FONDAZIONE ARTISTICA POLDI PEZZOLI «Onlus» RENDICONTO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAZIONE ARTISTICA POLDI PEZZOLI «Onlus» RENDICONTO 2013"

Transcript

1

2 Museo: Via A. Manzoni Milano Tel , Uffici e biblioteca: Via Bigli Milano Tel Fax Codice fiscale Partita IVA Posta certificata: Ente Morale senza scopo di lucro avente personalità giuridica (R.D. LXXIX del ). Ha per scopo la tutela, la promozione e la valorizzazione delle raccolte artistiche, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, ai sensi dell'art. 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137, ex art. 1 legge N. 1089). La Fondazione è iscritta all Anagrafe delle Onlus presso l Agenzia delle Entrate, Direzione Regionale della Lombardia poiché in possesso dei requisiti indicati all art. 10, comma 1 lettera a) del decreto legislativo n. 460 del 4 dicembre 1997, con svolgimento dell attività nel Settore 7 ovvero Tutela, promozione e valorizzazione delle raccolte artistiche. Iscritta al pubblico registro delle persone giuridiche tenuto presso la Prefettura di Milano al numero d ordine 866 della pagina 4069 del Vol. 4. La Regione Lombardia ha effettuato il riconoscimento come museo con dgr del 5 novembre 2004 n in attuazione del dgr 20/12/2002 n Criteri e linee guida per il riconoscimento dei musei e delle raccolte museali in Lombardia, nonché linee guida sui profili professionali degli operatori dei musei e delle raccolte museali in lombardia, ai sensi della l.r. 5 gennaio 2000, n. 1 commi FONDAZIONE ARTISTICA POLDI PEZZOLI «ONLUS» «Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale» SOMMARIO Il Consiglio di Amministrazione Il Personale Principi contabili Nota introduttiva del Presidente Stato patrimoniale Conto economico Nota integrativa e allegati Relazione del Collegio dei Revisori dei Conti pag. 3 pag. 4 pag. 5 pag. 6 pag. 7 pag. 8 pag. 9 pag /04/2014 pagina 2

3 Il Consiglio di amministrazione ruolo Cera Mario Presidente Airaghi Rita Consigliere Attolico Trivulzio Gian Giacomo Consigliere Bandera Sandrina Consigliere Goren Monti Micaela Consigliere Bolzani Alberto Consigliere Bertazzoni Giovanna Consigliere Orlando Enrica Bona Consigliere Sapelli Giulio Consigliere vacante dal 18 settembre In attesa di nuova nomina Bracco Diana Consigliere Imbert Federico Consigliere Iudica Giovanni Consigliere Maugeri Aldo Consigliere Nomina in rappresentanza di Amministrazione Provinciale di Milano prima nomina 18/09/2007 in corso 28/11/2011 Associaz. Amici del Museo Poldi Pezzoli 17/04/ /04/2012 Eredi Gian Giacomo Poldi Pezzoli 27/06/ /04/2012 Soprint. ai Beni Artistici Lombardia 30/04/08 30/04/2008 Regione Lombardia 07/05/ /05/2012 Comune di Milano 19/10/ /10/2012 Ministero Beni e Attività Culturali 04/07/ /07/2012 Comune di Milano 20/07/ /10/2012 Regione Lombardia 21/04/ /05/2012 Banca Popolare di Milano Camera di Commercio di Milano 06/02/ /02/2012 Credit Suisse 17/05/ /05/2012 UBI Banca Pop. Commercio & Industria 20/03/ /03/2012 Fond. Banca del Monte di Lombardia 25/11/ /11/2011 Zanni Annalisa Direttore. Partecipa al CdA non avente diritto di voto Collegio dei Revisori dei Conti Arena Murri Scuto Domenico Sabrina Sarina Nomina in rappresentanza di prima nomina in corso Consiglio di Amministrazione 07/04/ /04/2012 Comune di Milano 01/03/ /03/2012 Ministero Beni e Attività Culturali 30/04/ /04/2012 In blu i Consiglieri degli Enti Sovventori Caselle in giallo con flag per membri del Comitato di Gestione 5 maggio 2011 data di approvazione del nuovo statuto della Fondazione Artistica Poldi Pezzoli «Onlus». Art. 4) La Fondazione è articolata nei seguenti organi: a) il Consiglio di Amministrazione; b) il Comitato di Gestione; c) il Collegio dei Revisori; d) il Direttore. Art. 5) Il Consiglio di Amministrazione è composto da non meno di 9 e non oltre 16 membri, compreso il Presidente, nominati dalle categorie dei soggetti fondatori individuati secondo lo Statuto e costituiti da Enti istituzionali, Rappresentanti tradizionali e Enti sovventori, come segue: A) in numero di 7 (sette) per gli Enti istituzionali così individuati: a) il Soprintendente ai Beni Artistici e Storici pro tempore territorialmente competente; b) due membri nominati dal Sindaco del Comune di Milano; c) due membri nominati dal Presidente della Regione Lombardia; d) un membro nominato dal Presidente dell'amministrazione Provinciale di Milano; e) un membro nominato dal Ministro per i Beni Culturali e Ambientali; B) in numero di 2 (due) per i Rappresentanti tradizionali: a) l'erede o il rappresentante degli eredi del Nob. Cav. Gian Giacomo Poldi Pezzoli; b) un rappresentante dell'associazione degli Amici del Poldi Pezzoli; C) in un numero complessivo non maggiore di 7 (sette) per gli Enti sovventori, ognuno di essi nominando un membro del Consiglio di Amministrazione. Sono Enti sovventori i soggetti, di diritto pubblico o di diritto privato, che si impegnano a versare i contributi annuali per l'attività della Fondazione per un periodo triennale e che vengono indicati dal Consiglio di Amministrazione di triennio in triennio, almeno tre mesi prima della scadenza del Consiglio stesso e quindi inseriti in un elenco pubblico nelle forme stabilite dal Consiglio di Amministrazione. Tutti i Consiglieri di amministrazione hanno uguali diritti e doveri e non rappresentano gli Enti ed Organismi che li hanno nominati né ad essi rispondono. I Consiglieri nominati dagli Enti Istituzionali e dai Rappresentanti tradizionali durano in carica per tre esercizi dalla rispettiva nomina, compreso quello in corso al momento della nomina stessa. La carica cessa con l'approvazione del bilancio relativo all'ultimo esercizio di efficacia dell'incarico. <...> pagina 3

4 Il Personale dipendente Organico del museo al 31 dicembre 2013 Nome e cognome Annalisa Zanni Ilaria Toniolo Duilio Marsiglio Maurizio Delsale quadro 04/12/1995 Amministrazione e personale Simone Ferraris impiegato 2 liv. 14/11/2002 Resp. biglietteria e pers. di custodia Aldo Garimoldi impiegato 3 liv. 01/01/2008 Biglietteria e movimentazione opere Benedetto Rau impiegato 5 liv. 01/05/1983 Custodia, magazzino, biglietteria Ettore Cannarsa impiegato 5 liv. 11/03/1988 Custodia, biglietteria Giovanni Parisi impiegato 5 liv. 17/06/1988 Stefano Rossini Renato Parisi Qualifica dirigente impiegato 5 liv. 24/05/1994 impiegato 6 liv. 01/02/2009 Mansione Direttore Andrea Di Lorenzo quadro 20/10/1989 Conservatore Lavinia Maddalena Galli Michero quadro 15/05/2000 Conservatore Federica Manoli quadro 04/10/2004 Registrar Elisabetta Ferrari Da Grado impiegato 1 liv. 12/09/1990 Relazioni istituzionali impiegato 2 liv. impiegato 1 liv. assunzione 03/02/ /05/2006 Ufficio stampa, assistente del Direttore 18/03/1983 Responsabile sicurezza, webmaster Custodia, manutenzione Custodia, manutenzione Custodia Fabio La Ferla impiegato 6 liv. 01/02/2009 Custodia Eleonora Lucrezia Bressanin impiegato 6 liv. 01/02/2011 Custodia, biglietteria CCNL ore sett. T. ind. 40 T. ind. 24 T. ind. 20 T. ind. 40 T. ind. 20 T. ind. 40 T. ind. 40 T. ind. 40 T. ind. 32 T. ind. 40 T. ind. 40 T. ind. 40 T. ind. 40 T. ind. 40 T. det. 16 T. det. 16 T. det. 16 pagina 4

5 Principi contabili Immobilizzazioni immateriali Tali voci riportano il saldo residuale dei costi sostenuti ammortizzati nell arco di cinque anni. Immobilizzazioni materiali Non risultano iscritti a patrimonio i beni artistici e gli immobili del museo. I beni artistici figurano nel libro "Inventario" del Museo Poldi Pezzoli. Risultano invece iscritte solo le immobilizzazioni di tipo tecnico acquisite o realizzate al valore che non risulta ancora azzerato in seguito a specifici contributi ricevuti o a quote di ammortamento applicate ai residui importi non coperti da tali introiti. Le aliquote di ammortamento applicate sono le seguenti: impianti 12% attrezzature museali 12% macchine ufficio 20% beni inferiori a euro 516,46 100% Immobilizzazioni finanziarie Rappresentano titoli di stato, fondi, azioni, obbligazioni italiane ed estere e sono esposte al valore di acquisto nel corso dell'anno o al valore di mercato alla data del 31 dicembre Rimanenze Si riferiscono agli oggetti posti in vendita presso il banco vendita. Sono valutati al costo opportunatamente svalutati qualora si sia in presenza di un lento rigiro. Gli oggetti la cui vendita non è più procedibile sono indicate al valore simbolico di un euro. Ratei e risconti Misurano proventi e oneri la cui competenza è anticipata o posticipata rispetto alla manifestazione numeraria e/o documentale; essi prescindono dalla data di pagamento o riscossione dei relativi proventi e oneri. Patrimonio netto Comprende il Fondo di Dotazione e il Fondo Riserve. Fondi diversi Comprendono, ciascuno di essi, gli accantonamenti stanziati nel corso degli anni al netto degli eventuali utilizzi. Debiti Evidenziano l ammontare dei debiti esistenti esposti sulla base del loro valore cartolare. Ricavi e proventi Evidenziano le entrate relative ai contributi, alle liberalità, agli ingressi visitatori ed ai ricavi del museum shop. Non comprendono i contributi finalizzati che per la loro peculiarità sono portati direttamente a copertura di specifici interventi strutturali. Costi di gestione Evidenziano, opportunamente classificati, i costi sostenuti per il funzionamento della Fondazione. Crediti Sono indicati in base al loro valore salvo eventuali rettifiche sotto forma di accantonamento specificamente evidenziate. Proventi e oneri finanziari Evidenziano l ammontare degli interessi iscritti per competenza ed i costi per interessi ed oneri pagina 5

6 Nota introduttiva del Presidente L esercizio 2013 si è svolto nel segno della stabilità e della normalità della gestione e dell organizzazione, con una nuova e decorosa sistemazione degli uffici in via Bigli e il recupero di una porzione significativa della parte museale a fini espositivi. L attività nel Museo e per il Museo è stata, come al solito e come si può ben trarre dalle relazioni specifiche allegate, contraddistinta dalla cura e dalla qualità culturale delle iniziative, di cui va dato espresso merito alla Direttrice dr.ssa Zanni e ai suoi collaboratori. Dal punto di osservazione proprio della Fondazione, non può non segnalarsi come evento estremamente positivo la chiusura dei conti con un avanzo, minimo ma significativo (circa euro): e ciò, va evidenziato per doverosa trasparenza e pure quale sentito riconoscimento, essenzialmente per il contributo economico degli Enti sovventori, davvero decisivo per l equilibrio economico della Fondazione, mentre sempre meno significativo, fino quasi alla marginalità, appare il contributo degli Enti pubblici, profilo sul quale occorrerà al più presto riprendere ogni opportuna riflessione. Non trascurabile, invece, appare la voce relativa ai proventi dell attività, che denota il dinamismo e l attivismo della Direzione e la ricerca di nuovi spazi d azione. Tali spazi, peraltro, significano contatti, promozioni, non mera conservazione od esposizione, come emerge dalle iniziative programmate per l esercizio In tale ottica, il Poldi Pezzoli deve essere e proporsi quale centro aperto sulla scena artisticoculturale, nazionale ed internazionale, piccolo, ma prezioso anzi unico nel suo genere, fiore nel panorama museale italiano. Il Presidente Avv. Prof. Mario Cera pagina 6

7 STATO PATRIMONIALE A) I 1) II 2)o 2)p 2)r 2)s 2)t 3)b 3)e ATTIVO IMMOBILIZZAZIONI Immobilizzazioni immateriali: Oneri pluriennali per trasloco uffici da via Foscolo Immobilizzazioni materiali: Nuovi bagni museo Interventi per la sicurezza e la conservazione Manutenzione straordinaria serramenti e infissi Deposito tessili Nuovi uffici via Bigli 19 Attrezzature museali diverse Vetrine museum shop [pg]* [11] 8.494, , , , , , , , , , , , , , , , ,88 872, ,56 III 3) B) I 4 II 1) 2) 3) IV 1) 3) Immobilizzazioni finanziarie: Titoli di Stato e similari gestione Soc. Mobiliari TOTALE IMMOBILIZZAZIONI (A) ATTIVO CIRCOLANTE [13] Rimanenze: Oggetti vendita museum shop Crediti: Crediti verso clienti Crediti verso Enti Pubblici e Privati per contributi Crediti verso altri Disponibilità liquide Banche Cassa TOTALE ATTIVO CIRCOLANTE (B) , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,63 C) RATEI E RISCONTI Ratei, risconti e depositi cauzionali , ,53 TOTALE ATTIVO , ,58 A) I II VIII IX PASSIVO PATRIMONIO NETTO [13] Fondo di dotazione Fondo riserve Avanzo (Disavanzo) di gestione esercizi precedenti Avanzo (Disavanzo) d'esercizio TOTALE PATRIMONIO NETTO (A) , ,63 (71.864,94) 6.928,61 (71.864,94) , ,69 B) 4 C) FONDI PER RISCHI ED ONERI Fondo rischi TOTALE FONDI PER RISCHI ED ONERI (B) FONDO TRATT. DI FINE RAPPORTO , , , , , ,19 D) 1)a 1)b 2) 3) 4) 5)b 5)c 5)d E) DEBITI Debiti verso fornitori Fatture da ricevere Debiti v/so banche Debiti tributari Debiti verso istituti di previdenza Altri debiti Debiti v/so Finlombarda x fin. Regione (l.r. 19/ ) Debiti v/so Finlombarda x fin. Regione (l.r. 19/ ) RATEI E RISCONTI [14] TOTALE DEBITI (D) , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,01 [pg]* = pagina Nota integrativa TOTALE PASSIVO , ,58 pagina 7

8 CONTO ECONOMICO A) 1) 1)a 1)b 2) 2)a 2)b 2)c [pg]* RICAVI E PROVENTI Proventi da attività istituzionale Contributi e liberalità [15] Ingressi visitatori e altri proventi [16] Ricavi da attività connessa [16] Ricavi museum shop Variazioni delle rimanenze di magazzino Sponsorizzazioni e altri ricavi TOTALE RICAVI E PROVENTI , , , , , , , , , , , , , , , ,89 B) 6) 7) 8) 9) 10) COSTI Acquisto materiale destinato alla rivendita Servizi Godimento beni di terzi Costi del personale Ammortamenti e svalutazioni [17] [17] [17] [18] 14)a Oneri diversi di gestione 14)b Spese per attività culturali 14)c Spese per la biblioteca 14)d Spese per manutenzione e allestimento locali 14)e Spese per restauri [18] [18] [18] [18] [19] TOTALE COSTI , , , , , , , , , , , , , , , , ,72 20, , , ,11 DIFFERENZA (AB) AVANZO O (DISAVANZO) OPERATIVO (739,78) (83.497,22) C) 16) 17) PROVENTI E ONERI FINANZIARI [19] Interessi e operazioni su titoli Interessi bancari e altri oneri finanziari TOTALE PROVENTI E ONERI FINANZIARI ,12 (2.249,06) , ,17 (3.501,50) ,67 D) RETTIFICHE DI VALORE DI ATT. FINANZ. 18)b Valutazione portafoglio titoli E) 20) 21) PROVENTI E ONERI STRAORDINARI [19] Sopravv. attive, indennizzi e proventi straordinari 154,00 Sopravvenienze passive e perdite (9.848,67) TOTALE PROVENTI E ONERI STRAORDINARI (9.694,67) 3.016,30 (17.529,69) (14.513,39) AVANZO (DISAVANZO) DELL' ESERCIZIO 6.928,61 (71.864,94) [pg]* = pagina Nota integrativa pagina 8

9 Nota integrativa al rendiconto del 31 dicembre 2013 Premessa La valutazione delle voci del rendiconto è stata fatta ispirandosi a criteri generali di prudenza e competenza. Il risultato positivo di 6.928,61 è composto da: disavanzo operativo (739,78) (83.497,22) performance titoli , ,17 proventi e oneri finanz. e straordinari (11.943,73) (18.014,89) avanzo dell'esercizio 6.928,61 (71.864,94) Era dal 2002 che il rendiconto non terminava con un avanzo. Il miglioramento rispetto all'anno precedente è di ,50. Questo importante risultato si deve quindi non solo agli Enti Sovventori introdotti con le modifiche statutarie del 5 maggio 2011 e operative dal 2012, ma anche grazie alla quota 2013 di contributi di TBS Tokyo per la mostra che il museo organizza in Giappone. Tutte le attività culturali hanno trovato copertura finanziaria ed è stato possibile destinare parte dei contributi ricevuti a riconoscimento dei costi organizzativi sostenuti della Fondazione. A seguire alcune note significative per meglio comprendere il rendiconto. Per quanto riguarda le entrate alla gestione, la voce maggiore è relativa ai contributi da Privati (48,6%), seguono gli ingressi (21,8%), le sponsorizzazioni e aperture straordinarie del museo (12,6%) e i contributi da Enti Pubblici (10,5%). Tra le entrate finalizzate, si rileva come i Privati, ovvero Banche, Fondazioni, Società e Persone fisiche, contribuiscano in maniera determinante con quasi il 90% dei contributi destinati alle attività culturali. Nel complesso, l'apporto dei Privati è del 60,6% mentre gli Enti Pubblici hanno un peso di gran lunga inferiore con il 10,6%. Gli Ingressi e il Museum shop insieme formano il 18,7% delle entrate. I Proventi da patrimonio sono inferiori al 2%. Ciclicamente possiamo contare sulla generosità delle persone che lasciano attraverso testamenti o legati somme di denaro o beni immobili: nel 2013 e nel 2012 non ci sono state donazioni. pagina 9

10 Prendendo in esame la globalità delle Uscite, si rileva come voce maggiore il costo del personale con il 57%. La quota relativa alle attività culturali è del 18% (mostre, restauri e attività didattica); è bene sempre ricordare che la percentuale si riferisce a costi vivi e non include quei costi gestionali come il personale impiegato per il conseguimento del risultato. L imposta sul valore aggiunto (tra parentesi i riferimenti al 2012) L'IVA sulle attività istituzionali rappresenta per il museo un costo e nel corso del 2013 è stata accusata per ,52 ( ,65). Per i costi finalizzati all'attività culturale (mostre, restauri, didattica) ha pesato per ,19 ovvero il 36,8% dell'iva totale ( ,84 15,72%) mentre l'iva per costi di gestione è stata di ,33 ovvero il 63,2% ( ,81 84,28%). pagina 10

11 Analisi delle voci di stato patrimoniale ATTIVO A) I. Immobilizzazioni immateriali Saldo al 31/12/ ,60 Variazioni (2.831,40) Saldo al 31/12/ ,20 Si compone dei costi del trasloco degli uffici di via Foscolo del luglio Il costo di ,00 verrà ammortizzato in cinque quote costanti annuali al 20%. A) II. Immobilizzazioni materiali Saldo al 31/12/12 Variazioni Saldo al 31/12/ , , ,64 Sono iscritte al costo di acquisto e rettificate dagli specifici contributi erogati e dalle quote di ammortamento stanziate al 31 dicembre. Gli ammortamenti calcolati con l applicazione delle aliquote fiscalmente ammesse, sono ritenuti congrui in relazione al deperimento tecnicoeconomico del cespite. La variazione in aumento è data dalla differenza tra gli importi rettificati relativi alle immobilizzazioni pregresse con l'inserimento dei costi dei lavori occorsi per i nuovi uffici di via Bigli 19. A) III. Immobilizzazioni Finanziarie Saldo al 31/12/12 Variazioni Saldo al 31/12/ ,97 Composizione: (23.912,95) ,02 UBI C.& I. portaf. UBI C.& I. Fidei. Valore d'acquisto , ,00 Liquidità , ,52 Totale , , ,02 Per far fronte alla liquidità sono stati prelevati euro in data 11 gennaio 2013; nel 2012 vi fu la necessità di prelevare euro Nel corso del 2013 il portafoglio gestito da Banca Popolare Commercio & Industria ha recuperato la valorizzazione negativa di mercato che al 31 dicembre 2011 era di ,23 e di ,02 al 31 dicembre In questi anni non si è provveduto alla rivalutazione dei titoli al valore di mercato per non peggiorare il risultato di bilancio e per coerenza non si procederà nemmeno quest'anno. Il portafoglio è investito al 100% in area euro e accoglie titoli obbligazionari per l'85,5% e azionari per il restante 14,5% e sono esposti al valore di acquisto nel corso dell'anno o al valore di mercato alla data del 31 dicembre 2007 per i titoli superstiti. Per quanto riguarda il conto deposito aperto come fideiussione al finanziamento in essere con Finlombarda Regione Lombardia l.r. 19/04 anno 2009 voce 5)b dello Stato Patrimoniale, il titolo sottoscritto è un UBI 2% scadenza Nella tabella seguente i dettagli del portafoglio in essere. contabilità generale da estratto conto UBI valore trasf. da portafoglio UBI valorizzazione al quantità Spafid 2011 o n. 0073/ /12/13 acquistati succ. BTP 01FB17 4% scad 1/2/ , , ,84 CCT EU scad 15/12/15 TV% , , ,00 BTP 01GN18 3,5% scad 1/6/ , , ,33 DEXIA Cred. scad 28/6/ , , ,99 BTP IT 13/ , , ,28 PRYSMIAN 5,25% scad 9/4/ , , ,04 ENI TF% 11/ , , ,00 ETF ISHARES DJ Stoxx , , ,50 ETF LYXOR DJ Stoxx , , ,50 ETF LYXOR S&P/MIB M.U , , , , , ,61 quantità ,00 tit. obbligaz ,00 tit. obbligaz ,00 tit. obbligaz ,00 tit. obbligaz ,00 tit. obbligaz ,00 tit. obbligaz ,00 tit. obbligaz ,00 tit. azionari 1.395,00 tit. azionari 1.375,00 tit. azionari ,00 differenza valore 6.514,74 (73,38) 3.732,44 (995,41) (1.068,00) 2.800, ,99 (144,00) (6.768,40) (23.879,22) 74,82 pagina 11

12 Bando di Buona Gestione Fondazione Cariplo Lo Stato Patrimoniale comprende anche lavori di rilevante importanza che sono stati effettuati e interamente coperti da specifici contributi finalizzati, e presentano quindi un saldo pari a zero. E' il caso del bando di Fondazione Cariplo Promuovere la buona gestione nel campo della Cultura al quale abbiamo partecipato con una richiesta nell'agosto 2011 ottenendo l'assegnazione di un contributo di 330 mila euro su un progetto triennale del costo complessivo di 500 mila euro, di cui euro di costi del personale. Il bando ha come scopo quello di predisporre un piano di azione per promuovere la razionalizzazione e il rinnovamento dell offerta culturale, in modo da consentire alle organizzazioni il raggiungimento di livelli economici tali da prescindere dall erogazione di ulteriori contributi da parte di Fondazione Cariplo. Il progetto presentato vuole quindi posizionare in modo nuovo il Museo nella realtà economica e sociale attuale e conseguire una maggiore stabilità economica. Esso prevede azioni differenziate in ambiti diversi volte a impostare una nuova strategia di gestione, basata sulla razionalizzazione dei processi organizzativi e gestionali (mediante l acquisizione di software specifici), sulla valorizzazione delle risorse disponibili e sull adozione di iniziative che possano dare avvio a processi virtuosi. Obiettivo principale è aumentare il numero dei visitatori attraverso il rinnovamento dell immagine del museo, una nuova strategia di promozione e comunicazione, l attivazione di nuove iniziative culturali. La valorizzazione delle risorse prevede il migliore sfruttamento degli spazi disponibili, ad esempio la copertura del terrazzo per permetterne l'utilizzo anche in inverno, il restyling dell'ingresso del Museo, l'apertura al pubblico del deposito tessili, e infine i nuovi uffici della direzione in seguito alla chiusura obbligata degli uffici di via Foscolo. Questi interventi sono a tutti gli effetti delle Immobilizzazioni, sono interamente coperti da contributi e pertanto le entrate e le uscite non transiteranno nel Conto Economico ma confluiranno nello Stato Patrimoniale. Vista la disomogeneità delle varie voci, si è pensato di raccoglierle in due gruppi distinti: una parte di esse come la comunicazione, la revisione d'immagine, le aperture serali al pubblico, i software gestionali e gli aggiornamenti professionali, sono stati considerati immateriali e in contabilità generale prendono il nome di c/ interventi pluriennali per lo sviluppo mentre la parte di interventi come la nuova illuminazione,i depositi tessili,i nuovi uffici di via Manzoni,la copertura del terrazzo e il restyling del museum shop, sono considerati indubbiamente materiali e in contabilità generale trovano collocazione nei rispettivi conti di riferimento. A seguire una tabella degli interventi sostenuti nel corso del 2012, del 2013 e di quelli che verranno eseguiti nel Revisione immagine Uscite 6.812,30 previsione ,70 Totale ,00 Aperture straordinarie previsione 2014 Totale Uscite , , , ,00 Software gestionali 2012 Uscite , previsione 2014 Totale ,50 Aggiornamenti professionali Uscite ,00 449,00 previsione ,00 Totale 3.500,00 Comunicazione 2012 Uscite 2013 previsione ,31 Totale ,31 Nuova illuminazione sale Uscite , previsione 2014 Totale ,11 Dep. Tessili e nuovi uffici 2012 Uscite , previsione 2014 Totale ,23 Restyling museum shop 2012 Uscite 2013 previsione ,00 Totale ,00 Copertura terrazzo previsione 2014 Uscite ,60 Totale ,60 pagina 12

13 B) Attivo Circolante Saldo al 31/12/ ,63 Variazioni (26.072,53) Saldo al 31/12/ ,10 II. Crediti I crediti verso clienti ammontano a 9.504,75 e sono tutti riferibili a prestazioni nel corso dell'anno ed esigibili nel breve periodo. I Crediti verso enti pubblici e privati per contributi ammontano a ,32 e sono contributi non ancora incassati alla data del 31 dicembre ma di competenza dell anno Per quanto riguarda l'esercizio in esame, si tratta solo di Enti Pubblici: contributo alla gestione del Comune di Milano per ; integrazione da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo di 7.182,32 (D.L. 91/2013); quote a saldo dalla Regione Lombardia: l.r. 9/93 anno 2013 mostra wunderkammer per 3.750, l.r. 39/74 anno per la nuova illuminazione delle sale dei lombardi e infine a valere sulla l.r. 81/85 anno 2012 per la catalogazione in SBN della biblioteca moderna. I Crediti verso altri ammontano a ,76 e sono principalmente fatture da emettere nei confronti di sponsor per la mostra Wunderkammer, quali ENI SpA, FNM SpA e Mitsubishi Electric. IV. Disponibilità liquide , , , , ,78 Totale banche , ,24 Cassa contante 1.697,46 C) Ratei e risconti attivi Saldo al 31/12/12 Variazioni Saldo al 31/12/ , , ,06 I ratei attivi sono crediti di entrate future, relative a componenti positivi di reddito di competenza dell'esercizio in corso; i risconti attivi sono quote di costi dell'esercizio futuro ma che hanno già avuto la loro manifestazione finanziaria. I ratei attivi ammontano a 5.933,92 e sono in larga parte interessi bancari derivanti dalla gestione del patrimonio, mentre i risconti attivi ammontano a ,14 e sono lavori legati al riallestimento della sala orologi, alla copertura del terrazzo, alla preparazione della mostra Pollaiolo. PASSIVO A) Patrimonio netto Saldo al 31/12/ ,69 Variazioni 6.928,61 Saldo al 31/12/ ,30 La variazione è l'avanzo d esercizio registrato al 31/12. B) Il Fondo per rischi ed oneri non ha subito variazioni. C) Trattamento di fine rapporto Saldo al 31/12/ ,19 Variazioni: accantonamenti ,97 liquid. e/o anticip. (14.042,20) Saldo al 31/12/ ,96 Il fondo accantonato rappresenta l effettivo debito della Fondazione al 31 dicembre 2013 verso i dipendenti in forza a tale data. Gli accantonamenti liquidati nell'anno si riferiscono alle quote dei fondi complementari. L'organico è rimasto immutato nel corso del pagina 13

14 D) Debiti Saldo al 31/12/ ,42 Variazioni (94.431,51) Saldo al 31/12/ ,91 I debiti sono valutati al loro valore nominale con scadenza entro 12 mesi. I "debiti verso fornitori" ammontano a euro ,05 con una diminuzione di euro ,81 rispetto all'anno precedente. Le fatture da ricevere sono debiti verso fornitori maturati nel 2013 e non ancora fatturati, e ammontano a ,90. 2) Debiti v/so banche. Alla data del 31 dicembre 2013 il conto corrente UBI >< Banca Popolare Commercio & Industria non presenta un saldo negativo. Sul conto è in essere un fido dell'importo di Il tasso debitore è del 3% circa ed è composto dallo spread 2 punti percentuali più l'euribor a 365 giorni riferito alla media del mese precedente. Le voci debiti tributari e debiti verso istituti di previdenza accolgono le passività relativamente al mese di dicembre. 3) Debiti tributari V/so erario lavoratori dipendenti V/so erario lavoratori autonomi V/so erario IVA Totale , , , , , , ,66 V/so INPS 4) Debiti verso Inps ,00 Totale , , ,00 La voce altri debiti ammonta a 1.448,14 ed è composta da debiti v/so personale per i fondi complementari e da 226,40 per un anticipo ricevuto da un cliente relativamente all'acquisto di fotografie e diritti. 5)c Debiti v/so Finlombarda per finanziamento Regione l.r. 19/04 anno : ,00 Si tratta del finanziamento a tasso zero che Regione Lombardia e Finlombarda hanno accordato nel 2009 per la realizzazione del completamento della climatizzazione, degli interventi sulla sicurezza e della manutenzione dei serramenti. I lavori si sono conclusi nel 2011 ed oltre all'importo di a fondo perduto hanno contribuito alla realizzazione Fondazione Cariplo, Fondazione Banca del Monte di Lombardia, Mitsubishi Electric Europe B.V. La restituzione avverrà in 24 rate semestrali dell'importo di euro 5.625,00 ciascuna a partire dal 1/1/2013 con termine il 30/06/ )d Debiti v/so Finlombarda per finanziamento Regione l.r. 19/04 anno : ,00 E' il finanziamento a tasso zero per (interamente ricevuto) di cui a titolo di contributo a fondo perduto a fronte di un investimento di accordato nel 2012 per il progetto di riallestimento e apertura al pubblico dei depositi delle collezioni di opere tessili e cartacee del Museo. I lavori, iniziati nel maggio 2012, sono terminati nel mese di ottobre dello stesso anno. Sono stati rendicontati a Finlombarda costi per ,35 di cui, si ricorda, ,30 dedotto il contributo a fondo perso di per un totale di ,30 da ammortizzare in quote costanti del 12% e ,05 inclusi nel bando di buona gestione. La restituzione avverrà in 12 rate semestrali dell'importo di euro 3.825,00 ciascuna a partire dal 31/12/2013 con termine il 31/12/2018. E) Ratei e risconti passivi Saldo al 31/12/12 Variazioni Saldo al 31/12/ , , ,58 I ratei passivi sono quote di costi di competenza dell'esercizio in chiusura, che avranno manifestazione monetaria nell'esercizio futuro. I risconti passivi sono composti da quote di contributi ricevuti ma di competenza di esercizi futuri. I ratei passivi ammontano a ,78 e sono composti per la quasi totalità dalla quota della quattordicesima mensilità stipendi del personale; i risconti passivi ammontano a ,80 e sono per oltre 79 mila euro contributi già erogati da Fondazione Cariplo per la buona gestione, i contributi del Club del Restauro rinviati al 2014, per il restauro dell'artemisia del Maestro di Griselda, per restauri da effettuare nel 2014 su contributo di TBS Tokyo. pagina 14

15 CONTO ECONOMICO A) Ricavi e proventi 1) Proventi da attività istituzionale 1) a CONTRIBUTI E LIBERALITA' ALLA GESTIONE 83,7% , , , ,40 84,9% FINALIZZATI 16,3% , ,90 15,1% a) b) ALLA GESTIONE Enti Sovventori , , , ,00 Banca Popolare di Milano , ,00 Camera di Commercio di Milano , ,00 Credit Suisse , ,00 Fondazione Banca del Monte di Lombardia , ,00 UBI >< Banca Popolare Commercio & Industria , ,00 Corporate members , ,00 Alto Partners SGR SpA , ,00 Fondazione Bracco , ,00 c) d) Enti Pubblici Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Mi BACT) Comune di Milano Privati (Fondazioni, Assoc., Banche, Società e Persone fis.) Ass. Amici Museo Poldi Pezzoli Dama d'argento Ass. Amici Museo Poldi Pezzoli 5xmille Ass. Amici Museo Poldi Pezzoli Rimborso spese Altri privati , , , , , , , , , , ,00 400, , ,40 a) FINALIZZATI (Restauri, mostre, acquisizioni e altro) , ,90 Enti Pubblici , ,00 Min. Lav. e Pol. Sociali (5xmille) 3.781, ,00 MiBACT rimborso spese restauro Antoniazzo Romano 2.420,40 Regione Lombardia l.r. 9/93: anno 2013 Wunderk.; anno 2012 Bellini , ,00 Regione Lomb. l.r. 81/ e 2011 catalogazione SBN 6.000, ,00 b) Privati (Fondazioni, Assoc., Banche, Società e Persone fis.) , ,90 I contributi erogati da terzi a fronte di interventi straordinari ovvero di immobilizzazioni, non transitano dal Conto Economico ma trovano collocazione nello Stato Patrimoniale a diminuzione dei costi. Nell'anno a fronte dei seguenti lavori sono stati erogati contributi per ,63: Fondazione Cariplo bando buona gestione Fondazione Cariplo bando buona gestione Associazione Amici Museo Poldi Pezzoli Altri privati Min. Lavoro e Politiche Sociali (5x1000) Regione Lombardia l.r. 39/74 bando Aperture straordinarie serali ,03 Aggiornamenti professionali 449,00 Totale interventi diversi per bando Buona Gestione ,03 Nuova Illuminazione sale ,00 Nel corso del 2013 allestite le tre salette dei ,60 lombardi 2.500, ,00 Totale per Nuova Illuminazione sale ,60 pagina 15

16 1) b Ingressi visitatori e altri proventi Ingressi visitatori , ,50 Circuito case museo milanesi: cards vendute 9.794, ,75 Altri proventi e abbuoni 39,00 TOTALE , ,25 Affluenze (tra parentesi i riferimenti al 2012) Nel 2013 i visitatori totali sono stati n con una media di 136 al giorno (n ). I visitatori paganti sono stati n con una media di 110 al giorno (n ) e i gratuiti n con la media di 26 al giorno (n ). I visitatori italiani sono stati n con una media di 85 al giorno pari al 62,1% dei visitatori totali (n ,5%). Gli stranieri sono stati n con una media di 52 al giorno ovvero il 37,9% del totale (n ,5%) Hanno utilizzato le nostre audioguide gratuite n (n ) persone, pari al 44,4% (46,9%) dei visitatori. Circuito case museo milanesi. Ripartizione Cards vendute 2013 pro MPP 35,0% pro BaVa 32,5% pro NC 32,5% MPP (ente capofila) , , , ,25 media gg. MPP: 2,7 Bagatti Valsecchi , , , ,00 Necchi Campiglio 754 Totale , , , , , , , ,13 Ripartizione Cards vendute 2012 pro MPP 35,0% pro BaVa 32,5% pro NC 32,5% MPP (ente capofila) , , , ,50 media gg. MPP: 2,3 Bagatti Valsecchi Necchi Campiglio , , , , , , , ,00 Totale , , , ,13 2) RICAVI DA ATTIVITA' CONNESSA Saldo al 31/12/12 Variazioni Saldo al 31/12/ , , ,95 a) Ricavi museum shop Banco vendita Pubblicazioni , ,30 Altro materiale 9.106, , , , , ,43 Diritti d'autore su riproduzioni Cessioni gratuite Abbuoni attivi 1.450,06 188,42 3,64 963,84 220,59 0,02 b) Variaz. rimanenze magazzino 6.639, ,44 c) Sponsorizzazioni e altri ricavi Ricavi per aperture straordinarie Rimborsi per org. convegni, assist. eventi e rimborsi restauri e altro Sponsorizzazioni e pubblicità Riproduzioni fotografiche e filmati Rimborsi costi accessori su fattura Ricavi da cessione di beni Royalties e fees: TBS (prestito opere in Giappone) ,00 Bucerius Kunst (fees Cima da C.) 800,00 Mus. du Luxembourg (Cima da C.) 3.000,00 TOTALE , , , ,00 612,33 120,00 434, , , , , , , ,38 70, , ,34 pagina 16

17 B) Costi della gestione Saldo al 31/12/12 Variazioni Saldo al 31/12/ , , ,02 7) Costi per servizi I costi sostenuti al 31/12 per l'acquisizione di servizi sono così ripartiti: Acqua ed energia elettrica (museo + via Bigli) Riscaldamento Telefoniche (museo + via Bigli) Assicurazione danni a terzi Assicurazione incendio (museo + via Bigli) Assistenza, manutenzione e riparazione Noleggio audioguide Vigilanza Spese per locali Varie e arrotondamenti Banca e postali Commissioni carte di credito Consulenze Affitto spazio web, antivirus e PEC Pubblicità Rimborso spese custodia volontari Organizzazione eventi (aperture straordinarie) TOTALE , , , , , , , , , ,23 818, , , , , , , , , , , , , , , ,50 619, ,78 768, , , , , , ,26 8) Godimento beni di terzi Locazione uffici Direzione via Morone Oneri accessori uffici Direzione via Morone Totale locazione uffici Direzione via Morone Locazione Museo e via Bigli 19 (dal 1/7/13) Oneri accessori Museo e via Bigli 19 Totale locazione Museo e via Bigli 19 TOTALE , , , , , , , , , , , , , ,08 In data 1 luglio 2013 sono stati stipulati due contratti di locazione; il primo riguarda gli uffici di Direzione di via Morone, della durata di otto anni + otto, con scadenza 30 giugno 2029 al canone annuo di euro più iva; gli oneri accessori ammontano a euro annui più iva. Il secondo riguarda locali del museo adibiti all'esposizione delle opere oltre all'ufficio di via Bigli 19, della durata di trent'anni, al canone annuo di euro più iva e oneri accessori per euro più iva. 9) Costi del personale Il costo del lavoro risulta così ripartito: Retribuzioni lorde Oneri sociali e previdenziali Accantonamento TFR Altri costi del personale Stage (rimborsi) non legati a specifica attività TOTALE (variazioni %) 2,3% 1,2% 9,9% 3,5% 1,2% , , , , , , , ,06 197, , ,40 La voce altri costi del personale riguarda l acquisto di buoni pasto per il pranzo. pagina 17

18 10) Ammortamenti Per quanto concerne gli ammortamenti si specifica che gli stessi sono stati calcolati sulla base della durata utile del cespite e del suo sfruttamento alla data del 31/12. Sono stati determinati applicando le aliquote previste dalla normativa tributaria mantenendo invariati i criteri rispetto allo scorso esercizio. Nell'anno in corso troviamo la prima quota di ammortamento relativa ai lavori di sistemazione dei nuovi uffici di via Bigli 19 mentre tra i beni inferiori a 516,46 acquistati e interamente ammortizzati ci sono nuove ricetrasmittenti per il personale di custodia e un nuovo hardware per l'archiviazione dati. Oneri pluriennali trasloco via Foscolo Impianto di climatizzazione Interventi per la sicurezza e conservazione Nuovi bagni museo Vetrine museum shop Attrezzature museali Manutenzione straordinaria serramenti e infissi Deposito tessili (Finlombarda) Nuovi Uffici di via Bigli 19 Beni inferiore a euro 516,46 TOTALE 2.831, , , , , , ,67 654,24 654, , , , , , , ,97 428,97 121, , ,79 14) a Oneri diversi di gestione Cancelleria Viaggi e trasferte Quote associative Abbonamento a rassegna stampa e acquisto del mensile Giornale dell'arte Imposte e tasse (bandiere museo + tarsu) Iva: indetraibilità pro rata / omaggi / edizioni museo Costi diversi per attività di fund raising Spese di rappresentanza > euro 50,00 Spese di rappresentanza < euro 50,00 Pubblicazioni da omaggiare TOTALE 7.141, ,44 34,00 34,30 580,00 580, , , , , , ,95 529, ,55 52,00 188,42 168,59 942, , ,81 14) b Spese per attività culturali Mostre. 2013: Wunderkammer 2012: Giovanni Bellini Mostre design. 2013: "Libro"; 2012: "Fare lume" Mostra La passione del disegno. Opere coll. Lampugnani Mostra Chiara Dynys Circuito Case museo Attività didattiche Catalogazione biblioteca in SBN Piccole mostre dossier (Netsuke) Catalogazione inventariale TOTALE , , , , , , ,78 200, , , , , , ,55 364, ,72 A fronte delle spese per l'attività culturale, sono stati incassati contributi per ,34. La differenza di ,92 (9,2%) va a coprire i costi di gestione e del personale. 14) d Spese per manutenzione e allestimento locali Aggiornamenti L. 81/08 ex 626 e certif. prevenzione incendio Manutenzione sale espositive TOTALE 2.213, , , , ,66 pagina 18

19 14) e Spese per restauri Restauri con sponsor , ,40 Restauri opere prestate in Giappone ,10 Restauri a carico museo 644,38 TOTALE , ,40 Le spese per restauri hanno trovato copertura per ,40 con una differenza di ,31 (32,4%) che vanno a copertura dei costi di gestione e del personale. C) Proventi e oneri finanziari Saldo al 31/12/12 Variazioni Saldo al 31/12/ ,67 (8.782,61) ,06 16) Interessi su titoli Gestione Portafoglio UBI >< B. P.C. & I. Deposito UBI >< B. Pop. C.& I. (fideiuss.) TOTALE , , , , , ,17 diff. +/ (9.521,63) (513,42) (10.035,05) 17) Interessi bancari e altri oneri finanziari Interessi attivi bancari Interessi passivi bancari di cui da fido UBI Commissioni titoli e imposta redditi di capitale Commissioni per fideiussione 487,65 76,55 (98,06) (789,27) (98,06) (807,45) (64,65) (46,60) (2.574,00) (2.724,00) TOTALE (2.249,06) (3.501,50) E) Proventi e oneri straordinari Saldo al 31/12/12 (14.513,39) Variazioni 4.818,72 Saldo al 31/12/13 (9.694,67) 20) Sopravvenienze attive, indennizzi e proventi straordinari Proventi straordinari: Eredità Novelli Per costi minori in chiusura mostra: 2012 GGPP; 2011 Botticelli Prestazione omaggiata da Italcornici per restauro cornice Sassoferrato Da Ciaccio Broker Srl su polizza 2012 TOTALE 154,00 154,00 400,00 336, , ,30 21) Sopravvenienze passive e perdite Avv. Vitale Gilberto: causa con Immobiliare Molgora (9.308,37) Forniture diverse (540,30) Studio Legale Irti: causa con Immobiliare Molgora TOTALE (9.848,67) (2.428,89) (15.100,80) (17.529,69) pagina 19

20 Relazione del Collegio dei Revisori dei Conti al Rendiconto 2013 Abbiamo esaminato il Rendiconto del Consiglio di Amministrazione redatto con riferimento all'esercizio 2013 messoci a disposizione per gli adempimenti di nostra competenza. Lo stesso si compone di Stato Patrimoniale e Conto Economico e risulta redatto nel rispetto di corretti principi contabili. I criteri di valutazione adottati sono da noi condivisi. Le risultanze contabili dell'esercizio evidenziano, dopo uno stanziamento per ammortamenti di ,03, un avanzo di gestione di 6.928,61. Il Rendiconto è riclassificato secondo le norme civilistiche introdotte dal d.lgs n. 127/1991 che hanno recepito la IV direttiva CEE. Si segnala, inoltre, che il Fondo di Dotazione iscritto tra le voci di Patrimonio Netto per ,63 è al lordo della voce Disavanzo esercizi precedenti e riportata a nuovo tra le poste del passivo. L avanzo di gestione di cui sopra emerge dal raffronto tra dati riassuntivi dello Stato Patrimoniale riportati nel prospetto che segue: Attività Immobilizzazioni ,86 Attivo circolante ,10 Ratei e risconti , ,02 Passività Fondo di dotazione ,63 Disavanzo esercizio precedente (71.864,94) Avanzo di gestione 6.928,61 Patrimonio netto ,30 Fondo rischi ,27 Fondo trattamento di fine rapporto ,96 Debiti ,91 Ratei e risconti , ,02 In sintesi il disavanzo di gestione trova conferma nei dati del Conto Economico come segue: Rendimento economico Ricavi e proventi ,24 Costi della gestione ( ,02) Proventi finanziari netti ,06 Proventi e oneri straordinari (9.694,67) 6.928,61 Le scritture contabili confermano le risultanze di cui sopra; le stesse da noi controllate sono risultate tenute correttamente. I costi ed i ricavi sono contabilizzati avendo presente il principio della competenza temporale. Possiamo quindi confermare che il Rendiconto" rappresenta, nel suo insieme, correttamente la situazione patrimoniale finanziaria ed economica della Fondazione alla data del A commento delle principali voci Vi precisiamo, inoltre, che:./. pagina 20

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli