Elementi fondamentali di diritto d impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi fondamentali di diritto d impresa"

Transcript

1 Elementi fondamentali di diritto d impresa La nozione giuridica di imprenditore. Il nostro ordinamento legislativo non definisce espressamente il concetto di impresa, mentre specifica che cosa si intende giuridicamente per imprenditore. 1 Secondo l art c.c., l imprenditore è colui che esercita professionalmente un attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni e servizi. Affinché un soggetto si possa definire imprenditore, devono quindi ricorrere alcune condizioni: il soggetto deve esercitare un attività economica, cioè un attività che produce ricchezza o accresce quella esistente; l attività deve essere esercitata con professionalità, vale a dire non in modo occasionale, bensì abituale; il fine deve essere la produzione o lo scambio di beni o servizi da destinare al mercato e non all autoconsumo; l attività esercitata deve essere organizzata, in quanto l imprenditore deve combinare i diversi fattori produttivi e utilizzarli in modo coordinato. L imprenditore agricolo e il piccolo imprenditore. Oltre alla figura generale di imprenditore definita dell art. 2082, il Codice civile disciplina espressamente le figure del piccolo imprenditore e dell imprenditore agricolo, ai quali vengono riconosciuti specifici vantaggi (ad esempio, entrambi non sono soggetti al fallimento). L art c.c. qualifica come piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia. In particolare la disciplina dell imprenditore artigiano è contenuta nella legge 444 del E artigiano chi svolge personalmente un attività (anche manuale) di produzione di beni o servizi. Se ne ha bisogno, l artigiano, può avvalersi dell aiuto di altro personale ma è necessario comunque che il suo lavoro prevalga sia sul lavoro di altri sia sul capitale investito nell attività. Proprio perché piccolo imprenditore, non è obbligato a tenere le scritture contabili, non sarà sottoposto al fallimento nel caso in cui si trovasse in stato di insolvenza e deve iscriversi in una sezione speciale del Registro delle Imprese in modo che chiunque voglia possa conoscere l esistenza dell impresa. È invece imprenditore agricolo, secondo l art c.c., chi esercita un attività diretta alla coltivazione del fondo, alla selvicoltura, all allevamento di animali e attività connesse. È evidente che in questo caso la tipologia di attività economica è fondamentale per la scelta di questa forma. Possono essere svolte anche attività diverse, come ad esempio produrre il vino con la propria uva ma a condizione che siano connesse con l attività agricola. Anche l imprenditore agricolo non è obbligato a tenere le scritture contabili, non è soggetto al fallimento e deve iscriversi in una sezione speciale del Registro delle Imprese in modo da consentire a chiunque di verificare l esistenza dell impresa agricola.

2 L imprenditore commerciale e il suo statuto. L art c.c. elenca nello specifico le attività che qualificano come tale l imprenditore commerciale: un attività industriale diretta alla produzione di beni o di servizi; un attività intermediaria nella circolazione dei beni; un attività di trasporto per terra, per acqua o per aria; un attività bancaria o assicurativa; altre attività ausiliarie delle precedenti. 2 Le imprese commerciali, ossia le imprese che esercitano una delle attività precedenti, sono soggette a specifici obblighi, che nel loro complesso si indicano con l espressione statuto dell imprenditore commerciale. Tali obblighi consistono principalmente: nell iscrizione in un registro pubblico, il Registro delle imprese, tenuto presso la Camera di commercio; nella redazione delle scritture contabili, in cui viene documentata l attività svolta; nella soggezione al fallimento, in caso di insolvenza. Questi obblighi sono posti soprattutto a tutela di chi è portatore di interessi nei confronti dell attività svolta dall impresa (i lavoratori, i finanziatori, i creditori, la pubblica amministrazione ecc.), soprattutto tenendo conto che le imprese commerciali possono arrivare a svolgere attività molto importanti per le collettività in cui sono inserite e con giri d affari cospicui. L impresa e l azienda. Nel linguaggio comune i termini impresa e azienda vengono spesso utilizzati come sinonimi, mentre dal punto di vista giuridico hanno significati del tutto diversi. L impresa è l attività economica di produzione o scambio esercitata dall imprenditore. L azienda (art c.c.) è il complesso dei beni che l imprenditore organizza per svolgere tale attività. L azienda è costituita da beni materiali (materie prime, macchinari, immobili ecc.), da beni immateriali (marchi, brevetti, diritti d invenzione ecc.), da contratti (ad esempio i contratti di lavoro, di fornitura di merci, di affitto ecc.), da debiti e crediti (verso i lavoratori, i fornitori, i clienti, le banche ecc.) e dal cosiddetto avviamento. L avviamento è l attitudine dell impresa a produrre ricchezza. È un concetto un po complesso, proviamo a chiarirlo con un esempio. Ipotizziamo che Marta voglia iniziare un attività di vendita di abbigliamento, rilevando un negozio già esistente nella sua città; Marta si informa e individua due negozi in vendita. Entrambi hanno un valore complessivo di euro, dato dalla somma algebrica del valore dei beni presenti in negozio (merce, arredamenti, attrezzature ecc.) e del valore dei debiti e dei crediti nei confronti dei fornitori e dei clienti. Tuttavia, un negozio si trova nel centro della città, vicino alla fermata della metropolitana e può vantare una clientela affezionata; l altro negozio è situato in periferia, poco raggiungibile con i mezzi pubblici e può contare solo su clienti occasionali.

3 È ovvio che il primo negozio ha un attitudine a produrre un reddito maggiore rispetto al secondo; pertanto, per acquistare il primo negozio, Marta dovrà corrispondere una cifra aggiuntiva ai euro, ad esempio altri euro, che rappresentano appunto il valore dell avviamento. In conclusione, possiamo dire che l avviamento dipende da un complesso di fattori: il luogo in cui l azienda si trova, il numero e il tipo di clienti, l efficienza con cui è stata gestita, la reputazione che si è fatta nel tempo. 3 Il contratto di società. L impresa può essere esercitata da un singolo individuo, l imprenditore, oppure da più persone, che decidono di costiruire una società. Per costituire una società, è necessario concludere uno specifico accordo. Con il contratto di società (art c.c.) due o più persone conferiscono beni o servizi per l esercizio in comune di un attività economica, allo scopo di dividerne gli utili. Le tipologie di società. Il Codice civile disciplina espressamente quali tipi di contratti societari possono essere stipulati e di conseguenza a quali tipologie di società possono dare vita. A tale proposito è possibile introdurre una classificazione delle società in: società di persone, che comprendono la società semplice (s.s.), la società in nome collettivo (s.n.c.) e la società in accomandita semplice (s.a.s.); società di capitali, che sono la società a responsabilità limitata (s.r.l.), la società per azioni (s.p.a.) e la società in accomandita per azioni (s.a.p.a.). La pluralità dei soci e i conferimenti. La costituzione di una società richiede la pluralità dei soci. La società nasce infatti dall accordo di due o più persone, con l obiettivo di disporre di maggiori capitali e di ripartire tra loro i rischi, ma anche i proventi, derivanti dall attività svolta. Tuttavia, sebbene in contrasto con il contenuto dell art c.c., negli ultimi anni è stata resa giuridicamente possibile la costituzione di società unipersonali (sotto forma di s.r.l. o di s.p.a.), con l obiettivo di incentivare l imprenditorialità e rilanciare così l economia. I soci hanno l obbligo di effettuare dei conferimenti, che vanno a costituire il capitale sociale. Tali conferimenti possono consistere in denaro, beni materiali o immateriali, crediti, ma anche nell attività lavorativa prestata dal socio, che in tal caso si definisce socio d opera. La finalità di lucro. Un ulteriore importante requisito della società è lo scopo di lucro. La società viene infatti costituita con l obiettivo di conseguire un utile (o profitto), che viene poi ripartito tra i soci sotto forma di dividendi, oppure viene rinvestito nell attività d impresa. I segni distintivi dell azienda. I segni distintivi sono beni immateriali che, in un contesto di mercato in cui operano molte imprese, consentono di distinguere il singolo imprenditore, ma anche i locali e il prodotto della sua attività. In particolare la ditta è il nome con cui l imprenditore esercita l attività d impresa (ad esempio Mario Rossi impianti elettrici oppure Lanificio Fratelli Bianchi & C. ). L insegna distingue invece i locali dell impresa ed è solitamente affissa al loro esterno (ad esempio Bar dello Stadio oppure Parrucchiera Rosanna ). Infine, il marchio è il segno distintivo del prodotto dell impresa e può essere denominativo (ad esempio Mulino Bianco o Coca Cola ) oppure emblematico (ad esempio la mela di Apple o l aquila della Moto Guzzi).

4 L autonomia patrimoniale. Una volta costituita, la società è un ente a sé stante, diverso dalle persone fisiche che lo compongono, e dispone di un proprio patrimonio, distinto da quello dei singoli soci. Le società sono infatti dotate di autonomia patrimoniale, più precisamente: le società di capitali hanno un autonomia patrimoniale perfetta; pertanto, i creditori del singolo socio non possono avere accesso al patrimonio della società e, nello stesso modo, i creditori della società non possono rivalersi sul patrimonio personale dei soci; le società di persone hanno invece un autonomia patrimoniale imperfetta; in questo caso, mentre la società non risponde dei debiti dei singoli soci, i creditori della società possono rivalersi sul patrimonio dei soci. 4 AUTONOMIA PATRIMONIALE autonomia patrimoniale perfetta autonomia patrimoniale imperfetta nelle società di capitali nelle società di persone i creditori dei soci non possono rivalersi sul patrimonio della società i creditori della società non possono rivalersi sul patrimonio dei soci i creditori dei soci non possono rivalersi sul patrimonio della società i creditori della società possono rivalersi sul patrimonio dei soci Gli organi della società: gli amministratori. Pur essendo un ente distinto dalle persone fisiche che lo compongono, è evidente che la società può agire in concreto solo attraverso i propri organi, costituiti da persone fisiche. È infatti mediante gli organi che l ente forma e manifesta la propria volontà e agisce di conseguenza. Le società di persone. La società semplice è la forma elementare di società disciplinata dal nostro ordinamento ed è utilizzabile solo per svolgere attività economiche che non siano commerciali. La società deve essere iscritta in una specifica sezione del Registro delle imprese per consentire a chiunque di verificarne l esistenza; non ha personalità giuridica e pertanto i soci sono responsabili personalmente dei debiti che la società contrae durante la sua vita. Anche la società in nome collettivo (S.n.c.) è priva di personalità giuridica ma può essere utilizzata per svolgere qualsiasi attività. Nasce con un contratto, chiamato atto costitutivo che deve essere depositato presso il Registro delle imprese istituito presso il capoluogo di provincia. La società in accomandita semplice (s.a.s.) è una società di persone con due tipologie di soci con funzioni e responsabilità diverse: i soci accomandanti sono quelli che conferiscono capitali (denaro immobili o crediti) ma non hanno alcuna possibilità di partecipare alla gestione dell impresa e, per questo motivo, hanno una responsabilità limitata. I soci accomandatari svolgono tutti gli atti di gestione e sono responsabili per i debiti sociali anche con il loro patrimonio personale.

5 In particolare, gli organi che si occupano della gestione della società sono gli amministratori, i quali hanno il compito di rappresentare la società verso i soggetti esterni, di assumere obblighi giuridici nei loro confronti e, in generale, di attuare le decisioni che riguardano il funzionamento della società. In linea di principio, a tutti i soci è riconosciuto il diritto di partecipare alla gestione della società, ma ciò è fattibile solo nelle società costituite da un numero limitato di soci. Nelle società di maggiori dimensioni, invece, gli amministratori sono solo alcuni dei soci o possono anche essere manager non soci. In ogni caso, ai soci è sempre consentito un potere di informazione e di controllo sull andamento dell attività sociale. 5 L assemblea dei soci. Nelle società di capitali, di norma l assemblea dei soci è l organo deliberativo, ossia l organo attraverso il quale si forma la volontà dell ente. In essa, le deliberazioni vengono adottate dai soci secondo il principio della maggioranza. In base all oggetto su cui si delibera, l assemblea si distingue in ordinaria e straordinaria: l assemblea ordinaria, che deve essere convocata almeno una volta all anno, approva il bilancio, nomina gli amministratori e gli organi di controllo e in generale delibera sugli argomenti inerenti la normale gestione della società; l assemblea straordinaria delibera invece su particolari argomenti, non relativi al normale funzionamento dell ente, ad esempio la modifica dello statuto della società e l aumento o la riduzione del capitale sociale. Gli organi di controllo. Nelle società di capitali è prevista inoltre l esistenza di un organo di controllo interno, che può avere sia una funzione di controllo sulla gestione della società, per verificare che siano osservate le regole di buona amministrazione, sia una funzione di vigilanza del rispetto delle leggi e dello statuto da parte degli altri organi sociali. Le società di capitali. La società a responsabilità limitata (S.r.l.) è costituita da un gruppo di soci che conferiscono beni e capitali per lo svolgimento dell attività economica. Questa società possiede personalità giuridica, quindi è dotata di autonomia patrimoniale perfetta. Per costituire una società di questo tipo è necessario che il capitale iniziale (capitale sociale) sia pari almeno a euro. I soci pertanto avranno responsabilità limitata alla quota di capitale che hanno investito. Anche l atto costitutivo di questa società dovrà essere iscritto nel registro delle imprese e, ogniqualvolta cambi un elemento essenziale, come ad esempio il valore del capitale, questa variazione dovrà essere registrata sul registro delle imprese. La società per Azioni (S.p.A.) è la società di capitali per eccellenza; i soci la costituiscono attraverso l'atto costitutivo che deve essere accompagnato da uno statuto (che contiene le regole di funzionamento della società). L'intero capitale, versato dai soci, è rappresentato da azioni che sono "porzioni" del capitale sociale. Ogni azione avrà un determinato valore che nasce dal rapporto tra il valore del capitale sociale e il numero di azioni emesse; il capitale sociale minimo deve essere di euro. Se un socio possiede un alto numero di azioni, significa che ha conferito molto capitale. Ciascun socio partecipa al rischio d'impresa nella misura della quota posseduta e pertanto avrà una responsabilità limitata nei confronti delle obbligazioni assunte dalla società. L'atto costitutivo e qualsiasi sua modificazione devono essere iscritti nel Registro delle Imprese in modo da permettere a chiunque di conoscere i fatti più importanti della vita della società.

6 Tale organo di norma è il collegio sindacale e può essere costituito sia da soci sia da non soci. ORGANI SOCIALI 6 mediante essi si manifesta e si attua la volontà dell ente sono costituiti da persone fisiche amministratori assemblea dei soci collegio sindacale si occupano della gestione della società è l organo deliberativo, in base al principio della maggioranza controlla la gestione e vigila sull operato degli altri organi Lo scioglimento e la liquidazione della società. Se un gruppo di persone decide di costituire una società, è ragionevole supporre che lo faccia con l obiettivo che la società possa durare nel tempo e anche svilupparsi. Esistono, tuttavia, alcune circostanze che possono condurre allo scioglimento della società; le principali sono: per deliberazione assembleare nelle società di capitali o per decisione unanime dei soci nelle società di persone. È questa la causa più frequente di scioglimento, che si verifica appunto quando i soci manifestano la volontà di cessare l attività sociale; il decorso del termine, qualora la società sia stata costituita a tempo determinato e i soci non decidano di prorogarla; il conseguimento dell oggetto sociale o la sopravvenuta impossibilità di conseguirlo; quindi la società si può sciogliere perché viene realizzato il fine per cui è stata costituita oppure perché tale fine diventa impossibile da raggiungere; nelle società di persone, il venire meno della pluralità dei soci, se essa non viene ricostituita entro un certo termine; nelle società di capitali, la riduzione del capitale sociale al di sotto dei limiti legali; nelle società che svolgono un attività commerciale, una specifica causa di scioglimento della società è rappresentata dal fallimento, di cui tratteremo tra poco. Quando si verifica una causa di scioglimento, inizia la fase finale della vita della società, che prende il nome di liquidazione. La liquidazione è la procedura che ha l obiettivo di liquidare il patrimonio sociale, pagare i creditori e distribuire l eventuale residuo tra i soci; dopodiché la società si estingue. La crisi dell impresa e il fallimento. Per sua stessa natura, l attività d impresa è soggetta a rischi; l imprenditore avvia l impresa consapevole del fatto che potrebbe anche andare male. Può accadere che le imprese attraversino fasi alterne: talvolta di grande successo, talvolta di

7 rallentamento o di maggiore difficoltà, non solo in funzione delle scelte assunte dall imprenditore, ma anche in relazione all andamento ciclico del sistema economico. Quando però una situazione di dissesto diventa permanente, si può parlare di crisi dell impresa. In tali condizioni, la legge stabilisce che per le società commerciali vengano attivate le procedure concorsuali, così chiamate perché prevedono la concorsualità dei creditori, ossia la partecipazione di tutti i creditori alla liquidazione dell attivo della società. 7 Il fallimento è la principale procedura concorsuale prevista dalla legge e ha come presupposto lo stato di insolvenza dell impresa commerciale. Lo stato di insolvenza si manifesta con ripetuti inadempimenti da parte dell impresa oppure con altri fatti esteriori, ad esempio la fuga dell imprenditore o la sua latitanza. La dichiarazione di fallimento. La procedura ha inizio con la richiesta di fallimento, presentata al tribunale dall imprenditore, da uno o più creditori o dal pubblico ministero. Se ricorrono gli estremi di legge, il tribunale pronuncia la dichiarazione di fallimento e nomina gli organi fallimentari. Oltre al tribunale fallimentare, essi sono: il giudice delegato (che dirige il fallimento e vigila sulla regolarità della procedura e sull operato del curatore). il curatore fallimentare (che amministra il patrimonio dell impresa fallita) e il comitato dei creditori (costituito dai creditori dell impresa fallita, con funzioni consultive e di controllo). La procedura fallimentare. Le fasi successive alla dichiarazione di fallimento sono in sintesi le seguenti: il giudice delegato dispone l apposizione dei sigilli sui beni che si trovano presso la sede dell impresa e sugli altri beni del fallito; il curatore effettua l inventario dei beni e prende in consegna le scritture contabili, compila l elenco dei creditori e comunica loro i termini entro i quali possono partecipare al concorso fallimentare (domanda di ammissione al passivo); dopo attento esame, il giudice delegato accoglie o respinge le domande provenienti dai creditori e rende esecutivo lo stato passivo; il curatore procede alla liquidazione dell attivo, ossia alla vendita dei beni; sulla base del progetto di ripartizione elaborato dal curatore, le somme ottenute dalla liquidazione dell attivo sono erogate ai creditori: per primi i creditori privilegiati, poi i cosiddetti creditori chirografari; infine, si ha la chiusura del fallimento, con decreto del tribunale. I gruppi societari. Nei sistemi economici contemporanei è frequente trovare, più che singole società, dei gruppi di società. Un gruppo societario è un insieme di più società, caratterizzato dalla presenza di una società principale (chiamata holding), che controlla la maggioranza del capitale delle società satellite (dette società operative). La holding è quindi in grado di determinare la strategia e la politica aziendale di tutto il gruppo. Essa può essere una holding finanziaria (o pura) se si limita a dirigere le società controllate attraverso le proprie partecipazioni finanziarie, oppure può essere una holding mista, se affianca a questa attività di controllo anche una propria attività operativa.

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende Percorso A ndimento 2 Un it à di re p p A Le imprese e le loro caratteristiche L azienda L azienda è un sistema aperto e finalizzato: sistema, perché composto da vari elementi posti in relazione tra loro;

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

Guida pratica alla gestione dell impresa e delle società IMPRESA E SOCIETÀ

Guida pratica alla gestione dell impresa e delle società IMPRESA E SOCIETÀ Guida pratica alla gestione dell impresa e delle società IMPRESA E SOCIETÀ DEFINIZIONE DI IMPRENDITORE E imprenditore chi esercita professionalmente un attività economica organizzata al fine della produzione

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE 001 Nella società in nome collettivo per le obbligazioni sociali risponde: A solamente la società F B gli amministratori in modo limitato F C solidalmente ed illimitatamente

Dettagli

L avvio di un attività

L avvio di un attività Le forme societarie e le Condizioni di Equilibrio Economico/Finanziario Le Forme Societarie L avvio di un attività Avviare un attività d impresa è un sogno di tante persone che, per proprie attitudini,

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Forma giuridica dell impresa

Forma giuridica dell impresa Forma giuridica dell impresa Quando una impresa si costituisce deve affrontare il problema di quale forma giuridica scegliere: Impresa individuale Società di persone (S.s., S.n.c., S.a.s.) Società di capitali

Dettagli

La scelta della forma giuridica

La scelta della forma giuridica La scelta della forma giuridica Classe quarta A IGEA Prof. Luigi Trojano 1 Introduzione Quando si intraprende una attività aziendale, il primo passo da compiere è quello relativo alla scelta se avviare

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIRITTO CIVILE CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: INTRODUZIONE AL DIRITTO CIVILE Conoscere il diverso ambito di applicazione del diritto pubblico e nel diritto privato. Distinguere il diritto soggettivo

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA 1 PROGRAMMA DEL MODULO Cercheremo di fare chiarezza su: Ø Ø Ø Ø aspetti economico-aziendali aspetti civilistico-procedurali aspetti operativo-contabili principali lineamenti

Dettagli

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Genova, 13 Gennaio 2015 Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Corso di preparazione alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile 1 Quali

Dettagli

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria Linee Guida per la scelta della tipologia societaria elaborate da Chiara Piconi- Dottore commercialista e Revisore legale Consorzio Nazionale per la Formazione, l Aggiornamento e l Orientamento Via Ludovisi,

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 4 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 Le Società

Dettagli

Scegliere. la forma giuridica

Scegliere. la forma giuridica Scegliere la forma giuridica 1 La scelta della forma giuridica è molto importante per chi vuole avviare un attività in proprio: una veste giuridica sbagliata può pregiudicare il successo dell iniziativa.

Dettagli

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività LA LIQUIDAZIONE LIQUIDAZIONE AZIENDA Termina la sua vita scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico Conversione attività in denaro Estinzione passività Restituzione residuo ai soci TIPOLOGIE VOLONTARIA

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ANNO 2005 SECONDA SESSIONE PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 1) Il candidato rediga il I bilancio di verifica al

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

Legislazione societaria: tipi di società

Legislazione societaria: tipi di società Legislazione societaria: tipi di società La creazione di un'impresa in Bosnia-Erzegovina è disciplinata da: Legge sulle imprese della FBiH Legge sulle imprese della RS Legge sull acquisizione di società

Dettagli

LE SOCIETA DI PERSONE

LE SOCIETA DI PERSONE DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA LE SOCIETA DI PERSONE PARTE SECONDA PAOLO VILLA martedi 28 ottobre 2014 SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario) Temi trattati» Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)» Società di Persone S.s. S.n.c. S.a.s» Società di Capitali S.r.l. S.r.l.s. S.p.A.»

Dettagli

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LE TIPOLOGIE DI SOCIETA Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 IMPRESA E AZIENDA Impresa: attività economica professionalmente organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LIQUIDAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LIQUIDAZIONE PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LIQUIDAZIONE 1 Con la liquidazione si estingue l azienda, estinzione che avviene mediante lo svolgimento di operazioni non di normale

Dettagli

Come costituire una società in Croazia

Come costituire una società in Croazia Come costituire una società in Croazia di Clizia Cacciamani (*) In un mondo economico ed imprenditoriale sempre più teso verso la globalizzazione e verso mercati esteri lontani, sarebbe illogico non affrontare

Dettagli

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it COME FARE PER.. ITER BUROCRATICO PER LA CREAZIONE D IMPRESA Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it . SCEGLIERE LA FORMA GIURIDICA DELL IMPRESA GUIDA PRATICA Una delle prime scelte che deve

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda FACOLTÀ DI ECONOMIA Metodologie e determinazioni quantitative d azienda La liquidazione volontaria Aspetti civilistici, contabili e fiscali Filippo Salvardi Dottore Commercialista in Reggio Emilia Profili

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI: I

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 15 Il procedimento di liquidazione di una Spa Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 II Prova scritta Tema 1 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 Premessi brevi cenni sulle operazioni di trasferimento di

Dettagli

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE)

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI COSTITUTIVI DI SOCIETÀ DI PERSONE (S.N.C./S.A.S.), DI CAPITALI (S.R.L./S.P.A.) E COOPERATIVE L intervento del Notaio nella fase costitutiva

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015 Diritto commerciale l Lezione 09/10/2015 Dimensioni dell impresa: - piccolo imprenditore - imprenditore medio-grande Dimensione dell impresa come «misura» dell organizzazione della stessa. Etero-organizzazione

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

Le società. i beni in natura possono essere conferiti in proprietà o in godimento

Le società. i beni in natura possono essere conferiti in proprietà o in godimento Le società * Società sono organizzazioni di persone e di mezzi create per l'esercizio in comune di un'attività economica sono tipiche > è possibile dar vita a una società solo adottando uno dei tipi previsti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ANNO 2014/2015

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ANNO 2014/2015 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ANNO 2014/2015 1/8 A R E A D I R I T T O T R I B U T A R I O 1a parte (Ore 52,5) Il sistema tributario italiano

Dettagli

RISOLUZIONE N.84/E. OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600

RISOLUZIONE N.84/E. OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600 RISOLUZIONE N.84/E Roma, 10 agosto 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600 Con l interpello specificato in

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro ARTICOLO 1. E costituita l Associazione "ROMANDANDO Associazione senza scopo di lucro", in forma abbreviata: "ROMANDANDO". La durata

Dettagli

LE FORME SOCIETARIE 1

LE FORME SOCIETARIE 1 LE FORME SOCIETARIE 1 DITTA INDIVIDUALE. LA DITTA INDIVIDUALE È UNA DELLE FORME PIÙ SEMPLICI PER AVVIARE UN'ATTIVITÀ IN PROPRIO. SI DISTINGUE DALLA LIBERA PROFESSIONE PERCHÉ L'OGGETTO DEL LAVORO NON DERIVA

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

SOCIETA IN ACCOMANDITA SEMPLICE

SOCIETA IN ACCOMANDITA SEMPLICE SOCIETA IN ACCOMANDITA SEMPLICE COSTITUZIONE RAGIONE SOCIALE L AMMINISTRAZIONE DELLA S.A.S. DIVIETO DI IMMISTIONE TRASFERIMENTO DELLA PARTECIPAZIONE SCIOGLIMENTO DELLA S.A.S. Mastrangelo dott. Laura NOZIONE

Dettagli

CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO STATUTO

CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO STATUTO CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO Art. 1 STATUTO Il circolo Legambiente della Valle d Aosta è costituito ad Aosta, con sede in via delle Betulle

Dettagli

Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI

Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI Trento via Pietrastretta, 1 Telefono: 0461-431800 Fax: 0461-431810 e-mail: coop.garanzia@artigiani.tn.it REGOLAMENTO

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento.

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. 2 Diritto di costituzione. La BLS fornisce alle imprese nazionali ed estere informazioni sulla costituzione di nuove imprese, filiali o succursali.

Dettagli

Statuto e libri sociali: obblighi e comportamenti consigliati. A cura di: Cristiano Corghi e Enrico Savio

Statuto e libri sociali: obblighi e comportamenti consigliati. A cura di: Cristiano Corghi e Enrico Savio Statuto e libri sociali: obblighi e comportamenti consigliati A cura di: Cristiano Corghi e Enrico Savio 1 Enti e Codice Civile Associazioni (artt. 14-38 c.c.) Fondazioni (artt. 14-35 c.c.) Comitati (art.

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

DIRITTO ANNUALE CAMERA DI COMMERCIO

DIRITTO ANNUALE CAMERA DI COMMERCIO DIRITTO ANNUALE CAMERA DI COMMERCIO Il Diritto annuale è dovuto da tutte le imprese iscritte o annotate nel Registro delle imprese della Camera di commercio. PER L ANNO 2012 Il D. Lgs. n. 23/2010 ha introdotto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.)

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) LE FORME GIURIDICHE Per Forma giuridica si intende la tipologia giuridica del soggetto cui farà capo l attività e le norme ad essa conseguenti. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) Il Codice

Dettagli

Diritto Commerciale I. Lezione del 04/11/2015

Diritto Commerciale I. Lezione del 04/11/2015 Diritto Commerciale I Lezione del 04/11/2015 Artt. 2555-2562 c.c. -La definizione codicistica sottolinea il carattere di strumentalità dell azienda, intesa come complesso organizzato di beni, per l esercizio

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

La gestione dell impresa

La gestione dell impresa Albez edutainment production La gestione dell impresa Classe III ITC In questo modulo: La definizione di impresa e di gestione La classificazione delle operazioni di gestione La differenza tra beni a fecondità

Dettagli

http://www.istitutoalgarotti.it e-mail: algarotti@tin.it VEIS01600D@istruzione.it - C. F.: 80012240273 Programma svolto di Diritto ed economia

http://www.istitutoalgarotti.it e-mail: algarotti@tin.it VEIS01600D@istruzione.it - C. F.: 80012240273 Programma svolto di Diritto ed economia Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti http://www.istitutoalgarotti.it e-mail: algarotti@tin.it VEIS01600D@istruzione.it - C. F.: 80012240273 Prof.ssa SCARDILLO GIULIANA Classe 1^ I a.s. 2014/2015

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA La soluzione dell impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica viene presa in considerazione da molte imprese agricole vuoi per la necessità di sostituire

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

Perché investire in Slovenia

Perché investire in Slovenia SLOVENIA Perché investire in Slovenia È membro dell Unione Europea. Adotta l Euro. È confinante all Italia. È dotata di ottime infrastrutture. Qualità delle risorse umane. Ha una fiscalità agevolata. Offre

Dettagli

CONTABILITA GENERALE REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI SCRITTURE DI COSTITUZIONE

CONTABILITA GENERALE REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI SCRITTURE DI COSTITUZIONE CONTABILITA GENERALE 15 REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI E SCRITTURE DI COSTITUZIONE 3 novembre 2006 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 Contabilità Generale

Dettagli

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge.

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge. Circolare del 31 Ottobre 2012 Pag. 1 di 5 Circolare Numero 43/2012 Oggetto D.L. 179/2012 C.D. NUOVO DECRETO CRESCITA Sommario Nuove misure del governo per stimolare la crescita imprenditoriale e produttiva

Dettagli

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato LA SOCIETA DI PERSONE A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato 1 Le società di persone possono essere di tre tipologie: Società semplice (s.s.) Società in nome

Dettagli

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Start-up ed incubatori certificati. Gli strumenti per incentivare il personale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva SOCIETÀ DI CAPITALI Società per azioni (S.p.A.) Società a responsabilità limitata (S.r.l.) Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) Società in accomandita per azioni (S.a.p.A.) Società

Dettagli

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti I^ sessione 2012 Materie aziendali: Il candidato illustri i principi

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC LA LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI: ASPETTI DI INTERESSE Avv. Cristina BAUCO Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC Diretta 17 ottobre 2011 SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI Disciplina

Dettagli

QUESITI - Programma comune (merci e viaggiatori) Serie CBN - Elementi di diritto commerciale - Nazionale

QUESITI - Programma comune (merci e viaggiatori) Serie CBN - Elementi di diritto commerciale - Nazionale QUESITI - Programma comune (merci e viaggiatori) Serie CBN - Elementi di diritto commerciale - Nazionale CBN001 La SNC (società in nome collettivo), come oggetto sociale A non può assumere lo scopo consortile

Dettagli

Corso di ECONOMIA AZIENDALE

Corso di ECONOMIA AZIENDALE Corso di ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2010-2011 Prof.Armando Urbano Università degli Studi di Bari Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea: Assistente Sanitario L economia Aziendale È la disciplina

Dettagli

Costituzione di una società a responsabilità limitata in Polonia

Costituzione di una società a responsabilità limitata in Polonia Costituzione di una società a responsabilità limitata in Polonia I quesiti che si pongono gli investitori stranieri interessati ad operare in Polonia generalmente sono i seguenti: - quali società si possono

Dettagli

MODULO B Deposito di bilanci di esercizio e situazioni patrimoniali. AVVERTENZE GENERALI

MODULO B Deposito di bilanci di esercizio e situazioni patrimoniali. AVVERTENZE GENERALI MODULO B Deposito di bilanci di esercizio e situazioni patrimoniali. AVVERTENZE GENERALI Soggetti utilizzatori del modulo Società per azioni Società a responsabilità limitata Società in accomandita per

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di tipo culturale denominata MAD EVENTI con sede in Lucca, frazione Monte San Quirico, Via

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata..

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata.. ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Denominata.. L anno (in lettere), il mese, il giorno. (in lettere), i Signori: 1. (Cognome, Nome, luogo e data di nascita, residenza, attività svolta

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

P I A N O D I L A V O R O

P I A N O D I L A V O R O ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

Regolamento per la concessione di benefici alle nuove attività che si insediano nei centri storici del Comune di Spoleto

Regolamento per la concessione di benefici alle nuove attività che si insediano nei centri storici del Comune di Spoleto Città di Segreteria generale Regolamento per la concessione di benefici alle nuove attività che si insediano nei centri storici del Comune di.......... Il Regolamento per la concessione di benefici alle

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede E costituito un Consorzio di garanzia collettiva fra le imprese

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

Economia: un inquadramento generale. Dott. Matteo Bernardi Brescia, venerdì 6 dicembre 2013 Scuola Secondaria di Primo grado Santa Dorotea

Economia: un inquadramento generale. Dott. Matteo Bernardi Brescia, venerdì 6 dicembre 2013 Scuola Secondaria di Primo grado Santa Dorotea Economia: un inquadramento generale Dott. Matteo Bernardi Brescia, venerdì 6 dicembre 2013 Scuola Secondaria di Primo grado Santa Dorotea Economia: un inquadramento generale AGENDA 1 Economia: un introduzione

Dettagli

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Definizione Art. 2555 c.c. È il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa AZIENDA E IMPRESA Sono concetti differenti AZIENDA è il complesso

Dettagli

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A.

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. Società a responsabilità limitata 1 S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. A seguito della riforma organica del diritto societario (D. Lgs. 6/2003) si differenzia

Dettagli