DELIBERAZIONE N X / 1272 Seduta del 24/01/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N X / 1272 Seduta del 24/01/2014"

Transcript

1 DELIBERAZIONE N X / 1272 Seduta del 24/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA CAPPELLINI ALBERTO CAVALLI MAURIZIO DEL TENNO GIOVANNI FAVA MASSIMO GARAVAGLIA MARIO MELAZZINI ANTONIO ROSSI CLAUDIA TERZI Con l'assistenza del Segretario Marco Pilloni Su proposta dell'assessore Paola Bulbarelli Oggetto DIRETTIVE ALLE AZIENDE LOMBARDE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE (ALER) PER L ANNO 2014 Il Dirigente Il Direttore Generale Francesco Maria Foti Rosangela Morana L'atto si compone di 51 pagine di cui 48 pagine di allegati parte integrante

2 VISTO l art. 1 della L.R. 30/2006 con cui è stato istituito il Sistema Regionale e sono stati definiti i soggetti che lo costituiscono tra cui le Aziende Lombarde per l Edilizia Residenziale (ALER) come individuato nell allegato A1, Sezione II, art. 1; VISTO l art. 48 dello Statuto Regionale Enti del sistema regionale che ha stabilito che le funzioni amministrative riservate alla Regione possono essere esercitate anche tramite enti dipendenti, aziende, agenzie e altri organismi, istituiti e ordinati con legge regionale e sottoposti al controllo ed alla vigilanza della Regione; VISTA la L.R. 14/2010 che, in attuazione dello Statuto regionale, ha modificato l art. 1 comma 1 ter della L.R. 30/2006 prevedendo che i compiti operativi e le attività gestionali riconducibili alle funzioni amministrative riservate alla Regione sono svolti, di norma, tramite gli enti del Sistema regionale come individuati con deliberazione della Giunta regionale, sulla base delle competenze attribuite; VISTO l art. 79 ter, della L.R. 34/1978, che stabilisce che i soggetti del Sistema Regionale concorrono con la Regione alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica e che, a tal fine, la Giunta regionale individua gli interventi e le misure attuative necessari graduandoli in relazione alla tipologia degli enti medesimi; VISTA la L.R. 2 dicembre 2013, n. 17 Modifiche alla legge regionale 4 dicembre 2009, n. 27 (Testo unico delle leggi regionali in materia di edilizia residenziale pubblica), che ha delineato il nuovo assetto della gestione dell edilizia residenziale pubblica lombarda, in particolare: - è stata introdotta la figura del presidente amministratore unico al posto del Consiglio di amministrazione; - è stato disciplinato l accorpamento delle attuali 13 ALER in 5 aziende (MILANO; LODI-PAVIA; BRESCIA-CREMONA-MANTOVA; BERGAMO-LECCO-SONDRIO; BUSTO ARSIZIO-COMO-MONZA E BRIANZA-VARESE); - si è stabilito che gli accorpamenti delle Aler avvengono mediante fusione per incorporazione entro 12 mesi dall entrata in vigore della legge di riforma; VISTA la D.g.r. del 23 dicembre 2013, n. 1207, con la quale si procede alla nomina dei Presidenti delle ALER di cui alla citata L.R. 17/2013, stabilendo inoltre in relazione alla necessità di supportare i Presidenti anche nel percorso di accompagnamento nelle procedure di fusione, la loro attività sia sottoposta a valutazione mediante verifiche e monitoraggi periodici, con cadenza al massimo semestrale; 1

3 RICHIAMATI in particolare i poteri di coordinamento, indirizzo, vigilanza e controllo della Regione sull attività, sugli organi e sugli atti delle Aler di cui all art. 2 comma 1, lett. p), art. 5 commi 1) e 4), art. 23 commi 2), 3) e 4) e art. 24; DATO ATTO che le disposizioni ed i vincoli contenuti nella presente deliberazione si configurano quali atti di indirizzo e programmazione ai fini e per gli effetti di cui all art. 11 della L.R. 32/2008; RICHIAMATI tutti i Provvedimenti Organizzativi della X Legislatura in particolare la D.g.r. del 29 aprile 2013 n. 87 II Provvedimento Organizzativo 2013 ; RITENUTO, quindi, di approvare le seguenti determinazioni, contenute nell allegato A Direttive alle ALER- Soggetti del Sistema regionale di cui all allegato A1, Sezione II, art. 1 della l.r. 30/2006, che costituisce parte integrante del presente provvedimento; All'unanimità dei voti espressi nelle forme di legge; D E L I B E R A 1. di approvare le Direttive alle Aziende Lombarde per l Edilizia Residenziale (ALER) per l anno 2014 di cui all'allegato A, che costituisce parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 2. di dare atto che le disposizioni ed i vincoli contenuti nella presente si configurano quali atti di coordinamento, indirizzo ai fini e per gli effetti di cui all art. 11 della L.R. 32/2008 e agli artt. 2 comma 1, lett. p) e 5 commi 1) e 4) della L.R. 27/2009 e di richiedere pertanto agli organi di amministrazione ed ai vertici dirigenziali delle ALER di prendere atto formalmente, per quanto di competenza, delle determinazioni regionali. IL SEGRETARIO MARCO PILLONI 2

4 ALLEGATO A Direttive alle Aziende Lombarde per l Edilizia Residenziale (ALER) per l anno 2014, quali soggetti del Sistema regionale di cui all Allegato A1, Sezione II, Art. 1 della Legge regionale n. 30/2006 SEZIONE GENERALE 1. Quadro normativo di riferimento in materia di indirizzo, vigilanza e controllo Lo scorso 26 novembre il Consiglio regionale ha approvato la legge di riforma delle Aziende Lombarde per l Edilizia Residenziale (ALER). Si tratta del primo passo di un più ampio processo di riforme destinato a incidere significativamente sul quadro delle politiche abitative in Lombardia. La legge regionale 2 dicembre 2013 n. 17 è intervenuta modificando il numero, l assetto organizzativo e l articolazione territoriale delle aziende: sotto il primo profilo, al posto delle precedenti 13 Aziende, corrispondenti alle province lombarde e a Busto Arsizio, si trova ora un articolazione di sole 5 aziende, suddivise territorialmente in unità organizzative territoriali (UOG), che rappresentano le articolazioni operative dell azienda, in cui si realizzerà l incontro con le istanze dei cittadini e degli utenti del sistema dell edilizia residenziale pubblica. Il Consiglio territoriale, in cui siede una rappresentanza dei Sindaci del territorio, è invece la sede di incontro e confronto per la definizione delle politiche abitative dell intero ambito coperto dall Azienda. Per quanto riguarda la governance, la principale novità - oltre al già citato Consiglio territoriale - riguarda l esigenza di ridurre i costi della politica, individuando un unico amministratore al posto dell attuale consiglio di amministrazione. Viene mantenuta una netta distinzione tra i compiti di indirizzo e quelli più propriamente gestionali, attribuiti esclusivamente al Direttore generale. Per quanto concerne i rapporti con Regione Lombardia, la Lr 27/2009 come modificata dalla Lr 17/2013, conferma per la Regione la funzione di coordinamento, vigilanza e controllo sulle Aziende lombarde per l'edilizia residenziale (art. 2, comma 1, lettera p). Inoltre, la Giunta regionale fissa i criteri e i parametri per la valutazione dell'efficacia degli interventi delle ALER, nonché per l'efficienza del loro funzionamento; tali criteri e parametri tengono conto del rapporto fra personale impiegato, risorse e patrimonio gestito (art. 5, comma 4, L.r. 27/2009). L attività di coordinamento, vigilanza e controllo sulle ALER viene esercitata sia sugli organi (art. 16, comma 3, L.r. 27/2009), che sugli atti (L.r. 27/2009: art. 24, comma 1, art. 23 commi 2, 3 e 4, art. 14). Coerentemente con la natura dell ente, non è previsto, un controllo generalizzato sugli atti e il controllo sugli organi (Presidente) è limitato ai casi previsti dalla legge (art. 16 e 24, Lr 27/2009). Per dare attuazione al disposto normativo di cui sopra, la Giunta regionale approva annualmente le direttive alle ALER, quali atti di indirizzo e programmazione, relativamente a differenti tematiche, richiedendone il recepimento sia agli organi di amministrazione che alla dirigenza apicale delle stesse ALER. 1

5 2. Ambito di applicazione delle Direttive regionali per il 2014 Le disposizioni contenute nelle deliberazioni della Giunta regionale di seguito elencate sono abrogate e sostituite con le disposizioni delle presenti Direttive che hanno validità anche per gli anni successivi, a meno di espressa abrogazione: - DGR del 23 dicembre 2009 n Determinazioni per i soggetti del sistema regionale Allegato C - DGR del 29 dicembre 2010 n.1151 Determinazioni per i soggetti del sistema regionale per l anno 2011 Allegato D - DGR del 6 dicembre 2011 n.2628 Determinazioni per i soggetti del sistema regionale per l anno 2012 Allegato C - DGR del 26 ottobre 2012 n.4356 Direttive 2013 alle Aziende Lombarde per l Edilizia Residenziale - DGR del 27 giugno 2013 n. 318 Linee guida per favorire una maggiore trasparenza in acquisizione di beni e servizi e affidamento lavori - DDUO del 14 maggio 2010 n Istituzione del Centro unico di vigilanza e controllo La competente Unità Organizzativa Programmazione delle Politiche Abitative della Direzione generale Casa, Housing sociale e Pari opportunità, assume la funzione di Centro unico di vigilanza e controllo sulle Aler, che opera al fine di garantire: - sistematicità nell attività di vigilanza e controllo sugli atti e le attività delle Aler; - sistematicità dei flussi informativi verso la Presidenza della Giunta regionale in ordine agli esiti dell attività di vigilanza e controllo sull attività e sugli organi delle ALER; - un riferimento funzionale unitario per le Aler e gli organi di controllo interni alle Aziende stesse, in ordine agli adempimenti derivanti dagli atti di programmazione, indirizzo e controllo della Giunta regionale nei confronti delle Aler; Nello svolgimento dell attività di vigilanza e controllo sulle Aler, il Centro unico di vigilanza e controllo: - monitora gli adempimenti da parte delle Aler connessi agli atti di indirizzo ed agli obiettivi regionali assegnati alle Aler; - verifica la completezza e la conformità delle informazioni acquisite, connesse agli adempimenti richiesti e si attiva in ordine a ritardi o mancati adempimenti, verificandone le ragioni ed assegnando un congruo tempo per adempiere; - predispone report e relazioni periodiche agli organi e alle strutture della Giunta regionale, in ordine agli esiti dell attività di vigilanza e controllo sulle attività e sugli organi delle Aler. Il Centro unico di vigilanza e controllo nel corso del 2014, oltre al monitoraggio degli adempimenti richiesti, procederà ad effettuare una o più verifiche in loco presso ciascuna ALER, per accertare l andamento della gestione anche al fine di attivare le eventuali o necessarie misure correttive, in caso di ritardi o inadempimenti. Gli esiti delle verifiche in loco formeranno oggetto di un apposito Rapporto contenente le raccomandazioni con relative modalità e tempi di adeguamento, che sarà inoltrato al legale rappresentante dell ALER e al suo direttore generale. La Direzione generale Casa, Housing sociale e Pari opportunità, predispone un Rapporto annuale contenente gli esiti: a. dell attività di vigilanza e controllo sulle Aler effettuata dal Centro unico regionale; b. del monitoraggio degli adempimenti previsti dalle Direttive regionali; 2

6 c. dello stato di attuazione degli obiettivi assegnati ai direttori generali delle Aler di cui alle relazioni semestrali, ai sensi dell art. 19, comma 7, lettera e) della l.r. n. 27/2009. Il Rapporto annuale sarà inoltrato al legale rappresentante dell Aler, al Direttore generale e alla Presidenza della Giunta regionale, ferma restando eventuali specifiche informative al Presidente della Giunta regionale in merito ad atti o fatti meritevoli di attenzione. La relazione semestrale sullo stato sullo stato di attuazione degli obiettivi assegnati al direttore generale dell Aler, ai sensi dell art. 19, comma 7, lettera e) della l.r. n. 27/2009, è trasmessa a cura del direttore generale al Centro unico di vigilanza e controllo entro il 30/6/2014 ed entro il 31/12/ Attuazione della Lr 2 dicembre 2013, n. 17 Allo scopo di promuovere un processo organico e coordinato di transizione verso il nuovo assetto di governance stabilito dalla Lr 17/2013, con riguardo particolare ai processi di fusione per incorporazione che devono concludersi entro 12 mesi dall entrata in vigore della citata legge regionale di modifica (art. 27, come modificato dalla Lr 17/2013), la Direzione generale Casa, Housing sociale e Pari opportunità, attiverà, successivamente alla nomina dei Presidenti e dei Direttori generali delle 5 nuove Aler, un azione di raccordo tecnico con le Aler, avvalendosi se necessario, del supporto tecnico-specialistico degli enti e delle società del sistema regionale di cui alla Lr 30/2006. SEZIONE INDIRIZZI In questa sezione, sono riportati gli Indirizzi annuali, intesi come obiettivi aziendali per l anno 2014, ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 16 e 19 della Lr 17/2013 come modificata e integrata dalla Lr 17/ Per le Aler interessate dai processi di accorpamento ai sensi dell art. 27, comma 1 della Lr 27/2009, come modificata e integrata dalla Lr 17/2013; completare entro il 30 giugno 2014 le attività necessarie e propedeutiche alla fusione per incorporazione, in particolare, il progetto di fusione per incorporazione semplificata ex art 2505 c.c. e la ricognizione dei rapporti giuridici attivi e passivi, inclusi quelli relativi al personale, ai beni patrimoniali e ai rapporti economico finanziari, ai sensi della D.g.r. n. 1207/13; Si ricorda che ai sensi dell art. 27, comma 11 della Lr 27/2009, come modificata dalla Lr 17/2013, il presidente di ciascuna ALER definisce e approva entro 180 gg dall insediamento il piano organizzativo di riassetto delle società partecipate e controllate, al fine di una loro razionalizzazione, con adeguate forme di tutela dei posti di lavoro. 2. Per la sola Aler di Milano; adottare entro il 30 giugno 2014 il piano di risanamento aziendale coerente con le risultanze della due diligence; 3. Per l anno 2014 è vietata l assunzione di nuovo personale. Ciascuna ALER è altresì tenuta a salvaguardare gli attuali livelli occupazionali del personale in servizio, come peraltro espressamente stabilito dell art. 27, comma 11 della Lr 27/2009, come modificata e integrata dalla Lr 17/2013. Per la sola Aler di Milano, tale divieto è limitato alle assunzioni di personale a tempo indeterminato, in considerazione del processo di risanamento aziendale che verrà avviato sulla base degli esiti della Due Diligence regionale. 3

7 4. Avviare interventi di recupero per l incremento dell offerta abitativa, attraverso la riduzione significativa (obiettivo-target di riferimento per il 2014: 30% di alloggi interessati da interventi) del numero di alloggi sfitti, sia attraverso azioni dirette di riqualificazione, sia mediante il coinvolgimento di soggetti del terzo settore e degli inquilini. 5. Promuovere gestioni unitarie di funzioni o servizi a carattere trasversale tra le varie Aler nella nuova configurazione di cui alla l.r. 17/2013, attraverso le quali sia possibile recuperare efficienza economica, gestionale e finanziaria. 6. Procedere al riesame dei Programmi di vendita degli alloggi di edilizia residenziale pubblica già autorizzati ma non realizzati, individuando forme alternative di valorizzazione del patrimonio. 7. Sostenere la qualità dell abitare sociale nei quartieri ERP, promuovendo nuove forme di gestione economicamente sostenibili con l obiettivo di costruire comunità di inquilini maggiormente responsabili e partecipative. 8. Per la sola Aler di Milano, attivare un presidio ad hoc per le emergenze entro il primo quadrimestre 2014 dandone informazione al Centro unico di vigilanza e controllo entro i 10 giorni successivi all attivazione. 9. Per quanto riguarda il compenso del Collegio dei Sindaci, non superare quello massimo previsto ai sensi del comma 11 dell articolo 2 della legge regionale 17 dicembre 2012, n. 18 (Legge finanziaria 2013). SEZIONE REGOLE In questa sezione, articolata in aree tematiche, vengono fissate le regole cui le ALER devono obbligatoriamente conformarsi secondo le modalità ed i tempi stabiliti dalle disposizioni medesime. Tali disposizioni hanno validità anche per gli anni successivi, a meno di espressa abrogazione. Area economico-finanziaria Il presupposto per la misurazione e la comparazione dell efficienza e dell economicità gestionale è rappresentato dalla sistematizzazione ed uniformazione dei criteri e delle procedure per la programmazione e la gestione finanziaria delle attività. A tal fine le ALER adottano gli schemi di seguito riportati e si adeguano per la gestione e la relativa consuntivazione a partire dall esercizio 2014, per la programmazione a partire dall esercizio 2015: a. Schema unico di Piano dei Conti e dei relativi criteri di rappresentazione dei valori economici espressi nelle riclassificazioni di conto economico e stato patrimoniale (Allegati ); b. Schema unico per la rilevazione trimestrale della gestione finanziaria, da restituire sia quali stime previsionali sia per i flussi effettivi (Allegato 5); c. Indicatori per la misurazione dell efficienza e della economicità della gestione (Allegato 6), finalizzati a misurare: la Liquidità; l Indebitamento; l Incidenza del personale; l Incidenza dei costi di amministrazione e generali; la Capacità di spesa per manutenzioni; 4

8 Il bilancio consuntivo per l anno 2014 dovrà essere redatto in forma unitaria fra l Aler incorporante e le Aler incorporate, mantenendo in allegato al bilancio stesso i bilanci consuntivi per l anno 2014 per ciascuna delle Aler che costituiscono l azienda ai sensi della l.r. 17/2013. Composizione del credito e Fondo svalutazione crediti: le ALER sono tenute a redigere un prospetto, allegato al bilancio consuntivo, che dettagli la composizione del credito lordo verso gli utenti, suddiviso per anno di insorgenza del credito e che ripartisca sui vari anni la dimensione del Fondo svalutazione crediti complessivo. Il Direttore generale dell Aler è tenuto a dare riscontro entro 30 giorni al Centro unico di vigilanza e controllo in merito a rilievi ai sensi dell art. 24, comma, l.r. 27/2009. Entro il 30 aprile 2014, il direttore generale di ciascuna Aler trasmette al Centro unico di vigilanza e controllo, una nota in forma tabellare con l indicazione dei valori economici complessivi sostenuti nell anno fiscale 2013 e riferiti alle seguenti imposte: IMU, IRAP, IRES, IVA pro-rata, Registro e Bollo. Ai fini di trasparenza e come previsto dalla vigente normativa, le ALER pubblicano in apposita sezione del sito internet aziendale il bilancio consuntivo redatto ai sensi della IV direttiva CEE, composto da conto economico, stato patrimoniale e nota integrativa. La competente Unità Organizzativa della Direzione generale Casa, Housing sociale e Pari opportunità, nel corso del 2014, proseguirà l attività del Gruppo di Lavoro tecnico insieme ai referenti di ciascuna Aler allo scopo di approfondire e sviluppare linee guida comuni in tema di organizzazione dei sistemi di controllo di gestione e dei relativi centri di costo. Il Collegio dei sindaci trasmette al Centro unico di vigilanza e controllo, copia dei verbali delle sedute entro i 10 giorni successivi ad ogni seduta. Il Centro unico di vigilanza e controllo può chiedere chiarimenti e approfondimenti nei successivi 30 giorni lavorativi, definendo in tale sede il termine per il riscontro previsto in ragione della complessità dei rilievi formulati. Il verbale del Collegio dei Sindaci deve dare evidenza: - della data e del luogo della riunione; - dei sindaci intervenuti e di quelli assenti, con specifica indicazione di quelli che hanno giustificato la propria assenza; - delle persone, che invitate, sono intervenute alla riunione e della loro qualifica; - dell attività svolta e degli accertamenti eseguiti distintamente per quanto concerne: a) osservanza della legge e dello statuto; b) rispetto dei principi di corretta amministrazione; c) adeguatezza dell assetto organizzativo, amministrativo e contabile; - degli accertamenti eseguiti in ordine al fatto che gli amministratori abbiano oppure non abbiano compiuto operazioni: a) estranei all oggetto sociale; b) in cui un amministratore abbia un interesse per conto proprio o di terzi; c) che possono compromettere l integrità del patrimonio sociale; d) in contrasto con le deliberazioni assunte dal Consiglio di Amministrazione; - delle conclusioni raggiunte e delle eventuali deliberazioni; - di documenti eventualmente pervenuti al collegio da altri organi, comitati o soggetti. Il Collegio dei sindaci dovrà, altresì, rappresentare in modo espresso e puntuale nella Relazione allegata al Bilancio Consuntivo, elementi di specifica valutazione, in merito ai seguenti aspetti gestionali: a. risultato di bilancio; b. gestione dei proventi derivanti da alienazione di immobili; 5

9 c. andamento della morosità; d. avanzamento dell attuazione dei programmi di manutenzione; e. movimentazione del patrimonio, con particolare riferimento alle varie voci inerenti le riserve; f. adeguatezza della pianta organica ed efficacia delle consulenze; g. esposizione finanziaria relativamente a mutui ed anticipazioni; h. principali movimentazioni di cassa nel corso dell anno e situazione a fine esercizio; i. valutazione in merito alle Società partecipate, ove presenti, incentrata sull economicità e coerenza di tali partecipazioni rispetto alla mission aziendale; j. aree di criticità in ordine alla gestione. La relazione del Collegio Sindacale allegata al bilancio dovrà necessariamente contenere un paragrafo conclusivo recante le osservazioni e le proposte del Collegio medesimo. Il Collegio Sindacale entro il 30 aprile di ciascun anno dovrà redigere e trasmettere al Centro unico di vigilanza e controllo una informativa con riguardo alle società partecipate, laddove presenti, che includa tutte le notizie di interesse per la Giunta Regionale, tra le quali l oggetto sociale di dette società, i motivi per mantenere la partecipazione in relazione agli obiettivi strategici dell Aler, il risultato economico, l indice di indebitamento e l indice di liquidità e il budget previsionale. Area Organizzazione e Personale Ciascuna Aler : entro i successivi 90 giorni dalla fusione per incorporazione dovrà provvedere: a. all istituzione dell Organismo di Vigilanza ai sensi e per gli effetti del DLgs n. 231/2001; b. ad indicare il responsabile dell attuazione del piano di prevenzione della corruzione che potrà essere individuato anche nell'o.d.v. di cui al p.to a); c. all istituzione di apposite strutture di internal audit. entro gli ulteriori 180 giorni dovrà provvedere: d. all adozione dei MOG ai sensi e per gli effetti del DLgs n. 231/2001 ed alla loro pubblicazione sul sito internet aziendale; e. all adozione del Codice Etico ed alla sua pubblicazione sul sito internet aziendale. Il Direttore generale dell Aler provvede entro 5 giorni lavorativi all inoltro al Centro unico di vigilanza e controllo degli esiti derivanti dall attività svolta dagli Organismi di Vigilanza e dalla struttura di internal audit. Per quanto concerne le collaborazioni professionali, si ritiene opportuno precisare che il loro conferimento da parte della pubblica amministrazione è disciplinato dall art. 7, commi 6, 6-bis e ss del d.lgs. 165/01. Le Aler, in quanto enti pubblici economici (art. 11 l.r. nr.27/2009 ), non sono ricomprese tra le pubbliche amministrazioni soggette alla disciplina del d.lgs. 165/2001. Tale esclusione, tuttavia, non può essere interpretata nel senso che le ALER sono sollevate dall obbligo di conformarsi ai canoni di trasparenza, pubblicità, parità di trattamento nelle procedure di acquisizione delle collaborazioni professionali. In conclusione, anche per le ALER trova applicazione il rispetto delle procedure delineate dall articolo 7, commi 6 e seguenti del Dlgs. 165/01. Per l anno 2014 e comunque sino al completamento del processo di fusione per incorporazione, è vietata la costituzione di nuove società o enti strumentali, nonché l acquisizione di partecipazioni in società già costituite. 6

10 Area Contratti Fatte salve le scelte proprie del Responsabile Unico di Procedimento, si invitano le aziende a individuare le modalità di gara più appropriate al fine di garantire l attuazione tempestiva e qualitativamente migliore degli interventi, privilegiando il ricorso al criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa. A tal fine, entro il 30 giugno 2014, il Direttore Generale di ciascuna ALER trasmette al Centro unico di vigilanza e controllo la relazione semestrale ai sensi dell art. 19, comma 7, lett. e) della LR n. 27/2009, di cui alla Sezione generale, punto 3, dando conto delle scelte operate e dei tempi medi di attuazione degli interventi, distinguendo tra aggiudicazione mediante offerta economicamente più vantaggiosa e massimo ribasso. Tale relazione contiene altresì un prospetto di sintesi in merito alle procedure di gara, evidenziando il ricorso a procedure tradizionali o telematiche (SINTEL). Con le norme emanate dai provvedimenti in tema di Spending Review (DL n. 52/2012 e n. 95/2012, rispettivamente convertiti con L. n. 94/2012 e n. 135/2012) e con la legge di stabilità 2013 il Legislatore nazionale ha reso più pervasivo il programma di razionalizzazione degli acquisti delle pubbliche amministrazioni, delineando un obbligo generalizzato di ricorrere ai sistemi di acquisizione posti in essere da Consip e dalle centrali di acquisizione territoriali (ARCA in Lombardia), riducendo l acquisto autonomo a una facoltà residuale, il cui utilizzo è sottoposto a dei parametri restrittivi. Per quanto attiene l alienazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, prosegue la collaborazione sperimentale delle Aler con Agenzia Regionale Centrale Acquisti (ARCA) per la gestione delle aste mediante procedure telematiche e l utilizzo dei canali di comunicazione istituzionali messi a disposizione dall Agenzia ARCA al fine di garantire maggiore visibilità e pubblicità al patrimonio posto in vendita; le ALER devono comunicare preventivamente i dettagli informativi necessari per la pubblicazione all Agenzia ARCA. Le ALER sono pertanto tenute: - ad aderire alle Convenzioni attivate dall Agenzia Regionale Centrale Acquisti (ARCA), tramite l utilizzo del Negozio elettronico (NECA); - a partecipare alle campagne di raccolta fabbisogni proposte da ARCA al fine di valutare la fattibilità di gare aggregate regionali, fornendo le stime di fabbisogno relative alle varie categorie merceologiche richieste; - a utilizzare SINTEL per l acquisizione di beni e servizi e di norma anche per l affidamento di lavori, senza vincoli relativi all importo oggetto della trattativa. Eventuali deroghe saranno preventivamente valutate dalle singole Aziende con ARCA. L affidamento di beni, servizi e lavori con il sistema del cottimo fiduciario, qualora vi siano le condizioni per ricorrervi, deve avvenire nel rigoroso rispetto dei principi di efficacia, efficienza ed economicità dell azione amministrativa, nonché del principio di libera concorrenza, non discriminazione, trasparenza, rotazione, proporzionalità e imparzialità. Le ALER si conformano, per l acquisizione di servizi e forniture in economia, alla disciplina ex all. A DGR IX/2534 del 2011 Acquisizione di beni e servizi in economia ed istituzione dell elenco fornitori telematico della Giunta Regionale della Lombardia e della DGR X/318 del 27/06/2013 Linee guida alle Aziende Lombarde per l edilizia residenziale (ALER) per favorire una maggiore trasparenza nell acquisizione di beni e servizi e nell affidamento di lavori, istituendo/migrando il proprio Elenco/Albo di operatori economici nell Elenco Fornitori Telematico presente in Sintel. 7

11 Area Tecnica e Patrimonio Le ALER devono garantire che il patrimonio immobiliare sia costantemente mantenuto in buono stato di conservazione, con attenzione ai necessari interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria da programmare annualmente, privilegiando l utilizzo immediato delle risorse effettivamente disponibili. Un attenzione particolare deve essere prestata alla programmazione degli interventi che comportano la riqualificazione energetica degli edifici, unitamente ad un adeguato avanzamento delle relative attività progettuali finalizzate all accesso a possibili finanziamenti che dovessero rendersi disponibili, sia con fondi di provenienza nazionale che nell ambito della programmazione comunitaria 2014/2020. Le ALER devono allegare ai bilanci aziendali il Programma di manutenzione con le modalità ed i contenuti previsti da Decreto dirigenziale del 26 novembre 2009, n Linee guida per la predisposizione e la trasmissione alla Giunta regionale dei Programmi di manutenzione. La competente Unità Organizzativa della Direzione generale Casa, Housing sociale e Pari opportunità, nel corso del 2014, attiverà un Gruppo di Lavoro tecnico insieme ai referenti di ciascuna Aler allo scopo di valutare le strategie di manutenzione più adeguate in relazione alle caratteristiche degli immobili e le possibili implementazioni ai programmi di manutenzione in essere. Il Direttore Generale di ciascuna ALER trasmette, entro il 31 dicembre 2014, un resoconto sintetico delle attività svolte, al fine di monitorare criticità ricorrenti nei tempi e nelle modalità di risposta ed evidenziare possibili correttivi. Con cadenza semestrale, entro il 30 giugno e il 31 dicembre, il Direttore Generale di ciascuna ALER trasmette al Centro unico di vigilanza e controllo, i seguenti prospetti ricognitivi, in forma tabellare, relativi a: - Alloggi sfitti, raggruppati per Comune di localizzazione degli alloggi: a. numero complessivo di alloggi che necessitano di interventi di recupero/ristrutturazione e manutenzione; b. numero complessivo di alloggi per i quali sono in corso interventi di recupero/ristrutturazione e manutenzione; c. numero complessivo di alloggi recuperati e riassegnati nel semestre di riferimento; - Alloggi occupati abusivamente, raggruppati per Comune di localizzazione degli alloggi: a. numero complessivo degli alloggi occupati abusivamente; b. numero complessivo persone occupanti; c. stima del valore economico della mancata riscossione dei canoni (calcolato sul valore del canone base mensile) nel semestre di riferimento; - Alloggi assegnati in deroga, ai sensi degli artt. 14 e 15 del Reg. reg. n. 1/2011, raggruppati per Comune di localizzazione degli alloggi: a. numero complessivo alloggi assegnati nel semestre di riferimento; b. numero complessivo persone alloggiate nel semestre di riferimento; c. stima del valore economico della eventuale mancata riscossione dei relativi canoni nel semestre di riferimento. Le ALER devono allegare ai bilanci aziendali il Piano per la sicurezza relativo alle unità abitative occupate abusivamente secondo le modalità ed i contenuti previsti dalla DGR del 7 ottobre 2009, n

12 Entro il 30 giugno del 2014 il Direttore Generale di ciascuna ALER trasmette al Centro unico di vigilanza e controllo, i seguenti prospetti ricognitivi, in forma tabellare: - Condomini misti, raggruppati per Comune di localizzazione degli alloggi: a. numero complessivo stabili e numero complessivo alloggi; - Autogestioni, raggruppate per Comune di localizzazione degli alloggi: a. numero complessivo degli alloggi e degli inquilini complessivamente interessati; Ulteriori dati e informazioni, in forma tabellare o riassuntiva, necessari all'attività istituzionale di Regione Lombardia, dovranno essere forniti dal Direttore generale di ciascuna Aler, a richiesta, anche in relazione alle necessità dell'osservatorio regionale sulla condizione abitativa Entro il 30 giugno del 2014 il Direttore Generale di ciascuna ALER trasmette al Centro unico di vigilanza e controllo la rendicontazione dei Programmi di valorizzazione e razionalizzazione del patrimonio autorizzati dalla Giunta Regionale, con particolare riferimento al numero delle unità abitative alienate, all ammontare dei proventi percepiti ed al relativo utilizzo effettuato e programmato. Non potranno comunque essere autorizzati nuovi Programmi, in mancanza di una rendicontazione puntuale rispetto a quelli esistenti. Entro il 30 settembre del 2014, inoltre, il Direttore Generale di ciascuna ALER trasmette al Centro unico di vigilanza e controllo il Piano di reinvestimento delle economie accertate a seguito della chiusura dei procedimenti loro trasferiti in materia di edilizia residenziale pubblica, in attuazione dell art. 13 della l.r. 27/2009, così come modificata con l.r. 17/2013. Resta inteso che per le Aler incorporande, il suddetto Piano di reinvestimento, nel rispetto della scadenza indicata, dovrà essere preventivamente autorizzato ai sensi della D.g.r. 300 del 19 giugno 2013 dal Direttore Generale Casa, Housing Sociale e Pari Opportunità. Area Comunicazione, Qualità dei servizi e dell abitare sociale Il cittadino/utente è punto di riferimento e destinatario principale cui l ALER deve rispondere in quanto soggetto pubblico a cui l utente chiede di essere rappresentato. A tal fine l azione amministrativa e gestionale deve essere improntata alla cultura del servizio di qualità e tendere alla soddisfazione dei destinatari garantendo, tra gli altri, il diritto di accesso ai flussi informativi, l orientamento in modo unitario e integrato al sistema dei servizi alla persona, chiarezza amministrativa, omogeneità, aggiornamento, consultabilità dei dati, tempestività di risposta, con particolare attenzione a chi, per difficoltà personali e sociali, non è in grado di farlo in modo autonomo. Nell esercizio di tale attività le aziende tutelano il diritto di accesso all informazione dei cittadini al sistema aziendale secondo criteri di trasparenza, equità, fruibilità. A tal fine le Aler devono adottare e pubblicare entro il 30 giugno 2014, la Carta unificata dei Servizi delle ALER di cui all allegato schema (Allegato 7) facendo specifico riferimento ai parametri e agli indicatori dei livelli di servizio in essa indicati quali strumenti di riferimento per misurare la qualità dei servizi erogati ai propri utenti, ed effettuare, entro il 30 giugno 2015, una ricognizione della qualità percepita attraverso appositi strumenti e periodici momenti di confronto con gli utenti (customer satisfaction), nel pieno rispetto del principio della trasparenza. Il sito web dell Azienda deve essere periodicamente aggiornato e devono essere messi a disposizione del cittadino tutte le informazioni sui servizi offerti dall Azienda, le modalità di accesso e le relative modulistiche. Le Aler devono inoltre garantire l accesso alle informazioni e agli atti approvati dall azienda di cui è prevista la pubblicazione online, avendo cura di aggiornare dati e schede informative lì ove necessario, assicurando qualità informativa e immediata reperibilità 9

13 delle informazioni di interesse pubblico, ottemperando peraltro a tutte le previsioni della normativa vigente in materia di pubblicità e trasparenza (DL.gs 33/2013). Le Aler sono tenute a condividere preventivamente con la Direzione Generale Casa, Housing sociale e Pari opportunità, il piano annuale di comunicazione e le iniziative di comunicazione da realizzare: eventi di carattere pubblico/sociale, inaugurazioni nuovi interventi di edilizia residenziale pubblica, conferenze stampa, pubblicazioni, con particolare riferimento a quelle iniziative in cui è previsto un forte coinvolgimento dei cittadini e dei diversi attori sociali e avendo cura di utilizzare il logo abbinato Regione/Aler su ogni azione e prodotto di comunicazione pubblica. Al fine di migliorare la relazione con i cittadini, utenti dei servizi abitativi, e la propria capacità organizzativa e funzionale sperimentando nuove forme di gestione sociale le Aler sono tenute a presentare almeno una proposta progettuale in relazione alla specifica iniziativa regionale, di prossima attivazione, denominata Laboratori sociali di quartiere: nuovi spazi di attivazione sociale. Tale iniziativa, promossa e finanziata da Regione Lombardia, costituisce un importante occasione per le Aler di sviluppare contenuti gestionali innovativi e maggiormente coerenti con la loro funzione sociale, legata alle specifiche caratteristiche dei cittadini per i quali esse garantiscono la buona conduzione e il mantenimento delle abitazioni". Ai fini della condivisione delle iniziative istituzionali di interesse territoriale, le Aler devono inoltre garantire un costante raccordo con le Sedi Territoriali Regionali (STER) di riferimento nell ambito delle azioni di comunicazione integrata e partecipare agli incontri periodici (Tavolo comunicazione integrata) organizzati dalla Direzione Generale Casa, Housing sociale e Pari opportunità, per favorire l aggiornamento, la condivisione delle iniziative e il coinvolgimento reciproco. ALLEGATI - Schema Piano dei conti stato patrimoniale/conto economico; - Schema Stato patrimoniale riclassificato; - Schema Conto economico riclassificato; - Indicatori gestione economico/finanziaria; - Schema flussi trimestrali di cassa; - Schema Carta unificata dei Servizi delle ALER. 10

14 PIANO DEI CONTI - STATO PATRIMONIALE sp1 ATTIVO ELENCO VOCI CONTABILI VOCE DI RIFERIMENTO NELLO S.P. RICLASSIFICATO CREDITI PER CAPITALE DI DOTAZIONE DELIBERATO DA VERSARE Crediti per capitale di dotazione deliberato da versare IMMOBILIZZAZIONI IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Costi di impianto e ampliamento D1 Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità D2 Diritto di brevetto industriale e diritti utilizzazione delle opere dell'ingegno Software di proprietà Fondo amm.to software di proprietà Software in licenza d'uso Fondo amm.to software in licenza d'uso D3 Concessioni, licenze, marchi e diritti simili Logo aziendale D4 Avviamento Avviamento D5 Immobilizzazioni in corso e acconti Aree Urbanizzazioni Indagini geognostiche Imprevisti Spese tecniche generali D6 Altre immobilizzazioni immateriali Software di produzione interna Fondo amm.to software di produzione interna Altre immobilizzazioni immateriali D7 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Terreni e fabbricati Terreni Stabili di proprietà in locazione E1 E1

15 Fondo amm.to stabili di proprietà in locazione Stabili in propriet. superficiaria in locazione Fondo amm.to stabili in proprietà superficiaria in locazione Stabili di proprietà ad uso diretto Fondo amm.to stabili di proprietà ad uso diretto Stabili in proprietà superficiaria ad uso diretto Fondo amm.to stabili in proprietà superficiaria ad uso diretto Stabili di proprietà in promessa vendita Altri stabili meno E1 E1 meno E1 E1 meno E1 E1 meno E1 E1 E1 Impianti e macchinari Impianti generici Fondo amm.to impianti generici Impianti specifici Fondo amm.to impianti specifici Macchinari Fondo amm.to macchinari E2 meno E2 E2 meno E2 E2 meno E2 Attrezzature industriali e commerciali Attrezzature Fondo amm.to attrezzature Impianti di allarme, fotografici ed audiovisivi Fondo amm.to impianti di allarme, fotografici ed audiovisivi E3 meno E3 E3 meno E3 Altri beni Mobili Fondo amm.to mobili Arredi Fondo amm.to arredi Macchine ufficio elettroniche Fondo amm.to macchine ufficio elettroniche Autovetture e furgoni Fondo amm.to autovetture e furgoni Altri beni materiali Fondo amm.to altri beni materiali E4 meno E4 E4 meno E4 E4 meno E4 E4 meno E4 E4 meno E4 Immobilizzazioni materiali in corso e acconti Acconti ad imprese Interventi costruttivi Interventi di recupero E5 E5 E5 IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE Partecipazioni Partecipazioni in imprese controllate Partecipazioni in imprese collegate Partecipazioni in altre imprese F1)a) F1)b) F1)c) Crediti con scadenza oltre l'esercizio successivo Crediti verso imprese controllate Crediti verso imprese collegate Crediti verso Stato Crediti verso altri Enti Pubblici Crediti verso altri F3a) F3b) F3c) F3e) F3f)

16 Crediti verso Regione Crediti verso utenti Crediti verso clienti F3d) F3g) F3h) Altri titoli Altri titoli immobilizzati F2 ATTIVO CIRCOLANTE RIMANENZE Materie prime sussidiarie e di consumo Materiali Aree destinate alla vendita C.c)1) Prodotti in corso di lavorazione e semilavorati Nuove costruzioni in corso destinate alla vendita Interventi di recupero destinati alla vendita C.c)2) Lavori in corso su ordinazione Interventi edilizi per conto terzi destinati alla vendita C.c)3) Prodotti finiti Fabbricati ultimati destinati alla vendita C.c)4) Acconti a fornitori Acconti a imprese C.c)5) CREDITI Crediti verso utenti e clienti Crediti verso utenti in locazione B1) Crediti da servizi a rimborso per fatture da emettere (conguaglio) B1) Crediti e rimborsi gestione stabili per conto terzi B2) Corrispettivi e rimborsi gestione stabili in condominio B2) Corrispettivi e rimborsi diversi per gestione stabili B1) Crediti per dilazioni B1) Crediti da alienazioni B2) Crediti verso altri clienti B2) Crediti per fatture da emettere B2) Fondo svalutazione crediti meno B1) Crediti verso imprese controllate Crediti verso imprese controllate B3) Crediti verso imprese collegate Crediti verso imprese collegate B4) Crediti per Gestione speciale Crediti v/cer B5) Altri crediti gestione speciale B5) Crediti verso altri Crediti verso Stato Crediti verso Regione Crediti verso altri Enti territoriali Crediti verso Erario B6)a) B6)b) B6)c) B6)e)

17 Crediti verso Enti mutuanti per somme da erogare Crediti diversi B6)f) B6)g) ATTIVITA' FINANZIARIE CHE NON COSTITUISCONO IMMOBILIZZAZIONI Partecipazioni in imprese controllate Partecipazioni in imprese controllate C.a)1) Partecipazioni in imprese collegate Partecipazioni in imprese collegate C.a)2) Altre partecipazioni Altre partecipazioni C.a)3) Altri titoli Titoli obbligazionari Titoli di Stato B.O.T. C.a)4) C.a)4) C.a)4) Altri crediti - attività che non costituiscono immobilizzazioni Banca d'italia C.a)4) DISPONIBILITA' LIQUIDE Depositi bancari e postali Depositi bancari presso cassiere Altre banche Poste A3)a) A3)b) A3)c) Assegni Assegni A2) Denaro e valori in cassa Piccola cassa o Cassa contanti A1) Valori bollati A1) RATEI E RISCONTI ATTIVI Ratei e risconti attivi Ratei attivi Risconti attivi Risconti attivi pluriennali C.b)1) C.b)1) G1 sp2 PATRIMONIO NETTO PATRIMONIO NETTO Capitale P1) Dotazioni Devoluzioni Donazioni Riserve di rivalutazione P2) Riserve di rivalutazione Riserva legale P3)

18 Fondo di riserva Riserve statutarie Fondo finanziamento e sviluppo investimenti Altre Riserve Riserva contributi accantonati art. 55 TUIR : Riserva contributi c/capitale dello Stato e di altri Enti Riserva contributi c/capitale di Regione Lombardia P4)a) Riserva Contrib. In c/capitale ex CER (STATO) utilizzo fondi G.S. L.513/77 e L.560/93 Riserva Contrib. In c/capitale ex l.r. 27/2009 (ex l.r. 27/2007 e l.r. 6/2007) Altre riserve: Riserve facoltative Fondo contributi frazionati art. 55 TUIR Riserve da arrotondamento Riserva acquisizione alloggi (titolo gratuito) Riserva per sviluppo e conservazione del patrimonio P4)b) P4)b) P4)c) P4)b) P4)d) Utili o perdite portate a nuovo Utile portate a nuovo P5) Perdite portate a nuovo P5) Utile o perdita dell'esercizio Utile d'esercizio P6) Perdita d'esercizio P6) sp3 PASSIVO FONDI PER RISCHI ED ONERI Fondi per trattamento di quiescenza e obblighi simili Fondi per trattamento di quiescenza e obblighi simili Fondi per imposte Fondi per imposte a breve termine Fondi per imposte a medio/lungo termine Altri fondi Altri fondi a breve termine Altri fondi a medio/lungo termine Fondo manutenzione Fondo manutenzione a breve termine Fondo manutenzione a medio/lungo termine N2b) L1 N1 L2b) N2)b) L2)a) N2)a) TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO Fondo trattamento di fine lavoro subordinato Fondo trattamento di fine rapporto (in Azienda) Fondo integrativo di previdenza TFR accantonato presso INPS M4 N2b) M4 DEBITI Prestiti obbligazionari M2) Prestiti obbligazionari Debiti bancari e postali Debiti verso Tesoriere entro 12 mesi Debiti verso Tesoriere oltre 12 mesi Debiti verso banche entro 12 mesi Debiti verso banche oltre 12 mesi Debiti verso poste Mutui Mutui con contributo dello Stato e di altri Enti entro 12 mesi H5)a) M3)a) H5)b) M3)b) M3)c) H4

19 Mutui con contributo dello Stato e di altri Enti oltre 12 mesi Mutui senza contributi entro 12 mesi Mutui senza contributi oltre 12 mesi M1 H4 M1 Mutui edilizia agevolata entro 12 mesi H4) Mutui edilizia agevolata oltre 12 mesi M1) Acconti Acconti da clienti Anticipi da cessionari per acquisto alloggi H10 Debiti verso fornitori H1) Fornitori Fornitori c/fatture da ricevere Percettori di compensi Debiti rappresentati da titoli di credito H6) Debiti rappresentati da titoli di credito Debiti verso imprese controllate Debiti verso imprese controllate entro 12 mesi H7) Debiti verso imprese controllate oltre 12 mesi M3)e) Debiti verso imprese collegate Debiti verso imprese collegate entro 12 mesi H8) Debiti verso imprese collegate oltre 12 mesi M3)d) Debiti verso Stato (CER) per Gestione Speciale Contributi destinati ex art. 25 L.513/77 : Contributi non vincolati alle destinazioni ex art. 25 L.513/77 Altri contributi M3)f) Debiti tributari H2) Debiti tributari Debiti verso Erario per ritenute Debiti verso Istituti di previdenza e di sicurezza sociale H3) Enti previdenziali ed assistenziali Altri debiti Depositi cauzionali : M2) Enti diversi : H10) Debiti verso personale dipendente H10) Debiti diversi : Debiti diversi entro 12 mesi H10) Debiti diversi oltre 12 mesi M2) Contributi per investimenti ex L. 560/93 : M3)f) RATEI E RISCONTI PASSIVI Ratei e risconti passivi Ratei passivi I1) Risconti passivi I1) Risconti passivi pluriennali - immobili con contributo O1

20 PIANO DEI CONTI - CONTO ECONOMICO ce4 RICAVI CONTO VOCE DI RIFERIMENTO NEL C.E. RICLASSIFICATO VALORE DELLA PRODUZIONE RICAVI DELLE VENDITE E DELLE PRESTAZIONI Ricavi da vendita immobili Ricavi da immobili costruiti per la vendita Ricavi da immobili costruiti per locazione e successivamente destinati a vendita A1a) Canoni di locazione A1b) Canone Sociale Canone Moderato Altri canoni ERP Canoni per locazione temporanea Altri canoni non ERP Canoni per Box Canoni per Negozi Altri Canoni unità immobiliari ad uso diverso Canoni alloggi dei Comuni Indennità di occupazione di alloggi senza titolo Canoni diversi Affitti delle aree Altri proventi A1c) Proventi per amministrazione stabili Corrispettivo gestione unità immobiliari cedute Corrispettivo gestione unità immobiliari in locazione Compenso gestione alloggi c/terzi Compensi per gestioni condominiali A1d) tranne 2a voce A1)f) Compensi diversi Rimborsi per amministrazione stabili Rimborsi per bollettazione e riscossione canoni Rimborsi per stipulazione contratti Rimborsi per procedimenti legali Rimborsi utenze e servizi Rimborsi per spese reversibili per c/terzi Rimborsi Diversi A1d) tranne 4a voce A1)f) Rimborsi per manutenzione stabili Rimborsi da inquilini per spese di manutenzione A1e) Rimborsi da terzi per spese di manutenzione Corrispettivi diversi A1)g) Corrispettivi tecnici per altri interventi e c/terzi Corrispettivi diversi VARIAZIONI DEGLI INTERVENTI EDILIZI IN CORSO DI COSTRUZIONE O FINITI DESTINATI ALLA VENDITA A2)

DELIBERAZIONE N X / 993 Seduta del 29/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 993 Seduta del 29/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 993 Seduta del 29/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 Piano dei conti ATTIVITA' CREDITI PER QUOTE ASSOCIATIVE DA INCASSARE Crediti per quote associative da incassare Crediti

Dettagli

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita C) VARIAZIONE DELLE RISERVE TECNICHE -Riserve tecniche rami danni -Riserve

Dettagli

ALER BERGAMO. Bilancio al 31/12/2014

ALER BERGAMO. Bilancio al 31/12/2014 Reg. Imp. 444145/1996 Rea 0293663 ALER BERGAMO Sede in VIA MAZZINI 32/A - 24128 BERGAMO (BG) Capitale sociale Euro 99.874,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI. Bilancio al 31/12/2013

FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI. Bilancio al 31/12/2013 FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI Registro Imprese 640399 Rea 8508/87 Sede in via Plebiscito, 102-00186 Roma Fondo Consortile 439.916,51 Codice Fiscale 08060200584 Partita IVA 01951041001 Bilancio

Dettagli

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO Sede in VIA TRIBUNALI SNC - 83031 ARIANO IRPINO (AV) Codice Fiscale 02318880644 - Numero Rea AVELLINO 150113 P.I.: 02318880644 Capitale Sociale Euro 1.067.566

Dettagli

FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO. Bilancio al 31/12/2014

FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO. Bilancio al 31/12/2014 Sede in VIA SAN FRANCESCO DA PAOLA, 3-10123 TORINO (TO) Fondo di dotazione Euro 100.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A)

Dettagli

FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE PERUGIASSISI 2019. Bilancio al 31/12/2014

FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE PERUGIASSISI 2019. Bilancio al 31/12/2014 FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE PERUGIASSISI 2019 Sede in Perugia - via Mazzini 21 Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti

Dettagli

ABBANOA S.P.A. Bilancio al 31/12/2014. Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013

ABBANOA S.P.A. Bilancio al 31/12/2014. Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 ABBANOA S.P.A. Sede in VIA STRAULLU 35-08100 NUORO (NU) Capitale sociale Euro 236.275.415 interamente versati Iscritta al Registro Imprese di Nuoro al numero e codice fiscale 02934390929 Numero Repertorio

Dettagli

COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI MODENA. Bilancio al 31/12/2014

COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI MODENA. Bilancio al 31/12/2014 COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI MODENA Sede in VIA SCAGLIA EST 144-41100 MODENA (MO) Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

CONTO ECONOMICO PREVENTIVO 2014 PARCO REGIONALE DELLE ALPI APUANE CONTO ECONOMICO

CONTO ECONOMICO PREVENTIVO 2014 PARCO REGIONALE DELLE ALPI APUANE CONTO ECONOMICO CONTO ECONOMICO (allegato A alla deliberazione del Consiglio Direttivo n. 22 del 28 novembre 2014) A) VALORE DELLA PRODUZIONE A.1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni 118.096,96 53.631,96 53.631,96

Dettagli

LURA AMBIENTE S.P.A.

LURA AMBIENTE S.P.A. LURA AMBIENTE S.P.A. Sede in VIA LAINATE 1200-21042 CARONNO PERTUSELLA (VA) Codice Fiscale 02259590129 - Numero Rea VA 000000242557 P.I.: 02259590129 Capitale Sociale Euro 120.000 i.v. Forma giuridica:

Dettagli

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO Sede in ARIANO IRPINO Codice Fiscale 02318880644 - Numero Rea AVELLINO 150113 P.I.: 02318880644 Capitale Sociale Euro 1.067.566 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

BIBLIOTECA-MUSEO DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA (TV)

BIBLIOTECA-MUSEO DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA (TV) BIBLIOTECA-MUSEO DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA (TV) Sede in CORSO MAZZINI N. 118 MONTEBELLUNA (TV) Codice Fiscale 00471230268 - Numero Rea TV P.I.: 00471230268 Capitale Sociale Euro 0 i.v. Forma giuridica:

Dettagli

ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.R.L. Bilancio al 31/12/2014

ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.R.L. Bilancio al 31/12/2014 ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.R.L. Reg. Imp. 01765610447 Rea 171608 Sede in PIAZZA ARRINGO, 1-63100 ASCOLI PICENO (AP) Capitale sociale Euro 20.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo

Dettagli

CASINO' S.P.A. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2011

CASINO' S.P.A. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2011 CASINO' S.P.A. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2011 Sede legale: Corso degli Inglesi, 18 - Sanremo (Im) Capitale Sociale 120.000,00 i.v. Registro Imprese di Imperia 01297620088 - R.E.A. 114547 Codice fiscale 01297620088

Dettagli

AGENZIA PER LA MOBILITA TERRITORIALE S.P.A. in liquidazione. Bilancio al 31/12/2013

AGENZIA PER LA MOBILITA TERRITORIALE S.P.A. in liquidazione. Bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 00205970320 Rea 74441 AGENZIA PER LA MOBILITA TERRITORIALE S.P.A. in liquidazione Sede in VIA D'ALVIANO 15-34144 TRIESTE (TS) Capitale sociale Euro 1.000.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2013 Stato

Dettagli

Stato Patrimoniale Conto Economico Nota integrativa Al 31 dicembre 2014 33

Stato Patrimoniale Conto Economico Nota integrativa Al 31 dicembre 2014 33 Stato Patrimoniale Conto Economico Nota integrativa Al 31 dicembre 2014 33 34 COOPERLAT SOC.COOP. AGRICOLA Sede in 60035 JESI (AN) VIA PIANDELMEDICO, 74 Codice Fiscale 00807560420 - Numero Rea AN 91950

Dettagli

BIBLIOTECA DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA (TV)

BIBLIOTECA DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA (TV) BIBLIOTECA DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA (TV) Sede in CORSO MAZZINI N. 118 MONTEBELLUNA (TV) Codice Fiscale 00471230268 - Numero Rea TV P.I.: 00471230268 Capitale Sociale Euro 0 i.v. Forma giuridica: AMMINISTRAZIONI

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

CAPRIS S.R.L. Bilancio al 31/12/2012 Redatto in forma abbreviata

CAPRIS S.R.L. Bilancio al 31/12/2012 Redatto in forma abbreviata Reg. Imp. 08635330015 Rea 988433 CAPRIS S.R.L. Sede in VIA SANTA MARIA N.1-10100 TORINO (TO) Capitale sociale Euro 60.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2012 Redatto in forma abbreviata Stato patrimoniale attivo

Dettagli

BILANCIO DI ESERCIZIO AL 30/09/2013

BILANCIO DI ESERCIZIO AL 30/09/2013 FONDAZIONE CARNEVALE VIAREGGIO PIAZZA MAZZINI 22-55049 VIAREGGIO (LU) Codice fiscale 01218810461 Partita iva 01218810461 Codice CCIAA LU Numero R.E.A. 126615 Capitale Sociale 0,00 non i.v. Forma giuridica

Dettagli

Allegato A5 DGR 780 del 21/05/2013 - Bilancio economico annuale di previsione analitico e per centri di costo/responsabilità

Allegato A5 DGR 780 del 21/05/2013 - Bilancio economico annuale di previsione analitico e per centri di costo/responsabilità ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.R 06 DEL 27 FEBBRAIO 2015 Allegato A5 DGR 780 del 21/05/2013 - Bilancio economico annuale di previsione analitico A VALORE DELLA PRODUZIONE Valore della produzione attività

Dettagli

Informazioni generali sull'impresa

Informazioni generali sull'impresa Informazioni generali sull'impresa Denominazione Sede Codice fiscale Codice CCIAA Partita iva Numero REA Forma giuridica Capitale Sociale Settore attività prevalente (ATECO) Numero albo cooperative Appartenenza

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

FERROVIA ADRIATICO SANGRITANA S.P.A. Bilancio al 31/12/2014

FERROVIA ADRIATICO SANGRITANA S.P.A. Bilancio al 31/12/2014 FERROVIA ADRIATICO SANGRITANA S.P.A. Reg. Imp. 01935320695 Rea 139547 Sede in VIA DALMAZIA, N. 9-66034 LANCIANO (CH) Capitale sociale Euro 2.582.300,00 I.V. Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo

Dettagli

SERUSO S.P.A. Bilancio al 31/12/2014

SERUSO S.P.A. Bilancio al 31/12/2014 Reg. Imp. 02329240135 Rea 285893 SERUSO S.P.A. Società soggetta a direzione e coordinamento di SILEA S.P.A.. R. IMPRESE LECCO 83004000135 Sede in VIA PIAVE N. 89-23879 VERDERIO (LC) Capitale sociale Euro

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

FIDIA S.p.A. STATO PATRIMONIALE al 30 giugno 2001 (valori espressi in migliaia di Euro) A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI - - - ANCORA DOVUTI

FIDIA S.p.A. STATO PATRIMONIALE al 30 giugno 2001 (valori espressi in migliaia di Euro) A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI - - - ANCORA DOVUTI STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI - - - ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI I) Immobilizzazioni immateriali BI1) Costi d'impianto e ampliamento - - - BI2) Costi di sviluppo -

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L.

AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L. AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L. Sede in VIA ROMA 1 20056 TREZZO SULL'ADDA MI Codice Fiscale 05064840969 - Numero Rea Milano 1793521 P.I.: 05064840969 Capitale Sociale Euro 80.000

Dettagli

BILANCIO ESERCIZIO. Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: VALMONTONE. Stato patrimoniale.

BILANCIO ESERCIZIO. Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: VALMONTONE. Stato patrimoniale. Pagina 1 di 8 BILANCIO ESERCIZIO Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: VALMONTONE Sede: HOSPITAL S.P.A. PIAZZA UMBERTO PILOZZI N. 1-00038 VALMONTONE (RM) Capitale Sociale: 120.000

Dettagli

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014 FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI Sede in VIA CEFALONIA 70-25100 BRESCIA (BS) Fondo di Dotazione dell Ordine degli Ingegneri di Brescia Euro 51.661,00 I.V. Relazione sulla gestione alla relazione

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

azienda di prova srl

azienda di prova srl azienda di prova srl Sede in sede in Codice Fiscale - Numero Rea RM Capitale Sociale Euro 100.000 Società in liquidazione: no Società con socio unico: no Società sottoposta ad altrui attività di direzione

Dettagli

SALERNO MOBILITA' S.P.A. Bilancio al 31/12/2011

SALERNO MOBILITA' S.P.A. Bilancio al 31/12/2011 Reg. Imp. 03309020653 Rea 287251 SALERNO MOBILITA' S.P.A. Sede in PIAZZA PRIN. AMEDEO 6-84100 SALERNO (SA) Capitale sociale Euro 103.290,00 I.V. Bilancio al 31/12/2011 Stato patrimoniale attivo 31/12/2011

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

SI SERVIZI IN LIQUIDAZIONE SRL

SI SERVIZI IN LIQUIDAZIONE SRL SI SERVIZI IN LIQUIDAZIONE SRL Sede in VIA MAZZINI 39 CARBONIA (CA) Codice Fiscale 03167550924 - Rea - 251190 P.I.: 03167550924 Capitale Sociale Euro 10000.00 Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA'

Dettagli

ATTIVO: struttura finanziaria

ATTIVO: struttura finanziaria ATTIVO: Voci bilancio civilistico Riclassificazione SP secondo struttura finanziaria A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata - Quote non

Dettagli

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012 FIARC FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154 Bilancio al 31/12/2012 Stato patrimoniale attivo 31/12/2012 31/12/2011 A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Bilancio al 31 dicembre 2013

Bilancio al 31 dicembre 2013 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI MILANO Sede in Milano Via Pergolesi 25 Bilancio al 31 dicembre 2013 ATTIVO: B) IMMOBILIZZAZIONI I - Immateriali 2) Costi di utilizzo software: - Software 734 1.238

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio 1 Parte I La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Si proceda a collocare le voci sotto elencate riprese dal bilancio di esercizio 2009

Dettagli

VERSILIA AMBIENTE SRL

VERSILIA AMBIENTE SRL VERSILIA AMBIENTE SRL Sede in VIAREGGIO - VIETTA DEI COMPARINI, 186 Codice Fiscale 02286460460 - Numero Rea LUCCA LU-212120 P.I.: 02286460460 Capitale Sociale Euro 10.000 Forma giuridica: SRL Società in

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

BILANCIO ARCA SpA Previsionale 2015 Importi IVA Esclusa

BILANCIO ARCA SpA Previsionale 2015 Importi IVA Esclusa BILANCIO ARCA SpA Previsionale 2015 Importi IVA Esclusa NR. CONTO DESCRIZIONE CONTO Previsione 2015 2.000.000.000 VALORE DELLA PRODUZIONE 2.000.100.001 Contributi da Regione Lombardia in c/esercizio 9.350.000

Dettagli

TECHNE SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA

TECHNE SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA TECHNE SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA Sede in VIA SAVOLINI 9 CESENA FC Codice Fiscale 02604400404 - Numero Rea FC 281072 P.I.: 02604400404 Capitale Sociale Euro 120.000 i.v. Forma giuridica:

Dettagli

S.R.R. TRAPANI PROV NORD SOC. CONS. P.AZ

S.R.R. TRAPANI PROV NORD SOC. CONS. P.AZ S.R.R. TRAPANI PROV NORD SOC. CONS. P.AZ Sede in C/DA RIGALETTA MILO-VIALE CROCCI 2 ERICE (TP) Codice Fiscale 02484440819 - Numero Rea TP 174377 P.I.: 02484440819 Capitale Sociale Euro 120000.00 Settore

Dettagli

FONDAZIONE CRESCI@MO

FONDAZIONE CRESCI@MO FONDAZIONE CRESCI@MO Sede in 41123 MODENA (MO) VIA CRISTOFORO GALAVERNA 8 Codice Fiscale 03466300369 - Numero Rea MO 390164 P.I.: 03466300369 Capitale Sociale Euro 50.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

COTRAL PATRIMONIO SPA

COTRAL PATRIMONIO SPA COTRAL PATRIMONIO SPA Bilancio dell'esercizio dal 01/01/2012 al 31/12/2012 Redatto in forma estesa Sede in ROMA, VIA BERNARDINO ALIMENA 105 Capitale sociale euro 2.100.000,00 interamente versato Codice

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI NUORO BILANCIO di previsione triennale per gli anni 2014/2016

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI NUORO BILANCIO di previsione triennale per gli anni 2014/2016 Allegato 22: Bilancio di Previsione Triennale Stato patrimoniale previsionale attivo 2014 2015 2016 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 1) Costi di impianto e di ampliamento 2) Costi di ricerca, di sviluppo

Dettagli

Sito internet: Bilancio al 31/12/2010

Sito internet: Bilancio al 31/12/2010 CONSORZIO ASI LECCE Sede in: ZONA INDUSTRIALE - 73100 - LECCE (LE) Codice fiscale: 00380090753 Partita IVA: 00380090753 Capitale sociale: Euro 1.170.960,53 Capitale versato: Euro 1.170.960,53 Registro

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

La riclassificazione dei prospetti di bilancio: il caso Cinque S.p.A.

La riclassificazione dei prospetti di bilancio: il caso Cinque S.p.A. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: il caso Cinque S.p.A. Parte I La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Si proceda a collocare le voci sotto elencate riprese dal bilancio di esercizio

Dettagli

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS Sede in VIA ANTOLINA, 273 SAVIGNANO SUL RUBICONE Codice Fiscale 01465520409 - Numero Rea 197375 197375 P.I.: 01465520409 Capitale Sociale Euro 12377.12 Forma giuridica:

Dettagli

Corso on line di contabilità generale:

Corso on line di contabilità generale: ON02 Nisaba Solution Corso on line di contabilità generale: Il piano dei conti La contabilità ordinaria FEBBRAIO 2014 P a g. 1 Sommario INTRODUZIONE... 2 1. IL PIANO DEI CONTI... 3 2. CONCLUSIONI... 11

Dettagli

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit ENTI NON PROFIT Linee guida e schemi di redazione dei D I L U C A P A G L I O T T A 1. Introduzione Dopo aver esaminato in un recente intervento (vedi Notizie Sintesi n. 265 di Dicembre 2008, pag. 2) gli

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

SIBILLA SOCIETA' CONSORTILE A R. L.

SIBILLA SOCIETA' CONSORTILE A R. L. SIBILLA SOCIETA' CONSORTILE A R. L. Sede in CAMERINO LOCALITA' RIO 1 Codice Fiscale 01451540437 - Numero Rea 01451540437 153418 P.I.: 01451540437 Capitale Sociale Euro 2.860 Forma giuridica: SOCIETA' CONSORTILE

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

Bilancio economico annuale di previsione pag.:

Bilancio economico annuale di previsione pag.: RICAVI 031010 RICAVI DELLE PRESTAZIONI EROGATE 031010010 Rette Ospiti 13.418.000,00 14.118.726,63 700.726,63 031010020 Quote regionali di residenzialità 9.044.000,00 9.350.000,00 306.000,00 031010030 Rette

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ESAGRAMMA IL MULINO DELLE NOTE ONLUS

SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ESAGRAMMA IL MULINO DELLE NOTE ONLUS Reg. Imp. 12639100150 Rea 1576261 Albo Nazionale Cooperative n. A119670 SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ESAGRAMMA IL MULINO DELLE NOTE ONLUS Sede in VIA LOSANNA 1-20154 MILANO (MI) Bilancio al 31/12/2009 Stato

Dettagli

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA A.P.S.P. CASA LANER FOLGARIA BUDGET 2011 L1 L2 L3 L4 L5 L6 S o t t o c o n t o Budget 2010 Budget 2011 ECONOMICO RICAVI 2.836.142,05 2.841.600,00 3 CONTO ECONOMICO 1 VALORE DELLA PRODUZIONE 2.836.142,05

Dettagli

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis)

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis) Pag. 1 CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione 2.337.018,68 2.304.701,40 RICAVI DA VENDITE E PRESTAZIONI 2.260.952,32 2.245.293,22 RICAVI R.S.A. - CASA DI SOGGIORNO 2.090.612,80 2.096.274,38 RICAVI

Dettagli

COOPERATIVA MURATORI REGGIOLO S.c.r.l. Capogruppo. Sede Legale: Via G. di Vittorio, 2 Angolo Via Grandi, 1

COOPERATIVA MURATORI REGGIOLO S.c.r.l. Capogruppo. Sede Legale: Via G. di Vittorio, 2 Angolo Via Grandi, 1 Pagina n 1 Capogruppo COOPERATIVA MURATORI REGGIOLO S.c.r.l. Sede Legale: Via G. di Vittorio, 2 Angolo Via Grandi, 1-42046 REGGIOLO Iscritta al Registro delle Imprese di R. E. Cod. Fisc. e N. iscrizione

Dettagli

LUMI INDUSTRIES S.R.L.

LUMI INDUSTRIES S.R.L. LUMI INDUSTRIES S.R.L. Sede in RONCADE (TV) - VIA SILE 41 Codice Fiscale 04684500269 - Rea TV TV - 370113 P.I.: 04684500269 Capitale Sociale Euro 116 i.v. Forma giuridica: SRL Bilancio al 31-12-2014 Gli

Dettagli

Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona STATO PATRIMONIALE

Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona STATO PATRIMONIALE Totale 31.12.2014 A B C I II III II CREDITI V/ SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI Totale crediti verso soci per versamenti ancora dovuti IMMOBILIZZAZIONI IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 7) Altre Programmi

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5 CA.01 ATTIVO 1 CA.01.010 IMMOBILIZZAZIONI 2 CA.01.010.01 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 3 CA.01.010.01.01 Costi di impianto, di ampliamento e di sviluppo 4 CA.01.010.01.02 Diritti di brevetto e diritti di

Dettagli

CIRCOLO ANSPI GIOVANNI PAOLO MAGGINI. Sede legale: Via Roma, 23 Botticino 25080 Brescia CF: 98159690175. Bilancio d esercizio 2013

CIRCOLO ANSPI GIOVANNI PAOLO MAGGINI. Sede legale: Via Roma, 23 Botticino 25080 Brescia CF: 98159690175. Bilancio d esercizio 2013 CIRCOLO ANSPI GIOVANNI PAOLO MAGGINI Sede legale: Via Roma, 23 Botticino 25080 Brescia Bilancio d esercizio 2013 STATO PATRIMONIALE AL RENDICONTO GESTIONALE AL RENDICONTO INCASSI/PAGAMENTI AL Sede legale:

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

STATO PATRIMONIALE ATTIVO A. CREDITI VERSO I SOCI PER VERS. DOVUTI B. IMMOBILIZZAZIONI

STATO PATRIMONIALE ATTIVO A. CREDITI VERSO I SOCI PER VERS. DOVUTI B. IMMOBILIZZAZIONI LAIT Lazio Innovazione Tecnologica S.P.A. Codice fiscale 06824201005 - VIAAdelaide Bono Cairoli, n.68 Partita iva 06824201005-00145 ROMA RM Numero R.E.A. 993094 R.Imprese di n. 06824201005 Capitale sociale

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

ASSOCIAZIONE BAMBINI SENZA SBARRE ONLUS

ASSOCIAZIONE BAMBINI SENZA SBARRE ONLUS ASSOCIAZIONE BAMBINI SENZA SBARRE ONLUS Sede in Via Baldissera 1 - Milano Codice Fiscale 97317430151 - Numero Rea MILANO P.I.: 04337620969 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma giuridica: ONLUS Società in

Dettagli

Automobile Club Enna NOTA INTEGRATIVA

Automobile Club Enna NOTA INTEGRATIVA Automobile Club Enna NOTA INTEGRATIVA al bilancio d esercizio anno 2011 1 INDICE PREMESSA... 3 1. QUADRO DI SINTESI DEL BILANCIO D ESERCIZIO... 3 1.1 PRINCIPI DI REDAZIONE E CRITERI DI VALUTAZIONE... 3

Dettagli

AMREF ITALIA ONLUS. Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2010

AMREF ITALIA ONLUS. Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2010 AMREF ITALIA ONLUS Sede in ROMA, VIA BOEZIO 17 Cod.Fiscale 97056980580 Partita IVA 05471171008 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2010 AMREF ITALIA ONLUS Sede in ROMA Via Boezio 17 Cod. Fiscale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO ECONOMICO - PATRIMONIALE. Maggio 2008

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO ECONOMICO - PATRIMONIALE. Maggio 2008 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO ECONOMICO - PATRIMONIALE Maggio 2008 Premessa Tutte le Auser devono per Statuto redigere un bilancio annuale costituito da: Stato patrimoniale; Conto Economico.

Dettagli

POLO UNIVERSITARIO GROSSETANO S.

POLO UNIVERSITARIO GROSSETANO S. POLO UNIVERSITARIO GROSSETANO S. Sede in VIA GINORI N. 43-58100 GROSSETO (GR) Codice Fiscale 01177990536 - Numero Rea GR 000000000000 P.I.: 01177990536 Capitale Sociale Euro 96.492 i.v. Forma giuridica:

Dettagli

BIKI TECHNOLOGIES SRL

BIKI TECHNOLOGIES SRL BIKI TECHNOLOGIES SRL Sede in Via XX Settembre 33/10, Genova Codice Fiscale 02258470992 - Rea GE 472644 P.I.: 02258470992 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: Società a responsabilità limitata

Dettagli

ASSURANCE BROKER S.R.L.

ASSURANCE BROKER S.R.L. ASSURANCE BROKER S.R.L. Sede Legale VIA ZOE FONTANA 220 ROMA (RM) Iscritta al Registro Imprese di ROMA C.F. e n. iscrizione 09649681005 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n. 1179490 Capitale Sociale Euro 100.000,00

Dettagli

GALEN SOC. MUTUA COOP.VA / FONDO SANITARIO INTEGRATIVO - Bilancio al 31/12/2013

GALEN SOC. MUTUA COOP.VA / FONDO SANITARIO INTEGRATIVO - Bilancio al 31/12/2013 GALENO SOC. MUTUA COOP.VA/ FONDO SANITARIO INTEGRATIVO. Sede in: VIA G.BATTISTA DE ROSSI N.12-00161 - ROMA (RM) Codice fiscale: 04273791006 Partita IVA: 04273791006 Capitale sociale: Euro 272.428,00 Capitale

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE Relazione Conto economico e stato patrimoniale Maggio 2014 1 Relazione economica 2014 Il D.Leg.vo n. 77/1995 ha introdotto

Dettagli

VITA SOCIETA' EDITORIALE S.P.A.

VITA SOCIETA' EDITORIALE S.P.A. VITA SOCIETA' EDITORIALE S.P.A. Sede legale in Milano, Via Marco D'Agrate n. 43 Capitale sociale sottoscritto e versato per Euro 2.436.000,00 Iscritta nel Registro delle Imprese di Milano al n.11273390150

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda individuale

Quadro dei conti di un azienda individuale Documento Piano dei conti Biblioteca di Economia aziendale Quadro dei conti di un azienda individuale Quadro dei conti sintetico Quadro dei conti analitico per il secondo biennio Istituti Tecnici del settore

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 Nota integrativa al bilancio al 31/12/2012 Premessa Il bilancio dell'esercizio

Dettagli

Domenico Sartor Castelfranco Veneto (Tv) Via Ospedale n. 12

Domenico Sartor Castelfranco Veneto (Tv) Via Ospedale n. 12 Castelfranco Veneto (Tv) Via Ospedale n. 12 REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITÀ in esecuzione all art. 8, comma 2, Legge Regionale 23 novembre 2012, n. 43 1 Articolo 1 Principi generali TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato un Business plan completo di Bilancio previsionale, Rendiconto

Dettagli

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE I L PIANO DEI CONTI Il piano dei conti Il piano dei conti si articola in: CLASSI RAGGRUPPAMENTI CONTI DI MASTRO SOTTOCONTI 1ª posizione 2ª posizione 3ª e 4ª posizione Posizioni successive (non sviluppato)

Dettagli

MOKU S.R.L. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

MOKU S.R.L. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro MOKU S.R.L. Sede in VIA SILE 41 31056 RONCADE TV Codice Fiscale 04589330267 - Numero Rea Treviso 632195 P.I.: 04589330267 Capitale Sociale Euro 10.000 Forma giuridica: Societa' a responsabilita' limitata

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli