biennale Noi ci siamo! GENOVA OTTOBRE 2014 la brochure degli aderenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "biennale Noi ci siamo! GENOVA 10-12 OTTOBRE 2014 la brochure degli aderenti"

Transcript

1 GENOVA OTTOBRE la brochure degli aderenti Noi ci siamo!

2 all interno trovi: Presentazione della Rete Nazionale della Prossimità Presentazione della Biennale della Prossimità I seminari Gli spettacoli L elenco delle realtà aderenti Convenzioni e iniziative dedicate alla La Rete Nazionale della Prossimità La Biennale della Prossimita è promossa dalla Rete Nazionale per la Prossimità, un network di organizzazioni che condividono l obiettivo di combinare interventi di prossimità con la promozione di una riflessione pubblica su questi temi. Queste organizzazioni operano con modalità diverse, condividendo però alcuni elementi fondamentali: il fatto che il bisogno non debba essere inquadrato e costretto nelle categorie delle burocrazie; la scelta di far coincidere la risposta al bisogno con la promozione di cittadinanza attiva e del protagonismo delle persone e dei territori; la volontà di associare il concreto agire quotidiano con il rilancio delle proposte culturali e politiche. La Rete nazionale per la Prossimità è promossa da Consorzio Nazionale Idee In Rete, ISNet Spesa Utile, Fondazione Ebbene, Social Club Torino, Social Club Genova, e Consorzio Emmanuel Emporio solidale Lecce. Queste organizzazioni hanno firmato nel giugno 2013 un protocollo di intesa in cui si impegnano a collaborare per potenziare la propria azione e per promuovere insieme al cultura della prossimità. La Rete nazionale per la Prossimità è un network aperto al quale possono aderire tutte le organizzazioni, piccole o grandi che siano, che si riconoscono in questo modello d intervento. Alle Rete Nazionale per la Prossimità si può aderire firmando il Protocollo di Prossimità, che trovate sul sito. Genova ottobre

3 La Biennale della Prossimità La Biennale della Prossimità è il primo appuntamento dedicato alle comunità locali, alle persone e ai loro bisogni guardati in ottica di prossimità. Promossa dalla Rete Nazionale per la Prossimità, la Biennale racconterà come andare incontro ai bisogni sempre più vari e complicati, quasi mai coincidenti con le categorie rigide delle burocrazie possa coincidere con la definizione di una nuova relazione in cui il soggetto destinatario è co protagonista della risposta. I temi Tanti i temi, come i bisogni delle persone e dei territori: gli acquisti collettivi, il bisogno di cibo e di beni primari, la casa e il co-housing, la qualità della vita, la mutualità, la cittadinanza, il credito, la rigenerazione urbana, l imprenditorialità sociale, la salute, Da dove nasce Si sviluppano in modo sempre più diffuso iniziative di vicinanza, sostegno ed empowerment, promosse da una molteplicità di soggetti, tra cui i promotori della Rete della Prossimità e tanti altri che si aggregheranno. Cooperative, associazioni, gruppi di cittadini propongono luoghi di acquisto a basso costo, che sono anche centri di socialità, luoghi di attivismo, spazi per la ricerca del lavoro e molto altro Le formule e i soggetti sono diversi, ma alla base c è la stessa idea: i cittadini possono essere risorsa l uno per l altro e costruire insieme risposte per tutti. La Biennale della Prossimità è una piattaforma che raccoglie queste idee e esperienze della società civile che stanno scrivendo un pezzo della società di domani. I contenuti La Biennale è un luogo dove portare esperienze. È una simbiosi di momenti culturali, e di esperienze, di arte e di approfondimento. Di prossimità vogliamo parlarne con workshop in cui dare spazio a voci troppo spesso dimenticate, vogliamo raccontarla attraverso testimonianze, mostre, reading storie, vogliamo dimostrarla con performance, laboratori, esposizioni.

4 I seminari: Il Programma Europa per i cittadini I seminari: La prossimità tra attese ambivalenti e promesse generative Sostegno economico alla partecipazione della società civile al processo d integrazione europea. Nell ambito di una delle sei sessioni nazionali del progetto Europe 4all (Europa per tutti), attuato da una partnership di imprese sociali di tutta Europa guidate dalla rete europea ENSIE, avrà luogo la presentazione del programma comunitario Europa per i cittadini e in particolare della sua linea Progetti dei cittadini. Il programma Europa per i cittadini punta a favorire la partecipazione dei cittadini e della società civile nel processo di integrazione europea. Budget: milioni di euro Budget: ,5 milioni di euro Questo seminario fa parte di un percorso avviato tre anni fa dall associazione Spazio Comune e Associanimazione che si confrontano sul welfare generativo e la partecipazione. Verrà presentato un documento di riflessione articolato in due parti: La prima parte del documento (il pre ) riassume le tesi di fondo sul concetto della prossimità La seconda parte (l oggi ) propone alcuni elementi critici con i quali confontarci La Biennale è quindi un occasione di confronto e scambio per arricchire ulteriormente la riflessione. Le richieste di finanziamento possono essere presentate da: ONG e organizzazioni della società civile; Autorità locali; Sindacati; Federazioni; Istituzioni educative; Reti di volontari; Associazioni sportive; Comuni e comitati di gemellaggio; Associazioni di sopravvissuti, di famiglie e di vittime; Musei. a cura di Il programma prevede quattro diverse azioni: 1. Dei cittadini attivi per l Europa 2. Una società civile attiva in Europa 3. Comunicazione: un messaggio per tutti i cittadini 4. Una memoria europea attiva L azione n 1 si articola a sua volta in quattro misure: Gemellaggio di città Reti di città gemellate Progetti dei cittadini Misure di sostegno. a cura di Venerdì 10 ottobre ore 11 LOGGIA DELLA MERCANZIA PIAZZA BANCHI Venerdì 10 ottobre ore 15,30 LOGGIA DELLA MERCANZIA PIAZZA BANCHI

5 I seminari: I seminari: Istituzioni, cittadini, prossimità. Economia e prossimità. All interno dell Evento della Biennale della Prossimità - che fa parte del Network I cantieri del bene comune - è stato organizzato un importante Seminario in collaborazione con Labsus sul tema: Collaborazione tra amministrazione e cittadini per la cura dei beni comuni. La città di Genova si fa prossima, al quale presenzieranno Gregorio Arena - Direttore Labsus e Simone Leoncini Pres. Municipio 1 Centro Est ed all interno del quale vi sarà un confronto fra le grandi Città che hanno in essere esperienze di Prossimità. Il filo conduttore del Seminario, mutuato da quello di Labsus è Convincerti che ti conviene prenderti cura dei luoghi in cui vivi, perché dalla qualità dei beni comuni materiali e immateriali dipende la qualità della tua vita. Il tempo della delega è finito. L Italia ha bisogno di cittadini attivi, responsabili e solidali. Con questo si sposa il messaggio centrale dell azione della Fondazione Ebbene, secondo cui è fondamentale l ideazione di un modello di Comunità secondo la percezione del buon vivere civico e la concezione sull uso delle regole in una società che mira al bene comune e che si prende cura degli spazi in cui vive e delle membra più fragili che la compongono. Da ciò emerge come sia ormai indispensabile il protagonismo dei cittadini e delle formazioni sociali per la costruzione del benessere della Comunità: è il farsi prossimo che supera l ideale evangelico e diventa il sentire comune. Anche questo è la Biennale della Prossimità Strumenti di finanza etica per la prossimità L attuale crisi economica, sta rendendo sempre più evidente l inadeguatezza di soluzioni parziali per far fronte alle emergenze sociali. Le proposte dal sistema pubblico e di quello economico imprenditoriale presentano limiti, anche quando tra i due sistemi si instaurano forme di dialogo e confronto: il pubblico con sempre meno risorse a disposizione e il mercato spesso incapace di cogliere bisogni privi di valore economico. È qui che l impresa sociale mostra la sua funzione originale perché capace di trovare terze vie che non sono la semplice somma di approcci collaudati, magari non offrendo ricette risolutive, ma creando novità di pensiero e di azione. È il caso delle iniziative di prossimità, spesso nate dal basso a partire dalla sensibilità di cittadini e organizzazioni in rete, che hanno sviluppato in tutta Italia progetti originali per rispondere ai vecchi e nuovi bisogni Il rischio di questi interventi è che restino iniziative isolate, incapaci di fare sistema e di durare nel tempo. La sfida del prossimo futuro è procedere verso una progressiva strutturazione delle iniziative per evitare il rischio di interventi privi di continuità e quindi con minor efficacia. Il seminario affronterà il tema specifico della finanza etica per capire attraverso un dialogo aperto con alcune delle organizzazioni presenti alla Biennale e protagoniste degli interventi di prossimità, quali sono ad oggi le criticità e le piste di lavoro attivabili per superarle a cura di a cura di Venerdì 10 ottobre ore 15,30 PALAZZO TURSI VIA GARIBALDI Venerdì 10 ottobre ore 15,30 TEATRO ALTROVE PIAZZETTA CAMBIASO

6 Tea Time con i Parlamentari Gli spettacoli: Compleanno Afghano uno spettacolo dell altro mondo Si tratta di un momento informale, in cui i partecipanti verranno invitati a ripercorrere il percorso che li ha portati dall impegno nel terzo settore a quello politico. Perché questa scelta? Le esperienze di terzo settore si legano a progetti di cambiamento sociale, forti idealità, momenti di intensa partecipazione. La successiva scelta di impegno in politica ha rappresentato un tentativo di riuscire a fare, da una posizione diversa, quello che risultava difficile realizzare entro una associazione o una cooperativa? E, in questo caso, è stato effettivamente così o meno? E come appare, il terzo settore, nello sguardo di chi vi ha operato per anni e ora lo vede da un altro punto di osservazione? Emergono dei limiti inefficienze, particolarismi, leaderismi che da dentro non si vedevano? O al contrario il mondo politico ha fatto risaltare (e magari rimpiangere) l autenticità delle esperienze di terzo settore? E ancora, di qui in avanti, quali sono le cose fondamentali che sarà necessario realizzare nel Parlamento per realizzare i valori e le aspirazioni con cui vi si è entrati. Venendo ora alla prossimità. È solo una delle tante parole d ordine insieme a famiglia, sussidiarietà con cui si vuole contrabbandare il disimpegno delle istituzioni? E se non è così, cosa differenzia una prossimità autentica dalla prossimità che nasconde il ritiro del welfare? Quali sono delle effettive misure di prossimità su cui si potrebbe lavorare in Parlamento? Vi è uno spazio, una grande sfida sociale, in cui terzo settore e istituzioni possono lavorare insieme? E quali misure normative bisognerebbe adottare per favorire questa alleanza? Di Ramat SAFI e Laura SICIGNANO con Ramat SAFI Musiche originali e video, assistenza tecnica Luca SERRA Luci Tiziano Scali Collaborazione alla regia Sara CIANFRIGLIA Scene Laura Benzi Costumi Maria Grazia Bisio Premio Le Acque dell Etica Premio Pervocesola Questa è la storia vera di un ragazzo, Ramat Safi, scappato da solo dall Afghanistan. Il testo è stato scritto a 4 mani da lui stesso con Laura Sicignano. Ramat è fuggito improvvisamente dal suo Paese perché una notte degli uomini armati sono entrati in casa sua, hanno ucciso suo padre, ferito lui e la madre. Ramat è stato costretto a salire su un camion e partire senza conoscere la destinazione. Ha attraversato da solo Iran, Turchia e Grecia. E sbarcato miracolosamente in Italia minorenne dopo un viaggio a piedi durato più di un anno. In Italia è stato accolto in una comunità per minorenni rifugiati, dove ha incontrato tanti altri ragazzi arrivati da tutto il mondo dopo viaggi simili al suo. Qui ha imparato a leggere e scrivere e a fare teatro. Ora Ramat è maggiorenne e deve trovare un lavoro e una casa. Ci riuscirà? Resterà in Italia? O continuerà a fuggire? Che ne sarà di lui? Senza perdere il sorriso, Solo Dio lo sa risponde Ramat. In scena lui stesso ci racconta la sua vita. Lo spettacolo è a pagamento. Produzione Venerdì 10 e sabato 11 ottobre ore 18 LOGGIA DELLA MERCANZIA PIAZZA BANCHI Venerdì 10 ottobre ore 10 e ore 21 TEATRO DELLA TOSSE PIAZZA R. NEGRI

7 Gli spettacoli: Il pifferaio di Hamelin Teatrino Erbamatta Gli spettacoli: presentano: 40% Gaetano Renda e Fulvio Marcellino Una ricca ed opulenta città è invasa dai topi che, in un sol giorno, fanno piazza pulita di tutto ciò che possiede. La disperazione incombe nella improvvisa povertà di Hamelin ma uno strumento magico: il flauto, e del suo proprietario, potranno salvarla dalla definitiva distruzione. L elemento magico è il tema portante che ci ha ispirato nell invenzione di una scenografia mutevole e assolutamente fantastica. Una struttura esagonale dove ogni lato è una scena diversa, con un colore dominante, ed uno sviluppo scenografico imprevisto. La fantasia allo stato puro. La città dai tetti rossi dove splende il sole, oppure le sue nere segrete sotterranee; il lago azzurro dove scompaiono i topi ed ancora il bianco finale dove nessun bambino muore (come nella favola originale) ma piuttosto sogna incantato da un flauto che lo accompagna nel suo dormire sonni sereni. Questi sono i luoghi della favola originale, così come viene raccontata anche da noi sfogliando le pagine di un libro tridimensionale. Ogni pagina presenta una situazione dove poter entrare ascoltando il narratore, anch esso magico cantastorie, che racconta, animando i pupazzi protagonisti e dialogando direttamente con il pubblico. Le musiche originali composte per lo spettacolo caratterizzano ogni ambiente, trasportando lo spettatore privilegiato: il bambino, in un mondo irreale quasi come in un quadro di Chagall ove tutto è per aria, ove il grande ed il piccolo sono affiancati perdendo la reale condizione logica mentre gli occhi si riempiono di colori. Dopo diversi anni di ricerca in altri ambiti narrativi (quali la commedia dell arte, l horror, il genere poliziesco, il western ), in questa produzione siamo ritornati a voler raccontare semplicemente... una favola. Lo spettacolo mantiene comunque un impostazione comica ed un animazione che si fonde con la delicata atmosfera della storia. Spettacolo adatto a tutti con una particolare attenzione ai bambini dai tre ai dieci anni. con l amichevole partecipazione di Luciana Littizzetto Distribuzione: Slow Cinema e Microcinema Soggetto e sceneggiatura: Riccardo Jacopino e Manolo Elia Regia: Riccardo Jacopino Lucio ha passato la prima parte della sua vita a mettersi nei guai. Un adolescenza vissuta nell anonimato della periferia, la droga, i traffici, i problemi con la Legge, sono stati l abisso da cui si è ritratto appena in tempo. Quando esce dalla comunità di recupero, comincia a lavorare in una cooperativa sociale dove incontra una pittoresca tribù di personaggi con alle spalle storie altrettanto complicate. Dopo i conflitti iniziali con Alfred, il suo collega albanese, oltre che rivale nella squadra di calcio, Lucio entra a far parte del gruppo. Ma quando il passato sembra riaffacciarsi con i pericoli e le tentazioni di sempre, saranno proprio i suoi compagni a salvarlo da un finale già scritto Produzione Sabato 11 ottobre ore 21,30 PIAZZA CERNAIA Sabato 11 ottobre ore 21,30 PIAZZA DON GALLO

8 Gli spettacoli: Pop Economix Live Show Da dove allegramente vien la crisi e dove va Gli spettacoli: La Grecia è il più grande successo dell euro Conferenza-spettacolo che spiega la finanza e l economia in modo semplice e con ironia. A cura di Associazione Pop Economix Iniziativa in collaborazione con Banca Etica. Ingresso gratuito Una produzione di Pop Economix, Banca Popolare Etica, Teatro Popolare, Europeo e Il Mutamento Zona Castalia (produttore esecutivo) Di Alberto Pagliarino, Nadia Lambiase e Paolo Piacenza Con Alberto Pagliarino Regia di Alessandra Rossi Ghiglione Collaborazione scientifica di Roberto Burlando (Università degli Studi di Torino) e Marco Ferrando (Il Sole-24Ore) Pop Economix Live Show è una narrazione teatrale di impegno civile, comica e drammatica insieme. E uno spettacolo che racconta la crisi globale che ci ha investito: lo fa in modo semplice e puntuale. Il racconto mette sotto gli occhi del pubblico, come snodi di una storia globale che incrocia le storie personali, le tappe della crisi odierna e i meccanismi economici e finanziari che incidono sulla vita quotidiana, espressi da un intrico di sigle, parole, espressioni tanto frequenti nei media, quanto ignorate nel loro effettivo significato. L obiettivo è restituire significato e spessore narrativo a parole abusate rendendo tutti, ma proprio tutti, in grado di capire e dunque di scegliere, liberamente e responsabilmente. Pop Economix Live Show è in tournè da settembre 2013 e costituisce la versione ampliata arricchita dello spettacolo Pop Economy, scritto tra 2010 e 2011 e che ha realizzato oltre 120 repliche in oltre 90 città italiane. Un documentario sulla situazione ellenica, la cui anteprima verrà proiettata il 12 aprile a Roma in un convegno dell associazione Asimmetrie. Si chiama Il più grande successo dell euro in omaggio, per così dire, ad una frase pronunciata su Atene da Mario Monti in una puntata dell Infedele (La7) del settembre 2011, due mesi prima di andare a Palazzo Chigi: la Grecia è il più grande successo dell euro, appunto. Secondo l ex premier, infatti, Atene era la prova che con l euro anche gli Stati del Sud Europa erano costretti ad essere responsabili, a fare politiche di rigore, a comportarsi con la serietà dei tedeschi. Proprio nei giorni in cui il professor Monti diceva queste parole scorrevano nei Tg le immagini delle proteste e degli scontri nelle città greche. Poi più nulla. Se dopo si è parlato di Atene a parte qualche commento sul fenomeno di Alba Dorata lo si è fatto per portare l esempio di un Paese in cui una politica corrotta e clientelare ha approfittato della credibilità dell euro per indebitarsi in modo irresponsabile: una nazione che non aveva fatto le riforme e pagava giustamente i propri errori. La Grecia, insomma, è il monito agitato davanti agli italiani. Per questo il gruppo I 101 Dalmata riunitosi attorno al blog di Alberto Bagnai è andato a vedere (grazie anche al contributo della rete) cos è successo realmente, quale è stato il risultato delle ricette economiche della Troika nel paese che, pur fra le proteste, ha fatto tutti i compiti a casa. Il risultato è questo documentario: incontri ed interviste realizzate lungo sei giorni ad Atene con bancari e insegnanti, operatori sanitari e immigrati per sentire come si vive davvero sotto il giogo della triade Ue -Fmi- Bce. da il Fatto Quotidiano Sabato 11 ottobre ore 21,30 CHIOSTRO DELLA CHIESA DELLA MADDALENA Sabato 11 ottobre ore 21,30 TEATRO ALTROVE PIAZZETTA CAMBIASO

9 il Comune di Genova per i cittadini con i cittadini RECUPERO E RIDISTRIBUZIONE DI CIBO, CORREDI, VESTIARIO Queste azioni si basano sulla solidarietà, hanno come obiettivi la cura della comunità e il contrasto allo spreco di beni primari, si realizzano grazie alla collaborazione tra soggetti pubblici, ecclesiali, di terzo settore e privati. C.R.E.A. - Centro Recupero Eccedenze Alimentari. Distribuzione gratuita di frutta e verdura in eccedenza alle famiglie in difficili condizioni economiche, seguite dagli Ambiti Territoriali Sociali, presso il Mercato Generale di Bolzaneto (Municipio Valpolcevera e Municipio Centro Ovest). PROGETTO GIRASOL - Gira la Solidarietà. Promozione e sostegno di raccolte alimentari territoriali e la distribuzione di prodotti freschi e di pasti attraverso le collaborazioni con altri soggetti di terzo settore (Municipi I Centro Est). IL CERCHIO DELLA VITA - SOCIAL MARKET Il Cestino. Distribuzione di prodotti invenduti provenienti dalla Coop (Progetto Buon Fine), dai Centri Integrati di Via, dai supermercati del territorio, dal Banco Alimentare (Municipio Bassa Valbisagno). LA SPORTA APERTA. Punto di raccolta di prodotti alimentari non utilizzati donati da negozi e supermercati della zona o dalle mense scolastiche e distribuzione alle famiglie con problemi economici seguite dall Ambito Territoriale Sociale o dai Centri di Ascolto Vicariali (Municipio Media Valbisagno). BUONI ACQUISTO ALIMENTARI. Distribuzione di buoni alle famiglie seguite dall Ambito Territoriale Sociale (Municipio Centro Ovest). LA RETE PER LA SPESA. Raccolta e distribuzione di generi alimentari e per l igiene a favore di famiglie seguite dall Ambito Territoriale Sociale: i prodotti alimentari non utilizzati e raccolti presso la Coop e le mense scolastiche vanno ad integrare i pacchi distribuiti dalla Confraternita Morte ed Orazione (Municipio Ponente). PASTI A DOMICILIO. Preparazione di pasti da parte della Parrocchia di Via del Commercio e distribuzione gratuita ad anziani e a ragazzi che frequentano il centro socio-educativo delll Ambito Territoriale Sociale o a ragazzi. (Municipio Levante). IL PUNTO. Punto di raccolta di prodotti alimentari ( e non solo), anche donati da negozi e supermercati della zona e distribuzione alle famiglie con problemi economici seguite dall Ambito Territoriale Sociale (Municipio Valpolcevera). DALLA GENTE PER LA GENTE. Distribuzione da parte dell Associazione Music for Peace alle famiglie con disagio socio-economico, seguite dai servizi sociali comunali, di prodotti alimentari, per l igiene personale e della casa e di materiale scolastico: i prodotti vengono donati all associazione dai cittadini anche in occasione di eventi culturali e ricreativi. IL CERCHIO DELLA VITA - Il Cucciolo. Avvio di un punto di distribuzione per l Infanzia per il recupero di corredi (lettini, carrozzine, seggioloni ) e vestiario da parte di ditte o da privati cittadini; avvio di laboratori per adulti, anche in collaborazione con anziani, finalizzati alla promozione delle risorse personali quali il cucito, il rammendo e il ripristino di oggetti (Municipio Bassa Valbisagno). LA RETE PER LA SPESA. Raccolta e distribuzione di corredi e materiali scolastici a favore di famiglie segnalate dall Ambito Territoriale Sociale (Municipio Ponente) in collaborazione con Caritas Italiana - Centri Vicariali di Ascolto, Arcidiocesi di Genova, Associazione Comunità di San Benedetto al Porto, Croce d Oro Sampierdarena, San Vincenzo, Lions Club Sampierdarena, Arciconfraternita Morte e Orazione, Coop Liguria, Croce Rossa di Voltri, Pro - Loco di Voltri, Servizi Ristorazione Ponente, Associazione Don Lino ai Broxi, Società San Vincenzo de Paoli - Consiglio Centrale di Genova onlus, Associazione Music for Peace, Associazione Uliveto e tanti cittadini.

10 AAF Associazione aiuto famiglia Aggregazione Coscientizzazione MOvimentazione Sociale Un aiuto gratuito ed efficace per migliorare la tua relazione di coppia o familiare o per affrontare la crisi di coppia. Siamo un gruppo di volontari formato da coppie sposate con o senza figli, giovani, fidanzati, separati e vedove. Abbiamo iniziato la nostra attività il 7/7/03 e ci siamo costituiti Onlus il 12/10/05. Aiutiamo attraverso la condivisione di esperienze sotto la supervisione di psicologi. In particolare AAF offre: Accoglienza, ascolto, calore umano, comprensione, orientamento, accompagnamento Concretamente. AAF propone a tutti: un aiuto tramite la posta elettronica per le difficoltà relazionali nell ambito della famiglia; incontri in piccoli gruppi per migliorare la relazione con il partner o superare la crisi di coppia. La comunanza di esperienze attiva nei partecipanti sentimenti di immedesimazione e solidarietà. Sentirsi accolti, ascoltati, compresi stimola l attivazione delle risorse personali e predispone al cambiamento. L associazione ACMOS (Aggregazione Coscientizzazione MOvimentazione Sociale) nasce a Torino nel 1999 che si prefigge come scopo di promuovere e sostenere la partecipazione collettiva, creativa e responsabile di adolescenti e giovani negli ambienti di vita in cui essi si trovano contribuendo a diffondere la cultura della cittadinanza attiva. Opera inoltre in circa sei regioni italiane attraverso la creazione della rete We Care che impegna otto associazioni attive nei diversi territori e nelle scuole. coabitazioni solidali ACMOS lavora dal dicembre 2006 all interno di tre contesti di edilizia popolare a Torino attraverso la creazione, insieme agli Enti e i Servizi del territorio, di coabitazioni solidali. Esse nascono con l assegnazione da parte del Comune di alcuni alloggi in cui svolgere vita di comunità, condividendo spazi e tempi, e in cui attivare pratiche di buon vicinato, conoscenza tra gli abitanti del palazzo, stimolando il protagonismo e l assunzione di responsabilità degli individui. Salita alla Chiesa di San Gottardo, Genova Tel Fax Via Leoncavallo 27, Torino - Tel Andrea Sacco: Isabella Spezzano:

11 AGRI.COMES cooperativa sociale agricola AGAPE Cooperativa Sociale Onlus è promossa nell ambito delle attività della Caritas Diocesana di Tortona ispirandosi ai principi della dottrina sociale della Chiesa. La Cooperativa è retta e disciplinata secondo il Principio della mutualità, svolge la propria funzione senza fini di speculazione privata e ha per scopo la promozione dell opera di inserimento, nel contesto lavorativo, di soggetti in qualsiasi modo considerabili svantaggiati in senso sociale. I Principi a cui si ispira e nel rispetto dei quali agisce sono: Mutualità - Solidarietà - Democraticità - Impegno - Equilibrio delle responsabilità rispetto ai ruoli - Spirito comunitario - Legame con il territorio Equilibrato rapporto con lo Stato e le Istituzioni Pubbliche. Principi che, tra l altro, condivide e sono alla base del Movimento Cooperativo Mondiale. AGAPE si impegna, inoltre, ad aiutare gli operatori ad acquisire, durante i loro percorsi di accompagnamento al lavoro, una maggiore consapevolezza e fiducia nelle loro abilità. Altro scopo che si prefigge la Cooperativa, per poter curare nel miglior modo gli interessi dei soci e della collettività e realizzare i propri scopi sociali, è la cooperazione attiva, in tutti i modi possibili, con altri Enti cooperativi, Imprese sociali ed Organismi del Terzo Settore, su scala locale, nazionale e internazionale, mediante altresì il coinvolgimento delle risorse vive della comunità, dei volontari, fruitori dei Servizi ed Enti con finalità di solidarietà sociale. I servizi forniti da AGAPE sono i seguenti: Affitto Sale Conferenza - B&B solidale - Centri di Ascolto - Custodia e Guardania - Emporio - Freedom Bar - Microcredito - Pulizie Civili & Industriali - Raccolta Indumenti Usati - San Martino Antiusura - Sgomberi e Traslochi. AGRI.COMES Cooperativa Sociale Agricola Onlus nasce nell Aprile 2011 a supporto della Comunità di recupero per tossicodipendenti Sasso- Montegianni per permettere agli ospiti di svolgere un attività lavorativa in prossimità del centro e di vivere un esperienza autentica a stretto contatto con la natura e gli animali. In origine l attività agricola svolta all interno dell azienda rappresentava per i giovani del centro di recupero la principale area di impiego lavorativo e di riqualificazione professionale. L azienda agricola negli anni è cresciuta insieme all attività della Comunità, finendo gradualmente per fondere le due realtà in un unica impresa sociale al servizio del cittadino e del territorio circostante. Mantenendo sempre stretto il legame con le attività sociali svolte da Co.M.E.S., l azienda nel tempo ha intensificato l agricoltura e l allevamento: da semplice attività amatoriale la pratica dell allevamento è andata trasformandosi in una vera e propria impresa specializzata e biologica, con un numero sempre più elevato e selezionato di capi trattati. È così nata AGRI.COMES che, pur mantenendo inalterata la propria vocazione sociale, ha sviluppato negli anni una natura decisamente aziendale e commerciale. P.zza Duomo, Tortona (AL) Tel Fax Cell Piazza Scalelle 8, Marradi (FI) Tel Fax

12 Agridea società cooperativa Associazione per l Inclusione Lavorativa e Sociale delle persone svantaggiate Agridea, Società Cooperativa di Produzione e Lavoro e Sociale, nasce nel 1992 per un processo di spin off dalla cooperativa sociale Stranaidea. I settori storici di attività della cooperativa sono la manutenzione del verde orizzontale e verticale e la gestione dei servizi cimiteriali. Nel 2003 apre il nuovo settore sull ambiente per la gestione dei rifiuti, e nel 2004 entra nel Consorzio Nazionale Servizi di Bologna. Nel 2010 progetta il Verde al femminile: Garden Pink, settore di progettazione e realizzazione di giardini e verde per interni e terrazzi. A.I.L.eS. è una associazione di promozione della inclusione lavorativa e sociale di persone svantaggiate che si è costituita a Bologna nel 2009 alla quale aderiscono i rappresentanti di 10 organizzazioni del no profit bolognese: cooperativa sociale Accaparlante, cooperativa Anastasis, Consorzio SIC (composto da 22 cooperative sociali di tipo b), cooperativa sociale C.S.A.P.S.A., cooperativa sociale La Carovana, cooperativa sociale L Orto, cooperativa sociale SEACoop, associazione Gavroche, associazione Amici di Piazza Grande, associazione Kifasa. Ha, in particolare, lo scopo di promuovere l inclusione lavorativa e sociale delle persone svantaggiate, senza distinzioni di condizione personale, età, genere, etnia, religione, cultura e paese di provenienza, mediante la progettazione, programmazione, organizzazione, realizzazione di attività orientative, formative, stage, tirocini, azioni di accompagnamento facilitanti l inserimento occupazionale, con particolare riguardo alle situazioni soggettive di più grave disagio e rischio di emarginazione. Via Paolo Veronese, Torino Tel Fax Referente: Lorena Cugusi Bologna, Via S. Maria Maggiore, 1 c/o CSAPSA Formazione Tel. 051/ Fax 051/ Ref. Leonardo Callegari cell

13 Cooperativa sociale Alice onlus Associazione A.Ma abitanti della Maddalena Alice è una cooperativa sociale nata ad Alba nel 1981 da un gruppo di educatori. Realizza servizi e progetti finalizzati a prevenire forme di disagio, ad accompagnare ed assistere persone in difficoltà in percorsi di cura e di crescita personale, a promuovere l inclusione sociale e lavorativa, ad attivare interventi per ridurre i rischi o i danni alla salute. Opera principalmente nel territorio in cui ha sede, orientando il lavoro alla promozione di comunità accoglienti, costruendo relazioni tra istituzioni, organizzazioni del terzo settore, cittadini e utenti dei servizi. L integrazione con altre realtà si concretizza con la costituzione del consorzio CIS a livello locale e con l adesione al CNCA a livello nazionale. Aree di intervento: dipendenze, disabilità, minori e famiglie, reinserimento sociale e lavorativo. Ultimi progetti avviati: Punta su di te per la prevenzione e la cura del gioco d azzardo patologico e La Cucina di Pina, laboratorio di produzione di zuppe, vellutate, sughi e composte, nato per offrire un opportunità di occupazione e di reddito per gli ospiti del social housing Casa Pina, adesione alla rete territoriale del progetto SPRAR, rivolto a migranti rifugiati e richiedenti asilo, attivazione di uno sportello di prossimità. L Associazione A.Ma si propone come obiettivi la conoscenza tra le persone che vivono e lavorano alla Maddalena, la promozione sociale e culturale, la partecipazione responsabile e l affermazione del principio della legalità, la condivisione di idee e azioni concrete per migliorare insieme la qualità di vita nel quartiere. Per cercare di avviare un percorso di rivitalizzazione della Maddalena cerchiamo di costruire e radicare collaborazioni sempre più intense fra cittadini, Pubblica Amministrazione e Istituzioni. Affrontiamo quotidianamente la complessità del nostro quartiere focalizzando le varie realtà che la compongono, cercando di favorire partecipazione, integrazione, consapevolezza e crescita culturale e sociale. L Associazione si impegna per cercare di migliorare le condizioni di vivibilità nel quartiere organizzando eventi di animazione e socialità territoriale e progetti che mettano al centro le persone e l importanza di vivere il proprio quartiere attraverso regole condivise, anche in collaborazione con le altre Associazioni del quartiere (CIV Maddalena, Cooperativa Il Laboratorio, Teatro Altrove, DisorderDrama, Arci Liguria, Y.E.A.S.T, Laboratorio Probabile Bellamy e molti altri ancora). Corso M. Coppino, 48/C-B Alba Tel/Fax Sede Operativa: Spazio Via della Maddalena 52R B/C Sede Legale: Piazza della Cernaia 3/ Genova - Referente: Presidente Associazione, Luca Curtaz

14 Ags per il territorio Arci Comitato Regionale Liguria L AGS per il territorio è un associazione di promozione sociale che nasce nel 1999 e che associa enti religiosi, cooperative ed associazioni legate al mondo salesiano. Nasce e vive sul territorio torinese dove opera a favore dei giovani poveri ed in particolare gestisce: 12 centri diurni aggregativi per minori 1 condominio solidale 2 comunità residenziali sperimentali per minori stranieri non accompagnati L associazione offre ai propri soci un ufficio progettazione oltre al coordinamento e alla cura della formazione degli operatori. Arci Liguria è una Associazione di Promozione Sociale che svolge ruolo di coordinamento politico ed organizzativo dei comitati territoriali ARCI della Liguria. Sono circa i soci iscritti in 341 basi associative sparse su tutto il territorio regionale: un tessuto associativo costituito da circoli ricreativi, Società di Mutuo Soccorso, Onlus, Pubbliche Assistenze, gruppi di volontariato, circoli tematici e molto altro. In controtendenza rispetto al moltiplicarsi di luoghi dove il tempo libero viene mercificato e le relazioni umane sono spesso superficiali e strumentali, le nostre basi associative offrono spazi di memoria, di partecipazione, di produzione di culture, di prossimità. Le attività, le passioni, le scelte collettive maturate in questi luoghi dell inattuale, rispecchiano e trasmettono idee,strumenti per l incontro e la promozione delle persone, per la socializzazione. Tutto questo prova ad essere ogni giorno la rete dell ARCI, in qualunque posto ed in qualunque forma voi possiate incontrarla su tutto il territorio nazionale. Via Maria Asuiliatrice, Torino Tel Referente: Bellis Valentina Via al Molo Giano - Casa 25 aprile Genova Tel Fax

15 ASCUR Cooperativa sociale La Cooperativa Arcobaleno nasce nel1992, da una realtà di accoglienza dell Associazione Gruppo Abele, come esperienza d imprenditoria sociale di qualità. L attività principale, da oltre venti anni, è la raccolta differenziata di rifiuti urbani e speciali per clienti pubblici e privati: dalla progettazione dei servizi, eseguita con i più avanzati sistemi informatici, alla raccolta, trasporto e trattamento dei rifiuti per la trasformazione in materie prime seconde. Una particolare attenzione è dedicata ad investimenti continui nei settori della ricerca ed innovazione, comunicazione con il territorio,cultura del lavoro e dell inserimento lavorativo. La Cooperativa sociale Ascur, nata nel 1984, eroga servizi socio educativi e assistenziali per minori, anziani, portatori di handicap e famiglie in difficoltà. L ASCUR vuole essere una Cooperativa sociale fortemente radicata sul territorio, che offre una risposta articolata e globale ai bisogni delle famiglie della Valpolcevera, attraverso l attivazione e il mantenimento della rete sociale e attraverso una progressiva differenziazione dei servizi. L ASCUR vuole sostenere la famiglia come nucleo centrale del sistema sociale, sia attraverso l intervento diretto sui suoi componenti, per limitare l insorgere di fattori di rischio e/o operare un intervento di riabilitazione psico-sociale, sia attraverso la liberazione di energie sociali sul territorio che determinano l aumento dei fattori di protezione sociale. L ASCUR individua il suo campo d azione nella famiglia e nel contesto in cui essa vive: il territorio. La Cooperativa sociale ASCUR vuole favorire la realizzazione di un clima di comunicazione improntato sulla tolleranza, sull allentamento degli stereotipi e sull attivazione di processi di cura da parte della comunità locale. La Cooperativa offre e gestisce: Centro socio Educativo Diurno per bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni. Centro di Educazione al Lavoro per adolescenti. Affidi Educativi. Sportelli di orientamento nelle scuole. Attività per minori con disturbi psichici (Progetto Moebius). Centro Socio Ricreativo per disabili. Assistenza domiciliare per anziani e disabili. Centro Psico Pedagogico Il Gabbiano. Operatori Socio Assistenziali nelle scuole. Insegnanti di sostegno nelle scuole. Centro estivi nidi e scuole dell infanzia del Comune di Genova. Via Paolo Veronese Torino Tel Fax Referente: Tito Ammirati - Via A. Piccone 13/ Genova Tel./Fax

16 Associanimazione Associazione Nazionale per l Animazione Sociale e Culturale Nasce a Milano nel 2003, su iniziativa di gruppo di cooperative e associazioni che si richiamano al metodo dell animazione sociale e culturale, con riferimento all impegno intorno a questa pratica sociale svolto da don Aldo Ellena e in connessione con la rivista Animazione Sociale. È una realtà riconosciuta dal registro nazionale della APS e nel corso degli anni si è distinta per le azioni di ricerca, scambio e formazione, attivando laboratori, cantieri, master universitari e meeting di operatori sociali. AssociAnimazione vuol mettere alla prova l animazione sociale e culturale nel confronto stringente con le attuali sfide in ambito sociale ed educativo. Sfide complesse perché produttrici di nuovi problemi, portatori di nuove diseguaglianze e di nuove opportunità che risultano spesso tanto imprendibili quanto articolati. Per AA sono questi i tempi in cui l animazione può rivelarsi in chiave moderna e innovativa, proponendo un metodo e un pensiero capaci di cambiamento, a partire dalla creatività che scaturisce dagli incontri tra le persone e tra queste e novità emergenti. Lo Sportello di Prossimità Nelle filiali di Carrù, Dogliani, Alba, Mondovì Altipiano e Cuneo sono attivi gli Sportelli di Prossimità. Lo Sportello di Prossimità è una forma di Welfare locale dedicata ai Soci. È uno sportello di informazioni e di orientamento gestito da operatori specializzati provenienti dal mondo della cooperazione sociale. Lo sportello bancario muta, si trasforma, si arricchisce ed integra un offerta a tutto tondo per supportare il nucleo familiare dei propri Soci. Presso le Filiali sono messi a disposizione spazi fisici organizzati e attrezzati per l incontro con il Socio. Il Socio ha a disposizione un operatore sociale esperto il quale lo orienterà verso quei servizi che possano soddisfare i suoi bisogni. La Banca viene reinterpretata nella sua funzione di luogo privilegiato di incontro con le famiglie e le loro necessità fondamentali, legate al mènage quotidiano, ai figli, l educazione, la cura dei minori e degli anziani. Via XIV Aprile 1945 n Arona (No) Tel Referente: Perla Giannotti - Cell Tel /304

17 Associazione Nazionale Banche del Tempo Dal 1999 Banca Etica propone un esperienza bancaria diversa, con una storia parte dal basso, grazie all impegno di tante persone ed organizzazioni che si sono attivate per costituire un istituto di credito ispirato alla Finanza Etica. Sviluppiamo l attività bancaria a partire dai nostri principi fondativi sanciti nell articolo 5 del nostro statuto: trasparenza, partecipazione, equità, efficienza, sobrietà, attenzione alle conseguenze non economiche delle azioni economiche, credito come diritto umano. Per perseguire le proprie finalità Banca Etica ha sviluppato diversi strumenti di garanzia etica per assicurare l effettiva possibilità di un uso responsabile del denaro. Con il risparmio raccolto finanziamo organizzazioni che operano in quattro settori specifici: cooperazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e tutela ambientale. Un dato verificabile e pubblico: Banca Etica è l unica banca in Italia che mostra sul proprio sito tutti i finanziamenti erogati. L Associazione Nazionale delle Banche del Tempo (ANBdT) nasce ad Alì Terme (Messina) nel mese di giugno del 2007 con la firma dell Atto Costitutivo e l elaborazione dello Statuto grazie all attività e alla tenacia di otto donne rappresentanti di Banche del Tempo e Coordinamenti di varie regioni italiane: Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia, Veneto. Le Banche del Tempo promuovono un nuovo concetto di solidarietà sociale all interno di quartieri, città, piccoli centri, luoghi di lavoro, università, scuole, attraverso lo scambio di saperi e abilità, utilizzando il tempo, e non il denaro, come misura dello scambio e intervenendo nei bisogni quotidiani dei propri iscritti e/o soci. Sede CENTRALE Via Niccolò Tommaseo, 7 - Padova Tel Fax Via Giovanni Comisso, Roma Tel Fax

18 Base 202 associazione Base 202 è una associazione di promozione sociale, affiliata ACLI, che ha per scopo perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini. Nasce nel 2006 nell ambito dell imprenditoria sociale, lo stile che anima il lavoro dell associazione si richiama al concetto di sviluppo di comunità e si concretizza nel radicamento territoriale, nello stimolo delle reti, nella valorizzazione delle risorse e nello sviluppo delle abilità degli individui e dei gruppi. Lo sviluppo di comunità orienta anche le modalità progettuali utilizzate dall associazione, le cui attività sono finalizzate a percorsi di inclusione sociale ed anche al progresso delle persone sul piano umano, familiare e sociale. Si intende inoltre stimolare forme di azione partecipata, cercando la collaborazione tra enti e soggetti diversi, in un ottica di integrazione e sinergia tra le imprese sociali, i lavoratori e la comunità locale. I membri dell associazione individuano nel lavoro la dimensione privilegiata nella quale far maturare percorsi di crescita personale e sociale. Per questo riteniamo indispensabile dotarci di strumenti adeguati che possano fornire risposte immediate alle richieste pressanti e urgenti delle persone con cui veniamo in contatto. In seguito ad una riflessione sulla gestione del tempo libero dei lavoratori coinvolti, ed in particolare delle persone provenienti da percorsi di inclusione sociale, l associazione mira alla creazione di opportunità accessibili ed educative che rispondano in modo reale alle esigenze delle persone. Il Cantiere per la legalità responsabile nasce su iniziativa di associazioni, cooperative, esercenti che operano nel quartiere genovese della Maddalena e promuovono iniziative culturali e sociali di animazione positiva, in contrasto alle varie forme di illegalità che attraversano la zona. Il Cantiere vuole crescere sulla spinta di importanti cambiamenti derivanti dalla confisca in via definitiva di oltre 100 immobili appartenenti ad una famiglia che opera illegalmente nel centro storico. La legge n 109/96 stabilisce che i beni confiscati alle mafie siano restituiti alla collettività: è il momento per incontrarsi, conoscersi e condividere idee e progetti per ripensare alla Maddalena e al centro storico secondo i principi di rispetto, responsabilità, collegialità, trasparenza e legalità. Per essere cittadini attivi, consapevoli e partecipi in attesa di un bando pubblico che destini i beni confiscati al riutilizzo sociale come previsto dalla legge. Unisciti al Cantiere e contattaci! Via Paolo Veronese n Torino

19 Arcidiocesi di Genova Caritas Diocesana CAUTO - CANTIERE AUTOLIMITAZIONE ONLUS è una Cooperativa Sociale di tipo B nata nel 1995, per promuove attraverso il lavoro, l integrazione di persone socialmente svantaggiate. Per ogni persona è previsto un progetto di inserimento e di riabilitazione al lavoro. Il lavoro, infatti, consente il trasferimento e l apprendimento di nuove abilità e l acquisizione una condizione di vita dignitosa. La cooperativa è il luogo dove si persegue il rispetto e l accoglienza. A oggi si contano 286 dipendenti, di cui circa il 40% provengono da situazioni di svantaggio sociale, superando ampiamente il limite previsto dalla legge 381/1991. Il concetto di fasce socialmente deboli assume oggigiorno sfumature che comprendono aspetti diversi, includendo difficoltà economiche oltre che soggettive. Con creatività, ricerca e innovazione CAUTO promuove la dignità dell uomo nell interesse della collettività attraverso la riduzione degli sprechi e del consumismo, offrendo servizi ambientali a 360. La Caritas di Genova è una realtà della Chiesa genovese il cui compito specifico è educare la comunità cristiana a farsi testimone della carità insegnata dal Vangelo nel territorio in cui è collocata e nella più ampia comunità mondiale. La Caritas di Genova si rivolge alla comunità ecclesiale e alla comunità civile per sensibilizzare sulle situazioni di povertà e stimolare la solidarietà e la condivisione; alle comunità colpite dall emergenza, coordinando gli interventi d urgenza e la presenza amica a nome della diocesi di Genova; a tutte le persone e le famiglie in situazione di difficoltà attraverso i suoi servizi sul territorio e i 37 Centri di Ascolto dove operano 500 volontari: nel 2011 abbiamo aiutato oltre famiglie con un sostegno economico di oltre ; ai giovani, proponendo occasioni di riflessione e crescita anche tramite l esperienza del servizio civile in condivisione con le persone più svantaggiate. Via Buffalora 3/E Brescia Tel Fax Ref. Sara Bellusci - Gigi Moraschi Uffici: Via di Canneto il Lungo 21/ Genova

20 Casa della Maddalena Una risorsa per la comunità dal 1982 Il progetto è creare, nel quartiere, un luogo per uno spazio e un tempo per l accoglienza, di housing sociale, ma anche di mettere a disposizioni spazi e luoghi per organizzazioni rivolte al recupero sociale delle persone, nel difficile contesto di oggi. E così, fare di questi spazi, luoghi e spazi di accoglienza, di condivisione, in cui diverse realtà possano incontrarsi, convivere. Chi entra sa che si trova a convivere con altre realtà, realtà da salutare, da accogliere, pur nelle rispettive differenze. È Casa nell accezione di accoglienza affettiva, e Maddalena, una Santa che ha dato il nome al quartiere, e che richiama, con la sua storia, il percorso di una casa: un luogo e un tempo dove non è importante da dove vieni, non è importante le esperienze fatte, ma, entrando, ci si trova accolti. Tutto l ambiente sarà un luogo e uno spazio di accoglienza e di condivisione di diverse realtà che si pongono a servizio dell uomo, con un attenzione a chi è più in difficoltà. Si tratta di mettere in gioco diverse tipologie di intervento dando priorità a coloro che si occupano di formazione integrale dell uomo e di fragilità umane. Vuole offrire opportunità di incontro e di crescita a tutti, tanto a persone in difficoltà, quanto a persone interessate ad iniziative di promozione umana. Co.M.E.S. Cooperativa Sociale O.n.l.u.s. è una cooperativa che realizza servizi volti a migliorare la vita delle persone più bisognose di cure e attenzioni. Co.M.E.S. nasce nel 1982 per rispondere concretamente alle problematiche sociali di carattere assistenziale, sanitario ed educativo della collettività. L esperienza acquisita nel corso degli anni ha permesso di sviluppare, in collaborazione con le istituzioni locali pubbliche e con imprese private, un estesa e capillare rete di interventi che fa dell individuo e del suo legame con il territorio i destinatari privilegiati di ogni azione. Con il riferimento ai valori cristiani della solidarietà e della carità, Co.M.E.S. ha scelto di mettere in pratica il principio francescano dell attenzione e del servizio ai più deboli, in particolare attraverso l operato della comunità di recupero per tossicodipendenti Sasso-Montegianni, fondata da Don Nilo Nannini nel Da questa esperienza sono scaturiti nel tempo progetti e sperimentazioni per rispondere ai bisogni delle persone tossicodipendenti in difficoltà. Ad oggi la Co.M.E.S., oltre che nella Tossicodipendenza, opera nei seguenti settori: ANZIANI: attraverso una Residenza Sanitaria Assistenziale e servizi di assistenza domiciliare INFANZIA e ADOLESCENZA: con asili nido, ludoteche, scuola materna e servizi di educativa domiciliare HANDICAP: attraverso un centro diurno di socializzazione, un appartamento dopo di noi utilizzato per vacanze in autonomia, nonché un appartamento di auto aiuto in autonomia assistita CITY CAMP: dal 2013 settimana di approccio alla lingua inglese in full immersion per bambini delle scuole elementari e medie con tutors madre lingua. p.zza della Maddalena, GENOVA referente: Paolino Diral, p.paolo Tel cell Piazza Scalelle 8 - Marradi (FI) Tel Fax

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

biennale Noi ci siamo! GENOVA 5-7 GIUGNO 2015 la brochure degli aderenti

biennale Noi ci siamo! GENOVA 5-7 GIUGNO 2015 la brochure degli aderenti GENOVA 5-7 GIUGNO la brochure degli aderenti Noi ci siamo! all interno trovi: Presentazione della Rete Nazionale della Prossimità Presentazione della Biennale della Prossimità I seminari Gli spettacoli

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli