Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento degli Studi sull Impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento degli Studi sull Impresa"

Transcript

1 ESTERNALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ E SERVIZI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dipartimento della Funzione Pubblica Ufficio per l Innovazione nella Pubblica Amministrazione Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento degli Studi sull Impresa

2 Coordinamento scientifico Marco Meneguzzo Dipartimento Studi Impresa Università di Tor Vergata Equipe di ricerca Denita Cepiku** DFP, Dottorato Economia AA.PP. Università di Tor Vergata Pierluigi Mastrogiuseppe**** ARAN - MIMAP Univ Roma 2 Roma3 Tommaso Russo*** ADISU La Sapienza MIMAP Univ Roma 2 Roma3 Sara Poggesi* Dipartimento Studi Impresa Università di Tor Vergata Francesca Manco* Dottorato Economia AA.PP. Università di Tor Vergata Stefania Senese* Dottorato Economia AA.PP. Università di Tor Vergata Pietro Testai *** APAT - Dottorato Economia AA.PP. Università di Tor Vergata * capitolo 1 e 2 ** capitolo 5 *** capitolo 3 **** capitolo 4

3 1. L esternalizzazione di attività e servizi nella pubblica amministrazione 1.1 Introduzione p. 1.2 Le scelte di outsourcing nelle imprese industriali e di servizi p. 1.3 La esternalizzazione nella PA:le indicazioni emerse dalle ricerche di fine anni 90 p. 1.4 Esternalizzazione e contracting out; le tendenze in atto a livello internazionale p. 1.5 Il Quadro normativo di riferimento p. 1.6 Conclusioni p. 2. L esternalizzazione di servizi di Information and Communication Technology (ICT) 2.1 ICT e Pubblica Amministrazione p. 2.2 Le diverse tipologie di servizi ICT p. 2.3 L affidamento all esterno dei servizi di ICT p. 2.4 Motivazioni, processo e modalità di esternalizzazione p. 2.5 Il mercato potenziale per l esternalizzazione di servizi di ICT p. 2.6 Il mercato dell outsourcing dell ICT pubblico p. 3. L esternalizzazione di servizi di Facility Management (FM) 3.1 FM e Pubblica Amministrazione p. 3.2 I servizi FM p. 3.3 L esternalizzazione dei servizi di FM p. 3.4 Le motivazioni all esternalizzazione p. 3.5 Il processo e le modalità di Esternalizzazione p. 3.6 Il mercato potenziale di esternalizzazione di servizi di FM p. 3.7 Il mercato dell outsourcing dell ICT pubblico p. 4. L esternalizzazione della Funzione personale 4.1 Funzione personale e Pubblica Amministrazione p. 4.2 I servizi della Funzione personale p. 4.3 L esternalizzazione della Funzione personale p. 4.4 Le motivazioni e vincoli all esternalizzazione p. 4.5 Il mercato potenziale di esternalizzazione della Funzione personale p. 5. Esperienze pratiche di Esternalizzazione a livello internazionale 5.1 L esternalizzazione nei Paesi OCSE: il contesto di riferimento p. 5.2 L esternalizzazione quale meccanismo tipo mercato (MTM) p. 5.3 Spinte e motivazioni dell esternalizzazione p. 5.4 Benefici dell esternalizzazione p. 5.6 Fasi del processo di esternalizzazione p. 5.7 Esperienze pratiche di esternalizzazione nei paesi OCSE p. 5.8 Conclusioni p.

4 1. L esternalizzazione di attività e servizi nella pubblica amministrazione 1.1 Introduzione Questo rapporto contiene un quadro di riferimento organico sulle principali caratteristiche e sulle tendenze in atto nei processi di esternalizzazione di attività e servizi messi in atto all interno del sistema della Pubblica amministrazione italiana. Si tratta di un quadro di riferimento organico che non ha comunque ha la pretesa di fornire una ricognizione esaustiva del fenomeno, così come si è sviluppato negli ultimi venti anni nelle diverse tipologie di amministrazioni pubbliche (amministrazione centrale, amministrazioni regionali e locali, agenzie nazionali e regionali, aziende sanitarie pubbliche, enti pubblici non economici). La scelta di predisporre e presentare un documento in cui la ricognizione mirata delle tendenze nella PA italiana possa fornire indicazioni e suggerimenti alla elaborazione e formulazione di politiche è direttamente legata ai contenuti del mandato espresso dal Dipartimento della Funzione pubblica Unità per l innovazione nella PA, committente del progetto di ricerca, iniziato nel dicembre 2002 e concluso a giugno 2003, che ha promosso e finanziato il progetto, all interno dei protocolli di intesa con le diverse associazioni imprenditoriali nazionali. In questa prospettiva il rapporto, che si collega a precedenti lavori, sinteticamente richiamati nel paragrafo 1.3, basati sull analisi di casi di studio nazionali, regionali e locali, presenta un significativo valore aggiunto riconducibile a due principali ipotesi di lavoro, che possono essere sintetizzate come analisi comparativa e come supporto alla formulazione di linee guida di intervento, all interno della ridefinizione dei rapporti di partnership e collaborazione tra pubblico e privato. Con riferimento all analisi comparativa nella prima parte del rapporto è stata dedicata particolare attenzione ai risultati che emergono: dall esame delle scelte strategiche e gestionali (le scelte di outsourcing ) da parte delle imprese industriali e di servizi e da parte degli intermediari finanziari ; dalla ricognizione delle tendenze in atto nel settore pubblico a livello internazionale, contenuta in ricerche multipaese condotte da agenzie intenazionali, da think tanks e società di consulenza che da anni lavorano sui temi dell outsourcing e del contracting out. 4

5 L analisi comparativa che ha consentito di individuare interessanti convergenze tra processi in atto nel settore for profit e nel settore pubblico, convergenze che verranno riprese nelle conclusioni mettendo in rilievo i contenuti delle policies nazionali, formulate e messe in atto in altri contesti nazionali sulla esternalizzazione di funzioni, attività e servizi nel settore pubblico. Con riguardo alla seconda ipotesi di lavoro, ossia il fornire prime indicazioni su possibili politiche di intervento, è opportuno segnalare che questo rapporto si collega ad altri rapporti elaborati dal gruppo di ricerca del Dipartimento Studi sull impresa in cui è stata posta particolare attenzione alla analisi di alcuni casi di studio di esternalizzazione di servizi ed attività, sviluppati in diverse tipologie di amministrazioni pubbliche, operanti a livello centrale, regionale e locale, analisi condotta in base ad un template, sempre predisposto dal gruppo di lavoro. Insieme alla analisi sul terreno il rapporto ha ripreso e sviluppato, in particolare nelle parti relative alla stima del mercato per Facility management, Information Communication Technology e gestione delle risorse umane, indicazioni e spunti emerse dagli operatori, direttamente coinvolti nei tavoli di lavoro che sono stati attivati dal Dipartimento della Funzione pubblica sul tema della esternalizzazione. Questi tavoli di lavoro hanno visto partecipare Amministrazioni pubbliche ( DIT, Ministero Economia e Finanze) oltre a coinvolgere, proprio nella prospettiva di partnership pubblico privato, associazioni imprenditoriali e di categoria, tra cui è sicuramente opportuno ricordare Confindustria, FITA ed Assinform. Le considerazioni contenute in questo rapporto vanno quindi lette in modo integrato con le considerazioni che emergono dalla analisi dei casi di studio e soprattutto nella prospettiva di indicazioni di policy sulla esternalizzazione, con i contenuti di una prima bozza di Guida ai processi di esternalizzazione, che può in prospettiva diventare un utile strumento per le amministrazioni pubbliche, che ai diversi livelli istituzionali e nei differenti settori, sono interessate a mettere in atto modalità e processi di affidamento all esterno di attività e di servizi. 5

6 1.2 Le scelte di outosurcing nelle imprese industriali e di servizi L outsourcing può essere definito come quella particolare modalità di esternalizzazione che ha per oggetto l enucleazione di intere aree di attività, strategiche e non, e che si fonda sulla costituzione di partnership tra l azienda che esternalizza e un azienda già presente sul mercato in qualità di specialista (Arcari, 1996). Queste partnership coinvolgono, di solito, le aziende per periodi di tempo prolungati. La prospettiva temporale di lungo termine abbinata alla rilevante intensità del coinvolgimento dei partner nel progetto, spiega la differente logica che sottintende i processi di outsourcing rispetto all esternalizzazione. In funzione delle suddette variabili, infatti, è possibile distinguere le strategie di esternalizzazione in diverse tipologie: sub-fornitura, reti di imprese, consorzi, spin-off. L outsourcing, infine, è la forma più evoluta di esternalizzazione 1. E utile fornire una serie di definizioni del fenomeno dell outsourcing, provenienti dalla letteratura italiana e da quella internazionale, di volta in volta orientate a metterne in risalto alcuni elementi peculiari. Box 1: Definizioni di outsourcing 1. L outsourcing può essere intravisto come una possibile modalità organizzativa per la cui attuazione è necessario perfezionare tra cliente e società esterne una serie di contratti di scambio o di contratti associativi, il cui oggetto sostanzialmente è da ricercare nella qualità del servizio fornito (Ricciardi, 2000). 2. L outsourcing è un punto di arrivo al momento attuale dei processi di riorganizzazione delle attività e servizi messi in atto dalle imprese più sensibili alle esigenze di innovazione manageriale, con lo scopo di trarre vantaggi, non solo sul piano strettamente economico o della funzionalità organizzativa dei servizi resi, bensì anche sul piano del miglioramento della capacità competitiva dell impresa stessa (Arcari, 1996). 3. L outsourcing si realizza attraverso il trasferimento, ad un fornitore esterno, di una 1 Per un approfondimento cfr. Ricciardi,

7 determinata attività di un area funzionale (outsourcing di un attività), o di un intera area (outsourcing di una funzione). In questo secondo caso tutte le attività e le responsabilità inerenti a quella funzione vengono affidate a imprese esterne (Mauri,1999). 4. Il processo di outsourcing consiste nella cessione a terzi non soltanto di attività periferiche ma in casi particolari anche di attività chiave, che i concorrenti sono in grado di eseguire a costi inferiori oppure in modo più efficiente. Elemento indispensabile è il mantenimento del controllo diretto degli elementi strategici del processo di outsourcing (Quinn, 1994). 5. Per contratto di outsourcing si intende l affidamento da parte di un entità economica (cliente o committente) di tutta o di una parte sostanziale di un determinata funzione ad una organizzazione esterna (fornitore) dotata delle competenze professionali e tecnologiche necessarie per lo svolgimento delle attività e per garantirne la continuità di lungo periodo (Merlino, Testa, Valivano, 1997). 6. L outsourcing consiste di fatto nella cessione di un insieme di attività che operano in uno specifico contesto di mercato; è importante notare a tal proposito che l outsourcing può prevedere non solo l affidamento del servizio, ma anche la cessione dei cespiti e del personale dell outsourcee per la realizzazione di un risultato qualitativamente e quantitativamente superiore (Lombrano, 1998). 7. Il fenomeno dell'outsourcing nasce nel settore privato e in particolare nel quadro di quel processo di decentramento che caratterizza la moderna produzione industriale, e che consiste nell'affidamento a subfornitori di singole fasi del processo produttivo, restando in capo all'azienda committente la progettazione e la definizione della strategia commerciale del prodotto finito. Con riguardo al settore dei servizi e del terziario tale metodologia gestionale si traduce nella convenienza per l azienda, in termini di costi e di efficienza, a non provvedere ad una gestione diretta o interna dei diversi e numerosi servizi ausiliari o strumentali e nell opportunità di affidarli all esterno a soggetti terzi specializzati (www.euro-pa.it/art_1.htm). Da una breve analisi delle definizioni proposte in letteratura, si evince che gli aspetti principali, indispensabili, ai fini dell inquadramento dell outsourcing sono connessi: 7

8 alla definizione della durata del contratto di outsourcing, all assegnazione delle responsabilità delle attività date fuori e del controllo sulle stesse, alla definizione degli obiettivi, strettamente economici o di portata strategica, alla base dell esternalizzazione. In particolare le definizioni di Ricciardi e di Arcari evidenziano tre aspetti: l outsourcing costituisce innanzitutto una modalità organizzativa dell attività d impresa; questo significa che ogni scelta di outsourcing dovrà essere inquadrata in una logica di riorganizzazione dell intera impresa e non solo di una specifica area o attività. Il secondo riguarda l obiettivo, lo scopo alla base dell outsourcing che non è solo di tipo economico. Infatti oltre alla riduzione dei costi l implementazione di una strategia di outsourcing prevede la possibilità di aumentare la qualità del servizio offerto al fine di migliorare ed aumentare la competitività dell impresa. Terzo ed ultimo aspetto riguarda la durata del rapporto di outsourcing che sia Ricciardi che Arcari ipotizzano di lungo termine. Manca in queste definizioni l indicazione delle responsabilità sulle attività esternalizzate, aspetto che invece è ben evidenziato da Mauri, prima, e da Quinn, dopo, ma con due diverse specificazioni. Mauri sottolinea che le responsabilità inerenti alle funzioni esternalizzate vengono affidate alle imprese esterne, quindi all outsourcer, mentre Quinn parla dell importanza che l outsorcee mantenga, comunque, il controllo diretto degli elementi strategici del processo di outsourcing. Le definizioni di Merlino- Testa- Valivano, e di Lombrano evidenziano infine che aspetto chiave, che giustifica ogni scelta di outsourcing, è la possibilità di fornire un servizio qualitativamente superiore grazie alla specializzazione dell outsourcer. Questo, infatti, si configura necessariamente come un organizzazione dotata delle competenze professionali e tecnologiche necessarie per lo svolgimento efficace ed efficiente delle attività. Nei Paesi anglosassoni ed in particolare negli Stati Uniti l'outsourcing ha acquisito fama nel comparto privato in seguito alla crisi economica degli anni ottanta che ha portato alcuni giganti dell'industria automobilistica, le cui dimensioni erano divenute abnormi anche per effetto dello sviluppo di aree complementari al core-business, ad adottare come soluzione fondamentale al problema del risanamento contabile proprio l'outsourcing. Il principio era ed è semplice: affidare a terzi le attività che essi sanno svolgere più efficientemente e più efficacemente di noi. Solo in questo modo è possibile ridurre i 8

9 costi, migliorare la qualità dei servizi o dei prodotti, ottenere risorse da impiegare nelle attività core dell'impresa. In Italia l outsourcing si è sviluppato a partire dagli anni 90 sulla base di un percorso evolutivo tipico che ha interessato da principio quelle attività definite non strategiche, secondarie, ossia quelle che l impresa non ha interesse a svolgere direttamente (es. pulizia, mensa etc); successivamente ha coinvolto anche aree molto vicine al corebusiness aziendale (es. marketing, gestione risorse umane, etc.). L'outsourcing emerge, quindi, come uno strumento manageriale, che ha avuto una significativa diffusione nel corso dell'ultimo decennio e che, secondo autorevoli proiezioni, rimarrà la via obbligata per la sopravvivenza sul mercato delle imprese. Ovviamente l'introduzione dell'outsourcing all'interno di un'azienda è operazione non facile, che incontra resistenze di ogni genere, a tutti i livelli della struttura gerarchica aziendale, oltre che sindacale. Il management societario, ad esempio, può mostrare remore psicologiche per il timore di un "autoridimensionamento" professionale; a questo ostacolo di natura soggettiva se ne aggiunge un altro di carattere oggettivo ossia la difficoltà di individuare sul mercato operatori sufficientemente professionali e specializzati, che garantiscano un efficiente espletamento della funzione esternalizzata. Un impresa che implementerà in modo efficace un processo di outsourcing si presenterà ridefinita nei suoi confini attraverso l emergere di una nuova forma di organizzazione che coinvolge diverse imprese, giuridicamente autonome ma parti di una rete in cui un numero variabile di unità opera autonomamente, valorizzando al massimo le proprie risorse e competenze distintive ma usufruendo, allo stesso tempo, delle economie da esternalità, generate dalla esteriorizzazione e dalla diffusione delle conoscenze all interno del sistema relazionale in cui sono inserite. Una classificazione ricorrente nel settore privato, così come si rileva dalle verifiche empiriche, è quella che distingue in base all obiettivo all origine di tale scelta ed alla tipologia di relazione che si sviluppa tra l outsourcee (impresa che esternalizza) e outsourcer (impresa alla quale è ceduta l attività), tra outsourcing tattico e outsourcing strategico. Fino a qualche anno fa alla base delle decisioni di outsourcing vi era l esigenza della riduzione dei costi (outsourcing tattico): affidare l attività all esterno era conveniente solo se i fornitori potevano garantire costi più bassi in virtù della loro specializzazione. Negli 9

10 ultimi anni a causa dell aumento della concorrenza le imprese ricercano un maggior contenuto strategico nei rapporti con il fornitore (outsourcing strategico). In particolare un accordo di tipo strategico non ha come obiettivo unicamente la riduzione dei costi e l aumento dell efficienza ma prevede, attraverso una relazione di lungo periodo, la creazione di legami operativi tra le parti, nello sviluppo dell attività e dei prodotti. L aspetto relazionale è forte e si assiste allo scambio di competenze e informazioni. Tali aspetti permettono di ridurre i rischi e gli investimenti di capitale dell outsourcee e di aumentare la flessibilità, la capacità e la velocità di risposta alle esigenze del mercato. In questa tipologia di outsourcing non si instaura semplicemente un rapporto di fornitura o di partnership caratterizzata da reciproca fiducia, fattiva collaborazione e trasparenza nei flussi informativi tra outsourcee e outsourcer; bensì gli accordi tra le parti diventano di lungo termine e il prezzo non rappresenta più l unico elemento discriminante nella selezione del fornitore. Aspetto rilevante diviene quindi la costituzione di alleanze che favoriscono investimenti congiunti per lo svolgimento di attività di co-progettazione e co-produzione dei servizi. Da quanto esposto emerge che le relazioni di outsourcing possono generare tipologie molto variegate di accordi: a fianco alla tradizionale relazione tattica di minor portata (transazionale) emergono, con una crescente importanza, accordi dove più forte è la componente relazionale e strategica. A questa classificazione si può abbinare un ulteriore distinzione tra outsourcing tattico ed outsourcing strategico che è quella derivante dalla suddivisione delle attività aziendali in attività core (centrali nell attività dell impresa) e attività non core. Così procedendo si definisce tattico quel processo che vede portare fuori dall impresa esclusivamente le funzioni non-core, strategico l outsourcing che riguarda anche altri tipi di attività poiché, la fiducia che scaturisce da un rapporto di partnership di lunga durata, consente la gestione esterna anche di attività più vicine al core-business aziendale. 1.3 L esternalzzazione nella PA: le indicazioni emerse dalle ricerche di fine anni 90 Nel presente paragrafo si mettono in luce diversi aspetti del fenomeno dell esternalizzazione nel settore pubblico, attraverso una serie di contributi precedentemente realizzati. Si riporta, qui di seguito, un analisi riassuntiva di alcuni dei più importanti documenti presenti nel panorama dell esternalizzazione della PA italiana: 10

11 il progetto finalizzato sull Esternalizzazione delle funzioni amministrative della Funzione Pubblica, il documento Servizi pubblici locali esternalizzati ed esternalizzabili di Italia Lavoro e, infine, il documento redatto dal Censis Problemi e prospettive dell outsourcing nel sistema della Pubblica Amministrazione italiana. Il primo documento focalizza la sua attenzione sull esternalizzazione a livello locale, regionale e dell amministrazione centrale, di fasi del procedimento amministrativo, di segmenti di funzioni amministrative o di attività specifiche e circoscritte. Il secondo riporta un analisi dei casi di esternalizzazione di cinque amministrazioni comunali (Milano, Modena, Lamezia Terme, Lecce e Palermo). Il terzo documento infine, estremamente recente (gennaio 2003), sottolinea la rilevanza del fenomeno dell outsourcing come processo di modernizzazione e di riorganizzazione della PA. La presente ricerca si pone, dunque, come complementare rispetto a questi contributi. In particolare in riferimento alla ricerca del DFP, relativamente all oggetto (funzioni amministrative piuttosto che servizi e attività); in riferimento allo studio condotto dal Censis, in quanto si rivolge a imprese e PA di grandi dimensioni (e privilegia il punto di vista dei fornitori e non delle amministrazioni). Si pone, invece, come integrativa rispetto al contributo di Italia Lavoro poiché analizza non solo le esperienze significative a livello locale, ma anche a livello nazionale ed internazionale. Progetto finalizzato Esternalizzazione delle funzioni amministrative Dipartimento della Funzione Pubblica L esternalizzazione delle funzioni amministrative è sicuramente il fenomeno meno esplorato rispetto alle altre forme di esternalizzazione delle PA (l affidamento di attività a terzi, le privatizzazioni, l attribuzione di funzioni primarie a soggetti che agiscono con logiche privatistiche), ma ciò che lo caratterizza è che l elemento discriminante rispetto a tutte le altre modalità di dismissione in senso lato di funzioni pubbliche (siano esse di tipo gestorio, di regolazione o di altro tipo) è costituito dal fatto che le funzioni sono e rimangono pubbliche. 11

12 Esempio In caso di affidamento a soggetti esterni delle attività istruttorie in sede di espletamento dei procedimenti per l erogazione di contributi pubblici, l avvio del procedimento e l assunzione del provvedimento finale di erogazione è, e rimane, di titolarità esclusiva dell amministrazione pubblica, mentre la gestione delle valutazioni istruttorie (esame delle domande di accesso ai contributi), sulle quali si basa poi il contenuto dispositivo del provvedimento finale, è ciò che viene esternalizzato. La ricerca si è proposta di individuare, attraverso un indagine che ha riguardato i ministeri, le regioni, le province e un campione di amministrazioni locali, le varie forme di intervento che hanno per oggetto l esternalizzazione di attività amministrative. Le fonti normative, cui si è fatto riferimento, sono quelle che prevedono espressamente l utilizzo di soggetti esterni all amministrazione per lo svolgimento di determinate attività e fasi del procedimento amministrativo. Box 2: Fonti normative- Progetto DFP DPEF [...] il potenziamento delle iniziative, dirette ad aumentare il concorso dei privati nell esercizio di attività di servizi pubblici sia attraverso il finanziamento dei progetti di investimento sia attraverso la esternalizzazione di alcuni segmenti dell attività pubblica DPEF Il Governo intende affiancare iniziative tese a sviluppare il processo di esternalizzazione di attività della P.A. Laddove sussistano inefficienze di gestione appare conveniente il trasferimento di servizi in outsourcing, mediante affidamento a soggetti terzi di attività o processi aziendali idonei per il contenimento dei costi e il miglioramento della qualità dei servizi offerti. DPEF Il Governo ridurrà il carico di compiti e funzioni che gravano sull amministrazione, contemplando anche l affidamento a soggetti terzi di attività o processi per quei servizi che comportano inefficienze di gestione [..] il riordino organizzativo delle pubbliche amministrazioni sarà quindi improntato ai criteri del forte snellimento delle strutture, di eliminazione della proliferazione di enti e organismi pubblici, come le agenzie e enti non economici che spesso non corrispondono ad effettive esigenze di interesse pubblico. D.lgs n.123/98 [.] per l attività istruttoria e di erogazione di contributi pubblici [..] possono essere stipulate convenzioni le cui obbligazioni sono di natura privatistica con società o enti in possesso dei necessari requisiti tecnici, organizzativi o di terzietà in relazione allo svolgimento delle predette attività. D.lgs n.368/98 [.] ai fini del più efficace esercizio delle sue funzioni ed, in particolare, per la valorizzazione dei beni culturali e ambientali il Ministero e le attività culturali possa stipulare accordi con amministrazioni pubbliche e soggetti privati, nonché costituire o partecipare ad 12

13 associazioni, fondazioni o società. D.lgs n.368/98 [.] ai fini del più efficace esercizio delle sue funzioni ed, in particolare, per la valorizzazione dei beni culturali e ambientali il Ministero e le attività culturali possa stipulare accordi con amministrazioni pubbliche e soggetti privati, nonché costituire o partecipare ad associazioni, fondazioni o società. L indagine presso le amministrazioni locali Nell indagine che ha riguardato gli enti territoriali è emerso che non esiste una distinzione precisa tra esternalizzazione del servizio pubblico e funzione pubblica amministrativa, anzi il confine tra i due ambiti si sfuma fino a sovrapporsi per cui, spesso, l'esternalizzazione dei servizi implica l'affidamento all'esterno anche di parte delle attività amministrative o addirittura, come nel caso dei tributi locali, l'esternalizzazione comprende l'insieme delle attività (concessione di riscossione e gestione tributi). Inoltre, a causa di una mancanza di norme tecnico-giuridiche specifiche e di pronunciamenti giurisdizionali, si è portato ad accomunare, in generale, tutte le attività in servizi, generando una forte incertezza sull esatta individuazione dei confini tra esternalizzazione di funzioni e privatizzazione dei servizi pubblici. Non tutte le attività che fanno capo alle funzioni di competenza degli enti locali territoriali ed attribuite a dirigenti, con l incarico di responsabili del procedimento amministrativo, possono essere esternalizzate. Tra queste si possono distinguere le funzioni prettamente pubbliche ed altri tipi di servizi erogati dalla pubblica amministrazione locale. Non è possibile esternalizzare attività connesse a funzioni strategiche per il corretto funzionamento dell ente o per la sicurezza dei cittadini. L esternalizzazione non può riguardare l intera funzione amministrativa o, con termine più tecnico, la competenza attribuita per legge ad un apparato pubblico a emanare un provvedimento amministrativo produttivo di effetti esterni nei rapporti con i privati (Clarich, 2001). Non si può parlare, quindi, di esternalizzazione di funzione quando si tratta di attività materiali non collegate in modo diretto ad una funzione amministrativa, come nel caso dei servizi di pulizia degli uffici, della gestione della mensa e spaccio interno, affidati all esterno: si tratta di normali appalti di servizi che non presentano particolari difficoltà per l affidamento all esterno. 13

14 L esternalizzazione delle funzioni amministrative può avvenire sia in forza di un sostegno normativo di legge o regolamento (esternalizzazione delle funzioni amministrative relative a funzioni istituzionali degli enti), sia tramite l autonomia statutaria e la potestà regolamentare degli enti (esternalizzazione di funzioni amministrative relative al funzionamento degli enti). Nel primo caso la funzione conferita agli enti locali, mediante legge dello Stato, può essere esternalizzata soltanto se una legge dello stato ne regola la possibilità. Esempio Il caso degli ausiliari del traffico (art. 17, co132 e 133 della legge 127/97) che consente a gestori esterni di esercitare tutte le azioni di prevenzione e di accertamento delle violazioni in materia di sosta e di regolazione dei parcheggi, resi in concessione, nonché dell esercizio di tutte le azione necessarie per il recupero delle evasioni tariffarie e dei mancati pagamenti, ivi compresi il rimborso delle spese penali. E evidente che alla luce della legislazione positiva vigente, per gli enti locali è più facile esternalizzare attività afferenti al funzionamento della macchina amministrativa dell Ente, in quanto trattasi di azioni formalmente amministrative, ma sostanzialmente si tratta di operazioni gestionali, tali da non imporre la questione di responsabilità dell atto amministrativo circa i suoi effetti esterni. Motivazioni che spingono gli enti locali ad esternalizzare L affidamento all esterno di attività, nella maggior parte dei casi, è spinto da scadenze di leggi imminenti oppure da carenze di organico; sono queste le principali motivazioni e non una valutazione ex ante dei costi-risultati o costi-benefici. La propensione ad esternalizzare, pur considerando la difficoltà di affidare a terzi l esercizio di attività connesse a funzioni amministrative, discende innanzi tutto dalle carenze organizzative presenti all interno dell ente e, contemporaneamente dalla necessità di elevare i livelli di efficienza ed efficacia dell azione amministrativa. Si rileva che una maggiore propensione dell ente a esternalizzare per migliorare l efficienza e l efficacia del suo funzionamento e aumentare l economicità e la flessibilità di gestione, genera, tuttavia, una prudenza ad utilizzare più intensamente questo strumento 14

15 amministrativo. Tutto ciò può essere imputato a due diversi fattori. Il primo fattore riguarda l incertezza sulle modalità di affidamento della attività da esternalizzare, il secondo riguarda il possibile intreccio tra l interesse privato del soggetto affidatario delle attività e quelle del funzionario responsabile del procedimento che non permette all ente di acquisire ad esempio quegli incrementi di efficienza e qualità resi possibili dalla esternalizzazione. Contrariamente a quanto previsto dal sistema privato, laddove accanto all outosurcing si considera sempre l eventuale intervento insourcing, in caso di rapporto insoddisfacente o mutamento degli scenari strategici, nei casi rilevati non appare essere considerata l opzione della riassunzione della gestione della funzione amministrativa esternalizzata. Peraltro l indagine sugli enti locali non rileva dati significativi circa il contenzioso. La relativa entità del contenzioso sembra più da ascrivere alla carenza di obiettivi dell esternalizzazione analiticamente enumerati, a causa di capitolati non sufficientemente precisi e nella insufficienza delle attività di controllo, piuttosto che da un inefficiente esecuzione da parte dei soggetti terzi. L indagine presso le amministrazioni regionali Prima del 1997 l esternalizzazione era prevista soltanto per lo svolgimento di specifici compiti caratterizzati da un alta specialità tecnica. Dopo il 1997, con la legge n. 59/1997 e il d.lgs. n. 112/1998, si afferma il principio di sussidiarietà orizzontale: i pubblici poteri non debbono in linea di massima provvedere direttamente alla gestione delle attività di pubblico servizio, bensì avvalersi, laddove possibile, delle risorse allo scopo rinvenibili sul mercato (quando si tratti di attività di rilevanza imprenditoriale) o nella società civile (per quelle di carattere più spiccatamente sociale). L esternalizzazione a livello regionale appare, quindi, riconducibile a tre diverse tipologie normative regionali: a) leggi che contengono, nell ambito della affermazione del principio di sussidiarietà orizzontale, un riferimento generale alla possibilità di esternalizzare l attività amministrativa. 15

16 Esempio La l.r Liguria 9/1999 propone l instaurazione di un rapporto tra le strutture istituzionali e soggetti privati mediante la promozione di forme di cooperazione funzionale con tali soggetti. b) disposizioni che, facendo riferimento alla possibilità di affidare all esterno funzioni e compiti, individuano le attività oggetto di esternalizzazione, le forme di regolazione e le modalità di individuazione del soggetto affidatario; Esempio La l.r Emilia Romagna dove l esternalizzazione rappresenta uno degli indirizzi generali di attuazione della riforma del sistema regionale e dell assetto di funzioni e costituisce un obiettivo specifico della medesima riforma. L esternalizzazione è regolata da convenzioni stipulate con soggetti scelti mediante procedure ad evidenza pubblica. Esempio La l.r Lombardia 1/2000 che estende l intervento dei soggetti del privato sociale alla programmazione e alla pianificazione degli interventi. Mentre, in realtà, l apporto dei privati è limitato alla erogazione dei servizi la cui organizzazione è affidata alle competenze comunali si instaurandosi un rapporto diretto con i soggetti erogatori, nel caso Lombardo, affidando ai privati anche fasi della programmazione e della pianificazione degli interventi, si instaura un rapporto diretto con l amministrazione regionale. c) disposizioni regionali che limitano l esternalizzazione alle attività rientranti nel settore sociale affidate a soggetti appartenenti al terzo settore o al volontariato sociale; La ricognizione ha riguardato complessivamente 13 casi regionali appartenenti a sette diverse regioni (Basilicata, Lazio, Lombardia, Piemonte, Provincia autonoma di Trento). 16

17 Dalla rilevazione compiuta emerge che i soggetti affidatari di funzioni esternalizzate hanno natura differenziata tra loro. In alcuni casi la Regione ha conferito la propria attività a soggetti aventi natura giuridica privata, in altri l affidamento è avvenuto in favore di soggetti formalmente privati, ma sostanzialmente pubblici ed in altri ancora in favore di soggetti pubblici tout court. Le ragioni della scelta di esternalizzare determinate attività sono diversificate in relazione agli obiettivi posti e delle condizioni presenti al momento della decisone. Le motivazioni che emergono dall indagine sono riconducibili a tre grandi aree: alta specialità dei compiti da svolgere; insufficienza organizzativa interna; semplificazione e miglioramento dell azione amministrativa Ogni esperienza coinvolge più motivazioni, perché l esternalizzazione è un fenomeno complesso e non solo una mera forma organizzativa di gestione. La attività da esternalizzare possono essere: attività oggetto di funzioni pubbliche, cioè connotate da forti elementi funzionali. Sono quelle che la legge affida alle amministrazioni affinché esse le possano perseguire e curare concretamente, secondo quanto affermato e disposto dall art. 97 della Costituzione (esempi: attività di istruttoria tecnica e valutazione progetti per la formazione professionale, attività di supporto alla programmazione regionale); attività oggetto di prestazioni di servizio, consistenti nella prestazione di attività materiali, pur essendo frutto di esercizio di vere e proprie funzioni pubbliche (esempi: gestione front-office URP). A seconda che l attività da esternalizzare sia la prestazione di un servizio, o piuttosto un attività amministrativa a carattere autoritativo - consistente nell esercizio di un potere pubblico - varierà la modalità di scelta del soggetto che svolgerà l attività e la quota di attività che rimarrà di competenza esclusiva dell amministrazione. L elemento principale da considerare, qualora si decida di esternalizzare attività prima svolte dall amministrazione pubblica, attiene essenzialmente alla individuazione della natura della attività esternalizzata e del regime giuridico applicabile al soggetto affidatario. L interrogativo da affrontare è se, nelle esperienze analizzate, l attività esternalizzata sia qualificabile come prestazione di servizio, ovvero se si tratti di 17

18 un attività amministrativa a carattere autoritativo consistente nell esercizio di un potere pubblico. In quest ultimo caso, la natura propriamente amministrativa dell attività si ripercuote, ad esempio, sulle modalità di scelta del soggetto chiamato a svolgere tali tipologie di attività. Alcune attività posseggono i caratteri propri delle funzioni amministrative che si ritrovano nel rinvenimento di un interesse primario, nella funzionalizzazione dell attività e nella riconduzione ad una norma che richiede lo svolgimento di una determinata attività. È il caso, ad esempio, dell affidamento di fasi di procedimenti amministrativi ai centri autorizzati di assistenza procedimentale - CAAP, della Regione Toscana, in cui l oggetto di esternalizzazione è rappresentato da fondamentali elementi dell istruttoria procedimentale. Ciò significa che l emanazione del procedimento da parte dell amministrazione è conseguente all espletamento dell attività di accertamento posta in essere da altro soggetto privato che seleziona tra i più soggetti richiedenti, coloro che possiedono i requisiti previsti dalla normativa per l ottenimento del finanziamento. Nell ordinamento italiano manca una disciplina specifica che regoli l esternalizzazione delle funzioni amministrative. I casi analizzati evidenziano come le amministrazioni regionali al fine di affidare all esterno la propria attività, abbiano fatto riferimento alla normativa che regola gli appalti pubblici di servizi ed in particolare il dgls 157/95 che ha recepito nel nostro ordinamento la relativa direttiva CE 92/50. Sembrerebbe opportuno emanare una normativa ad hoc per la gestione in outsourcing delle attività che costituiscono esercizio di funzioni pubbliche. Nei casi in cui viene utilizzata una delle procedure ad evidenza pubblica, lo strumento utilizzato è rappresentato dal contratto stipulato successivamente all aggiudicazione, il cui contenuto è solitamente determinato dal capitolato prestazionale predisposto dall amministrazione. Nei casi in cui, invece, si è deciso di procedere all esternalizzazione mediante affidamento diretto, senza, quindi, procedere ad una gara, lo strumento operativo è costituito da una delibera di Giunta Regionale e da una convenzione. La regione Emilia Romagna ha deciso di esternalizzare le attività ricorrendo ad una procedura di appalto pubblico di servizi, ossia creando un mercato che è in grado per le conoscenze acquisite nel tempo di governare. Da quanto detto, l esternalizzazione a favore di soggetti privati, già conosciuti dall amministrazione regionale e con i quali intrattiene rapporti stabili di collaborazione e fiducia, rappresenta una metodologia di progressiva 18

19 apertura verso una gestione veramente concorrenziale delle attività, ma solo dopo che le amministrazioni regionali stesse hanno acquisto conoscenza necessaria delle implicazioni derivanti dall affidamento in outsourcing. Altre amministrazioni (come il Lazio e il Piemonte) hanno preferito gestire tali attività affidandole ad altri soggetti pubblici, proprio perché trattasi di attività connotate da forti elementi innovativi, per questo poco conosciuti, per le quali non si conoscono ancora le problematiche connesse alla gestione esternalizzata di questa attività. Da quanto affermato, emerge che tanto più una un attività amministrativa è connotata da elementi di servizio, tanto più la natura giuridica del soggetto esterno è privata, in questo caso è utile e corretto utilizzare la procedura di affidamento dell incarico ad evidenza pubblica degli appalti pubblici di servizi; mentre tanto più la natura delle attività è connotata da forti elementi di funzionalizzazione (ossia sono frutto di esercizio di un vero e proprio potere amministrativo autoritativo), tanto più la natura del soggetto esterno è di tipo pubblicistico, o misto pubblico-privato, in questo caso appare problematico utilizzare la procedura prevista per gli appalti pubblici di servizi in alternativa all incarico diretto disciplinato da apposite convenzioni. Infine, nei processi di esternalizzazione di attività oggetto di esercizio di pubbliche funzioni, la quota riservata all amministrazione è molto ampia, mentre nelle attività connotate da forti elementi di servizio (ossia di tipo prestazionale) si riduce notevolmente, fino a comprendere esclusivamente un attività di controllo sull operato del gestore esterno. Da queste esperienze si rileva che le funzioni amministrative esercitate dai soggetti titolari delle attività esternalizzate constano nell esplicazione di fasi di procedimenti amministrativi. Ciò che viene esternalizzato infatti è una o più fasi di un procedimento e non l intero procedimento. Le attività esternalizzate sono dunque attività funzionalizzate articolate in procedure amministrative e finalizzate all esercizio di un potere amministrativo indispensabile per la conclusione di procedure amministrative. Quindi laddove vi è procedimentalizzazione vi è esercizio di funzione amministrativa, perché l attività che si esplica attraverso procedure non può che essere attività funzionalizzata. Ciò implica che non trattandosi di esternalizzazione di prestazioni di servizi, non dovrebbero applicarsi le regole tipiche della scelta del contraente per la gestione dei servizi pubblici. Cioè l amministrazione potrebbe scegliere direttamente il soggetto cui affidare l attività. 19

20 Sembra inoltre che il soggetto che fornisce l attività esternalizzata possa essere soggetto ad una duplice responsabilità: contrattuale, per gli obblighi assunti con l amministrazione circa l efficace e l efficiente svolgimento delle attività assegnate; amministrativo-contabile, o anche in alcuni casi penale, per l imparzialità del suo comportamento nello svolgimento di un attività che è prodromica all emanazione di un provvedimento amministrativo. In sintesi dalle esperienze regionali si rileva che le funzioni amministrative esercitate dai soggetti titolari delle attività esternalizzate fanno riferimento a funzioni amministrative che hanno una moltitudine di destinatari. Non si instaura nella maggioranza dei casi un rapporto diretto fra amministrazione regionale e destinatari finali, come accade normalmente per le funzioni comunali o di enti pubblici strumentali. L applicazione nella realtà regionale del principio di sussidiarietà verticale colloca le stesse Regioni in una posizione lontana dal singolo cittadino, portatore di uno specifico interesse da tutelare; è radicalmente cambiato a seguito del decentramento amministrativo l assetto delle materie di competenza regionale. L indagine presso le amministrazioni centrali L indagine presso le amministrazioni centrali è stata condotta attraverso un questionario inviato a tutti i ministeri ed alla Presidenza del Consiglio. Dalla ricognizione effettuata è emerso che tra le motivazioni che hanno portato all esternalizzazione delle funzioni amministrative c è la difficoltà di svolgere internamente per carenze di organico e di competenze le funzioni esternalizzate. Tuttavia altre motivazioni riguardano in prevalenza: le aspettative di maggiore efficienza dell attività amministrativa, la riduzione dei costi, il miglioramento dell attività esternalizzata (soprattutto sotto l aspetto temporale), l alleggerimento delle strutture burocratiche interne, la maggiore efficacia dei risultati. Per quanto riguarda la valutazione dei risultati ottenuti, il giudizio è sufficientemente positivo in termini di riduzione dei tempi di produzione, di miglioramento qualitativo delle prestazioni e di adeguatezza agli indirizzi fissati dall amministrazione. 20

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338 16056 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338 Atto di indirizzo e nomina Commissione di studio per la elaborazione di un progetto di legge regionale di riordino della normativa in

Dettagli

Appunti per una lezione sulle esternalizzazioni. di Maria Teresa Sillano

Appunti per una lezione sulle esternalizzazioni. di Maria Teresa Sillano Appunti per una lezione sulle esternalizzazioni di Maria Teresa Sillano 1 Bibliografia essenziale: L OUTSOURCING NEI SERVIZI ARCHIVISTICI: LINEE GUIDA PER OPERARE UNA SCELTA Nuova edizione aggiornata e

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Il controllo dei contratti pubblici

Il controllo dei contratti pubblici Il controllo dei contratti pubblici 1) Considerazioni generali L attività contrattuale delle pubbliche amministrazioni è connessa sia alla gestione patrimoniale che alla gestione finanziaria in quanto

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Per un governo dei contratti efficace: le regole tecniche su come chiedere, valutare, utilizzare la certificazione in ambito contrattuale

Per un governo dei contratti efficace: le regole tecniche su come chiedere, valutare, utilizzare la certificazione in ambito contrattuale CAPITOLO 7 Marco Gentili Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Per un governo dei contratti efficace: le regole tecniche su come chiedere, valutare, utilizzare la certificazione in

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE A cura di Maria Cristina Colombo professore a contratto al Politecnico di Milano - avvocato

Dettagli

CONTRATTO DI OUTSOURCING. Lo schema negoziale dell outsourcing, affidamento ad una impresa esterna

CONTRATTO DI OUTSOURCING. Lo schema negoziale dell outsourcing, affidamento ad una impresa esterna CONTRATTO DI OUTSOURCING Lo schema negoziale dell outsourcing, affidamento ad una impresa esterna dell esecuzione e della gestione di una o più funzioni o di un intero ramo aziendale, ha origine nel diritto

Dettagli

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE,

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DI GIULIANO NICOLINI PRIMA PARTE: CENNI GENERALI SUI SERVIZI ASSOCIATIVI 1 Le associazioni di rappresentanza delle imprese hanno come funzione

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana. La politica regionale in breve... Note informative sull attuazione delle politiche regionali n. 4.

Consiglio Regionale della Toscana. La politica regionale in breve... Note informative sull attuazione delle politiche regionali n. 4. Consiglio Regionale della Toscana Note informative sull attuazione delle politiche regionali n. 4 Marzo 2006 a cura del Settore Analisi della normazione Semplificazione ed innovazione nella gestione delle

Dettagli

Biella, 31 marzo 2011

Biella, 31 marzo 2011 Relatore Commercialista e revisore contabile Biella, 31 marzo 2011 1 Perché? Le PMI che scelgono di partecipare ad una rete possono dar vita a collaborazioni tecnologiche e commerciali con aziende, per

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

Società partecipate dalle Regioni: le società in house

Società partecipate dalle Regioni: le società in house Al servizio di gente unica Società partecipate dalle Regioni: le società in house Osservatorio legislativo interregionale Roma, giovedì 15 aprile 2010 Gemma Pastore Servizio qualità della legislazione

Dettagli

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento

Dettagli

SULLE ESTERNALIZZAZIONI

SULLE ESTERNALIZZAZIONI OSSERVATORIO SULLE ESTERNALIZZAZIONI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PRIMO RAPPORTO SULLE ESTERNALIZZAZIONI in collaborazione con 2 CONCLUSIONI E PROPOSTE Conclusioni e proposte di Luigi Fiorentino e Chiara

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici..

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Il Direttore dell esecuzione esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Stefania Gherri Reggio Emilia 12/12/2007 Il Direttore dell esecuzione..

Dettagli

LA CO RTE D EI CO NTI S e z io ne Re g i on a le d i C on t ro l l o pe r la L i g ur i a

LA CO RTE D EI CO NTI S e z io ne Re g i on a le d i C on t ro l l o pe r la L i g ur i a Deliberazione n. 64 /2014 LA CO RTE D EI CO NTI S e z io ne Re g i on a le d i C on t ro l l o pe r la L i g ur i a composta dai seguenti magistrati: Dott. Ennio COLASANTI Dott. Alessandro BENIGNI Dott.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

RIFORMA DELLA PA E DEL PUBBLICO IMPIEGO

RIFORMA DELLA PA E DEL PUBBLICO IMPIEGO ALLEGATO: RIASSUNTO DEI 34 PUNTI DEL PIANO INDUSTRIALE RIFORMA DELLA PA E DEL PUBBLICO IMPIEGO RIDUZIONE DELLE ASSENZE PER MALATTIA Al fine di ridurre il fenomeno dell assenza breve per malattia, vengono

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

17 DRASTICA SEMPLIFICAZIONE DEI BILANCI DEI COMUNI CON MENO DI 5.000 ABITANTI ( Disegno di legge)

17 DRASTICA SEMPLIFICAZIONE DEI BILANCI DEI COMUNI CON MENO DI 5.000 ABITANTI ( Disegno di legge) 1 SOPPRESSIONE O RIORDINO DI ENTI PUBBLICI (Decreto Al fine di contenere la spesa, gli Enti pubblici non economici, inseriti nel conto economico consolidato dello Stato, con una dotazione organica inferiore

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Documento di consultazione I contratti di rete nell ambito delle procedure di gara Sommario Premessa... 1 1. Inquadramento

Dettagli

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE NOTA ISRIL ON LINE N 19-2013 INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Indice Premessa..pag. 3 1. Verso l e-government.pag. 4 2. Inadeguatezza della dotazione tecnologica...pag. 6 3. Frequenza

Dettagli

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013 IL DATORE DI LAVORO AFFIDA ALL ESTERNO LE COMPETENZE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) PER ESSERE SUPPORTATO NELL INDIVIDUAZIONE DELLE SOLUZIONI ADOTTABILI AL FINE DI EVITARE

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

LA COPROGETTAZIONE VERSO UNA NUOVA GOVERNANCE PUBBLICO-PRIVATO SOCIALE

LA COPROGETTAZIONE VERSO UNA NUOVA GOVERNANCE PUBBLICO-PRIVATO SOCIALE LA COPROGETTAZIONE VERSO UNA NUOVA GOVERNANCE PUBBLICO-PRIVATO SOCIALE A cura di Marco Brunod e Monica Savio AOSTA, 15 gennaio 2015 2 Significato del verbo coprogettare Progettarederiva dal latino proicere

Dettagli

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc La nascita della MIFID. Il 21 aprile 2004 è stata approvata dal Parlamento europeo la direttiva 2004/39/CE Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Dettagli

il punto di vista dei Comuni

il punto di vista dei Comuni GLI AFFIDAMENTI DEI SERVIZI ALLE COOPERATIVE SOCIALI Esternalizzazione dei servizi alle cooperative sociali in un sistema integrato di interventi e servizi sociali: il punto di vista dei Comuni Franco

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Commissione istruttoria per le politiche del lavoro e dei sistemi produttivi (II) Osservazioni e proposte I servizi di gestione degli immobili: il facility

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF 1. Principi generali 2. Definizione di impresa Spin Off 3. Commissione Spin Off 4. Procedura di costituzione degli Spin Off 5. Soggetti proponenti e

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO)

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO) ATTO DI INDIRIZZO ALL ARAN PER LA DISCIPLINA MEDIANTE ACCORDI DELLE FORME CONTRATTUALI FLESSIBILI DI ASSUNZIONE E DI IMPIEGO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 36 D.LGS. N.29 DEL 1993 L art. 36, d. lgs.

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi UNITÀ TECNICA FINANZA DI PROGETTO CIPE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dicembre 2006 Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi Roma, dicembre 2006 INDICE 1 Premessa...3 2 SdF F e alternative

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale.

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale. P R E S E N TA Z I O N E AUDITA è una Società di Revisione e Organizzazione Contabile nata nel 2011 su iniziativa di sei professionisti del settore. Opera su tutto il territorio nazionale con la priorità

Dettagli

Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI

Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI Forum Banche e PA Roma 19/02/2009 Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI E LA GESTIONE DELL INDEBITAMENTO: QUALI ALTERNATIVE E PROPOSTE llagrosseto

Dettagli

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 03/02/2008 (materiale da: Manuali e lucidi su sito CNIPA, in particolare di M. Gentili)

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA

SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 8. SCUOLE REGIONALI SCUOLE INTERNE Solamente la Regione Marche dispone di una Scuola regionale di formazione, quale propria

Dettagli

I soggetti del marketing territoriale

I soggetti del marketing territoriale I soggetti del marketing territoriale Anyway Soggetti Pubblici => legami col governo Privati => fine di lucro Misti Conflitti => Agenzie di marketing territoriale Livelli di ampiezza della responsabilità

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Master in Governance Pubblica

Master in Governance Pubblica Master in Governance Pubblica Napoli, Ottobre 2006 - Marzo 2007 CON IL CONTRIBUTO E IL PATROCINIO DI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA NAPOLI CON IL PATROCINIO DI REGIONE SICILIANA

Dettagli

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL interoperabilità verso il Progetto IQuEL Ver. 1.0 Sommario 1. Contact Center Regionale Multicanale: Obiettivi di progetto... 3 2. Interoperabilità fra il Progetto Contact Center Regionale Multicanale e

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Programma ASPEA: Regolamento di attuazione

Programma ASPEA: Regolamento di attuazione Allegato A Programma ASPEA: Regolamento di attuazione 1 di 8 GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA ASPEA Con il Programma ASPEA (Azzeramento SPesa Energetica Associati), il Consorzio ASMEZ intende semplificare l

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI approvato in occasione della seduta del Consiglio

Dettagli

SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L.

SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L. SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L. DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO N 6/14 Cortina d Ampezzo, 10 aprile 2014 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI POLITICHE ASSUNZIONALI E DI GESTIONE DEL PERSONALE

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI ECONOMIA E FINANZA 2013 PREMESSA

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI ECONOMIA E FINANZA 2013 PREMESSA Allegato Relazione sull applicazione delle misure di cui alla Legge Finanziaria 2008, art. 2, commi 569-574 Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti e dal Ministro dell Economia

Dettagli

L integrazione delle politiche e degli strumenti per la formazione continua 1

L integrazione delle politiche e degli strumenti per la formazione continua 1 L integrazione delle politiche e degli strumenti per la formazione continua 1 1 A cura di Davide Premutico e Pierluigi Richini, Struttura Sistemi e Servizi Formativi dell ISFOL 1 L integrazione delle politiche

Dettagli

La gestione associata di funzioni e servizi nei piccoli comuni Convegno Fondazione Logos - Roma 7 novembre 2012 (bozza)

La gestione associata di funzioni e servizi nei piccoli comuni Convegno Fondazione Logos - Roma 7 novembre 2012 (bozza) La gestione associata di funzioni e servizi nei piccoli comuni Convegno Fondazione Logos - Roma 7 novembre 2012 (bozza) (Loreto Del Cimmuto Direttore Legautonomie) Qualche numero (fonte IFEL) 367 Unioni

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

Parere n. 106 del 27/06/2012

Parere n. 106 del 27/06/2012 MASSIMA Albo Nazionale dei Gestori Ambientali e Avvalimento. Così come è consentito l avvalimento per il requisito dell attestazione della certificazione SOA, deve ritenersi, quindi, consentito effettuare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Introduzione Il presente Regolamento definisce criteri e modalità a cui SSM SpA deve attenersi nel processo di

Dettagli

No all'incarico di Medico Competente negli appalti pubblici tramite la Consip 1

No all'incarico di Medico Competente negli appalti pubblici tramite la Consip 1 No all'incarico di Medico Competente negli appalti pubblici tramite la Consip 1 Consip è una società per azioni del Ministero dell'economia e delle Finanze (MEF), che ne è l'azionista unico, e opera secondo

Dettagli

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende.

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. COMPANY PROFILE Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. La storia del Gruppo Maggioli ha inizio un secolo fa e da allora procede, attraverso quattro

Dettagli

L Approccio con il cliente si caratterizza per:

L Approccio con il cliente si caratterizza per: TMFA: PROFESSIONISTI ASSOCIATI Storia TMFA nasce come associazione professionale su iniziativa dei suoi fondatori attivi già nei settori della consulenza fiscale, legale, tributaria e del lavoro. L unione

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

Avv. Sara Zaniboni. www.studiolegaleavvocatizanibonimantova.it

Avv. Sara Zaniboni. www.studiolegaleavvocatizanibonimantova.it Avv. Sara Zaniboni www.studiolegaleavvocatizanibonimantova.it 1. Unione e Fusione di Comuni: disciplina statale, costituzionale. 2. Normativa regionale. 3. Dati Statistici. 4. Considerazioni conclusive.

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO GENOVA - 30 GIUGNO 2009 - ORE 9.30 CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO IMPRENDITORIALE SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA

Dettagli

Repubblica italiana. Corte dei Conti. La Sezione del controllo per la Regione Sardegna

Repubblica italiana. Corte dei Conti. La Sezione del controllo per la Regione Sardegna Parere n. 4/2008 Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai magistrati: prof. avv. Giuseppe Palumbi dott. Giorgio Longu avv. Prof. Nicola Leone dott.

Dettagli

Global Legal Advisor. www.strataspa.net amministrazione@strataspa.net agi@strataspa.net

Global Legal Advisor. www.strataspa.net amministrazione@strataspa.net agi@strataspa.net STRATA SpA Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma VAT 04133671000 TC 10086440152 2 Management Tel +39 064468062 Fax +39 06/4467292 Enquiries and Support Tel +39 06/4466656 Fax +39 06/4467376 www.strataspa.net

Dettagli

La gestione del personale nelle pubbliche amministrazione La privatizzazione del rapporto di pubblico impiego

La gestione del personale nelle pubbliche amministrazione La privatizzazione del rapporto di pubblico impiego La gestione del personale nelle pubbliche amministrazione La privatizzazione del rapporto di pubblico impiego a cura di Franco Liso Università La Sapienza ? Perché il decreto legislativo 29/1993 e la privatizzazione

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori, e per le sponsorizzazioni

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori, e per le sponsorizzazioni Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori, e per le sponsorizzazioni ai sensi dell art.125 D.Lgs. 163/2006 e per l aggiudicazione di appalti aventi ad oggetto i servizi di cui

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Normativa di riferimento. 3. La società europea e la delega nazionale. 4. Le procedure

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Circolare N. 62 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2007 REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Come noto (si veda la circolare 070119 CF ), dal 2007, alle prestazioni

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/045/SRFS/C4

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/045/SRFS/C4 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/045/SRFS/C4 LE REGIONI A CONVEGNO Documento conclusivo del Convegno Nazionale TRASPORTO PUBBLICO LOCALE: NUOVE PROSPETTIVE, NUOVE STRATEGIE Napoli,

Dettagli

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO 1 INDICE 1. INQUADRAMENTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 1.1 RICOGNIZIONE... 7 1.2 LIVELLI DI SERVIZIO... 9 1.3 AREE CRITICHE E PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI...

Dettagli

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA 8648 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 del 28-03-2011 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 24 marzo 2011, n. 4 Ulteriori modifiche al Regolamento Regionale n.

Dettagli

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE. Marco Boni. Reggio Emilia 12 dicembre 2007

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE. Marco Boni. Reggio Emilia 12 dicembre 2007 LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE Marco Boni Reggio Emilia 12 dicembre 2007 riassunto delle puntate precedenti.. (salvo errori & omissioni) PRINCIPI: Efficacia D.LGS. 12.4.2006 N.

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CARISMI CONVEGNI L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CENTRO STUDI I CAPPUCCINI 28 Marzo 2013 LA SOLUZIONE DELLE CRISI DI IMPRESA DOPO IL DECRETO SVILUPPO

Dettagli

STUDIO PER LA PIANIFICAZIONE DEL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DELLA REGIONE SICILIANA

STUDIO PER LA PIANIFICAZIONE DEL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DELLA REGIONE SICILIANA STUDIO PER LA PIANIFICAZIONE DEL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DELLA REGIONE SICILIANA Il quadro di contesto e la normativa di settore in materia di Trasporto Pubblico.

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione dell Aran

Sistema di misurazione e valutazione dell Aran Sistema di misurazione e valutazione dell Aran Definito dall Organismo indipendente di valutazione Roma, 16 novembre 2010 INDICE CAPITOLO I CONTESTO DI RIFERIMENTO... 3 1. CONTESTO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

MOTIVAZIONI ALLA BASE DELL'OUTSOURCING

MOTIVAZIONI ALLA BASE DELL'OUTSOURCING MOTIVAZIONI ALLA BASE DELL'OUTSOURCING L'outsourcing emerge come uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto la maggiore espansione nel corso dell'ultimo decennio

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento dell Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Alle Amministrazioni centrali e periferiche

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA A l l e g a t o A ) CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede della Comunità Montana dei Monti Sabini Tiburtini Cornicolani Prenestini, in

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Esiti consultazione telematica Commissione. Roma, 9 luglio 2014

Esiti consultazione telematica Commissione. Roma, 9 luglio 2014 Esiti consultazione telematica Commissione Roma, 9 luglio 2014 La Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio, a seguito di consultazione svolta per via telematica, si è pronunciata sul

Dettagli

Art. 1 Principi e riferimenti normativi

Art. 1 Principi e riferimenti normativi Provvedimento Dirigenziale Rep. 3649/2012 Protocollo n. 59815 del 21/12/2012 OGGETTO: Emanazione delle linee guida riportanti i criteri per la definizione delle indennità di responsabilità ALLEGATO 2)

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara RIPARTIZIONE SERVIZIO TECNICO UFFICIO MANUTENZIONE ORDINARIA UFFICIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Università degli Studi di Ferrara RIPARTIZIONE SERVIZIO TECNICO UFFICIO MANUTENZIONE ORDINARIA UFFICIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA DI LAVORI - CONTRATTO APERTO PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA NON PROGRAMMATA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA ANNO 2009 CODICE CIG: 0274255262

Dettagli

La responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro

La responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro La responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro Milano, 13 aprile 2012 PAG. 1 Il lavoro è una revisione sostanziale di un analogo lavoro realizzato nel 2003 La revisione è stata giudicata necessaria

Dettagli