GIOCOGIOCARE. Atti del seminario. Direzione centrale cultura e affari sociali Servizio osservatorio per le politiche sociali Spazio Neutro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIOCOGIOCARE. Atti del seminario. Direzione centrale cultura e affari sociali Servizio osservatorio per le politiche sociali Spazio Neutro"

Transcript

1 GIOCOGIOCARE Il gioco e il giocare come strumento di relazione nei servizi per il diritto di visita e di relazione del coordinamento della Provincia di Milano Atti del seminario Direzione centrale cultura e affari sociali Servizio osservatorio per le politiche sociali Spazio Neutro

2

3 GIOCOGIOCARE Il gioco e il giocare come strumento di relazione nei servizi per il diritto di visita e di relazione. Gli atti del seminario del 18 ottobre 2007 Palazzo Isimbardi, Provincia di Milano Progetto grafico Editing Disegni Roberto Aprigliano, Barbara Forti, Settore Comunicazione Marco Codignola Gabriele A cura di Paola Dallanegra, responsabile del Coordinamento dei servizi per il diritto di visita e di relazione, Provincia di Milano Alberto Zoia, responsabile Osservatorio Spazio Neutro Via Pusiano 22, Milano tel

4

5 Indice Giovanni Daverio Direttore settore politiche per la famiglia, Comune di Milano Ezio Casati Assessore alle attività economiche, formazione professionale, programmazione socio-sanitaria rapporti con volontariato associazioni e terzo settore, politiche familiari e della terza età, servizi sociali; Provincia di Milano Francesca Codignola...ma il bambino dovʼè? Emanuela Buda la parola agli operatori: Perché un gruppo di studio sul gioco? Presentazione di giocogiocare Silvia Fornari Il gioco, il giocare, come strumento per avvicinare il bambino e comprendere la sua situazione emotiva Cristina Nicolini la parola agli operatori: Un diverso modo per mantenere il legame: quando il gioco e il comunicare diventano incontro, la storia di Anna e Francesco Luisa Della Rosa Il gioco, il giocare come strumento per sostenere la relazione bambino genitore Monica Pinciroli la parola agli operatori:... passeggiando in bicicletta io e te.., la storia di Baldo

6

7 GIOCOGIOCARE Gli atti del seminario 18 ottobre 2007, Milano Dr. Giovanni Daverio Direttore settore politiche per la famiglia, Comune di Milano Porto volentieri il saluto dellʼassessore Mariolina Moioli allʼappuntamento odierno che focalizza il tema complesso del diritto di visita e di relazione del minore con le sue figure di riferimento affettivo. La vostra massiccia presenza è un elemento significativo perché evidenzia lʼimpegno di tanti operatori in prima linea nellʼattività quotidiana e nella ricerca elaborativa di nuove modalità di intervento in un ambito di nota criticità relazionale nel nostro contesto sociale. Un ringraziamento ovviamente alla Provincia che ha organizzato questo momento di confronto, che trovo assolutamente lontano da un esercizio lezioso di carattere teorico, e che, viceversa evidenzia molto attentamente il rapporto fra i livelli dellʼintervento operativo di un servizio specialistico, e la ricerca metodologica che guida, in termini relazionali, i rapporti tra adulti e minori, ma anche fra i minori stessi. Credo quindi che il significato del convegno manifesti intenzionalmente una contraddizione positiva: uno dei servizi che interviene negli ambiti di criticità estrema della relazione fra adulti e minori nel nostro contesto sociale, indica infatti una delle attività più antiche della storia delle relazioni, cioè il gioco, come strumento relazionale. È perciò solo apparente la contraddizione tra i due modi di porsi, ribadisco, da una parte la specializzazione di un intervento come quello di Spazio Neutro, dallʼaltra la cosa più normale, più naturale, che dovrebbe caratterizzare il rapporto genitori bambini. Da questi momenti di riflessione credo ci si aspetti dagli operatori nuove proposte metodologiche, che devono poi generalizzarsi, ma anche le Istituzioni si dinamizzano, nel momento in cui assumono la responsabilità nel sostenere le ricadute positive delle nuove acquisizioni nellʼorganizzazione dei servizi. Le tematiche inerenti il servizio Spazio Neutro, vedono convergere nel nostro contesto territoriale una buona collaborazione tra gli enti che attraverso diverse competenze cercano di raggiungere, in maniera condivisa, i medesimi risultati e gli stessi obiettivi: affrontare, con unʼattenzione molto orientata al prevalente interesse del bambino, una serie di problemi legati proprio alle conflittualità dei 7

8 legami familiari che sempre più caratterizzano il nostro tessuto sociale. Conflittualità che nel nostro periodo, guardando quello che è lo sviluppo dei casi presi in carico da servizi come questo, è in progressiva crescita e che determineranno, in una prospettiva abbastanza vicina, la necessità di una maggiore attenzione. Sempre più le conflittualità allʼinterno della famiglia generano infatti una serie di problematiche su cui occorre riflettere, su cui occorre investire, seguendo una logica che deve partire da un assetto preventivo, rispetto a questi tipi di situazioni problematiche, ma che poi si deve anche confrontare, verificare, scontrare certe volte, con le difficoltà di prevenirla e ridurla. È una sorta di attenzione e salvaguardia di alcuni principi fondamentali che regolano il nostro assetto e il nostro sistema sociale. La necessità di salvaguardare tali principi ci orienta ad intervenire affinché la realtà familiare, come realtà portante, dentro cui comunque il bambino cresce, si relaziona e si sviluppa, nel momento in cui subisce momenti di conflittualità e momenti di crisi, possa avere situazioni di ricomposizione relazionale. Ai Servizi viene quindi richiesto un orientamento preventivo al fine di evitare ulteriori disagi relazionali al bambino attraverso la ricomposizione possibile dei suoi legami parentali. Non elenco i dati dei servizi Spazio Neutro gestiti allʼinterno del territorio comunale, ma anche allʼinterno della Provincia, perché sono noti, ma ritengo sia utile ricordare che sono veramente positivi e significativi allʼinterno della ricomposizione delle dinamiche familiari altamente conflittuali. Quindi lʼoggetto, il fulcro della situazione su cui porre lʼattenzione è proprio quello di tutelare il bambino allʼinterno di una conflittualità che deve essere, nei limiti del possibile, ridimensionata, pur essendoci la necessità di individuare elementi conoscitivi che poi possano essere ricondotti ai livelli dellʼautorità giudiziaria. Credo che questo tentativo di mediazione familiare, e in parte anche di mediazione sociale, per una casistica che sempre più dovrà confrontarsi con lo sviluppo multiculturale del nostro contesto, debba avere adeguata attenzione e debba essere valorizzata. Noi stiamo rivedendo, come Comune, il bando di concorso, che sta per scadere, per il funzionamento dei due Spazi Neutri che gestiamo: uno in raccordo con la Provincia, lʼaltro in convenzione esterna, per apportare quegli adattamenti che consentano una valorizzazione e un potenziamento dello sforzo ricompositivo e migliorativo dei legami parentali del bambino, nellʼottica di un suo positivo sviluppo. Ciò allʼinterno delle dinamiche che oggi esaminerete, ma anche rispetto ad alcuni elementi di riflessione che si stanno sviluppando nelle diverse istituzioni e che interagiscono in questo contesto operativo. 8

9 Dalle verifiche che stiamo facendo in raccordo con lʼautorità giudiziaria emerge un elemento sempre significativo legato ad unʼautorità giudiziaria che sviluppa la sua capacità, i suoi poteri, le sue funzioni in un ambito appunto giudiziario e non sostitutivo dei servizi, quindi sempre più con una volontà di non inserirsi, di non intervenire direttamente nella gestione operativa dei singoli casi, anzi delle singole esistenze e dunque storie. I servizi comunali dovranno perciò sempre più porsi il problema, anche allʼinterno di quelle che sono le nuove normative, tipo lʼaffido condiviso (che è un elemento di congiunzione ma che deriva comunque da una conflittualità), e sarà sempre più necessario porre nuovi elementi di supporto alla struttura storica dello Spazio Neutro. Eʼ necessario infatti disporre di uno spazio di intervento sempre maggiore, legato anche alla mediazione sociale come fonte specifica di integrazione, oltre a quello che è il lavoro storico appartenente a queste funzioni ricompositive del conflitto familiare. Si diceva che lo spaccato, il riferimento è comunque quello dellʼambito familiare, però è chiaro che diventa fondamentale la qualità delle prestazioni professionali ed il tipo di professione messe in campo e tra loro interagenti per raggiungere un obiettivo più vasto, con positive ricadute nellʼintero tessuto sociale. Se si perseguirà questo obiettivo si andrà verso un concetto più ampio di mediazione: la professionalità degli operatori dovrà essere aggiornata e perfezionata e sarà necessario un importante lavoro di riflessione sugli aspetti formativi degli operatori. Credo che da questo punto di vista le sinergie, a livello istituzionale, troveranno convergenze significative. Il Comune ha compiti specifici di gestione in stretto raccordo con il mondo delle professioni, ma anche con il mondo rappresentativo del contesto familiare e del privato sociale; lʼamministrazione Provinciale ha altre funzioni che si integrano costantemente nella quotidianità con questi compiti. Quindi sotto questo profilo, la formazione, ma anche la supervisione che deve essere garantita alle figure professionali coinvolte, assumono un aspetto sempre più rilevante, così come credo che assuma un aspetto ulteriormente rilevante la possibilità che questi centri abbastanza diffusi nel nostro territorio nazionale, mantengano tra loro un coordinamento, per uno scambio di buone prassi, per uno scambio di idee, per uno scambio di iniziative. In tal senso il lavoro di coordinamento della Provincia fra i vari centri di Spazio Neutro diviene fondamentale per facilitare il lavoro di ricerca e di riflessione al fine di migliorare complessivamente la qualità delle relazioni familiari e sociali. Questi sono gli obiettivi che come Comune ci poniamo, riconfermando un impegno significativo nei termini che ho evidenziato, per raggiungere lʼobiettivo che 9

10 ci siamo dati: realizzare unʼattività che intende assolutamente raccordarsi con gli altri livelli istituzionali affinché venga posto al centro lo scopo fondamentale del servizio, cioè garantire in tutti questi livelli di criticità, lʼattenzione al bambino ed al suo diritto di svilupparsi in maniera adeguata, affinché, allʼinterno di questo sviluppo, abbia la possibilità di vivere le proprie relazioni nel contesto familiare o in contesti affettivamente rapportabili a quello familiare nel momento in cui questʼultimo non sia disponibile, seppure solo per una fase. Vi ringrazio quindi dellʼattenzione e vi auguro davvero buon lavoro, oltre che aspettarmi nuovi suggerimenti di riflessione e proposte sul piano operativo che prendano spunto dagli orientamenti che emergeranno nel corso della giornata. Grazie 10

11 Ezio Casati Assessore alle politiche sociali. Provincia di Milano Buongiorno a tutti. Ho due osservazioni che voglio fare. Innanzitutto, guardando il programma della giornata la politica deve dare la risposta alla prima domanda che viene posta immediatamente dopo il nostro intervento: ma il bambino dovʼè? È assolutamente indispensabile porre il bambino al centro di tutti gli sforzi della politica, delle istituzioni, del mondo che cura la tutela di queste categorie di cittadini, e questo è quello che chiede la politica agli operatori. Oggi presentiamo un libro che è Gioco-giocare, che punta alla valorizzazione di quello che è il rapporto tra i bambini che vivono una difficoltà per il trauma della separazione familiare o lʼallontanamento coatto forzato dalla propria famiglia dʼorigine e quindi riapre una porta verso la possibilità che non sʼinterrompano comunque quei canali privilegiati che devono essere i rapporti tra genitori e figli e tra la famiglia naturale ed i figli naturali con tutte le difficoltà che sappiamo, con tutti i buon esiti a volte ma anche esiti non positivi che esso comporta. Gli operatori che curano, tutelano e sorvegliano questo percorso hanno realmente una responsabilità che va oltre a quello che è lʼimpegno lavorativo, ma devono mettere dentro adesso proprio un atteggiamento non soltanto scientifico ma del cuore che molto spesso coinvolge, e quindi questo trascinamento deve essere un trascinamento positivo. Il ruolo della Provincia. Lʼapprovazione della legge 34 del 2004 di fatto toglie alla Provincia una serie di compiti e volevo innanzitutto tranquillizzare gli operatori. Ci sentiamo in obbligo di continuare a fare una serie di cose perché penso che la struttura della Provincia di Milano sia assolutamente dotata di grandi qualità personali, e di mezzi tali, che si pone come interlocutore verso gli altri Enti intermedi, verso il sistema organizzato dellʼassociazionismo, nel rapporto che deve avere alla risposta ai propri cittadini, con una serie di servizi che sono il coordinamento, la formazione e il sostegno alla ricerca. Quando Claudio diceva prima: Presentiamo un libricino, lʼha detto in termini bonari. È una ricerca assolutamente di buon livello. Dobbiamo valorizzare gli incontri tra soggetti extraprovinciali, dobbiamo mettere insieme prodotti di lavoro e questo è un prodotto di lavoro, dobbiamo favorire e mediare rispetto alla continua evoluzione degli strumenti che siano dati in capo, per poter rendere più efficace ed efficiente un lavoro. E devo anche dire che la politica deve fare lo sforzo di comprendere che le risorse non sono infinite, ma le risorse non sono 11

12 finite, deve mettere in capo alle cose importanti, le risorse adeguate in termini di personale qualificato e di risorse adeguate perché è vero che non sono più i bilanci degli anni ʼ90, dove si poteva fare molto, ma è anche vero che questi territori hanno una storia sui servizi alla persona che sono talmente forti che non possono essere ridotti ma devono essere mantenuti, implementati e migliorati. La tecnologia scientifica ci dà veramente una grossa mano. Il mio pensiero è: al centro cʼè sempre il bambino, quindi ieri ero chiamato a parlare della povertà, si ragionava sulla povertà, e oggi ho a caso tre appuntamenti in cui si parla di servizi allʼinfanzia. Devo dire che sono argomenti che appassionano il cuore perché andiamo a parlare verso chi è più debole allʼinterno della società, ma bisogna mantenere, oltre alla passione del cuore anche la lucidità della mente, perché non rimangano soltanto premesse e promesse, ma si concretizzino. Noi, da questo punto di vista, volevo proprio rassicurare tutti, ci siamo, con criterio, per sostenere tutte le attività di formazione e tutti gli altri compiti della Provincia. Chiudo qui il mio intervento e auguro a tutti un buon lavoro. 12

13 ... ma il bambino dov è? Dott. ssa Francesca Codignola psicoanalista SPI Il bambino a Spazio Neutro è al centro della cura e dellʼattenzione degli operatori, il bambino con le sue paure e la sua confusione ma anche con il suo bisogno fondamentale, talvolta riconosciuto da lui stesso con grande difficoltà, di avere dei genitori, possibilmente due, un papà ed una mamma. Mettere il focus sul bambino, sul suo diritto ad essere riconosciuto come individuo, sul suo diritto a crescere e a svilupparsi è stata la posizione scelta dagli operatori fin dalla nascita del servizio e sostenuta dalla supervisione, che è iniziata poco tempo dopo la nascita del servizio stesso, circa 12 anni fa. In seguito, grazie anche a questa esperienza pilota che ha fatto da battistrada e che ha offerto formazione e supervisione agli operatori dei servizi per il diritto di visita in costruzione, ne sono stati aperti molti altri in varie zone della Provincia di Milano, con nomi diversi (Nuovo Giardino ecc.) ma impostazione simile. Negli ultimi quattro anni, alle attività di supervisione condotte da me, hanno partecipato circa 50 operatori. Desidero in questa circostanza ringraziarli tutti per lʼinteresse e lʼimpegno che hanno mostrato e per le occasioni di riflettere e di elaborare che mi hanno offerto. Speriamo anche che il nostro lavoro comune possa continuare. Ma riprendiamo. La persona, intorno a cui e su cui incentrano la loro attenzione gli operatori, è dunque il figlio, bambino o adolescente, e di questa scelta sono subito messi al corrente sia il genitore accompagnante, sia il genitore incontrante. Il servizio per il diritto di visita e di relazione è Neutro dunque ma non neutrale, non osserva in modo equidistante la relazione fra genitori e figlio, si sbilancia decisamente e si impegna a fare sentire la voce del bambino anche ai suoi genitori quando questi sono immersi nella loro guerra, e tendono a mettere il figlio al centro del loro conflitto e rischiano quindi di non vederlo più né riconoscerlo come individuo separato. Questa è purtroppo, infatti, una delle conseguenze dellʼintensa conflittualità di coppia. Ma allora perché questo titolo? In realtà mi è stato suggerito da Paola Dallanegra; sembra che durante molte sedute di supervisione, dopo la descrizione accurata e puntuale di un caso, io dica spesso: Dovʼè il bambino? Non si vede.... Anche gli operatori a volte non si accorgono o non vedono o non ascoltano i 13

14 bambini, eppure essi esprimono abbastanza chiaramente ciò che sentono... Il frastuono del conflitto fra i genitori ottenebra la mente anche dellʼoperatore che si trova, al pari del bambino, al centro della rissa. Potremmo dire che anche lui si trova al centro del ciclone. Essere al centro del ciclone, può inibire od ostacolare lʼesercizio della funzione di contenimento delle emozioni specifica dellʼadulto e, a maggior ragione, dellʼoperatore psicosociale. La funzione di contenimento, unita alla competenza emotiva, rappresenta la modalità di base della capacità di prendersi cura. Inoltre, il carico emotivo della rissa sollecita ed entra in risonanza con i conflitti e le difficoltà emotive degli operatori stessi che si possono sentire spinti a controagire anziché elaborare risposte coerenti. Non è facile stare in mezzo a due genitori che litigano, non è facile riuscire a non schierarsi con uno contro lʼaltro, pensare di potere fare lʼarbitro e fare andare tutto bene, pensare che in fondo forse, per quel bambino, sarebbe anche meglio perderlo quel genitore là... E poi cʼè questo bambino che non agevola per niente il compito dellʼoperatore: a volte piange, altre volte si arrabbia, altre si isola e si chiude: sembra quasi un fratellino rompiscatole. Meglio dimenticarlo... Se lʼoperatore è più vecchio, o meglio, non più così giovane, e magari è a sua volta genitore, può entrare in competizione con i genitori del bambino: può pensare fra sé e sé: Guarda come è disperato Giovanni, certo con due genitori così... con me le cose andrebbero diversamente... se fosse figlio mio.... Potrebbe sembrare che in questi ipotetici vissuti degli operatori, il bambino occupi un posto importante, ma è così solo in apparenza: egli può diventare un pretesto per dare voce a sentimenti personali e vecchi rancori dellʼoperatore o può diventare una bandiera o il simbolo del figlio di un genitore perfetto, lʼoperatore, appunto. Quindi il bambino può sparire anche negli Spazi Neutri. Qualche esempio: la violenza verbale e il disprezzo di una mamma venuta ad incontrare la figlia al servizio, erano riusciti a paralizzare e a mettere fuori gioco lʼoperatrice che assisteva impotente alle aggressioni sottili ma lancinanti nei confronti della bimba, accolta in comunità quindi allontanata dalla madre che la reincontrava. La bambina racconta un sogno alla mamma: Sai, ho sognato che il papà veniva a scuola e cʼeri anche tu... stavate di nuovo insieme. La madre: Io e tuo padre? Che incubo, non è proprio una bella cosa. E ancora la madre: La tua educatrice in comunità ti fa sicuramente male quando ti pettina, perché tu non sei sua figlia... Ma si può? Dicono che ti fanno sempre la doccia, ma tu sei sempre sporca. Quello che colpisce è il silenzio assordante dellʼoperatrice che non riesce a intervenire, schiacciata, come la bambina, dalla violenza materna. 14

15 La bambina non cʼè più con i suoi bisogni e diritti, come non cʼè più un adulto protettivo e tutelante: sulla scena ci sono solo due sorelline silenziose e impotenti. Un altro esempio. Durante un lungo e difficile intervento per fare riavvicinare Rita, di 5 anni, al papà, lʼoperatore si è accorto di avere stretto unʼalleanza troppo forte con la bambina: lei con lui gioca volentieri, si diverte, mentre rifiuta il contatto e il gioco con il padre. In un incontro, su richiesta di Rita, lʼoperatore e il papà si mettono a disegnare e la bambina, quando sta per andarsene, sceglie di portare con sé il disegno fatto dal padre. Lʼoperatore si sente subito deluso e irritato perché non ha scelto il suo ma poi riflette... È la bambina in questo caso che rimette al suo posto lʼoperatore: ma allora si assume lei la funzione adulta temporaneamente offuscata nellʼoperatore. Il problema non sta nel fatto che possa succedere questo: tutti noi abbiamo delle debolezze e delle fragilità che inevitabilmente portiamo nelle relazioni con gli altri. Ma cosa sarebbe successo se lʼoperatore non avesse capito, dopo, avesse chiuso gli occhi e la mente alla riflessione sulla sua delusione e irritazione? Ancora: e se lʼoperatore tutto preso dal suo problema di rivalità con il padre non si fosse neanche accorto del gesto, e del suo significato, della bambina? Ci sono situazioni ancora più drammatiche che espongono gli operatori a sentimenti e vissuti così violenti e intollerabili da indurli a rifiutarli e con essi ad allontanare la fonte che li ha generati: il bambino così rischia di essere buttato con lʼacqua sporca. Gli incontri tra una madre violenta con la figlia preadolescente iniziano con cadenza settimanale, come espressamente scritto nel decreto del TM. Maria è molto tesa; mostra un aperto rifiuto nei confronti della madre con atteggiamenti a volte aggressivi. Con il passare del tempo, il rapporto appare più tranquillo, parlano del quotidiano, giocano, affrontano questioni legate allʼabbigliamento, ai trucchi. Lʼoperatrice è però colpita dalla netta separazione che Maria mette in atto tra i due nuclei, quello dei nonni paterni presso cui è collocata e quello materno: la ragazzina sembra infatti ritenere impossibile qualsiasi contatto tra il mondo della madre e quello dei nonni e del padre. A seconda della persona con cui sta, si comporta in modo molto diverso e non nomina mai i nonni con la madre o viceversa. La madre, anche se spesso provocata apertamente, mantiene il controllo e riesce anche a fare scelte con le quali difende il suo ruolo e la sua dignità. Con il passare del tempo, la signora inizia a chiedere una maggiore autonomia e la possibilità di passare più tempo con la figlia senza la presenza dellʼoperatrice. I nonni ed il padre, che appare in un ruolo assolutamente secondario e poco decisionale, collaboranti a parole ma di fatto oppositivi, non permettono a Maria 15

16 di effettuare i normali colloqui con lʼoperatrice, si oppongono strenuamente a qualsiasi mutamento. Lʼoperatrice non coglie la paura di Maria nei confronti della madre, paura che invece viene spesso evocata dal nucleo paterno come deterrente per qualsiasi cambiamento. Con lʼassistente sociale Maria ribadisce di non voler vedere la madre da sola, di voler diminuire il numero degli incontri perché la cadenza settimanale incide eccessivamente nella sua vita di preadolescente. Lʼoperatrice non comprende la posizione della ragazzina e pensa che, probabilmente, la stessa sia sottoposta ad un martellamento serrato da parte dei nonni. Durante un incontro, mentre la madre si assenta per pochi minuti, Maria, da sola con lʼoperatrice, dice Non cambierà niente, ho paura della mamma che mi ha sempre picchiata e minacciata. Per la prima volta lʼoperatrice sente la paura della ragazzina. La sente quasi come un dolore fisico: Non ho capito niente!!!, e il suo stato dʼanimo oscilla tra lo stupore di non aver sentito né capito per tanto tempo, e lʼangoscia. Vorrebbe poter parlare con la ragazzina, ma la madre torna e lʼoperatrice non ritiene opportuno farlo visto che Maria immediatamente introduce un altro argomento. Alla fine dellʼincontro, lʼoperatrice è confusa, le sembra di aver ricevuto un forte colpo. Cerca di scavare nella memoria tra le centinaia dʼincontri passati per trovare qualcosa che non ha visto, che non ha sentito, che non ha ascoltato: 4 anni dʼincontri settimanali! Non trova niente, sente di aver fallito, di non essere stata capace di aiutare Maria. Quando si calma, pensa che probabilmente Maria aveva bisogno di un tempo così lungo per potersi fidare di lei e quindi confidarsi, e che comunque in quel lungo arco di tempo non era stato fatto nulla contro la sua volontà. Solo quando Maria si è sentita veramente minacciata dalla possibilità dʼincontri più liberi con la madre, ha potuto esprimere la sua paura, pensando di potere essere capita. La pietà per la donna, la madre, rimasta sola, la malcelata irritazione per lʼatteggiamento chiuso e ostile dei nonni, lʼapparente leggerezza degli scambi tra madre e figlia hanno impedito a lungo la comprensione. Ma lʼoperatrice questa volta ha sentito e ha sentito fortemente: forse la ragazzina ha trovato il coraggio spinta dalla paura ma certo anche lʼabitudine maturata in supervisione ad un atteggiamento di grande attenzione alle parole e alle reazioni emotive più intime e personali che accompagnano questo difficile lavoro, nonché la vicinanza non giudicante del gruppo dei colleghi le ha permesso di tollerare un drammatico vissuto di fallimento e di rielaborarlo. Ho detto poco fa che i bambini esprimono chiaramente ciò che sentono ma forse 16

17 questo è vero solo per un orecchio formato e attento alle sfumature. Un esempio. Lʼoperatore gioca al circo con un bambino di 6 anni che verrà ad incontrare prossimamente ad incontrare il padre. La coppia dei genitori si è separata dopo un lungo periodo di litigi e scontri furibondi. Il circo cui Matteo dà vita nel gioco è strano perché non esistono giocolieri né tanto meno pagliacci: tutto è estremamente pericoloso e inquietante. Ci sono soltanto leoni, tigri e domatori che maneggiano cerchi infuocati. Lʼoperatore chiede al bimbo: ma tu, in questo circo, cosa fai? Il bambino risponde: Io sono solo il presentatore. Rossella è una bambina di 8 anni, di quelle non troppo simpatiche, un poʼ petulanti. Al termine dellʼincontro con il papà, lʼoperatore chiede di riordinare i giochi. La bambina accoglie lʼinvito e dà disposizioni: dice allʼoperatore di mettere a posto il grande coccodrillo di gomma, specificando però di metterlo in un luogo dove non possa far male a nessuno e di mettergli vicino del cibo perché non muoia di fame. Entrambi i bambini comunicano attraverso il gioco e le verbalizzazioni indirette quanto la situazione dʼincontro con il genitore non affidatario susciti in loro inquietudine e paura, quanta rabbia e quanto dolore debbano imparare precocemente a gestire, ma soprattutto quanto grande sia la solitudine nella quale si sentono immersi: Matteo, ridotto a fare il presentatore e non il protagonista, come capita di solito ai maschietti di quellʼetà, Rossella sola a gestire la sua rabbia ma anche in pericolo di morirne. Se lʼoperatore riesce a cogliere il senso di queste comunicazioni, per il bambino si apre davvero la possibilità di farlo sentire accompagnato, sostenuto e protetto in queste difficili situazioni. Alessandro di 10 anni e suo fratello Filippo di 8 vivono in una comunità con la mamma: lei ora ne è uscita e sta cercando di organizzare per sé e per i figli unʼindipendenza economica: i due bambini incontrano il padre. Il padre ha una forte dipendenza dallʼalcol che nega strenuamente: molti dei problemi relazionali con la ex moglie e i figli sono legati alla sua dipendenza. I figli sono molto arrabbiati con il padre, soprattutto non tollerano che neghi pervicacemente le sue responsabilità; Alessandro, durante gli incontri, si fa portavoce di questi sentimenti. Lʼoperatore matura la convinzione che fino a quando figli e padre non riusciranno a parlare esplicitamente dellʼalcol-dipendenza del padre stesso, non sarà possibile realizzare un vero riavvicinamento. Un giorno, Alessandro e Filippo con il padre si mettono a giocare con camion e macchinine. Ad un certo punto Alessandro simula un violento scontro tra unʼauto e il camion con cui il padre sta giocando. Alessandro commenta: Lʼautista sarà stato ubriaco. 17

18 Perché ubriaco?, domanda il padre. Perché gli ubriachi fanno male agli altri e poi dicono di non ricordarselo.... Il padre si offende, dice di non essersi mai ubriacato e, a questa affermazione, Alessandro reagisce e finalmente riesce a dirgli ciò che per molto tempo si è tenuto dentro. La fatica degli operatori nei servizi per i minori non è tanto quella relativa al carico di lavoro, che pure è spesso troppo oneroso, anche in termini temporali, ma ha soprattutto a che fare con la necessità continua di analisi e di elaborazione dei vissuti controtransferali, emotivi ed affettivi cioè, suscitati dallʼincontro con i bambini e i loro genitori e la conseguente scelta, che spesso deve essere molto tempestiva, delle parole, risposte, azioni da mettere in campo. La dinamica transfert-controtransfert è presente non solo nella relazione psicoterapeutica ma è contenuta in misura maggiore o minore in tutte le relazioni umane in cui circola lʼaffettività: così appartiene anche alla relazione di aiuto fra operatore e utente. È il desiderio dellʼoperatore di prendersi cura del suo utente ciò che spinge a sopportare questa fatica e che sollecita alla comprensione di ciò che sta accadendo lì, in quel momento, nellʼincontro con lui. Lʼoperatore è chiamato così a coltivare e a nutrire dentro di sé quella competenza emotiva che sʼidentifica con lʼamore per la conoscenza e per la comprensione. Può fare da solo? Hai bisogno degli altri? E di che cosa ha bisogno? E poi, può farlo una volta per tutte? Io che ho lavorato da sempre e lavoro tuttora anche in un servizio per adolescenti come psicoterapeuta, so che la formazione e la supervisione individuale sono necessarie ma non sufficienti. Lʼéquipe e il gruppo di lavoro in un servizio sono un organismo vivente e su questo argomento esistono importanti pubblicazioni italiane e straniere. Il gruppo, lʼéquipe ha bisogno di cure come qualsiasi organismo vivente: ogni colpo al servizio ha un contraccolpo su di esso e sui suoi operatori e il contraccolpo si riverbera a catena sullʼutente del servizio stesso. In che modo? Soprattutto quando il gruppo degli operatori, misconosciuto, schiacciato o svalutato, reagisce disinvestendo il lavoro e rifugiandosi nellʼindifferenza. Le cure di un servizio riguardano lʼambiente fisico, il luogo, ma soprattutto il clima affettivo ed emotivo nel e per il gruppo di lavoro stesso: più o meno come accade in una famiglia in cui è importante per i figli, lʼaccordo nella coppia dei genitori. Un buon coordinatore attento, sollecito e puntuale, la regolarità degli orari, la sicurezza nella continuità del proprio operare, lʼorganizzazione e la difesa di spazi comuni di confronto e di dialogo sui casi, un ascolto attento e rispettoso delle difficoltà e delle risorse di ciascun operatore, la possibilità di confronti anche accesi ma franchi ne sono gli ingredienti. 18

19 Queste cure offerte al gruppo degli operatori, da una parte dal contesto politico istituzionale e dal coordinatore e, dallʼaltra, dalla supervisione, lo fanno sentire sostenuto e valorizzato e questo si riflette sullʼatteggiamento emotivo ed affettivo e sulla capacità di intervento degli operatori stessi con gli utenti del servizio. Mi piacerebbe non avere più occasione di dire: ma... il bambino dovʼè? Perché questo vorrebbe dire non che la supervisione è finita e non serve più ma che il gruppo ha interiorizzato e fatto proprio uno specifico modo di stare in rapporto e di prendersi cura dei nostri bambini: vederli, ascoltarli ed aiutarli a crescere e a diventare adulti consapevoli. 19

20 La parola agli operatori: Perché un gruppo di studio sul gioco? Presentazione Giocogiocare Per il gruppo di lavoro: Emanuela Buda, Spazio Neutro Comune di Milano Riccardo Nebel, Pianeta Famiglia Cinisello, Spazio Neutro Offerta Sociale È curioso accorgersi che siamo arrivati allʼelaborazione di un documento sul tema del gioco dopo che lʼimpianto metodologico dei nostri Servizi era già stato da tempo ampiamente definito. La cosa risulta di un certo interesse perché il gioco è uno strumento usato quotidianamente dagli operatori di Spazio Neutro, sia con i bambini nei momenti di ambientamento, che negli incontri con i genitori. La spiegazione è forse da ricercare nella complessità del lavoro dellʼoperatore, che deve tenere nella propria mente e salvaguardare molti aspetti dellʼintervento: dallʼinteresse del bambino ed il suo diritto ad incontrare il genitore lontano alla difesa di uno spazio protetto e sereno dellʼincontro, alle tematiche riguardanti i genitori ed ai grandi temi del conflitto e della coazione, momenti che caratterizzano il contesto di intervento nei Servizi per il diritto di visita e relazione. Molti attori, inoltre, rimangono dietro le quinte ma sono presenti nella mente dellʼoperatore quando si realizza la scena dellʼincontro: il giudice, i genitori, in alcuni casi gli affidatari, i nonni, lʼassistente sociale, gli avvocati, tutti i componenti dellʼéquipe che collaborano al caso. Lʼoperatore deve conoscere e tenere in considerazione la voce e le ragioni di ogni personaggio non dimenticando però che i veri interpreti sono il bambino ed il suo genitore e la scena più importante da costruire, permettere, salvaguardare, è la possibilità della relazione tra di loro. Quando, come operatori di Spazio Neutro, abbiamo avviato una riflessione sullʼargomento del gioco, è emerso come, fino ad ora, il gioco ed il giocare siano stati utilizzati e sperimentati senza però avere in mente un pensiero complessivo su questo tema, che davvero potesse guidarci ed offrirci strumenti di comprensione e decodifica di quanto via via sperimentavamo con il nostro lavoro a Spazio Neutro. Si è così compreso, come un pensiero strutturato su questo argomento, così come si è cercato di definire con questo gruppo di studio, potesse davvero costituire un valido strumento per impostare in modo più completo ed organico il lavoro con i bambini ed i genitori. 20

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO YOGA IN CLASSE Scuola Primaria Di Massino Visconti classe seconda Anno scolastico 2011-2012 Responsabili: Maria Pillitteri insegnante di Scuola Primaria Paola Faini insegnante Yoga PRESENTAZIONE

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

DIVENTARE AUTONOMI: UNA SFIDA PER GENITORI E FIGLI

DIVENTARE AUTONOMI: UNA SFIDA PER GENITORI E FIGLI Istituto Comprensivo Cesare Cantù Scuole elementari di via Dora Baltea e dei Braschi Scuola dell infanzia di via Dora Baltea DIVENTARE AUTONOMI: UNA SFIDA PER GENITORI E FIGLI "Un bambino cresce cadendo

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con questa mania di fare sempre fotografie ai bambini: e

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO SCIENZE PSICO-SOCIALI E AFFIDAMENTO DEI FIGLI IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDICE DEL TRIBUNALE DI MILANO SILVANA D ANTONA Pur avendo maturato esperienza in materia di diritto di famiglia solo da

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

LA RICERCA DI CONFERME AFFETTIVE NEI RAGAZZI ADOTTATI

LA RICERCA DI CONFERME AFFETTIVE NEI RAGAZZI ADOTTATI ABSTRACT RELAZIONE DI MARIA SERENA TAIT LA RICERCA DI CONFERME AFFETTIVE NEI RAGAZZI ADOTTATI L intervento è stato articolato su due livelli: una breve introduzione teorica nella quale viene introdotta

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

Aiutare i nipoti ad affrontare le paure

Aiutare i nipoti ad affrontare le paure Pagina 1 di 5 Noi Nonni Chi siamo Contatti Cerca nel sito Cerca Home Filo diretto» Benessere» Da fare con i nipoti» Da fare per i nipoti» Tempo libero» In breve Aiutare i nipoti ad affrontare le paure

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Confusione nell ambiente: cos è un dsa Fino a che una persona non si mette nei panni dell altro è facile sentir parlare di DSA

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone Ricerca a cura di Giovanna Mascheroni e Barbara Scifo OssCom per Vodafone Università Cattolica di Milano, 2 febbraio 2012 Metodologia Ricerca

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

CAPITOLO TRE: IL PERCORSO DI COUNSELING CON PATRIZIA

CAPITOLO TRE: IL PERCORSO DI COUNSELING CON PATRIZIA CAPITOLO TRE: IL PERCORSO DI COUNSELING CON PATRIZIA Nelle sedute di Counseling con Patrizia ho utilizzato l approccio Gestaltico Integrato della scuola ASPIC. I modelli da me utilizzati sono stati: Modello

Dettagli

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata Accogliente, aperta: magari un po a volte mi chiudo ma solo se sono stata distratta a cedere alla routine del quotidiano, non pecco di presunzione solo mi piace avere la disponibilità ad aprire la mia

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO LINEE GUIDA SPAZIO NEUTRO La recente diffusione nei paesi occidentali delle pratiche di Luogo Neutro a sostegno del diritti dei bambini e degli adolescenti al mantenimento della relazione con i propri

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI L ingresso nella Scuola dell Infanzia è un momento di crescita per i bambini, ma anche un momento delicato, talvolta difficile, per le implicazioni emotive

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli