che con i colleghi del consiglio e della presidenza ce l'abbiamo messa tutta per creare i presupposti per avere un programma ambizioso. Però ora per passare dalle parole ai fatti abbiamo bisogno del contributo e della mobilità di tutti. Partecipiamo in tanti all'assemblea e impegniamoci responsabilmente a costruire le condizioni di sviluppo nelle nostre comunità. Federsolidarietà Lombardia oggi ci chiede questo patto. Io ci sto. Spero anche tutti voi. Assemblea Regionale della Federsolidarietà Lombardia Venerdì, 28 Marzo 2014 Ore 9,00 a Milano presso Fieramilanocity - Sala Bolaffio Porta Scarampo, Gate 8 Viale Scarampo Milano nell ambito della manifestazione Fa la cosa giusta AVVIATA LA STAGIONE ASSEMBLEARE DELLE FEDERAZIONI NAZIONALI E REGIONALI Con delibera del Consiglio nazionale del 12/12/2013 Confcooperative ha dato avvio alla stagione assembleare di rinnovo cariche delle Federazioni nazionali e regionali. Le assemblee nazionali delle Federazioni si terranno dal 1 marzo 2014 al 30 giugno 2014 e saranno precedute nei mesi di marzo aprile e maggio dalle assemblee delle federazioni regionali. Potranno partecipare alle Assemblee delle Federazioni Regionali con diritto di voto le cooperative aderenti alla Confcooperative alla data del 31 dicembre 2013 in regola con i contributi associativi relativi agli anni 2010, 2011, 2012, 2013 almeno 30 giorni prima della celebrazione dell assemblea regionale. Vi aspetto numerosi il 28 marzo in assemblea 8

9 IL CALENDARIO DELLE ASSEMBLEE Federabitazione Assemblea regionale Milano 8 maggio 2014 Assemblea nazionale 11 giugno 2014 Fedagri Assemblea regionale Cremona 18 marzo 2014 Assemblea nazionale 9-10 aprile 2014 Federconsumo Assemblea regionale da definire Assemblea nazionale 21 giugno 2014 FederCultura Turismo Sport Assemblea regionale Milano 16 aprile 2014 Assemblea nazionale 5 giugno 2014 Fondazione Triulza è nata lo scorso 23 luglio e vede Confcooperative Nazionale, Confcooperative Lombardia e Confcooperative Milano, Lodi, Monza e Brianza in prima fila tra le circa 40 realtà del terzo settore promotrici, con l intento di riqualificare e gestire gli spazi dell omonima cascina all interno dell area di Expo Il contratto di partecipazione è stato firmato dal Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala e dal Presidente di Fondazione Triulza Sergio Silvotti, alla presenza del Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, del Commissario Generale di Sezione del Padiglione Italia Diana Bracco, del Direttore del Padiglione della Società Civile-Cascina Triulza Chiara Pennasi e dei rappresentanti delle organizzazioni ospiti e promotori del progetto. Federlavoro e Servizi Assemblea regionale Milano o Bergamo 11 aprile 2014 Assemblea nazionale giugno 2014 Federsolidarietà Assemblea regionale Milano 28 marzo 2014 Assemblea nazionale giugno 2014 FederazioneSanità Assemblea regionale Milano 30 aprile 2014 Assemblea nazionale 6 giugno 2014 EXPO MILANO 2015 FONDAZIONE TRIULZA FIRMA IL CONTRATTO DI PARTECIPAZIONE Expo Milano 2015 ospiterà società civile della storia il primo padiglione della Expo Milano 2015 sarà la prima Esposizione Universale con un padiglione dedicato alle organizzazioni nazionali e internazionali della Società Civile: Cascina Triulza. Ad occuparsi della gestione dello spazio e del coordinamento degli eventi di quella che è l unica struttura preesistente all interno del sito espositivo sarà Fondazione Triulza che lo scorso 18 febbario, all Agorà di Expo Milano 2015 al Castello Sforzesco, ha firmato il contratto di partecipazione all Esposizione Universale e lanciato il primo concorso di idee per definire il programma culturale della Cascina. Il Theme Statement scelto, Exploding Energies to change the world, è stato elaborato e sostenuto da una ricca rete di realtà del Terzo Settore e della cittadinanza attiva. Le iniziative che, in collaborazione con Expo 2015 S.p.A, saranno sviluppate in Cascina Triulza, intendono fare emergere la straordinaria forza di cambiamento generata ogni giorno nel mondo dal protagonismo dei cittadini, dei giovani e delle realtà organizzate della Società Civile. Ulteriore valenza del progetto è che il padiglione del sociale, in chiusura di Expo, resterà, come anche confermato dal Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, a disposizione della società civile a partire dalla rete di organizzazioni che oggi promuovono Fondazione Triulza. 1 Call Internazionale di Idee per contribuire al Programma Culturale Uno degli aspetti più innovativi del progetto è il coinvolgimento diretto delle organizzazioni nella costruzione del Programma Culturale di Cascina Triulza: potranno proporre eventi, attività culturali, espositive, convegni e 9

10 momenti d intrattenimento attraverso specifici concorsi di idee E stata lanciata la 1 Call Internazionale di Idee Exploding your Idea! Destination Expo Milano Le proposte potranno essere presentate fino al 30 aprile 2014 da tutte le realtà della Società Civile nazionali e internazionali interessate al progetto. Le Istituzioni pubbliche e i soggetti con finalità di lucro, che non presentano caratteristiche mutualistiche e/o solidaristiche, potranno partecipare in partenariato con una o più organizzazioni del Terzo Settore, come spiegato online agli indirizzi web e Cascina Triulza, mq di spazi per la società civile Cascina Triulza è l unico manufatto già esistente all interno del sito espositivo. È un antica e tradizionale cascina, tipica della campagna milanese, e parte del patrimonio storico, architettonico e ambientale lombardo che Expo 2015 S.p.A. sta ristrutturando. Con una superficie complessiva di mq, di cui mq di spazi interni su due livelli e mq di spazi aperti, la Cascina è uno degli spazi espostivi più grandi di Expo Milano 2015, collocata in una posizione privilegiata: a circa 700 metri dall accesso ovest, l ingresso principale del sito espositivo. I Iavori di restauro e riadattamento dei tre edifici che la compongono e degli spazi aperti sono iniziati nel settembre 2013 e termineranno nel dicembre 2014, per un investimento pari a 9,4 milioni di euro. Cascina Triulza sarà un luogo di identità, unicità e impatto che resterà anche dopo il Al termine dei lavori la Cascina verrà consegnata alla Fondazione Triulza. presenza delle organizzazioni della società civile di alto livello, che avrà una presenza diffusa in tutto il sito espositivo attraverso spazi e modalità diverse per parlare ai visitatori. La giornata di oggi testimonia la fiducia reciproca e la positiva collaborazione avviata ormai da tempo con un importante rappresentanza della società civile italiana che, siamo certi, si farà a sua volta promotrice del coinvolgimento internazionale e contribuirà in maniera concreta allo sviluppo del tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. Fondazione Triulza rappresenta un ampio e plurale network di realtà del Terzo Settore, nazionali e internazionali, che hanno voluto impegnarsi in prima linea perché Expo Milano 2015 possa diventare una concreta opportunità per la Società Civile di tutto il mondo. Queste organizzazioni quotidianamente lavorano, innovano e cercano di influenzare le scelte politiche ed economiche sui temi dell alimentazione e della sostenibilità ambientale e sociale. Il progetto intende rendere queste realtà protagoniste non solo nel dibattito che si aprirà il 1 maggio 2015 sul tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita ma, soprattutto, nella costruzione di proposte per il futuro. L obiettivo è l apertura di un cantiere permanente di idee, progetti, attività e iniziative culturali che potranno contribuire al lascito immateriale dell Esposizione Universale: un percorso prima, durante e dopo Expo Milano 2015 che prevede, inoltre, la partnership con importanti enti filantropici nazionali e internazionali e l avvio di nuove forme di collaborazione con le Istituzioni Pubbliche e le Aziende che vorranno partecipare alle attività e al programma culturale del Padiglione della Società Civile. Il nostro progetto - ha spiegato Sergio Silvotti, Presidente di Fondazione Triulza - si sta particolarmente focalizzando nella promozione di un Expo Diffuso, che valorizzi i territori e le nostre organizzazioni anche fuori dal sito espositivo; nella promozione di un effettivo protagonismo dei giovani nello sviluppo del Tema, attraverso un loro coinvolgimento attivo; nella ricerca di soluzioni di ospitalità alternative e accessibili a tutti e nell attenzione verso criteri etici e ambientali che uniformeranno il lavoro della Fondazione e le proposte che daranno vita al Programma Culturale di Cascina Triulza. Fondazione Triulza e la partecipazione attiva della Società Civile Expo Milano 2015 si è fortemente impegnata nella promozione della partecipazione della società civile - ha spiegato Giuseppe Sala, Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015 ed Amministratore Delegato di Expo 2015 S.p.A. -. Cascina Triulza sarà motore di una Ampia soddisfazione è stata manifestata dal Vicepresidente di Confcooperative Lombardia e Confcooperative Milano, Lodi, Monza e Brianza, Massimo Minelli, componente del Consiglio di Amministrazione di Fondazione Triulza. Il mondo cooperativo è impegnato attivamente nel progetto del padiglione della società civile, il primo della storia, nella 10

11 convinzione che il tema dell expo 2015 ha molti aspetti che sono parte della vita quotidiana delle nostre cooperative - ALLEANZA COOPERATIVE ITALIANE "NOTE & COMMENTI": LE PRINCIPALI DINAMICHE CONGIUNTURALI NELLA COOPERAZIONE AGROALIMENTARE È on line il numero X di Note e commenti il working paper statistico - economico realizzato dagli uffici studi di Confcooperative, Legacoop e Agci per l Alleanza delle Cooperative Italiane. Il X numero Note & Commenti rappresenta un focus settoriale sulla cooperazione agroalimentare desunto dalla prima indagine congiunturale quadrimestrale realizzata nel mese di Gennaio 2014 dall Ufficio Studi Agci, dall Area Studi Confcooperative e dal Centro Studi Legacoop. Nella cooperazione agroalimentare anche l ultimo quadrimestre del 2013 conferma le indicazioni di stagnazione della domanda espresse dalle cooperative con riferimento al 2013 nel suo complesso. In particolare, negli ultimi quattro mesi dell anno trascorso non si registrano segnali di inversione. Nello studio analizzate le tendenze relative a fatturato, ordini, prezzi, occupazione e accesso al credito. Per accedere al X numero di Note&Commenti ALLEANZA COOPERATIVE ITALIANE I RAPPORTO CONGIUNTURALE ALLEANZA DELLE COOPERATIVE «Pesano difficoltà accesso al credito, debiti PA e concorrenza sleale. Temuta e annunciata arriva la frenata nell occupazione che era cresciuta anche nei sei anni di crisi» Un impresa su sei prevede di espandere la propria attività durante l anno appena iniziato. Una su quattro aumenterà gli investimenti, ma, dopo sei anni di crisi, i ritardi nei pagamenti e le difficoltà con il credito, in primis, pesano anche sulla cooperazione. E i contraccolpi temuti e annunciati fanno si che per la prima volta l occupazione, cresciuta anche nei sei anni di crisi, conoscerà una flessione. Nelle previsioni per il 2014 sette cooperative su dieci prevedono di conservare i livelli occupazionali, due imprese su dieci prevedono di ridurli, una su dieci ha in programma di aumentarli. Sono questi alcuni dei risultati che emergono dalla prima indagine congiunturale sugli ultimi quattro mesi del 2013 e le previsioni per il primo quadrimestre 2014, prodotta dal lavoro congiunto dell Ufficio Studi Agci, dall Area Studi Confcooperative e dal Centro Studi Legacoop. Lo studio ha per oggetto un campione di cooperative rappresentativo delle aderenti all Alleanza delle Cooperative Italiane, che danno lavoro a persone sviluppando un fatturato di 140 miliardi, pari all 8% del PIL. Le criticità: accesso al credito, ritardi pagamenti e concorrenza sleale Questa domanda anemica si accompagna a un peggioramento ulteriore per l accesso al credito: nell ultimo quadrimestre 2013 tra le cooperative che hanno richiesto un prestito il 17,1% non l ha ottenuto, il 14,1% ha ricevuto meno di quanto necessario, il 15,4% ha ricevuto richieste di rientro, mentre il 31% ha segnalato un rialzo dello spread. I tempi di pagamento sono migliorati per l 11,4% delle imprese mentre ben il 27,1% denuncia nonostante gli interventi del Governo per sbloccare i crediti verso la PA un ulteriore peggioramento. La liquidità disponibile viene giudicata buona, così, solo dal 31,3% delle cooperative. Questo quadro giustifica una coltre di scetticismo sull anno appena iniziato: neanche una cooperativa su dieci (8,2%) è fiduciosa sui destini dell economia italiana, mentre una su tre (34,7%) teme un ulteriore avvitamento. Crescono le cooperative che lamentano i danni ricevuti da dumping e concorrenza sleale. Andamento della domanda Il giudizio sull andamento della domanda è molto pesante per l ultimo quadrimestre 2013 negativo per il 57,8% delle cooperative e positivo solo per il 4,5% - mentre, pur restando negativo, migliora sul fronte previsionale, essendo negativo per il 21,1% e positivo per il 15,4% degli interpellati. Questa leggera schiarita non si riverbera, però, sul fatturato, che in questo quadrimestre diminuirà per una cooperativa su quattro (24,2%) mentre migliorerà solo per una su cinque (21,1%). Gli aspetti positivi: fatturato, investimenti e fusioni Nonostante tutto ciò la cooperazione continua a scommettere su di sé. Il numero di grandi cooperative che registra un aumento di fatturato è più rilevante di quelle che ne denunciano una diminuzione; il contrario si verifica (con maggiore intensità) per le PMI. (Combinando le due opposte dinamiche, si può concludere che il fatturato complessivo è 11

12 rimasto stabile o è leggermente aumentato rispetto al 2012). Le più grandi, ritengono di poter crescere (in termini di fatturato) più di quanto non prevedano per la domanda complessiva e per l economia nel suo insieme. Il 23,4% delle imprese programma, infatti, di aumentare durante i primi mesi di quest anno gli investimenti; il 16,9% prevede un espansione della cooperativa (a fronte di un 12,8% che immagina un arretramento); il 17,9% sta mettendo in cantiere accordi, integrazioni e fusioni per sviluppare migliori sinergie. Occupazione Le conseguenze negative del perdurare della crisi, temute e annunciate si sono riflesse anche sull occupazione. Dopo sei anni di tenuta l occupazione inizia, infatti, a dare i primi segni di cedimento anche in ambito cooperativo. Nell ultimo quadrimestre 2013 il 19,5% prevedeva tagli e solo il 15% aumenti. Una forbice che si allarga ancora nelle previsioni per il primo quadrimestre 2014, con i tagli confermati dal 20% delle cooperative ma gli incrementi occupazionali messi in programma solo dal 10,7%. Per la prima volta da dieci anni l occupazione conoscerà dunque una flessione anche in ambito cooperativo. rapporto FEDERABITAZIONE NUOVO ACCORDO QUADRO FEDERABITAZIONE/GRUPPO ASSIMOCO A seguito della sottoscrizione del Protocollo di Intesa del 2012 tra Confcooperative e Gruppo Assimoco è stato siglato, con decorrenza dal 01/01/2014, l Accordo Quadro tra Federabitazione e lo stesso gruppo assicurativo. L Accordo Quadro si pone come principali obiettivi: Garantire alle aderenti dell abitazione un elevata qualità del servizio e l effettiva rispondenza delle coperture alle loro reali esigenze assicurative; Prevedere per i prodotti, tariffe eque e comunque competitive con quelle praticate, per analoghe garanzie, dalle migliori imprese del mercato; Prevedere una completa offerta assicurativa per le Cooperative edilizie di abitazione, i loro soci e famigliari conviventi. A completamento della gamma di offerta è previsto un protocollo specifico Linee Guida polizze Fidejussone. Per agevolare l identificazione delle necessità assicurative nel ciclo completo del settore edilizio proprio delle Cooperative di Abitazione vi è un depliant informativo specifico. Strutture agenziali del Gruppo Assimoco in Lombardia FEDERLAVORO CONTRASTO AL DUMPING Alleanza Cooperative al Ministero del Lavoro Contrasto al dumping e alla concorrenza sleale «L Alleanza delle Cooperative chiede il contrasto della concorrenza sleale e del dumping contrattuale. Siamo da sempre in prima fila nel chiedere severità nei controlli, verso tutte le forme d impresa e le false cooperative create apposta e strumentalmente. Da queste riceviamo un doppio danno: economico e di immagine, uno più grave dell altro. Ci siamo impegnati a inviare al governo, un documento con misure operative che agevolino le Direzioni Territoriali del Lavoro nell individuare, con maggiore tempestività, i casi di esternalizzazioni creati ad hoc. È un economia pirata che produce effetti devastanti per le imprese sane e che va contrastata severamente». Lo ha affermato in una nota l Alleanza delle Cooperative Italiane presente il 13 febbraio al tavolo di confronto al ministero del Lavoro. «Già nel 2007 con l Avviso Comune siglato da Confcooperative, Legacoop e Agci, i ministeri del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Cgil Cisl e Uil abbiamo messo un primo freno che ha visto la nascita di oltre 100 Osservatori provinciali del Lavoro volti a individuare ogni forma di dumping e illegalità. Occorre conclude la nota che i controlli da parte degli ispettori della Pubblica Amministrazione siano intensificati e più mirati». FEDERLAVORO E SERVIZI PULIZIE NELLE SCUOLE Stronati Federlavoro Servizi Confcooperative con AnipFise Confindustria e Legacoop Servizi «Dal 1 marzo disservizi in quasi edifici scolastici e a rischio 11 mila posti di lavoro» Totale incertezza sui servizi di pulizia di edifici scolastici in tutta Italia, una riduzione del personale di circa unità (concentrata particolarmente nelle Regioni del Centro Sud) e una tassa di circa 15 milioni di euro che graverà sulle imprese a seguito delle decisioni del Governo. E questo lo scenario a tinte fosche, illustrato stamane nel corso di una conferenza stampa dai Presidenti delle tre Associazioni che rappresentano le imprese del settore pulizie e multiservizi Massimo Stronati - Federlavoro e Servizi Confcooperative, Lorenzo Mattioli - ANIP FISE/Confindustria e Fabrizio Bolzoni - Legacoop Servizi che 12

13 in assenza di un tempestivo intervento da parte del nuovo Governo e del Ministero dell Istruzione, si profila per le scuole italiane a partire dal 1 marzo. Non si tratta di un emergenza improvvisa, ma di un disastro annunciato e più volte evidenziato al Governo e al Ministero dell Istruzione dalle Associazioni di Categoria, che nasce dai radicali tagli lineari operati in questo settore dal precedente Esecutivo (e da quelli che lo hanno preceduto) che, con l ultima Legge di Stabilità, ha ridotto drasticamente (-48%) per il 2014 gli importi destinati alla pulizia delle scuole, passando da 545 mln a 284 mln di euro. La spesa per i servizi di pulizia passa così dall 1% allo 0,5% dell intero bilancio del Ministero dell Istruzione. Alla riduzione delle risorse va aggiunta una loro ripartizione, territoriale e per scuola, basata su criteri determinati dal Miur (i cosiddetti posti accantonati ), che molto spesso non corrispondono alle reali esigenze del singolo plesso: in alcuni casi potrebbero esserci carenze e in altri risorse in eccedenza. La stessa Legge di Stabilità aveva determinato una proroga tampone di due mesi (fino al 28 febbraio), nel corso dei quali un tavolo tecnico guidato dai Ministeri dell Istruzione, del Lavoro e dello Sviluppo Economico con Enti Locali, Imprese e Sindacati avrebbe dovuto individuare soluzioni normative o amministrative ai problemi occupazionali connessi alla gestione dei servizi di pulizia. Gli incontri non hanno dato esito positivo, anche a causa delle palesi divergenze tra i rappresentanti dei diversi livelli istituzionali su ruoli e compiti del tavolo stesso, e i problemi sono rimasti insoluti. A rendere la situazione ancora più drammatica per il settore c è la tassa sul licenziamento ASPI (prevista dalla Legge Fornero) che le imprese dovranno corrispondere agli addetti che perderanno il lavoro per il taglio della spesa determinata dal Governo: circa euro per ogni lavoratore. Una partita da oltre 15 mln di euro che graverà sulle imprese del settore già penalizzate dalla riduzione degli appalti e per scelte operate dal Governo. Una tassa paradossale, anche perché con valenza retroattiva rispetto a questi appalti, e il cui pagamento è fondamentale per il rilascio del DURC e, di conseguenza, per incassare i pagamenti dai clienti. La politica continua a essere assente e si continua a tagliare su servizi essenziali, mettendo a rischio la salubrità degli ambienti e il diritto allo studio di milioni di studenti, affermano le tre associazioni promotrici della conferenza stampa. Ad oggi le persone che svolgono il servizio di igiene ambientale e ausiliariato in circa scuole italiane sono oltre Di queste, circa sono ex lavoratori socialmente utili (soprattutto al Sud), mentre i restanti, presenti su tutto il territorio nazionale, fanno parte dei cosiddetti appalti storici. Il maggior numero di esuberi si concentra nelle Regioni centro - meridionali come Campania (3.500, soprattutto nel napoletano e casertano), Puglia (1.300), Calabria (800), Sicilia (oltre 650) e Lazio (600). Anche al Nord i tagli governativi porteranno alla perdita di numerosi posti di lavoro in Lombardia (500) e Piemonte (500). In alcune di queste Regioni la riduzione della spesa ha superato anche il 50%: in Campania, ad esempio, si passa da 167 mln a 64 mln di euro, in Calabria da 50 mln a 20 mln di euro. Situazioni particolarmente difficili si profilano, inoltre, per quelle Regioni (Sicilia, Calabria, Basilicata e Campania) in cui gli appalti per i servizi di pulizia delle scuole non sono stati ancora assegnati o sono oggetto di contenzioso. Non è chiaro cosa accadrà negli edifici scolastici di queste Regioni a partire dal 1 marzo, con il rischio di non potere applicare la clausola sociale prevista dal CCNL a tutela dei lavoratori e dovere pagare la tassa sul licenziamento da parte delle imprese. FORMAZIONE FONCOOP: AL VIA IL CONTO FORMATIVO ANCHE IN LOMBARDIA Con una dotazione di 17,7 milioni di euro Fon.Coop. ha messo a disposizione delle imprese il Conto Formativo 2012 e l anticipo del Per le risorse 2013, la programmazione di quest anno ha dovuto tener conto del prelievo disposto nel maggio scorso dal Governo su tutti i Fondi Interprofessionali per finanziare la Cassa Integrazione in deroga. Il Fondo delle cooperative ha subito un taglio di 7,9 milioni di euro dei versamenti 2013, pari al 30,32% delle risorse attese. Il CdA di Fon.Coop si è impegnato a ridurre notevolmente l impatto della decurtazione. In particolare per il Conto Formativo il taglio è decisamente lieve, solo del 6%. Le imprese più piccole potranno presentare i piani in forma aggregata del valore minimo di euro per tutto l arco dell anno. Inoltre i consorzi, le società capogruppo, i gruppi cooperativi paritetici, i contratti di rete, le società cooperative socie di una società cooperativa di secondo livello possono attivare il Conto Formativo di Gruppo, che consente di aggregare le risorse di tutte le associate per uno o più piani formativi. 13

14 Le Unioni territoriali di Confcooperative in Lombardia ed i soci operativi di Irecoop Lombardia sono a disposizione delle cooperative per fornire supporto e consulenza alla presentazione dei progetti formativi. Pagina sul sito di Foncoop dedicato al conto formativo BRESCIA PROGETTO GENITORI DI GRUPPO Proposto dall Associazione Amici degli Elefanti Volanti E stato presentato il Progetto GENITORI DI GRUPPO cofinanziato dalla Regione Lombardia e proposto dall'associazione Amici degli Elefanti Volanti, sostenuto dal Comune di Brescia in collaborazione con il Consultorio Familiare CrescereInsieme di San Polo, l'istituto Comprensivo Est 1 di Brescia (Scuola dell infanzia Andersen, Scuola Primaria S.M. Bambina, Scuola Secondaria 1 grado "G. Tovini"), l'oratorio S. Angela Merici di San Polo e la Cooperativa Sociale Elefanti Volanti. Il progetto prevede modalità innovative di messa in rete delle realtà che vengono a contatto con famiglie in situazioni di fragilità e prevede l'elaborazione di un progetto educativo comune che valorizzerà il ruolo di ogni soggetto coinvolto, a sostegno delle situazioni fragili e offre alle famiglie l'opportunità di partecipare a 4 percorsi annui articolato in 6 incontri che si svolgeranno a cadenza quindicinale. Consultorio Familiare CrescereInsieme - tel.030/ restituzione della dignità umana alle persone più emarginate del territorio, con i principi ecologici e ambientali. Cauto declina oggi la propria missione sociale e i propri principi ecologici in molteplici settori operativi per lo svolgimento di servizi così vari e differenti che vanno dai traslochi e sgomberi alla manutenzione del verde pubblico e privato, dal negozio dell'usato Spigolandia ai trasporti, dalle consulenze ambientali all'educazione ambientale dalla gestione delle isole ecologiche alle raccolte differenziate sul territorio. La presenza di volontari è preziosa soprattutto per la valorizzazione di settori in cui sono evidenti la valenza ambientale e il contenimento degli sprechi. Se il cuore di Cauto è la gestione virtuosa dei rifiuti, le attività e i servizi che alimentano questo cuore sono orientate alla riduzione dei rifiuti. Una parte importante e attiva in queste attività con grande valenza ecologica sono portate avanti da volontari. In particolare la Dispensa Sociale, settore in cui si recuperano beni alimentari invenduti provenienti dalla grande distribuzione organizzata, i volontari selezionano, separano tonnellate di beni altrimenti destinate a divenire rifiuti; quindi settimanalmente smistano e distribuiscono a più di 100 organizzazioni ed enti benefici i beni. Il sistema di valorizzazione di prodotti che altrimenti verrebbero gettati e la distribuzione gratuita agli enti è possibile grazie alla collaborazione e l'impegno dei volontari. Le attività di cernita dei beni recuperati da sgomberi, svolta nel settore Ricicleria e l'attività di vendita dei beni usati tramite Spigolandia sono possibili anche grazie ai volontari. Tutto questo e tanto altro ancora può concretamente fare in Cauto chi pensa sia importante prevenire i rifiuti, ridurre gli sprechi alimentari, rispettare e tutelare l'ambiente. VOLONTARIAMENTE CAUTO BRESCIA CERCASI VOLONTARI CAUTAMENTE! Cauto Cantiere Autolimitazion e è la cooperativa sociale che molti conoscono per i servizi ambientali svolti sul territorio di Brescia e Provincia; un cantiere laborioso per l'autolimitazione degli sprechi e la riduzione dei rifiuti che opera dal 1995 e prima ancora grazie alla collaborazione di diverse persone impegnate a titolo volontario per la valorizzazione della dignità umana dei più bisognosi. La cooperativa sociale nel 1995 è nata infatti come evoluzione di una associazione di volontariato omonima costituita nel La veste giuridica e istituzionale della cooperativa sociale di tipo B, coniugava allora e oggi la missione sociale della Pensi sia importante: - la tutela dell ambiente! - il riciclaggio dei rifiuti! - la riduzione degli sprechi alimentari! Come VOLONTARIO in CAUTO puoi collaborare alcune ore alla settimana. - Per recuperare prodotti alimentari invenduti nella Dispensa Sociale - Per rivalorizzare oggetti scartati nella Ricicleria. - Per il mercatino dell usato Spigolandia. - Per iniziative di Educazione Ambientale. - Per iniziative di Comunicazione e Sensibilizzazione. Aiutiamoci ad aiutare l ambiente. Per informazioni o anche fare una visita per conoscere le attività: Segreteria Cauto tel mail (rif. dott.ssa Sandra Belli) 14

15 BRESCIA PROGETTO COBS2 COMMUNITY BONDING FOR SENTENCED PEOPLE SUPERVISION Si è svolta il 19 febbraio 2014 la conferenza di avvio del progetto europeo CoBS2- Community bonding for sentenced people supervision, sostenuto da un finanziamento diretto della Direzione Generale Giustizia della Commissione Europea. Capofila del progetto è Consorzio TENDA Solidarietà e Cooperazione Brescia EST, Consorzio di Cooperative sociali operante in diverse aree di intervento dall inserimento lavorativo, grazie alla sua agenzia accreditata per il lavoro e la formazione, all intervento sociosanitario con il Centro Riabilitativo Don Serafino Ronchi. Consorzio TENDA si occupa, inoltre, da diversi anni, di persone sottoposte a procedimenti penali, intervenendo dentro e fuori dalle carceri bresciane. In questo contesto ha sviluppato con altri enti sul territorio provinciale (Istituto Razzetti, Istituto Passirano Suore Poverelle, Cooperativa Il Calabrone, Cooperativa Bessimo, Cooperativa GAIA, Sol.Co. Brescia, Associazione Carcere e Territorio, Associazione Vol.Ca.) un modello di intervento integrato, Progetto TRAME, per l accompagnamento di persone in misura alternativa al carcere, in fase di accesso e in fase di esecuzione, sperimentazione sostenuta da Fondazione Cariplo e Regione Lombardia, in conclusione al 15 marzo Grazie a questa sperimentazione e grazie al confronto operativo e metodologico condiviso con A&I scs ONLUS, capofila della sperimentazione gemella di TRAME sul territorio milanese (A.R.I.A.) è nata, nella primavera 2013 l idea progettuale alla base di CoBS2 : raccogliere, mappare e scambiare buone pratiche di intervento del privato sociale, a livello europeo. Il progetto ha preso avvio, nel mese di febbraio 2014, con un primo incontro internazionale, organizzato presso il capofila Consorzio TENDA, che ha visto la partecipazione di partner italiani quali A&I scs ONLUS, Sol.Co. Varese, Università degli Studi di Padova, Associazione ANTIGONE, e partner europei quali Cooperativa INSERCOOP (Spagna), Cooperativa EX-CELL (Regno Unito), Association Don Bosco (Francia), CECOP-CICOPA Europe (Belgio). Partners associati di progetto sono i Tribunali di Sorveglianza di Brescia e Milano, la Casa di Reclusione di Verziano, Confcooperative-Federsolidarietà. Il Kick off meeting di avvio progetto, patrocinato da Regione Lombardia, è stato aperto dai saluti del Dirigente delle Ster di Brescia, Enrico Capitanio, e ha visto la partecipazione di un ampia e significativa rappresentanza istituzionale, erano infatti presenti: Vincenza Corsini, Presidente di Consorzio TENDA, Valeria Negrini, Vicepresidente di Confcooperative- Federsolidarietà Lombardia, Claudia Andreoli per la Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale di Regione Lombardia, Monica Lazzaroni Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Brescia e Milena Cassano per il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria Lombardia. Ai saluti istituzionali è seguita, poi, la presentazione tecnica del progetto, le premesse sono state guidate da Lidia Copetta, Direttrice dell Agenzia per il Lavoro di Consorzio Tenda e rappresentante di Federsolidarietà nella commissione nazionale carcere, per poi passare agli interventi sullo sviluppo dell idea progettuale (a cura di Claudio Cazzanelli, A&I scs ONLUS) e sull articolazione delle azioni progettuali e i risultati attesi (a cura di Elena Rocca, Consorzio TENDA). Dopo la pausa, l attenzione è stata rivolta ad una prospettiva più europea, per incentivare e sostenere approcci di ricerca e operativi extra-territoriali, per presentare il progetto soprattutto come occasione di scambio e crescita per diversi territori coinvolti. In quest ottica è intervenuta la Prof.ssa Francesca Vianello, per il Dipartimento di Sociologia dell Università di Padova, illustrando il Libro verde sulla detenzione e facendo riferimento alla principale produzione bibliografica europea sul tema. In chiusura, l intervento di Alessio Scandurra per Associazione Antigone, che ha illustrato altri due progetti finanziati dalla Direzione Generale Giustizia della Commissione Europea: l Osservatorio europeo sulla detenzione (in corso) e l Osservatorio europeo sulle misure alternative ( in partenza) con i quali il progetto CoBS2, tesserà importanti scambi, mettendo in comune informazioni ed esperienze. Grazie alle reti italiane di Confcooperative-Federsolidarietà e europee di Cecop-Cicopa Europe, il progetto mira a raccogliere e mappare le esperienze degli enti di privato sociale, con un focus speciale sull approccio cooperativo, nell accompagnamento di persone in misura alternativa esterna. I primi mesi di progetto saranno dedicati a definire gli strumenti di rilevazione delle esperienze, grazie al supporto dell Università di Padova, e la fase di raccolta prenderà avvio verso maggio Le cooperative interessate ad avere maggiori informazioni sul progetto e/o che desiderino partecipare alla mappatura, possono contattare Consorzio TENDA al seguente indirizzo : 15

16 BRESCIA CONVEGNO GIOVANI DI FRONTE ALLA SFIDA DELL EUROPA E DEL LAVORO Nell'ambito del seminario Giovani di fronte alla sfida dell Europa e del lavoro che si è tenuto Martedì 11 febbraio a presso la Sala Consiliare della CCIAA di Brescia organizzato dalla stessa Camera di Commercio e dalla Confraternita dei Santi Faustino e Giovita con la collaborazione di Confcooperative Brescia. Il Presidente di Confcooperative Brescia Marco Menni ha introdotto i lavori dell'incontro che ha messo a confronto idee e progetti per cogliere al meglio le occasioni offerte dall Europa. Sono intervenuti anche rappresentanti di cooperative aderenti. GIOVANI I GIOVANI COOPERATORI LOMBARDI DI SI CONFRONTANO I temi emersi nell incontro del 31 gennaio Sono contento di questo primo incontro a Milano, credo che avevamo bisogno di uno spazio e di un momento per i giovani cooperatori lombardi di Confcooperative ed ora è importante che insieme portiamo avanti questo lavoro di rete insieme cosi ha commentato Mattia Affini portavoce nazionale della consulta dei giovani cooperatori di Confcooperative, a margine dell incontro dello scorso 31 gennaio svolto presso la sede di Confcooperative Lombardia a Milano. Ha poi continuato Affini: L incontro è stato un occasione sicuramente di prima conoscenza reciproca e di messa a fuoco di alcuni temi e di alcuni fabbisogni dei territori e delle singole realtà quali la formazione e l aggiornamento, il tema della progettazione su bandi e gare complessi e più in generale il tema dell innovazione e dello sviluppo di impresa cooperativa anche attraverso l utilizzo di nuove forme di comunicazione e nuovi approcci al mercato. Speriamo ci siano presto nuove occasioni di confronto e di collaborazione insieme. BCC I GIOVANI SOCI DI BCC DI CARUGATE E INGAZO PER LA SOLIDARIETA IL SORRISO A quasi due anni dalla sua formazione, BCC Young, il gruppo dei giovani Soci di BCC Carugate e Inzago, è oggi orgoglio della Banca e protagonista delle attività che essa organizza. I giovani soci intendono affermare i valori che differenziano BCC Carugate e Inzago dalle altre banche, attraverso l'organizzazione di seminari e conferenze, nonché momenti di aggregazione (sportivi e culturali) e, soprattutto, opere di solidarietà. Lo scorso dicembre, coscienti del momento di crisi economica che stanno vivendo le associazioni senza scopo di lucro, i ragazzi di BCC Young (circa 100 giovani), hanno deciso di sostenere le attività della Cooperativa Sociale "La Solidarietà - Il Sorriso" di Carugate, per una somma totale di Molti ragazzi disabili avranno così la possibilità di esprimersi secondo le proprie capacità, partecipando ad attività lavorative e ricreative migliorando la qualità della loro vita, nonché quella dei propri familiari. FEDERABITAZIONE NUOVO PROFILO TWITTER Federabitazione Lombardia diventa social E aperto il profilo Twitter di Federabitazione Lombardia. Un nuovo canale per comunicare e informare in modo diretto i cittadini, i cooperatori e i giornalisti in merito alle attività di Federabitazione Lombardia (servizi, progetti in corso e nuove iniziative) e i temi di interesse per il mercato dell'abitazione e il comparto cooperativo. Come seguire Federabitazione Lombardia su Twitter? Il procedimento è molto semplice. Ovviamente si deve essere in possesso di un account personale Twitter. Accedendo con il proprio account non si dovrà fare alto che 16

17 utilizzare la funzione cerca, inserendo al suo interno l Una volta trovato l account associato al nome, si dovrà cliccare sul tasto Segui e potrete iniziare a seguire i tweet (messaggi) di Federabitazione Lombardia. Per ogni forma di interazione con Federabitazione Lombardia l'invito è adottare #federabitazionelomb come hashtag di riferimento, ossia la parola preceduta dal simbolo cancelletto (#) che serve per etichettare e rintracciare soggetti di interesse nel flusso di messaggi di Twitter. LE SEDI DI IN LOMBARDIA LOMBARDIA Via Fabio Filzi MILANO Tel Fax : Il sito per le cooperative e per i cooperatori FEDAGRI PAGINA FACEBOOK DI FEDAGRI E stata attivata la pagina ufficiale di Fedagri sul social network Facebook. Nella pagina sarà dato ampio spazio a ciò che accade nella vita di Fedagri - eventi, iniziative, pubblicazioni di comunicati e interviste, segnalazioni di notizie di attualità del settore- garantendo al tempo stesso ampia visibilità a tutte le notizie provenienti dai territori e dalle cooperative agricole associate. Inoltre è sufficiente cliccare il tasto mi piace sulla pagina ufficiale di Fedagri per poter diventare fun e cominciare a visualizzare gli aggiornamenti, le notizie e i commenti in tempo reale. La pagina ufficiale di Fedagri BERGAMO Via Carlo Serassi, Bergamo Tel: 035/ Telefax: 035/ COMO Via Martino Anzi, Como Tel: Telefax: LECCO Via Belvedere, Lecco Tel: Telefax: MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Via Decorati al Valor Civile, Milano Tel: 02/ Telefax: 02/ SONDRIO Viale Milano, Sondrio Tel: 0342/ Telefax: 0342/ BRESCIA Via XX Settembre, Brescia Tel: 030/37421 Telefax: 030/47013 CREMONA Via del Sale, 40/E Cremona Tel: 0372/ Telefax: 0372/ MANTOVA Via Cappello, Mantova Tel: 0376/ Telefax: 0376/ PAVIA Via Mascheroni, Pavia Tel: 0382/28850 Telefax: 0382/ VARESE Viale Aguggiari, Varese Tel: 0332/ Telefax: 0332/

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 3 a CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

Confcooperative per Te in Lombardia

Confcooperative per Te in Lombardia Confcooperative per Te 2013 al servizio delle cooperative e dei cooperatori Confcooperative per le cooperative per le cooperative di abitazione per le cooperative agricole per le cooperative di consumo

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE DELEGA RECANTE NORME RELATIVE AL CONTRASTO ALLA POVERTÀ, AL RIORDINO DELLE PRESTAZIONI E AL SISTEMA DEGLI

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

La cooperazione lattiero casearia nel comprensorio Parmigiano Reggiano della provincia di Mantova

La cooperazione lattiero casearia nel comprensorio Parmigiano Reggiano della provincia di Mantova La cooperazione lattiero casearia nel comprensorio Parmigiano Reggiano della provincia di Mantova RAPPORTO CONGIUNTURALE 2011 La difficoltà non sta nelle idee nuove, ma nell emancipazione da quelle vecchie

Dettagli

Emergenza credito anche per le libere professioni

Emergenza credito anche per le libere professioni Lunedì 18 marzo 2013 Emergenza credito anche per le libere professioni È allarmante il quadro economico delle professioni che è emerso nel corso del consiglio di amministrazione di Fidiprof Nord e di Fidiprof

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE CGIL SPI TORINO TORINO TORINO I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE Nel corso degli ultimi anni la fase di contrattazione con i Comuni sulle loro politiche di bilancio, è andata incontro a molte difficoltà.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

Comunicazione di Dora Iacobelli dopo la nomina a Vicepresidente Legacoop

Comunicazione di Dora Iacobelli dopo la nomina a Vicepresidente Legacoop Comunicazione di Dora Iacobelli dopo la nomina a Vicepresidente Legacoop Ringrazio per la fiducia che mi è stata accordata, con la piena consapevolezza della complessità' della fase che l organizzazione

Dettagli

Consiglio comunale straordinario Faenza, sabato 28 novembre 2015

Consiglio comunale straordinario Faenza, sabato 28 novembre 2015 Consiglio comunale straordinario Faenza, sabato 28 novembre 2015 Manuela Rontini Consigliere regionale Presidente della Commissione «Territorio Ambiente Mobilità» dell Emilia-Romagna «Lavoro, lavoro, lavoro:

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

PIANO D IMPRESA 2013-2015

PIANO D IMPRESA 2013-2015 PIANO D IMPRESA 2013-2015 Poca favilla, gran fiamma seconda Dante, Paradiso I, 37 Le cooperative ricordano alla comunità internazionale che è possibile conciliare la produttività economica con la responsabilità

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/110/CRFS/C8 LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA: Confindustria

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3423 Seduta del 17/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3423 Seduta del 17/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3423 Seduta del 17/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni

Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni www.regioni.it Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO Confindustria prevede crescita 0 ; OCSE indica una disoccupazione giovanile al 28%; Gli organismi

Dettagli

L esperienza delle Imprese sociali Italiane Giuseppe Guerini Alleanza delle Cooperative Sociali Italiane

L esperienza delle Imprese sociali Italiane Giuseppe Guerini Alleanza delle Cooperative Sociali Italiane L esperienza delle Imprese sociali Italiane Giuseppe Guerini Alleanza delle Cooperative Sociali Italiane Siamo lieti che il Governo Italiano abbia deciso di organizzare questa Conferenza, nel contesto

Dettagli

Politica Agricola Comune (PAC)

Politica Agricola Comune (PAC) Politica Agricola Comune (PAC) La Politica Agricola Comune (PAC) rappresenta l'insieme delle regole che l'unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2514 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2514 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2514 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE UNA PROPOSTA ALL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELLA BRIANZA COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE Il contesto territoriale Il territorio della Provincia di Monza e della

Dettagli

Osservatorio Professione Architetto nella Provincia di Como

Osservatorio Professione Architetto nella Provincia di Como Osservatorio Professione Architetto nella Provincia di Como L Osservatorio sul Mercato della Progettazione Architettonica realizzato dal Cresme per il Consiglio nazionale dell ordine degli Architetti,

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELL ASSISTENZA SOCIALE E I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE

LA PROGRAMMAZIONE DELL ASSISTENZA SOCIALE E I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE LA PROGRAMMAZIONE DELL ASSISTENZA SOCIALE E I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE A cura di Amedeo Di Filippo Dirigente del Comune di Perugia 1) MODELLO ORGANIZZATIVO 2) PROGRAMMAZIONE SOCIALE 3)

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l DOCUMENTO CONGIUNTO Unioncamere Assoconfidi sulle politiche per l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese ***** Il sistema della garanzia è soggetto da alcuni anni a un forte processo evolutivo,

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 1746 Seduta del 18/05/2011

DELIBERAZIONE N IX / 1746 Seduta del 18/05/2011 DELIBERAZIONE N IX / 1746 Seduta del 18/05/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

Dichiarazione di intenti. del Presidente. del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL

Dichiarazione di intenti. del Presidente. del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL Dichiarazione di intenti del Presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL Francesco Rampi Roma, 1 ottobre 2013 L occasione dell insediamento della quinta consiliatura del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Torino Palazzo Cisterna 05 luglio 2011 PROTOCOLLO D INTESA PER IL MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO Il Sistema Congressuale Italiano nel primo semestre 2003 Copyright 2003 Convention Bureau della Riviera di Romagna Meeting e Congressi - Ediman Alma Mater Studiorum Università

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 2013 Sommario SINTESI...

Dettagli

Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle risorse e nuovi bisogni.

Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle risorse e nuovi bisogni. Assemblea regionale di Legacoopsociali della Sardegna Cagliari, 25 gennaio 2013 Caesar Hotel Via Darwin 2/4 Il ruolo della cooperazione sociale nel sistema di servizi sociali e sanitari tra tagli alle

Dettagli

IV CONGRESSO NAZIONALE FEDERSANITÀ ANCI ROMA 15 16 OTTOBRE 2014 RASSEGNA STAMPA

IV CONGRESSO NAZIONALE FEDERSANITÀ ANCI ROMA 15 16 OTTOBRE 2014 RASSEGNA STAMPA IV CONGRESSO NAZIONALE FEDERSANITÀ ANCI ROMA 15 16 OTTOBRE 2014 RASSEGNA STAMPA ARTICOLO SOLE 14 OTTOBRE 2014 ARTICOLO SOLE ONLINE 15 OTTOBRE 2014: per leggere la notizia completa vai su http://www.sanita.ilsole24ore.com/art/regioni

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

Le news settimanali del Consorzio Camerale

Le news settimanali del Consorzio Camerale N.17 Anno I Nuova Edizione Le news del Consorzio Camerale Le news settimanali del Consorzio Camerale SOMMARIO News Pagamenti della Pubblica Amministrazione: le novità introdotte Commissione europea: modalità

Dettagli

PROGETTO il TRAPEZIO

PROGETTO il TRAPEZIO PROGETTO il TRAPEZIO OBIETTIVI GENERALI Il Trapezio ha un obiettivo generale di tipo preventivo: interviene, cioè, per trasformare quelle condizioni che possono portare a forme di disagio sociale conclamato.

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Fiat Industrial S.p.A. Assemblea Straordinaria degli Azionisti

Fiat Industrial S.p.A. Assemblea Straordinaria degli Azionisti Fiat Industrial S.p.A. Assemblea Straordinaria degli Azionisti Intervento del Presidente, Sergio Marchionne Centro Congressi Lingotto, 9 luglio 2013 h 16:30 Signori Azionisti, prima di passare alla discussione

Dettagli

CAGLIARI 26 febbraio 2015

CAGLIARI 26 febbraio 2015 CAGLIARI 26 febbraio 2015 FondoSviluppo S.p.A Direttore Dr.ssa Silvia Rossi rossi.si@confcooperative.it ********************** FondoSviluppo rappresenta uno strumento formidabile in un momento come questo

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

speciale Supplemento al n 8 del 7 maggio 2015

speciale Supplemento al n 8 del 7 maggio 2015 B r e s c i a Notizie speciale Supplemento al n 8 del 7 maggio 2015 Cari amici cooperatori, ecco EXPO2015 ha aperto i battenti e ora, più che mai, è necessario concentrare gli sforzi perché diventi un

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2435 Seduta del 26/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2435 Seduta del 26/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2435 Seduta del 26/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DOTE SPORT 2015-2016

DOTE SPORT 2015-2016 DOTE SPORT 2015-2016 E attiva la procedura per l ottenimento della cosiddetta DOTE SPORT - A.S. 2015/2016 di Regione Lombardia, contributo volto a ridurre i costi per lo svolgimento di attività sportive

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil

Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Una mobilitazione generale per chiedere al governo di intervenire su

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1262 Seduta del 24/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1262 Seduta del 24/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1262 Seduta del 24/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Ufficio Ricerca e Studi Asti, 28 novembre 2014 Perché Social housing La questione abitativa in Italia ha acquisito, nel corso degli ultimi

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Grazie presidente Cerchiai. Presidente Giannini, assicuratori, signore e signori,

Grazie presidente Cerchiai. Presidente Giannini, assicuratori, signore e signori, ASSEMBLEA ANNUALE DI ANIA (Roma, 2 luglio 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Grazie presidente Cerchiai. Presidente Giannini, assicuratori, signore e signori, l

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 Il 1 giugno abbiamo ricevuto la Vostra piattaforma per il rinnovo

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA La riforma sanitaria e socio-sanitaria Per iniziare a parlare di riforma sanitaria, socio-sanitaria e sociale nel nostro territorio dobbiamo

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

Ferisce più la penna che la spada

Ferisce più la penna che la spada Anno X Gennaio 2015 Ferisce più la penna che la spada Sommario 3 Anno X N 24 - Gennaio 2015 IL NUOVO MODELLO DI SERVIZIO DI BANCA DEI TERRITORI. GIOVANI E SINDACATO CHIAMA Torino Risponde A cura di Simona

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

Assemblea dei soci della Sezione INU Lombardia Milano, 29 gennaio 2014 Relazione del Segretario

Assemblea dei soci della Sezione INU Lombardia Milano, 29 gennaio 2014 Relazione del Segretario Assemblea dei soci della Sezione INU Lombardia Milano, 29 gennaio 2014 Relazione del Segretario La Relazione del Segretario dà conto delle condizioni attuali della Sezione INU Lombardia e delle iniziative

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI Responsabile: sotto il profilo gestionale Aldini Laura Sotto il profilo di indirizzo amministrativo politico Grioni Mario Linee Programmatiche 2010-2015 SEGRATE AIUTA I PIU

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1424 Seduta del 28/02/2014

DELIBERAZIONE N X / 1424 Seduta del 28/02/2014 DELIBERAZIONE N X / 1424 Seduta del 28/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO-

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- DIPARTIMENTO IMPRESA ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- ECONOMIC GROWTH:

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

LE STRATEGIE DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ NELLA REGIONE LAZIO

LE STRATEGIE DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ NELLA REGIONE LAZIO Rita Visini Assessore alle Politiche sociali e allo sport, Regione Lazio, Italia 8 luglio 2014 La Costituzione della Repubblica italiana, all articolo 3, nella parte dedicata ai principi fondamentali sui

Dettagli