l Umanitaria era in via Solari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "l Umanitaria era in via Solari"

Transcript

1

2

3 Quando l Umanitaria era in via Solari Il primo quartiere operaio A cura di Archivio Storico della Società Umanitaria RACCOLTO EDIZIONI

4 Quartieri Solari Milano ha tramonti rosso oro. Un punto di vista come un altro erano gli orti di periferia dopo i casoni della Umanitaria. Tra siepi di sambuco e alcuni uscioli fatti di latta e di imposte sconnesse, l odore di una fabbrica di caffè si univa al lontano sentore delle fonderie. Per quella ruggine che regnava invisibile per quel sole che scendeva più vasto in Piemonte in Francia chissà dove mi pareva di essere in Europa; mia madre sapeva benissimo che non le sarei mai stato a lungo vicino eppure sorrideva su uno sfondo di dalie e viole ciocche. Luciano Erba COORDINAMENTO EDITORIALE Claudio A. Colombo Archivio Storico Umanitaria con la collaborazione di Ornella Selvafolta Politecnico di Milano Progetto grafico Francesco Oppi Editing Cooperativa Raccolto Copyright Società Umanitaria e Coop. Raccolto I edizione Milano (Italy) È vietata la riproduzione totale o parziale e con qualsiasi mezzo dell opera in tutti i Paesi senza previa accettazione dei titolari del copyright.

5 SOMMARIO PRESENTAZIONE del Presidente del Consiglio di Zona 6 INTRODUZIONE di Piero Amos Nannini pag. 6 7 Il quartiere di via Solari: un modello per le abitazioni operaie di Milano di Claudio A. Colombo 9 VOCI DEL QUARTIERE, STORIE DI VITA VISSUTA 51 INEDITI Il Re all Umanitaria 86 Il primo anno del quartiere ( ) Dalle relazioni del custode-esattore Salvatore Sapienza 90 PROSPETTIVE APERTE Un secolo fa, oggi: nuovi modelli per l edilizia popolare di Maurizio Spada 96

6 Presentazione Cento anni di storia, guerre, lotte di classe, drammi e gioie famigliari si sono succeduti dentro le mura di Via solari 40; se vi capita di passarci fermatevi e pensate questo, e dei muri inerti si trasformeranno in storia e passione. È un onore per il mio Consiglio aver contribuito a questa pubblicazione, ricordo ancora con nostalgia quando all inizio del mio mandato il Geometra Ornella mi portò a visitare il quartiere e mi fece capire architettonicamente come quel progetto di cento anni fa fosse, ancor oggi, attualmente valido. Quindi con entusiasmo abbiamo sposato il progetto del centenario credendo che cultura voglia dire anche testimonianza, ripercorrere ideali dello spirito sociale di un tempo sia un buon esercizio in una Milano sempre più frenetica. Leggendo il libro si verrà sorpresi da come il concetto di progetto partecipativo fosse espresso nelle sue più nobili parti; meraviglia vedere come i bambini e le mamme fossero parte centrale dell Umanitaria, la Casa dei Bambini era il momento più alto di quella progettazione, si era consci che il diritto ad abitare doveva coincidere con il diritto a servizi sociali adeguati, aree gioco spazi di aggregazione erano parte integrante dell edificato. Un secolo di storia è passato con molte conquiste sociali ottenute, le case operaie hanno lasciato spazio ad nuovi inquilini, alcuni testimoni ancora risiedono al 40 e ascoltandoli si capisce che quello spirito solidaristico è passato, ora ci si guarda con circospezione, quel principio di mutua assistenza è tramontato per lasciar spazio ai ritmi del progresso. Mi auguro che la lettura del libro possa far riflettere sul tempo passato, apprezzare le conquiste ottenute, troppo spesso date per scontate, e possa essere bagaglio di saggezza per tutti voi lettori. Il Presidente del Consiglio di Zona 6 6

7 Introduzione OK. Vediamoci all Umanitaria e parliamone insieme. Così è iniziata l avventura editoriale su cui, per quasi un anno, ha lavorato l Archivio storico di questa prestigiosa istituzione, prodigandosi tra una mole intricata di carte e planimetrie, annotazioni e relazioni, inventari, reperti e corrispondenze dei primi anni del 900. Peccato che in quell occasione il nostro Claudio Colombo e Silvano Rizzi, del Comitato per il centenario del quartiere di via Solari, non si siano intesi. Colombo intendeva ricevere l ospite nella sede dell Umanitaria, in via Daverio 7; Rizzi pensava di ritrovarsi nel quartiere di via Solari, che per gli abitanti delle case da sempre è l Umanitaria. Proprio da questo disguido è saltato fuori il titolo di questo volume, che solo in parte è un auto-celebrazione di quello che l Umanitaria è stata in grado di tirare su attraverso l opera di Giovanni Broglio, l architetto che ha saputo trasformare concetti di programma in una realtà all avanguardia, ancora oggi citata nei libri di testo di tutta Europa. La recente relazione di Wolfgang Foerster, al convegno organizzato a gennaio in Umanitaria, ha reso omaggio proprio a quel prototipo di abitazioni popolari, da sempre un modello di riferimento per quello che oggi si chiama housing sociale. In realtà, il volume è un racconto ininterrotto di cosa il quartiere di via Solari ha significato per tre, anzi quattro, generazioni di persone, che hanno avuto modo di assimilarne il senso compiuto: non solo quello di vivere in abitazioni sane e comode a prezzi di tutto rispetto, ma di fare parte di una comunità in un certo senso di privilegiati (in una zona di Milano sulla linea di confine con la campagna), che però era dotata di ogni genere di confort. Confort, naturalmente, da interpretare secondo la concezione sociale dell Umanitaria, quella espressa nel suo Bollettino del 1906, quando l istituzione si rivolgeva ai nuovi abitanti in questo modo: Ad essi il nostro augurio: augurio di vita feconda; di miglioramento intellettuale, morale ed economico per essi e per gli altri. Ma un altro ufficio hanno i nostri inquilini: quello di dimostrare che la vita individuale è la vita associata, solo che sia confortata, difesa, sospinta da ambienti e da instituti che la salute presidiano, la mente e l animo nutrono e sollevano. Noi siamo certi che i nostri inquilini sentiranno, oltre che l attaccamento individuale alla loro abitazione, una specie di orgoglio di classe che li sospingerà alle consuetudini della vita d igiene, di pulizia; che nella Università popolare, nella Biblioteca popolare, nella Crêche che presto sorgerà, nella Cooperativa che già funziona, troveranno altrettanti istituti amati, frequentati, usati, che non solo produrranno beni immediati di spirito di corpo ed economici, ma riattaccando l uomo alla casa, spingendo la donna nella vita sociale dall uomo vissuta, cementeranno nelle famiglie e fra le famiglie vincoli di affetti, di solidarietà, di bontà. Nel rileggere le testimonianze (la parte più appassionata del libro), sentiamo che l azione svolta dal nostro ente in questo frangente è stata ripagata cento e più volte dall impegno profuso dagli abitanti di via Solari, per i quali l Umanitaria sarà sempre la loro casa. Piero Amos Nannini Presidente della Società Umanitaria 7

8 Disegno originale realizzato dall architetto Giovanni Broglio, progettista e direttore dei lavori per la costruzione del primo quartiere operaio dell Umanitaria in via Solaro, ex Porta Macello (1905). 8

9 Il quartiere di via Solari: un modello per le abitazioni operaie di Milano di Claudio A. Colombo Il problema delle abitazioni popolari è di tale natura e gravità ed ha così intimi contatti con quelli che più determinatamente riguardano la nostra Istituzione, che non poteva sfuggire alla considerazione nostra. Per contribuire a risolverlo nella nostra città e nel limite dei nostri mezzi, fin dall inizio della nostra attività dirigemmo quindi ad esso i nostri studi e pubblicando La questione delle case operaie in Milano e partecipando all inchiesta comunale. Ma il contributo indiretto non ci sembrava sufficiente ed il nostro Consiglio, accogliendo anche i suggerimenti ed i desideri del Collegio dei Delegati, deliberava l investimento di di lire nella costruzione di case operaie. Intendeva il Consiglio con ciò di rivolgere parte del patrimonio dell Istituzione a un impiego additato da un urgente bisogno sociale, e di concorrere, se vuolsi indirettamente, al raggiungimento degli scopi sociali. Considerando il bisogno di case operaie in rapporto alla disoccupazione e in relazione al miglioramento economico, intellettuale e morale dei diseredati che è scopo precipuo della Società Umanitaria, non si può non riconoscere che l esistenza di un ambiente famigliare atto a soddisfare le più modeste esigenze della vita operaia, che consenta al lavoratore un riposo sereno e sano dopo la giornata di fatica, permetta ai figli suoi lo svolgersi normale della vita fisica e morale e costituisca per tutti un dolce invito alle gioie domestiche, è indubbiamente la più efficace cura preventiva igienico-morale contro il rilassarsi delle energie dei lavoratori ed il pericolo della loro caduta nella triste massa dei disoccupati per ragioni che non sieno esclusivamente economiche. Soddisfatto questo bisogno fondamentale della vita degli operai, potranno fecondamente operare i diversi istituti che l Umanitaria è chiamata a creare. Disgraziatamente i mezzi di cui essa dispone non sono tali da consentirle la costruzione di case operaie nella misura del bisogno; essa non può che modestamente concorrere a provvedere, con l investimento di di lire [circa sette milioni di euro attuali, n.d.r.], all abitazione di appena 700 famiglie. Ma essa intende, col quartiere che andrà costruendo, di dare a questa piccola parte della popolazione operaia modo di addimostrare i benefici che, dalla armonica e varia opera di assistenza e previdenza che è chiamata a svolgere la Società, si possono ritrarre, incitando, così, con l esempio, i lavoratori a ritrovare in sè stessi la prima forza per rialzarsi, richiamando la benevola considerazione di Enti pubblici e di privati generosi sulle nuove forme e i nuovi mezzi con i quali si contribuisce a portare dignitoso sollievo ai diseredati. Era il E con questa relazione di bilancio, il Consiglio della Società Umanitaria in toto prendeva una posizione ferma riguardo al problema delle abitazioni operaie. Fondata nel 1893, dietro un cospicuo lascito al Comune di Milano di 13 milioni di lire da parte di Prospero Moisè Loria, la Società Umanitaria diviene attiva all inizio del Novecento e fin dall inizio si configura non come un istituzione benefica ed assistenziale (come poteva trarre in inganno il suo nome), bensì 9

10 come una sorta di pronto intervento, il cui scopo fondamentale è attinto non all idea della carità elemosiniera, ma all idea della sociale previdenza, condensata nella norma statutaria del 1893, ovvero aiutare i diseredati, senza distinzione, a rilevarsi da sé medesimi, procurando loro appoggio, lavoro ed istruzione. Per i dirigenti dell Umanitaria (uomini come Osvaldo Gnocchi-Viani, Cesare Saldini, Alessandro Schiavi, Augusto Osimo, Umberto Pizzorno e Rinaldo Rigola), tutto ruota intorno all uomo e ai suoi bisogni, in un ottica rivoluzionaria rispetto ad analoghe istituzioni già operanti dentro e fuori città. L intero apparato sociale che l Umanitaria mette in piedi a partire dal 1902 è infatti una perfetta macchina costruita per seguire passo passo l individuo nella sua vita, dandogli modo di elevarsi non solo nel campo professionale, ma soprattutto in quello umano, secondo una schema riformista illuminista di libertà, giustizia ed eguaglianza sociale. Per conseguire tali scopi, gli strumenti più idonei diventano quelli della educazione, diffusa tramite la fondazione di scuole atte a valorizzare e salvaguardare la professionalità del lavoro, tramite la lotta contro la disoccupazione, tramite l appoggio alle associazioni di categoria e alle attività cooperative, tramite la diffusione della conoscenza sulla legislazione del lavoro e sulle istituzioni, a salvaguardia della salute fisica e morale delle classi disagiate. Insomma, l Umanitaria è un complesso dai caratteri originalissimi, costituente un crogiuolo in cui tutti i problemi sociali trovavano, per effetto catalizzatore di una tradizione che andava via via consolidandosi dal ceppo di una iniziale idea feconda, soluzioni plasticamente rispondenti alle esigenze della vita nazionale intensamente progredente (come avrebbe scritto mezzo secolo più tardi, Riccardo Bauer, il presidente artefice della ricostruzione dell ente). Il contesto socio-economico in cui si trova Milano a cavallo tra 800 e 900, infatti, è quello di una città in forte espansione demografica e produttiva, che già mostra i segni di un primo sviluppo industriale. Come molte altre città europee, il capoluogo lombardo sembra un colossale laboratorio sociale, sottoposto a tensioni fortissime: da una parte, una nuova attività industriale in città, con industrie ed officine che spuntano dappertutto come funghi, dall altra, un quarto stato alla deriva, con strade che traboccano di forza-lavoro disoccupata, gente semplice, spesso analfabeta, in parte reclutata nella provincia e altrove, in parte proveniente dalla città stessa. Il benessere sociale è un privilegio di pochi, gli altri devono conquistarsi il loro salario giornaliero sopravvivendo a durissime condizioni di lavoro, nella speranza di raggiungere spesso a stento un salario giornaliero medio di 2 lire, assorbite per tre quarti dai consumi alimentari. Insomma, nella città di Turati bisogna fare i conti con un crescente fenomeno di sottoccupazione e soprattutto di disoccupazione, indicatori di una situazione sociale a equilibrio precario. In questo panorama, l Umanitaria si distingue subito per l articolazione delle iniziative incominciando con l istituire nel 1902 l Ufficio del Lavoro, chia- 10

11 mato a condurre alla conoscenza continua delle condizioni dei diseredati, fonte di insegnamento quotidiano per i lavoratori, bussola di orientamento per le associazioni professionali e per il Consiglio stesso dell Umanitaria, al quale poteva giungere, per opera sua, l eco permanente dei bisogni e delle aspirazioni della classe lavoratrice. Nel giro di dodici anni, dal 1902 al 1914, l Ufficio del Lavoro avrebbe prodotto una serie straordinaria di studi e rilevamenti statistici sulle condizioni della classe lavoratrice, diventando per i dirigenti dell Umanitaria uno strumento utilissimo per mettere in cantiere un notevole numero di iniziative concrete: dalle biblioteche popolari alla casa di lavoro per disoccupati, dagli asili infantili alle scuole laboratorio d arte applicata all industria, dall ufficio di collocamento all ufficio di traduzioni che, in una visione del tutto sprovincializzata dei problemi del lavoro, forniva gratuitamente a chi ne facesse richiesta copie di articoli e pubblicazioni estere specializzate. Il tema delle case operaie non era originariamente contemplato negli scopi statutari, ma alla luce dei dati risultanti dall inchiesta municipale e da quella dell Ufficio del Lavoro venne affrontato nella convinzione che nessuna forma di appoggio poteva essere più efficace di quella di dare un abitazione conveniente ai diseredati, pressati nella nostra città dalla fame di abitazioni e tormentati, angustiati, consumati fisicamente e moralmente da case insufficienti, insane e indecorose. Gli obiettivi erano chiari: dotare di una casa il maggior numero di persone un migliaio circa per toglierle dall emarginazione, e nel contempo dimostrare a enti pubblici e privati che con ciò era possibile instaurare un rapporto di economicità tra costi e ricavi: senza rischiare di finire sul lastrico (la spesa di due milioni era molto ingente anche per il patrimonio dell ente) o dover rinunciare ai principi ispiratori del Consiglio Direttivo, ovvero costruire abitazioni che fossero corrispondenti a quel decoro e quella salubrità che erano gli obbiettivi primari dell Umanitaria. Se pensiamo che eravamo nel 1904, la cosa è da considerarsi un fatto rivoluzionario. Il quartiere operaio che doveva nascere rischiava, per la verità, di aumentare l isolamento dei lavoratori, rafforzando in essi la coscienza di classe e l individuazione della propria identità. Il quartiere era però concepito per corrispondere all esigenza di elevazione, anche simbolica, che la casa doveva rappresentare, inserita in un quartiere autosufficiente, con tutte le strutture di servizio, commerciali, culturali, scolastiche, teatrali. Esso era il risultato della solidarietà che attorno all Umanitaria, e al movimento sindacale, si era creata nel 1903 per elevare a misura dell uomo la qualità della vita dei lavoratori. Ma andiamo per ordine. Dei abitanti computati nel censimento del 1901 su Milano circa appartenevano alla classe operaia: una realtà che non si poteva più ignorare e che nel biennio fra il 1901 e il 1903 aveva già dato prova della sua consistenza nel corso di più di 200 scioperi per aumenti salariali, per riduzione degli orari di lavoro, per solidarietà di classe, per una più equa legislazione 11

12 contro gli infortuni. Il problema della casa, aggravato dalla crescita costante del numero degli immigrati e da una offerta edilizia rivolta in prevalenza ai ceti medio borghesi, cessava di essere compreso entro i limiti del filantropismo e delle associazioni di mutuo soccorso, diventando tema di rivendicazione sociale unitamente a quello dei salari, della riduzione del tempo lavorativo e dell impiego minorile. D altro canto, la speculazione edilizia aveva fatto la sua parte, facendo sorgere case in assenza del più elementare rispetto delle norme d igiene, facili al contagio con epidemie, tra cui la più dilagante era quella di tifo. Il male, infatti, si era insinuato maggiormente tra i nuclei familiari costretti a vivere in case malsane, sprovviste di acqua e di fognature. O in monolocali sovraffollati, privi di acquaio e di servizi igienici che, quando c erano, si trovavano sui ballatoi o nei pianerottoli in quanto destinati a usi comuni. Ciononostante, i flussi migratori verso il capoluogo lombardo non conoscevano sosta, la domanda di abitazioni popolari a basso costo era altissima e la speculazione privata cresceva a dismisura. Il problema era complesso, denunciato anche dal Bollettino sociale Il Comune (1902): Sarà certo accaduto a molti quello che frequentemente avvenne, ed avviene tutt ora, a chi scrive, di dovere internarsi nei quartieri operai dove le case sono ordinariamente umide, molte volte prive di aria e di luce, e le stanze frequentemente troppo anguste pel numero dei componenti le famiglie che le occupano. Queste abitazioni, molte volte malsane, talvolta ributtanti, paragonate ad alveari tumultuosi di cellule umane, sono spesso focolare propizio di infiniti mali fisici, campo prediletto di epidemie, coefficienti all eccessiva mortalità dei bambini, causa sicura ad una minore resistenza vitale dell uomo adulto, ed infine occasione di una desolante depressione intellettuale e morale. Poste nei vecchi quartieri, nei quali venne a riversarsi, penetrando e addensandosi, la parte più misera della cittadinanza, ci ricordano la Milano già in gran parte scomparsa, i vecchi, cadenti, insalubri isolati del Rebecchino, di via Due muri e S. Salvatore e ci si mostrano negli avanzi ultimi, di quel quartiere fra via Orefici, via Armorari ed il Cordusio, sconcio veramente insopportabile che mette dinnanzi agli occhi, proprio nel cuore della città, tutte le brutture di cui s è creduto necessario di liberare la periferia. In effetti, la situazione di estremo disagio nelle condizioni abitative della classe lavoratrice aveva prodotto già all inizio del secolo una prima serie di studi e di inchieste specifiche, volte a determinarne gli aspetti quantitativi nell applicazione di metodi statistici rigorosi. La prima iniziativa era dovuta proprio all Ufficio del Lavoro dell Umanitaria, che nel 1903 aveva dato alle stampe lo studio di Giovanni Montemartini sulla questione delle case operaie a Milano, redatto in base ai dati censuari del 1901 e indagante le relazioni dinamiche intercorrenti fra i fenomeni di crescita urbana nel decennio Il rapporto fra demolizioni e nuove costruzioni, tra offerta complessiva di alloggi e offerta di locali operai, tra immigrazione borghese e operaia, tra l esuberanza della popolazione e il numero di vani in difet- 12

13 13

14 to denunciavano chiaramente come ormai fosse improrogabile una sollecita soluzione della questione della casa: Montemartini non denunciava solo il preoccupante addensamento medio (3-4 persone per ogni sedicente vano), ma segnalava soprattutto le gravi condizioni igieniche di povere case senz'aria né luce, e soprattutto senz acqua corrente, senza fognature, con latrine fetide, largamente insufficienti e, per di più, di uso comune. A quello studio, erano seguite ulteriori rilevazioni e schede predisposte da una Commissione d inchiesta presieduta guarda caso proprio da Giovan Battista Alessi, presidente dell Umanitaria e composta da esperti seri come lo stesso Montemartini e alcuni esponenti dell ente milanese come Cesare Saldini e Luigi Arienti che di lì a poco avrebbero sostenuto e seguito da vicino il progetto del primo quartiere operaio dell Umanitaria. I risultati parlavano chiaro: L aumento della popolazione tende a far aumentare il prezzo delle case in modo da incoraggiarne la produzione: ma non avviene già che alcune famiglie restino senza tetto facendo la concorrenza a quelle che sono provviste, bensì avviene che dove prima stavano tre persone se ne agglomerino cinque o sei. Quindi non si fabbricano case nella proporzione necessaria ad alloggiar bene la popolazione, ma soltanto nella proporzione in cui si è sicuri che le abitazioni trovino collocamento: l imprenditore privato infatti non ha interesse in generale a migliorare la qualità del prodotto, perché anche abitazioni popolari cattive trovano chi vi si adatta. Nel frattempo, il 31 maggio 1903, il Parlamento aveva approvato la legge Luzzatti. Alla base del provvedimento legislativo risiedeva un preciso concetto d ispirazione, che era quello di stimolare enti pubblici, ma anche privati, cooperative e istituti che potevano essere interessati a un attività nel comparto, a costruire case popolari, mediante la concessione di agevolazioni da parte dello Stato e di enti locali. Agevolazioni in forma diretta, che andavano dalla concessione di sostegni finanziari alla cessione di aree fabbricabili di proprietà demaniale o in forma indiretta, che riguardavano esenzioni fiscali, facilitazioni per mutui a lungo termine e a tassi di favore. È in questo frangente che la Società Umanitaria decide di intervenire concretamente, richiedendo un progetto edilizio che potesse rappresentare un prototipo di quartiere operaio modello, a cui enti pubblici e privati avrebbero potuto ispirarsi per ulteriori miglioramenti nell edilizia popolare milanese, naturalmente non a sfondo speculativo. Secondo un preciso metodo scientifico, basato su una ricerca empirica adattata alla realtà, la benemerita istituzione non intendeva tanto risolvere quantitativamente il problema della casa, riuscendo a calmierare i prezzi del mercato, quanto piuttosto di proporre una sua concezione della casa come modello di qualità alternativa rispetto alla media corrente, che potesse essere adottato e applicato anche altrove, servendo da stimolo a soluzioni di più ampio respiro. In poco meno di un semestre, il Consiglio dell Umanitaria si era già atti- 14

15 vato e aveva individuato un area edificabile, in Porta Macello, nell esterna periferia nord-ovest della città; aveva cominciato l iter burocratico per ottenere l approvazione della Giunta Provinciale Amministrativa per l investimento di fondi da destinare alla costruzione di case operaie e aveva scelto Giovanni Broglio come l architetto idoneo a portare a termine il primo quartiere dell Umanitaria. Così si Planimetria originaria del quartiere di Via Solaro, progettato dell architetto Giovanni Broglio (febbraio 1905). Il quartiere doveva comporsi di quattro lotti distinti, al cui centro doveva essere posizionato l asilo. Nel corso dei lavori, l Umanitaria decise di edificare solo i lotti A e D; anche l edificio sulla destra, indicato come Bagni-doccie-lavanderia, non fu edificato: ma quei servizi furono spostati nel padiglione interno al lotto A, edificato a fine

16 esprimeva il consigliere Cesare Saldini, tra i più solerti fautori delle case operaie, nel Consiglio Direttivo del 22 luglio 1904: è doverosa una nostra iniziativa che conduca a procurare alle classi lavoratrici le condizioni che facilitino all Umanitaria il compimento dei proprii compiti. Nel quartiere di case che si andrà erigendo, noi potremo far funzionare tutte quelle attività che mirano all elevamento morale, intellettuale e igienico, e offrire in tal modo un esempio degno di imitazione. Un modo di agire che lo stesso Saldini, nella riunione 10 febbraio 1905, avrebbe sottolineato a più riprese: L Umanitaria deve seguire ed attuare quegli intendimenti di modernità che informa tutta l opera sua. Il quartiere deve essere un quartiere modello ed essere costruito in modo da non essere troppo presto sorpassato dai perfezionamenti tecnico-igienico che la scienza e il progresso andranno suggerendo. E Giovanni Broglio, di fronte all esigenza di proporre esempi qualitativamente superiori all offerta corrente e, tuttavia, praticabili dal punto di vista della localizzazione urbana, degli investimenti finanziari, delle scelte tipologiche e delle soluzioni tecniche, risultava essere il candidato ideale: il suo curriculum comprendeva infatti l esperienza pratica e quella accademica e, soprattutto, sembrava incarnare, nel suo svolgersi progressivo tra il lavoro e lo studio, gli ideali stessi dell Umanitaria, mai ente benefico-assistenziale, ma suscitatore e propulsore di azioni utili alla crescita intellettuale e materiale dei ceti bisognosi. Ovviamente, l Umanitaria si era già premunita di avvisare le Autorità di controllo, impegnandosi a offrire tutte garanzie del caso. In una comunicazione ufficiale del 12 settembre 1904, infatti, il Presidente Alessi scriveva in questi termini: Spera la scrivente Presidenza che l On Giunta Provinciale Amministrativa, convinta che l umanitaria iniziativa in favore delle classi operaie e non gravosa per le finanze dell Istituzione, debba avere sollecita attuazione, non scompagnata, però, da quella ponderata cautela che è imposta dall entità del provvedimento, vorrà approvare lo investimento di L ,80, tenuto conto che le linee generali del progetto tecnico-amministrativo altro non è che quello del Comune di Milano (casa a tipo medio costo per camera L. 140 pigione non superiore alle L. 100 impiego conseguente minimo del capitale 3,50%), e che investendo nella costruzione di case operaie, oltre che a compiere un operazione che finanziariamente si addimostra opportuna, come quella che assicura un reddito almeno di L. 3,50%, pure affittando le camere agli operai ad una prevista somma annua di L. 85 ben inferiore a quella determinata dalle attuali condizioni di addensamento, contribuisce alla soluzione di un problema che, non solo collima con le finalità dell Opera Pia, ma che urge e si impone come fondamentale rispetto a quelli che è chiamata più direttamente e concretamente a risolvere la Società Umanitaria. Per questo, i consiglieri incaricati di occuparsi della questione delle case operaie, gli ingegneri Cesare Saldini, Umberto Pizzorno e Angelo Omodeo, in una relazione del 5 novembre 1904, non credono che sia opportuno di indire un con- 16

17 GIOVANNI BROGLIO, L ARCHITETTO DEI POVERI Forse nessun altro architetto come Giovanni Broglio ha legato il suo nome, la sua esperienza e la sua riflessione al tema dell abitazione per le classi meno abbienti. Al suo attivo stanno migliaia di locali di abitazione e più di 40 quartieri che raccontano la storia dell edilizia popolare a Milano, i quali hanno segnato il volto di tante parti della città e determinato i modi di vivere di intere generazioni. Classe 1874, a soli quindici anni Broglio si trasferisce in città per lavorare come manovale e frequentare contemporaneamente una scuola edile. A questo periodo della giovinezza, passato in notevoli ristrettezze economiche, egli fa risalire il senso più profondo del suo interesse per il tema dell alloggio popolare: mi dedico al problema della casa del povero da lungo tempo. Quando passai la mia adolescenza a Milano, alloggiai in una locanda che ospitava in due locali dieci persone, delle quali sette dormivano in un unica camera di 25 mq. Il servizio di latrina era in fondo alla ringhiera, come in tutte le case popolari di allora. Quindi mancanza assoluta di igiene, poca aria, poca luce, nessuna possibilità di mantenere la pulizia. Affollamento, promiscuità, tetraggine, sporcizia: Broglio richiama alcuni tra i mali più diffusi della casa del povero, responsabili non solo di disagio fisico, ma di disagio morale. In quel triste ambiente, Broglio studiava la notte dopo aver lavorato tutto il giorno, delineando il percorso esemplare di chi partendo da circostanze sfavorevoli anela al miglioramento di sé, sposando l etica del lavoro e della perseveranza, della determinazione e dell integrità quali agenti principali della propria fortuna. Il suo è quindi un vero itinerario in ascesa, scandito da una serie di tappe formative che passano dai corsi serali di Disegno elementare dell Accademia di Belle Arti di Brera alla Scuola dei capomastri costruttori edili dell Istituto Carlo Cattaneo, dalla Scuola elementare di Architettura alla Scuola superiore di Architettura al Politecnico dove, nel 1900, Broglio ottiene il diploma di Professore di disegno architettonico : un cammino esemplare. Divenuto vice-direttore della Cooperativa Lavoranti Muratori di Milano, attraverso la dimestichezza con le varie pratiche di cantiere, con i diversi procedimenti costruttivi, nonché con la struttura delle imprese edili, Broglio va costruendosi una solida base di esperienza e concretezza professionale. In questi anni viene in contatto con la Società Umanitaria, che sta prospettando un intervento nel campo dell edilizia per abitazioni operaie. Nel 1904 il Consiglio Direttivo dell ente decide di affidargli il progetto del primo quartiere operaio in zona Macello. Una scelta motivata non solo da un ottimo curriculum ma, soprattutto, da una personalità che incarna gli ideali stessi dell Umanitaria (quelli di chi ha saputo rilevarsi da sé medesimo ): ad essa preme che i quartieri sappiano esprimere una cultura dell abitare che non deve esaurirsi nell orizzonte privato, ma deve avvalorarsi nell orizzonte collettivo della convivenza sociale. La visione di Broglio è lungimirante e rivoluzionaria e ha contribuito a rendere i quartieri dell Umanitaria un modello apprezzato in ambito internazionale: per ampiezza di vedute, attualità di concezione, generosità di dotazioni. Dopo una vita costantemente dedicata alla casa (dal 1913 al 1934 sarà a capo dell ufficio tecnico dell Istituto Autonomo per le Case Popolari di Milano), Giovanni Broglio muore nel 1956 a Milano, e nello stesso anno la città di Milano gli conferisce la Medaglia d oro del Comune. 17

18 corso; troppo noti sono i tipi preferiti recentemente nelle varie città italiane ed estere, ed altra parte le esigenze economiche mutono a seconda delle speciali circostanze in cui la costruzione deve sorgere. È preferibile incaricare persone di fiducia del Consiglio per lo studio definitivo delle case in discorso disciplinandone l azione in quel modo migliore che il Consiglio vorrà additare. Per rendere più sollecita la procedura i sottoscritti propongono di incaricare il Sig. Arch. Broglio, a cui si devono i progetti già presentati al Consiglio dell Umanitaria, di effettuare i necessari studi particolareggiati, nonché i preventivi di spesa ed i capitoli di costruzione, onde preparare l inizio dei lavori per la primavera del Le indicazioni dei tre ingegneri venivano messe a verbale in una riunione di poco successiva, tesa a sottoscrivere l esigenza che il costruendo quartiere di via Solari dovesse imporsi soprattutto per la straordinaria presenza di attrezzature di servizio. Nella riunione del 28 novembre 1904, vengono enunciati dettagliatamente i criteri da seguirsi per la compilazione dei progetti, tra cui l esigenza che da una medesima scala non potranno aver accesso più di 15 inquilini posti nei piani superiori; che non sono ritenuti come locali d abitazione quelli che misurano in quantità meno di mq. 8 od hanno larghezza minore di m. 1,40; che ogni abitazione avrà una latrina esclusiva; che i corpi di fabbrica saranno al massimo di 4 piani; che almeno 1/10 delle abitazioni sarà di un locale (ma questi locali dovranno potersi in seguito facilmente abbinare); che i corpi di fabbrica dovranno essere convenientemente distribuiti per permettere un abbondante circolazione d aria. Non solo. Il quartiere doveva prevedere tutta una serie di servizi comuni, quali botteghe per lo spaccio delle derrate alimentari ed altri generi di prima necessità; uno o più locali per riunioni e sale di lettura; un asilo infantile; una cucina e ristorante; una lavanderia con locali per l asciugamento; uno stabilimento, pubblico, per bagni e docce, nonché locali adatti per l allattamento e la custodia di un certo numero di bambini inferiori ad un anno. In realtà, quasi la totalità di questi servizi vennero posti in essere solo qualche anno più tardi, dall altra parte della città, nel quartiere alle Rottole (costruito nel 1908 alla Cascina Rossa Loreto, attuale Viale Lombardia, ed abitato dal novembre 1909), perché l edificio che avrebbe dovuto ospitarli nel quartiere Solari non venne edificato mai. Il progetto originario di Broglio era ben più esteso rispetto a quello che si può visitare oggigiorno, poiché prevedeva quattro lotti (per un totale di 612 alloggi), che dovevano estendersi all incirca per mq Un secondo gruppo di case (lotti B e C), infatti, avrebbe dovuto sorgere in prossimità del primo gruppo (lotti A e D), andando a completare uno studio che sulla carta era molto innovativo, come ci si può rendere conto osservando gli studi preparatori di Broglio e le planimetrie raffiguranti quello che poteva diventare un immenso quartiere a forma quadrata. Invece, a metà dei lavori dei primi due lotti di case, quando il progetto di Broglio era già stato corretto e modificato, l Umanitaria ritenne più opportuno 18

19 estendere quanto più fosse possibile i benefici economici e morali dell istituzione, distribuendo le abitazioni tra i diversi quartieri di Milano, invece che accentrarle in una località sola, confermando quanto era emerso già dal febbraio 1905, ovvero che per buona prudenza costruttiva e finanziaria non s inizino d un tratto i lavori per l erezione di tutto il quartiere, ma che invece le opere si compiano gradualmente. Incomincino lavori per due dei quattro lotti fissati. Dopo sei mesi, forniti dell esperienza delle prime costruzioni, si potrà procedere nelle altre. Nel contempo, con una apertura mentale all avanguardia, si sottolineava anche il principio di dislocare la popolazione operaia in diversi punti della città per non accentrare in una sola località tutti i quartieri operai costituendo quasi una cittadella a sè o almeno una specie di ghetto, confermando un impostazione metodologica all avanguardia, attenta ai problemi contingenti, quanto alle loro modifiche temporali. Costruito in un solo anno, dal 1 aprile 1905 a fine marzo del 1906, il quartiere di via Solari costituì uno fra gli esempi più alti in materia di casa operaia, la cui importanza esulava dal contesto milanese per porsi a modello anche in ambito europeo. Su un area di mq. fuori Porta Genova, sorsero undici edifici divisi esattamente in due lotti, con un rapporto di 6/10 tra superficie costruita e superficie totale. Il lotto A, sulla destra, venne realizzato dalla Cooperativa Lavoranti Muratori (la stessa Cooperativa venne incaricata, nel secondo semestre del 1906, di edificare un ulteriore edificio, adibito a sala conferenze, salone teatro, lavatoio e scuola professionale); il lotto D, sulla sinistra, venne costruito dall impresa Ing. A Morganti & Bettinelli. Si era adottata la soluzione di distribuire i fabbricati a padiglione isolato attorno ad una corte articolata in tre parti, dedicando particolare attenzione all orientamento degli edifici ed evitando i cortili chiusi e i passaggi comuni di cui la tipologia a ballatoio aveva sufficientemente rivelato gli inconvenienti e i disagi ambientali. Duecentoquaranta appartamenti di uno, due o tre locali davano alloggio a poco più di mille persone ed erano disimpegnati direttamente da scale interne, muniti di latrina privata, di condotto per le immondizie, di acquaio, acqua potabile, balcone e in gran parte anche di terrazze e terrazzini. Per cento lire annue si poteva prendere in affitto un locale, il cui costo di costruzione era stato di circa lire, quota che ne indicava chiaramente lo standard elevato in rapporto alle scadenti realizzazioni dell epoca, che pure prevedevano lo stesso prezzo di pigione. La razionalizzazione dei percorsi, le esigenze della vita domestica e i requisiti tecnici e sanitari erano stati studiati con estrema cura anche nei dettagli, fino ad installare, ad esempio, sotto il davanzale delle finestre una bocca d aria regolabile che trovava corrispondenza in un analoga apertura nella parete opposta per favorire un ricambio dell aria senza inutili dispersioni di calore. Un intonaco di cemento colorato e martellinato ad imitazione della pietra intorno alle aperture, piastrelle di maiolica fornite dalla ditta Richard e Bertoni, uno zoccolo in cemento ad imitazio- 19

20 DAL PROGETTO ORIGINALE DI GIOVANNI BROGLIO Assicurando che sarà mia cura massima fare presto e bene e a ciò spero di non mancare, perché sono animato dall entusiasmo e dalla buona volontà, nel febbraio del 1905 Giovanni Broglio aveva presentato un progetto omogeneo, corredato da preventivi, planimetrie, dettagli e sezioni varie dei fabbricati. Ognuno degli alloggi, anche se di un solo locale, è munito di servizio particolare di latrina, acquaio, impianto gas ed impianto acqua potabile, nonché di un balconcino per la pulizia all aria aperta di vestiti, tappeti, ecc. Le latrine in comune vennero assolutamente soppresse, con vantaggio che non ha bisogno di essere dimostrato. Compongono l Asilo infantile, che collocai nel mezzo del quartiere, all incrocio dei due viali, tre aule della capacità di 50 bambini ciascuna, racchiudenti un salone di forma ottagonale ad uso di palestra ed eventualmente anche di sala per riunioni e per teatro di famiglia, avente il palco nell aula dirimpetto all ingresso, la cui parete verso la palestra verrebbe provvista un impennata mobile di legno e vetri. Detto salone sarà illuminato, altroché dalla parete all ingresso, anche da un lucernario posto nel mezzo del soffitto. Ai lati piccoli del salone ho collocato i servizi di latrine e acquaio, la direzione ed il locale delle maestre, e, nel sotterraneo, sporgente da terra m. 2,50, avrei progettato di collocare la cucina, con l ingresso dalla parte opposta all ingresso dell Asilo. Bagni, Lavanderia e locali di riunioni e di allattamento vennero raggruppati in un solo edificio, e dovendo questo servire in parte anche agli esterni, ho creduto opportuno collocarlo verso strada e precisamente in corrispondenza di un ingresso, per ragioni anche decorative e di convenienza, perché il portiere di servizio all ingresso del quartiere può servire anche da custode per quell edificio speciale. La Lavanderia avrei progettato di collocarla nel sotterraneo sporgente da terra circa m. 3,60. 20

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA COMUNICATO STAMPA L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA Per la prima volta a Milano un bando per assegnare la abitazioni a canone calmierato.

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI 1 Arrivato a Lomé dopo un viaggio che ha superato le 24 ore, con scalo a Casablanca, Marocco, il 05.07.07, atterro

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

Progetto vita indipendente

Progetto vita indipendente Buon giorno io sono Leda mamma di Giulia, una ragazza disabile che ha usufruito del Progetto vita indipendente fornito dalla Cooperativa Primavera 85. Mia figlia ha 24 anni e da sempre mi sono impegnata

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 9 DEL 9-03-1988 REGIONE SARDEGNA Tutela dell' etnia e della cultura dei nomadi.

LEGGE REGIONALE N. 9 DEL 9-03-1988 REGIONE SARDEGNA Tutela dell' etnia e della cultura dei nomadi. LEGGE REGIONALE N. 9 DEL 9-03-1988 REGIONE SARDEGNA Tutela dell' etnia e della cultura dei nomadi. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 11 del 14 marzo 1988 Il Consiglio Regionale ha approvato

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

Questa è la mia casa

Questa è la mia casa Questa è la mia casa Percorso di autonomia abitativa Realizzato da: Comune di Ancona e Informagiovani Ancona con amore Progetto a cura del Geom. Elisa Coltrinari Contesto e ragioni dell intervento. Il

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

INNOVATORE COLUI CHE SOGNA QUALCOSA DI DIVERSO, DI MIGLIORE PER TUTTI, ANDANDO OLTRE QUELLO CHE GIA ESISTE.

INNOVATORE COLUI CHE SOGNA QUALCOSA DI DIVERSO, DI MIGLIORE PER TUTTI, ANDANDO OLTRE QUELLO CHE GIA ESISTE. LINEE DELL INTERVENTO DI GRAZIANO MALPASSI AL FIRST INNOVATION FORUMED a Civitanova Marche progetto WIDE INNOVATION IN MED finanziato dall Unione europea HO FONDATO L AZIENDA NEL 1984 ALL ETA DI 24 ANNI,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Assemblea Associazione Arché Venerdì 13 aprile 2012 Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Si inizia con la video presentazione della mission e dello spot 5xmille Cari Soci, Volontari,

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

"#$"%&' (%&#((%! &#)'!*'"!+'$%(),!

#$%&' (%&#((%! &#)'!*'!+'$%(),! L Archivio liquido dell Identità arriva in Brasile, incontrando la comunità pugliese di San Paolo. Il cuore della città è l Edificio Italia, un altissimo palazzo che domina su l enorme estensione di questa

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Premessa. Gilberto Pichetto Presidente del gruppo regionale

Premessa. Gilberto Pichetto Presidente del gruppo regionale Settembre 2014 Premessa Se prima la difficoltà abitativa era un problema, ora è una vera e propria emergenza. Il perdurare della crisi economica rende le famiglie sempre più povere ed insostenibili i costi

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo.

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo. IL PROGETTO Il progetto Maison du monde è realizzato grazie al Fondo Immobiliare di Lombardia e si propone di recuperare e valorizzare un edificio collocato in Via Padova 36, realizzando e offrendo alloggi

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg.

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. http://emeroteca.braidense.it/ 1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. 63-66 Elaborazione digitale e trascrizione

Dettagli

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora. Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.org - E-mail: segreteria@fondazionelancora.org PREMESSA La Fondazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

costruttori di felicità il bello di sentirsi a casa

costruttori di felicità il bello di sentirsi a casa Praedus Sorbolo costruttori di felicità il bello di sentirsi a casa l intervento LOTTO C23+C28 Marella srl Ispirandosi all architettura rurale rivisitata in chiave contemporanea, propone eleganti ville

Dettagli

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta?

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta? Direttore Domenico Delle Foglie Servizio Informazione Religiosa MANOVRA ECONOMICA Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e una Carta dedicata. Sarà la svolta? 23 dicembre 2015

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano

Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano Indice 1. L Italia e la formazione professionale 2. La Lombardia e la formazione professionale 3. Chi esce

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

ci eravamo lasciati con la lettera di comunicazione dell ultimo direttivo della Why.

ci eravamo lasciati con la lettera di comunicazione dell ultimo direttivo della Why. Napoli 21 giugno 2011 Cari amici, ci eravamo lasciati con la lettera di comunicazione dell ultimo direttivo della Why. Sono trascorsi tre mesi circa, e da allora, sono state regolarmente effettuate le

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA CODICE ETICO 1. PREMESSA 1.1.L Istituto Universitario di Studi Europei (di seguito l Istituto ) è un'associazione senza scopo di lucro che ha ottenuto dalla Regione Piemonte l'iscrizione nel registro regionale

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

FACCIAMO I CONTI UN LIBRO BIANCO DEL PRC DI SC ANDICCI

FACCIAMO I CONTI UN LIBRO BIANCO DEL PRC DI SC ANDICCI FACCIAMO I CONTI UN LIBRO BIANCO DEL PRC DI SC ANDICCI Se ritenete di qualche interesse questo libro bianco fatelo circolare; se avete commenti, suggerimenti, osservazioni anche critiche da fare scrivere

Dettagli

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo

Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo Stefano Maggi Docente di Storia contemporanea Università di Siena Presidente Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità Le mani intrecciate,

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Campus Martinitt: una casa per studiare

Campus Martinitt: una casa per studiare Campus Martinitt: una casa per studiare Residenze Universitarie CAMPUS ALER Milano e le Università In questi ultimi anni, in linea con le indicazioni e la programmazione di Regione Lombardia, ALER ha realizzato

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Salario minimo: Argomentazioni tascabili

Salario minimo: Argomentazioni tascabili Salario minimo: Argomentazioni tascabili il 18 maggio 2014 Salari giusti: Il lavoro va pagato! Chiunque lavori in Svizzera deve poter vivere in modo decoroso del proprio salario. Perciò, 4000 franchi al

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo Carta dei Valori agriturismo Corte San Girolamo LA MISSION PRODUCIAMO VALORE ATTRAVERSO I VALORI L Agriturismo Corte San Girolamo, gestito con familiarità e cortesia, desidera offrirvi un soggiorno di

Dettagli

GESTIONE DELLE EMERGENZE IN CONDOMINIO Datori di lavoro, amministratore,, proprietari: chi deve fare cosa

GESTIONE DELLE EMERGENZE IN CONDOMINIO Datori di lavoro, amministratore,, proprietari: chi deve fare cosa Seminario SICUREZZA SUL LAVORO IN CONDOMINIO GESTIONE DELLE EMERGENZE IN CONDOMINIO Datori di lavoro, amministratore,, proprietari: chi deve fare cosa 18/09/2015 - Centro Congressi della Fiera di Bergamo

Dettagli