Disposizioni di dettaglio per la gestione ed il controllo amministrativo. delle attività formative relative alla Direttiva Attività

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disposizioni di dettaglio per la gestione ed il controllo amministrativo. delle attività formative relative alla Direttiva Attività"

Transcript

1 Provincia di Vercelli Allegato sub A) Disposizioni di dettaglio per la gestione ed il controllo amministrativo delle attività formative relative alla Direttiva Attività formative per apprendisti. 1) Ambito d applicazione In ottemperanza alle disposizioni impartite dal regolamento CEE 1260/99 ed in attuazione: della Direttiva Attività formative per Apprendisti, approvata con DGR del ; dell Avviso Pubblico, approvato con DGP del ; della DD 5200 del di approvazione del Catalogo Provinciale dell apprendistato; e della presente DD del , si precisano le seguenti disposizioni di dettaglio circa i rapporti fra la Provincia di Vercelli ed i Soggetti attuatori delle attività formative per apprendisti. 2) Avvio dei corsi L avvio dei corsi è subordinato alla sottoscrizione dell atto di adesione, redatto secondo la modulistica dell allegato B). 3) Delega E vietata la delega a terzi ed il subappalto nella gestione dell attività formativa salvo che essa riguardi funzioni di docenza, progettazione e servizi accessori, limitatamente ai casi in cui gli operatori non possano disporne in maniera diretta. 4) Attivazione dei corsi Le attività di formazione per apprendisti dovranno essere svolte nel rispetto delle normative comunitarie, nazionali, regionali e provinciali in materia di gestione e controllo amministrativo,

2 contabile, informativo ed informatico. I Soggetti attuatori dovranno disporre di strutture materiali ed organizzative, di attrezzature e capacità professionali idonee alla realizzazione degli interventi formativi programmati. Il Soggetto attuatore risponde della idoneità e della sicurezza di strutture ed impianti conformemente alla normativa vigente in materia. Le ATS costituende devono presentare statuto ed atto costitutivo da cui emerge l elenco aggiornato dei componenti, come da procedura informatizzata, contestualmente alla prima richiesta di avvio attività. In caso di modifiche/integrazioni inerenti alle componenti dell ATS stessa, il legale rappresentante dell Agenzia Formativa capofila è tenuto a presentare lo statuto aggiornato. L autorizzazione di avvio corsi verrà comunicata a mezzo lettera dal Servizio Formazione Professionale della Provincia. La Provincia potrà non autorizzare l avvio delle attività formative qualora la richiesta risulti non rispondente a quanto previsto dalla Direttiva Regionale suindicata, oppure per mancanza di copertura finanziaria. La Provincia, con determinazione dirigenziale, assumerà periodicamente impegno di spesa per soddisfare le obbligazioni pecuniarie nei confronti del Soggetto attuatore. Tale impegno è comunque vincolato dall importo massimo previsto dal finanziamento erogato dalla Regione Piemonte per la Direttiva apprendistato Il Soggetto attuatore dovrà tempestivamente comunicare al Servizio Formazione Professionale e Lavoro, rispetto ai dati inviati nella richiesta di autorizzazione avvio corsi, tutte le variazioni organizzative. 5) Erogazione dei finanziamenti L importo riconoscibile per ciascun corso è stabilito nella Direttiva Regionale Attività formative per apprendisti. Nel caso in cui gli Organi Sovranazionali, Statali o Regionali operino riduzioni sui finanziamenti previsti, la Provincia si riserva di adottare i conseguenti ed opportuni provvedimenti di variazione. La Provincia, per il finanziamento delle azioni formative, nei limiti dei costi previsti dall Avviso Pubblico provinciale, interverrà, per le spese sostenute dal Soggetto

3 attuatore, con le seguenti modalità: nel caso di corso strutturato, un acconto pari al 70%, dell importo massimo previsto per ogni singola autorizzazione, previa presentazione di idonee garanzie fideiussorie, alla comunicazione dell avvio di tutte le attività previste dall autorizzazione stessa; nel caso del progetto formativo, un acconto pari al 70%, dell importo rideterminato sul numero degli apprendisti alla data di comunicazione della stipula dei patti formativi, previa presentazione di idonee garanzie fidejussorie. Tale anticipo sarà erogato a seguito di determinazione dirigenziale d impegno, previa presentazione di regolari fatture, oltre ai documenti sotto elencati, allegati alla presente determinazione dirigenziale: lettera di Richiesta di anticipo sulle attività avviate (all. C); Dichiarazione di responsabilità sulle attività avviate, sostitutiva dell atto di notorietà (all. D); Dichiarazione sostitutiva integrativa dell atto di notorietà (uso antimafia) qualora l attività affidata superi l importo di ,07 (all. E). Garanzia fidejussoria (all. F); La quota di saldo sarà liquidata, detratto l anticipo, su presentazione di regolare fattura e previa autorizzazione, o nullaosta, o visto della Regione Piemonte o di altro organismo individuato per la verifica del rendiconto delle spese sostenute e riconoscibili. Nel caso l importo versato come anticipo fosse superiore all importo dovuto a saldo, il Soggetto attuatore dovrà restituire l indebito entro 30 giorni dalla data in cui la Provincia effettua la comunicazione. La garanzia fidejussoria dovrà essere prestata da banche, o da compagnie di assicurazione o da intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale previsto dall art. 107 del D. L. n 385/93. La garanzia fidejussoria cessa ad ultimazione positiva della verifica del rendiconto ed a liquidazione del saldo. Entro 60 giorni dal termine del corso il Soggetto attuatore dovrà produrre una rendicontazione

4 finale articolata secondo le voci previste dalla procedura informatizzata sopra menzionata, accompagnata da una relazione sui risultati delle attività svolte. Tale rendiconto dovrà contenere gli estremi dei giustificativi di spesa e la modalità di pagamento effettuata, dati anagrafici degli allievi, dei docenti ed il curriculum di questi ultimi. Le spese indicate dovranno far riferimento ai costi ammissibili, come da regolamenti comunitari e successivi atti emanati dalla Regione Piemonte. Non sono ammesse compensazioni tra costi sostenuti per corsi diversi. Ai fini della determinazione delle ore effettivamente svolte e dei partecipanti effettivi (allievi e docenti) non saranno considerate le ore e le persone per le quali sia stata verbalizzata da parte dei funzionari controllori la non riconoscibilità della spesa, a seguito di irregolarità accertate durante l attuazione dei corsi o all atto della verifica del rendiconto. 6) Obbligo formazione minima degli apprendisti In ottemperanza a quanto disposto nella circolare ministeriale , n 78, i Soggetti attuatori dovranno provvedere ad organizzare iniziative di recupero delle assenze degli apprendisti al fine di garantire la partecipazione all attività di formazione esterna per almeno l 80% delle ore annualmente previste per quel corso. Per tali iniziative non sono riconosciuti finanziamenti aggiuntivi. 7) Certificazione figura professionale formata A conclusione dell attività formativa devono essere definite in un apposita certificazione le figure professionali realizzate all interno del progetto formativo. 8) Normativa di riferimento La Provincia di Vercelli si riserva di disciplinare con ulteriori atti eventuali nuove disposizioni emanate dalla Regione Piemonte. Per tutto quanto non espressamente previsto dalle presenti disposizioni di dettaglio si fa riferimento alla normativa regionale, nazionale e comunitaria; in particolare il Soggetto attuatore si impegna a rispettare le disposizioni comunitarie sulle procedure contabili, amministrative, di rendicontazione e certificazione.

5 Per qualsiasi controversia inerente alle attività formative per apprendisti è competente il Foro di Vercelli.

Indicazioni per la gestione e il controllo delle operazioni approvate e. finanziate in attuazione dei bandi provinciali Per la programmazione degli

Indicazioni per la gestione e il controllo delle operazioni approvate e. finanziate in attuazione dei bandi provinciali Per la programmazione degli Indicazioni per la gestione e il controllo delle operazioni approvate e finanziate in attuazione dei bandi provinciali Per la programmazione degli interventi per l inserimento/reinserimento lavorativo

Dettagli

INDICAZIONI RIGUARDANTI L ATTIVITA DI REVISIONE CONTABILE

INDICAZIONI RIGUARDANTI L ATTIVITA DI REVISIONE CONTABILE ALLEGATO 1 INDICAZIONI RIGUARDANTI L ATTIVITA DI REVISIONE CONTABILE Ai sensi della legge regionale 14 aprile 2003, n. 8 il rendiconto finale delle spese sostenute deve essere certificato mediante dichiarazione

Dettagli

Check List controllo operazioni in regime concessorio (Attività di Formazione)

Check List controllo operazioni in regime concessorio (Attività di Formazione) Check List controllo operazioni in regime concessorio (Attività di Formazione) Informazioni anagrafica Programma Operativo Asse Obiettivo Operativo Responsabile O.O. Area Generale di Coordinamento Responsabile

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 15/10/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 85 Pag.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 15/10/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 85 Pag. 15/10/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 85 Pag. 90 di 667 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 3 ottobre 2013, n. 307 Approvazione dei criteri e

Dettagli

REGIONE CAMPANIA PO FSE 2014/2020

REGIONE CAMPANIA PO FSE 2014/2020 REGIONE CAMPANIA PO FSE 2014/2020 Check list di controllo operazioni in regime concessorio Programma Operativo Asse Obiettivo Specifico Azione Responsabile di Obiettivo Specifico Responsabile unico di

Dettagli

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE ante T.U. 167/2011

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE ante T.U. 167/2011 DISCIPLINARE DI CONCESSIONE ante T.U. 167/2011 Con il presente disciplinare si stabiliscono le modalità di realizzazione dei corsi formativi finanziati, le condizioni e limiti di erogazione del contributo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO INFANZIA E ISTRUZIONE DEL PRIMO GRADO Prot. n. 104/2017-A DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 100 DI DATA 14 Novembre 2017 OGGETTO: L.P. 7.8.2006, n. 5 - art. 106, comma

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO INFANZIA E ISTRUZIONE DEL PRIMO GRADO Prot. n. 105/2017-A DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 101 DI DATA 14 Novembre 2017 OGGETTO: L.P. 7.8.2006, n. 5 - art. 106, comma

Dettagli

ALLEGATO B (Beneficiari soggetti privati)

ALLEGATO B (Beneficiari soggetti privati) ALLEGATO B (Beneficiari soggetti privati) PROCEDURE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI A CARICO DI REGIONE LOMBARDIA IN ATTUAZIONE DELLE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA FONDAZIONE CARIPLO INTERVENTI EMBLEMATICI

Dettagli

COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI E DI CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI, DIDATTICO EDUCATIVE, ISTITUZIONALI,

Dettagli

Vista la L.R. nr. 63/95 Disciplina le attività di formazione e di orientamento professionale ;

Vista la L.R. nr. 63/95 Disciplina le attività di formazione e di orientamento professionale ; REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1510 D.D. 13 marzo 2014, n. 133 Modifica dei moduli: atto di adesione e richiesta di anticipi relativi a contributi erogati dalla Direzione Istruzione Formazione

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura. Bando

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura. Bando Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per assegnazione fondi Manifestazione della piccola e media editoria da organizzarsi durante la Settimana della Cultura della

Dettagli

Sintesi del Bando (1)

Sintesi del Bando (1) Incontro informativo per i beneficiari - Mestre, 26 maggio 2017 - Asse 3 COMPETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI Azione 3.1.1 Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento

Dettagli

DISPOSIZIONI di DETTAGLIO

DISPOSIZIONI di DETTAGLIO DIREZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE-LAVORO Direzione Formazione Professionale - Lavoro ALLEGATO 1 PROVINCIA DI NOVARA DISPOSIZIONI di DETTAGLIO per la gestione ed il controllo amministrativo del bando provinciale

Dettagli

DECRETO N. 642 Del 25/01/2017

DECRETO N. 642 Del 25/01/2017 DECRETO N. 642 Del 25/01/2017 Identificativo Atto n. 421 PRESIDENZA Oggetto PROGRAMMA OPERATIVO DI COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA ITALIA-SVIZZERA 2007-2013. IMPEGNO E LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA NAZIONALE

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

AZIONI A SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Allegato parte integrante ALLEGATO A) AZIONI A SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE (articolo 12 della legge provinciale 7 agosto 2006, n.

Dettagli

o con Determinazione n. 399 del è stata impegnata, ai fini dell attuazione del suddetto bando, la somma di

o con Determinazione n. 399 del è stata impegnata, ai fini dell attuazione del suddetto bando, la somma di REGIONE PIEMONTE BU26 30/06/2016 Codice A1905A D.D. 23 maggio 2016, n. 284 P.O.R. FESR 2007/2013 Asse II - Attivita' II.1.3 "Riqualificazione energetica di edifici di proprieta' pubblica in disponibilita'

Dettagli

Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento per la concessione di contributi a favore delle associazioni di promozione sociale, ai sensi dell articolo 4, comma 35, della legge regionale 28 dicembre 2007, n. 30 (Legge strumentale 2008).

Dettagli

MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE DEI CONTRIBUTI CONCESSI AI SENSI DELLA L.R N. 15. ART. 15

MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE DEI CONTRIBUTI CONCESSI AI SENSI DELLA L.R N. 15. ART. 15 MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE DEI CONTRIBUTI CONCESSI AI SENSI DELLA L.R. 20.09.2006 N. 15. ART. 15 I criteri di attuazione della L.R. 20 settembre 2006 n. 15, approvati con deliberazioni n. 68/21 del 3/12/2008

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DI CONTRIBUTI CONCESSI PER L ANNO 2017.

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DI CONTRIBUTI CONCESSI PER L ANNO 2017. Città di Torino Bando Contributi ordinari 2017 All.6 LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DI CONTRIBUTI CONCESSI PER L ANNO 2017. Ai fini della liquidazione dei contributi concessi ai sensi del Regolamento

Dettagli

ARTICOLO 1 FINALITA ARTICOLO 2 OGGETTO DELL INTERVENTO

ARTICOLO 1 FINALITA ARTICOLO 2 OGGETTO DELL INTERVENTO Allegato 1 BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DELLE UNIVERSITA DELLA TERZA ETA LEGGE REGIONALE 25 LUGLIO 2012 N. 14, ARTICOLO 7, COMMI 14 E SEGUENTI ANNO ACCADEMICO 2016/2017. ARTICOLO 1 FINALITA

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DEL FONDO COMPENSATIVO DIPENDENTE

BOZZA DI REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DEL FONDO COMPENSATIVO DIPENDENTE BOZZA DI REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DEL FONDO COMPENSATIVO DIPENDENTE Tra Provincia di Bologna Comune di. Comune di.. Premesso che: - tra la Provincia di Bologna ed i Comuni di.. è stato

Dettagli

Burc n. 95 del 26 Settembre REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali

Burc n. 95 del 26 Settembre REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE Assunto il 11/08/2016 n. 2471 Registro dei decreti dei Dirigenti

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Definizioni)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Definizioni) Criteri e modalità per l organizzazione, adesione e partecipazione a convegni, congressi ed altre manifestazioni a carattere locale, regionale, nazionale o internazionale. Istituzione Albo dei beneficiari

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE E ORIENTAMENTO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE E ORIENTAMENTO Cremona, lì 13/01/2014 DECRETO N. 13 / SETTORE LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Formazione Professionale Oggetto:CATALOGO PROVINCIALE DELL'OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L'APPRENDISTATO PERIODO

Dettagli

Linee guida per la Gestione e Rendicontazione dei Progetti Bandiera e di Interesse

Linee guida per la Gestione e Rendicontazione dei Progetti Bandiera e di Interesse Linee guida per la Gestione e Rendicontazione dei Progetti Bandiera e di Interesse Ufficio Programmazione Operativa - CNR PREMESSA Le presenti Linee Guida intendono costituire uno strumento di indirizzo

Dettagli

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI.0000620.19-06-2017 Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione IL DIRIGENTE VISTO Il Decreto Ministeriale 26 settembre 2014 n 753; VISTO

Dettagli

ALLEGATO ATTO DI ADESIONE E OBBLIGO

ALLEGATO ATTO DI ADESIONE E OBBLIGO UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA Dipartimento Cultura, Istruzione, Alta Formazione e Ricerca REPUBBLICA ITALIANA POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV CAPITALE UMANO Obiettivo Operativo M.2. Avviso pubblico

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Formazione Professionale

Determinazione del Dirigente del Servizio Formazione Professionale Determinazione del Dirigente del Servizio Formazione Professionale N. 32-6258/2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVE PER APPRENDISTI AVVISO PUBBLICO 2012-2014. SPORTELLO FEBBRAIO 2015. AUTORIZZAZIONE AVVIO PROGETTI

Dettagli

DI RICHIEDENTI E TITOLARI DI PROTEZIONE

DI RICHIEDENTI E TITOLARI DI PROTEZIONE esente bollo CONVENZIONE per la realizzazione e gestione di progetti di ACCOGLIENZA DI RICHIEDENTI E TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI TRA Comune di Cremona ( C.F.

Dettagli

Le modifiche al Regolamento di esecuzione della L.R.n. 32/2002

Le modifiche al Regolamento di esecuzione della L.R.n. 32/2002 Le modifiche al Regolamento di esecuzione della L.R.n. 32/2002 Regolamento emanato con dpgr 11.02.2013, n. 5/R Concetta De Vitto PRINCIPALI MODIFICHE L.R. 26.07.2002 n. 32 "Testo unico della normativa

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO Area Istruzione, Formazione e Lavoro Procedura per la gestione dei buoni formativi a domanda individuale (voucher)

PROVINCIA DI PRATO Area Istruzione, Formazione e Lavoro Procedura per la gestione dei buoni formativi a domanda individuale (voucher) PROVINCIA DI PRATO Area Istruzione, Formazione e Lavoro Procedura per la gestione dei buoni formativi a domanda individuale (voucher) La presente procedura rappresenta un supporto per la gestione dei voucher

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2007/2009

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2007/2009 PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2007/2009 Dispositivo ID 436319 FORME DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE DISABILI ATTUATI ATTRAVERSO LE CONVENZIONI

Dettagli

Avviso per la presentazione di richieste di contributo per l assistenza ai partecipanti ai corsi 2015/2016, mediante la fornitura di vitto e convitto

Avviso per la presentazione di richieste di contributo per l assistenza ai partecipanti ai corsi 2015/2016, mediante la fornitura di vitto e convitto Direzione centrale Lavoro, Formazione, Istruzione, Pari Opportunità, Politiche Giovanili, Ricerca e Università Art. 1) Oggetto 1) Il presente avviso disciplina la presentazione di richieste di contributo

Dettagli

Avviso 1 DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA - DOTE INSERIMENTO LAVORATIVO - (Determinazione dirigenziale n del 20/10/2011)

Avviso 1 DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA - DOTE INSERIMENTO LAVORATIVO - (Determinazione dirigenziale n del 20/10/2011) Provincia di Sondrio Servizio Politiche Sociali Piano provinciale per l'inserimento lavorativo delle persone con disabilità 2010/2012 Fondo regionale per l occupazione dei disabili - legge 68/99 - legge

Dettagli

BANDO FAR FAS 2014 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CREDITO AGEVOLATO (ALLEGATO B)

BANDO FAR FAS 2014 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CREDITO AGEVOLATO (ALLEGATO B) BANDO FAR FAS 2014 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CREDITO AGEVOLATO (ALLEGATO B) ARTICOLO 1.2 DOTAZIONE FINANZIARIA La frase ai fini del presente bando le risorse a credito agevolato sono erogate direttamente

Dettagli

Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Destinatari degli interventi - requisiti. Art. 3 - Tipologie di intervento

Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Destinatari degli interventi - requisiti. Art. 3 - Tipologie di intervento NORME DI INTERVENTO PER IL SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E SOCIALI PROMOSSE DA COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Approvate dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE E COSTI AMMISSIBILI

PROCEDURE OPERATIVE E COSTI AMMISSIBILI Allegato A CONTRIBUTI ALLE AZIENDE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI AZIENDALI PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DEI PROPRI DIPENDENTI PROCEDURE OPERATIVE E COSTI AMMISSIBILI 1)

Dettagli

MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI VOUCHER

MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI VOUCHER MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI VOUCHER Premesso che: - la Regione Puglia con l Avviso 1/2011 ha aderito al Catalogo Interregionale dell Alta formazione per finanziare assegni formativi (voucher) per la partecipazione

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali 1. Considerazioni generali 1.0 Premessa Il presente documento vuole costituire uno strumento di supporto all attività di rendicontazione delle attività di formazione professionale; per soddisfare l esigenza

Dettagli

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Criteri e modalità per la concessione di contributi per il finanziamento di programmi di ricerca e sperimentazione in agricoltura biologica ai sensi dell art. 12 della Legge 7 agosto 1990 n. 241. VISTO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2007/2009

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2007/2009 PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2007/2009 Dispositivo ID 436318 FORME DI SOSTEGNO AGLI INTERVENTI DI CUI ALL ART.6 C.2 DELLA LR13/03 VOLTI A FAVORIRE L INSERIMENTO

Dettagli

I progetti possono riguardare le classi III, IV e V superiori di qualsiasi tipologia di Istituto.

I progetti possono riguardare le classi III, IV e V superiori di qualsiasi tipologia di Istituto. Intervento a sostegno dell autoimprenditorialità e dell orientamento al lavoro nelle Scuole secondarie di secondo grado della provincia di Modena: approvazione bando anno 2016. 1. Premessa La Camera di

Dettagli

TABELLE DI RIEPILOGO COSTI IMPUTABILI ALL INIZIATIVA PER EROGAZIONI A SAL (Seconda, Terza)

TABELLE DI RIEPILOGO COSTI IMPUTABILI ALL INIZIATIVA PER EROGAZIONI A SAL (Seconda, Terza) QUADRO COMPLESSIVO SPESE DI TUTTI I PARTECIPANTI DESCRIZIONE TABELLE DI RIEPILOGO COSTI IMPUTABILI ALL INIZIATIVA PER EROGAZIONI A SAL (Seconda, Terza) ATTIVITÀ DI SVILUPPO PRECOMPETITIVO ATTIVITÀ DI RICERCA

Dettagli

ATTO DI ADESIONE Progetto assistenza specialistica disabilità

ATTO DI ADESIONE Progetto assistenza specialistica disabilità CARTA INTESTATA ISTITUTO Regione Lazio Direzione Formazione, Ricerca e innovazione, Scuola e Università, diritto allo studio- Area Programmazione, Organizzazione attuazione dell offerta di istruzione,

Dettagli

REGIONE CAMPANIA PO FSE 2014/2020

REGIONE CAMPANIA PO FSE 2014/2020 Programma Operativo Asse Obiettivo Specifico e Azione Azione Responsabile di Obiettivo Specifico Direzione Generale Responsabile unico di procedimento Responsabile per il controllo di I Livello Luogo di

Dettagli

CRITERI GENERALI DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE PREVISTE DALLA LEGGE REGIONALE 28 LUGLIO 1988, N

CRITERI GENERALI DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE PREVISTE DALLA LEGGE REGIONALE 28 LUGLIO 1988, N Allegato parte integrante ALLEGATO A) CRITERI GENERALI DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE PREVISTE DALLA LEGGE REGIONALE 28 LUGLIO 1988, N. 15 PROMOZIONE E SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE,

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE, POLITICHE DELL IMPRESA E DEL LAVORO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA UFFICIO LAVORO E TERRITORIO

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE, POLITICHE DELL IMPRESA E DEL LAVORO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA UFFICIO LAVORO E TERRITORIO Allegato 4 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE, POLITICHE DELL IMPRESA E DEL LAVORO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA UFFICIO LAVORO E TERRITORIO Avviso Pubblico Sperimentazione Apprendistato Professionalizzante

Dettagli

Percorsi formativi finalizzati alla riqualificazione professionale per il personale dei Consorzi di Bacino della Regione Campania

Percorsi formativi finalizzati alla riqualificazione professionale per il personale dei Consorzi di Bacino della Regione Campania AVVISO PUBBLICO (Legge Regionale n.14 del 26 maggio 2016) Percorsi formativi finalizzati alla riqualificazione professionale per il personale dei Consorzi di Bacino della Regione Campania La Regione Campania

Dettagli

Avviso 4/2015. Alta Formazione Individuale

Avviso 4/2015. Alta Formazione Individuale Avviso 4/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

REGIONE CAMPANIA UNITA PER LE ATTIVITA DI CONTROLLO IN LOCO SULLE OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FSE CHECK LIST PER OPERAZIONI IN REGIME CONCESSORIO

REGIONE CAMPANIA UNITA PER LE ATTIVITA DI CONTROLLO IN LOCO SULLE OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FSE CHECK LIST PER OPERAZIONI IN REGIME CONCESSORIO REGIONE CAMPANIA UNITA PER LE ATTIVITA DI CONTROLLO IN LOCO SULLE OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FSE CHECK LIST PER OPERAZIONI IN REGIME CONCESSORIO VERIFICA IN LOCO n Beneficiario / Soggetto Attuatore Titolo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITA' E LE POLITICHE GIOVANILI Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 320 DI DATA 11 Dicembre 2014 O G G E T T O: Approvazione di un programma

Dettagli

Costituzione di Associazione Temporanea di Scopo ASIIR e mandato collettivo speciale con rappresentanza

Costituzione di Associazione Temporanea di Scopo ASIIR e mandato collettivo speciale con rappresentanza Costituzione di Associazione Temporanea di Scopo ASIIR e mandato collettivo speciale con rappresentanza Con la presente scrittura privata autenticata, redatta in un unico originale tra: I sottoscritti:

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA

PROVINCIA DI IMPERIA PROVINCIA DI IMPERIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 674 DEL 03/11/2015 SISTEMA REGIONALE DELLA FORMAZIONE - ARSEL ART. 5 COMMA 3 L.R. 15/2015 ATTO N. I/ 464 DEL 30/10/2015 OGGETTO: Piano Apprendistato

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 47 e Art. 38 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 47 e Art. 38 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445) FAC-SIMILE (da redigersi su carta intestata del dichiarante) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 47 e Art. 38 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445) esente da bollo ai sensi dell art. 37

Dettagli

Disciplina per l Autorizzazione dei percorsi formativi. finalizzati al conseguimento di Qualifiche o di Profili Professionali

Disciplina per l Autorizzazione dei percorsi formativi. finalizzati al conseguimento di Qualifiche o di Profili Professionali ALLEGATO A REGIONE ABRUZZO DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, POLITICHE DEL LAVORO, ISTRUZIONE, RICERCA E UNIVERSITÀ SERVIZIO FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO PROFESSIONALE UFFICIO PROGRAMMAZIONE POLITICHE FORMATIVE

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELLE SPESE SOSTENUTE

AUTOCERTIFICAZIONE DELLE SPESE SOSTENUTE ALLEGATO D AUTOCERTIFICAZIONE DELLE SPESE SOSTENUTE Le autocertificazioni di spesa riportano i costi ammissibili, pertinenti, congrui e documentabili, sostenuti per la realizzazione del progetto approvato,

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2016 01161/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2016 01161/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2016 01161/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 57 approvata

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 9363 10/10/2014 Identificativo Atto n. 969 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PROROGA DEI TERMINI PREVISTI PER L AVVIO DEI PERCORSI DI ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE (ITS) E DEI PERCORSI

Dettagli

Provincia di Foggia. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore Formazione Professionale. n 1393 /10/ Reg. Deter.

Provincia di Foggia. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore Formazione Professionale. n 1393 /10/ Reg. Deter. Provincia di Foggia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore Formazione Professionale n 1393 /10/ Reg. Deter. Data 27 /04/2012 Oggetto: Presa d atto delle risultanze della relazione di verifica

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE A PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO (dell Unione Europea, dei ministeri, degli enti territoriali, delle fondazioni e di altri enti pubblici e privati) Emanato

Dettagli

ADDETTO AL SETTORE FORESTALE,

ADDETTO AL SETTORE FORESTALE, ALLEGATO 3 ADDENDUM ALLA CONVENZIONE REP. N. XXX DEL XX XX XXXX STIPULATA TRA REGIONE BASILICATA - DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA SPORT E SOGGETTO ATTUATORE A VALERE SULL A.P. FORMAZIONE DEGLI

Dettagli

Direzione Formazione Professionale Lavoro

Direzione Formazione Professionale Lavoro Direzione Formazione Professionale Lavoro Provincia di Novara DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO INERENTE IL BANDO PROVINCIALE RELATIVO ALLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

Dettagli

Giovani Progetti Bando per la concessione di contributi

Giovani Progetti Bando per la concessione di contributi Giovani Progetti Bando per la concessione di contributi ALLEGATO 1 Domanda di partecipazione Il/La Sottoscritto/a Nome e Cognome Nato a In data Residente in Recapito telefonico Via n. CAP Comune di Prov.

Dettagli

$"$/"$2"$#%$%"#$/$ Pagina 1 di 13

$$/$2$#%$%#$/$ Pagina 1 di 13 !#$%&$%%'()*+,-,.$$/$**$010$$/ La Regione intende sostenere l occupazione giovanile assicurando continuità all offerta formativa rivolta ai giovani assunti ai sensi delle diverse tipologie di contratto

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Formazione

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Formazione Registro generale n. 981 del 2011 Determina con Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro Servizio Formazione Oggetto Formazione Professionale L.236/93 art.9

Dettagli

LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8, come sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30

LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8, come sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8, come sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE DI SOGGETTI TITOLARI DI PARTITA

Dettagli

BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE

BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE ANNO 2007 Art. 1 Obiettivi e oggetto del bando All interno delle azioni comuni dei cinque CSV della Campania, al fine di favorire il protagonismo delle esperienze

Dettagli

COMUNE DI FAENZA SETTORE CULTURA-ISTRUZIONE SERVIZIO CULTURA REGOLAMENTO DI SETTORE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DI BENEFICI ECONOMICI DIVERSI

COMUNE DI FAENZA SETTORE CULTURA-ISTRUZIONE SERVIZIO CULTURA REGOLAMENTO DI SETTORE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DI BENEFICI ECONOMICI DIVERSI COMUNE DI FAENZA SETTORE CULTURA-ISTRUZIONE SERVIZIO CULTURA SETTORE ATTIVITA CULTURALI, GIOVANILI, DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DI SETTORE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DI BENEFICI ECONOMICI DIVERSI

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento N. 3-6258 / 2016 Oggetto: Piano annuale per il diritto allo studio di cui alla L.R. 28/2007. Interventi straordinari rivolti a studenti

Dettagli

ADEMPIMENTI CONNESSI AL MONITORAGGIO FISICO, PROCEDURALE E FINANZIARIO DEI PROGETTI

ADEMPIMENTI CONNESSI AL MONITORAGGIO FISICO, PROCEDURALE E FINANZIARIO DEI PROGETTI POR SARDEGNA FSE 2007-2013 ASSE III INCLUSIONE SOCIALE ASSE V TRASNAZIONALITÀ E COOPERAZIONE PROGRAMMA AD ALTIORA ADEMPIMENTI CONNESSI AL MONITORAGGIO FISICO, PROCEDURALE E FINANZIARIO DEI PROGETTI Sul

Dettagli

CHIEDE. DICHIARA che

CHIEDE. DICHIARA che TIROCINI PIÙ - TIROCINI EUROPA PIÙ DOMANDA DI RIMBORSO INIZIATIVA TIROCINI PIÙ Il/la sottoscritto/a Nome e Cognome: ; Data e luogo di nascita: nato/a il / / a, prov. di Codice fiscale: _ / _ / _ / _ /

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE POLITICHE SOCIALI SCHEMA DI CONVENZIONE PARTE INTEGRANTE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. DEL Convenzione con per la realizzazione della Ludoteca Aziendale. L anno

Dettagli

REGIONE TOSCANA GARA LOTTO UNICO ATO REGIONALE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DOCUMENTO STATO ATTUAZIONE TECNOLOGIE AVM E MONETICA (PER OFFERTA)

REGIONE TOSCANA GARA LOTTO UNICO ATO REGIONALE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DOCUMENTO STATO ATTUAZIONE TECNOLOGIE AVM E MONETICA (PER OFFERTA) REGIONE TOSCANA GARA LOTTO UNICO ATO REGIONALE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DOCUMENTO STATO ATTUAZIONE TECNOLOGIE AVM E MONETICA (PER OFFERTA) Il presente documento dovrà essere aggiornato e sostituito all

Dettagli

l intensità di aiuto (IDA) spettante al medesimo progetto è pari al 50% del costo ammesso;

l intensità di aiuto (IDA) spettante al medesimo progetto è pari al 50% del costo ammesso; REGIONE PIEMONTE BU44 02/11/2017 Codice A1905A D.D. 17 ottobre 2017, n. 495 Programma 2006/2010 attivita' produttive (L.R. 34/2004) - Asse 2 - Misura CR3. Attuazione interventi nei Distretti industriali

Dettagli

INTRODUZIONE DELLA COGE NELLE UNIVERSITA. Promemoria gestione contabile COGE contratti attivi: attività c/terzi e contributi

INTRODUZIONE DELLA COGE NELLE UNIVERSITA. Promemoria gestione contabile COGE contratti attivi: attività c/terzi e contributi ESEMPLIFICAZIONE RILEVAZIONI CONTABILI Prestazioni di servizi Riprendendo i dati dell esempio proposto nell incontro del 07/09/2012 in merito alle prestazioni di servizi rilevanti agli effetti commerciali

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Formazione Professionale

Determinazione del Dirigente del Servizio Formazione Professionale Determinazione del Dirigente del Servizio Formazione Professionale N. 156-29450/2013 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVE PER APPRENDISTI 2012-2014 SPORTELLO LUGLIO 2013. AUTORIZZAZIONE AVVIO PROGETTI FORMATIVI

Dettagli

Allegato 1) Modalità di erogazione degli assegni formativi (voucher)

Allegato 1) Modalità di erogazione degli assegni formativi (voucher) Allegato 1) Modalità di erogazione degli assegni formativi (voucher) A) Modalità di erogazione dei voucher di personalizzazione formativa per l'acquisizione: della qualifica e del Diploma Professionale

Dettagli

BANDO DISTRETTI DELL ATTRATTIVITA TERRITORIALE INTEGRATA TURISTICA E COMMERCIALE DI AREA VASTA

BANDO DISTRETTI DELL ATTRATTIVITA TERRITORIALE INTEGRATA TURISTICA E COMMERCIALE DI AREA VASTA Allegato A) BANDO DISTRETTI DELL ATTRATTIVITA TERRITORIALE INTEGRATA TURISTICA E COMMERCIALE DI AREA VASTA LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE Il Soggetto Capofila agisce in nome e per conto del partenariato,

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 7-6453 Fondo nazionale per le non autosufficienze anno 2013. Assegnazione risorse a sostegno della domicilarita'

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Fondi Strutturali e attuazione programmi regionali in materia di sviluppo economico Decreto n. 1068 del 07/09/2016

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Settore Orientamento Professionale

Giunta Regionale della Campania. Settore Orientamento Professionale Giunta Regionale della Campania Settore Orientamento Professionale Avviso per la presentazione di domande per la formazione formale esterna da parte delle Aziende che in attuazione della Legge 14 Febbraio

Dettagli

L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34

L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34 L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 10 agosto 2011, n. 0198/Pres. Regolamento di cui all articolo 18, comma 3, della legge regionale 7 luglio 2006,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE E ATTIVITÀ IN MATERIA DI AGRICOLTURA

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE E ATTIVITÀ IN MATERIA DI AGRICOLTURA AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE E ATTIVITÀ IN MATERIA DI AGRICOLTURA La Provincia di Lecco, in attuazione degli obiettivi di programmazione 2007 intende sostenere iniziative

Dettagli

Il progetto di azione positiva

Il progetto di azione positiva Il progetto di azione positiva La domanda di rimborso delle spese Informazioni generali A cura della Segreteria Tecnica del Comitato Nazionale di Parità La normativa di riferimento Decreto Legislativo

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1085 del 21 Maggio 2015 Oggetto: Reg. CE

Dettagli

BANDO N.1/2014: AZIONE DI SISTEMA/ACCOMPAGNAMENTO CONSULENZA ISTITUZIONALE AZIENDE LAVORATORI APPRENDISTI

BANDO N.1/2014: AZIONE DI SISTEMA/ACCOMPAGNAMENTO CONSULENZA ISTITUZIONALE AZIENDE LAVORATORI APPRENDISTI BANDO N.1/2014: AZIONE DI SISTEMA/ACCOMPAGNAMENTO CONSULENZA ISTITUZIONALE AZIENDE LAVORATORI APPRENDISTI Riferimenti normativi - la legge 24 giugno 1997 n. 196; - il decreto legislativo 10 settembre 2003,

Dettagli

ADEMPIMENTI DEI SOGGETTI PROPONENTI PER LA REALIZZAZIONE DELL ATTIVITA RICONOSCIUTA

ADEMPIMENTI DEI SOGGETTI PROPONENTI PER LA REALIZZAZIONE DELL ATTIVITA RICONOSCIUTA ADEMPIMENTI DEI SOGGETTI PROPONENTI PER LA REALIZZAZIONE DELL ATTIVITA RICONOSCIUTA 2012-2014 ITER E PROCEDURE PER I CORSI APPROVATI Con l atto di approvazione si intende riconosciuto il/i corso/i presentati

Dettagli

Semplificazione delle modalitàdi riconoscimento dei costi nel FSE

Semplificazione delle modalitàdi riconoscimento dei costi nel FSE Semplificazione delle modalitàdi riconoscimento dei costi nel FSE La normativa di Gestione (DGR 1179/2011) Elementi generali e aspetti specifici Riccardo Petrella Semplificazione -Approvazione ed indicazioni

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015

REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Codice A1507A D.D. 14 ottobre 2015, n. 806 Cooperativa Casainsieme Quarta autorizzazione alla cessione in proprieta' ai soci assegnatari del patrimonio realizzato nel Comune

Dettagli

"START-UP 2014/2015" AVVISO PUBBLICO

START-UP 2014/2015 AVVISO PUBBLICO D I R E Z I O N E R E G I O N A L E P O L I T I C H E S O C I A L I, A U T O N O M I E, S I C U R E Z Z A E S P O R T A R E A S O S T E G N O A L L A F A M I G L I A E A I M I N O R I Allegato "A" "START-UP

Dettagli

MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI

MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI.0000980.30-09-2015 Modello di presentazione del progetto Lettera di trasmissione (su carta intestata scuola) data e protocollo MIUR Dip.to per l'istruzione

Dettagli

Cratere Sismico Aquilano

Cratere Sismico Aquilano Cratere Sismico Aquilano Incentivi per la valorizzazione del patrimonio naturale storico e culturale L attuazione: erogazione dei finanziamenti Roma, 29 maggio 2017 Indice Normativa Erogazione dei finanziamenti

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Regione Autonoma della Sardegna Modalità e procedure per l erogazione dell aiuto agli operatori biologici iscritti nell elenco regionale, relativo al rimborso delle spese di controllo e certificazione,

Dettagli

GUIDA OPERATIVA GESTIONE E RENDICONTAZIONE AVVISO 01/14

GUIDA OPERATIVA GESTIONE E RENDICONTAZIONE AVVISO 01/14 GUIDA OPERATIVA GESTIONE E RENDICONTAZIONE AVVISO 01/14 Premessa Il presente documento integra quanto già previsto nell ambito dell Avviso 01/14, del relativo Manuale e delle Circolari, pubblicate sul

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento N. 6-3079 / 2017 Oggetto: Piano annuale per il diritto allo studio di cui alla L.R. 28/2007. Interventi straordinari fasce deboli a.s.

Dettagli

CE AS_9_2011 CUP C91I Pagina 1

CE AS_9_2011 CUP C91I Pagina 1 Linee guida sull'ammissibilità della spesa finalizzata alla rendicontazione della spesa sostenuta per le attività realizzate nell'ambito dei Programmi di Avvio di rete: Bando per la promozione e lo sviluppo

Dettagli

Gli interventi realizzati devono ricadere all interno della Regione Toscana.

Gli interventi realizzati devono ricadere all interno della Regione Toscana. ALLEGATO A PROGRAMMA DI INCENTIVAZIONE FINANZIARIA FINALIZZATO ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA DERIVANTE DA FONTI RINNOVABILI NONCHÉ ALL ECOEFFICIENZA IN CAMPO ENERGETICO (Delibera di Giunta Regionale n.208/07

Dettagli

MODULO RICHIESTA LIQUIDAZIONE

MODULO RICHIESTA LIQUIDAZIONE MODULO RICHIESTA LIQUIDAZIONE Spett.le Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola Sede Legale: Piazza Castello, 23 Sede Operativa: Viale Gregorio Agnini, 76 41037 Mirandola (MO) tel. 0535 / 27954 fax 0535

Dettagli