Borsa Italiana nell evoluzione dello scenario dell exchange industry

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Borsa Italiana nell evoluzione dello scenario dell exchange industry"

Transcript

1 Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Economia Borsa Italiana nell evoluzione dello scenario dell exchange industry Luca Filippa Director Research & Development - Borsa Italiana Bergamo - 3 maggio 22 Indice 2 L evoluzione dei mercati finanziari Le forme organizzative dei mercati Il nuovo scenario dell exchange industry Il ruolo degli Alternative Trading Systems Alleanze, partnerships, fusioni lf_ubg2 1

2 L evoluzione dei mercati finanziari Il cambiamento 3 Sei variabili chiave di natura esterna hanno rivoluzionato la realtà dei mercati finanziari: innovazione tecnologica innovazione finanziaria reshaping dell investment banking industry istituzionalizzazione del risparmio deregulation e liberalizzazione diffusione dell equity culture al segmento retail L evoluzione dei mercati finanziari La globalizzazione 4 Espansione degli scambi su scala internazionale Crescita dell attività delle imprese multinazionali Crescita del numero di joint ventures internazionali Maggiore interdipendenza tra i flussi di capitale Crescita degli investimenti diretti e di portafoglio all estero lf_ubg2 2

3 L evoluzione dei mercati finanziari Determinanti della globalizzazione 5 Affermazione dell economia di mercato Diffusione di tecnologie unificanti (telecomunicazioni, reti, Internet) Cultura antitrust vincente Mobilità crescente di persone, capitali, merci e servizi Sistemi istituzionali normativi e regolamentari favorevoli alla liberalizzazione degli scambi L evoluzione dei mercati finanziari Il nuovo scenario Globalizzazione dei mercati finanziari 6 Concorrenza tra imprese nazionali Espansione del set di strumenti finanziari Liberalizzazione dei movimenti di capitale, flessibilità dei tassi di cambio Rischi di concorrenza regolamentare Innovazione Deregulation TLC efficienti e poco costose. Sviluppi nella struttura dei mercati Elevata volatilità dei tassi di interesse e di cambio. Esigenza di strumenti di copertura Necessità di diversificazione internazionale. Incentivi alla concorrenza regolamentare Nuova visione del ruolo dello Stato nel sistema economico. Apertura ai mercati Tecnologia Quadro macroec. Quadro politico lf_ubg2 3

4 L evoluzione dei mercati finanziari Gli effetti della globalizzazione Facile accesso a tutti i mercati per emittenti e investitori Portafogli finanziari degli investitori più uniformi Ampliamento dei confini (geografici e settoriali) della competizione per intermediari e mercati Importanza delle economie di scala, scopo e skill Crescita della volatilità e degli strumenti per il risk management 7 L evoluzione dei mercati finanziari In termini di macro-analisi 8 La trasformazione dei mercati finanziari avviata verso la fine degli anni Ottanta: rappresenta la nuova fase di un processo già in atto: lo sviluppo economico guidato dai mercati; è un processo estremamente rapido non è un fattore in assoluto solo positivo: sono presenti rischi di rapida trasmissione di shocks, tendenza alla short termism e vincoli alle misure di politica economica; non è in ogni caso un processo reversibile lf_ubg2 4

5 L evoluzione dei mercati finanziari I drivers del cambiamento e gli effetti sulle Borse Globalizzazione Tecnologia ISD n n n n n n n n n n n n n Fine del rischio di cambio nell ambito dell area-euro Convergenza dei tassi di interesse Cambiamenti nelle politiche di asset allocation Crescente interesse delle Autorità europee alla razionalizzazione dei mercati finanziari Fine del periodo di tranquilla gestione delle Borse come monopoli nazionali Privatizzazione / demutualizzazione delle Borse Termine della condivisione automatica degli obiettivi di intermediari e Borse e nascita di situazioni di concorrenza diretta Crescita della concorrenza tra mercati e individuazione di nuovi competitors (es. ATS) Esigenza di una maggiore apertura internazionale e di una politica di partnerships strategiche Aumento dell attività cross border e dei volumi di origine estera Fusioni cross border e grandi global players di successo Caduta delle barriere all entrata Importanza di economie di scala, scopo e skills 9 L evoluzione dei mercati finanziari Borsa Italiana: milestones 1 Set 97 Gen 98 Mag 98 Gen 99 Mag 99 Mag 99 Set 99 Privatizzazione di Borsa Italiana Spa (vendita del 1% delle azioni) Dopo l approvazione di Consob, Borsa Italiana Spa inizia la gestione dei mercati borsistici secondo il nuovo Regolamento dei mercati Acquisizione di MIF Spa Changeover all euro dell intera operatività dei mercati MOU tra le principali otto Borse europee finalizzato alla creazione di un mercato integrato per le blue chips europee Lancio del Nuovo Mercato per le imprese a elevato tasso di crescita, membro del circuito Euro.NM European Alliance: firma dell accordo sui principi del market model comune lf_ubg2 5

6 L evoluzione dei mercati finanziari Borsa Italiana: milestones (2) Gen 2K Costituzione di Piazza Affari Gestione e Servizi, per la gestione di Palazzo Mezzanotte e la realizzazione di nuovi servizi per la comunità finanziaria milanese 11 Gen 2K Mar 2K Apr 2K Mag 2K Lug 2K Lug 2K Lancio di EuroMot, il mercato per Eurobonds e ABS Riduzione da t+5 a t+3 del ciclo di settlement, in linea con gli accordi della European Alliance Acquisizione della maggioranza del capitale della Cassa di Compensazione e Garanzia Partenza delle negoziazioni After Hours Avvio della nuova piattaforma di negoziazione MCW Avvio delle negoziazioni del minifib, il contratto futures disegnato per le esigenze dell investitore retail L evoluzione dei mercati finanziari Borsa Italiana: milestones (3) 12 Gen 1 Mar 1 Apr 1 Dic 1 Gen 2 Acquisizione del 4,1% del capitale di Montetitoli Costituzione di BIt Systems, joint-venture Borsa Italiana - Sia per fornire al gruppo BIt servizi di presidio, project management e system integration nei rapporti con i fornitori tecnologici e fornire servizi di supporto ai clienti di BIt Nuova segmentazione della Borsa e lancio di STAR, il segmento per le piccole e medie imprese Adeguamento della microstruttura ai principi del market model della European Alliance: asta di chiusura, introduzione degli ordini validi solo in asta di chiusura Abolizione del lotto minimo per le azioni della Borsa 2 Completamento dell adeguamento della microstruttura ai principi del market model della European Alliance: chiusura random delle aste, anonimato del book, introduzione della controparte centrale lf_ubg2 6

7 L evoluzione dei mercati finanziari Borsa Italiana dopo la privatizzazione Nuovo approccio operativo su marketing, distribuzione, operations e servizi Poteri (auto)regolamentari, focus sugli aspetti fondamentali più che su quelli formali Segmentazione dei mercati, nuovi prodotti 13 Nuova struttura organizzativa e dei sistemi Elevata trasparenza nelle relazioni Crescita di efficienza e liquidità L evoluzione dei mercati finanziari I mercati di BIt Borsa Italiana Spa 59,1% 4,1% Cassa di Compensazione e Garanzia Monte Titoli 14 Derivati: clearing Cash: garanzia Depositario centrale 65% BIt Systems 35% Sia Sistemi di trading Network Strumenti azionari Covered warrant Reddito fisso Derivati Borsa MTA Ristretto MCW MOT Blue Chips azioni warrant diritti Fondi chiusi obbl. convertibili Segmento ordinario Covered warrant su azioni titoli di Stato tassi di interesse valute indici Titoli di Stato Obbligazioni private euro-obbligazioni Asset backed securities (Abs) DERIVATI AZIONARI index futures index options stock options DERIVATI SU TASSI BTP futures Opzione su Btp futures EURIBOR futures lf_ubg2 7

8 L evoluzione dei mercati finanziari La struttura del sistema-mercati italiano 15 EMITTENTI BIt INTERMEDIARI BIt Systems MONTETITOLI Depositario centrale: gestione accentrata dei titoli (azionisti: intermediari, Clearstream, BIt) SIA IT provider Servizi di negoziazione e di rete (azionisti: ABI, intermediari, Telecom Italia) CASSA CG Clearing derivati Garanzia cash (azionisti: BIt, intermediari) Rapporti economico-contrattuali Rapporti derivanti da regolamenti di mercato L evoluzione dei mercati finanziari La configurazione attuale del gruppo BIt 16 BORSA ITALIANA Spa 4,1% MONTETITOLI 1% PIAZZA AFFARI GESTIONE E SERVIZI 59,1 % CASSA DI COMPENSAZIONE E GARANZIA 65% BIt SYSTEMS partecipazioni azionarie servizi di mercato Emittenti Altri mercati Mercati BIt Intermediari lf_ubg2 8

9 L evoluzione dei mercati finanziari Progetti realizzati da Borsa Italiana Sviluppo dei mercati Nuovo Mercato Mercato dei covered warrants (MCW) Trading After Hours Nuova segmentazione Borsa Lancio del segmento STAR 17 Innovazione Nuovi indici (avviata cooperazione con Standard and Poor s) Nuovi strumenti derivati (minifib) Nuova piattaforma per l Idem (primavera 22) Servizi alla clientela Network Information System Focus sulla customer satisfaction Italian Exchange Academy L evoluzione dei mercati finanziari La segmentazione del mercato di Borsa 18 MTA BLUE CHIPS MIB 3, MIDEX, altre società con capitalizzazione delle azioni ord > 8 ML euro Segmento Ordinario Società medio-piccole che soddisfano i requisiti STAR Altre società quotate lf_ubg2 9

10 L evoluzione dei mercati finanziari Requisiti STAR 19 Capitalizzazione Capitalizzazione delle azioni ordinarie inferiore a 8 ML euro Liquidità Flottante delle azioni ordinarie al 35% per le neoquotate (2% se quotate) Presenza di uno specialista Transparenza Trimestrale entro 45 giorni Tutte le informazioni anche in inglese Investor relation manager Corporate Governance Amministratori indipendenti Comitato di controllo interno Incentivi per il top management Indice 2 L evoluzione dei mercati finanziari Le forme organizzative dei mercati Il nuovo scenario dell exchange industry Il ruolo degli Alternative Trading Systems Alleanze, partnerships, fusioni lf_ubg2 1

11 Le forme organizzative dei mercati I modelli di base: possibili articolazioni 21 secondo le modalità di interazione 4organizzati 4a ricerca autonoma secondo la struttura organizzativa delle negoziazioni 4gridati 4telematici secondo la tipologia prevalente di intermediari 4brokers (negoziazione per conto terzi) 4dealers (negoziazione per conto proprio) secondo le modalità di esecuzione dei contratti 4ad asta (call markets) 4continui Le forme organizzative dei mercati Mercati di brokers e mercati di dealers 22 Mercati di brokers Mercati di dealers i partecipanti al mercato sono intermediari puri che, dietro il pagamento di commissioni, forniscono servizi di negoziazione + economie di scala nei servizi di negoziazione; + specializzazione nella ricerca e diffusione di informazioni; - assenza di garanzia di esecuzione; - rischio di front running. i partecipanti al mercato si pongono in contro-partita diretta ai loro clienti, esponendo quotazioni di acquisto (bid o lettera ) e di vendita (più elevate delle precedenti e denominate ask o denaro ). La loro remunerazione è rappresentata dal bid-ask spread. + immediatezza; - costo della remunerazione dei dealers; - minor trasparenza; - preferencing. lf_ubg2 11

12 Le forme organizzative dei mercati Mercati ad asta e mercati continui Mercati ad asta 23 Mercati continui opportune procedure centralizzate diffondono a tutti gli operatori la situazione degli ordini in acquisto e vendita; in base a determinati algoritmi gli ordini sono periodicamente incrociati e trasformati in contratti. + massima trasparenza; + consolidamento del flusso degli ordini + parità di trattamento di tutti gli operatori; + separazione dei processi di price discovery e trading; - assenza di immediatezza; - impossibilità di negoziare in ogni momento. la presenza di una struttura centralizzata consente la negoziazione durante l intero arco delle sedute + possibilità di negoziare in ogni momento; + flessibilità delle strategie di trading adottabili; - dispersione della liquidità; - maggiori costi. Le forme organizzative dei mercati I modelli storicamente affermati 24 Mercati order driven Mercati quote driven intermediari broker-dealer immettono ordini su un sistema centralizzato in cui opportuni algoritmi determinano la conclusione dei contratti per ogni titolo esistono più dealers - denominati market makers - che si impegnano a porre continuamente quotazioni di acquisto e vendita sui titoli quotati, e cui gli altri operatori e gli investitori finali devono necessariamente fare ricorso qualora intendano negoziare lf_ubg2 12

13 Le forme organizzative dei mercati Confronto tra i mercati order driven e quote driven ORDER DRIVEN 25 QUOTE DRIVEN Flussi Visibilità book Rapporto diretto con gli informativi Focus: prezzi investitori Massima trasparenza Focus: quotazioni Esigenza di trasparenza limitata Ordini clienti Limit, market, strategie Market Esecuzione Priorità prezzo-tempo No priorità temporale Possibili segmentazioni Obblighi di quotazione dimensionali Preferencing Concetto di Distinto dagli operatori Coincidente con la mercato presenza degli operatori Le forme organizzative dei mercati Confronto tra i mercati order driven e quote driven (2) ORDER DRIVEN QUOTE DRIVEN Strutture (se telematici) - Imprescindibile Diffusione delle quotazioni informatiche Info-dissemination Esecuzioni di piccoli lotti Order routing Legami con Assenti Possibili mercato primario Meccanismi di Agevolati da trasparenza, Influenzati dai ritardi di price discovery consolidamento del flusso comunicazione dei trades di ordini e call auctions Problemi Monitoraggio attività broker/ Collusione tra dealers regolamentari dealers Conflitto tra esigenza di Effetto degli hidden orders opacità (concorrenza) e Potenziale illiquidità trasparenza (efficienza) 26 lf_ubg2 13

14 Le forme organizzative dei mercati I vantaggi di un sistema telematico order driven 27 h h h h h h h Riduzione dei costi di accesso alle informazioni Riduzione dei costi di esecuzione degli ordini Più agevole collegamento con le operazioni di clearing e settlement centralizzato Efficiente gestione di procedure di back-office interne Crescita della trasparenza del mercato Incremento della liquidità del mercato Più efficiente azione di monitoraggio dell operatività del mercato da parte di organi di gestione e autorità di vigilanza TUTTI I MERCATI DI BIt SONO TELEMATICI ORDER DRIVEN Indice 28 L evoluzione dei mercati finanziari Le forme organizzative dei mercati Il nuovo scenario dell exchange industry Il ruolo degli Alternative Trading Systems Alleanze, partnerships, fusioni lf_ubg2 14

15 Il nuovo scenario dell exchange industry Le Borse nel nuovo scenario 29 L intero business system tradizionale delle Borse è interessato da una profonda trasformazione Tutte le sue componenti sono influenzate dall evoluzione della finanza, mentre nuovi players e competitors entrano in tutte le aree tradizionalmente riservate alle Borse Il nuovo scenario dell exchange industry Il Business System delle Borse 3 Listing IT & OPERATIONS Strategic Marketing Regulation R & D Admission Network Trading Mkt. Surveillance Distrib. systems Clearing Settlem. Info dissemination Customer services Disclosure Vecchi e nuovi players / competitors: BORSE INTERMEDIARI ATS ALTERNATIVE TRADING SYSTEMS ISV ISV CL. HOUSES CSD / ICSD lf_ubg2 15

16 Il nuovo scenario dell exchange industry Le esigenze dei partecipanti al mercato 31 Contemporaneamente, emergono nuove esigenze Emittenti: liquidità frequenti IPOs reputazione e visibilità internazionale Intermediari: infrastrutture di mercato semplici ed efficienti ampio set di nuovi prodotti flessibilità della regolamentazione Investitori: nuovi prodotti informazione impiego di Internet Il nuovo scenario dell exchange industry Le implicazioni per le Borse 32 Crescita della concorrenza tra Borse Nascita di nuovi competitors (ATS / ECN) Urgenza di rispondere alle nuove esigenze di: 4emittenti (visibilità, flessibilità regolamentare); 4intermediari (crescita della capacità ed efficienza dei sistemi di negoziazione, realizzazione di un servizio di controparte centrale, riduzione dei costi e della complessità di clearing e settlement); 4investitori (flussi informativi, nuovi prodotti, Internet) Cambiamenti nella governance (privatizzazione / demutualizzazione e prospettive di quotazione) lf_ubg2 16

17 Il nuovo scenario dell exchange industry Le implicazioni per le Borse (2) 33 Nuove strategie prodotti/clienti Capacità di porsi come full services provider nei confronti dei diversi partecipanti al mercato Necessità di raggiungere rapidamente la massa critica in grado di sostenere gli elevati livelli degli investimenti in tecnologia Il nuovo scenario dell exchange industry I cambiamenti nelle governance delle Borse Privatizzazioni / Demutalisations: 1993 Stoccolma 1995 Helsinki 1996 Copenhagen Alleanze / Fusioni: Euronext (Amsterdam, Bruxelles, Parigi, Lisbona, LIFFE) Norex (Stoccolma, Copenhagen, Islanda, Norvegia) Borse quotate 1999 Islanda Atene Singapore 2 London Stock Exchange virt-x (SWX-Tradepoint) Jiway (OM-Morgan Stanley) OM (Stoccolma) Tradepoint Euronext ASX Deutsche Börse London Stock Exchange Eventi annunciati: 1997 Amsterdam Borsa Italiana 1998 Australian S.E. demutualisation di NYSE, NASDAQ, CME, CBOT, SWX, Tokio Stock Exchange quotazione di SWX e Bolsas y Mercados Españoles, Tokio Stock Exchange realizzazione di GEM [Euronext, NYSE, Toronto, Tokio, Hong Kong, Messico, Australia, Sao Paulo] 34 lf_ubg2 17

18 Il nuovo scenario dell exchange industry Il nuovo approccio operativo delle Borse Da A 35 Natura Governance Obiettivi Drivers Rischio Scopo Attitudine Istituzione / Club Impresa Cooperativa/Pubblica Spa Adeguatezza amministr. Efficienza / Profitto Legge, regolamentazione Esigenze dei partecipanti al mercato Avversione Gestione No-profit For profit Azione su richiesta Marketing proattivo Il nuovo scenario dell exchange industry Il grado di soddisfazione delle esigenze del mercato Importanza per il mercato Adeguatezza del servizio offerto 36 Piattaforme di trading Microstruttura Clearing (CCP) Settlement Listing rules (cross-border) lf_ubg2 18

19 Indice 37 L evoluzione dei mercati finanziari Le forme organizzative dei mercati Il nuovo scenario dell exchange industry Il ruolo degli Alternative Trading Systems Alleanze, partnerships, fusioni Il ruolo degli Alternative Trading Systems La nuova dimensione della concorrenza 38 L effetto combinato delle innovazioni della tecnologia e della regolamentazione hanno reso possibile la nascita di una nuova categoria di concorrenti per le Borse: gli Alternative Trading Systems (anche chiamati PTS, ECN, MONSTERs, ) Come evidenziato dal dibattito in corso negli Stati Uniti (SEC concept paper del 23 febbraio) e in Europa (FESCO, FSA), il confine tra ATS e Borse (almeno sotto il profilo economico) può essere sottile come la distinzione tra frammentazione e concorrenza (che spesso dipende dal punto di vista di chi affronta il tema ) lf_ubg2 19

20 Il ruolo degli Alternative Trading Systems ATS e Borse 39 La differenza tra ATS e Borse è estremamente sottile, soprattutto se si guarda alla loro funzione economica di fornitura di servizi di negoziazione La questione principale è se l azione degli ATS porti prevalentemente ai vantaggi della concorrenza o agli svantaggi della frammentazione Il ruolo degli Alternative Trading Systems Il cambiamento nel business system 4 La concorrenza degli ATS è destinata a influenzare in modo significativo il business system delle Borse. Nella fornitura dei loro servizi, le Borse adottano spesso politiche di cross-subsidisation, destinando investimenti e risorse ad aree che non sono in grado di fornire un utile diretto, guardando all efficienza generale del loro business e al risultato complessivo. Da un punto di vista teorico, la presenza di crosssubsidisation è potenzialmente in grado di ridurre gli incentivi all efficienza della value chain delle Borse. In realtà, essa consente alle Borse di offrire una price-list più semplice e di qualificarsi come fulls-services providers nei confronti dei partecipanti al mercato. lf_ubg2 2

21 Il ruolo degli Alternative Trading Systems Cross-subsidisation e cream-skimming 41 La presenza degli ATS mina le basi della strategia descritta. Gli ATS infatti pongono in atto politiche di cream-skimming focalizzate sui prodotti e servizi più ricchi, basate sul fatto che gli altri (listing, marketing, diffusione delle informazioni, vigilanza del mercato) saranno comunque offerti dalle Borse. In un certo senso, essi esercitano un free riding sull attività delle Borse. Il ruolo degli Alternative Trading Systems Europa e Stati Uniti: uno scenario diverso 42 Negli anni Novanta, gli stessi drivers che negli USA hanno determinato il successo degli ATS hanno spinto le Borse europee (a partire da quelle continentali) a profonde innovazioni di tipo organizzativo e tecnologico che hanno disegnato un contesto operativo - mercati telematici order driven - più avanzato ed efficiente di quello statunitense e meglio in grado di rispondere alle esigenze dei partecipanti al mercato in termini di liquidità, costi di negoziazione ed efficienza. lf_ubg2 21

22 Il ruolo degli Alternative Trading Systems Europa e Stati Uniti E pertanto meno probabile che la concorrenza degli ATS colpisca le Borse europee con lo stesso impatto esercitato negli Stati Uniti Una prova indiretta della limitata attività degli ATS è rappresentata da quanto avvenuto il 5 aprile 2 a Londra e il 26 aprile 2 a Milano: con il sistema di negoziazione fermo per inconvenienti tecnici fino al pomeriggio, il volume degli ATS è rimasto molto basso Il valore segnaletico dei prezzi espressi dalle Borse è ancora estremamente elevato Il ruolo degli Alternative Trading Systems Quale evoluzione? 44 In ogni caso, il nuovo scenario è destinato a influenzare le strategie di sviluppo delle Borse. Senza entrare in una valutazione generale sull impatto degli ATS (incremento dell efficienza o della frammentazione), è chiaro che la loro presenza forzerà le Borse a modificare la propria politica di offerta di servizi. E probabile che nel nuovo scenario - indipendentemente dalla posizione che verrà assunta dalle Autorità - le Borse introducano una più forte segmentazione dei servizi offerti a emittenti, intermediari e investitori, con politiche di pricing adeguate e costeffective. lf_ubg2 22

23 Il ruolo degli Alternative Trading Systems Il ruolo della regolamentazione 45 L attività delle Autorità deve tener conto dell evoluzione dei mercati finanziari, ma nello stesso tempo guardare con attenzione alla posizione dei mercati regolamentati Allo stato attuale, solo i mercati regolamentati sono infatti in grado di assicurare la fornitura dell intero set di servizi necessario ai partecipanti al mercato in condizioni di trasparenza, correttezza e vigilanza Il ruolo degli Alternative Trading Systems Concorrenza e regolamentazione 46 La propensione verso la concorrenza non deve trasformarsi in un incentivo alla minor trasparenza Le incombenze regolamentari (procedure, tempi) non dovrebbero diventare un ostacolo alla flessibilità nell offerta di prodotti e servizi E auspicabile che l offerta di servizi di negoziazione sia regolamentata guardando alla sua funzione economica e non alla forma giuridica di chi fornisce il servizio In caso contrario, agili forme di arbitraggio regolamentare porterebbero velocemente all elusione degli stessi principi alla base dell intervento delle Autorità, a danno della protezione degli investitori e dell integrità del mercato lf_ubg2 23

24 Indice 47 L evoluzione dei mercati finanziari Le forme organizzative dei mercati Il nuovo scenario dell exchange industry Il ruolo degli Alternative Trading Systems Alleanze, partnerships, fusioni Alleanze, partnerships, fusioni Il punto fermo 48 Per le singole Borse europee un ipotesi di prosecuzione su base stand-alone sembra poco percorribile via di: livello degli investimenti in tecnologia per la gestione delle piattaforme esistenti (già oggi i costi rappresentano circa i due terzi delle spese correnti) e per la realizzazione di quelle di nuova generazione raggiungimento della massa critica che consenta un efficiente realizzazione di sistemi di clearing e settlement, che costituiscono attualmente in Europa la principale area in cui è necessario un recupero di efficienza forte pressione concorrenziale da parte dei competitors (altre Borse, ATS) difficoltà di fornire accesso ai prodotti internazionali, che sempre più costituiranno l obiettivo dell asset allocation degli investitori istituzionali e individuali lf_ubg2 24

25 Alleanze, partnerships, fusioni Effetti in termini strategici 49 Condivisione di nuove tecnologie Accesso a nuovi prodotti / mercati Ampliamento / fidelizzazione della clientela Aumento di liquidità e visibilità (emittenti e investitori) Attivazione di economie di scala Capacità di investimenti IT Conseguimento di economie di scopo (p.e.: integrazione dei sistemi) Più efficienti funzioni di clearing e settlement Alleanze, partnerships, fusioni Effetti sul conto economico 5 (tanto dell Exchange che degli stakeholders) Riduzione dei costi aggregati via sinergie (si consideri che il costo delle piattaforme tecnologiche è la principale voce dei costi nei conti economici delle Borse) Aumento delle opportunità di offrire nuovi servizi / prodotti Costi di adeguamento alle nuove infrastrutture Investimenti per lo sviluppo lf_ubg2 25

26 Alleanze, partnerships, fusioni La ridefinizione dell ambito regolamentare 51 Il quadro normativo del listing : potestà regolamentari dirette (Borse) e indirette (Autorità) Il quadro normativo del trading : potestà regolamentari dirette (Borse) e indirette (Autorità) La regolamentazione degli intermediari L esercizio delle funzioni di vigilanza del mercato Rapporto tra Autorità e imprese-mercato Alleanze, partnerships, fusioni Il progetto European Alliance 52 luglio annuncio da parte di LSE e DBAG settembre contatti con le altre Borse maggio firma del Memorandum of Understanding tra le otto Borse (Amsterdam, Borsa Italiana, Bruxelles, Deutsche Börse, Londra, Madrid, Parigi, Swiss Exchange) settembre accordo sui princìpi del market model e sull avvio con struttura a network maggio 2 - approvazione del market model lf_ubg2 26

27 Alleanze, partnerships, fusioni Il progetto European Alliance (2) 53 L accordo di network tra le otto Borse, ipotizzato come preliminare a una più completa integrazione dei sistemi di trading, non ha potuto essere realizzato a causa delle difficoltà di aggregazione e dei costi elevati per alcuni dei partecipanti, che ne hanno vanificato lo scopo fondamentale di rappresentare una soluzione rapida, efficiente ed economica. L esperienza dei mesi precedenti - che ha in ogni caso portato al disegno di un market model comune - ha dimostrato come l attività delle Borse europee presenti troppe aree di sovrapposizione ed esigenze contrastanti per poter realizzare iniziative che godano del consenso di tutte le parti (presupposto irrinunciabile nelle alleanze). Alleanze, partnerships, fusioni Il progetto European Alliance (3) 54 Si è pertanto affermata la visione che solamente attraverso processi di fusione tra Borse sarà possibile pervenire a integrazioni efficienti tra i mercati in grado di soddisfare le esigenze dei partecipanti al mercato. Attraverso una fusione infatti la soluzione dei seri problemi che hanno generato l impasse della European Alliance può trovare meccanismi decisionali adeguati a prendere le misure necessarie. La vera novità dello scenario attuale è rappresentata dalla divisione delle otto Borse in più poli (ix, Euronext, Virt-X). lf_ubg2 27

28 Alleanze, partnerships, fusioni Euronext, ix, Norex, SWX-Tradepoint e Jiway 55 Euronext - Fusione tra le Borse di Amsterdam, Bruxelles e Parigi (32% - 8% - 6%), con omogeneità delle regole di listing e trading - formalmente esercitate dalle tre Borse, che rimangono come subsidiaries della holding di diritto olandese - e utilizzo della piattaforma di trading francese NSC. Operativo dal settembre 2. Nel gennaio 22, adesione di BVLP e acquisizione del LIFFE ix - Fusione di London Stock Exchange e Deutsche Börse AG, fatta eccezione per la partecipazione in Clearstream, (5% - 5%), con gestione diretta del mercato per le blue chips (Londra) e per le high-growth (Francoforte), mentre le mid/small caps sono negoziate nei mercati domestici gestiti da subsidiaries; utilizzo della piattaforma di negoziazione tedesca Xetra. Il mercato high growth è oggetto di una joint-venture con il Nasdaq. Era stata siglata una lettera di intenti con Borsa Italiana e Bolsa de Madrid finalizzata a discutere l adesione. Dopo l opa OM di fine agosto 2, LSE ha bloccato il progetto. Alleanze, partnerships, fusioni Euronext, ix, Norex, SWX-Tradepoint e Jiway (2) 56 Norex - Alleanza tra Copenhagen S.E., Iceland S.E. e OM Stockholm Exchangel, Oslo Stock Exchange per la condivisione della piattaforma di trading svedese SAX2 e l armonizzazione delle regole di trading e membership. virt-x- Nuova società creata da SWX e Tradepoint per la realizzazione di un mercato paneuropeo per la negoziazione delle blue chips, con l adozione della piattaforma di trading svizzera e focus sugli investitori istituzionali. Avvio operatività: 25 giugno 21 Jiway - Joint venture tra OM Group (6%) e Morgan Stanley Dean Witter per la realizzazione di una Borsa (UK) per la negoziazione delle blue chips europee e statunitensi in una logica di one-step facility (dal trading al settlement), con servizio di controparte centrale. Focus sugli investitori retail. Operativo da inizio 21. Nell autunno 21, Morgan Stanley lascia la società lf_ubg2 28

29 Alleanze, partnerships, fusioni I punti chiave di un integrazione 57 Scelta della tecnologia da adottare Previsione di estensione ai servizi di clearing e settlement Condizioni di common / cross membership per gli intermediari Equal treatment per intermediari ed emittenti Condizioni di pari dignità (con pesi diversi) tra gli azionisti dei diversi Exchanges Definizione di un migration path smooth e a costi contenuti Quadro regolamentare: ripartizione delle potestà normative e delle funzioni di vigilanza Modello di valutazione degli Exchanges Alleanze, partnerships, fusioni Il modello di Spa quotata sembra essere la scelta ottimale per la gestione efficiente dei mercati Stockholm Stock Exchange demutualizzata nel 1993 OM (dal 1997 azionista al 1% della Borsa) quotata dal 1987 (capitalizzazione,68 MD) Demutualizzata nel 1998 Quotata (senza IPO) da Ottobre 1998 (capitalizzazione,68 MD) Demutualizzata nel 2 Quotata (senza IPO) da Giugno 2 (capitalizzazione 1,23 MD) Demutualizzata nel Dicembre 1999 Quotata da Novembre 2 (capitalizzazione,64 MD) Demutualizzata nel 199 Quotata da Febbraio 21 (capitalizzazione 3,5 MD) Costituita nel Settembre 2 come holding che controlla al 1% le Borse di Amsterdam, Bruxelles e Parigi Quotata da Luglio 21 (capitalizzazione 1,83 MD) 58 Nota: dati di capitalizzazione di fonte Bloomberg, aggiornamento al 12 settembre 21 lf_ubg2 29

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 2 Agenda 17.00 17.15 Introduzione Matteo Carcano Orc Software 17.15 17.30 Le opportunità di

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Economia. Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari

Università degli studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Economia. Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari Tesi in Economia degli Intermediari Finanziari Il ruolo dell ICT nello

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

CONSOB QUADERNI DI FINANZA BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI STUDI E RICERCHE COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

CONSOB QUADERNI DI FINANZA BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI STUDI E RICERCHE COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI SCAMBI ORGANIZZATI: ALCUNE CONSIDERAZIONI GENERALI ED UN

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari ALETTI VIEW CERTIFICATE Prima dell'adesione leggere il

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID SECTORS AND Advisory THEMES Mercati Title alternativi heree scenari di liquidità: quali sfide per gli Additional information in Univers 45 Light 12pt on 16pt leading intermediari? kpmg.com Servizi d investimento

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti.

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti. Sintesi Professionale Consolidata esperienza nella gestione di progetti complessi volti all introduzione di nuove attività e simmetricamente alla razionalizzazione ed efficientamento di strutture e reti

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA

DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA SAPIENZA - UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E TECNOLOGIE DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA TESI DI DOTTORATO XXII CICLO LA MIFID E I MERCATI FINANZIARI

Dettagli

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei S.F. Fioravanti, M. Gentile L attività di ricerca e analisi della Consob intende promuovere la riflessione e stimolare

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB Visionato da: Dott. Martha Dichristin e Dott. Martin Selva Approvato dal CDA in data 21.10.2014 Sostituisce l edizione d.d. 08.05.2012 Indice 1.

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli