CAFC SpA. Bilancio di esercizio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAFC SpA. Bilancio di esercizio"

Transcript

1 CAFC SpA Bilancio di esercizio 2010

2 Bilancio di esercizio 2010

3 2. CAFC SpA BILANCIO DI ESERCIZIO 2010 Il Bilancio si riferisce all anno solare 2010 (1 gennaio - 31 dicembre). Nel periodo non sono intervenuti cambiamenti significativi, tali da rettificare le informazioni contenute nei precedenti Bilanci. Nel periodo è intervenuta la fusione per incorporazione di Consorzio Depurazione Laguna S.p.A. Il Progetto di Bilancio è stato approvato nel Consiglio di Amministrazione del 31 marzo Il Collegio Sindacale ha redatto la propria relazione in data 13 aprile La società Aurea Revisione S.r.l., incaricata del controllo contabile, ha redatto la propria relazione in data 13 aprile Il progetto di Bilancio è stato depositato nella sede legale di CAFCS.p.A. il 15 aprile 2011.

4 Bilancio di esercizio SOMMARIO L e t t e r a agli Azionisti C a r i c h e sociali R e l a z i o n e sulla gestione 1. Introduzione 2. Fusione per Incorporazione di Consorzio Depurazione Laguna S.p.A. in CAFC S.p.A. 2.1 Le motivazioni dell operazione Motivazioni strategiche ed industriali dell operazione Gli obiettivi I benefici dell integrazione di CDL S.p.A. in CAFC S.p.A Le economie discala 3. Analisi della società, dell andamento e del risultato di gestione 3.1 Scenario di mercato e posizionamento 3.2 Evoluzione normativa 3.3 Investimenti effettuati 3.4 Commento ed analisi degli indicatori di risultato Indicatori di risultato economico finanziari Stato patrimoniale e Conto economico riclassificati Analisi degli indicatori di risultato finanziari Commento ed analisi degli indicatori di risultato non finanziari Progettazione e lavori Servizio acquedotto Servizio fognatura e depurazione Produzione energia elettrica Servizio commerciale rapporti con l utenza Sistemi informativi Informazioni relative alle relazioni con l ambiente Informazioni relative alle relazioni con il personale 4. Informazioni sui principali rischi ed incertezze 4.1 Rischi finanziari 4.2 Rischi non finanziari 5. Attività di ricerca e sviluppo 6. I rapporti con le imprese partecipate, collegate e controllate 7. Numero e valore nominale delle azioni proprie e delle azioni o quote di società controllanti 8. Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio 9. Evoluzione prevedibile della gestione 10. Elenco delle sedi secondarie 11. Privacy Documento programmatico sulla sicurezza 12. Sistema di gestione della qualità 13. Proposta di destinazione del risultato di esercizio B i l a n c i o di Esercizio Situazione patrimoniale Conto Economico N o ta integrat i va Criteri di formazione Criteri di valutazione Stato patrimoniale attivo Patrimonio netto e passivo Conto Economico Altre informazioni A l l e g at i: Relazione del Collegio Sindacale Relazione della Società di Revisione

5 4. CAFC SpA

6 Bilancio di esercizio Egregi Signori Soci, La chiusura dell esercizio 2010 registra un utile di euro e rappresenta il primo bilancio postfusione di Consorzio Depurazione Laguna S.p.A. in CAFC S.p.A. e il secondo dopo il trasferimento delle competenze tecnico-amministrative all Autorità d Ambito Centrale Friuli, avvenute il 1 gennaio 2009 con la conseguente revisione tariffaria. L anno 2010 è stato un anno importantissimo per CAFC S.p.A., che ha allargato il perimetro d azione con l incorporazione di Consorzio Depurazione Laguna S.p.A. e l acquisizione della titolarità del Servizio Idrico Integrato nei Comuni di Mortegliano, Pagnacco e Tricesimo, risultando alla data del il gestore del Servizio Idrico Integrato (acquedotto, fognatura e depurazione) in 83 Comuni della provincia di Udine (su 136). I ricavi di vendite e le prestazioni, nell esercizio chiuso al 31 dicembre 2010, ammontano a M, contro i M del è stato migliorato il controllo di gestione in un ottica di crescente efficentamento della Società e di introduzione del Bilancio di regolazione come richiesto da CO.N.VI.R.I.. Nell autunno 2010 è stato compiuto il trasferimento nella nuova sede di Viale Palmanova 192 a Udine che garantisce una sistemazione logistica ideale per assicurare una maggiore efficienza nell erogazione dei servizi. Conseguentemente a questo trasloco si è provveduto ad alienare la sede di Via Duchi D Aosta conseguendo una plusvalenza di mentre nell arco del 2011 è prevista la fruizione della struttura industriale annessa alla nuova sede. Il nuovo modello di gestione del SII, con la tariffa di riferimento fissata dall ATO che copre tutti i costi operativi e remunera il capitale investito, ha iniziato a dare i propri frutti e gli investimenti di CAFC S.p.A. nell anno 2010 hanno toccato quota mila euro. È proseguita inoltre la sfida intrapresa da CAFC S.p.A. per contribuire alla realizzazione del Gestore Unico della provincia di Udine. Notevole impegno è stato profuso in tale attività e grande slancio è previsto anche per il Nell ambito della missione strategica della costituzione del Gestore Unico Provinciale, sono in avanzato stadio i contatti con AMGA Multiservizi S.p.A. e Comune di Udine per addivenire all integrazione in CAFC S.p.A. del ramo acqua Città di Udine ora in capo ad AMGA. Con quest operazione il Comune di Udine entrerà nella compagine sociale di CAFC S.p.A. In data 16 dicembre 2010 è stato inoltre firmato un accordo tra CAFC S.p.A. e AMGA S.p.A., portato all attenzione dell AATO nell assemblea del 21 dicembre Un ulteriore importante passo nel percorso delineato è stato compiuto in data 28 marzo 2011 quando le due società e il Comune di Udine hanno relazionato ad AATO dichiarando di aver trovato un accordo economico sui valori reciproci. L impegno assunto dalle due società e dal Comune di Udine è quello di concludere l operazione per poi dedicarsi alla gara a doppio binario per la scelta del partner operativo privato e trasformare CAFC S.p.A. in una società mista, secondo quanto previsto dall art. 23 bis della L. 133/2008. Tutte queste procedure dovranno tenere conto di una eventuale modifica del quadro di riferimento derivante dall esito del referendum sulle modalità di gestione del servizio idrico.

7 6. CAFC SpA Il 2010 ha registrato altresì una dinamica attività relativamente alla gestione del personale: l avvicendamento nella Direzione Generale, con il nuovo incarico conferito all ing. Massimo Battiston, l assunzione di una decina di nuove figure professionali qualificate, il coinvolgimento delle 24 risorse provenienti dalla fusione con Consorzio Depurazione Laguna S.p.A., hanno innescato processi di integrazione e di crescita aziendale che possono rappresentare l apertura di nuovi sbocchi e l opportunità di arricchimento professionale per tutta la società. Nel 2010 si è altresì potenziata la collaborazione scientifica tra la nostra Società e le Università degli Studi di Udine e Trieste, costituendo di fatto una sorta di ufficio ricerca e sviluppo permanente proiettato verso l aggiornamento e la formazione del personale di CAFC S.p.A.. Guardando al futuro, CAFC S.p.A. intende rafforzare in particolare il rapporto con i Comuni soci per rispondere in termini adeguati e coordinati alle richieste di miglioramento del servizio e nel contempo affiancare le municipalità nello svolgimento del ruolo istituzionale di informazione e formazione nelle scuole e nelle comunità di appartenenza per sottolineare l importanza che la corretta gestione del bene acqua rappresenta per l ambiente e la Società. Desidero rivolgere un sentito ringraziamento a tutti i collaboratori interni ed esterni all azienda, ai Sindaci e agli Enti di riferimento per quanto sin qui fatto e per quanto andranno a fare nel perseguimento dell obiettivo comune della costituzione di un Gestore del Servizio Idrico Integrato ancora più efficiente e preparato ad affrontare i significativi appuntamenti dei prossimi mesi. il Presidente (Eddi Gomboso)

8 Bilancio di esercizio

9 8. CAFC SpA

10 Bilancio di esercizio Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale e Società di Revisione CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Consiglieri Eddi Gomboso Alessandro Colautti Giovanni Luigi Cumin Renato Modolo Cesare Strisino COLLEGIO SINDACALE Presidente Sindaci Effettivi Sindaci Supplenti Giovanni Dal Mas Giovanna Ferrara Patrizio Zanelli Giuliano Castenetto Antonio Gonano SOCIETA DI REVISIONE Aurea Revisione S.r.l. Via San Vito al Tagliamento Udine

11 10. CAFC SpA CAFC SpA Capitale sociale ,35 Euro Registro imprese di Udine n. UD

12 Bilancio di esercizio RELAZIONE SULLA GESTIONE al Bilancio chiuso al I n t r o d u z i o n e Signori Soci, Come previsto dall art del codice civile, il Bilancio di Esercizio deve essere corredato da una relazione contenente un analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della società, del risultato e dell andamento della gestione durante l anno considerato. Il Bilancio relativo all esercizio chiuso al che sottoponiamo alla Vostra approvazione, presenta un utile di Euro A tale esito si è pervenuti sottraendo al risultato prima delle imposte, pari a Euro , l ammontare di imposte, pari a Euro Il risultato ante imposte, a sua volta, è stato determinato allocando accantonamenti per Euro ai fondi di ammortamento e svalutazioni ed Euro a fondo rischi. L anno 2010 è stato un anno particolarmente dinamico per CAFC S.p.A. I principali fatti salienti sono stati: _ 03 febbraio 2010 selezione per l assunzione di 8 nuove figure professionali qualificate per far fronte ai maggiori carichi di lavoro conseguenti all entrata a regime della gestione del S.I.I. ed alle uscite di personale per raggiunti limiti di età; _ 06 aprile 2010 vendita partecipazione CID S.r.l. in quanto non ritenuta strategica; _ 18 maggio 2010 avvicendamento nella Direzione Generale tra l ing. Angelo Lodolo e l ing. Massimo Battiston; _ 29 giugno 2010 vendita sede di Via Duchi d Aosta, 2 in Udine; _ 04 ottobre 2010 trasloco presso la nuova sede legale e operativa di Viale Palmanova, 192 in Udine; _ 01 dicembre 2010 operatività della fusione per incorporazione di Consorzio Depurazione Laguna S.p.A. con aumento del numero di soci (+ 7), del personale (+ 24) e del perimetro delle attività prestate nei 3 segmenti del S.I.I. (acquedotto, fognatura e depurazione) con 80 Comuni serviti per il segmento di fognatura e depurazione ed 83 Comuni nel segmento acquedotto; _ 16 dicembre 2010 firma del protocollo d intesa tra CAFC S.p.A., AMGA S.p.A. e Comune di Udine per l integrazione del ramo acqua città di Udine in CAFC S.p.A., da effettuarsi entro il 30 settembre 2011, previa fissazione dei valori in gioco entro il 31 marzo 2011 e redazione di un contratto vincolante entro il 30 aprile 2011; _ 28 dicembre convenzione tra ATO Centrale Friuli, CAFC S.p.A., CID S.r.l. e Comuni di Mortegliano, Pagnacco e Tricesimo per il subentro di CAFC S.p.A. nella titolarità della gestione dei segmenti fognatura e depurazione nei 3 Comuni gestiti in Project Financing da CID S.r.l., con questa operazione CAFC S.p.A. al 1 gennaio 2011 risulta essere titolare della gestione del S.I.I. per 83 Comuni dell ATO Centrale Friuli (su 136 totali); _ dicembre 2010 deliberazioni delle Amministrazioni Comunali di Treppo Grande (22 dicembre 2010)

13 12. CAFC SpA e Cassacco (29 dicembre 2010) di approvazione di Protocollo d Intesa per addivenire all ingresso in Società dei predetti Comuni già costituenti il Consorzio Acquedotto Cornappo. Per effetto delle modificazioni intervenute nella compagine sociale di CAFC S.p.A. e grazie all intervento dell Autorità d Ambito Centrale Friuli, si è ottenuta una semplificazione drastica dello scenario dei gestori salvaguardati nell ATO Centrale Friuli che nell anno 2010 sono passati da 6 a 4 (CAFC S.p.A., AMGA S.p.A., Carniacque S.p.A., Acquedotto Poiana S.p.A.). Tale risultato si è ottenuto per effetto della fusione in CAFC S.p.A. di Consorzio Depurazione Laguna S.p.A. e del subentro a CID S.r.l. nella titolarità del servizio fognatura e depurazione nei Comuni di Mortegliano, Pagnacco e Tricesimo. Per quanto riguarda il problema del recesso del socio Comune di Fagagna, in data 14 maggio 2010 il Tribunale Civile di Udine ha sospeso il processo fino alla definitiva decisione delle pendenze avanti al Consiglio di Stato. L AATO Centrale Friuli si è espressa con delibera assembleare 41/10 del 21/12/2010 ribadendo l obbligo del Comune di Fagagna a rientrare nella compagine sociale di CAFC S.p.A. Durante il 2010 si è sviluppata l analisi economico-finanziaria e giuridica propedeutica all integrazione in CAFC S.p.A. del ramo acqua Città di Udine in capo ad AMGA S.p.A. 2. F u s i o n e p e r I n c o r p o r a z i o n e d i C o n s o r z i o D e p u r a z i o n e L a g u n a S. p. A. i n C A F C S. p. A. In data 23 novembre 2010, a seguito rogito del notaio avv. Bruno Panella (rep del 23 novembre 2010) è avvenuta la fusione per incorporazione, ai sensi degli articoli 2501 e seguenti del codice civile, di Consorzio Depurazione Laguna S.p.A. in CAFC S.p.A.. L operazione è avvenuta mediante un aumento del capitale sociale di CAFC con emissione di nuove azioni ordinarie, assegnate agli azionisti di CDL sulla base del rapporto di cambio definito nel progetto di fusione. Gli effetti della Fusione di CDL S.p.A. in CAFC S.p.A. nei confronti dei terzi, ai sensi dell art bis, comma 2, del Codice Civile, sono decorsi dall iscrizione dell ultimo atto di fusione nel Registro Imprese. Con riferimento a quanto previsto dall art ter, comma 1, n. 6, del Codice Civile, le operazioni effettuate dalla Società Incorporata sono state imputate al bilancio della Società Incorporante a decorrere dal 1 gennaio 2010; ai sensi dell art. 172 comma 9 del TUIR dalla stessa data del 1 gennaio 2010 sono decorsi gli effetti fiscali. Informazioni sulla Società incorporata CONSORZIO DEPURAZIONE LAGUNA S.p.A. Sede legale in San Giorgio di Nogaro (UD), Via Enrico Fermi n. 1; Capitale sociale interamente versato Euro ,00, diviso in n azioni del valore nominale di Euro 10,00 ciascuna; Codice Fiscale, Partita IVA e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di Udine: La Società risultante dalla fusione ha mantenuto lo Statuto di CAFC S.p.A., in relazione al quale sono state apportate modifiche per il solo articolo 5, quest ultimo relativo al capitale sociale, che è variato per effetto dell applicazione del rapporto di cambio della fusione.

14 Bilancio di esercizio La fusione effettuata risulta essere un operazione strategica per le due società dal punto di vista gestionale ed industriale, per i Comuni soci e per l AATO dal punto di vista strategico-istituzionale. L unificazione delle due società punta infatti al raggiungimento di maggiore efficienza (risparmi di costi) ed efficacia (qualità delle prestazioni agli utenti). 2.1 Le motivazioni dell operazione Motivazioni strategiche ed industriali dell operazione La liberalizzazione della vendita di gas ed energia elettrica con i decreti Letta e Bersani e l assegnazione, tramite gara, delle concessioni relative al ciclo idrico e ai servizi ambientali hanno progressivamente aperto alla concorrenza il settore delle utilities ponendo i tradizionali operatori di fronte a un forte incremento della pressione competitiva, che in taluni casi ha visto l ingresso di operatori esteri. La conseguente esigenza di una evoluzione complessiva del settore ha già spinto numerose local utilities italiane a realizzare processi di consolidamento che hanno portato alla riduzione del numero di competitors e alla creazione di alcuni poli su base regionale e interregionale. Al fine di fronteggiare e al contempo cogliere tutte le opportunità derivanti dal processo di liberalizzazione, risulta quindi prioritario: _ ricercare un consolidamento industriale e finanziario che contribuisca a conseguire dimensioni e competenze adeguate per affrontare i competitors operanti nel contesto territoriale e nazionale; _ accrescere il potere negoziale nel mercato di riferimento; _ perseguire ulteriori efficienza ed efficacia, cogliendo le opportunità derivanti da economie di scala e sinergie e dall accresciuta possibilità di implementare un piano di qualificazione ed adeguamento dell impiantistica; _ rafforzare il proprio ruolo nel territorio di riferimento per assicurare puntuali risposte ai bisogni dei propri referenti Gli obiettivi Le dimensioni economiche derivanti dall aggregazione permetteranno di conseguire un consolidamento industriale e finanziario che consentirà di far fronte più adeguatamente alla crescente pressione competitiva, anche intensificando partnership con altri operatori locali per giungere alla creazione del Gestore Unico provinciale del ciclo idrico integrato. A seguito della fusione le complementarietà industriali e organizzative delle due società permetteranno: _ l accentramento della gestione delle attività strategiche comuni alle due società (il nuovo soggetto economico è la maggiore impresa del settore nel panorama provinciale); _ una gestione del Servizio Idrico Integrato che, grazie all accresciuto potere negoziale nei segmenti di mercato oggetto di liberalizzazione e ai benefici derivanti da economie di scala e sinergie in termini di costi e investimenti, potrà risultare maggiormente efficace, economica ed efficiente; _ lo sviluppo di un piano di realizzazione di nuovi investimenti (Piano Stralcio e futuro Piano d Ambito), di qualificazione e adeguamento dell impiantistica, per assicurare adeguata competitività all offerta di servizi; _ il radicamento sul territorio di riferimento e l acquisizione del ruolo di strumento per lo sviluppo sostenibile nel territorio, operato con la massima cura e rispet to dell ambiente e delle sue risorse, promuovendo al contempo un uso consapevole delle risorse idriche.

15 14. CAFC SpA I benefici dell integrazione di CDL S.p.A. in CAFC S.p.A. I benefici di natura organizzativa ed economico-finanziaria derivanti dall aggregazione di CDL in CAFC possono essere così individuati: _ contenimento dei costi, sia fissi che variabili, derivanti dalla gestione unitaria di attività di carattere comune e dalla maggiore capacità contrattuale in fase di approvvigionamento; _ miglioramento della gestione delle risorse finanziarie e ottimizzazione della gestione delle risorse umane e strumentali; _ integrazione delle realtà impiantistiche nel Sistema Idrico Integrato e dimensionamento adeguato alla realizzazione degli investimenti strutturali previsti dal Piano Stralcio e dal Piano d Ambito; _ gestione unitaria e integrata delle attività su un bacino di utenza più ampio e razionale Le economie di scala Il soggetto economico risultante dall aggregazione tra CAFC e CDL rappresenta in ambito provinciale la maggiore impresa operante nel settore. Le sinergie di costo derivano dalla nascita di un unico rilevante committente di lavori e acquirente di forniture e servizi che, per effetto della accresciuta forza contrattuale, sarà in grado di ottimizzare gli acquisti, rinegoziare i contratti esterni, razionalizzare le spese amministrative e di gestione. Le sinergie di costo rappresentano un aspetto fondamentale anche al fine di creare le risorse necessarie al completamento e sviluppo di impianti e infrastrutture necessari per completare la gamma dei servizi forniti e dare copertura integrale al territorio. 3. A n a l i s i d e l l a s i t u a z i o n e d e l l a S o c i e t à, d e l l a n d a m e n t o e d e l r i s u ltat o d i g e s t i o n e L analisi della situazione della società, del suo andamento e del suo risultato di gestione è riportata nei capitoli che seguono, dedicati allo scenario di mercato e ai prodotti e servizi offerti, agli investimenti e ai principali indicatori dell andamento economico e dell evoluzione della situazione patrimoniale e finanziaria. L analisi tiene conto del fatto che nel 2010 la società non aveva partecipazioni in società controllate. 3.1 Scenario di mercato e posizionamento La società CAFC S.p.A. si colloca nell ambito di un mercato regolamentato identificato come Ambito Territoriale Ottimale Centrale Friuli. Nell ATO Centrale Friuli, alla data del 31 dicembre 2010, sussistono 4 Gestori salvaguardati : CAFC S.p.A., AMGA S.p.A., Acquedotto Poiana S.p.A., Carniacque S.p.A.. L autorità di regolazione, denominata Autorità d Ambito ha il compito di identificare i livelli minimi di servizio, di fissare le tariffe, di identificare il modello di gestione. L Autorità d Ambito Centrale Friuli è un consorzio di funzioni tra tutti i Comuni della Provincia di Udine e la Provincia stessa. Dal 1 gennaio 2009 è operativo il definitivo passaggio delle funzioni tecnico-amministrative nell ambito del Servizio Idrico Integrato, dagli enti locali all Autorità d Ambito. L ATO Centrale Friuli, con delibera assembleare n. 22 del 29 settembre 2010, ha fornito l indirizzo

16 Bilancio di esercizio strategico della costituzione del Gestore Unico provinciale. Il modello societario prescelto è quello della società mista pubblico privata, ove il socio operatore sarà scelto con gara ad evidenza pubblica. Nel percorso per la costituzione del Gestore Unico provinciale non è previsto nell immediato, l ingresso del gestore Carniacque S.p.A., essendo tale società già conforme alle direttive dell art. 23 bis della L. 133/2008. La gestione di Carniacque S.p.a. è salvaguardata sino al Per il resto del territorio è prevista l integrazione della gestione in un unico soggetto. Lo scenario evolutivo del mercato dei SS.PP.LL. e segnatamente del Servizio Idrico Integrato, è condizionato dalle direttive imposte dall art. 23 bis della L. 133/2008. Nell arco del 2010, con il D.P.R. 168/2010 si è finalmente data attuazione all articolo 23bis della legge 133/2008, fornendo il previsto Regolamento di attuazione. Come noto l art. 23 bis della L. 133/2008 ha completamente ridisegnato l affidamento dei servizi pubblici locali. Con il citato regolamento viene ribadito il principio della piena ed esclusiva proprietà pubblica delle risorse idriche, nonché il governo pubblico delle stesse; gli enti locali sono tenuti ad operare, in vista degli affidamenti dei servizi di rilevanza economica (e quello idrico integrato è uno di questi, come anche rammentato dalla Corte Costituzionale in una sua pronuncia), delle precise valutazioni in ordine ai modelli loro consentiti: la gestione concorrenziale o quella in esclusiva affidata senza gara. L Autorità d Ambito Centrale Friuli, con una sua decisione assembleare di rilevante importanza (29 settembre 2010) ha prefissato il modello operativo, ovvero l affidamento a società a partecipazione mista pubblico privata, nell ambito della quale il socio privato venga selezionato mediante procedura competitiva ad evidenza pubblica. Il D.P.R. 168/2010 fissa i parametri per la scelta di tale partner (del quale peraltro il legislatore non ha dato alcuna definizione legale esatta), precisando che gli specifici compiti operativi che verranno ad esso assegnati dovranno essere in ogni caso connessi alla gestione del servizio. 3.2 Evoluzione normativa Anche il 2010 ha conosciuto, coerentemente alle tendenze operative del legislatore palesate negli ultimi anni, un susseguirsi di norme che interessano da vicino CAFC S.p.A.. Seppur ispirate dall esigenza di tutela di valori e beni fondamentali quali ad esempio l ambiente e l ordine pubblico alcune delle nuove fonti hanno indirettamente rappresentato degli appesantimenti operativoprocedurali non indifferenti. Ci si riferisce, ad esempio, all introduzione (già nel gennaio) del sistema di tracciabilità dei rifiuti, con Decreto del Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio del ; il nuovo istituto è stato, nel corso dell anno, oggetto di numerosi interventi modificativi ed attende evidentemente un assetto definitivo. Il medesimo dicastero è poi intervenuto sull articolata tematica createsi a seguito dell ormai famosa sentenza della Corte Costituzionale n. 335/2008. Nel febbraio 2010 il Ministero ha infatti individuato i criteri e parametri per la restituzione agli utenti della quota di tariffa di fognatura e depurazione non dovuta; ne è seguita anche un attività di indirizzo operativo a cura dell ATO Centrale Friuli. La L. 136/2010, contenente disposizioni antimafia, ha introdotto quella che viene definita tracciabilità dei flussi finanziari; anch essa invero costituisce un elemento che certamente non contribuisce allo snellimento delle procedure di acquisto, stante la necessità (tra le altre) di attribuzione di codici identificativi presso l Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, organismo che a fine anno ha illustrato compiutamente la materia in una sua determinazione collegiale. Per gli aspetti riguardanti la contrattualistica e le procedure amministrative volte all individuazione dei contraenti, sono intervenute ulteriori novelle concernenti il D.Lgs. 163/2006 con cui è stato adottato il codice

17 16. CAFC SpA dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture: il D.Lgs. 53/2010 ha rafforzato le misure a tutela dei concorrenti nell ambito delle gare, assicurando trasparenza nell operatività delle stazioni appaltanti e maggiore speditezza nella risoluzione delle controversie innanzi al giudice amministrativo. Il D.P.R. 207/2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale nel dicembre, contiene poi il regolamento attuativo del D.Lgs 163/2006, un corpus di oltre 300 articoli atteso da svariati anni che va ad arricchire ulteriormente la già complessa disciplina degli appalti; la sua entrata in vigore è prevista per il giugno Di rilievo la norma di cui all articolo 1bis della legge regionale 1/2009 conlaquale seppur a carattere eccezionale (sarà efficace infatti sino al ) nell ambito del territorio del Friuli Venezia Giulia, sono state estese notevolmente le possibilità di adozione di procedure negoziate nel settore delle opere pubbliche, quale alternativa alle procedure aperte, con nuova definizione delle soglie di valore degli appalti che non assumono rilevanza transfrontaliera. Non conosce stabilità neanche il settore ambientale: il D. Lgs 152/2006 testo unico in materia ambientale è stato prima riscritto nelle parti I^ e II^ (ad opera del D.Lgs 128/2010), poi è stato oggetto di radicale opera novellatrice nella sezione dedicata ai rifiuti con il decreto legislativo 205/2010. Il legislatore si è occupato, tra l altro, dei rifiuti derivanti da attività di scavo, demolizione, costruzione, del concetto di sottoprodotto, dell importante momento successivamente al quale un prodotto perde la qualità di rifiuto, dei rifiuti provenienti dall attività di pulizia delle reti fognarie, elementi tutti che interessano da vicino l attività aziendale, a maggior ragione in conseguenza delle ulteriori incombenze operative acquisite a seguito dell incorporazione del Consorzio Depurazione Laguna S.p.A Investimenti effettuati Gli investimenti significativi effettuati dalla società riguardano principalmente la quota parte di investimenti inclusi nel Piano Stralcio approvato dall AATO. Il Piano Stralcio prevede per singolo Comune o per opere di interesse di più Comuni, un elenco degli investimenti in immobilizzazioni tecniche con indicazione del segmento del ciclo idrico interessato, i tempi di realizzazione, l oggetto dell intervento ed i relativi mezzi di finanziamento. Gli investimenti relativi al piano stralcio riguardano sia gli investimenti effettuati da CAFC S.p.A. ante fusione, che da Consorzio Depurazione Laguna S.p.A.. Tra i maggiori investimenti realizzati nel 2010 si segnala: la prosecuzione della costruzione dell addutrice Coja-Buia, la prosecuzione della ristrutturazione del depuratore di Aiello del Friuli, la prosecuzione della costruzione della rete acquedotto di Campoformido. Consorzio Depurazione Laguna S.p.A. ha quasi ultimato i lavori relativi all adeguamento dell impianto di depurazione di San Giorgio di Nogaro. 3.4 Commento e analisi degli indicatori di risultato Nei capitoli che seguono vengono separatamente analizzati l andamento economico, patrimoniale e finanziario con l utilizzo di specifici indicatori di risultato, prima finanziari e poi non finanziari Indicatori di risultato economico finanziari Gli indicatori di risultato finanziari sono ricavati direttamente dai dati di Bilancio, previa sua riclassificazione, di seguito riportata.

18 Bilancio di esercizio Stato patrimoniale e Conto economico riclassificati STATO PATRIMONIALE RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA ) Attivo circolante ) Liquidità immediate ) Liquidità differite ) Rimanenze ) Attivo immobilizzato ) Immobilizzazioni immateriali ) Immobilizzazioni materiali ) Immobilizzazioni finanziarie ATTIVO ) Passività correnti ) Passività consolidate ) Patrimonio netto PASSIVO CONTO ECONOMICO RICLASSIFICAZIONE A VALORE AGGIUNTO Ricavi delle vendite e delle prestazioni Var. rimanenze prod. in lavorazione, semil. e finiti Variazione lavori in corso su ordinazione Incrementi immobilizzazioni per lavori interni VALORE DELLA PRODUZIONE Acquisti materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci Variazione rimanenze materie prime, sussidiarie, di consumo e merci Costi per servizi e per godimento beni di terzi Accollo rate mutui comuni Spese ATO COSTO DELLA PRODUZIONE Costo per il personale MARGINE OPERATIVO LORDO Ammortamenti e svalutazioni Accantonamenti per rischi e altri accantonamenti Altri ricavi e proventi Oneri diversi di gestione RISULTATO OPERATIVO Proventi finanziari Saldo tra oneri finanziari e utile/perdita su cambi RISULTATO CORRENTE Proventi straordinari Oneri straordinari REDDITO ANTE IMPOSTE Imposte sul reddito RISULTATO NETTO

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

Assemblea degli Azionisti. Genova, 24 Aprile 2007

Assemblea degli Azionisti. Genova, 24 Aprile 2007 Assemblea degli Azionisti Genova, 24 Aprile 2007 2 INDICE MEDITERRANEA IN BREVE Struttura societaria e Azionisti Evoluzione EBITDA e Fatturato per Attività Risultati 2006 Consolidati Capitale Investito

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADEGUAMENTO AI PRINCIPI GENERALI DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLA SPESA DELL AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO

REGOLAMENTO PER L ADEGUAMENTO AI PRINCIPI GENERALI DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLA SPESA DELL AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO REGOLAMENTO PER L ADEGUAMENTO AI PRINCIPI GENERALI DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLA SPESA DELL AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO Adottato con Delibera del Consiglio Direttivo del 18/12/2013

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014 BULICATA S.r.l. Sede Via Garigliano, n. 1 50053 EMPOLI Capitale sociale Euro 40.000,00 interamente versato Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Firenze 06290810487 Iscritta

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 ESATTO S.P.A. Sede legale in Piazza unità d'italia 4, cap 34121 Trieste Capitale Sociale euro 1.800.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Trieste 01051150322 Codice Fiscale 01051150322 Relazione

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

PIANO DI BUSINESS (ESTRATTO)

PIANO DI BUSINESS (ESTRATTO) PIANO DI BUSINESS (ESTRATTO) 1 Sommario CHI E UNIACQUE... 3 IL TERRITORIO... 4 IL SERVIZIO... 5 PREVISIONE 2011-2013... 10 ACQUISIZIONI E INVESTIMENTI 2011-2013... 11 SITUAZIONE EC/FIN: NOTE METODOLOGICHE...

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

incontri con i cittadini per discutere insieme ed esprimere la propria opinione sulla gestione servizio idrico integrato

incontri con i cittadini per discutere insieme ed esprimere la propria opinione sulla gestione servizio idrico integrato incontri con i cittadini per discutere insieme ed esprimere la propria opinione sulla gestione servizio idrico integrato IL PERCORSO PARTECIPATO Da maggio ad ottobre si è svolto un percorso partecipato/istituzionale

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art.

RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art. RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art. 1, comma 612 della Legge 190/2014) 31 marzo 2016 PREMESSA

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione PIANORO CENTRO SPA SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA Sede legale: PIAZZA DEI MARTIRI 1 PIANORO (BO) Iscritta al Registro Imprese di BOLOGNA C.F. e numero iscrizione: 02459911208 Iscritta al R.E.A. di BOLOGNA

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI rev. 01 - gen. 2006 1 1 INQUADRAMENTO INQUADRAMENTO GENERALE GENERALE 22 OBIETTIVI

Dettagli

SERVIZI CITTA S.P.A. Sede in Rimini Via Chiabrera n. 34/B. Capitale Sociale: 5.461.040= I.V. C.F. e P.I. 02683380402 * * * * *

SERVIZI CITTA S.P.A. Sede in Rimini Via Chiabrera n. 34/B. Capitale Sociale: 5.461.040= I.V. C.F. e P.I. 02683380402 * * * * * SERVIZI CITTA S.P.A. Sede in Rimini Via Chiabrera n. 34/B Capitale Sociale: 5.461.040= I.V. Iscritta al Registro Imprese al N.02683380402 C.F. e P.I. 02683380402 * * * * * RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE

Dettagli

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI COMUNALI E STRUMENTALI, DELLE SOCIETA PARTECIPATE E PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

Deliberazione n. 28 /III C./2008

Deliberazione n. 28 /III C./2008 Deliberazione n. 28 /III C./2008 REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI Sezione di controllo della regione Friuli Venezia Giulia III Collegio composto dai seguenti magistrati: PRESIDENTE: CONSIGLIERE:

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE VIALE VIRGILIO 31-74121 - TARANTO (TA) Codice fiscale: 02775310739 Capitale sociale sottoscritto Euro 100.000 parte versata Euro 100.000 Registro Imprese n 02775310739

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 1.5 Infrastrutture per il trasferimento tecnologico

REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 1.5 Infrastrutture per il trasferimento tecnologico REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 1.5 Infrastrutture per il trasferimento tecnologico PAR FAS 2007 2013 P.I.R. 1.3 - Linea di azione 1 infrastrutture per i settori produttivi Fondo per

Dettagli

COMPARAZIONE ARTICOLI (CDL)

COMPARAZIONE ARTICOLI (CDL) COMPARAZIONE ARTICOLI (CDL) VERSIONE ORIGINALE ART. 3 DECORRENZA E DURATA DELLA CONVENZIONE 2. Al termine di cui al precedente c.1, la presente Convenzione si intende risolta a tutti gli effetti, senza

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

bilancio di previsione 2015

bilancio di previsione 2015 bilancio di previsione 2015 consulenti del lavoro ente nazionale previdenza assistenza bilancio di previsione 2015 3 Componenti Organi Ente consulenti del lavoro ente nazionale previdenza assistenza

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO N. Proposta 1399 del 25/09/2015 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE E AFFIDAMENTO ATTIVITA FINALIZZATE AL SUPPORTO ALLA STAZIONE

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 Milano, 6 agosto 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

Linee guida per la restituzione agli utenti della quota di tariffa non dovuta riferita al servizio di depurazione.

Linee guida per la restituzione agli utenti della quota di tariffa non dovuta riferita al servizio di depurazione. Linee guida per la restituzione agli utenti della quota di tariffa non dovuta riferita al servizio di depurazione. La restituzione della quota di tariffa non dovuta, riferita al servizio di depurazione,

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO LA NOTA INTEGRATIVA E GLI ALLEGATI AL BILANCIO NOTA INTEGRATIVA ART. 2423 comma 1 del Codice Civile: GLI AMMINISTRATORI DEVONO REDIGERE IL BILANCIO DI ESERCIZIO, COSTITUITO DALLO STATO PATRIMONIALE, DAL

Dettagli

IMPIANTO DI PIEVE TORINA

IMPIANTO DI PIEVE TORINA IMPIANTI IDROELETTRICI SUL CORSO DEL FIUME CHIENTI DI PIEVE TORINA IMPIANTO DI PIEVE TORINA PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 1 1. PREMESSA Per la migliore valutazione della proposta

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015

Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015 Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015 Data/Ora Ricezione 15 Maggio 2015 14:27:30 MTA Societa' : MONRIF Identificativo Informazione Regolamentata : 58492 Nome utilizzatore : MONRIFN01 - NATALI Tipologia

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

PROCEDURA --------------------------------------

PROCEDURA -------------------------------------- PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DI BENI IMMOBILI (AREE O FABBRICATI) FUNZIONALI ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -------------------------------------- La PROVINCIA DI GENOVA, nella sua qualità

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 22 MAGGIO 2014 233/2014/R/EEL APPROVAZIONE DEL CONSUNTIVO DEI COSTI 2013 PER LO SVOLGIMENTO, DA PARTE DELLA SOCIETÀ GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.P.A., DELLE ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO DEL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 60,5 milioni (69,3 milioni nel 2014) EBITDA 1 a 2,9 milioni (0,4 milioni nel 2014) EBIT 2

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v.

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001 Soggetta

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Assemblea Ordinaria del 26 27 Aprile 2010. Relazione illustrativa degli Amministratori sul punto 1 dell ordine del giorno:

Assemblea Ordinaria del 26 27 Aprile 2010. Relazione illustrativa degli Amministratori sul punto 1 dell ordine del giorno: PIERREL S.p.A. Sede legale in Milano, Via Giovanni Lanza 3 - Capitale sociale Euro 14.420.000,00 i.v. - Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 04920860964 Relazione

Dettagli

DI COLLAZZONE. Provincia di Perugia. Piazza Jacopone, 6 RELAZIONE PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE

DI COLLAZZONE. Provincia di Perugia. Piazza Jacopone, 6 RELAZIONE PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia Piazza Jacopone, 6 RELAZIONE PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il comma 611

Dettagli

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per l esercizio del controllo analogo sulle società in house approvato con delibera

Dettagli

GenSanDir. Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste www.gensandir.it RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

GenSanDir. Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste www.gensandir.it RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 GenSanDir Fondo Sanitario dei Dirigenti delle società del Gruppo Generali CF 90069610328, Iscritto all Anagrafe dei Fondi Sanitari presso il Ministero della Salute Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste

Dettagli

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate *** COMUNE DI QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L approvazione della

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

ASSEMBLEA D AMBITO DEL 19.12.2012 DELIBERAZIONE N. /12

ASSEMBLEA D AMBITO DEL 19.12.2012 DELIBERAZIONE N. /12 AUTORITA D AMBITO ATO CENTRALE FRIULI ASSEMBLEA D AMBITO DEL 19.12.2012 DELIBERAZIONE N. /12 Oggetto: Convenzioni tra AATO Centrale Friuli e Enti gestori salvaguardati:modifiche ed integrazioni - B) CAFC

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Rendiconto Gestionale

Rendiconto Gestionale RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 CITTADINANZATTIVA ONLUS Signori Associati, il Rendiconto gestionale relativo all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 è stato redatto

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010 CASSA DI ASSISTENZA DEI DIRIGENTI DELLE SOCIETA DEL GRUPPO GENERALI RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010 (Assemblea dei Soci del 27 aprile 2011) Piazza Duca degli Abruzzi, 2 Trieste CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO Piano Economico Finanziario Novembre 2010 1. IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO 1.1 INTRODUZIONE Il presente piano presenta il dettaglio della programmazione del

Dettagli

L avvio di un attività

L avvio di un attività Le forme societarie e le Condizioni di Equilibrio Economico/Finanziario Le Forme Societarie L avvio di un attività Avviare un attività d impresa è un sogno di tante persone che, per proprie attitudini,

Dettagli

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u.

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Aosta 30/03/2015 Aosta, 1 1 Il Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Le attività

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009 Valore della produzione pari a Euro 1.318 migliaia (Euro 612 migliaia nel 2008) Risultato Operativo Netto negativo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli