UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA. Servizio di Prevenzione e Protezione. Elenco dei DPI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA. Servizio di Prevenzione e Protezione. Elenco dei DPI"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA Servizio di Prevenzione e Protezione Elenco dei DPI 1

2 Caratteristiche dei DPI INDICE 1. PREMESSA 3 2. DPI PER LA PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE 5 3. DPI PER LA PROTEZIONE DEGLI OCCHI E DEL VISO 8 4. DPI PER LA PROTEZIONE DELLE MANI DPI PER LA PROTEZIONE DEI PIEDI DPI PER LA PROTEZIONE DEL CORPO DPI PER LA PROTEZIONE DELL UDITO 17 2

3 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di illustrare i requisiti normativi ai quali devono essere conformi i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) ed il loro principale utilizzo nei diversi ambiti lavorativi dell Università degli Studi di Verona; da tale elenco sono stati esclusi i DPI per la protezione dalle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti in quanto la valutazione di tali rischi e, conseguentemente, la scelta degli idonei DPI competono al Servizio di Radioprotezione Fisica dell Università di Verona e del Servizio di Fisica Sanitaria dell Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona. Inoltre questo elenco contiene i DPI di più largo consumo, per casi più specifici è necessario consultare il Servizio di Prevenzione e Protezione. Le tabelle sotto riportate sono suddivise in quattro colonne, che vengono di seguito descritte: I Colonna: Prezzi indicativi ed ulteriori informazioni Al fine di facilitare la procedura d acquisto è stato inserito, a scopo indicativo, il costo (al netto dell IVA), e il numero approssimativo di pezzi per confezione, di ogni DPI. Ovviamente il costo è aggiornato alla data di emissione del Prontuario dei DPI. II Colonna: Descrizione Contiene una breve descrizione del DPI e i dispostivi normativi di riferimento. Va precisato che: un DPI per essere tale deve essere provvisto di marcatura CE e riportare la normativa di riferimento; articoli privi di marcatura CE, anche se apparentemente con funzioni simili, come ad esempio le mascherine chirurgiche, NON sono DPI. la marcatura CE deve essere apposta su ogni singolo DPI e nel caso ciò non sia tecnicamente possibile, come ad esempio succede per i guanti in vinile/nitrile, sull involucro/confezione. 3

4 III Colonna: Utilizzo prevalente Contiene sommarie informazioni circa gli ambiti di utilizzo del DPI in questione. Queste informazioni sono indicative in quanto non risulta possibile elencare a priori tutte le attività che prevedono l utilizzo di un particolare DPI. Per quanto concerne i dispositivi di protezione delle vie respiratorie viene talora riportato il limite massimo di utilizzo, espresso come multiplo della concentrazione massima consentita in ambiente; tale informazione è riportata a titolo puramente conoscitivo in quanto l individuazione dell idoneo DPI per la protezione delle vie respiratorie compete al SPP, dopo aver valutato le concentrazioni ambientali degli eventuali inquinanti aerodispersi. IV Colonna: Immagine illustrativa A scopo esemplificativo in questa colonna è stata inserita l immagine del DPI descritto in colonna II. Le immagini utilizzate sono state prelevate dalla rete web e non hanno nessuna correlazione, se non casuale, con eventuali forniture ai dipartimenti dell Università degli Studi di Verona. Pertanto è possibile che i DPI in dotazione possiedano foggia leggermente diversa da quella delle immagini riportate. 4

5 2. DPI PER LA PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE FACCIALE FILTRANTE FFP1+ CARBONE ATTIVO 2,214 cadauno confezione 100 pz Marcatura a norma EN 149:2001 Dispositivo di III Categoria (formazione specifica) Filtro P1 Doppio elastico Provvisto di stringinaso regolabile con schiuma di tenuta DPI per la protezione da polveri, vapori organici Massimo livello di utilizzo: 4 volte il valore limite per polveri Inferiore al valore limite per vapori organici Adatta in caso di fastidiosi livelli di vapori organici e per contenere odori sgradevoli. DPI per la protezione da polveri e aerosol. FACCIALE FILTRANTE FFP2 SENZA VALVOLA 1,920 cadauno confezione 120pz Marcatura a norma EN 149: Disp. III Categoria Filtro P2 Doppio elastico Provvisto di stringinaso regolabile con schiuma di tenuta. Massimo livello di utilizzo: 12 volte il valore limite per polveri Adatta per la protezione dell operatore da agenti biologici aerotrasmissibili. Adatta per la protezione del paziente da agenti biologici trasmessi dall operatore sanitario. 5

6 DPI per la protezione da polveri e aerosol. FACCIALE FILTRANTE FFP3 SENZA VALVOLA DI ESPIRAZIONE 4,20 cadauno Marcatura a norma EN 149: Disp. III Categoria Filtro P3 Doppi elastici regolabili Provvisto di stringinaso regolabile con schiuma di tenuta FACCIALE FILTRANTE FFP3 CON VALVOLA DI ESPIRAZIONE Massimo livello di utilizzo: 50 volte il valore limite per polveri Adatta per la protezione dell operatore da agenti biologici aerotrasmissibili anche in occasione di manovre ad alto rischio di produzione di aerosol (broncoscopie, induzione dell espettorato, ecc..) Adatta per la protezione del paziente da agenti biologici trasmessi dall operatore sanitario DPI per la protezione da polveri e aerosol. La valvola consente un uso più agevole diminuendo la resistenza espiratoria. 5,820 cadauno Marcatura a norma EN 149: Disp. III Categoria Filtro P3 Doppi elastici regolabili Provvisto di stringinaso regolabile con schiuma di tenuta Massimo livello di utilizzo: 50 volte il valore limite per polveri Adatta per la protezione dell operatore da agenti biologici aerotrasmissibili anche in occasione di manovre ad alto rischio di produzione di aerosol (broncoscopie, induzione dell espettorato, ecc..). 6

7 13,92 cadauno 11,63 cadauno + costo filtri (diversificato a seconda della tipologia) RESPIRATORE Marcatura a norma EN 405:2002 Disp. III Categoria Filtro A1 P2 Con bordo di tenuta Bardatura anatomica regolabile a due tiranti Valvola di espirazione Non necessita di montaggio di filtri specifici in quanto già incorporati nel DPI. SEMIMASCHERA Marcatura a norma EN 140 Disp. III Categoria Bardatura anatomica regolabile a due tiranti Valvola di espirazione Di facile manutenzione Da abbinare a cartucce filtranti specifiche Semimaschera pronta all uso, esente da manutenzione per la protezione da vapori organici e polveri. Adatta per particolati situazioni nelle quali è previsto il superamento del valore limite per quanto concerne i vapori organici. Adatta per la protezione da polveri quando la concentrazione è inferiore a 12 volte il valore limite. Semimaschera adatta per particolati situazioni nelle quali è previsto il superamento del valore limite di inquinanti di natura diversa. Deve essere dotata di filtri specifici da individuarsi di volta in volta a cura del SPP. + 7

8 3. DPI PER LA PROTEZIONE DEGLI OCCHI E DEL VISO 3,85 cadauno confezione 10 pz OCCHIALI CON PROTEZIONI LATERALI FRONTALE (PERSONALE TECNICO) Marcatura a norma EN 166 Classe ottica 2 E OCCHIALI CON PROTEZIONI LATERALI FRONTALE (PERSONALE SANITARIO) E Marcatura a norma EN 166 Classe ottica 1 Lenti antigraffio (K), antiriflesso, antiappannamento (N), resistente al lavaggio con disinfettante Resistenza contro particelle proiettate: F Aste regolabili in lunghezza Montatura leggera in materiale anallergico Protezioni laterali e frontale DPI per la protezione degli occhi da proiezione di materiale ad alta velocità. Utilizzo prevalente nelle officine, falegnameria e nei lavori di manutenzione e riparazione. DPI per la protezione degli occhi da proiezione di materiale biologico e chimico, di piccola entità. Utilizzo prevalente nelle attività sanitarie e di laboratorio OCCHIALI A MASCHERINA 7,80 cadauno Marcatura a norma EN 166 Classe ottica 1 Resistenza contro particelle proiettate: B Protezione da liquidi e spruzzi: 3 Trattamento antiappannante (N) Lenti antigraffio (K) DPI per la protezione degli occhi da proiezione di materiale biologico e chimico, di cospicua entità, tale da poter raggiungere l occhio penetrando lateralmente. Utilizzo prevalente nelle attività sanitarie e di laboratorio 8

9 CODICE ED 15,30 cadauno VISIERA SENZA CALOTTA Marcatura a norma EN 166 Classe ottica 1 Resistenza contro particelle proiettate: S Protezione da liquidi e spruzzi: 3 Trattamento antiappannante:n Visore con possibilità di rotazione di 90 circa Resistenza al lavaggio con disinfettante DPI adatto per la protezione degli occhi e del viso e delle mucose da proiezione di materiale chimico o biologico. Consente l utilizzo sottostante degli occhiali da vista personali. 9

10 4. DPI PER LA PROTEZIONE DELLE MANI GUANTI CONTRO IL FREDDO 64,61 al paio Marcatura a norma EN 420 EN 388 EN 511 Dotati di manicotto. GUANTI CONTRO IL CALORE 25,45 al paio DPI per la protezione delle mani dal contatto con superfici estremamente fredde o con liquidi criogenici. DPI per la protezione delle mani dal contatto con superfici estremamente calde. Marcatura a norma EN 420 EN 388 EN 407 Dotati di manicotto GUANTI PESANTI (TIPO DOMESTICO) 0,50 al paio Marcatura a norma EN 420 EN 388 DPI per la protezione della mani da prodotti chimici scarsamente aggressivi. Utilizzo prevalente nelle attività di pulizia, sanificazione e ricondizionamento dello strumentario. 10

11 GUANTI PER RISCHIO MECCANICO 2,00 al paio Marcatura a norma EN 420 EN 388 livelli 3122 GUANTI NON CHIRURGICI IN VINILE ELASTICIZZATO NON STERILI SENZA POLVERE 0,02353 cadauno confezione 100 pz Materiale: polimero sintetico (vinile) Conformi alla norma EN 374 I,II,III come dispositivi di III categoria per la protezione da rischio chimico e microbiologico conformi al DLgs 475/92 Conformi alla norma EN 455 I,II,III Conformi al DLgs 46/97 come dispositivi medici di CLASSE I GUANTI NON CHIRURGICI IN NITRILE NON STERILI SENZA POLVERE 0,043 cadauno confezione 100 pz Materiale: polimero sintetico (nitrile) Conformi alla norma EN 374 I,II,III come dispositivi di III categoria per la protezione da rischio chimico e microbiologico conformi al DLgs 475/92 Conformi alla norma EN 455 I,II,III Conformi al DLgs 46/97 come dispositivi medici di CLASSE I DPI per la protezione della mani nei lavori di manutenzione, riparazione, movimentazione materiali e similari. DPI per la protezione delle mani dal rischio biologico da contaminazione microbica e dal rischio chimico. Utilizzo prevalente nelle attività di assistenza sanitaria e di laboratorio. DPI per la protezione delle mani dal rischio biologico da contaminazione microbica e dal rischio chimico. Utilizzo prevalente nelle attività di assistenza sanitaria e di laboratorio, con stress manipolativi particolarmente elevati. 11

12 STERILI 0,58 al paio confezione 50 paia NON STERILI 0,14 cadauno confezione 100 pz GUANTI SINTETICI PER CHEMIOTERAPICI ANTIBLASTICI STERILI, O NON STERILI, SENZA POLVERE Materiale: polimero sintetico ai sensi del decreto legislativo 4 dicembre 1992 n. 475 (relativo ai dispositivi di protezione individuale) e conformità alle norme di riferimento: UNI EN UNI EN 420 UNI EN 388; MANICOTTI PER PREPARAZIONE O SOMMINISTRAZIONE CHEMIOTERAPICI ANTIBLASTICI 6,075e al paio confezione 50 paia DPI per la protezione delle mani da chemioterapici antiblastici. Utilizzo prevalente nelle procedure di preparazione e somministrazione dei chemioterapici antiblastici. DPI per la protezione supplementare degli arti superiori da chemioterapici antiblastici. In TNT Marcatura a norma EN 467 Impermeabili Con polsini in maglia alti 12

13 GUANTI ANTITAGLIO 10,50 al paio Materiale kevlar Marcatura a norma EN 388 livelli 254x Sterilizzabile a vapore o a EtO GUANTI ANTITAGLIO 26,00 al paio Materiale Spectra Marcatura a norma EN 388 livelli X2XX Sterilizzabile a vapore o a EtO DPI per la protezione della mani da taglio da lama. Utilizzo prevalente nelle sale autoptiche, nei laboratori di anatomia patologica. DPI per la protezione della mani da taglio da lama. Consentono una maggiore sensibilità rispetto a quelli in kevlar. Utilizzo prevalente nel corso di particolari interventi chirurgici, indossati sotto i guanti per chirurgia. 13

14 5. DPI PER LA PROTEZIONE DEI PIEDI CALZATURA DI SICUREZZA 27,50 al paio Marcatura a norma EN 20345:2004 S1P Puntale rinforzato in acciaio, impatto fisico 200 J Suola antiscivolo, antistatico, antiolio, antiacido, resistente alla perforazione Tomaia idrorepellente, traspirante, isolante dal freddo, resistente agli idrocarburi, antiacido, con protezione del metatarso Assorbimento di energia al tallone CALZATURA DA LAVORO POSTERIORMENTE APERTA PERSONALE SANITARIO 15,60 al paio Marcatura a norma EN ISO 20347:2004 OB-A-E-FO Suola antisdrucciolo Dotata nella parte posteriore di idoneo sistema (cinturino o simile) che garantisce in maniera stabile il mantenimento del piede durante l attività. Assorbimento dell energia al tallone DPI per la protezione dei piedi dallo schiacciamento e dalla perforazione. Utilizzo prevalente nelle attività di manutenzione, riparazione, movimentazione materiali e simili. DPI per la protezione dei piedi dal rischio chimico e biologico. Utilizzo prevalente nelle attività sanitarie e di laboratorio, quando non vi sia la necessità di sterilizzare la calzatura. 14

15 CALZATURA DA LAVORO POSTERIORMENTE CHIUSA PERSONALE SANITARIO 15,60 al paio 11,20 al paio Marcatura a norma EN ISO 20347:2004 OB-A-E-FO Suola antisdrucciolo Assorbimento dell energia al tallone CALZATURA DA LAVORO PERSONALE SANITARIO (ZOCCOLI COLORATI) Marcatura a norma EN ISO O1 AE Suola antisdrucciolo. Dotata di parte posteriore di idoneo sistema che garantisca in maniera stabile il mantenimento del piede durante l attività. Assorbimento dell energia al tallone Autoclavabile, sterilizzabile. DPI per la protezione dei piedi dal rischio chimico e biologico. Utilizzo prevalente nelle attività sanitarie e di laboratorio, quando non vi sia la necessità di sterilizzare la calzatura. DPI per la protezione dei piedi dal rischio chimico e biologico. Utilizzo prevalente nelle sale operatorie e nella attività sanitarie e di laboratorio, quando vi sia la necessità di sterilizzare la calzatura. 15

16 6. DPI PER LA PROTEZIONE DEL CORPO CAMICE MONOUSO PER PROTEZIONE DA LIQUIDI 4,12 cadauno confezione 15 pezzi Marcatura a norma EN Idrorepellente Rinforzi interni protettivi (torace-addome-inguine e avambraccio-gomito). Completamente avvolgente con doppia allacciatura posteriore Non sterile Monouso DPI per la protezione delle braccia e della parte anteriore del busto dal contatto con: liquidi contaminati da agenti chimici e/o biologici materiale biologico (sangue, escreati, ecc..) chemioterapici antiblastici Utilizzo prevalente nelle sale operatorie e nella preparazione e somministrazione dei chemioterapici antiblastici. TUTA MONOUSO CON CAPPUCCIO INCORPORATO Taglie disponibili dal M a XXL 4,49 cadauno confezione 25 pz Protezione agenti chimici: Tipo 4: Protezione dai liquidi nebulizzati EN Tipo 5: Protezione dalle particelle solide trasportate dall'aria EN ISO Tipo 6: Protezione limitata dai liquidi nebulizzati EN DPI per la protezione del corpo intero e del capo dal contatto con : liquidi contaminati da agenti chimici e/o biologici proiezione di materiale biologico (sangue, escreati, ecc..) polveri nocive Utilizzo prevalente nelle operazioni di bonifica e/o di particolari emergenze sanitarie o ambientali. Protezione dagli agenti biologici EN

17 7. DPI PER LA PROTEZIONE DELL UDITO INSERTI AURICOLARI 0,15 al paio confezione 250 paia ARCHETTO 1,90 cadauno INSERTI DI RICAMBIO Marcatura EN 352 Monouso ARCHETTI AURICOLARI Marcatura EN 352 Tutte quelle attività nelle quali è prevista l emissione discontinua di rumore (ad esempio: uso aria compressa). N.B.: L individuazione degli otoprotettori idonei va effettuata dal SPP, a seguito di valutazione fonometrica. Tutte quelle attività nelle quali è prevista l emissione discontinua di rumore (ad esempio: uso aria compressa). N.B.: L individuazione degli otoprotettori idonei va effettuata dal SPP, a seguito di valutazione fonometrica 1,07 al paio confezione 10 paia CUFFIE ANTIRUMORE 5,50 cadauna Marcatura EN 352 Tutte quelle attività nelle quali è prevista l emissione continua o discontinua di rumore (ad esempio: uso aria compressa, di macchine utensili). N.B.: L individuazione degli otoprotettori idonei va effettuata dal SPP, a seguito di valutazione fonometrica 17

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE GARANZIA SODDISFACIMENTO REQUISITI DI SALUTE E SICUREZZA Esempi di pittogrammi Rischi d'impatto Rischi meccanici Calore o fuoco Rischi microbiologici Elettricità

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO "Blaise Pascal"

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Blaise Pascal Circolare n. 36-2014 10-10-2014 Ai Collaboratori Scolastici Agli Assistenti Tecnici Ai preposti laboratori di Elettronica e Chimica p.c. Ai Docenti Al Direttore SGA Agli Assistenti Amministrativi Oggetto:

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini Dispositivi di Protezione Individuale DPI Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini DEFINIZIONE di DPI Per DPI si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale DPI

Dispositivi di protezione individuale DPI Cosa sono Dispositivi di protezione individuale DPI È considerato DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata o portata dal lavoratore per tutelarsi da uno o più rischi per la sicurezza e

Dettagli

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA.

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in sanità: norme, interpretazione

Dettagli

MODELLO DI PRONTUARIO DEI DPI. Premessa...1 Caratteristiche dei D.P.I...3 DPI PER MANSIONE...21

MODELLO DI PRONTUARIO DEI DPI. Premessa...1 Caratteristiche dei D.P.I...3 DPI PER MANSIONE...21 Pag. 1 /35 Indice Premessa...1 Caratteristiche dei D.P.I...3 DPI PER MANSIONE...21 Premessa Il Servizio di Prevenzione e Protezione, con questo Prontuario, intende fornire uno strumento per una agevole

Dettagli

PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE

PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE Presentiamo in abbinamento due gamme di prodotti per le vie respiratorie per una più completa valutazione da parte della nostra clientela. Il marchio Honeywell è affermato a

Dettagli

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE SEGNALETICA DI SICUREZZA In prossimità di zone di rischio deve essere

Dettagli

MONOUSO TUTA LIFEGUARD MASTER

MONOUSO TUTA LIFEGUARD MASTER MONOUSO TUTA LIFEGUARD MASTER Codice prodotto: AI 006418 L Gruppo di prodotto: 06 Package qty: 0 Prezzo: 12,50 CHF Tuta in TNT laminato con cappuccio e cuciture nastrate Cuciture interamente ricoperte

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III - CAPO II USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

D.Lgs. 81/08 TITOLO III - CAPO II USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

FORNITURA DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER IL PERSONALE OPERATIVO DELL IGEA SPA

FORNITURA DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER IL PERSONALE OPERATIVO DELL IGEA SPA Allegato B4) al Capitolato tecnico FORNITURA DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER IL PERSONALE OPERATIVO DELL IGEA SPA Lotto 4 VIE RESPIRATORIE Allegato B4 al Capitolato Speciale Pagina 1 di 9

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE ED ANALISI DEI RISCHI) PREMESSA Il presente opuscolo fornisce alcune indicazioni ritenute utili

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale

Dispositivi di Protezione Individuale U.O. Servizio di Prevenzione e Protezione Azienda USL Cesena UNA PANORAMICA SUI PRINIPALI INFESTANTI URBANI DI INTERESSE SANITARIO Dispositivi di Protezione Individuale Addetto SPP T.d.P Paolo Severi 1

Dettagli

Sono di importanza fondamentale:

Sono di importanza fondamentale: La Pandemia influenzale H1N1 2009 Misure di protezione per operatori sanitari Paola Bertoli - Resp. Servizio Prevenzione Protezione Azienda USL di Parma Sono di importanza fondamentale: 1) Per tutta la

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Definizioni Art. 74 Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi (RESIDUI) suscettibili

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SCHEDA TECNICA N 15 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0

Dettagli

Principali caratteristiche 3M Tutti i prodotti della linea vantano le seguenti caratteristiche

Principali caratteristiche 3M Tutti i prodotti della linea vantano le seguenti caratteristiche Indumenti di Protezione 3M ha sviluppato una linea esclusiva di indumenti di protezione di elevata qualità che offre traspirabilità, comfort e affi dabilità di protezione. Caratterizzata dalla massima

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

Catalogo on-line www.iapir.it

Catalogo on-line www.iapir.it DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA UTILIZZARE NEI LAVORI IN PRESENZA DI AMIANTO Poiché l esposizione dei lavoratori alle fibre di amianto aerodisperso varia notevolmente a seconda della tipologia

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE DPI Servizio Prevenzione e Protezione

PROCEDURA GESTIONE DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE DPI Servizio Prevenzione e Protezione Pag. 1 di 7 Indice 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti normativi 3. Definizioni 4. Documenti interessati 5. Compiti e responsabilità 6. in uso 7. Modalità operative a. Scelta a adozione dei

Dettagli

Dispositivi di Protezione

Dispositivi di Protezione Dispositivi di Protezione D.lgs.475 Art. 1 2) Si intendono per Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li indossi o comunque porti

Dettagli

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 11 Documento Codice documento TFA01 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 11 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO CAPITOLATO TECNICO Fornitura di guanti monouso ad uso sanitario occorrenti alle AA.SS.LL., AA.OO e I.R.C.C.S della Regione Liguria per un periodo di quattro anni, con opzione di rinnovo per ulteriore anno.

Dettagli

Schede Tecniche. DPI H05 Calzatura antiacido di classe 1 Pag. 04. DPI H07 Protezione per saldatore per i piedi in pelle crosta di qualità Pag.

Schede Tecniche. DPI H05 Calzatura antiacido di classe 1 Pag. 04. DPI H07 Protezione per saldatore per i piedi in pelle crosta di qualità Pag. PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER LA SICUREZZA E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DELL IGEA SPA IN LIQUIDAZIONE. Allegato 2) al

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008 TITOLO X D.Lgs 81/2008 ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Tutte le attività lavorative nella quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Uso deliberato (laboratori microbiologici) Rischio potenziale

Dettagli

La corretta applicazione degli agrofarmaci. Massimiliano Mochetti Stewardship Manager

La corretta applicazione degli agrofarmaci. Massimiliano Mochetti Stewardship Manager La corretta applicazione degli agrofarmaci Massimiliano Mochetti Stewardship Manager Iniziative Stewardship Servizi per l impiego sicuro e sostenibile degli agrofarmaci Smartline il nuovo packaging pratico

Dettagli

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI FACCIALI FILTRANTI CLASSE DI APPARTENENZA ESEMPIO SIMBOLOGIA FFP 1 D AV RESISTENZA ALL'INTASAMENTO PROTEZIONE AGGIUNTIVE SIMBOLOGIA : TIPOLOGIA DEL PRODOTTO: FFP (Facciali

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. GUANTI CHIRURGICI GUANTI CHIRURGICI IN LATTICE fabbisogno annuo CND LOTTO DESCRIZIONE CARATTERISTICHE u.m. SAN GIOVANNI MONSERRATO

CAPITOLATO TECNICO. GUANTI CHIRURGICI GUANTI CHIRURGICI IN LATTICE fabbisogno annuo CND LOTTO DESCRIZIONE CARATTERISTICHE u.m. SAN GIOVANNI MONSERRATO CAPITOLATO TECNICO GUANTI CHIRURGICI GUANTI CHIRURGICI IN LATTICE fabbisogno annuo CND LOTTO DESCRIZIONE CARATTERISTICHE u.m. SAN GIOVANNI MONSERRATO Monouso, in puro lattice di gomma naturale (proteine

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE. Anna Sicuro

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE. Anna Sicuro DISPOSITIVI DI PROTEZIONE Anna Sicuro Ricoprono un ruolo importante nella prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali Il ruolo di cui sopra è ribadito dall art 6 del DPR 547/55 (il lavoratore

Dettagli

Segnaletica e DPI nella sanità

Segnaletica e DPI nella sanità Segnaletica e DPI nella sanità SIGNIFICATO DELL'ESPRESSIONE "SEGNALETICA" Mentre in passato con il termine "segnaletica" venivano compresi solamente i segnali grafici (cartelli segnaletici e contrassegni),

Dettagli

Nota Informativa sui Dispositivi di Protezione Individuale

Nota Informativa sui Dispositivi di Protezione Individuale REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Nota Informativa sui Dispositivi di Protezione Individuale Nell elenco che segue sono indicati i dispositivi di protezione

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

3M Indumenti di Protezione. Protezione e Comfort...senza compromessi 3Innovazione

3M Indumenti di Protezione. Protezione e Comfort...senza compromessi 3Innovazione 3M Indumenti di Protezione Protezione e Comfort......senza compromessi 3Innovazione Standard Europei 3M Indumenti di Protezione 3M, Leader mondiale nella produzione dei dispositivi di protezione individuale,

Dettagli

di Protezione Individuale

di Protezione Individuale FULVIO D ORSI GIACOMO GUERRIERO EVA PIETRANTONIO della sicurezza nell uso dei Dispositivi di Protezione Individuale Informazione dei lavoratori ai sensi degli art. 36, 74 e successivi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

CARATTERISTICHE DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI (D.P.I.) FORNITI DALL AZIENDA SANITARIA

CARATTERISTICHE DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI (D.P.I.) FORNITI DALL AZIENDA SANITARIA REGIONE VENETO UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA n. 1 BELLUNO Via Feltre n. 57 32100 Belluno CARATTERISTICHE DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI (D.P.I.) FORNITI DALL AZIENDA SANITARIA Riferimenti normativi:

Dettagli

Importo annuale a base di gara. Importo unitario a base di gara. LOTTO DPI MANI - BRACCIA Descrizione estesa Destinazione uso Quantità

Importo annuale a base di gara. Importo unitario a base di gara. LOTTO DPI MANI - BRACCIA Descrizione estesa Destinazione uso Quantità DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE - ALLEGATO A6 - Requisiti essenziali: Per i DPI appartenenti alla prima categoria è necessario che essi siano accompagnati dalla dichiarazione di conformità del costruttore,

Dettagli

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Rev Data Causale Verifica Approvazione Destinatari 0 20/10/2007 Prima emissione Comitato Infezioni Ospedaliere 1 06/09/2010 Aggiornamento Comitato Infezioni Ospedaliere 2 20/09/2012

Dettagli

ACCORDO STATO-REGIONI

ACCORDO STATO-REGIONI ACCORDO STATO-REGIONI del 21 Dicembre 2011 Formazione Specifica dei lavoratori Dispositivi di Protezione Individuale D.P.I. Dr. Antonio Marolda Legislazione Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008

Dettagli

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio.

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio. ORG: ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE ORG.002 DELIMITAZIONI VARIE 1 ORG.001010 Recinzione di cantiere alta cm 200, eseguita ferri tondi infissi in basi cemento, rete metallica elettrosaldata e rete di plastica

Dettagli

PIANO DI UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)

PIANO DI UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ISTITUTO SUPERIORE BRUNO MUNARI VIA ARMANDO DIAZ ACERRA PIANO DI UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Datore di Lavoro Dirigente Scolastico Dott. Geol. Umberto

Dettagli

ALLEGATO 8.A CASCO DI PROTEZIONE IN POLIETILENE

ALLEGATO 8.A CASCO DI PROTEZIONE IN POLIETILENE ALLEGATO 8.A CASCO DI PROTEZIONE IN POLIETILENE Descrizione: elmetto/casco di protezione in polietilene con bordatura regolabile e fascia antisudore; resistenti agli impatti, alla perforazione. Ergonomia:

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA. Alessandra Pera ISPESL - DML

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA. Alessandra Pera ISPESL - DML DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA Alessandra Pera ISPESL - DML Cosa sono Come sceglierli Quali acquistare Quando usarli Come usarli Come tenerli I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE: D.Lgs. 81/2008

Dettagli

SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Anno 2015, SPSAL Ravenna a cura dei Tecnici della Prevenzione Marocchi A. e Rossetto M.... . Definizioni Pericolo: proprietà o

Dettagli

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PROCEDURA DI SICUREZZA INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI

Dettagli

INDICE. - Elenco dei guanti pag. 35 - Premessa pag. 38 - Caratteristiche generali pag. 40 - Caratteristiche tecniche: pag. 42

INDICE. - Elenco dei guanti pag. 35 - Premessa pag. 38 - Caratteristiche generali pag. 40 - Caratteristiche tecniche: pag. 42 INDICE INDICE pag. 1 SCOPO DELLE LINEE GUIDA pag. 2 DESCRIZIONE DELLE REVISIONI pag. 3 PARTE PRIMA: DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DEGLI OCCHI E DEL VOLTO, DEL CORPO E DELLE VIE RESPIRATORIE - Elenco

Dettagli

DuPont Personal Protection BOLLETTINO TECNICO RISCHI NUCLEARI

DuPont Personal Protection BOLLETTINO TECNICO RISCHI NUCLEARI DuPont Personal Protection BOLLETTINO TECNICO RISCHI NUCLEARI DuPont Personal Protection BOLLETTINO TECNICO RISCHI NUCLEARI Il recente disastro nucleare che ha colpito il Giappone ha suscitato numerosi

Dettagli

CORSO I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

CORSO I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.Lgs. CORSO I DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER VOLONTARI DELL ASSOCIAZIONE COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI MOGLIANO VENETO (TV) Revisione 01 DOCENTE: ANDREA PERAZZA 1 DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SI INTENDE

Dettagli

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scheda 27 Lavorazione: TINTURA IN PEZZA Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scopo della lavorazione La tintura in overflow a pressione atmosferica è utilizzata per tingere tessuti delicati o tessuti

Dettagli

ABBIGLIAMENTO. Introduzione EN 13034. EN ISO 11611 (ex EN470) EN 13982. EN ISO 11612 (ex EN531) EN 14605

ABBIGLIAMENTO. Introduzione EN 13034. EN ISO 11611 (ex EN470) EN 13982. EN ISO 11612 (ex EN531) EN 14605 MASCHERE PER SALDATORI Introduzione Utilizzare capi espressamente studiati per una particolare mansione, assicura la massima protezione per l operatore, permette di svolgere il compito assegnato nella

Dettagli

Volantino Promozionale 2016!! Marzo/Aprile

Volantino Promozionale 2016!! Marzo/Aprile Volantino Promozionale 2016!! Marzo/Aprile Scarpa bassa S1P SRC. Tomaia in pelle crosta bovina, fodera interna in tessuto traspirante, sottopiede estraibile, puntale e lamina in acciaio e suola in poliuretano

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA N 04 MODALITA DI INDOSSAMENTO DEI FACCIALI FILTRANTI

SCHEDA INFORMATIVA N 04 MODALITA DI INDOSSAMENTO DEI FACCIALI FILTRANTI SCHEDA INFORMATIVA N 04 MODALITA DI INDOSSAMENTO DEI FACCIALI FILTRANTI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3.

Dettagli

VIRUS PROTECTION SYSTEMS

VIRUS PROTECTION SYSTEMS VIRUS PROTECTION SYSTEMS codice 8090 Kit VIRUS PROTECTION PROF* Il kit contiene tutto il necessario in caso sospetto di febbre da virus quali anche MVE (EBOLA) per garantire la protezione al lavoratore

Dettagli

DPI Dispositivi di Protezione Individuale

DPI Dispositivi di Protezione Individuale Individuazione generale delle problematiche Il rischio può essere eliminato alla fonte o contenuto o separato con misure di protezione collettiva o fronteggiato con i DPI (dispositivi protezione individuali)

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Per Dispositivo di Protezione Individuale (DPI) si intende una qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DEGLI ARTI SUPERIORI (per uso non medico)

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DEGLI ARTI SUPERIORI (per uso non medico) SCHEDA TECNICA N 20 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DEGLI ARTI SUPERIORI (per uso non medico) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5

Dettagli

CATALOGO P R O T E Z I O N E V I E R E S P I R A T O R I E

CATALOGO P R O T E Z I O N E V I E R E S P I R A T O R I E CATALOGO P R O T E Z I O N E V I E R E S P I R A T O R I E PROTEZIONE CONTRO POLVERE, NEBBIA E FUMO RESPIRATORI FFP SERIE CLASSICS FFP1 FFP2 FFP3 CLASSICS Una forma testata negli anni, originariamente

Dettagli

Materiali occorrenti per la manutenzione ordinaria delle OO.PP. di bonifica anno 2014 Dispositivi di protezione individuale

Materiali occorrenti per la manutenzione ordinaria delle OO.PP. di bonifica anno 2014 Dispositivi di protezione individuale LISTA DELLE CATEGORIE FORNITURE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO DEI LAVORI Materiali occorrenti per la manutenzione ordinaria delle OO.PP. di bonifica anno 2014 Dispositivi di protezione individuale La sottoscritta

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI CORSO B RSPP DATORI DI LAVORO Lucca 25 Giugno 2013 D.Lgs.n.81/2008 s.m.i. - Art. 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente 1. Il datore di lavoro e i dirigenti

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale

Dispositivi di Protezione Individuale Dispositivi di Protezione Individuale Introduzione Legislazione Analisi dei rischi Scelta dei DPI DPI per l antincendio boschivo Realizzato da: Dott. Ing. Paolo Ferrari INTRODUZIONE L attività di antincendio

Dettagli

Classi d utilizzo dei filtri:

Classi d utilizzo dei filtri: clean air 8 pagine ITA 11-07-2008 15:53 Pagina 1 clean air 8 pagine ITA 11-07-2008 15:53 Pagina 2 Classi d utilizzo dei filtri: Particelle FFP1 FFP2 FFP3 Polveri protezione da protezione da aerosol protezione

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPONIBILI PRESSO IL MAGAZZINO ECONOMALE ALLEGATO 3. U.O. Servizio di Prevenzione e Protezione

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPONIBILI PRESSO IL MAGAZZINO ECONOMALE ALLEGATO 3. U.O. Servizio di Prevenzione e Protezione U.O. Servizio di Prevenzione e Protezione ALLEGATO 3 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPONIBILI PRESSO IL MAGAZZINO ECONOMALE Di alcuni DPI sono presenti più articoli in quanto sono stati acquistati

Dettagli

Corso di formazione: Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) D.Lgs:81/2008 s.m.i (D.Lgs: 106/09) Titolo III - Capo II / D.

Corso di formazione: Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) D.Lgs:81/2008 s.m.i (D.Lgs: 106/09) Titolo III - Capo II / D. Corso di formazione: Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) D.Lgs:81/2008 s.m.i (D.Lgs: 106/09) Titolo III - Capo II / D.lgs 475/92 Programma del corso Definizione di DPI DPI una misura di protezione

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE LA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN LABORATORIO Dr.ssa Laura Gasperetti IZSLT Sezione di Pisa DEFINIZIONE DI DPI Art. 74 D. lgs. 81/08 Si intende per dispositivo di protezione

Dettagli

È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera

È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera DPI DPI È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera diversa. La stessa cosa se ci esponiamo ad inalazione

Dettagli

Procedura negoziata per la fornitura di Dispositivi di Protezione Individuale Scarpe Antifortunistiche. Schede Tecniche

Procedura negoziata per la fornitura di Dispositivi di Protezione Individuale Scarpe Antifortunistiche. Schede Tecniche Procedura negoziata per la fornitura di Dispositivi di Protezione Individuale Scarpe Antifortunistiche Allegato 3 Schede Tecniche Sommario DPI H01 Calzature di sicurezza alte S3 di classe 1 Pag. 02 DPI

Dettagli

PROFONDITÀ DI CAMPO [MM]

PROFONDITÀ DI CAMPO [MM] MODELLO INGRANDIMENTO DISTANZA DI LAVORO [MM] CAMPO VISIVO [MM] PROFONDITÀ DI CAMPO [MM] ANTEPRIMA CARATTERISTICHE TGU20 TGU25 TGU30 TGU35 2,0 X PRO 2,5 X PRO 3,0 X PRO 3,5 X PRO 300 105 138 IRIS 350 120

Dettagli

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 1 Allegato 1 PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI GUANTI NON CHIRURGICI IN VINILE ELASTICIZZATO, NON STERILI, SENZA POLVERE Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 2 ARTICOLO 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP1D OV - Sperian 5140 M/L REF. 1005591

FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP1D OV - Sperian 5140 M/L REF. 1005591 FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP1D OV - Sperian 5140 M/L REF. 1005591 CARATTERISTICHE GENERALI Divisione : Protezione della testa Famiglia : Protezione delle vie respiratorie Gamma : Facciali filtranti monouso

Dettagli

Scheda. Descrizione della macchina

Scheda. Descrizione della macchina Scheda 1 Lavorazione: Macchina: TORNITURA TORNIO PARALLELO Descrizione della macchina I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente

Dettagli

DuPont Personal Protection. Siete sicuri d indossare la tuta adatta alle vostre esigenze?

DuPont Personal Protection. Siete sicuri d indossare la tuta adatta alle vostre esigenze? DuPont Personal Protection Siete sicuri d indossare la tuta adatta alle vostre esigenze? La scelta dell indumento giusto: una questione vitale DuPont è riconosciuta da tempo per la sua posizione di leader

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

ANTINFORTUNISTICA IL MEGLIO PER LA TUA PROTEZIONE EDIZIONE N. 2 2013/ 14

ANTINFORTUNISTICA IL MEGLIO PER LA TUA PROTEZIONE EDIZIONE N. 2 2013/ 14 ANTINFORTUNISTICA IL MEGLIO PER LA TUA PROTEZIONE EDIZIONE N. 2 2013/ 14 POLYFLEX R Guanto in nylon tipo a filo continuo, rivestito in poliuretano, polso elasticizzato. Ottima presa e sensibilità. Applicazioni:

Dettagli

Raccomandazioni per l addestramento del personale sanitario alla gestione dei casi sospetti di MVE.

Raccomandazioni per l addestramento del personale sanitario alla gestione dei casi sospetti di MVE. Raccomandazioni per l addestramento del personale sanitario alla gestione dei casi sospetti di MVE. In seguito alla ricognizione effettuata dal SeREMI dell ASL AL si è potuto constatare come in tutte le

Dettagli

Oggetto: Dispositivi di protezione individuali. Referente del procedimento: Capellini Rosanna

Oggetto: Dispositivi di protezione individuali. Referente del procedimento: Capellini Rosanna Oggetto: Dispositivi di protezione individuali. Referente del procedimento: Capellini Rosanna Si intende per dispositivo di protezione individuale (DPI) qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata

Dettagli

GUANTI per LAVORAZIONE ALIMENTI

GUANTI per LAVORAZIONE ALIMENTI GUANTI per LAVORAZIONE ALIMENTI GUANTO in NITRILE G07B Guanto in nitrile sfoderato di peso leggero, con finiture zigrinate in rilievo per aumentare la presa. Massima sensibilità, grande confort e alta

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI ASPETTI NORMATIVI. L'Italia è una repubblica fondata sul lavoro.

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI ASPETTI NORMATIVI. L'Italia è una repubblica fondata sul lavoro. RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI ASPETTI NORMATIVI L'Italia è una repubblica fondata sul lavoro. Così recita la Costituzione e questa legge fondamentale della nostra nazione

Dettagli

Dispositivi Di Protezione Individuale (Dpi)

Dispositivi Di Protezione Individuale (Dpi) Dispositivi Di Protezione Individuale (Dpi) I DPI devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione

Dettagli

Relatore: Alessandro De Luca DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

Relatore: Alessandro De Luca DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Con il recepimento, del decreto legislativo 81/08, relativo alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, sono stati stabiliti, per ciò

Dettagli

Accessori Weldline D.P.I. per la protezione antinfortuni: calzature

Accessori Weldline D.P.I. per la protezione antinfortuni: calzature Accessori Weldline D.P.I. per la protezione antinfortuni: calzature di sicurezza. Informazioni generali Calzature di sicurezza > Sono definite tali le calzature che hanno il puntale in acciaio (o materiale

Dettagli

PROTOCOLLI CRI PER AUTOPROTEZIONE dei VOLONTARI

PROTOCOLLI CRI PER AUTOPROTEZIONE dei VOLONTARI PROTOCOLLI CRI PER AUTOPROTEZIONE dei VOLONTARI Ulrico Angeloni Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario Nazionale Ulrico.angeloni@cri.it Antonella Fabiano Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario Sicilia

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 1 Occhiali per la protezione degli occhi contro la proiezione di schegge V2-25/06/2013 La

Dettagli

DPI Dispositivi di Protezione Individuale

DPI Dispositivi di Protezione Individuale 7 Individuazione generale delle problematiche Il rischio può essere eliminato alla fonte o contenuto o separato con misure di protezione collettiva o fronteggiato con i DPI (dispositivi protezione individuali)

Dettagli

ELENCO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI CHE DEVONO ESSERE A DISPOSIZIONE PRESSO LE UNITA OPERATIVE DELL AZIENDA SANITARIA

ELENCO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI CHE DEVONO ESSERE A DISPOSIZIONE PRESSO LE UNITA OPERATIVE DELL AZIENDA SANITARIA REGIONE VENETO UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA n. 1 BELLUNO Via Feltre n. 57 32100 Belluno ELENCO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI CHE DEVONO ESSERE A DISPOSIZIONE PRESSO LE UNITA OPERATIVE DELL

Dettagli

ISTITUTO DI RICERCHE E COLLAUDI M. MASINI

ISTITUTO DI RICERCHE E COLLAUDI M. MASINI ISTITUTO DI RICERCHE E COLLAUDI M. MASINI Verona 14 aprile 2011 Dispositivi di protezione individuale: CLASSIFICAZIONE Relatore: Gabriele Lualdi 61 Prima Categoria Protettori dell occhio - Maschere ed

Dettagli

ABBIGLIAMENTO MONOUSO

ABBIGLIAMENTO MONOUSO Vetement(IT).qxd:Portfolio 12/02/08 15:58 Page 118 MONOUSO SPERIAN La nostra gamma fornisce delle soluzioni per la protezione delle aree di lavoro e la protezione dei lavoratori stessi: PROTEZIONE DELL

Dettagli

Protezione vie Respiratorie

Protezione vie Respiratorie Protezione vie Respiratorie D.lgs.475 Art. 1 2) Si intendono per Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li indossi o comunque porti

Dettagli

Figura 28. Classificazione a livello normativo dei DPI

Figura 28. Classificazione a livello normativo dei DPI 6la gestione dei rischi individuati: criteri generali per la scelta dei DPI Per DPI si intende: qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro

Dettagli

MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE

MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE 3203 FFP1 3204 FFP1 + VALVOLA 3205 FFP2 3206 FFP2 + VALVOLA UNI EN 149 : 2003 MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE PIEGHEVOLE MODELLO PREMIUM 4 4110 FFP1

Dettagli

CODICE PRODOTTO: 1005630 FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP3D con valvola - Honeywell 4311 M/L

CODICE PRODOTTO: 1005630 FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP3D con valvola - Honeywell 4311 M/L Italia CODICE PRODOTTO: 1005630 FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP3D con valvola - Honeywell 4311 M/L Visualizza Altri Reference Number 1005630 Presentazione generale Gamma Facciali filtranti monouso Marchio

Dettagli

Procedure di disinfezione e sterilizzazione

Procedure di disinfezione e sterilizzazione Procedure di disinfezione e sterilizzazione Opuscolo informativo per il paziente Gentili pazienti, lo scopo di questo opuscolo è quello di informarvi sulle rigorose procedure di disinfezione e sterilizzazione

Dettagli

CODICE PRODOTTO: 1005630 FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP3D con valvola - Sperian 4311 M/L

CODICE PRODOTTO: 1005630 FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP3D con valvola - Sperian 4311 M/L CODICE PRODOTTO: 1005630 FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP3D con valvola - Sperian 4311 M/L Visualizza Altri Presentazione generale Reference Number 1005630 Gamma Facciali filtranti monouso Marchio Sperian

Dettagli

10.800/1 Taglia 9 10.800/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.805/1 Taglia 9 10.805/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.810 Taglia 10 EN 388 - EN 420

10.800/1 Taglia 9 10.800/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.805/1 Taglia 9 10.805/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.810 Taglia 10 EN 388 - EN 420 GUANTI FIORE BIANCO Guanti in fi ore di vitello bianco orlato. Spessore pelle: mm. 0,9-1,1. 10.800/1 Taglia 9 10.800/2 Taglia 10 GUANTI FIORE BIANCO DORSO CROSTA Guanti in fi ore di vitello bianco orlato

Dettagli

L Organizzazione del volontariato nella pulizia

L Organizzazione del volontariato nella pulizia L Organizzazione del volontariato nella pulizia della costa: la squadra, le procedure operative, le professionalità, i mezzi e i dispositivi di protezione individuale. Catania, 9, 10, 11 novembre 2007

Dettagli

OCCHIALI PROTETTIVI UV

OCCHIALI PROTETTIVI UV OCCHIALI PROTETTIVI UV Scatola occhiali polysafe 0194 89/686 Tecnologia Soft Pad Stanghette regolabili in lunghezza Protezione laterale Policarbonato autoclavabile 25660 Ideate per essere indossate sopra

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Direttore Dr. Claudio Soave Strada Le Grazie, 8-37134 Verona - Tel. 045 8027627-0458027627 - Fax 045 8027626 e-mail: servizio. prevenzioneprotezione@univr.it

Dettagli

Claudio Galbiati Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. 1 3M 2007. Tutti I diritti riservati.

Claudio Galbiati Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. 1 3M 2007. Tutti I diritti riservati. Claudio Galbiati Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro 1 Dispositivi di Protezione Individuale! Caratteristiche di scelta generali e spunti del DLgs. 81/08! Caratteristiche Tecniche: la Direttiva 89/686/CE!

Dettagli